LA GESTIONE DELLE CRISI Telecom Italia Security - Dr. Damiano Toselli 07/09/2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DELLE CRISI Telecom Italia Security - Dr. Damiano Toselli 07/09/2010"

Transcript

1 CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze LA GESTIONE DELLE CRISI Telecom Italia Security - Dr. Damiano Toselli 07/09/2010 con la collaborazione di Osservatorio per la Sicurezza Nazionale (OSN)

2 SOMMARIO Gruppo Telecom Italia: Crisis Management: - Sistema Normativo - Modello Organizzativo Protezione Civile e Crisis Management Gli strumenti: le sale polifunzionali, il sistema CI.PRO. Formazione Esercitazioni Case history: - Sisma Abruzzo del 6 Aprile G8 l Aquila - 8/10 luglio 2009 Conclusioni

3 GRUPPO TELECOM ITALIA ETECSA (Cuba) BBned (Holland) TIM Brasil (Brazil) Entel (Bolivia) Telecom Argentina (Argentina) Telecom Italia (Italy) - 1 -

4 DIREZIONE SECURITY AMMINISTRATORE DELEGATO FRANCO BERNABÈ SECURITY D. Toselli Processi e Progetti Trasversali G. Cantournet Normative e Collegamenti Speciali Risk Prevention Crisis Management Sicurezza Territoriale Servizi per l Autorità Giudiziaria E. Insinna R. Masotti P. Bruschetti Sciarra M. Tiseo S. Caraco - 2 -

5 MISSION DIREZIONE SECURITY Assicura, a livello di Gruppo, la sicurezza e la tutela delle risorse umane, materiali, immateriali e delle infrastrutture Coordina funzionalmente le attività relative alla sicurezza svolte nelle Business Unit TI Media (LA7 e MTV) ed Olivetti, in Telecom Italia Sparkle e nelle altre società internazionali del Gruppo Costituisce l interfaccia verso gli Enti e Istituzioni preposti in materia di Sicurezza e Protezione Civile - 3 -

6 CARATTERISTICHE DELLA CRISI La vera CRISI, per la quale è necessaria una pianificazione ad hoc, scatta solo quando si è in presenza di una significativa combinazione dei seguenti elementi: gravità dell evento: legato alla misura del Danno al patrimonio impiantistico dell azienda inapplicabilità delle routine di comportamento: per cui le conseguenze dell evento non possono essere gestite dalle normali procedure pressione temporale: laddove si devono prendere decisioni di elevata trasversalità operativa, in tempi molto ristretti - Tutti i diritti riservati

7 SISTEMA DI GESTIONE DELLE CRISI: DEFINIZIONI, SCOPI ED ARTICOLAZIONE INCIDENTS EMERGENZA CRISI 4Il CRISIS MANAGEMENT ha lo scopo di mitigare e gestire: In logica PROATTIVA le emergenze POTENZIALMENTE in grado di degenerare in CRISI Le Crisi che sono già tali 4 La soluzione adottata prevede: Un sistema NORMATIVO costituito da : Un modello ORGANIZZATIVO costituito da diversi soggetti: 4 4 POLICY LINEE GUIDA 4 CRISIS MANAGEMENT BOARD 4 PROCEDURE 4 OPERATIONAL CRISIS TEAM 4 ISTRUZIONI OPERATIVE 4 Referenti aziendali c/o le Istituzioni locali - 5 -

8 SISTEMA NORMATIVO MISSION INDIRIZZO STRATEGICO GESTIONE SCENARI DI CRISI ISTRUZIONI OPERATIVE POLICY DI CRISIS MANAGEMENT documento di alto profilo contenente la mission LINEE GUIDA DI GRUPPO PER IL CRISIS MANAGEMENT forniscono gli elementi comuni a tutte le crisi considerate, con particolare riferimento alle modalità di funzionamento del Crisis Management Board e degli Operational Crisis Team PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER OGNI SCENARIO DI CRISI definiscono l organizzazione aziendale per la gestione delle crisi, individuando le procedure alternative a quelle normali ed i canali per le comunicazioni interne ed esterne all organizzazione ISTRUZIONI DI LAVORO disciplinano nel dettaglio le azioni previste nelle Procedure, attribuendo ruoli e responsabilità ai diversi attori - 6 -

9 RUOLO STRATEGICO: MODELLO ORGANIZZATIVO Il MODELLO ORGANIZZATIVO si articola nei seguenti ruoli: CRISIS MANAGEMENT BOARD (CMB) è presieduto dall Amministratore Delegato e si compone dei: Responsabili delle Funzioni Centrali: External Relations, Administration, Finance and Control, Human Resources, Corporate Legal Affairs, Security; Responsabili delle Direzioni/BU coinvolte nella Crisi - 7 -

10 MODELLO ORGANIZZATIVO RUOLO OPERATIVO OPERATIONAL CRISIS TEAM (OCT) hanno competenza territoriale e sono composti da Responsabili con know-how specifici a seconda della tipologia di crisi; Essi si interfacciano con i REFERENTI AZIENDALI C/O LE ISTITUZIONI LOCALI che operano in stretto accordo ed ausilio con gli OCT, se convocati, o con il Rappresentante aziendale c/o il Comitato Operativo della Protezione Civile, se attivo, o comunque con la struttura di Security Crisis Management Protezione Civile - 8 -

11 PROTEZIONE CIVILE E CRISIS MANAGEMENT Tra tutte le possibili crisi, quelle di PROTEZIONE CIVILE sono in assoluto le più frequenti: per queste ogni attività messa in campo è finalizzata ad assicurare: la rappresentanza aziendale presso il Comitato Operativo del Dipartimento della Protezione Civile l erogazione dei servizi di TLC per tutte le componenti istituzionali o del volontariato che prendono parte ai soccorsi il ripristino rapido dei servizi di TLC riguardanti le popolazioni colpite da calamità - 9 -

12 Telecom Italia Scenario Istituzionale L. N. 225 DEL 24/02/1992 Istituzione del Servizio Nazionale della Protezione Civile L. N. 401 DEL 09/11/2001 Disposizioni urgenti per il coordina mento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile anche in occasione di grandi eventi D.P.C.M. 21/11/2006 Costituzione e modalità di funzionamento del Comitato Operativo della Protezione Civile D.P.C.M. 03/12/2008 Definizione indirizzi operativi per la gestione delle emergenze

13 Telecom Italia Scenario Istituzionale Il 3 Dicembre 2008 con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sono stati definiti gli INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Finalità: ottimizzare la capacità di allertamento, di attivazione e di intervento del sistema di protezione civile a fronte di eventi calamitosi già avvenuti, previsti o in corso

14 Attraverso: Telecom Italia: la gestione delle crisi Telecom Italia Scenario Istituzionale la definizione di procedure operative per la gestione del flusso delle informazioni; la definizione del modello organizzativo per la gestione dell emergenza; l indicazione degli interventi prioritari da disporre a livello nazionale per supportare ed integrare adeguatamente la risposta locale di protezione civile. PRINCIPALI ATTIVITÀ DELLE COMPONENTI E STRUTTURE OPERATIVE DEL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Le attività sono distinte in azioni immediate, entro 12 ore e entro 24 ore. I rappresentanti delle componenti e strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile in seno al Comitato operativo assicurano l attuazione degli interventi stabiliti, nel rispetto delle proprie competenze e procedure

15 Sale Polifunzionali di Protezione Civile STRUMENTI Sistema Informativo CI.Pro Civil Protection Torino Milano Mestre Bologna Firenze Roma Napoli Palermo CI.Pro - Sistema Informativo di Protezione Civile a supporto del Crisis Management in tutte le fasi di gestione di una crisi

16 CI.PRO. - Civil Protection CI.PRO. è lo strumento di comando e controllo utilizzato e commercializzato da Telecom Italia per la pianificazione degli interventi in tempo di pace e la gestione delle crisi durante le emergenze ATTIVITA DI PIANIFICAZIONE Mappatura aree di pericolosità in relazione ai rischi prevalenti ed al danno atteso. Analisi dei rischi correlata alle risorse distribuite sul territorio di competenza ATTIVITA DI GESTIONE Supporto indispensabile alla gestione dell emergenza per l assunzione delle decisioni operative più adeguate ATTIVITA DI POST EMERGENZA Verifica dei piani d intervento Rendicontazione e storico degli eventi

17 Telecom Italia effettua: Telecom Italia: la gestione delle crisi FORMAZIONE - ESERCITAZIONI specifici interventi formativi rivolti al personale interno; testing interni al fine di verificare la risposta delle strutture e la validità della pianificazione; a

18 FORMAZIONE - ESERCITAZIONI Telecom Italia partecipa attivamente: ad esercitazioni esterne promosse e coordinate dagli organismi dello Stato (Legge 225/92); a mostre, fiere e convegni

19 FORMAZIONE - ESERCITAZIONI In particolare per quanto riguarda gli interventi formativi questi sono mirati a: Sensibilizzare alla gestione delle situazioni di crisi in una logica interfunzionale pianificata; Approfondire le soluzioni organizzative previste, le modalità d intervento in termini di risorse, mezzi e procedure; Analizzare gli aspetti sociali/relazionali in situazioni di crisi, come ad esempio la gestione degli stati d ansia

20 ESERCITAZIONI Eurosot 2005 Sicilia Orientale - 13/16 Ottobre 2005 Valsusa 2005 Val di Susa 4-6 Novembre 2005 Reno 2006 Bologna Giugno 2006 Mesimex 2006 Campania - 18/23 Ottobre 2006 Valtellina 2007 Lombradia - 19/21 luglio 2007 Sardinia 2008 Sardegna Nord Orientale -14/19 Aprile 2008 Shardana 2009 Sassari Novembre 2010 Marmilla 2010 Cagliari Aprile 2010 Toscana Novembre

21 EMERGENZE Terremoto Marche ed Umbria 2002 Black Out 2003 Tsunami Sud Est Asia 2004 Eruzione vulcano - Stromboli Frana Cerzeto Cosenza Incendio Gargano Puglia Terremoto Abruzzo

22 Sisma Abruzzo 6 Aprile 2009 Ore 03:32 SCOSSA SISMICA MAGNITUDO

23 Sisma Abruzzo 6 Aprile 2009 Comitato Operativo (Legge 225/92) Ore 04:40 Il Dipartimento di Protezione Civile attiva il Comitato Operativo di Protezione Civile, presieduto dal Sottosegretario Dr. Guido Bertolaso dove Telecom Italia è rappresentata da SECURITY Crisis Management RID ENEL VV.FF. Capo D.P.C. Forze Armate Ente Poste Forze di P.S. Corpo Forestale dello Stato Telecom Italia ANAS C.R.I. Servizio Sanitario Nazionale Autostrade Soccorso Alpino Trenitalia CNR Autonomie Locali RFI Volontariato INGV RAI ENEA Wind APAT H3G Vodafone

24 OPERATIONAL CRISIS TEAM I Vertici Aziendali Telecom Italia attivano presso la Sala Polifunzionale di Protezione Civile di Roma l Operational Crisis Team che è rimasto attivo h/24 dalle ORE 10:00 del 06/04/09 alle ORE 15:00 del 09/04/09 OPERATIONAL CRISIS TEAM Sala Polifunzionale ROMA (Parco dei Medici)

25 REFERENTI AZIENDALI C/O ISTITUZIONI LOCALI Telecom Italia dalle prime ore del sisma su richiesta del Dipartimento di Protezione Civile ha inviato i Referenti Aziendali presso le Istituzioni Locali (Comitati Operativi Misti). Il presidio in ambito DICOMAC è stato attivo H/24 fino a luglio 2009 e, in orario lavorativo, fino a settembre DICOMAC TELECOM ITALIA Il Dipartimento della Protezione Civile ha attivato complessivamente 7 COM che assicuravano in totale la gestione di 170 campi. Telecom Italia ha fornito tutta la connettività

26 PRINCIPALI AZIONI TELECOM ITALIA: Supporto alla Protezione Civile: attivazione di ca. 600 linee direttamente connesse alle operazioni di soccorso Distribuzione di schede telefoniche (1.000 da 5 e da 10 ) utilizzabili c/o posti mobili di Telefonia Pubblica, dislocati c/o principali centri di accoglienza Distribuzione ai soccorritori di 150 telefoni cellulari a traffico illimitato Ricarica gratuita di 10 a tutti i clienti TIM presenti nell area del sisma (circa ) Distribuiti cellulari alla popolazione con SIM TIM e ricarica da 5 e caricabatterie Camper itineranti dotati di tutti i servizi compresi 187 e

27 DANNI ALLE INFRASTRUTTURE DI TELECOM ITALIA Hanno riportato danni 18 centrali nell area di L Aquila, di cui 3 con importanti danni agli edifici; 1 edificio è crollato; L intera rete in rame di distribuzione dalle centrali alle case è stata danneggiata; I danni alla rete mobile sono stati marginali: Telecom Italia ha gestito le attività di prima emergenza in una situazione molto complessa;

28 ATTIVITA DI GESTIONE DELL EMERGENZA Immediatamente dopo il terremoto, le attività sono state indirizzate al rafforzamento dei servizi di telecomunicazioni mobili e pubblici per la Protezione Civile, Forze dell Ordine e Vigili del Fuoco. Sono state effettuate, inoltre, azioni di ripristino per evitare una caduta della centrale di L Aquila Centro. In particolare: sono stati inviati 7 apparati di telefonia pubblica installati su mezzi mobili di emergenza; sono state installate linee di telefonia fissa; è stata messa in sicurezza la centrale di Pettino al fine di essere usata come back up;

29 ATTIVITA DI GESTIONE DEL POST TERREMOTO Sono state implementate inoltre ulteriori azioni per fornire servizi di voce/dati ai campi della Protezione Civile, al fine di supportare la popolazione. In particolare: a supporto della popolazione sistemata nelle tende, sono iniziati i lavori per fornire servizi avanzati di telecomunicazioni nei nuovi insediamenti vicino L Aquila; servizi Wi-Fi nei campi principali (8); installazione di nuove centrali; servizi voce e dati in tutti i campi; servizi voce e dati nei centri di soccorso

30 GRANDI EVENTI Telecom Italia: la gestione delle crisi La gestione è affidata al Dipartimento di Protezione Civile (legge n. 401 del ). La Direzione Security assicura l interfaccia con le Istituzioni JUBILAEUM 2000 Roma 24 Dic Gen 2001 G 8 Genova 20/22 Luglio 2001 FSE EUROPEAN SOCIAL FORUM Firenze 6/10 Nov Conferenza Intergovernativa Roma 4 Ottobre 2003 Firma della Costituzione Europea Roma 29 Ottobre 2004 Esequie del Santo Padre Roma 2 Aprile 2005 XX Giochi Olimpici Invernali Torino 10/26 Feb Vertice Italo-Russo Bari 14 marzo 2007 G 8 L Aquila 8-10 Luglio

31 G8 L AQUILA 8/10 LUGLIO 2009 TELECOM ITALIA ha fornito i servizi di telecomunicazioni del Summit. Per soddisfare tutte le esigenze dei 27 Capi di Stato e di Governo e dei giornalisti accreditati è stata realizzata un architettura di rete a larga banda. Sono stati forniti tutti i servizi di telecomunicazioni nelle 14 strutture alberghiere, per un totale di stanze cablate che hanno ospitato i delegati dei 39 Paesi partecipanti

32 G8 L AQUILA 8/10 LUGLIO 2009 In particolare sono stati predisposti: metri di nuovi scavi per la posa di metri di cavi in fibra ottica; metri di cavi in rame; collegamenti di una capacità trasmissiva di 5 Gigabit al secondo: 3 centrali telefoniche per un totale di circa linee; 3 autocarrati mobili per garantire più di conversazioni simultanee. Per garantire la massima funzionalità sono state attivate: 300 linee base 200 linee ISDN 100 linee ADSL a 20 Megabit al secondo

33 G8 L AQUILA 8/10 LUGLIO 2009 ATTIVITA SECURITY: Telecom Italia: la gestione delle crisi PRESIDI: sono stati predisposti presidi di personale sia all interno dell azienda che all esterno c/o la Sala CDC G8 SICUREZZA: Vigilanza h/24 nelle 20 centrali centrali ritenute strategiche per il G8 situate nelle province di Roma, L Aquila, Rieti, Teramo, Pescara e Chieti ACCREDITI: sono stati predisposti, per il personale, n. 980 Badge provvisori e n. 320 Badge evento

34 CONCLUSIONI E sempre più evidente l efficacia ed il valore aggiunto di un valido sistema di Crisis Management sia per le aziende sia per quanto offerto al Sistema Paese partnership ed integrazione Pubblico e Privato

LA GESTIONE DELLE EMERGENZE: l organizzazione Telecom Italia

LA GESTIONE DELLE EMERGENZE: l organizzazione Telecom Italia TELECOM ITALIA GROUP Master Sicurezza Roma, 26 Maggio 2011 LA GESTIONE DELLE EMERGENZE: l organizzazione Telecom Italia TELECOM ITALIA S.p.A. SECURITY Crisis Management Protezione Civile Maria Letizia

Dettagli

LA GESTIONE DELLE EMERGENZE: l organizzazione Telecom Italia

LA GESTIONE DELLE EMERGENZE: l organizzazione Telecom Italia TELECOM ITALIA GROUP Regione Lombardia Milano, 27 Giugno 2011 LA GESTIONE DELLE EMERGENZE: l organizzazione Telecom Italia Paolo Chiriotti LA GESTIONE DELLE EMERGENZE: l Organizzazione Telecom Italia Assetto

Dettagli

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA Damiano TOSELLI Direttore Security Il Gruppo Telecom Italia ATTIVITA NUMERI RISULTATI Tlc fisse e mobili, internet e media, office and system solutions,

Dettagli

PROPOSTA DI DIRETTIVA EUROPEA SULLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE

PROPOSTA DI DIRETTIVA EUROPEA SULLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE SULLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE Dott. Damiano TOSELLI Responsabile Security Corporate Telecom Italia S.p.A. Sistema Paese: L INTERDIPENDENZA Infrastuttura Sistema produttivo Sviluppo Terziario

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009 DECRETA ART. 1 La Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C) è integrata dalla seguenti funzioni di supporto: Infrastrutture e Strutture post-emergenziali Coordinamento Enti Locali Relazioni Internazionali

Dettagli

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011 Missione 8 Soccorso civile Programma 8.5 Protezione civile C.d.R. 13 Protezione civile Le risorse assegnate al C.d.R 13 Protezione Civile per l anno 2011 sono state pari ad euro 3.350.113.331,56 a fronte

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

La banda larga nelle regioni italiane

La banda larga nelle regioni italiane La banda larga nelle regioni italiane a cura di Osservatorio Banda Larga, Between Il Consiglio europeo ad ottobre 2003 1 ha sottolineato l importanza di un rapido sviluppo di reti europee dei trasporti,

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

Group Business Assurance Revisione modello Incident di sicurezza

Group Business Assurance Revisione modello Incident di sicurezza GRUPPO TELECOM ITALIA Group Business Assurance Revisione modello Incident di sicurezza 11-2-2015 People Value Organizational Effectiveness Premessa Il presente documento illustra le ipotesi di confluenza

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI N.PROGRESSIVO Brevetto ID POS Cognome o Denominazione Nome Luogo di nascita PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Protezione Civile Conferimento dell'attestato di Pubblica Benemerenza

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome biffarella giuseppe Data di nascita 26/03/1958 Qualifica I Fascia Amministrazione MINISTERO DELL INTERNO CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Incarico attuale Dirigente Comando

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Seminario di formazione Valutazione dei danni provocati dal sisma Aula Magna _ Facoltà di Agraria di Bologna 19 giugno 2012 Agronomi

Dettagli

Comunicare l Emergenza Terremoto

Comunicare l Emergenza Terremoto Comunicare l Emergenza Terremoto L esperienza della Protezione Civile in Abruzzo A cura del Servizio comunicazione, sviluppo conoscenze e gestione dei rapporti con il Servizio Civile Dipartimento della

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

La Logistica Claudio Monteferri Basilicata 2012 - Potenza 14/12/2012

La Logistica Claudio Monteferri Basilicata 2012 - Potenza 14/12/2012 La Logistica Claudio Monteferri Basilicata 2012 - Potenza 14/12/2012 LA LOGISTICA La logistica in emergenza: struttura, assistenza alla popolazione, sistema nazionale, sicurezza Argomenti La logistica

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

Indice: Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2

Indice: Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2 Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le città raggiunte dalla fibra p. 2 p. 5 Le tariffe per internet in Fibra p. 6 Conclusioni p. 7 1 www.giornaledellisola.it febbraio 2014 Introduzione: Il nuovo studio

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Ermanno Maritano, Confindustria Piemonte EEN ALPS NordOvest Roma, 14 novembre 2011 European Commission Enterprise

Dettagli

Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2

Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2 Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le città raggiunte dalla fibra p. 2 L ampliamento delle rete p. 5 Le tariffe per internet in Fibra p. 6 Conclusioni p. 7 1 Introduzione: Il nuovo studio di SosTariffe.it

Dettagli

ARGOMENTI DELLA SERATA

ARGOMENTI DELLA SERATA IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale VV.F.Varese Presentazione curata dal Capo Squadra Esperto Lorenzo Canazza ARGOMENTI DELLA SERATA RUOLO E COMPETENZE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI

Dettagli

Azioni di sostegno all implementazione del bilancio sociale nelle amministrazioni pubbliche territoriali del Mezzogiorno

Azioni di sostegno all implementazione del bilancio sociale nelle amministrazioni pubbliche territoriali del Mezzogiorno Azioni di sostegno all implementazione del bilancio sociale nelle amministrazioni pubbliche territoriali del Mezzogiorno I risultati finali Il progetto Azioni di sostegno all implementazione del Bilancio

Dettagli

Scenari sui rischi sanitari: trend passati e futuri

Scenari sui rischi sanitari: trend passati e futuri Scenari sui rischi sanitari: trend passati e futuri Marco Leonardi Dipartimento della Protezione Civile Servizio Rischio Sanitario marco.leonardi@protezionecivile.it Storia Il Dipartimento della Protezione

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3 1. Dipartimento di Scienze Geologiche, Università di Roma Tre 2. Dipartimento della Protezione Civile, Presidenza del Consiglio dei Ministri 3. Istituto

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA Località Territorio comunale Evento sismico di modesta entità, percepito dalla Descrizione popolazione (magnitudo Richter inferiore a 4,0) Grado di rischio

Dettagli

INDICAZIONI PER L AGGIORNAMENTO DELLE PIANIFICAZIONI DI EMERGENZA PER RISCHIO VULCANICO DELLA ZONA ROSSA DELL AREA VESUVIANA

INDICAZIONI PER L AGGIORNAMENTO DELLE PIANIFICAZIONI DI EMERGENZA PER RISCHIO VULCANICO DELLA ZONA ROSSA DELL AREA VESUVIANA INDICAZIONI PER L AGGIORNAMENTO DELLE PIANIFICAZIONI DI EMERGENZA PER RISCHIO VULCANICO DELLA ZONA ROSSA DELL AREA VESUVIANA 20 gennaio 2015 Sommario Acronimi... 3 Premessa... 4 1. Descrizione generale

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

3.927 1.905 2.526 2.468

3.927 1.905 2.526 2.468 N accessi alla Procedura Risorse senza requisiti Domande inserite Art. 43 Domande presenti in graduatoria Residenti a L Aquila 3.927 1.905 2.526 58 2.468 17 CAUSALI ASSENZA DEI REQUISITI >20 gg. di malattia

Dettagli

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 B R O O K S M A R K E T I N T E L L I G E N C E R E P O R T S IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 Mack Brooks Exhibitions Ltd 2015. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Enterprise Europe Network

Enterprise Europe Network I servizi per l internazionalizzazione e l innovazione Enterprise Europe Network CHE COSA È ENTERPRISE EUROPE NETWORK La rete a sostegno delle PMI più grande d Europa; Iniziativa della DG Impresa e Industria

Dettagli

Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte

Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte Ing. Ermanno Maritano Asti, 3 giugno 2013 Creata il 1 Gennaio

Dettagli

Allegato A ELENCO INDIRIZZI

Allegato A ELENCO INDIRIZZI Allegato A A ELENCO INDIRIZZI SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere Militare MINISTERO DELLA

Dettagli

DISPOSIZIONE GENERALE N. 479

DISPOSIZIONE GENERALE N. 479 DISPOSIZIONE GENERALE N. 479 In data 13 aprile 2011 il Consiglio di Amministrazione ha nominato nella carica di Presidente Esecutivo il dott. Franco Bernabè. Il Consiglio di Amministrazione ha attribuito

Dettagli

Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN)

Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN) LO SPORTELLO INFORMATIVO TELEMATICO REACH E CLP DELL EMILIA ROMAGNA Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN) Antonello Lapalorcia Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

INFORMATIVA DI GIUNTA

INFORMATIVA DI GIUNTA COPIA ATTI: 1787/3.6/2014/1 N. REP. GEN. 5/2014 INFORMATIVA DI GIUNTA Oggetto: Informativa in merito alla realizzazione del Piano di Continuità Operativa del Sistema Informativo della Provincia di Milano.

Dettagli

CLUB OF VENICE. 19 Novembre 2009. www.protezionecivile.it

CLUB OF VENICE. 19 Novembre 2009. www.protezionecivile.it CLUB OF VENICE Plenary Meeting 19 Novembre 2009 Comunicazione in emergenza Terremoto in Italia www.protezionecivile.it Indice Club of Venice 19 novembre 2009 INTRODUZIONE p. 3 Prima fase : 6 30 Aprile

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

Incontro OO.SS Funzioni di Staff

Incontro OO.SS Funzioni di Staff GRUPPO TELECOM ITALIA Incontro OO.SS Funzioni di Staff 14 gennaio 2015 People Value Agenda Contesto Interventi organizzativi Administration, Finance and Control Business Support Office Interventi gestionali

Dettagli

ISGS. Quando l Azienda dà i numeri pag. 2. Trasferimenti pag. 5. Digital Factory pag. 6. Gli argomenti trattati in questo bollettino :

ISGS. Quando l Azienda dà i numeri pag. 2. Trasferimenti pag. 5. Digital Factory pag. 6. Gli argomenti trattati in questo bollettino : VENEZIA Mestre via della Montagnola 37 www.liberosinfub.com - tel. 041 544 11 33 Notizie ed approfondimen ti per gli Iscritti del Gruppo INTESA SANPAOLO N 1/20 15 24 LUGLIO 201 5 Gli argomenti trattati

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 Dott.ssa Speranza Sensi ASL 3 Genovese - Regione Liguria SICUREZZA SANITARIA GLOBALE gli impegni assunti

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

Sicurezza della rete in Italia

Sicurezza della rete in Italia GRUPPO TELECOM ITALIA TSF Meeting London 8 november 2012 Rome, 12 th April 2013 Sicurezza della rete in Italia Protezione delle infrastrutture critiche di comunicazione Sistema integrato di protezione

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

Evoluzione depositi territoriali

Evoluzione depositi territoriali Evoluzione depositi territoriali Roma Luglio 2013 Versione: 1 Depositi Territoriali AS IS 2 I Depositi Territoriali dislocati su 15 siti sul territorio nazionale, provvedono all approvvigionamento degli

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015 MONITOR SUD Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015 1 Monitor Sud Italia Dati aggiornati al 30 Giugno 2015 (estratti il 24.07.15) 2 Prima di effettuare un analisi per ogni regione, è opportuno fornire un

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi

Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi 9 dicembre 2004 Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi L Istat diffonde oggi i dati definitivi relativi agli Edifici e alle Abitazioni rilevati in occasione del 14 Censimento generale della

Dettagli

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto BMS IMPIANTI S.r.l. Marco Colombo 10-15 Aprile 2014 APA Confartigianato

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA...3

SOMMARIO PREMESSA...3 SOMMARIO PREMESSA...3 1. INCIDENTI FERROVIARI CON CONVOGLI PASSEGGERI ESPLOSIONI O CROLLI DI STRUTTURE CON COINVOLGIMENTO DI PERSONE - INCIDENTI STRADALI CHE COINVOLGONO UN GRAN NUMERO DI PERSONE...5 1.1

Dettagli

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani BOZZA DI PROGRAMMA VIII edizione Codice Rosso Il comune nel sistema della protezione civile Fiera di Ancona, 7-9 giugno 2012 40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani 40 1972 40 anni dal terremoto

Dettagli

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014 MONITOR SUD Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014 1 Monitor Sud Italia Dati aggiornati al 31 Gennaio 2014 (estratti il 28.02.14) 2 Prima di effettuare un analisi per ogni regione, è opportuno fornire un

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Evoluzione Ufficio CB

Evoluzione Ufficio CB Evoluzione Ufficio CB Commercializzazione n. 15 del 29 settembre 2014 VERSIONE 4 DEL 29 SETTEMBRE 2014 Un unica soluzione adatta per le esigenze di ciascun Target. *Le chiamate illimitate sono soggette

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

risultato indicatore composito 93,20% 79,60%

risultato indicatore composito 93,20% 79,60% PDR 2010 INDICATORI QUOTA NAZIONALE MARGINE OPERATIVO LORDO (a criteri IAS) RICAVI PRO CAPITE (a criteri IAS) risultato indicatore composito erogazione 93,20% 79,60% PDR 2010 QUOTA REGIONALE Accordi regionali

Dettagli

Il ruolo Telecom Italia

Il ruolo Telecom Italia nelle situazioni di crisi all'estero Roma, 23 maggio 2007 Forum PA Fiera di Roma 1 Il ruolo Telecom Italia " nelle situazioni di crisi all'estero" DANIELE TONUSSI Telecom Italia spa HRS.RP.IC 2 Agenda

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

Mappa dei percorsi formativi professionalizzanti secondo la normativa vigente

Mappa dei percorsi formativi professionalizzanti secondo la normativa vigente Mappa dei percorsi formativi professionalizzanti secondo la normativa vigente Mappa logica dei percorsi formativi professionalizzanti 8 7 Diploma tecnico superiore ITS Diploma di laurea 5 Specializzazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale D'Amico Mauro 15/01/1960 Generale di Brigata Dirigente

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato La Sicurezza nel Territorio Nazionale Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato 1 2 PREVENZIONE : Attività informativa Enti preposti Attività controllo territorio PCCT; Poliziotto/

Dettagli

6 marzo 6 giugno 2014

6 marzo 6 giugno 2014 Gli organizzatori dei Tour nazionali: Piano Casa 2010 Edifici a Energia Quasi Zero 2011, 2012 e 2013 Smart Village2012 e 2013 Forum Tecnologie e Costruzioni 2013 presentano 2014 6 marzo 6 giugno 2014 segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

L Scc della Rete Sarda

L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

Infracom IT Profilo del Gruppo

Infracom IT Profilo del Gruppo Infracom IT Profilo del Gruppo Rigoni Nicola U.O. Business Continuity Management INFRACOM IT S.p.A. - Gruppo Infracom GRUPPO INFRACOM: ASSETTO SOCIETARIO L AZIONARIATO Autostrada BSPD INFRAGRUPPO S.P.A.

Dettagli

Internal Auditing. Aree Territoriali Audit Area Manager. 09 ottobre 2007. HRO Sviluppo Organizzativo

Internal Auditing. Aree Territoriali Audit Area Manager. 09 ottobre 2007. HRO Sviluppo Organizzativo Internal Auditing Aree Territoriali Audit Area Manager 09 ottobre 2007 HRO Sviluppo Organizzativo Agenda 2 Assetto preesistente Assetto preesistente: dettaglio territoriale Il modello organizzativo di

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione Principali logiche organizzative: La Direzione Risorse Umane e Organizzazione ridefinisce il proprio

Dettagli

Maurizio Tesorini. Informazioni personali

Maurizio Tesorini. Informazioni personali Maurizio Tesorini Informazioni personali Stato civile: coniugato con 2 figli Nazionalità: Italiana Data di nascita: 10.04.1952 Luogo di nascita: Perugia Residenza: Strada comunale Pietramelina, 10-06134

Dettagli