OLIVETTI S.P.A. PROSPETTO DI QUOTAZIONE AZIONI DI RISPARMIO TELECOM ITALIA S.P.A. JPMorgan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OLIVETTI S.P.A. PROSPETTO DI QUOTAZIONE AZIONI DI RISPARMIO TELECOM ITALIA S.P.A. JPMorgan"

Transcript

1 OLIVETTI S.P.A. PROSPETTO DI QUOTAZIONE relativo all ammissione a quotazione sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. di AZIONI DI RISPARMIO TELECOM ITALIA S.P.A (denominazione che sarà assunta da Olivetti S.p.A. all esito della fusione per incorporazione di Telecom Italia S.p.A.) Consulente finanziario dell Emittente in relazione all operazione di fusione JPMorgan L'adempimento di pubblicazione del presente Prospetto di Quotazione non comporta alcun giudizio della CONSOB sull'opportunità dell'investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Prospetto di Quotazione depositato presso la CONSOB in data 25 luglio 2003 a seguito di nulla-osta comunicato con nota CONSOB n del 24 luglio 2003.

2

3 Indice AVVERTENZE PER L'INVESTITORE 7 INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL'OPERAZIONE E DELL EMITTENTE L EMITTENTE Descrizione del business e dei settori di attività e rappresentazione grafica della struttura del Gruppo facente capo all emittente Programmi futuri e strategie Investimenti LA QUOTAZIONE Struttura dell azionariato DATI CONTABILI Dati contabili Risorse umane Indicatori per azione Dati pro-forma Indicazioni sull andamento recente e sulle previsioni dei risultati dell esercizio in corso Posizione finanziaria netta 31 SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE 35 I. INFORMAZIONI CONCERNENTI L'ATTIVITÀ DELL EMITTENTE Informazioni sui recenti sviluppi dell attività L operazione di Fusione Recenti sviluppi dell attività del Gruppo facente capo all Emittente Programmi futuri e strategie Dipendenza da brevetti, licenze, contratti industriali, commerciali o finanziari o da procedimenti di fabbricazione Investimenti Indicazione di qualsiasi procedimento giudiziario o arbitrale che possa avere, o abbia avuto di recente, effetti importanti sull attività dell Emittente Eventuali interruzioni di attività Rapporti con entità correlate 67 II. INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Direttore Generale e principali dirigenti Principali attività svolte dai componenti del Consiglio di Amministrazione, dai membri del Collegio Sindacale e dal Direttore Generale al di fuori dell Emittente Compensi destinati dall Emittente e dalle società direttamente o indirettamente controllate a componenti degli organi sociali 78 3

4 2.6 Numero e categorie di strumenti finanziari detenuti dai componenti degli organi sociali e dal Direttore Generale Interessi dei membri del Consiglio di Amministrazione e dei membri del Collegio Sindacale in operazioni straordinarie Interessi dei dirigenti rispetto all Emittente e al Gruppo ad esso appartenente Prestiti e garanzie ancora in corso concessi dall Emittente o da società controllate ai membri degli organi sociali 86 III. INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI Azionisti che detengono partecipazioni superiori al 2% del capitale sociale Descrizione dell azionariato risultante a seguito della Fusione Eventuale soggetto controllante ai sensi dell art. 93 del Testo Unico Indicazione dell eventuale esistenza di patti parasociali 88 IV. INFORMAZIONI RIGUARDANTI IL PATRIMONIO, LA SITUAZIONE FINANZIARIA ED I RISULTATI ECONOMICI DELL EMITTENTE 89 V. INFORMAZIONI RELATIVE ALL ANDAMENTO RECENTE E ALLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE Fatti di rilievo verificatisi dopo il 31 marzo Prospettive dell Emittente e del Gruppo ad esso facente capo Indicazioni generali sull andamento degli affari del Gruppo successivamente al 31 marzo Elementi di informazione in relazione alla ragionevole previsione dei risultati dell esercizio in corso 94 VI. INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULL'EMITTENTE E SUL CAPITALE SOCIALE Denominazione e forma giuridica Sede legale Durata Oggetto sociale Conformità dello statuto alle prescrizioni del Testo Unico Capitale sociale Capitale deliberato ma non sottoscritto o impegni per l aumento del capitale ovvero delega agli amministratori Obbligazioni convertibili e warrant emessi da Olivetti Azioni proprie Indicazioni di eventuali autorizzazioni dell assemblea all acquisto di azioni proprie 102 SEZIONE SECONDA INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELLA QUOTAZIONE 103 VII. INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI Descrizione delle Azioni di Risparmio Descrizione dei diritti connessi alle Azioni di Risparmio 105 4

5 7.3 Decorrenza del godimento Regime fiscale delle Azioni di Risparmio Tassazione dei dividendi Tassazione delle plusvalenze Tassa sui contratti di borsa Imposta sulle successioni e donazioni Regime di circolazione delle Azioni di Risparmio Eventuali limitazioni alla libera disponibilità delle Azioni di Risparmio Mercati di quotazione delle Azioni di Risparmio Effetti di diluizione Effetti di diluizione nell ipotesi di mancata sottoscrizione di diritti di opzione 112 VIII. INFORMAZIONI RELATIVE A RECENTI OPERAZIONI AVENTI AD OGGETTO LE AZIONI DELL EMITTENTE Emissione e/o collocamenti di azioni nei dodici mesi precedenti la quotazione Offerte pubbliche di acquisto o di scambio avvenute nell ultimo esercizio ed in quello in corso Operazioni di sottoscrizione o di collocamento privato di azioni e/o altri strumenti finanziari in prossimità del periodo di quotazione 113 SEZIONE TERZA INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA QUOTAZIONE 115 IX. INFORMAZIONI RIGUARDANTI L OFFERENTE 117 X. INFORMAZIONI RIGUARDANTI I COLLOCATORI 119 XI. INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA SOLLECITAZIONE 121 XII. INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA QUOTAZIONE Mercati presso i quali è richiesta la quotazione Estremi del provvedimento di quotazione Inizio delle negoziazioni Sponsor 123 XIII. APPENDICI E DOCUMENTAZIONE A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO Appendici Documenti a disposizione del pubblico 125 XIV. INFORMAZIONI RELATIVE AI RESPONSABILI DEL PROSPETTO, ALLA REVISIONE DEI CONTI E AI CONSULENTI Denominazione e sede delle persone giuridiche che assumono la responsabilità del Prospetto di Quotazione Dichiarazione di responsabilità Società di revisione 127 ALLEGATI 129 5

6 LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL PRESENTE PROSPETTO DI QUOTAZIONE NON COSTITUISCONO NÉ POS- SONO ESSERE INTERPRETATE COME UN INVITO AD ACQUISTARE O VENDERE STRUMENTI FINANZIARI NEGLI STATI UNITI D AMERICA. LE AZIONI DELL EMITTENTE NON SONO E NON SARANNO REGISTRATE AI SENSI DELLO UNITED STATES SECURITIES ACT DEL 1933, COME MODIFICATO (IL SECURITIES ACT DEL 1933 ), E NON POTRANNO ESSERE OFFERTE O VENDUTE, DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE, NEGLI STATI UNITI D AMERICA, FATTA ECCEZIO- NE PER OFFERTE O VENDITE EFFETTUATE AI SENSI DI UNA ESENZIONE SPECIFICAMENTE APPLICABILE. LE AZIONI ORDINARIE E LE AZIONI DI RISPARMIO DELL EMITTENTE SARANNO MESSE A DISPOSIZIONE NEGLI STATI UNITI D AMERICA IN RAGIONE DELL OPERAZIONE DI FUSIONE IN VIRTÙ DI UNA ESENZIONE DAGLI OBBLIGHI DI REGISTRAZIONE DEL SECURITIES ACT DEL ALL ESITO DELLA FUSIONE CON TELECOM ITALIA S.P.A., L EMITTENTE SARÀ CONSIDERATA SUCCESSOR REGISTRANT RISPETTO ALLA REGISTRAZIONE DELLE AZIONI DI TELECOM ITALIA S.P.A. AI FINI DEL SECURI- TIES EXCHANGE ACT DEL 1934 E PERTANTO CONTINUERÀ AD ESSERE SOGGETTA AGLI OBBLIGHI DI UNA SOCIETÀ LE CUI AZIONI SONO REGISTRATE AI SENSI DI TALE DISCIPLINA. È STATA RICHIESTA LA QUOTAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE E DELLE AZIONI DI RISPARMIO DELL EMIT- TENTE AL NEW YORK STOCK EXCHANGE SOTTO FORMA DI ADS (AMERICAN DEPOSITARY SHARES), CON EFFETTO DALLA DATA DI EFFICACIA DELLA FUSIONE, COSÌ PROSEGUENDO NELLA SITUAZIONE ATTUALE DELLE AZIONI ORDINARIE E DELLE AZIONI DI RISPARMIO DI TELECOM ITALIA S.P.A. 6

7 Avvertenze per l'investitore Alla data di efficacia della Fusione, come di seguito definita, e per effetto della stessa, Olivetti S.p.A. ( Olivetti o, in seguito alla Fusione, l Emittente ) assumerà i diritti e gli obblighi facenti capo a Telecom Italia S.p.A. ( Telecom Italia ), proseguendone l attività. In particolare, l Emittente subentrerà a Telecom Italia in tutte le licenze e autorizzazioni amministrative assentite a quest ultima, secondo le modalità previste dalla normativa vigente. L attività dell Emittente coinciderà sostanzialmente con quella precedentemente svolta da Telecom Italia e l Emittente adotterà il medesimo oggetto sociale di Telecom Italia. AVVERTENZE RELATIVE ALL EMITTENTE SVILUPPO DELLE LINEE-GUIDA STRATEGICHE IL PRESENTE PROSPETTO DI QUOTAZIONE RIPORTA ALCUNI OBIETTIVI GESTIONALI RELATIVI ALL EMITTEN- TE, CONDIVISI DALLE SOCIETÀ PARTECIPANTI ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI TELECOM ITALIA IN OLIVETTI (LA FUSIONE ) E SOSTANZIALMENTE COINCIDENTI CON GLI OBIETTIVI DI TELECOM ITALIA FATTI PROPRI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI TALE SOCIETÀ IN DATA 13 FEBBRAIO I SUDDETTI OBIETTIVI CONFERMANO LE LINEE-GUIDA E GLI OBIETTIVI DEL PIANO INDUSTRIALE DEL GRUP- PO TELECOM ITALIA PER IL TRIENNIO (IL PIANO INDUSTRIALE ). ALL ESITO DELLA FUSIONE, IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DELL EMITTENTE POTREBBE ESSERE INFLUENZATO DAI SEGUENTI FATTORI: DALLA CAPACITÀ DELL EMITTENTE DI GESTIRE I COSTI; DALLA CAPACITÀ DELL EMITTENTE DI ATTRARRE E MANTENERE PERSONALE ALTAMENTE QUALIFICATO; DALLA CAPACITÀ DELL EMITTENTE DI CEDERE LE ATTIVITÀ CONSIDERATE NON-CORE; DALLA CAPACITÀ DELL EMITTENTE DI FORNIRE SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI A SEGUITO DI ALLEAN- ZE CHE SI POTREBBERO CONCLUDERE CON PARTNERS, QUALI ALTRI OPERATORI O INFORMATION TECH- NOLOGY PROVIDERS; DALLE CONDIZIONI ECONOMICHE GENERALI DEI PRINCIPALI MERCATI IN CUI OPERA L EMITTENTE; DAGLI EFFETTI DELLE FLUTTUAZIONI DEI TASSI D INTERESSE E DEI CAMBI; DALL ENTRATA DI NUOVI CONCORRENTI SUL MERCATO COMPLETAMENTE LIBERALIZZATO DELLE TELE- COMUNICAZIONI E DAL LORO IMPATTO SULLA QUOTA DI MERCATO DELL EMITTENTE DEL TRAFFICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE. IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI PUÒ INOLTRE ESSERE CONDIZIONATO DA ULTERIORI FATTORI ESTRANEI AL CONTROLLO DELL EMITTENTE, TRA CUI CONGIUNTURE ECONOMICHE E DI MERCATO, E NON VI PUÒ ESSERE ASSICURAZIONE CHE GLI OBIETTIVI IDENTIFICATI DAL MANAGEMENT SIANO EFFETTIVA- MENTE CONSEGUITI DALL EMITTENTE CON LE MODALITÀ E NEI TEMPI PREVISTI. IN RELAZIONE AI PROGRAMMI FUTURI DELL EMITTENTE, SI VEDA ANCHE LA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO I, PARAGRAFO

8 SITUAZIONE ECONOMICA/FINANZIARIA DELL EMITTENTE IL PRESENTE PROSPETTO DI QUOTAZIONE RIPORTA NELLE INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DEL- L OPERAZIONE E DELL EMITTENTE, AL PUNTO 3.4, I DATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE AL 31 DICEMBRE 2002 E DELL ESERCIZIO 2002 PREDISPOSTI SULLA BASE DEI RISULTATI PRELIMINARI DELL OPA, COME DI SEGUITO DEFINITA, NOTI ALLA DATA DI CHIUSURA DEL PERIODO DI ADESIONE. L OPA, IN BASE A TALI DATI PRELIMINARI, GENERERÀ UN ESBORSO COMPLESSIVO DI CIRCA MILIONI DI EURO. IN RELAZIONE AI SUDDETTI DATI PRO-FORMA SI EVIDENZIA, IN PARTICOLARE, UN INCREMENTO AL 31 DICEMBRE 2002, RISPETTO AI DATI STORICI DELL EMITTENTE, DELLA VOCE AVVIAMENTO DI MILIONI DI EURO (DI CUI MILIONI DI EURO DERIVANTI DALL OPA), A MILIONI DI EURO E DELL INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO DI MILIONI DI EURO, A MILIONI DI EURO CON UN CONSEGUENTE INCREMENTO, PER L ESERCIZIO 2002, RISPETTO AI DATI STORICI, DEGLI AMMORTA- MENTI E DEGLI ONERI FINANZIARI. RELATIVAMENTE ALL ESERCIZIO 2002, IL RISULTATO PRO-FORMA PRIMA DEI COMPONENTI STRAORDI- NARI E DELLE IMPOSTE SI PRESENTA POSITIVO PER MILIONI DI EURO, MENTRE IL RISULTATO PRO-FORMA DELL ESERCIZIO DI SPETTANZA DELLA CAPOGRUPPO RISULTA NEGATIVO DI MILIONI DI EURO. NELL ESERCIZIO 2003 IL RISULTATO DI SPETTANZA DELLA CAPOGRUPPO RISULTERÀ IN NETTO MIGLIO- RAMENTO ANCHE IN RELAZIONE ALLA CONTABILIZZAZIONE DEL TAX ASSET, CONSEGUENTE ALLA FUSIO- NE, AI MINORI ONERI FINANZIARI, RISPETTO A QUELLI CONSIDERATI NEL PRO-FORMA DELL ESERCIZIO 2002 DECORRENTI DAL 1 GENNAIO, E AGLI ONERI STRAORDINARI, DELL ESERCIZIO 2002, CONNESSI ESSENZIALMENTE ALLA SVALUTAZIONE DEL GOODWILL E AD ONERI RELATIVI ALLE PARTECIPAZIONI. IL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO PRO-FORMA AL 31 DICEMBRE 2002 (QUOTA CAPOGRUPPO PIÙ QUOTA TERZI) È PARI A MILIONI DI EURO RISPETTO A MILIONI DI EURO SU BASE STORICA. AL 31 DICEMBRE 2002 IL RAPPORTO DEBT/EQUITY (A DATI STORICI) RISULTAVA PARI A 1,62; LO STESSO RAPPORTO PRO-FORMA A SEGUITO DELL ADESIONE ALL OPA RISULTA PARI A 2,13. L INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2002 RISULTANTE DAI DATI PRO-FORMA SOPRA RICHIAMATI RISULTA PARI A MILIONI DI EURO (SUPERIORE ALL INDEBITAMENTO COMPLESSIVO RISULTANTE DAI DATI STORICI DI OLIVETTI E TELECOM ITALIA AL 31 DICEMBRE 2002 IN CONSEGUENZA DELLE OPERAZIONI CORRELATE ALLA FUSIONE, SEGNATAMENTE RECESSO E OPA). SI RITIENE CHE TALE INDEBITAMENTO SIA COERENTE E COMPATIBILE CON IL COMPLESSO DELLE ATTIVITÀ DELL EMITTENTE E CON I FLUSSI DI CASSA PROSPETTICI DERIVANTI DALLA REALIZZAZIONE DELLE LINEE-GUIDA STRATEGI- CHE, E CHE LA FUSIONE CONSENTA DI BENEFICIARE DEGLI EFFETTI POSITIVI DI UNA GESTIONE UNITARIA DELL INDEBITAMENTO, ANCHE IN TERMINI DI ALLUNGAMENTO DELLE SCADENZE E DI OTTIMALE CORRE- LAZIONE ALLE ESIGENZE AZIENDALI. L INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO POST FUSIONE POTREBBE RIDURSI GIÀ SIGNIFICATIVAMENTE NELL ESERCIZIO 2003, ANCHE A SEGUITO DELLE DISMISSIONI PREVI- STE NELL ESERCIZIO STESSO E DEI FLUSSI DI CASSA GENERATI DALLA GESTIONE ORDINARIA. 8

9 TUTTAVIA, NON VI È GARANZIA CHE FATTORI ALLO STATO IMPREVEDIBILI QUALI, A TITOLO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO, IL DETERIORAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI DELL ECONOMIA, LE CONDIZIONI DI MERCATO, LA SITUAZIONE DI INSTABILITÀ POLITICA ED ECONOMICA NEI PAESI DELL AMERICA LATI- NA E I RISCHI RELATIVI A MUTAMENTI DEL QUADRO MACROECONOMICO, FISCALE E/O LEGISLATIVO, NON INCIDANO IN MISURA SIGNIFICATIVA SULLA RIDUZIONE DELL INDEBITAMENTO DA PARTE DELL E- MITTENTE. IN RELAZIONE ALL INDEBITAMENTO FINANZIARIO LORDO E ALLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA DEL GRUPPO OLIVETTI SI VEDANO ANCHE LE INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL OPERAZIONE E DELL EMITTENTE, PUNTO 3.6, NONCHÉ LA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO V, PARAGRAFO 5.2. CON RIFERI- MENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI OLIVETTI E TELECOM ITALIA AL 30 GIUGNO 2003 SI VEDA L ANA- LISI RIPORTATA NELLE INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL OPERAZIONE E DELL EMITTENTE, PUNTO 3.6. INVESTIMENTI IN EUROPA E IN AMERICA LATINA NEGLI ULTIMI ANNI TELECOM ITALIA HA PERSEGUITO UN PROGRAMMA DI ACQUISIZIONI IN AMERICA LATINA ED IN EUROPA AL FINE DI OTTENERE UNA POSIZIONE MAGGIORMENTE COMPETITIVA E DI BILAN- CIARE LA DIMINUZIONE DELLA QUOTA DI MERCATO IN AMBITO DOMESTICO. DIVERSI FATTORI, QUALI, A TITOLO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO, L INSTABILITÀ DELLE CONDIZIONI ECONOMICO-SOCIALI E POLITI- CHE DI ALCUNI PAESI DELL AMERICA LATINA, POTREBBERO AVERE UN IMPATTO NEGATIVO SUI PRO- GRAMMI DI SVILUPPO E SUI RISULTATI DELL EMITTENTE. SI VEDA ANCHE LA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO I, PARAGRAFO PROCEDIMENTI GIUDIZIARI PENDENTI LE SOCIETÀ DEL GRUPPO OLIVETTI E DEL GRUPPO TELECOM ITALIA SONO PARTI IN NUMEROSI PROCEDI- MENTI GIUDIZIARI E ARBITRALI. PER UNA ESPOSIZIONE DEI PIÙ SIGNIFICATIVI PROCEDIMENTI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO I, PARAGRAFO 1.4, OVE SONO ALTRESÌ FORNITE INFORMAZIONI IN MERITO ALLO STATO DEL PROCEDIMENTO, ALLA VALUTAZIONE DELLE SOCIETÀ INTERESSATE E AGLI SPE- CIFICI ACCANTONAMENTI EVENTUALMENTE EFFETTUATI A FRONTE DEI PROCEDIMENTI STESSI. NESSUNO DEI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI E ARBITRALI IN CUI SONO COINVOLTI IL GRUPPO OLIVETTI E IL GRUPPO TELECOM ITALIA, IN CASO DI ESITO SFAVOREVOLE, PUÒ AVERE EFFETTI NEGATIVI SIGNIFICATIVI SULLA POSIZIONE FINANZIARIA E SUI RISULTATI DEL GRUPPO CHE FARÀ CAPO ALL EMITTENTE ALL ESITO DELLA FUSIONE. ISTRUTTORIA APERTA DALL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO PER ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, IN DATA 13 GIUGNO 2003, HA AVVIATO NEI CONFRONTI DI TELECOM ITALIA UN PROCEDIMENTO PER PRESUNTO ABUSO DI POSIZIONE DOMI- NANTE VOLTO ALL ACCERTAMENTO DELLA LEGITTIMITÀ DI ALCUNE PRATICHE COMMERCIALI RELATIVE AL SEGMENTO BUSINESS PUBBLICO E PRIVATO. IL PROCEDIMENTO È ANCORA NELLA FASE INIZIALE, PER- TANTO OGNI VALUTAZIONE IN MERITO AI SUOI ESITI, NONCHÉ LA PREVISIONE DI EVENTUALI ACCANTO- 9

10 NAMENTI A FONSO RISCHI, DOVRANNO ESSERE RINVIATI AD UN MOMENTO SUCCESSIVO ALLA FASE ISTRUTTORIA. SI VEDA ANCHE LA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO I, PARAGRAFO 1.4. GOLDEN SHARE IN CONFORMITÀ A QUANTO DISPOSTO DAL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE CON APPOSITO PROVVEDIMENTO IN DATA 22 MAGGIO 2003, LO STATUTO CHE SARÀ ADOTTATO DALL EMITTENTE ALL ESITO DELLA FUSIONE PREVEDE L ATTRIBU- ZIONE DI POTERI SPECIALI AL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE (C.D. GOLDEN SHARE) (CFR. L ART. 22 DELLO STATUTO, ALLEGATO IN APPENDICE AL PRESENTE PROSPETTO DI QUOTAZIONE). RISULTATI DELL OPA E RAPPORTI DI ASSEGNAZIONE I RISULTATI DEFINITIVI DELL OPA, COME DI SEGUITO DEFINITA, ED I RAPPORTI IN BASE AI QUALI SARAN- NO ASSEGNATE AGLI AZIONISTI OLIVETTI E TELECOM ITALIA, IN SOSTITUZIONE DELLE AZIONI POSSEDUTE PRIMA DELLA DATA DI EFFICACIA DELLA FUSIONE, LE AZIONI ORDINARIE E LE AZIONI DI RISPARMIO EMESSE DALL EMITTENTE, SARANNO PUBBLICATI DA OLIVETTI RISPETTIVAMENTE IL 24 LUGLIO 2003 ED ENTRO IL 25 LUGLIO 2003, MEDIANTE AVVISO SUI QUOTIDIANI IL SOLE 24ORE, MILANO FINANZA E FINANZA E MERCATI. IN RELAZIONE AI RAPPORTI DI ASSEGNAZIONE SI VEDA ANCHE LA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO I, PARA- GRAFO AVVERTENZE RELATIVE AI SETTORI/MERCATI IN CUI OPERERÀ L EMITTENTE EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO, REGOLAMENTARE E TARIFFARIO EFFETTI DELLA LIBERALIZZA- ZIONE DEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI LE ATTIVITÀ ATTUALMENTE ESERCITATE DA TELECOM ITALIA LE QUALI, ALL ESITO DELLA FUSIONE, SARANNO SVOLTE DALL EMITTENTE E DA TELECOM ITALIA MOBILE S.P.A. ( TIM ), CONTROLLATA DA TELECOM ITALIA, SONO ESERCITATE NELL AMBITO DEL QUADRO NORMATIVO E REGOLAMENTARE VIGEN- TE NELL UNIONE EUROPEA E IN ITALIA. LA REGOLAMENTAZIONE DEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIO- NI È SOGGETTA A UNA CONTINUA EVOLUZIONE, SULLA BASE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DEL- L ANDAMENTO DEL MERCATO. CONSEGUENTEMENTE, VARIAZIONI DELLA NORMATIVA, DELLA POLITICA DI GOVERNO O DELL INTERPRETAZIONE DELLE ATTUALI NORME RELATIVE AGLI OPERATORI E AL MERCATO DELLE TELECOMUNICAZIONI POTREBBERO AVERE UNA RILEVANTE INFLUENZA SULL OPERATIVITÀ DELL E- MITTENTE E DI TIM. IL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI ITALIANE È ORMAI PIENAMENTE LIBERALIZZATO DA OLTRE 5 ANNI (1 GENNAIO 1998). L INGRESSO DI NUOVI OPERATORI, ALL ESITO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE, HA INCISO, E POTREBBE INCIDERE ANCHE IN FUTURO, SUL FATTURATO DELL EMITTENTE. L UTI- LIZZO DELLA VALUTA UNICA EUROPEA POTREBBE INTENSIFICARE ULTERIORMENTE LA CONCORRENZA FACILITANDO L ENTRATA DEGLI OPERATORI INTERNAZIONALI E DI ALTRI OPERATORI NAZIONALI NEL 10

11 MERCATO ITALIANO E LA DIRETTA CONCORRENZA CON L EMITTENTE E CON TIM NELLA TELEFONIA FISSA E MOBILE E NEI MERCATI LOCALI E A LUNGA DISTANZA. L ATTUALE SCENARIO NORMATIVO DI RIFERIMENTO POTRÀ ESSERE OGGETTO, A BREVE, DI UNA PROFON- DA REVISIONE IN FUNZIONE DEL RECEPIMENTO NELL ORDINAMENTO NAZIONALE DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE DI CUI ALLA C.D. 99 REVIEW, VOLTE A DEFINIRE UN NUOVO QUADRO REGOLAMENTARE PER DISCIPLINARE IL SETTORE DELLE RETI E DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE BASATO SUL RECEPI- MENTO DI ALCUNE DIRETTIVE COMUNITARIE (C.D. DIRETTIVA QUADRO, DIRETTIVA ACCESSO, DIRETTIVA AUTORIZZAZIONI, DIRETTIVA SUL SERVIZIO UNIVERSALE E DIRETTIVA SULLA PRIVACY, EMANATE DALL U- NIONE EUROPEA NEL CORSO DEL 2002), EFFICACE DAL 25 LUGLIO IN RELAZIONE ALLE LICENZE, CONCESSIONI E AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE DELL EMITTENTE ALL E- SITO DELLA FUSIONE SI VEDA LA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO I, PARAGRAFO 1.2. EVOLUZIONE TECNOLOGICA E SVILUPPO DEI SERVIZI NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI L INDUSTRIA DELLE TELECOMUNICAZIONI È SOGGETTA A CAMBIAMENTI RAPIDI E SIGNIFICATIVI SIA NELLA TECNOLOGIA CHE NEI SERVIZI. L EMITTENTE E LE SUE SOCIETÀ CONTROLLATE SI TROVERANNO DI CONSEGUENZA A DOVER AFFRONTARE UNA PIÙ ACCENTUATA CONCORRENZA IN RAGIONE DELLE TEC- NOLOGIE EMERGENTI E DEI SERVIZI CHE POTRANNO ESSERE INTRODOTTI IN FUTURO. LE RETI TELEFONI- CHE DELL EMITTENTE E DI TIM NECESSITERANNO DI UN ADEGUATA CAPACITÀ DI TRASFORMAZIONE PER FRONTEGGIARE SIA LA DOMANDA DEI CLIENTI SIA I CONTINUI CAMBIAMENTI TECNOLOGICI; DOVRANNO INOLTRE CONSENTIRE DI OFFRIRE SERVIZI INNOVATIVI E/O SERVIZI TRADIZIONALI CHE UTILIZZINO NUOVE TECNOLOGIE. PER FRONTEGGIARE UNA POSSIBILE RIDUZIONE DEI RICAVI CONSEGUENTE ALLA MAGGIORE CONCOR- RENZA ED ALLA PROGRESSIVA RIDUZIONE DELLE TARIFFE, SI PREVEDE CHE IL GRUPPO FACENTE CAPO ALL EMITTENTE INTRODUCA NUOVI SERVIZI A VALORE AGGIUNTO SIA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNI- CAZIONI FISSE CHE IN QUELLO DELLE TELECOMUNICAZIONI MOBILI, IN MODO DA INCREMENTARE IL TRAFFICO DELLE PROPRIE RETI E SVILUPPARE NUOVE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS. IL SUCCESSO DI TALI INIZIATIVE PUÒ ESSERE CONDIZIONATO DA FATTORI ESTRANEI ALL EMITTENTE E I RICAVI DELL EMITTENTE POTREBBERO RISENTIRE DEL MANCATO SVILUPPO DI SERVIZI ALTERNATIVI NEL SETTORE DELLE TELECO- MUNICAZIONI FISSE E MOBILI. IN RELAZIONE ALL ATTIVITÀ DELL EMITTENTE SI VEDA LA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO I, PARAGRAFO

12 (PAGINA VOLUTAMENTE LASCIATA IN BIANCO) 12

13 Informazioni di sintesi sul profilo dell'operazione e dell Emittente Le informazioni di sintesi di seguito riportate devono essere esaminate congiuntamente a quelle più analitiche contenute all interno del presente prospetto di quotazione. Premessa Il presente prospetto di quotazione (il Prospetto di Quotazione ) concerne l operazione di quotazione (la Quotazione ) nel Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. (il Mercato Telematico Azionario ) delle azioni di risparmio (le Azioni di Risparmio ) che saranno emesse dall Emittente all esito della Fusione in concambio con le azioni di risparmio emesse da Telecom Italia. Il progetto di fusione tra Olivetti e Telecom Italia (il Progetto di Fusione ), deliberato in data 15 aprile 2003 dai Consigli di Amministrazione delle due società, è stato approvato il 24 maggio 2003 dall assemblea straordinaria di Telecom Italia e il 26 maggio 2003 dall assemblea straordinaria di Olivetti. Ai fini della Fusione, sono stati adottati quali situazioni patrimoniali di riferimento i progetti di bilancio di Olivetti e di Telecom Italia al 31 dicembre 2002, ai sensi dell art ter del codice civile. La delibera dell assemblea straordinaria di Olivetti e quella dell assemblea straordinaria di Telecom Italia che hanno approvato la Fusione sono state iscritte nel Registro delle Imprese di Torino e nel Registro delle Imprese di Milano in data 28 maggio Si prevede che, decorso il termine per l eventuale opposizione dei creditori di cui all art del codice civile, l atto di fusione tra Olivetti e Telecom Italia (l Atto di Fusione ) sia stipulato dai legali rappresentanti di tali società in data 29 luglio 2003, e che l efficacia della Fusione, secondo quanto sarà stabilito nell Atto di Fusione a norma dell art bis, comma 2 del codice civile, intervenga il 4 agosto In applicazione del combinato disposto degli articoli 2504-bis, comma 3 e 2501-bis, comma 1, n. 6), del codice civile, le operazioni di Telecom Italia saranno imputate al bilancio dell Emittente a far data dal 1 gennaio dell anno in cui la Fusione avrà efficacia, e, quindi, secondo la tempistica prospettata, dal 1 gennaio 2003, e tale decorrenza sarà assunta anche relativamente agli effetti tributari, ai sensi dell'art. 123, comma 7, del D.P.R. 22 dicembre 1986 n Sotto il profilo giuridico, la Fusione comporterà la successione a titolo universale dell Emittente a Telecom Italia, per effetto della quale l Emittente assumerà tutte le attività e passività, come i diritti e gli obblighi di Telecom Italia, e quindi, in via esemplificativa e non tassativa, tutti i relativi beni materiali e immateriali, crediti e debiti maturati o a scadere e, più in generale, l intero patrimonio di Telecom Italia senza esclusione o limitazione alcuna. Alla data di efficacia della Fusione, Olivetti adotterà uno statuto pressoché integralmente corrispondente a quello di Telecom Italia, assumendo la denominazione Telecom Italia S.p.A. (si veda il testo dello statuto dell Emittente riportato in Appendice al presente Prospetto di Quotazione). Inoltre, a seguito della Fusione diverranno efficaci le dimissioni rassegnate dagli attuali componenti del Consiglio di Amministrazione di Olivetti. Secondo quanto deliberato il 26 maggio 2003 dall assemblea di Olivetti, dalla data di efficacia della Fusione e fino all approvazione del bilancio di esercizio 2003 il Consiglio di Amministrazione dell Emittente risulterà pressoché integralmente ricalcato su quello di Telecom Italia. Per ulteriori dettagli si veda la Sezione Prima, Capitolo II, Paragrafo

14 Poiché la Fusione si risolverà nell incorporazione da parte di Olivetti di una società controllata, essa determinerà l annullamento della partecipazione detenuta da Olivetti in Telecom Italia al momento di efficacia della Fusione. Inoltre, la Fusione comporterà l assegnazione (i) agli azionisti titolari di azioni ordinarie o di risparmio di Telecom Italia diversi da Olivetti, di azioni ordinarie o di Azioni di Risparmio emesse dall Emittente, e (ii) agli azionisti di Olivetti, di azioni ordinarie dell Emittente di nuova emissione. A tale assegnazione si procederà sulla base di rapporti che saranno pubblicati da Olivetti entro il 25 luglio 2003, mediante avviso sui quotidiani Il Sole 24 Ore, Milano Finanza e Finanza e Mercati e che verranno formalizzati in occasione della stipula dell Atto di Fusione corrispondenti al rapporto di cambio stabilito ai fini della Fusione, pari a n. 7 azioni Olivetti (rispettivamente ordinarie o di risparmio) del valore nominale di Euro 1 ciascuna, ogni n. 1 azione Telecom Italia (ordinaria o di risparmio) del valore nominale di Euro 0,55. L assegnazione sarà realizzata mediante la tecnica della redistribuzione del capitale dell Emittente. Per ulteriori dettagli si veda la Sezione I, Capitolo I, Paragrafo 1.1. Intervenuta l iscrizione dell Atto di Fusione presso il Registro delle Imprese negli uffici di Torino e di Milano, Olivetti pubblicherà sui quotidiani Il Sole 24 Ore, Milano Finanza e Finanza e Mercati un avviso nel quale sarà indicata la data dalla quale avrà effetto la Fusione con le istruzioni precise per procedere al concambio, nonché per negoziare od ottenere diritti frazionari. L efficacia della Fusione è subordinata all ammissione alle negoziazioni delle Azioni di Risparmio nel Mercato Telematico Azionario da parte della Borsa Italiana S.p.A. (la Borsa Italiana ). In merito alla Fusione, si veda anche la Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo 1.1. La Borsa Italiana, con provvedimento n del 21 luglio 2003, ha disposto l'ammissione alle negoziazioni delle Azioni di Risparmio nel Mercato Telematico Azionario. In merito alla Quotazione di veda anche infra (Paragrafo 2), e la Sezione Terza, Capitolo XII. 1. L emittente 1.1 Descrizione del business e dei settori di attività e rappresentazione grafica della struttura del Gruppo facente capo all emittente Alla data del presente Prospetto di Quotazione, Olivetti opera come holding di partecipazioni, la più rilevante delle quali è quella costituita dalla partecipazione per circa il 64,47% nel capitale rappresentato da azioni ordinarie e per circa il 12,16% nel capitale rappresentato da azioni di risparmio (corrispondenti complessivamente al 49,79% circa del capitale totale (1) ) di Telecom Italia, società capogruppo dell'omonimo Gruppo. Telecom Italia è una delle maggiori realtà internazionali dell information and communication technology. Le sue aziende, leader nelle comunicazioni fisse e mobili, nell Internet and media, nell information tech- (1) Sulla base di dati preliminari dell OPA noti alla data di chiusura del periodo di adesione. 14

15 nology e nella ricerca, offrono servizi integrati e innovativi in Italia e all estero. Nel mercato domestico il Gruppo è leader sia tecnologico che di mercato nei segmenti a maggiore crescita (mobile, larga banda, trasmissione dati). La presenza internazionale è geograficamente concentrata in America Latina e in Europa. Olivetti è inoltre presente in altri settori industriali, quali quello dei prodotti e servizi per ufficio e delle attività immobiliari, in particolare attraverso le controllate Olivetti Tecnost S.p.A. (prodotti e servizi informatici e per la comunicazione) e Olivetti Multiservices S.p.A. (iniziative e prestazioni immobiliari). Alla data di efficacia della Fusione e per effetto della stessa, l Emittente assumerà i diritti e gli obblighi facenti capo a Telecom Italia, proseguendone l attività. L attività dell Emittente coinciderà sostanzialmente con quella precedentemente svolta da Telecom Italia e l Emittente adotterà il medesimo oggetto sociale di Telecom Italia. In particolare, l Emittente subentrerà a Telecom Italia in tutte le licenze e autorizzazioni amministrative assentite a quest ultima. Ai sensi della normativa vigente, in data 22 maggio 2003, è stata trasmessa al Ministero delle Comunicazioni apposita informativa con la quale si è dichiarato che all'esito dell'operazione, l Emittente subentrerà a titolo universale in tutti i rapporti giuridici attualmente facenti capo a Telecom Italia, assumendone la denominazione e l'oggetto sociale e proseguendone le attività. Nella stessa comunicazione è stato precisato che tra gli effetti della Fusione è altresì previsto il subentro dell Emittente nella titolarità delle licenze individuali e delle autorizzazioni attualmente detenute da Telecom Italia per la installazione e fornitura di reti e per la prestazione dei servizi di telecomunicazioni. Per ulteriori dettagli si veda la Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli