Gestione documentale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione documentale"

Transcript

1 La gestione documentale nelle Amministrazioni pubbliche. Le iniziative promosse dalla Direzione Generale per gli Archivi e lo stato dell arte dei progetti interistituzionali Gestione documentale Premesse La gestione documentale e degli archivi in formazione ed il suo ruolo nel processo di riforma della PA L archivio e la sua duplice valenza: gestionale e culturale

2 Gestione documentale La produzione normativa legata alla riforma PA mette in evidenza l importanza dei sistemi documentari per il buon funzionamento delle PPAA Il sistema documentario, che deve essere gestito con le nuove tecnologie, emerge quale punto nevralgico e strategico per il buon svolgimento dell attività amministrativa; per la sua corretta gestione occorrono: continuo aggiornamento strumenti di gestione adeguati per le diverse funzionalità della gestione documentale, sempre più orientata verso la dematerializzazione Gestione documentale Sistema documentario Comprende ARCHIVIO: complesso dei documenti prodotti e acquisiti nel corso dell attività istituzionale di un soggetto SISTEMA DI GESTIONE DEI DOCUMENTI : insieme delle attività finalizzate a registrazione, classificazione ed organizzazione dei documenti; complesso delle regole, strumenti, risorse umane e strumentali.

3 Gestione documentale Manuale di gestione (DPCM ) E il principale strumento di regolamentazione che descrive sistema di gestione e conservazione dei documenti e contiene le informazioni necessarie per il corretto funzionamento del servizio. Strumento nuovo di organizzazione sotto il profilo regolamentare ed informatico; deve essere trasparente, reso pubblico anche in rete, perché sia noto a impiegati e cittadini. Deve raccordarsi con altri strumenti specifici per le diverse funzionalità Archivio corrente: attività e strumenti Per le diverse funzioni del sistema sono necessarie appositi strumenti: Registrazione Classificazione Linee guida redazione oggetti e anagrafiche (per es. AURORA) Piani di classificazione Fascicolazione Trasmissione Selezione/conservazione Piani di fascicolazione (per es. N.In.F.A.) Linee guida utilizzo Posta elettronica, PEC Massimario di conservazione

4 Gestione documentale L archivio è nello stesso tempo strumento gestionale e bene culturale; ne discende la necessità della gestione integrata tra Amministratine produttrice e Amministrazione archivistica (Soprintendenze Archivistiche per gli archivi degli enti pubblici e dei privati, Archivi di Stato per gli archivi statali) Codice Beni culturali D. lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, Codice Beni culturali Art. 10 c.2. Sono inoltre beni culturali: art. b) gli archivi e i singoli documenti dello Stato, delle regioni, degli altri enti pubblici territoriali, nonché di ogni altro ente ed istituto pubblico;.. c. 3 archivi privati dichiarati Art La vigilanza sui beni culturali, sulle cose di cui all art.12, comma 1, nonché sulle aree interessate da prescrizioni di tutela indiretta compete al Ministero

5 Codice Beni culturali Art. 30 obblighi conservativi 1. Lo Stato, le regioni, gli altri enti pubblici territoriali nonché ogni altro ente ed istituto pubblico hanno l'obbligo di garantire la sicurezza e la conservazione dei beni culturali di loro appartenenza. 4. I soggetti indicati al comma 1 hanno l'obbligo di conservare i propri archivi nella loro organicità e di ordinarli. I soggetti medesimi hanno altresì l obbligo di inventariare i propri archivi storici, costituiti dai documenti relativi agli affari esauriti da oltre quaranta anni ed istituiti in sezioni separate. Copia degli inventari e dei relativi aggiornamenti e' inviata alla soprintendenza, nonché al Ministero dell'interno per gli accertamenti di cui all'articolo 125. Codice Beni culturali Art. 30 c. 4 obblighi per enti pubblici conservare archivi nella loro organicità significa predisporre mezzi e procedure perché l archivio corrente nasca ben ordinato

6 Codice Beni culturali D. lgs 42/2004 Art. 41 Commissioni di sorveglianza hanno il compito di vigilare su corretta tenuta degli archivi correnti e di deposito, collaborare alla definizione dei criteri di organizzazione gestione e conservazione dei documenti proporre scarti curare versamenti Direzione Generale per gli Archivi La Direzione Generale per gli Archivi è al vertice dell Amministrazione archivistica, che si avvale di una rete di uffici periferici: Archivi di Stato Soprintendenze archivistiche. Alla DGA compete la direzione tecnicoscientifica dell intero settore: tutela, conservazione, sorveglianza sugli archivi, vigilanza, formazione, attività tecnologica, attività editoriale, attività di valorizzazione e promozione.

7 Direzione Generale per gli Archivi Competenze dell Amministrazione archivistica attraverso le sue strutture: Archivi di Stato (102): conservazione archivi storici statali; sorveglianza sugli archivi correnti e di deposito statali (commissioni di sorveglianza) Soprintendenze Archivistiche (19): vigilanza archivi vigilati (pubblici non statali e privati) Direzione Generale per gli Archivi DPR 26 novembre 2007 n. 233 (riorganizzazione del Mibac) individua, nell' ambito della funzione di tutela dei beni culturali riservata allo Stato dalla vigente normativa, tra le competenze della DGA alcune specifiche attività afferenti la gestione documentale: approva i piani di conservazione e scarto degli archivi degli uffici dell'amministrazione statale; studia ed applica sistemi di conservazione permanente degli archivi digitali, promuove l'applicazione di metodologie e parametri, anche attraverso iniziative di formazione e aggiornamento.

8 La DGA Struttura 2008 Direzione Generale per gli archivi Servizio I Affari generali, programmazione, bilancio, personale Servizio II Tutela e conservazione patrimonio archivistico Servizio III Valorizzazione, Promozione Formazione Servizio IV Innovazione, tecnologia Archivistica, progettazione comunitaria Direzione Generale per gli Archivi - S. II Tutela il S. II Tutela e conservazione patrimonio archivistico, in base alla riorganizzazione dei Servizi della DGA (4 Servizi), ha competenze sia in materia di vigilanza sul patrimonio documentale non statale (già del precedente S. III) sia di sorveglianza sugli archivi statali TUTELA a 360

9 Direzione Generale per gli Archivi - S. II Tutela DM Servizio II Tutela e conservazione del patrimonio archivistico Il Servizio elabora l'indirizzo tecnico-scientifico dell'attività degli Archivi di Stato e delle Soprintendenze archivistiche; Il Servizio cura: l'approvazione dei titolari e dei manuali di gestione degli archivi pubblici; l'approvazione dei piani di conservazione e scarto; Direzione Generale per gli Archivi In base alla recente riorganizzazione del Mibac (DPR n. 91 del 2/7/2009 e DM ) La DGA si articola in 3 Servizi (1 Affari Generali, 2 Tutela; 3 Studi)

10 La DGA Struttura attuale Direzione Generale per gli archivi Servizio I Affari generali, programmazione, bilancio, personale Servizio II Tutela e conservazione patrimonio archivistico Servizio III Studi e ricerca Direzione Generale per gli Archivi - S. II Tutela D.M. 20/7/2009 Il Servizio II cura: l'approvazione dei titolari e dei manuali di gestione degli archivi pubblici; l'approvazione dei piani di conservazione e scarto degli archivi degli uffici dell'amministrazione statale; la concessione di contributi per gli interventi sugli archivi vigilati; le intese con i competenti organi del Ministero dell'interno per l'individuazione dei documenti di carattere riservato presso gli archivi pubblici e privati e per la definizione delle modalità di consultazione dei medesimi; i sistemi informativi descrittivi del patrimonio archivistico ai fini gestionali.

11 Direzione Generale per gli Archivi - S. II Tutela L Amministrazione archivistica, nell ambito dei suoi compiti istituzionali di sorveglianza sugli archivi degli uffici statali e di vigilanza sugli archivi degli enti pubblici e privati, ha intensificato un attività di indirizzo e di sostegno delle amministrazioni, in particolare nella progettazione dei sistemi documentari e nella creazione o revisione di strumenti di organizzazione, quali piani di classificazione e conservazione. Il S. II, sotto la guida della dssa Pastura, si è fatto promotore a partire dalla fine anni 90 di diverse iniziative relative al settore sia degli enti vigilati sia degli uffici statali Studi di riferimento: il progetto della SSPA La Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione ha avviato dal 2000 una riflessione sistematica sulla normativa approvata dal legislatore in materia di gestione informatica dei documenti in particolare a partire dall approvazione del testo unico 445/2000 costituto un gruppo di lavoro con esperti della materia ed alcune importanti amministrazioni centrali (i ministeri dell Interno, degli Affari esteri, dell Economia e finanze, della Giustizia, dei Beni e le attività culturali, il Dipartimento per la funzione pubblica, il Cnipa), l INPS e la Guardia di Finanza Obiettivo: promuovere iniziative volte alla definizione di linee guida per la gestione informatica dei documenti, a fini didattici e per l orientamento delle amministrazioni pubbliche

12 Studi di riferimento: il progetto della SSPA strumenti elaborati: 1) le Linee guida per la progettazione di sistemi documentari informatici 2) uno schema di riferimento per lo sviluppo di sistemi di classificazione e conservazione integrati e condivisi in ambiente digitale con specifico riferimento alle funzioni di autogestione Modello di titolario e di fascicolazione per le attività relative alla gestione risorse umane Le iniziative interistituzionali: gruppi di lavoro L attività si è concretizzata mediante l' organizzazione di gruppi misti nazionali di lavoro di cui fanno parte funzionari DGA ed Istituti archivistici con funzionari degli enti interessati - modelli di piani di classificazione (titolari), di piani di conservazione, di massimari di scarto e di manuali di gestione, per la corretta formazione degli archivi pubblici COALESCENZA

13 Progetti e gruppi di lavoro Progetti interistituzionali per l elaborazione di strumenti per la gestione documentale Informazioni e risultati dei progetti sono reperibili nel sito del S. II (in corso riorganizzazione) rogetti.html Uno sguardo di insieme sullo stato dell arte Progetti e gruppi di lavoro

14 Progetti e gruppi di lavoro Enti pubblici territoriali: Regioni, Province, Comuni Università Istituti scolastici Aziende sanitarie Camere di Commercio Agenzie fiscali Autorità contratti pubblici Ministero Lavoro Ministero Salute Ministero Beni Attività culturali Progetti: Archivi delle REGIONI Gruppo di lavoro per la formulazione di proposte e modelli per la riorganizzazione dell archivio delle Regioni, istituito nel 2002 con decreto del Direttore generale per gli archivi costituito da rappresentanti di diverse Regioni e dell Amm/ne archivistica Il lavoro si è articolati in fasi: studio dei sistemi di classificazione in uso e predisposizione di un modello piano di classificazione; stesura linee guida per la conservazione; predisposizione di strumenti di corredo (indici) e di linee guida per la dematerializzazione

15 Progetti: Archivi delle REGIONI risultati: definiti due modelli di piano di classificazione uno per il Consiglio e uno per la Giunta, che successivamente sono stati integrati con il piano di conservazione Per il Consigli il titolario è integrato con il piano di fascicolazione Lavori in corso per la sperimentazione degli strumenti predisposti e loro adattabilità alla nuova produzione documentaria digitale, per la stesura di linee guida per la dematerializzazione sulla base di un analisi dell organizzazione della gestione documentale e delle diverse figure e responsabilità coinvolte. Progetti: Archivi delle REGIONI - Giunta TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE DELLE GIUNTE DELLE REGIONI 19 titoli 2 livelli ELENCO DEI TITOLI (PRIMO LIVELLO) 1. Organi di governo, affari giuridico istituzionali e comunicazione 2. Organizzazione e patrimonio 3. Risorse umane 4. Risorse finanziarie 5. Sistema informativo 6. Programmazione coordinamento controllo 7 AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO 8 ARTIGIANATO 9 COMMERCIO 10 INDUSTRIA E ATTIVITA ESTRATTIVE 11 TURISMO E STRUTTURE RICETTIVE 12 PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, URBANISTICA ED EDILIZIA 13 INFRASTRUTTURE E TRASPORTI 14 TUTELA DELL AMBIENTE 15 SANITA, IGIENE E VETERINARIA 16 POLITICHE SOCIALI 17 ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 18 BENI E ATTIVITA CULTURALI 19 ATTIVITA SPORTIVE E RICREATIVE

16 Progetti: Archivi delle REGIONI - Consiglio TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONSIGLI REGIONALI struttura 6 titoli; 4 livelli 1. ORGANISMI E ATTIVITA ISTITUZIONALI 2. ATTIVITA LEGISLATIVA, DI CONTROLLO E DI SUPPORTO 3. ORGANIZZAZIONE, PATRIMONIO E RISORSE STRUMENTALI 4. RISORSE UMANE 5. RISORSE FINANZIARIE E GESTIONE CONTABILE 6. SISTEMA INFORMATIV0 Progetti: Archivi delle REGIONI - Consiglio Consiglio 1 Organismi e attività istituzionale 1. Normativa 2. Elezioni 3. Consiglieri 4. Gruppi consiliari 5. Giunta elezioni 6. Presidente Consiglio 7. Commissioni permanenti 8. Commissioni speciali 9.. Consigli 2 Attività legislativa 1. Normativa 2. Conferenza presidenti 3. Assemblea consiliare 4. Proposte di legge statutaria 5. Proposte legge regionale 6. Proposta legge al parlamento 7. Proposte di referendum 8. Petizioni 9. Proposte di regolamento 10. Proposte deliberazioni consiliari 11. Decreti presidente del CR 12. Pareri 13. Informative

17 Progetti: Archivi delle PROVINCE Gruppo di lavoro istituito nel 2003 per la formulazione di proposte e modelli per l organizzazione dell archivio delle Province, in attuazione delle disposizioni normative in materia coordinato da SA Emilia Romagna e Provincia di Bologna risultati: è stato elaborato un nuovo titolario di classificazione ed un massimario di selezione e conservazione Progetti: Archivi delle PROVINCE Struttura (17 voci/2 livelli) Funzioni trasversali 1. Atti fondamentali ed organi 2. Organizzazione generale e rapporti istituzionali 3. Risorse informative 4. Personale 5. Risorse finanziarie 6. Patrimonio e risorse strumentali Funzioni istituzionali 7. Programmazione e pianificazione territoriale 8. Attività produttive 9. Ambiente 10. Beni culturali 11. Trasporti viabilità 12. Caccia e pesca 13. Politiche sociali 14. Istruzione 15. Politiche del lavoro 16. Polizia provinciale 17. Varie

18 Progetti: Archivi dei COMUNI Gruppo di lavoro istituito nel 2002 con il fine di formulare proposte e modelli per la riorganizzazione dell archivio dei Comuni affronta l impegnativo compito di aggiornare il titolario in vigore da oltre 100 anni (Circolare Astengo 1897) Risultati: nuovo piano classificazione e conservazione; linee guida per fascicoli e serie e per la redazione del MG Progetti: Archivi dei COMUNI Struttura (14 voci/2 livelli) Attività trasversali 1. Amministrazione generale 2. Organi di governo, gestione, controllo 3. Risorse umane 4. Risorse finanziarie 5. Affari legali Attività istituzionali 6. Pianificazione territorio 7. Servizi alla persona 8. Attività economiche 9. Polizia locale e sicurezza pubblica 10. Tutela salute 11. Servizi demografici 12. Elezioni 13. Affari militari 14. Varie

19 Progetti: Archivi delle UNIVERSITA Titulus 97 gruppo di lavoro avviato nel 1996 e coordinato dalla DGA e dall Università di Padova Risultati: piano di classificazione per gli archivi correnti degli Atenei italiani con 2 modelli: Amministrazione centrale e Strutture didattiche. Iniziative coordinate in materia di gestione documentale: progetto Aurora; progetto NINFA; progetto Caronte sulla gestione dell archivio di deposito Altre iniziative connesse: progetto Studium 2000 di censimento degli archivi universitari nel territorio nazionale Progetti: Archivi delle UNIVERSITA Titulus 97 Titolario Amm/ne centrale Struttura (11 titoli/2 livelli) 1. Amministrazione 2. Organi di governo, gestione, controllo 3. Didattica, ricerca 4. Attività giuridico-legale 5. Studenti e laureati 6. Strutture didattiche 7. Personale 8. Finanza e bilancio 9. Edilizia e territorio 10. Patrimonio, provveditorato 11. Oggetti diversi

20 Progetti: Archivi delle UNIVERSITA Titulus 97 Titolario Strutture didattiche Struttura (10 titoli/2 livelli) 1. Amministrazione 2. Organi di governo, gestione, controllo 3. Didattica, ricerca 4. Attività giuridico-legale 5. Studenti e laureati 6. Strutture e servizi 7. Personale 8. Finanza e bilancio 9. Patrimonio, provveditorato 10. Oggetti diversi Progetti: Archivi degli istituti scolastici Gruppo di lavoro: costituito da S.A. Piemonte, Ufficio scolastico regionale Piemonte e D.G.A. Risultati: piano di classificazione e linee guida per la conservazione e lo scarto; Piano di conservazione e scarto per gli archivi delle Istituzioni scolastiche. Individua 2 aree: amministrativa didattica suddivise al loro interno in aree funzionali

21 Progetti: Archivi degli istituti scolastici Struttura: 2 aree, 10 titoli; 2 livelli Area amministrativa 1. A1 Norme e disposizioni 2. A2 Organi collegiali e direttivi 3. A 3 Carteggio ed atti 4. A4 Contabilità 5. A 5 Edifici e impianti 6. A 6 Inventari dei beni 7. A 7 Personale docente e non docente 8. A 8 Alunni Area didattica 1. B1 Documenti ufficiali attività didattica 2. B2 Attività didattiche specifiche Progetti: Archivi delle ASL aziende sanitarie e ospedaliere SCHOLA Salernitana Gruppo di lavoro istituito nel 1999 su iniziativa della ASL Salerno 2 e della Soprintendenza archivistica per la Campania Risultati: Regolamento d archivio, titolario, massimario di scarto degli archivi delle aziende sanitarie e ospedaliere italiane.

22 Progetti: Archivi delle ASL aziende sanitarie e ospedaliere SCHOLA Salernitana Schola salernitana progetto per un regolamento, titolario, massimario di scarto degli archivi delle aziende sanitarie e ospedaliere italiane Titolario delle Aziende Sanitarie Locali indice Struttura: 3 titoli di primo livello (aree); 28 di secondo ( ) con all interno le voci di terzo livello 1. TITOLO I - Area amministrativa 2. TITOLO II - Area sanitaria e sociosanitaria 3. TITOLO III - Area ospedaliera Progetti: Archivi delle ASL aziende sanitarie e ospedaliere SCHOLA Salernitana Titolo I Area Amm/va 1. Affari istituzionali 2. Organi direzione generale 3. Affari amministrativi 4. Personale 5. Servizio prevenzione e protezione azienda 6. Servizio raccolta elaborazione dati 7. Patrimonio immobiliare 8. Economato 9. Contabilità 10. Bilancio 11. Imposte e tasse 12. Gestione di cassa 13. Tesoreria

23 Progetti: Archivi delle ASL aziende sanitarie e ospedaliere SCHOLA Salernitana Titolo II Area Sanitaria Titolo III Area ospedaliera 1. Direzione sanitaria Direzione sociosanitaria Assistenza ospedaliera 3. Comitati, commissioni collegi 4. Assistenza sanitaria 5. Prevenzione e cura tossidipendnze 6. Tutela salute infanzia, donna famiglia 7. Assistenza disabili, anziani 8. Patologie terminali 9. Dip. Salute mentale 10. Igiene e sanità pubbliva 11. Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro terzi 12. Veterinaria igiene alimenti 13. Medicina legale 14. Servizio farmaceutico Progetti: Archivi delle CAMERE DI COMMERCIO Gruppo di lavoro costituito nell ambito del Comitato scientifico per gli archivi delle Camere di commercio, coordinato da Unioncamere Precedenti strumenti: primo titolario 1943 per Consigli provinciali delle corporazioni Prima revisione 2002 mantiene impianto tradizionale per materie

24 Progetti: Archivi delle CAMERE DI COMMERCIO revisione del precedente titolario, in base a criteri più aderenti alle funzioni svolte da tali enti e redazione nuovo piano classificazione predisposto per un contesto di lavoro anche digitale, con indicazioni per la creazione dei fascicoli. Approvato dal CTS nella seduta del Progetti: Archivi delle CAMERE DI COMMERCIO Struttura (14 titoli; 2 livelli) Attività funzionamento 1. Norme e disposizioni 2. Organi di governo, gestione e controllo 3. Relazioni istituzionali 4. Risorse umane 5. Risorse finanziarie 6. Risorse strumentali e patrimonio 7. Risorse informative e documentarie Attività istituzionali 8. Supporto alle imprese 9. Internazionalizzazione del sistema economico locale 10. Infrastrutture fisiche e virtuali al servizio dell economia 11. Formazione 12. Regolazione mercato e tutela imprese e consumatore 13. Anagrafe, Ruoli, Albi, Elenchi 14. Rapporti con aziende speciali

25 Progetti: Archivi degli Istituti di credito gruppo di lavoro costituito da rappresentanti dell ABI, di diverse banche e da funzionari DGArchivi e SA Lazio risultati: Linee guida per la selezione dei documenti negli Archivi delle Banche pubblicate nella collana Documenti delle Commissioni tecniche ABI 2004 Progetti: Archivi degli Istituti di credito Individua 10 macroaree di attività con le relative tipologie documentarie stabilisce coerenti criteri operativi per individuare la documentazione da conservare a tempo illimitato o da eliminare dopo un certo periodo di tempo;

26 Progetti: Archivi degli Istituti di credito 1. Organi di governo 2. Affari generali 3. Gestione organizzativa 4. Gestione amministrativa e contabile 5. Controlli 6. Risorse umane 7. Attività creditizia 8. Finanza 9. Attività sull estero 10. Commerciale Progetti: Archivi delle AGENZIE FISCALI Istituite con D. lgvo 300/1999 (poi modificato con d. lgs 173/2003) con personalità di ente pubblico, hanno ereditato alcune competenze del dicastero delle Finanze; svolgono attività a carattere tecnico-operativo di interesse nazionale hanno autonomia regolamentare, amministrativa, patrimoniale, organizzativa, contabile e finanziaria la normativa definisce la loro struttura organizzativa: direttore, comitato direttivo, Collegio dei revisori; organismo di Controllo di gestione e le modalità di interazione e di controllo con i Ministeri e la Corte dei Conti Sono regolate da appositi statuti

27 Progetti: Archivi delle AGENZIE FISCALI Agenzia Territorio Agenzia Dogane Agenzia Entrate Agenzia Demanio Progetti: Archivi delle AGENZIE FISCALI Per le Agenzie fiscali a seguito di disposizioni generali circa il regime delle autorizzazioni per lo scarto, sono stati attivati tavoli di lavoro, che al momento stanno procedendo alla definizione di adeguati modelli di gestione documentale: piani di classificazione e conservazione

28 Progetti: Archivi delle AGENZIE FISCALI Agenzia delle dogane Analisi delle procedure esistenti, degli atti prodotti con particolare riferimento ai registri doganali, man mano informatizzati sono alla formazione nel 2003 della piattaforma AIDA (automazione integrata dogane accise) gestita da SOGEI (sistema informativo conservato solo in versione automatizzata) Circolare detta criteri per le tipologie da conservare e versare agli AASS Agenzia del Demanio Ha natura giuridica diversa: è un ente puibblico economico Strumenti per la gestione documentale: Istruzione operativa gestione delle attività di protocollo Istruzione operativa per la gestione delle attività di scarto e conservazione (bozza)

29 Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di Lavori, Servizi e Forniture Con d. lgs 163/2006 (Codice contratti pubblici) l Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici (prevista dalla legge Merloni 109/94) assume il nome di Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di Lavori, Servizi e Forniture E un autorità amministrativa indipendente Attenzione alla gestione documentale, quale supporto fondamentale per l attività Autorità vigilanza sui contratti pubblici di Lavori, Servizi e Forniture Struttura Titolario: 9 voci articolate su 3 livelli 1. A. Organi e attività istituzionali 2. B. Vigilanza 3. C. Qualificazione 4. D. Osservatorio 5. E. Organizzazione 6. F. Risorse umane 7. G. Risorse finanziarie 8. H.Infrastrutture, risorse strumentali 9. I. Sistemi informativi

30 Ministero Lavoro e Politiche sociali Gruppo di lavoro relativo a revisione massimario di scarto uffici periferici (ex Ispettorati del Lavoro e Uffici provinciali del Lavoro Massima occupazione) Gruppo di lavoro per revisione piano classificazione e selezione della Direzione Generale Tutela Condizioni di Lavoro Ministero Lavoro e Politiche sociali DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO 6 titoli con classi di secondo livello e sottoclassi di terzo livello TITOLO I: AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE TITOLO II: AFFARI INTERNAZIONALI TITOLO III: SALUTE E SICUREZZA TITOLO IV: ANALISI ECONOMICHE, RAPPRESENTATIVITA SINDACALE E COSTO DEL LAVORO TITOLO V: DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO TITOLO VI: Controversie di lavoro; tutela dei diritti sindacali; sciopero nei servizi pubblici essenziali; promozione della partecipazione dei lavoratori all impresa.

31 Ministero Salute Massimario conservazione lavoro in corso Linee guida per la dematerializzazione della documentazione clinica in diagnostica per immagini: strumento diretto ai direttori sanitari per gestire la doc/ne testuale e iconografica prodotta in formato digitale (referto conservazione a t illimitato, immagini 10 anni) Progetti: Archivi delle Case Editrici Nell ambito del progetto di censimento degli archivi delle Case editrici curato da Fondazione Mondadori, una commissione si è occupata di elaborare strumenti per gli archivi correnti (titolario e massimario di scarto) per la migliore conservazione dell archivio. I modelli sono pubblicati in Conservare il 900 la memoria del libro Atti del convegno 2007

32 Progetti: Archivi editoriali Schema Titolario di classificazione e massimario Segreteria societaria Ufficio legale Direzione aziendale Relazione esterne Funzione editoriale Funzione di produzione Funzione commerciale e marketing Amministrazione, finanza, controllo Risorse umane Mibac Il progetto ESPI

33 Mibac Il progetto ESPI Progetto di coordinamento esteso a tutte le AOO Utilizzo del medesimo applicativo ESPI per il Protocollo Informatico Utilizzo di un piano di classificazione condiviso da tutte le AOO Mibac Il progetto ESPI Dal 2003 viene adottato il Protocollo informatico Espi, in modalità Asp, diffuso attraverso il Servizio pubblico di connettività, in distribuzione a tutti gli uffici centrali e periferici dell Amministrazione strumento capace di gestire il sistema documentario dell amministrazione progressivamente dematerializzato e di supportare il processo documentale dalla formazione dei documenti al relativo trattamento e firma alla trasmissione per posta elettronica certificata, alla archiviazione. Il sistema consente anche la registrazione e conservazione di repertori di documenti non soggetti a protocollazione (decreti, fatture, ordini di servizio interni )

34 Mibac Il progetto ESPI in corso lo sviluppo del modulo workflow per la gestione completamente informatizzata dei procedimenti dell amministrazione e l accessibilità on line da parte dei cittadini e delle imprese per conoscere lo stato di avanzamento di un procedimento di proprio interesse; completata questa attività, il sistema sarà in grado di gestire la modulistica standardizzata per i singoli procedimenti, la comunicazione automatica all interessato del nominativo del responsabile del procedimento, la gestione di documentazione tecnica (elaborati progettuali grafici, materiali fotografici ); di controllare i tempi delle diverse fasi del procedimento, fino alla conclusione dell iter; di archiviare i dati nel sistema, consentendo all Amministrazione di disporre di statistiche puntualmente aggiornate sui dati dei procedimenti. Il progetto ESPI Strumenti Il gruppo di lavoro ministeriale ha elaborato i seguenti modelli Piano di classificazione: modello basato strutturato in 2 sezioni pertinenti rispettivamente le voci di funzionamento e quelle delle attività istituzionali. Manuale di gestione (schema) I modelli sono stati pubblicati nell apposita rubrica ESPI dell intranet del Ministero, da dove possono essere automaticamente importati da parte E.Realedegli - Università Istituti Catania

35 Il progetto ESPI Strumenti Piano di classificazione Si basa sul presupposto di individuare voci omogenee corrispondenti alle medesime funzioni svolte nei vari settori, tutte rientranti nell attività istituzionale del Mibac Per attività istituzionali: individuate in base a Codice BBCC Per attività gestionali: individuate in base alle macrofunzioni. E.Reale - Università Catania Mibac Piano di classificazione 1. Attività funzionamento Pianificazione e Affari Istituzionali Organizzazione Informazione e Comunicazione Istituzionale Sistema dei controlli Sistemi informativi e documentari Gestione Risorse Umane Programmazione Risorse Finanziarie Gestione Risorse Finanziarie Gestione risorse Strumentali 2 Attività istituzionali Fruizione Divulgazione Tutela e Protezione Conservazione E.Reale - Università Catania Vigilanza Istituti culturali

36 ESPI progetti collegati Bacheca di Amministrazione pubblicazione sulla Intranet del Ministero delle circolari emanate dagli Uffici di diretta collaborazione del Ministro, dal Segretariato generale e dalle Direzioni generali e Regionali riunisce in un quadro coordinato tutte le circolari diramate dalle varie strutture centrali del Mibac si basa sul collegamento tra sistema di protocollo informatico e sistema Bacheca Tramite la funzionalità registrazione in uscita-circolari di ESPI il P.I. produce oltre al numero di protocollo il numero progressivo della circolare Notevole vantaggio circa reperimento delle circolari di diversi uffici e settori del Mibac E.Reale - Università Catania BACHECA di Amministrazione E.Reale - Università Catania

37 BACHECA di Amministrazione E.Reale - Università Catania BACHECA di Amministrazione E.Reale - Università Catania

38 Università Catania Dal fascicolo 8767.PA.4.3 Università di Catania 1976 corrispondenza tra SA Sicilia (Giuffrida) che coinvolge l AS Catania ed Università (rettore Rodolico): si segnala stato precario dell archivio 1977 si costituisce, su delibera del Consiglio d Amm/ne dell Università, un comitato che deve redigere un piano scientifico ed economico per sistemazione archivio, di cui fa parte anche G. Nigro, direttore AS Catania 1999 deposito d urgenza c/o AS Catania x salvaguardia oltre 750 bb, 900 regg istituzione della Separata Sezione (verbale parere favorevole Senato accademico ( ) autorizzazione del Consiglio Amm/ne seduta ) E.Reale - Università Catania Università Catania

39 Università Catania 1999: SA Sicilia richiede il riconoscimento di particolare importanza in base art. 31 DPR 1409/63 per la Sezione separata; dalla relazione del inviata al CTS descrizione dell archivio: sezione antica: bb presso facoltà Lettere, altro nucleo di migliai ml ) in corso di inventariazione nell ambito del progetto coordinato Catania Lecce, cofinanziato UE e MUR(responsabile Cristina Grasso) 2000 decreto di riconoscimento di particolare importanza (DD ) 2002 l Università ha predisposto la sede definitiva e chiede la revoca del deposito 2002 revoca deposito; verbale di restituzione del sottoscritto da S. Consoli e C. Grasso Università Catania Primo Rapporto 2002 Schede descrittive a cura S. Consoli: Cenni storia dell Ateneo e dell archivio Dati sul progetto in corso (censimento, banca dati, riproduzione docc. storici, sede) Dati archivio generale di Ateneo (storico, di deposito e corrente) Archivio corrente: adozione Titulus; approvato Regolamento 1999 Fondi diversi: architetto Francesco Fichera c/o facoltà di ingegneria

40 Riferimenti bibliografici (alla voce manuale per enti) (ricerca sulla gestione informatica dei documenti) (progetto InterPARES) (Erpanet) Riferimenti bibliografici Luciana Duranti, I documenti archivistici. La gestione dell archivio da parte dell ente produttore, in Pubblicazioni degli archivi di Stato. Quaderni della rassegna degli archivi di Stato, 1997 SSPA La gestione integrata dei documenti nelle Pubbliche Amministrazioni. Un progetto per la definizione di linee guida e di modelli di classificazione, a cura di M.Guercio Roma 2002 Maria Guercio, Archivistica informatica. I documenti in ambiente digitale, Carocci editore, 2002 SSPA La metodologia per la definizione di piani di classificazione in ambiente digitale, a cura di E. A. Rossi M. Guercio, Roma 2005 S. Pigliapoco, La memoria digitale delle amministrazioni pubbliche, Santarcangelo di Romagna 2005

41 Riferimenti bibliografici CNIPA, Protocollo informatico e gestione flussi documentali, 2006(Quaderni 22) Stefano Pigliapoco, La memoria digitale delle amministrazioni pubbliche, Maggioli editore, 2006 Il Piano di classificazione (titolario) per i documenti dei comuni, in Quaderni dei laboratori archivistici 1, Regione del Veneto, 2007 G. Penzo Doria, I calzini del principe Carlo. Titulus 97. I titolari per gli archivi delle università italiane, a cura del Gruppo di lavoro nazionale sui titolari delle Università, Padova 2007 P. Carucci M. Guercio, Manuale di archivistica, Roma 2008 Le raccomandazioni di AURORA, a cura del gruppo di lavoro, Padova 2009 M.G.Pastura, La legislazione per gli archivi, dispense corso presso Scuoal speciale archivisti bibliotecari La Sapienza 2009 Fine. Grazie per l attenzione Elisabetta Reale Direzione Generale Archivi Servizio II Tutela E.Reale - Università Catania

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO approvato con deliberazione consiliare in data 1 febbraio 2006 n. 10 Indice TITOLO I - Principi fondamentali 3 Art. 1

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 29.12.2005 In vigore dal 26.02.2006 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Maria BRAMANTI Indirizzo Telefono Ufficio 02-6448-6123. E-mail mariaelena.bramanti@unimib.

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Maria BRAMANTI Indirizzo Telefono Ufficio 02-6448-6123. E-mail mariaelena.bramanti@unimib. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maria BRAMANTI Indirizzo Telefono Ufficio 02-6448-6123 E-mail mariaelena.bramanti@unimib.it Nazionalità Italiana

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.L.vo 22 gennaio 2004 n. 42 e dl DPR 28

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

Il sistema di gestione informatica dei documenti e il manuale di gestione. Mauro Livraga

Il sistema di gestione informatica dei documenti e il manuale di gestione. Mauro Livraga Il sistema di gestione informatica dei documenti e il manuale di gestione Mauro Livraga Sistema di gestione dei documenti Linee generali: Il sistema comporta la totale automazione delle fasi di produzione,

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura 1 Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali A cura di Maria Grazia Pastura Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali:

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO COMUNALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO COMUNALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO COMUNALE 1 TITOLO I PRINCIPI FONDAMENTALI ART. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.Lgs. 29 ottobre 1999 nr. 490, e

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Allegato alla Delibera di Consiglio n. 35 del 25.11.09 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO Ai sensi del

Dettagli

Pagina 2 - Curriculum vitae di Giugno 2010 [ MAURO Adriana ]

Pagina 2 - Curriculum vitae di Giugno 2010 [ MAURO Adriana ] CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ADRIANA MAURO Data di nascita 8 AGOSTO 1956 Qualifica DIRIGENTE II FASCIA Amministrazione MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Incarico attuale DIRIGENTE DELLA

Dettagli

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Brescia 15-22 ottobre 2011 Linee generali: Sistema di

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1282 del 29/12/2009 OGGETTO: Approvazione del titolario di classificazione dei documenti e adozione dello standard

Dettagli

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n.

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. 215 Unità organizzative di livello direzionale della Segreteria

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE

CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 - FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni

Dettagli

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna, già Presidente della Commissione Interministeriale per la dematerializzazione Seminario Di.Tech

Dettagli

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A...pag. 2 E345 Le regole tecniche per la formazione

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale

Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale Giorgetta Bonfiglio-Dosio Università degli Studi di Padova Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale (Padova, 3 novembre 2010) GBD Che cos è un sistema? GALILEO GALILEI (1623) «Pluralità

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione Descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti e fornisce le istruzioni per il corretto

Dettagli

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Art. 1 Costituzione Il Comitato Etico della Provincia di Bergamo (di seguito CE) è un organismo indipendente istituito con Delibera

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O.

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 247 in data 06/10/2015 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: APPROVAZIONE DEL MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE,

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Titolario unico di classificazione Titulus 97 In vigore dal 1 gennaio 2013

Titolario unico di classificazione Titulus 97 In vigore dal 1 gennaio 2013 Titolario unico di classificazione Titulus 97 In vigore dal 1 gennaio 2013 Titolo I. Amministrazione 1. Normativa e relativa attuazione 2. Statuto 3. Regolamenti 4. Stemma, gonfalone e sigillo 5. Sistema

Dettagli

Il nuovo CAD: luci e ombre Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna

Il nuovo CAD: luci e ombre Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna Il nuovo CAD: luci e ombre Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna Genova Ospedali Galliera 14 ottobre 2011 CAD Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82. Modificato e integrato dal Dlgs. 4 aprile 2006, n.

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 654 del Reg. Decreti del 29/10/2014 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Approvazione

Dettagli

Giovanni Fernando Massa

Giovanni Fernando Massa F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giovanni Fernando Massa Indirizzo Telefono uff. 0971/417409 Cell.uff. Fax E-mail VIALE DELLE MEDAGLIE OLIMPICHE,10-85100

Dettagli

Rossella Mondani 28 novembre 1966 Cat. D Area amministrativo gestionale Scuola Normale Superiore

Rossella Mondani 28 novembre 1966 Cat. D Area amministrativo gestionale Scuola Normale Superiore F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Telefono ufficio Fax ufficio E mail Rossella Mondani 28 novembre 1966 Cat.

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI

ESPERIENZE PROFESSIONALI CARLA GOBBETTI ESPERIENZE PROFESSIONALI 1 Dicembre 2006 a tutt oggi in servizio presso la Segreteria del Direttore Generale per lo Spettacolo dal Vivo con funzioni di Capo Segreteria. Mansioni: - gestione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali. Esperienze professionali. AVEPA - Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali. Esperienze professionali. AVEPA - Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura CURRICULUM VITAE Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura Ente di diritto pubblico istituito con legge regionale n. 31/2001 Informazioni personali Nome / Cognome Luca Milani Data di nascita 11 gennaio

Dettagli

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Ferrara Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Definizioni Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE

COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE DELL'ARCHIVIO 1. Ai sensi del D. Lgs.22 gennaio 2004, n. 42 (Codice

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia. tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia. tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE NR.73 DEL 12/10/2015 Oggetto: MANUALE DI GESTIONE

Dettagli

Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche - Università degli Studi di Torino - - Attestato Post-Lauream in Comunicazione e relazioni pubbliche

Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche - Università degli Studi di Torino - - Attestato Post-Lauream in Comunicazione e relazioni pubbliche CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome CATANIA ANTONIO Data di nascita 06.01.1952 Qualifica Dirigente amministrativo di seconda fascia a tempo determinato ex art.19 comma 6 D.Lgs. 165/2001

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Convegno SIAV Torino - 10 maggio 2007 1 Valore economico Il flusso documentale vale almeno il 2% del PIL. Un risparmio

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Bongiovanni Maria Letizia Telefono 0516598631 Fax E-mail marialetizia.bongiovanni@provincia.bologna.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1 PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1 Allegato 8 al Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi della Provincia di Pavia 1. Composizione

Dettagli

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI Pagina 1 di 8 PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA 00 - - Emissione documento 31.05.2013 Responsabile Area Servizi per la Didattica

Dettagli

LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE

LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE Prof. Stefano Pigliapoco LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE ANAI, Cagliari 6 marzo 2006 s.pigliapoco@fastnet.it L Amministrazione Pubblica Digitale Il complesso delle norme di recente

Dettagli

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive Prof. Pierluigi Ridolfi Componente CNIPA Roma - 12 ottobre 2006 1 Cosa è stato fatto Gruppo di lavoro interministeriale

Dettagli

Gestione documentale e Protocollo informatico

Gestione documentale e Protocollo informatico Gestione documentale e Protocollo informatico Settembre 2003 Cosa tratteremo La gestione dei documenti produzione, acquisizione, trasmissione organizzazione e conservazione reperimento ed accesso alle

Dettagli

COMUNE DI USSARAMANNA

COMUNE DI USSARAMANNA COPIA COMUNE DI USSARAMANNA PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N 104/2015 OGGETTO: INTEGRAZIONE MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE - D.P.C.M. 3 dicembre 2013. L'anno Duemilaquindici,

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE s.pigliapoco@unimc.it Codice dell amministrazione digitale Il codice dell amministrazione digitale (Co.A.Di.) è contenuto

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI Testo estratto da STEANO PIGLIAPOCO, La gestione informatica dei documenti: aspetti archivistici e organizzativi, in OMENICO PIAZZA (a cura di), Il protocollo informatico per la pubblica amministrazione,

Dettagli

Il protocollo informatico

Il protocollo informatico La dematerializzazione dei documenti amministrativi Il protocollo informatico Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it Udine 22 novembre 2012 1 1.1 L'obbligo di registrazione dei documenti amministrativi

Dettagli

Redazione di un Massimario di conservazione

Redazione di un Massimario di conservazione Il fascicolo di studente Angela Angeli Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Co.In.Fo. - UniDOC Benevento, 15 Ottobre 2013 UniDOC 2013 Redazione di un Massimario di conservazione del fascicolo di studente

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I. Principi fondamentali

REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I. Principi fondamentali REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Art. 1 FUNZIONE DELL'ARCHIVIO Principi fondamentali 1. Ai sensi del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 e del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, l'amministrazione Comunale

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Grossi Monica Data di nascita 15/03/1968

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Grossi Monica Data di nascita 15/03/1968 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Grossi Monica Data di nascita 15/03/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Dirigente

Dettagli

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line L esperienza della Provincia di Modena Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 13 del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non OGGETTO: Adozione del Manuale di conservazione della Comunità della Val

Dettagli

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE ROMA, DICEMBRE 2001 1 Definizione del ciclo attivo Per ciclo attivo si intende la rilevazione e la registrazione a fini civilistici e fiscali delle entrate dell Agenzia,

Dettagli

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Titolo I. Amministrazione generale, organi di governo e gestione Il titolo riguarda i documenti

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 249 DEL 08-10-2015 OGGETTO: REVISIONE ED APPROVAZIONE DEL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELL'ARCHIVIO COMUNALE.

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e integrità

Programma triennale per la trasparenza e integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani via Trieste 21 20029 Turbigo Tel 0331 899 168 Fax 0331 897 861 e-mail uffici istituto@comprensivoturbigo.gov.it

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Telefono Fax E-mail Cittadinanza Via Valentino Mazzola, 14 00142 Roma Mobile:00393346901090 maurizio.bruschi@tiscali.it italiana

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 72 in data 17/06/2014 Prot. N. 8757 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI.

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI. Comune di Lavagna Provincia di Genova Unità Autonoma Ufficio Relazioni con il Pubblico Servizi Demografici PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE

LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE 1. La dematerializzazione degli

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum

Curriculum vitae et studiorum GIANFRANCO D ALESSIO Curriculum vitae et studiorum E professore ordinario di Diritto amministrativo (IUS/10) nell Università Roma Tre. Ha insegnato Istituzioni di diritto pubblico nelle Facoltà di Economia

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. di Prot. Direzione Generale 48 REG.DEC. OGGETTO: Ricostituzione dell'organismo indipendente di valutazione della prestazione dell'azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Trieste. SERVIZIO

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

Comune di San Cipriano d Aversa (Prov. di Caserta)

Comune di San Cipriano d Aversa (Prov. di Caserta) Comune di San Cipriano d Aversa (Prov. di Caserta) Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COPIA N 63 del 18.09.2015 OGGETTO: Attivazione sistema di conservazione dei documenti informatici-individuazione

Dettagli

C O M U N E D I G A M B E L L A R A PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, 4-36053 GAMBELLARA (VICENZA)

C O M U N E D I G A M B E L L A R A PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, 4-36053 GAMBELLARA (VICENZA) Deliberazione N 61 del 25.08.2014 COPIA Protocollo N del Verbale della deliberazione della GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. L anno

Dettagli

LA GESTIONE E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

LA GESTIONE E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI in collaborazione con LA GESTIONE E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DOCENTE Avv. Glauco Riem Avvocato del Foro di Pordenone, docente di Diritto della nuove tecnologie. Direttore della rivista scientifica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO Approvate con Deliberazione di G.C. n. 155 del 24/11/2006 DEFINIZIONE 1. L'archivio storico del comune di Castel Goffredo, istituito con deliberazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014 REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 2562 7,29 % 15,95 % 76,76 % 10001000 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE, PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE E STATISTICA 13 7,69 % 13,29 % 79,02 % 10002000 SERVIZIO AUDIT

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 18 Piano di conservazione Conservazione

Dettagli

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014 MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014 INTESA BIENNALE aa.ss. 2013/2014 2014/2015 TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE E REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE COMPLESSIVA

Dettagli

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE Regione Piemonte Proposta di legge regionale d iniziativa consiliare Oggetto n. 248 Istituzione dell anagrafe degli eletti Con il presente progetto

Dettagli

QUESITI GENERALI SUL PROTOCOLLO INFORMATICO

QUESITI GENERALI SUL PROTOCOLLO INFORMATICO QUESITI GENERALI SUL PROTOCOLLO INFORMATICO ASPETTI GENERALI Chi ha l obbligo di realizzare la gestione informatica dei documenti? Tutte le pubbliche amministrazioni provvedono a realizzare o revisionare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO L'Università degli Studi di Perugia, per assolvere i propri fini primari quali la ricerca scientifica, il

Dettagli