SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI"

Transcript

1 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO CAMPO D APPLICAZIONE DOCUMENTI DI RIFERIMENTO DESCRIZIONE ATTIVITÀ INDICATORI RESPONSABILITA ABBREVIAZIONI ALLEGATI Stato delle Modifiche 1

2 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per la rilevazione e la sorveglianza dei donatori relativamente alle malattie infettive potenzialmente trasmissibili con la donazione in funzione dei marcatori di malattie infettive trasmissibili, individuati sia con tecniche sierologiche che con tecniche di biologia molecolare di amplificazione degli acidi nucleici (NAT, nucleic acid test), per garantire la tutela della sicurezza sia dei donatori di sangue che dei riceventi trasfusioni di emocomponenti. 2 CAMPO D APPLICAZIONE Tale procedura si applica a tutto il personale SIMT, per quanto di sua competenza, ai fini della gestione del donatore e del ricevente, e della loro tutela. 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO - Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.191. Attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualità e di sicurezza per la raccolta, il controllo, la lavorazione, la conservazione e la distribuzione del sangue umano e dei suoi componenti. - Decreto Legislativo 09 novembre 2007 n Attuazione della direttiva 2005/61/CE che applica la direttiva 2002/98/CE per quanto riguarda la prescrizione in tema di rintracciabilità del sangue e degli emocomponenti destinati a trasfusioni e la notifica di effetti indesiderati ed incidenti gravi. - Decreto Legislativo 09 novembre 2007 n Attuazione della direttiva 2005/62/CE che applica la direttiva 2002/98/CE per quanto riguarda le norme e le specifiche comunitarie relative a un sistema di qualità per i servizi trasfusionali. - Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 191, recante Attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per la raccolta, il controllo, la lavorazione, la conservazione e la distribuzione del sangue umano e dei suoi componenti. - Legge 21 ottobre 2005 n.219. Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati. - Ministero della Salute. Decreto 3 marzo Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. - Ministero della Salute. Decreto 21 dicembre Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali. - Ministero della Salute. Decreto 27 marzo Modificazioni all allegato 7 del decreto 3 marzo 2005, in materia di esami obbligatori ad ogni donazione di sangue e controlli periodici. 2

3 3 - Standard di medicina trasfusionale. Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia. 2 a Edizione, giugno DESCRIZIONE ATTIVITÀ Il MED controlla su EmoNet i risultati dei test relativi ai marcatori di malattie infettive trasmissibili eseguiti sulle donazioni effettuate il giorno precedente (SIMT-IO Controllo esiti test infettivologici). Se il risultato dei test è negativo, ovvero non reattivo, il controllo non ha ulteriori sviluppi. Se il risultato di uno o più test è negativo, ma perché inizialmente reattivo (IR) con un duplice replicato non reattivo, il donatore è idoneo, ma il MED è tenuto a tracciare l iniziale reattività nella storia del donatore implicato, ove la stessa possa assumere un significato clinico e/o associato alla sicurezza della donazione (ad esempio, reattività per HBV DNA), nella finestra Note anagrafica cliccando sulla corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività. A fronte invece di un risultato dei test di screening positivo/indeterminato, ovvero ripetutamente reattivo (RR), il MED : - sospende temporaneamente il donatore dalle donazioni sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 026 Sospensione e riabilitazione donatore). - se il donatore ha già donato presso il SIMT, Invia per fax ( ) entro 7 giorni alla Kedrion il modulo Allegato 2 b (versione italiana) di QAS rev. 06 Notifica esclusione donatore debitamente compilato, rispettando le indicazioni in esso contenute; tale modulo sarà poi consegnato al MED responsabile dell emovigilanza per l archiviazione. Contestualmente si procede come descritto nei punti 4.1, 4.2, 4.3, 4.4 e 4.5. Per quanto riguarda le attività di pertinenza del MED responsabile dell emovigilanza riportate nella procedura, in sua assenza esse sono svolte dal MED di turno in servizio. 4.1 Donatori con sierologia RR, ma NAT negativa HBsAg RR (indeterminato/positivo) Il MED richiama il donatore entro 7 giorni dalla donazione telefonicamente o per RRR (SIMT-IO Richiamo donatore) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml) per eseguire test supplementare (marcatori HBV : HBcAb totale, HBeAg, HBeAb, HBsAb) e verifica del test HBsAg (ripetizione HBsAg + test di neutralizzazione HBsAg). All arrivo del donatore il MED si mette a disposizione per fornire un adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede il test supplementare, la verifica del test HBsAg e stampa l etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO Richiesta test supplementare); l opzione per il test di neutralizzazione non è disponibile in EmoNet, ma il CUV dell Ospedale S. Pertini esegue 3

4 4 comunque il test. Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota SIE, specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, la relativa provetta viene etichettata dall INF di sala prelievi con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia. Tale campione viene inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD Invio campioni sierologia) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Se il risultato dei test supplementare e di verifica è negativo, il donatore viene riammesso alla donazione (SIMT-IO 026). Se il risultato dei test supplementare è positivo, al donatore viene comunicato l esito dei test, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e lo consegna al donatore che lo deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale EmoNet (SIMT-IO - compila il modello Scheda di notifica di malattia infettiva e lo consegna al protocollo della segreteria della DS del COB, che provvederà a inviarlo al Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica per gli adempimenti di competenza; copia della notifica protocollata viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033 Look Back). La procedura di Look Back deve essere comunque attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione. In ogni caso in cui il risultato dei test supplementare e di verifica non siano di chiara interpretazione (risultato dubbio/indeterminato o non definitivo), il MED compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e invia il donatore al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali. Una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza, che provvede comunque all attivazione della procedura di Look Back e alla comunicazione alla Kedrion del risultato del test supplementare. 4

5 HCVAb RR (indeterminato/positivo) Il MED richiama il donatore entro 7 giorni dalla donazione telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml) per eseguire test supplementare o di conferma (HCV-immunoblot) e la verifica (ripetizione) del test HCVAb. All arrivo del donatore il MED si mette a disposizione per fornire un adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede il test supplementare, la ripetizione del test HCVAb e stampa l etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 033). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota SIE specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, la relativa provetta viene etichettata dall INF di sala prelievi con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia. Tale campione viene inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 042) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Se il risultato dei test supplementare e di verifica è negativo, il donatore viene riammesso alla donazione (SIMT-IO 026). Se il risultato del test supplementare è positivo, al donatore viene comunicato l esito del test, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e lo consegna al donatore che lo deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale Emonet (SIMT-IO - compila il modello Scheda di notifica di malattia infettiva e lo consegna al protocollo della segreteria della DS del COB, che provvederà a inviarlo al Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica per gli adempimenti di competenza; copia della notifica protocollata viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033). La procedura di Look Back deve 5

6 6 comunque essere attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione. In ogni caso in cui il risultato dei test supplementare e di verifica non siano di chiara interpretazione, il MED compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT- MOD 109) e invia il donatore al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali. Una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza, che provvede comunque all attivazione della procedura di Look Back e alla comunicazione alla Kedrion del risultato del test supplementare HIV1/2 Ab RR (indeterminato/positivo) Il MED richiama il donatore entro 7 giorni telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml) per eseguire test supplementare o di conferma (HIV-immunoblot) e la verifica (ripetizione) del test HIV1/2 Ab. All arrivo del donatore il MED si mette a disposizione per fornire un adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede il test supplementare, la ripetizione del test HIV1/2 Ab e stampa l etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 033). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota SIE specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, la relativa provetta viene etichettata dall INF di sala prelievi con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia. Tale campione viene inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 042) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Se il risultato dei test supplementare e di verifica è negativo, il donatore viene riammesso alla donazione (SIMT-IO 026). Se il test di conferma è negativo e la ripetizione del test HIV1/2 Ab risulta positivo/indeterminato, il donatore rimane sospeso dalle donazioni e viene invitato a ritornare dopo 1-2 mesi per ripetere i test HIV1/2 Ab e supplementare (HIV-immunoblot) : - se risultano entrambi negativi, il donatore è riabilitato alla donazione (SIMT-IO - se il test supplementare è negativo, ma il test HIV1/2 Ab risulta ancora indeterminato/positivo, il MED compila il modello EMO.S 1 Modello di notifica sorveglianza donatori e invia il donatore a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT rimane sospeso dalle donazioni per persistenza di reattività aspecifica e si invia; copia delle analisi effettuate e della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Se il risultato del test supplementare è positivo, al donatore viene comunicato l esito dei test, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di 6

7 7 Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT per approfondimento diagnostico. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e la consegna al donatore che la deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale Emonet (SIMT-IO - in questo caso alla notifica provvede il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ); attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033). La procedura di Look Back deve comunque essere attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione. In ogni caso in cui il risultato dei test supplementare e di verifica non siano di chiara interpretazione, il MED compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT- MOD 109) e invia il donatore al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali. Una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza, che provvede comunque all attivazione della procedura di Look Back e alla comunicazione alla Kedrion del risultato del test supplementare TP-Ab RR (indeterminato/positivo) Il MED richiama il donatore telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml) per eseguire test supplementare (TP-immunoblot e TP-Ab IgM) e la verifica (ripetizione) del test TP-Ab. All arrivo del donatore il MED si mette a disposizione per fornire un adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede il test supplementare, la verifica del test TP-Ab e stampa l etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 033). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota SIE specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, la relativa provetta viene etichettata dall INF di sala prelievi con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia. Tale campione viene inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 042) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. 7

8 8 Se il risultato dei test supplementare e di verifica è negativo, il donatore viene riammesso alla donazione (SIMT-IO 026). Se il risultato del test supplementare è positivo, al donatore viene comunicato l esito dei test, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT per approfondimento diagnostico. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e la consegna al donatore che la deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale EmoNet (SIMT-IO - compila il modello Scheda di notifica di malattia infettiva e lo consegna al protocollo della segreteria della DS del COB, che provvederà a inviarlo al Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica per gli adempimenti di competenza; copia della notifica protocollata viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033). La procedura di Look Back deve comunque essere attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione. In ogni caso in cui il risultato dei test supplementare e di verifica non siano di chiara interpretazione, il MED compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT- MOD 109) e invia il donatore al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali. Una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza, che provvede comunque all attivazione della procedura di Look Back e alla comunicazione alla Kedrion del risultato del test supplementare. 4.2 Donatori con NAT positiva, ma sierologia negativa HBVNAT = positivo Il MED richiama il donatore telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml) per eseguire test supplementare (marcatori HBV). All arrivo del donatore il medico si mette a disposizione per fornire un adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede il test supplementare e stampa l etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 8

9 9 033). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ]nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota NAT specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, la relativa provetta viene etichettata dall INF di sala prelievi con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia. Tale campione viene inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 042) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Al donatore viene comunicato l esito del test supplementare, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT per approfondimento diagnostico. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e lo consegna al donatore che lo deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale Emonet (SIMT-IO - compila il modello Scheda di notifica di malattia infettiva e lo consegna al protocollo della segreteria della DS del COB, che provvederà a inviarlo al Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica per gli adempimenti di competenza; copia della notifica protocollata viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033). La procedura di Look Back deve comunque essere attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione HCVNAT = positivo Il MED richiama il donatore telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml ) per eseguire test supplementare o di conferma (HCV-immunoblot). All arrivo del donatore il medico si mette a disposizione per fornire una adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede il test supplementare, e stampa l etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 033). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente 9

10 10 icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota NAT specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, la relativa provetta viene etichettata dall INF di sala prelievi con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia. Tale campione viene inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 042) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Al donatore viene comunicato l esito del test supplementare, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT per approfondimento diagnostico. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e lo consegna al donatore che lo deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale EmoNet (SIMT-IO - compila il modello Scheda di notifica di malattia infettiva e lo consegna al protocollo della segreteria della DS del COB, che provvederà a inviarlo al Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica per gli adempimenti di competenza; copia della notifica protocollata viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033). La procedura di Look Back deve comunque essere attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione HIVNAT = positivo Il MED richiama il donatore telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml) per eseguire test supplementare o di conferma (HIV-immunoblot). All arrivo del donatore il medico si mette a disposizione per fornire una adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede il test supplementare e stampa l etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 033). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota NAT specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. 10

11 11 Una volta effettuato il prelievo, la relativa provetta viene etichettata dall INF di sala prelievi con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia. Tale campione viene inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 042) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Al donatore viene comunicato l esito del test supplementare, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT per approfondimento diagnostico. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e lo consegna al donatore che lo deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale EmoNet (SIMT-IO - in questo caso alla notifica provvede il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ) attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033). La procedura di Look Back deve comunque essere attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione. 4.3 Donatori con sierologia RR indeterminata/positiva e NAT positiva Nel caso in cui l esito dei test di screening rilevi una sierologia RR (indeterminata/positiva) con NAT positiva, il donatore viene gestito come previsto per i donatori con NAT positiva, ma sierologia negativa (punto 4.2). 4.4 NAT inizialmente reattiva (IR) [1 replicato positivo su tre] o non ripetutamente reattiva (NRR) [2 replicati positivi su 3] Il MED richiama il donatore telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta a siero tappo giallo 5 ml

12 12 provette tappo viola in EDTA - 6 ml) per analisi discriminatorie (ripetizione test tri-nat + test supplementare). All arrivo del donatore il MED si mette a disposizione per fornire una adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede la ripetizione del test tri-nat (HBVNAT + HCVNAT + HIVNAT), il relativo test supplementare e stampa le etichette da apporre sulle provette del prelievo sul gestionale EmoNet (SIMT-IO 033). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota NAT specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, l INF di sala prelievi etichetta la provetta tappo giallo con l etichetta riportante la dicitura Emomaster sierologia e le due provette tappo rosso con l etichetta riportante la dicitura Emomaster NAT. Tali campioni sono inviati al CUV dell Ospedale S. Pertini, insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando moduli di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 042 e SIMT- MOD Invio campioni NAT) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Se le analisi discriminatorie sono negative, il donatore viene riammesso alla donazione (SIMT-IO 026). Se le analisi discriminatorie sono positive, al donatore viene comunicato l esito dei test, vengono consegnati i referti relativi a tutte le indagini eseguite e viene garantito un primo counseling; copia dei referti viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza. Quindi il donatore viene inviato a consulenza infettivologica presso il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali della stessa struttura ospedaliera del SIMT per approfondimento diagnostico. Contestualmente il MED : - compila il modello di richiesta di consulenza infettivologica (SIMT-MOD 109) e lo consegna al donatore che lo deve presentare al Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ; una copia della richiesta di consulenza viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; - sospende definitivamente il donatore dalle donazioni sul gestionale EmoNet (SIMT-IO - compila il modello Scheda di notifica di malattia infettiva e lo consegna al protocollo della segreteria della DS del COB, che provvederà a inviarlo al Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica per gli adempimenti di competenza; copia della notifica protocollata viene consegnata al MED responsabile dell emovigilanza; in caso di positività per HIVNAT alla notifica provvede il Centro Regionale di Riferimento E Immunodeficit virali ); attiva la procedura di Look Back (SIMT-POS 033). La procedura di Look Back deve 12

13 13 comunque essere attivata anche nei casi in cui il donatore non si ripresenti a controllo entro 20 giorni dalla donazione. 4.5 NAT non eseguita (campione lipemico, presenza di coaguli, campione emolizzato, campione insufficiente o emodiluito) Il MED richiama il donatore telefonicamente o per RRR (SIMT-IO 028) invitandolo a presentarsi per effettuare un nuovo prelievo (1 provetta tappo viola in EDTA - 6 ml) per ripetizione del test tri-nat. All arrivo del donatore il MED si mette a disposizione per fornire una adeguata informazione e chiarimenti in merito al test effettuato; inoltre, richiede la ripetizione del test Tri-NAT (HBVNAT + HCVNAT + HIVNAT) e la stampa dell etichetta da apporre sulla provetta del prelievo sul gestionale Emonet (SIMT-IO 034). Contestualmente il MED apre la finestra Note anagrafica cliccando la corrispondente icona [ ] nella maschera Gestione attività, in cui scrive la data e Si preleva per nota NAT specificando il motivo. L INF di sala prelievi esegue il prelievo al donatore. Una volta effettuato il prelievo, l INF di sala prelievi etichetta la provetta con l etichetta riportante la dicitura Emomaster NAT. Tale campione è inviato al CUV dell Ospedale S. Pertini, insieme alle provette per gli esami microbiologici dei donatori, allegando modulo di identificazione del campione e del donatore (SIMT-MOD 019) compilato dal MED. Il donatore viene invitato a ritornare per la risposta dopo circa 1-2 settimane. Se il risultato della tri-nat è negativo, il donatore è idoneo alle donazioni. Se uno dei test NAT (HBVNAT o HCVNAT o HIVNAT) è positivo, si rimanda al punto 4.2. Se uno dei test NAT è IR o NRR, si rimanda al punto 4.4. Inoltre, tranne nel caso di campione lipemico, se il test tri-nat risulta negativo, il referente per l emovigilanza consegna l esito del test al RQ che provvede ad inserire a mano i risultati negativi sul gestionale EmoNet e procede alla validazione dell unità in questione. 5. INDICATORI Numero donazioni eliminate per positività dei test di validazione biologica/numero donazioni effettuate. 13

14 14 6. RESPONSABILITA ATTIVITA MED TEC INF AMM BIO MED responsabile Emovigilanza Controllo validazione biologica donazioni R C Stampa referti R Gestione richiamo donatori R C Counseling donatori R C Prelievi donatori C R Invio campioni CUV S. Pertini C R C Notifiche C R Look Back C R Eliminazione unità R C R Inserimento dati in SISTRA Responsabilità: le responsabilità per le attività e gli operatori previsti nella presenta procedura sono indicate dalla seguente tabella secondo la priorità : C = Collabora, R = Responsabilità R 7. ABBREVIAZIONI ABBREVIAZIONI HIV HCV HBV TP NAT MED TEC INF BIO RRR SISTRA SIMT ST CUV AMM RQ COB Human Immunodeficiency Virus Hepatitis C virus Hepatitis B virus Treponema pallidum Nucleic acid test Medico Tecnico Infermiere Biologo Raccomandata con ricevuta di ritorno Sistema Informativo dei Servizi Trasfusionali Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Servizio trasfusionale Centro Unico di Validazione Amministrativo Referente per la Qualità Complesso Ospedaliero Belcolle 14

15 15 8. ALLEGATI - Modulo Allegato 2 b (versione italiana) di QAS rev. 06 Notifica esclusione donatore - SIMT-IO Controllo esiti test infettivo logici - SIMT-IO Richiamo donatore - SIMT-IO Richiesta test supplementare - SIMT-MOD Invio campioni sierologia - DIMT-MOD Richiesta di consulenza infettivologica - Modello EMO.S 1 Modello di notifica sorveglianza donatori - Modello Scheda di notifica di malattia infettiva - SIMT-IO 026 Sospensione e riabilitazione donatore - SIMT-POS 033 Look Back - SIMT-MOD 019 Invio campioni NAT - SIMT-IO Richiesta ripetizione test tri-nat 15

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Revisione 1 Redattori : Cosenza 20-01-2014 09-11-2015 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 20-01-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per l effettuazione di indagini e valutazioni retrospettive relative

Dettagli

NAT e controlli regionali sul sangue

NAT e controlli regionali sul sangue NAT e controlli regionali sul sangue Dott. Riccardo Serafini Direttore SIMT Ospedale Sandro Pertini ASL RM B 19 settembre 2014 NAT Nucleic acid Amplification Tecnology NAT HCV obbligatoria e centralizzata

Dettagli

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione Esami di qualificazione biologica su ogni donazione HCV Ab, HCV-RNA (da giugno 2002) HIV 1-2 Ab, HIV1-RNA (da giugno 2008) HBsAg, HBV-DNA (da giugno 2008) Sierodiagnosi per la lue Decreto Ministro della

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue 1 1 2 1 SCOPO. Descrivere le caratteristiche e le modalità di invio dei campioni inviati da soli, in associazione alle richieste trasfusionali o allo scopo di eseguire esami immunoematologici anche sulla

Dettagli

infettive potenzialmente trasmissibili

infettive potenzialmente trasmissibili REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi, Dirigente Medico Dott.re Paolo Annunziato Dell Anna, Dirigente Medico De

Dettagli

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto DI. Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM UdR CQB SGQ BSCS SGA LAB CRIO CAR X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P.A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa M. Ferraro APPROVATO Dott. F. Buscemi

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

IL CENTRO NAZIONALE SANGUE

IL CENTRO NAZIONALE SANGUE IL CENTRO NAZIONALE SANGUE Vista la legge 21 ottobre 2005, n. 219, recante: Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati ed in particolare l articolo 15

Dettagli

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Allegato A SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Il contesto Per emovigilanza si intende il sistema delle procedure volte alla rilevazione e monitoraggio delle reazioni indesiderate gravi o inaspettate dei

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 022 Gestione Informatizzata su Emonet

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 022 Gestione Informatizzata su Emonet 1 1 2 1 SCOPO Descrivere le applicazioni del sistema informatico EmoNet, impiegato nel SIMT per le diverse attività svolte nei vari settori operativi e la organizzazione di tali attività. Gli scopi della

Dettagli

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Quadro Normativo Oggi. Sicurezza Trasfusionale Preanalitica Analitica Postanalitica Input Output Outcame Efficienza Efficacia Economicità complessiva

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 008 Accertamenti diagnostici del donatore

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 008 Accertamenti diagnostici del donatore 1 Prima Stesura Data:10-11-2013 Redattori: MANDARELLO 1 2 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è di definire gli esami microbiologici, immunoematologici e gli accertamenti diagnostici a cui sottoporre

Dettagli

LA RIORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA TRASFUSIONALE STATO DELL ARTE E QUALE FUTURO

LA RIORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA TRASFUSIONALE STATO DELL ARTE E QUALE FUTURO LA RIORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA TRASFUSIONALE STATO DELL ARTE E QUALE FUTURO Limbiate, 25 ottobre 2014 oltre Dr.ssa Andrea Lobbiani SIMT A.O. G.Salvini Laboratorio NAT DMTE Milano Nord Ovest I requisiti

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti 1 1 2 1 SCOPO Lo scopo della seguente procedura è descrivere le modalità di esecuzione della validazione finale e dell etichettatura degli emocomponenti derivanti dalla donazione di sangue intero o di

Dettagli

Identificazione del paziente all atto della richiesta di determinazione del gruppo sanguigno e prelievo di campioni di sangue INDICE

Identificazione del paziente all atto della richiesta di determinazione del gruppo sanguigno e prelievo di campioni di sangue INDICE Pag. 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. DEFINIZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. DIAGRAMMA DI FLUSSO 7. DESCRIZIONE ATTIVITA' Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 11-12-2012

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 11685 DEL 20/10/2006 Identificativo Atto n. 992

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 11685 DEL 20/10/2006 Identificativo Atto n. 992 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 11685 DEL 20/10/2006 Identificativo Atto n. 992 Oggetto: APPROVAZIONE DI UNO SCHEMA-TIPO DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI MEDICINA TRASFUSIONALE TRA LA STRUTTURA

Dettagli

2) Esperienza lavorativa: - avere maturato un esperienza lavorativa in ambito sanitario di almeno 3 anni.

2) Esperienza lavorativa: - avere maturato un esperienza lavorativa in ambito sanitario di almeno 3 anni. Allegato B). Modello per le visite di verifica dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti ai sensi dell articolo 5 del decreto legislativo 20 dicembre 2007, n.

Dettagli

www.iss dell Istituto Superiore di Sanità ESTRATTO Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di emocomponenti, anno 2007

www.iss dell Istituto Superiore di Sanità ESTRATTO Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di emocomponenti, anno 2007 www.iss w.iss s.it ESTRATTO Volume 22 - Numero 10 Ottobre 2009 ISSN 0394-9303 dell Istituto Superiore di Sanità dell Istituto Superiore di Sanità Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di

Dettagli

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT)

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) La sede della Sezione di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 2 ottobre 2013 Accordo 25 luglio 2012, n. 149/Csr Gazzetta Ufficiale 9 maggio 2013, n. 107 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 26 agosto 1997, n. 281, tra il Governo,

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

Allegato E al Decreto n. 17 del 23.02.2016 pag. 1/5

Allegato E al Decreto n. 17 del 23.02.2016 pag. 1/5 Allegato E al Decreto n. 17 del 23.02.2016 pag. 1/5 R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità * * * * * * LOTTO N. 2 FORNITURA DI SISTEMI

Dettagli

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CONOSCERE IL SISTEMA SANGUE PER CRESCERE NELLA NUOVA REALTA AVISINA TITOLO INTERVENTO «Cenni sulla normativa europea ed italiana in ambito trasfusionale:

Dettagli

Percorso regionale di formazione per il personale operante nelle attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti

Percorso regionale di formazione per il personale operante nelle attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti Percorso regionale di formazione per il personale operante nelle attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti (ai sensi delle LG per l Accreditamento del CNS) Cause di sospensione temporanea e

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

SIMT-IO 052 GESTIONE ATTIVITA IN CASO DI BLOCCO DEL SISTEMA GESTIONALE EMONET

SIMT-IO 052 GESTIONE ATTIVITA IN CASO DI BLOCCO DEL SISTEMA GESTIONALE EMONET 1 Prima Stesura Data: 15/02/2014 Redattori: Rizzo, Mastrocola SIMT-IO 052 GESTIONE ATTIVITA IN CASO DI BLOCCO DEL SISTEMA GESTIONALE EMONET Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 5 3 BIBLIOGRAFIA...

Dettagli

Dipartimento Interaziendale Regionale di Medicina Trasfusionale Direttore Dott. Mario Piani

Dipartimento Interaziendale Regionale di Medicina Trasfusionale Direttore Dott. Mario Piani Dipartimento Interaziendale Regionale di Direttore Dott. Mario Piani RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 sviluppato dal Responsabile Assicurazione Qualità Dipartimentale Dott.ssa G.SIRACUSA e dai RAQ delle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-11-2004 (punto N. 37 ) Delibera N.1183 del 22-11-2004 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-11-2004 (punto N. 37 ) Delibera N.1183 del 22-11-2004 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-11-2004 (punto N. 37 ) Delibera N.1183 del 22-11-2004 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

Conferenza Stato Regioni

Conferenza Stato Regioni Pagina 1 di 5 Conferenza Stato Regioni Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante Linee guida per l accreditamento delle Banche di sangue da cordone

Dettagli

AVIS SOVRACOMUNALE MEDIO VARESOTTO. Aldo Cardani

AVIS SOVRACOMUNALE MEDIO VARESOTTO. Aldo Cardani AVIS SOVRACOMUNALE MEDIO VARESOTTO Aldo Cardani Varese, 28 gennaio 2012 1 Al fine di ottimizzare la collaborazione tra Avis, SIMT e AO di Varese, abbiamo costituito Avis Sovracomunale Medio Varesotto,

Dettagli

Gli strumenti e le fasi dello studio

Gli strumenti e le fasi dello studio Studio prospettico tra i donatori di sangue in Italia: comportamenti a rischio di infezione da HIV e qualità delle informazioni fornite dal donatore durante la fase di selezione Gli strumenti e le fasi

Dettagli

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5 La struttura complessa SIMT (Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale) effettua indagini di laboratorio e prestazioni di medicina trasfusionale, in regime di routine e urgenza, in conformità

Dettagli

SIMT-POS 043 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA ED AZIONI CORRETTIVE

SIMT-POS 043 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA ED AZIONI CORRETTIVE 1 Prima Stesura Data:15-02-2014 Redattori: Gasbarri - Rizzo SIMT-POS 043 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA ED AZIONI CORRETTIVE Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 028 Controlli Qualità

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 028 Controlli Qualità 1 1 2 1 SCOPO Scopo della presente Procedura è fornire indicazioni circa le modalità di esecuzione e gestione del Controllo di Qualità (C.Q.) interno ed esterno nell area di Validazione Biologica. 2 CAMPO

Dettagli

SIMT-IO 041 ESECUZIONE EMOCROMI

SIMT-IO 041 ESECUZIONE EMOCROMI 1 Prima Stesura Data: 15/02/2014 Redattori: Rizzo, Carone SIMT-IO 041 ESECUZIONE EMOCROMI Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 5 3 BIBLIOGRAFIA... 5 4 INDICATORI... 6 Stato delle Modifiche

Dettagli

LE INDAGINI DI LABORATORIO IL RISCHIO HIV

LE INDAGINI DI LABORATORIO IL RISCHIO HIV DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI: ATTUALITA E SICUREZZA 24-25-26 NOVEMBRE 2008 AOU G.MARTINO LE INDAGINI DI LABORATORIO IL RISCHIO HIV Isa Picerno Pasquale Spataro UOS di Sorveglianza Epidemiologica delle

Dettagli

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016 Decreto Ministero della Salute 2.11.2015 pubblicato su GURI SG n.300 del 28.12.2015 "Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti" Coordinatore del Comitato

Dettagli

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG Versione approvata al 1marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

Dettagli

COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO.

COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO. COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO. (Consulta Nazionale per i Trapianti - 31 agosto 2004) 1. E costituito l Archivio Biologico

Dettagli

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione 2015: una realtà. I nuovi requisiti minimi per l autorizzazione e l accreditamento

Dettagli

IL PROTOCOLLO REGIONALE

IL PROTOCOLLO REGIONALE IL PROTOCOLLO REGIONALE C.P.S.I. Vera Sabrina Ufficio di Coordinamento Infermieristico per l attività di prelievi Ospedale S. Giovanni Battista I criteri per la selezione dei donatori sono quelli della

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

VEQ IN BIOLOGIA MOLECOLARE CICLO 2014

VEQ IN BIOLOGIA MOLECOLARE CICLO 2014 VEQ IN BIOLOGIA MOLECOLARE CICLO 2014 Firenze 14 settembre 2015 Maria Grazia Colao VEQ 2014 HBV DNA HCV RNA HIV RNA HCV genotipo 106 laboratori partecipanti VEQ 2014 1 invio 3 campioni monoparametrici

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 016 Gestione effetti indesiderati gravi o incidenti gravi o near miss.

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 016 Gestione effetti indesiderati gravi o incidenti gravi o near miss. 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 17-04-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare le responsabilità e le modalità operative da adottare per la gestione delle reazioni indesiderati

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.1.2010 COM(2010)3 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI relativa

Dettagli

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali Testo aggiornato al 28 maggio 2009 Decreto ministeriale 21 dicembre 2007 Gazzetta Ufficiale 16 gennaio 2008, n. 13 Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali IL MINISTRO DELLA SALUTE

Dettagli

DONAZIONE, RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DI TESSUTO MUSCOLO-SCHELETRICO DA DONATORE VIVENTE

DONAZIONE, RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DI TESSUTO MUSCOLO-SCHELETRICO DA DONATORE VIVENTE DONAZIONE, RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DI TESSUTO MUSCOLO-SCHELETRICO DA DONATORE VIVENTE Procedura Specifica PS BO/01 Rev.6 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI UO Servizio di Immunoematologia

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA INDICE Pag. 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. PAROLE CHIAVE... 2 3. PERSONALE INTERESSATO... 2 4. MODALITA OPERATIVA... 2 4.1 PREMESSA... 2 4.2 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA... 3 4.2.1 Richiesta

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche 1 1 2 1 SCOPO Scopo della presente procedura è quello di illustrare le analisi immunoematologiche che vengono effettuate presso il SIMT andando a descrivere le modalità attraverso le quali vengono gestite.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (RISK ASSESSMENT)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (RISK ASSESSMENT) CT DOI 23 CENTRO Revisione 0 Pag. 1 a 7 Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ Pag. 1.1 ANALISI DEI RISCHI 1.2 ASSEGNAZIONE IPR 2 ELENCO DEI PROCESSI E IPR OTTENUTI 2.1 Processo di selezione e donazione 2.2 Processo

Dettagli

LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue

LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue U.O.C. SIMT, U.O.C. CAPE LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue NB: I sub-lotti A e B del lotto

Dettagli

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 18 novembre 2009 Istituzione di una rete nazionale di banche per la conservazione di sangue da cordone ombelicale. (09A15289) IL MINISTRO

Dettagli

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ;

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ; REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 aprile 2015, n. 12-1322 Rinnovo della Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per il collegamento

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

SIMT-IO 051 PRENOTAZIONE EMOCOMPONENTI

SIMT-IO 051 PRENOTAZIONE EMOCOMPONENTI 1 Prima Stesura Data: 15/02/2014 Redattori: Rizzo, Carone SIMT-IO 051 PRENOTAZIONE EMOCOMPONENTI Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 5 3 BIBLIOGRAFIA... 5 4 INDICATORI... 5 Stato delle

Dettagli

Provinciale Roma. Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano

Provinciale Roma. Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano UNITA DI RACCOLTA SANGUE Requisiti Minimi Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano UNITA DI RACCOLTA Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261, articolo 2, comma 1, lettera

Dettagli

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis Il trasporto, la conservazione e l etichettatura degli Emocomponenti Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis L ETICHETTATURA, IL CONFEZIONAMENTO, LA CONSERVAZIONE E IL TRASPORTO DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

Dettagli

Versione aggiornata al 1 agosto 2003

Versione aggiornata al 1 agosto 2003 Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI FEGATO.

Dettagli

Curriculum formativo e professionale della d.ssa Muratore Maddalena

Curriculum formativo e professionale della d.ssa Muratore Maddalena Curriculum formativo e professionale della d.ssa Muratore Maddalena La sottoscritta Maddalena Muratore nata a Palermo il 05/04/1961 dipendente dell Azienda Villa Sofia - Cervello in qualità di Dirigente

Dettagli

GESTIONE DELLE REGISTRAZIONI ED ARCHIVIAZIONE DOCUMENTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE

GESTIONE DELLE REGISTRAZIONI ED ARCHIVIAZIONE DOCUMENTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE Dr.ssa Francesca Tanzi Responsabile Qualità Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE Dr. Alessandro

Dettagli

ASSEMBLEA NAZIONALE 2010 MONTESILVANO

ASSEMBLEA NAZIONALE 2010 MONTESILVANO ASSEMBLEA NAZIONALE 2010 MONTESILVANO Legge 21 ottobre 2005, n. 219 a) il raggiungimento dell'autosufficienza regionale e nazionale di sangue, emocomponenti e farmaci emoderivati; b) una più efficace tutela

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 16 dicembre 2010 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

Versione aggiornata al 1 marzo 2005

Versione aggiornata al 1 marzo 2005 Versione aggiornata al 1 marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER L ANTIGENE DI SUPERFICIE DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBsAg +) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE E/O RENE. Razionale

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Indicazioni Operative per

Dettagli

S.I.M.T. VERCELLI ALL. Standard di Servizio: Guida all'autodonazione mediante Predeposito. Approvata da: DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA

S.I.M.T. VERCELLI ALL. Standard di Servizio: Guida all'autodonazione mediante Predeposito. Approvata da: DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA Pagina 1 di 6 FIRMA PER REDAZIONE CAMISASCA GIOVANNI _FIRMATO IN ORIGINALE FIRMA PER APPROVAZIONE MARI RAFFAELE _FIRMATO IN ORIGINALE EMESSO IL : 15/04/2010 SOMMARIO: SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2

Dettagli

Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità. Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B

Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità. Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B Aspetti normativi LEGGE SANGUE 219 DEL 21-10-2005 (nuova disciplina

Dettagli

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Parte 3a. Epatiti Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Fiumicino, 16 aprile 2016 www.cos.it/mediter Dr. Ugo Montanari Epatiti: tests diagnostici - 1 Indicazioni cliniche Tipo di richiesta

Dettagli

Antonio Lodato Direttore SIMT A.O. G.Salvini di Garbagnate

Antonio Lodato Direttore SIMT A.O. G.Salvini di Garbagnate La Macroarea Trasfusionale Milano Nord- Ovest: nascita e sviluppo di un nuovo modello organizzativo territoriale lombardo per la lavorazione e validazione del sangue e degli emocomponenti Antonio Lodato

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione CARTA DEI SERVIZI STRUTTURA TRASFUSIONALE E DIPARTIMENTO TRASFUSIONALE PROVINCIALE Ospedale di Belluno Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Struttura Unità Operativa Direttore f.f. Ospedale

Dettagli

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda Angela Mazzi, Dirigente Medico Servizio di Medicina Trasfusionale Cosa conserviamo c/o il SIMT Emocomponenti

Dettagli

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC 1 SIMT POS 035 REV 1 Trasporto EMC Prima Stesura 16/12/2014 Revisione 1 20102015 Redattori: Gasbarri, Rizzo SIMTPOS 035 REV 1 TRASPORTO EMC Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI

Dettagli

OFFERTA DI PRESTAZIONI

OFFERTA DI PRESTAZIONI S.S.D. MEDICINA TRASFUONALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La struttura di Medicina Trasfusionale è un organizzazione che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa, sia in termini di raccolta

Dettagli

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Primo invio Aggiornamento Regione Provincia Comune ASL Sezione 1

Dettagli

MEDICINA TRASFUSIONALE SERVIZI TRASFUSIONALI

MEDICINA TRASFUSIONALE SERVIZI TRASFUSIONALI Servizi Trasfusionali Aziendali (STA). Si intendono le strutture e le relative articolazioni organizzative, comprese quelle per le attività di raccolta, previste dalla normativa vigente, secondo il modello

Dettagli

Qualificazione del personale medico e infermieristico addetto alla attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti.

Qualificazione del personale medico e infermieristico addetto alla attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti. Corso regionale Qualificazione del personale medico e infermieristico addetto alla attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti 22, 29 novembre 2013 Aula 3 Piano Avis Provinciale di Modena via

Dettagli

GESTIONE DEI PRODOTTI CON CONTROLLI MICROBIOLOGICI POSITIVI

GESTIONE DEI PRODOTTI CON CONTROLLI MICROBIOLOGICI POSITIVI GESTIONE DEI PODOTTI CON CONTOLLI MICOBIOLOGICI EDAZIONE, APPOVAZIONE, AUTOIZZAZIONE, EMISSIONE EDAZIONE APPOVAZIONE AUTOIZZAZIONE EMISSIONE Sassi Maria - Dirigente Medico SIT Schifano Chiara - Biologa

Dettagli

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei VOL. 1, N. 1 GENNAIO Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei Introduzione Il sistema di sorveglianza

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 4 maggio 2007 Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. (GU n.110 del 14-5-2007) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre

Dettagli

La fecondazione eterologa nel privato. Roberto Laganara

La fecondazione eterologa nel privato. Roberto Laganara La fecondazione eterologa nel privato Roberto Laganara I riferimenti normativi La pratica clinica I riferimenti normativi Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN DOCUMENTO

Dettagli

Centro Regionale Trapianti - Regione Lazio. La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi

Centro Regionale Trapianti - Regione Lazio. La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi SICUREZZA DEL PAZIENTE (Patient safety) Dimensione della qualità dell'assistenza, che garantisce la progettazione e l'implementazione di sistemi

Dettagli

L INFORMATIZZAZIONE. Agostino Rossi SIMT di Piacenza

L INFORMATIZZAZIONE. Agostino Rossi SIMT di Piacenza Percorso regionale di formazione per il personale operante nelle attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti (ai sensi delle LG per l ccreditamento del CNS) L INFRMTIINE gostino Rossi SIMT di

Dettagli

Dott. Fenoil. Dott. Iannaccone. Dott.ssa Amore. Approvato dal Direttore Sanitario Aziendale dott.ssa Chianale

Dott. Fenoil. Dott. Iannaccone. Dott.ssa Amore. Approvato dal Direttore Sanitario Aziendale dott.ssa Chianale DI URINA E PER LA RICERCA DEI METABOLITI LAVORATORI ADDETTI A MANSIONI CHE COMPORTANO PARTICOLARI RISCHI PER LA SICUREZZA PER ACCERTAMENTO DELLO STATO DI TOSSICODIPENDENZA AI SENSI DELLA DGR 13-10928 del

Dettagli

Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10

Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10 LABORATORIO SANITA PUBBLICA Via Bufardeci 22- SIRACUSA Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PRESTAZIONI EROGATE... 4 2. MODALITÀ DI ACCESSO... 5 2.1

Dettagli

Legislazione AVIS Abruzzo

Legislazione AVIS Abruzzo Decreto Ministero Sanità 3 Marzo 2005.(G.U. n. 85 13/04/2005) Protocolli per l`accertamento della idoneita` del donatore di sangue e di emocomponenti IL MINISTERO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990,

Dettagli

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE.

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE. REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZION E EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi- Dirigente Medico U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Dott Alessandro

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Gestione Certificati Malattia

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Gestione Certificati Malattia M.U.T. Modulo Unico Telematico Gestione Certificati Malattia Data Redazione Documento 15/03/2013 Data Pubblicazione Documento Responsabile Nuova Informatica Enrico Biscuola Versione 1.2.0 Indice dei contenuti

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

Gestione sopralluoghi

Gestione sopralluoghi GESTIONE PIANO BENESSERE IN ALLEVAMENTO: ISTRUZIONI OPERATIVE Gestione sopralluoghi Tale modulo consta, attualmente, di quattro sezioni collegate ad un insediamento preselezionato tramite indicazione del

Dettagli

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE S.S.D. MEDICINA TRASFUONALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La struttura di Medicina Trasfusionale è un organizzazione che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa, sia in termini di raccolta

Dettagli

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione SISTEMA DI CONTROLLO MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Proc. 01/2012/2013 Revisione 2 Pag. 1 di 10 /2014 STATO DATA FIRMA APPROVATO 28.03.2014 ARCH. ROSARIO DI MUZIO Sommario Introduzione... 3 Contenuti

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO FIGURA 1 PRE-GRAVIDANZA IgG - IgM - IgG + IgM - Soggetto suscettibile all infezione primaria Soggetto immune (infezione pregressa) Referto commentato: : se in previsione di una gravidanza, consulti il

Dettagli