LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI"

Transcript

1 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/98 LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI CARLO KRUSICH * - ADRIANA LOTTI ** - MARCO ROSSI *** Introduzione Il presente lavoro costituisce una analisi empirica sul processo di privatizzazione delle imprese pubbliche in Italia. I principali contributi offerti consistono nella raccolta ed illustrazione dei dati relativi alle privatizzazioni, ed in una analisi più dettagliata delle principali operazioni di dismissione delle partecipazioni pubbliche. L articolo è suddiviso in due parti. Nella prima si accenna alle ragioni teoriche che sostengono il processo di privatizzazione, ed in particolare ai riflessi che tali dismissioni hanno sull andamento dinamico della finanza pubblica; si illustrano le caratteristiche delle principali modalità di collocamento sul mercato delle partecipazioni stesse; infine viene offerto un resoconto sulle principali operazioni di dismissione delle partecipazioni pubbliche in SpA dal 1993 ad oggi. Nella successiva sezione si analizzano più a fondo le maggiori operazioni, con una particolare attenzione circa i prezzi di collocamento relativamente all andamento dei titoli nel mercato azionario. Questa analisi è finalizzata a verificare se le operazioni compiute abbiano * Borsista, CNR, Roma. ** Borsista, ISFOL, Roma. *** Ricercatore, Università «La Sapienza», Roma. In questo articolo si analizza il processo di privatizzazione occorso in Italia. Si espongono le ragioni teoriche in base alle quali le dismissioni possono contribuire al miglioramento del benessere sociale ed in particolare al risanamento della finanza pubblica. Viene quindi offerto un resoconto sulle operazioni occorse e svolta una analisi più approfondita sulle privatizzazioni di maggiore rilievo. Se ne deduce che in Italia il processo di privatizzazione è stato principalmente diretto alla riduzione del debito pubblico. A tal fine un analisi di medio periodo dimostra che, nei casi analizzati, l obiettivo del risanamento strutturale della finanza pubblica è stato generalmente assolto (tranne una assai importante eccezione). Pur sottolineando che questa ricerca è stata svolta in uno spirito di cordiale collaborazione, al fine di estrapolare i contributi individuali degli autori si ricorda che sono attribuibili a Krusich i paragrafi 2.2. e 2.5.; a Lotti i paragrafi 2.1. e 2.3.; a Rossi l Introduzione, la sezione 1, le conclusioni e i paragrafi 2.4. e 2.6. Le opinioni espresse nel presente lavoro sono attribuibili esclusivamente agli autori e non coinvolgono in alcun modo gli Istituti di appartenenza. 111

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/98 contribuito all obiettivo primario di finanza pubblica: cioè se nelle operazioni di vendita abbia prevalso l obiettivo della massimizzazione dei ricavi, relativamente all andamento complessivo del mercato ed alle caratteristiche intrinseche delle imprese dismesse. In questo articolo non si affronta il tema della regolamentazione che, specialmente nel caso delle public utilities, è strettamente legato a quello della privatizzazione. Le ragioni di questa scelta consistono nel fatto che le privatizzazioni in Italia hanno finora principalmente interessato imprese che non fornivano servizi di pubblica utilità, per le quali gli aspetti regolamentativi assumevano un rilievo minore. Concentrando la nostra attenzione sugli aspetti terminali del processo (cioè le modalità di vendita), abbiamo quindi ritenuto sufficiente indagare se tale processo di dismissione abbia efficientemente perseguito l obiettivo primario di risanamento della finanza pubblica. 1. Le privatizzazioni delle imprese a partecipazione pubblica Il teorema fondamentale della privatizzazione afferma che se lo Stato concede, tramite un adeguato sistema di asta pubblica, il diritto ad espletare determinate attività economiche, in certe condizioni il sistema privato può conseguire gli stessi obiettivi di equità che sono alla base delle necessità di nazionalizzazione. Questo significa che, se sono soddisfatte alcune condizioni, il privato può sostituirsi allo Stato senza danni per il Welfare. Le suddette condizioni necessarie sono: concorrenza perfetta, assenza di asimmetrie informative, mercati completi, verificabilità dei contratti e neutralità delle imprese rispetto al rischio. La probabilità che queste condizioni vengano soddisfatte contemporaneamente è minima; ciò rende l applicabilità del teorema fondamentale della privatizzazione un eccezione, piuttosto che la norma. A livello teorico non esistono risposte definitive circa la relativa superiorità delle imprese privatizzate rispetto a quelle pubbliche. Numerosi argomenti sono stati avanzati a favore dell una o dell altra forma di assetto proprietario, qui di seguito ne illustriamo il contenuto e li confrontiamo con le relative controargomentazioni: a) L andamento dei corsi dei titoli nel mercato azionario fornisce alle imprese privatizzate quella guida verso la migliore allocazione delle risorse che invece manca alle imprese pubbliche. Si presuppone qui l efficienza dei mercati azionari che rimuovono il gruppo dirigente incapace. Nella misura in cui, tuttavia, la partecipazione pubblica si riduce ad una quota di maggioranza relativa dell impresa, il restante flottante può comunque permettere un medesimo flusso informativo sulla valutazione dell efficienza delle scelte di politica aziendale. Inoltre, qualora ottengano risultati giudicati insoddisfacenti, i dirigenti delle imprese pubbliche possono essere rimossi dall autorità pubblica, ed in maniera spesso più agevole rispetto alle possibilità dei raiders delle imprese private. 112

3 C. KRUSICH - A. LOTTI - M. ROSSI, LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI b) Si sostiene che l inefficienza relativa delle imprese pubbliche derivi dalla scarsa stringenza dei loro vincoli di bilancio. Questa soft bufdget constraint si sostanzia in una sistematica opera di salvataggio delle imprese pubbliche in difficoltà, politica che grava sui pubblici bilanci ed induce gestioni inefficienti delle imprese stesse. Il controargomento ricorda come spesso anche le imprese private godano di tale attenzione da parte dei pubblici poteri, mentre talvolta anche le imprese pubbliche vengono liquidate (come sta accadendo di recente in Italia). c) In un contesto di contratti incompleti, qualora i diritti residuali di controllo appartengano al governo, esso potrebbe ex post espropriare i manager dei rendimenti conseguenti ai loro investimenti irreversibili nell impresa. Tale minaccia disincentiva, ex ante, la formazione di un efficiente volume di firm specific capital. Problema che non si pone nel caso di impresa direttamente gestita dal proprietario. Nel caso tuttavia delle imprese ad azionariato diffuso, ancora caratterizzate dalla separazione tra proprietà e controllo, ritorna questo trade-off tra tutela degli interessi dei proprietari non controllanti e certezza del controllo. d) La gestione pubblica è naturalmente portata verso una molteplicità di obiettivi (stabilizzazione, allocazione e redistribuzione), mentre si presuppone che i manager privati cerchino unicamente di massimizzare il profitto delle loro imprese. Al di là della critica alla seconda parte della precedente affermazione già sviluppata nella teoria manageriale dell impresa, questa molteplicità di obiettivi rimane una caratteristica ambivalente, ineliminabile, delle imprese pubbliche. Da una parte esse possono perseguire il benessere sociale, ma possono anche essere utilizzate per finalità indicate dagli alterni indirizzi politici, ed in ciò risentire delle attività di lobbying di particolari gruppi di interesse. Tuttavia anche l attività delle imprese private può essere influenzata, tramite la regolamentazione, dalle vicende politiche; così come una attività di lobbying può cercare di indirizzare la stessa politica di regolamentazione. Ciononostante l implementazione di contratti relativi agli obiettivi politici delle imprese pubbliche rimane più difficile rispetto a quelli concernenti la pura massimizzazione del profitto. Poiché inoltre gli indirizzi politici di successive amministrazioni possono essere diversi, si rende necessaria l introduzione di norme che limitino il grado di commitment nella persecuzione degli obiettivi. L obiettivo dell impresa privata rimane invece il medesimo nel corso del tempo: la massimizzazione del profitto. Anche la verifica empirica non offre conclusioni univoche circa la superiorità di uno dei due tipi di assetti proprietari. Sarno (1994) ha svolto una ricerca relativa ad un campione di imprese privatizzate nel corso degli anni Ottanta. L analisi comparata mostra come le scelte 113

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/98 delle combinazioni produttive non differiscano molto tra le imprese pubbliche e quelle private (sebbene le imprese pubbliche mostrino un maggiore utilizzo del fattore lavoro, tale differenza non è statisticamente significativa). In altri termini la verifica empirica indica una sostanziale efficienza economica dei processi produttivi utilizzati dalle imprese pubbliche; ciò che distingue l impresa pubblica è invece l adozione di una scala della produzione sistematicamente eccessiva rispetto alle effettive possibilità di collocamento del prodotto ed agli sbocchi di mercato. L impresa pubblica appare quindi sovradimensionata rispetto alle corrispondenti imprese private: gli investimenti finalizzati all ampliamento delle sue capacità produttive corrispondono ad una sovracapitalizzazione e ad un uso eccessivo dell indebitamento a lungo termine. I rendimenti sul capitale delle imprese pubbliche sono di conseguenza assai modesti relativamente ai principali indici di redditività a conferma che la gestione delle imprese pubbliche non tende unicamente verso la massimizzazione del profitto. Lo Passo (1997) viceversa dimostra che, nella misura in cui i vincoli di bilancio diventano stringenti, anche le imprese pubbliche mirano alla massimizzazione dei profitti, mostrando un grado di efficienza economica pari a quello dei loro corrispettivi privati. Egli infatti esamina alcuni indici di rendimento e di efficienza delle principali società affiliate ai gruppi IRI, ENI ed EFIM relativamente a due sottoperiodi. Dal 1978 al 1987, fase in cui tali imprese godevano di una sorta di soft budget contraint grazie ai conferimenti in conto capitale od alla garanzia prestata dallo Stato sui debiti da esse contratti, l ipotesi tradizionale circa l inefficienza e scarsa redditività delle imprese pubbliche viene confermata. Nel triennio , in cui si riduce l assistenza finanziaria dello Stato, le imprese partecipate mostrano un significativo recupero di competitività, tale da riportare il loro grado di efficienza in linea con i rispettivi comparables privati. Se ne deriva che il processo di privatizzazione può essere inteso come una (quasi) irreversibile imposizione di stringenti vincoli di bilancio ad imprese che altrimenti avrebbero perseguito finalità politiche. Piuttosto che in fondamenti teorici, che ispirano una strategia di recupero di efficienza e concentrazione della presenza pubblica su punti strategici fondamentali per il governo dell economia, le ragioni del corrente processo di privatizzazione in Italia possono essere rinvenute nel tentativo di ridurre la crescita del debito pubblico tramite i proventi delle dismissioni. Questo obiettivo di finanza pubblica è tuttavia raggiungibile solo se l introito netto della vendita, sommato agli oneri della precedente gestione pubblica, eccede i costi-opportunità di tale azione, costi-opportunità pari alla somma di: i) eventuali utili, dividendi e potenzialità di guadagno in conto capitale a cui si rinuncia contestualmente alla cessione dell impresa; ii) costi di collocamento e cessione; iii) costi per il successivo monitoraggio e regolazione dell attività privatizzata. 114

5 C. KRUSICH - A. LOTTI - M. ROSSI, LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI Le privatizzazioni non possono sostituirsi alle politiche fiscali di risanamento, tranne l importante eccezione dovuta al caso in cui il tasso di interesse sui titoli di debito pubblico sia maggiore rispetto al saggio di rendimento dello stock di capitale pubblico, circostanza questa tutt altro che improbabile, sia sul piano teorico, stante la ricordata molteplicità di obiettivi delle imprese pubbliche (che non si limitano alla semplice massimizzazione del profitto), che sul piano empirico, vedasi la storia dei rendimenti dei titoli in Italia nel recente passato. Le privatizzazioni possono infine sortire effetti benefici sulla finanza pubblica qualora la conseguente riduzione dello stock di debito da rifinanziare consenta un minor tasso di remunerazione sul restante debito. Questo effetto tuttavia richiede che la curva di domanda dei titoli pubblici sia inclinata negativamente, e ciò a causa dell inefficienza dei mercati finanziari, dovuta a segmentazioni del mercato o comunque imperfetta sostituibilità tra i titoli. Circa i metodi di privatizzazione, essi possono essere distinti in due fondamentali categorie: l Offerta Pubblica di Vendita (OPV) e la vendita diretta tramite Trattativa Privata con gli acquirenti. Esistono inoltre altre tipologie comunque riconducibili a varianti o combinazioni dei suddetti principali metodi. L Offerta Pubblica di Vendita richiede la determinazione e pubblicizzazione dei seguenti parametri: 1) ammontare della dismissione; 2) prezzo di collocamento; 3) tetti massimi di proprietà individuale delle azioni; 4) soggetti incaricati della vendita; 5) sistema di incentivi. Il capitale sociale in vendita può consistere nella totalità delle azioni, in un pacchetto di controllo, nella cessione di una significativa minoranza o di altre quote minori. Si possono poi pianificare modalità di privatizzazioni incrementali (dismissioni effettuate tramite successive tranche), le quali possono consentire una migliore valutazione del prezzo nelle successive OPV, e magari riscuotere gli introiti di eventuali aumenti dei corsi azionari intervenuti nel frattempo. La determinazione del prezzo di collocamento è particolarmente difficile qualora si tratti di emissioni primarie o di società conglomerate complesse. In particolare, non mirando le imprese pubbliche unicamente alla massimizzazione del profitto, l utilizzazione di un metodo reddituale di stima del valore di mercato delle stesse (fondato sull attualizzazione dei redditi attesi dell impresa, magari proiettandone i rendimenti passati nel futuro) può essere in tal caso inadatto. Inoltre è necessario valutare l impatto sul mercato dell operazione di collocamento. In generale, la probabilità che una singola collocazione di un grosso lotto di azioni concentrata in un ristretto intervallo di tempo possa indebolire il valore di mercato di quei titoli è tanto più alta quanto più quest ultimo è piccolo e scarsamente diversificato (come la Borsa valori di Milano). Può in tal caso risultare preferibile esercitare una (almeno parzia- 115

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/98 le) tender offer al posto (od al fianco) della offer for sale (offerta di vendita ad un prezzo fisso predeterminato). La tender offer consiste nella preliminare raccolta delle richieste di acquisto coniugate al relativo prezzo, nella successiva fissazione dello striking price (cioè prezzo di equilibrio tra domanda ed offerta), ed infine nella collocazione delle azioni al suddetto valore. Questo metodo riesce meglio a definire il prezzo di mercato del titolo privatizzando rispetto ad una operazione di stima da parte di esperti. Ma non consente alcuna politica redistributiva, cioè non dà modo di perseguire alcuna strategia circa gli assetti proprietari desiderati (sub 3). Accenniamo al proposito alla diffusa pratica di underpricing (sottovalutazione) inerente alla maggior parte delle privatizzazioni effettuate (non solo in Italia). Esso può consistere in una sorta di incentivo (sub 5) alla diffusione della proprietà verso determinate categorie di acquirenti (solitamente piccoli risparmiatori o dipendenti) altrimenti scarsamente interessati a tale forma di investimento. L underpricing, legato ad obiettivi di tipo redistributivo sugli assetti proprietari, è di entità proporzionale alla presenza di asimmetrie informative a sfavore dei piccoli azionisti ed alla incertezza del contesto istituzionale relativo all impresa privatizzata, mentre è inversamente proporzionale al grado di efficienza del mercato ed alla credibilità del processo di privatizzazione. Inoltre, questo sconto dipenderà dall ammontare assoluto del volume della collocazione relativamente alle capacità di assorbimento del mercato. La partecipazione di investitori istituzionali all operazione di collocamento può in un certo modo rassicurare i piccoli investitori e quindi ridurre lo sconto necessario all incentivazione dell investimento dei loro risparmi. I sistemi di incentivi (fiscali, normativi o finanziari) possono essere differenziati per categorie di acquirenti. Un sistema di incentivi è particolarmente necessario qualora si voglia indirizzare la struttura proprietaria dell impresa privatizzanda verso un particolare assetto (sub 3). Ad esempio la costituzione di public companies richiede la partecipazione di un gran numero di piccoli azionisti che devono essere incentivati all acquisto dei titoli in vendita, magari dalla possibilità di ottenere forti capital gains (sub 2). La modalità di vendita tramite Trattativa Privata, alternativa alla OPV, è in Italia attualmente permessa solamente dove ricorrano interessi pubblici di particolare rilevanza (delibera CIPE del 30/12/1993), intendendo con ciò particolari obiettivi di politica industriale, finanziaria od occupazionale. Difatti la scarsa trasparenza rimane un grave difetto di questo metodo di vendita. La vendita di un pacchetto di controllo fuori dal mercato può tuttavia permettere l ottenimento di un premio di maggioranza, derivante dalla contrattazione diretta con l acquirente, surplus che difficilmente sarebbe estratto da relazioni di mercato. Si ricorda inoltre che il trasferimento di un large block contiene 116

7 C. KRUSICH - A. LOTTI - M. ROSSI, LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI aspetti estremamente rischiosi, poiché anche lievi variazioni di prezzo possono comportare notevoli perdite in conto capitale (in valore assoluto). La conseguente difficoltà di reperire intermediari disposti ad accollarsi tali rischi, ovvero l elevato costo di intermediazione, può costituire una ulteriore ragione per cui si preferisce effettuare lo scambio di rilevanti pacchetti azionari fuori dal mercato, tramite una negoziazione diretta. L utilizzo di strategie miste può talvolta risultare preferibile alle suddette modalità di vendita. In particolare la combinazione di una iniziale vendita di large blocks e di una successiva OPV può consentire: a) la formazione guidata di un nocciolo duro di azionisti di controllo, che forniscano garanzie sull integrità degli assetti proprietari e sulla politica industriale perseguita; b) la riscossione di un premio per la cessione del controllo ad un insieme ristretto di azionisti; c) la riduzione della residua quota proprietaria su cui si esercita un underpricing destinato ad incentivare la partecipazione dei piccoli azionisti. Si ricorda infine che i processi di privatizzazione richiedono un assetto legale ed istituzionale evoluto ed efficiente a garanzia della trasparenza delle operazioni e della tutela dell investimento azionario. La sostanziale assenza di tale contesto nell ambito del mercato mobiliare italiano suggerisce l utilità del cross-listing seguita ad esempio da FIAT, ENI ed INA. La quotazione parallela sul mercato nazionale e su quello di Wall Street impone all impresa di sottoscrivere le norme di condotta proprie del mercato americano, che prevedono un controllo più severo e maggiore tutela degli azionisti. La mancata osservanza di tali regole comporterebbe sanzioni da parte della SEC (Security and Exchange Commission) che indurrebbero un conseguente crollo sul piano finanziario e della reputazione. In questo modo, dunque, si supera l inerzia dei legislatori domestici e si impongono indirettamente sistemi di regole e di enforcement più efficaci del nostro. La scelta, infine, dei soggetti incaricati di gestire le operazioni di vendita deve rispondere a criteri di efficienza operativa e tecnica. L economicità nella prestazione del servizio di assistenza alla vendita è particolarmente importante nel caso di cessione direttamente sul mercato, in cui la conduzione della trattativa assume minore importanza rispetto alla minimizzazione dei costi di transazione (commissioni, ecc.). La capacità di analisi tecnica nella valutazione del valore di mercato dell impresa, e la abilità di incrociare l offerta con le domande dei più adatti ed interessati acquirenti sono invece le qualità necessarie dei soggetti (advisors, coordinators, ecc.) incaricati di gestire le operazioni nel caso di collocamento delle imprese sul mercato primario o di conduzione della vendita tramite trattativa diretta. Illustriamo quindi le dismissioni già effettuate dal Tesoro e forniamo un riepilogo delle restanti partecipazioni pubbliche in imprese SpA. Il processo di privatizzazione in Italia ha avuto praticamente 117

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/98 inizio nel 1993, anche grazie al DL 11 luglio 1992, n. 333, convertito dalla Legge 8 agosto 1992, n. 359 che trasformava gli enti pubblici economici in società per azioni attribuendo al Ministero del Tesoro la titolarità delle relative azioni, e da allora è proceduto con ritmi abbastanza sostenuti. Limitandoci infatti alle principali operazioni, i ricavi complessivi delle vendite ammontano a quasi 70 mila miliardi. I settori di appartenenza delle imprese privatizzate, così come le procedure di vendita, sono stati assai vari. Variegato è pure l insieme delle restanti partecipazioni pubbliche, anche se le principali poste (dal punto di vista del valore di mercato della partecipazione pubblica) possono essere rinvenute nell ENI, ENEL, FS, STET, IRI, INA, BNL e Mediocredito Centrale. Altre partecipazioni, come quella nel Banco di Sicilia, benché formalmente consistenti sembrano attualmente assai poco appetibili dal mercato. Mentre riportiamo in Appendice una lista completa delle privatizzazioni compiute dal 1993, segnaliamo come tale processo sia stato assai concentrato: le principali dieci operazioni che hanno riguardato Telecom, ENI, INA ed i principali istituti bancari, ammontano ad un controvalore di oltre 68 mila miliardi, cioè oltre due terzi dei complessivi ricavi dell intero processo di dismissione delle partecipazioni pubbliche in Italia (Tabella 1). Tabella 1 Le dieci maggiori privatizzazioni Operazione Ricavi (miliardi) Telecom ENI (III tranche) ENI (II tranche) ENI (I tranche) INA (I tranche) INA (III tranche) Comit ILVA laminati Piani Credito Italiano IMI (I tranche) Totale Le modalità di cessione utilizzate dal 1993 al 1997 sono riconducibili a due: le operazioni di minore dimensione sono state condotte tramite Trattativa Privata; le principali privatizzazioni sono state invece collocate direttamente sul mercato tramite OPV oppure Offerte Globali di Vendita, ovvero Offerte Pubbliche di Vendita accom- 118

9 C. KRUSICH - A. LOTTI - M. ROSSI, LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI pagnate da trattative private finalizzate alla formazione di un nucleo stabile di azionisti istituzionali. Il ricorso all emissione di titoli più complessi (Obbligazioni Convertibili e Warrant) è stato assai meno frequente, ma comunque utilizzato per operazioni di un consistente importo unitario (Tabella 2). Tabella 2 Metodi di privatizzazione utilizzati in Italia Metodo Ricavi Quota perc. Valore medio Numero di (miliardi) sul totale operazioni operazioni Tratt. Privata OPV Obbl. Conv Offerta globale Altro Totale Nelle Tabelle 3 e 4 riportiamo lo stato corrente delle partecipazioni azionarie del Ministero del Tesoro e l evoluzione storica delle sue principali componenti. Tabella 3 Partecipazioni azionarie del Ministero del Tesoro (ottobre 1997) Industria - Servizi % IRI 100,00 ENI 69,18 INA * 34,38 ENEL 100,00 FS 100,00 Ente Cinema 100,00 Consap 100,00 FIME 71,00 Insud 97,00 GEPI 100,00 Società Gest. Impianti Idrici 100,00 Italstrade (in fallimento) 100,00 Banche % IMI 0,68 BNL 85,52 Coopercredito 14,42 (segue) 119

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/98 (segue) Banche % Banca CIS 46,27 Isveimer (in liquidazione) 33,18 Melioconsorzio 7,32 Mediocredito Centrale 100,00 Mediocredito Friuli 34,01 Mediovenezie 0,22 Mediocredito Umbria 6,86 Mediocredito di Roma 1,59 Mediocr. Fond. Centroitalia 3,39 Mediocredito Toscano 6,51 Mediocredito Abruzzese 24,22 Mediocredito del Sud 21,95 N.B. Altre società, poiché in liquidazione, sono di competenza della Ragioneria Generale dello Stato, IGED. Tabella 4 Principali partecipazioni % del Tesoro Società IRI 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 ENI 100,00 100,00 100,00 85,00 69,18 ENEL 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 FS 100,00 100,00 100,00 100,00 100,00 INA 100,00 100,00 52,75 34,38 34,38 Ente Cinema 0,00 100,00 100,00 100,00 100,00 Consap 0,00 100,00 100,00 100,00 100,00 IMI 50,00 50,00 22,55 8,07 1,13 STET 0,00 0,00 0,00 0,00 61,27 Fonte: Dati cortesemente forniti dal Ministero del Tesoro. 2. Analisi delle principali privatizzazioni italiane In questa seconda sezione si illustrano più dettagliatamente le operazioni di dismissione delle principali partecipazioni pubbliche italiane dal al fine di studiare la redditività di tali investimenti per gli acquirenti privati viene utilizzato un diffuso modello di valutazione dei rendimenti azionari, il Capital asset Pricing Model (più brevemente CAPM), in cui i titoli vengono analizzati in un approccio di diversificazione di portafoglio utile a ponderarne la redditività relativamente alla rischiosità. 120

11 C. KRUSICH - A. LOTTI - M. ROSSI, LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI 2.1. Credito Italiano La cessione del Credit si è realizzata nel dicembre del 1993, nell ambito di un disimpegno dal settore bancario che ha interessato anche IMI e Comit. La quota detenuta dall IRI ammontava, prima di quella data, al 58,1 per cento; a seguito dell operazione di Offerta Globale (OPV e trattativa diretta) si è ridotta al 3,3 per cento. Gli acquirenti tramite OPV sono stati , ed hanno acquisito il 29,6 per cento del capitale totale della banca. Il prezzo loro proposto è stato di lire. Stesso prezzo è stato accordato anche agli investitori istituzionali. Le richieste, 300 mila, hanno di gran lunga superato le offerte, non solo grazie al consueto lancio pubblicitario tramite i media, ma soprattutto grazie al non irrilevante underpricing rispetto alla quotazione di Borsa. Nella dismissione del Credit è stata inoltre adottata la soluzione di una bonus share per invogliare gli acquirenti, che ha riguardato il 3,3 per cento del capitale sociale. I ricavi della dismissione sono stati di miliardi di lire, a cui si devono sottrarre i 73,6 miliardi di spese di cessione. Dalla fine del 1994, le quotazioni azionarie del titolo Credit hanno subito una diminuzione che ha portato il loro livello medio al di sotto del prezzo di vendita. Ciò vuol dire che i sottoscrittori, nonostante l underpricing proposto nell OPV, hanno a lungo subito una perdita in conto capitale. Negli ultimi mesi si è invece assistito ad una decisa inversione di tendenza: la quotazione del titolo ha ampliamente superato il valore del prezzo di privatizzazione ed il suo corso continua a crecere ben oltre il generale andamento al rialzo del mercato azionario (Tabelle 5-6 e Figura 1). Si può supporre che il periodo di basso rendimento si possa identificare con il tempo necessario a integrare il Credit con la nuova situazione gestionale. Non bisogna dimenticare, però, che più del 30 per cento della società era già in mano ai privati e che la nuova struttura proprietaria non può aver portato immediate e profonde modifiche. Viceversa, l IRI ha probabilmente sfruttato il momento adatto per vendere la sua partecipazione. Le quotazioni stavano scendendo già da qualche tempo durante il 1993 e la cessione, realizzata di fretta, ha Tabella 5 Credito Italiano Corso azionario medio Rendimento (conto capitale e dividendi) 18,60 1,51 7,9 178,7 Deviazione Standard 980,0 173,2 165,4 821,3 N. B. Per il 1997 i dati si riferiscono fino al 31/10/

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/98 Tabella 6 Credito Italiano (12/1993) Prezzo di collocamento Ricavi lordi (miliardi) corso data differenza percentuale dal prezzo di dismissione Quotazione massima del titolo Credit dopo la dismissione /05/94 30,4 Quotazione minima del titolo Credit dopo la dismissione /10/96 25,5 Quotazione media nel mese di cessione dicembre ,3 Fig. 1 Credit, prezzo di dismissione e corso azionario permesso di spuntare un prezzo ancora buono, prima che il valore scendesse ai livelli propri degli anni A partire dalla primavera del 1997, più che in linea con l andamento rialzista del mercato azionario, il Credit ha ottenuto degli aumenti in conto capitale così rilevanti che hanno mutato il senso del- 122

13 C. KRUSICH - A. LOTTI - M. ROSSI, LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE: UNA ANALISI le precedenti considerazioni sulla redditività del titolo. Fino al maggio del 1997 i mancati rendimenti dovuti alla dismissione della sua partecipazione nel Credit erano stati inferiori od uguali al costo del debito risparmiato dal Tesoro relativamente ad un BTP emesso nel periodo della privatizzazione. La successiva impennata del titolo ha completamente mutato la scena, ed alla fine di ottobre 1997 si poteva registrare uno scarto di circa novanta punti percentuali tra il rendimento del titolo Credit (127 per cento) ed il montante del suddetto titolo di debito pubblico (circa il 34 per cento). Analisi dei rendimenti del titolo Credit in un approccio di portafoglio (CAPM) Grazie alla suddetta impennata nella quotazione del titolo Credit, quello che per gli aderenti alla OPV era fino ad allora stato un pessi- Legenda E (Credit) = Rendimento atteso del titolo Credit in base al CAPM. R (Credit) = Rendimento del titolo Credit. X (Credit) = Rendimento in eccesso del titolo Credit (differenza tra rendimento effettivo del titolo e rendimento atteso). N. B. Le quotazioni del titolo Credit si riferiscono ai corsi di chiusura settimanale fino al 31/10/1997. Quale proxi del rendimento di un titolo privo di rischio è stato considerato il rendimento del Buono Poliennale del Tesoro emesso il 17/1/1994 (all indomani della prima privatizzazione del Credito Italiano) e con scadenza 1/1/1999. Fig. 2 Credit, rendimenti del titolo 123

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati L Evoluzione del Listino: società e titoli quotati Nel biennio 1997-98 la Borsa italiana ha compiuto importanti progressi, in termini sia di dimensione complessiva che di livello qualitativo del listino.

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

La relazione sulle privatizzazioni

La relazione sulle privatizzazioni MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Aprile 2003 Stampa: ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO MINISTERO DELL EcONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO (AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 3, DELLA LEGGE 27 OTTOBRE 1993 N. 432) Nel 2003 il Ministero dell economia

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 Gli iscritti Al gli iscritti a Telemaco sono pari a 63.308 con una riduzione di -1.051 unità (-1,6%) rispetto ai 64.359 iscritti della fine del 2010. Nell anno le nuove adesioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 La tassazione delle attività finanziarie 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile -

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112 Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Capitale sociale al 31/12/10: Euro 49.517.389,44 Sede legale in Bologna, Piazza Galvani, 4 Iscritta al Registro delle Imprese di Bologna al n. 00415760370

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Il Mercato Finanziario Il mercato finanziario è il complesso delle emissioni e delle negoziazioni che hanno come oggetto strumenti

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "B.C.C. DI FORNACETTE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Emissione n. 276 B.C.C. FORNACETTE 2011/2013 T.F. 3,43% ISIN IT0004690530 Le presenti

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht 23 aprile 2007 Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht Aprile 2007 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

31. Piani di incentivazione a base azionaria

31. Piani di incentivazione a base azionaria 31. Piani di incentivazione a base azionaria Dal 2000 al 2008 sono stati implementati con cadenza annuale in ambito aziendale piani a base azionaria (ossia, piani di stock option e piani di restricted

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Alternative Fund 1 Alternative Fund 2 Alternative Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla

Dettagli

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali 1 RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali Il mercato dei capitali 2 E costituito dalla incontro tra domanda e offerta di capitali, in esso ha luogo la fissazione del prezzo dei capitali rappresentato

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A

SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A Comunicato stampa SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A seguito della scissione parziale di INA lancia l OPA totalitaria sulle azioni ordinarie di Banco di Napoli Torino, 13 giugno 2000 - Il

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO VARIABILE Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO VARIABILE CON POSSIBILITA DI FLOOR E/O CAP IT000479248/4 RovigoBanca 26/07/2014 Tasso

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Test ingresso lauree magistrali_mgm

Test ingresso lauree magistrali_mgm 1. Un debitore risponde delle sue obbligazioni: Test ingresso lauree magistrali_mgm a. con tutti i suoi beni presenti e futuri b. solo con i beni oggetto di specifica garanzia reale c. con tutti i beni

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Direzione Tecnica Vita Sistema di Offerta Vita e Previdenza Documento Commerciale ad uso interno. Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0

Direzione Tecnica Vita Sistema di Offerta Vita e Previdenza Documento Commerciale ad uso interno. Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0 Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0 Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 1 La Gestione Separata è un Fondo, costituito da un insieme di Attività Finanziarie, gestito dalla Compagnia di Assicurazioni

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire)

RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire) RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire) RISERVE TECNICHE Totale riserve tecniche di cui all art. 32 L. 22/10/1986 n. 742 Quote

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B-10 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di obbligazioni Banca di Credito Cooperativo OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 01/02/2010 01/02/2013 2,00%

Dettagli