Sede: loc. Capoluogo n. 9, Valgrisenche (AO) Cod. Fisc. e partita iva: ccp tel.: (0165) fax (0165) 97186

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sede: loc. Capoluogo n. 9, Valgrisenche (AO) Cod. Fisc. e partita iva: ccp tel.: (0165) fax (0165) 97186"

Transcript

1 Comune di VALGRISENCHE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Commune de VALGRISENCHE REGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE Sede: loc. Capoluogo n. 9, Valgrisenche (AO) Cod. Fisc. e partita iva: ccp tel.: (0165) fax (0165) CAPITOLATO DI GARA PROCEDURA APERTA per l assegnazione dell autorizzazione allo svolgimento dell attività di trasporto sciatori con elicotteri (eliski) ai sensi dell art. 2, comma 3 della l.r. 15/1988, nel comprensorio unico di Valgrisenche, Arvier e La Thuile (allegato A l.r. 15/1988 smi) e contestuale concessione d uso e in gestione delle elisuperfici di base e degli aerali di posa e di recupero, per le stagioni invernali 2016/ / /2019 ed eventuale rinnovo per le stagioni invernali 2019/ /2021, nei limiti temporali fissati dall art. 3, comma 6 della lr 4 marzo 1988, n. 15. SCHEMA DEI DATI ESSENZIALI STAZIONE APPALTANTE: Comune di Valgrisenche (AO) Località Capoluogo, VALGRISENCHE (AO). Tel. 0165/97105 Fax 0165/ Responsabile della Procedura di Affidamento dott. Chiarella Antonio. OGGETTO: Assegnazione dell autorizzazione allo svolgimento dell attività di trasporto sciatori con elicotteri (eliski) ai sensi dell art. 2, comma 3 della l.r. 15/1988, nel comprensorio unico di Valgrisenche, Arvier e La Thuile (allegato A l.r. 15/1988 smi) e contestuale concessione d uso e in gestione delle elisuperfici di base e degli aerali di posa e di recupero, per le stagioni invernali 2016/ / /2019 ed eventuale rinnovo per le stagioni invernali 2019/ /2021, nei limiti temporali fissati dall art. 3, comma 6 della lr 4 marzo 1988, n. 15. TIPO DI PROCEDURA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE: Procedura aperta e aggiudicazione mediante il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (articolo 95 D. Lgs. 50/2016). CIG FB IMPORTO DA CORRISPONDERE AL COMUNE AI FINI AUTORIZZATIVI: Euro 65,00 a rotazione, IVA esclusa, per tutto il periodo di durata del contatto soggetti a rialzo. IMPORTO A BASE D ASTA: Euro ,00/anno, IVA esclusa, fisso minimo garantito. Oltre a 360 minuti/stagione di volo gratuite a stagione. DURATA DELL AUTORIZZAZIONE: 3 anni per le stagioni invernali 2016/ / /2019. RINNOVO EVENTUALE: ulteriori 2 anni per le stagioni invernali 2019/ /

2 PREMESSO - che a seguito di apposita intesa tra i Comuni di Valgrisenche, di Arvier e di La Thuile, si è addivenuti alla determinazione di provvedere all assegnazione della autorizzazione per lo svolgimento dell attività di trasporto sciatori con elicotteri (eliski) e per la concessione d uso e in gestione: delle elisuperfici base di partenza degli aerali di posa in quota degli aerali di recupero siti nel Comune di Valgrisenche, nel Comune di Arvier e nel Comune di La Thuile, rispettivamente per l aviosuperficie di Bonne (Valgrisenche), Planaval (Arvier), Villaret, Colle del Piccolo San Bernardo e Les Suches- Argillien (La Thuile), attraverso un'unica gara, da espletarsi a cura del Comune di Valgrisenche, ai sensi e per le finalità di cui all'art. 2, comma 6 della legge n. 15, e che, a tal fine, il Comune di Valgrisenche, con deliberazione del Consiglio comunale n. 51 del 18 ottobre 2016; il Comune di Arvier, con deliberazione del Consiglio comunale n. 43 del 19 ottobre 2016 il Comune di La Thuile, con deliberazione del Consiglio comunale n. 39 del 10 ottobre 2016; hanno dato mandato in tal senso al Comune di Valgrisenche, costituendo il comprensorio unico di Valgrisenche, Arvier e La Thuile (allegato A l.r. 15/1998 smi); - che, in virtù della delega ricevuta, con deliberazione della Giunta Comunale del Comune di Valgrisenche n. 64 del 25/10/2016, esecutiva a termini di legge, veniva approvato il presente capitolato per l assegnazione dell autorizzazione per il trasporto di trasporto sciatori con elicotteri (eliski) e di concedere in gestione e uso le elisuperfici di base e gli aerali suddetti, rispettando i limiti previsti per le aree di salvaguardia della fauna, per le aree di sorvolo e per gli itinerari di discesa, per le stagioni invernali 2016/ / /2019 ed eventuale rinnovo per le stagioni invernali 2019/ /2021 attraverso procedura aperta ai sensi dell art. 60 del D.Lgs 50/2016 con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 95 del dlgs 50/2016; Art. 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 1. La procedura ha per oggetto il rilascio dell autorizzazione amministrativa, mediante Convenzione ai sensi dell art. 2, comma 3 della l.r. 15/1988, per il servizio di trasporto di sciatori con aeromobili (eliski) nel comprensorio unico di Valgrisenche, Arvier e La Thuile (allegato A l.r. 15/1998 e s.m.i.) e contestuale concessione in uso delle elisuperfici di base e concessione in gestione delle elisuperfici occasionali di quota e di recupero, per le stagioni invernali 2016/ / /2019 ed eventuale rinnovo per le stagioni invernali 2019/ /2021, nei limiti temporali fissati dall art. 3, comma 6 della l.r. 4 marzo 1988, n La zona per l esercizio dell attività di trasporto sciatori, cui si riferisce l autorizzazione messa a gara, è composta dalle aree site all interno del Comprensorio di Valgrisenche, come individuate nell allegato A della l.r. 4 marzo 1988, n. 15 e s.m.i. VALGRISENCHE Le partenze devono obbligatoriamente avvenire dalle elisuperfici di base autorizzate dal Comune, così localizzate e denominate: 1. Bonne. Si precisa che tale base di partenza è di proprietà privata, il proprietario ha sottoscritto una dichiarazione con la quale si impegna a concedere l utilizzo dell aviosuperficie al concorrente che si aggiudicherà il bando all importo di 100,00 per ogni atterraggio per tutta la durata del periodo contrattuale. L atterraggio in quota è autorizzato nelle sole elisuperfici occasionali di quota o di recupero, localizzate e denominate ai sensi della d.g.r. n del 21/10/2011. ARVIER Le partenze devono obbligatoriamente avvenire dalle elisuperfici di base autorizzate dal Comune, così localizzate e denominate: 2

3 2. Loc. Planaval. Si precisa che tale base di partenza è di proprietà privata, l aggiudicatario dovrà autonomamente provvedere ad ottenere la disponibilità dell area accordandosi col proprietario; L atterraggio in quota è autorizzato nelle sole elisuperfici occasionali di quota o di recupero, localizzate e denominate ai sensi della d.g.r. n del 21/10/2011. LA THUILE Le partenze devono obbligatoriamente avvenire dalle elisuperfici di base autorizzate dal Comune, così localizzate e denominate: 1. Villaret 2. Colle P.S.Bernardo 3. Les Suches (Argillien) L atterraggio in quota è autorizzato nelle sole elisuperfici occasionali di quota o di recupero, così localizzate e denominate ai sensi della d.g.r. n del 21/10/2011: Testa Ruitor Les Vedettes Becca Bianca Mont Freduaz Mont Ouille Mont Miravidi Pointe Leschaud Lac Glacier Alpe Les Barmettes Echelle de Chavannes 3. Per quanto concerne il territorio sciabile di Valgrisenche si precisa che nelle aree: a) punta dell Arpe Vielle; b) zona cosiddetta del punta del Sigaro nel Vallone di Plontaz; L utilizzo delle predette aree è riservato esclusivamente allo scialpinismo. Si precisa che la cartografia di volo è quella approvata di cui all'allegato A della LR 4 marzo 1988, n. 15 depositate presso l ufficio infrastrutture funiviarie dell Assessorato regionale del turismo, sport, commercio e trasporti. 4. Il servizio di aviotrasporto di sciatori potrà svolgersi dalle ore 7,30 alle 16,00 ed avrà decorrenza il 20 dicembre e di ogni anno e termine il 15 maggio dell anno successivo, salvo deroghe a norma dell art. 3, c. 6 della l.r. 15/ La concessione ha ad oggetto: - l uso delle elisuperfici di base indicate al precedente punto 2, e - la gestione delle elisuperfici di quota e di recupero, per il periodo di validità dell autorizzazione, a norma degli art. 3 e 7 del d.m. 8 agosto 2003, n Il concessionario è responsabile della rispondenza delle elisuperfici occasionali in quota e di recupero ai requisiti previsti dal d.m. 8 marzo 2003, n Il concessionario delle elisuperfici occasionali è tenuto a consentire l atterraggio, il decollo e comunque l uso delle elisuperfici ai velivoli di soccorso, protezione civile e polizia. L esecutrice del servizio s impegna a mantenere agibili le aviosuperfici di base di partenza per il periodo di esecuzione del servizio. 6. Si precisa che: a) In ciascuna delle tre basi di partenza di Valgrisenche, di Arvier e di La Thuile denominata di Villaret, potrà sostare un solo elicottero; b) Nel comprensorio unico potranno volare al massimo tre elicotteri; c) In ciascun comune potranno volare al massimo due elicotteri; d) Le altezze minime di sorvolo e le distanze di atterraggio dagli scialpinisti dovranno essere conformi alla normativa vigente in materia; e) È vietato, salvo reali emergenze, l atterraggio sulle piste da sci di fondo e discesa e nel raggio nei centri abitati; f) É obbligatorio avere un coordinatore delle rotazioni e due guide alpine referenti presenti in loco uno per ogni vallata (Valgrisenche e La Thuile) tutti dotati di esperienza almeno quinquennale documentata in tema di eliski e di ottima conoscenza del territorio in cui si svolge l attività; g) Il controllo dell attività potrà avvenire anche mediante l invio dei registri di volo. 3

4 7. Obblighi del concessionario: a) Il Sistema di rendicontazione delle rotazioni deve essere settimanale tramite l invio via PEC dei resoconti dei voli effettuati, al Comune di Valgrisenche (Capofila) entro il lunedì di ogni settimana; b) L Attività di controllo verrà effettuata dagli organi competenti, compresi i parametri del presente capitolato e della convenzione; c) Partecipazione alla conferenza indetta dall Amministrazione comunale di ciascun territorio per il coordinamento del servizio con la Stazione Forestale di riferimento, prima dell inizio dell attività; d) Gli utenti trasportatati dovranno tutti essere dotati della seguente attrezzatura di protezione personale minima: ARVA, pala, sonda, air-bag, telo termico; e) Tutti gli elicotteri utilizzati, anche quelli sostitutivi, dovranno essere dotati di sistema di rilevazione GPS (sistema di posizionamento globale) funzionante e la ditta concessionaria dovrà fornire, ai Comuni, un accesso ad un programma che permetta la visualizzazione dei percorsi effettuati dagli elicotteri; f) In caso di manifestazioni sportive e di gare di scialpinismo che potranno interessare il comprensorio, il concessionario è tenuto a concordare con le Amministrazioni interessate - che provvederanno a comunicare con anticipo le relative date - le modalità di esecuzione del servizio nei giorni di svolgimento delle attività ed in quelli precedenti dedicati all'organizzazione delle stesse. Pertanto, se per garantire il buon svolgimento delle manifestazioni sportive e delle gare di scialpinismo, le Amministrazioni comunali dovessero imporre delle limitazioni relativamente alle zone in cui praticare l eliski oppure delle riduzioni degli orari di volo, il concessionario non potrà chiedere danni, ristori, indennizzi comunque denominati ritenendo che con la partecipazione alla gara accetta tali condizioni; L Amministrazione si riserva di effettuare tramite gli organi competenti, in qualsiasi momento e senza preavviso, controlli per verificare l effettivo svolgimento del servizio nel rispetto delle norme stabilite dalla convenzione, dalle leggi di gara e dalla vigente normativa in materia; g) l attività di eliski nelle zone adiacenti ai rifugi alpini nei periodi di apertura di quest ultimi deve essere pianificata attraverso un contatto giornaliero con i gestori; h) partecipare a tutte le riunioni che i concedenti intenderanno indire per qualsiasi motivo inerente lo svolgimento attività. 8. Qualora il concessionario non svolga l attività nei termini e nelle modalità stabilite dalla convenzione, dalle leggi di gara e dalla vigente normativa in materia, l Amministrazione comunale si riserva, dopo due contestazioni scritte, di avviare procedimento per la sospensione dell autorizzazione. In caso di ulteriore violazione, si avvierà procedimento per la revoca dell autorizzazione. Art. 2. QUADRO ECONOMICO 1. L importo del canone annuo posto a base di gara è di ,00/a stagione, Iva esclusa, per un massimo di una durata di 3 (tre) anni, rinnovabile di ulteriori 2 (due) anni, quindi per complessivi ,00, Iva esclusa, per il triennio e ,00 compreso eventuale rinnovo, IVA esclusa. 2. Rinnovo: L Ente Committente si riserva la facoltà, nei limiti di cui all articolo 63, comma 5, del D. Lgs. 50/2016, di esercitare l opzione del rinnovo per ulteriori due stagioni (2019/ /2021). L estensione della durata del Contratto a seguito di rinnovo potrà avvenire, previa valutazione circa la soddisfazione del servizio prestato e la persistenza della convenienza dei prezzi rispetto alle condizioni del mercato. 3. Ai fini della determinazione della normativa applicabile, ai sensi dell art. 165 del D. Lgs. 50/2016, il valore della concessione complessivo presunto, comprensivo dell eventuale rinnovo, ammonta a presunti indicativi Euro ,00 per tutto il periodo di potenziale di durata del contratto. Non verranno ammesse offerte alla pari o in riduzione. Quadro economico dei versamenti dei corrispettivi dovuti al Comune e tempistiche di versamento: Importo annuo a base di gara del contratto Durata Importo totale Euro ,00/a stagione, IVA esclusa Fisso minimo garantito da corrispondere ai Comuni anche in assenza di voli 3+2 anni Euro ,00 oltre Iva. 4

5 Importo annuo a base di gara del contratto Durata Importo totale Diviso: Comune di Valgrisenche ,00 Comune di La Thuile ,00 Comune di Arvier 3.000,00 Da versare al Comune di Valgrisenche con le seguenti modalità e tempistiche: 1. Il 60% entro 15 febbraio; 2. Il 40% entro 31 maggio. Il mancato pagamento nei termini anche di una sola scadenza di cui sopra comporterà l immediata risoluzione del contratto. Inoltre, in modo aggiuntivo, la ditta aggiudicatrice dovrà corrispondere ai Comuni, ai fini autorizzativi: Euro 65,00 a rotazione, IVA esclusa, per tutta la durata del contratto oltre al rialzo offerto in sede di gara. Posti a base di gara soggetti a rialzo. 3+2 anni Da versare al Comune di Valgrisenche con le seguenti modalità e tempistiche: 1. Primo periodo entro 15 febbraio; 2. Secondo periodo entro 31 maggio. Il mancato pagamento nei termini anche di una sola scadenza di cui sopra comporterà l immediata risoluzione del contratto. 5

6 Importo annuo a base di gara del contratto Durata Importo totale L operatore economico concessionario in uso delle elisuperfici di base ed in gestione delle elisuperfici occasionali di quota e di recupero dovrà corrispondere 360 minuti/a stagione di volo di elicottero a disposizione dei Comuni di Valgrisenche, Arvier e La Thuile da svolgersi all interno dei territori comunali considerando come base di partenza una delle elisuperfici di base o occasionale comunali. La mancata fruizione, da parte dei comuni, entro la fine di ogni stagione, a qualunque titolo da parte dell Amministrazione, dei 360 minuti/a stagione di volo, o parte di essi, comporterà la corresponsione al Comune di 25,00 al minuto, oltre IVA, per ogni minuto residuale. 3+2 anni minuti complessivi per il periodo contrattuale da utilizzare nell intero arco del periodo contrattuale I minuti di volo e le eventuali somme dovute per il loro mancato utilizzo sono così ripartite: Comune di Valgrisenche: 180 minuti/ a stagione Comune di La Thuile: 150 minuti/a stagione Comune di Arvier: 30 minuti/ a stagione La rendicontazione dei minuti di volo a disposizione dei Comuni sarà effettuata entro il 31 ottobre di ogni anno e eventualmente saldata la differenza non utilizzata secondo quanto sopra stabilito Il mancato pagamento nei termini anche solo di una scadenza comporterà l immediata risoluzione del contratto. Art. 3. ESECUZIONE ANTICIPATA 1. L Ente Committente si riserva l eventuale esecuzione anticipata del presente servizio in pendenza della stipula del contratto poiché, a norma dell art. 32, comma 8 del D. Lgs. 50/2016 in quanto la mancata esecuzione immediata della prestazione dedotta nella gara determinerebbe un grave danno all'interesse pubblico che è destinata a soddisfare. Art. 4. PRESA VISIONE DEGLI ELABORATI 1. Il concorrente deve dichiarare di avere direttamente esaminato le planimetrie del comprensorio, il presente capitolato, la bozza di convenzione e di essersi recati sul luogo di esecuzione del servizio, di avere preso conoscenza delle condizioni locali, della viabilità di accesso, di aver verificato tutte le circostanze generali e particolari suscettibili di influire sulla determinazione dei prezzi, sulle condizioni contrattuali e sull'esecuzione del servizio e di aver giudicato il servizio stesso realizzabile, il bando di gara, gli elaborati posti a base di gara adeguati ed i prezzi nel loro complesso remunerativi e tali da consentire l offerta tecnica ed economica effettuata. 6

7 Art. 5. TERMINE DI VALIDITÀ DELL OFFERTA 1 È consentito agli offerenti di svincolarsi dalla propria offerta dopo 180 giorni dalla data di presentazione della stessa, qualora l amministrazione non provvedesse all aggiudicazione dei lavori. 1. Non è ammesso il subappalto. Art. 6. DISCIPLINA DEL SUBAPPALTO Art. 7. CLAUSOLA DI RINNOVO 1. Il contratto di appalto a favore del concorrente aggiudicatario verrà stipulato per un periodo di anni 3. La stazione appaltante si riserva di rinnovare per un periodo di 2 anni (due) il contratto a favore dell appaltatore, atteso che la qualificazione dello stesso avviene sulla scorta del periodo complessivo di anni 5. La volontà di rinnovare il contratto o di non utilizzare tale opzione verrà comunicata all appaltatore almeno 2 mesi prima della scadenza del triennio. 2. Qualora la stazione appaltante non intenda procedere nel rinnovo, l appaltatore non avrà diritto ad alcun indennizzo o risarcimento di sorta. Art. 8. PIANO PER LA SICUREZZA 1. La normativa vigente stabilisce che è carico dell impresa esecutrice l obbligo di predisporre, prima dell inizio dei lavori e non oltre 30 giorni dalla data di affidamento degli stessi, il piano delle misure per la sicurezza fisica e la salute dei lavoratori. L organizzazione operativa del piano spetta all impresa affidataria del servizio. Il piano deve contenere i seguenti dati: o identificazione dell impresa e dei responsabili della sicurezza; o descrizione dei lavori per singole fasi, in cui siano riportate; o la valutazione dei rischi; o le attrezzature e le macchine necessarie alla realizzazione dei lavori; o le modalità operative; o le misure di protezione e prevenzioni collettive e/o individuali; o riferimenti normativi sulla sicurezza. Art. 9. PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI E SICUREZZA DEL LAVORO 1. L affidatario è tenuto ad uniformarsi scrupolosamente ad ogni norma vigente o che sarà emanata in materia di prevenzione degli infortuni, sicurezza e igiene del lavoro sulla base della normativa vigente in materia. 2. L appaltatore provvede, in particolare a: a) portare a conoscenza tutti i propri dipendenti i rischi di qualsiasi natura derivanti dall espletamento del servizio; b) fare osservare a tutti i propri dipendenti le norme di prevenzione dagli infortuni, sicurezza ed igiene del lavoro; c) disporre e controllare che tutti i propri dipendenti siano dotati ed usino gli indumenti e i dispositivi personali di protezione appropriati o prescritti per i rischi connessi con le operazioni da effettuare; d) curare che tutte le attrezzature e mezzi d opera siano in regola con le prescrizioni vigenti; e) informare immediatamente l ente appaltante in caso d infortunio o incidente e ottemperare, in tali evenienze, a tutte le incombenze prescritte. 7

8 Art. 10. RECAPITO DEL RAPPRESENTANTE DELLA DITTA 1. L Appaltatore dovrà fissare un recapito telefonico fisso (ventiquattro ore su ventiquattro) a cui l Amministrazione possa rivolgersi per ogni comunicazione. 2. Qualora la ditta non abbia domicilio in uno dei tre Comuni deve disporre per la durata della stagione invernale, di un rappresentante di cui nome domicilio e numero telefonico dovranno essere notificati all'amministrazione comunale. Tale rappresentante dovrà avere la capacità e l'incarico di ricevere ordini dal personale comunale, di darne immediata esecuzione, nonché di procedere alle misurazioni in contraddittorio. Art. 11. CAUZIONE DEFINITIVA 1. A titolo di cauzione definitiva l Impresa dovrà versare a richiesta dell Amministrazione Comunale prima della stipulazione del contratto di appalto una cauzione pari al 10% del valore della concessione; 2. La cauzione versata è da intendersi quale garanzia del buon svolgimento del servizio oggetto di concessione. L'Amministrazione ha facoltà di disporne sia per il risarcimento dei danni, che per il recupero delle maggiori spese sostenute, in caso di inadempienze contrattuali. La ditta ha l'obbligo di reintegrare la cauzione nella misura in cui l'amministrazione abbia dovuto avvalersene durante l'esecuzione del contratto. Non sarà concesso l'esonero dal versamento della cauzione suddetta, che resterà vincolata fino al termine del contratto. Art. 12. GARANZIE ASSICURATIVE 1. Il soggetto aggiudicatario s impegna a stipulare con primaria Compagnia di assicurazione, per l intera di durata del contratto, un idonea polizza assicurativa, specifica per il servizio oggetto dell appalto, che tenga indenne l amministrazione da tutti i rischi derivanti dalla tipicità dei servizi in questione e dai danni causati a persone, cose o animali. 2. Detta polizza dovrà essere consegnata in copia all amministrazione comunale entro 15 giorni dall aggiudicazione. In difetto non si procederà alla stipula del contratto. 3. L aggiudicatario è in ogni caso tenuto a rilasciare all amministrazione periodica conferma annuale della prosecuzione di detta copertura, della sua conformità a quanto richiesto e della validità nel tempo. 4. Gli eventuali maggiori oneri, derivanti dall osservanza di quanto previsto, sono a carico esclusivo dell appaltatore che si impegna altresì a manlevare e tenere indenne l amministrazione da tutte le conseguenze derivanti dall inosservanza delle norme e prescrizioni tecniche in materia. Art. 13. DANNI A TERZI, RESPONSABILITÀ CIVILI E PENALI 1. L Appaltatore sarà considerato responsabile dei danni che per fatto suo e/o dei suoi dipendenti, dei suoi mezzi o per mancata previdenza venissero arrecati alle persone e alle cose, sia del Comune che di terzi, durante il periodo contrattuale, tenendo al riguardo sollevata l Amministrazione da ogni responsabilità ed onere. Art. 14. PENALITÀ E INADEMPIENZE 1. L Amministrazione comunale provvederà all eventuale emissione di richiami scritti, dopo due richiamo scritti si provvederà all emissione delle penalità di cui al presente articolo; 2. Eventuali inadempienze rispetto agli obblighi di cui all art. 1 del presente capitolato, daranno corso all'applicazione delle seguenti penalità a carico della ditta mediante diretta escussione della cauzione definitiva, salvo sua immediata integrazione entro 15 gg successivi alla escussione, in misura compresa tra minimo 500,00 a massimo 5.000,00 in base alla gravità dell infrazione ad insindacabile giudizio dell Amministrazione comunale; 3. In caso di rescissione del contratto, all affidatario saranno liquidati i soli lavori eseguiti regolarmente, previo risarcimento dei danni all Amministrazione derivanti da stipulazione di nuovo contratto e dell esecuzione d ufficio di servizi non eseguiti regolarmente. 4. L applicazione della penale non solleva l affidatario dalle responsabilità civili e penali che lo stesso si è assunto o che dovessero derivare dall incuria dell affidatario medesimo. 8

9 Art. 15. CONTROVERSIE - ARBITRATO 1. Le domande e i reclami dell affidatario devono essere regolarmente presentate per iscritto al Segretario comunale ed iscritti nei documenti contabili, nei modi e nei termini stabiliti. 2. In assenza di tale prassi domande e reclami dell affidatario non saranno presi in considerazione. 3. Qualora le contestazioni riguardino fatti, il Segretario comunale redige un processo verbale delle circostanze contestate che deve essere firmato dallo stesso e dall affidatario, o, questi non presentandosi, da due testimoni. In quest ultimo caso copia del verbale viene notificata all affidatario per eventuali osservazioni da presentarsi al Segretario comunale nel termine di giorni quindici. Nel caso che entro questo termine l affidatario non presenti osservazioni, le risultanze del verbale si intendono da esso accettate. 4. Il verbale, firmato dall affidatario, o ad esso notificato, come specificato nel comma precedente, e le eventuali osservazioni, sono quindi inviate all Amministrazione. 5. In tutti i casi l affidatario trasmetterà domande, reclami o verbali all Amministrazione formulando ragionate proposte per appianare le divergenze. Le decisioni definitive dell Amministrazione saranno comunicate con un ordine di servizio all affidatario entro 30 (trenta) giorni dal ricevimento degli atti inviati dallo stesso. 6. In caso di richiesta di arbitrato si procederà ai sensi del D.Lgs. n. 50/2016, aggiornato con III Decreto correttivo approvato dal Consiglio dei Ministri del 01/08/2008 e convertito nella legge 06/08/2008 n. 133 nonché della legge finanziaria n. 14/2009. Art. 16. RISOLUZIONE 1. Il contratto è risolto: - per motivi di pubblico interesse; - in caso di frode, di grave negligenza, di contravvenzione nell esecuzione degli obblighi e condizioni contrattuali; - nei casi previsti dal D.Lgs 50/2016 e s.m.i.; - nei casi di cessione del contratto; - nei casi di ripetute applicazioni delle penalità e sanzioni (oltre 3 applicazioni), su segnalazione scritta del personale addetto, o di continue situazioni di disservizio dovute ad imprudenza, imperizia e colpa; - negli altri casi previsti dal presente capitolato. 2. L affidatario può chiedere la risoluzione del contratto in caso d impossibilità ad eseguire la prestazione oggetto del contratto, in conseguenza di causa a lui non imputabile. 3. Nel caso di risoluzione del contratto, l amministrazione si riserva ogni diritto alla richiesta del risarcimento dei danni subiti ed in particolare si riserva di esigere dall affidatario il rimborso di eventuali spese incontrate in più rispetto a quelle che avrebbe sostenuto in presenza di regolare adempimento del servizio. Art. 17. EFFETTI DELLA RISOLUZIONE 1. Con la risoluzione del contratto sorge per l amministrazione il diritto di affidare a terzi il servizio o la parte rimanente di quota in danno dell appaltatore. 2. L affidamento a terzi è notificato all affidatario inadempiente con l indicazione dei nuovi incaricati dell esecuzione del servizio e gli sono addebitate le spese sostenute in più dall amministrazione rispetto a quelle previste. 3. Nel caso di minor spesa, nulla compete all affidatario inadempiente. L esecuzione in danno non esime l affidatario dalle responsabilità civili e penali in cui lo stesso può incorrere a norma di legge per i fatti che hanno motivato la risoluzione. Art. 18. DIVIETO DI CESSIONE 1. Non è ammessa, per la concessione di cui sopra, la cessione del contratto. IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Dott. Chiarella Antonio 9