WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1"

Transcript

1 WSDL Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1

2 Cos è WSDL? Web Service Description Language Linguaggio XML per descrivere servizi web (o, meglio, le loro interfacce) Originariamente creato da IBM, Microsoft e Ariba Specifica W3C della versione WSDL1.1http://www.w3.org/TR/wsdl WSDL 2.0 primer / Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 2

3 Cos è WSDL? L interfaccia di un servizio Web è descritto come un set di communication endpoint Servizio web descritto come una collezione di endpoint capaci di scambiarsi messaggi in modo document-oriented o RPC Serve per documentare le operazioni offerte da un servizio in modo da rendere automatici, ove possibile, i dettagli realizzativi della comunicazione tra applicazioni Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 3

4 Caratteristiche WSDL Un documento WSDL può essere distinto in due parti Definizione astratte di operazioni e messaggi Associazione ( binding ) concreta al protocollo di trasporto (e corrispondente indirizzo di rete) e message encoding Es. SOAP su HTTP Perché questa distinzione? Promuovere la riusabilità (es. della parte astratta) e facilitare la flessibilità (es. futuri protocolli di trasporto) Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 4

5 Cos è WSDL? WS desc WS desc Credit Card WS Client App Web Service WS desc Hotel Hotel WS WS WS desc Airline WS Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 5

6 Scenario d uso 1/2 Web service requester Business partner or other system (4) Invoke web service soap request Web service provider Servlets WSDL Document JAXR (3) Retrieve WSDL definition Soap request (2) Search for web service Soap request UDDI service UDDI Registry (1) Register web service Soap request Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 6

7 Scenario d uso 2/2 Utilizzo Creare interfacce al servizio web (Tool di sviluppo) Legarsi al servizio web, a runtime (Client-side binding) Ha lo scopo di favorire lo scambio automatico di dettagli di comunicazione tra i due partner Un programma può leggere un file WSDL Un programma può invocare un servizio definito in WSDL Ogni Web Service installato ha associata una URL che punta al suo file WSDL NON e fatto per essere generato e letto direttamente dai programmatori E complesso perché deve consentire l interoperabilità con web service definiti da terzi Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 7

8 WSDL altre caratteristiche Precision. Formal, machine-processable languages are much more precise than natural languages. Software tools can automatically generate "stub" and "skeleton" code that the Client and Service can use to more easily implement their applications. Dynamic discovery and use. If a Web Service is adequately described by its Web Service Description, then a potential Client can dynamically read the Description, decide whether the Service meets that Client's needs, and invoke that Service automatically. For example, you may want your Personal Digital Assistant (PDA) to dynamically discover a nearby color Printer Service. Arbitration. A third party can easily determine whether the Client and/or Service are interacting in a way that conforms to the Web Service Description. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 8

9 Struttura di un documento WSDL Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 9

10 Struttura del messaggio SOAP Abstract description Sistema di tipi di dati che descrivono i messaggi Messaggi coinvolti nell invocazione di un servizio Le operazioni composte da differenti message exchange patterns Un interfaccia che raggruppa le operazioni che costituiscono un servizio astratto Concrete description Associare l interfaccia a un protocollo di trasporto (binding) Endpoint o indirizzo di rete del binding Servizio come collezione di tutti i binding della stessa interfaccia Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 10

11 Documento WSDL types messages operations Parte astratta port types bindings services ports Parte concreta Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 11

12 From the: Alonso, G., Pautasso, C., Web Services: Concepts, Architectures and Applications Part. 6 WSDL document Types (type information for the document, e.g., XML Schema) Message 1 Message 2 Message 3 Message 4 Message 5 Operation 1 Operation 2 Operation 3 Interface (abstract service) Message 6 Abstract description of the service binding 1 endpoint 1 binding 2 endpoint 2 binding 3 endpoint 3 binding 4 endpoint 4 Service Service (the (the interface in in all all its its available implementations) Concrete description of the service Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 12

13 <wsdl:definitions xmlns:wsdl="http://schema.xmlsoap.org/wsdl" targetnamespace="your namespace here" xmlns:tns="your namespace here" xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/soap"> <wsdl:types> <xs:schema targetnamespace="your namespace here (could be another) " xmlns:xsd=http://www.w3.org/2001/xmlschema> <!-- Define types and possibly elements here --> </schema> </wsdl:types> Modello di Base di un <wsdl:message name="some operation input"> documento WSDL <!-- part(s) here --> </wsdl:message> <wsdl:message name="some operation output"> <!-- part(s) here --> </wsdl:message> <wsdl:porttype name="your type name"> <!-- define operations here in terms of their messages --> </wsdl:porttype> <wsdl:binding name="your binding name" type="tns:port type name above"> <!-- define style and transport in general and use per operation --> </wsdl:binding> <wsdl:service> <!-- define a port using the above binding and a URL --> </wsdl:service> </wsdl:definitions> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 13

14 <wsdl:definitions> <wsdl:types> <xs:schema></schema> </wsdl:types> <wsdl:message>* <wsdl:part>* </part> </wsdl:message> <wsdl:porttype>* <operation>* <input></input>? <output> </output>? <fault> </fault>? </operation> </wsdl:porttype> <wsdl:binding>* <operation>* <input></input>? <output> </output>? </operation> </wsdl:binding> <wsdl:service>* <port> </port>* </wsdl:service> </wsdl:definitions> Modello di Base di un documento WSDL molteplicità degli elementi * 0 more? 0 o 1 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 14

15 WSDL Namespace Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 15

16 Esempio Servizio semplice che fornisce le quotazioni di borsa stock quotes Una sola operazione GetLastTradePrice Per effettuare la richiesta si invia un ticker symbol di tipo string La risposta fornisce come risultato il prezzo di tipo float Implementato usando SOAP 1.1 su HTTP Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 16

17 WSDL Elements - <definitions> <definitions> Elemento root Container della descrizione del servizio Dichiarazioni globali di namespace (visibili in tutto il documento) Attributo name Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 17

18 Example - <definitions> <definitions name="stockquote targetnamespace=http://example.com/stockquote.wsdl xmlns:tns=http://example.com/stockquote.wsdl xmlns:xsd1=http://example.com/stockquote.xsd xmlns:soap=http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/soap/ xmlns:wsdl="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/"> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 18

19 WSDL Elements - <types> Types Contiene le definizione dei tipi di dati Specifica il contenuto dei messaggi (messaggi normali e di fault) scambiati come parte delle interazioni con il Web Service I dati scambiati devono essere interpretati correttamente ai due capi della comunicazione Usa tipicamente W3C XML Schema per la definizione del sistema dei tipi Possono essere usati anche altri linguaggi di definizione di schemi Campo opzionale Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 19

20 Example - <types> <!-- wsdl:types encapsulates schema definitions of communication types; here using xsd --> <wsdl:types> <xsd:schema targetnamespace="http://example.com/stockquote.xsd" xmlns:xsd="http://www.w3.org/2000/10/xmlschema"> <xsd:element name="tradepricerequest"> <xsd:complextype> <xsd:all> <xsd:element name="tickersymbol" type="string"/> </xsd:all> </xsd:complextype> </xsd:element> <xsd:element name="tradeprice"> <xsd:complextype> <xsd:all> <xsd:element name="price" type="float"/> </xsd:all> </xsd:complextype> </xsd:element> </xsd:schema> </wsdl:types> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 20

21 WSDL Elements - <message> <message> Usato per modellare i dati scambiati come parte di un Web Service Un informazione scambiata tra il consumer e il provider del Web Service Un messaggio consiste di uno o più sottoelementi <part> Un pezzo di un messaggio e tipi di dati associati Es. più part possono rappresentare più parametri di una richiesta RPC In genere si fa riferimento ai tipi di dati definiti nella sezione <types> o ai tipi built-in di XML schema Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 21

22 Esempio <message> <message name="getlasttradepriceinput"> <part name="body" element= tns:tradepricerequest"/> </message> <message name="getlasttradepriceoutput"> <part name="body" element= tns:tradeprice"/> </message>. <message name="getlasttradepriceinput"> <part type= tns:tradepricerequesttype" name=" GetLastTradePriceInput "/> </message>. <message name= SOAPHeader"> <part type= xsd:string" name= id"/> <part type= xsd:string" name= timeout"/> </message> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 22

23 WSDL Elements <operation> Operations Descrizione astratta di un azione supportata da un WS definisce una sequenza specifica di messaggi di input/output per un operazione L attributo message deve corrispondere ad un element <message> definito in precedenza Analogia tra operazione e metodo di una classe java Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 23

24 WSDL Elements <operation name="getlasttradeprice"> <input message="tns:getlasttradepriceinput"/> <output message="tns:getlasttradepriceoutput"/> </operation> Attributo name identifica l operazione Sottoelemento <input> indica il messaggio di ingresso Sottoelemento <output> indica il messaggio di uscita Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 24

25 WSDL Elements <porttype> Port type Insieme di 1..n <operation> supportate da un endpoint di un Web Service Definizione astratta di un servizio (interfaccia) Identificativo univoco a un gruppo di azioni che possono essere eseguite su un singolo endpoint Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 25

26 WSDL Elements <porttype name="stockquoteporttype"> <operation name="getlasttradeprice"> <input message="tns:getlasttradepriceinput"/> <output message="tns:getlasttradepriceoutput"/> </operation> <!-- More operations --> </porttype> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 26

27 <porttype> Message exchange pattern Request-response A WS client fa una richiesta e riceve una risposta Elemento <fault> opzionale <wsdl:definitions... > <wsdl:porttype... > * <wsdl:operation name="nmtoken" parameterorder="nmtokens"> <wsdl:input name="nmtoken"? message="qname"/> <wsdl:output name="nmtoken"? message="qname"/> <wsdl:fault name="nmtoken" message="qname"/>* </wsdl:operation> </wsdl:porttype > </wsdl:definitions> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 27

28 <porttype> Message exchange pattern Solicit-response A WS sollecita una risposta da parte del client Elemento <output> (solicit) precede <input> (response) <wsdl:definitions... > <wsdl:porttype... > * <wsdl:operation name="nmtoken" parameterorder="nmtokens"> <wsdl:output name="nmtoken"? message="qname"/> <wsdl:input name="nmtoken"? message="qname"/> <wsdl:fault name="nmtoken" message="qname"/>* </wsdl:operation> </wsdl:porttype > </wsdl:definitions> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 28

29 <porttype> Message exchange pattern One-way Il WS riceve un messaggio Il client non attende una risposta Elemento <input> <wsdl:definitions... > <wsdl:porttype... > * <wsdl:operation name="nmtoken"> <wsdl:input name="nmtoken"? message="qname"/> </wsdl:operation> </wsdl:porttype > </wsdl:definitions> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 29

30 <porttype> Message exchange pattern Notification Il WS invia un messaggio senza aspettarsi una risposta Elemento <output> <wsdl:definitions... > <wsdl:porttype... > * <wsdl:operation name="nmtoken"> <wsdl:output name="nmtoken"? message="qname"/> </wsdl:operation> </wsdl:porttype > </wsdl:definitions> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 30

31 From the: Alonso, G., Pautasso, C., Web Services: Concepts, Architectures and Applications Part. 6 Message Exchange Pattern (WSDL2.0) IN-ONLY a single incoming message (A) with no faults ROBUST IN-ONLY an inbound message (A) that might trigger a fault message IN-OUT An incoming message (A) received from node N An outgoing message (B) sent to node N Faults, if any, replace message B IN-MULTI-OUT Like IN-OUT but with zero or more outbound messages and fault replaces message behavior OUT-ONLY An outbound message (A) that expects no faults ROBUST OUT-ONLY An outbound message (A) that might trigger a fault OUT-IN An outbound message (A) to node N An inbound message (B) from node N Faults, if any, replace message B ASYNCHRONOUS OUT-IN Like OUT-IN but with trigger behavior for messages OUT-MULTI-IN reverse of IN-MULTI-OUT Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 31

32 WSDL Elements <binding> <binding> Corrisponde ad un element <porttype> dichiarato Un binding definisce il formato dei messaggi e il protocollo per le operazioni e i messaggi di un dato Port Type Un binding corrisponde a una singola Port Type Deve fare riferimento a operazioni e messaggi del Port Type Un Port Type può avere diversi bindings (quindi fornendo diversi canali di accesso allo stesso servizio astratto) Es. protocolli e le regole di codifica usati SOAP 1.1 over HTTP or SOAP 1.1 over SMTP Literal, SOAP encoding, RDF encoding Il binding può essere esteso con elementi che permettono di specificare mappings di messaggi e operazioni verso qualsiasi formato o protocollo applicativo. WSDL non è quindi legato a un protocollo specifico Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 32

33 <binding> struttura Il tag <binding> indica che stiamo per associare un <porttype> a un protocollo Attributo name definisce un identificativo unico per quel binding Attributo type deve avere come valore il nome di uno dei porttype contenuti in quel documento WSDL tns indica il tnamespace usato per fare riferimento a un porttype in quel WSDL <binding name="stockquotesoapbinding" type="tns:stockquoteporttype"> <soap:binding style="document". </binding> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 33

34 <binding> struttura <soap:binding> è un elemento figlio di <binding> Indica che saranno usate le estensioni SOAP binding per mappare le operazioni (es. alternative: Attributo style indica se l operazione è RPC-oriented rpc (i messaggi contengono parametri e valori di ritorno) o document-oriented document (i messaggi contengono documenti). Document è il valore di default Attributo transport specifica il protocollo applicativo usato (es. per SOAP: HTTP, SMTP, FTP, ecc.) <binding name="stockquotesoapbinding" type="tns:stockquoteporttype"> <soap:binding style="document" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/. </binding> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 34

35 <soap:operation> struttura Il tag <soap:operation> fornisce informazioni su un operazione del porttype Deve essere specificato un tag <soap:operation> per ciascun <operation> definita per quella porttype Deve specificare il mapping degli elementi <input>, <output>, <fault> negli elementi della busta SOAP Attributo style per sovrascrivere se necessario quello specificato a livello di <binding> Attributo soapaction definisce il valore del SOAPAction header L URI usata per questo header rappresenta l azione che deve essere effettuata dal destinatario finale quando riceve il messaggio. (non è l URI dell endpoint) Per il binding HTTP Per altri binding può essere omesso <operation name="getlasttradeprice"> <soap:operation soapaction="http://example.com/getlasttradeprice"/>. </soap:operation> </operation> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 35

36 <soap:body> struttura Per modello request-response <soap:operation> ha due elementi figlio <input> e <output>. A loro volta questi elementi hanno come figlio <soap:body> Il tag <soap:body> specifica come le message part devono apparire dentro il SOAP Body Attributo use definisce il tipo di encoding usato Se assume il valore encoding l attributo encodingstyle ha come valore una URI che indica come devono essere codificati dati Se assume il valore literal dentro il SOAPBody viene usata la definizione del messaggio come descritta nel WSDL <input> <soap:body use="literal" /> </input> <output> <soap:body use="literal" /> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 36

37 <soap:body> struttura Gli elementi <input> e <output> possono contenere uno o più elementi <soap:header> <soap:body> Il tag <soap:header> specifica il contenuto che deve essere inserito nel SOAP header Attributo use e encodingstyle Attributo message fa riferimento al <message> astratto definito nel WSDL e attributo part identifica l elemento <part> del <message> che deve essere incluso nel SOAPHeader <input> <soap:header message= SOAPHeader part= id use= encoded encodingstyle= /> <soap:body use="literal" /> </input> <output> <soap:body use="literal" /> </output> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 37

38 Esempio <binding> <binding name="stockquotesoapbinding" type="tns:stockquoteporttype"> <soap:binding style="document" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/> <operation name="getlasttradeprice"> <soap:operation soapaction="http://example.com/getlasttradeprice"/> <input> <soap:body use="literal" /> </input> <output> <soap:body use="literal" /> </output> </operation> </binding> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 38

39 Port WSDL Element <port> Specificano un communication endpoint Attributo name (identificativo univoco) e attributo binding (ref a binding) Associano un indirizzo al binding URL for HTTP, address for SMTP Contiene un elemento <soap:address> che identifica l URL del WS <port name="stockquoteport" binding="tns:stockquotesoapbinding"> <soap:address location="http://example.com/stockquote"/> </port> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 39

40 WSDL Element <service> Service E una collezione di elementi <port> Attributo name identificativo univoco <service name="stockquoteservice"> <documentation>my first service</documentation> <port name="stockquoteport" binding="tns:stockquotesoapbinding"> <soap:address location="http://example.com/stockquote"/> </port> </service> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 40

41 WSDL Element <service>: note Un servizio è un raggruppamento di porte. In teoria un servizio wsdl può essere disponibile a indirizzi web diversi. Può combinare anche differenti port type. Tipicamente un servizio wsdl però raggrupperà porte collegate tra loro a livello applicativo e tipicamente disponibili allo stesso indirizzo. Un altro raggruppamento è tipicamente quello in cui port differenti rappresentano binding differenti per lo stesso port type. Ciò permette di rendere accessibile la stessa funzionalità attraverso protocolli e stili di interazione diversi Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 41

42 Modello UML degli elementi WSDL service 1..n 0..1 port +binding SOAP:address +location description input +name 0..1 SOAP:input porttype operation +name 0..n input +name +message 0..n output +name +message 1..n definitions 1..n message +name part +name 0..n 0..n operation +name binding +name +type 0..1 SOAP:operation output +name 0..1 SOAP:binding +style +transport SOAP:output 0..1 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 42

43 Service A Port "Foo" WSDL Document Binding "FooB" SOAP/HTTP Port "Bar" Port "Xyz" Service B Port... Port Type "FooPT" Operation "Op1" Operation "Op2" Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 43

44 Invocazione di un Servizio Web Part Part Message SOAP/HTTP request message Each Message part is of some date type. (XSD predefined types, e.g. xsd : int or user-defined in <types> The input and output messages form an operation. A collection of these operations form a port type Port 1 Client SOAP/HTTP response message HTTP GET request message Port 2 Service HTTP GET response message A binding specifies how operations are accessed using a particular protocol e.g. SOAP over HTTP Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 44

45 Altri dettagli sulla struttura del documento WSDL Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 45

46 <message> Consiste di una o più parti logiche <part> Sintassi <definitions... > <message name="nmtoken"> * <part name="nmtoken" element="qname"? type="qname"?/> * </message> </definitions> element attribute refers to an XSD element using a QName type attribute refers to an XSD simpletype or complextype using a QName Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 46

47 Esempio <definitions... > <types> <schema... > <element name="po" type="tns:potype"/> <complextype name="potype"> <all> <element name="id" type="string/> <element name="name" type="string"/> <element name="items"> <complextype> <all> <element name="item" type="tns:item" minoccurs="0" maxoccurs="unbounded"/> </all> </complextype> </element> </all> </complextype> <complextype name="item"> <all> <element name="quantity" type="int"/> <element name="product" type="string"/> </all> </complextype> <element name="invoice" type="tns:invoicetype"/> <complextype name="invoicetype"> <all> <element name="id" type="string"/> </all> </complextype> </schema> </types> <message name="po"> <part name="po" element="tns:po"/> <part name="invoice" element="tns:invoice"/> </message> </definitions> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 47

48 Tipi di <operation> One-way The endpoint receives a message Request/response The endpoint receives a message, and sends a correlated message Notification The endpoint sends a message Solicit/response The endpoint sends a message, and receives a correlated message Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 48

49 One-way operation <operation name= submitpurchase > <input message= purchase /> </operation> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 49

50 Request/Response Operation <operation name= submitpurchase > <input message= purchase /> <output message= confirmation /> </operation> <operation name= submitpurchase > <input message= purchase /> <output message= confirmation /> <fault message= faultmessage /> </operation> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 50

51 Notification <operation name= deliverystatus > <output message= trackinginformation /> </operation> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 51

52 Solicit/response <operation name= clientquery > <output message= bandwidthrequest /> <input message= bandwidthinfo /> <fault message= faultmessage /> </operation> Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 52

53 WSDL: ULTIME CONSIDERAZIONI Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 53

54 Caratteristiche di WSDL WSDL non assume che lo scambio dei messaggi avvenga con una particolare forma di comunicazione. WSDL viene usato per descrivere due aspetti di un web service l interfaccia astratta del servizio la location e il protocollo di comunicazione RIUSO Differenti servizi possono combinare interfacce differenti usando binding diversi e renderli disponibili a indirizzi diversi Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 54

55 Caratteristiche di WSDL RIUSO (2) un documento WSDL può importare anche altri documenti WSDL. Ciò permette specifiche WSDL modulari, dove tipicamente alcuni documenti definiscono interfacce astratte, altri importano queste definizioni e definiscono binding e indirizzi Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 55

56 Caratteristiche di WSDL Perché tutte queste libertà? Protocolli di comunicazione (SOAP, HTTP, SMTP, ecc.) Codifica (SOAP encoding, XML, ecc.) Interoperabilità SOAP è una busta generica per wrappare invocazioni da e verso un applicazione WSDL è un linguaggio generico di descrizione di servizio che può corrispondere a servizi che sono costruiti usando differenti linguaggi L idea è quella di promuovere l interoperabilità aggiungendo un livello di astrazione lo sviluppo di strumenti che aiutano la traduzione da tecnologie eterogenee verso le specifiche di livello superiore Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 56

57 Perché usare il WSDL? Contratto di servizio Il WSDL definisce il contratto di servizio implementato dal web service. indica come interagire col servizio, quali dati inviare, quali dati aspettarsi in ritorno, quali operazioni sono incluse, il formato e il protocollo necessari per invocare il servizio Input a tool software Tool dal WSDL generano automaticamente stub e altre strutture utili per creare sia il servizio che i client che lo invocano. Ciò assicura che il servizio venga invocato correttamente Semantica del servizio Web Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 57

58 Uso tipico di WSDL WSDL of Service Provider 1 WSDL generator Service requestor Application object (client) stub WSDL compiler (client side) 2 WSDL compiler (serverside) Service provider Application object (service provider) skeleton SOAP-based middleware SOAP messages SOAP-based middleware Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 58

59 WSDL 1.1 vs WSDL 2.0 WSDL 2.0 Endpoints Interfaces Support for Interface inheritance Removed operation overloading Messages defined through Types Operations nested inside Interfaces Endpoints nested inside Bindings 9 Message Exchange Patterns New: Features and Properties WSDL 1.1 Ports PortTypes Supported operation overloading Messages composed of Parts 6 Top level elements: Messages, Operations, PortTypes, Bindings, Ports and Services. 4 Transmission Primitives (One-way, Request-Response, Solicit-Response, Notification) Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 59

60 Risorse Vari esempi Binding con SOAP 1.1, HTTP GET, HTTP POST Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 60

61 Approfondimenti e Esempi Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 61

62 WS di terze parti Lista di web service disponibili (clearinghouse) Crea un client binding per RPC, riporta esempi di client per EDI Tool per validare WSDL Interfaccia programmatica per consultare la lista (tramite web services) Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 62

63 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 63

64 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 64

65 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 65

66 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 66

67 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 67

68 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 68

69 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 69

70 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 70

71 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 71

72 Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 72

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Web Service SOAP e WSDL Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com SOAP Originariamente: Simple Object Access Protocol E poi evoluto in un Framework per lo scambio di messaggi in XML 2

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Architetture orientate ai servizi

Architetture orientate ai servizi Architetture orientate ai servizi 1 Web Service Nuovo paradigma di sistema informativo basato su componenti software distribuiti I Web Service sono applicazioni indipendenti, modulari, autodescrittive,

Dettagli

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO 1)d ALLEGATO 14 RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO TRA IL SISTEMA INFORMATICO DEL COMUNE ED IL SISTEMA INFORMATICO DELLA SOCIETA PREPOSTA AL SERVIZIO DI REFEZIONE vers. 2.2 Indice 1. SCOPO

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Web Services Security

Web Services Security Web Services Security Introduzione ai Web Services Davide Marrone Sommario Cosa sono i web services Architettura dei web services XML-RPC SOAP (Simple Object Access Protocol) WSDL (Web Services Description

Dettagli

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino] Allegato Tecnico 1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

Dettagli

A2A Specifiche Web Services

A2A Specifiche Web Services A2A Specifiche Web Services Contenuti 1 CONTENUTI...1 1 INTRODUZIONE...3 2 UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1 RICHIESTA UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1.1 Input del WS...5 2.1.2 Output del WS...6 2.2 UPLOAD SEGMENTATO...7

Dettagli

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing

Dettagli

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata A Web service is a software system

Dettagli

Un introduzione ai Web service

Un introduzione ai Web service Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ A Web service is a software system

Dettagli

Creare client statici

Creare client statici Client statico Creare client statici Un client statico crea, a partire dal WSDL di un servizio, un insieme di classi di supporto client-side (stub) Sono necessari solo 2 passi: 1. parsing del WSDL pubblicato

Dettagli

Web Services. [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology, 2008

Web Services. [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology, 2008 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 450 ottobre 2014 La cosa bella degli standard è che ce ne sono così tanti tra cui scegliere. Andrew S. Tanenbaum 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Principles

Dettagli

Web Service: tecnologie (SOAP, WSDL, UDDI)

Web Service: tecnologie (SOAP, WSDL, UDDI) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI Modulo II Web Service: tecnologie (SOAP, WSDL, UDDI) Figure tratte dal testo

Dettagli

Service Oriented Architecture and Web Services

Service Oriented Architecture and Web Services Service Oriented Architecture and Web Services Note per il corso di Ingegneria del Software Università di Camerino Dipartimento di Matematica ed Informatica Andrea Polini 11 gennaio 2007 Queste note sono

Dettagli

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica 1/20 1.1 Modifiche Documento Descrizione Modifica Edizione Data Prima emissione 1 28/07/2008 1.2

Dettagli

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it Introduzione ai Web Services Tito Flagella tito@link.it Web Services Beppe, secret 2 Web Services (2) I Web Services sono uno sforzo di standardizzazione teso a rendere interpretabili, in maniera indipendente

Dettagli

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Versione: 3 Data: 16/10/2014 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Modifiche al documento...

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

Approfondimento. Web Services

Approfondimento. Web Services Approfondimento Web Services Esame di Programmazione per il Web Fedele Ladisa INDICE Capitolo 1. Introduzione 1.1 Introduzione ai Web Services 1.2 Architettura dei Web Services 1.3 Stack protocollare di

Dettagli

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1. PAG. 1 DI 39 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.5 DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS PAG. 2 DI 39 INDICE 1. REVISIONI DEL DOCUMENTO

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 Web Services SOAP WSDL UDDI CE-CREAM SRM Griglie computazionali - a.a.

Dettagli

Web service. A cura di Azzurra Ragone

Web service. A cura di Azzurra Ragone Web service A cura di Azzurra Ragone RPC (Remote Procedure Call) A type of protocol that allows a program on one computer to execute a program on a server computer. Using RPC, a system developer need not

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA VISUALIZZAZIONE E LO SCARICO DELLE RICEVUTE DI ATTESTAZIONE DELLE OPERAZIONI E DELLE TRANSAZIONI EFFETTUATE SULLE RICETTE DEMATERIALIZZATE (DECRETO 2 NOVEMBRE

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop i Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop AZIONE NOME DATA FIRMA

Dettagli

Web Services Servizio Telematico Dogane

Web Services Servizio Telematico Dogane Web Services Servizio Telematico Dogane MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 21 Indice 1 Introduzione... 3 2 Test funzionale dei web services... 6 3 Creazione del client... 10 3.1 Soluzioni Open Source...

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Distribuiti

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Laboratorio di Sistemi Distribuiti Bianchi Marco Univ. Roma Tor Vergata December 6, 2006 Bianchi Marco (Univ. Roma Tor Vergata) Laboratorio di Sistemi Distribuiti December 6, 2006 1 / 29 SOAP (2/2) 1 Gestione

Dettagli

Programmazione di Web Services

Programmazione di Web Services Luca Cabibbo Architetture Software Programmazione di Web Services Dispensa ASW 860 ottobre 2014 La scelta tra architetture può ben dipendere da quali sono gli svantaggi che il cliente può gestire meglio.

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia Versione 1.1 Nome doc.: INF-1 Specifiche Interfaccia v1.0.doc Edizione: 1.0 Data emissione: 12/1/2007 INDICE Modifiche

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

SDK-CART. Versione 1.1

SDK-CART. Versione 1.1 SDK-CART Versione 1.1 20/04/2008 Indice dei Contenuti 1 INTRODUZIONE...2 2 L USO DEL COMPONENTE DI INTEGRAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO... 2 2.1 Modalità d'uso trasparente dei Servizi...3 2.2 Uso del Servizio

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA COMUNICAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE CHE UN MEDICO TITOLARE DEVE FORNIRE AL SISTEMA TS AFFINCHE UN MEDICO SUO SOSTITUTO POSSA PRESCRIVERE RICETTE DEMATERIALIZZATE

Dettagli

UDDI e WSDL: navigare sicuri nel mare dei Web. Col passare del tempo, la rete delle reti

UDDI e WSDL: navigare sicuri nel mare dei Web. Col passare del tempo, la rete delle reti UDDI Col proliferare dei Web service e delle aziende che li forniscono, si sente il bisogno di mettere ordine, per sfruttare pienamente le potenzialità dei servizi disponibili in rete UDDI e WSDL: navigare

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- SERVICE

PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- SERVICE 09/03/2011 Pag. 1 di 10 PROGETTO TESSERA SANITARIA WSDL E SCHEMI XSD PER L UTILIZZO DEI SERVIZI WEB- Pag. 2 di 10 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. LISTAESENTIREDDITO.WSDL 5 3. INTERROGAASSESERED.WSDL 7 Pag.

Dettagli

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Regione Toscana Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Stato del documento Definitiva Versione del documento 1.8 Data 29/05/13 Documento Acronimo del documento Specifiche

Dettagli

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop

Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop. Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop i Tutorial di configurazione e programmazione di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Ambiente di sviluppo 1 3 Presentazione degli scenari di esempio 2 4 Comunicazione

Dettagli

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP.

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP. In questo tutorial implementeremo un semplice SOAP web service in PHP che un client Java richiamerà. In questo modo mostreremo l'interoperabilità fra linguaggi diversi che SOAP permette di avere. La struttura

Dettagli

ZTL Firenze Inserimento Automatico

ZTL Firenze Inserimento Automatico ZTL Firenze Inserimento Automatico Introduzione In seguito alla variazione dell ordinanza del giugno 2011 che regola la modalità di rilascio dei permessi portale per le categorie abilitate, non è più possibile

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 13 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS 5 3. SERVIZIO DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE/REVOCA CNS 6 3.1 DESCRIZIONE

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD Pag. 2 di 14 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE E REVOCA

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

PARTE 11. Web Services

PARTE 11. Web Services PARTE 11 Web Services Parte 11 Modulo 1: Motivazioni Il miraggio dell informatica moderna Integrazione delle applicazioni Interoperabilità In pratica, ogni meccanismo che consenta a diversi sistemi software

Dettagli

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it 29/05/2010, Area Ricerca CNR, Pisa Web Service Introduzione Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 20010-11 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos è un Web Service?

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da:

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: WebCare Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione Progetto: WEBCARE 2 Versione 1.3 Data 05 AGOSTO 2011 Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: CRONOLOGIA DELLE VERSIONI

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Classificazione dei Web Services

Classificazione dei Web Services Web Services Programmazione in ambienti distribuiti Anno 2004-2005 Claudio Zunino Classificazione dei Web Services Interattiva il client è umano ed utilizza tipicamente un web browser Sviluppati usando

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Un vincitore è un sognatore. che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori

Un vincitore è un sognatore. che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori ABSTRACT Il web è cambiato! In questi ultimi anni internet ha subito grandi cambiamenti, è passato da

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop AZIONE

Dettagli

SOAP e i Web Services

SOAP e i Web Services SOAP e i Web Services Ringraziamenti Corso di Tecnologie Web, prof. Fabio Vitali, Università di Bologna Moreno Marzolla INFN Sezione di Padova moreno.marzolla@pd.infn.it http://www.dsi.unive.it/~marzolla

Dettagli

2 Reti di Calcolatori XML

2 Reti di Calcolatori XML 2 3 4 5 6 7 8 root element Risultati Basi di dati 10 Dicembre 2003 Mario Rossi Corso Data List a_st

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Il presente documento intende fornire la descrizione e le specifiche tecniche necessarie al colloquio fra i sistemi software produttori di prescrizioni

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Java Web Services. Uso di Eclipse e Apache Axis

Java Web Services. Uso di Eclipse e Apache Axis Java Web Services Uso di Eclipse e Apache Axis 1 Gli strumenti utili per iniziare Axis (Web Service tool) Eclipse (IDE di sviluppo) Tomcat (servlet/jsp container) N.B. Eclipse e Tomcat possono essere sostituiti

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 DOCUMENTO:. 1.0 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Alessio Sardaro firma Verificato da: Approvato da: LISTA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTI

Dettagli

Deployment ed invocazione dinamica di Web Services. Stefano Schivo

Deployment ed invocazione dinamica di Web Services. Stefano Schivo Deployment ed invocazione dinamica di Web Services Stefano Schivo 15 settembre 2004 2 Indice 1 Introduzione 5 1.1 Un primo esempio......................... 5 1.2 Gli standard per i Web Services.................

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014 PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 23 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 3 1. INTRODUZIONE... 4 2. GENERALITA... 5 3. STANDARD TECNICI... 6 4. INVIO DEI DATI DI SPESA... 7 4.1. CARATTERISTICHE... 7 4.2. ACCESSO

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SPECIFICHE TECNICHE PER LA TRASMISSIONE ALL INPS DEI CERTIFICATI DI MALATTIA, COMUNICAZIONI DI INIZIO RICOVERO E

PROGETTO TESSERA SANITARIA SPECIFICHE TECNICHE PER LA TRASMISSIONE ALL INPS DEI CERTIFICATI DI MALATTIA, COMUNICAZIONI DI INIZIO RICOVERO E PROGETTO TESSERA SANITARIA SPECIFICHE TECNICHE PER LA TRASMISSIONE ALL INPS DEI CERTIFICATI DI MALATTIA, COMUNICAZIONI DI INIZIO RICOVERO E CERTIFICATI DI MALATTIA IN SEDE DI Pag. 2 di 51 INDICE 1. REVISIONI

Dettagli

Prof. Paolo Nesi Ing. Antonio Cappuccio

Prof. Paolo Nesi Ing. Antonio Cappuccio Sistemi Distribuiti Corso di Laurea in Ingegneria Prof. Paolo Nesi Ing. Antonio Cappuccio Parte: 2a Web Services & REST Department of Systems and Informatics University of Florence Via S. Marta 3, 50139,

Dettagli

Modelli per la descrizione di protocolli

Modelli per la descrizione di protocolli POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco

Dettagli

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti 1/27 PROGETTO AIRUMBRIA la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti MODULI SW REALIZZATI E FUNZIONANTI DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE - (documento 6.6.1) 2/27 Data: 1/6/2011 Compilato:

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Sperimentazione e confronto di alcuni Engine BPEL

Sperimentazione e confronto di alcuni Engine BPEL Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Tesi di Laurea in Informatica Sperimentazione e confronto di alcuni Engine BPEL Relatore Prof. Rosario Pugliese Candidato

Dettagli

Programmazione di servizi web SOAP

Programmazione di servizi web SOAP Luca Cabibbo Architettura dei Sistemi Software Programmazione di servizi web SOAP dispensa asw860 marzo 2017 What is elegance? Soap and water! Cecil Beaton 1 - Fonti The Java EE 7 Tutorial https://docs.oracle.com/javaee/7/tutorial/

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722 PMF Web-Service Quick-Start Guide Guida Introduttiva Cliente Redatto da Francesco Buratto Redatto il 01 gennaio 2011 Riferimento PMF 2011 Introduzione PMFWS è un web-service HTTP che espone un interfaccia

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

WebServices. Distribuire una computazione. Sistemi che usano RPC Sun RPC RPC. Il Web usato dai programmi. Vincenzo Gervasi

WebServices. Distribuire una computazione. Sistemi che usano RPC Sun RPC RPC. Il Web usato dai programmi. Vincenzo Gervasi 1 Distribuire una computazione WebServices Il Web usato dai programmi Vincenzo Gervasi Dipartimento di Informatica Università di Pisa L idea di distribuire una computazione è vecchia quasi quanto l informatica

Dettagli

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Modalità d integrazione trasparente 1 3 Modalità d integrazione tramite

Dettagli

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov build.xml

Dettagli

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2 i Manuale SDK di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2013 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 La Personalizzazione del Protocollo di Cooperazione 1 3 Il Software Development Kit 2 3.1 Gestione dei payload.................................................

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia. Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 2

L Iniziativa egovernment.net per l Italia. Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 2 L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 2 Porta di Dominio STK Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

Service Oriented Architectures e Web Services

Service Oriented Architectures e Web Services Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.17 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Evoluzione

Dettagli

Interazione fra applicazioni

Interazione fra applicazioni WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE UN INTRODUZIONE RAGIONATA A MONDO DEI EB SERVICE Il paradigma del Service Oriented Computing è visto come una rivoluzione nella comunità informatica e i eb Service una sua realizzazione. a possibilità

Dettagli

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) consiste in un insieme di specifiche promosse e curate da OMG (Object Management Group). L OMG è un consorzio internazionale no-profit di industrie nel

Dettagli

Web Services. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A.

Web Services. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it

Dettagli

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica Capri Feb. 2004 Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Web Service per importare una pratica SUAP in. attraverso

Web Service per importare una pratica SUAP in. attraverso Web Service per importare una pratica SUAP in attraverso Versione: 1.0 Data: 31/03/2016 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni 1. Introduzione al documento... 3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna Web Service: Introduzione 1 Contenuti Background.NET Framework ASP.NET Web Service Concetti e architetture Progettazione e sviluppo di Web Service Utilizzo di Web Service 2 Sezione 1: Introduzione Inquadramento

Dettagli