Gruppo. Bertelli Nicolò Miotto Filippo. Classe. 5^A Elettronica. Anno Scolastico PROGETTO. Radio FM INDICE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo. Bertelli Nicolò Miotto Filippo. Classe. 5^A Elettronica. Anno Scolastico 2013-2014 PROGETTO. Radio FM INDICE"

Transcript

1 Gruppo Bertelli Nicolò Miotto Filippo Classe 5^A Elettronica Anno Scolastico PROGETTO Radio FM INDICE Descrizione generale schema a blocchi...pag.2 Ricevitore Cenni teorici...pag.3 Ricevitore con TDA pag.6 Calcoli effettuati...pag.7 Amplificatore di potenza Amplificatore con TDA pag.8 Calcoli effettuati...pag.9 Alimentatore Funzionamento...pag.10 Calcoli effettuati...pag.11 Costruzione e montaggio...pag.12 Tabella di collaudo...pag.14 Data Sheet...pag.15 RDS Trasmissione segnali stereo...pag.19 Ricezione segnali stereo...pag.21 Trasmettitore RDS...pag.22 Ricevitore RDS...pag.23 1

2 DESCRIZIONE GENERALE Il progetto che è stato realizzato è un ricevitore radio FM alimentato dalla tensione di rete. Per realizzarlo, dopo aver raccolto informazioni e studiato diversi schemi, si è deciso di utilizzare l'integrato TDA7000 per la ricezione del segnale in banda MHz, integrato che lavora secondo il principio della supereterodina. Per rendere il segnale ricevuto ben udibile è stato realizzato un amplificatore di potenza tramite l'integrato TDA2003. SCHEMA A BLOCCHI 2

3 RICEVITORE Cenni teorici I ricevitori radio FM funzionano secondo il principio di supereterodina. Tale principio si basa sulla traslazione dei segnali captati dall'antenna ad una frequenza fissa, nota come frequenza intermedia, più bassa della radio frequenza (88-108MHz), seguita da un filtraggio che seleziona la stazione desiderata, eliminando le altre. In un ricevitore radio supereterodina il comando che consente di selezionare la stazione scelta (sintonia) agisce simultaneamente sul filtro a radiofrequenze e sull'oscillatore locale, facendone variare la frequenza in modo che la differenza tra la frequenza dell'oscillatore locale e quella della stazione che si desidera ricevere sia sempre costante. La frequenza differenza è la frequenza intermedia (10,7MHz). Schema a blocchi ricevitore a supereterodina Un ricevitore a supereterodina è composto dai seguenti blocchi : Antenna Converte le onde elettromagnetiche in segnale elettrico. Filtro a RF Esegue un prefiltraggio; ha una banda larga per eliminare frequenze che possono interferire nel processo di conversione effettuato nel mixer, come la frequenza immagine, cioè la frequenza simmetrica a quella del segnale utile. fsi = fl + fi (freq. Immagine) (freq. Osc. (frequenza intermedia) locale) Filtro a RF 3

4 Amplificatore a RF Eleva il livello del segnale che giunge dall'antenna. Mixer ed oscillatore locale Il mixer effettua la conversione verso il basso del segnale captato, traslandolo dalla radiofrequenza alla frequenza intermedia, eseguendo il prodotto tra il segnale a radiofrequenza e il segnale generato da un oscillatore locale. Alla sua uscita sono presenti, oltre a termini spuri, segnali pari alla somma e alla differenza tra i due segnali in ingresso. Normalmente la frequenza differenza costituisce la frequenza intermedia, ossia la frequenza fissa alla quale viene abbassato il segnale prima di essere amplificato e demodulato e alla quale viene eseguito il filtraggio che consente di selezionare la stazione desiderata. Amplificatore filtro a frequenza intermedia Amplifica e filtra il segnale a frequenza intermedia uscente dal mixer, eliminando le componenti spettrali indesiderate e selezionando la stazione desiderata. Demodulatore La demodulazione di un segnale FM consiste nell'estrarre il segnale informativo dal segnale modulato in FM fornendo in uscita un segnale la cui ampiezza varia in modo proporzionale alla frequenza del segnale modulato. Il circuito demodulatore Fm consiste nel PLL (anello ad aggancio di fase). L'uscita del rivelatore di fase varia in modo dipendente dalla differenza tra le frequenze dei segnali ad esso applicati. Il filtro LP estrae il valor medio della tensione prodotta dal rivelatore di fase. In questo modo varia anche la tensione in ingresso al VCO, e di conseguenza sua stessa frequenza, che variando andrà ad agganciare quella del segnale modulato. Il PLL nello stato di aggancio è in grado di seguire le variazioni di frequenza del segnale in ingresso, fornendo all'uscita del filtro un segnale avente ampiezza proporzionale alle variazioni di frequenza. Schema interno PLL Amplificatore audio Amplifica la potenza del segnale audio demodulato. 4

5 Controllo automatico del guadagno (AGC) E' un circuito che limita le variazioni di livello che per varie cause subisce il segnale captato dall'antenna. Se aumenta il livello del segnale ricevuto questo circuito diminuisce il guadagno degli amplificatori, mentre se il livello captato è basso il guadagno viene elevato. Controllo automatico di frequenza (AFC) E un circuito che interviene per correggere eventuali variazioni di frequenza della portante, ovvero dell oscillatore locale. Deenfasi per FM Il circuito di enfasi è utilizzato per migliorare la qualità del segnale fornito in uscita. Può essere distinto tra preenfasi (lato trasmissione) e deenfasi (lato ricezione). In trasmissione viene aumentata l ampiezza delle componenti di frequenza maggiore di 2,1 khz, perché l ampiezza del segnale è ridotta alle alte frequenze del campo audio. In questo modo si rendono queste componenti meno sensibili al rumore migliorando la qualità del segnale fornito in uscita. La deenfasi ripristina lo spettro originale attenuando le ampiezze delle componenti di frequenza più elevata che erano state amplificate in trasmissione. 5

6 Ricevitore FM con integrato TDA 7000 Per effettuare la fase di ricezione e demodulazione del segnale dall antenna, si è scelto l integrato TDA Schema interno TDA7000 Il TDA 7000 è un integrato progettato dalla casa costruttrice Philips appositamente per i ricevitori FM. A differenza di molti integrati usati per la ricezione di segnali radio FM, che operano a una frequenza intermedia di 10,7MHz, questo lavora ad una frequenza intermedia minore, per la precisione di 70kHz, per poter sfruttare al suo interno dei semplici amplificatori operazionali, la cui banda è circa 1MHz. Al suo interno, questo integrato svolge varie funzioni : amplifica il segnale ricevuto ad alta frequenza, genera la frequenza locale, converte la frequenza, amplifica il segnale in media frequenza, demodula il segnale ricevuto e preamplifica il segnale in bassa frequenza in uscita. Il TDA 7000 contiene anche un controllo automatico di frequenza (AFC). I parametri tipici di questo integrato sono i seguenti : Tensione di alimentazione Corrente assorbita Sensibilità Segnale di uscita BF Banda di lavoro 5V 8 ma 1,5 μv 75 mv da 1,5 a 110 MHz 6

7 Lo schema del ricevitore è il seguente. Il circuito di sintonia d'ingresso a larga banda è formato da due condensatori (C15, C11) e una bobina (L1). Il segnale arriva dall'antenna nel punto di giunzione dei due condensatori. Per traslare il segnale ad alta frequenza in un segnale a frequenza intermedia si usufruisce di un oscillatore locale interno all'integrato che genera una frequenza inferiore a quella dell'antenna di soli 70 khz. Si utilizza una bobina i cui parametri variano a seconda della gamma di frequenze che si vuole ricevere, in questo caso MHz. (L2) Per poter scegliere la frequenza corrispondente alla stazione radio che si vuole ascoltare si usa il condensatore variabile (C16). Calcoli effettuati Dopo aver effettuato vari calcoli e prove si è arrivati alla conclusione che le bobine L1 ed L2 andavano costruite utilizzando un filo smaltato di diametro 0,7mm, facendo 3 avvolgimenti di diametro di 6mm e ottenendo una bobina di lunghezza di 0,96 cm. Per calcolare la lunghezza dell'antenna stilo da utilizzare, considerando che la lunghezza dell'antenna è uguale a λ/4 e utilizzando una frequenza di 100 Mhz, si sono effettuati i seguenti calcoli : l = (c / f) / 4 = (3*108 / 100*106) / 4 = 3 / 4 = 0,75m dove 'l' è la lunghezza dell'antenna, 'c' è la velocità della luce e 'f' la frequenza. 7

8 AMPLIFICATORE DI POTENZA Amplificatore di potenza con integrato TDA2003 Per amplificare il segnale che esce dal ricevitore FM e renderlo udibile con una qualità accettabile si è realizzato un amplificatore di potenza. Per realizzarlo è stato usato un integrato con comportamento simile a quello di un amplificatore operazionale, cioè il TDA2003. All'interno di questo integrato c'è un amplificatore operazionale in grado di amplificare la corrente di segnale in modo adeguato per fornire all'altoparlante la potenza richiesta. I principali parametri tipici del TDA2003 sono : Tensione di alimentazione Corrente assorbita Potenza in uscita con RL= 4Ω Sensibilità in ingresso Banda di lavoro 12V 44mA 6W 55 mv da 40 a Hz Il circuito esterno all'integrato per realizzare l'amplificatore di potenza è il seguente : 8

9 In questo amplificatore di potenza il segnale in ingresso è fornito dal ricevitore FM e in uscita si ha una potenza effettiva di circa 3W (effettivi) su un altoparlante da 4Ω con una tensione di alimentazione di 12V. Il segnale arriva ad un potenziometro (R1), posto in serie ad un condensatore elettrolitico (C2), che serve per la regolazione del volume. Un altro condensatore elettrolitico collega il potenziometro al piedino 1 dell'integrato eliminando i disturbi causati dalla tensione di polarizzazione (C4). Due condensatori posti tra la tensione dell'integrato e massa (C1-C3) stabilizzano l'alimentazione dell'amplificatore rispetto ai disturbi sia alle alte che alle basse frequenze. Il guadagno di tensione è determinato dalle resistenze della rete di retroazione (R4-R5). Il circuito costituito dalla resistenza R3 e dal condensatore C6 limita il guadagno dell'amplificatore alle frequenze che superarano la banda audio. Il condensatore C5 è inserito per consentire all'amplificatore di lavorare con alimentazione singola. R2 e C7 garantiscono che l'altoparlante rappresenti sempre un carico resistivo per l'amplificatore per evitare danni ai transistor interni all'integrato TDA2003. Calcoli effettuati La potenza dissipata sul carico di 4 Ω, considerando una tensione amplificata con picco di circa 5V è la seguente : P = V2 / 2R = 52 / (2*4) = 3,125W La frequenza di taglio del filtro passa basso formato dal condensatore C6 e la resistenza R3 è la seguente : ft = 1 / (2π * R3 * C6) = 1 / (2π *39 * 47*10-9) = 86 khz Teoricamente dovrebbe risultare una frequenza di taglio di 15 khz, ma per sicurezza è stata spostata circa mezza decade sopra. 9

10 ALIMENTATORE Il circuito dell'alimentatore è il seguente. L'alimentazione di tutto il circuito viene ricavata dalla rete e tramite un trasformatore viene ridotta a 12Vcon una corrente massima di 125mA. E' necessario inserire due diodi per raddrizzare la tensione alternata in uscita dal trasformatore ed eliminare le semionde negative. Per evitare disturbi sono stati inseriti due condensatori C1 e C6 in parallelo ai due diodi. La carica del condensatore C5 permette alla tensione raddrizzata di mantenersi al valore di picco. I 12V uscenti dal trasformatore sono efficaci, equivalenti a circa 17V di picco, per cui è necessario inserire due regolatori: il primo di 5V per l'alimentazione dell'integrato ricevitore (TDA7000), il secondo per ottenere i 12V necessari ad alimentare l'integrato che svolge l'amplificazione di potenza (TDA2003). Sono stati inseriti quattro condensatori (C2,C3 e C4,C7), due per ciascun regolatore, per eliminare eventuale rumore provocato da questi. Si è inserito anche un piccolo circuito dotato di diodo led per l'indicazione luminosa dello stato di accensione del circuito. 10

11 Calcoli effettuati Calcoli dissipatore La tensione efficace uscente dal trasformatore è di 12V, quindi : Vmax = Veff * 2 = 12 * 2 = 16,97 V La formula per trovare la potenza dissipata dai regolatori è : PD = (Vi Vo)*Iomax La corrente di uscita massima (Iomax) del 7805 è di 50mA, quella del 7812 è di 125mA quindi : PD[7805] = (16,97 5) * 0,05 = 0,6 W La resistenza termica giunzione ambiente del 7805 vale : Rth-j-a = 50 C/W La temperatura di giunzione massima invece vale : Tjmax = 125 C Rth-j-amax = (Tjmax -Ta) / PD = (125 50) / 0,6 = 125 C/W Siccome dai calcoli è risultato che la resistenza termica giunzione ambiente massima (Rth-j-amax) è risultata maggiore della resistenza giunzione ambiente del 7805 (Rth-j-a), si deduce che non è necessario inserire un dissipatore. PD[7812] = (16,97 12) * 0,125 = 0,6 W La resistenza termica giunzione ambiente del 7812 vale : Rth-j-a = 50 C/W La temperatura di giunzione massima invece vale : Tjmax = 125 C Rth-j-amax = (Tjmax -Ta) / PD = (125 50) / 0,6 = 125 C/W Siccome dai calcoli è risultato che la resistenza termica giunzione ambiente massima (Rth-j-amax) è risultata maggiore della resistenza giunzione ambiente del 7812 (Rth-j-a), si deduce che non è necessario inserire un dissipatore. 11

12 COSTRUZIONE E MONTAGGIO Per prima cosa si sono realizzati i circuiti su orcad. Per il circuiti di alimentazione e ricezione si sono realizzati gli sbrogliati su layout. Dopo aver stampato i circuiti sono stati dati al laboratorio il quale, mediante un procedimento fotografico, ha stampato il circuito su basetta. Una volta ricevuta la basetta, sono stati stampati il DRD e l' AST per vedere i fori di fissaggio e la disposizione componenti. Si è incominciato a forare la basetta, eseguendo tutti i fori con la stessa sezione (0,7mm). Poi si è passati ad ampliare i fori da (1mm) e poi grazie ad un trapano sono stati realizzati i fori di fissaggio (3mm). Una volta forato tutto, si è passati al montaggio, quindi alla saldatura dei componenti. Inserito il componente sulla basetta, veniva posto al di sotto un rialzo per garantire la giusta altezza rispetto alla superficie della basetta. Successivamente il componente veniva saldato sul lato saldature della basetta, facendo molta attenzione all'esecuzione della saldatura. Per il circuito di amplificazione, invece, prima di questo procedimento si è provato il funzionamento su una bredboard. Ricevitore Per la realizzazione della basetta con il circuito di ricezione si è fatta particolare attenzione alla disposizione dei componenti. Nello specifico si sono realizzate piste più corte e sufficientemente spesse per evitare possibili disturbi ed interferenze considerato l'alta frequenza del segnale ricevuto. I condensatori utilizzati per gestire il segnale in alta frequenza sono tutti ceramici perché per caratteristica sono più adatti a lavorare in alta frequenza rispetto a quelli in poliestere. Per la regolazione della sintonia si è scelto un condensatore variabile utilizzato in molte radio di uso comune (25pF). Le bobine di ricezione e di sintonia sono state realizzate utilizzando del filo rigido di spessore 0.7mm con diametro e numero di avvolgimenti opportuni ottenuti ricavati partendo dalle opportune formule progettuali e successivamente modificati in via di sviluppo. L'antenna è stata scelta dopo aver effettuato dei calcoli per determinarne la lunghezza adeguata. 12

13 Amplificatore di potenza Dopo aver effettuato vari calcoli per la potenza dissipata dal circuito di amplificazione e notando il calore prodotto dall'integrato TDA2003 si è deciso di utilizzare un dissipatore per evitare danni al circuito. Per la regolazione del volume si è usato un potenziometro lineare da 10kΩ. Al momento della saldatura si è fatta particolare attenzione alle polarità dei condensatori elettrolitici presenti, inoltre i componenti sono stati saldati tutti bassi per evitare eventuali disturbi. Alimentatore Come per il circuito di amplificazione si sono effettuati dei calcoli per verificare se fosse necessario inserire un dissipatore, ma così non è stato. E' stato necessario creare una piedinatura apposita al trasformatore con il programma layout. Anche in questo caso si è fatto attenzione alla polarità dei condensatori elettrolitici, dei diodi e diodo led. La cosa più importante è stata isolare le parti del circuito collegate alla tensioni di rete. Per collegare il circuito alla tensione di rete si è utilizzato un connettore a cui è possibile collegare un apposito cavo. 13

14 TABELLA DI COLLAUDO Fase Descrizione Controllo visivo Risultato Val.nominale Val.teorico > Controllo Componenti > Controllo visivo della continuità delle piste > Controllo della continuità delle piste con tester 8 Collaudo alimentatore > Collegare alimentatore alla presa di rete tramite apposito cavo > Premere l'interruttore di alimentazione > Verificare che il diodo led rosso si accenda > Collegare l'oscilloscopio ai capi del secondario del trasformatore tra pin 7 e pin 8 e misurare la tensione > Misurare la tensioni sull'uscita dei regolatori pin > Premere l'interruttore di alimentazione > Staccare l'alimentazione Collaudo ricevitore > Tarare l'alimentatore 5V e 50mA > Collegare alimentatore > Verificare variando il condensatore variabile C16 varia la frequenza di sintonia > Misurare la banda del ricevitore variando il condensatore C16 > Staccare l'alimentazione Collaudo amplificatore > Tarare l'alimentatore 12V e 125mA > Collegare alimentatore > Tramite un generatore di funzioni immettere un segnale di pochi mv > Agendo sul potenziometro R1 misurare l'amplificazione in uscita dell'integrato TDA2003 pin 4 grazie ad un oscilloscopio >Con un amperometro verificare la corrente massima che assorbe il circuito > Fare una misura di potenza considerando il carico della cassa 4Ω > Staccare l'alimentazione > > > > > > Collaudo totale Collegare insieme i vari circuiti seguendo gli schemi Collegare alimentatore alla presa di rete tramite apposito cavo Premere l'interruttore di alimentazione Verificare variando volume e sintonia il funzionamento della radio Premere l'interruttore di alimentazione Staccare l'alimentazione 14 Vsec Acceso 12V V 12V - 125mA 1W Fatto

15 DATA SHEET TDA

16 TDA

17 LM7805 LM

18 Trasformatore 18

19 RDS Trasmissione segnali stereo A differenza del segnale mono, il segnale stereo si trasmette su due canali : destro (D) e sinistro (S). La trasmissione avviene in questo modo : Tramite mixer si esegue la somma e la differenza tra il canale destro e il sinistro. Il segnale somma costituisce il segnale mono e occupa i primi 15 khz dello spettro complessivo; il segnale differenza (stereo) viene modulato in ampiezza con sottoportante a 38 khz, con modulazione DSB-SC (portante soppressa), generando due bande laterali, una che va da 23 khz a 38 khz e un' altra da 38 khz a 53 khz. Il segnale RDS viene modulato anch'esso in ampiezza con modulazione DSB-SC con sottoportante a 57 khz, generando due bande laterali, una che va da 55 khz a 57 khz e un'altra da 57 khz a 59 khz. Viene inserita una portante chiamata frequenza pilota a 19 khz dalla quale, sia in trasmissione che in ricezione, vengono ricavate le portanti a 38 e 57 khz utili per modulare e demodulare i segnali stereo ed RDS. Il segnale totale, chiamato segnale multiplex, viene modulato in frequenza. La banda di frequenza occupata da un canale nelle trasmissioni radio FM è 180 khz (200 khz lordi) ed è ricavata mediante la formula di Carson : B = 2 * (Δf + fmmax). Per una trasmissione mono è ottenuta considerando una fmmax di 15 khz ed una deviazione di frequenza di 75 khz. Con la tecnica di trasmissione stereo invece si ha che la frequenza del segnale in banda base si estende fino a 53 khz (59 khz considerando anche la RDS). Si deve pertanto contenere la deviazione di frequenza totale. E' necessario quindi realizzare il segnale multiplex con indici di modulazione relativi diversificati e quindi ridotti per il segnale stereo e RDS, come mostrato nello spettro sotto riportato. Spettro segnale multiplex 19

20 Schema a blocchi trasmettitore stereo 20

21 Ricezione segnali stereo Il ricevitore ha il compito di effettuare le operazioni inverse rispetto al trasmettitore, quindi : Demodula il segnale FM, tramite un PLL. Mediante i filtri mostrati nello schema a blocchi preleva i segnali somma, differenza, RDS e frequenza pilota. Sommando il segnale somma e il segnale differenza si ottiene il canale destro, eseguendo la differenza di questi segnali invece si ottiene il canale sinistro. (D+S) + (D-S) = D + S + D S = 2D (D+S) - (D-S) = D + S - D + S = 2S Schema a blocchi ricevitore stereo 21

22 Trasmettitore RDS Schema a blocchi trasmettitore RDS Il segnale RDS viene trasmesso con una codifica bifase differenziale, effettuata tramite una porta EXOR e un flip flop D, più un codificatore NRZ bipolare che elimina la componente continua. Il flip flop è sncronizzato tramite un clock di 1187 Hz, ottenuto dalla divisione per 48 della frequenza portante di 57kHz, ricavata dalla frequenza pilota. 22

23 Ricevitore RDS Schema a blocchi ricevitore RDS In ricezione vengono effettuate le operazioni inverse rispetto alla trasmissione; in più, tramite un filtro passa basso, con frequenza di taglio di 2,4kHz, viene selezionata la banda corrispondente al segnale RDS. 23

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente:

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: Questo sistema elementare si chiama ricevitore radio ad amplificazione accordata (TRF) o ad amplificazione diretta ed

Dettagli

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni Apparati di radiodiffusione AM ed FM Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni 1 Trasmettitori a modulazione di ampiezza Un trasmettitore per radiodiffusione ha il compito di convertire

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Aunni: Filippelli Maria Fortunata Lautieri Mariacaterina prof. Ing. Zumpano

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE I.I.S.S. G. MARCONI piazza Poerio 2 BARI - Progetto EduSAT - LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello

Dettagli

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db 3.- CIRCUITI 3.1.- Combinazione dei componenti: Circuiti in serie e in parallelo di resistori, bobine, condensatori, trasformatori e diodi - Corrente e tensione nei circuiti Impedenza. 3.2.- Filtri: Filtri

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1

MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1 IW3 EDS Giorgio De Paoli MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1 Per la trasmissione di segnali televisivi modulati in FM (tecnica utilizzata in "ATV".) si impiega un oscillatore Vco o Dro,che genera

Dettagli

TRASMETTITORE ATV SUI 23 CM by IZ3CTS

TRASMETTITORE ATV SUI 23 CM by IZ3CTS TRASMETTITORE ATV SUI 23 CM by IZ3CTS 1. Premessa Il circuito è stato sviluppato cercando di impiegare perlopiù componentistica di facile reperibilità, sono stati utilizzati componenti "avvolti" standard,

Dettagli

SOMMARIO LUCI PSICHEDELICHE LX 749 5AI TIEE 1993-94. IPSIA Moretto Brescia

SOMMARIO LUCI PSICHEDELICHE LX 749 5AI TIEE 1993-94. IPSIA Moretto Brescia SOMMARIO Introduzione... 2 Schema a Blocchi... 2 Blocco Alimentazione.... 2 Blocco Preamplificatore... 2 Blocco Filtri... 2 Blocco di Potenza... 3 Curve di risposta dei tre filtri... 4 Schema Elettrico...

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 2 Si progetti un ricetrasmettitore radio modulare operante a modulazione di frequenza

Dettagli

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 37 di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it L'integrato LM37 Questo integrato, che ha dimensioni identiche a quelle di un normale transistor di media potenza tipo TO.0,

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione A.R.I. - Sezione di Parma Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015 Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione Carlo Vignali, I4VIL FEEDBACK OSCILLATORE ARMSTRONG Tuned grid tuned plate

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM ATTENZIONE: QUESTO APPARECCHIO DEVE ESSERE COLLEGATO A TERRA IMPORTANTE I conduttori del

Dettagli

SAF Centrale MATV a filtri agili selettivi

SAF Centrale MATV a filtri agili selettivi SAF Centrale MATV a filtri agili selettivi Descrizione SAF è la nuova centrale a filtri attivi programmabili per il filtraggio e la distribuzione di segnali TV terrestri, analogici o digitali. Disponibile

Dettagli

Vedi foto : circuito del preamplificatore a radio frequenza ad (amplificazione diretta) completo di alimentatore;

Vedi foto : circuito del preamplificatore a radio frequenza ad (amplificazione diretta) completo di alimentatore; UNA VECCHIA RADIO A CURA DI: PIERONI Stefano: Dopo aver vagliato parecchie soluzione alla realizzazione di una radio vecchio stile, la mia attenzione è ricaduta su di un progetto presentato dal Sig. Giovanni

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

RICEVITORE TEDESCO DI PICCOLE DIMENSIONI

RICEVITORE TEDESCO DI PICCOLE DIMENSIONI FUNZIONAMENTO del RICEVITORE TEDESCO DI PICCOLE DIMENSIONI (DEUTESCHEN KLEINEMPFÄNGER - DKE) RICEVITORE A REAZIONE TIPO DKE PER CORRENTE DC e AC (Allstrom) RICEVITORE A REAZIONE TIPO DKE A BATTERIA (Batterie)

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing.

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello Surace 1 Si richiamano le definizioni delle leggi fondamentali, invitando

Dettagli

V.F.O. A COPERTURA CONTINUA PER H.F.

V.F.O. A COPERTURA CONTINUA PER H.F. V.F.O. A COPERTURA CONTINUA PER H.F. Credo che una delle principali difficoltà che si incontrano nella autocostruzione di apparati H.F. sia la realizzazione di un valido V.F.O. multibanda. Il circuito

Dettagli

Punti di saldatura totali: 42 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato PREAMPLIFICATORE UNIVERSALE STEREO K2572 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

Punti di saldatura totali: 42 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato PREAMPLIFICATORE UNIVERSALE STEREO K2572 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Punti di saldatura totali: 42 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato PREAMPLIFICATORE UNIVERSALE STEREO K2572 Amplificatore a basso rumore ideale per piccoli segnali ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

Dettagli

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Corso di orientamento Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTRONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali

Dettagli

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI Caratteristiche e parametri di misura Ricevitori tradizionali Dopo l invenzione del triodo amplificatore, nacquero i primi Rx ad amplificazione diretta. Figura

Dettagli

Sistemi di Radio-ricezione

Sistemi di Radio-ricezione Sistemi di Radio-ricezione Segnale RF B f 0 f B f 0 1 Formulazione analitica: cos sin cos s t V t t V t t V t t t RF I 0 Q 0 M 0 Inviluppo complesso (banda base): sbb t VI t jvq tvm texp jt Schema generale

Dettagli

Indice. Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1

Indice. Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1 Indice Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1 1.1 Circuiti risonanti 1 1.2 Fattori di merito e pertide dei componenti 7 1.2.a Caso dell induttanza 8 1.2.b Caso della capacità 9 1.2.c Caso

Dettagli

"Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione" Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero.

Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero. Capitolo 6 Collaudo 6.1 Apparecchiature per il collaudo Per poter effettuare tutte le prove necessarie a verificare il corretto funzionamento dell inverter sperimentale si è utilizzata la strumentazione

Dettagli

Come costruire un Theremin (Traduzione dal sito www.strangeapparatus.com a cura di Agostino Cinnirella)

Come costruire un Theremin (Traduzione dal sito www.strangeapparatus.com a cura di Agostino Cinnirella) Come costruire un Theremin (Traduzione dal sito www.strangeapparatus.com a cura di Agostino Cinnirella) Il Theremin (dal nome del suo inventore Leon Theremin) è uno strumento musicale che risale ai primi

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW Le antenne a quadro (o telaio) Il principio di funzionamento di un'antenna a quadro è differente da quello delle comuni antenne filari

Dettagli

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda.

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda. Analisi dei segnali. Dominio del tempo e della frequenza. Teorema di Fourier e analisi armonica. Spettro di un segnale. Spettro di forme d'onda elementari. Spettro di un impulso. Spettro di segnali non

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli

Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata

Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata D: La capacità di un condensatore a facce piane parallele: R1: Aumenta al diminuire

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE PER LE CLASSI DEL CORSO C ELETTRONICA Insegnanti: Ulderico Libertini Ivano Graziani

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Banco a microonde Introduzione

Banco a microonde Introduzione Banco a microonde Introduzione Il sistema e costituito (vedi figura 1) da una sorgente direzionale di onde elettromagnetiche polarizzate di frequenza di 9.5 GHz ( = 3.16 cm) e da un rivelatore direzionale

Dettagli

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM INDICE Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM Informazioni per utilizzo... 2 Generali... 2 Introduzione... 2 Istruzioni per la sicurezza... 2 Inserimento della SIM (operazione da eseguire con spento)...

Dettagli

Prova Teorica. Test a scelta multipla. Casarano-29 Aprile 2009

Prova Teorica. Test a scelta multipla. Casarano-29 Aprile 2009 I.I.S. F. ottazzi - asarano 28-29 prile 2009 asarano-29 prile 2009 Prova Teorica Test a scelta multipla ognome Nome Scuola di provenienza 1 di 17 I.I.S. F. ottazzi - asarano 28-29 prile 2009 rgomenti della

Dettagli

T E C H N O L O G I E S STX05-PRO. Crossover Elettronico a 5 canali. Manuale di Installazione e Utilizzo

T E C H N O L O G I E S STX05-PRO. Crossover Elettronico a 5 canali. Manuale di Installazione e Utilizzo T E C H N O L O G I E S STX05-PRO Crossover Elettronico a 5 canali Manuale di Installazione e Utilizzo Introduzione Grazie per aver acquistato il Crossover Elettronico STX05-PRO. Questo prodotto è progettato

Dettagli

GUIDA ALLE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DI BASE

GUIDA ALLE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DI BASE GUIDA ALLE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DI BASE ELETTRONICA APPLICATA II (DU) Queste note contengono i testi di alcune esercitazioni di laboratorio proposte nel corso di Elettronica Applicata II del Diploma

Dettagli

The Power Owner's Manual X702

The Power Owner's Manual X702 Owner's Manual X702 X702 - Manuale d istruzione Introduzione Grazie per avere scelto un amplificatore MTX XTHUNDER. Ogni amplificatore MTX XTHUNDER è certificato CEA2006 ; questo significa che avete la

Dettagli

Caratteristiche Principali. Specifiche Tecniche

Caratteristiche Principali. Specifiche Tecniche Caratteristiche Principali Amplificatore Ponticellabile Monofonico Digitale in Classe D Alimentazione Dual-MOSFET Stabile ad 1 Ohm. Stabile a 2 Ohm in configurazione 2 amplificatori ponticellati Crossover

Dettagli

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5240 MA-5120 MA-5060 MIXER AMPLIFICATO

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5240 MA-5120 MA-5060 MIXER AMPLIFICATO MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5240 MA-5120 MA-5060 MIXER AMPLIFICATO ATTENZIONE: QUESTO APPARECCHIO DEVE ESSERE COLLEGATO A TERRA IMPORTANTE I conduttori del cavo di alimentazione di rete sono colorati secondo

Dettagli

Progetto Ricezione Satelliti NOAA

Progetto Ricezione Satelliti NOAA Progetto Ricezione Satelliti NOAA Dettagli di progetto Alberto Trentadue IZ4CEZ - Sommario L'antenna Turnstile Il preamplificatore Il ricevitore digitale (SDR) Il downconverter Il SW di ricezione 2 L'antenna

Dettagli

Preamplificatore per antenna in banda VHF 2m

Preamplificatore per antenna in banda VHF 2m Preamplificatore per antenna in banda VHF 2m Io ho un vecchio ricetrasmettitore VHF, un piccolo strumento un po "sordo!" Aggiungendo il preamplificatore VHF come primo stadio il miglioramento della sensibilità

Dettagli

Tesina Esame di Stato 2015

Tesina Esame di Stato 2015 Tesina Esame di Stato 2015 Lorenzo Zucchini, classe 5 a B Cesena, Giugno 2015 Il seguente lavoro si propone di analizzare il circuito realizzato per il progetto Garden of Things, articolazione Garibaldi,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Sistema theremino Theremino MCA - V4 Starting Guide

Sistema theremino Theremino MCA - V4 Starting Guide Sistema theremino Theremino MCA - V4 Starting Guide Sistema theremino - PMT Adapters V4 - Starting Guide - 16 febbraio 2013 - Page 1 Guida veloce per iniziare Introduzione Questo manuale serve per iniziare

Dettagli

Elettronica per le telecomunicazioni

Elettronica per le telecomunicazioni POLITECNICO DI TORINO Elettronica per le telecomunicazioni Relazione di laboratorio Gruppo: A08 Antona Maria Gabriella Matricola: 482 Degno Angela Rita Matricola: 4855 Fiandrino Claudio Matricola: 38436

Dettagli

Test Pluridisciplinare di simulazione della Terza Prova. d Esame. 23 aprile 2003. Risposte esatte X 4. Risposte errate X 0. Risposte non date X 1

Test Pluridisciplinare di simulazione della Terza Prova. d Esame. 23 aprile 2003. Risposte esatte X 4. Risposte errate X 0. Risposte non date X 1 Test Pluridisciplinare di simulazione della Terza Prova d Esame aprile 00 1 4 5 6 7 8 9 10 11 1 1 14 15 16 17 18 19 0 1 4 5 6 7 8 9 0 1 4 5 6 7 8 9 40 Risposte esatte X 4 Risposte errate X 0 Risposte non

Dettagli

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI 194 CAPITOLO 10 ALIMENTATORI Per funzionare, la maggior parte dei dispositivi e dei circuiti elettronici richiede un alimentazione in tensione continua, singola o duale. Le tensioni richieste sono normalmente

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Acquisizione di temperatura

Acquisizione di temperatura tai86 09-2 - 2004 Acquisizione di temperatura Tramite sensore AD590 e relativo blocco di condizionamento.. Definizione del Progetto 2. Concetti Generali e Schede di Documentazione 3. Schema a Blocchi 4.

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Installazione TXCO CR-338 su ICOM IC-7400 e calibrazione con segnale campione e software ARGO

Installazione TXCO CR-338 su ICOM IC-7400 e calibrazione con segnale campione e software ARGO Installazione TXCO CR-338 su ICOM IC-7400 e calibrazione con segnale campione e software ARGO di Roberto IS0GRB (06/05/2014) Illustro di seguito le varie fasi dell installazione del quarzo termostatato

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

Taratura sintonia di un ricevitore HF

Taratura sintonia di un ricevitore HF Taratura sintonia di un ricevitore HF bozza 21/12/010 di Marco Ducco IK1PXM Descrivo come ho misurato l'errore di sintonia di un RTX IC-725 utilizzando come riferimento la ricezione della stazione campione

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

INFORMATIVA AVVERTENZE

INFORMATIVA AVVERTENZE M.M.Electronics - http://www.mmetft.it M. M. Electronics Michele Marino - michele.marino@mmetft.it Sensore di prossimità a infrarossi V 0.1 Marzo 2008 INFORMATIVA Come prescritto dall art. 1, comma 1,

Dettagli

AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W

AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W (cod.k4010) K4010 CARATTERISTICHE TECNICHE - POTENZA MUSICALE: 300W a 4 ohm/ 200W a 8 ohm. - POTENZA RMS: 155W a 4 ohm/100w a 8 ohm (a

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

REGOLATORE PWM. Rev.1 del 24/02/2012

REGOLATORE PWM. Rev.1 del 24/02/2012 Generalità REGOAORE PWM Rev.1 del 24/02/2012 Propongo questo semplice circuito per il controllo di un dispositivo di potenza mediante la modulazione PWM (Pulse Width Modulation) di una tensione continua.

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 10: Carrier Recovery Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/20 Schema generico di ricevitore A.A. 2013-2014

Dettagli

MISURATORE DIGITALE MODELLO M890G

MISURATORE DIGITALE MODELLO M890G MISURATORE DIGITALE MODELLO M890G MANUALE D ISTRUZIONE I II INTRODUZIONE Il misuratore digitale M890G può essere usato per misurare tensioni e corrente DC, tensioni e corrente AC, resistenza, capacità,

Dettagli

Modulazioni/Demodulazioni analogiche

Modulazioni/Demodulazioni analogiche Modulazioni/Demodulazioni analogiche Le modulazioni sono delle tecniche, che si applicano al segnale da trasmettere a distanza, allo scopo di adattarlo alle caratteristiche del canale di comunicazione,

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

ELETTRONICA PER LE TELECOMUNICAZIONI

ELETTRONICA PER LE TELECOMUNICAZIONI INDICE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2555ALE DL 2555ALG COMUNICAZIONI DI BASE E ANALOGICHE TELECOMUNICAZIONI DI BASE DL 2153 FILTRI ATTIVI DL 2155FIL CIRCUITI PLL DL 2530 SINTETIZZATORI

Dettagli

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità OSCILLATORI SINUSOIDALI Generalità Per comprendere il principio di funzionamento di un oscillatore, si consideri un amplificatore reazionato privo del segnale esterno d ingresso, e quindi privo del nodo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E.MATTEI URBINO. Tesina d esame. Un telecomando per plastici ferroviari

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E.MATTEI URBINO. Tesina d esame. Un telecomando per plastici ferroviari ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E.MATTEI URBINO Ragazzoni Mattia 5^ A/EN 2008-2009 Tesina d esame Un telecomando per plastici ferroviari Nel mondo del ferromodellismo capita spesso di dover gestire plastici

Dettagli

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF La tecnica DDS 32 Un generatore di toni DTMF standard con selezione a tastiera è presentato in quest articolo come applicazione della tecnica DDS (Direct Digital Synthesys), mediante un microprocessore.

Dettagli

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Direttive di esecuzione dell esperienza: 1) Riportare sul quaderno tutto il presente contenuto; 2) Ricercare su datasheet il valore di h fe, Ic MAX,e la

Dettagli

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE La tecnologia oggi permette di effettuare misure di grandezze elettriche molto accurate: precisioni dell ordine dello 0,1 0,2% sono piuttosto facilmente raggiungibili. corrente:

Dettagli

Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale

Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale PREMESSA Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale A cura del Prof. Marco Chirizzi www.marcochirizzi.it Si supponga di dovere progettare un circuito di pilotaggio ON OFF in grado di mantenere un fluido

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Sistema trasmittente-ricevente DRM-15

Sistema trasmittente-ricevente DRM-15 Sistema trasmittente-ricevente DRM-15 RADIOMICROFONI portatili DP-2 / TH 30310 stagni ST-2 / ST 15 da rack DK 3 RICEVITORI fissi RM 1-U / RM-1UT stagni RS 1 / RS 2 portatile RM 12 amplificati vari modelli

Dettagli

PROVA SCRITTA DI ELETTRONICA Prof. Luca Salvini 4Ae Nome 22/10/2011

PROVA SCRITTA DI ELETTRONICA Prof. Luca Salvini 4Ae Nome 22/10/2011 4Ae 22/10/2011 Saper rappresentare un segnale periodico nel dominio del tempo e della frequenza 1. Disegna, all'interno dei riquadri sottostanti, il grafico dei segnali indicati nel dominio del tempo (a

Dettagli

CARICATORE TEMPORIZZATO PER BATTERIA Ni-Cd

CARICATORE TEMPORIZZATO PER BATTERIA Ni-Cd presenta CARICATORE TEMPORIZZATO PER BATTERIA Ni-Cd Per altri progetti visita www.sebaseraelettronica.altervista.org AVVERTENZE Tutto il materiale presente in questa relazione ha scopo puramente illustrativo,

Dettagli

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze...

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze... SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. Le sovratensioni di rete RIMEDI CONTRO LE SOVRATENSIONI... INDICE DI SEZIONE...6 Avvertenze...6 Schema di collegamento...6

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli

K7000 SIGNAL TRACER CON GENERATORE. Permette di risolvere con facilità i problemi su apparecchiature audio. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

K7000 SIGNAL TRACER CON GENERATORE. Permette di risolvere con facilità i problemi su apparecchiature audio. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SIGNAL TRACER CON GENERATORE K7000 Permette di risolvere con facilità i problemi su apparecchiature audio. Punti di saldatura totali: 85 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato ISTRUZIONI

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Controlli. ActivSound 75. (1) Interruttore di accensione Accende/spegne il dispositivo.

Controlli. ActivSound 75. (1) Interruttore di accensione Accende/spegne il dispositivo. ActivSound 75 (1) Interruttore di accensione Accende/spegne il dispositivo. () Indicatore di accensione Si illumina di colore verde quando si accende il dispositivo. () Controllo del volume dei microfoni

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Manuale di installazione e uso

Manuale di installazione e uso Manuale di installazione e uso GPS TILT-Module Stato: V3.20120515 30302495-02-IT Leggere il presente manuale d'uso ed osservare le indicazioni in esso contenute. Conservare il manuale per la consultazione

Dettagli