B.4 Impianti termici a bassa temperatura

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "B.4 Impianti termici a bassa temperatura"

Transcript

1 Sono impianti in cui, a differenza di quelli tradizionali, il calore viene trasmesso maggiormente per irraggiamento. Sistema a radiatore (convezione) Sistema a parete radiante Sistema a pavimento radiante Utilizzano temperature dell acqua di mandata e ritorno molto modeste, questo implica un notevole risparmio energetico e la possibilità di integrazione con impianti solari termici. mandata tradizionale C Bassa temperatura C ritorno C C 1

2 Ricercatori francesi hanno stabilito che il corpo umano, in locali in cui la velocità dell aria è mantenuta al disotto di 0,15 m/s, percepisce un valore di temperatura detto operante (T o ) pari ad una temperatura media tra la quella dell aria (T aria ) e la temperatura media radiante (T mr ) di tutti gli oggetti che circondano l individuo stesso (pareti, mobili, ecc). T o T = aria + T 2 Dal grafico fornito dal costruttore del sistema non vi sono differenze nella temperatura operante, nel caso di riscaldamento convettivo o radiante. È possibile, quindi, avere la stessa sensazione di benessere dell impianto tradizionale limitando la temperatura. L'Istituto "Für technische Physik der Frauenhofer Gesellschaft" ha rilevato che per ogni grado di temperatura dell'aria in meno si ottiene un risparmio energetico di circa il 7%, si possono superare risparmi energetici del 35% rispetto agli impianti tradizionali. mr Fonte: System Service 2

3 Oltre al risparmio in termini di energia è importante il loro apporto positivo al benessere dell edificio. Dall introduzione delle norme sul contenimento energetico (anni 70), realizzarono edifici sigillati che causano un incremento della concentrazione di inquinanti e quindi un degrado della qualità dell aria. Nei luoghi di lavoro ad esempio nei condotti degli impianti di climatizzazione se non puliti frequentemente si sviluppano funghi, muffe e batteri, che possono provocare irritazioni malattie agli occhi e alle vie respiratorie, si sono rilevati malattie dovute alla ventilazione di questi ambienti come ad esempio care reumatismi, artrosi e cefalee. Nelle abitazioni invece i radiatori o i ventilconvettori presenti rendono più secca l aria, a causa delle elevate temperature le correnti convettive generano notevoli squilibri termici tra pavimento e soffitto, si inoltre generano fenomeni di combustione delle polveri in prossimità dei radiatori (rilevabile dall alone in prossimità della parte superiore dell elemento scaldante), con generazione di gas aggressivi. 3

4 Le tipologie di impianti a bassa temperatura che andremo ad analizzare: Pavimento radiante Soffitto radiante Radiatori a zoccolo o a battiscopa 4

5 Pavimento radiante Realizzato tramite serpentini in tubo di rame o materie plastiche, inseriti tra guaine isolanti e materiali ad elevata conducibilità. Riesce a ridurre lo squilibrio termico tra soffitto, pavimento e pareti. 5

6 Lo strato isolante tra la soletta ed il massetto di sottofondo. La sua funzione è quella di evitare che il calore apportato dai tubi passi nella zona sottostante, fornendo così calore incontrollato ad ambienti che non lo richiedono. L isolante può essere piano o sagomato superiormente per facilitare la posa delle tubazioni. Sottofondo isolante ( Fonte: Giacomini ) Sottofondo isolante ( Fonte: Giacomini ) 6

7 In funzione del carico termico è possibile stabilire il passo dei tubi, maggiore è il carico da fornire minore sarà il passo dei tubi, minimo 50mm o 70mm fino ad un massimo di 300mm per grandi aree. La lunghezza (l) del circuito è un parametro di progetto, ed è funzione del diametro, tipo di tubo, della portata e delle perdite di carico. Indicato con G la portata in l/h e con d i il diametro interno del tubo in mm, la perdita di carico distribuita del circuito può essere calcolata con relazioni, fornite del produttore del tubo che si utilizza: Tubo in polipropilene 18x2 con d i 14 mm (?) p = ρ v 2 2 λ l d G = 191,4 l i d i 2 Di solito si fa un dimensionamento a perdita di carico costante e si usano delle curve empiriche fornite dal produttore dell impianto per la scelta della lunghezza in funzione del diametro e della portata. 7

8 Supposta una perdita costante di 20 kpa, e considerati due diametri commerciali 14 e 16 mm, dalla tabella si calcola la lunghezza del tubo nota che sia la portata. tabella 1 8

9 Se invece è nota la quantità di calore che deve emettere l impianto (Watt) allora si può utilizzare la seguente tabella: tabella 2 9

10 La stesura dei tubi a pavimento può essere realizzata con geometrie diverse. Si ricorre spesso ad un sistema detto a ritorno rovesciato per mantenere il più omogenea possibile la temperatura superficiale del un locale. Qualora ci siano ampie superfici vetrate è possibile infittire il passo dei tubi nelle loro vicinanze, per aumentare l emissione termica. Secondo la normativa EN le aree periferiche con temperatura superficiale più alta (fino ad un massimo di 35 C) possono essere situate in prossimità della parete esterna vetrata con una profondità massima di 1 m. In questo caso è consentita una differenza tra temperatura superficiale e temperatura ambiente fino a 15 C, mentre per le superfici interne di stazionamento la differenza tra la temperatura media superficiale del pavimento e l ambiente non deve superare i 9 C. 10

11 La Temperatura dell acqua è un parametro fondamentale sia per il risparmio energetico che per le condizioni di benessere. E importante che andata e ritorno siano tenuti il più possibile entro un salto termico contenuto. In ogni caso più la temperatura dell acqua è bassa maggiore sarà l economicità di gestione del sistema. La temperatura dell acqua varia a seconda del tipo di pavimento. In ogni caso essa va limitata a 45 C per i pavimenti normali e 55 C per quelli particolarmente isolanti. Il salto termico tra andata e ritorno indicato dalla EN essere 0 C< d < 5 C; un?t = 8 C tra T m e T r è piuttosto comune nella progettazione corrente. In ogni caso la temperatura massima di andata va legata alla differenza di temperatura ammessa tra pavimento e ambiente, che ad esempio entro i bagni può giungere a 9 C (temperatura interna 24 C). Temperatura superficiale pavimentazione 27 C 29 C 30 C 32 C 35 C Tipo di ambiente Ambienti di lavoro Abitazioni e uffici Sale Bagni, piscine Zone marginali 11

12 12

13 Per eseguire il dimensionamento dell impianto bisogna: 1. Calcolare le dispersioni termiche dell edificio Q [W/ m 2 ] 2. Se è nota la temperatura di mandata dell acqua, allora, conoscendo la temperatura interna del locale, si individua il valore di? T h 3. Mediante i grafici che legano Q [W/m 2 ] a?t h ( C) si individua il passo occorrente 4. Se invece è noto il passo T, allora si determina mediante i grafici q = f(? T h ) il valore di? T h e da questo si trova il valore richiesto della temperatura di mandata dell acqua. Il calore scambiato dal pavimento radiante è pari a: Con?T h si indica la differenza di temperatura media logaritmica: T T a rappresenta la temperatura dell ambiente h Tm Tr = Tm T ln T T r Q = K S a a T h 13

14 In base alla temperatura desiderata nell ambiente e alla temperatura di mandata si puo stabilire il? T h : tabella 3 14

15 Bisogna inoltre considerare il tipo di rivestimento del pavimento: tabella 4 15

16 tabella 5 16

17 tabella 6 Con le piastrelle si riesce ad ottenere migliore scambio termico rispetto agli altri due materiali. 17

18 Esempio Supponiamo di voler riscaldare un ambiente di 16m 2 ed un fabbisogno termico Q tot pari a 1000W (860 kcal/h) con pavimento in piastrelle, con temperatura di mandata pari a 45 C e temperatura dell ambiente di 20 C, con un impianto a pavimento con un tubo della sezione di 14mm. 1. Dalla tabella 1 calcolo la lunghezza del tubo: l = 160m 2. Dalla tabella 2 con la lunghezza del tubo (l) calcolo la portata: G = 182 l/h 3. Calcolo ora la temperatura dell acqua di ritorno: T rit = 40 C Q = G ρ c H O 2 ( T T ) mand rit m kg 4,18 kj kw = 0, h m 3600 kg K Si calcola il? T h con T a pari a 20 C e si ottiene:? T h = 22,40 C ( C ) 5. Da tabelle 6 si può stabilire il passo dei tubi con Q = 1000/16 = 62,5 W/m 2 : T=30 cm cioè il massimo ottenibile con questa tecnologia. 3 T rit 18

19 Regolazioni La regolazione avviene attraverso un opportuna centralina, che aziona una valvola miscelatrice a tre vie posta sul collettore centrale adattando la temperatura in base a ciò che rilevano le sonde sulla temperatura esterna e sulla mandata dell acqua 19

20 La centralina regola l impianto in base a delle curve di taratura scelte in funzione delle condizioni climatiche: Ad esempio se la temperatura di progetto è di -10 C la curva di taratura è quella viola, se la temperatura esterna è di -7 C il nostro impianto avrà una temperatura dell acqua di mandata pari a 43 C, se noi volessimo aumentare tale temperatura basterà spostasi sulla curva di taratura a 0 C, ottenedo cosi la temperatura massima di mandata 45 C. 20

21 Il pavimento radiante può essere utilizzato anche per raffrescare l ambiente, utilizzando però materiali di copertura con elevata conducibilità e non moquette, altrimenti si ridurrebbero troppo le rese già basse dell impianto. 21

22 Secondo i dati del produttore per una abitazione dotata di sistema di raffrescamento e senza il raffrescamento si hanno i seguenti andamenti della temperatura interna: I due andamenti sono identici con un? T costante di circa 4 C? Dati relativi al mese di Agosto in Svizzera (fonte Giacomini). 22

23 Il controllo dell umidità dell ambiente, viene effettuato attraverso una centralina, che comanda una valvola a tre vie miscelatrice. All impianto a pavimento è consigliabile aggiungere dei ventilconvettori realizzando così un impianto di questo tipo: E possibile sostituire la caldaia con un opportuno impianto solare 23

24 Dimensionamento e Regolazione La temperatura minima dell acqua è di 14 C con tale temperatura il frigorifero lavora con rendimenti elevati. Ad esempio un pavimento di 100 m 2 con piastrelle per un assorbimento di 35 W/m 2 ha bisogno di un energia frigorifera di 3500 W. Ipotizzando un COP del frigorifero di 3,5 la richiesta di energia elettrica sarà di: COP = P P firg elettr P elettr 3500 = = 1000W 3,5 24

25 Le regolazioni sono gestite sempre da una centralina che segue una curva di taratura diversa da quella invernale. La temperatura di mandata non scende mai sotto i 14 C ed inizia a salire leggermente con pendenza programmabile a partire dalla temperatura esterna di 25 C. La pendenza della curva (da 0,2 a 0,8 ) va scelta in funzione della temperatura interna che si desidera avere nel locale e della umidità relativa. In ogni caso una pendenza intorno a 0,3 è ideale per il pavimento; eventuali correzioni sono possibili agendo sul regolatore. La centralina è inoltre dotata di una sonda anticondensa che misura l umidità relativa delle pareti più fredde, se l umidità raggiunge il 95% allora la centralina si sposta su un altra curva di taratura. 25

26 Realizzazione di una Chiesa (fonte: Giacomini) In un ambiente così grande il produttore dell impianto riesce ad garantire una temperatura dell aria di 18,5 C 26

27 Soffitto radiante Sono sistemi radianti in grado di mantenere un benessere omogeneo all interno del locale, minimizzando le differenze di temperatura sia in senso verticale che orizzontale. Andando ad agire inoltre sulla temperatura delle pareti, è possibile ottenere la stessa sensazione di benessere utilizzando temperature dell aria interne più vicine a quelle esterne rispetto ai sistemi tradizionali, riducendo notevolmente i consumi energetici. Tali sistemi vengono inseriti in contro-soffitto e possono quindi essere integrati con impianti a tutta aria, elettrici. Sono facilmente installabili ed ispezionabili. Soffitto radiante (Fonte Giacomini) 27

28 Le rese sono state calcolate dal produttore in base alla norma DIN4715. I risultati ottenuti sono mostrati nel grafico sottostante dove sono riportate sia le rese invernali che estive. I dati si intendono validi per l area attiva ossia l area dove sono presenti i pannelli dotati di diffusori. La Norma DIN4715 permette di approssimare il calcolo della resa Q [W/m 2 ] con la formula: Con?T=T amb -T acqua pari a 10 C (valore consigliato della norma) si può avere una resa del soffitto di 100 W/m 2 in condizioni di raffrescamento e 90W/m 2 in condizioni invernali. È opportuno che la temperatura dell acqua non scende sotto i 15 C in estate né superi i 35 C in inverno. È bene inoltre limitare il? T tra mandata e ritorno a 2 C o 3 C.(?) Q = c T 28

29 29

30 Esempio Supponiamo di voler riscaldare un ambiente di 16m 2 ed un fabbisogno termico Q tot pari a 1000W (860 kcal/h), con temperatura di mandata pari a 35 C e temperatura dell ambiente di 20 C, con un impianto a soffitto. La superficie attiva dell impianto è compresa tra il 75-80% di quella totale. Ipotizzando sia del 75% si ha: A eff = 16. 0,75 =12 m 2 Quindi dovrò coprire con il mio impianto Q = 1000/12 = 83,3 W/m 2 Dalla tabella delle rese vedo che posso adottare un? T = 9 C, cioè posso avere una temperatura di mandata più bassa. Termografia di un pannello radiante (fonte System Service) 30

31 Dimensionamento Estivo Dalle rese indicate nel grafico e dalla potenza richiesta Q è possibile ricavare il numero di pannelli attivi necessari. Stabilita la temperatura ambiente (in genere C ed un?t dell acqua di 2 o 3 C), si ricava il? T acqua - ambiente come: T Tm Tr = Tm ln T T Conoscendo poi l area attiva del pannello scelto si ottiene la resa di ogni pannello usando il grafico delle rese e quindi, dalla potenza richiesta, il numero di pannelli necessari n. Q = Q n n = tot pannello r a a Q Q tot pannello 31

32 Calcolo della portata d acqua La porta d acqua per ogni anello si calcola come: Q G = T pannello n 0,860 c dove c h20 rappresenta il calore specifico dell acqua 1 kcal/kg C. h o 2 Affinchè il flusso dell acqua all interno dei circuiti sia turbolento (e quindi siano garantite le rese dichiarate) è bene che la portata per ogni anello sia superiore a 200 l/h. A fianco è mostrata, con una termovisione, la situazione delle temperature del soffitto Giacoklima serie GK dopo 10 min dall avviamento. È stata utilizzata una temperatura di mandata di 16 C con una portata di 320 l/h. La temperatura ambiente è di 26 C. h o 2 32

33 Schema impiantistico I pannelli radianti vengono collegati tra loro come in un impianto due tubi, con un tubo di mandata ed uno di ritorno. 33

34 Radiatori a battiscopa Tecnologia inventata negli Stati Uniti negli anni 50, in Europa nel 1953 fu realizzato in Germania il primo radiatore a zoccolo, in Italia fu prodotto solo nel 1966 ma non trovo mercato. Radiatore costituito da una coppia (mandata e ritorno) di tubi in rame o in alluminio alettati, posizionato generalmente lungo le pareti più fredde. L aria riscaldata per contatto con la superficie alettata del tubo salendo lentamente riscalda la superficie della parete che emette irraggiando verso l ambiente circostante. Le temperature di esercizio non superano i C 34

35 Si segnano le tubazioni di andata e di ritorno per ogni circuito. Nei locali, per garantire il calore dove sono previsti mobili fissi quali cucine o armadi a muro, i moduli possono essere installati sullo zoccolino degli stessi purché sia alto 12 cm.(ma cosi non scaldo anche il mobile ed il suo contenuto?) Si scelgono i moduli per tutte le pareti a seconda della loro lunghezza usando delle tabelle facendo attenzione che la lunghezza massima di moduli riscaldanti per un circuito è di 20m. (Causa eccessive perdite di carico?) Si calcola i fabbisogno termico del locale Q tot. Si ricava la resa del modulo dividendo Q tot per la lunghezza dell impianto. Si ricava il? T dalla tabella fornita dal produttore entrando con la resa termica ottenuta.(avere la temperatura di mandata,quella dell aria della stanza..?) Si sceglie la portata del circuito tenendo presente che la portata massima consigliata è di 150lt/h. Si calcola il salto termico: T H O 2 = Si determina la temperatura di mandata mediante la formula: Tm = Tam +? T H2O, verificando che sia uguale o inferiore alla temperatura massima del progetto. c Qtot G H O 2 35

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Riscaldamento a Pannelli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Riscaldamento a Pannelli ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE. Tech

PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE. Tech PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE Tech I sistemi radianti a secco non necessitano di massetto cementizio per la distribuzione del calore. Sono leggeri, veloci da posare, immediatamente calpestabili e hanno

Dettagli

PANNELLI RADIANTI IN AUTOCAD v.2.0.0.91

PANNELLI RADIANTI IN AUTOCAD v.2.0.0.91 PANNELLI RADIANTI IN AUTOCAD v.2.0.0.91 Per la progettazione ed il disegno di impianti a pannelli radianti a pavimento(riscaldamento E RAFFREDDAMENTO) Il programma EasyClima - Pannelli Radianti, realizzato

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono

Dettagli

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife Il sistema radiante a soffitto e parete Info 2014 Pannello Radiante Pannello radiante in sandwich prefabbricato costituito da: - Strato a vista in cartongesso ignifugo, spessore 15 mm; - Circuito radiante

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI Contrariamente al passato dove, di norma, venivano annegati nel pavimento delle linee in acciaio,

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE RISCALDAMENTO RADIANTE RESE TERMICHE QUALITÀ CERTIFICATA Universität Stuttgart Per assicurare chiarezza e sicurezza di funzionamento nella resa di un impianto a

Dettagli

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO pag. 1 50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Nr. 1 S50.A05.010 Nr. 2 S50.A05.020 Nr. 3 S50.A05.030 Impianto riscaldamento a raatori - quota fissa per ciascuna caldaia Impianto riscaldamento a raatori per unita'

Dettagli

Sistema cartongesso a soffitto

Sistema cartongesso a soffitto sistema cartongesso Sistema cartongesso a soffitto Il raffrescamento a soffitto si è rivelato una soluzione ottimale nell ambito della climatizzazione degli ambienti. Questo tipo di soffitto è stato sviluppato

Dettagli

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo.

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. Maggiore efficienza energetica sistema radiante = maggiore comfort, minori consumi Lo scopo di tutti

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027

Dettagli

IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO

IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO PREMESSA Il riscaldamento a pavimento radiante è noto da molto tempo, ma ha visto la sua definitiva affermazione solo quando sono migliorati alcuni fattori quali l isolamento

Dettagli

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 02 Composizione di un impianto di climatizzazione 1. Centrale di produzione del caldo

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study

Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study SOFFITTI RADIANTI 2 Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study 3 Sistemi a soffitto radiante: riscaldamento e raffrescamento attraverso ampie superfici 4 Radiatori: solo riscaldamento attraverso

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO VANTAGGI Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti sono caratterizzati da un particolare meccanismo di scambio termico, l irraggiamento,

Dettagli

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO PREMESSA Con la presente relazione si intende fare una analisi comparativa fra alcuni dei sistemi di Riscaldamento utilizzati per la costruzione

Dettagli

I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica

I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica SCUOLA RDZ Company Profile RDZ, azienda leader in Italia nei sistemi radianti di riscaldamento e raffrescamento, certificata ISO 9001:2008, da oltre 35

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il progetto di un impianto di riscaldamento

Dettagli

Manuale applicativo. Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione

Manuale applicativo. Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione Manuale applicativo Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione Manuale applicativo Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione 2a edizione, novembre 2011 - IT - 686 932-11/11 Viega GmbH

Dettagli

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti!

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! Il riscaldamento a pavimento Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! SALUTE E BENESSERE IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ATTIVO Già dopo

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

RFT - CALIDUS. Pavimento sopraelevato con moduli radianti CALIDUS. Quali sono i vantaggi?

RFT - CALIDUS. Pavimento sopraelevato con moduli radianti CALIDUS. Quali sono i vantaggi? RFT - CALIDUS Pavimento sopraelevato con moduli radianti CALIDUS. Calidus, è un sistema tecnologico brevettato che consente di coniugare i vantaggi di una pavimentazione tecnica sopraelevata con quelli

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 Esercizio 11 Una pentola contiene 2 kg di acqua ad una temperatura iniziale di 17 C. Si vuole portare l'acqua

Dettagli

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 Idee da installare Il comfort tutto l anno Da qualche anno anche in Italia l impianto a pavimento si sta presentando quale soluzione

Dettagli

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento Sistemi di posa - comfort e risparmio energetico Sistemi di posa - Sistema Easy Sistemi di posa - Sistema Easy Tech ribassato Easy 50 - Pannello isolante Easy Tech 50R - Pannello isolante ribassato Tubo

Dettagli

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 %

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 % SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti Fino al 20 % di risparmio sui costi di riscaldamento COMFORT, RISPARMIO E BENESSERE I motivi per scegliere

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

Il calcolo della resa termica, dei sistemi radianti, secondo le nuove normative (Gianni Lungarini Direttore Tecnico Velta Italia)

Il calcolo della resa termica, dei sistemi radianti, secondo le nuove normative (Gianni Lungarini Direttore Tecnico Velta Italia) Il calcolo della resa termica, dei sistemi radianti, secondo le nuove normative (Gianni Lungarini Direttore Tecnico Velta Italia) Quadro normativo La prima norma che trattava il dimensionamento di sistemi

Dettagli

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO Installazione a parete o a pavimento Versioni on-off e ad Inverter, abbinabile al sistema di gestione VMF

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parte 5 1 Terminali di scambio termico Radiatori Sono corpi scaldanti (ad elementi, a piastra, a tubi o a lamelle) che cedono calore all aria ambiente per convezione naturale

Dettagli

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente CARATTERISTICHE IMPIANTO: realizzazione di impianto di riscaldamento, condizionamento

Dettagli

soluzioni impiantistiche integrative

soluzioni impiantistiche integrative termografia di impianto a pavimento soluzioni impiantistiche integrative 1 le architetture che utilizzano sistemi a controllo climatico naturale per il riscaldamento e il raffrescamento passivi e sistemi

Dettagli

Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente?

Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? 1 Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? Preferisci rivolgerti a tanti interlocutori o avere un unica

Dettagli

Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro

Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro 1 Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro Amministratore Delegato KLIMIT Srl Rappresentante Esclusivo Herz per l Italia 2 1 Come funziona un

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Potenza per ambiente Dal calcolo del Cd e delle dispersioni invernali si ottiene la potenza necessaria all edificio (W) Q t = Q d + Q v Che deve essere nota anche per ogni singolo

Dettagli

Esempi di ristrutturazione di edifici storici con sistemi radianti a bassa temperatura

Esempi di ristrutturazione di edifici storici con sistemi radianti a bassa temperatura Esempi di ristrutturazione di edifici storici con sistemi radianti a bassa temperatura Già in uso nell antica Roma e da sempre bersaglio di ingiustificati pregiudizi, i pannelli radianti vivono

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica Dott. Ing. Georg Felderer Via Negrelli Straße 13 39100 Bolzano / Bozen Tel.: 0471 054040 KLIMAHOUSE 07 Il WineCenter a Caldaro Il WineCenter a Caldaro

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

Riscaldare con il sole

Riscaldare con il sole Foto: AEE Riscaldare con il sole Molti proprietari di casa si chiedono se con un impianto solare sia possibile fornire non solo il calore per riscaldare l acqua sanitaria, ma ottenere anche un contributo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare 1 Obiettivo del progetto edificio-impianto - sistema impiantistico che soddisfi le esigenze di: - comfort (termico, luminoso, acustico e della

Dettagli

Risparmio energetico negli edifici rurali

Risparmio energetico negli edifici rurali RECUPERO DELLE BORGATE E DEL PATRIMONIO EDILIZIO DELLE TERRE ALTE Risparmio energetico negli edifici rurali Torino, 8 Ottobre 2012 Paola ing.strata un occasione per ripensare alle fonti energetiche utilizzabili

Dettagli

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR Collaudo di una casa prefabbricata a basso consumo energetico. L immagine termica dimostra l ottimo isolamento delle pareti e dell intero involucro (temp. amb. interna 21 C temp. sup. esterna 0,6 C). Viene

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE Si stima che il 30% dei consumi di energia fossile sia utilizzato, nei Paesi Sviluppati, per la Climatizzazione estiva ed il Riscaldamento

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

LE STRATEGIE D INTERVENTO. Michele Vio presidente AiCARR

LE STRATEGIE D INTERVENTO. Michele Vio presidente AiCARR LE STRATEGIE D INTERVENTO L utilizzo delle fonti rinnovabili è OBBLIGATORIO per tutti gli edifici ad USO PUBBLICO qualora non vi siano impedimenti di natura tecnica o economica. Il calcolo economico deve

Dettagli

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità.

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità. Scheda Tecnica: Piastra idronica SKUDO DC Inverter Codice scheda: XSCT00078 Data 15/11/2014 Famiglia: Recuperatori di calore Descrizione SKUDO è la piastra idronica con spessore di 13 cm e batteria di

Dettagli

HYPOPLAN. Sistema di riscaldamento a parete. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. HYPOPLAN

HYPOPLAN. Sistema di riscaldamento a parete. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. HYPOPLAN HYPOPLAN Sistema di riscaldamento a parete KME Italy S.p.A. HYPOPLAN [I] Member of the KME Group HYPOPLAN Sistema di riscaldamento a parete 2 KME Italy S.p.A. - HYPOPLAN Il sistema HYPOPLAN combina le

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

Riscaldamento e raffrescamento radiante

Riscaldamento e raffrescamento radiante Riscaldamento e raffrescamento radiante Comfort e risparmio in tutte le stagioni COMFORT E RISPARMIO IN TUTTE LE STAGIONI Cos è un impianto radiante? Gli impianti a pannelli radianti sono impianti di riscaldamento

Dettagli

L INNOVAZIONE LEGATA ALLA TRADIZIONE

L INNOVAZIONE LEGATA ALLA TRADIZIONE L INNOVAZIONE LEGATA ALLA TRADIZIONE Riscaldamento, Raffrescamento e Deumidificazione L INNOVAZIONE CHE ORIENTA IL MERCATO V-Radiant è il nuovo ventilconvettore ibrido e radiatore di ECA Technology. Un

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione **** CE in acciaio inox 316 a basamento Con produzione ACS Solare Bruciatore modulante premiscelato Potenza

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI

LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI Monte San Pietro, 8 giugno 2011 LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI Incontro di sensibilizzazione dello Sportello Risparmio Energetico Monte San Pietro, 8 giugno 2011

Dettagli

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche)

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Ing. Clara Peretti Coordinatrice Consorzio Q-RAD 2 Contenuti della presentazione Il

Dettagli

Riscaldamento a raggi infrarossi. riscaldare come il sole. confortevole - efficiente - sano

Riscaldamento a raggi infrarossi. riscaldare come il sole. confortevole - efficiente - sano Riscaldamento a raggi infrarossi riscaldare come il sole confortevole - efficiente - sano Riscaldamento a raggi infrarossi I nuovi sistemi di riscaldamento a raggi infrarossi rappresentano una tecnologia

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE A.

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE A. COMUNE DI LIZZANO (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE PROGETTO ARCHITETTONICO: ARCH. Vincenzo La Gioia PROGETTO IMPIANTI:

Dettagli

Per un architettura che mette al centro l uomo

Per un architettura che mette al centro l uomo Per un architettura che mette al centro l uomo Il benessere termoigrometrico per l uomo Per benessere termoigrometrico si intende la sensazione di soddisfazione che, in un ambiente, le persone provano

Dettagli

thermofon Il termosifone del futuro

thermofon Il termosifone del futuro thermofon Il termosifone del futuro Che cos è thermofon? L energia è il banco di prova delle nostre capacità di progettare il futuro. Anche per il riscaldamento della nostra casa si pensano soluzioni di

Dettagli

INTERVENTI DI RETROFIT ENERGETICO. prof. arch. Mario Losasso. Le soluzioni tecniche nel progetto di retrofit

INTERVENTI DI RETROFIT ENERGETICO. prof. arch. Mario Losasso. Le soluzioni tecniche nel progetto di retrofit INTERVENTI DI RETROFIT ENERGETICO prof. arch. Mario Losasso Le soluzioni tecniche nel progetto di retrofit Matera, 23.03.2011 Soluzioni tecniche per il retrofit energetico Tipologie di intervento più comuni

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI L ENERGIA SOLARE UN OPPORTUNITA PER TUTTI IMPIANTI SOLARI TERMICI lunedì 29 marzo 2010 Per. Ind. Luca Tommasoni 1 CALCOLO DEL FABBISOGNO DI ACS L energia necessaria per la preparazione di acqua calda nelle

Dettagli

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e Edea SA Via Pasquale Lucchini 4 CH-6900 Lugano Tel +41 (0)91 921 47 80 +41 (0)91 921 47 81 info@edea.ch S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e C o m b i n a t a d i E n e r g i a T e r m i c a e d

Dettagli

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI source X Performance Source NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per dare il massimo

Dettagli

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH Unità di deumidificazione e rinnovo dell aria con recupero di calore in abbinamento con sistemi di raffrescamento radiante Installazione a controsoffitto Configurazione

Dettagli

Buono Microclima confortevole

Buono Microclima confortevole Temperatura superficiale della parete radiante 45 40 35 30 25 Comfort termico mediante convezione e irradiazione (secondo Dr. Ledwina). Tratto dal materiale didattico del Corso di Architettura Bioecologica

Dettagli

aquatherm climasystem

aquatherm climasystem ecologico e conveniente La forma contemporanea del riscaldamento un clima gradevole con il sistema climasystem di ecologico e conveniente La forma contemporanea del riscaldamento Alti costi per il riscaldamento,

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

I L C A L O R E T U T T O I N T O R N O

I L C A L O R E T U T T O I N T O R N O I L C A L O R E T U T T O I N T O R N O versione ad acqua MANUALE TECNICO versione elettrica Un abbraccio di calore, un avvolgente sensazione di benessere, star bene nella quotidianità. il riscaldamento

Dettagli

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI LEGGI e NORME DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI Delibera del Parlamento Europeo:2012 Obbligo della contabilizzazione su tutto il territorio europeo entro 31 Dicembre 2016. DPR 59:2009

Dettagli

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione INTRODUZIONE Da alcuni anni si è diffusa l abitudine di riscaldare fabbricati industriali con i pannelli radianti a pavimento. La nostra associazione EMCP di produttori di pannelli radianti a soffitto

Dettagli

L IMPIANTO SOLARE TERMICO: CARATTERISTICHE, CLASSIFICAZIONI, DIMENSIONAMENTO, PANNELLI RADIANTI, COSTI, RISPARMI, AUTORIZZAZIONI, PROCEDURE

L IMPIANTO SOLARE TERMICO: CARATTERISTICHE, CLASSIFICAZIONI, DIMENSIONAMENTO, PANNELLI RADIANTI, COSTI, RISPARMI, AUTORIZZAZIONI, PROCEDURE L IMPIANTO SOLARE TERMICO: CARATTERISTICHE, CLASSIFICAZIONI, DIMENSIONAMENTO, PANNELLI RADIANTI, COSTI, RISPARMI, AUTORIZZAZIONI, PROCEDURE Un impianto solare termico utilizza l energia contenuta nella

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è 1 RISOLUZIONI cap.13 13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è (b) Il flusso termico è 13.2 (a) Il flusso termico sulla superficie del cocomero è (b) La

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

Impianti di riscaldamento

Impianti di riscaldamento Impianti di riscaldamento lezione 10 1 Benessere igrotermico È una delle esigenze che l uomo ha avvertito fin dall antichità. Si tratta di una esigenza che non può essere trascurata, in nessun tipo di

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

SCELTE POSSIBILI ORA PRIMA. Ora 35 % Dal 2015 50% SCELTE + +

SCELTE POSSIBILI ORA PRIMA. Ora 35 % Dal 2015 50% SCELTE + + SCELTE POSSIBILI PRIMA ORA + + + + + SCELTE Ora 35 % Dal 2015 50% Considerazioni generali 1 - Classe energetica dell immobile 2 - Costo del combustibile: 3 Stima eventuale fabbisogno energetico per la

Dettagli

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria:

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 41 Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 1- Unità esterna 8- Impianto per riscaldamento o raffrescamento 2- Unità interna

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Sempre più progettisti, imprese, installatori e consumatori scelgono il solare VELUX Ecco perché: Perché produciamo i collettori in Europa nelle nostre fabbriche Perché non

Dettagli

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da:

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: Geotermia Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: - SONDA GEOTERMICA inserita in profondità per scambiare calore con il terreno; - POMPA di CALORE installata all'interno dell'edificio;

Dettagli

Sun&Glass. trasparenze che scaldano M.P.M M.P.M. R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a

Sun&Glass. trasparenze che scaldano M.P.M M.P.M. R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a R a d i a t o r i i n v e t r o a d i n e r z i a R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a è una linea di pannelli radianti in vetro prodotti dalla MPM trasparenze che scaldano M.P.M Via Rivarolo

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli