a) Determinare i numeri indice a base fissa del fatturato con base 2007=100 e commentare i risultati ottenuti per gli anni 2008 e 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a) Determinare i numeri indice a base fissa del fatturato con base 2007=100 e commentare i risultati ottenuti per gli anni 2008 e 2012"

Transcript

1 ESERCIZIO 1 Nella tabella che segue sono riportate le variazioni percentuali, rispetto all anno precedente, del fatturato di un azienda. Sulla base dei dati contenuti in tabella a) Determinare i numeri indice a base fissa del fatturato con base 2007=100 e commentare i risultati ottenuti per gli anni 2008 e 2012 b) Determinare i numeri indice a base fissa del fatturato con base 2012=100 e commentare i risultati ottenuti per gli anni 2007 e 2011 c) Calcolare la variazione complessiva e la variazione media annua del fatturato dell azienda nel periodo considerato Anni Var % - +5,5% +6,8% +4% +4,5% -3,2% 1

2 SOLUZIONE a) Per determinare i numeri indice a base fissa con base 2007=100 occorre innanzitutto calcolare i numeri indice a base mobile partendo dalle variazioni percentuali note. Poiché le variazioni percentuali rispetto all anno precedente sono ottenute secondo il rapporto Allora basta aggiungere 100 ai valori riportati nella tabella originaria e si otterranno i numeri indice a base mobile per la stessa serie storica. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva. Anni n. indice a base mobile - = 5,5+100 = 105,5 = 6,8+100 = 106,8 = = 104 = 4,5+100 = 104,5 = -3,2+100 = 96,8 Una volta noti i numeri indice a base mobile, è possibile calcolare i numeri indice a base fissa. L anno 2007, scelto come base, avrà naturalmente valore 100. Per il calcolo dei numeri indice a base fissa degli altri anni, invece, sarà sufficiente calcolare il prodotto del numero indice a base mobile dell anno corrente per quello degli anni precedenti e dividere per 100. NB. Per semplicità di calcolo, si può semplicemente moltiplicare il numero indice a base mobile dell anno corrente per quello dell anno precedente, che a sua volta è già il prodotto dell anno precedente per l anno ancora precedente. 2

3 Si otterrà dunque che Anno *105,5/100 = 105,5 Anno ,5*106,8/100 = 112,674 Anno ,674*104/100 = 117,181 Anno ,181*104,5/100 = 122,454 Anno ,454*96,8/100 = 188,535 Naturalmente, allo stesso risultato si arriva anche calcolando i numeri indice a base fissa con il metodo alternativo, ovvero Anno *1,055*100 = 105,5 Anno *1,055*1,068*100 = 112,674 Anno *1,055*1,068*1,04*100 = 117,181 Anno *1,055*1,068*1,04*1,045*100 = 122,454 Anno *1,055*1,068*1,04*1,045*0,968*100 = 118,535 I risultati emersi indicano che dal 2007 al 2008 il fatturato dell azienda è aumentato del 5,5%, mentre dal 2007 al 2012 è aumentato complessivamente del 18,535% b) Per determinare la serie dei numeri indice a base fissa con base 2012=100, poiché i valori da calcolare sono tutti precedenti alla base, devo calcolare l inverso dei prodotti dei numeri indice dal tempo k+1 fino a t compreso. 3

4 NB. Per semplicità di calcolo, si può semplicemente dividere il numero indice a base fissa del tempo successivo a quello corrente per il numero indice a base mobile del tempo successivo a quello corrente. Il risultato andrà poi moltiplicato per 100. Per la serie storica in esame avrò dunque che, posto 2012=100 Anno /96,8*100 = 103,306 Anno ,6/104,5*100 = 98,857 Anno ,857/104*100 = 95,055 Anno ,055/106,8*100 = 89,003 Anno ,003/105,5*100 = 84,363 In alternativa avrei potuto calcolare (giungendo naturalmente agli stessi risultati) Anno 2011 (0,968) -1 *100 = 103,306 Anno 2010 (0,968*1,045) -1 *100 = 98,857 Anno 2009 (0,968*1,045*1,04) -1 *100 = 95,055 Anno 2008 (0,968*1,045*1,04*1,068) -1 *100 = 89,003 Anno 2007 (0,968*1,045*1,04*1,068*1,055) -1 *100 = 84,363 I dati indicano che il fatturato del 2011 era maggiore rispetto a quello del 2012 del 3,306%, mentre nel 2007 era inferiore a quello del 2012 del 15,637%. 4

5 c) La variazione complessiva del periodo si ottiene dividendo l ultimo termine della serie di numeri indice a base fissa per il primo. Da risultato sottraggo poi 1 e moltiplico per 100. Ne consegue che, considerando la serie con base 2007=100, 118,536/100 = 1,18536 Da cui (1, ) * 100 = +18,536% Naturalmente, lo stesso risultato si sarebbe ottenuto anche considerando la serie con base 2012 = 100: 100/84,363 = 1,18536 Da cui (1, ) * 100 = +18,536% Il risultato indica che nel periodo dal 2007 al 2012 il fatturato dell azienda è aumentato complessivamente del 18,536%. Per calcolare la variazione percentuale media annua è sufficiente calcolare la media geometrica dei numeri indice a base mobile, per cui 5

6 NB. Si ricorda che la media geometrica dei numeri indice a base mobile è pari a Allo stesso risultato si sarebbe giunti ponendo calcolando Tale risultato indica che il fatturato dell azienda è aumentato a un tasso medio annuo del 3,46%. 6

7 ESERCIZIO 2 La tabella seguente riporta le serie storiche dei prezzi al consumo di un bene in tre punti vendita differenti. a) Calcolare le serie dei numeri indici a base fissa dei prezzi nei tre punti vendita, con base 2008=100, e se ne illustri il significato b) Determinare e commentare la serie dei numeri indice composti dei prezzi, con base 2008=100, assegnando al punto vendita A peso = 20, al punto vendita B peso = 30 e al punto vendita C peso = 50. c) Spiegare il significato dei pesi. Anno Punto vendita A Punto vendita B Punto vendita C ,4 20,4 18, ,3 21,0 19, ,2 21,2 18, ,2 22,8 19, ,5 23,5 21,3 7

8 SOLUZIONE a) Per calcolare i numeri indice a base fissa basta calcolare il rapporto tra il valore assunto dal fenomeno nell anno corrente e il valore assunto dallo stesso fenomeno nell anno scelto come base. Tale rapporto andrà poi moltiplicato per 100. I risultati dei calcoli relativi ai tre punti vendita considerati sono riportati nella tabella seguente Anno Punto vendita A Punto vendita B Punto vendita C = 21,3/20,4 * 100 = 104,4 = 21,0/20,4 * 100 = 102,9 = 19,4/18,6 * 100 = 104, = 20,2/20,4 * 100 = 99,0 = 21,2/20,4 * 100 = 103,9 = 18,3/18,6 * 100 = 98, = 21,2/20,4 * 100 = 103,9 = 22,8/20,4 * 100 = 111,8 = 19,9/18,6 * 100 = 107, = 21,5/20,4 * 100 = 105,4 = 23,5/20,4 * 100 = 115,2 = 21,3/18,6 * 100 = 114,5 COMMENTO: il prezzo del bene in oggetto è generalmente aumentato nel periodo dal 2008 al 2012 per tutti e tre i punti vendita. In particolare, nel punto vendita A il prezzo è aumentato del 5,4% dal 2008 al 2012, ma ha subito un calo pari all 1% dal 2008 al Nel punto vendita B si è registrato un aumento del 15,2% dal 2008 al 2012, con una crescita continua. Nel punto C, infine, si è registrato un calo nel prezzo di vendita pari all 1,6% dal 2008 al 2010, ma considerando l intero periodo dal 2008 al 2012 si è assistito a una crescita del 14,5%. 8

9 b) Per calcolare i numeri indice composti bisogna calcolare, per ogni anno, la media ponderata (con i pesi assegnati) dei numeri indice a base fissa dei tre punti vendita. La formula da applicare in questo caso è dunque Poiché i pesi assegnati erano: punto vendita A = 20 punto vendita B = 30 punto vendita C = 50 si avrà che Anno Anno 2009 (104,4*20+102,9*30+104,3*50)/100 = 103,9 Anno 2010 (99,0*20+103,9*30+98,4*50)/100 = 100,17 Anno 2011 (103,9*20+111,8*30+107,0*50)/100 = 107,82 Anno 2012 (105,4*20+115,2*30+114,5*50)/100 = 112,89 9

10 I risultati emersi indicano che nei tre punti vendita il prezzo del bene venduto è aumentato mediamente del 3,9% dal 2008 al Nell intero periodo considerato, ovvero dal 2008 al 2012, l aumento medio dei prezzi nei tre punti vendita è stato pari al 12,89%. c) Il peso attribuito a ciascun punto vendita indica l importanza dello stesso punto vendita. 10

11 ESERCIZIO 3 Nella seguente tabella sono riportati i costi per l acquisto delle materie prime (in migliaia di euro) di un azienda alimentare e i numeri indice composti dei prezzi alla produzione del settore alimentare forniti dall ISTAT (base 2005=100). a) Determinare la corrispondente serie storica dei costi in euro 2011 b) Calcolare la variazione complessiva. Commentare i risultati c) Calcolare il tasso medio annuo di variazione dei costi a prezzi costanti e a prezzi correnti. Commentare i risultati Anno Costi Numeri indice composti , , , , ,2 11

12 SOLUZIONE a) Per determinare la serie storica dei costi in euro 2011 bisogna calcolare i costi deflazionati allo stesso anno In primo luogo, quindi, si devono riportare i numeri indice composti dei prezzi dalla base 2005=100 alla base 2011=100 bisogna innanzitutto calcolare il coefficiente di raccordo. Questo sarà il rapporto tra il numero indice dell anno della nuova base (2011) preso alla vecchia base (2005=100) e il numero indice della vecchia base (2005) preso all anno della vecchia base (2005=100). Poiché il numero indice della base è sempre 100, allora il coefficiente di raccordo tra le due basi sarà Poiché si tratta di riportare i numeri indice di una base più vecchia ad una più recente, si dividono i numeri indice precedenti per il coefficiente di raccordo. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva Anno Numeri indice composti Base 2005=100 Numeri indice composti Base 2011= ,7 = 116,7/1,252 = 93, ,3 = 117,3/1,252 = 93, ,8 = 113,8/1,252 = 90, ,1 = 119,1/1,252 = 95, ,

13 A questo punto è possibile calcolare la serie dei costi a prezzi costanti in euro Per fare ciò bisogna dividere i valori dei prezzi correnti per i rispettivi numeri indice composti dei prezzi (base 2011=100) divisi per 100. I risultati sono quelli riportati nella tabella seguente Anno Costi Numeri indice composti Base 2011=100 Costi deflazionati = 116,7/1,252 = 93,21 = 500/0,9321 = 536, = 117,3/1,252 = 93,69 = 530/0,9369 = 565, = 113,8/1,252 = 90,89 = 550/0,9089 = 605, = 119,1/1,252 = 95,13 = 580/0,9513 = 609, b) Per determinare la variazione complessiva dei costi basta rapportare il costo a fine periodo e il costo a inizio periodo. Si avrà dunque che - prezzi correnti - prezzi costanti 13

14 Da cui emerge che l aumento complessivo è stato pari a - in termini relativi (a prezzi costanti) (1,119-1)*100 = 11,9% - in termini monetari (a prezzi correnti) (1,20-1)*100 = 20% c) Per calcolare il tasso medio annuo di variazione, poiché si conoscono i valori assoluti dei costi, si applicherà la formula Per la serie storica in esame si avrà dunque che il tasso medi annuo di variazione è pari a - in termini relativi (a prezzi costanti) 14

15 - in termini monetari (a prezzi correnti) Ciò significa che in termini reali i costi sono aumentati in media del 2,9% l anno, mentre in termini monetari si è assistito a un aumento medio annuo del 4,7%. 15

16 ESERCIZIO 4 Un contratto di locazione, stipulato nel 2005, deve essere aggiornato nel 2011 per tener conto dell inflazione, che è misurata attraverso il NIC (numeri indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati). Dalle pubblicazioni ISTAT si ricavano le serie riportate nella tabella successiva. a) Determinare l importo in euro aggiornato al 2011 del contratto, che nel 2005 aveva un importo di 1000 euro b) Calcolare il tasso medio di inflazione per il periodo e se ne commenti il risultato. Anno Numero indice dei prezzi Base 1995=100 Numero indice dei prezzi Base 2010= , , , , , , ,6 16

17 SVOLGIMENTO a) Per poter aggiornare l importo del contratto bisogna conoscere l entità dell inflazione nel periodo (dalla data di stipula del contratto al momento in cui il contratto stesso deve essere aggiornato). Poiché i dati forniti dall ISTAT sono presentati con due basi differenti, bisogna innanzitutto operare un concatenamento delle due serie storiche per riportare tutti i valori ad un unica base. Si decide quindi di riportare i dati della vecchia base (1995=100) in termini della nuova base (2010=100). Per poter effettuare il concatenamento bisogna calcolare il coefficiente di raccordo Una volta noto il coefficiente di raccordo, è possibile riportare tutti i numeri indice della vecchia base in termini della nuova base semplicemente dividendo i valori della vecchia base per il coefficiente di raccordo. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella seguente 17

18 Anno Numero indice dei prezzi Base 1995=100 Numero indice dei prezzi Base 2010= ,0 = 126/1,385 = 90, ,7 = 128,7/1,385 = 92, ,9 = 130,9/1,385 = 94, ,3 = 135,3/1,385 = 97, ,3 = 136,3/1,385 = 98, , ,6 L entità complessiva dell inflazione nel periodo deriverà dal rapporto tra il numero indice dell anno 2011 e quello dell anno 2005, espressi entrambi con base 2010=100. Per la serie in esame si avrà dunque che Questo valore indica che dal 2005 al 2011 i prezzi sono aumentati mediamente del 12,8%. Per ottenere l importo del contratto aggiornato al 2011, quindi, basterà calcolare il prodotto dell importo originario per il coefficiente appena trovato. Si otterrà dunque che l importo aggiornato del contratto sarà 1000*1,128 = 1128 euro 18

19 b) Lavorando con numeri indice a base fissa, e conoscendo già il rapporto tra xt e x1, (=1,128), il tasso medio annuo di inflazione nel periodo considerato si otterrà come Ciò indica che nel periodo dal 2005 al 2011 i prezzi sono aumentati in media del 2% all anno. 19

20 ESERCIZIO 5 La popolazione residente (in migliaia) in un comune italiano dal 2001 al 2006 ha seguito l andamento riportato nella tabella successiva. a) Costruire la serie dei numeri indice a base fissa 2001=100 e a base fissa 2003=100, Commentare i risultati b) Costruire la serie dei numeri indice a base mobile Anno Pop

21 SVOLGIMENTO a) Per costruire la serie di numeri indice della popolazione con base fissa 2001=100, bisogna calcolare il rapporto tra la popolazione in ciascun anno diverso dal 2001 e la popolazione nell anno In maniera del tutto analoga si procede per calcolare la serie di numeri indice con base fissa 2003=100. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva Anno Popolazione Numeri indice Base 2001=100 Numeri indice Base 2003= = 1368/1334*100 = 102, = 1359/1368*100 = 99,34 = 1359/1334*100 = 101, = 1334/1368*100 = 97, = 1322/1368*100 = 96,63 = 1322/1334*100 = 99, = 1306/1368*100 = 95,47 = 1306/1334*100 = 97, = 1304/1368*100 = 95,32 = 1304/1334*100 = 97,75 Dall analisi dei risultati emersi si nota che la popolazione residente nel comune considerato ha subito un calo costante nel periodo considerato. Ad esempio, considerando la serie dei numeri indice con base 2001=100, nel 2002 la popolazione è diminuita dello 0, 65% rispetto all anno precedente mentre nel 2003 è diminuita del 2.48% rispetto all anno Con riferimento alla serie dei numeri indice con base 2003=100, invece, possiamo dire che la popolazione residente nel 2002 è più alta dell % rispetto all anno 2003 e che quella residente nel 2001 è superiore del 2,55% rispetto al

22 b) Per calcolare la serie dei numeri indice a base mobile è necessario calcolare il rapporto tra la popolazione nell anno corrente e quella nell anno precedente. I risultati sono riportati nella tabella seguente Anno Popolazione Numeri indice Base mobile = 1359/1368*100 = 99, = 1334/1359*100 = 98, = 1322/1334*100 = 99, = 1306/1322*100 = 98, = 1304/1306*100 = 99,85 22

23 ESERCIZIO 6 La tabella seguente riporta i dati relativi alla vendita all ingrosso di agrumi nel 1999 e nel 2009 a) Calcolare l indice dei prezzi di Laspeyres b) Calcolare l indice dei prezzi di Paasche c) Calcolare l indice dei prezzi di Fisher Agrumi Prezzi all ingrosso Quantità Arance Limoni Mandarini SVOLGIMENTO a) Per calcolare l indice dei prezzi di Laspeyres è necessario conoscere i dati relativi ai prezzi al 1999, ai prezzi al 2009 e alle quantità al Sostituendo i dati necessari nella formula, si avrà che 23

24 Da cui 397, = 297,95 Nel decennio dal 1999 al 2009 il prezzo all ingrosso degli agrumi è aumentato quasi del 300% (valore esatto: 297,95%), posto che le quantità vendute siano rimaste quelle del b) Per calcolare l indice dei prezzi di Paache si assume che le quantità siano costanti, pari a quelle del I dati che servono in questo caso, quindi, sono quelli relativi ai prezzi del 1999, ai prezzi del 2009 e alle quantità del Da cui 397, = 297,19 Anche secondo il valore dell indice dei prezzi di Paache,el decennio dal 1999 al 2009 il prezzo all ingrosso degli agrumi è aumentato quasi del 300%, posto che le quantità vendute siano state sempre quelle del c) Per calcolare l indice dei prezzi di Fisher è sufficiente calcolare la media geometrica dei due indici calcolati in precedenza, per cui 24

25 ESERCIZIO 7 Nella tabella successiva sono riportati i dati relativi al costo medio unitario (in centinaia di euro) ed al numero di unità di quattro beni acquistati in 5 anni di attività da un hotel. a) Calcolare la serie dei numeri indice a base fissa 2011=100 dei prezzi dei televisori b) Calcolare la serie dei numeri indice a base mobile dei prezzi dei televisori c) Calcolare la serie dei numeri indice di Laspeyres con anno base 2010=100 Anni Televisori Condizionatori Frigo bar Impianti stereo Prezzo Quantità Prezzo Quantità Prezzo Quantità Prezzo Quantità , ,8 10 2, ,7 7 4,8 6 3,1 2 2, ,8 6 5,2 1 3,3 4 3, ,1 15 4,9 4 3,5 1 2, ,9 9 4,2 7 3,4 3 2,5 6 25

26 SOLUZIONE a) Per calcolare la serie dei numeri indice a base fissa 2011=100 basta calcolare i rapporti tra i valori di ogni anno preso in considerazione e l anno assunto come base. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva Televisori Anni Prezzo Numero indice Base 2011= ,5 = 2,5/2,8*100 = 89, ,7 = 2,7/2,8*100 = 96, , ,1 = 3,1/2,8*100 = 110, ,9 = 2,9/2,8*100 = 103,6 COMMENTO: nel 2012 i televisori costavano il 20,7% in più rispetto al Nel 2010, invece, i televisori costavano il 3,6% in meno rispetto al

27 b) Per calcolare la serie dei numeri indice a base mobile è sufficiente rapportare il valore dell anno corrente all anno precedente. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva. Televisori Anni Prezzo Numero indice Base mobile , ,7 = 2,7/2,5*100 = ,8 = 2,8/2,7*100 = 103, ,1 = 3,1/2,8*100 = 110, ,9 = 2,9/3,1*100 = 93,5 COMMENTO: nel periodo dal 2009 al 2012 i prezzi dei televisori sono sempre aumentati passando da un anno al successivo. Solo nel passaggio dal 2012 al 2013 i prezzi calano del 6,5%. 27

28 c) Poiché il numero indice di Laspeyres vuole misurare la variazione dei prezzi mantenendo stabili le quantità del tempo base, per calcolare la serie dei numeri indice di Laspeyres con base 2010=100 servono, per i quattro beni considerati, i dati relativi alle quantità del 2010 che andranno moltiplicate per i prezzi dei 5 anni considerati. I risultati dei calcoli sono quelli riportati nella tabella successiva. Anni Televisori Condizionatori Frigo bar Impianti stereo p t*q 1 p t*q 1 p t*q 1 p t*q = 2,5*7 = 17,5 = 4*6 = 24 = 2,8*2 = 5,6 = 2,6*5 = = 2,7*7 = 18,9 = 4,8*6 = 28,8 = 3,1*2 = 6,2 = 2,9*5 = 14, = 2,8*7 = 19,6 = 5,2*6 = 31,2 = 3,3*2 = 6,6 = 3,6*5 = = 3,1*7 = 21,7 = 4,9*6 = 29,4 = 3,5*2 = 7 = 2,8*5 = = 2,9*7 = 20,3 = 4,2*6 = 25,2 = 3,4*2 = 6,8 = 2,5*5 = 12,5 28

29 A questo punto è possibile calcolare la sommatoria dei ptq1 di ogni anno. Dividendo il risultato per il valore dell analogo prodotto relativo alla base 2010=100 si ottengono poi i numeri indice di Laspeyres per i quattro beni nei 5 anni considerati. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva. Anni Televisori Condizionatori Frigo bar Impianti stereo p t*q 2010 p t*q 2010 p t*q 2010 p t*q 2010 Σ p t*q 1 Numero indice di Laspeyres Base 2010= ,5 24 5, ,1 = 60,1/68,4 = 87, ,9 28,8 6,2 14,5 68, ,6 31,2 6, ,4 = 75,4/68,4*100 = ,7 29, ,1 =72,1/68,4*100 = 105, ,3 25,2 6,8 12,5 64,8 = 64,8/68,4*100 = 94,74 COMMENTO: nel 2013 i prezzi dei quattro beni considerati sono calati del 5,26% rispetto al 2010, posto che le quantità vendute siano rimaste costanti ai livelli del Nel 2011, invece, i prezzi degli stessi quattro beni erano il 10,23% più alti rispetto al 2010, mantenendo costanti le quantità vendute. 29

30 ESERCIZIO 8 Un gruppo di consumatori ha rilevato mensilmente i prezzi in euro e le quantità di quattro beni di prima necessità acquistati in un semestre. I dati sono riportati nella tabella successiva. a) Calcolare la serie dei numeri indice a base fissa Marzo=100 dei prezzi del bene B b) A partire dalla serie creata al punto precedente, effettuare un slittamento di base riportando i numeri indice alla base Gennaio=100 c) Chiarire se il prezzo del bene B ha subito un incremento o un decremento del prezzo nel mese di Giugno rispetto a Gennaio. Giustificare la risposta d) Calcolare la serie dei numeri indice a base mobile dei prezzi del bene C. Tali prezzi hanno subito un incremento/decremento nel breve periodo? e) Utilizzando la serie dei numeri indice a base mobile creata al punto precedente, costruire la serie dei numeri indice a base fissa con base Febbraio=100 f) Costruire la serie dei numeri indice di Laspeyres con base Aprile=100 per i quattro beni. Chiarire se il paniere dei 4 beni ha subito incremento o decremento dei prezzi tra il mese di Aprile e quello di Maggio Mesi Bene A Bene B Bene C Bene D Prezzo Quantità Prezzo Quantità Prezzo Quantità Prezzo Quantità Gennaio 1,6 10 3,7 15 0,7 21 7,8 12 Febbraio 1,9 14 3,9 12 1,1 26 8,2 15 Marzo 2,3 11 4,5 18 1,3 23 8,4 9 Aprile 2,1 16 4,2 11 1,6 28 8,5 13 Maggio 2,2 9 4,4 16 1,9 24 8,1 12 Giugno 2,4 8 4,8 10 2,1 31 8,8 9 30

31 SVOLGIMENTO a) Per calcolare la serie dei numeri indice a base fissa Marzo per il bene B è sufficiente calcolare i rapporti tra i prezzi del bene B ogni mese considerato e il prezzo nel mese di Marzo. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva. Bene B Mesi Prezzo Numeri indice Marzo = 100 Gennaio 3,7 = 3,7/4,5*100 = 82,22 Febbraio 3,9 = 3,9/4,5*100 = 86,67 Marzo 4,5 100 Aprile 4,2 = 4,2/4,5*100 = 93,33 Maggio 4,4 = 4,4/4,5*100 = 97,78 Giugno 4,8 = 4,8/4,5*100 = 106,67 COMMENTO: solo nel mese di Giugno i prezzi del bene B sono più alti (del 6,67%) rispetto a quelli di Marzo. Negli altri mesi il prezzo del bene B è sempre più basso rispetto a quello di Marzo. b) Per effettuare il cambio di base occorre innanzitutto calcolare il coefficiente di raccordo, che si ottiene come rapporto tra la nuova base e la vecchia base, entrambi considerati in termini della vecchia base. In questo caso si avrà che 82,22/100 = 0,

32 Per cui 0,8222 è il coefficiente di raccordo a cui vanno rapportati i numeri indice in base Marzo=100 per riportarli alla nuova base Gennaio=100. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva. Bene B Mesi Numeri indice Marzo = 100 Numeri indice Gennaio = 100 Gennaio 82, Febbraio 86,67 = 0,8667/0,8222*100 = 105,41 Marzo 100 = 1,00/0,8222*100 = 121,62 Aprile 93,33 = 0,9333/0,8222*100 = 113,51 Maggio 97,78 = 0,9778/0,8222*100 = 118,92 Giugno 106,67 = 1,0667/0,8222*100 = 129,74 c) Il prezzo del bene B nel mese di Giugno è più alto rispetto al prezzo che lo stesso bene aveva a Gennaio. Tale aumento è stato del 29,74% 32

33 d) Per calcolare la serie dei numeri indice a base mobile del bene C bisogna calcolare il rapporto tra il prezzo del bene in ogni anno e il prezzo nell anno precedente. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva Bene C Mesi Prezzo Numero indice Base mobile Gennaio 0,7 --- Febbraio 1,1 = 1,1/0,7*100 = 157,14 Marzo 1,3 = 1,3/1,1*100 = 118,19 Aprile 1,6 = 1,6/1,3*100 = 123,08 Maggio 1,9 = 1,9/1,6*100 = 118,75 Giugno 2,1 = 2,1/1,9*100 = 110,52 Dall analisi della serie dei numeri indice a base mobile emerge che in tutti i mesi oggetto di rilevazione vi è stato un incremento dei prezzi rispetto al mese immediatamente precedente. Tale incremento è stato piuttosto marcato nel passaggio dal mese di Gennaio a quello di Febbraio (57,14%), mentre è più lieve nel passaggio da Maggio a Giugno (10,52%). 33

34 e) Per calcolare la serie dei numeri indice a base fissa con base Febbraio=100 a partire dalla serie dei numeri indice a base mobile creata al punto precedente, si calcola - per tutti i tempi k precedenti al tempo t (base): l inverso dei prodotti, dal tempo k+1 a t compreso - per tutti i periodi h successivi alla base: i prodotti del numero indice a base mobile, da h fino a t+1 incluso. I risultati dei calcoli sono riportati nella tabella successiva Bene C Mesi Numero indice Base mobile Numero indice Base fissa Febbraio=100 Gennaio --- = (1,5714)-1*100 = 63,64 Febbraio 157, Marzo 118,19 = (1,1819)*100 = 118,19 Aprile 123,08 = (1,1819*1,2308)*100 = 145,47 Maggio 118,75 = (1,11819*1,2308*1,1875)*100 = 72,74 Giugno 110,52 = (1,11819*1,2308*1,1875*1,1052)*100 = 190,91 34

35 f) Per calcolare la serie dei numeri indice di Laspeyres con base Aprile occorre calcolare i prodotti dei prezzi di ogni mese per le quantità di Aprile. Successivamente vanno calcolate le sommatorie dei prodotti ottenuti. A questo punto sarà possibile scrivere la serie dei numeri indice di Laspeyres con base Aprile calcolando i rapporti tra la sommatoria dei prodotti nell anno corrente e la sommatoria dei prodotti nel mese di Aprile. I risultati di tutti i calcoli sono riportati nella tabella seguente. Mesi Bene A Bene B Bene C Bene D p t*q Aprile p t*q Aprile p t*q Aprile p t*q Aprile Σ p t*q Aprile Numero indice di Laspeyres Base Aprile=100 Gennaio 25,6 40,7 19,6 101,4 187,3 = 187,3/235,1*100 =79,7 Febbraio 30,4 42,9 30,8 106,6 210,7 = 210,7/235,1*100= 89,6 Marzo 36,8 49,5 36,4 109,2 231,9 = 231,9/235,1*100 = 98,6 Aprile 33,6 46,2 44,8 110,5 235,1 100 Maggio 35,2 48,4 53,2 105,3 242,1 = 242,1/235,1*100 = 103,0 Giugno 38,4 52,8 58,8 114,4 264,4 = 264,4/235,1*100 = 112,5 La serie dei numeri indice di Laspeyres mette in evidenza che tra il mese di Aprile e quello di Maggio il paniere di beni ha subito un incremento di prezzo del 3%. 35

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri I rapporti statistici sono misure statistiche elementari finalizzate al confronto tra i dati stessi. In un rapporto statistico si mettono a confronto due termini, frequenze

Dettagli

ANNO 2013. MESE DI GENNAIO 2013 N. giorni lavorativi: 26 SETTORI N.UNITA' PRESENZE ASSENZE* AMMINISTRATIVO - FINANZIARIO 3 85% 15% TECNICO

ANNO 2013. MESE DI GENNAIO 2013 N. giorni lavorativi: 26 SETTORI N.UNITA' PRESENZE ASSENZE* AMMINISTRATIVO - FINANZIARIO 3 85% 15% TECNICO ANNO 2013 MESE DI GENNAIO 2013 N. giorni lavorativi: 26 AMMINISTRATIVO - FINANZIARIO 3 90% 10% TECNICO 2 85% 15% MESE DI FEBBRAIO 2013 N. giorni lavorativi: 24 AMMINISTRATIVO - FINANZIARIO 3 94% 6% TECNICO

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIORE PRESENZA DEL PERSONALE RELATIVI AL MESE DI GIUGNO 2009 ART. 21 L. 69 DEL 18.06.2009

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIORE PRESENZA DEL PERSONALE RELATIVI AL MESE DI GIUGNO 2009 ART. 21 L. 69 DEL 18.06.2009 TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIORE PRESENZA DEL PERSONALE RELATIVI AL MESE DI GIUGNO 2009 16,541 84,712 TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIORE PRESENZA DEL PERSONALE RELATIVI AL MESE DI LUGLIO 2009 29,718 70,932 TASSI

Dettagli

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro Scelta Lezione 9 Scelta Di solito il reddito arriva ad intervalli, per esempio lo stipendio mensile. Quindi si pone il problema di decidere se (e quanto) risparmiare in un periodo per consumare più tardi.

Dettagli

Serie Storiche Trasformazioni e Aggiustamenti

Serie Storiche Trasformazioni e Aggiustamenti Serie Storiche Trasformazioni e Aggiustamenti Per facilitare l interpretazione dei dati, si ricorre spesso a trasformazione della serie originale. I principali tipi di aggiustamenti che consideriamo sono:.

Dettagli

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa ESERCIZIO N.1 Il candidato verifichi se nell azienda GAMMA, quotata in borsa, è soddisfatta la motivazione della sicurezza dopo aver effettuato i nuovi investimenti indispensabili, considerando che gli

Dettagli

Si supponga di aver rilevato per un dato anno i dati riportati nella tab. 1.

Si supponga di aver rilevato per un dato anno i dati riportati nella tab. 1. 1. I rapporti statistici: definizione e significato Un rapporto statistico è un quoziente tra due termini di cui uno almeno è di natura statistica (ossia riferito a un fenomeno collettivo) e tale che tra

Dettagli

Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2011

Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2011 L'inflazione a Udine (misurata dal NIC, ovvero l'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività) per il 2011 è, in media d'anno, di +2,7%; il dato è in crescita rispetto al 2010 (+1,8%), ma si

Dettagli

PARITÀ DEL POTERE DI ACQUISTO - PPA

PARITÀ DEL POTERE DI ACQUISTO - PPA CONFRONTO TRA AGGREGATI MONETARI PROF. EMANUELE CORLETO Indice 1 LA DEFLAZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 PARITÀ DEL

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO

INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Triennale in Statistica e Gestione delle Imprese ELABORATO INTEGRATIVO INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO RELATORE:

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Mese di gennaio 2011. ASSENZE Area Unità Operativa Numero Dipendenti Giorni lavorativi Tassi di assenza Tassi di presenza ferie malattia altro TOTALE

Mese di gennaio 2011. ASSENZE Area Unità Operativa Numero Dipendenti Giorni lavorativi Tassi di assenza Tassi di presenza ferie malattia altro TOTALE Mese di gennaio 2011 1 - - 1 11 9,09% 90,91% 1 5 - - 5 21 23,81% 76,19% 1 7 - - 7 21 33,33% 66,67% - - - - 0 - - - Totali 13 0 0 13 53 24,53% 75,47% Mese di febbraio 2011 3 - - 3 12 25,00% 75,00% 1 1 -

Dettagli

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Esercizio 1 Nella seguente tabella è riportata la distribuzione di frequenza dei prezzi per camera di alcuni agriturismi, situati nella regione Basilicata.

Dettagli

Inflazione. L indice dei prezzi al consumo ci consente quindi di introdurre anche il concetto di inflazione:

Inflazione. L indice dei prezzi al consumo ci consente quindi di introdurre anche il concetto di inflazione: Il potere di acquisto cambia nel tempo. Un euro oggi ha un potere di acquisto diverso da quello che aveva 5 anni fa e diverso da quello che avrà fra 20 anni. Come possiamo misurare queste variazioni? L

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI periodo : mese di GENNAIO 2014 50 1099 170 929 15,47 84,53 periodo : mese di FEBBRAIO 2014 50 1029 91 938 8,84 91,16 periodo : mese di MARZO 2014 50 1075 92 983 8,56 91,44 periodo : mese di APRILE 2014

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013 NOVEMBRE 2013 di assenza 22 25 550 32 13 34 10 89 9 648 36 // // // 36 DICEMBRE 2013 di assenza 22 20 440 // 99 11 3 113 6 432 24 // // 6 30 GENNAIO 2014 22 25 550 12 54 24 19 109 7 504 3 // 2 1 6 FEBBRAIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO Assenze NOVEMBRE 2013 101 202 assenza 8,00% presenza 92,00% 25 100 assenza 16,00% presenza 84,00% Assenze OTTOBRE 2013 101 162 assenza 5,94% presenza 94,06% 25 106 assenza 15,70% presenza 84,30% Assenze

Dettagli

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011 del mese di Gennaio 2011 area unica 684 136 548 19,88% 80,12% 32 del mese di Febbraio 2011 area unica 684 97 587 14,18% 85,82% 32 del mese di Marzo 2011 area unica 768 95 673 12,37% 87,63% 32 del mese

Dettagli

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S GENNAIO 2015 D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Dettagli

Prima Emissione Esempi di calcolo

Prima Emissione Esempi di calcolo BTP Italia Prima Emissione Esempi di calcolo Calcolo del coefficiente di indicizzazione, delle cedole e della rivalutazione del capitale Vediamo nel dettaglio come funziona il meccanismo di costruzione

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe LA DINAMICA DEI PREZZI DEL PANE 11 marzo 2008 Sulla base dell

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica?

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica? Introduzione Per gran parte dei concorsi pubblici, dall'accesso al'università alla selezione per posti lavorativi i quiz di logica solo parte importante dei quesiti selettivi. Non richiedono una preparazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO IRDCEC MAGGIO-GIUGNO 2014 - GRAFICI a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

Dettagli

LA NUOVA INDENNITÀ MERITOCRATICA

LA NUOVA INDENNITÀ MERITOCRATICA LA NUOVA INDENNITÀ MERITOCRATICA INTRODOTTA DALL'ACCORDO ECNOMICO COLLETTIVO DEL 30 LUGLIO 2014 PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI AGENZIA E RAPPRESENTANZA COMMERCIALE NEI SETTORI INDUSTRIALI E DELLA COOPERAZIONE

Dettagli

Magazzino: regole di bilancio e fiscali

Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero 53/2011 Pagina 1 di 8 Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero : 53/2011 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : BILANCIO LA VALUTAZIONE DEL MAGAZZINO PRINCIPIO CONTABILE OIC N. 13, CODICE CIVILE

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

CAPITALIZZAZIONE, VALORE ATTUALE, RENDITE

CAPITALIZZAZIONE, VALORE ATTUALE, RENDITE Esercitazione Finanza Aziendale n 1 : CAPITALIZZAZIONE, VALORE ATTUALE, RENDITE 1 Capitalizzazione: QUANTO VALE DOMANI IL CAPITALE CHE INVESTO OGGI? (determinazione del Montante) Attualizzazione: QUANTO

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

Esercizi di Statistica

Esercizi di Statistica Esercizi di Statistica Selezione di esercizi proposti durante le esercitazioni dei corsi di Statistica tenute presso la Facoltà di Economia dell Università di Salerno Versione del 17 ottobre 2006 2 Per

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S L AMMORTAMENTO Gli ammortamenti sono un altra apllicazione delle rendite. Il prestito è un operazione finanziaria caratterizzata da un flusso di cassa positivo (mi prendo i soldi in prestito) seguito da

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

Gestione del magazzino

Gestione del magazzino Gestione del magazzino Esercitazione di economia aziendale classe IV OBIETTIVI Conoscere i concetti essenziali relativi alla gestione del magazzino. Conoscere il significato di livello di riordino e di

Dettagli

Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica

Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica 6 ottobre 2015 Il comunicato dell Istat del 30 settembre sull andamento dei prezzi al consumo evidenzia in termini inequivocabili i cali registrati

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

ESAME DI ANALISI DEI DATI ECONOMICI 30 ottobre 2007 COMPITO A NOME E COGNOME..MATR..

ESAME DI ANALISI DEI DATI ECONOMICI 30 ottobre 2007 COMPITO A NOME E COGNOME..MATR.. 30 ottobre 2007 COMPITO A COG..MATR.. I confronti temporali degli aggregati economici: 1) Si metta in evidenza la distinzione fra aggregati merci ed aggregati non merci. 2) Si discuta la differenza fra

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA ART. 21 L. 69/2009

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA ART. 21 L. 69/2009 TRASPARENZA AMMINISTRATIVA ART. 21 L. 69/2009 TASSI DI ASSENZA E - MESE DI GENNAIO 2015 NON * 360 18 78,89 3,06 18,05 0 240 12 84,58 3,34 12,08 0 TASSI DI ASSENZA E - MESE DI FEBBRAIO 2015 NATURALISTICA

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata)

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 994 ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 11 gennaio 2016 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 Introduzione...2 Nuova struttura del menù dei cespiti...4 Conversione archivi...5 Aggiornamento anagrafiche...6 Anagrafica cespiti...8 Calcolo degli ammortamenti...

Dettagli

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 4. Docente: Laura Palagi

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 4. Docente: Laura Palagi Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 4 Docente: Laura Palagi Homework in Ricerca Operativa GRUPPO 4: Isabelle Pietroletti Matteo Marangio

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.)

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.) NUMER NDC Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, diendenza o interdiendenza, ecc.) si utilizzano er confrontare grandezze nel temo e nello sazio e sono dati dal raorto

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

ricovero ospedaliero/terapia salvavita/infortunio/ donazione sangue/convalescenza post-operatoria gg assenze malattia 20 458 75 1 33 31 16,38% 83,62%

ricovero ospedaliero/terapia salvavita/infortunio/ donazione sangue/convalescenza post-operatoria gg assenze malattia 20 458 75 1 33 31 16,38% 83,62% TASSI PRESENZE/ASSENZE GENNAIO 2014 20 458 75 1 33 31 16,38% 83,62% 9 189 40 11 0 21 21,16% 78,84% 26 560 51 6 0 44 9,11% 90,89% 36 834 105 22 1 74 12,59% 87,41% TASSI PRESENZE/ASSENZE FEBBRAIO 2014 20

Dettagli

Scheda di approfondimento del titolo

Scheda di approfondimento del titolo BTP Italia Scheda di approfondimento del titolo Il BTP indicizzato all Inflazione Italiana studiato per gli investitori al dettaglio 1. Cos è il BTP indicizzato all inflazione italiana Il nuovo titolo

Dettagli

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL ESERCITAZIONE GUIDATA: LE RENDITE 1. Il montante di una rendita immediata posticipata Utilizzando Excel, calcoliamo il montante di una

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di Capitalizzazione e attualizzazione finanziaria Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di interesse rappresenta quella quota di una certa somma presa

Dettagli

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ...

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ... PROVA C ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: Attrezzature 157.400,00 Riserva Legale 30.000,00 Capitale sociale 270.000,00 Crediti

Dettagli

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro)

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro) Il quadro macroeconomico Il fatturato del sistema sportivo italiano può essere valutato nel 2001 in circa 31,6 miliardi di euro. Tale cifra rappresenta la somma di quanto è speso dalle famiglie italiane,

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Daria Vigani Maggio 2014 1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane ed è costituito da 3 imprese: una agricola,

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato La volatilità dei mercati e la connessione sempre maggiore tra le dinamiche interne e l andamento

Dettagli

MATEMATICA E STATISTICA CORSO A SCIENZE BIOLOGICHE MOLECOLARI ESERCIZI PER LA PRIMA PROVA IN ITINERE DI RECUPERO

MATEMATICA E STATISTICA CORSO A SCIENZE BIOLOGICHE MOLECOLARI ESERCIZI PER LA PRIMA PROVA IN ITINERE DI RECUPERO MATEMATICA E STATISTICA CORSO A SCIENZE BIOLOGICHE MOLECOLARI ESERCIZI PER LA PRIMA PROVA IN ITINERE DI RECUPERO ARGOMENTO: PERCENTUALI 1-Se in un anno in una popolazione i nuovi nati sono l 1,2% della

Dettagli

La gestione del magazzino: scheda di magazzino, indice di rotazione a quantità fisiche e a valori; valutazione delle rimanenze finali

La gestione del magazzino: scheda di magazzino, indice di rotazione a quantità fisiche e a valori; valutazione delle rimanenze finali La gestione del magazzino: scheda di magazzino, indice di rotazione a quantità fisiche e a valori; valutazione delle rimanenze finali classe 4ª IGEA secondo quadrimestre classe 4ª IPSC secondo quadrimestre

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Preparazione all esonero di statistica del 21 ottobre 2014

Preparazione all esonero di statistica del 21 ottobre 2014 Cognome Nome 1 parte Date le seguenti coppie ordinate relative al peso e all'altezza di alcuni giovani costruire una tabella a doppia entrata con frequenze assolute e percentuali. (90,170) (98,180) (80,170)

Dettagli

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1 Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 1 Cfu - A.A. 010/011 1 Esercitazione 1: 4/09/010 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: log a) f() = 5 ( 1). b) g() = log 3 (3 6) log 13.

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

AREA TECNICA URBANISTICA 5,44 23,81 85,71 71,43 94,56 76,19

AREA TECNICA URBANISTICA 5,44 23,81 85,71 71,43 94,56 76,19 MESE GENNAIO A. NUMERO DIPENDENTI 9 7 MENSILI 2 9 7 7 3 3 2 2 D. TOTALE ASSENZE NEL MESE (+2) 27 2 3 3 D) 2 39 9 7, 2,7,, 2, 7,,7 7,3 9, 7,9 7, 92, 3,2, assenze dovute a permessi di cui alla L. /92 solo

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

% PRESENZE % ASSENZE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DOTT. DI ASCENZI TULLIO

% PRESENZE % ASSENZE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DOTT. DI ASCENZI TULLIO ADEMPIMENTI LEGGE 18 GIUGNO 29, N. 69 ANNO 211 MESE DI GENNAIO n^ Dipendenti AREE PRESENZE ASSENZE 81,25 18,75 87,5 12,5 2 ECONOMICO-FINANZIARIA 77,27 22,23 media mensile di PRESENZA 82,14 17,86 12,86

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Modalità di attribuzione del punteggio relativo all offerta economica

Modalità di attribuzione del punteggio relativo all offerta economica Informationssystem für Öffenliche Verträge Modalità di attribuzione del punteggio relativo all offerta economica Per una gara ad offerta economicamente più vantaggiosa esistono vari algoritmi che consentono

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

DET E E T R E MINAZ A IO Z N IO E DEL P

DET E E T R E MINAZ A IO Z N IO E DEL P MISURA DEL COSTO DELLA VITA Definizioni iniziali INFLAZIONE : una situazione nella quale il livello dei prezzi del sistema economico tende ad aumentare. TASSO D INFLAZIONE : è la variazione percentuale

Dettagli

ISTAT Servizio prezzi

ISTAT Servizio prezzi ISTAT Servizio prezzi Gli indici dei prezzi al consumo: aspetti relativi al sistema dei pesi e alla costruzione del paniere La determinazione del paniere dei prodotti e la metodologia di costruzione dei

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna PREZZI Indici dei prezzi al consumo Gli indici dei prezzi al consumo misurano le variazioni nel tempo dei prezzi che si formano nelle transazioni relative a beni e servizi

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

SOLUZIONI MODULO 3 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITÀ 2. I calcoli finanziari per la funzione finanza

SOLUZIONI MODULO 3 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITÀ 2. I calcoli finanziari per la funzione finanza Vivere l azienda 1 - Modulo 3 Unità 2 Verifica guidata di fine unità Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI MODULO 3 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITÀ 2 I calcoli finanziari per la funzione finanza 1. I CONCETTI

Dettagli

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 ESERCIZIO N.1 Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 Stato Patrimoniale al 31.12.2001 B) IMMOBILIZZAZIONI A) PATRIMONIO NETTO I Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - Messina 1 Emidio Tribulato SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA C 2010- Tutti i diritti

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Spett.le Associazione Nazionale Pensionati ed Esodati. Via Cesare Balbo, 35 00184 Roma. Alla c.a. del Presidente, dottor Antonio Maria Masia

Spett.le Associazione Nazionale Pensionati ed Esodati. Via Cesare Balbo, 35 00184 Roma. Alla c.a. del Presidente, dottor Antonio Maria Masia Spett.le Associazione Nazionale Pensionati ed Esodati della Banca Commerciale Italiana (ANPEC) Via Cesare Balbo, 35 00184 Roma Alla c.a. del Presidente, dottor Antonio Maria Masia Roma, 18 luglio 2006

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli