1.1 La verità come corrispondenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 La verità come corrispondenza"

Transcript

1 Che cosa si intende per verità? Qual è il rapporto tra verità, realtà e conoscenza? Che tipi di verità ci sono e come ci si arriva? Quali sono i limiti delle nostre conoscenze? 1.1 La verità come corrispondenza Sin dall'epoca degli antichi filosofi - da Platone ( a.c.) in poi - si discute sulla natura della conoscenza. Come già specificava Platone nel dialogo Teeteto, la conoscenza implica, in generale, un certo dualismo tra il soggetto (inteso come "colui che pensa") e l'oggetto (intesto come "ciò che è pensato"). Per Tommaso d'aquino ( ) tale rapporto tra soggetto - o intellectus - e oggetto - o res - è di natura causale: la realtà conoscibile ha un ruolo attivo sul soggetto. L'oggetto influisce sul soggetto. A sua volta, il soggetto non è però passivo: esso crea, infatti, sia i concetti sia da questi conoscenze più complesse collegando o confrontando giudizi differenti attraverso il ragionamento. Dal semplice conoscere le note musicali (e il modo in cui esse vengono scritte), per esempio, è possibile, attraverso il ragionamento arrivare a conoscere il modo in cui le note sono collegate e la loro armonia in una composizione musicale. Definito, almeno per sommi capi, il concetto di conoscenza, ci interroghiamo ora sulle modalità che permettono di stabilire quando una conoscenza sia vera, chiedendoci, innanzitutto, che cosa sia la verità. Anche del problema della verità si sono occupati i filosofi di tutte le epoche. Il fatto di accorgersi che è possibile sbagliare in termini di conoscenze (giudizi e ragionamenti) ha spinto, infatti, l'uomo a ricercare un criterio che gli permetta di distinguere tra la verità e la falsità delle cose che egli pensa ed esprime con il linguaggio. Le risposte al problema date nel corso dei secoli - e che sono oggetto della disciplina nota come logica filosofica - sono molte e presentano non pochi aspetti enigmatici. Senza entrare nel merito della discussione viene qui presentato un possibile approccio al tema, semplice e intuitivo. Nel tentativo di accostarci al concetto di verità che qui vogliamo presentare, è bene partire da un brano di Battista Mondin che pone alcune osservazioni preliminari: Pagina 1 di 19

2 Scheda: Mondin, Logica, semantica, gnoselogia, p. 261 Vediamo anzitutto ciò che la verità non è. Verità non è sinonimo di certezza. Ci sono tante notizie, dottrine, fatti che ritenevamo certi, certissimi e che, poi, sono risultati non veri. Verità non è sinonimo di sincerità. Una persona può essere profondamente sincera e tuttavia dare un'informazione errata o aderire a dottrine non vere. Verità non è sinonimo di cultura: una persona può possedere moltissima cultura, ma una cultura zeppa di menzogne. La verità non designa una sostanza, neppure l'idea di una sostanza. Verità è un concetto assiologico e non un concetto empirico; non descrive un fatto ma prescrive un compito e propone un ideale. È un ideale, un dover essere, a cui sottostà il linguaggio, il pensiero e l'essere stesso... Dichiarare che qualche cosa è vero implica una differenza, una distinzione rispetto ad altre espressioni, modi di comportamento, situazioni, come, ad esempio, rispetto a opinioni soggettive, espressioni di sentimenti o di gusti soggettivi, o anche rispetto alla semplice apparenza, e via dicendo. Il filosofo che, per primo, ha risposto al problema della verità in una prospettiva vicina a quella da noi adottata è stato il filosofo greco Parmenide ( circa a.c). Parmenide è stato il primo a fondare la verità del pensiero sull'essere delle cose ovvero a comprendere che per decidere sulla verità o falsità dei nostri pensieri è necessario osservare la realtà aldilà del nostro pensiero. In questo senso, la verità risulta essere di tipo relazionale - una relazione tra realtà e pensiero. Da tale riflessione è successivamente scaturita l'idea della verità come conformità dei prodotti della nostra mente con la realtà. Tale idea è poi maturata profondamente durante il medioevo dando origine alla formula di Tommaso d'acquino secondo la quale la verità è "adequatio intellectus et rei" (La verità è adeguazione dell' intelletto e della cosa). Pagina 2 di 19

3 Secondo questa interpretazione, la verità dei nostri pensieri e di ciò che diciamo dipende dal modo in cui le cose sono nel mondo; sul piano linguistico-comunicativo la verità è un problema di accuratezza delle nostre rappresentazioni linguistiche. Così, per esempio, gli enunciati (le frasi proferite in determinati contesti) "Linuccia e Adriano si sono sposati nel 1965", "Gianna abita a Torino" e "L'acqua è formata da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno" sono veri solo se gli stati di cose a cui gli enunciati fanno riferimento sono veramente così. Di fatto diciamo che una certa cosa è vera perché vediamo che nel mondo le cose stanno così. È chiaro che se diciamo che la realtà è un adeguarsi alle cose, quel "cose" va interpretato in un senso ampio: la cosa a cui ci adeguiamo con l'intelletto non è solo un ente materiale (per esempio un albero, una persona, il mare) ma può anche essere un ente ideale (un'idea, un'opinione, un giudizio, una definizione): si tratta comunque sempre di un qualche cosa al di fuori della nostra mente e che noi riconosciamo con l'intelletto, adeguandoci a esso. Ora, come facciamo a stabilire la corrispondenza? Ovvero, quali sono gli elementi che ci permettono di stabilire che la realtà descritta dall'enunciato corrisponda effettivamente alla realtà del mondo? È chiaro, infatti, che l'intelletto non può avere fisicamente la stessa forma della cosa conosciuta. Per verificare la corrispondenza sono necessarie due cose: una conoscenza della lingua che ci permette di trovare le condizioni di verità degli enunciati (ovvero i parametri che noi possiamo verificare per vedere se le frasi sono vere) e un accesso al mondo da verificare. Così se Stefano dice "Ho la febbre", la conoscenza della lingua ci porta a capire che per decidere della veridicità dell'enunciato la temperatura di Stefano deve essere superiore a 37 gradi. In questo caso, possiamo prendere un termometro e misurare a Stefano la temperatura, oppure possiamo fidarci di ciò che dice Stefano e accettare l'enunciato per vero senza verificare. In base a tale prospettiva, risulta che la sede della verità è l'intelletto e che, come tale, la verità ha una serie di proprietà costitutive fondamentali che riportiamo di seguito, a conclusione del paragrafo, secondo le parole di Mondin: Pagina 3 di 19

4 Scheda: Modin Logica, semantica, gnoselogia, p La nostra verità è una verità "mondana", perché l'oggetto proprio, immediato, diretto della nostra conoscenza sono le cose di questo mondo. Esistono indubbiamente anche verità trascendenti, verità eterne, ma non sono immediatamente alla nostra portata, sono più un traguardo da perseguire che un sicuro possesso (...). La nostra verità è prospettica: ci offre la realtà mediante profili parziali che sono quelli della nostra cultura, della religione, della tradizione, dell'ambiente, della professione. Non è mai una verità pienamente adeguata; però, generalmente ci offre delle rappresentazioni di profili reali, che si mantengono dentro l'orizzonte della conformità con le cose, e quindi della verità. Altrettanto vale per la storicità e la personalisticità, che circoscrivono la verità dentro determinati orizzonti temporali e personali. Nonostante tutti i suoi limiti anche la verità umana rimane sostanzialmente una: non ci sono molte verità che variano da individuo a individuo, da generazione a generazione, da cultura a cultura, da filosofo a filosofo. Infatti il rapporto tra l'intelletto e la res (cosa) non può essere che uno: di conformità nel giudizio affermativo, o di difformità nel giudizio negativo. L'uno esclude l'altro, perché due giudizi contraddittori non possono essere entrambi veri e entrambi falsi. Così, Cesare è stato assassinato oppure non è stato assassinato da Bruto (...) Non ci possono essere due o più verità diverse sulla stessa cosa, nel medesimo tempo e sotto il medesimo aspetto. Il fondamento e la motivazione di questa proprietà della verità è nel principio di non contraddizione, il quale suppone che ogni essere è e rimane se stesso (principio di identità). 1.2 Realismo, realtà e conoscenza Facciamo un passo avanti. L'accettazione del concetto di verità come corrispondenza presuppone l'accettazione di un altro punto fondamentale, ovvero l'esistenza di una realtà aldilà del nostro intelletto che funge da punto di riferimento per decidere della verità degli enunciati. Si tratta, cioè, di chiamare in causa la cosiddetta visione "realistica" del mondo secondo la quale se parlo, per esempio, del quadro che mi sta davanti, quel quadro esiste indipendentemente dal fatto che io lo veda. Per il realismo, l'essere delle cose è oltre il pensiero e non può essere ridotto ad esso. Per approfondire: Una nota su realismo vs idealismo Pagina 4 di 19

5 La definizione della verità come corrispondenza è condivisa da tutti coloro che hanno una concezione realistica della conoscenza secondo cui la conoscenza ha carattere rappresentativo, cioè rappresenta la realtà che sta al di fuori dell'io. Per i realisti un enunciato è vero quando corrisponde ai fatti o ai fenomeni. È questa la posizione di filosofi quali Platone, Agostino d Ippona ( ), Immanuel Kant ( ), Alfred Tarski ( ), Karl Popper ( ). Alla posizione del realismo si contrappone quella dell'idealismo che dichiara, invece, che la conoscenza abbia un carattere essenzialmente creativo. Così Friedrich Hegel ( ), il protagonista della soluzione idealistica del problema della conoscenza e verità, dice che il realismo è insensato. Per Hegel, non esiste una realtà indipendente dal pensiero perché la realtà è il pensiero stesso e al di fuori del pensiero c'è solo il nulla. In una tale prospettiva, la verità non è più corrispondenza ma, essendo confinata nei limiti del pensiero, è intesa come coerenza del pensiero con se stesso. Ma se la realtà è aldilà del nostro pensiero, non tutta la realtà è fatta allo stesso modo. Ed è questo un punto da tener ben presente per meglio capire e giudicare della natura delle nostre conoscenze. Affrontiamo brevemente il tema della costituzione della realtà con l aiuto del filosofo del linguaggio John Searle. Searle, nel libro La costruzione della realtà sociale spiega l importante distinzione tra fatti bruti, o naturali, e fatti istituzionali che dipendono dall esistenza di una società umana: Scheda: Searle, La costruzione della realtà sociale, p. 36 Senza implicare che questi siano il solo genere di fatti che esistono nel mondo, abbiamo bisogno di distinguere tra fatti bruti, come quello che il sole dista 93 milioni di miglia dalla Terra e i fatti istituzionali, come quello che Clinton è presidente degli stati Uniti. I fatti bruti esistono indipendentemente da ogni istituzione umana; i fatti istituzionali possono esistere solo all interno di istituzioni umane. I fatti bruti richiedono l istituzione del linguaggio affinché si possano stabilire i fatti, ma essi stessi esistono del tutto indipendentemente dal linguaggio o da ogni altra istituzione. Così l asserzione che il sole dista 93 milioni di miglia dalla Terra richiede l istituzione del linguaggio e l istituzione della misurazione delle distanze in miglia, ma il fatto asserito, il fatto che ci sia una certa distanza tra la Terra e il sole, esiste indipendentemente da ogni istituzione. I fatti istituzionali, dall altra parte, richiedono istituzioni umane speciali per la loro stessa esistenza. Inoltre, a complemento di quanto detto da Searle, va tenuto presente che la realtà in cui viviamo si presta a interpretazioni oggettive e soggettive, e gran parte della nostra visione della realtà e del nostro giudicare della verità di ciò che ascoltiamo da altri Pagina 5 di 19

6 dipende proprio dal contrasto tra l oggettivo e il soggettivo. Ma cosa si intende per oggettivo e soggettivo? Questi termini, nel modo in cui li usiamo qui, fanno riferimento al valore dei nostri giudizi sulla realtà: se un giudizio è soggettivo ciò significa che la sua verità o falsità non è semplicemente una questione di fatto, ma dipende da certi sentimenti o punti di vista di chi esprime tale giudizio. Così, se Chiara dice a Francesca Il vino rosso è più buono di quello bianco, Francesca potrà essere in disaccordo con tale giudizio, ma esso è pur sempre espressione di un punto di vista di Chiara. In altre parole, non esiste un criterio oggettivo per determinare una qualità che, nel caso del vino, dipende dal gusto personale di chi lo beve. Diverso è invece il caso di un giudizio quale Leonardo da Vinci è nato nel 1452 ad Anchiano. Per giudizi di questo tipo, i fatti del mondo che li rendono veri o falsi sono indipendenti dall atteggiamento o dai sentimenti delle persone. In questo caso vi sono fatti oggettivi che testimoniano a loro volta l oggettività dei giudizi che li esprimono. Di fronte a un giudizio (dato o ricevuto), dunque, è importante capire se sia oggettivo o soggettivo: solo così saremo infatti in grado di darne una valutazione qualitativa e, in ultima analisi, di accettarlo o rifiutarlo. 1.3 L'acquisizione di verità Dopo aver parlato di che cosa sia la verità in relazione alla realtà e al modo in cui quest ultima è costituita, vediamo ora di analizzare come si possa acquisire la verità attraverso la conoscenza. In generale, l acquisizione della verità avviene secondo modalità dirette (attive) o indirette. Nelle modalità dirette è l'intelletto che giunge a conoscere una certa verità. In questo caso, il riconoscimento di certe verità può avvenire in modo immediato (ricorrendo all'esperienza) oppure mediato (quando si utilizza il ragionamento). Vi sono poi verità che cogliamo in modo indiretto, per esempio attraverso la testimonianza altrui. Vediamo nello specifico ciascuna modalità di acquisizione Le verità immediatamente evidenti Pagina 6 di 19

7 Come il filosofo Gottfried Leibniz ( ) faceva notare, le verità a cui noi possiamo giungere in modo immediato si suddividono in due categorie fondamentali, verità di fatto e verità necessarie. Vediamo nel dettaglio come riconoscerle. Le "verità di fatto" sono quelle che: determinano la natura di una cosa esistente, per esempio "La macchina di Lucia è grigia" oppure affermano l'esistenza di qualche cosa, per esempio "Attilio esiste" Alle verità di fatto si arriva sulla base dell'esperienza. Così, dal vedere che l'oggetto che c'è sul tavolo in questo momento è una penna e che tale penna ha la caratteristica dell'essere verde, posso dire che "c'è una penna verde sul tavolo" e ciò corrisponderà al vero. Il filosofo Kant () chiamava tali espressioni giudizi sintetici a posteriori, sintetici perché in esse il predicato, nel nostro caso "l'essere verde", aggiunge qualche cosa alla nozione del soggetto, nel nostro caso "l'essere penna"; a posteriori perché tale aggiunta è per l'appunto compiuta sulla base di un dato di fatto o esperienza. Proprio perché legate all'esperienza e alla realtà empirica, le verità di fatto possono cambiare dall'oggi al domani: se Lucia decide di vendere la sua macchina grigia e di acquistare una Panda blu, l'enunciato "La macchina di Lucia è grigia" sarà falso. Per quanto riguarda poi le verità di fatto che stabiliscono l'esistenza di una certa realtà, del tipo "esiste una tal cosa", esse vengono pronunciate in riferimento a realtà di cui noi normalmente non abbiamo esperienza. Nel momento in cui abbiamo esperienza di un ente, infatti, è già implicito il giudizio di esistenza. Così ha senso dire "esiste la forza di gravità" (perché non si percepisce direttamente) ma non ha senso che Gianna mentre mangia un gelato con Giuseppina dica "esiste il gelato!). In generale, sugli oggetti che percepiamo nell'esperienza quotidiana non parliamo in termini di esistenza: la si dà per scontata. In questo senso, l'esistenza delle cose è sperimentata da noi immediatamente. Da lì, nota Sofia Vanni Rovighi ( ) "dall'esistente percepito concretamente astraiamo quel concetto di esistenza che applichiamo poi, coi giudizi di esistenza, a quegli enti che non percepiamo, ma dei quali dobbiamo ammettere che esistano come cause di altri enti da noi sperimentati." (169) Così, Pagina 7 di 19

8 per esempio, con l'esperienza riusciamo a vedere i corpi che cadono, ma non la forza di gravità. L'esistenza di quest'ultima si astrae però dalla caduta dei corpi e viene ipotizzata al fine di spiegare la caduta stessa. "Necessarie" sono invece quelle verità che ineriscono alla metafisica, alla logica e alla geometria il cui contrario è necessariamente falso perché contraddittorio con la verità di quanto espresso dal soggetto. Si tratta, cioè, di verità dove viene predicato ciò che per definizione appartiene al soggetto. Nella nozione di triangolo, per esempio, è contenuto tutto ciò che del triangolo si può affermare, che ha tre lati, che la somma degli angoli interni è di 180 gradi e così via. Quindi, se diciamo che "Ogni triangolo ha gli angoli interni uguali a due retti", la verifica della verità di tale enunciato non ha bisogno di un confronto con l'esperienza, perché la negazione di essa è incompatibile con l'idea stessa di triangolo. Lo stesso se si dice "Le donne sono persone". Nelle verità necessarie si tratta, perlopiù, di mettere in gioco caratteristiche definitorie, che riguardano l'essenza, degli individui considerati e che, come tali, non possono essere rifiutate. Diverso è invece dire che "Cesare varcò il Rubicone per marciare contro i suoi nemici a Roma". Il passaggio del Rubicone non è una nozione necessariamente ricavabile dal soggetto Cesare. Cesare sarebbe stato pur sempre Cesare anche senza passare il Rubicone. Per verificare la verità di quest'ultima asserzione avremo bisogno di verificare le fonti storiche, o consultare un esperto di storia romana Le verità mediatamente evidenti Le verità che risultano immediatamente vere sono poche. Questo fa sì che spesso, per asserire che certe proposizioni sono vere, è necessario mostrare che esse derivano e sono connesse a proposizioni immediatamente evidenti o ad altre proposizioni la cui verità è già stata riconosciuta ed è nota. Si tratta cioè di attuare un processo di dimostrazione per provare la verità di certe conclusioni che, come tali, risulteranno poi mediatamente evidenti. Seguendo tale prospettiva, possiamo identificare almeno quattro gruppi di verità mediate fondamentali: Pagina 8 di 19

9 a. Le verità per deduzione e induzione b. Le verità morali c. Le verità storiche d. Il senso comune a. Le verità dimostrate attraverso la deduzione o l' induzione. La natura della scienza Nel capitolo terzo illustreremo in modo specifico cosa siano deduzione o induzione. Qui è sufficiente sottolineare che per mezzo della deduzione possiamo concludere che una certa conclusione è vera, per esempio che la figura che Adriano ha disegnato è un triangolo mostrando che essa deriva da proposizioni o premesse la cui verità è nota, ovvero: 1. Se una figura ha gli angoli interni uguali a 180 gradi, allora è un triangolo e 2. La figura disegnata sul foglio di Adriano ha gli angoli di 180 gradi. È chiaro che la conclusione del sillogismo varrà tanto quanto valgono le premesse: se le premesse sono evidenti anche la conclusione sarà evidente. Ma se una delle premesse è solo probabile, anche la conclusione sarà tale. Se diciamo, per esempio, "il cioccolato bianco è buono, il Galak è un cioccolato bianco, il Galak è buono", la conclusione avrà una probabilità molto discutibile (soprattutto da parte delle persone a cui il cioccolato bianco non piace!). Se invece mostriamo che una certa conclusione generale è vera perché supportata da una serie di fatti singolari - per esempio che "i cani abbaiano", perché Fufi è un cane e abbaia, Laika è un cane e abbaia, Lilli è un cane e abbaia, Lord è un cane e abbia ecc., abbiamo ottenuto una verità mediata per induzione. Come mostreremo più diffusamente successivamente, per giungere a una verità mediata attraverso l'induzione bisogna verificare che i singoli casi siano sufficienti o appropriati per giustificare la verità della conclusione. Deduzione e induzione, in generale, sono strumenti che permettono di giungere a conclusioni dimostrate, la cui conoscenza può dirsi costitutiva della scienza. Ma data la rilevanza storica e attuale del tema "verità e scienza" è opportuno fare, di seguito, un approfondimento. Pagina 9 di 19

10 Come è noto, il compito della scienza è di scoprire delle verità generali attraverso l'analisi di fatti particolari. Se, infatti, attraverso l'osservazione diretta di fatti particolari, per esempio l'osservazione del moto di una palla su un piano inclinato, gli scienziati possono conoscere e descrivere determinati fenomeni, al fine della scienza questo non basta. Agli scienziati interessa comprendere un fenomeno cercando di determinare le leggi generali che lo regolano e le sue relazioni con altri fenomeni relativi. Essi creano, così, delle teorie che spiegano i fenomeni stessi. Seguendo la definizione di Irvin Copi (p. 528), per spiegazione s' intende " un gruppo di proposizioni o una storia da cui può essere logicamente inferito il fatto da spiegare e la cui accettazione elimina o diminuisce il carattere problematico o enigmatico del fatto stesso". A scopo di illustrazione proponiamo un esempio che il filosofo della scienza Karl Popper definisce un po' repellente (!): Scheda: Karl Popper, Reference E' stato trovato un ratto morto e desideriamo sapere cosa gli sia capitato. L'explicamdum (un'asserzione della cosa da spiegare) può essere stabilito così: "Questo ratto qui è morto di recente". Questo explicandum ci è certamente noto. Il fatto sta davanti a noi in tutta evidenza. Se vogliamo spiegarlo, dobbiamo inventare qualche spiegazione ipotetica o congetturale (come fanno gli autori di racconti polizieschi), cioè a dire, spiegazioni che introducano qualcosa di ignoto, o in ogni caso molto meno noto, a noi. Tale ipotesi può essere per esempio che il ratto è morto per una forte dose di veleno per topi. Questa è utile come ipotesi nella misura in cui, in primo luogo, ci aiuta a formulare un explicans (un'asserzione delle leggi e delle condizioni esplicative) da cui può essere dedotto l'explicandum; in secondo luogo, ci suggerisce una quantità di controlli indipendenti - controlli dell'explicans che sono del tutto indipendenti dal fatto che l'explicandum sia vero o meno. Ora l'explicans - che è la nostra ipotesi - non consiste solo della proposizione "questo ratto ha mangiato un'esca che conteneva una forte dose di veleno per topi", poiché soltanto da questa proposizione non si può dedurre validamente l'explicandum. Piuttosto, dovremmo usare come explicans due tipi di premesse differenti - leggi universali e condizioni iniziali. Nel nostro caso, la legge universale potrebbe essere posta in questi termini: "Se un ratto mangia almeno otto grammi di veleno per topi, morirà entro cinque minuti". La condizione iniziale (singolare), cioè una proposizione singolare, potrebbe essere: "Questo ratto ha ingerito almeno diciotto grammi di veleno per topi, più di cinque minuti fa". Da queste due premesse insieme possiamo ora effettivamente dedurre che questo ratto è morto di recente. Pagina 10 di 19

11 Il lettore concorderà sul fatto che non tutte le spiegazioni proposte come "scientifiche" sono buone. Ve ne sono alcune migliori di altre. Così, un lettore potrebbe chiedere "come sapete che questo ratto ha mangiato veleno?". In questo caso bisognerebbe analizzare il contenuto dello stomaco e, se non vi fosse del veleno, la spiegazione crollerebbe. Oppure, un altro lettore scettico mettere in dubbio il fatto che "il mangiare una certa sostanza chimica sia causa di morte". Anche in questo caso, tale legge dovrebbe essere provata sulla base di osservazioni empiriche e se si scoprisse che la sostanza ingerita dal povero roditore non fosse mortale, bisognerebbe cambiare la spiegazione. Questi esempi ci fanno capire che quanto viene proposto come vero, nel senso di generalizzabile, dalla scienza in un determinato contesto o periodo storico può essere, in seguito, soggetto a critiche che ne stimolano una revisione. E questo, senza togliere alcuno dei benefici che la scienza ha apportato e continua ad apportare all'umanità, deriva da ciò che Popper definisce come il carattere di falsificabilità della scienza. Per approfondire: Karl Popper, Ref., p. 50 Non vi è una via, regia o di altro tipo, che porti necessariamente da un insieme "dato" di fatti specifici a una legge universale. Ciò che chiamiamo "leggi" sono ipotesi o congetture che formano sempre una parte di qualche sistema più ampio di teorie e che, perciò, non possono essere mai controllate isolatamente. Il progresso della scienza consiste in tentativi, nell'eliminazione di errori e in ulteriori tentativi guidati dall'esperienza acquisita nel corso di precedenti tentativi ed errori. Nessuna teoria particolare può mai essere considerata assolutamente certa: ogni teoria può diventare problematica, non importa quanto possa sembrare ora ben corroborata. Nessuna teoria scientifica è sacrosanta o al di là della critica. Indipendentemente dall'essere criticabile - che, si è appena visto, è una qualità intrinseca della verità scientifica - vi sono, comunque, cinque criteri generalmente usati per giudicare il valore o l'accettabilità delle ipotesi scientifiche (Copi 535): Pagina 11 di 19

12 1. La rilevanza: nel creare un'ipotesi bisogna mostrare che essa può essere una spiegazione di qualche fatto (per esempio, l'avere mangiato una sostanza mortale può essere una spiegazione della morte recente del ratto) 2. La controllabilità: ogni ipotesi deve avere un legame con fatti empirici che siano osservabili (per esempio, è possibile verificare ciò che lo stomaco del ratto contiene) 3. La compatibilità con ipotesi precedentemente ben stabilite (per esempio, il fatto che la sostanza X provochi effettivamente una morte quasi istantanea) 4. Il potere di previsione o spiegazione: un'ipotesi è controllabile se è possibile dedurre qualche fatto osservabile (per esempio, è possibile mostrare - per sfortuna delle cavie! - che i ratti effettivamente muoiono appena ingeriscono la sostanza X) 5. La semplicità: nella vita comune, come nella scienza, siamo portati ad accettare la teoria più semplice e la semplicità di una teoria rispetto a un'altra è un criterio per preferirla. Così, scrive l'astronomo contemporaneo Robert Naeye: Per approfondire: Robert Naeye, Ref. (Copi 538) Quando gli scienziati si trovano di fronte a più di una spiegazione per un fenomeno, essi di solito applicano il "rasoio di Occam": accettare la spiegazione più semplice con il minor numero di assunzioni e rifiutare quelle che sono più fantasiose e arzigogolate. Forse la nostra galassia è un fermentare di vita e civiltà, ma la spiegazione più semplice (del fallimento di tutte le precedenti ricerche di extra-terrestri), data l'evidenza disponibile, è quella che noi condividiamo la galassia con pochi, o addirittura con nessun altro. Pagina 12 di 19

13 Sulla base di queste premesse, il modello generale della ricerca di verità scientifiche si articola in sette passi, o stadi, che proponiamo di seguito, a conclusione di questo paragrafo, seguendo la terminologia del Copi: 1. Identificazione del problema 2. Selezione di ipotesi preliminari 3. Raccolta di fatti addizionali 4. Formulazione di un'ipotesi esplicativa 5. Deduzione di ulteriori conseguenze 6. Verifica delle conseguenze dedotte 7. Applicazione della teoria I sette stadi spesso s' intersecano e si sovrappongono, ma possono essere identificati retrospettivamente in ogni ricerca che si proponga come scientifica. b. L'evidenza morale Molte volte ci capita di fondare i nostri ragionamenti su punti di vista la cui verità non è né immediatamente né, in senso stretto, mediatamente evidente. Si tratta di affermazioni riguardanti la vita e gli usi e costumi umani che si riconoscono come probabilmente veri perché rispecchiamo ciò che per lo più succede o dovrebbe succedere nella società. Così, per esempio, siamo certi che il cibo che stiamo per prendere nella mensa dell'università non è avvelenato perché, normalmente, i gestori di una mensa, se non impazziscono e non sono mossi da istinti criminali, non hanno per fine quello di avvelenare i loro clienti! Oppure siamo sicuri che se Letizia piange perché le stanno spuntando i primi denti, sua mamma non la maltratterà perché normalmente Pagina 13 di 19

14 una mamma non maltratta la sua bambina e tanto meno perché le stanno spuntando i primi dentini. Come, dunque, sottolinea Vanni Rovighi: Tali premesse che riguardano i costumi umani, il modo normale di comportarsi degli uomini, non possono essere conosciute se non per induzione; ma è un'induzione, questa, che non può fondarsi sul determinismo, poiché l'uomo non è necessariamente determinato ad agire in un modo o in un altro, quindi potrebbe, anche senza esser pazzo, operare in modo opposto a quello normale. c. L'evidenza storica L'evidenza storica riguarda principalmente fatti la cui verità non può essere constatata direttamente, ma è attestata da altri, per esempio, l'esistenza del famoso oratore romano Cicerone, la rivoluzione francese o la prima guerra mondiale. In termini più generali, tale categoria include tutti i fatti che riteniamo veri perché qualcuno li ha attestati o riportati come tali, per esempio, le notizie del telegiornale o i fatti che apprendiamo dai giornali. Chiaramente di fronte a ciò che viene presentato come evidenza storica si richiede al destinatario uno sguardo critico: non tutto va preso come oro colato! Così, spiega Vanni Rovighi: Scheda: Sofia Vanni Rovighi, Logica e Teoria della conoscenza, pp : Un fatto storico può essere evidente quando: 1. sia un fatto possibile e facilmente conoscibile 2. i testimoni abbiano: a) conoscenza del fatto e b) siano veraci. La conoscenza del fatto da parte dei testimoni ci è assicurata quando essi siano in condizioni tali di luogo e di tempo da poter avere esperienza del fatto o almeno da poter essere informati da chi ne ebbe esperienza. Circa la veracità va tenuto presente che nemo gratis mendax (nessuno mente per niente); quindi la veracità del teste va presupposta quando positivamente non risulti un motivo che può aver indotto il teste a mentire. Si può esser certi della veracità del teste quando questi riferisce cose che non gli tornano a onore o non gli sono utili. Pagina 14 di 19

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918)

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege 1892 (A) Aristotele è il maestro di Alessandro Magno (B) Aristotele

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

La nozione di prova e di argomenti di prova

La nozione di prova e di argomenti di prova 1 La nozione di prova e di argomenti di prova SOMMARIO 1. L attività istruttoria nel processo civile. 2. La prova. 3. L oggetto della prova. 4. Classificazione delle prove. 5. L onere della prova. 1. L

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

2. Semantica proposizionale classica

2. Semantica proposizionale classica 20 1. LINGUAGGIO E SEMANTICA 2. Semantica proposizionale classica Ritorniamo un passo indietro all insieme dei connettivi proposizionali che abbiamo utilizzato nella definizione degli enunciati di L. L

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119.

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. TEMA 9: L'IMMORTALITÀ Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. , PLATONE FEDONE Prefazione, saggio introduttivo, traduzione, note,

Dettagli

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 2.1.9 TITOLO Carletto e la matematica AREA Matematica (Aritmetica) SCUOLA Elementare: classi 3-4 - 5 Media: classe 1 OBIETTIVO Riflettere sui fondamenti della matematica

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Temi filosofici dell ingegneria e della scienza /Informatica B[1] Politecnico di Milano, II Facoltà di ingegneria, a.a. 2009-10 Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Viola Schiaffonati Dipartimento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se.

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se. I Polinomi Michele Buizza 1 Insiemi In questa prima sezione ricordiamo la simbologia che useremo in questa breve dispensa. Iniziamo innanzitutto a ricordare i simboli usati per i principali insiemi numerici.

Dettagli

Linee guida per la comunicazione elettronica Per collaboratori, praticanti e apprendisti di login formazione professionale SA

Linee guida per la comunicazione elettronica Per collaboratori, praticanti e apprendisti di login formazione professionale SA Linee guida per la comunicazione elettronica Per collaboratori, praticanti e apprendisti di login formazione professionale SA Indice 1. Principi per la comunicazione elettronica 3 2. Quattro principi per

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi J.L. Austin J.L. Austin, Come fare cose con le parole cap. VII, VIII, IX, XI J.L. Austin e la teoria degli atti linguistici Le lezioni di Austin intitolate How to do things with words sono state tenute

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA Sulla base delle Indicazionii Nazionali (L.53/2003) si individuano i seguenti obiettivi formativi per le diverse classi e discipline attraverso i quali gli insegnanti

Dettagli

Cartesio: Meditazioni Metafisiche

Cartesio: Meditazioni Metafisiche Cartesio: Meditazioni Metafisiche Schema riassuntivo Prima Meditazione DELLE COSE CHE SI POSSONO REVOCARE IN DUBBIO 1. Necessità del dubbio metodico È necessario, almeno una volta nella vita, dubitare

Dettagli

Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA. Classi prime

Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA. Classi prime Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA Classi prime Sezioni A B C D Anno scolastico 2015-2016 FINALITA EDUCATIVE L'insegnamento dell'educazione tecnica nella

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES I bambini cantano West Side Story Il progetto I bambini cantano, nasce e si sviluppa in seno ad una progettualità che dura ormai da diversi anni e che investe diverse realtà del territorio, che si prefigge

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE 1a) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del laboratorio 1.a.1. - rispondere

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

SITUAZIONE DELLA CLASSE

SITUAZIONE DELLA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado M.Marchi Università Cattolica - Brescia L insegnamento della matematica nella scuola della riforma 16

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi Atti linguistici Per i filosofi del linguaggio ideale: la funzione principale del linguaggio è quella di descrivere stati di cose (descrivere come sarebbe il mondo se l enunciato proferito fosse vero)

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Le competenze matematiche nelle Indicazioni Nazionali

Le competenze matematiche nelle Indicazioni Nazionali Bra, Settembre Pedagogico 2014 3-4 settembre 2014 Le competenze matematiche nelle Indicazioni Nazionali Rosetta Zan Dipartimento di Matematica, Università di Pisa zan@dm.unipi.it Competenze e problem solving

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

LE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELL OBBLIGO SCOLASTICO

LE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELL OBBLIGO SCOLASTICO COMPETENZE ATTESE A. DIDATTICA LE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELL OBBLIGO SCOLASTICO A. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA - SCUOLA DELL INFANZIA come da Documento del 4 Settembre 2012: Indicazioni

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI:

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: Borgoni Valter Zanotti Daniela Sacchetti Cristina Sartori Alessandra Mochi Valentina (sostegno) Spagnoli Elisa (religione) Lazzari Maria Grazia (assistente per l integrazione)

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli