PROVINCIA DI VENEZIA settore manutenzione e sviluppo del patrimonio edilizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI VENEZIA settore manutenzione e sviluppo del patrimonio edilizio"

Transcript

1

2 PROVINCIA DI VENEZIA settore manutenzione e sviluppo del patrimonio edilizio PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Valutazione del rischio Prevenzione Costi Organizzazione Programmazione attività di cantiere ai sensi del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA ZONA SUD Committente: Progettista: Direttore dei lavori: Responsabile del Procedimento: Responsabile dei Lavori: Provincia di Venezia Ing. Matteo Morandina Ing. Matteo Morandina Ing. Andrea Menin Ing. Andrea Menin Coord. sicurezza fase di progettazione: Ing. Matteo Morandina Coord. sicurezza fase di esecuzione: Durata prevista dei lavori: 360 giorni 1

3 ANAGRAFICA - Descrizione sintetica dell opera: INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA ZONA SUD- ; - Ubicazione: Zona SUD della provincia di Venezia- vedi elaborato elenco Immobili - Committente: Provincia di Venezia, via Forte Marghera 191, Mestre (VE); - Progettista dell opera: Ing. Matteo Morandina, c/o: Provincia di Venezia Centro Servizi Mestre, via Forte Marghera n. 191, 30173,Mestre (VE); - Direttore dei lavori: Ing. Matteo Morandina, c/o: Provincia di Venezia Centro Servizi Mestre, via Forte Marghera n. 191, 30173,Mestre (VE); - Responsabile del Procedimento: Ing. Andrea Menin, c/o: Provincia di Venezia Centro Servizi Mestre, via Forte Marghera n. 191, 30173,Mestre (VE); - Responsabile dei lavori: Ing. Andrea Menin, c/o: Provincia di Venezia Centro Servizi Mestre, via Forte Marghera n. 191, 30173,Mestre (VE); - Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione: Ing. Matteo Morandina, c/o: Provincia di Venezia Centro Servizi Mestre, via Forte Marghera n. 191, 30173,Mestre (VE); - Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione:

4 UBICAZIONE CANTIERE Le aree oggetto degli interventi sono situate nei distretti scolastici di Chioggia e Cavarzere e negli edifici Patrimoniali della Zona Sud come da elenco immobili allegato. Durante la realizzazione dei lavori che saranno localizzati e di piccola entità, Se dovessero essere invece effettuati di grande entità ed in quota l eventuale area di cantiere sarà confinata con apposita recinzione e si limiterà ad un area dove saranno presenti solo i ponteggi; i ponteggi saranno provvisti di messa a terra ed il sito dovrà disporre della segnaletica di sicurezza. L area dovrà quindi rispondere a tutta le precisazioni che sono allegate al presente piano di sicurezza. CONTESTO IN CUI E COLLOCATA L AREA DI CANTIERE Le aree sono mediamente di facile e sicuro accesso, rispetto alla movimentazione dei carichi e all apprestamento delle opere. Particolare attenzione sarà comunque prestata al transito di altri flussi veicolari che qui circolano su marciapiedi (persone e ragazzi che usufruiscono delle scuole) e su strade (genitori, mezzi pubblici ed altre persone che normalmente attendono gli studenti alla fine delle lezioni sostando nelle aree circostanti). L allacciamento alla linea elettrica dell Ente fornitore avverrà tramite l esistente utenza scolastica (tramite le previste prese che si trovano normalmente a servizio degli edifici pubblici c.t.). Non essendo previsto alcun lavoro lordante saranno utilizzati WC messi a disposizione dagli istituti scolastici con apposita dichiarazione. Alcune linee elettriche potranno essere aeree ma protette e comunque MAI al di fuori del perimetro di cantiere (cioè non saranno MAI interferenti con le attività scolastiche). LIMITE DI PROPRIETA (rispetto al cantiere) Le eventuali aree di cantiere saranno ricavate mediante l utilizzo di una recinzione metallica impedendo quindi una possibile interferenza con i non addetti ai lavori.

5 TECNOLOGIA DELL OPERA Per quanto riguarda le indicazioni tecnologiche dell intervento si fa riferimento alla RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA : SISTEMI STRUTTURALI, METODOLOGIE COSTRUTTIVE e FINITURE -Trattasi di interventi di manutenzione ordinaria con riferimento agli immobili come sopra evidenziati prevede schematicamente le seguenti lavorazioni: Manutenzione/sostituzione dei serramenti porte interne e finestre; dipinture; ripassatura/manutenzione delle coperture; Controsoffitti; Risistemazione e recupero di infissi esterni per finestre e portefinestre; ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Il perimetro dell'area di cantiere sarà delimitato con una recinzione che sarà costituita da elementi riutilizzabili, facilmente trasportabili, di altezza e di materiali che non permettano il facile scavalcamento e danneggiamento da parte di terzi. Saranno utilizzate recinzioni in metallo, costituite da pannelli prefabbricati a maglia quadra 15 x 15 alti 2 m, con sovrapposta una rete plastificata di color rosso vivo (solo nelle zone calde ) completa di piedini di ancoraggio a terra. Sarà necessario disporre appositi apparati cartellonistici che permetterà di evidenziare bene ed accuratamente la zona di cantiere ricavata dall utilizzo e dalla separazione delle aree non di cantiere. Tale apparato servirà a limitare del tutto le interferenze dovute a persone estranee nei confronti delle opere in esecuzione. Realizzata la recinzione di cantiere, è obbligatorio affiggere in un luogo chiaramente visibile, il cartello di identificazione (conforme alla circolare del ministero dei Lavori Pubblici n. 1729/UL del 1 giugno 1990) riportante gli estremi della concessione o autorizzazione edilizia, del committente, dell'impresa appaltatrice e del responsabile di cantiere, del progettista, del direttore dei lavori, dell'impresa appaltatrice degli impianti elettrici, del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione e del coordinatore della sicurezza in fase di progetto (quest ultimo in conformità al D.Lgs. 9 aprile

6 2008 n. 81). Inoltre verrà posto in maniera visibile anche l'orario di lavoro, con riportati l'ora di inizio e di fine lavoro e l'intervallo di riposo. SI FA IN QUESTA OCCASIONE PRESENTE CHE NON CI SARANNO IN ALCUN MODO ALTRE DITTE CHE LAVORERANNO CONTEMPORANEAMENTE IN AREE VICINE O LIMITROFE. NON SARANNO QUINDI DA PREVEDERE CONTEMPORANEITA IN QUANTO OPERERA UNA SOLA DITTA, in caso diverso verranno prontamente aggiornati gli elaborati come da normativa PERCORSI INTERNI Data la modesta quantità di lavorazioni e la tipologie delle opere non saranno distinti nettamente i percorsi veicolari in quanto i lavoratori accederanno all interno dell area affiancati da mezzi con i quali lavoreranno. Comunque le aree di transito dovranno essere mantenute efficienti e non dovranno essere ingombrate da materiali di deposito e risulta che ostacolino la circolazione. Il transito sotto eventuali ponti sospesi, ponti a sbalzo, scale aeree e simili dovrà essere impedito con barriere o protetto con l'adozione di misure cautelative adeguate. SERVIZI IGIENICO ASSISTENZIALI Non sono previste attività lordanti. E previsto l utilizzo di servizi igienici degli immobili oggetto d intervento Sarà messo a disposizione dei lavoratori n. 1 box locale in cui si possano ricoverare durante le intemperie, fornito di sedili e di tavolo e dovrà essere riscaldato durante la stagione fredda. IMPIANTO DI MESSA A TERRA Gli impianti elettrici dovranno essere dotati di impianti di messa terra e di interruttori differenziali ad alta sensibilità o altri sistemi di protezione equivalenti (D.M. 37/08). Le parti metalliche degli impianti ad alta tensione soggetta al contatto delle persone e che per difetto di isolamento o per altre cause potrebbero trovarsi sotto tensione, dovranno essere collegate a terra. Il collegamento a terra dovrà essere fatto anche per gli impianti a bassa tensione situati in luoghi normalmente bagnati od anche molto umidi o in immediata prossimità di grandi masse metalliche, quando la tensione supera i 25 V verso terra per un corrente alternata e i 50 V verso terra per corrente

7 continua. Devono parimenti essere collegate a terra le parti metalliche dei ripari posti a protezione contro il contatto accidentale delle persone con conduttori od elementi ad alta tensione, od anche a bassa tensione nei casi previsti nel precedente comma (rif. Art. 271 D.P.R. 547/55). L'impianto di terra dovrà essere costituito da: dispersori, nodo di terra, conduttori di protezione, conduttori di terra e conduttori equipotenziali principali. Come dispersori si potranno utilizzare tubi, profilati, tondini, ecc. Il conduttore di terra, che collega il nodo di terra al sistema disperdente e i dispersori fra loro dovrà essere di sezione minima pari a 16 mm² se in rame rivestito o 35 mm² se in rame nudo. Gli impianti di messa terra devono essere verificati prima della messa in servizio e periodicamente ad intervalli non superiori a due anni, allo scopo di accertare lo stato di efficienza. IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE L impianto elettrico di cantiere dovrà essere eseguito a regola d arte secondo le norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) utilizzando materiale e componenti elettrici provvisti di marcatura CE, nonché nel rispetto di quanto prescritto dalla legislazione tecnica vigente. Le parti metalliche degli impianti e degli eventuali ripari metallici che possono andare in tensione e che sono soggette a contatto delle persone, dovranno essere adeguatamente collegate a terra. L esecuzione, la modifica, la manutenzione, ed il controllo dell impianto elettrico (anche se temporaneo) dovranno essere eseguiti da ditta abilitata, così come dovrà risultare dal certificato d iscrizione alla Camera di Commercio; la stessa ditta al termine dei lavori dovrà rilasciare la dichiarazione di conformità, sia dell impianto elettrico, sia dell impianto di messa a terra. I vari cavi, adeguatamente isolati, di alimentazione alle macchine saranno fissati, la dove possibile, alla recinzione tramite fascette, altrimenti saranno sotterrati. Tutti lavoratori dovranno essere adeguatamente informati e formati sui rischi elettrici del cantiere mediante idonei avvisi e cartelli e sulle misure di prevenzione e protezione. In particolare, i lavoratori dovranno osservare le comuni norme di prudenza, segnalare con tempestività qualsiasi anomalia, non effettuare alterazioni, modifiche e riparazioni senza autorizzazione. In cantiere dovrà essere conservata copia del certificato di conformità dell impianto elettrico e di messa a terra, rilasciato dalla ditta installatrice. L'impianto sarà costituito da un quadro elettrico generale (di alimentazione) e di quadri elettrici secondari (di distribuzione), muniti di targa indelebile con indicato il nome del costruttore e la conformità alle norme CEI. Dai quadri di distribuzione verranno direttamente alimentati, attraverso interruttori, senza la derivazione spina-presa, le macchine fisse di cantiere. Gli altri utilizzatori potranno venire alimentati tramite derivazione spina-presa. Sarà compito dell'installatore verificare che le caratteristiche tecniche dei quadri prodotti e cablati dal costruttore siano adeguate alle condizioni di

8 reale utilizzo in cantiere. Tutti i quadri dovranno essere collocati su strutture isolanti ed avere un interruttore generale con funzione di emergenza. Le linee di derivazione a spina per macchine ed attrezzature saranno sempre protette dall'interruttore automatico differenziale ad alta sensibilità magnetotermico. Nei quadri elettrici ogni interruttore proteggerà al massimo sei prese. Le prese e le spine dovranno essere conformi alle specifiche CEE Euronorm, del colore convenzionale: Azzurro (monofase 220 V), Rosso (trifase 380 V). Sarà vietato l'uso di prese e spine di uso domestico e installare prodotti elettrici destinati a funzionare a bassa tensione privi di marcatura CE. Le linee elettriche fisse saranno interrate e realizzate con cavi N1VV-K, FG7R, FG7OR per posa fissa (interrata) e H07RN-F, FG1K 450/750 V, FG1OK 450/750 V per posa mobile. I conduttori fissi o mobili muniti di rivestimento isolante in genere, quando per la loro posizione o peri il loro particolare impiego, fossero soggetti a danneggiamento per cause meccaniche, dovranno essere protetti nei tratti soggetti al danneggiamento (rif. Art. 282 D.P.R. 547/55). I cavi interrati dovranno essere posti ad una distanza minima di 30 cm dai conduttori d acqua e di 50 cm dai conduttori del gas. I conduttori elettrici dovranno presentare tanto fra loro quanto verso terra un isolamento adeguato alla tensione dell impianto (rif. Art. 283 D.P.R. 574/55). I conduttori elettrici flessibili impiegati per derivazioni provvisorie o per l alimentazione di apparecchi o macchine portatili o mobili dovranno avere un idoneo rivestimento isolante atto a resistere anche all usura meccanica. Nell impiego degli stessi si dovrà avere cura che non intralcino i passaggi. I cavi raccolti in avvolgitori per comodità di trasporto dovranno essere completamente srotolati durante l uso. Sarà bene evidenziare con dei semplici cartellini posti sopra le prese del quadro elettrico generale, il nome delle macchine che vi vengono inserite, in modo che ogni addetto ai lavori abbia riferimento delle macchine che saranno alimentate in quel momento nel cantiere. ILLUMINAZIONE Gli ambienti, i posti di lavoro e di passaggio dovranno essere illuminati con luce naturale o artificiale in modo da assicurare una sufficiente visibilità. Nei casi in cui, per esigenze tecniche di particolari lavorazioni o procedimenti, non fosse possibile illuminare adeguatamente gli ambienti e i luoghi di lavoro si dovranno adottare adeguate misure dirette ad eliminare i rischi derivanti dalla mancanza o dall'insufficienza dell'illuminazione. I lavori all'aperto dovranno essere opportunamente illuminati con luce artificiale quando la luce del giorno non fosse sufficiente. Gli impianti di illuminazione dei locali di lavoro e delle vie di circolazione dovranno essere installati in modo che il tipo di illuminazione previsto non rappresenti un rischio d'infortunio per i lavoratori.

9 Nei luoghi di lavoro dovranno esistere mezzi di illuminazione sussidiaria da impiegare in caso di necessità, essi dovranno essere tenuti in posti noti al personale, conservati in costante efficienza ed essere adeguati alle condizioni ed alle necessità del loro impiego. Per l'illuminazione dei luoghi di lavoro si provvederà con lampade portatili fissate su treppiedi o cavalletti che dovranno avere l'impugnatura in materiale isolante, essere munite di gabbia di protezione della lampada fissata mediante collare esterno alla impugnatura isolante e garantire il perfetto isolamento delle parti in tensione dalle parti metalliche eventualmente fissate alla impugnatura. I subappaltatori o i lavoratori autonomi che provvederanno con propri mezzi alla illuminazione dei luoghi dove eseguono i lavori dovranno utilizzare materiali a norma CEI. AREE DI DEPOSITO E STOCCAGGIO DEI MATERIALI Le imprese esecutrici dovranno adoperarsi affinché tutti gli stoccaggi dei materiali (laterizi,manufatti, ferri ecc.) vengano effettuati al di fuori delle vie di transito in modo razionale e da non creare ostacoli. Il capo cantiere o altro preposto individuato dall impresa appaltatrice, avrà il compito di porre particolare attenzione alle cataste e ai mucchi di materiali con possibilità di crollo o cedimento alla base. Inoltre il piano di appoggio dell area dovrà essere idoneamente compatto, orizzontale e stabile, i materiali andranno depositati in modo ordinato. SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Lo smaltimento dei rifiuti sarà effettuato da parte delle imprese esecutrici su indicazione dell impresa appaltatrice, servendosi di idonei contenitori che verranno posizionati in luoghi tali da evitare il fastidio provocato da eventuali emanazioni insalubri e nocive; ad intervalli regolari l impresa appaltatrice dovrà provvedere essa stessa (o consegnando a ditte specializzate al trasporto rifiuti) a consegnare gli stessi nei punti di raccolta autorizzati. MEZZI NON FISSI DI SUSSIDIO AL LAVORO Non essendo sempre presenti in cantiere non possono essere considerati mezzi fissi di lavorazione alcuni dei mezzi che vengono utilizzati per alcune specifiche lavorazioni (i risanamenti di una facciata, puntuali lungo quest ultima ad esempio); come il camion per il sollevamento della cesta con cui gli operai dispongono.

10 COSTI E CRONOPROGRAMMA allegato FIRME PER ACCETAZIONE Progettista/D.L./ Coord. sicurezza fase di progettazione: Ing. Matteo Morandina Responsabile del Procedimento/Responsabile dei Lavori: Ing. Andrea Menin Coord. sicurezza fase di esecuzione: Impresa appaltatrice:

11 ALLESTIMENTO CANTIERE

12 OPERA : Allestimento del Cantiere DI

13 OPERA : Allestimento del Cantiere Trasporto e formazione della recinzione, montaggio dei cancelli di accesso DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E caduta del materiale dall alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO investimento causato dai mezzi di scavo e di trasporto Bassissima Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Segnale acustico di retromarcia; segnale luminoso di manovra; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco. PROCEDURE: Effettuare gli scavi con un mini escavatore o a mano e formare i dadi di fondazione in calcestruzzo nei quali inserire i montanti di acciaio muniti di cerniere; puntellare solidamente ed aspettare l indurimento del calcestruzzo; trasportare i cancelli con l autocarro munito di gru; sollevare evitando di far oscillare il manufatto e collocare in opera. Trasportare la recinzione prefabbricata con l autocarro munito di gru; sollevare e depositare a terra i pannelli a maglie metalliche, evitando di passare al di sopra degli operatori; collocare in opera i piedistalli, inserire i pannelli nel foro ed agganciare pannello con pannello, verificando la perfetta connessione tra i pannelli e basamento e tra pannello e pannello al fine di garantire una perfetta stabilità; rivestire i pannelli con rete in plastica colorata ad alta visibilità. Usare la scala doppia, l autocarro con gru seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente. PRESCRIZIONI Ai non addetti deve essere fatto esplicito divieto di avvicinarsi alla zona di lavoro.

14 OPERA : Allestimento del Cantiere Realizzazione dell'impianto elettrico DI

15 OPERA : Allestimento del Cantiere Realizzazione dell'impianto elettrico DI Trasporto e montaggio di quadro generale, di quadri secondari, supporti INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E colpi Elevata Notevole ALTO danni all apparato uditivo durante l uso della sega circolare danni all apparato respiratorio causato dall inalazione di polveri danni agli occhi per proiezione di schegge durante l uso della sega circolare investimento causato dai mezzi di trasporto Medio bassa Modesta BASSO Medio alta Modesta MEDIO BASSO Medio bassa Notevole MEDIO ALTO Bassissima Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Segnale acustico di retromarcia; segnale luminoso di manovra; trabattello, scala doppia di dimensioni appropriate, resistenti e a norma di legge; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di prevenzione individuale: casco, occhiali protettivi, facciali filtranti e otoprotettori. PROCEDURE Il quadro generale e i quadri secondari saranno collocati in opera su strutture e supporti in legno appositamente costruiti ed adattati in funzione alle necessità di cantiere. Effettuare gli scavi con un mini escavatore o a mano per formare i dadi di fondazione in calcestruzzo nei quali inserire i pali di legno; aspettare l indurimento del calcestruzzo; montare i pannelli di supporto dei quadri; montare le forcelle di appoggio per i cavi aerei. Usare il trabattello, la scala doppia, l autocarro, la sega circolare seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente.

16 OPERA : Allestimento del Cantiere Realizzazione dell'impianto elettrico DI Posa cavidotti e cavi INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E caduta del materiale dall alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE I lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco. PROCEDURE Eseguire le operazioni di posa delle tubazioni solo quando i mezzi per lo scavo ed il trasporto sono fermi; tagliare ed unire le tubazioni con attrezzature adeguate, in posizione stabile e sicura; posizionare le tubazioni con allettamento in malta o quanto necessario.

17 OPERA : Allestimento del Cantiere Realizzazione dell'impianto di messa a terra DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E colpi Medio bassa Modesta BASSO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE I lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco. PROCEDURE Eseguire le operazioni di posa dei picchetti a mano iniziando con un leggero martello e poi con l ausilio di una mazza eseguendo il lavoro da soli senza l aiuto di nessun altro operatore.

18 OPERA : Rimozione di coperture e tetti DI

19 OPERA : Rimozione di coperture e tetti Rimozione del manto di copertura ovvero le membrane antintemperie, stoccaggio e trasporto a discarica autorizzata DI

20 OPERA : Rimozione di coperture e tetti Rimozione del manto di copertura ovvero le membrane antintemperie, stoccaggio e trasporto a discarica autorizzata DI Stoccaggio delle membrane, carico e trasporto INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA (P) MAGNITUDO (M) VALUTAZION E colpi Medio alta Modesta MEDIO BASSO caduta dei materiali dall alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO danni all apparato respiratorio causato Medio bassa Modesta BASSO dall inalazione di polveri elettrocuzione, folgorazione Medio bassa Ingente MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Predisporre segnaletica di avvertimento di area di stoccaggio rifiuti pericolosi; predisporre segnaletica di divieto di accesso alle persone non autorizzate; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco, guanti protettivi a polso lungo, scarpe antinfortunistiche, calzari copri scarpe, tuta altamente protettiva monouso (barriera assoluta alle fibre di amianto) con cuciture saldate e cappuccio dotato di elastico, maschera pieno facciale a cartucce filtranti P3, imbracatura di sicurezza. PROCEDURE Eseguire lo stoccaggio delle membrane depositate nei pallet avvolgendole con teli di polietilene (spessore minimo mm 0,2) e sigillare con nastro adesivo impermeabile; etichettare gli imballaggi con le opportune indicazioni a norma di legge; allontanare il personale dalla zona interessata dal carico; eseguire il carico del materiale nell autocarro con l ausilio di transpallet. Usare le macchine ed apparecchi elettrici, il transpallet, l autocarro seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente. PRESCRIZIONI Verificare la perfetta carrabilità, stabilità ed integrità dei luoghi e della viabilità utilizzata dai mezzi d opera e di trasporto; ai lavoratori deve essere fatto esplicito divieto di avvicinarsi alla zona di carico;

21 OPERA : Rimozione di lattonerie DI

22 OPERA : Rimozione di lattonerie Rimozione di grondaia, scossalina, conversa, trasferimento in zona deposito o nel mezzo di trasporto DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA (P) MAGNITUDO (M) VALUTAZION E tagli Medio alta Notevole ALTO colpi Medio alta Modesta MEDIO BASSO caduta nel vuoto Medio bassa Ingente MEDIO ALTO caduta dei materiali dall alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO investimento causato dai mezzi di trasporto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Ponteggio metallico dotato di regolare autorizzazione ministeriale, di dimensioni appropriate e realizzato a norma di legge; delimitare l area che potrebbe essere interessata dalla caduta di materiali mediante barriere con cavalletti evidenziate con segnaletica di punto di pericolo di colore rosso alternato bianco; predisporre segnaletica di avvertimento di caduta di materiali dall alto nelle vicinanze della zona di sollevamento e di discesa dei materiali; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco, guanti di protezione contro i tagli, scarpe antinfortunistiche, imbracatura di sicurezza. PROCEDURE Eseguire le operazioni di rimozione della grondaia, scossalina, conversa muniti di dispositivo anticaduta con recupero automatico della fune agganciato con elementi e su strutture ad elevata capacità di resistenza e trattenuta, indossando guanti di protezione contro i tagli, posizionati in modo stabile e sicuro; il materiale sarà imbracato e sollevato con la gru a torre o con la gru dell autocarro di trasporto; eseguire le operazioni di sollevamento e trasferimento in totale assenza di persone nel campo di azione della gru; le operazioni dovranno essere compiute dal manovratore senza mai perdere di vista il carico ed in totale assenza di oscillazioni; adagiare il materiale nella zona di deposito o nel mezzo di trasporto. Usare la gru, l autocarro di trasporto seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente.

23 OPERA : Rimozione di lattonerie Rimozione di pluviali, trasferimento in zona deposito o nel mezzo di trasporto DI MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Trabattello di dimensioni adeguate e a norma di legge; delimitare l area che potrebbe essere interessata dalla caduta di materiali mediante barriere con cavalletti evidenziate con segnaletica di punto di pericolo di colore rosso alternato bianco; predisporre segnaletica di avvertimento di caduta di materiali dall alto nelle vicinanze della zona di sollevamento e di discesa dei materiali; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco, guanti di protezione contro i tagli, scarpe antinfortunistiche. PROCEDURE Eseguire le operazioni di rimozione dei pluviali con utensili comuni, indossando guanti di protezione contro i tagli, posizionati in modo stabile e sicuro; effettuare il trasferimento dei manufatti in zona di deposito o nel mezzo di trasporto a mano. Usare il trabattello, l autocarro di trasporto seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente.

24 OPERA : Demolizione di intonaci DI

25 OPERA : Demolizione di intonaci Demolizione di intonaco esterno, raccolta e trasferimento al mezzo di trasporto DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA (P) MAGNITUDO (M) VALUTAZION E elettrocuzione, folgorazione Medio bassa Notevole MEDIO ALTO lacerazioni, abrasioni Medio bassa Notevole MEDIO ALTO danni agli occhi per proiezione di Medio alta Notevole ALTO schegge danni all apparato uditivo durante l uso Medio bassa Modesta BASSO del martello demolitore danni all apparato respiratorio causato Medio bassa Modesta BASSO dall inalazione di polveri caduta dall alto al piano d opera Medio bassa Notevole MEDIO ALTO caduta dei materiali dall alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO caduta nel vuoto Medio bassa Ingente MEDIO ALTO investimento causato dai mezzi di trasporto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE -Utilizzare macchine elettriche mobili dotate di doppio isolamento certificate da istituto riconosciuto dallo Stato; -i conduttori mobili muniti di rivestimento isolante, quando per la posizione o per il loro particolare impiego siano soggetti a danneggiamenti per causa meccanica, devono essere protetti; -ponteggio metallico dotato di regolare autorizzazione, di dimensioni appropriate e realizzato a norma di legge; -delimitare l area che potrebbe essere interessata dalla caduta di materiali mediante barriere con cavalletti evidenziate con segnaletica di punto di pericolo di colore rosso alternato bianco; -predisporre segnaletica di avvertimento di caduta di materiali dall alto nelle vicinanze della zona di discesa dei materiali; -segnale acustico di retromarcia; -segnale luminoso di manovra; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco, guanti, scarpe antinfortunistiche, occhiali protettivi, facciali filtranti e otoprotettori. PROCEDURE Effettuare il lavoro con il martello demolitore in posizione stabile e sicura utilizzando il ponteggio e ponti su cavalletti a norma; raccogliere il materiale nella carriola, irrorarlo e trasferirlo in apposita benna autoscaricante, posizionata nel ponte di carico a sbalzo; trasferire il materiale con la gru eseguendo le operazioni senza mai perdere di vista il carico ed in totale assenza di oscillazioni e scaricare per ribaltamento, nella zona di deposito o nel mezzo di trasporto. Usare il martello demolitore, l autocarro di trasporto seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente.

26 OPERA : Rimozione di serrqamenti trasferimento in zona deposito o nel mezzo di trasporto DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI

27 DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA (P) MAGNITUDO (M) VALUTAZION E tagli Medio alta Notevole ALTO colpi Medio alta Modesta MEDIO BASSO caduta nel vuoto Medio bassa Ingente MEDIO ALTO caduta dei materiali dall alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO investimento causato dai mezzi di trasporto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Ponteggio metallico dotato di regolare autorizzazione ministeriale, di dimensioni appropriate e realizzato a norma di legge; delimitare l area che potrebbe essere interessata dalla caduta di materiali mediante barriere con cavalletti evidenziate con segnaletica di punto di pericolo di colore rosso alternato bianco; predisporre segnaletica di avvertimento di caduta di materiali dall alto nelle vicinanze della zona di sollevamento e di discesa dei materiali; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco, guanti di protezione contro i tagli, scarpe antinfortunistiche, imbracatura di sicurezza. PROCEDURE Eseguire le operazioni di rimozione muniti di dispositivo anticaduta con recupero automatico della fune agganciato con elementi e su strutture ad elevata capacità di resistenza e trattenuta, indossando guanti di protezione contro i tagli, posizionati in modo stabile e sicuro; il materiale sarà imbracato e sollevato con la gru a torre o con la gru dell autocarro di trasporto; eseguire le operazioni di sollevamento e trasferimento in totale assenza di persone nel campo di azione della gru; le operazioni dovranno essere compiute dal manovratore senza mai perdere di vista il carico ed in totale assenza di oscillazioni; adagiare il materiale nella zona di deposito o nel mezzo di trasporto. Usare la gru, l autocarro di trasporto seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente.

28 PROCESSO PRODUTTIVO OPERA : Impermeabilizzazioni

29 DI OPERA : Impermeabilizzazioni Trasferimento a piè d'opera dei materiali e formazione di un manto impermeabilizzante DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA (P) MAGNITUDO (M) VALUTAZION E tagli Medio alta Modesta MEDIO BASSO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE I lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di prevenzione individuale: scarpe antinfortunistiche. PROCEDURE Trasferire il materiale dal deposito a piè d opera con l ausilio di un carrello o carriola; stendere il materiale a mano e tagliare su misura con apposita taglierina indossando i guanti di protezione; porre estrema attenzione nell utilizzo di tutta l utensileria da taglio e nel riporla chiusa in luogo sicuro. OPERA : Isolamenti

30 DI OPERA : Isolamenti Trasferimento a piè d'opera dei materiali e posa di pannelli DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO danni all apparato uditivo durante l uso della sega circolare o della sega a motore danni all apparato respiratorio causato dall inalazione di polveri danni agli occhi per proiezione di schegge durante l uso della sega circolare o a motore PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E Medio bassa Modesta BASSO Medio bassa Modesta BASSO Medio bassa Notevole MEDIO ALTO caduta dei materiali dall alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Scale doppie sufficientemente resistenti, di dimensioni appropriate e a norma di legge, in posizione stabile e sicura; I lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di prevenzione individuale: casco, occhiali protettivi e otoprotettori. PROCEDURE Trasferire il materiale, imballato, con il transpallet dalla zona di stoccaggio al luogo di sollevamento; con la gru trasferire il materiale, imballato, al piano di posa; trasferire modiche quantità di materiale a piè d opera in due operatori; prima della posa dei pannelli disporre ordinatamente il materiale e le attrezzature strettamente necessarie sul piano di lavoro in posizione stabile, senza provocare ingombro; tagliare il materiale su misura con la sega circolare. Usare il transpallet e la gru per la movimentazione dei carichi seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente.

31 Usare la scala doppia, la sega circolare seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente. OPERA : Intonaci e malte anti ritiro DI OPERA : Intonaci e malte anti ritiro Formazione di intonaco esterno cementizio per risanamento opere in c.a., lavorazioni di picchettatura, pulizia superifici da risanare, applicazione dei trattamenti passivanti, utilizzo di malte anti ritiro DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E caduta nel vuoto Elevata Ingente ALTO danni agli occhi per proiezione di schizzi Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Ponteggio metallico dotato di regolare autorizzazione ministeriale, di dimensioni appropriate e realizzato a norma di legge;

32 i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: occhiali protettivi. Mascherina antipolvere ed occhiali protettivi per evitare di inalare e venire a contatto con la polvere (o schegge) di calcestruzzo PROCEDURE Verificare che il ponteggio e le zone di lavoro siano sgombre e accessibili in totale sicurezza; applicare alle pareti, ai cornicioni, alle cornici dei fori, ecc. un primo strato di intonaco a rinzaffo, un secondo strato al grezzo ed infine un terzo strato di finitura. Usare la centrale di betonaggio e la betoniera seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente. PRESCRIZIONI Durante la formazione dell intonaco, sopra e sotto le pareti interessate, non devono essere eseguite altre lavorazioni. Prestare la massima attenzione durante i lavori che da 1- a 5- verranno effettuati per il risanamento puntuale delle facciate. OPERA : Opere da lattoniere DI OPERA : Opere da lattoniere Trasferimento a piè d'opera dei materiali e posa in opera di grondaie, scossaline, converse DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION

33 (P) (M) E tagli Medio alta Notevole ALTO colpi Medio alta Modesta MEDIO BASSO caduta dei materiali dall alto Elevata Notevole ALTO caduta nel vuoto Elevata Ingente ALTO investimento causato dai mezzi di trasporto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Ponteggio metallico dotato di regolare autorizzazione ministeriale, di dimensioni appropriate e realizzato a norma di legge; predisporre parapetti normali con arresto al piede in tutte le aperture che presentano rischi di caduta nel vuoto; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di prevenzione individuale: casco. PROCEDURE Il materiale sarà imbracato e sollevato con la gru a torre o con la gru dell autocarro di trasporto; prima di sollevare il carico è importante verificare la stabilità e la correttezza della presa e dell imbracatura; l operatore che ha agganciato il carico deve allontanarsi o scendere dall autocarro prima delle manovre di sollevamento; eseguire le operazioni di sollevamento in totale assenza di persone, nel campo di azione della gru; le operazioni di avvicinamento e di posa in opera dovranno essere compiute dal manovratore senza mai perdere di vista il carico ed in totale assenza di oscillazioni; nel caso si preveda di effettuare un deposito provvisorio all ultimo piano, disporre ordinatamente il materiale in perfetta stabilità senza sovraccaricare la struttura di appoggio; eseguire la posa in opera dei vari elementi con utensili adeguati, indossando guanti di protezione, posizionati in modo stabile e sicuro. Usare la gru seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente. PRESCRIZIONI Non sostare al di sotto del percorso necessario per trasferire il materiale sollevato con la gru

34 OPERA : Opere da lattoniere Trasferimento a piè d'opera dei materiali e posa in opera di pluviali DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E tagli Medio alta Notevole ALTO colpi Medio alta Modesta MEDIO BASSO caduta dei materiali dall alto Elevata Notevole ALTO caduta nel vuoto Elevata Ingente ALTO investimento causato dai mezzi di trasporto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Ponteggio metallico dotato di regolare autorizzazione ministeriale, di dimensioni appropriate e realizzato a norma di legge; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di prevenzione individuale: casco. PROCEDURE Il materiale sarà imbracato e sollevato con la gru a torre o con la gru dell autocarro di trasporto; prima di sollevare il carico è importante verificare la stabilità e la correttezza della presa e dell imbracatura; l operatore che ha agganciato il carico deve allontanarsi o scendere dall autocarro prima delle manovre di sollevamento; eseguire le operazioni di sollevamento in totale assenza di persone, nel campo di azione della gru; le operazioni di avvicinamento e di posa in opera dovranno essere compiute dal manovratore senza mai perdere di vista il carico ed in totale assenza di oscillazioni; disporre ordinatamente il materiale e le attrezzature in perfetta stabilità senza provocare ingombro; eseguire la posa in opera dei vari elementi con utensili adeguati, indossando guanti di protezione, posizionati in modo stabile e sicuro. Usare la gru seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nel libretto d uso predisposto dal costruttore, le disposizioni riportate nel presente PSC in merito all impiego e quanto prescritto dalla normativa vigente. PRESCRIZIONI Non sostare al di sotto del percorso necessario per trasferire il materiale sollevato con la gru

35 OPERA : Opere da fabbro / serramentista DI OPERA : Opere da fabbro Trasporto a piè d'opera e montaggio dei manufatti serramenti DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E colpi Medio alta Notevole ALTO caduta dei materiali dall alto Elevata Ingente ALTO investimento causato dai mezzi di trasporto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE -Segnale acustico di retromarcia; -segnale luminoso di manovra; -i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di prevenzione individuale: casco, guanti, scarpe antinfortunistiche.

36 PROCEDURE Il materiale sarà imbracato e sollevato con la gru dell autocarro di trasporto; prima di sollevare il carico è importante verificare la stabilità e la correttezza della presa e dell imbracatura; le operazioni di avvicinamento al piano di posa dovranno essere compiute dal manovratore senza mai perdere di vista il carico ed in totale assenza di oscillazioni; sollevare i profili in almeno due operatori ed eseguire il fissaggio in opera dei vari elementi in posizione stabile e sicura. PRESCRIZIONI Non sostare al di sotto del percorso necessario per trasferire il materiale sollevato con la gru. OPERA : Opere da pittore DI

37 OPERA : Opere da pittore Tinteggiatura di pareti e soffitti esterni, cornicioni, cornici dei fori, parapetti, ecc. DI INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO PROBABILITA MAGNITUDO VALUTAZION (P) (M) E caduta nel vuoto Elevata Ingente ALTO danni agli occhi per proiezione di schizzi Medio bassa Modesta BASSO caduta dei materiali dall'alto Medio bassa Notevole MEDIO ALTO MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE Ponteggio metallico dotato di regolare autorizzazione ministeriale, di dimensioni appropriate e realizzato a norma di legge; i lavoratori dovranno essere muniti dei seguenti dispositivi di protezione individuale: casco, occhiali protettivi. PROCEDURE Verificare che il ponteggio e le zone di lavoro siano sgombre e accessibili in totale sicurezza; applicare alle pareti e ai soffitti, ai cornicioni, alle cornici dei fori, ai parapetti un primo strato di pittura e ripassare a superficie asciutta con un secondo strato. PRESCRIZIONI Non appoggiare vasi di pittura sul bordo dell impalcato o materiali che possono cadere o essere di intralcio. 36

38 Costi sicurezza Pag. 1 N. Codice DESCRIZIONE DEI LAVORI U.M. Quantità Prezzo Unitario IMPORTO Elenco Prezzi in Euro in Euro Costi sicurezza 1 Z b Recinzione provvisionale modulare a pannelli ad alta visibilità con maglia di dimensioni non inferiore a mm 20 di larghezza e non inferiore a mm 50 di altezza, con irrigidimenti nervati e paletti di sostegno composti da tubolari metallici zincati di diametro non inferiore a mm 40, completa con blocchi di cls di base, morsetti di collegamento ed elementi cernierati per modulo porta e terminali; dal peso totale medio non inferiore a 20 kg/ m Montaggio per nolo con moduli di altezza pari a m 2,00 (Onere sicurezza aggiuntivo) 2 Z c Nolo con moduli di altezza pari a m 2,00 (Onere sicurezza aggiuntivo) 3 P Trasporto, posa in opera, uso e successivo smontaggio ed allontanamento di ponteggio metallico costituito da piano di lavoro regolare, parapetto regolare e struttura portante:impalcati realizzati in legno o metallo con relativo sottoponte, struttura in tubolari metallici giuntati con elementi di controventatura sia in pianta che sui laterali, posti ad un interasse di 2 m, basette per la ripartizione del carico a terra - con struttura portante a cavalletto prefabbricato Per il primo mese (Onere sicurezza aggiuntivo) 4 P Cartelli di divieto rettangolari in alluminio Dimensioni mm 270 x 370 (Onere sicurezza aggiuntivo) 5 P Cartelli di pericolo rettangolari in alluminio Dimensioni mm 333 x 500. Distanza massima di lettura m 12 (Onere sicurezza aggiuntivo) 6 P Cartelli di obbligo rettangolari in alluminio Dimensioni mm 333 x 500. Distanza massima di lettura m 12 (Onere sicurezza aggiuntivo) mq 50,00 3,85 192,50 mq 15,00 0,61 9,15 m 65,00 10,09 655,85 n 6,00 7,14 42,84 n 6,00 7,65 45,90 n 5,00 7,65 38,25 a riportare 984,49

39 Costi sicurezza Pag. 2 N. Codice DESCRIZIONE DEI LAVORI U.M. Quantità Prezzo Unitario IMPORTO Elenco Prezzi in Euro in Euro riporto 984,49 7 P Cartelli antincendio rettangolari in alluminio Dimensioni mm 300 x 200 (Onere sicurezza aggiuntivo) n 2,00 4,35 8,70 TOTALE Costi sicurezza 993,19 TOTALE LAVORI 993,19 Totale soggetto a ribasso/aumento Oneri sicurezza aggiuntivi 993,19 TOTALE COMPLESSIVO DELL'OPERA 993,19 Mestre, Responsabile della sicurezza in fase di progettazione ing. Matteo Morandina

40 Costi per la sicurezza Pag. 1 N. Codice DESCRIZIONE DEI LAVORI U.M. Quantità Prezzo Unitario IMPORTO Elenco Prezzi in Euro in Euro Costi per la sicurezza 1 Z b Recinzione provvisionale modulare a pannelli ad alta visibilità con maglia di dimensioni non inferiore a mm 20 di larghezza e non inferiore a mm 50 di altezza, con irrigidimenti nervati e paletti di sostegno composti da tubolari metallici zincati di diametro non inferiore a mm 40, completa con blocchi di cls di base, morsetti di collegamento ed elementi cernierati per modulo porta e terminali; dal peso totale medio non inferiore a 20 kg/ m Montaggio per nolo con moduli di altezza pari a m 2,00 (Onere sicurezza aggiuntivo) 2 Z c Nolo con moduli di altezza pari a m 2,00 (Onere sicurezza aggiuntivo) 3 P Delimitazione aree realizzata con la stesura di nastro bicolore (bianco e rosso), sostenuto da paletti in ferro h = 1,2 m, a distanza di m. 2 uno dall'altro, compreso allestimento e disallestimento Per il primo mese (Onere sicurezza aggiuntivo) 4 P Delimitazione aree pericolose realizzata con transenne in tubolare / tondino di ferro zincate a caldo, collegabili con ganci - modulo fino a 1110 mm di altezza e fino a 2500 mm di lunghezza, compreso allestimento e disallestimento Per il primo mese (Onere sicurezza aggiuntivo) mq 150,00 3,85 577,50 mq 150,00 0,61 91,50 m 200,00 2,25 450,00 n 70,00 5,55 388,50 5 P Per ogni mese successivo (Onere sicurezza aggiuntivo) 6 P Trasporto, posa in opera, uso e successivo smontaggio ed allontanamento di ponteggio metallico costituito da piano di lavoro regolare, parapetto regolare e struttura portante:impalcati realizzati in legno o metallo con relativo sottoponte, struttura in tubolari metallici giuntati con elementi di controventatura sia in pianta che sui laterali, posti ad un interasse di cad/ mes e 50,00 0,68 34,00 a riportare 1.541,50

41 Costi per la sicurezza Pag. 2 N. Codice DESCRIZIONE DEI LAVORI U.M. Quantità Prezzo Unitario IMPORTO Elenco Prezzi in Euro in Euro riporto 1.541,50 2 m, basette per la ripartizione del carico a terra - con struttura portante a cavalletto prefabbricato Per il primo mese (Onere sicurezza aggiuntivo) m 150,00 10, ,50 7 P Per ogni mese successivo (Onere sicurezza aggiuntivo) mq x mes e 150,00 1,40 210,00 8 P Cartelli di divieto rettangolari in alluminio Dimensioni mm 270 x 370 (Onere sicurezza aggiuntivo) 9 P Cartelli di pericolo rettangolari in alluminio Dimensioni mm 333 x 500. Distanza massima di lettura m 12 (Onere sicurezza aggiuntivo) 10 P Cartelli di obbligo rettangolari in alluminio Dimensioni mm 333 x 500. Distanza massima di lettura m 12 (Onere sicurezza aggiuntivo) 11 P Cartelli antincendio rettangolari in alluminio Dimensioni mm 300 x 200 (Onere sicurezza aggiuntivo) 12 P Cartelli di emergenza/salvataggio rettangolari in alluminio Dimensioni mm 300 x 200 (Onere sicurezza aggiuntivo) 13 P Trasporto, posa in opera, uso e successivo smontaggio ed allontanamento di ponteggio metallico costituito da piano di lavoro regolare, parapetto regolare e struttura portante:impalcati realizzati in legno o metallo con relativo sottoponte, struttura in tubolari metallici giuntati con elementi di controventatura sia in pianta che sui laterali, posti ad un interasse di 2 m, basette per la ripartizione del carico a terra - con struttura portante a tubi e giunti Per il primo mese (Onere sicurezza aggiuntivo) n 40,00 7,14 285,60 n 40,00 7,65 306,00 n 40,00 7,65 306,00 n 10,00 4,35 43,50 n 10,00 4,35 43,50 m 70,00 17, ,30 a riportare 5.445,90

42 Costi per la sicurezza Pag. 3 N. Codice DESCRIZIONE DEI LAVORI U.M. Quantità Prezzo Unitario IMPORTO Elenco Prezzi in Euro in Euro riporto 5.445,90 TOTALE Costi per la sicurezza 5.445,90 TOTALE LAVORI 5.445,90 Totale soggetto a ribasso/aumento Oneri sicurezza aggiuntivi 5.445,90 TOTALE COMPLESSIVO DELL'OPERA 5.445,90 Mestre, Responsabile della sicurezza in fase di progettazione ing. Matteo Morandina

43 I MESE II MESE III MESE IV MESE V MESE VI MESE VII MESE VIII MESE IX MESE X MESE XI MESE XII MESE MANUTENZIONE ORDINARIA SCOLASTICA E PATRIMONIALE demolizioni cementi armati inteventi edili intonaci serramenti interventi nelle coperture lattonerie dipinture

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA ALLEGATO "C" Comune di Novara Provincia di NO STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Opere di rifacimento

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA. DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA

Num.Ord. TARIFFA. DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA Via Bressane, 62/a - 35042 Este (PD) - Tel. 340/5396516 - e-mail: alberto_fornasiero@libero.it pag. 1 R I P O R T O LAVORI A MISURA APPRESTAMENTI PREVISTI NEL PSC (Cap 1) 1 RECINZIONE DI CANTIERE CON PANNELLI

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Decreti Legislativi 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com Sinergo Spa - via Ca Bembo 152-30030 - Maerne di Martellago - Venezia - Italy tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com oggetto PROGETTO ESECUTIVO AMMODERNAMENTO IMPIANTO

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA INDICE A) ORGANIZZAZIONE E ALLESTIMENTO DEL CANTIRE B) FASI LAVORATIVE C) IMPIEGO DI ATTREZZATURE D) SMONTAGGIO DEL CANTIERE

SCHEDE DI SICUREZZA INDICE A) ORGANIZZAZIONE E ALLESTIMENTO DEL CANTIRE B) FASI LAVORATIVE C) IMPIEGO DI ATTREZZATURE D) SMONTAGGIO DEL CANTIERE SCHEDE DI SICUREZZA INDICE A) ORGANIZZAZIONE E ALLESTIMENTO DEL CANTIRE B) FASI LAVORATIVE C) IMPIEGO DI ATTREZZATURE D) SMONTAGGIO DEL CANTIERE (A) Organizzazione e allestimento cantiere Recinzione mobile

Dettagli

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE A MISURA 1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 1 N.P.SC1 RIUNIONI COORDINAMENTO RIUNIONE PERIODICA DI COORDINAMENTO TRA I RESPONSABILI DELLE IMPRESE OPERANTI IN CANTIERE ED IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

Comune di TORINO Provincia di TO

Comune di TORINO Provincia di TO Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 DLgs 81/08 )

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 DLgs 81/08 ) PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 DLgs 81/08 ) Spett.le S.P.S.A.L. Distretto dell A.U.S.L. di Parma Via Comune Presentato dal Sig., nato a,

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Sicurezza

Computo Metrico Estimativo Sicurezza 1 PONTEGGIO 1.1 Ponteggi esterni di facciata, compreso montaggio e smontaggio, SP.001.1 costruiti con elementi tubolari metallici, di qualsiasi forma e superficie, compresi sbalzi protettivi, parti rastremate

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O Num.Ord. DESIGNAZIONE DEI LAVORI D I M E N S I O N I I M P O R T I Quantità par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA 1 Recinzione perimetrale di protezione in rete

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI Tutte le masse, le masse estranee e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche devono essere collegati ad un unico impianto di messa a terra, ovvero

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Regionale Liguria COORDINAMENTO ATTIVITA TECNICO EDILIZIA Allegato 5 PROCEDURE DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Procedura aperta ai sensi art. 55, 5 comma

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

ANALISI PREZZI. Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50

ANALISI PREZZI. Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50 ANALISI PREZZI Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50 Miniescavatore compreso operatore ora 57,35 Autocarro

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane www.impiantitalia.it R-08 23 23 La Norma 64-8, sezione 7, trattando degli impianti elettrici particolari definisce anche i requisiti degli impianti elettrici delle piscine e delle fontane. Il campo di

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Schede di sicurezza delle lavorazioni

Schede di sicurezza delle lavorazioni Pagina 108 PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Viale Carlo Emanuele II Venaria Reale Attuazione Decreto Legislativo 81/2008 D.Lgs. 106/2009

Dettagli

- Procedura Operativa

- Procedura Operativa INTERVENTI DI MANUTENZIONE E DI RIMOZIONE DI TUBATURE IDRICHE IN CEMENTO-AMIANTO - Procedura Operativa 1 Predisposizione dell area cantiere 2 Esecuzione dello scavo e messa allo scoperto della tubazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO In conformità all art. 100 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i. ALLEGATO I PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE UFFICI SEDE DELL INVALSI Indirizzo cantiere:

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio.

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio. ORG: ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE ORG.002 DELIMITAZIONI VARIE 1 ORG.001010 Recinzione di cantiere alta cm 200, eseguita ferri tondi infissi in basi cemento, rete metallica elettrosaldata e rete di plastica

Dettagli

Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative

Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative 1 Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative 2 Prog.

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

STIMA LAVORI. Comune di Prato Provincia di Prato

STIMA LAVORI. Comune di Prato Provincia di Prato Comune di Prato Provincia di Prato pag. 1 STIMA LAVORI OGGETTO: Progetto di riqualificazione della Piazza del Mercato NUovo di Prato Opere stradali-oneri per la sicurezza Data, 06/10/2014 IL TECNICO Ing.

Dettagli

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015 Olbia OT pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 COMMITTENTE: COMUNE DI OLBIA Data, 11/05/2015 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright

Dettagli

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO)

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO) AREA EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni III, 25 - Rivoli (TO) INTERVENTI DI COMPLETAMENTO DI ADEGUAMENTO NORMATIVO

Dettagli

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 Schede di supporto A Sicurezza generale B Sicurezza di fase A4 Installazione e smantellamento cantiere A7 Moti del terreno A8 Cadute di masse di terreno A10 Vento A11 Reti

Dettagli

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Piano delle misure per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Progetto: Casa modello (2011) Committente: Cooperativa Immobiliare Campo Sereno, 9999 Briantea Edizione del 11. aprile 2011 Versione

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

AMIANTO: Rimozione amianto - Presentazione piano di lavoro ex art. 59 DUODECIES D.Lgs. 626/94

AMIANTO: Rimozione amianto - Presentazione piano di lavoro ex art. 59 DUODECIES D.Lgs. 626/94 A cosa serve A quale ufficio va inviato Chi deve redigere il piano Quando si deve presentare In quali casi Documentazione da presentare Modalità Cosa fa lo SPISAL Tempi medi di attesa AMIANTO: Rimozione

Dettagli

per l'ottenimento del CPI e agibilità dell' ITIS "G.Ferraris" - Verona 30/11/2009 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

per l'ottenimento del CPI e agibilità dell' ITIS G.Ferraris - Verona 30/11/2009 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO A.01.03 OPERAIO QUALIFICATO 1 a Assistenze per l'esecuzione di magisteri vari operaio qualificato 48,00 48,00 Totale h 48,00 31,37 1.505,76 D.03.06 NOLO DI PIATTAFORMA 2 a altezza di lavoro minima m 17

Dettagli

IL PREPOSTO DI CANTIERE

IL PREPOSTO DI CANTIERE kiker IL PREPOSTO DI CANTIERE Ruolo e responsabilità Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LA CORTE DI CASSAZIONE GLI ORIENTAMENTI DELLA SUPREMA CORTE Con sentenza Cass. Pen.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA (importi espressi in Euro) N 1 Allestimento di Cantiere Allestimento di cantiere comprensivo di parapetti di sicurezza, servizio igienico di cantiere, box

Dettagli

L organizzazione del cantiere e la gestione della sicurezza

L organizzazione del cantiere e la gestione della sicurezza L organizzazione del cantiere e la gestione della sicurezza Dott. Paolo PICCO T.d.P. SPreSAL ASL TO 3 II cantiere, pur essendo destinato ad avere un limite di durata nel tempo relativamente breve, comportando

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

COMPLESSO INCUBATORE INDUSTRIALE

COMPLESSO INCUBATORE INDUSTRIALE NR. DESCRIZIONE Oneri di sicurezza aggiuntivi alle forniture previste per il ", CENTRO DI ECCELLENZA, LABORATORIO PESANTE" a compenso della specifica disposizione del cantiere, dell'attuazione di tutte

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. P OPERE PROVVISIONALI P.01 RECINZIONI P.01.10 RECINZIONI PROVVISIONALI P.01.10.10 Recinzione provvisionale di cantiere di altezza non inferiore a 2.00 m con sostegni in paletti di legno o tubi da ponteggio,

Dettagli

E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI

E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI E1.01 Accesso al cantiere S1.4.40 Accesso al cantiere realizzato con telaio in elementi tubolari controventati chiuso con lamiera metallica, ondulata o grecata,

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

Computo Metrico Estimativo

Computo Metrico Estimativo SICUREZZA 10.1 RECINZIONE di cantiere realizzata con elementi 28.A05.E10.005 prefabbricati di rete metallica e montanti tubolari zincati con altezza minima di 2,00 m, posati su idonei supporti in calcestruzzo,

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

(Piano di Lavoro art. 256 D.Lgs. 81/08)

(Piano di Lavoro art. 256 D.Lgs. 81/08) Allegato 1 Spett. le A.U.S.L. LE/Area Sud Ufficio SPESAL Via Sante Cezza, 14 73024 MAGLIE (LE) RACCOMANDATA A MANO Data: Oggetto: sig. (nome, cognome, indirizzo cantiere) (Piano di Lavoro art. 256 D.Lgs.

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE PALESTRA COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA:

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE PALESTRA COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA: COMUNE DI LATERINA Via Trento, 21 52020 - LATERINA (AR) Tel. +39 0575 88011 - Fax. +39 0575 894626 e-mail: comune@comune.laterina.ar.it PEC: comune.laterina@postacert.toscana.it REALIZZAZIONE DI IMPIANTO

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Comune di SCAFATI Provincia di SALERNO pag. 1 STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA OGGETTO: COMMITTENTE: RIQUALIFICAZIONE DELL'EDIFICIO PUBBLICO SCOLASTICO IN VIA MARTIRI D'UNGHERIA, DESTINATO A SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

Comune di TORINO Provincia di TO

Comune di TORINO Provincia di TO Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO)

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) PROGETTO ESECUTIVO Oggetto: FASCICOLO DELL OPERA Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) Committente: COMUNE DI

Dettagli

Un materiale compatto

Un materiale compatto IL PERICOLO AMIANTO Un materiale compatto è meno pericoloso di un materiale friabile Può essere ridotto in polvere solo con l impiego l di attrezzi meccanici La percentuale di amianto presente è minima

Dettagli

Comune di TORINO Provincia di TO

Comune di TORINO Provincia di TO Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Azienda ESEMPIO. Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO. Datore di lavoro Ciciriello Riccardo

PIANO DI LAVORO. Azienda ESEMPIO. Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO. Datore di lavoro Ciciriello Riccardo PIANO DI LAVORO Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe Medico Competente De Santis

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO Sede Legale: Via Nissolina, 2-25043 - Breno (BS) - Tel. 0364/329.1 - Fax 0364/329310 www.aslvallecamonicasebino.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA La stima dei costi della sicurezza, come specificatamente richiesto al punto 4.1 dell allegato XV del D.Lgs. 81/2008, è stata redatta utilizzando

Dettagli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ALLEGATO B Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI Art. Descrizione U.M. 02.10.020.00 1a Linea elettrica mobile per impianti di illuminazione di sicurezza, realizzata con cavo multipolare flessibile isolato in gomma G10 sotto guaina

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA INDIRIZZO CANTIERE: Corso Italia - Quarto (NA) OPERA DA REALIZZARE: Lavori per la realizzazione dell'intervento di risparmio energetico, superamento barriere architettoniche, adeguamento impianti e realizzazione

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità IL CAPO CANTIERE INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA Organizzato da ASL 3 Monza in collaborazione con Circolo Geometri di Monza e Brianza Relatori: Dr. Tullio Quaianni P. E.

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Comune di CONCORDIA SAGITTARIA Provincia di VENEZIA OGGETTO: INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO DELLA VIABILITA' PROVINCIALE IN AMBITO URBANO. REALIZZAZIONE DEL PERCORSO CICLOPEDONALE TRA IL CENTRO STORICO DI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE IN SICUREZZA DEL CANTIERE

ORGANIZZAZIONE IN SICUREZZA DEL CANTIERE ORGANIZZAZIONE IN SICUREZZA DEL CANTIERE FONTI NORMATIVE D.Lgs. 81/08 - Titolo IV Ha sostituito: DPR 547/55 DPR 164/56 DPR 303/56 D.Lgs. 277/91 D.Lgs. 626/94 D.Lgs. 494/96 D.Lgs. 493/96 D.Lgs. 187/05 ARGOMENTI

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O R I P O R T O pag. 2 LAVORI A CORPO Protezione (SpCat 1) 1 / 1 Dispositivi di protezione individuale, dotati di 005 marchio di conformita' CE ai sensi del DLgs 475/92: 01/07/2010 Occhiali di sicurezza

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI Seminario di approfondimento per Responsabili di procedimento (R.U.P.) e Tecnici degli Enti Pubblici 12 19 26 Maggio 2004 LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA

Dettagli