FAQ RELATIVE ALL'AZIONE 2 - AIUTI ALLA CREAZIONE D'IMPRESA E ALL'AUTO-IMPIEGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FAQ RELATIVE ALL'AZIONE 2 - AIUTI ALLA CREAZIONE D'IMPRESA E ALL'AUTO-IMPIEGO"

Transcript

1 FAQ RELATIVE ALL'AZIONE 2 - AIUTI ALLA CREAZIONE D'IMPRESA E ALL'AUTO-IMPIEGO 1. I requisiti relativi alle maggiorazioni per l'assegnazione del punteggio devono sussistere alla data di uscita del bando (28/06/04), alla data di presentazione della domanda (entro il 30/09/2004), o eventualmente alla data di entrata a regime? Tutti i criteri di valutazione e la maggiorazione "Iniziative di recupero/valorizzazione urbanistica e/o ambientale" legati ai singoli progetti verranno valutati facendo riferimento alla data di presentazione della domanda; le altre due maggiorazioni "Prevalente partecipazione di soggetti appartenenti alle fasce deboli" e "Prevalente partecipazione femminile" verranno valutate facendo riferimento alla data di pubblicazione del bando sul BURL (28/06/2004). 2. Cosa si intende per "fatturato annuo a regime"? Il fatturato annuo a regime dipende da quando si inizia e quando si conclude il programma degli investimenti. Poiché questi sono ammessi dal 1 Gennaio 2004 e devono concludersi entro il 15 Giugno 2005, il fatturato annuo a regime potrà essere quello relativo al 2004, se il programma degli investimenti si conclude nel 2004, oppure quello del 2005 se gli investimenti vengono completati nel Per maggiori dettagli si veda pagina 10 del Bando, punto Cosa si intende per "occupati dal programma"? Con questa definizione si indica il numero di occupati che il programma di investimento presentato prevede di realizzare. 4. Se un'azienda si costituisce nel 2003 e le relative spese notarili sono pagate nel 2004, tali spese sono ammissibili? Si, sono ammissibili. 5. Nel caso un'azienda possegga più di un'unità locale, può presentare domanda di finanziamento per più di un'unità? No, se un'azienda possiede più di un'unità locale potrà presentare domanda di finanziamento per UNA SOLA di queste. 6. Sono ammissibili i pagamenti effettuati con assegni circolari non trasferibili? Il progetto esplicitamente esclude che i pagamenti possano avvenire tramite assegni circolari. Di conseguenza anche l'utilizzo di assegni circolari non trasferibili non può essere accettato. 7. Nel caso di un'attività di ristorazione/bar occorre compilare la parte della modulistica relativa alle fasi del "processo di produzione/erogazione"? Si, tale parte va comunque sempre compilata; in questo caso specifico è necessario elencare i beni strumentali che si intende acquistare e la loro destinazione d'uso. 8. In caso di acquisto di attività preesistente, sono ammissibili oltre ai beni acquistati con la cessione anche altri acquisti di beni nuovi? Si, è ammissibile anche l'acquisto di altri beni purché nuovi. 9. In quali casi è ammissibile l'acquisto di un'autovettura? L'acquisto di un'autovettura è previsto solo per attività quali taxi e autonoleggio. Per le altre attività potrebbe essere ammissibile solo il furgonato se strettamente collegato all'attività svolta e coerente col piano degli investimenti. Naturalmente l'automezzo nuovo deve essere acquistato dopo l'1/1/ Un'autovettura uso ufficio, immatricolata come ufficio mobile, può rientrare tra le spese ammissibili come bene strumentale? 1

2 Un'autovettura immatricolata solo ad uso commerciale/ufficio può essere inserita nel piano delle spese, purché sia nuova. Occorre precisare che, in fase di valutazione del progetto, la voce autovettura sarà valutata con attenzione per verificarne la reale coerenza con il tipo di attività e il progetto di investimento. 11. Tra le spese notarili è ammessa la spesa sostenuta per la modifica dello statuto? Si, se inerente al progetto. 12. Tra le spese per il piano di comunicazione, è ammessa la spesa sostenuta per una campagna pubblicitaria? Le campagne pubblicitarie sono ammesse se riguardano più esercizi. 13. Un'azienda costituita prima del 2002, ma rimasta inattiva sino ad ora, può essere ammessa al bando? No, perché l'iscrizione al registro delle imprese risale comunque ad una data antecedente a quella considerata limite per l'ammissibilità. 14. Una società costituita prima del 1/1/2002, che apra una nuova unità locale nel 2003, può partecipare al bando per l'azione 2? 15. Un'impresa Agrituristica può presentare domanda di finanziamento per il bando Azione 2? Un'impresa agrituristica può presentare domanda solo se è registrata come attività turistica. 16. Un Agente di assicurazione può fare domanda per il bando Azione 2? 17. Un Agente di commercio può fare domanda per il bando Azione 2? 18. Cosa si intende per lavoratore autonomo? Secondo l'art del Codice Civile, lavoratore autonomo è colui che compie, dietro corrispettivo, un'opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio e senza vincoli di subordinazione nei confronti del committente. 19. Un libero professionista iscritto all'albo sin dal 1995, ma che ha aperto P.Iva nel 2003, può partecipare al bando per l'azione 2? 20. "Obblighi del Destinatario"(punto 13 pag. 10 del bando) e "Obblighi del Beneficiario2(punto 15 pag. 10 e punto 17 pag. 11 del bando) hanno lo stesso significato? 21. Le imprese iscritte al Registro Imprese dal ma ora inattive possono presentare domanda? Si, chiaramente le imprese dovranno essere attive al momento della richiesta del saldo. 22. Nel caso di acquisto di attività preesistente formalizzato nel 2003 ma con i primi pagamenti a partire dal gennaio 2004, quali sono le tipologie di spese che possono essere considerate ammissibili? In questo caso rientrano i costi relativi ai beni strumentali dell'impresa, dell'arredamento, del software, ecc.. mentre sono escluse le spese sostenute per l'avviamento. 2

3 23. Una società costituita a fine 2001 ma con iscrizione al registro delle Imprese successiva al 1/1/2002 può partecipare al bando per l'azione 2? 24. E' ammissibile l'acquisto di beni in leasing? 25. Le spese sostenute per partecipare ad una Fiera rientrano nelle "spese per il piano di comunicazione"? 26. Le spese notarili da sostenere per lo sviluppo dell'attività e ampliamento di una cooperativa esistente dal 2002 possono essere considerate spese ammissibili? Si, ma solo se riguardanti il progetto. 27. Un'impresa edile può richiede il contributo per l'acquisto di un muletto telescopico? Se il progetto presentato prevede l'acquisto SOLO del muletto, senza includere altri beni che evidenzino un preciso e completo programma di investimento, la risposta deve essere negativa. 28. Il fee d'ingresso di un contratto d'associazione in partecipazione può rientrare fra le spese ammissibili? Le uniche spese di fee ammissibili riguardano il contratto di franchising. In questo caso quindi la risposta è negativa. 29. Le imprese famigliari sono escluse dall'azione 2? 30. I soci lavoratori di una cooperativa di lavoro valgono ai fini del calcolo dell'incremento occupazionale? 31. La linea adsl può essere ammessa come investimento? Se si tratta di un abbonamento, no. 32. Cosa si intende per data di conclusione del programma di investimento? Si intende la data, che non deve essere successiva al 15/06/2005, in cui tutte le fatture previste dal programma di investimento risultino quietanzate e le assunzioni presviste regolarmente effettuate. 33. Un'autoscuola può far domanda per richiedere il contributo per gli automezzi utilizzati per tenere lezioni di scuola guida? 34. E' ammissibile a finanziamento il contratto di noleggio della durata di 5 anni per un software pagato interamente in anticipo? Si, purché ci sia una documentazione che comprovi l'avvenuto pagamento. 35. Nel caso in cui un'impresa intenda cambiare la proprio sede operativa, nella domanda dovrà indicare la sede vecchia oppure quella nuova? Se la domanda è inviata prima della variazione di sede, può scegliere una delle due opzioni. Se invece è inviata dopo, chiaramente, dovrà indicare la nuova sede. 36. Fra i giustificativi di pagamento possono essere ammesse le Riba e le ricevute della Carta di credito aziendale? 3

4 Si, purché le Riba scadano entro il 15/6/2005 e le ricevute della Carta di credito aziendale testimonino pagamenti effettuati entro il 15/6/ Se un'azienda ha effettuato un investimento nel Gennaio 2004, e nel successivo mese di Febbraio ha assunto due dipendenti, le nuove assunzioni valgono ai fini della valutazione dell'incremento occupazionale? No, poiché si tratta di un dato anteriore al 28/6/ Sono ammesse le spese effettuate in contanti? Il contante non è mai ammesso fatta eccezione per le spese sostenute per il Notaio con dichiarazione liberatoria di quest'ultimo. 39. Fra i mezzi di pagamento può essere ammessa la cambiale? La cambiale può essere ammessa se la scadenza non supera la data del 15/6/ Nel caso di acquisto di ramo d'azienda è ammissibile anche l'acquisto della quota di partecipazione al capitale della società. No, sono ammissibili solo i beni strumentali all'esercizio dell'attività. 41. L'attività di commercializzazione di prodotti agricoli è ammissibile al bando? Se si tratta esclusivamente di commercializzazione, si. 42. Possono accedere ai finanziamenti anche le cooperative sociali? 43. I lavoratori a progetto contribuiscono ad incrementare il punteggio nella valutazione del programma di investimento? 44. Da quale data vengono considerate valide le assunzioni per la valutazione dell'incremento occupazionale. Dalla data di uscita del bando, il 28/6/ Quali sono i criteri per la definizione di "piccola impresa"? I criteri per la definizione di "piccola impresa" sono: meno di 50 dipendenti, fatturato inferiore ai 7 milioni di euro oppure totale dell'attivo patrimoniale non superiore ai 5 milioni di euro. 46. L'Azione 2 del Progetto Saturno finanzia le spese per l'acquisto di materie prime e la costituzione di scorte e magazzino? No, nessuna di queste spese è ritenuta finanziabile. 47. I prodotti che costituiscono campione omaggio o servono per dimostrazioni per i clienti rientrano fra i beni finanziabili? Questo tipo di prodotti non sono finanziabili. 48. Gli studi associati possono partecipare alla domanda per il Bando Azione 2? Si, se presentano l'opportuna documentazione comprovante la loro forma associativa. CONTRATTO D AFFITTO 49. Come ci si comporta in presenza di un contratto d affitto di durata inferiore ai cinque anni? Occorre fare un integrazione e registrarla, oppure un auto-dichiarazione in cui sia espresso l impegno di provvedere al rinnovo del contratto. 50. E ammesso per la sede operativa il comodato d uso gratuito? Si, come per i contratti di affitto anche il comodato deve essere registrato. 4

5 51. In caso di immobile di proprietà che documentazione va presentata? Copia del contratto di acquisto o altro documento dal quale si evinca la proprietà dell immobile. 52. Il contratto di affitto tra imprese deve essere registrato? 53. L utilizzo di una o più stanze in locali appartenenti ad altre aziende deve essere registrato? No, l utilizzo di una o più stanze deve essere accompagnato dalla copia del conratto di acquisto o altro documento dal quale si evinca la proprietà o l affitto dell immobile, unitamente alla dichiarazione del proprietario o affittuario con il quale si indica dettagliatamente la stanza data in uso e il periodo. INCREMENTO OCCUPAZIONALE 54. E ammesso il contratto a progetto? No 55. Affinché le assunzioni determinino incremento occupazionale, quando devono essere fatte? Per i beneficiari che hanno firmato l atto di accettazione dopo il 15/06/2005, le assunzioni previste devono essere effettuate entro e non oltre la richiesta del contributo, questa ultima dovrà pervenire entro e non oltre le ore del 30/09/ Il contratto a tempo determinato può avere durata di un anno? 57. Sono ammessi i contratti di apprendistato e di formazione? Si 58. E' possibile effettuare assunzioni di soci? Si, solo le società di capitali ( srl, sapa, spa), è invece esclusa l assunzione di soci di società di persone (ss, snc, sas). 59. Il mancato rispetto del 100% delle assunzioni previste, cosa comporta? Se le assunzioni previste vengono effettuate parzialmente in percentuale maggiore o uguale al 70% il progetto segue il normale iter, se invece la percentuale è inferiore al 70% il progetto sarà revocato. 5

FAQ Frequently Asked Questions

FAQ Frequently Asked Questions FAQ Frequently Asked Questions risposte a quesiti frequenti LR 11/2011 articolo 2 commi 85 e 86 regolamento emanato con DPReg 312/2011 vers. 3/2012 1) Domande generali sul procedimento contributivo 2)

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

Assessorato alle Attività Produttive, Fonti Energetiche e Politiche Comunitarie Via P. Telesforo n. 25 71121 Foggia

Assessorato alle Attività Produttive, Fonti Energetiche e Politiche Comunitarie Via P. Telesforo n. 25 71121 Foggia Assessorato alle Attività Produttive, Fonti Energetiche e Politiche Comunitarie Via P. Telesforo n. 25 71121 Foggia AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI UN CONFIDI PER LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO DI

Dettagli

F.A.Q. P.O.FESR Campania 2007 2013

F.A.Q. P.O.FESR Campania 2007 2013 F.A.Q. Avviso per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane - misura Internazionalizzazione P.O.FESR Campania 2007 2013 Obiettivo Operativo

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE

AGEVOLAZIONI PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE AGEVOLAZIONI PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre 2013 (BUR n. 113 del 24 dicembre 2013) Disposizioni Operative Uniche per lo sviluppo del Sistema Produttivo

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 IMPORTO DEL PLAFOND ASSEGNATO AD ITALIA-COMFIDI IMPORTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) D.G. n. 154 del 4/12/2014 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 - Finalità La Camera

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.2 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS AGLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

Legge Regionale 18/2005, art. 31

Legge Regionale 18/2005, art. 31 Legge Regionale 18/2005, art. 31 AVVIO NUOVE IMPRESE D.P.REG. 114/PRES del 28.05.2010 entrato in vigore il 10.06.2010 (www.provincia.pordenone.it - modulistica settori amm.vi pol. del lavoro) REGIMI DI

Dettagli

FAQ. Automezzi. Cosa si intende per automezzi oggetto dell attività artigiana?

FAQ. Automezzi. Cosa si intende per automezzi oggetto dell attività artigiana? FAQ Automezzi Avvio degli investimenti Beni immobili Capitale proprio Contributo in conto interessi Cumulabilità Finanziamento agevolato Leasing Passaggio generazionale Spese agevolabili Automezzi Relativamente

Dettagli

Regione Umbria. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 12

Regione Umbria. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 12 Regione Umbria Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 12 Bollettino Ufficiale Regionale del 30 marzo 1995, n. 17 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali.

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti

COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti Città Medaglia d oro al V.M. ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MISURE DI SOSTEGNO ECONOMICO A NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

Programma degli interventi per l'accesso al credito delle micro imprese commerciali 1 (L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) e s.m.i. - L.R.

Programma degli interventi per l'accesso al credito delle micro imprese commerciali 1 (L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) e s.m.i. - L.R. Programma degli interventi per l'accesso al credito delle micro imprese commerciali 1 (L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) e s.m.i. - L.R.1/09) 1. Definizione beneficiari e ambiti territoriali di intervento

Dettagli

Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12.

Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12. Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12 Sommario Art. 1. (Oggetto). 1. Con la presente legge la Regione

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE

AGEVOLAZIONI PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE AGEVOLAZIONI PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre 2013 (BUR n. 113 del 24 dicembre 2013) Disposizioni Operative Uniche per lo sviluppo del Sistema Produttivo

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

SI CONVIENE QUANTO SEGUE: ALL. A) alla delibera C.C. n. 35 del 21/05/2015 CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI IMPRESE COMMERCIALI AL MINUTO IN SEDE FISSA, ALL'INGROSSO, SU AREE PUBBLICHE, PUBBLICI ESERCIZI

Dettagli

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO MISURE IN FAVORE DEL LAVORO AUTONOMO. MISURE IN FAVORE Ing. Francesco Di Bella Via Roma c/le K1 Cefalu' Cell 347 40 15

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana

Unione Europea Repubblica Italiana Unione Europea Repubblica Italiana Regione Siciliana Dipartimento Cooperazione, Commercio e Artigianato Dipartimento Pesca via degli Emiri, 45 90135 Palermo Servizio Credito Tel. 091 70 79 427 / Fax 091

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 22/I-II del 01/06/2010 / Amtsblatt Nr. 22/I-II vom 01/06/2010 102 57243 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento AGENZIA DEL LAVORO del 25 marzo 2010, n.

Dettagli

VALUTAZIONE DI UN PROGETTO DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO DI UN PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INSEDIAMENTI COMMERCIALI IN PAESI EXTRA U.E.

VALUTAZIONE DI UN PROGETTO DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO DI UN PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INSEDIAMENTI COMMERCIALI IN PAESI EXTRA U.E. VALUTAZIONE DI UN PROGETTO DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO DI UN PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INSEDIAMENTI COMMERCIALI IN PAESI EXTRA U.E. Scopo di questa breve presentazione è quello di illustrare

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (art. 21 L.R. 17 gennaio

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE

BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE Finanziamenti... CCIAA di RAVENNA BANDI 2015 Di seguito riportiamo i Bandi relativi all anno 2015 che la Camera di Commercio di Ravenna promuove a favore delle imprese del proprio territorio. BANDO PER

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante della Società (forma giuridica) con sede legale in prov. CAP Via, n. Tel.

Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante della Società (forma giuridica) con sede legale in prov. CAP Via, n. Tel. Mod. AFF. - C.M.T.- FTV MODULO PER LA RICHIESTA DELLE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE N. 12/63 CREDITO A MEDIO TERMINE AGEVOLATO PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI NEL CAMPO DELLE ENERGIE

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

Bando per il sostegno alle nuove imprese

Bando per il sostegno alle nuove imprese Allegato A) alla delibera di Giunta n. 47 del 13.04.2015 Bando per il sostegno alle nuove imprese Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014

allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014 allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO IN COLLABORAZIONE

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

NUOVI SERVIZI EBAV 4 luglio 2013

NUOVI SERVIZI EBAV 4 luglio 2013 NUOVI SERVIZI EBAV 4 luglio 2013 Occupazione, imprenditoria, prima casa www.pd.cna.it www.ebav.veneto.it A61 FORMAZIONE INTERNA ASSISTITA Contributo alle aziende per l'attività formativa formale (per un

Dettagli

BANDO FINANZIAMENTI AI NEGOZI STORICI DELLA SARDEGNA

BANDO FINANZIAMENTI AI NEGOZI STORICI DELLA SARDEGNA BANDO FINANZIAMENTI AI NEGOZI STORICI DELLA SARDEGNA Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. In attuazione della Deliberazione della Giunta Regionale n. 48/54 del 01/12/2011 Progetto integrato per la tutela attiva

Dettagli

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale; B. CHI PUÒ PARTECIPARE A START UP? Per partecipare a Start Up, un impresa al momento della presentazione della domanda deve essere in possesso delle caratteristiche indicate di seguito ai punti 1, 2 e

Dettagli

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe:

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe: 20.10.2014 Comunicazione dei beni d'impresa concessi in godimento ai soci o familiari dell'imprenditore - Comunicazione dei finanziamenti o delle capitalizzazioni dei soci o familiari ricevuti dall'impresa

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

FAQ III AVVISO PUBLBICO PER L EROGAZIONE DEL MICROCREDITO

FAQ III AVVISO PUBLBICO PER L EROGAZIONE DEL MICROCREDITO FAQ III AVVISO PUBLBICO PER L EROGAZIONE DEL MICROCREDITO QUESITO 1 Sono un azienda costituita nel corso dell esercizio 2014, ho già provveduto alla presentazione della sola dichiarazione iva annuale per

Dettagli

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE Informativa Soggetti beneficiari: 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio

Dettagli

FONDO ROTATIVO DEL COMMERCIO L.R. 28/99

FONDO ROTATIVO DEL COMMERCIO L.R. 28/99 BENEFICIARI FONDO ROTATIVO DEL COMMERCIO L.R. 28/99 Le piccole imprese commerciali iscritte al Registro Imprese ed aventi sede operativa nel territorio della Regione Piemonte, esercenti attività di: vendita

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI CREDITO AGEVOLATO A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI CREDITO AGEVOLATO A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA Allegato n. 1 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI CREDITO AGEVOLATO A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA PREMESSA L Artigiancassa S.p.A. (successivamente

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI L.R. 9 febbraio 2001 n.5 art. 23 SEZIONE B

Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI L.R. 9 febbraio 2001 n.5 art. 23 SEZIONE B Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI L.R. 9 febbraio 2001 n.5 art. 23 SEZIONE B (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12gennaio

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena

Amministrazione Provinciale di Siena Amministrazione Provinciale di Siena BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGRICOLO CHE ABBIANO FATTO RICORSO A FINANZIAMENTI PER INVESTIMENTI E/O

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE Allegato B Alla DG n.200 del 18/11/2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE Premessa La Camera di Commercio di Fermo, nell ambito del Fondo Perequativo Accordo di Programma MISE- Unioncamere

Dettagli

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti 04 79..00 - Attività delle agenzie di viaggio 79..00 - Attività dei tour operator 79.90.9 - Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca

Dettagli

FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO

FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO COMUNE DI MONTERONI DI LECCE Provincia di Lecce FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO 1) FINALITÀ Il Comune di Monteroni di Lecce, nell

Dettagli

DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015

DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015 DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015 ART.1 - FINALITA', BENEFICIARI E OGGETTO DELL INTERVENTO La Camera di Commercio, Industria, Artigianato

Dettagli

GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI GIOVANI PER IL SOCIALE

GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI GIOVANI PER IL SOCIALE FAQ Gli Avvisi GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI e GIOVANI PER IL SOCIALE si inseriscono nel contesto delle azioni rivolte ai Giovani del no profit per lo sviluppo del Mezzogiorno. Come tali

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 1 ottobre 2015 al 30 novembre 2015

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 1 ottobre 2015 al 30 novembre 2015 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 1 ottobre 2015 al 30 novembre 2015 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 Bando aperto dal 13/04/2015 Stanziamento: 400.000 Art. 1 - Finalità Al

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 marzo 1995,n. 12 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali.

LEGGE REGIONALE 23 marzo 1995,n. 12 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali. REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE 23 marzo 1995,n. 12 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali. ARTICOLO 1 Oggetto 1. Con la presente legge la

Dettagli

BANDO Welcome Business

BANDO Welcome Business Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano promuovono il presente BANDO Welcome Business Incentivi ai talenti all estero che rientrino in Italia per costituire la loro impresa a Milano Art.1

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

ALLEGATO1 - DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L'OTTENIMENTO DI FINANZIAMENTI LR 18

ALLEGATO1 - DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L'OTTENIMENTO DI FINANZIAMENTI LR 18 SETTORE SVILUPPO ECONOMICO, SOCIALE E CULTURALE Servizio Economia e Politiche Comunitarie Tel. +39 (0)437 959 216 Fax +39 (0)437 959184 email: l.ricci@provincia.belluno.it attivita.produttive@provincia.belluno.it

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013

Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013 Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013 La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Padova nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo

Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo BACHECA INFORMATIVA VIRTUALE Bandi Comunitari Nazionali Regionali e news di interesse del IV Settore Dirigente: Dott.ssa

Dettagli

START UP INN OVA TIVE

START UP INN OVA TIVE P.O.R. Sardegna 2007 2013 Linea di attività 6.2.1.A BANDO PUBBLICO Programma di aiuti per start up innovative II Invito a presentare proposte ALLEGATO 3 CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI START UP INN

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 2.3 POR MOLISE 2000-2006 SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NEL CAMPO DEI SERVIZI CULTURALI E AMBIENTALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

REPERTORIO NUMERO 123456 RACCOLTA NUMERO 123456 CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D'AZIENDA. L anno duemilasei, il giorno ventisei del mese di aprile in

REPERTORIO NUMERO 123456 RACCOLTA NUMERO 123456 CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D'AZIENDA. L anno duemilasei, il giorno ventisei del mese di aprile in REPERTORIO NUMERO 123456 RACCOLTA NUMERO 123456 CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D'AZIENDA L anno duemilasei, il giorno ventisei del mese di aprile in... Via... 1 con la presente scrittura privata, tra le

Dettagli

AZIONE 7 Promuovere l accesso al lavoro e l imprenditorialità giovanile. Supporto allo Start up d impresa. Art. 1 Oggetto

AZIONE 7 Promuovere l accesso al lavoro e l imprenditorialità giovanile. Supporto allo Start up d impresa. Art. 1 Oggetto AZIONE 7 Promuovere l accesso al lavoro e l imprenditorialità giovanile Supporto allo Start up d impresa ALLEGATO 2 Art. 1 Oggetto Il presente Avviso intende favorire la creazione e lo sviluppo di nuove

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Modulo A

AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Modulo A PROVINCIA DI FROSINONE Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Modulo A 1. Premessa La Provincia

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

CESSIONI o AFFITTI di azienda o di ramo d azienda ai fini SOA

CESSIONI o AFFITTI di azienda o di ramo d azienda ai fini SOA CESSIONI o AFFITTI di azienda o di ramo d azienda ai fini SOA NUOVE DISPOSIZIONI ANAC Sintesi In data 29/10/2014 è entrato in vigore il nuovo Manuale ANAC (ente che ha incorporato le funzioni dell AVCP)

Dettagli

LINEE GUIDA OPERATIVE POR PUGLIA 2000-2006 MISURA 6.2 AZIONE C) INIZIATIVE A SOSTEGNO DEL SISTEMA DELLE IMPRESE E DELLE PROFESSIONI

LINEE GUIDA OPERATIVE POR PUGLIA 2000-2006 MISURA 6.2 AZIONE C) INIZIATIVE A SOSTEGNO DEL SISTEMA DELLE IMPRESE E DELLE PROFESSIONI I POR PUGLIA 2000-2006 MISURA 6.2 AZIONE C) INIZIATIVE A SOSTEGNO DEL SISTEMA DELLE IMPRESE E DELLE PROFESSIONI LINEE GUIDA OPERATIVE INDICE 1. SCOPO...3 2. SOTTOSCRIZIONE CONVENZIONE...3 3. AVVIO ATTIVITA...3

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL INTERVENTO DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN IDEA IMPRENDITORIALE Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 36 di data 28.05.2015 Articolo

Dettagli

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRI VANTAGGI ECONOMICI NELL AMBITO DELL ARTIGIANO, DELL INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL AGRICOLTURA. (Approvato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) 1. COME PRESENTARE DOMANDA Domande frequenti 1.1. Come si presenta una domanda?... 6 1.2. E previsto un termine

Dettagli

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Contratti di sviluppo nel settore turistico anche con affitto dell attività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo, con

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Allegato A) Scheda di dettaglio Finalità generale Obiettivo operativo Territori interessati Soggetti beneficiari CREAZIONE D'IMPRESA Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Consolidare lo sviluppo economico accrescendo

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura MISURA 313 INCENTIVAZIONE DI ATTIVITA TURISTICHE PSR SICILIA 2007/2013 MISURA 313 Comunicazione a cura del Dipartimento Interventi Infrastrutturali

Dettagli

SCHEDA AGEVOLAZIONE CCIAA di Perugia - Bando Start Up Bando per la concessione di contributi volti a sostenere l avvio di nuove imprese

SCHEDA AGEVOLAZIONE CCIAA di Perugia - Bando Start Up Bando per la concessione di contributi volti a sostenere l avvio di nuove imprese SCHEDA AGEVOLAZIONE CCIAA di Perugia - Bando Start Up Bando per la concessione di contributi volti a sostenere l avvio di nuove imprese Ente Promotore del Bando Camera di Commercio I.A.A. di Perugia Ambito

Dettagli

Linee guida per la presentazione della rendicontazione

Linee guida per la presentazione della rendicontazione contributi a sostegno di progetti di imprenditoria femminile LR 11/2011 art. 2, commi 85 e 86 Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale versione 01/2013 Linee guida per la presentazione

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica)

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica) 1 di 5 05/01/2009 22.14 Legge regionale 8 luglio 1999, n. 18. (Testo coordinato) Interventi regionali a sostegno dell'offerta turistica. (B.U. 14 luglio 1999, n. 28) Modificata da l.r. 20/2000, l.r. 22/2002,

Dettagli

LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014

LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014 A cura di Celeste Vivenzi LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014 La Legge di stabilità per il 2014 ( Legge n.147-2013) ripropone l'ennesima possibilità di rivalutare i seguenti

Dettagli

AIUTI ALLA FILIERA CORTA

AIUTI ALLA FILIERA CORTA ALLEGATO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE AGRICOLTURA AIUTI ALLA FILIERA CORTA BANDO PER IMPRENDITORI AGRICOLI ASSOCIATI PER LA VENDITA DIRETTA MEDIANTE CONSEGNA A DOMICILIO INDICE. 1. Premessa 2. Disposizioni

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

RegioneLombardia. in collaborazione con. Ente attuatore. v Bando

RegioneLombardia. in collaborazione con. Ente attuatore. v Bando RegioneLombardia la regione lombardia per le imprese delle donne v Bando servizi e risorse a portata di mano Politiche Femminili e Pari Opportunità Via Rosellini, 17-20124 Milano tel. 02/6765.4830-6745

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 32/32 del 7.8.2014 CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA 1) Obiettivi Fornire alle

Dettagli

Diritto Commerciale 1

Diritto Commerciale 1 DOMANDE PROVA SCRITTA Diritto Commerciale 1 Corso di Laurea in Economia Aziendale a.a. 2007/2008 Si informano gli studenti che: a) la prima delle quattro risposte che corredano ogni domanda è quella corretta;

Dettagli

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 125/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 della legge n. 212 del - Costi ammissibili al credito d imposta per le attività

Dettagli