Codice di condotta aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di condotta aziendale"

Transcript

1 Watts Water Technologies Codice di condotta aziendale Il Modello Watts per le prestazioni ispirate ai migliori principi

2 La nostra missione (L obiettivo principale della nostra azienda) Migliorare il comfort, la sicurezza e la qualità della vita delle persone di tutto il mondo tramite la nostra esperienza in una vasta gamma di tecnologie idriche. Essere i migliori agli occhi dei nostri dipendenti, clienti e azionisti. La nostra visione (Le aspirazioni della nostra azienda per il futuro) Essere leader globali nella fornitura di prodotti, soluzioni e sistemi innovativi e di alta qualità per il convogliamento, la conservazione, il controllo e l uso sicuro dell acqua, con un attenzione particolare a Clienti, Innovazione e Miglioramento continuo I nostri valori (Gli standard della nostra azienda) 1. Integrità Fare sempre la cosa giusta; trattare gli altri come vorremmo essere trattati. 2. Responsabilità Agire come se si fosse il proprietario; prendere iniziative; fare ciò che si sa fare. La nostra strategia 3. Miglioramento continuo Mantenere l attenzione sul cliente; migliorare ogni giorno. 4. Apprendimento continuo Continuare a svilupparsi; cercare opportunità di crescita. L azienda ha una triplice strategia per il raggiungimento dei suoi obiettivi finanziari chiave: 1. Crescita aumentando le vendite 2. Eccellenza operativa aumentando gli utili 3. Una Watts Water agendo come un organizzazione unificata Competenze chiave dei nostri dipendenti Ci impegniamo ad attrarre, sviluppare e promuovere persone di talento che ci aiutano a creare valore per i nostri clienti e azionisti grazie alla loro capacità e disponibilità a: 1. Collaborare in gruppi di lavoro 2. Comunicare in modo efficace 3. Avviare un cambiamento positivo 4. Portare risultati 5. Fornire un lavoro di alta qualità 6. Apportare esperienza tecnica Responsabilità dei dipendenti Conoscere gli standard conformi al lavoro e all azienda. Rispettare tali standard, sempre. Fare la cosa giusta e chiedere nel caso in cui si sia incerti sul da farsi. Continuare a chiedere finché non si ottiene risposta! i

3 Cari Colleghi, Watts Water Technologies si impegna costantemente nel perseguire la propria Visione e nell operare conformemente ai propri Valori. La nostra attività aziendale si svolge attraverso luoghi geografici, climi operativi e culture diverse. Facciamo affidamento sulla nostra Visione e sui nostri Valori, per superare le differenze inerenti alle culture, al clima operativo e alle persone. Ogni giorno operiamo in ambienti di lavoro differenti, in tutte le singole strutture dislocate sul pianeta. La nostra Missione, la nostra Visione e i nostri Valori rappresentano la lingua comune che ci unisce, che focalizza il nostro impegno e che ci spinge a far sempre meglio. Per i nostri clienti, i nostri azionisti, i nostri stakeholder e per tutti voi. Watts deve la sua reputazione a prestazioni sempre ispirate ai migliori principi e a un forte senso di appartenenza aziendale. Tale reputazione si basa sul rispetto continuo dei nostri Valori, ogni giorno, nelle migliaia di interazioni che voi, agendo per nostro conto, avete con i clienti, gli azionisti, i fornitori, gli stakeholder e tra di voi, reciprocamente. Dimostrando i nostri Valori nel vostro operato, oltre alla nostra, proteggete e costruite la vostra stessa reputazione. Vi proponiamo un Codice di Condotta Aziendale, mirato a definire il nostro impegno ad operare nel rispetto del Modello Watt ispirato ai migliori principi e per aiutarvi a conoscere e vivere all altezza di questi standard. In qualità di dipendenti Watts Water, siete a tenuti a conoscere e a rispettare questo Codice di Condotta Aziendale. I riferimenti al Modello Watts (riconoscibili dal simbolo di una goccia d acqua S), unitamente a contrassegni ed esempi, vi aiuteranno a navigare attraverso il mutevole paesaggio di un azienda globale. Il modo di operare per nostro conto di ognuno di voi determina un notevole impatto sulla reputazione della nostra azienda e sul valore che noi generiamo. Vi invitiamo ad attribuire molta importanza a questa responsabilità, per conoscere i nostri standard e farli propri ogni giorno. Cordiali saluti, David J. Coghlan Presidente e Chief Executive Officer Dean P. Freeman Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer Kenneth R. Lepage General Counsel e Vicepresidente Esecutivo dell amministrazione ii

4 SOMMARIO Informazioni preliminari Impegno dei dirigenti...1 La risorsa fondamentale per l attività aziendale il Modello Watts...1 Il Modello Watts...2 La gestione degli altri secondo il Modello Watts...2 Approvazioni e deroghe...3 Violazioni e loro conseguenze...3 Risorse per operare le scelte appropriate Fiducia nel proprio istinto...5 Quando richiedere aiuto...5 Dove richiedere aiuto...5 Linea telefonica diretta di Watts Water...6 Contro le ritorsioni...7 I nostri dipendenti Il nostro impegno...8 Pari opportunità...8 Rispetto reciproco e dignità...8 Pratiche di lavoro equo...9 Salute e sicurezza dei dipendenti...10 Privacy e riservatezza dei dipendenti...11 Clienti, fornitori e mercato Il nostro impegno...12 Tutela dei consumatori, qualità e sicurezza dei prodotti...12 Antitrust e concorrenza leale...12 Pratiche etiche per le vendite e il marketing...14 Omaggi e intrattenimento...15 Collaborazione con i fornitori...17 Restrizioni al commercio internazionale...18 I nostri azionisti Il nostro impegno...20 Conflitti di interesse...20 Insider Trading...21 Report finanziari accurati...22 Tutela del patrimonio...23 Gestione dei record...24 Le comunità e la società Il nostro impegno...26 Tutela ambientale...26 Anticorruzione...27 Comunità e coinvolgimento politico...28 Accuratezza delle comunicazioni e delle informative...28 iii

5

6 INFORMAZIONI PRELIMINARI IMPEGNO DEI DIRIGENTI Watts Water si impegna a condurre gli affari conformemente alla lettera e allo spirito della legge, agli elevati standard di condotta etica dell Azienda e in accordo con i nostri Valori. Il Modello Watts ispirato ai migliori principi interviene in questo contesto. Più che una mera descrizione delle nostre politiche, il Codice è il fulcro di un insieme complessivo di standard che descrivono come operiamo, supportato dal Consiglio di Amministrazione e dai dirigenti. Esso è destinato a guidare tutti i dipendenti attraverso le diverse interazioni nell ambito dell ambiente di lavoro, vissute da loro ogni giorno. LA RISORSA FONDAMENTALE PER L ATTIVITÀ AZIENDALE IL MODELLO WATTS Il codice è una risorsa globale per assistere ciascuno di noi a: Comprendere e applicare le principali norme di comportamento relative alle mansioni Sapere quando chiedere aiuto Sapere a chi rivolgersi in caso di incertezze sul corretto svolgimento delle attività Inoltre il Codice evidenzia norme e politiche importanti applicabili a tutti coloro che lavorano in Watts Water, a prescindere dal titolo, dall importanza, dall occupazione o dalla sede. In quanto azienda globale, rispettiamo la legislazione vigente nei paesi in cui operiamo. In qualità di rappresentanti dell Azienda, avete la responsabilità di acquisire familiarità e conoscere le norme di condotta relative alle vostre mansioni e riportate nel Codice. Inoltre, le interazioni con l esterno per nostro conto dovranno essere improntate sui nostri valori di integrità, rispetto e costante miglioramento. La lettura del Codice deve svolgersi congiuntamente con le nostre politiche e procedure specifiche, molte delle quali eccedono i requisiti minimi di legge previsti nei luoghi in cui operiamo. Inoltre, tale responsabilità prevede la richiesta di consigli quando necessario, esprimendo eventuali preoccupazioni e comunicando al Management le possibili violazioni del nostro Codice di gestione, affinché sia possibile migliorare il nostro operato aziendale. Se si ritiene che una disposizione del codice possa contravvenire a una legge, regolamento, o a un altra politica aziendale, si prega di rivolgersi a una risorsa aziendale adeguata, quale un consulente aziendale o le Risorse Umane. In caso di dubbio, applicare gli standard più rigorosi o chiedere aiuto. 1

7 INFORMAZIONI PRELIMINARI S IL MODELLO WATTS Il lavoro è svolto in modo adeguato quando: Ci si mantiene informati. Si comprende e ci si attiene alle politiche e alle norme pertinenti al proprio lavoro; si partecipa alle sessioni formative di condotta aziendale; si dedica tempo alla lettura e all informazione sugli aggiornamenti degli standard; si collabora con i colleghi per garantire che tutti siano a conoscenza degli ultimi aggiornamenti. Si ricerca una guida. Nessuno è tenuto a conoscere tutte le risposte, ma ci si aspetta che in caso di incertezza sul piano di azione più adeguato si chieda aiuto e consiglio ad altri. Si mantiene la propria integrità. Il raggiungimento degli obiettivi aziendali non giustifica di compromettere il rispetto degli standard o la propria integrità personale. Se si presenta l opportunità di seguire scorciatoie, sappiate che siete tenuti ad agire nel modo più appropriato e avrete comunque il pieno appoggio del management. Si evidenziano i problemi. Il proprio punto di vista è importante. Ci si aspetta e si incoraggia che ciascuno parli di ciò che non sembra giusto oppure di una possibile violazione o problema, anche se si è nel dubbio. Non bisogna dare per scontato che se si tratta di una pratica diffusa allora non è un problema, né che l alta dirigenza ne sia a conoscenza o che ci penserà qualcun altro. Oltre a esprimere i propri dubbi, si è inoltre incoraggiati a proporre idee che aiuteranno a gestire meglio e a migliorare le nostre responsabilità aziendali. Vi sarà chiesto di certificare il vostro impegno al rispetto degli standard di condotta descritte nel presente Codice, salvo il caso in cui ciò non sia consentito dalle leggi locali. S LA GESTIONE DEGLI ALTRI SECONDO IL MODELLO WATTS Se le proprie mansioni prevedono la gestione o la supervisione di altre persone, significa che si è stati collocati in una particolare posizione di fiducia. Per mantenerla, si dovrà sempre garantire di: Essere un modello positivo. Mostrare cosa significa agire con integrità nelle decisioni e nelle azioni di tutti i giorni. Assumersi la responsabilità della propria condotta e di quella della propria squadra, ed essere pronti a doverne dare conto. Accrescere la consapevolezza e comprensione. Usare la conoscenza della propria attività per aiutare le persone nell individuare e affrontare i rischi che possono insorgere nell ambiente di lavoro. Impostare obiettivi appropriati. Stabilire obiettivi chiari, misurabili e impegnativi, ma solo a condizione che possano essere raggiunti senza compromettere i valori e le norme. Essere reattivi. Reagire in modo appropriato a chi solleva dubbi a proposito della condotta aziendale. Monitorare la condotta delle persone e agire in modo equo, appropriato e coerente quando non allineata agli standard. 2

8 INFORMAZIONI PRELIMINARI APPROVAZIONI E DEROGHE Gran parte delle politiche e dei criteri standard descritti nel Codice devono essere strettamente osservati. Determinati casi possono costituire eccezioni: in ogni caso queste saranno accordate esclusivamente dal Comitato direttivo dei dirigenti per la responsabilità aziendale. Alcune politiche o attività prevedono un reporting anticipato, dichiarazioni o approvazioni. Altre transazioni commerciali sono complesse o richiedono report e requisiti contabili specifici, quali ad esempio i rapporti aziendali o di lavoro con gli enti pubblici. In questi casi, accertare che siano stati perfezionati tutti i report e le approvazioni necessarie. Eventuali deroghe al presente Codice per dirigenti o amministratori possono essere autorizzate esclusivamente dal Consiglio di Amministrazione e dovranno essere tempestivamente comunicate. VIOLAZIONI E LORO CONSEGUENZE I casi seguenti rappresentano esempi di azioni che ai sensi del Codice possono determinare un azione disciplinare nei confronti di manager e dipendenti: Violazione delle leggi o delle norme Aziendali Istigazione o incoraggiamento di altri a violare le leggi e gli standard Aziendali Omissione di comunicazione di violazioni note o sospette di leggi e standard Aziendali Omissione di controllo della condotta di subordinati, agenti o fornitori per i quali si hanno responsabilità di supervisione Comportamento non collaborativo o dichiarazioni false durante un indagine Reazioni contro altri in seguito a presentazione o relazione inerenti la condotta Aziendale Comunicazione intenzionale o consapevole di un accusa o di un problema falso Altro comportamento non coerente con un ambiente Aziendale basato su integrità elevata e conformità alla normativa 3

9 INFORMAZIONI PRELIMINARI VIOLAZIONI E LORO CONSEGUENZE Chiunque violi il Codice o le politiche in esso sottostanti può essere soggetto a provvedimenti disciplinari, fino al licenziamento. Il tipo di azione disciplinare si baserà sulle specifiche circostanze e sulla gravità dei singoli casi e sarà coerente con le normative locali e gli eventuali contratti di lavoro previsti. Inoltre, qualora sia commesso un atto illegale, l Azienda può rivolgersi alle forze dell ordine. Violazioni della legge possono determinare azioni legali contro di voi, i colleghi o contro l Azienda, e potrebbero tradursi in: Revoca delle licenze e delle certificazioni Gravi sanzioni penali e finanziarie Reclusione Cessazione delle attività aziendali Perché è importante? Perché sono in gioco il vostro lavoro e quello dei colleghi, la vostra posizione nella collettività e la reputazione dell Azienda. Ecco perché la comprensione di questo Codice e della propria responsabilità ai sensi dello stesso è estremamente importante. STOP 4

10 RISORSE PER OPERARE LE SCELTE APPROPRIATE FIDUCIA NEL PROPRIO ISTINTO Vi trovate nella posizione migliore per distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Prima di prendere una decisione o eseguire una direttiva occorre considerare il possibile impatto sui nostri valori e sull Azienda. A tal fine chiedetevi: a Viola la legge o una politica aziendale? a Influisce sugli altri in modo negativo? a Esprimo un giudizio senza alcun conflitto di interessi, o mi trovo nella posizione di restituire un favore? a Mi sentirei a mio agio nello spiegare la decisione alla mia famiglia o al pubblico? a E infine: qual è la cosa giusta da fare? QUANDO RICHIEDERE AIUTO Se lo svolgimento delle azioni non è chiaro, dovreste rivolgervi a qualcuno per un consiglio o per assistenza. Ad esempio, se: Si è incerti su quali siano le politiche Aziendali applicabili a una specifica situazione Le leggi o i requisiti presentano complessità e sono difficili da interpretare Si dispone di un esperienza limitata sulla materia in oggetto Sicuramente non si è nella condizione di fare la cosa giusta! DOVE RICHIEDERE AIUTO Ci si aspetta e vi incoraggiamo a sollevare i dubbi dapprima rivolgendovi a una risorsa interna, nella misura in cui ciò sia coerente con la legge applicabile. In tal modo è possibile migliorare continuamente i sistemi e l ambiente di lavoro. Ciò comprende situazioni in cui si è a conoscenza o si sospetta che una delle parti di seguito siano state (o stanno per essere) coinvolte in attività illegali o non etiche: Dipendenti o manager Agenti o terze parti che agiscono per conto dell Azienda Distributori, clienti o utenti finali Fornitori o sub-appaltatori Partner di joint venture Numerosi canali di comunicazione interna garantiscono che le vostre domande o dubbi siano indirizzati in modo appropriato. Sebbene si debba optare per il canale con il quale ci si trova maggiormente a proprio agio, in genere il punto di inizio migliore è il superiore o il manager diretto. È possibile sollevare domande o dubbi rivolgendosi ai gradini superiori della scala gerarchica (per esempio, al 5

11 RISORSE PER OPERARE LE SCELTE APPROPRIATE supervisore del supervisore, e così via), oppure a una risorsa o a un esperto in materia interni all Azienda, quali il dipartimento delle Risorse Umane o l Ufficio Legale. LINEA TELEFONICA DIRETTA DI WATTS WATER Se si desidera segnalare un problema con riservatezza, è possibile rivolgersi alla linea diretta di Watts Water chiamando il numero , oppure utilizzare il sito dedicato all assistenza I numeri telefonici della linea diretta locale per ciascun paese in cui Watts Water svoolge le attività commerciali sono disponibili sul sito web dell assistenza. Non solo questo canale di comunicazione è sempre disponibile, ma è particolarmente utile se ci si sente a disagio con un altro canale di comunicazione, oppure nel caso in cui altri canali si siano dimostrati inefficaci nel risolvere un problema. La linea diretta è disponibile per i dipendenti e per le terze parti con cui manteniamo rapporti di lavoro (come distributori o fornitori), 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana. La linea diretta offre assistenza dedicata tramite una terza parte appositamente formata in materia di comunicazioni di possibili violazioni del Codice. Linea diretta Watts Water

12 RISORSE PER OPERARE LE SCELTE APPROPRIATE Nell utilizzo della linea diretta, l Azienda incoraggia a identificare sé stessi, in quanto ciò consente di esaminare il problema in modo esaustivo. L indicazione del nome ci consente di contattare l utente per eventuali ulteriori informazioni e ci aiuta a monitorare la situazione per garantire che non si verifichino ritorsioni in relazione a una comunicazione in buonafede. Sebbene l Azienda si impegni nel mantenere riservata la vostra identità, potrebbero crearsi circostanze in cui ciò sia richiesto dalla legge oppure si renda necessario per indagare a fondo e risolvere i problemi. In ogni caso, contattando la linea diretta, è possibile mantenere l anonimato (ad eccezione di problemi nell Unione Europea). Se si sceglie di rimanere anonimi, è importante fornire informazioni dettagliate e verificare regolarmente gli aggiornamenti di stato o le richieste di informazioni da parte del team incaricato di indagare sul problema. Un problema comunicato tramite la linea diretta viene considerato seriamente e ad esso seguono sempre interventi da parte nostra. Sebbene sia possibile non essere in grado di condividere con voi i risultati dettagliati delle nostre indagini o le azioni intraprese, faremo sempre tutto il possibile per informarvi sullo stato del problema, affinché sappiate che esso è oggetto di una reazione adeguate. Unione Europea: Si prega di notare che alcune leggi europee sulla privacy non prevedono la possibilità di denunciare alcune specifiche categorie di fatti tramite la linea telefonica diretta dell Azienda. È necessario quindi comunicarli a una risorsa locale. Alcuni paesi dell Unione Europea prevedono inoltre ulteriori limitazioni alla possibilità di mantenere l anonimato, oppure queste valgono per problemi che non si riferiscono al settore finanziario, contabile o di revisione. In questi casi, le persone della linea diretta aziendale vi inoltreranno alla risorsa appropriata in grado di fornire assistenza. CONTRO LE RITORSIONI Watts Water proibisce ritorsioni contro chiunque riporti un problema in buonafede o prenda parte a un indagine, anche nel caso in cui la denuncia finisca per rivelarsi infondata. Tutti coloro che, indipendentemente dalla posizione o dall incarico, risultano essere coinvolti in atteggiamenti di ritorsione contro chiunque abbia sollevato un problema inerente l agire in buonafede, saranno soggetti ad azioni disciplinari, tra cui il licenziamento. Se si ritiene di aver subito ritorsioni, contattare la linea diretta di assistenza. In ogni caso si tenga presente che la nostra politica contro le ritorsioni non esenta da eventuali sanzioni disciplinari per un possibile atto di condotta impropria. 7

13 I NOSTRI DIPENDENTI IL NOSTRO IMPEGNO Il nostro successo dipende dal mantenimento di una diversità di persone di talento che condividono la nostra visione e i nostri stessi valori. Ci impegniamo per il rispetto e la dignità dei nostri colleghi e desideriamo fornire un luogo di lavoro libero da discriminazioni, molestie, mobbing, attività illegali e condizioni non sicure. PARI OPPORTUNITÀ In qualità di datore di lavoro impegnato nei confronti delle pari opportunità, selezioniamo, assumiamo, compensiamo, formiamo, promuoviamo e licenziamo i dipendenti conformemente a tutte le leggi e i regolamenti applicabili, senza distinzioni di razza, colore, religione, età, genere, origine nazionale, cittadinanza, stato civile, orientamento sessuale, disabilità, stato di veterano o altro status protetto. S Il Modello Watts: S Assumere decisioni inerenti l impiego sulla base delle capacità e dei meriti reali dell individuo, non sulle caratteristiche personali non correlate alle mansioni S Offrire sistemazioni ragionevolmente adeguate a persone con disabilità o che seguono determinati credo religiosi S Attribuire valore alla diversità e comprendere tutti, indipendentemente dal background Chiedere aiuto se si notano: Giudizi in base a fattori estranei alle capacità o all incarico da svolgere Discriminazioni in relazione a decisioni inerenti il reclutamento e l assunzione, la retribuzione, la formazione, la promozione o il licenziamento Rifiuto di lavorare o collaborare con determinate persone per motivi di razza, religione, sesso o altra caratteristica protetta dalla legge RISPETTO RECIPROCO E DIGNITÀ Dignità e rispetto reciproco dovrebbero costituire la base delle interazioni con i colleghi. Si dovrebbe evitare qualsiasi forma di comportamento compromettente la fiducia, la qualità dell ambiente di lavoro o l integrità del processo decisionale. L Azienda vieta comportamenti che creano o contribuiscono all instaurarsi di un clima intimidatorio, ostile o offensivo nell ambiente di lavoro. 8

14 I NOSTRI DIPENDENTI RISPETTO RECIPROCO E DIGNITÀ S Il Modello Watts: S Trattare gli altri come vorremmo essere trattati S Riconoscere e rispettare persone con punti di vista diversi dal proprio S Lavorare in modo civile e costruttivo anche in caso di disaccordi o conflitti S Mantenere un ambiente di lavoro professionale Chiedere aiuto se si notano: Approcci sessuali indesiderati, irrispettosi, sconvenienti o molestie Battute sboccate, commenti offensivi, arroganti, disegni o fotografie indecenti Bullismo, minacce, intimidazioni, svilimento altrui, oltraggi verbali o fisici Domanda: Una persona del nostro team ha problemi di udito. È un grande lavoratore. Può parlare, ma in modo molto diverso dagli altri. Alcune persone si prendono gioco di lui. Ritengo che ciò sia imbarazzante e inoltre è un male per il lavoro di squadra. Cosa devo fare? Risposta: Il comportamento descritto è inaccettabile. Sono disponibili diverse opzioni. Si potrebbe provare a parlare con le persone coinvolte - spesso l intervento dei colleghi è risolutivo per questo tipo di problemi. Oppure si potrebbe comunicare il problema al dipartimento delle Risorse Umane, dove le persone sono addestrate ad affrontare tali problemi. La linea telefonica diretta di Watts Water è sempre disponibile. PRATICHE DI LAVORO EQUO Oltre a mantenere la conformità dell Azienda nel rispetto delle leggi sul lavoro, le pratiche di lavoro equo di Watts rappresentano molto di più. Esse caratterizzano la nostra capacità di attrarre e trattenere i talenti migliori per la nostra forza lavoro. Ci impegniamo a rispettare le leggi relative alla libertà di associazione, alla contrattazione collettiva, all immigrazione, a salari, orari, benefici, nonché a quelle leggi che proibiscono il lavoro minorile forzato e coatto. S Il Modello Watts: S Verificare l ammissibilità al lavoro dei dipendenti S Assicurare ai dipendenti il compenso adeguato per le ore regolari e per gli straordinari, conformemente alla legislazione locale S Assicurare che la settimana lavorativa, le pause e i giorni di riposo e le prestazioni siano conformi alla normativa vigente locale 9

15 I NOSTRI DIPENDENTI PRATICHE DI LAVORO EQUO Inoltre, esigiamo che: Le persone siano assunte solo con documenti autentici comprovanti l idoneità al lavoro Ai dipendenti sia garantita la contrattazione collettiva senza coercizione o interferenze La settimana lavorativa non ecceda il massimo consentito dalla legge, o, qualora non siano indicati limiti massimi, non superiore a 60 ore alla settimana nei periodi in cui non vi siano picchi di produzione (8 mesi su 12) o a 72 ore alla settimana nei mesi di picco (4 mesi su 12) I dipendenti dispongano di almeno un giorno di riposo ogni 7, nei periodi in cui non vi sono picchi di produzione I dipendenti siano pagati per tutte le ore lavorate, senza buste paga o deduzioni salariali illegali o non autorizzate Vi sia una registrazione accurata di tutte le ore lavorate Siano rispettati tutte le festività riconosciute per legge, i periodi di riposo o i giorni di ferie Sia proibito il lavoro minorile (ragazzi sotto i 15 anni) o coatto (tramite vincoli, contratti o forzato) Il pagamento sia liquidato ai dipendenti che lo hanno guadagnato (salvo i casi in cui sia ciò sia richiesto dalla sentenza di pignoramento emessa da un tribunale o comunque concordato con il dipendente) Il documento identificativo originale del dipendente emesso da un ente pubblico, il passaporto o il permesso di lavoro non sia trattenuto senza il consenso scritto SALUTE E SICUREZZA DEI DIPENDENTI Ci impegniamo a salvaguardare la salute e la sicurezza dei singoli dipendenti. Siamo convinti che sia possibile prevenire gli infortuni e le malattie occupazionali. Non esistono attività talmente importanti da non potersi svolgere in modo sicuro, e non esiste alcun compromesso per il benessere dell individuo. Un ambiente di lavoro sicuro e protetto significa inoltre un luogo esente da sostanze illegali e violenza. S Il Modello Watts: S Rispettare sempre tutte le vigenti leggi sulla sicurezza, i regolamenti e le politiche e incoraggiare le persone a fare altrettanto S Interrompere immediatamente qualsiasi attività nel momento in cui vi siano chiari segnali di rischio per il lavoratore S Intraprendere solo le attività per cui si è formati, competenti, idonei fisicamente e sufficientemente riposati e vigili S Avvisare tempestivamente il supervisore di turno di qualsiasi incidente, infortunio, malattia, condizione non sicura o minaccia di violenza 10

16 I NOSTRI DIPENDENTI SALUTE E SICUREZZA DEI DIPENDENTI Chiedere aiuto se si notano: Attività di lavoro o condizioni poco sicure Possesso, uso o distribuzione di sostanze stupefacenti illegali o altre sostanze controllate, nei locali dell Azienda, senza autorizzazione medica Minacce, intimidazioni o altre violenze Domanda: Sarò penalizzato se interrompo il lavoro a causa di dubbi sulla sicurezza? Risposta: Ci impegniamo a garantire un luogo di lavoro sicuro per tutti e ciò comprende l interrompere il lavoro e il rivolgersi a un supervisore in caso di dubbi. Prevenire è meglio che curare. Se non è possibile affrontare i problemi di sicurezza con il manager locale, utilizzare la linea telefonica di Watts. PRIVACY E RISERVATEZZA DEI DIPENDENTI Crediamo nel rispetto della riservatezza delle informazioni personali dei nostri dipendenti. Ciò significa che l accesso ai record personali dovrebbe essere limitato al personale dell Azienda che ha l autorizzazione appropriata e la reale necessità aziendale di accedere a tali informazioni. I dipendenti che hanno accesso ai dati personali devono rispettare le opportune norme di riservatezza inerenti l uso di tali informazioni. Inoltre devono essere a conoscenza di eventuali restrizioni e/o requisiti legali relativi allo spostamento dei dati personali al di fuori del paese di origine. Non fornire mai informazioni personali dei dipendenti richieste da persone sprovviste di autorizzazione adeguata. I dati personali, le informazioni o le comunicazioni elettroniche creati o conservati nei computer aziendali o su altri supporti elettronici quali dispositivi palmari non sono privati. Le comunicazioni elettroniche degli utenti possono essere effettuate e utilizzate per un gran numero di ragioni e possono essere soggette a monitoraggio o controllo in qualsiasi momento, senza preavviso. Pertanto è opportuno tenerlo presente e agire opportunamente nell utilizzo dei supporti elettronici dell azienda. S Il Modello Watts: S Raccogliere, elaborare e utilizzare i dati personali dei dipendenti solo per scopi legittimi S Usare dati anonimi, parziali o di sostituzione ove possibile (ad esempio utilizzare i numeri identificativi aziendali anziché quelli della previdenza sociale) S Memorizzare e trasmettere le informazioni private mediante file e dispositivi crittografati per impedire l accesso non autorizzato Per ulteriori dettagli e per una Guida di riferimento, consultare Politiche sulla sicurezza delle informazioni. 11

17 CLIENTI, FORNITORI E MERCATO IL NOSTRO IMPEGNO Watts Water si impegna a creare valore per i propri clienti offrendo loro prodotti innovativi, sicuri e di alta qualità. Promuoviamo i nostri prodotti in modo onesto e adottiamo politiche di concorrenza leali. Instauriamo relazioni con quanti condividono il nostro impegno orientato a pratiche commerciali etiche e sostenibili. Tali rapporti intendiamo costruirli sul lungo termine, ispirati ai principi di integrità, rispetto e miglioramento costante. TUTELA DEI CONSUMATORI, QUALITA E SICUREZZA DEI PRODOTTI L innovazione è al centro delle nostre attività. Qualità e sicurezza sono le caratteristiche che il mercato si attende, a ragione, da noi. L integrità dei nostri prodotti dipende da collaboratori sempre attenti a osservare pratiche di produzione efficaci, conformi a tutti i requisiti legali, normativi, contrattuali e qualitativi. S Il Modello Watts: S Fornire prodotti che creano valore equo per i nostri clienti, facili da ordinare, ricevere e installare S Rispettare tutti i requisiti legali, normativi, qualitativi e contrattuali che regolano la produzione S Ricercare metodi di innovazione dei prodotti coerenti con le nostre strategie commerciali e offrire soluzioni eco-compatibili per i nostri clienti Chiedere aiuto se si notano: Sostituzioni di parti o materie prime da integrare nei nostri prodotti senza la debita autorizzazione Scorciatoie sulla qualità o la sicurezza al fine di soddisfare obiettivi di produzione o di programma Falsificazioni o travisamenti dei risultati della ricerca di prodotto, sulla qualità o sui test di sicurezza ANTITRUST E CONCORRENZA LEALE Il nostro obiettivo è superare la concorrenza - in modo leale e onesto. Disponiamo di una strategia aziendale, di una linea di prodotti e di forza lavoro eccellenti: non abbiamo bisogno di ricorrere a mezzi sleali o disonesti per vincere sul mercato, né lo faremo mai. Ci atteniamo rigorosamente alle cosiddette leggi sulla concorrenza di molti paesi nonché alle leggi antitrust in vigore negli Stati Uniti. Tali norme sono alla base dei liberi mercati del mondo. In genere le leggi sulla concorrenza proibiscono accordi contro la concorrenza, quali ad esempio il fissare i prezzi con la concorrenza o la ripartizione delle quote di mercato. Operando entro i confini della concorrenza leale e delle leggi antitrust, trasmettiamo valore ai nostri clienti e fornitori rifiutando tutti quei comportamenti che compromettono l equità, la stabilità e l apertura dei mercati. 12

18 CLIENTI, FORNITORI E MERCATO ANTITRUST E CONCORRENZA LEALE S Il Modello Watts: S Competere in base ai meriti dei nostri prodotti e servizi senza tentare di frenare o limitare la concorrenza S Mantenere una distanza professionale dai concorrenti ed evitare contatti che potrebbero dare l impressione di accordi impropri, separati informali S Mantenere la massima riservatezza sulle informazioni relative all Azienda e ai suoi clienti e fornitori, evitando situazioni in cui tali informazioni potrebbero giungere a un concorrente Chiedere aiuto se si notano: Accordi o colloqui con un concorrente relativi a: - prezzi, formulazioni di prezzo, costi o profitti - offerte contrattuali, piani di marketing o territori di vendita - termini o condizioni di vendita - quote di mercato, capacità di vendita, volumi di produzione - suddivisione di clienti o di linee di prodotto - fornitori, metodi di approvvigionamento o di distribuzione Presentazione delle offerte contraffatte o offerte per scopi diversi dalla chiusura della vendita Accordi o discussioni con clienti che limitano il prezzo o altri termini relativi alle condizioni di rivendita del prodotto da parte del cliente Raccolta di informazioni sui concorrenti mediante mezzi inadeguati, fuorvianti o disonesti Coinvolgere sempre l Ufficio Legale prima di: Concludere accordi di joint venture, fusioni, acquisizioni e marketing, acquisti o simili contratti di collaborazione con i concorrenti Stabilire accordi di esclusiva (ad esempio contratti che richiedono a una società di utilizzare solo i nostri prodotti) Abbinare o aggregare insieme prodotti diversi (ad esempio i contratti che obbligano un acquirente che vuole un prodotto ad acquistare anche un secondo prodotto legato ) 13

19 CLIENTI, FORNITORI E MERCATO ANTITRUST E CONCORRENZA LEALE Domanda: Nei giorni scorsi il manager mi ha detto che sapeva non avremmo vinto un offerta alla quale abbiamo lavorato nelle ultime due settimane. Quando gli ho chiesto come facesse a saperlo, mi ha risposto che non era il nostro turno e che toccava al nostro concorrente. Questa situazione va bene? Risposta: No, non va bene. Se quanto affermato dal manager è vero, ciò potrebbe costituire una turbativa d asta, ovvero i potenziali venditori cospirano per predeterminare il vincitore dell offerta. Questa è una violazione delle leggi sulla concorrenza leale in quanto viene eliminata la possibilità di concorrere fra i fornitori cospiratori. Attività come questa devono essere sicuramente segnalate. PRATICHE ETICHE PER LE VENDITE E IL MARKETING Siamo impegnati a promuovere i nostri servizi con onestà e a informare i nostri clienti sull uso appropriato dei nostri prodotti. Ciò si traduce nella necessità di chiarezza, accuratezza e verità nella presentazione delle caratteristiche, della qualità o dei pericoli potenziali insiti nei nostri prodotti. Si dovrebbe inoltre evitare di dichiarare il falso sui concorrenti. S Il Modello Watts: S Utilizzare solo richieste di materiale pubblicitario, di marketing o di vendita motivate S Includere istruzioni per l uso del prodotto e avvertenze che siano comprensibili dall utente finale in modo semplice e chiaro S Garantire che i prodotti siano etichettati in modo appropriato e conformemente ai requisiti legali, normativi o contrattuali S Differenziare l Azienda dalla concorrenza basandosi esclusivamente su raffronti concreti Chiedere aiuto se si notano: Amplificazioni delle caratteristiche dei nostri prodotti Esposizione non chiara dei rischi o dei pericoli eventualmente associati ai nostri prodotti Etichettatura imprecisa dei prodotti, comprese le informazioni sul paese d origine Promesse irrealistiche sulla produzione, la disponibilità o la consegna di prodotti 14

20 CLIENTI, FORNITORI E MERCATO OMAGGI E INTRATTENIMENTO Spesso lo scambio di atti di cortesia aziendali, quali omaggi, favori e intrattenimento, rientra nella costruzione di buoni rapporti di lavoro. Sebbene gli omaggi e l intrattenimento partecipino alla realizzazione di rapporti di cordialità, essi potrebbero far dubitare sul motivo implicito che spinge una persona a farli. In breve, omaggi e intrattenimento possono creare Conflitti di interesse. Come regola generale, non si dovrebbe offrire un atto di cortesia aziendale se ciò fa sembrare parziali o se si sta tentando di influire su una decisione commerciale. Allo stesso modo, non si dovrebbe mai richiedere un atto di cortesia aziendale, né accettarle da terzi, qualora ciò possa essere scambiato per il tentativo di compromettere la propria obiettività nel prendere una decisione commerciale. Anche solo un impressione di influenza impropria potrebbe essere percepita dai nostri soci, colleghi compresi, come una mancanza di integrità. E meglio andare sul sicuro e rifiutare educatamente l opportunità quando e se dovesse presentarsi. Per ulteriori dettagli e una guida di riferimento: L Azienda prevede alcuni Criteri di conformità per gli atti di cortesia aziendali. Consultarli sempre prima di accettare oppure di offrire omaggi o intrattenimenti a colleghi di lavoro. Alcune categorie di atti di cortesia aziendali richiedono il benestare anticipato da parte dell azienda. In questi casi prima di offrirli o di accettarli è meglio consultare i Criteri o rivolgersi al Direttore amministrativo del dipartimento Finanze locale. I Criteri di conformità per gli atti di cortesia aziendali sono consultabili sul Portale delle comunicazioni dell Azienda Connect. In alternativa è possibile richiederne consultando il direttore amministrativo locale. Si tenga presente che queste linee guida considerano gli obiettivi legali e di conformità al di là degli obiettivi di budget. I dipendenti non possono oltrepassare i limiti aziendali effettuando pagamenti personali o rifiutando il rimborso di importi eccedenti i limiti stabiliti dalla politica aziendale o dalle linee guida. Requisiti generali: È possibile offrire, donare, o ricevere un atto di cortesia aziendale a condizione che: L atto di cortesia sia ragionevole in termini di quantità, in forma non monetaria (compresi gli equivalenti in denaro quali i buoni omaggio), e sia offerto in modo aperto e trasparente, per non essere percepito come un tentativo di ottenere scorrettamente un vantaggio aziendale. Gli atti di cortesia aziendali forniti dai responsabili dell azienda devono siano offerti solo in occasione di promozioni, dimostrazioni o spiegazione dei prodotti o dei servizi aziendali, o per fini generici di benevolenza nei confronti della clientela. L atto di cortesia aziendale non sia mai offerto o consegnato nei casi in cui lo scopo sia quello di influire in modo scorretto su un funzionario governativo o responsabile per le decisioni aziendali, per approfittare della loro posizione o per condizionarne le azioni (si veda anche anche anticorruzione, in questo Codice). 15

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta Group Codice di Condotta Il di VimpelCom delinea le regole di condotta aziendali di VimpelCom unitamente a linee-guida per spiegare come esse si applichino nella pratica a ciascun dipendente VimpelCom.

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La Normativa del Lavoro in Cina

La Normativa del Lavoro in Cina La Normativa del Lavoro in Cina di Giovanni Pisacane g.pisacane@greatwayadvisory.com www.greatwaylimited.com Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti LA NORMATIVA DEL

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1 Vivere nel rispetto dei nostri valori Il nostro Codice di condotta Il nostro Codice di condotta 1 La promessa di GSK Mettere i nostri valori al centro di ogni decisione che prendiamo Tutti insieme, noi

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009 Codice di Condotta Aziendale ed Etica Luglio 2009 Contenuto 3 Messaggio dell'amministratore Delegato di Flextronics 4 La Cultura di Flextronics 5 Introduzione 5 Approvazioni, emendamenti e deroghe 6 Rapida

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO SOGGETTO PROMOTORE Società R.T.I. SpA, con sede legale a Roma, Largo del Nazareno 8 e con sede amministrativa in Cologno Monzese (MI) viale Europa

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli