RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI"

Transcript

1 1

2 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI Strutture sanitarie D.P.R. del 14 gennaio 1997: requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi che devono essere posseduti dalle strutture pubbliche e private per l esercizio delle attività sanitarie, con lo scopo di garantire all utente prestazioni e servizi di buona qualità. Sicurezza dei lavoratori Le norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, il Testo Unico sulla sicurezza D. Lgs. 81/08. Le prescrizioni e le raccomandazioni degli organismi preposti ai controlli o comunque determinanti ai fini dell'installazione e dell'esercizio: INAIL, VVF, ASL, ENEL, ecc. Il DM n 37 del Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici Rumore D.P.C.M. 1 marzo 1991: limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno. Legge n. 447 del 26 ottobre 1995: legge quadro sull inquinamento acustico. D.P.C.M. 14 novembre 1997: valori limite delle sorgenti sonore. 2

3 Norma UNI 8199 Misura in opera e valutazione del rumore prodotto negli ambienti dagli impianti di riscaldamento, condizionamento e ventilazione. Impianti di climatizzazione Legge n. 615 del 13 luglio 1966: provvedimenti contro l'inquinamento atmosferico e successivi regolamenti di esecuzione. D.M. 1 dicembre 1975: norme di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione e successivi aggiornamenti. Leggi n. 9 e n. 10 del 9 gennaio 1991: norme per l'attuazione del piano energetico nazionale e successivi regolamenti di esecuzione. Decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 192 (g.u , n suppl.): attuazione della direttiva 2002/91/ce relativa al rendimento energetico nell edilizia. D.P.R. n. 412 del 26 agosto 1993: progettazione, installazione, esercizio e manutenzione degli impianti termici degli edifici e successivi regolamenti di esecuzione. Direttiva PED 97/23/CE: ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di attrezzature a pressione. Norma UNI e norme correlate. Circolari applicative ISPESL. Specifiche ASHRAE per il calcolo del carico termico estivo degli edifici. Norme UNI-CIG. 3

4 Decreto Presidente Giunta Regione Liguria 16 aprile 2003 N. 8/REG (regolamento di attuazione della legge regionale 2 luglio 2002, n Disciplina per la costruzione, installazione, manutenzione e pulizia degli impianti aeraulici). Impianti idrico sanitari e antincendio D.P.R. n. 236 del 24 maggio 1988: qualità delle acque destinate al consumo umano. D.M. Sanità n. 443 del 21 dicembre 1990: disposizioni tecniche concernenti apparecchiature per il trattamento domestico di acque potabili. Legge n. 36 del 5 gennaio 1994: disposizioni in materia di risorse idriche. Norme UNI-CIG. Norme UNI-VVF. Normativa e legislazione antincendio e regolamenti specifici dei comandi locali dei VV.FF. Introduzione agli impianti meccanici 4

5 L'intervento riguarda la realizzazione di tutte le opere meccaniche necessarie per adeguare il piano terra della Casa della Salute di Ladispoli, alle norme tecniche e alla legislazione vigente. Tali ammodernamenti prevedono anche una modifica alla destinazione d uso dei locali con l introduzione delle seguenti aree: - Punto prelievi - Area Ambulatori - Area Degenza - Area di continuità Assistenziale - Area118 Al riguardo è necessario evidenziare che la struttura in questione già presenta una centrale di trattamento aria (C.T.A) alla quale, tramite intervento di manutenzione straordinario e relativo opportuno adeguamento, si dovranno allacciare i previsti nuovi canali d aria in lamiera zincata per la mandata e la ripresa del fluido termovettore. Solo relativamente all area Ambulatori e all area 118 viene, invece, prevista la fornitura in opera di una nuova C.T.A. con caratteristiche tali da garantire il raggiungimento delle desiderate condizioni termo-igrometriche dei relativi ambienti di lavoro, in ottemperanza alla vigente normativa in materia. Ciò premesso, viene, lavorazioni : in particolare, prevista la realizzazione delle seguenti Impianti idrico sanitari: 5

6 lavori di smontaggio, accatastamento e smaltimento di tutti gli apparecchi sanitari esistenti, completi di relativa rete di distribuzione, nuova realizzazione della rete di distribuzione agli apparecchi sanitari, opere di allaccio alle montanti di scarico e a quelle di carico e ricircolo, fornitura in opera dei necessari apparecchi sanitari Impianti di climatizzazione: lavori di smontaggio, accatastamento e smaltimento di tutte le canalizzazioni aerauliche deputate sia al trasporto che alla distribuzione del fluido termovettore, manutenzione straordinaria alla C.T.A. esistente, comprendente la modifica degli attacchi aeraulici e l inserimento di inverter, fornitura in opera di una nuova C.T.A del tipo a tutt aria esterna per la climatizzazione dell area Ambulatori e Servizio 118, fornitura in opera di nuove canalizzazioni in lamiera zincata, sia per la mandata che per la ripresa, complete in particolare di bocchette, griglie, batterie di postriscaldamento, serrande di taratura e tagliafuoco, realizzazione dei necessari allacciamenti aeraulici, elettrici e di regolazione elettronica. Definizione dei valori microclimatici 6

7 In generale viene previsto che in tutti i locali interessati alle lavorazioni, compresi i servizi, venga mantenuta una temperatura estiva non superiore ai 26, una temperatura invernale 20 C ± 2 C e che venga assicurata, mediante un trattamento di umidificazione dell'aria di ventilazione, una UR compresa tra 35 e 50 %. In particolare il DPR del 14 Gennaio del 1997 elenca le caratteristiche microclimatiche da mantenere in alcuni ambienti ospedalieri a secondo delle attività che vi si svolgono, tenendo presente i requisiti strutturali,tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private. Per quanto attiene le aree di degenza, il DPR 14/01/97, stabilisce i seguenti valori microclimatici: temperatura interna invernale: non inferiore a 20 C, solo per la medicheria e degenze pediatriche non inferiore a 22 C temperatura interna estiva: non superiore a 28 C umidità relativa: 40% - 60% numero ricambi aria/ora: 2 v/h per camere di degenza normali : 3 v/h per camere di degenza pediatriche; 2 v/h per la medicheria e visita; 12 v/h per servizi igienici. Per quanto, infine, concerne la velocità dell aria durante la fase di riscaldamento e di raffrescamento, in relazione anche alle condizioni termoigrometriche di progetto, essa è stata sostanzialmente individuata, per gli ambienti medici, negli intervalli da 0,05 a 0,10 m/s per il riscaldamento e da 0,05 a 0,15 m/s per il raffrescamento, in accordo con la Norma UNI Negli altri ambienti, non medici, sono stati accettati valori anche fino a 0,25 m/s. 7

8 L'aria esterna per essere ritenuta di qualità accettabile per la ventilazione dovrà essere filtrata con filtri aventi i valori di efficienza secondo il prospetto V filtrazione M4 + A8 (UNI 10339). Definizione delle caratteristiche climatiche esterne provincia zona climatica Roma C gradi giorno 1295 temperatura esterna invernale 0 C. umidità esterna invernale 80 %. temperatura esterna estiva. 30 C. umidità esterna estiva. 55%. Criteri di progettazione Il dimensionamento degli impianti di climatizzazione prevede che sia effettuato il calcolo dei carichi allo scopo di poter definire la taglia e la tipologia delle macchine per la produzione del fluido termovettore. Conseguentemente vengono affrontate le seguenti problematiche : definizione delle condizioni termo-igrometriche di immissione dell aria in ambiente, dimensionamento delle batterie di scambio termico della C.T.A., 8

9 scelta della tipologia, del numero e della modalità di installazione dei terminali aeraulici, dimensionamento delle reti di distribuzione, definizione sistema di regolazione. Per la definizione delle condizioni termo-igrometriche di immissione dell aria umida in ambiente e il dimensionamento delle batterie di scambio termico della C.T.A. occorre: calcolare il fattore RST (Rapporto Sensibile su Totale), definire le condizioni di progetto interne ed esterne, ipotizzare una temperatura di immissione dell aria umida, confrontare la portata volumetrica di aria umida risultante dalla temperatura di immissione ipotizzata con la portata volumetrica di aria umida che è necessario garantire per le esigenze di rinnovo al fine della scelta tra un impianto a tutt aria e un impianto misto, definire le trasformazioni a cui sottoporre l aria umida nella C.T.A., effettuare il bilancio di energia e di massa sule batterie di scambio termico della C.T.A. Per la definizione delle condizioni termo-igrometriche di immissione dell aria in ambiente e il dimensionamento delle batterie di scambio termico della C.T.A. è stato necessario prima di tutto conoscere il carico termico invernale e il carico frigorifero estivo dell ambiente che devono essere bilanciati dall impianto di climatizzazione per garantire il mantenimento delle condizioni interne di progetto. Il calcolo del carico termico invernale è stato eseguito secondo la norma UNI 12831, mentre il calcolo del carico frigorifero estivo è stato eseguito secondo il metodo Carrier. 9

10 Il carico termico invernale e il carico frigorifero estivo di un ambiente è pari alla somma algebrica del carico termico sensibile e di quello latente ll carico sensibile di un ambiente è determinato essenzialmente da: potenza termica trasferita attraverso le superfici a causa della differenza di temperatura tra interno ed esterno e della radiazione solare; presenza di persone (solo aliquota sensibile), apparecchi di illuminazione e macchinari (solo aliquota sensibile); ingresso di aria d aria umida attraverso l involucro (solo aliquota sensibile). Il carico latente di un ambiente è determinato essenzialmente da: presenza di persone e di macchinari (solo aliquota latente); ingresso d aria umida attraverso l involucro (solo aliquota latente). La potenzialità delle macchine per la produzione del fluido termovettore deve essere definita in base al più elevato tra i carichi termici/frigoriferi totale calcolati. Per quanto attiene la regolazione del funzionamento della C.T.A essa è stata prevista tramite due termostati posti nella corrente d aria umida a valle delle due batterie di scambio termico: il primo (a valle della batteria di raffreddamento e deumidificazione) regola la portata di acqua fredda in modo da mantenere la temperatura dell aria umida al valore determinato il secondo, invece, posto a valle della batteria di post-riscaldamento, regola la portata di acqua calda in modo da mantenere la temperatura dell aria umida al valore determinato Centrale di trattamento aria 10

11 La C.T.A. è una macchina capace di aspirare l'aria dall esterno e, dopo averla opportunamente trattata, di spingerla verso i punti di diffusione dislocati nei vari ambienti. Nel caso in questione la C.T.A. è essenzialmente composta da: una serranda di presa un ventilatore di mandata aria con portata m 3 /h e pressione statica 34 mm c.a. un ventilatore di aspirazione/espulsione aria un filtro aria (filtrazione M4 + A8 secondouni 10339). una batteria di scambio termico promiscua alimentata da acqua calda e/o refrigerata una sezione umidificante batteria di post-riscaldamento Bisogna distinguere il suo funzionamento in regime invernale da quello estivo. Durante l'inverno l'aria segue il seguente percorso, incontrando nell'ordine: serranda->->filtro->pre-riscaldamento-->sezione umidificante-->post-riscaldamento-- >filtro-->ventilatore La batteria fredda non è operativa. Per quanto riguarda l'estate il percorso è il seguente: serranda-->-->filtro-->batteria fredda-->post-riscaldamento-->ventilatore La batteria pre-riscaldamento e la sezione umidificante non sono operative. Ovviamente devono prevedersi tutti i molteplici collegamenti che la C.T.A. possiede con gli altri impianti. Infatti, oltre alle canalizzazioni aerauliche, occorre collegare la 11

12 macchina all'impianto dell'acqua calda, dell'acqua refrigerata (per le batterie), dell'acqua a temperatura ambiente (per la sezione umidificante). Devono infine realizzarsi i collegamenti elettrici (ventilatore, centraline, motori serrande) e gli scarichi verso fognatura (acqua di condensa, acqua nebulizzata a perdere). Dimensionamento delle canalizzazioni aerauliche Per valutare le perdite di carico nei vari tratti dei canali che compongono la rete di distribuzione, sono state considerate le seguenti perdite : 1. Perdite di carico distribuite sono le perdite di carico dovute agli attriti generati dalla viscosità del fluido ed dal movimento delle particelle nel condotto. Tali perdite sono calcolabili mediante l equazione: ΔPdistr = f * (L/D) * (ρ*v2/2) [Pa] (equaz. di Darcy) dove: f è il fattore di attrito di Moody, adimensionale; L è la lunghezza del tratto di canale; D è il diametro idraulico; ρ è la densità dell aria (1.2 Kg/m3, con riferimento ad aria standard: 15 C e p = 1 atm.); V è la velocità dell aria nel tratto. Il fattore di attrito f, è funzione di una serie di parametri: f = F(ε/D, Re) dove: ε è la rugosità assoluta del materiale [m] ε/d è la scabrezza relativa; Re è il numero di Reynolds, adimensionale, che nel caso dell aria in condizioni standard è pari a * D * V; Una formula semplificata per il calcolo del fattore di attrito f è: 12

13 f = 0.11* (ε/d + 68/Re) 0.25 se f > allora f = f altrimenti f = 0.85 * f Perdite di carico concentrate sono le perdite di carico legate alle accidentalità che il fluido incontra nel suo movimento all interno del circuito (curve, derivazioni, serrande, variazioni di sezione, biforcazioni, etc.). La computazione di tali perdite avviene attraverso la relazione: ΔPconc. = C * (ρ*v2/2) = C * 0.6 * V2 = C * Pd [Pa] dove : C è un coefficiente caratteristico del tipo di accidentalità; Pd è la Pressione dinamica. 3. Perdite di carico per variazione di velocità sono le perdite di carico legate alle variazione di energia cinetica del fluido nel passaggio da un tronco ad un altro. Tali perdite sono calcolabili attraverso la relazione: ΔPcin. = 0.6 * (V 2 i+1 V 2 i ) [Pa] 4. Perdite introdotte dalle serrande di equilibratura sono le perdite di carico legate agli organi di regolazione necessari per la taratura ed il bilanciamento dei circuiti aeraulici. 5. Perdite dovute alle bocchette sono le perdite di carico legate al passaggio dell aria attraverso le unità terminali (bocchette). 6. Perdite dinamiche allo scarico rappresentano le perdite di energia cinetica alla uscita della bocchetta. La valutazione di tali perdite si effettua tramite la relazione: ΔPdin. = 0.6 * V2 [Pa] Il metodo di calcolo utilizzato per il dimensionamento delle reti aerauliche è stato quello a perdita di carico costante. 13

14 Tale metodo, permette di calcolare, nota la portata nel tratto iniziale ed impostato un valore max di velocità dell aria nello stesso, la relativa perdita di carico. Facendo infatti uso dei grafici che forniscono le perdite per attrito dell aria nei canali metallici, si entra in tali grafici con il valore di portata previsto e dall intersezione con la velocità selezionata si ricava la perdita di carico lineare. Il valore di perdita così ricavato viene mantenuto costante per tutti i successivi tronchi dell impianto. Considerato che, nel dimensionamento dei canali d aria, il valore di perdita impostato è stato compreso tra i 0.4 e 0.6 Pa/m ( 0.04 e 0.06 mmca/m), dallo stesso grafico è stato possibile visualizzare il valore del diametro del condotto De. Una volta dimensionata la rete, si è proceduti ad un bilanciamento delle diverse diramazioni con opportuni organi quali serrande, lamiere forate scelte in modo da non presentare perdite di carico eccessive per non causare problemi di rumorosità (< 35 Pa) e comunque in grado di garantire in tutti i nodi terminali un uguale valore di pressione statica, onde evitare sbilanciamenti della rete con portate nei vari ambienti diverse da quelle di progetto. Attraverso tali serrande si compenserà quanto più possibile le disuniformità, in termini di pressione fra le varie diramazioni della rete, lasciando alle serrande di regolazione poste a monte delle bocchette ed alle eventuali modifiche della sezione trasversale dei canali, il compito di fare in modo che tutti i nodi terminali lavorino alla stessa differenza di potenziale. Particolare attenzione è stata, quindi, prestata alla scelta delle unità terminali da utilizzare per la diffusione dell aria in ambiente. La scelta di queste ha infatti considerato i seguenti aspetti : lancio, Caduta e Velocità di uscita; rumorosità; perdita di carico; altezza e posizione d installazione; posizione delle alette direzionali; 14

15 distanza dal soffitto; lancio di penetrazione verticale verso il basso per riscaldamento; temperatura aria rapportata alla temperatura ambiente; rapporto d induzione dell aria ambiente. Civitavecchia, Il Tecnico Ing. Costantino Perconti 15

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Regione Calabria Unione Europea POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI,

Dettagli

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TERMOMECCANICI Generalità La scelta del tipo d impianti termici da adottare per il reparto PET è

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI II Edizione di ANNA MAGRINI LORENZA MAGNANI INDICE GENERALE Premessa...9 CAPITOLO 1 I REQUISITI: IL

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

calore ad alta efficienza con scambiatore in controcorrente aria/aria in materiale plastico riciclabile,

calore ad alta efficienza con scambiatore in controcorrente aria/aria in materiale plastico riciclabile, Descrizione del prodotto L'unità di trattamento aria compatta oboxx LG 180, certificata "Passivhaus", è formata da un involucro compatto in lamiera di acciaio zincata, senza ponti termici, isolato e verniciato

Dettagli

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH Unità di deumidificazione e rinnovo dell aria con recupero di calore in abbinamento con sistemi di raffrescamento radiante Installazione a controsoffitto Configurazione

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA UNITÀ DI TRATTAMENTO ARIA CANALIZZABILI CON RINNOVO E RECUPERO MODELLI / CARATTERISTICHE midificazione estiva con modulazione della

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

Il Tecnico Ing. Renato Borrini

Il Tecnico Ing. Renato Borrini COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO E DI RICAMBIO DELL ARIA E DELL IMPIANTO IDRICO- SANITARIO A SERVIZIO DELLA DISCOTECA SESTO SENSO SITA

Dettagli

Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010

Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010 Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010 Nome Cognome Matricola Quesito n 1 - CICLO DI CONDIZIONAMENTO PER IMPIANTO MISTO In un locale adibito a biblioteca di

Dettagli

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

Nuova versione TERMO_CE 9.05

Nuova versione TERMO_CE 9.05 Nuova versione TERMO_CE 9.05 Principali migliorie rispetto alla versione precedente Fabbisogno di energia termica per climatizzazione invernale ed estiva Queste in sintesi le principali variazioni rispetto

Dettagli

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO Art. 1 - PREMESSE La presente relazione ha lo scopo di descrivere i parametri che dovranno essere presi come basi per la stesura della progettazione definitiva ed esecutiva, e stabilisce la tipologia impiantistica

Dettagli

UNITA DI CLIMATIZZAZIONE HRU

UNITA DI CLIMATIZZAZIONE HRU 2014 HRU HRU Unità di climatizzazione aria/aria in pompa di calore con recupero integrato per il ricambio dell aria con neutralizzazione dei carichi termici esterni ove già si disponga di riscaldamento

Dettagli

Il sistema Aerferrisi

Il sistema Aerferrisi Il sistema Aerferrisi Il sistema, a differenza di tradizionali impianti di riscaldamento a radiatori, non occupa spazio interno in quanto l'aria trattata, sia in riscaldamento che in condizionamento, si

Dettagli

SALERNO - FRONTE DEL MARE. PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest

SALERNO - FRONTE DEL MARE. PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest COMUNE DI SALERNO AUTORITA PORTUALE DI SALERNO SALERNO - FRONTE DEL MARE PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE DI CALCOLO N PROGETTO: B.282.A N ALLEGATO: A-ESE-7.1.2_2

Dettagli

L innovazione è da sempre un fattore determinante per la competitività: può costituire uno dei principali elementi di differenziazione per le aziende

L innovazione è da sempre un fattore determinante per la competitività: può costituire uno dei principali elementi di differenziazione per le aziende IT LABORATORI L innovazione è da sempre un fattore determinante per la competitività: può costituire uno dei principali elementi di differenziazione per le aziende e, in un economia globalizzata come quella

Dettagli

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE RECUPERATORE ORIZZONTALE VERTICALE A RECUPERO TOTALE (scambiatore in Carta) DA 1.580 m³/h DESCRIZIONE

Dettagli

STUDIO SUL SISTEMA DI ZONIFICAZIONE CANALIZZATA DI AIRZONE E COMPARAZIONE DELLO STESSO CON UN SISTEMA CANALIZZATO INVERTER NON ZONIFICATO

STUDIO SUL SISTEMA DI ZONIFICAZIONE CANALIZZATA DI AIRZONE E COMPARAZIONE DELLO STESSO CON UN SISTEMA CANALIZZATO INVERTER NON ZONIFICATO STUDIO SUL SISTEMA DI ZONIFICAZIONE CANALIZZATA DI AIRZONE E COMPARAZIONE DELLO STESSO CON UN SISTEMA CANALIZZATO INVERTER NON ZONIFICATO 2012 INDICE 1. INTRODUZIONE: PREMESSA E OBIETTIVI... 4 2. METODOLOGIA...

Dettagli

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde 0 Indice 0 Indice... 2 1 Premessa... 3 2 Impianto termico... 3 3 Impianto idrico sanitario... 4 3.1 Descrizione impianto acqua potabile... 4 3.2 Dati di progetto impianto distribuzione acqua potabile...

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano.

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano. RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Maggio

Dettagli

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza IT Trattamento atia Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Il

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1 GENERALITÀ... 1 2 CRITERI PROGETTUALI... 1 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE...

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1 GENERALITÀ... 1 2 CRITERI PROGETTUALI... 1 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE... SOMMARIO 1 GENERALITÀ... 1 2 CRITERI PROGETTUALI... 1 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE... 1 4 INPUT DI PROGETTO... 4 4.1 DATI CLIMATICI... 4 4.2 FLUIDI TERMOVETTORI UTILIZZATI... 4 4.3 RETI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA (Direttore: Dott. Aniello Esposito)

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA (Direttore: Dott. Aniello Esposito) Si distinguono: A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Sede Legale: viale Roma, 7 28100 Novara di Novara Tel. 0321 374111 fax 0321 374519 www.asl.novara.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI source X Performance Source NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per dare il massimo

Dettagli

INDICE 1. GENERALITA 2 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 3. IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE 8 4. IMPIANTO IDRICO - SANITARIO 13. 1.

INDICE 1. GENERALITA 2 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 3. IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE 8 4. IMPIANTO IDRICO - SANITARIO 13. 1. INDICE 1. GENERALITA 2 1.1 Oggetto 2 1.2 Normative di riferimento 3 1.3 Attività svolta 4 1.4 Elenco degli impianti previsti in progetto 5 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 2.1 Introduzione generale 6 2.2 Carichi

Dettagli

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. n 13 (Sede legale: via dei Mille n.2-28100 Novara) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Sede di Borgomanero, viale Zoppis n.10-28021

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA Cosa è un impianto di ventilazione meccanica controllata Un impianto di ventilazione meccanica permette di controllare il ricambio di aria all interno dell

Dettagli

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3 SOMMARIO OGGETTO... 2 1. IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE... 2 Requisiti.... 2 Descrizione del sistema di climatizzazione.... 3 PARAMETRI DI CALCOLO... 7 2. IMPIANTI IDRICO-SANITARI... 10 3. IMPIANTI DI ESTINZIONE

Dettagli

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede Energy Recuperatore L e unità canalizzabili della serie Energy sono state studiate per permettere un risparmio energetico negli impianti di ventilazione di locali pubblici e privati quali bar, ristoranti,

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari

PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari COMUNE CROTONE PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari RELAZIONE TECNICA La presente relazione si accompagna

Dettagli

COMUNE DI PRATO RELAZIONE TECNICA GENERALE

COMUNE DI PRATO RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI PRATO Lavori: Centro per l Arte Contemporanea L. Pecci Prato. Riqualificazione ed adeguamento normativo dell edificio esistente 1 LOTTO. IMPIANTI MECCANICI. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1- Premessa

Dettagli

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (η= min. 75% max. >9%) REVERSUS REVERSUS Unità di ventilazione con recupero di calore ad altissimo rendimento (>9%) Installazione all interno di edifici residenziali con temperatura ambiente compresa tra

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) U-FLEX

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) U-FLEX UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) U-FLEX U-FLEX Unità di ventilazione modulare con recupero di calore ad altissimo rendimento Installazione

Dettagli

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50 RELAZIONE GENERALE Oggetto del presente progetto è la messa a norma dell impianto di ricambio d aria dei locali di Didattica degli edifici sportivi siti in Via Montelungo e Via Casorati. Attualmente, infatti,

Dettagli

Ventilazione meccanica controllata ad alta efficienza ALTAIR. Serie SM100. Scheda tecnica

Ventilazione meccanica controllata ad alta efficienza ALTAIR. Serie SM100. Scheda tecnica Ventilazione meccanica controllata ad alta efficienza ALTAIR Serie SM100 Scheda tecnica ALTAIR SM_BTC_IT_1.01 2011 Ventilazione meccanica controllata 1. Principio di funzionamento Comunemente il ricambio

Dettagli

LOW UNITA DI RECUPERO DI CALORE RIBASSATE EFFICIENZA DA 50% A 70%

LOW UNITA DI RECUPERO DI CALORE RIBASSATE EFFICIENZA DA 50% A 70% LOW UNITA DI RECUPERO DI CALORE RIBASSATE EICIENZA DA % A 70% low Unità di ventilazione con recupero di calore ribassata a configurazione fissa con scambiatore statico a flussi incrociati in alluminio

Dettagli

Capitolo 1. Regole di prima approssimazione... 1

Capitolo 1. Regole di prima approssimazione... 1 INDICE PREFAZIONE... Pag. V Capitolo 1. Regole di prima approssimazione... 1 1.1 Superfici e dimensioni caratteristiche... 1 1.2 Carichi termici... 10 1.3 Carichi elettrici... 11 1.4 Costi... 12 1.5 Caratteristiche

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA

INTRODUZIONE AL TEMA Il condizionamento dell aria nelle abitazioni di prestigio, negli uffici e negli spazi commerciali INTRODUZIONE AL TEMA Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino marco.filippi@polito.it

Dettagli

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto.

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto. MANUALE TECNICO aerotermi a soffitto S80 I INDICE 1 GENERALITA'... 2 2 CARATTERISTICHE TECNICHE NOMINALI... 3 3 RESE TERMICHE... 4 3.1 Resa termica con funzionamento ad acqua... - 11 4 FUNZIONAMENTO A

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Laboratorio di Progettazione 3M prof. Giovanni Longobardi DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE prof. Marco Frascarolo Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2010-2011

Dettagli

Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC

Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2014-2015 Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC Docente NICOLA MAROTTA nicola.marotta@dic.unipi.it

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

SEZIONE D - CRITERI PROGETTUALI PER IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI MECCANICI... 10

SEZIONE D - CRITERI PROGETTUALI PER IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI MECCANICI... 10 INDICE DEGLI ARGOMENTI SEZIONE A - INTRODUZIONE... 3 SEZIONE B - NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 5 SEZIONE C - RELAZIONE TECNICA... 8 SEZIONE D - CRITERI PROGETTUALI PER IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027

Dettagli

Piano di formazione Progettista nella tecnica della costruzione ventilazione AFC Lista di controllo degli obiettivi di formazione aziendali

Piano di formazione Progettista nella tecnica della costruzione ventilazione AFC Lista di controllo degli obiettivi di formazione aziendali Obiettivo operativo Organizzazione dell'azienda Spiegare e applicare le procedure nell'azienda Obiettivo di valutazione Descrivere il piano direttivo e l'organigramma dell'azienda 2 Spiegare e applicare

Dettagli

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) FLAT 150 FLAT 150

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) FLAT 150 FLAT 150 UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI Unità

Dettagli

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO)

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO) COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO) PROGETTO DEI LAVORI FINALIZZATI AL RILASCIO DELLA SCIA ANTINCENDIO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE PIETRO ACCLAVIO

Dettagli

Scheda Tecnica Duolix MAX

Scheda Tecnica Duolix MAX Scheda Tecnica Duolix MAX Centrale VMC doppio flusso ad altissimo rendimento Atlantic Duolix MAX Centrale doppio flusso con recupero di calore di altissima efficienza per il pre-riscaldamento dell aria

Dettagli

REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO

REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO INDICE 1 PREMESSA 3 2 IMPIANTI TERMICI, DI CONDIZ±IONAMENTO DELL ARIA, DI RISCALDAMENTO E DI VENTILAZIONE 3 2.1 DATI DI PROGETTO 3 2.2 TIPOLOGIE

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Condizionatori d Aria Tipologie

Condizionatori d Aria Tipologie Tipologie Per la climatizzazione di uno o più ambienti esistono oggi diverse soluzioni, che vanno dal semplice condizionatore trasferibile su ruote al più complesso impianto multisplit; qui di seguito

Dettagli

Progettazione e calcolo di

Progettazione e calcolo di Nicola Taraschi Progettazione e calcolo di * Calcolo delle reti aerauliche con il software CANALI * Le trasformazioni dell aria umida ed il software PSICRO * I ventilatori * Le batterie alettate ed il

Dettagli

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità.

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità. Scheda Tecnica: Piastra idronica SKUDO DC Inverter Codice scheda: XSCT00078 Data 15/11/2014 Famiglia: Recuperatori di calore Descrizione SKUDO è la piastra idronica con spessore di 13 cm e batteria di

Dettagli

IN BASSO PIANTA ARREDI

IN BASSO PIANTA ARREDI SISTEMAZIONE ED ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA VIGENTE DEL BLOCCO OPERATORIO DELL ISTITUTO: CRITERI E SCELTE PROGETTUALI DELL IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA LA PROGETTAZIONE DEL COMPLESSO

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO L intervento in oggetto consiste nel completamento di un porzione del Polo Scolastico di Trescore Balneario (BG) attraverso la creazione del terzo piano al corpo di fabbrica

Dettagli

Recuperatori di calore

Recuperatori di calore Recuperatori di calore UDE DEUMIDIFICATORI AD ALTA EFFICIENZA Air Control Srl via Luigi Biraghi 33-20159 Milano Tel +39 0245482147 Fax +39 0245482981 P.Iva 04805320969 Recuperatori di calore CARATTERISTICHE

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO Installazione a parete o a pavimento Versioni on-off e ad Inverter, abbinabile al sistema di gestione VMF

Dettagli

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA IT trattamento aria D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA trattamento aria ARIA! Benessere significa anche qualità dell aria: aria fresca, ricca di ossigeno, prelevata dall esterno, filtrata e

Dettagli

Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC

Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC SPC: scaldacqua in pompa di calore aria/ acqua, monoblocco Baxi è da sempre attiva nella progettazione di soluzioni tecnologicamente avanzate ma con il minimo

Dettagli

La deumidificazione applicata alla. climatizzazione radiante

La deumidificazione applicata alla. climatizzazione radiante La deumidificazione applicata alla climatizzazione radiante La deumidificazione L aspetto più importante ai fini del comfort estivo è L UMIDITÀ RELATIVA! IMPORTANTE: se si mantiene controllato questo parametro,

Dettagli

DIFFUSORI METALLICI FORATI

DIFFUSORI METALLICI FORATI QUANDO SERVE ARIA PULITA DIFFUSORI METALLICI FORATI DOCUMENTAZIONE TECNICA ZEPHYR S.r.l. Via Carso, 8 37124 Verona www.zephyr-canali.it info@zephyr-canali.it 1 INDICE 1.0. PREMESSA pag. 3 2.0. CARATTERISTICHE

Dettagli

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (η= min. 7% max. >90%) 201 FLAT UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI

Dettagli

Serie. 88 Lossnay - Recuperatori di calore totale 90 VL-LGH - Recuperatori di calore totale 92 GK - Barriere d aria

Serie. 88 Lossnay - Recuperatori di calore totale 90 VL-LGH - Recuperatori di calore totale 92 GK - Barriere d aria Serie I recuperatori entalpici Lossnay di Mitsubishi Electric eliminano l aria viziata sostituendola contemporaneamente con aria fresca e pura. Recuperando il calore totale permettono inoltre un sensibile

Dettagli

I N D I C E GENERALITÀ... 2

I N D I C E GENERALITÀ... 2 INDICE 1. GENERALITÀ... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 OGGETTO DEI LAVORI... 2 1.3 NORME E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 3 1.4 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 5 1.5 PROVE E VERIFICHE SUGLI... 5 1.6 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (η= min. 7% max. >9%) 21 HRE (η= min. 7% max >9%) HRE Unità di ventilazione con recupero di calore ad altissimo rendimento (>9%) Installazione all interno di edifici residenziali con temperatura ambiente

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

ACU UNITA DI CLIMATIZZAZIONE

ACU UNITA DI CLIMATIZZAZIONE ACU UNITA DI CLIMATIZZAZIONE ACU Unità di climatizzazione aria/aria in pompa di calore con recupero integrato per il ricambio dell aria con neutralizzazione dei carichi termici esterni ove già si disponga

Dettagli

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Firenze, A.A. 2005/2006 Ing.Gabriele Raffellini Pagina web http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/gabriele/gabriele.htm

Dettagli

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo.

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Oggetto dell intervento L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Il palazzo Municipale sarà dotato dei seguenti

Dettagli

Easy Compact Clima 4 in 1

Easy Compact Clima 4 in 1 Easy Compact Clima 4 in 1 Innovativo sistema compatto per la ventilazione meccanica a doppio flusso, il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria, con pompa di calore. In

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

OGGETTO E SCOPO DELL OPERA...

OGGETTO E SCOPO DELL OPERA... Sommario 1. OGGETTO E SCOPO DELL OPERA... 2 2. RETE DI DISTRIBUZIONE TERMO FLUIDICA... 2 3. RETE ADDUZIONE ACQUA SANITARIA... 5 4. RETE DI DISTRIBUZIONE AERAULICA... 14 1 1. OGGETTO E SCOPO DELL OPERA

Dettagli

Monosplit a Parete Alta - Installazione

Monosplit a Parete Alta - Installazione Prima di iniziare l installazione, è necessario scegliere il luogo di installazione delle apparecchiature, verificandone l idoneità tecnica. Per una installazione a regola d arte, non è sufficiente applicare

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

Impianti di ventilazione

Impianti di ventilazione Impianti di ventilazione Michele De Carli Università di Padova UNIVERSITÀ DI PADOVA! Principi di ventilazione Ventilazione naturale (infiltrazioni, aperture, funzione delle condizioni interne ed esterne)

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli