Gestione ambientale. VIA e AIA: affinità e differenze di finalità e contenuti tra giurisprudenza e norme «espresse» Alberto Muratori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione ambientale. VIA e AIA: affinità e differenze di finalità e contenuti tra giurisprudenza e norme «espresse» Alberto Muratori"

Transcript

1 Gestione ambientale Impatto ambientale VIA e AIA: affinità e differenze di finalità e contenuti tra giurisprudenza e norme «espresse» Alberto Muratori VIA e AIA affinità e differenze di finalità e contenuti Le considerazioni in materia di coordinamento tra le procedure di VIA ed AIA, - con sottolineatura degli aspetti che ne connoterebbero le distinte finalità, - sviluppate dalla sez. VI del Consiglio di Stato nell ambito dell ancor recentissima sentenza n del 19 marzo 2012, ci inducono a proporre qualche riflessione su questi temi, ovviamente sempre d attualità, ma oggi più che mai centrali, nel momento in cui la semplificazione delle procedure (e della burocrazia) entra a far parte delle azioni (a costo zero) per lo sviluppo ed il rilancio dell economia. Trarremo a tal fine spunto dalle statuizioni espressamente formulate sui rapporti tra VIA ed AIA in sede normativa, tenendo conto delle più recenti elaborazioni giurisprudenziali, al fine di chiarire fino in fondo le relazioni, gli aspetti di affinità e gli elementi di differenziazione tra i due istituti, sia in termini procedimentali che di contenuto, cercando di coglierne le peculiarità, e, al tempo stesso, le concrete modalità di possibile integrazione, senza per altro trascurare i limiti dell eventuale surrogabilità di una procedura da parte dell altra. Le relazioni tra VIA e IPPC nella normativa europea A livello europeo, la normativa in materia di VIA e la disciplina IPPC hanno visto la luce a circa dieci anni di distanza l una dall altra, la prima, riferita a una procedura finalizzata a individuare, descrivere e valutare gli impatti (1) prodotti dall attuazione di progetti che possano avere un impatto ambientale significativo, a supporto del processo decisionale teso al rilascio o al diniego (2), ad opera dell autorità competente, dell autorizzazione alla realizzazione del progetto sottoposto a valutazione (3); e la seconda, invece, scaturita dal proposito di conseguire la prevenzione e la riduzione integrate dell inquinamento proveniente dall esercizio di determinate attività produttive ritenute ad elevato potenziale inquinante, attraverso una procedura autorizzatoria unica, in grado di superare le separatezze d approccio proprie dell applicazione disgiunta delle diverse normative emanate per la tutela settoriale dell ambiente. Ovviamente, anche le diverse forme di inquinamento alla cui prevenzione e riduzione integrate è finalizzata la disciplina IPPC, - che nel nostro Paese si è tradotta nella normativa AIA, (attualmente) (4) secondo le disposizioni del Titolo III-bis della Parte Seconda del D.Lgs. n. 152/ 2006, - fanno parte degli impatti oggetto di valutazione in sede di VIA, qualora un determinato impianto produttivo rientri nel campo d applicazione di entrambe le discipline. In tema di integrazioni procedurali, la recentissima versione codificata della normativa europea sulla VIA (5), esposta dalla Direttiva n. 2011/92/Ue del 13 dicembre 2011 (6), pubblicata sulla G.U.U.E. n. L 26 del 28 gennaio 2012, oltre a prospettare che la valutazione dell impatto ambientale possa «essere integrata nelle procedure esistenti di autorizzazione dei progetti negli Stati membri ovvero, in mancanza di queste, in altre procedure, o nelle proce- (1) La ricognizione, la descrizione e la valutazione devono riguardare gli effetti diretti e indiretti di un progetto sui seguenti fattori: a) l uomo, la fauna e la flora; b) il suolo, l acqua, l aria, il clima e il paesaggio; c) i beni materiali e il patrimonio culturale; d) l interazione tra i fattori di cui sopra. (2) Autorizzazione o diniego che potranno intervenire in relazione all accettabilità, o meno, degli impatti indotti dalla realizzazione dell intervento - sia in fase di realizzazione che di esercizio, - se del caso, a valle dell introduzione di adeguati dispositivi di mitigazione delle ricadute ambientali prefigurabili. (3) In sostanza, una sorta di nulla osta sotto il profilo ambientale da conseguire obbligatoriamente e preventivamente rispetto all autorizzazione dell intervento ipotizzato, in assenza del quale l iter del provvedimento abilitativo alla realizzazione del progetto, resta bloccato. (4) Cioè dopo la riforma operata dal D.Lgs. n. 128/2010. (5) La cui prima formulazione si era avuta attraverso la Direttiva n. 85/337/ Cee del 27 giugno (6) Anch essa designata «Direttiva concernente la valutazione dell impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati». 6/

2 Impatto ambientale Gestione ambientale dure da stabilire per raggiungere gli obiettivi della [presente] direttiva», ipotizza espressamente che i singoli Stati dell Unione europea possano prevedere una procedura unica «per soddisfare i requisiti della [presente] direttiva e quelli della Direttiva n. 2008/1/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, sulla prevenzione e la riduzione integrate dell inquinamento». (7) Più sfumate, in sede europea, le disposizioni di coordinamento esposte invece dalla disciplina IPPC. Sia l atto originario, che la più recente stesura codificata di cui alla citata Direttiva n. 2008/1/Ce, nel prefigurare misure volte a evitare oppure a ridurre le emissioni nell aria, nell acqua e nel suolo, ad opera delle attività assoggettate, «per conseguire un livello elevato di protezione dell ambiente nel suo complesso», dichiarano espressamente di voler lasciare impregiudicate le disposizioni della Direttiva n. 85/337/Cee e le altre norme comunitarie in materia, demandando ai singoli Stati membri (art. 7) l adozione delle misure necessarie «per il pieno coordinamento della procedura e delle condizioni di autorizzazione, ove siano coinvolte più autorità competenti», onde garantire un approccio effettivamente integrato da parte di tutte le autorità coinvolte in questa procedura. D altronde, come s è visto anche sopra, ad ipotizzare la possibilità di una procedura unica VIA - IPPC il legislatore europeo già provveduto, - anche prima dell emanazione della Direttiva n. 2011/92/Ue, - apportando una specifica modifica in tal senso al testo originario della direttiva sulla VIA. (8) E va altresì evidenziato come, secondo la normativa europea, il provvedimento conclusivo della procedura di VIA abbia, sostanzialmente, natura di accertamento dichiarativo dell accettabilità degli impatti sull ambiente e sulle sue componenti derivanti dall attuazione del progetto, costituendo presupposto e condizione necessaria per l approvazione di quest ultimo (9), ma senza alcuna forza od effetto di titolo abilitativo alla realizzazione dell intervento previsto. L approccio della legislazione italiana alla disciplina del rapporto tra VIA ed AIA «Glissato» dall articolato del D.Lgs. n. 59/2005 (di pieno recepimento della «Direttiva IPPC»), il tema del coordinamento - e più in generale, delle relazioni - tra VIA ed AIA è stato affrontato in termini senz altro più decisi (anche se inizialmente piuttosto sconclusionati) dal Legislatore nazionale a partire dall entrata in vigore del D.Lgs. n. 152/2006, pur essendosi trattato di un approccio caratterizzato da un clamoroso ribaltone tra impostazione originaria, come prevista dalla prima stesura del provvedimento, - quella ad esecutività differita, rimasta concretamente in vigore solo pochi mesi, - e versione riformata venuta a consolidarsi attraverso le successive e radicali modifiche introdotte prima dal D.Lgs. n. 4/2008, e poi dal D.Lgs. n. 128/2010. L art. 34 della prima versione della Parte II del D.Lgs. n. 152/2006, rubricato, appunto, «Relazioni tra VIA e IPPC», così stabiliva «Per le opere e gli interventi sottoposti a valutazione di impatto ambientale e contemporaneamente rientranti nel campo di applicazione del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, nonché per le modifiche sostanziali di tali opere o interventi, è facoltà del proponente ottenere che la procedura di valutazione dell impatto ambientale sia integrata nel procedimento per il rilascio dell autorizzazione integrata ambientale». In tale ipotesi, il progetto e lo studio di impatto ambientale, avrebbero dovuto comprendere anche le informazioni di cui all art. 5, commi 1 e 2, del D.Lgs. n. 59/2005 (10), con il necessario grado di dettaglio. Dopo di che, restando nel frattempo sospeso, in pendenza della procedura di VIA, l iter del procedimento relativo all AIA, - qualora già avviato separatamente, - avrebbe (7) Riferibile, in prima emanazione, alla Direttiva n. 96/61/Ce del 24 settembre 1996, e poi più volte modificata, fino alla «ricodifica» intervenuta con Direttiva n. 2008/1/Ce del 15 gennaio (8) Modifica introdotta con Direttiva n. 97/11/Ce, in forza della quale nell art. 2 era stato inserito il par. 2-bis, del seguente tenore: «2 bis. Gli Stati membri possono prevedere una procedura unica per soddisfare i requisiti della presente direttiva e quelli della Direttiva n. 96/61/ CE del Consiglio, del 24 settembre 1996, sulla prevenzione e il controllo integrati dell inquinamento». (9) L art. 2, par.1 della Direttiva sulla VIA prescrive infatti che per i progetti per i quali si prevede un significativo impatto ambientale, prima del rilascio dell autorizzazione [alla loro attuazione], sia prevista una valutazione e una «autorizzazione» del loro impatto. (10) Ovvero, la descrizione dei seguenti elementi ed aspetti: l impianto, il tipo e la portata delle sue attività; le materie prime e ausiliarie, le sostanze e l energia usate o prodotte dall impianto; le fonti di emissione dell impianto; lo stato del sito di ubicazione dell impianto; la specificazione, il tipo e l entità delle emissioni dell impianto in ogni settore ambientale, nonché un identificazione degli effetti significativi delle emissioni sull ambiente; la tecnologia utilizzata e le altre tecniche in uso per prevenire le emissioni dall impianto oppure per ridurle; le misure di prevenzione e di recupero dei rifiuti prodotti dall impianto; le misure previste per controllare le emissioni nell ambiente; le attività di autocontrollo e di controllo programmato comportanti l intervento del sistema agenziale [allora] Apat - Arpa; le eventuali principali alternative prese in esame dal gestore, in forma sommaria /2012

3 Gestione ambientale Impatto ambientale dovuto prendere il via un complicato gioco delle parti tra organismi diversi della PA, in base al quale: i depositi di atti e documenti, le pubblicazioni e le consultazioni previste dalla procedura di VIA avrebbero dovuto sostituire ad ogni effetto tutte le analoghe forme di informazione e partecipazione ipotizzate dalla disciplina AIA; l istruttoria sul SIA sarebbe stata condotta dagli organi preposti all istruttoria sulla domanda di rilascio dell AIA, eilparere conclusivo sulla valutazione d impatto ambientale avrebbe dovuto essere integrato con gli aspetti connessi alla prevenzione e riduzione integrata dell inquinamento; una volta conclusa la procedura di VIA, il c.d. giudizio di compatibilità ambientale sarebbe stato comunicato anche all Autorità competente al rilascio dell autorizzazione integrata ambientale; quest ultima avrebbe dovuto riprendere il procedimento AIA con la trasmissione del predetto giudizio alle amministrazioni competenti in materia ambientale di cui all art. 5, commi 10 e 11 del D.Lgs. n. 59/ 2005, per l espressione del parere di competenza (11), l Autorità competente al rilascio dell autorizzazione integrata ambientale si sarebbe poi pronunciata tenuto conto del giudizio di compatibilità ambientale emesso sul progetto dell opera o intervento per il quale l AIA era stata richiesta. In sostanza, un meccanismo complicato e ridondante, che ben poco risolveva sul piano della semplificazione, e tanto meno su quello della tempistica, rispondente ad un interpretazione alquanto sui generis di quell unicità procedurale prevista (seppure in termini facoltativi) dalla disciplina sulla VIA di matrice europea: unificazione, in sostanza, della documentazione tecnica, e di fasi tutto sommato secondarie delle procedure (depositi, pubblicazioni, consultazioni), ma perdurante separatezza delle funzioni amministrative, in capo a distinte autorità competenti, e pluralità di provvedimenti conclusivi relativi ai due procedimenti. Totale inversione di rotta, su tali aspetti, invece, con la radicale riforma introdotta dal D.Lgs. n. 128/2010 attraverso la quale la disciplina AIA è stata organicamente inserita nella Parte Seconda del D.Lgs. n. 152/2006, giustificandone finalmente la Rubrica, fino dall origine rispondente alla denominazione «Procedure per la valutazione ambientale strategica (Vas), per la valutazione d impatto ambientale (Via) e per l autorizzazione ambientale integrata (Ippc)», anche se di IPPC la prima stesura del provvedimento si era occupata ben poco. Nella versione attualmente vigente della Parte II, l art. 10 «Norme per il coordinamento e la semplificazione dei procedimenti» nel caso di congiunto assoggettamento ad AIA e a VIA di competenza statale, così dispone infatti, in termini tanto inequivocabili quanto tassativi: «Il provvedimento di valutazione d impatto ambientale fa luogo dell autorizzazione integrata ambientale» In tale ipotesi, lo studio di impatto ambientale e gli elaborati progettuali contengono anche le informazioni previste ai commi 1, 2 e 3 dell art. 29 ter (12), mentre il provvedimento finale indica le condizioni e le misure supplementari (13) previste dagli artt. 29 sexies e29 septies del Titolo III bis. Per gli interventi di competenza delle Regioni (delle Province autonome) assoggettati contemporaneamente a VIA e ad AIA, l art. 10, comma 2 della novellata Parte II [del D.Lgs. n. 152/2006] si limita a prescrivere che la procedura per il rilascio dell autorizzazione integrata ambientale sia coordinata nell ambito del procedimento di VIA, - dunque esattamente l inverso che quel che era stato disposto in prima formulazione della norma, - ferma restando l unicità della consultazione del pubblico per le due procedure. Inoltre, qualora in sede regionale l autorità competente in materia di VIA coincida con quella competente al rilascio dell AIA, le disposizioni regionali e delle Province autonome possono [ma non obbligatoriamente devono (14)] prevedere che il provvedimento di valutazione d impatto ambientale faccia luogo anche di quella autorizzazione, in tale ipotesi trovando applicazione le disposizioni già richiamate per i progetti rientranti nella competenza dello Stato. La «metamorfosi» del provvedimento conclusivo della procedura di VIA Nella versione originaria della Parte Seconda del D.Lgs. n. 152/2006, il provvedimento finale della proce- (11) Da rendersi nei successivi 60 gg., ovvero nell ambito della prevista Conferenza di Servizi, divenuta facoltativa in seguito ad una modifica del D.Lgs. n. 59/2005. (12) Si tratta, in sostanza, delle stesse informazioni integrative già richiamate alla nota 10. (13) Cioè: i valori limite di emissione per le sostanze inquinanti che possono essere emesse dall impianto interessato in quantità significativa, nonché i valori limite ai sensi della vigente normativa in materia di inquinamento acustico; gli opportuni requisiti di controllo delle emissioni, specificando la metodologia e la frequenza di misurazione, la relativa procedura di valutazione, nonché gli obblighi di comunicazione degli esiti degli autocontrolli; le misure relative alle condizioni diverse da quelle di normale esercizio, in particolare per le fasi di avvio e di arresto dell impianto, per le emissioni fuggitive e per i malfunzionamenti; se necessario, le ulteriori disposizioni a garanzia della protezione del suolo e delle acque sotterranee, quelle relative alla gestione dei rifiuti prodotti, e quelle relative alla riduzione dell inquinamento acustico, e ogni altra condizione o prescrizione ritenuta necessaria dall autorità competente. (14) In evidente ossequio all autonomia delle statuizioni regionali. 6/

4 Impatto ambientale Gestione ambientale dura di VIA (15), denominato giudizio di compatibilità ambientale, rappresentava «l atto con il quale l organo competente conclude... la procedura di valutazione di impatto ambientale, preordinata a garantire che gli effetti derivanti dalla realizzazione ed esercizio di dette opere ed interventi sull ecosistema siano [stati] presi in considerazione durante la loro progettazione e prima dell approvazione o autorizzazione dei relativi progetti, o comunque prima della loro realizzazione. Il giudizio di compatibilità ambientale, delrestoin linea con l approccio europeo, non aveva natura di autorizzazione, -né di funzionamento, né di costruzione, - pur caratterizzandosi come elemento necessario (o meglio, indispensabile) per il buon esito del procedimento autorizzatorio. Secondo l attuale disciplina innovata, invece, l atto conclusivo della VIA, denominato provvedimento di valutazione dell impatto ambientale rappresenta il provvedimento obbligatorio e vincolante che «sostituisce o coordina tutte le autorizzazioni, le intese, le concessioni, le licenze, i pareri, i nulla osta e gli assensi comunque denominati in materia ambientale e di patrimonio culturale». È dunque evidente che nel momento in cui esso possa andare, - e in molti casi effettivamente vada, - oltre funzioni di mero coordinamento, assumendo ruolo sostitutivo nei confronti di licenze, autorizzazioni e/o concessioni in materia ambientale, esso acquisisce anche effetto autorizzatorio, ovvero di atto «in sé e per sé» abilitante ad facere. E nella misura in cui le autorizzazioni ambientali che è chiamato a sostituire - e non semplicemente a coordinare - siano autorizzazioni alla realizzazione e/o al funzionamento, (di un impianto o di un attività il cui progetto rientri nel campo d applicazione della VIA), il provvedimento di valutazione positiva dell impatto ambientale acquisisce ex lege tutti i connotati e le caratteristiche dell atto del quale è stato chiamato a «fare luogo». Quando il provvedimento di valutazione dell impatto ambientale «fa luogo» dell AIA Come s è visto sopra, il provvedimento conclusivo della procedura di VIA «fa luogo» dell AIA, [cioè la sostituisce ed assorbe in sé], sempre comunque, per interventi ed impianti contemporaneamente assoggettati a VIA e ad AIA di competenza dello Stato; mentre per gli interventi rientranti nell orbita delle Regioni, l integrale surrogabilità del provvedimento di VIA nei confronti dell AIA deve essere espressamente prevista una sede di pertinente disciplina regionale, e resta inoltre subordinata alla condizione dell identità tra le Autorità titolari della competenza sull uno e sull atro procedimento. Il vincolo, sebbene sensato, non è da poco: basterà, a tal riguardo, richiamare il caso della Regione Emilia Romagna, che avendo a suo tempo optato per una delega abbastanza diffusa delle funzioni di autorità competente per la VIA (16) tra Regione, Provincia e Comuni, ma avendo per contro per intero devoluto alle Province la funzione di autorità competente al rilascio dell AIA (17), trova tagliate dall ipotesi di assorbimento dell AIA da parte della VIA sia le fattispecie per le quali abbia mantenuto la titolarità del procedimento di VIA in capo a sé stessa, sia quelle in cui la funzione di Autorità competente per la VIA sia stata attribuita ai Comuni, come nel caso degli allevamenti zootecnici industriali. al di sopra di determinate taglie. In tutti i casi in cui risulta concretamente applicabile la disposizione relativa alla surroga del provvedimento di positiva valutazione dell impatto ambientale nei confronti dell AIA, il primo, oltre a mantenere i propri intrinseci requisiti, assume la natura e produce tutti gli effetti della seconda. E dal momento che ai sensi dell art. 6, comma 14 (della novellata Parte Seconda del D.Lgs. n. 152/2006), «per gli impianti ove è svolta una attività di cui all allegato VIII [del presente decreto], nonché per le loro modifiche sostanziali l autorizzazione integrata ambientale è rilasciata nel rispetto della diposizione (18)» in base alla quale «Entro 30 gg dal ricevimento delle conclusioni della C. di S., e sulla base delle risultanze della stessa, l A.C. approva il progetto e autorizza la realizzazione e l esercizio dell impianto. L approvazione sostituisce ad ogni effetto visti, pareri, autorizzazioni e concessioni di organi regionali, provinciali e comunali... omissis..», tale inequivocabile carattere di autorizzazione di costruzione assunto dall AIA, che si sovrappone all originaria natura di autorizzazione di funzionamento, transita, con quest ultima, sul provvedimento di valutazione positiva dell impatto ambientale. (15) Procedura costituente, per i progetti di opere ed interventi ad essa assoggettati, «presupposto» o «parte integrante» del procedimento ordinario di autorizzazione o approvazione, tanto da comportare la nullità di eventuali autorizzazioni rilasciate in sua assenza, o un caso di mancata conclusione [in senso positivo] del relativo procedimento. (16) Attraverso le disposizioni di cui alle L.L.R.R n. 9/1999 e n. 35/2000. (17) Con L.R. 11 ottobre 2004, n. 21. (18) Traslata dall articolo 208, commi 6 e 7 (della Parte Quarta) del medesimo D.Lgs. n. 152/ /2012

5 Gestione ambientale Impatto ambientale La giurisprudenza sulla «distinzione dei ruoli» tra VIA ed AIA VIA ed AIA, sebbene entrambe riguardanti, - a ben vedere, - il controllo preventivo delle ricadute ambientali degli interventi assoggettati alle rispettive disposizioni, in termini di complessiva accettabilità, (eventualmente previa introduzione di adeguati dispositivi di mitigazione) nei contesti insediativi, territoriali ed ambientali di riferimento, - con accentuazione, nel caso dell AIA, degli aspetti relativi alle emissioni a carico delle diverse matrici ambientali, - derivano da filiere normative ben distinte, che nel caso della disciplina VIA, sono il frutto di una rilettura all europea di un istituto importato dagli Stati Uniti d America (19), ove era stato introdotto alla fine degli anni 60 del XX secolo. La procedura di VIA è prescritta sia per interventi ed opere (come infrastrutture, trasformazioni territoriali, etc.) destinati a durare per sempre, e perciò oggetto di autorizzazione definitiva da rilasciarsi una tantum; sia per impianti e/o attività produttive, col trascorrere del tempo, passibili di miglioramenti (a livello di prestazioni ambientali), grazie ai progressi della tecnica, e pertanto soggetti a meccanismi autorizzatori comportanti il periodico rinnovo del provvedimento, al fine di garantire alla PA la possibilità di disporre il periodico adeguamento dell impianto ai progressi dell evoluzione tecnologica, secondo le indicazioni delle migliori tecniche disponibili. In questo caso, ad una prima approvazione del progetto dell intervento, se necessario assistito da contestuale procedura di VIA, dalla quale deriveranno sia il provvedimento abilitativo alla sua realizzazione, sia la fissazione dei parametri di funzionamento dell impianto e degli obblighi del gestore in fase di esercizio dell attività nel primo arco temporale di esercizio dell impianto, dovranno seguire, periodicamente, successive autorizzazioni all esercizio, riguardanti l (eventuale) adeguamento delle prestazioni ambientali dell impianto e la conferma (o la modifica) delle condizioni autorizzatorie nonché degli obblighi del gestore. L AIA, in termini di declaratoria espressa in sede normativa è il provvedimento che autorizza l esercizio di un impianto - rientrante tra quelli elencati all allegato VIII della Parte Seconda al D.Lgs. n. 152/2006, - o di parte di esso - a determinate condizioni che devono garantire la conformità dell impianto ai requisiti di cui al Titolo III-bis della medesima Parte Seconda del citato D.Lgs. n. 152/ 2006, e ha la prerogativa di assorbire in un unico atto le altre autorizzazioni ambientali settoriali cui sarebbe comunque sottoposto l impianto (20). Quando tuttavia le autorizzazioni sostituite dall AIA e in essa assorbite, appartengano al novero delle autorizzazioni di costruzione e non già a quelle di esercizio, è la stessa Norma a confondere le acque su quello che in astratto dovrebbe essere un requisito tipico e caratterizzante dell autorizzazione integrata ambientale (21). E nel momento in cui il provvedimento di positiva valutazione dell impatto ambiente «faccia luogo» - o possa fare luogo - dell AIA, si rende inevitabile l interrogativo sulla natura e sui caratteri peculiari dell uno e dell altra, e sugli elementi che effettivamente li contraddistinguono. Non può meravigliare,pertantocheancheinsededi pronunciamenti giurisprudenziali, diversi Collegi non abbiamo perso l occasione per esprimersi su questo nodo, non appena se ne sia presentata l occasione, nelle decisioni relative a vertenze sulle quali fossero chiamati ad esprimersi. Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 1541/2012 del 19 marzo scorso... Non si entrerà più di tanto nel merito del contenzioso che ha motivato la recentissima sentenza del Consiglio di Stato n del 19 marzo 2012, a ben vedere conseguenza di una procedura di valutazione d impatto ambientale conclusasi positivamente, ma sulla base di una documentazione tecnica almeno in parte reticente o incompleta, (per quanto riguarda la considerazione dei possibili effetti cumulativi connessi all adiacenza con altri impianti potenzialmente in grado d impattare sulle medesime matrici), e che perciò avrebbe dovuto fin dall inizio essere integrata nel corso della procedura di che trattasi. L efficacia del giudizio di compatibilità ambientale, che avrebbe dovuto decadere per mancata realizzazione dell intervento entro i termini temporali prescritti, era stata inoltre prorogata su richiesta del proponente. Viceversa, le carenze del SIA - nel caso di specie, fin dall inizio piuttosto evidenti, - erano state rappresentate da una della Pubbliche Amministrazioni interessate nel (19) Ciò avvenne nel 1969 con l approvazione del National Environmental Policy Act (N.E.P.A.), col quale si stabilivano le «regole» per l applicazione dell environmental impact assessment (E.I.A.) come forma di controllo sulle attività interagenti con l ambiente (sia in modo diretto che indiretto) e si disponevano il rafforzamento dell Environmental Protection Agency (con un ruolo amministrativo di controllo) e l istituzione del Council on Environmental Quality, con un ruolo consultivo per la Presidenza. (20) Sull incidente di percorso che ha temporaneamente ridimensionato la portata dell AIA, per una sconsiderata - e probabilmente involontaria omissione intervenuta nella redazione dell articolato del D.Lgs. n. 128/2010, e sulle prospettive di recupero degli originari connotati del provvedimento, si vedano i seguenti contributi di chi scrive pubblicati su questa stessa Rivista: Fare norme col «copia - incolla»: come il D.Lgs. n. 128/2010 ha [involontariamente]? stravolto l AIA, 2011, 5; Autorizzazione integrata Ambientale: a presto un ulteriore restyling, 2012, 4. (21) Per non dire della già richiamata disposizione di cui all art. 6 comma 14, che con ancora maggiore decisione sembra spostare l AIA nel «campo» delle autorizzazioni di costruzione. 6/

6 Impatto ambientale Gestione ambientale corso, della successiva procedura AIA riferita al medesimo impianto, ed avviata in sequenza. Da ciò erano derivati, da un lato, la sospensione dell iter dell AIA, la revoca del precedente provvedimento di proroga del Giudizio conclusivo sulla VIA, ed il rinvio del progetto ad una nuova fase di valutazione dell impatto ambientale, da ripercorrere perciò integralmente; e da un altro, il ricorso del proponente - respinto dal primo Giudice (il TAR Puglia), - volto all annullamento degli ultimi atti, che pur negando l incompletezza del SIA, prospettava comunque la possibilità di risolvere le presunte carenze documentali nell ambito della procedura di rilascio dell AIA, della quale invocava (vanamente) la riapertura. Quelli appena descritti, in sintesi estrema, i presupposti della pronuncia del Consiglio di Stato, chiamato ad esprimersi in seconda istanza, in seguito ad un ulteriore ricorso del Proponente, insoddisfatto dalla Sentenza del TAR Puglia. Di nostro interesse, ai fini della presente trattazione, non sono gli argomenti con i quali il Collegio demolisce le controdeduzioni - invero assai deboli - rappresentate dal proponente a supporto dell esaustività del primo SIA, ma le ulteriori considerazioni sviluppate a latere, là dove il Consiglio di Stato nega che «l esigenza di verifica soddisfatta con il rinnovato procedimento di VIA» possa ritenersi assorbita da quello, poi sospeso, già avviato per l AIA. Infatti, se è vero che «a seguito del D.Lgs. n. 128/2010 (entrato in vigore dopo i provvedimenti impugnati), si è giunti ad una nuova formulazione del D.Lgs. n. 152 del 2006, in particolare dell articolo 10, volta al massimo coordinamento delle due procedure», emerge tuttavia con la massima chiarezza, secondo il Consiglio di Stato, «che è restata ferma la loro diversità di funzione, specificata in particolare nelle lettere b) e c) dell art. 4, comma 4, (22) del detto decreto legislativo, in quanto orientate, la VIA alla verifica del progetto, e l AIA alla verifica dell attività riguardo a particolari impianti «salve le disposizioni sulla valutazione di impatto ambientale».» Del resto, la stessa indicazione legislativa per uno stretto coordinamento delle due procedure, presuppone il permanere della distinta valenza dei due istituti. Nel caso in esame, la compresenza di altri impianti capaci di produrre effetti sulle medesime matrici ambientali potenzialmente esposte all impatto causato dall impianto sarebbe stata da prendere in considerazione in sede di progettazione, e riverberarsi, ove necessario sulle opzioni progettuali, comprese - eventualmente - quelle allocative. Di conseguenza, secondo il Collegio, «è perciò sul progetto che deve essere di conseguenza rinnovata la valutazione, con la Via, ben potendo in tale ambito essere adeguatamente considerato dall Amministrazione quanto indicato dalla ricorrente in controdeduzione e in particolare, da ultimo, con la perizia tecnica depositata nel presente giudizio il 3 ottobre 2011».... e il punto di vista di alcuni TAR Non dissimile il caso sottoposto all esame del TAR Calabria (Sezione di Catanzaro) dal quale ha tratto origine il contenzioso oggetto della sentenza n dell 8 novembre 2011, riguardante una piattaforma depurativa di reflui speciali non pericolosi, (23) nei confronti della quale, pur in presenza dell avvenuto rilascio di un preventivo provvedimento di «compatibilità ambientale», era successivamente intervenuto il diniego dell autorizzazione integrata ambientale, - o, meglio l arresto del relativo procedimento, causata dal parere contrario espresso dalla Conferenza di Servizi preposta all istruttoria della domanda di AIA, - cui si era opposto il proponente, invocando l annullamento del predetto parere contrario, e sostenendo l insussistenza di valide motivazioni alla mancata positiva conclusione del procedimento avviato, stante la precedentemente accertata compatibilità ambientale dell opera. A prescindere dalla non secondaria e parallela questione sell ammissibilità, o meno, di un ricorso nei confronti del parere espresso da una Conferenza di Servizi, e non nei confronti di un provvedimento compiuto, anche in questo caso la questione sembra vertere sulle differenze di obiettivi ed ontologiche tra VIA ed AIA e sull ammissibilità di un diniego della seconda, una volta intervenuta positivamente la conclusione della prima procedura. Il TAR Calabria dà atto a tal riguardo che, così come la VIA, anche l AIA rappresenta uno «strumento a carattere «preventivo e globale», da rilasciarsi a seguito di un istruttoria in cui vengono valutati tutti i possibili impatti di una determinata attività sull ambiente; e che nella Direttiva n. 85/337/Cee, all art. 2 paragrafo 2 bis è previsto che gli Stati membri possano prevedere una procedura unica per soddisfare i requisiti della direttiva sulla VIA e della direttiva sull AIA. Cionondimeno, nella Normativa applicabile relativamente al caso di specie, null altro si rinviene sul punto, se non il disposto di cui all art. 7 del D.Lgs. n. 59/2005, secondo il (22) Ove sono enunciate le declaratorie, rispettivamente, di «valutazione ambientale dei progetti» e di autorizzazione integrata ambientale. (23) Proposta in zona agricola, a ridosso do un attigua zona industriale, accanto ad una cava per l estrazione della sabbia nonché ad un impianto di depurazione a servizio degli insediamenti produttivi /2012

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

L accesso ai documenti amministrativi. Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria

L accesso ai documenti amministrativi. Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria L accesso ai documenti amministrativi 11.1 Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria L accesso ai documenti amministrativi 11.1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli