Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo)"

Transcript

1 Smart Data: La liberazione della Conoscenza a supporto delle Politiche di Sviluppo locale (e non solo) L esperienza INPS Luigi Sculco Dirigente Area Business Intelligence e Datawarehouse 1

2 Le sfide del sistema del Welfare La natura e il contesto in cui il sistema del Welfare si trova ad operare impone forti e continue pressioni di tipo legislativo e sociale a cui deve adempiere in virtù di stringenti vincoli temporali, in un ecosistema complesso. Sostenibilità Finanziaria 22% of PIL La media di impegno del PIL per la spesa sociale nei paesi OEDC Situazione Demografica 32% Percentuale di anziani prevista dall Istat nel 2043, rispetto al 2011 dove la percentuale media di anziani è 20,3%. Povertà 4 Milioni Numero di Poveri assoluti stimati alla fine del 2013 in Italia. Disordine Sociale 12% Il peggioramento della situazione dell occupazione ha fatto crescere il rischio di disordini sociali nella UE, aumentato di 12 punti percentuali dall inizio della crisi. Disoccupazione Complessiva 26.3 Milioni Europei disoccupati nel febbraio 2013, cioè 10,2 milioni in piu rispetto al Disoccupazione Giovanile 38,5% La disoccupazione giovanile in Italia è molto elevata infatti si passa dalla ragguardevole percentuale del 35,6% del maggio 2012 al 38,5% del maggio

3 Il Welfare del Futuro Il Welfare del futuro si evolve dalla logica di erogazione di prestazioni a servizi complessi e proattivi a valore per la comunità, alla cui base sta la condivisione e l analisi avanzata della Conoscenza Partecipazione sociale adozione di tecniche avanzate di sentiment analysis e user experience per la progettazione dei servizi ai cittadini Spending Review dai tagli lineari dei servizi e del budget alla ottimizzazione dei costi basati sull analisi del valore e delle performance Valore Sociale il Valore Sociale Aggiunto è l indicatore principale della efficacia della erogazione del servizio Anti evasione L analisi continua dei dati guida il processo di lotta alla evazione contributiva e la frode o pagamento indebito Servizi integrati per filiera la condivisione dei dati e il coinvolgimento diretto di cittadini ed imprese è usato per anticipare i fabbisogni Smarter Cities Servizi intelligenti pilotati dall analisi di flussi di dati ambientali in real time (ad es. Traffico e mobilità sostenibile) Gestione Finanziaria La Risk analysis è parte della valutazione di ogni processo con impatti finanziari diretti (ad es contenzioso) 3

4 Il nuovo Paradigma di gestione della conoscenza La condivisione della conoscenza è il DNA della Filiera del Welfare e la sua corretta gestione è strategica per lo sviluppo del sistema Paese Sviluppo del Territorio Grazie allo sviluppo delle tecnologie digitali, in questi ultimi anni si è fatta strada la consapevolezza che i dati del settore pubblico (Public Sector Information - PSI) possano svolgere un ruolo importante non solo ai fini della trasparenza amministrativa e della partecipazione pubblica ma anche sul piano economico, come concreta opportunità di sviluppo produttivo del Territorio. I dati di un Ente rappresentano il valore funzionale dell attività che l ente mette a disposizione della società nei modi stabiliti dalla legge. 4

5 Smart Data La completa efficacia dell iniziativa si ha solo se si ha la capacità di rendere gli Open Data degli Smart Data autodescrittivi Sono naturalmente esclusi i dati vincolati da leggi e norme quali ad esempio quelle del diritto alla privacy, della tutela della proprietà intellettuale, ecc. La disponibilità e il rilascio di Open Data è senz altro un patrimonio prezioso per la società civile e per le imprese, ma affinché si possa valorizzare del tutto l'informazione, l apertura da sola non basta. Tipicamente nascosti in applicazioni o basi di dati, sono resi accessibili a chiunque abbattendo, per quanto possibile e ragionevole, le restrizioni tecnologiche La potenzialità degli Open Data si esalta se sono integrati con dati di Enti diversi Occorre favorirne la facilità di uso, il reperimento e il consumo sia per gli esseri umani che per i software automatici 5

6 L esperienza INPS e Open Data L INPS ha aderito alle direttive europee (Direttiva 2003/98/CE) in materia di Open Data attivando, sul proprio portale web, la nuova sezione informativa dedicata agli Open Data, liberamente accessibili ai fini del riuso da parte di soggetti esterni quali cittadini, aziende, enti, istituzioni ecc L esperienza ha consentito di: Agevolare la condivisione di dati di pubblico interesse tra Enti e istituzioni pubbliche nazionali e comunitarie, favorendo un proficuo confronto tra le parti nell ambito di un modello ispirato all Open Government nella PA. Garantire il livello di trasparenza, favorendo quindi lo sviluppo di un modello di democrazia partecipata da parte dei cittadini Favorire lo sviluppo e la diffusione della cultura della condivisione della Conoscenza, infatti INPS ha collaborato con DigitPA alla stesura delle linee Guida 6

7 Le nuove frontiere della gestione della conoscenza Avere un modello di Open Data condiviso a livello di Pubblica Amministrazione, apre orizzonti totalmente nuovi: Le tante «Convenzioni d intenti» e gli altrettanti «Protocolli quadro» diventano modi per allargare l organizzazione e far parlare fattivamente enti che sinora hanno dialogato molto poco. L INPS ha tratto immenso vantaggio dall essere interconnesso con quasi tutti gli enti della PAC e della PAL e scopriamo ogni giorno attraverso euristiche dell EDWH quante economie possono essere fatte, pervenendo a ricadute estremamente positive sull economia (basta leggere i giornali per aver contezza delle frodi sventate grazie all incrocio dei dati). L ambiente Linked Open Data può facilmente essere abbinato ad un ambiente «Cloud» o «FTP» nel quale ospitare e scambiare in rapporti Extranet informazioni preziose costituite dai dati puntuali che hanno generato i «Linked Open Data», consentendo di generarne altri dallo scambio sinergico. 7

8 Smart Data: Il progetto INPS Smart Data Easy to Use L INPS ha adottato inoltre la strategia Smart Data Easy To Use, uno strumento che si pone l obiettivo di "industrializzare" ed elevare a "sistema" lo sfruttamento degli Open Data, in ottica di "Smart Government". Lo strumento effettua confronti tra Unità di Analisi dello stesso tipo (Comuni, Province, Aziende, ) rispetto a proprietà (numeriche) ritenute in grado di caratterizzarle nel contesto di un certo fenomeno di interesse (demografia società, economia, ambiente, infrastrutture, ), e capaci di coglierne le dinamiche rilevanti nei processi decisionali e nella definizione delle strategie di sviluppo di un sistema territoriale. 8

INPS. Tecnologie e Innovazione al servizio del Paese: dall Enterprise Datawarehouse all architettura della conoscenza

INPS. Tecnologie e Innovazione al servizio del Paese: dall Enterprise Datawarehouse all architettura della conoscenza INPS Tecnologie e Innovazione al servizio del Paese: dall Enterprise Datawarehouse all architettura della conoscenza Luigi Sculco Dirigente Area Business Intelligence e Datawarehouse 18 Ottobre 2013 1

Dettagli

Spending Re-engineering

Spending Re-engineering Spending Re-engineering Una possibile riforma strutturale della PA Franco Masera, Senior Advisor, KPMG Advisory Forum PA Roma, 28 maggio 2014 Premessa La PA in Europa, ed in particolare in Italia, non

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

porta i dati al centro

porta i dati al centro REALIZZA IL cambiamento porta i dati al centro Il mondo che cambia Il digitale abilita una relazione virtuosa tra la Pubblica Amministrazione e la collettività, nonché il ridisegno dei processi a partire

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es.

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es. VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Giovanni Cognome Trombetta Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono

Dettagli

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma, 13 Novembre 2013 Ing. Carolina Cirillo Direttore Servizi Informatici e Telematici Agenda Perché l Open

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

ICT 2015 - Information and Communications Technologies

ICT 2015 - Information and Communications Technologies Avviso: ICT-10-2015 Programma Horizon 2020 ICT 2015 - Information and Communications Technologies H2020-ICT-2015 Data di apertura 15-10-2014 Data di pubblicazione 23-07-2014 Data di scadenza Date 14-04-2015

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Sistemi di Pianificazione&Controllo nelle PMI Adeguamenti in relazione all evolversi della crisi

Sistemi di Pianificazione&Controllo nelle PMI Adeguamenti in relazione all evolversi della crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Sistemi di Pianificazione&Controllo nelle PMI Adeguamenti in relazione all evolversi della crisi RICCARDO CODA WWW STUDIORICCARDOCODA.COM 28 novembre 2013

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Welfare e ICT: strumenti e opportunità

Welfare e ICT: strumenti e opportunità 15 Novembre 2013 Welfare e ICT: strumenti e opportunità Barbara Pralio Welfare: le esigenze Riduzione spese per il welfare Aumento esigenze di protezione sociale Necessità di ragionare su opportunità di

Dettagli

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità Il nuovo paradigma dei servizi Ing. Giuseppe Lacerenza Roma, 21 maggio 2007 Il nuovo paradigma dei servizi Indice Sogei e il Sistema informativo della

Dettagli

Il Cittadino 2.0 Opportunità e sfide

Il Cittadino 2.0 Opportunità e sfide Il Cittadino 2.0 Opportunità e sfide Gianni Dominici, Direttore generale FORUM PA Le città sono sempre più nodi attivi di informazione e comunicazione Un'interazione continua tra luoghi fisici e flussi

Dettagli

StatPortal Open Geo Data

StatPortal Open Geo Data StatPortal Open Geo Data La soluzione open source che integra nativamente open data e geoportale Alessandro Greco Sistemi Territoriali S.R.L. a.greco@sister.it CC BY 3.0 IT Teramo, 18 Novembre 2015 Sistemi

Dettagli

L evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore

L evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore #costruireefficienza L evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore Maria Teresa Monteduro Dirigente Generale - Dipartimento delle Finanze #FPA2015 - Roma, 27 maggio 2015 Dal 2009

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

IBM Software Industry Solutions. IBM Smarter Cities Controllare i tributi comunali e l erogazione dei servizi

IBM Software Industry Solutions. IBM Smarter Cities Controllare i tributi comunali e l erogazione dei servizi IBM Smarter Cities Controllare i tributi comunali e l dei servizi Il contesto Nella cosiddetta green economy, ma ancor più in un contesto economico e di mercato come quello corrente, le organizzazioni

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati. Ancona

PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati. Ancona PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati Ancona 1 Ottobre 2012 «RESISTENZA» MARCHE Le Marche continuano ad essere la prima regione in Italia, come nel periodo precrisi, per quota di lavoratori impegnati

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI.

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. Sistema M.A.Ga. è un'applicazione cloud che integra un insieme

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Soluzioni e servizi per migliorare la gestione interna dell Ente e le modalità di erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli Studi di Milano Laboratorio

Dettagli

Progetto di modernizzazione dell Istat

Progetto di modernizzazione dell Istat Progetto di modernizzazione dell Istat Presentazione dell Interim Report Comitato di Presidenza allargato 5 Dicembre 2014 Outline Ragioni del cambiamento Progetto di modernizzazione Metodo di lavoro Alcune

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia NELLA TRAPPOLA DELLA CRISI, IL LAVORO COME QUESTIONE SOCIALE Le politiche sociali del lavoro Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia Libertà e Giustizia, Scuola 2013, Collegio Spunti di discussione

Dettagli

Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza. Focus di genere e politiche attive del lavoro. Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva

Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza. Focus di genere e politiche attive del lavoro. Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza Focus di genere e politiche attive del lavoro Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva Chi siamo L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro

Dettagli

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione I contenuti La comunicazione organizzativa leva del cambiamento (I sessione) - L articolazione delle strutture nelle

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Corso sull'amministrazione Digitale: dal CAD al decreto Trasparenza

Corso sull'amministrazione Digitale: dal CAD al decreto Trasparenza Corso sull'amministrazione Digitale: dal CAD al decreto Trasparenza edizione 2013-2014 Presso il CIRSFID, Via Galliera 3, Bologna Il programma di seminari qui proposto è rivolto primariamente alle pubbliche

Dettagli

Il luogo di incontro tra imprese, tecnologie e Pubblica Amministrazione

Il luogo di incontro tra imprese, tecnologie e Pubblica Amministrazione Il luogo di incontro tra imprese, tecnologie e Pubblica Amministrazione La Piattaforma del Cluster Smart Communities È il catalogo delle soluzioni innovative sviluppate da imprese e organismi di ricerca

Dettagli

Gli OpenData e i Comuni

Gli OpenData e i Comuni Gli OpenData e i Comuni Osservatorio egovernment 2014-15 Milano, 13 marzo 2015 Agenda Significatività statistica del campione di Comuni analizzato Cosa sono gli OpenData - Dimensione del fenomeno Le Linee

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2016

CALENDARIO CORSI 2016 CALENDARIO CORSI 2016 LE AREE DI INTERVENTO FORMATIVO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Pag. 3 GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Pag. 7 INFORMATICA Pag. 12 La spending review: come fare

Dettagli

SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E UMANE. SEGRETERIA-ELETTORALE RESPONSABILE TERZI DOTT. MARCO SINTESI OBIETTIVI

SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E UMANE. SEGRETERIA-ELETTORALE RESPONSABILE TERZI DOTT. MARCO SINTESI OBIETTIVI Comune di Luzzara Provincia di Reggio Emilia SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E UMANE. SEGRETERIA-ELETTORALE RESPONSABILE TERZI DOTT. MARCO SINTESI OBIETTIVI 0 n. obiettivo Peso

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Open. City Platform. Il Cloud Computing per lo Smart Government. Eugenio Leone TD Group. Firenze 04 Aprile 2013

Open. City Platform. Il Cloud Computing per lo Smart Government. Eugenio Leone TD Group. Firenze 04 Aprile 2013 Open Il Cloud Computing per lo Smart Government City Platform Eugenio Leone TD Group Firenze 04 Aprile 2013 Agenda 2 Open City Platform: il Partneriato Il progetto 18 Comuni, 1 Comunità Montana e 2 Unioni

Dettagli

RinG Reti in Genere!

RinG Reti in Genere! RinG Reti in Genere! Progetto Una rete per le donne Programma Opera+vo FSE 2007-2013 Asse II Occupabilità! Open Government e Open Data Prospettive e Opportunità per una cittadinanza attiva delle donne

Dettagli

WELFARE AZIENDALE = buone pratiche volte a migliorare benessere dei dipendenti ed organizzazione aziendale?

WELFARE AZIENDALE = buone pratiche volte a migliorare benessere dei dipendenti ed organizzazione aziendale? OTTIMIZZARE LA GESTIONE DEL PERSONALE PER MIGLIORARE LE PRESTAZIONI, LA PRESENZA E LA MOTIVAZIONE DEI PROPRI COLLABORATORI WELFARE AZIENDALE = buone pratiche volte a migliorare benessere dei dipendenti

Dettagli

Introduzione al progetto ODINet

Introduzione al progetto ODINet Introduzione al progetto ODINet Alessandro Greco Sistemi Territoriali S.r.l. Cascina (Pisa), Italy Il Progetto ODINet è realizzato con il determinante contributo della Regione Toscana a valere sul Programma

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

Pagamenti Elettronici - Progetto «Pago la Pubblica Amministrazione» Firenze, 27 Novembre 2015 Incontro con la Regione Toscana

Pagamenti Elettronici - Progetto «Pago la Pubblica Amministrazione» Firenze, 27 Novembre 2015 Incontro con la Regione Toscana Pagamenti Elettronici - Progetto «Pago la Pubblica Amministrazione» Firenze, 27 Novembre 2015 Incontro con la Regione Toscana 1 I pagamenti elettronici nella Strategia di Crescita Digitale SPID Obiettivi

Dettagli

L innovazione in azienda: l approccio intelligente

L innovazione in azienda: l approccio intelligente L innovazione in azienda: l approccio intelligente Rodengo Saiano, 19 novembre 2013 CLARIUM INDIA Pune office 2/1, Kunal Lexus, Gulmohar R.d. Next to S.N.D.T. College Gate Off. Law College Road Phone +91

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale,

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale, REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 40-6859 Iniziativa volta a garantire maggiore equita' nell'erogazione delle agevolazioni nell'ambito sanitario delle

Dettagli

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Forum PA Roma 19 maggio 2010 Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Daniela Battisti Chair Working Party on the Information Economy Committee for Information Computer Communications Policies

Dettagli

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati Gianluca Comin 25 febbraio 2015 Quando parliamo di settore cultura,

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Smart Cities & Communities Ricerca e Tecnologie. Domenico Talia, ICAR CNR, Cosenza, Italy

Smart Cities & Communities Ricerca e Tecnologie. Domenico Talia, ICAR CNR, Cosenza, Italy Smart Cities & Communities Ricerca e Tecnologie Domenico Talia, ICAR CNR, Cosenza, Italy Sommario Le città parlano (se le sappiamo ascoltare) Dai dati alla conoscenza I percorsi dei cittadini ci dicono

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX 9 DICEMBRE 2013 Roberto Veronico Retirement Leader di Mercer Italia Roma Perché il Melbourne Mercer Global Pension Index SFIDE COMUNI A LIVELLO GLOBALE INCREMENTO

Dettagli

Assessore LORENA ANASTASI

Assessore LORENA ANASTASI Assessorato: INFORMATIZZAZIONE (AGENDA DIGITALE) E SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA FIBRA OTTICA REGIONALE E COMPLETAMENTO WI.FI CENTRO STORICO A fine 2015 abbiamo ottenuto comunicazione dell approvazione

Dettagli

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture CRITICITÀ 1. Inadeguatezza della infrastruttura digitale (connettività) a fronte di investimenti importanti permangono profonde differenze territoriali nel paese e all'interno della stessa Regione 2. difficoltà

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Alberto Carriero Cassa Depositi e Prestiti, Roma Smart city: progetti di sviluppo e strumenti di finanziamento

Alberto Carriero Cassa Depositi e Prestiti, Roma Smart city: progetti di sviluppo e strumenti di finanziamento SMART CITY SECONDO NATURA FLUSSI URBANI E GESTIONE DEL VERDE 16 settembre 2014 Bergamo - I Maestri del Paesaggio Piazza Vecchia, Palazzo della Ragione, Sala dei Giuristi - Bergamo Alta Alberto Carriero

Dettagli

Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina. apuliafito@unime.

Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina. apuliafito@unime. Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina apuliafito@unime.it Obiettivo Il progetto #SmartME si propone di creare una

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 -

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 - PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016-1 1. Introduzione: organizzazione e funzioni del Comune. Con l approvazione del presente Programma Triennale della Trasparenza e dell

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) PROVINCIA DI FORLI'-CESENA REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Approvato con Delibera di G.P. n. 141775/456 del 06/12/2013

Dettagli

Progetto Cremona Opportunità Smart city Introduzione Gianni Ferretti

Progetto Cremona Opportunità Smart city Introduzione Gianni Ferretti Progetto Cremona Opportunità Smart city Introduzione Gianni Ferretti Politecnico di Milano Polo di Cremona Mission (since 1986) Favorire lo sviluppo del territorio puntando su due tematiche Ambiente ICT

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni Provincia di Genova Convegno: Le Province e il digital divide: un crocevia tra innovazione, sviluppo e territorio settembre 2006 Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto

Dettagli

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Enrico Giovannini Presidente dell Istituto nazionale di statistica Milano, 21 gennaio

Dettagli

L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici

L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici Piano strategico: Appendice n. 2 L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici L Unione è stata costituita con il preciso obiettivo di assicurare al sistema territoriale della Bassa

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Fare cambiamento digitale nella PA locale

Fare cambiamento digitale nella PA locale Fare cambiamento digitale nella PA Seminario Cultura e competenze digitali nella PA, cerchiamo e-leader! Napoli, Palazzo delle Arti, 11 dicembre 2014 1 Fare cambiamento digitale nella PA https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:and9gctogmm

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato.

UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato. UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato. L INPS oggi. Gianni Billia, l ormai mitico Direttore generale dell INPS degli anni 80, costituisce sempre

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese Giornata di Studio egovernment e Cloud computing: alte prestazioni con maggiore efficienza Roma, 5 Ottobre 2010 CNEL Andrea Costa TELECOM ITALIA INCONTRA

Dettagli

La povertà in Italia

La povertà in Italia La povertà in Italia Nell Italia di oggi non mancano i motivi per occuparsi della povertà. L 8% delle persone residenti nel nostro paese, infatti, vive in povertà assoluta (dato 2012) mentre nel 2005 erano

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese

Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese Anna Cavallo Direzione Enti Locali La vision 2 Il nuovo paradigma

Dettagli

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale Irene Bengo Politecnico di Milano Strategia: Smart Community 2 SMART CITY Convergenza tecnologia innovazione sociale (benessere) Articolazione sul

Dettagli