La Massimizzazione del Valore come Esplicitazione degli Obiettivi Economici dell Impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Massimizzazione del Valore come Esplicitazione degli Obiettivi Economici dell Impresa"

Transcript

1 La Massimizzazione del Valore come Esplicitazione degli Obiettivi Economici dell Impresa Corso di Economia e Gestione delle Imprese, Università degli Studi di Pavia, aprile 202 Riferimento Bibliografico: E. COTTA RAMUSINO, A. ONETTI: Strategia d Impresa; Il Sole 24Ore, Appendice 2.5

2 Le Due Prospettive di Misurazione delle Performance Aziendali Massimizzazione del Profitto Massimizzazione del Valore L unica dimensione di misurazione della performance è data dal livello di redditi prodotto (a parità di capitale impiegato) Indicatori Return on Equity (Roe) Return on Investment (Roi) Funzione de: a) I redditi prodotti b) Il rischio associato ai redditi (operativo e finanziario) c) Le opportunità di crescita futura dei redditi Indicatori Performance a Valore Prospettiva Contabile Prospettiva Finanziaria 2

3 La Prospettiva del Manager Finanziario Stato Patrimoniale Ottimizzazione Investimenti Attività Nette Debito - A Breve Termine - A Lungo Termine Struttura Finanziaria Patrimonio Netto Creazione di Valore 3

4 Il Bravo manager finanziario: il caso Apple Apple Inc. $ 56, x $ 3, 0 4

5 Il Valore di Mercato differisce dal Valore Contabile: il caso Apple SP a Valori Contabili 20 - Apple Attivo Contabile 86,7 bn Market Cap / Patrimonio Netto Contabile = 6,4x Debito 29,6 bn PN Contabile 57,3 bn = SP a Valori di Mercato 20 - Apple Valore di Mercato dell Attivo 39,4 bn Debito 29,6 bn Market Cap 36,8 bn Market Cap = Capitalizzazione di Borsa = n Azioni x Prezzo per Azione = Valorizzazione del Patrimonio Netto nella Prospettiva del Mercato Finanziario (Investitori) 5

6 La scomposizione dello Stato Patrimoniale a Valore di Mercato SP a Valori di Mercato Opportunità di Crescita Valore Futuri Investimenti Debito Netto a valori contabili Assets in Place Intangibili formati internamente (Es: Brand Apple) Plusvalenze su Att. Nette Iscritte a Costo Storico Attivà Nette di Bilancio a Costo Storico Delta Valore di Patrimonio Netto Patrimonio Netto Contabile (equity) Valore di Mercato dell Equity 6

7 E possibile generare valore tramite la gestione attiva degli investimenti? Il caso Berkshire Hathaway The ideal standard for measuring our yearly progress would be the change in Berkshire s per-share intrinsic value. Alas, that value cannot be calculated with anything close to precision, so we instead use a crude proxy for it: per-share book value. [ ] In aggregate, our businesses are worth considerably more than the values at which they are carried on our books. In our all-important insurance business, moreover, the difference is huge. Even so, Charlie and I believe that our book value understated though it is supplies the most useful tracking device for changes in intrinsic value. By this measurement, as the opening paragraph of this letter states, our book value since the start of fiscal 965 has grown at a rate of 20.3% compounded annually Warren Buffet, Letter to shareholders of Berkshire Hathaway, Il prezzo di una azione Berckshire nel 984 era pari a 293$. Il , pochi giorni prima del punto di minimo degli indici di borsa dell attuale crisi finanziaria, il prezzo di Berkshire era pari a $ (Per un ritorno medio del 8,4% rispetto a un ritorno medio dell indice S&P 500 pari al 5,98%). 7

8 Il Cattivo manager finanziario: il caso Lehman Brothers 90.0 Lehman Brothers Holdings Inc. $ 82, Crack Lehman 5 sett x -00% $ 4,

9 Il Valore di Mercato differisce dal Valore Contabile: il caso Lehman Brothers SP a Valori di Mercato Lehman Brothers Attivo a Valore di Mercato $ 639 bn Debito $ 768 bn (Valore di Mercato del Debito = $ 639 bn) Mkt Cap. $ 0 (mai < 0) 9

10 Lo Stato Patrimoniale 0

11 La Sua Riclassificazione (Pertinenza Gestionale) ATTIVO CIRCOLANTE - Attività liquide - Attività che non costituiscono immobilizzazioni - Crediti verso clienti - Altri crediti - Ratei e risconti attivi - Magazzino ATTIVO FISSO - Immobilizzazioni materiali - Immobilizzazioni immateriali - Immobilizzazioni finanziarie PASSIVITA GESTIONALI - Debiti verso fornitori e acconti da clienti - Debiti tibutari e previdenziali - Altri debiti - Ratei e risconti passivi - Fondo TFR altri fondi PASSIVITA FINANZIARIE - Debiti verso banche e altre istituzioni finanziarie - Debiti rappresentati da titoli emessi sui mercati finanziari - Debiti verso soci e altri finanziatori CAPITALE (O PATRIMONIO) NETTO - Capitale sociale - Riserve delle varie specie - Utile d esercizio TOTALE ATTIVO = CAPITALE INVESTITO LORDO (CI)

12 Il Conto Economico 2

13 La Sua Riclassificazione (a Valore Aggiunto) + VALORE DELLA PRODUZIONE (VP) -COSTO BENI E SERVIZI ACQUISTATI DA TERZI (voci 6, 7,8, e 4) = VALORE AGGIUNTO (VA) -COSTO DEL PERSONALE (voce 9) = MARGINE OPERATIVO LORDO (MOL) -AMMORTAMENTI,SVALUTAZIONI E ACCANTONAMENTI (voci 0,2, 3) = UTILE OPERATIVO (UO) +PROVENTI FINANZIARI ONERI FINANZIARI +/-RETTIFICHE DI VALORE DI ATT. FINANZ. Valore monetario della produzione realizzata nell esercizio Remunerazione di terze economie per l acquisizione di fattori produttivi Maggior valore conferito dall impresa ai fattori acquisiti dall esterno; residuo disponibile per la remunerazione dei fattori della produzione Remunerazione del fattore lavoro Margine operativo al lordo del reintegro del capitale fisico Reintegro del capitale fisso, svalutazioni durevoli di attività, accantonamenti a presidio del rischio Reddito della gestione operativa (core business dell impresa) Remunerazione delle passività finanziarie (capitale finanziario di terzi) = REDDITO GESTIONE CARATTERISTICA +/-COMPONENTI STRAORDINARI DI REDDITO = UTILE ANTE IMPOSTE (UAI) - IMPOSTE = UTILE NETTO (UN) Reddito della gestione caratteristica Impatto della gestione extra-caratteristica Base imponibile per la determinazione delle imposte Remunerazione dello stato per l utilizzo dei beni pubblici Remunerazione dei portatori di capitale di rischio 3

14 Indici di redditività ROS CAPITAL TURNOVER ROI = UO CI UO VP VP CI OPERATIVA OBIETTIVI INDICI DI REDDITIVITA D IMPRESA NETTA ROE = UN CN 4

15 Indici di Redditività: il Roe 5

16 segue 6

17 La Redditività Operativa (Roi) ROI UO CI I driver della Redditività UO VP VP x CI Return On Sales (ROS) Capital Turnover o indice di rotazione del capitale 7

18 Scomposizione per aree di business Nelle imprese multidivisionali, la redditività operativa corrisponde alla media ponderata della redditività delle singole divisioni: n UO CI div ROI ROI div x CI CI CAMPARI Segment reporting 200 div Spirit Wine Soft drink Altre attività Totale allocato Totale Vendite nette 867,4 75,0 98,5 3, 63,0 63,0 Margine di settore 375,4 46,9 39, 2,2 463,6 463,6 Costi di struttura 57,2 9,6 6,4 0,9 94, Imposte 6,7 7,7 6,4 0,4 76,2 Reddito operativo netto 56,5 9,6 6,3 0,9 93,3 Attività operative (AO) 93,9 279,0 32,6 2225,5 265, Redditività di divisione 8,2% 7,0% 50,0% 8,69% ROI UO Post imposte CI 93,3 2225,5 8,69% ROI 8,2 x 0,860 7,0 x0,2550,0 x0,04 8,64% 8

19 Le curve iso-roi Combinazioni ROS e turnover che generano la stessa redditività CT 4 3 A A B ROI 0% 0% ROS 2,5% 40% CT 4 0,25 2 0% 20% 30% 40% B ROS A. Taglio dei costi 2. Aumento dei prezzi B. Riduzione capitale impiegato 2. Incremento vendite 9

20 Analisi inter-settoriale ROS e Capital Turnover (USA, ) 20

21 ROS Media Analisi intra-settoriale (abbigliamento) 40.0% 35.0% 30.0% ROI Coach 25.0% Hermes Folli-Follie Piquadro 20.0% 5.0% 0.0% Swatch LVMH Tod's Richemont Tiffany Benetton Bulgari PPR Polo Ralph Lauren VF Corp. Phillips-Van Heusen Geox Burberry Guess? Hugo Boss Timberland Gap 5.0% Antichi Pellettieri Aeffe 0.0% Turnover Media

22 I limiti degli indicatori contabili di Performance () LE RAGIONI DELLA VARIABILITA DEL ROE ROE UN CN ROE UN CN ROI D ( ROI i) ( t) CN 22

23 ROE ROI i ROI - i D/Cn ( t) 6, ,5 7, ,5 0, ,5 8, ,5 0,5 9, ,5 0, ,5 0, ,5 ROE ROI i ROI - i D/Cn ( t) 6, ,5 8, ,5 23

24 ROE ROI i ROI - i D/Cn ( t) 6, ,5 7, ,5 ROE ROI i ROI - i D/Cn ( t) 6, ,5 8, ,65 24

25 I limiti degli indicatori contabili nella misurazione della performance (2) I CONCETTI DI - LEVA OPERATIVA (MISURAZIONE DEL RISCHIO OPERATIVO DELL IMPRESA); - LEVA FINANZIARIA (MISURAZIONE DEL RISCHIO FINANZIARIO DELL IMPRESA); - LEVA TOTALE (MISURAZIONE DEL RISCHIO TOTALE DELL IMPRESA) IL RISCHIO E INTESO COME VARIABILITA DEI RENDIMENTI (E DEI RISULTATI AZIENDALI) 25

26 LE DETERMINANTI DEL RISCHIO DI BUSINESS 26

27 Le Determinanti del Rischio di Business: La Ciclicità dei Ricavi e la Leva Operativa Il rischio operativo di una impresa dipende dalla volatilità del risultato operativo d impresa, misurabile in termini relativi rispetto alla volatilità dei risultati operativi aggregati del mercato nel suo insieme. La variabilità del risultato operativo di una impresa è data da due determinanti: a) La variabilità dei ricavi d impresa rispetto ai ricavi aggregati del sistema (il PIL) tale variabilità definisce il c.d. grado di ciclicità dei ricavi b) La variabilità dei costi d impresa rispetto ai ricavi d impresa. Poiché la variabilità dei costi di natura variabile è identica a quella dei ricavi, la variabilità dei costi è data dal livello di costi fissi. Un elevata presenza di costi fissi espone l impresa a fluttuazioni del risultato operativo più elevate rispetto ad una con soli costi di natura variabile. Tale variabilità definisce il c.d. grado di leva operativa Rischio di Business Ciclicità dei Ricavi Leva Operativa La volatilità del risultato operativo di una impresa è tanto più elevata tanto più i suoi ricavi dipendono dalla dinamica dell economia generale La volatilità del risultato operativo di una impresa è tanto più elevata tanto più elevati sono i suoi costi fissi rispetto ai costi variabili ed ai ricavi 27

28 La Ciclicità dei Ricavi: un Esempio 28

29 Retail and luxury goods Goldman Sachs Global Investment Research, 26 nov 2009 we believe that the fundamental drivers of growth are weakest in Local Discretionary companies, which have the highest proportion of sales to domestic consumer markets. Nevertheless, we expect these companies to experience a steep earnings recovery as they can grow margins from a low base as demand returns owing to their significant operating leverage. In the medium term, however, we do not expect the demand outlook to be strong enough to improve returns above historical levels. Nonostante un consistente saggio di crescita atteso del reddito operativo, il rating era stato: neutral per 2 società sell per 5 (di cui tre presentavano una crescita del reddito operativo superiore all 80%) buy solo per 5. Perché? Come deve essere interpretato il significant operating leverage? 29

30 L Elasticità del Reddito Operativo IL BREAK-EVEN POINT (O PUNTO DI EQUILIBRIO ECONOMICO) RAPPRESENTA IL LIVELLO DI FATTURATO IN CUI L EBIT È NULLO: BEP fatturato Costi fissi Costi var iabili vendite IL GRADO DI LEVA OPERATIVA MISURA L ELASTICITÀ DEL REDDITO OPERATIVO RISPETTO A VARIAZIONI INTERVENUTE NEL FATTURATO (QUANTITÀ VENDUTE E PREZZO DI VENDITA): GLO UO/ UO VP / VP Q( P V ) Q( P V ) CF HP: l unica fonte di incertezza è rappresentata dai volumi di vendita, mentre prezzo di vendita e costo variabile unitario rimangono costanti. L esistenza di capacità produttiva non utilizzata è alla base della stabilità dei costi fissi. 30

31 L Effetto Esercitato dai Costi Fissi sul Rischio di una Società Si ipotizzino due società operanti nel settore del risparmio gestito (Alfa e Beta), identiche sotto tutti i profili, fatta eccezione per il fatto che Beta da in outsourcing le proprie gestioni pagando una fee variabile rispetto alle masse in gestione, mentre alfa sostiene internalizza la gestione. Tra un anno e l altro le masse in gestione si riducono del 50% per effetto delle perdite realizzate dai mercati finanziari Ricavi = Commissioni di Gestione % x Asset Under Management Medi Annui Commissioni di Gestione % = 2% Commissioni di Retrocessione alla Rete Distributiva (=Rebates) = 70% x Comm. Gestione Anno Conto Economico Azienda Alfa Conto Economico Azienda Beta A) Asset Under Management Medi Annui 0,000 A) Asset Under Management Medi Annui 0,000 B) Com. Gestione % 2% B) Com. Gestione % 2% C) Ricavi = AUM x 2% = A x B 200 C) Ricavi = AUM x 2% = A x B 200 D) Aliquota di Retrocessione alla Rete 70% D) Aliquota di Retrocessione alla Rete 70% E) Commissioni di Retrocessione = C x D 40 E) Commissioni di Retrocessione = C x D 40 F) Margine di Intermediazione = C - E 60 F) Margine di Intermediazione = C - E 60 G) Costi del Personale (Backoffice + Gestori) 20 G) Costi del Personale (Backoffice + 0.2% AUM)20 H) Altre Spese Amministrative Legate H) Altre Spese Amministrative Legate alle Masse in alle Masse in 0.2% AUM = A x % AUM 0.2% 20 I) Depreciation & Amortization 0 I) Depreciation & Amortization 0 K) EBIT = F - G - H - I 20 K) EBIT = F - G - H - I 20 3

32 segue Alfa sopporta una maggiore variazione di EBIT per effetto del sostenimento di spese per il personale identiche a quelle sostenute nell anno (considerabili quindi alla stessa stregua di costi fissi). Beta invece, poiché è riuscita ad esternalizzare la gestione e riconoscere fee in base alle masse in gestione, è riuscita a ridurre tale spesa, riuscendo a conseguire un utile di 0. Beta ha quindi una variazione di utile operativo tra un anno e l altro inferiore a quella di alfa Anno 2 Azienda Alfa Azienda Beta A) Asset Under Management Medi Annui 5,000 A) Asset Under Management Medi Annui 5,000 B) Com. Gestione % 2% B) Com. Gestione % 2% C) Ricavi = AUM x 2% = A x B 00 C) Ricavi = AUM x 2% = A x B 00 D) Aliquota di Retrocessione alla Rete 70% D) Aliquota di Retrocessione alla Rete 70% E) Commissioni di Retrocessione = C x D 70 E) Commissioni di Retrocessione = C x D 70 F) Margine di Intermediazione = C - E 30 F) Margine di Intermediazione = C - E 30 G) Costi del Personale (Backoffice + Gestori) 20 G) Costi del Personale (Backoffice + 0.2% AUM)0 H) Altre Spese Amministrative Legate H) Altre Spese Amministrative Legate alle Masse in alle Masse in 0.2% AUM = A x 0 0.2% AUM 0.2% 0 I) Depreciation & Amortization 0 I) Depreciation & Amortization 0 K) EBIT = F - G - H - I 0 K) EBIT = F - G - H - I 0 vs EBIT = 20 Anno vs EBIT = 20 Anno 32

33 Valutazione delle Azioni 33

34 Il DDM: il caso di un investimento in azioni con holding period di anno Nella prospettiva di un azionista di minoranza con un orizzonte temporale di investimento pari ad un anno il flusso di cassa corrisponde a: a) Il dividendo atteso b) L incremento di prezzo che avrà il titolo acquistato (capital gain) Denotando con D = dividendo previsto ricevere P = prezzo alla fine del tempo P 0 = prezzo iniziale Il rendimento atteso per l azionista sarà pari a: D P P0 D P Rendimento atteso r P0 P0 P0 34

35 Un esempio Esempio: ALFA quota 00 per azione. Nelle aspettative del mercato (equity analysts) e dell acquirente si prevede vendere l azione a 05 tra un anno. Sia il dividendo distribuibile tra un anno pari ad 5. A quanto ammonta il rendimento atteso? Rendimento atteso r % 35

36 Derivazione del Prezzo al tempo 0 L equazione precedente può essere scritta come: Sulla base di questa notazione, il prezzo corrente dell azione (P 0 ) è rappresentato dal valore attuale dei flussi che l azione porterà agli azionisti e può essere individuato sulla base del dividendo distribuito all anno, del costo opportunità del capitale (r) e del prezzo all anno. r P D P P P D r P P D r

37 DDM: dal caso di un investimento in azioni con holding period pari ad anno al caso di holding period di 2 anni... Il prezzo a cui l azione potrebbe essere venduta al tempo sarà funzione de: a) I dividendi previsti ricevere all anno 2 (D 2 ) b) L incremento di prezzo (P 2 - P ) (capital gain) che avrà il titolo acquistato tra l anno e l anno 2 Si avrà che: Quindi: r P r D r D r r P D D r P D P r P D P

38 Poiché il medesimo approccio può essere utilizzato per il prezzo dell azione in qualunque momento t nel tempo, se si considera una vita dell impresa pari ad n anni sarà: n n t t n n n r P r D r P D... r D r D r D P n t...al caso pluri-periodale 38

39 ...al caso pluri-periodale Se fosse possibile prevedere all infinito i dividendi, il valore d impresa sarebbe dato dalla sommatoria dei dividendi distribuiti, attualizzati al costo del capitale. L unico flusso rilevante sarebbe il flusso di dividendi P P 0 0 n t n t Dt ( r) Dt ( r) t t Pn ( r) Pn ( r) Notiamo che anche se n non tende ad infinito il valore dell impresa è sempre dato dai soli dividendi: P n Dt ( r) t n t n n 39

40 Prezzo Azione E se un impresa non distribuisce dividendi? Il caso Microsoft Dividendo per Azione $ $6.00 $55.00 $5.50 $50.00 $5.00 $45.00 Prezzo Azione $4.50 $40.00 $4.00 $ $3.50 $ $3.00 $25.00 $20.00 $5.00 $0.00 $5.00 $ Dividendo per Azione 9.44 $2.50 $2.00 $.50 $.00 $0.50 $

41 Il Modello di Gordon Se nella prospettiva dell azionista di minoranza si prevede una crescita nulla dei dividendi (D =D 2 =D 3 =D n ), e si pianifica un holding period indefinito, il valore diviene il valore derivante da una rendita perpetua: D Rendita perpetua P0 r Se invece si prevede una crescita costante all infinito dei dividendi allora per la valutazione del prezzo si utilizza la versione del DDM in cui i dividendi crescono a un tasso costante (Modello di crescita di Gordon) D0 ( g) t ( r) D r g t P0 t Modello di Gordon 4

42 Un esempio sul Modello di Gordon Ipotesi g ( ) 5,0% g da a 3 5,0% r 0,0% P 3 = 5,5 x ( + 5,0%) / (0,0% - 5,0%) = 5,8 Previsione Esplicita Anni DIV t 5,00 5,25 5,5 5,8 %Δ DIV n.d. 5,0% 5,0% Discount 0,0% 0,909 0,826 0,75 0,75 V.A. (DIV + Pn) 4,5 4,3 4, 87,0 Prezzo al tempo 0 00,0 P 3 Poiché il tasso di crescita g è stato posto pari al tasso di crescita nel periodo di previsione esplicita, il Prezzo di 00 al tempo 0 si può ottenere semplicemente con il Modello di Gordon: D P0 r g 5,0 0% 5% 00 42

43 A cosa corrisponde il costo opportunità del capitale nel DDM a crescita stabile e senza crescita? E utile ri-esprimere (r) in funzione del prezzo in t = 0, dei dividendi e della crescita attesa. Si ha: Nell ipotesi di stabilità: dato :P Nell ipotesi di crescita: 0 D r r D P 0 Dividend yield D D dato:p0 r r g P 0 g Capital Gain 43

44 I driver della crescita: le determinanti 44

45 Segue La crescita dipende dal saggio di reinvestimento degli utili e dalla loro redditività g = (-payout) x Roe = plowback x ROE = b x Roe Assumptions Patrimonio Netto Iniziale 00 Reddività sui Mezzi Propri (Roe) 0% Saggio di Distribuzione degli Utili (Payout) 50% Anno 2 A) Patrimonio Netto Iniziale B) Roe 0% 0% C) Utile a Fine Anno = A x B 0 0,5 D) Payout 50% 50% E) Dividendo = C x D 5 5,25 Di quanto Cresce l'utile ed il Dividendo da un Anno all'altro? F) Patrimonio Netto a Fine Periodo = A + C - E 05 0,25 Crescita Dividendo = g = Crescita Utile = Roe x (-Payout) Crescita Utile = Crescita Dividendi = g = (Utile t = 2 - Utile t = ) / (Utile t = ) Utile t = 2 = Patrimonio Netto Iniziale t = 2 x Roe g = (Utile t = 2 - Utile t = ) / (Utile t = ) Poiché: = (Utile t= + Roe x Utile t= x (-Payout) - Utile t= ) / Utile t= P. Netto Iniziale t = 2 = (P. Netto Iniziale t = + Utile Reinvestito t= ) = (Roe x Utile t= x (-Payout)) / Utile t= si ha: g = (Roe x (-Payout)) Utile t = 2 = (P. Netto Iniziale t = + Utile Reinvestito t= ) x Roe = = Roe x P. Netto Iniziale t = + Roe x Utile Reinvestito t= = Utile t= + Roe x Utile Reinvestito t= = Utile t= + Roe x Utile t= x (-Payout) 45

46 I driver della crescita: il pay-out ratio P 0 t Divt ( r) t Div Net Income Tasso di distribuzione degli utili NI( b) P 0 t Divt ( r) t t NIt ( b) t ( r) t b saggio di ritenzione degli utili Plowback Ratio - Payout Ratio 46

47 I driver della crescita: il pay-out ratio D D 2 Payout BV 0 ROE Utile Payout Retention Reinv BV ROE Utile 2 Retention BV = Book Value, Patrimonio Netto Contabile Reinv 2 BV 2 47

48 I driver della crescita: Stoxx 600-Tecnology vs. Stoxx 600-Utilities Stoxx Tecnology Country Dividend Yield 202 Pay-out ratio 202E Price P Steadystate VANOC % VANOC / Prezzo Aixtron SE (Registered) Germany 0,4% 55,00% 3,44 0,66 2,78 95,% Alcatel-Lucent (Ordinary) France 0,00% 0,00%,73,24 0,50 28,7% ARM Holdings PLC (Ordinary) Great-Britain 0,7% 28,62% 7,0,94 5,6 72,7% ASML Holding N.V. (Ordinary) Netherlands,28% 8,25% 36,04 24,24,79 32,7% ATOS (FR Listing) France,40% 5,24% 42,7 34,90 7,8 8,3% Aveva Group PLC Great-Britain,33% 28,93% 9,84 8,29,55 58,2% Capgemini (FR Listing) France 3,03% 40,90% 33,04 2,89,4 33,7% Dassault Systemes S.A. (Ordinary) France,3% 22,50% 63,64 36,03 27,6 43,4% Ericsson LM Shs B (Class B) Sweden 4,05% 63,58% 7,60 5,48 2,2 27,9% Iliad S.A. France 0,40% 6,05% 07,0 33,33 73,77 68,9% Imagination Technologies Group PLC Great-Britain 0,00% 0,00% 8,52,58 6,94 8,5% Indra Sistemas S.A. (Ordinary) Spain 5,70% 54,62% 9,64 2,79-3,5-24,6% Infineon Technologies AG (DE Listing)Germany,6% 29,63% 7,44 2,4 5,30 7,3% Ingenico S.A. France,40% 24,0% 35,59 20,58 5,0 42,2% Invensys PLC (GB Listing) Great-Britain 2,5% 23,9% 2,35 2,0 0,34 4,3% Logica PLC (GB Listing) Great-Britain 4,62% 40,9%,6,08 0,08 7,0% Logitech International S.A. (Ordinary) Switzerland 0,00% 0,00% 5,73 3,74,99 34,7% Neopost (FR Listing) France 8,32% 79,85% 49,25 76,72-27,47-35,8% Nokia Corp. (FI Listing) Finland 5,03% n.s. 3,98 0,80 3,8 80,0% Sage Group PLC (GB Listing) Great-Britain 3,50% 49,70% 3,49 2,90 0,59 7,0% SAP AG (Ordinary) Germany,67% 28,69% 53,0 34,45 8,56 35,0% Software AG Germany,60% 2,86% 28,9 24,6 4,30 4,9% STMicroelectronics N.V. (IT Listing) France 4,55% 4,49% 6,36 2,06 4,29 67,6% Telecity Group PLC Great-Britain 0,87% 20,32% 8,58 4,28 4,29 50,% Temenos Group AG Switzerland 0,00% 0,00% 2,95 6,3 6,64 5,3% United Internet AG Germany,78% 26,29% 3,49 8,64 4,85 36,0% Wincor Nixdorf AG Germany 4,35% 5,46% 38,54 3,69 6,84 7,8% * Se VANOC < 0 la %VANOC/P è calcolata sul Prezzo steady-state Media 2,27% 32,88% 38,50% Mediana,60% 27,45% 35,00% Stoxx Utilities Country Dividend Yield 202 Pay-out ratio 202E Price P Steadystate VANOC % VANOC / Prezzo A2A S.p.A. (Ordinary) Italy 7,40% 80,5% 0,64 0,60 0,05 7,3% Centrica PLC (GB Listing) Great-Britain 5,2% 59,69% 3,76 4,86 -,0-22,6% Drax Group PLC Great-Britain 4,79% 49,29% 6,32 8,0 -,78-22,0% E.ON AG (Ordinary) Germany 6,0% 76,59% 8,03 3,6 4,42 24,5% EDP-Energias de Portugal S.A. (PT Listing) Portugal 8,89% 65,79% 2,9 3,58 -,39-38,7% Electricite de France S.A. (FR Listing) France 6,72% 59,% 7,96 9,66 -,7-8,7% Enagas S.A. Spain 7,76% 70,5% 4,8 8,05-3,87-2,4% Endesa S.A. (Ordinary) Spain 5,77% 43,58% 5,42 22,79-7,37-32,4% Enel Green Power S.p.A. (IT Listing) Italy 2,07% 3,32%,45,8 0,27 8,5% Enel S.p.A. (IT Listing) Italy 5,35% 4,48% 2,80 3,78-0,98-25,9% Fortum Oyj Finland 5,59% 64,89% 7,90 7,00 0,90 5,0% Gas Natural SDG S.A. (ES Listing) Spain 7,% 62,95% 2,37 4,82-2,46-6,6% GDF Suez S.A. (FR Listing) France 7,68% 9,56% 9,54 9,62-0,09-0,4% Iberdrola S.A. Spain 7,40% 68,36% 4,42 5,09-0,68-3,3% International Power PLC (GB Listing) Great-Britain 2,77% 40,45% 4,46 2,94,52 34,% National Grid PLC (Ordinary) Great-Britain 6,4% 75,34% 7,62 9,43 -,8-9,2% Pennon Group PLC Great-Britain 3,99% 6,9% 8,50 7,36,5 3,5% Red Electrica Corp. S.A. Spain 6,95% 64,84% 35,83 45,93-0,0-22,0% RWE AG (Ordinary) Germany 5,56% 48,84% 35,94 45,80-9,86-2,5% Severn Trent PLC (GB Listing) Great-Britain 4,78% 7,83% 8,7 8,94-0,23 -,2% SNAM S.p.A. Italy 6,88% 87,33% 3,64 4,25-0,6-4,5% SSE PLC (GB Listing) Great-Britain 6,40% 7,45% 5,69 9,72-4,03-20,4% Suez Environnement S.A. (FR Listing)France 5,63% 8,84%,55 7,23 4,32 37,4% Terna Rete Elettrica Nazionale S.p.A. Italy 6,36% 90,48% 2,99 2,84 0,5 5,% United Utilities Group PLC (Ordinary) Great-Britain 5,57% 80,54% 7,3 7,42-0, -,5% Veolia Environnement S.A. (FR Listing) France 5,74% 95,89% 2,20 5,95 6,25 5,2% Verbund AG (AT Listing) Austria 3,02% 47,46% 22,88 5,95 6,93 30,3% * Se VANOC < 0 la %VANOC/P è calcolata sul Prezzo steady-state Media 5,85% 66,05% -2,80% Mediana 5,77% 65,79% -8,69% 48

49 Cosa sconta il mercato nelle quotazioni? Pirelli = 48,9 (+48,9%) Enel = 74,2 (-25,8%) 60 49

50 I limiti del Modello di Gordon D ( g) t D P 0 0 ( r) t t r g Limiti del Modello di Gordon Limite: il flusso di dividendi è perpetuo; 2 Limite: i dividendi crescono sempre ad un tasso di crescita g costante nel tempo; 3 Limite: il costo del capitale deve essere maggiore del tasso di crescita g (r > g). 50

51 Il ciclo di vita dell impresa e lo sviluppo dei dividendi 3 MATURITA Flussi di cassa DIVIDENDI CONSOLIDAMENTO DELLO SVILUPPO 2 FLUSSI DI CASSA POSITIVI E CRESCENTI A TASSI PIU CONTENUTI DIVIDENDI CON TASSO DI CRESCITA PIU CONTENUTO FLUSSI DI CASSA POSITIVI E CRESCENTI DIVIDENDI CON TASSO DI CRESCITA SOSTENUTO CRESCITA TEMPO FLUSSI DI CASSA NEGATIVI ZERO DIVIDENDI 2 3 In questa fase all impresa non conviene distribuire dividendi ma effettuare investimenti con IRR > costo del capitale In questa fase l impresa distribuisce quote crescenti di utili via via che esaurisce le opportunità di effettuare investimenti con IRR > costo del capitale In questa fase all impresa non conviene distribuire tutto l utile al fine di disporre di riserve per stabilizzare la politica dei dividendi 5

52 EPS e DIV di Procter&Gamble Pay-out ratio Fase di Maturità: il caso Procter & Gamble $ % $ % $3.50 $3.00 $ % Pay-out ratio 45.8% 44.3% 44.6% 44.6% 44.9% % 42.6% 43.2% 43.% 42.3% 42.% 4.9% 4.8% 40.6% 40.8% 39.8% 39.7% 39.9% 39.8% 39.0% % 45.0% 40.0% 35.0% $2.00 $.50 $.00 $ EPS DIV % 25.0% 20.0% 5.0% 0.0% 5.0% $ % 52

53 Stoxx 600-Telecommunications: la relazione tra multiplo P/E e Leverage 4.0 x 3.0 x Telenor ASA Elisa Oyj Inmarsat PLC Deutsche Telekom AG P/E = -2,2223xD/MV +,626 R² = 45,3% 2.0 x Vodafone Group PLC.0 x 0.0 x Belgacom S.A. Tele2 AB Mobistar S.A. Swisscom AG TDC A/S P/E 9.0 x TeliaSonera AB BT Group PLC Portugal Telecom SGPS S/A 8.0 x 7.0 x Cable & Wireless Communications PLC France Telecom Telefonica S.A. Koninklijke KPN N.V. Telecom Italia S.p.A. 6.0 x 5.0 x 4.0 x 0% 25% 50% 75% 00% 25% 50% 75% 200% 225% 250% D/MV 53

54 Stoxx 600-Telecommunications: la relazione tra multiplo P/E e Crescita Inmarsat PLC 4.0 x Deutsche Telekom AG 3.0 x Elisa Oyj P/E = 2,699xCAGR EPS ,7847 R² = 0,73% Telenor ASA 2.0 x Vodafone Group PLC Belgacom S.A..0 x TDC A/S Mobistar S.A. 0.0 x Tele2 AB P/E Swisscom AG 9.0 x BT Group PLC TeliaSonera AB Portugal Telecom SGPS S/A 8.0 x Cable & Wireless Communications PLC France Telecom Telefonica S.A. Koninklijke KPN 7.0 N.V. x Telecom Italia S.p.A. 6.0 x 5.0 x -20% -5% -0% -5% 0% 5% 0% 5% 20% 25% 30% CAGR

55 Stoxx 600-Technology: la relazione tra multiplo P/E e Leverage 30.0 x Aveva Group PLC 27.5 x Telecity Group PLC P/E = -3,742xD/MV + 5,363 R² = 26,9% STMicroelectronics N.V x Dassault Systemes S.A x Infineon Technologies AG 20.0 x Ingenico S.A. Logitech International S.A. 7.5 x SAP AG Temenos United Group Internet AG AG P/E Ericsson LM Shs B ASML Holding N.V. Invensys PLC Capgemini 5.0 Sage x Group PLC Software AG 2.5 x ATOS 0.0 x 7.5 x Alcatel-Lucent Wincor Nixdorf AG Logica PLC Neopost Indra Sistemas S.A. 5.0 x 2.5 x 0.0 x -40% -30% -20% -0% 0% 0% 20% 30% 40% 50% 60% D/MV 55

56 Stoxx 600-Technology: la relazione tra multiplo P/E e Crescita 30.0 x 27.5 x P/E = 52,635xCAGR ,6793 R² = 56,53% Telecity Group PLC 25.0 x STMicroelectronics N.V x Dassault Systemes S.A x Ingenico S.A. P/E 7.5 x SAP AG Temenos Group AG Logitech International S.A. United Internet AG 5.0 x ASML Holding N.V. Sage Group PLC Ericsson LM Shs B 2.5 x Software AG Capgemini ATOS Wincor Nixdorf AG 0.0 x Neopost Indra Sistemas S.A. 7.5 x Logica PLC 5.0 x -3% 0% 3% 5% 8% 0% 3% 5% 8% 20% 23% 25% 28% CAGR

57 Il DDM a due stadi P 0 n t Dt ( r) t Pn ( r) n Esprime P n D ) t D0 ( g s t Saggio di crescita nel breve termine = extracrescita D D ( gl ) D0 ( g n n n S l D n ) ( g ) P n D 0 n ( gs ) r g ( l g l ) Saggio di crescita nel lungo termine Valore a termine stimato con il Modello di Gordon Pertanto si ottiene (slide seguente) 57

58 Segue P 0 n t D 0 Stadio: crescita nel breve temine = extracrescita t ( gs ) D0 t ( r) n ( gs ) ( g n ( r) ( r g ) 2 Stadio: crescita di lungo termine l l ) 58

59 Segue Ipotesi D 0 0 g l 4,5% g s 5,0% r 0,0% DIV t x ( + g s ) Anni P 5 DIV t 0,0,5 3,2 5,2 7,5 20, 382,2 %Δ DIV 5,0% 5,0% 5,0% 5,0% 5,0% Discount 0,0% 0,909 0,826 0,75 0,683 0,62 0,62 V.A. (DIV + Pn) 0,5 0,9,4,9 2,5 237,3 Prezzo al tempo 0 294,5 P 5 = 20, x ( + 4,5%) / (0,0% - 4,5%) = 382,2 59

60 Esempio di applicazione reale del DDM a 2 Stadi: la stima del valore per Azione di A2A Dati in Euro Stima del Valore per Azione di A2A al mediante DDM a 2 Stadi TV EPS 0,060 0,078 0,09 DIV 0,050 0,05 0,068 Pay-out ratio 83,3% 65,2% 74,7% Coe 0,% g 2,09% Anni 2 3 Discount Factor 0,908 0,825 0,749 V.A.(DIV) 0,05 0,04 0,05 Sum[V.A.(DIV)] 0,4 Terminal Value 0,866 V.A.(TV) 0,65 Valore per Azione 0,79 Prezzo al ,73 % Sscostamento 8,3% P Steady-state 0,59 VANOC implicito nella valutazione 32,5% BV 203 =,0 EPS 204 = 0,09 g = b x ROE b = (-Pay-out) = ( 74,7%) = 25,3% ROE 204 = 0,09 /,0 = 8,27% g = 8,27% x 25,3% = 2,09% TV(Gordon) = DIV 204 x ( + g) / (Coe g) = = 0,068x(+2,09%)/(0,%-2,09%)= 0,866 60

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE I più utilizzati nella pratica: Metodo finanziario: DCF,

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4 Teoria della Finanza Aziendale La valutazione dei titoli rischiosi : le azioni 4 1-2 Argomenti Rendimenti richiesti Prezzi delle azioni e EPS Cash Flows e valore economico d impresa 1-3 Domande chiave

Dettagli

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio Titoli azionari I modelli DDM (Dividend Discount Model) Calcolo del rendimento ex-post di un titolo azionario; Modelli basati sulla profittabilità dell impresa; Modello dei flussi di cassa; Gli indici

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche

Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche metriche di borsa (al 15/12/2014) fonte Bloomberg Ranking per market cap (miliardi di euro) rendimento annuale (%)* P/E** market capmiliardi

Dettagli

Finanza, mercati e internazionalizzazione nei processi di crescita delle imprese

Finanza, mercati e internazionalizzazione nei processi di crescita delle imprese Università degli studi di Bari «Aldo Moro» Orientamento consapevole Finanza, mercati e internazionalizzazione nei processi di crescita delle imprese Prof. Giuseppe Di Martino Bari, 30 aprile 2015 Agenda

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Analisi economico-finanziaria delle PMI

Analisi economico-finanziaria delle PMI Università degli Studi "Magna Græcia" di Catanzaro Analisi economico-finanziaria delle PMI Simona Catuogno GIORNI DI LEZIONE Marzo 1,2 8,9 15,16 22,23 29, 30 Aprile 12,13 ==== ==== ==== ==== ORARIO DELLE

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Dott.ssa ANGELA SCILLA Il Business Plan FUNZIONI: Serve per formalizzare le idee di gestione dell impresa

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Sintesi di Stato Patrimoniale Attivo 31.12.2011 31.12.2012

Dettagli

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio?

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio? A cosa serve l analisi di bilancio? Potenzialità informative Patrimoniale Percezione della rigidità/elasticità degli impieghi Percezione del grado di indebitamento Grado di finanziamento immobilizzazioni

Dettagli

Il Metodo di valutazione dei Multipli. 22 maggio 2014 Università di Pavia Francesca Pezzoli

Il Metodo di valutazione dei Multipli. 22 maggio 2014 Università di Pavia Francesca Pezzoli Il Metodo di valutazione dei Multipli 22 maggio 2014 Università di Pavia Francesca Pezzoli 1 Il metodo di valutazione di impresa mediante multipli di societa comparabili: la logica sottostante Cosa sono

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

L analisi di bilancio per la redazione del business plan

L analisi di bilancio per la redazione del business plan Imprendiittorii dell tterzo miillllenniio,, compettenze,, sffiide,, opporttuniittà! (l iniziativa si svolge nell ambito di Start Cup Piemonte Valle d Aosta) D.A. Staff Cultura d Impresa e del lavoro Responsabile:

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

La valutazione delle aziende. 3a parte

La valutazione delle aziende. 3a parte La valutazione delle aziende 3a parte 65 I metodi empirici Transazioni comparabili Società comparabili 66 I metodi empirici: generalità e ambiti di utilizzo I metodi empirici vengono solitamente utilizzati

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

8 maggio 2010 Dott. Giovanni Ghelfi Università C. Cattaneo Castellanza

8 maggio 2010 Dott. Giovanni Ghelfi Università C. Cattaneo Castellanza MASTER UNIVERSITARIO IN CFO - DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Riclassificazioni, analisi di bilancio e rendiconto finanziario 7 maggio 2010 Dott.ssa Chiara Mancini Università

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici 1 Sommario Introduzione Introduzione La Riclassificazione del Conto Economico La Riclassificazione dello Stato Patrimoniale L Analisi di Bilancio tramite Quozienti

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1 1 Indici di redditività Gli indici di redditività L analisi della redditività si pone l obiettivo di apprezzare l attitudine della gestione aziendale a remunerare il capitale che ha concorso alla sua formazione.

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi Valutazione delle obbligazioni e delle azioni dott. Matteo Rossi Argomenti trattati Valutazione di un obbligazione Come vengono negoziate le azioni Come valutare le azioni Tasso di capitalizzazione Prezzo

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008 La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model Piacenza, 9 giugno 2008 Breve bibliografia Il Residual Income Model (RIM), talvolta indicato come EBO dalle iniziali dei tre autori

Dettagli

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12.

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12. LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli Sistema Finanziario Take Home Exam Data di consegna 20.12.2007 1 Individuare, all interno dell appendice

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

ANALISI E COPERTURA DEI FABBISOGNI FINANZIARI DELLE IMPRESE. Veronica De Crescenzo Università degli Studi di Verona

ANALISI E COPERTURA DEI FABBISOGNI FINANZIARI DELLE IMPRESE. Veronica De Crescenzo Università degli Studi di Verona ANALISI E COPERTURA DEI FABBISOGNI FINANZIARI DELLE IMPRESE Veronica De Crescenzo Università degli Studi di Verona L IMPRESA E LA FINANZA AZIENDALE COSTO DEL CAPITALE DECISIONI DI INVESTIMENTO ATTIVO DI

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata 1

Ragioneria Generale e Applicata 1 9 L ECONOMICITA Ragioneria Generale e Applicata 1 L ECONOMICITA è un concetto generale che riguarda tutte le aziende (sia aziende di produzione che aziende di erogazione) e che definisce il criterio (regola

Dettagli

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione Le problematiche organizzative e manageriali Milano, 30 maggio 2001 Agenda Sessione I INTRODUZIONE 3 Sessione II MANAGEMENT

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30%

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30% Aspetto finanziario Aspetto economico Grado Grado di di indebitamento indebitamento Cap. Cap. Investito Investito Patr. Patr.. Netto Netto Indice Indice di di redditività redditività operativa operativa

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO

CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO PERCHE UN AZIENDA ALBERGHIERA VA IN CRISI? 1) PER LA DESTINAZIONE 2) PER MOTIVI GESTIONALI 3) PER MOTIVI ECONOMICO- FINANZIARI OVVIAMENTE LA SECONDA E LA TERZA MOTIVAZIONE

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali 1 1.1 Le funzioni del bilancio di esercizio 3 1.2 Il quadro normativo nazionale 4 1.2.1 I postulati del bilancio

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1 ANALISI DI BILANCIO Consiste nell analisi dei risultati aziendali mediante indici costruiti sulle informazioni contenute nel bilancio. Include indici di struttura finanziaria e indici di redditività. Riclassificazione

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI L obiettivo principale della tesi (prima parte) è quello di individuare un idoneo criterio di stima del valore fondamentale delle banche commerciali. Il modello proposto

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it

ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it Analisi di Bilancio Per Analisi di Bilancio (ADB) si intende un processo logico che parte dai dati di un bilancio certo preciso ed attendibile:

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

Analisi dei margini: componenti e rischi

Analisi dei margini: componenti e rischi Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei margini: componenti e rischi Capitolo 7 Indice degli argomenti 1. Principali componenti del reddito operativo 2. Tipici fattori

Dettagli

Dott. Fabio Cigna. www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it

Dott. Fabio Cigna. www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it ANALISI DI BILANCIO (ADB) Dott. Fabio Cigna www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it : finalità e metodologie Riclassificazioni Riclassificazione di Stato Patrimoniale Funzionale Riclassificazione di Stato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Dott. Luca Anzola A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Sommario CARATTERISTICHE DEI FONDI IMMOBILIARI IL MERCATO ITALIANO I DRIVER

Dettagli

PRIMA PARTE: Domande a Risposta Multipla

PRIMA PARTE: Domande a Risposta Multipla PRIMA PARTE: Domande a Risposta Multipla (36 punti) Di seguito dovrete rispondere a 9 domande a risposta multipla. Segnate con una crocetta la risposta che ritenete corretta tra le risposte possibili.

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA SOMMARIO 1. I PROSPETTI CONTABILI 1.1. Introduzione... 3 1.2. Prospetto della situazione patrimoniale - finanziaria... 3 1.3. Conto economico... 6 1.4. Rendiconto finanziario... 7 1.5. Prospetto delle

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PRINCIPI GENERALI... 3 3. METODI BASATI SUI FLUSSI... 3 3.1. DCF UNLEVERED

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO 1) Riclassificare secondo il criterio di pertinenza gestionale, presentando il prospetto sintetico: IMPIEGHI SP riclassificato secondo il criterio

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

GLI SCHEMI DI BILANCIO Il conto economico

GLI SCHEMI DI BILANCIO Il conto economico GLI SCHEMI DI BILANCIO Il conto economico La riclassificazione gestionale del C.E. Struttura e forma del C.E. secondo il codice civile ed il principio contabile n.12 Università degli Studi Bari " Aldo

Dettagli

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali Angelo Cattaneo Milano, 22 febbraio 2010 INDICE Pirelli RE Immobilizzazioni

Dettagli

PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla

PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla (56 punti) Di seguito troverete 14 domande a scelta multipla. Segnate con una crocetta la risposta che ritenete corretta tra le risposte possibili. Una sola risposta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato un Business plan completo di Bilancio previsionale, Rendiconto

Dettagli

! " # $ % $ & !"# $" " * * %& % % & '$"() '$" + + " " $" '%(")""* +, %( " " "-* ". / ) ( " & " ) '$" " 0%( $%( " " " $" % ) " ) '$" '$" %, ) " 1 " 0"2 03-"( 0 $ $"! #! # ',' " )! # ) * ) % % % + " - %

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup.

Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup. Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup.it Parere sul processo di valutazione utilizzato dal Consiglio

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.884.400 = int. versato Codice fiscale

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli