Telecom Italia S.p.A. Bilancio 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Telecom Italia S.p.A. Bilancio 2007"

Transcript

1 Telecom Italia S.p.A. Bilancio 2007

2 Sommario Relazione Organi Sociali al 31 dicembre sulla gestione Macrostruttura organizzativa del Gruppo Telecom Italia 6 Informazioni per gli investitori 10 Principali dati economico-finanziari del Gruppo Telecom Italia 13 Indicatori alternativi di performance 15 Commento ai principali dati economico - finanziari del Gruppo Telecom Italia 16 Commento ai principali dati economico - finanziari di Telecom Italia S.p.A. 33 Riconciliazione del Patrimonio Netto consolidato 43 Rapporti con parti correlate 44 Eventi successivi al 31 dicembre Evoluzione della gestione: prospettive per l esercizio in corso 44 Le Business Unit del Gruppo Telecom Italia 45 Domestic 47 European BroadBand 63 Mobile Brasile 68 Media 71 Olivetti 74 Altre attività 77 Quadro Regolatorio e Contesto competitivo 80 Sezione di Sostenibilità 96 Introduzione 96 Clienti 108 Fornitori 116 Concorrenti 120 Istituzioni 123 Ambiente 126 Comunità 137 Ricerca, Sviluppo e Innovazione 140 Risorse Umane 144 Azionisti 157 Partecipazioni detenute da Amministratori, Sindaci, Direttori generali e Dirigenti con responsabilità strategiche dell impresa 160 Glossario 162 RELAZIONE ANNUALE SUL GOVERNO SOCIETARIO 171 Bilancio Indice 206 consolidato Stato patrimoniale consolidato 207 del Gruppo Conto economico consolidato 209 Telecom Italia Prospetto dei movimenti del Patrimonio netto consolidato 210 Rendiconto finanziario consolidato 212 Note al Bilancio consolidato 214 Attestazione del Bilancio consolidato ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 333 Relazione della Società di Revisione 334 Bilancio di Indice 336 Telecom Stato patrimoniale 337 Italia S.p.A. Conto economico 339 Prospetto dei movimenti del Patrimonio netto 340 Rendiconto finanziario 342 Note 344 Attestazione del Bilancio d esercizio ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 445 Relazione della Società di Revisione 446 APPENDICE Relazione del Collegio Sindacale 447 Proposte deliberative 458 Notizie utili 469 Sommario 1

3 Organi sociali al 31 dicembre 2007 Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione è stato nominato dall assemblea ordinaria del 16 aprile 2007 che ha stabilito in 19 il numero dei Consiglieri e fissato la durata della carica in un esercizio, ossia fino all assemblea convocata per l approvazione del bilancio al 31 dicembre Il 17 aprile 2007 si è riunito il nuovo Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia che ha nominato Presidente Pasquale Pistorio ed ha confermato nelle cariche di Vice Presidente Esecutivo Carlo Orazio Buora e di Amministratore Delegato Riccardo Ruggiero. In data 4 luglio 2007, il consigliere Luciano Gobbi ha rassegnato le dimissioni. Il Consiglio di Amministrazione del 24 luglio 2007 ha nominato consigliere Gaetano Miccicchè. In data 25 ottobre 2007, i consiglieri Claudio De Conto e Carlo Alessandro Puri Negri si sono dimessi ed il Consiglio di Amministrazione, nella riunione dell 8 novembre 2007, ha nominato amministratori César Alierta Izuel e Julio Linares López. Successivamente, hanno rassegnato le dimissioni dalle rispettive cariche e dal Consiglio di Amministrazione i consiglieri Pasquale Pistorio, Carlo Orazio Buora e Riccardo Ruggiero, nonché il consigliere Diana Bracco, tutti a decorrere dal 3 dicembre 2007, data in cui si è riunito il Consiglio di Amministrazione che ha cooptato Gabriele Galateri di Genola e Franco Bernabé, nominandoli rispettivamente Presidente ed Amministratore Delegato. Al 31 dicembre 2007 il Consiglio di Amministrazione della Società risulta quindi composto da 17 consiglieri, di seguito indicati: Presidente Amministratore Delegato Consiglieri Gabriele Galateri di Genola Franco Bernabé César Alierta Izuel Paolo Baratta (indipendente) Gilberto Benetton Stefano Cao (indipendente) Renzo Capra (indipendente) Domenico De Sole (indipendente) Luigi Fausti (indipendente) Jean Paul Fitoussi (indipendente) Julio Linares López Gaetano Miccichè Aldo Minucci Gianni Mion Renato Pagliaro Cesare Giovanni Vecchio (indipendente) Luigi Zingales (indipendente) Segretario Francesco Chiappetta La composizione dei Comitati interni al Consiglio di Amministrazione di seguito riportati è stata definita dal Consiglio di Amministrazione dell 8 maggio 2007 e, per il Comitato Strategie, integrata dal Consiglio di Amministrazione del 3 dicembre Sia il Comitato per la Remunerazione che il Comitato per il controllo interno e la corporate governance hanno individuato i rispettivi Presidenti nella loro prima riunione. Comitato per la remunerazione Luigi Zingales - Presidente Stefano Cao Renzo Capra Luigi Fausti Comitato per il controllo interno e per la corporate governance Paolo Baratta - Presidente Domenico De Sole Luigi Fausti Cesare Giovanni Vecchio Comitato Strategie Gabriele Galateri di Genola Franco Bernabé Paolo Baratta Domenico De Sole Jean Paul Fitoussi Renato Pagliaro Organi Sociali al 31 dicembre

4 Collegio Sindacale L Assemblea del 16 aprile 2007 ha integrato il Collegio Sindacale nominando sindaco effettivo Enrico Maria Bignami (in precedenza sindaco supplente) e Luigi Gaspari sindaco supplente, fino alla scadenza del Collegio Sindacale in carica (approvazione del bilancio 2008). Al 31 dicembre 2007 risulta così composto: Presidente Sindaci Effettivi Sindaci Supplenti Paolo Golia Enrico Maria Bignami Salvatore Spiniello Ferdinando Superti Furga Gianfranco Zanda Luigi Gaspari Enrico Laghi Rappresentanti comuni Azionisti di risparmio Carlo Pasteris Nominato per il triennio dall Assemblea Speciale del 16 maggio Obbligazionisti Francesco Pensato Prestito Telecom Italia 1,5% convertibile con premio al rimborso Nominato con decreto del Tribunale di Milano del 30 giugno 2005, a esito della mancata costituzione della corrispondente assemblea. Obbligazionisti Francesco Pensato Prestito Telecom Italia a Tasso Variabile, Serie Speciale Aperta, Riservato in Sottoscrizione al Personale del Gruppo Telecom Italia, in servizio e in quiescenza Nominato con decreto del Tribunale di Milano dell 8 luglio 2005, a esito della mancata costituzione della corrispondente assemblea. Obbligazionisti del prestito Francesco Pensato Telecom Italia S.p.A. Euro ,50 cent. Notes due 2011 Nominato con decreto del Tribunale di Milano del 10 aprile 2006, a esito della mancata costituzione della corrispondente assemblea. Obbligazionisti del prestito Francesco Pensato Telecom Italia S.p.A. Euro ,375 cent. Notes due 2019 Nominato con decreto del Tribunale di Milano del 10 aprile 2006, ad esito della mancata costituzione della corrispondente assemblea. Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Nella riunione dell 8 novembre 2007 il Consiglio di Amministrazione ha nominato Enrico Parazzini (Direttore Generale della Società e Responsabile della Funzione di Gruppo Finance Administration and Control) dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili di Telecom Italia. Società di revisione L Assemblea del 16 aprile 2007, su proposta del Collegio Sindacale, ha prorogato l'incarico di revisione contabile a Reconta Ernst & Young S.p.A. per il triennio Organi Sociali al 31 dicembre

5 Dirigenti con responsabilità strategiche dell impresa I dirigenti con responsabilità strategiche d impresa, ossia coloro che hanno il potere e la responsabilità, direttamente o indirettamente, della pianificazione, della direzione e del controllo delle attività di Telecom Italia, compresi gli amministratori, nel corso dell esercizio 2007 sono stati i seguenti: Amministratori: Gabriele Galateri di Genola (1) Pasquale Pistorio (2) Guido Rossi (3) Franco Bernabè (1) Carlo Orazio Buora (4) Riccardo Ruggiero (4) Dirigenti: Enrico Parazzini Antonio Campo Dall Orto (7) Stefano Pileri Massimo Castelli Luca Luciani Gustavo Bracco Francesco Chiappetta Germanio Spreafico Franco Rosario Brescia (5) Paolo Annunziato (6) Filippo Bettini (7) Giampaolo Zambeletti (7) Presidente Presidente Presidente Amministratore Delegato Vice Presidente Esecutivo Amministratore Delegato Direttore Generale Direttore Generale Responsabile Finance, Administration and Control Presidente di Telecom Italia Media S.p.A. Amministratore Delegato Telecom Italia Media S.p.A. Responsabile della Business Unit Media Direttore Generale Responsabile Technology Direttore Generale Responsabile Domestic Fixed Services Direttore Generale Responsabile Domestic Mobile Services Responsabile Human Resources, Organization and Industrial Relations Responsabile General Counsel & Corporate and Legal Affairs Responsabile Purchasing Responsabile Public Affairs Responsabile Public Affairs Responsabile Strategy Responsabile International Affairs (1) Dal 3 dicembre 2007 (2) Dal 17 aprile 2007 al 2 dicembre 2007 (3) Fino al 6 aprile 2007 (4) Fino al 2 dicembre 2007 (5) Dal 16 febbraio 2007 al 24 maggio 2007 (6) Dal 25 maggio 2007 (7) Dal 16 febbraio 2007 Organi Sociali al 31 dicembre

6 Comitati Tra le modalità organizzative adottate per assicurare il governo e l integrazione operativa del Gruppo vi è il Sistema dei Comitati di Gruppo con l'obiettivo di: monitorare l attuazione delle strategie, lo sviluppo dei piani ed i relativi risultati; garantire il coordinamento complessivo delle azioni di business ed il governo delle relative tematiche trasversali; rafforzare le necessarie sinergie operative tra le diverse funzioni coinvolte nei processi tecnologici, di business e di supporto. Attualmente il Sistema dei Comitati di Gruppo è in corso di rivisitazione e rinnovamento. In particolare, al 31 dicembre 2007 risultano formalizzati: Comitato di Gruppo Risk Management, che Assicura l individuazione, la valutazione e il governo dei rischi di Gruppo nonché l indirizzo in materia di sicurezza IT e delle informazioni, coordinando il piano di azioni preventive finalizzate ad assicurare la continuità operativa del business e monitorando l efficacia delle contromisure adottate; Comitato di Gruppo IT Governance, che definisce le linee guida delle strategie informatiche del Gruppo, indirizza le scelte tecnologiche e gli investimenti IT in coerenza con le esigenze del business, monitora l avanzamento delle principali iniziative IT, la qualità delle soluzioni e l efficienza dei costi; Comitato di Gruppo Security, che Assicura il coordinamento integrato delle attività di security e crisis management di Gruppo, monitorando l avanzamento dei principali progetti e l efficacia delle soluzioni adottate; Steering Committee di Gruppo per i rapporti con Telefonica, con le seguenti finalità: individuare le aree e le attività di business oggetto di possibili sinergie industriali tra i due Gruppi; proporre i conseguenti piani attuativi; verificarne la coerenza con le normative nazionali ed internazionali, con i provvedimenti di pubbliche Autorità e con le norme di autodisciplina. Organi Sociali al 31 dicembre

7 Macrostruttura organizzativa del Gruppo Telecom Italia Al 31 dicembre 2007 La Struttura operativa del Gruppo Telecom Italia al 31 dicembre 2007 risulta articolata in: Funzioni di Gruppo, con la responsabilità di: garantire il presidio diretto sul sistema di supporto al Business delle Telecomunicazioni, nonché il coordinamento, l indirizzo ed il controllo a livello di Gruppo per le attività di competenza, assicurando in particolare la definizione delle policies ed il governo complessivo delle tematiche trasversali alle Direzioni/Funzioni e alle Business Unit; promuovere, all interno del Gruppo, un modello di presidio che assicuri la guida delle Famiglie Professionali con particolare riferimento allo sviluppo, la valorizzazione ed al coordinamento delle competenze distintive nonché alla realizzazione di percorsi di mobilità infragruppo; assicurare in maniera trasversale al Gruppo, il presidio di eventuali attività operative a servizio del business. Direzioni/Funzioni del Business TLC, responsabili dei risultati specifici delle aree di attività di competenza, in particolare attraverso la gestione e lo sviluppo del business delle Telecomunicazioni fisse, mobili e dei servizi internet. Business Unit, responsabili dello sviluppo dei business di riferimento. Al Presidente - cui è affidata, al fine di garantire funzionalità ed efficacia nell azione del Consiglio di Amministrazione, la responsabilità relativa alla supervisione dell elaborazione dei piani strategici, industriali e finanziari, della definizione degli assetti organizzativi e dell andamento economico e finanziario del Gruppo, nonché alla governance complessiva del sistema di controllo interno - fanno riferimento: Le Funzioni di Gruppo: - General Counsel & Corporate and Legal Affairs; - Public Affairs; Macrostruttura organizzativa 6

8 La Società: - Telecom Italia Audit & Compliance Services. All Amministratore Delegato - cui è attribuita la responsabilità relativa al governo complessivo del Gruppo, con particolare riferimento alla definizione, attuazione e sviluppo dei piani strategici, industriali e finanziari, alla definizione degli assetti organizzativi, nonché alla gestione e sviluppo del business - fanno riferimento: Le Funzioni di Gruppo: - Finance, Administration and Control; - Human Resources, Organization and Security; - Domestic Legal Affairs e Servizi Autorità Giudiziaria; - International Legal Affairs; - Purchasing; - External Relations; - International Affairs; - Investor Relations; - Strategy; - Telecom Italia Latam. Le Direzioni: - Domestic Fixed Services, con la responsabilità di garantire, a livello nazionale, lo sviluppo e la gestione delle attività relative alle Telecomunicazioni fisse per la clientela consumer e business; - Domestic Mobile Services, con la responsabilità di garantire, a livello nazionale, lo sviluppo e la gestione delle attività relative alle Telecomunicazioni mobili per la clientela consumer e business; - Top Clients & ICT Services, con la responsabilità di garantire lo sviluppo e la gestione delle attività relative alle Telecomunicazioni fisse, mobili ed ai relativi servizi ICT per i clienti Top; - Technology, con la responsabilità di assicurare l innovazione tecnologica del Gruppo, nonché lo sviluppo e l esercizio delle reti di Telecomunicazioni fisse e mobili, dei sistemi e delle infrastrutture informatiche. La Società: - TIM Brasil, con la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la gestione del business delle Telecomunicazioni mobili in Brasile. Le Business Unit: - Olivetti, per lo sviluppo di prodotti e soluzioni di Information Technology; - Media, per l offerta di contenuti (in qualità di Competence Center del Gruppo Telecom Italia), l informazione giornalistica e la produzione televisiva. Le Funzioni: - Quality & Field Services Management, con la responsabilità di garantire il presidio dei processi di delivery ed assistenza tecnica alla clientela, nonché il monitoraggio della customer satisfaction ed il coordinamento dei piani di miglioramento relativi alla qualità del servizio; - National Wholesale Services, con la responsabilità di assicurare la gestione degli operatori licenziatari nazionali; - International Wholesale and Broadband Services, con la responsabilità di assicurare lo sviluppo del business wholesale internazionale del Gruppo, nonché il coordinamento delle attività broadband all estero; - Business Management & Intellectual Property Rights, con la responsabilità di assicurare il supporto al raggiungimento degli obiettivi di gestione e sviluppo della clientela nell ambito Public Sector Market, nonché di garantire il presidio, la gestione e la definizione delle tematiche IPR, la produzione brevettuale e la relativa valorizzazione; - Regulatory Affairs, con la responsabilità di assicurare il presidio delle tematiche regolatorie nazionali ed internazionali; - Business Development, con la responsabilità di assicurare l integrazione trasversale dei piani di sviluppo del business; - Business Analysis & Support, con la responsabilità di assicurare il supporto all Amministratore Delegato e alle strutture tecniche/commerciali nelle analisi e valutazioni preliminari correlate all evoluzione/trasformazione del modello di presidio del business delle Telecomunicazioni. *** Macrostruttura organizzativa 7

9 A partire dal 1 gennaio 2008 il Gruppo Telecom Italia ha attuato alcune operazioni di riassetto organizzativo delle proprie attività, in particolare: in data 1 gennaio 2008, la Funzione di Gruppo Security è passata ad operare alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato. La Funzione di Gruppo Human Resources, Organization and Security è stata contestualmente ridenominata Human Resources, Organization and Industrial Relations; in data 11 gennaio 2008 è stato costituito il Comitato di Gruppo Quality Governance, con la responsabilità di: indirizzare e supervisionare le iniziative/attività orientate al miglioramento end to end della qualità dei processi; monitorare i risultati di qualità ottenuti, analizzandoli anche in relazione ai requisiti di qualità richiesti dalle Autorità Garanti, ai reclami di maggiore significatività/ricorrenza della clientela e - più in generale - ai feedback provenienti da tutti gli stakeholders; sovrintendere al processo di creation, certificazione di qualità e lancio dei nuovi prodotti/servizi offerti alla clientela - in particolare di quelli a maggiore impatto in termini di immagine e posizionamento competitivo sul mercato - ferme restando le specifiche responsabilità operative delle strutture tecniche e di business coinvolte; con decorrenza 14 gennaio 2008, è stata costituita la Direzione Business Strategies & International Development, cui sono attribuite le seguenti responsabilità: garantire la pianificazione strategica di Gruppo, assicurando la coerenza dei relativi indirizzi attuativi e l integrazione trasversale dei piani delle singole aree di business; garantire il coordinamento operativo delle iniziative di sviluppo internazionale; assicurare la coerenza della gestione degli operatori licenziatari nazionali e dei servizi wholesale internazionali; coordinare le iniziative broadband internazionali; sovrintendere alla tutela degli interessi legali del Gruppo a livello internazionale. Alla Direzione Business Strategies & International Development, fanno riferimento le seguenti Funzioni: Strategy, Business Development, National Wholesale Services, International Wholesale & Broadband Services, International Affairs, International Legal Affairs, che mantengono invariate le articolazioni organizzative e le relative attribuzioni di responsabilità; costituzione, in data 13 febbraio 2008, della Direzione Technology & Operations, cui è attribuita la responsabilità di garantire l innovazione tecnologica del Gruppo e di assicurare il presidio integrato delle attività di sviluppo, realizzazione ed esercizio delle infrastrutture di rete, immobiliari/impiantistiche e dell information technology, nonché dei processi di delivery e assurance dei servizi alla clientela; in data 21 febbraio 2008, la funzione Business Management & Intellectual Property Rights viene abolita e le attività relative al presidio delle tematiche IPR ed alla produzione/valorizzazione brevettuale confluiscono nell ambito della Direzione Technology & Operations; costituzione, in data 21 febbraio 2008, della posizione di Assistente Esecutivo dell Amministratore Delegato. Macrostruttura organizzativa 8

10 Si riporta di seguito la nuova configurazione operativa: Macrostruttura organizzativa 9

11 Informazioni per gli investitori Capitale Sociale Telecom Italia S.p.A. al 31 dicembre 2007 Capitale Sociale (relativo alle azioni emesse) euro ,70 Numero azioni ordinarie (valore nominale unitario 0,55 euro) Numero azioni risparmio (valore nominale unitario 0,55 euro) Numero azioni proprie ordinarie Telecom Italia Numero azioni ordinarie Telecom Italia possedute da Telecom Italia Finance Percentuale delle azioni proprie possedute dal Gruppo sul capitale sociale 0,64% Capitalizzazione di borsa (su media prezzi mese di dicembre 2007) euro milioni Azionisti Composizione dell azionariato sulla base delle risultanze del Libro Soci al 31 dicembre 2007 integrate dalle comunicazioni ricevute e da altre informazioni a disposizione (azioni ordinarie) ALTRI AZIONISTI ITALIA 23,41% ALTRI AZIONISTI ESTERO 0,07% TELCO 23,59% PERSONE GIURIDICHE ESTERO 1,95% PERSONE GIURIDICHE ITALIA 8,44% GRUPPO TELECOM ITALIA 0,94% ISTITUZIONALI ITALIA 20,81% ISTITUZIONALI ESTERO 20,79% Si segnala che il 28 aprile 2007 Pirelli & C. S.p.A., Sintonia S.p.A. e Sintonia S.A. hanno comunicato di aver raggiunto un accordo con primari investitori istituzionali finanziari e operatori industriali per la cessione del 100% del capitale di Olimpia S.p.A., società partecipata all 80% da Pirelli & C. S.p.A. e al 20% complessivamente da Sintonia S.p.A. e Sintonia S.A.. L acquisizione è stata effettuata in data 25 ottobre 2007, da una società veicolo, Telco S.p.A., alla quale sono state nella stessa data conferite da Mediobanca S.p.A. e da società del Gruppo Generali azioni ordinarie di Telecom Italia in misura pari al 5,6% del capitale di categoria. La partecipazione complessivamente detenuta da Telco S.p.A. risulta pertanto attualmente pari al 23,59% del capitale ordinario di Telecom Italia, di cui il 17,99% tramite Olimpia S.p.A. successivamente incorporata in Telco S.p.A.. Telco S.p.A. è partecipata dal Gruppo Generali (28,1%), da Intesa San Paolo S.p.A. (10,6%), da Mediobanca S.p.A. (10,6%), da Sintonia S.A. (8,4%) e da Telefonica S.A. (42,3%). Informazioni per gli investitori 10

12 Andamento dei principali titoli del Gruppo Telecom Italia (*) Relative performance Telecom Italia S.p.A vs. Indici MIBTEL e DJ Stoxx TLC (Fonte: Reuters) gen 07 feb 07 mar 07 apr 07 mag 07 giu lug 07 ago 07 set 07 ott 07 nov 07 dic 07 Telecom Italia Ord. (**) Indice MIBTEL (**) Prezzi ufficiali Telecom Italia Risp. (**) Indice Dow Jones STOXX TLC Relative performance Telecom Italia Media S.p.A vs. Indici MIBTEL e DJ Stoxx Media (Fonte: Reuters) gen 07 feb 07 mar 07 apr 07 mag 07 giu 07 lug 07 ago 07 set 07 ott 07 nov 07 dic 07 Telecom Italia Media Ord. (**) Telecom Italia Media Risp. (**) Indice MIBTEL Indice Dow Jones STOXX Media (**) Prezzi ufficiali (*) Si segnala che le azioni ordinarie e di risparmio Telecom Italia sono quotate sul NYSE (New York Stock Exchange) attraverso ADS (American Depositary shares) ordinari e di risparmio rappresentativi rispettivamente di 10 azioni ordinarie e 10 azioni di risparmio Telecom Italia. Informazioni per gli investitori 11

13 Rating al 31 dicembre 2007 Rating Outlook STANDARD & POOR S BBB+ Negativo MOODY S Baa2 Negativo FITCH RATINGS BBB+ Stabile Standard and Poor s ha confermato in data 13 marzo 2007 il proprio giudizio di BBB+ con outlook negativo su Telecom Italia. Moody s in data 12 marzo 2007 pur confermando il giudizio di Baa2 ha modificato l outlook sul debito di Gruppo portandolo da Stabile a Negativo. Fitch Ratings ha confermato in data 15 marzo 2007 il proprio giudizio di BBB+ con outlook stabile. Indicatori finanziari (euro) Telecom Italia S.p.A. Quotazioni (media dicembre) Ordinaria 2,18 2,28 2,44 Risparmio 1,68 1,94 2,08 Dividendo per azione Ordinaria 0,08 0,1400 0,1400 Risparmio 0,091 0,1510 0,1510 Pay Out Ratio (*) 87% 69% 72% Market to Book Value 1,67 1,72 2,06 Dividend Yield (su quotazioni medie dicembre) Ordinaria 3,67% 6,14% 5,74% Risparmio 5,42% 7,78% 7,26% Gruppo Telecom Italia Utile per azione base - azioni ordinarie 0,12 0,15 0,17 Utile per azione base - azioni di risparmio 0,13 0,16 0,18 (*) Per l esercizio 2007 l indicatore è stato calcolato sulla base della delibera di distribuzione dell utile dell esercizio proposta nell Assemblea degli Azionisti del 14 aprile Informazioni per gli investitori 12

14 Principali dati economico-finanziari del Gruppo Telecom Italia I risultati economico - finanziari del Gruppo Telecom Italia dell esercizio 2007 e degli esercizi precedenti posti a confronto sono stati predisposti secondo i Principi Contabili Internazionali emessi dall International Accounting Standards Board e omologati dall Unione Europea ( IFRS ). Nel 2007 il perimetro di consolidamento presenta le seguenti principali variazioni rispetto al bilancio consolidato 2006: l ingresso delle attività internet di AOL in Germania (consolidate dal 1 marzo 2007 e successivamente fuse in HanseNet Telekommunikation GmbH) e di InterNLnet B.V. (società olandese acquisita da BBNed a luglio 2007); l ingresso della società Shared Service Center (consolidata integralmente da ottobre 2007), a seguito dell acquisizione del controllo da parte della Capogruppo nel quarto trimestre In precedenza la società era stata iscritta in bilancio con il metodo del patrimonio netto; l uscita di Digitel Venezuela (ceduta a maggio 2006, già classificata fra le Attività cessate/attività non correnti destinate ad essere cedute), di Ruf Gestion (ceduta a marzo 2006), di Eustema (ceduta ad aprile 2006), di Telecom Italia Learning Services (ceduta a luglio 2006) e di altre società minori. Nello stato patrimoniale al 31 dicembre 2006 erano classificate fra le Attività cessate/attività non correnti destinate ad essere cedute, a seguito della decisione di procedere alla loro cessione, le partecipazioni detenute in Solpart Participações e Brasil Telecom Participações, cedute nel corso del Informativa per settore di attività Si ricorda che a partire dal 1 trimestre 2007 l informativa per settore di attività è stata modificata sulla base dell assetto organizzativo definito in data 22 gennaio 2007, finalizzato a garantire una maggiore flessibilità operativa e ad agevolare la realizzazione della convergenza tra le varie aree di business (comunicazioni fisse, mobili, internet a banda larga e contenuti media). La rappresentazione contabile è la seguente: Domestic European BroadBand Mobile Brasile Media Olivetti Altre attività Per assicurare la comparabilità dei dati, l informativa per settore di attività dell esercizio precedente è stata coerentemente rielaborata. Principali dati economico-finanziari del Gruppo Telecom Italia 13

15 Ricavi (euro/mln) Dati economici e finanziari consolidati (milioni di euro) Ricavi EBITDA (*) EBIT (*) Utile prima delle imposte derivante dalle attività in funzionamento Utile netto derivante dalle attività in funzionamento Utile (perdita) netto da attività cessate/attività non correnti destinate ad essere cedute (118) Utile netto dell esercizio Utile netto dell esercizio di pertinenza degli Azionisti della Capogruppo Investimenti: Industriali Finanziari ricostruito ( ) EBIT (euro/mln) Dati patrimoniali consolidati (milioni di euro) Totale Attività Totale Patrimonio Netto quota di pertinenza degli Azionisti della Capogruppo quota di pertinenza di Azionisti Terzi Totale Passività Totale Patrimonio netto e Passività Capitale Indebitamento finanziario netto Debt Ratio (Indebitamento finanziario netto/ Capitale investito netto (1) ) 57,0% 57,9% 59,6% 61,2% Personale, consistenza di Gruppo a fine esercizio (2) (unità) Personale (esclude l organico relativo alle Attività cessate/ attività non correnti destinate ad essere cedute) Personale relativo alle Attività cessate/ attività non correnti destinate ad essere cedute Personale, consistenza media di Gruppo (2) (unità) Personale (esclude l organico relativo alle Attività cessate/ attività non correnti destinate ad essere cedute) Personale relativo alle Attività cessate/attività non correnti destinate ad essere cedute Ricavi/Personale (euro/migliaia) 391,0 393, Indici reddituali consolidati EBITDA (*) / Ricavi 37,1% 41,1% 41,8% 45,5% EBIT (*) / Ricavi (ROS) 18,4% 23,8% 25,1% 26,9% Indebitamento finanziario netto / EBITDA (*) 3,1 2,9 3,2 2,6 Ricavi/Personale (consistenza media Gruppo, migliaia di euro) 393,0 391,0 374,6 355,4 EBITDA (*) /Personale (consistenza media Gruppo, migliaia di euro) 145,9 160,6 156,7 161, ( ) I dati al , al fine di garantirne la comparabilità, sono stati predisposti considerando tra le Discontinued Operations le seguenti società: il gruppo Finsiel, Digitel Venezuela, il gruppo Entel Chile, Tim Hellas, Tim Perù e il gruppo Buffetti. (*) Per i relativi dettagli si fa rimando a quanto riportato nel paragrafo Indicatori alternativi di performance. (1) Capitale investito netto = Patrimonio netto totale + Indebitamento finanziario netto. (2) Comprende il personale con contratto di lavoro somministrato Principali dati economico-finanziari del Gruppo Telecom Italia 14

16 Indicatori alternativi di performance Nella presente Relazione sulla gestione, nel bilancio consolidato del Gruppo Telecom Italia e nel bilancio separato della Capogruppo Telecom Italia S.p.A. per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2007 e 2006, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, vengono presentati alcuni indicatori alternativi di performance, al fine di consentire una migliore valutazione dell andamento della gestione economico-finanziaria. Tali indicatori, che vengono anche presentati nella Relazione sulla gestione in occasione delle altre rendicontazioni periodiche non devono, comunque, essere considerati sostitutivi di quelli convenzionali previsti dagli IFRS. Gli indicatori alternativi di performance utilizzati sono nel seguito illustrati: EBITDA: tale indicatore è utilizzato da Telecom Italia come financial target nelle presentazioni interne (business plan) e in quelle esterne (agli analisti e agli investitori) e rappresenta un utile unità di misura per la valutazione delle performance operative del Gruppo (nel suo complesso e a livello di Business Unit) e della Capogruppo Telecom Italia S.p.A. in aggiunta all EBIT. Questi indicatori vengono determinati come segue: Utile prima delle imposte derivante dalle attività in funzionamento + Oneri finanziari Proventi finanziari +/ Quota dei risultati delle partecipazioni in imprese collegate e a controllo congiunto valutate secondo il metodo del patrimonio netto (*) EBIT-Risultato Operativo +/ Svalutazioni/(Ripristini di valore) di Attività non correnti +/ Minusvalenze/(Plusvalenze) da realizzo di attività non correnti + Ammortamenti EBITDA-Risultato Operativo Ante Ammortamenti, Plusvalenze/(Minusvalenze) e Ripristini di valore/(svalutazioni) di Attività non correnti (*) Voce presente solo a livello di Gruppo Variazione organica dei Ricavi, dell EBITDA e dell EBIT: tali indicatori esprimono la variazione in valore assoluto e/o in percentuale dei Ricavi, dell EBITDA e dell EBIT, escludendo, ove presenti, gli effetti della variazione dell area di consolidamento, delle differenze cambio e delle componenti non organiche costituite dalle poste non ricorrenti e da altri proventi/oneri non organici. Telecom Italia ritiene che la presentazione di tale informazione addizionale permetta di interpretare in maniera più completa ed efficace le performance operative del Gruppo (nel suo complesso e con riferimento alle Business Unit) e della Capogruppo. La variazione organica dei Ricavi, dell EBITDA e dell EBIT viene anche utilizzata nelle presentazioni agli analisti ed agli investitori. Nell ambito della presente Relazione sulla gestione sono forniti i dettagli dei valori economici utilizzati per la costruzione della variazione organica, nonché un analisi delle principali componenti non organiche per gli esercizi 2007 e 2006; Indebitamento Finanziario Netto: Telecom Italia ritiene che l Indebitamento Finanziario Netto rappresenti un indicatore della capacità di fare fronte alle proprie obbligazioni di natura finanziaria, rappresentate dal Debito Finanziario Lordo ridotto della Cassa e altre disponibilità liquide equivalenti e di altre Attività Finanziarie. Nell ambito della presente Relazione sulla gestione sono inserite due tabelle che evidenziano i valori dello stato patrimoniale utilizzati per il calcolo dell Indebitamento Finanziario Netto, rispettivamente, del Gruppo e della Capogruppo. Indicatori alternativi di performance 15

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Relazione finanziaria annuale 2013

Relazione finanziaria annuale 2013 Relazione finanziaria annuale 2013 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) 1 2 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) Indice 1. Introduzione... 5 Principali dati economico-finanziari consolidati...

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI DELL ESERCIZIO 2013 DI TELECOM ITALIA S.P.A.

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI DELL ESERCIZIO 2013 DI TELECOM ITALIA S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI DELL ESERCIZIO 2013 DI TELECOM ITALIA S.P.A. ai sensi dell art. 123-bis del TUF (Relazione approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO ACEA INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE MODELLO ORGANIZZATIVO DI ACEA 8 ORGANI SOCIALI

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli