Linguistica italiana. Tra lessicografia storica e tipologia dei testi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linguistica italiana. Tra lessicografia storica e tipologia dei testi"

Transcript

1 FRANCESCO SABATINI Linguistica italiana. Tra lessicografia storica e tipologia dei testi Udine - San Daniele del Friuli, 9-10 settembre Premessa comune ai due interventi Il titolo generale di questi due incontri, Tra lessicografia storica e tipologia dei testi, accosta due ambiti di osservazione dei fatti linguistici che a prima vista sembrano avere ben poco in comune. La lessicografia storica riguarda i criteri di raccolta dei materiali lessicali che sono serviti per la compilazione dei vocabolari del passato; mentre la tipologia dei testi è una branca della linguistica testuale che cerca di classificare, secondo parametri di vario genere, i testi prodotti in un dato ambiente culturale allo scopo di rilevare tratti linguistici ricorrenti che caratterizzino determinati tipi di testo. Il collegamento tra i due ambiti diventa evidente, invece, nel quadro della realtà linguistica italiana, sulla base della seguente constatazione. L uso standard della lingua italiana odierna risulta da una tradizione normativa molto particolare. Nei secoli dal XVI al XIX (fino all operazione manzoniana, peraltro di non immediato successo), in assenza di un uso parlato sufficientemente diffuso e unitario (almeno negli ambienti sociali dominanti) in misura paragonabile a quella di altre lingue prossime all italiano (il francese, lo spagnolo), l unità e la validità dell italiano erano assicurate dagli strumenti lessicografici e grammaticali che venivano prodotti: soprattutto dal Vocabolario degli Accademici della Crusca (1 a ed. 1612; successive fino all ediz. Cesari ) e dalle coeve e concordanti grammatiche. Lo standard italiano codificato nei vocabolari e nelle grammatiche normative ancora nella prima metà e oltre del sec. XX non si è discostato granché dal modello ereditato da quella tradizione, potendosi registrare solo alcune depurazioni del sistema morfologico e fonologico (abbandono di doppioni nella morfologia verbale e nominale, delle oscillazioni nei dittonghi, ecc.). D altra parte, l uso vivo e vario dell italiano nel corso del secolo XX, specialmente della seconda metà e degli ultimi decenni di esso, ha pienamente avallato, di fatto, tratti che sono in contrasto con la norma stabilita da quella tradizione. Esempi: l uso di lui, lei, loro in funzione di soggetti; le dislocazioni nella frase segmentata, l ipotetica con doppio indicativo, alcune sostituzioni dell indicativo al congiuntivo, ecc. Sembrerebbe che sia intervenuta un improvvisa frattura nel sistema linguistico italiano, ma non è così. Bisogna adottare criteri meno superficiali sia nel ricostruire la fase di formazione cinque-ottocentesca dello standard, sia nel collocare gli usi novecenteschi (e odierni) rispetto alla norma tradizionale. In sintesi: 1) la costituzione della norma cinque-ottocentesca (affidata alla lessicografia e alla grammaticografia) va considerata come l unica operazione allora possibile perché si 1

2 individuasse una struttura portante del sistema linguistico italiano, operazione compiuta attraverso l adozione di una teoria dei corpora ante litteram; 2) le libertà dell uso linguistico italiano contemporaneo vanno considerate alla luce di un modello di tipologia dei testi che preveda sia un area di fondamentale validità dello standard storico, sia aree di altrettanta validità di tratti divergenti, peraltro non propriamente innovativi ma riemergenti da filoni di lingua antica esclusi dal canone stabilito dai normatori dei secoli passati. San Daniele del Friuli, 9 settembre 2010, h Il Vocabolario della Crusca e la corpus linguistics L operazione compiuta dagli Accademici della Crusca negli anni dal 1590 al 1612, data di pubblicazione della prima edizione del loro Vocabolario, va vista come il primo progetto consapevolmente condotto di ricavare il sistema della lingua italiana da un corpus di testi accortamente bilanciato (come diremmo noi oggi). Le dispute intorno alla scelta dei testi da spogliare e citare (i citati ), accesesi all indomani dell uscita dell opera e protrattesi nei secoli, hanno oscurato tutto il lavoro di preparazione e di selezione di questo enorme, per quell epoca, patrimonio di lingua tirata fuori dall incastro testuale e ridotta nell ordine alfabetico dei lemmi, sottoposti a loro volta ad analisi e distinzione semantica. Il far ricorso a raccolte di testi per poter raffigurare la nostra lingua, esclusivamente letteraria, nel suo laborioso costituirsi aveva un antica tradizione. I canzonieri siciliani e siculo-toscani duecenteschi avevano permesso già a Dante di affermare con forza (nel De vulgari eloquentia) l esistenza del volgare di sì, prima ancora che la sua opera maggiore desse a questo volgare l impulso decisivo. Altre iniziative di sillogi testuali nel corso del 300 e del 400 confermano il fatto che nella comunità culturale italiana del passato si faceva costantemente ricorso a questo tipo di supporti per ottenere la certificazione del modello di riferimento (si pensi al caso principe della Raccolta aragonese inviata nel 1476 da Lorenzo de Medici a Federico d Aragona). Tutto il 500 è segnato da una ricerca costante della lingua nei testi e già da un attività lessicografica che punta a estrarre il sistema dall uso degli autori canonici: ma il corpus di testi era costituito, sostanzialmente, dalle Tre corone e poco più. Il grande passo avanti fu compiuto dagli Accademici della Crusca (la loro brigata si era formata decisivamente nel 1582) quando, partendo dalle indicazioni del principale loro esponente, Leonardo Salviati, misero a poco a poco insieme un corpus di ben 208 autori (di cui 27 moderni, cioè del 400 e 500), per un totale di 309 opere, dalle quali ricavarono citazioni, dalle quali furono estratti lemmi di entrata, articolati in varie accezioni. Sono queste le dimensioni della lingua compresa nella prima edizione del Vocabolario apparso a 2

3 Venezia nel gennaio del 1612 e subito accolto in tutta l Europa come un opera innovativa per la lessicografia delle lingue moderne e per la stessa coscienza linguistica dei popoli. Nelle edizioni successive fino alla quarta ( ), e limitandoci a considerare quelle uscite dall Accademia ed escludendo quelle apparse fuori di essa e variamente manipolate, i numeri degli Autori, delle opere, delle citazioni e dei lemmi furono più che raddoppiati (nella quarta si arrivò a lemmi, 383 Autori, 659 opere e citazioni). Quanto ai criteri di scelta dei testi e dei lemmi merita attenzione questa dichiarazione degli Accademici, che si legge nella Presentazione dell opera: «Non è stata nostra intenzione di fare scelta di vocaboli dispersé [ di per sé, singoli, particolari ], ma di raccorre, e dichiarare universalmente, le voci e maniere di questa lingua: però [ perciò ] non abbiamo sfuggito di metterci le parole, e modi bassi e plebei, giudicandogli noi necessari alla perfezione di essa, per comodità di chiunque volesse usargli nelle scritture, che gli comportano». C è anche da tener presente che il volume di lingua e il tipo di lingua accolti nel vocabolario risultano ancora più ricchi e vari (anche se non di molto) se si tiene conto della lingua dei redattori delle voci, il cui uso va anche oltre i canoni delle scelte messe a lemma. Che l opera compiuta dagli Accademici non potesse, specie nei secoli successivi, soddisfare le esigenze di un uso linguistico più ampio e più vario, in una civiltà che si andava evolvendo fortemente, specie dall età illuministica in poi, è fuori discussione. Già nel pieno secolo XIX (quando andavano maturando i gusti di un Manzoni, per intenderci), l inadeguatezza di quello strumento e degli altri ad esso conformi (come l altrettanto longeva grammatica del Corticelli) risultò evidente a tutti e agli stessi Accademici (che progettarono faticosamente una quinta edizione, mai giunta a pieno compimento). Ma nella prospettiva del confronto, che qui vogliamo istituire, tra le condizioni sociolinguistiche del nostro Paese nei secoli preunitari e le esigenze linguistiche molto diverse dell epoca successiva, dobbiamo riconoscere che la formazione di uno standard restrittivo, raggiunta tra l altro attraverso operazioni molto meditate, fu la via obbligata perché l esistenza della lingua italiana in epoche socio-politicamente così avverse avesse una struttura di appoggio, accreditata presso gli scrittori (tra l altro a sostegno della trionfante opera lirica italiana) e adottata nelle scuole. 2. Una tipologia dei testi su base pragmatica Udine, 10 settembre 2010, h All indomani del cambiamento radicale delle condizioni sociopolitiche del Paese, trovatasi di fronte a questa forma ufficiale della propria lingua, la società italiana ha incontrato notevoli difficoltà nel far vivere alla luce del sole in scritti di vario genere un tipo di lingua decisamente più libero, che altra volta ho denominato dell uso medio. A questo risultato siamo pervenuti, soprattutto nella seconda metà del secolo XX, sotto la spinta di un parlato 3

4 medio ormai di massa, fatto proprio, tra l altro dal cinema e dai grandi mezzi di comunicazione, accolto anche da una letteratura del tutto nuova, dall epoca del neorealismo in poi. Possiamo dire che in questo modo si sia aperto un contrasto insanabile con l antico standard? Come ho accennato nella premessa, se è indubitabile che sono state abbandonate definitivamente, in tutti gli ambiti, forme tipiche dell uso più tradizionale (conciossiacosaché scompare alla fine dell Ottocento; le forme pronominali eglino ed elleno vengono tenute in vita da d Annunzio e dal giovane Palazzeschi, ma non varcano la metà del secolo), lo standard tradizionale presidia però ancora molte posizioni (si forniranno esempi). Tuttavia, il contrasto con il più libero uso medio non è stridente, se giudichiamo di tale situazione assumendo i parametri di una tipologia dei testi calzante con le modalità comunicative della civiltà attuale. In un tipo di civiltà, qual è anche l italiana, in cui è sufficientemente diffusa la produzione, da una parte di testi tecnici (di vario genere: considerando tali anche quelli giuridici normativi) e di trattazione rigorosa dei dati, e dall altra di testi genericamente informativi, divulgativi, di saggistica leggera e superleggera, nonché di testi letterari aperti a ogni forma di sperimentazione, e in presenza dei mezzi di trasmissione del parlato, si prospetta un ventaglio di usi che prevede proprio una notevole divaricazione all interno dello stesso sistema. Illustrerò i principi di un modello di tipologia dei testi che facendo riferimento al grado di vincolo interpretativo che l emittente pone al ricevente (una dimensione pragmatica, quindi), individua i termini polari della rigidità-esplicitezza e della elasticità-implicitezza, adatti a rendere conto della coesistenza fisiologica dei due filoni di lingua confluiti nel continuum linguistico italiano attuale. Riaccennerò al fatto che molti tratti dell italiano di uso medio non sono affatto innovazioni, perché esistono, con continuità, da epoche anche remote (un caso esemplare: il famigerato a me mi) e sono stati semplicemente riaccreditati dall uso vivo attuale. 4

5 Bibliografia di riferimento F. Sabatini, La storia dell italiano nella prospettiva della corpus linguistics (2006, ristamp. in ID., L italiano nel mondo moderno, Liguori, Napoli, 2010, vol. I). 1. La storia della lingua italiana è il regno della continuità. Molti studiosi sanno, altri lo scoprono talora con qualche meraviglia, che un italiano mediamente colto di oggi può leggere con relativa facilità, e comprendere almeno in superficie, i nostri maggiori classici letterari anche di 700 e più anni fa. Un espressione come la bocca mi baciò tutto tremante è un enunciato della nostra lingua quotidiana, con fonologia, morfologia, lessico e relativa semantica, ordine delle parole e reggenze sintattiche perfettamente rispondenti al nostro modo usuale di descrivere una simile vicenda personale, che il verbo al passato remoto ovviamente riferisce a un tempo alquanto trascorso. Notoriamente, si tratta di un celebre verso dantesco, nel quale si riscontra una sola piccola differenza, registrata dalle edizioni critiche più attendibili, la palatale sibilante in basciò (differenza che si annulla, per un concorso di circostanze, nell odierna pronuncia italiana dell area centrale). Trovandosi in uno dei primi canti (il V) dell Inferno, questo verso, sovrapponibile all enunciato in italiano di oggi, sta per compiere appunto i suoi 700 anni. Non è un esempio tirato a forza, perché è ben dimostrato che la struttura linguistica mettendo da parte aspetti stilistici specifici e difficoltà concettuali, che sono altra cosa della Commedia e di altri classici italiani di radice toscana prodotti dalla fine del Duecento in poi è largamente coincidente con l italiano di oggi. Per quanto riguarda il lessico, la parte più mutevole della lingua, calcoli finalmente condotti con mezzi informatici hanno mostrato che il 61% del vocabolario di alta disponibilità (circa 9000 lemmi) dell italiano odierno resiste nell uso fin dal secolo XIV e la percentuale sale al 76,5% se includiamo il secolo XVI 1. Gli altri livelli del sistema linguistico si rivelano anche più stabili, e la coincidenza è maggiore se l italiano di oggi viene messo a confronto proprio con la lingua dei trecentisti, anziché con quella degli scrittori più vicini a noi di un secolo o due. Questo andamento apparentemente bizzarro della nostra lingua non si spiega senza conoscere almeno nelle sue linee essenziali la nostra storia linguistica. Non basta, infatti, evocare le condizioni socio-politiche generali della comunità italiana, che ha tardato moltissimo a costituirsi in organismo unitario dotato di un dinamismo complessivo, né è sufficiente riferirsi genericamente alla forte preminenza dell uso scritto, al quale è stata affidata a lungo l esistenza dell italiano. Bisogna arrivare a considerare le circostanze particolari e i modi specifici in cui è stato conferito all italiano quel carattere di stabilità che finora ha sfidato i secoli e, chissà, potrebbe raggiungere il millennio: le circostanze, cioè, nelle quali operatori dotati di grandissima autorità hanno proposto consapevolmente agli apprendenti della lingua quel carattere come un valore primario, riuscendo a imporlo. Si scopre così che più e più volte, nel corso storico della nostra lingua, l accettabilità dell uso linguistico, nonché il riconoscimento dell esistenza della lingua stessa e ogni argomentazione anche teorica sui fatti linguistici sono stati derivati dalla costituzione preliminare di un concreto corpus di testi. [Pubblicato in Elisa Corino, Carla Marello e Cristina Onesti (a c. di), Atti del XII Congresso Internazionale di Lessicografia / Proceedings XII Euralex International Congress (Torino, 6-9 settembre 2006), Edizioni dell Orso, Alessandria, 2006, vol. I, pp Questa ristampa omette l abstract iniziale e presenta alcune correzioni o integrazioni dell autore. In Bibliografia: ]. 1 I calcoli sono stati fatti sulla base delle datazioni segnate in Francesco Sabatini e Vittorio Coletti, Dizionario della lingua italiana, Rizzoli Larousse, Milano, 2006 (1 a ediz. 1997). In questo dizionario di ampiezza media ( lemmi, con esclusione delle varianti e dei derivati non posti a lemma) i vocaboli considerati di alta disponibilità sono 9.059: di essi sono documentati già nel secolo XIV e altri risultano in uso fin dal secolo XVI. Dal Grande Dizionario Italiano dell Uso di Tullio De Mauro (UTET, Torino, 1999; vedi poi Id., La fabbrica delle parole. Il lessico e problemi di lessicologia, UTET, Torino, 2005), sui lemmi di base si ricavano percentuali molto vicine: rispettivamente 64% e 76,3%. 5

6 Testi scritti, naturalmente. E ciò fornisce la prova che il ricorso a quel principio era pur sempre la conseguenza (felice conseguenza?) della mancanza di un centro geografico-socio-politico dotato di potere di guida dell uso linguistico vivo, quel potere che invece plasmò, com è noto, il ben diverso corso del francese. Ma qual che ne fosse la causa oggettiva e profonda, è certo che in molti momenti cruciali per l affermazione, il consolidamento e anche l avanzamento dell uso della nostra lingua fu risolutivo, nella coscienza e nella prassi degli attori principali di quei processi, il loro tenace appigliarsi a una tradizione di lingua letteraria consegnata in un canone di testi. Non resta, per misurare il peso di questo fenomeno, che ripercorrere velocemente le tappe di questo itinerario che dalla fine del secolo XIII ci conduce quasi all inizio del XX, seguendo la prospettiva delle successive canonizzazioni testuali. 2. Ben prima di dedicarsi alla Commedia, Dante compone il De vulgari eloquentia per dimostrare l esistenza e le caratteristiche di una lingua letteraria italiana già formata e per lui addirittura primeggiante sulle consorelle neolatine e fonda la sua dimostrazione sull eredità lasciata dalla Scuola poetica siciliana, da lui conosciuta e fruita attraverso le sillogi costituite nei celebri Canzonieri trascritti qualche decennio prima in Toscana 2 : sono questi i pilastri della sua coscienza della realtà linguistica italiana e sono qui le radici anche delle sue teorie sull uso illustre delle lingue. Qualche decennio dopo, accresciuto enormemente il patrimonio di base della nostra lingua letteraria proprio dalla produzione di Dante e di una schiera di suoi contemporanei, si sottomettono allo stesso principio di autorità coloro che, in talune aree più attive del contesto italiano, desiderano conquistare la lingua di quella sfolgorante letteratura. Ha funzione di corpus paradigmatico il Canzoniere messo insieme dal trevisano Niccolò de Rossi, e via via nel corso dello stesso secolo e nel successivo con varia calibratura rispondono a questo scopo le numerose sillogi di rime e anche prose toscane che circolano (insieme con le decine e decine di manoscritti del poema dantesco) per l Italia: si utilizza naturalmente l appiglio dei contenuti per giungere a possedere, in realtà, modelli di lingua e di stile. Episodio di prima grandezza, sotto questo profilo, è quello dell invio, nel 1476, da Firenze a Napoli, da Lorenzo de Medici a Federico d Aragona, della cosiddetta Raccolta aragonese, una studiatissima antologia di poeti della più schietta tradizione toscana, che pone in prima posizione Dante delle Rime ma intorno e di seguito a questo caposaldo dispone un ampio corpus che parte ancora dai Siciliani e prosegue col fiore della produzione trecentesca e quattrocentesca per giungere al nuovo vertice rappresentato da componimenti dello stesso Lorenzo: nell epistola accompagnatoria, che si attribuisce al Poliziano, si esprime chiaramente il motivo dell attesa e dell offerta, attraverso i testi, di modelli linguistici. Si sta propagando ormai, alla fine del Quattrocento, la produzione del libro a stampa e stanno maturando i tempi per una vera codificazione del volgare, imposta anche dal desiderio dei tipografi di raggiungere tirature destinate a più larga diffusione. È dalle loro officine, infatti, che si fa appello ai grammatici perché provvedano a tale bisogna, ed ecco che sotto l insegna più celebre, quella di Aldo Manuzio, viene fissato un ormeggio inamovibile: sono le edizioni modello (per l epoca) dei due testi fondamentali del Parnaso italiano, il Canzoniere petrarchesco (1501) e la Commedia dantesca (1502), per cura di un giovane, ma agguerrito umanista ed estroso inventore di formati e segni tipografici, Pietro Bembo. A lui, veneziano, in concorrenza con un quasi conterraneo, il pordenonese Fortunio, va attribuito il merito (la colpa?) di aver incardinato definitivamente, mediante l argomentazione implacabile delle sue Prose della volgar lingua (1525), l intera struttura della lingua italiana nella realtà cristallizzata quasi di un solo testo, il Canzoniere petrarchesco, con forte penalizzazione di Dante, e comunque di aver circoscritto l area di prelievo dei modelli al 2 Tre ne sono giunti fino a noi e sono i notissimi codici Vat. lat. 3793, Redi 9 della Biblioteca Laurenziana e B.R. 217 (già Palatino 418) della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Si possono ora consultare nella splendida riproduzione fotografica a c. di Lino Leonardi, I Canzonieri della lirica italiana delle Origini, SISMEL Edizioni del Galluzzo, Tavarnuzze (Firenze), 2000, in tre voll., più un quarto (2001) di Studi critici. 6

7 fiorentino letterario trecentesco, a scapito di quello contemporaneo 3. Uno sciame di suoi seguaci continua e consolida rapidamente la sua opera: già una giuntina di rime antiche, del 1527, forse ispirata proprio da lui, mette in circolazione un serrato corpus di testi canonici. Nei decenni successivi entrano in azione lessicografi e grammatici che estraggono a gara lessico e regole rigorosamente dalle tre corone (o tre fontane ). Infatti, se esistono, come sappiamo bene, sostenitori di altri indirizzi, è la proposta del Bembo che, nell assetto politico e socio-culturale generale d Italia, ottiene una larghissima adesione: e così il fiorentino trecentesco, riesumato nei testi consacrati, risorge come lingua italiana per essere messo in cammino verso le età future, ricoperto però fatto altrettanto decisivo di una sontuosa veste stilistica rinascimentale. È il momento in cui la saldezza del canone di riferimento propria della lingua italiana genera invidia tra i dotti francesi 4. Il progetto di rifondazione dell italiano (si potrebbe dire di sottofondazione, pensando alle opere che ridanno vigore alle basi di un edificio preesistente) è già ben delineato nei decenni centrali del Cinquecento. Ma perché l edificio sorga ampio e robusto occorrono allestimenti e materiali abbondanti, macchine edilizie adeguate: è questa l immagine con cui si può raffigurare l opera messa in cantiere nell ultimo decennio del secolo dagli Accademici della Crusca, un ridotto manipolo di dotti e filologi fiorentini, capitanati per pochi anni da Lionardo Salviati, che riconducono l iniziativa nella patria della nostra lingua. Salviati è il vero mediatore della tesi bembiana nella città che si sente ancora procreatrice di lingua ed è un convinto assertore della funzione stabilizzatrice di un canone autoriale ben evidente, nel quale egli, allargando i vincoli posti dal Bembo, integra decisamente Dante e accoglie autori anche di epoche posteriori, giungendo a includere il non toscano Ariosto, ma rifiutando, com è noto, Tasso. I suoi compagni di lavoro, che si sono dedicati a un impresa quasi temeraria, sono però più flessibili, ampliano la rosa degli autori moderni (ma non accettano ancora Tasso!), si preoccupano di immettere, sia pure in misura limitata, anche testi pratici e tecnici e perfino solo manoscritti. È evidentissima, e dichiarata nella presentazione dell opera, il celebre Vocabolario degli Accademici della Crusca (questo il titolo scelto per evitare termini come fiorentino, toscano, italiano, giudicati variamente compromettenti) che appare nel 1612, l intenzione di pervenire alla formazione di un vero corpus universale, capace di rappresentare tutta la lingua. Basta leggere questo brano della introduzione A lettori: Non è stata nostra intenzione di fare scelta di vocaboli dispersé [ di per sé, singoli, particolari ], ma di raccorre, e dichiarare universalmente, le voci e maniere di questa lingua: però [ perciò ] non abbiamo sfuggito di metterci le parole, e modi bassi e plebei, giudicandogli noi necessari alla perfezione di essa, per comodità di chiunque volesse usargli nelle scritture, che gli comportano. Chi non credesse alle promesse dei compilatori può, more adolescentium, andare a cercare tra i lemmi del Vocabolario anche le parolacce canoniche e le troverà, scientificamente trattate e, specie nelle edizioni successive, filologicamente documentate. Non occorre un lungo commento, insomma, per capire che nell ambiente fiorentino, agitato dalla provocazione bembiana e pur sempre depositario di un senso vivo della lingua, l assidua riflessione di almeno due generazioni di dotti aveva fatto compiere un lungo passo avanti nella rappresentazione e quindi nella pianificazione della nostra lingua. L idea di un canone ristretto di autori modello da imitare per produrre altri testi modello si era trasformata nel concetto di un vero corpus integrato e bilanciato, dal quale si cercava di estrarre tutta la lingua per dare agli utenti la possibilità di usarla in tutte le maniere e per tutte le 3 Cfr. Mirko Tavosanis, Le fonti grammaticali delle Prose, in Silvia Morgana, Mario Piotti, Massimo Prada (a c. di), Prose della volgar lingua di Pietro Bembo, (Atti del Convegno di Gargnano del Garda, 4-7 ottobre 2000), Cisalpino, Milano, 2001, pp Vedi ivi anche i saggi di Giovanna Rabitti, Tra Bembo e Fortunio: una generazione inquieta, pp , e di Corrado Bologna, Bembo e i poeti italiani del Duecento, pp Notizie in proposito nella Storia della lingua italiana di Bruno Migliorini, p. 304 (cito dalla 10 a ediz., a c. di Ghino Ghinassi, Sansoni, Firenze, 1991). 7

8 occorrenze possibili. Si rifletta almeno sulla presenza, nel brano citato, dei termini raccorre (che si oppone a fare scelta), universalmente, voci e maniere, modi (e sono spesso modi di dire tratti dal parlato contemporaneo), perfezione cioè completezza, e non si trascuri quel chiunque con cui si allude a un pubblico vasto e indifferenziato. Se poi si bada al fatto che è precisa intenzione dei compilatori del Vocabolario fornire con dovuta ampiezza i contesti delle voci, osservabili così anche nelle connessioni sintattiche, e che tutto il materiale lessicale viene organizzato in un ampia rete attraverso rinvii, ci si renderà conto che già i primi ideatori dell opera avevano chiara l idea del sistema globalmente inteso strutturale, funzionale, socio-stilistico, storico-culturale della lingua. Non si dimentichi, d altra parte, che gli Accademici avevano fatto professione di modernità anche attraverso i loro simboli: come emblema principale dell istituzione avevano scelto il frullone, una macchina di recente invenzione che sostituiva l antico setaccio a mano e che permetteva di ottenere farina più raffinata e di produrne, con il lavoro di un solo operaio, una quantità maggiore. Era metafora del loro lavoro di vaglio filologico dei testi e di analisi più approfondita della lingua. 3. Tra le intenzioni e la prassi corrono certamente delle distanze. Dai testi citati non viene estratto tutto il lessico, gli autori moderni sono, nelle prime due edizioni, ancora limitati (Tasso verrà accolto solo nella terza edizione, la più innovativa), il settore meno rappresentato resta quello della terminologia tecnica e scientifica. Ma i conti che oggi possiamo fare con notevole precisione grazie alla versione elettronica dell intera serie delle edizioni del Vocabolario 5 permettono di pronunciare giudizi più equilibrati. Nella sua prima edizione (1612) il Vocabolario constava di pagine in folio, presentava lemmi di entrata, articolati in varie accezioni, e raccoglieva citazioni (che contengono occorrenze) ricavate da 208 autori per un totale di 299 opere (27 sono gli autori moderni, con 52 opere). La presenza di lingua non d autore, e quindi suggerita solo dal parlato, è molto ridotta, ma va cercata, oltre che nel lemmario, in alcuni sviluppi che talora si presentano in coda alle voci e soprattutto nella lingua dei compilatori: un operazione non certo inconsapevole, paragonabile, in lessicografia, a quella che nei trattatisti di lingua (come Bembo) è stata qualificata come «grammatica silenziosa» (Patota). Ebbene, si tratta di una quantità di lingua mai prima di allora estratta da qualsiasi sorgente, scritta o parlata, commentata e messa a disposizione in bell ordine per i parlanti di una lingua moderna. Le edizioni successive dell opera (II, 1623, ancora in un volume; III, 1691, in tre volumi, arricchiti da molto lessico scientifico e tecnico; IV, , in sei volumi; lasciando da parte la V, , in undici volumi ma incompiuta) portarono alla fine a triplicare tale quantità 6. Dimensioni e impostazione dell opera concorrono a spiegarne il 5 Cfr. Lessicografia della Crusca in rete, banca dati consultabile nel sito dell Accademia della Crusca: Sull intero progetto informa la relazione dei suoi coordinatori e responsabili, Massimo Fanfani e Marco Biffi, La lessicografia della Crusca in Rete, in Elisa Corino, Carla Marello e Cristina Onesti (a c. di), Atti del XII Congresso Internazionale di Lessicografia / Proceedings XII Euralex International Congress (Torino, 6-9 settembre 2006), Edizioni dell Orso, Alessandria, 2006, vol. I, pp Le mie considerazioni sono limitate sostanzialmente alla prima edizione del Vocabolario. Questa verrà ora riproposta anche in carta: Vocabolario degli Accademici della Crusca, 1612, ristampa anast., accompagnata da un volume di presentazione, Una lingua, una civiltà, il Vocabolario, e dalla versione elettronica in CD-rom, a cura di Domenico De Martino e Simone Casini, ERA Edizioni, Carbonate (Como), in stampa. Gli studi principali sulla lessicografia della Crusca (di A. Viscardi, M. Vitale, G. Nencioni, S. Parodi, M. Sessa) si raggiungono a partire dalla bibliografia finale di questa opera. Un filo di ragionamento complessivo sulla tradizione lessicografica italiana, con esame più attento dedicato all opera degli Accademici, è nel saggio di Pietro G. Beltrami e Simone Fornara, Italian Historical Dictionaries: from the Accademia della Crusca to the Web, in International Journal of Lexicography, 17, 2004, 4, Special Issue. Lexicography in Italy: specific themes and trends, a c. di Carla Marello, pp L intero contenuto delle quattro edizioni del Vocabolario degli Accademici della Crusca può essere consultato, in edizione digitale, attraverso il sito dell Accademia della Crusca: Sulla elaborazione del canone degli autori accolti nella lessicografia della Crusca, si vedano specialmente gli studi di Maurizio Vitale, La I a edizione del Vocabolario della Crusca e suoi precedenti teorici e critici, 1959; La III edizione del Vocabolario della Crusca. Tradizione e innovazione nella cultura linguistica fiorentina secentesca, 1966; La IV edizione del Vocabolario della Crusca. Toscanismo, classicismo e filologismo nella cultura fiorentina del primo Settecento, 1971; tutti 8

9 successo non solo in Italia ma nell intera Europa, che risuonò a lungo di lodi all istituzione fiorentina, espresse da personaggi, per citarne solo alcuni più vicini a noi nel tempo, come Voltaire, Samuel Johnson, i fratelli Grimm, Arthur Schopenhauer. Com è noto, fin dal suo apparire il Vocabolario fu sottoposto, in Italia, anche a vivaci critiche, alcune certo dettate da malumori o differenti gusti personali, altre nascenti da rilievi fin troppo facili di mancanze e squilibri. Ciò non ostante, per almeno due secoli non vi fu scrittore (fino a Manzoni, quando intraprese la stesura del suo romanzo) che non lo consultasse assiduamente. Facendo un bilancio tra meriti e difetti dell opera i primi risultano sicuramente superiori ai secondi. Pensando soprattutto all epoca più tarda della circolazione dell opera, bisogna anche concludere che non poteva un vocabolario, comunque concepito, sopperire all assenza di un centro unificatore della vita culturale del Paese e promotore di un vivo e largo flusso di nuova lingua all interno della società. Perché questo avvenisse occorreva che cambiassero «le condizioni d Italia», come ebbe occasione di dire Ugo Foscolo nel Dall età illuministica in poi la fede nel repertorio di modelli, e quindi nel canone di autori, era stata scossa, ma «le condizioni d Italia», per riprendere subito l espressione foscoliana, non favorivano la formazione di un uso linguistico generale ben conoscibile che potesse sostituire ampiamente il principio di autorità. Nel campo della lessicografia, il più sensibile a questo problema, i primi tentativi di attingere più liberamente agli autori recenti, ai settori tecnici e scientifici e al parlato (depurato di forma dialettale) furono quelli del nizzardo Francesco D Alberti di Villanova ( ) e dell editore napoletano Tramater ( ). Due riedizioni private del Vocabolario della Crusca (quella curata dal veronese Antonio Cesari, , e quella del cesenate Vincenzo Manuzzi, ) riproponevano invece strettamente il principio del canone di autori e quella del Cesari in particolare ridusse fortemente questo canone al secolo XIV, escludendo comunque il linguaggio tecnico e scientifico. Negli ultimi quarant anni del secolo si giocò la partita decisiva della lessicografia dell Italia unita. Due opere cercarono di conciliare il principio del canone d autori con il libero prelievo dall uso, un uso di cui si poteva cominciare a cogliere l esistenza. Nel 1863 vide la luce il primo volume della V edizione del Vocabolario della Crusca (che fu fermato all XI volume, con la lettera O, nel 1923, con decreto del ministro fascista Gentile), totalmente basato su un corpus di autori, anche se esteso via via ai moderni e contemporanei (solitamente presi in considerazione dopo la morte) e con aperture alla lingua d uso e tecnico-scientifica anche senza sostegno di citazioni. Un impostazione non dissimile, ma con maggior propensione per gli autori moderni, un accoglienza più larga delle voci liberamente tratte dall uso e una sensibilità più aggiornata per le voci tecnico-scientifiche, dette Nicolò Tommaseo al suo Dizionario della lingua italiana ( ), rimasto per oltre un secolo il caposaldo della lessicografia italiana. Una terza opera tentò l innovazione radicale: il Novo vocabolario della lingua italiana secondo l uso di Firenze ( ), mirava programmaticamente a cancellare la tradizione del canone degli autori, ispirandosi alla tesi manzoniana della necessità di una totale rifondazione dell italiano nel parlato dei Fiorentini colti contemporanei. La scarsissima accoglienza ottenuta dall opera dimostrò l inaccettabilità storico-culturale e l inattuabilità pratica di un simile proposito. Se si volge rapidamente lo sguardo a un campo vicino a quello della lessicografia, quello dell educazione allo scrivere, si può cogliere un interessante parallelismo. Durante tutto l Ottocento ebbero ancora molta fortuna le raccolte di autori esemplari per l uso della lingua. Letterati di fama vennero incaricati, dalle case editrici, di allestire simili raccolte e tra questi incontriamo, negli stessi ripubblicati nel suo vol. L oro nella lingua. Contributi per una storia del tradizionalismo e del purismo italiano, Ricciardi, Milano-Napoli, 1986, rispettivamente alle pp , e Dello stesso ancora Il canone cruscante degli Auctores e la lingua del Canzoniere del Petrarca, Accademia della Crusca, Firenze, Sulla costituzione del corpus per l ultima edizione cfr. Valentina Pollidori, Le Tavole dei citati della IV e della V impressione. Criteri filologici, in La Crusca nella tradizione letteraria e linguistica italiana, Atti del Congresso Internazionale per il IV Centenario dell Accademia della Crusca, Firenze, 29 settembre 2 ottobre 1983, Accademia della Crusca, Firenze, 1985, pp

10 anni, il purista napoletano Basilio Puoti (Antologia di prose italiane, Napoli, 1828) e Giacomo Leopardi (Crestomazia italiana, I, La prosa, II, La poesia, Milano, 1827 e 1828). Ma il caso più significativo è forse quello degli Esempi del bello scrivere in prosa e in poesia proposti agli studenti di retorica, raccolti in due volumi dal toscano Luigi Fornaciari: pubblicati la prima volta nel 1829 e 1830, ripubblicati nel 1838, furono ancora riediti, anche se accresciuti e aggiornati, a cura del figlio Raffaello (autore di una ben moderata tra le nostre grammatiche di quel secolo, fronteggiata dai manuali dei manzoniani) fino all inizio del Novecento (1907). Il grande traguardo dell unificazione politica d Italia era stato raggiunto, ma solo l avanzare dei fondamentali processi conseguenti, quali l innalzamento culturale dell intera popolazione, un avvicinamento delle classi sociali e uno stemperarsi delle concentrazioni regionali, avrebbe avviato la formazione di un uso comune nazionale, riconoscibile e captabile dai lessicografi e praticabile, si aggiunga, dai nuovi scrittori (e saggisti e giornalisti): un uso distinguibile, ma non separabile dal fiume di lingua scritta che attraversando i secoli aveva permesso che esistesse, perdurasse e giungesse fino a noi la civiltà italiana. 4. Passando rapidamente dalla storia al presente, vorrei infine accennare alla particolare utilità dei corpora testuali sufficientemente proiettati indietro nel tempo per la definizione dei problemi che pone l uso odierno della nostra lingua. Ai non pochi dubbi sulla norma tuttora esistenti per noi parlanti e scriventi di oggi (vedi le alternative tra gli e loro pronome personale dativo plurale; alcuni usi dell indicativo per il congiuntivo; ecc.) potremmo dare risposte meno soggettive o cautamente sfumate, se dalla consultazione di corpora di grande ampiezza e costruiti secondo una adeguata tipologia dei testi potessimo ricavare che un determinato uso messo in discussione: a) è documentato con una certa stabilità nel corso degli ultimi duecento anni (in pratica, dall incipiente rinnovamento della lingua scritta alle soglie dell età romantica); b) è stato accolto, in questo arco di tempo, da un certo numero di autori di riconosciuta grande autorità, al di fuori di scelte stilistiche volutamente caratterizzanti sul piano diatopico e diafasico; c) è presente in una fascia di testi che fanno da ponte tra il parlato e lo scritto. Posso citare due casi di usi contestati dal fronte purista e che, sottoposti a questo tipo di prova, si possono ritenere brillantemente risolti in termini positivi: il comunque assoluto (senza completamento di una sua struttura frasale) e il per cui riferito a un intero discorso precedente (senza testa nominale di aggancio) 7. 7 Nel primo caso si tratta di una innovazione (forse un calco sull inglese) introdotta nei primi decenni dell Ottocento; il secondo è un elemento di antica coniazione sul latino per quod che entra nella lingua comune nel corso dello stesso secolo. I due casi sono stati studiati da Domenico Proietti, Comunque dalla frase al testo, in Studi di Grammatica Italiana, XX (2001), pp ; Id., Origine e vicende di per cui assoluto: un altro caso di conflitto tra norma dei grammatici e storia, ivi, XXI (2002), pp

11 Dati sul lemmario e sul corpus delle quattro edizioni del Vocabolario degli Accademici della Crusca ENTRATE AUTORI CITATI / OPERE CITATE CITAZIONI DA TESTI I EDIZIONE (1612): / II EDIZIONE (1623): / III EDIZIONE (1691): / IV EDIZIONE ( ): / Aspetti della continuità storica della lingua italiana Lessico di base dell italiano odierno, secondo: Permanenza nel tempo del lessico di base (fondamentale, di alto uso, di alta disponibilità) A) Dizionario Italiano Sabatini - Coletti parole 9059 B) Grande Dizionario Italiano dell Uso di T. De Mauro 6726 esistenti nell uso a datare dal: secolo XIV A) parole 5513 = 61% (di 9059) B) 4344 = 64% (di 6726) secolo XVI A) parole 6916 = 76,5% (di 9059) B) 5128 = 76,3 % (di 6726) 11

12 TIPOLOGIA DEI TESTI Il modello esposto fa riferimento al seguente studio: F. Sabatini, Rigidità-esplicitezza vs elasticità-implicitezza : possibili parametri massimi per una tipologia dei testi (1999; ristamp. in ID., L italiano nel mondo moderno, Liguori, Napoli, 2010, vol. I). [si riproducono qui solo i paragrafi di impostazione del modello]. 1. Principi teorici e di metodo 1.1. Il patto comunicativo e i tipi di testo Le mie ricerche sulle tipologie testuali traggono origine da un lontano tentativo di fornire, a fini didattici, uno strumento che guidasse i discenti nell analisi dei testi: uno strumento abbastanza pratico, che indicasse chiaramente sulla superficie linguistica dei testi un buon numero di tratti distintivi, collegabili a una classificazione dei testi stessi secondo funzioni pragmatiche attendibili e anche accostabili ai dati dell esperienza comune. Ne è nata l ipotesi di un modello di tipologia 8 che si differenzia molto da quella più vulgata, rappresentata dalla trilogia dei tipi narrativo, descrittivo, argomentativo, anche nella versione più elaborata di Werlich (1979 e 1983) che a questi tipi aggiunge l espositivo e l istruttivo (cioè atto a dare istruzioni, a guidare il comportamento, sì da includere perfino i testi pubblicitari). Indico subito alcune linee di questa diversità. La citata tipologia di Werlich (ripresa, accolta più o meno criticamente, ritoccata da molti altri studiosi) 9 si fonda dichiaratamente su questi due parametri: l atteggiamento conoscitivo del produttore del testo nei confronti della realtà che egli osserva o dei concetti che vuole presentare, atteggiamento che l autore riconduce a cinque modalità di conoscenza che sarebbero «biologicamente innate» nella mente umana: percezione nello spazio; percezione nel tempo; comprensione mediante analisi e sintesi di concetti; valutazione dì concetti messi in relazione; pianificazione di comportamenti propri o altrui; l intenzione dello stesso produttore di focalizzare l attenzione del destinatario su fattori e circostanze del contesto. Per giungere fino ai tipi concretamente esistenti e ad alcuni tratti di superficie osservabili e catalogabili, Werlich è tenuto però a introdurre e incrociare vari altri criteri, quali la distinzione tra «realtà» e «finzione», l invenzione di «forme testuali tipiche di una determinata cultura», il «punto di vista» dell emittente e infine la scelta di uno «stile»: solo in questo modo egli può inquadrare i testi letterari, distinguere le «descrizioni impressionistiche» da quelle «tecniche», le «narrazioni in stile neutro» da quelle «in stile metaforico», ecc. Va detto che una classificazione di testi basata direttamente su possibili 8 Già esposto o utilizzato in Sabatini 1990a (e in prima ediz. 1984); 1990b; 1997a; 1997b; 1998; a queste linee si attiene anche il DISC (Sabatini e Coletti 1997). Verifiche del modello hanno offerto Ferrari 1997, Ferrari 1999, e Dressler 1998 (pp ). Negli anni ho proseguito questa ricerca presso il Centro Interdisciplinare B. Segre dell Accademia Nazionale dei Lincei. Ne ho illustrato i risultati in vari seminari in Italia e all estero, in particolare al Centro Linguistico dell Università Bocconi di Milano (cfr. Cortelazzo 1997, pp. 38s.), alla Scuola Cantonale di Commercio di Bellinzona (cfr. Domenighetti 1998), all Accademia della Crusca (12 marzo 1997). In queste e in altre occasioni ho raccolto osservazioni e suggerimenti preziosi. Ricordo anzitutto i compianti Maria-Elisabeth Conte e Temistocle Martines; ringrazio ancora Michele Ainis, Carla Bazzanella, Gaetano Carcaterra, Amedeo Conte, Paolo D Achille, Wolfgang U. Dressler, Angela Ferrari, Piero Fiorelli, Bice Garavelli Mortara, Cristina Lavinio, Emilio Manzotti, Aldo Menichetti, Lavinia Merlini Barbaresi, Aldo Nemesio, Tito Orlandi, Giuseppe U. Rescigno, Cesare Segre, Gunver Skytte. A Domenico Proietti devo vari dati derivanti dalla sua tesi di dottorato (Università di Roma Tre). 9 Mi limito a citare, per il panorama italiano, la riconsiderazione che ne fanno Garavelli Mortara 1988 e Lavinio

13 funzioni cognitive è risultata del tutto insoddisfacente già a Beaugrande e Dressler (1984, pp ), i quali hanno tentato ulteriori articolazioni aggiungendo ai soliti tre tipi «il presentare mondi alternativi» e «visioni profonde del mondo reale» (testi letterari), «l ampliare le conoscenze sul mondo reale» (testi scientifici), «il diffondere le conoscenze assodate» (testi didattici) ma hanno concluso (p. 242): «Neppure questo nostro modesto tentativo ha delineato una tipologia testuale chiaramente differenziata. Gli insiemi dei testi con le loro caratteristiche restano vaghi». Noto subito, da parte mia, che in queste tassonomie testuali non appare affatto, o viene aggregato marginalmente ad altri, un tipo testuale che realizza invece un uso fondamentale e spiccatissimo della lingua: il testo legislativo. Il principio e i criteri sui quali fondo la mia tipologia sono nettamente diversi. Ho ritenuto di dover scegliere: come piano di riferimento generale il puro e semplice rapporto o, meglio, patto comunicativo che lega immancabilmente emittente e destinatario; come criterio per distinguere i tipi di messaggio realizzabili il grado di vincolo interpretativo che in quel patto l emittente pone al destinatario. Mi è sembrato, insomma, di dover fare perno decisamente sul dato fondamentale che si coglie nella comunicazione umana normalmente intenzionale e ne costituisce l onnipresente illocutività: l intenzione dei suoi attori di passarsi informazioni (dati, concetti, opinioni, sollecitazioni, suggestioni, ecc.) mediante un codice che, notoriamente, viene maneggiato e regolato da entrambe le parti impegnate nell atto di comunicazione. Se diamo per acquisito che il senso di ogni messaggio è costruito collaborativamente, sia pure in momenti temporali diversi, dal produttore/emittente e dal ricevente/interprete 10, risulterà evidente che l attribuzione di senso alle parole rappresenta il piano sul quale entrambi gli attori si incontrano realmente e operano concretamente. Per dirlo in termini estremamente semplici: è l intenzione (o prospettiva) comunicativa che obbliga, da una parte, il produttore del messaggio a porsi nel suo operare la domanda (magari inconsapevole, ma immancabile) da queste parole si capirà quello che voglio dire?, e induce, dall altra parte, il fruitore a porsi nel suo operare la domanda speculare (altrettanto onnipresente, anche quando inconsapevole) che cosa ha voluto dire l autore con queste parole?. Individuato così il piano sul quale si trovano i fenomeni da osservare, ho ritenuto che la diversità dei tipi di testo potesse dipendere più direttamente dai diversi gradi di rigidità introdotti nel patto comunicativo, secondo che il senso del messaggio debba essere costruito dalle due partì con maggiore o minore univocità. Va subito precisato che il grado di rigidità viene certo stabilito personalmente dai due realizzatori del singolo contatto, ma nell ambito di tradizioni formatesi e affermatesi lungamente nel contesto culturale in cui essi operano (v. più avanti il par ). L idea centrale che si è fatta strada con il procedere della mia ricerca è, dunque, che il tratto della rigidità/elasticità semantica della lingua dei testi avvolga inevitabilmente qualsiasi loro contenuto (cognitivo o operativo, più o meno reale o finzionale) e qualsiasi loro impostazione di tipo descrittivo, narrativo, argomentativo, imperativo, pattuitivo, ottativo, ecc.: da ciò deduco che il diverso grado di rigidità (o, rispettivamente, elasticità) sia il vero denominatore comune e quindi l unico fattore capace di produrre una loro differenziazione tipologica definibile e misurabile. Tale gradazione va correlata non alla impostazione complessiva della composizione, ma alle diverse funzioni illocutive dettate dal vincolo interpretativo: funzioni chiaramente pragmatiche, che possono andare, per indicare subito i due estremi, dall intenzione di elaborare e fornire conoscenze altamente 10 Segnalo soltanto: Gülich e Raible 1977, pp ; Corti 1980, pp , Segre 1985, pp. 8-14; Conte 1988a, pp. 82 s.; Cornea 1993 (nel suo insieme); Mazzoleni 1996, p. 149; e anche il dibattito tra À. B. Csúri, J.- B. Grize, J. S. Petöfi, V. Raskin, H. Rieser, E. Vasiliu in Problemi semantici

14 vero-falsificabili (nella pura definizione scientifica) o norme di comportamento inequivocabili (nei testi legislativi e contrattualistici), fino all intenzione di trattare, in termini molto soggettivi e in potenziale dialogo con qualsiasi altro essere umano, temi esistenziali (nel testo poetico) Sui requisiti di un buon modello Lo schema qui delineato sommariamente è nato da rilevamenti empirici, che poi hanno portato induttivamente a un ipotesi teorica, che naturalmente aspira ad avere le richieste capacità descrittive, esplicative e predittive di ogni buon modello. Prima di illustrarlo con maggior dettaglio, ritengo utile venire a confronto con alcune questioni di carattere generale prospettate anche per gli altri modelli Va anzitutto ribadita la tesi della bilateralità funzionale di qualsiasi testo, tesi valida anche per i testi più liberamente concepiti dall emittente, come quelli letterari e altri ancora (appunti, promemoria personali e simili). È appena il caso di richiamare le conclusioni a cui è pervenuto il dibattito sulla ineliminabilità di almeno una delle varie figure possibili di lettore di un testo: si tratti pure del lettore virtuale o implicito o modello o addirittura del lettore alter ego, cioè dell emittente come destinatario di sé stesso 11. D altronde, l utilità di una tipologia dei testi sussiste solo se si è interessati ai problemi che pone la loro interpretazione e dunque se se ne prevede una ricezione Altra questione, spesso avanzata, riguarda la pregiudiziale secondo cui non è facile, o forse è impossibile, trovare testi tipologicamente omogenei: tutti i testi più spesso considerati sono testi misti. La constatazione è giusta, ma nulla toglie al fatto che si possa e si debba parlare di tipi di testo riferendoci anche a porzioni di testo, più o meno grandi, fortemente caratterizzate in un certo senso all interno di un testo intero fisicamente inteso, che ne contiene altre di altro tipo, spesso minoritarie o meramente accessorie e satellitari. D altra parte, testi come la Costituzione o i Codici, Civile e Penale, o le singole leggi così come vengono pubblicate sulla «Gazzetta Ufficiale», o anche una raccolta di poesie di uno stesso autore, in un edizione anche senza note e senza introduzione del curatore, se si prescinde dai dati tipografici della pubblicazione, presentano una omogeneità assoluta. In ogni caso, se l obiettivo è inquadrare il testo sotto il profilo del come esso vuole parlare globalmente al destinatario, dobbiamo tener conto della somma totale dei tratti e non di eventuali aree di calcolata difformità Un punto importante è anche quello che riguarda le modalità concrete della comunicazione, cioè il mezzo fisico mediante il quale si realizza il testo (voce diretta in situazione di faccia a faccia; scrittura; voce altrimenti trasmessa) 12 e le connesse condizioni spaziali e temporali dell evento comunicativo. A questi fattori attribuisce il massimo potere classificatorio, da ultimo, Diewald (1991 e 1995), il quale ne deriva una tipologia che mette in sequenza il «dialogo orale faccia a faccia», il «dialogo telefonico», lo «scambio epistolare», il «monologo orale» e il «monologo scritto». Questa classificazione ha certo un fondamento e fa emergere tratti significativi (soprattutto quello della presenza/assenza e diversa frequenza 11 Le teorie sul lettore ineliminabile sono efficacemente riassunte e discusse da Cornea 1993, pp Ma si vedano in proposito anche varie altre parti (specie i capp. 5 e 9-14) della sua opera, molto equilibrata e chiarificatrice, nonché la bibliografia cit. nella nota È diventata ormai ovvia la classificazione dei canali che fa posto anche alle possibilità offerte dai mezzi che trasmettono a distanza (e/o conservano per altre occorrenze) i messaggi fonici o fonico-visivi: oltre ad alcuni miei saggi (Sabatini 1982 e 1997c, con relativa bibliografia), si veda quanto ne dice, proprio a proposito dei tipi di testo, Diewald 1995, pp

15 della deissi spaziale e temporale extratestuale e della deissi di prima e seconda persona) 13, ma molto limitati: per passare da quei tipi testuali generalissimi e avvicinarsi ai testi reali, lo studioso ha dovuto aggiungere fattori «di secondo piano», quali sono quelli sociali, funzionali e tematici. Il mio tentativo si differenzia da quello di Diewald perché le modalità comunicative alle quali faccio riferimento sono già caratterizzate da specifiche intenzioni illocutive, rispondenti ad esigenze proprie della civiltà a cui appartengono gli interlocutori 14. La distinzione tra parlato e scritto resta comunque un dato di prim ordine per la definizione di un modello tipologico: non solo, com è stato ripetutamente osservato, per i caratteri globalmente diversi che i due mezzi, nelle rispettive situazioni di impiego, imprimono a una quantità di messaggi 15, ma per un motivo che emerge proprio dai criteri della tipologia che propongo. Vari tratti che conferiscono elasticità a molti testi scritti, anche concepiti direttamente per la scrittura e talora di notevole formalità 16, sono chiaramente derivati dall uso parlato della lingua: segnalo subito almeno i tratti della frase segmentata, delle congiunzioni testuali, degli avverbi frasali, delle frasi parentetiche, dei pronomi lui, lei, loro come soggetti/tema, del soggetto posposto con valore rematico. Ritengo, tuttavia, che il tentativo di rifarsi all intero quadro della etnografia della comunicazione per abbracciare ogni tipo di messaggio linguistico prodotto dagli esseri umani finisca per portare fuori strada negli studi di tipologia dei testi. Testi orali, testi scritti e testi trasmessi sono sì comparabili qua e là tra loro, ma non inquadrabili esattamente negli stessi schemi: bisogna ammettere che varcare la soglia della redazione scritta vuoi dire entrare in un sistema ben diverso e preciso di regole comunicative e di rapporti tra le forme compositive 17. Cruciale, sotto questo aspetto, è la questione del taglio degli enunciati (v. par. 3.1). Per questo la mia indagine non mette a confronto classi di testi orali e classi di testi scritti. Il parlato è tenuto sempre d occhio, anche per indicare alcuni accostamenti specifici, ma resta a fare da sfondo, soprattutto quale generatore di particolari meccanismi di elasticizzazione del discorso accolti selettivamente in alcuni tipi di testi scritti Poiché la classificazione dei tipi avviene, nel mio modello, analizzando direttamente la superficie linguistica dei testi, si potrebbe sostenere che, in fin dei conti, le differenze tipologiche si risolvono in differenze di stile. Nulla di strano, purché si riconosca che questi tratti di stile non sono pure scelte individuali compiute per quel testo, ma: sono numerosi; fanno sistema; ricorrono tipicamente in classi di testi che hanno una chiara affinità di funzione illocutiva. Si tratta di fatti stilistici nel senso già ben illustrato da Sandig 1978 e Il valore distintivo della deissi personale è segnalato anche nei miei primi studi: Sabatini 1990a e 1990b, ai punti 14 e 17 della «Tabella per l analisi dei testi» (rispettivamente alle pp. 638 s. e ). 14 Diewald tende a stabilire una classificazione «universale» (1995, p. 21), ma anche le modalità generalissime di comunicazione si presentano diverse (come lo stesso studioso osserva fuggevolmente in una nota a p. 30) nel panorama mondiale, se non altro in rapporto alla presenza o assenza dell alfabetizzazione e, ora, anche della comunicazione linguistica trasmessa. 15 Mi limito a citare, oltre ai già ricordati lavori di Diewald 1991 e 1995, alcuni studi che hanno più diretta attinenza col tema particolare: Sandig 1972; Halliday Mi riferisco alla saggistica e manualistica. Avverto che il carattere della formalità, certamente determinabile in un testo (è di solito formale un saggio critico pubblicato in una rivista scientifica, il testo scritto di una conferenza tenuta in un alto consesso accademico, e così via), non è però pertinente nella mia definizione dei tipi di testo. 17 Di ciò non ha tenuto conto, tra gli altri, Sandig 1972 nel fornire una prima suggestiva matrice che incrociava diciotto tipi testuali (dall intervista alla lettera alla telefonata al testo legislativo ecc., fino alla conversazione familiare) con venti caratteristiche che sono di natura molto diversa (esterne e interne al testo). Si veda l esame che ne fa Berruto Sulla scia della Sandig è anche Heusinger 1995, che però si pone più specificamente il tema della interculturalità di una tipologia dei testi. 15

16 Altra circostanza di cui bisogna sempre tener conto nelle ricerche sui tipi di testo è il contesto di riferimento, da intendere secondo due dimensioni: il vero e proprio contesto di riferimento stretto e il più ampio orizzonte di civiltà. Il rapporto tra la formulazione linguistica del testo e la concreta fisionomia e collocazione spazio-temporale degli interlocutori (su cui si soffermano quasi tutti gli studiosi) entra a pieno titolo anche nella mia prospettiva. Il fattore situazionale viene infatti a combinarsi in modo molto significativo proprio con il criterio della rigidità-esplicitezza e della elasticitàimplicitezza della formulazione linguistica. I testi di legge, di scienza e di istruzioni tecniche, che sono meno legati a un contesto individuale e vicino ma, nello stesso tempo, richiedono una conoscenza ben determinata del mondo di riferimento, devono includere questa conoscenza in sé stessi o in un sistema di testi connessi e richiamati: accrescono in tal modo la propria rigidità ed esplicitezza 18. Tendono invece mediamente all elasticità e all implicitezza i testi indirizzati a destinatari che l emittente in qualche modo conosce e ritiene capaci di integrare da soli, in modo abbastanza prevedibile e univoco, il senso delle parole con la personale conoscenza dei fatti: sono questi i testi espositivi e di informazione comune. Sono infine molto elastici e ricchi di impliciti i testi che si rivolgono bensì a un pubblico vasto e non sempre vicino e individuato, ma richiedono tutt altro che un integrazione extratestuale univoca: ovviamente si tratta dei testi letterari. Al più ampio contesto di civiltà ho già accennato in punti precedenti (1.1 e 1.2.3). Qui vorrei ribadire che le differenze tra un contesto culturale e un altro, sensibilmente separati nella geografia delle civiltà o dalla distanza cronologica, non possono essere considerate circostanze marginali. Avrebbe poco senso ideare tipologie dei testi per le civiltà occidentali ignorando, ad esempio, le invenzioni prima della scrittura alfabetica e poi della stampa e le profonde riorganizzazioni che tali invenzioni hanno prodotto nelle funzioni della lingua. Perfino correnti culturali di più limitata, ma non secondaria importanza, come l affermarsi dell empirismo e del metodo sperimentale nell Inghilterra del secolo XVII e poi l illuminismo francese, hanno influito decisamente sul modo di redigere alcuni tipi dì testo, come quelli scientifici e quelli normativi, o addirittura hanno determinato la nascita di nuovi generi di scrittura, come il saggio, forma testuale adatta ad alimentare un dibattito pubblico e a tempi ravvicinati attraverso la scrittura, e perciò legata all invenzione e alla diffusione delle pubblicazioni periodiche (primo grande esempio le Philosophical Transactions of the Royal Society di Londra, che datano dal 1668) 19. Indagini condotte nella prospettiva teorica della mia tipologia hanno dimostrato che negli ultimi due secoli i coefficienti di rigidità sono aumentati nettamente per i testi scientifici e i testi legislativi, e che sono aumentati altrettanto i coefficienti di elasticità per la saggistica 20 ; l evoluzione delle forme dei testi letterari è poi sotto gli occhi di tutti. 18 Con questa precisazione ritengo di aver chiarito i dubbi di Cortelazzo 1997, p. 39, il quale preferisce, per il testo «giuridico» (sic), «una identificazione che si basi sul contenuto». 19 Limito i rinvii, tutti estremamente pregnanti, a: Preti 1969; Olson 1979; Benassi e Pullega 1989; Bazerman Per i testi scientifici e la saggistica (dei più diversi campi) tra la fine del 700 e la fine dell 800 cfr. Proietti 1997 (alle pp una riconsiderazione generale della novità testuale della saggistica). Sul procedere dei trattati scientifici verso l assiomatica, anche nelle scienze sociali, cfr. Vasoli Sulla prosa, tra saggistica e di trattato, di Benedetto Croce sono in corso rilevamenti da parte mia e di Giacomo Lopez (Roma). Per i testi legislativi cfr. Fiorelli 1998, con le pagine di acuto commento di Domenighetti 1998 (sia nell Introduzione, sia in alcune parti del commento al saggio di Antonio Di Pietro, pp ); ho condotto personalmente spogli sui testi legislativi italiani tra il 1723 e il 1973, attraverso l Indice della lingua legislativa italiana (in Mariani Biagini 1997), interrogando in particolare le voci delle congiunzioni. Sulla progressiva tecnicizzazione, ma prevalentemente lessicale, dei linguaggi di settore, le ricerche abbondano: cfr. Dardano 1994 e Fiorelli

17 È bene ribadire che qualsiasi classificazione tipologica dei testi deve, per definizione, risultare collegata a un repertorio di tratti formali chiaramente distintivi dei singoli tipi. Una tipologia è tanto più accettabile, e utilizzabile per vari scopi, quanto più direttamente essa trova riscontro in (e conduce alla ricerca di) tratti osservabili sulla superficie linguistica dei testi: tratti numerosi, ben definibili e, almeno ai poli estremi della tipologia stessa, addirittura opponibili tra loro. La tipologia che propongo può contare finora su una trentina di tratti del genere, elencati nella Tabella proposta nei miei studi precedenti (Sabatini 1990a, pp , e 1990b, pp ; v. anche l applicazione di Dressler 1998). Le veloci formulazioni date in quelle sedi richiedono certo precisazioni, ma con il procedere della ricerca il principio generale risulta sempre più fruttuoso: alcuni punti si sono rivelati molto più ricchi di implicazioni e sono emersi anche altri tratti distintivi (forse i più importanti), come la saturazione/non saturazione delle valenze verbali e la assenza/presenza delle congiunzioni testuali (ben oltre i casi di e e ma a inizio di enunciato, già segnalati). Su di essi mi soffermo in questa esposizione Infine, se una tipologia dei testi, dedotta da presupposti teorici, viene a coincidere sensibilmente con l idea che l esperienza comune già ci fornisce delle varie forme di testo con cui abbiamo a che fare nella vita pratica (pensiamo all idea ben distinta che ognuno di noi vivendo si fa di una legge, un trattato, un manuale didattico, un saggio critico, un articolo di giornale, un racconto, una poesia), questa coincidenza non può che darci una garanzia in più dell accettabilità e produttività di quella tipologia. In questa direzione vanno le osservazioni dei maggiori studiosi di linguistica del testo (da Schmidt, van Dijk e Petöfi in poi: cfr. Beaugrande e Dressler 1984, p. 239, e Cornea 1993, pp. 26s.). 2. Una classificazione basata sul vincolo interpretativo 2.1. Gli atteggiamenti comunicativi dell emittente Stabiliti questi presupposti, posso enunciare più distesamente il principio basilare della mia ipotesi, che può essere formulato in questi termini: nel rapporto comunicativo, con qualsiasi mezzo attuato, tra emittente e destinatario, il parametro fondamentale che guida il comportamento dell emittente nella formulazione linguistica del testo è fornito dalla sua intenzione di regolare in maniera più o meno rigida l attività interpretativa del destinatario. Parlando di intenzione non mi riferisco solo a un atteggiamento di personale e generica attenzione dell emittente nel cercare di rendere ricevibile da altri il senso complessivo del messaggio, ma a un suo comportamento di forte consapevolezza delle modalità di interpretazione puntuale di ogni elemento linguistico del suo messaggio sia secondo le capacità e disposizioni del ricevente, sia secondo specifiche tradizioni preesistenti e rispettate in entrambi i contesti culturali (quando quello del ricevente gli sia noto o prevedibile, altrimenti con riferimento esclusivo al proprio e con calcolata sfida al destino del proprio testo). In termini che si avvicinano alle pratiche comunicative reali (soprattutto dei testi scritti), il principio può essere presentato con i ragionamenti seguenti. a) Vi sono rapporti comunicativi nei quali l emittente avverte come imprescindibile, e talora anche dichiara, il bisogno di restringere al massimo e comunque di regolare esplicitamente la libertà di interpretazione del testo da parte del destinatario: è questo, chiaramente, il caso delle leggi scritte ufficiali nelle società complesse odierne e di altri testi affini (sentenze, atti amministrativi, contratti; testi insomma costrittivi, non di pura scienza 21 Altri tratti da aggiungere sono perlomeno questi: assenza/presenza di olofrasi (sì, no), di apposizioni, di strutture cataforiche, di frasi preconcessive (es. sarà, ma non ci credo), di costrutti bi-affermativi (es. se tu sei soddisfatto, io sono arcicontento) e bi-negativi (es. se tu sei Paganini, io sono Raffaello). 17

18 del diritto), delle definizioni scientifiche ridotte all essenziale (spesso basate su termini quantitativi ed espresse con l ausilio di linguaggi simbolici speciali) e anche, in larga misura, delle istruzioni per l uso di apparecchi o sostanze (ad es. i medicinali) o per lo svolgimento di attività (anche giochi). Nella sfera dell oralità queste condizioni sì riscontrano nelle formule di giuramento, nei messaggi in codice, nei comandi militari. Tali rapporti, e i testi che li rispecchiano, sono da definire fortemente vincolanti : I testi di questo tipo formano il gruppo A. b) Vi sono rapporti comunicativi nei quali il bisogno, nell emittente, di ottenere dal destinatario una interpretazione aderente alla propria è temperato dalla necessità di far procedere il destinatario gradualmente da un suo precedente stadio di conoscenze o posizioni verso le conoscenze e posizioni propostegli; oppure quel bisogno di corretta interpretazione è attenuato, nell emittente stesso, dalla consapevolezza di una parziale controvertibilità o aleatorietà delle proprie tesi. Siamo qui nell area che abbraccia una quantità notevole di forme testuali, che si dispongono, quanto a rigidità del vincolo interpretativo, in una scala che va dal trattato (termine usato di solito per le discipline dure, le quali si fondano, infatti, su principi stabiliti nei testi del primo tipo) al manuale esplicativo, al saggio critico, alla relazione propositiva e a forme ancora più specifiche, come scritti di dibattito su questioni non di estrema specializzazione, testi scritti di arringhe, perorazioni e conferenze, articoli su periodici e giornali, ecc., fino alla lettera confidenziale. Nell oralità, quest area è tipicamente occupata dalle esposizioni dialogiche e monologiche più o meno libere, dalla lezione accademica fino alla conversazione comune. Rapporti e testi di questo tipo sono da definire mediamente vincolanti : Sono questi i testi del gruppo B. c) Vi sono infine rapporti comunicativi nei quali l emittente non pretende dal destinatario una interpretazione veramente aderente al proprio pensiero: perché la materia che tratta non sopporta precise e oggettive definizioni, è costituita da posizioni molto personali, in parte sfuggenti allo stesso emittente, è una materia che questi propone a destinatari per lo più imprevedibili, non bene individuati, ai quali viene data solo la possibilità di intrecciare con quel discorso e su quei temi un proprio discorso, altrettanto personale e sfuggente. Sto parlando dei testi letterari, nella loro grandissima varietà di forme prosastiche e poetiche: della letteratura in senso stretto, oggetto notoriamente di difficilissima definizione, ma che, come da tanti è stato proclamato in ogni epoca, ha per materia, in fondo, l esperienza e il senso della vita, colti in qualsiasi frangente o manifestazione possibile e avvertiti e trattati da ogni individuo in infinite maniere possibili 22. Rapporti comunicativi e testi che riguardino questi soggetti sono da definire poco vincolanti. Sono i testi del gruppo C. Non è detto che nell emittente vi sia sempre l intenzione precisa di assumere uno dei tre atteggiamenti. Ma quando anche le informazioni esterne sul testo assicurano che questa intenzione c è (fatto sicuramente accertabile per i testi del primo gruppo e il più delle volte per quelli del terzo), la concentrazione dei tratti formali ritenuti caratterizzanti dell intero gruppo appare molto forte. Una certa gradualità e fluidità c è tra i testi del secondo e quelli del terzo gruppo: tra un saggio critico o un pezzo giornalistico variamente caricato e una prosa d arte (descrittiva, narrativa, di rievocazione) ci sono spesso molti punti di contatto nella forma (deissi di vario genere, connettivi testuali elastici, forma mediale dei verbi, brani in discorso diretto, figure retoriche varie, ecc.), ma ciò non toglie che i testi ora citati siano 22 Negli studi di tipologia testuale ìl tema del testo letterario è centrale e tra i più ardui. Sono stati posti molti interrogativi sulla possibilità dì analisi sistematiche di questo tipo di testo, ma mi sembrano pienamente convincenti le risposte positive che sono venute, per limitare al massimo i riferimenti, da Corti 1980, Segre 1985 (specie nella Parte prima) e Cornea 1993 (specie alle pp ). Sullo statuto della letteratura, tra l altro con considerazioni sulle forme paraletterarie (miti, testi di preghiera, formule magiche, ecc.) delle quali spesso ci dimentichiamo, resta valida e stimolante la sintesi di Fortini Da parte mia posso anticipare che i criteri, a prima vista rudimentali, della rigidità/elasticità del vincolo interpretativo e della esplicitezza/implicitezza dei dati semantici portano a delimitare molto bene un area che corrisponde proprio ai testi letterari. 18

19 ben separabili per la funzione loro propria. E infatti la somma dei tratti caratterizzanti alla fine risulta ben diversa nei due campi. All interno delle tre classi maggiori ( macrotipi ) vanno dunque introdotte alcune suddistinzioni, seguendo ancora lo stesso principio, cioè il graduale procedere dell emittente su una scala che va dalla massima alla minima vincolatività interpretativa, secondo le funzioni particolari che egli intende attribuire al suo atto comunicativo. Si individuano così classi testuali più definite, che sono direttamente accostabili ai tipi testuali concreti conosciuti nella pratica comune (nel contesto della nostra civiltà attuale): tali classi sono sei, o sette se si vuole pur sempre distinguere, in letteratura, tra prosa (C1) e poesia (C2). Ulteriori distinzioni, per aderire più minutamente alle fattispecie reali, non sembrano necessarie: ad esempio, i testi delle epigrafi celebrative sono perfettamente assimilabili, il più delle volte, ai testi letterari. Riporto qui di seguito, con alcune modifiche terminologiche e integrazioni, la classificazione complessiva già data nei miei lavori precedenti (1990a; 1990b; 1998). CLASSI FONDAMENTALI CLASSI INTERMEDIE DISTINTE IN FONDAMENTALI BASE ALLE FUNZIONI SPECIFICHE TIPI TESTUALI CONCRETI A) testi molto vincolanti A1. Testi scientifici Funzione puramente cognitiva, basata su asserzioni sottoposte esclusivamente al criterio di vero / falso. A2. Testi nor mativi Funzione prescrittiva, basata su una manifestazione di volontà coercitiva, regolata da un intero sistema di principi enunciati espressamente. A3. Testi tecnico-operativi Funzione strumentale-regolativa, basata sull adesione spontanea del destinatario alle istruzioni fornite dall emittente. Descrizioni e definizioni scientifiche formalizzate, specialmente se di materia che consente trattamento quantitativo dei dati. Leggi, decreti, regolamenti e altri testi assimilabili (atti amministrativi, giudiziari, notarili, contratti e simili). Istruzioni per l uso (di apparecchi, strumenti, sostanze, ecc.) o per eseguire operazioni (movimenti, giochi, e simili). B) testi mediamente vincolanti B1. Testi espositivi Funzione esplicativa-argomentativa, basata sull intenzione di spiegare a chi non sa o di stabilire trattative su questioni concrete o di proporre e dibattere tesi. Trattati, manuali di studio, enciclopedie, saggi critici, relazioni, lettere d affari, memorie forensi e d altro genere (discorsi politici, conferenze, lezioni, ecc., messi per iscritto). B2. Testi informativi Funzione informativa, basata sull intenzione di mettere genericamente a disposizione ( divulgare ) informazioni, perlopiù sommarie e approssimative. C) testi poco vincolanti CI-C2. Testi d arte ( letterari ) Funzione espressiva, basata sull intenzione (o bisogno) dell emittente di esprimere, specie su temi esistenziali, un proprio modo di sentire e di metterlo a confronto, potenzialmente, con quello di ogni altro essere umano. Opere divulgative e di informazione corrente; testi giornalistici; corrispondenza familiare e tra amici. Opere con finalità d arte o che assumono forme artistiche per altri fini (letteratura in prosa e in poesia; motti e proverbi; scritture sacre, testi liturgici e di preghiera; particolari testi pubblicitari). 19

20 Un chiarimento richiede certo la qualifica di poco vincolanti data ai testi letterari, che possono risultare, invece, gravati da molti condizionamenti, quali sono, tra gli altri, quelli metrici, specie per la poesia tradizionale : Non bisogna però confondere questo tipo di vincolo esterno ; che l autore accetta e addirittura ricerca e utilizza per conquistare una maggiore ricchezza e profondità di espressione, con i vincoli che le precise funzioni pragmatiche impongono per la redazione dei testi del gruppo A, per vincolarne e bloccarne il senso La regolabilità del codice Prima di affrontare l analisi dei tratti formali bisogna prendere posizione sulla accettabilità, nella linguistica testuale, del concetto e del termine di codice, per di più di codice regolabile a volontà da parte degli utenti. La questione è stata posta e trattata in modo particolare da Cornea 1993 (cap. 3, specialmente alle pp ), il quale discute e infine respinge la tesi, derivabile da M. M. Bachtin, che ridurrebbe l idea di codice quasi solo al «linguaggio degli ingegneri» e al «lavoro del telegrafista», e approda così a una distinzione fra «codici» che si avvicina singolarmente al mio criterio del vincolo graduabile. Riporto direttamente il suo testo (pp. 95s.): «mi sembra opportuno istituire tre tipi di codici, in funzione della finitezza del repertorio e della flessibilità dell articolazione dei significanti e dei significati. Distinguiamo così: a) codici imperativi, con un repertorio finito e connessioni univoche; b) codici probabilisti, con un repertorio per la maggior parte fissato, ma ancora aperto e completabile, con connessioni parzialmente regolamentate, in parte condizionate (da contesto a contesto); c) codici permissivi, con un repertorio non finito, con un articolazione ambigua od opzionale». Subito dopo lo studioso commenta: il primo tipo di codice è del genere di quelli che permettono «l uso automatizzato dell informazione» e può funzionare anche «senza [...] che implichi esseri umani»; il secondo «è la lingua», nella quale «il vocabolario di base può essere considerato stabile, e, relativamente, univoco; ma il dizionario (che contiene tutto il lessico) si arricchisce continuamente e si trasforma; il sistema delle connessioni è generalmente fissato nel caso delle denotazioni, ma molto variabile per le connotazioni; inoltre, al di là delle componenti sintattica e semantica, esiste anche una componente pragmatica, che ha il compito di orientare la comprensione»; il terzo codice «è adatto ai testi letterari perché rappresenta il minimo grado di coercizione regolatrice e, implicitamente, il massimo grado di libertà del sistema: il principio è che le deviazioni fanno parte delle regole del gioco. Qui la dimensione pragmatica assume un ruolo molto più importante che nel caso dei codici probabilisti». Lo schema che si completa con il discorso (pp ) sulle «indeterminatezze» e sull «investimento immaginativo» risulta molto affine al mio, ma richiede alcuni chiarimenti o ritocchi. Ci si deve subito domandare dove si collocano i testi legislativi e quelli marcatamente scientifici e tecnici. Se questi tipi testuali non sono stati, ancora una volta, semplicemente dimenticati, si può solo pensare che, esclusa l attribuzione al primo ambito, al quale sembra negato un vero carattere linguistico, Cornea li abbia inclusi senza più tra tutti quelli che si realizzano con i codici «probabilisti». Anche se in questo secondo ambito egli distingue tra «denotazioni» e «connotazioni», quell inclusione mi sembra insostenibile. Alla luce dei miei dati, ritengo che il suo schema vada ritoccato, o attribuendo la «imperatività» dei significati (con qualche attenuazione) anche a certi usi della lingua storico-naturale impiegata tra interlocutori umani, o articolando decisamente in due sezioni distinte l area dei codici «probabilisti». Certo è che enunciati come, ad esempio, «La maggiore età è fissata al compimento del diciottesimo anno» (primo enunciato dell art. 2 del nostro Codice civile vigente), oppure «Per due punti dati passa una e una sola retta» (uno dei postulati della geometria euclidea), oppure «Per la trasmissione con il conteggio pagine attivo: 1. Inserire 20

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2.

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. Gabriella Debetto Il presente fascicolo contiene le proposte didattiche elaborate dai docenti che hanno partecipato all intervento formativo Scrivere

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Lo sfondo: la sintesi nelle Indicazioni nazionali del 2012 e ipotesi di curricolo Conoscenze di base

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI I Promessi Sposi 1 TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI S - Interesse per la Storia A - Intervento dell Autore nella Narrazione I C - Impegno Civile D - Visuale religiosa del Manzoni P - Personaggi

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: ITALIANO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-2014 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Brani con attività guidate di letto-scrittura e analisi del testo da completare sul Quadernone, da soli, a casa, come rinforzo o come verifica

Brani con attività guidate di letto-scrittura e analisi del testo da completare sul Quadernone, da soli, a casa, come rinforzo o come verifica Brani con attività guidate di letto-scrittura e analisi del testo da completare sul Quadernone, da soli, a casa, come rinforzo o come verifica Mappe riassuntive e piacevoli e di immediata lettura Una sezione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: Mi informo e conosco " DURATA: ottobre-novembre DESTINATARI : gli alunni della classe seconda DOCENTI COINVOLTI: tutti i docenti di classe OBIETTIVI FORMATIVI: osservare,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE 4 A (n.o.) DISCIPLINA: ITALIANO PROF. GLORIA VERGANTINI PROFILO DELLA CLASSE Quest'anno seguirò la classe 4A oltre

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

IL CURRICOLO DI ITALIANO IN BASE ALLE INDICAZIONI 2012. ESEMPI DI PERCORSI VERTICALI

IL CURRICOLO DI ITALIANO IN BASE ALLE INDICAZIONI 2012. ESEMPI DI PERCORSI VERTICALI IL CURRICOLO DI ITALIANO IN BASE ALLE INDICAZIONI 2012. ESEMPI DI PERCORSI VERTICALI Gabriella Ravizza Indicazioni Nazionali 2012. Ripensare il curricolo della scuola di base: aspetti metodologici e organizzativi.

Dettagli

Scuola dell'infanzia

Scuola dell'infanzia Scuola dell'infanzia I discorsi e le parole Ascoltare l insegnante e i compagni Comprendere consegne e semplici contenuti Verbalizzare semplici immagini Riferire un semplice evento Partecipare alle conversazioni

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Bachelor of Arts Italiano ambito principale (120 crediti ECTS) Piano di studi I. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA 1. L identificazione del sito: dati generali Per capire chi proponga i contenuti di un sito è bene, all inizio del lavoro di analisi, chiarire chi ha prodotto i materiali

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale Programmazione di greco e latino Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale -Premessa Lo studio della lingua e della letteratura greca e latina è, per comune consenso, indispensabile a tutti coloro

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni

Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni 1. Coesione e coerenza: i connettivi testuali I CONNETTIVI I passaggi da un capoverso ad un altro e da un paragrafo ad

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 2. La lingua italiana nei mezzi di comunicazione di massa Arianna Alessandro

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Prerequisiti I prerequisiti indispensabili perché gli allievi possano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO FINALITÀ FORMATIVE GENERALI PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO EDUCAZIONE LINGUISTICA - padronanza della lingua italiana per un uso appropriato della stessa in tutti i suoi aspetti - possesso sicuro

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli