DL DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM"

Transcript

1 DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo di: amplificatori audio, codificatore stereo, oscillatore locale a PLL controllato al quarzo e stadi RF e d'uscita. Frequenza di lavoro del trasmettitore: compresa nella banda MHz. Potenza RF in uscita: limitata a circa 100 mw per non interferire con le trasmissioni pubbliche. Alimentazione: + 15 Vcc, 300 ma caratteristiche degli amplificatori BF, risposta, pre enfasi generazione del tono pilota stereo e della portante a 38 khz, costruzione del segnale multiplo stereo utilizzazione di un sistema PLL per la generazione della frequenza portante modulatore, amplificatore RF, amplificatore d'uscita DL 2512A Ricevitore FM Il pannello consiste in un ricevitore FM stereo di concezione moderna, funzionante nella gamma delle onde VHF ed è realizzato con circuiti integrati dedicati. Il ricevitore del tipo supereterodina comprende: il circuito d'antenna con sintonia a vari cap, il convertitore di frequenza, l'amplificatore a frequenza intermedia, il rivelatore in quadratura con controllo automatico di frequenza. Completo di decodificatore stereo a PLL, due amplificatori audio e due altoparlanti. Un sistema a microinterruttori, celati da uno sportello, consente di inserire 8 guasti nei circuiti del ricevitore. Gamma di frequenza: da 88 a 108 MHz Frequenza intermedia: 10,7 MHz Oscillatore: 76 khz (VCO) Potenza d'uscita: 2 x 1 W su 8 Ω Alimentazione: + 15 Vcc, 500 ma stadio d'ingresso rivelatore circuiti AFC e muting demodulatore stereo amplificatore audio e altoparlante ricerca guasti pag. 11

2 Comunicazioni di Base e Analogiche DL 2514 Trasmettitore SSB Il pannello realizza, insieme al DL 2515 (ricevitore SSB), un sistema di comunicazione completo, operante a una frequenza di circa 1,4 MHz. Il pannello comprende l'amplificatore audio, il modulatore con oscillatore locale a circa 455 khz, il filtro SSB con amplificatore a frequenza intermedia, il convertitore a radio frequenza con oscillatore a 1 MHz e lo stadio d'antenna. Completo di generatore di tono di prova e di carico fittizio. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma oscillatore locale, modulatore, filtro SSB convertitore, amplificatore RF, amplificatore di potenza rilevazione delle prestazioni e allineamento di tutti gli stadi costituenti il trasmettitore realizzazione e studio, con il DL 2515, di un sistema di comunicazione completo DL 2515 Ricevitore SSB Il pannello realizza, insieme al DL 2514 (trasmettitore SSB), un sistema di comunicazione completo, operante a una frequenza di circa 1,4 MHz. Il pannello comprende il circuito d'antenna a sintonia fissa e l'amplificatore a radiofrequenza, il convertitore con oscillatore locale a 1 MHz, l'amplificatore a frequenza intermedia ed il demodulatore SSB con l'oscillatore di battimento, l'amplificatore audio e l'altoparlante. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma pag. 12 prestazioni degli oscillatori locali (LFO) e di battimento (BFO) per la demodulazione prestazioni dell'amplificatore RF, dello stadio IF, del demodulatore, dell'amplificatore audio allineamento del ricevitore realizzazione e studio, con il DL 2514, di un sistema di comunicazione completo

3 Comunicazioni Digitali DL 2542 Modulazione Delta Il pannello permette l'analisi e lo studio della modulazione DELTA che, come è noto, è una discendenza recente e promettente della modulazione PCM a codificazione numerica.. Il pannello comprende gli elementi necessari per mostrare come nel modulatore avviene il processo di campionamento, il confronto di ciascun campione col precedente e la codifica a 1 bit della differenza. Nella sezione ricevente il segnale viene decodificato e restituito nella forma originaria. Il modulatore e il demodulatore sono configurabili per sperimentare schemi di quantizzazione con controllo manuale o automatico auto adattativo. Il pannello comprende, inoltre, circuiti ausiliari per l'esecuzione agevole delle esercitazioni: generatori di tono di prova, generatore di rumore, generatore di frequenza di campionamento. Banda trasmessa: da 340 a 3400 Hz. Generatori di tono sinusoidale e onda quadra: regolabili da 0 a 5 Vpp Frequenza di campionamento: variabile in modo continuo nell'intorno di 32 khz Variazione manuale o automatica dell'ampiezza del gradino d'integrazione. Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma processo di modulazione e demodulazione delta relazione tra frequenza di campionamento e qualità di trasmissione fenomeno del "sovraccarico di pendenza" e metodi di correzione errore di quantizzazione, modulazione delta adattativa DL 2543 Modulatore demodulatore PWM PPM Il pannello consiste in una catena completa Modulatore / Trasmettitore / Ricevitore / Demodulatore programmabile per operare con modulazione di larghezza ad impulsi oppure di posizione ad impulsi. Il pannello comprende il generatore di segnali e temporizzazioni ed un generatore di tono di prova, così che è possibile eseguire esercitazioni anche complesse con un minimo di attrezzature esterne. Frequenza di campionamento variabile con continuità nell'intorno di 8 khz. Banda del segnale analogico in ingresso: da 340 a 3400 Hz. Alimentazione: ± 15 Vcc, 100 ma processo di modulazione e di demodulazione PWM e PPM prestazioni dei sistemi PWM e PPM nei riguardi della qualità di trasmissione in presenza di disturbi, attenuazione, rumore relazione tra banda del segnale trasmesso e frequenza di campionamento; considerazioni sulla banda occupata dal segnale modulato pag. 13

4 Comunicazioni Digitali DL 2545 Modulazione PCM differenziale Il pannello comprende la sezione trasmittente e quella ricevente di un sistema DPCM semplificato, ma completo. Nel trasmettitore ha luogo il processo di campionamento del segnale fonico, di confronto di ogni campione con il precedente, di codifica numerica del segnale differenza e trasmissione seriale. Nel ricevitore ha luogo il processo opposto di decodifica numerica analogica del segnale ricevuto e ricostruzione del segnale fonico. Capacità: una via fonica con banda nominale Hz. Frequenza di campionamento nominale: variabile in modo continuo nell'intorno di 8 khz. Formato dati numerici: 8 bits a livello TTL. Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma sistema DPCM; approfondimento dei requisiti di prestazioni di ciascun blocco prestazioni e limiti della modulazione DPCM nei riguardi della banda trasmessa, del rumore di quantizzazione e degli errori di trasmissione confronti fra sistemi DPCM e altri sistemi di modulazione impulsiva DL 2540 Multiplatore demultiplatore PAM Il pannello costituisce un sistema completo di trasmissione e ricezione multiplex a divisione di tempo, in tecnica PAM, dei segnali di quattro canali fonici. La sezione trasmittente del pannello comprende i generatori di sincronismi, gli amplificatori di canale, il modulatore/multiplatore PAM e l'amplificatore di linea. Il ricevitore comprende l'amplificatore/ricevitore di linea, la logica di estrazione e riconoscimento dei sincronismi, il demultiplatore e il demodulatore PAM e gli amplificatori/filtri d'uscita di canale. Il sistema è provvisto, inoltre, di 4 generatori di toni di prova in banda fonica, di un simulatore di linea di trasmissione ad attenuazione variabile e di un generatore variabile di rumore artificiale. Capacità del sistema: 4 canali fonici ( Hz). Frequenza di campionamento: selezionabile tra i valori di circa 8 khz (valore normale) e 4 khz. Generatori di toni sinusoidali ( Hz) con ampiezza regolabile separatamente. E' assicurata la relazione reciproca di fase dei segnali dei quattro generatori. Alimentazione: + 15 Vcc, 80 ma modulazione impulsiva di segnali analogici; relazione fra frequenza di campionamento e banda di trasmissione teorema del campionamento multiplazione temporale e trasmissione di segnali TDM; codificazione dei segnali di sincronismo nel segnale multiplo problematiche di sincronizzazione dei ricevitori; demultiplazione e decodifica PAM influenza delle caratteristiche di mezzi trasmissivi imperfetti sulla qualità di trasmissione pag. 14

5 DL 2541 Multiplatore demultiplatore PCM Il sistema è realizzato su due pannelli costituenti, rispettivamente, la sezione trasmittente e la sezione ricevente per la multiplazione a divisione di tempo in tecnica PCM. Il sistema è composto da: DL 2541A multiplexer trasmettitore PCM Il pannello comprende 4 canali fonici con amplificatore d'ingresso e convertitori A/D le cui uscite vengono lette in sequenza ed inviate ad un convertitore paralleloseriale. Completo di 4 generatori di toni sinusoidali ( ) con livelli regolabili, 2 segnali TTL, tensioni di riferimento e simulatore di linea di trasmissione con attenuatore e generatore di rumore. Velocità di campionamento: 8 khz nominali. E' disponibile un'altra velocità bassissima (64 Hz) per scopi particolari di studio. Velocità di trasmissione: 307 kbit/s. Formato dati trasmessi: livelli TTL. DL 2541B ricevitore demultiplexer PCM Il pannello comprende un ricevitore di linea con estrattore dei segnali di sincronismo, il convertitore seriale parallelo, il convertitore D/A e il demultiplexer analogico a divisione di tempo. Completo di amplificatori di uscita con filtro passa basso. Alimentazione: ± 15 Vcc, + 5 Vcc, 100 ma codificazione numerica di segnali analogici multiplazione a divisione di tempo costruzione della trama PCM codificazione dei segnali di sincronismo e allineamento ricezione di segnali numerici estrazione e riconoscimento dei sincronismi di bit e di trama decodificazione numerica/analogica demultiplazione temporale prestazione di sistemi TDM PCM: errore e rumore di quantizzazione, limitazione di banda, influenza della velocità di campionamento sulla qualità comportamento di sistemi di trasmissione numerici in presenza di attenuazione e rumore pag. 15

6 Comunicazioni Digitali DL 2560A Trasmissione dati in banda base Il pannello permette lo studio delle tecniche di trasmissione in banda base con diversi tipi di codifica: RZ (Return to Zero), NRZ (Not Return to Zero), Manchester, Biphase e Duo binary. Il pannello comprende un generatore di segnali casuali in banda base con velocità e composizione variabile e un generatore di portanti sinusoidali. Alimentazione: ±15Vcc elementi costituenti il sistema di trasmissione BB sperimentazione con diversi codici di linea andamento del tasso d'errore al variare della velocità di trasmissione e delle caratteristiche di attenuazione e rumore del mezzo trasmissivo DL 2560B Modulo di supporto Contiene: clock e carrier generator ottenuti da un'unica sorgente al quarzo a 2,4576 MHz con frequenza di clock selezionabile tra 2400, 4800, 9600, e Hz. Pseudo random data generator che genera due sequenze casuali di 1 e 0 di diversa lunghezza, 15 bit e 255 bit misuratore di BER generatore di rumore artificiale a livello regolabile che genera un segnale a spettro quasi bianco nella banda 2 40 khz jitter meter pag. 16

7 DL 2561 Modulazione ASK Il pannello consiste in una sezione modulatrice e in una sezione demodulatrice tipo ASK (Amplitude Shift Keying) intercollegabili per simulare un sistema di trasmissione completo. Il pannello utilizza il pannello DL 2560B come unità di servizio che fornisce il segnale portante, il segnale digitale casuale modulante, il misuratore di tasso d'errore ed il simulatore di linea. Modulatore a interruttore statico a CMOS con buffer d'uscita e demodulatore. Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma. architettura di sistemi ASK processo di modulazione/demodulazione ASK misura del tasso d'errore in funzione della velocità di trasmissione e delle caratteristiche (attenuazione, rumore) di mezzi trasmissivi imperfetti DL 2562 Modulazione FSK Il pannello consiste in una sezione modulatrice e in una sezione demodulatrice tipo FSK (Frequency Shift Keying) inter collegabili per simulare un sistema di trasmissione completo. Il pannello utilizza il pannello DL 2560B come unità di servizio che fornisce il segnale portante, il segnale digitale casuale modulante, il misuratore di tasso d'errore ed il simulatore di linea. Modulatore FSK e demodulatore PLL. Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma architettura di sistemi FSK processo di modulazione/demodulazione FSK misura del tasso d'errore in funzione della velocità di trasmissione e delle caratteristiche (attenuazione, rumore) di mezzi trasmissivi imperfetti pag. 17

8 Comunicazioni Digitali DL 2563 Modulazione PSK Il pannello è composto da sezioni PSK di modulazione e demodulazione che possono essere interconnesse per simulare un sistema di trasmissione completo. Il pannello utilizza il pannello DL 2560B come unità di servizio che fornisce il segnale portante, il segnale digitale casuale modulante, il misuratore di tasso d'errore ed il simulatore di linea. Modulatore a invertitore di fase e demodulatore PLL a frequenza regolabile seguito da filtro passa basso e squadratore. Alimentazione: ± 15 Vcc, 50 ma e + 5 Vcc, 200 ma architettura di sistemi PSK processo di modulazione/demodulazione PSK misura del tasso d'errore in funzione della velocità di trasmissione e delle caratteristiche (attenuazione, rumore) di mezzi trasmissivi imperfetti pag. 18

9 Transmission systems DL 2597 Linee di trasmissione Il trainer è stato progettato per guidare l'allievo alla comprensione e alla sperimentazione dei principi fisici di propagazione dei segnali elettrici su linee di trasmissione e come introduzione all'applicazione delle linee quali elemento fondamentale nei sistemi di comunicazione. Il trainer consiste in un modulo con 100 metri di cavo coassiale a prese intermedie, ogni 25 metri, e con resistori variabili di terminazione. determinazione dei parametri caratteristici della linea misura dell'attenuazione caratteristiche di frequenza della linea impedenza d'ingresso della linea onde stazionarie sfasamento del segnale lungo la linea localizzazione guasti lungo la linea linea in regime impulsivo DL 2570 Fibre ottiche Il pannello consiste in un sistema di trasmissione su fibra ottica configurabile per sperimentare sia la trasmissione digitale che analogica dei segnali. Il pannello comprende: trasmettitore digitale con ingresso TTL, ricevitore digitale con rigeneratore dati, trasmettitore analogico con variazione continua del punto di lavoro del diodo emettitore, ricevitore analogico a guadagno variabile, dispositivi ausiliari (generatore di clock a frequenza variabile con continuità, generatore di sequenza pseudo casuale di bit, con codificazione di linea TTL unipolare/nrz/bifase/manchester), frequenza segnale interno di prova: khz, fibra plastica multimodale con connettori a innesto rapido (sono fornite due fibre di lunghezza 50 cm e 5 m rispettivamente), trasmettitore e ricevitore ottico: 880 nm, 50 MHz Alimentazione: ± 15 Vcc, 300 ma. architettura dei sistemi a fibre ottiche codificazione NRZ, BIFASE, MANCHESTER trasmettitore e ricevitore ottici velocità di trasmissione Pag. 19

ELETTRONICA PER LE TELECOMUNICAZIONI

ELETTRONICA PER LE TELECOMUNICAZIONI INDICE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2555ALE DL 2555ALG COMUNICAZIONI DI BASE E ANALOGICHE TELECOMUNICAZIONI DI BASE DL 2153 FILTRI ATTIVI DL 2155FIL CIRCUITI PLL DL 2530 SINTETIZZATORI

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni Apparati di radiodiffusione AM ed FM Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni 1 Trasmettitori a modulazione di ampiezza Un trasmettitore per radiodiffusione ha il compito di convertire

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente:

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: Questo sistema elementare si chiama ricevitore radio ad amplificazione accordata (TRF) o ad amplificazione diretta ed

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse.

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse. Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni Anelli ad aggancio di fase (PLL) B6 - Demodulatori e sincronizzatori» FSK, PSK, PAM» recupero dati/clock (CDR)»

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI Pag. 1 di 6 Docente: Materia insegnamento: Telecomunicazioni Dipartimento: Elettronica Classe Anno scolastico: 1 Livello di partenza (test di ingresso, livelli rilevati) Verifica formativa attuata nel

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 2 Si progetti un ricetrasmettitore radio modulare operante a modulazione di frequenza

Dettagli

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db 3.- CIRCUITI 3.1.- Combinazione dei componenti: Circuiti in serie e in parallelo di resistori, bobine, condensatori, trasformatori e diodi - Corrente e tensione nei circuiti Impedenza. 3.2.- Filtri: Filtri

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Aunni: Filippelli Maria Fortunata Lautieri Mariacaterina prof. Ing. Zumpano

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV Sommario Prefazione all edizione italiana Prefazione Basi teoriche Applicazioni pratiche Simboli Funzioni definite Notazione degli operatori Acronimi XV XVII XVII XVIII XXI XXIV XXIV XXV Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

Prova Teorica. Test a scelta multipla. Casarano-29 Aprile 2009

Prova Teorica. Test a scelta multipla. Casarano-29 Aprile 2009 I.I.S. F. ottazzi - asarano 28-29 prile 2009 asarano-29 prile 2009 Prova Teorica Test a scelta multipla ognome Nome Scuola di provenienza 1 di 17 I.I.S. F. ottazzi - asarano 28-29 prile 2009 rgomenti della

Dettagli

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali)

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali) Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi Via Milano, 1-56025 Pontedera (Pisa) Tel. 0587 / 53566-55390 Fax 0587/57411 : iti@marconipontedera.it - WEB: www.marconipontedera.it cod. fisc. 81002020501

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI Caratteristiche e parametri di misura Ricevitori tradizionali Dopo l invenzione del triodo amplificatore, nacquero i primi Rx ad amplificazione diretta. Figura

Dettagli

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE I.I.S.S. G. MARCONI piazza Poerio 2 BARI - Progetto EduSAT - LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello

Dettagli

Gruppo. Bertelli Nicolò Miotto Filippo. Classe. 5^A Elettronica. Anno Scolastico 2013-2014 PROGETTO. Radio FM INDICE

Gruppo. Bertelli Nicolò Miotto Filippo. Classe. 5^A Elettronica. Anno Scolastico 2013-2014 PROGETTO. Radio FM INDICE Gruppo Bertelli Nicolò Miotto Filippo Classe 5^A Elettronica Anno Scolastico 2013-2014 PROGETTO Radio FM INDICE Descrizione generale schema a blocchi...pag.2 Ricevitore Cenni teorici...pag.3 Ricevitore

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Codici di Linea e Sincronizzazione Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Codici di linea - I I segnali in logica

Dettagli

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione A.R.I. - Sezione di Parma Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015 Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione Carlo Vignali, I4VIL FEEDBACK OSCILLATORE ARMSTRONG Tuned grid tuned plate

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE. "G. da VERRAZZANO" sez. Nautico PORTO SANTO STEFANO GR

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE. G. da VERRAZZANO sez. Nautico PORTO SANTO STEFANO GR ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE "G. da VERRAZZANO" sez. Nautico PORTO SANTO STEFANO GR Documento dell Insegnante per la Classe: VA ind.: T.M. anno scolastico: 2009/2010 Materia:

Dettagli

Modulazione di fase PSK

Modulazione di fase PSK LA MODULAZIONE DI SEGNALI DIGITALI Un canale di tipo passa banda, come per esempio l etere, non permette la trasmissione di segnali digitali in banda base, cioè non modulati. E cioè necessario introdurre

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

PASCAL PIANO DI LAVORO. Piano di Lavoro Annuale del Docente. Anno Scolastico 2012/2013. Classe TERZA sez A - Informatica. Disciplina TELECOMUNICAZIONI

PASCAL PIANO DI LAVORO. Piano di Lavoro Annuale del Docente. Anno Scolastico 2012/2013. Classe TERZA sez A - Informatica. Disciplina TELECOMUNICAZIONI Pag. 1 di 5 Piano di Lavoro Annuale del Docente Anno Scolastico 2012/2013 Classe TERZA sez A - Informatica Disciplina TELECOMUNICAZIONI Docente GIANNI MARINUCCI Data di presentazione 12 ottobre 2012 Pag.

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 10: Carrier Recovery Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/20 Schema generico di ricevitore A.A. 2013-2014

Dettagli

PIANO DI LAVORO Per l'anno scolastico 2015/2016 della classe 5ª F

PIANO DI LAVORO Per l'anno scolastico 2015/2016 della classe 5ª F ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO E. MAJORANA Via Marigliano, Largo S. Sossio Tel. 081.8931084 80049 Somma Vesuviana - (Napoli) PIANO DI LAVORO Per l'anno scolastico 2015/2016 della classe 5ª F Materia ELETTROTECNICA

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 263 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/~liberali

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 I mezzi trasmissivi 2 Il doppino 3 Il cavo coassiale 4 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Comunicazione seriale e parallela 7 Trasmissione sincrona e asincrona 9 Trasmissione asincrona

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Traccia n 1

Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Traccia n 1 Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Il candidato scelga e sviluppi una tra le seguenti tracce. Traccia n 1 Dopo aver rivoluzionato

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Telecomunicazioni COORDINATORE B. Favaro Sono presenti i proff. Favaro, Maisto I docenti appartenenti al gruppo disciplinare,

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Settembre-Gennaio Obbiettivi di apprendimento Conoscenze Capacità/abilità

Settembre-Gennaio Obbiettivi di apprendimento Conoscenze Capacità/abilità Anno scolastico 2013-2014 classe 4TLA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G.B. LUCARELLI PROGRAMMAZIONE PER UDA DELLA DISCIPLINA SISTEMI AUTOMATICI ELETTRONICI Docente: prof. De Bellis Giovanni Competenze dell

Dettagli

Trasmissione dati e reti telematiche

Trasmissione dati e reti telematiche Trasmissione dati e reti telematiche Per trasmissione dati s'intende un sistema di comunicazione che permette di trasferire l'informazione, in forma binaria, tra due terminali, uno trasmittente (Tx) e

Dettagli

Lezione B4 - DDC 2003 1

Lezione B4 - DDC 2003 1 Elettronica per le telecomunicazioni Unità B: Anelli ad aggancio di fase (PLL) Lezione B.4 Sintetizzatori, DDS, CDR, DLL principio e parametri di DDS data recovery, CDR sincronizzazione clock con DLL Elettronica

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE ITALIANA CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1

SOMMARIO PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE ITALIANA CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1 SOMMARIO PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE xv xvii CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1 1-1 Cenni storici 3 1-2 Sorgenti d informazione; sistemi digitali e analogici 4 1-3 Segnali determinati e aleatori

Dettagli

Teoria dei Segnali Modulazione digitale

Teoria dei Segnali Modulazione digitale Teoria dei Segnali Modulazione digitale Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Teoria dei Segnali Modulazione digitale 9 novembre Valentino

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Modulazioni/Demodulazioni analogiche

Modulazioni/Demodulazioni analogiche Modulazioni/Demodulazioni analogiche Le modulazioni sono delle tecniche, che si applicano al segnale da trasmettere a distanza, allo scopo di adattarlo alle caratteristiche del canale di comunicazione,

Dettagli

Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata

Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata D: La capacità di un condensatore a facce piane parallele: R1: Aumenta al diminuire

Dettagli

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee.

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee. Pagina 1 di 10 Collegamenti telefonici analogici via modem Modem per collegamenti telefonici analogici La modulazione consiste nel modificare lo spettro di frequenze del segnale informativo digitale (codifica

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

OSCAR VATRANO. MODULATORE DI FASE v(t) = v p cos (ω p t + θ) MODULATORE DI FREQUENZA

OSCAR VATRANO. MODULATORE DI FASE v(t) = v p cos (ω p t + θ) MODULATORE DI FREQUENZA Dopo aver studiato la modulazione d'ampiezza (AM) per la trasmissione delle informazioni, andremo a conoscere un'altra importante tecnica: si tratta della modulazione in frequenza detta FM (Frequency modulation),

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione TEORIA DEI SEGNALI Introduzione L obiettivo principale di un servizio di telecomunicazione è il trasferimento dell'informazione emessa da una sorgente agli utenti cui è destinata, nell'ambito di una particolare

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Indice. Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1

Indice. Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1 Indice Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1 1.1 Circuiti risonanti 1 1.2 Fattori di merito e pertide dei componenti 7 1.2.a Caso dell induttanza 8 1.2.b Caso della capacità 9 1.2.c Caso

Dettagli

Modulo 4 Test dei cavi

Modulo 4 Test dei cavi Modulo 4 Test dei cavi 4.1 Conoscenze di base per fare il test sui cavi 4.1.1 Onde (waves) I parametri di un onda sono: ampiezza, frequenza, periodo. 4.1.2 Onde sinusoidali e quadre Esempio di onde sinusoidali:

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 Rev.13/3/2014 Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 1. Ad un semplice integratore RC (R=10 kω, C=100 nf) viene applicato in ingresso un segnale ad onda quadra (duty-cycle 50%) proveniente

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Digitale

Tecniche di Comunicazione Digitale Tecniche di Comunicazione Digitale Sommario Problematiche Generali Comunicazioni Parallele Varianti Trasmissione Isocrona, Asincrona e Sincrona Segnali, codifica e modulazione Gestione degli errori - 2-1

Dettagli

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda.

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda. Analisi dei segnali. Dominio del tempo e della frequenza. Teorema di Fourier e analisi armonica. Spettro di un segnale. Spettro di forme d'onda elementari. Spettro di un impulso. Spettro di segnali non

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

HP3784A Introduzione all'uso

HP3784A Introduzione all'uso HP3784A Introduzione all'uso INDICE Descrizione 2 Preset panel 3 Tx Setup 4 Rx setup 6 Misurazioni 7 Periodo di misura 10 Allarmi 11 1 Descrizione L analizzatore di trasmissioni digitali HP3784A è uno

Dettagli

Capitolo 7: Codifica e Trasmissione dell Informazione

Capitolo 7: Codifica e Trasmissione dell Informazione Capitolo 7: Codifica e Trasmissione dell Informazione Dispense del corso di Tecnologia dei Sistemi Informatici: Basi di Dati e Reti Queste brevi note non hanno la pretesa di essere un nuovo libro di testo

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE MODULAZIONI DIGITALI

INTRODUZIONE ALLE MODULAZIONI DIGITALI A R I ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI SEZIONE DI VERONA G. Faccioli Verona, 11 Febbraio 2005 INTRODUZIONE ALLE MODULAZIONI DIGITALI INTRODUZIONE alle MODULAZIONI DIGITALI - ARI Sezione di VERONA - 2005

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

unità di a rendimento 1 Le macchine elettriche

unità di a rendimento 1 Le macchine elettriche unità di a rendimento 1 Le macchine elettriche Le macchine rotanti e illoro I Iltrasfo~atore ilotag io 1 Il trasformatore monofase 16 1 Motori in corrente continua a magneti 2 Il trasformatore ideale 17

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici.

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici. Amplificazione Amplificazione lineare di corrente, tensione e potenza Amplificatori BJT: configurazioni EC, CC e BC Stabilità termica di un amplificatore lineare Linea di carico statica e dinamica Pre-amplificatori

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale Strumentazione Elettronica pag. 1 STRUMENTAZIONE ELETTRONICA Generatore di segnale Il generatore di segnale è genericamente lo strumento che fornisce la sollecitazione nella analisi di rete e assume diversi

Dettagli

Motori Motore passo-passo Stadio di potenza PWM Sincrono Stadio di potenza del motore passopasso. Blocchi funzionali. Set point e generatore PWM

Motori Motore passo-passo Stadio di potenza PWM Sincrono Stadio di potenza del motore passopasso. Blocchi funzionali. Set point e generatore PWM RC1 Blocchi funzionai Motori a corrente continua Generatori Circuiti per il controllo dei motori in CC Motori a corrente alternata Circuiti per il controllo dei motori in CA Motori passo-passo Circuiti

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Sistemi digitali di telecomunicazioni.

Sistemi digitali di telecomunicazioni. Sistemi digitali di telecomunicazioni. 1. Dall'analogico al digitale I segnali di tipo vocale, che sono stati i primi segnali ad essere utilizzati nei sistemi di telecomunicazioni, sono segnali analogici,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE  VILLAGGIO DEI RAGAZZI  (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO Anno scolastico 2005/2006 Materia di insegnamento: TELECOMUNICAZIONI Ore settimanali: 3 Classe: 4^ Sezione: A Docente

Dettagli

Limiti assoluti. Manuale d uso e istruzioni

Limiti assoluti. Manuale d uso e istruzioni Il modulo RTX-MID-3V è un ricetrasmettitore R.F di dati digitali operante nella banda ISM alla frequenza di 433,92MHz in modo half-duplex con modulazione ASK e scambio veloce TX RX ed RX TX. Ideale per

Dettagli

La sezione interattiva

La sezione interattiva La sezione interattiva All interno della sezione interattiva il visitatore segue un percorso diviso in varie aree tematiche (Antenne, Ricevitori, etc.), curate sia dai laboratori della Facoltà afferenti

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

ALLEGATO A. Elenco e descrizione della fornitura.

ALLEGATO A. Elenco e descrizione della fornitura. Direzione Generale Servizio antincendio, protezione civile e infrastrutture ALLEGATO A Elenco e descrizione della fornitura. Procedura negoziata per l'affidamento della fornitura di apparati radio portatili

Dettagli