3 RAPPORTO SULLA MIGRAZIONE AL VOIP nelle PAC. Primo semestre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3 RAPPORTO SULLA MIGRAZIONE AL VOIP nelle PAC. Primo semestre 2010"

Transcript

1 3 RAPPORTO SULLA MIGRAZIONE AL VOIP nelle PAC Primo semestre 2010

2 3 Rapporto sulla migrazione al VoIP nelle PAC 1 semestre anno 2010 a cura di DigitPA

3 3 Rapporto sulla migrazione al VoIP nelle PAC 1 semestre anno 2010 a cura di DigitPA SOMMARIO 1 INTRODUZIONE Struttura del rapporto SINTESI DELLA RILEVAZIONE Principali risultanze dell indagine per le Amministrazioni centrali Principali risultanze dell indagine nelle scuole Considerazioni finali TAVOLE DI RIEPILOGO Note ai dati fornite dalle amministrazioni ALLEGATI Informazioni richieste alle amministrazioni VoIP SPC Abbreviazioni identificative delle amministrazioni Glossario Pag. 1

4 1 Introduzione L art.78 del nuovo Codice dell Amministrazione Digitale (C.A.D.) prevede al comma 2-bis che le pubbliche amministrazioni centrali e periferiche di cui all articolo 1, comma 1, lettera z), inclusi gli istituti e le scuole di ogni ordine e grado, le istituzioni educative e le istituzioni universitarie, nei limiti di cui all articolo 1, comma 449, secondo periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sono tenute, a decorrere dal 1 gennaio 2008 e comunque a partire dalla scadenza dei contratti relativi ai servizi di fonia in corso alla data predetta ad utilizzare i servizi «Voce tramite protocollo Internet» (VoIP) previsti dal sistema pubblico di connettività o da analoghe convenzioni stipulate da CONSIP. Pertanto, al comma 2-ter., DigitPA effettua azioni di monitoraggio e verifica del rispetto delle disposizioni di cui al comma 2-bis. Le modalità attuative di tali azioni, stabilite dal Decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione del 9 aprile 2009, prevedono che pubbliche amministrazioni centrali raccolgano e trasmettano semestralmente i dati oggetto del monitoraggio dell utilizzo dei servizi VoIP a DigitPA per la verifica, l elaborazione e il successivo invio, sotto forma di Rapporto, al Ministero dell economia e delle finanze. DigitPA, pertanto, ha provveduto ad effettuare il primo monitoraggio nei mesi di gennaio e febbraio 2010, il secondo monitoraggio nei mesi di aprile e maggio, dello stesso anno e il presente monitoraggio nei mesi da gennaio a marzo Per quanto riguarda la rilevazione: il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ha raccolto i dati pervenuti da circa il 52 % degli Istituti (21% nella prima rilevazione, 46% nella seconda). L Amministrazione ha ritenuto che tali dati possano essere estesi (come campione) alla totalità delle scuole mentre non sono stati presi in considerazione i dati relativi alle Università; alcune amministrazioni hanno rappresentato non poche difficoltà nel reperire informazioni. Infatti, la fonia, nella maggioranza dei casi, è di competenza della Direzione affari generali e del personale con capitoli di spesa separati da quelli dell ICT; diverse amministrazioni hanno dichiarato di non essere in possesso dei dati relativi alle sedi periferiche per i seguenti motivi: le sedi hanno autonomia di spesa; le spese per la telefonia sono inserite nei canoni di affitto; la telefonia viene gestita da enti differenti (ad es. comuni e provincie pagano i canoni telefonici delle scuole, i comuni quelle dei tribunali); difficoltà a raccoglier i dati per mancanza di risorse; il Ministero dell interno come quello per la Difesa dispongono di una rete TLC e di PABX proprietaria e ricorrono alla rete pubblica in maniera limitata per le interazioni con i soggetti esterni, pertanto non si è provveduto al loro monitoraggio; Pag. 2

5 rispetto alla precedente dove hanno risposto al questionario solo 11 amministrazioni (Scuola superiore della Pubblica amministrazione, Ministero degli affari esteri, Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca, Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Ministero della salute, Agenzia delle Dogane, Guardia di finanza, ACI, CNR e INPDAP) altre amministrazioni hanno inviato i loro dati (Corte dei Conti, MEF- ex Tesoro, AAMS, Agenzia del Territorio, Ministero della Giustizia, Ministero per le Infrastrutture e Trasporti, Ministero per le Politiche Agricole, Croce Rossa Italiana, Istituto per il Commercio Estero, INEA e ISPESL). Per tutte le restanti amministrazioni è stato preso in considerazione l ultimo dato disponibile. Pertanto la presente rilevazione relativa al primo semestre 2010 anche se incompleta (per la mancanza di alcune amministrazioni), lacunosa (per la mancanza di alcuni dati, in particolare quelli delle sedi periferiche) e non aggiornata in alcuni casi è da considerarsi migliore, come vista dello stato dell arte della telefonia nella PA, rispetto alle precedenti. 1.1 Struttura del rapporto Il documento, fatta salva la premessa (capitolo 1), è articolato in due sezioni: 1. la prima (capitolo 2 - Sintesi della rilevazione) analizza complessivamente le risultanze della rilevazione traendo alcune considerazioni dall esame dei dati; 2. la seconda (capitolo 3 Tavole di riepilogo e capitolo 4 Allegati) contiene le tavole di riepilogo di tutti i dati utilizzati nel documento e quattro allegati: le informazioni richieste alle amministrazioni; il VoIP SPC; le abbreviazioni identificative delle amministrazioni; il glossario. Pag. 3

6 2 Sintesi della rilevazione 2.1 Principali risultanze dell indagine per le Amministrazioni centrali Le Amministrazioni centrali che hanno risposto, anche parzialmente al monitoraggio, sono 23 su 45, circa il 54% del totale. Per le restanti amministrazioni sono stati utilizzati i dati inviati, relativi al secondo semestre Nelle tabelle seguente sono riportati i dati di riepilogo dell indagine. Sintesi dei dati rilevati nella Pubblica amministrazione centrale Variabili 2 sem.09 Dati sem.10 Numero sedi (centrali e periferiche) Numero di linee equivalenti Numero dei derivati (cioè tutti i telefoni attestati ad una centrale telefonica privata) di cui Numero telefoni VoIP installati nelle sedi centrali di cui Numero telefoni VoIP installati nelle sedi periferiche di cui Numero telefoni tradizionali collegati in IP Trunk Totale spese correnti ,88 Spesa traffico telefonico per semestre, in euro Spesa canoni linee per semestre, in euro Spesa per la gestione della telefonia per semestre, in euro Tipologia acquisizione VoIP (in % sul numero di amministrazioni) modalità diretta modalità SPC modalità CONSIP Grado di soddisfazione percepita nell utilizzo del VoIP (in una scala da 1 a 5) 4 4 Dall analisi dei dati emerge che: il totale delle spese correnti decresce leggermente ma sistematicamente in tutte e tre le voci che lo compongono (-1%); le spese per i PABX, installati in media da molti anni (2001/2003), sono ormai completamente ammortizzate; 1 Le linee equivalenti sono il totale delle linee analogiche e digitali attestate presso le PA. Pag. 4

7 i costi dei collegamenti sono stabili rispetto a quelli del secondo semestre, anche se in netta diminuzione rispetto a quelli degli anni precedenti. Inoltre i dati dei due semestri risultano sottostimati e rimangono alte le spese di gestione dei sistemi telefonici 2. La figura 2 evidenzia che la principale voce spesa è quella relativa al traffico telefonico per il primo semestre Figura 1: Distribuzione per voci della spesa telefonica (in percentuale) Spesa canoni linee 32% Spesa per la gestione della telefonia 18% Spesa traffico telefonico 50% La figura 3 evidenzia che, al 30 giugno 2010, solo il 6% dei telefoni installati è di tipo VoIP (2% nelle sedi centrali e 4% in periferia). Figura 2: Distribuzione per tipologia di telefoni (in percentuale) Telefoni VoIP installati nelle sedi centrali 2% Telefoni VoIP installati nelle sedi periferiche 4% Telefoni tradizionali collegati in IP Trunk 13% Telefoni tradizionali 81% 2 I dati della rilevazione sono stati confrontati con quelli, in possesso di DigitPA, forniti negli anni precedenti da alcuni provider. Pag. 5

8 2.2 Principali risultanze dell indagine nelle scuole Alla rilevazione effettuata dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca hanno risposto 5.466(4.802 nel secondo semestre), su , e sedi scolastiche ( nel secondo semestre), su Considerando i dati rilevati come una buona base per un campione rappresentativo dell intera realtà scolastica si sono estesi i valori all intero dominio. Nelle tabelle seguente sono riportati le variabili, i dati rilevati e i dati estesi all intero dominio. Sintesi dei dati rilevati dal Ministero della pubblica Istruzione Variabile 2 semestre semestre 2010 Dati Dati (estrapolati per l intero dominio) Dati Dati (estrapolati per l intero dominio) Numero scuole Numero sedi Numero di linee telefoniche a carico dell ente locale Numero di linee telefoniche a carico della scuola Traffico semestrale (in euro) Canoni semestrali (in euro) Numero totale derivati tradizionali (*) Numero telefoni VoIP (*) Numero centralini VoIP Inserimento del VoIP (%) 3,0 3,0 3,45 3,45 Numero postazioni di videoconferenza (*) I dati comunicati nel secondo semestre risultano anomali rispetto a quelli comunicati nel primo semestre La diversità di scuole rispondenti nei due semestri non giustifica la differenza. L analisi dei dati ha rilevato che: le sedi complessive sono con una media di circa 1,4 telefoni per sede; la gran parte delle spese per la telefonia è coperta dagli enti locali 3 ; la spesa per il traffico telefonico e quella per i canoni semestrali è in leggera riduzione. 3 I comuni nella scuola elementare e le province nella scuola media (di ogni ordine e grado) gestiscono gli edifici e tutta la parte impiantistica (tra cui la telefonia). Pag. 6

9 Si riporta di seguito, la percentuale di telefoni VoIP presenti nelle scuole. Figura 3: Distribuzione del tipo di derivati presenti nelle scuole (in percentuale) Telefono VoIP; 3,6% Derivati tradizionali; 96,0% 2.3 Considerazioni finali Sulla base dei dati rilevati, si evidenzia che i sistemi VoIP sono già diffusi nel 54% delle amministrazioni mentre un 46% di esse è in procinto di migrazione. Alcune amministrazioni (INPS, INAIL, Lavoro, Salute) hanno iniziato la sostituzione totale degli apparati telefonici e prevedono di completarla entro il Le amministrazioni: privilegiano le sedi periferiche per la installazione di impianti VoIP sia per azzerare i costi delle comunicazioni, tra sedi della stessa amministrazione, sia perché è più facile ed economico sostituire piccoli PABX con apparati telefonici VoIP; acquisiscono sistemi VoIP direttamente (nel 46% dei casi) e non tramite contratti quadro SPC (27%) o Convenzioni CONSIP (27%), privilegiando così l acquisto rispetto al noleggio (che grava sulle spese correnti); giustificano (mediamente) la migrazione al VoIP solo in base a presunte economie sul traffico, e non, come sarebbe auspicabile, in base a progetti di integrazione delle reti e delle applicazioni. Non sono previste al momento (con esclusione di INPS ed INAIL) le sostituzioni dei grandi PABX delle sedi centrali (ai quali sono collegati migliaia di derivati) perché è costoso sostituire la rete telefonica interna, adeguare le LAN e installare Ip PABX. Il grado di soddisfazione, percepita dalle amministrazioni nell utilizzo del VoIP, risulta medio alto (4). Pag. 7

10 È in corso l unificazione dei centri di costo e di responsabilità per la fonia e per le ICT (come previsto nel nuovo CAD). Pertanto al momento, solo le amministrazioni (in particolare gli enti previdenziali) che hanno già unificato tale competenza hanno in corso i progetti di migrazione più importanti. Tra i servizi aggiuntivi, abbastanza diffusa è la videoconferenza ma non le applicazioni tipiche legate al VoIP (telepresence, click to dial, unified messaging). Sarebbe auspicabile unificare i servizi di videoconferenza (magari introducendo dei sistemi basati su PC) per le comunicazioni fra amministrazioni (infradominio). Per avere una visione completa sullo stato della migrazione al VoIP sarebbe opportuno estendere la rilevazione alla PAL. Infatti, da dati in possesso di DigitPA, risulta che la PAL abbia volumi di traffico maggiori rispetto la PAC. Non esiste, a parte il nodo di interconnessione VoIP(NIV), un progetto di integrazione globale di tutti i domini delle varie Amministrazioni. Le Amministrazioni finanziarie stanno pensando ad una integrazione dei domini tramite SOGEI. Gran parte delle comunicazioni avviene tramite cellulare. Dal momento che il traffico fisso-mobile è circa il 70 % dei costi dei canoni, molte amministrazioni stanno pensando a sistemi di trasmissione mobile-mobile (GSM BOX). La corrente Convenzione Consip dovrebbe risolvere il problema del NIV in quanto prevede un interconnessione a carico dei fornitori. Tale Convenzione, che copre tutte le esigenze di comunicazione (IP e non) delle amministrazioni, offre sia soluzioni tradizionali, sia ToIP (telefonia su IP), con la possibilità di realizzare nuovi impianti, di collegare impianti esistenti o di realizzare soluzioni miste. La Convenzione distingue il traffico in due direttrici: on-net, ovvero il traffico di telefonia su IP tra telefoni tradizionali o terminali IP, all interno della rete locale della stessa P.A.; off-net, ovvero il traffico diretto a telefoni tradizionali connessi alla PSTN (rete pubblica) e tra telefoni tradizionali o terminali IP collegati a reti locali diverse da quella dell amministrazione. L ultima considerazione è quella che è assolutamente riduttivo giustificare il VoIP come risparmio sui costi telefonici. Infatti il maggior costo dei consumi telefonici è legato al traffico fisso-mobile (non abbattibile dal VoIP). Il risparmio va trovato, invece, nella riduzione dei canoni delle linee telefoniche (tramite uscite centralizzate) e soprattutto nelle minori spese di gestione/manutenzione dei sistemi. Pag. 8

11 3 Tavole di riepilogo In questo capitolo del documento sono riportate le tavole di riepilogo dei dati forniti dalle Amministrazioni tramite il questionario in allegato 1. Inoltre nelle tavole sono stati utilizzati: il segno convenzionale linea (-) quando il valore è uguale a zero; il segno convenzionale quattro puntini (...) quando il valore non è stato indicato; il nome breve delle amministrazioni così come indicato nella tabella Abbreviazioni identificative delle amministrazioni inserita tra gli allegati. Pag. 9

12 1 Rapporto sulla migrazione al VoIP nelle PAC a cura di DigitPA Tavola 1 Riepilogo dei dati di fonia (numerosità), anno semestre 2010 Amministrazione sedi linee telefoniche attivate derivati 2 sem 09 1 sem sem 09 1 sem sem 09 1 sem. 10 Avvocatura Consiglio di Stato Corte dei Conti Presidenza del Consiglio SSPA Affari esteri rete internazionale Affari esteri sede centrale Ambiente Beni culturali Carabinieri Economia e Finanze -ex Tesoro AAMS Guardia di finanza Dogane Entrate Territorio Giustizia Infrastrutture Istruzione Lavoro Politiche agricole CFS Salute ACI AGEA CNR CRI ENAC ENIT ENPALS ICE IAS INAIL INEA INPDAP INPS IPOST ISFOL ISPESL ISPRA ISTAT Totale Pag. 10 di 30

13 Tavola 2 Riepilogo delle spese di fonia (in euro), anno semestre 2010 Amministrazione Traffico telefonico Canoni linee Gestione rete telefonica 2 sem 09 1 sem sem 09 1 sem sem 09 1 sem. 10 Avvocatura Consiglio di Stato Corte dei Conti Presidenza del Consiglio SSPA Affari esteri rete internazionale Affari esteri sede centrale Ambiente Beni culturali Carabinieri Economia e Finanze -ex Tesoro AAMS Guardia di finanza Dogane Entrate Territorio Giustizia Infrastrutture Istruzione Lavoro Politiche agricole CFS Salute ACI AGEA CNR CRI ENAC ENIT ENPALS ICE IAS INAIL INEA INPDAP INPS IPOST ISFOL ISPESL ISPRA ISTAT Totale Pag. 11

14 Tavola 3 - Riepilogo dei telefoni VoiP installati (numerosità), anno semestre 2010 Amministrazione Telefoni Voip attivati (sede centrale) Telefoni Voip attivati (sedi periferiche) Telefoni tradizionali attivati in IP Trunk 2 sem 09 1 sem sem 09 1 sem sem 09 1 sem. 10 Avvocatura Consiglio di Stato Corte dei Conti Presidenza del Consiglio SSPA Affari esteri rete internazionale Affari esteri sede centrale Ambiente Beni culturali Carabinieri Economia e Finanze -ex Tesoro AAMS Guardia di finanza Dogane Entrate Territorio Giustizia Infrastrutture Istruzione Lavoro Politiche agricole CFS Salute ACI AGEA CNR CRI ENAC ENIT ENPALS ICE IAS INAIL INEA INPDAP INPS IPOST ISFOL ISPESL ISPRA ISTAT Totale Pag. 12

15 3.1 Note ai dati fornite dalle amministrazioni Ministero degli affari esteri L Amministrazione ha diviso, per la rilevazione, le 4 sedi a Roma e le 236 sedi all estero. Le centrali telefoniche sono connesse in IP su SPC mentre le sedi estere stanno migrando ai servizi VoIP di RIPA (e prossimamente su S-Ripa: attualmente sono collegate 71 sedi). Anche se l Amministrazione ha unificato le competenze ICT (quella sulla fonia e quelle sui dati), comunque la rilevazione dei dati delle sedi all estero presenta gravi difficoltà, in quanto, oltre al problema di gestire vari contratti stipulati localmente e costi espressi in valute differenti, i consolati e le ambasciate sono autonome per le spese di funzionamento e riferiscono come bilancio ad una Direzione Generale differente Ministero dei beni culturali Il Ministero sta estendendo la telefonia VoIP a tutte le sedi Ministero della difesa La Difesa dispone di una rete TLC e di PABX proprietari, che consente di operare in maniera autonoma (senza generare costi per le comunicazioni interne) e ricorre alla rete pubblica, in maniera limitata, per le interazioni con i soggetti esterni. L introduzione della tecnologia VoIP è comunque in atto ma richiederà tempo perché le infrastrutture coinvolte sono migliaia, sparse sul territorio nazionale quindi è necessario ammortizzare gli investimenti fatti e procedere all ammodernamento tecnologico nel momento in cui la vetustà e/o l obsolescenza richieda la sostituzione delle centrali/pabx Ministero della difesa - Arma dei carabinieri (aggiornato al ) Il quadro generale delle comunicazioni telefoniche nell Arma dei carabinieri si basa sulle seguenti condizioni generali: l Istituzione (insieme alle altre Forze di polizia) possiede una infrastruttura di comunicazione proprietaria (il ponte radio digitale basato su tecnologia IP) che consente scambi fonia/ dati gratuiti e ad alto coefficiente di sicurezza e abbatte in maniera considerevole i costi delle comunicazioni inter-sede ; in ragione del servizio offerto ai cittadini e a molteplici istituzioni è parimenti obbligatorio disporre di linee telefoniche tradizionali che implicano l impiego di rilevanti risorse economiche per il pagamento dei canoni, che sono la voce più onerosa delle spese telefoniche. i costi delle comunicazioni telefoniche: gravano prioritariamente su quelle fisso mobile (non sostituibili dal VOIP) e anche nell ambito (residuale dal punto di vista economico) delle telefonate fisso fisso solo Pag. 13

16 una quota parte di esse sono riconducibili all area delle trasmissioni inter-sede ; sono già ridotti grazie al ricorso a specifiche convenzioni CONSIP, che consentono il ricorso ai telefoni cellulari a prezzi molto contenuti; l introduzione del VoIP ha un costo intrinseco che richiede l impegno di risorse per l acquisizione dell hardware, del software e della banda trasmissiva necessaria che talvolta devono essere integrate con ulteriori spese per cablare le sedi beneficiarie. Dal momento che i Comandi periferici dell Arma non hanno, attualmente, una grossa disponibilità di banda, e che l architettura gerarchica delle comunicazioni prevede che le stesse transitino per un centro stella (e quindi un doppio percorso), il passaggio della fonia su IP risulta problematico con l attuale tecnologia di rete. L Arma dei carabinieri (unitamente alla Polizia di Stato) prevede di introdurre il VoIP quale soluzione integrata con servizi a valore aggiunto nell ambito del progetto 112 NUE (Numero Unico di Emergenza che gode di finanziamento specifico), orientato al soccorso pubblico in ambito nazionale su chiamata telefonica per garantire i collegamenti e la gestione dell intervento: subito, tra tutte le Centrali Operative dei Carabinieri (530) e le omologhe strutture della Polizia; in sviluppo, estendendo il servizio anche ai Vigili del Fuoco (115) e al soccorso sanitario (118). Le centrali telefoniche dell Arma dei carabinieri per le quali è stata prevista l assegnazione di tecnologia VOIP (già nel 2010 e se il progetto 112 NUE non subisce rallentamenti) sono quelle dei: Comandi Provinciali (109 sedi); Gruppi e le Compagnie dipendenti (421 sedi). Il totale spese fonia ( di euro) va così ripartito: per le telefonate a cellulari o internazionali (area estranea agli effetti VoIP), ,06 euro; per le telefonate urbane e interurbane (si stima che non più del 50% sia riconducibile alle comunicazioni "intersede" verso cui VoIP dispiega risparmi economici di ,98 euro) Ministero dell economia e delle finanze I Dipartimenti ex tesoro stanno estendendo la telefonia VoIP a tutte le sedi territoriali. Mentre il Dipartimento delle Finanze prevede nei prossimi anni una graduale migrazione. Pag. 14

17 3.1.6 Guardia di finanza Il Corpo prevede di utilizzarla per tutte le unità organizzative periferiche non raggiunte dalla rete digitale proprietaria Interpolizie. Ha comunque già attivato 200 postazioni di videoconferenza Ministero della giustizia. Anche per questa Amministrazione è stata problematica la raccolta dei dati. Infatti le spese dei Tribunali e dei giudici di pace sono sostenute dai Comuni che solo dopo un lungo periodo ottengono un rimborso (parziale) da parte del Ministero. Nonostante la mancanza quasi assoluta di risorse finanziarie l Amministrazione ha avviato il progetto VoIP. L Amministrazione, inoltre, migrerà ad IP anche il servizio di multivideoconferenza (DIGITPA sta introducendo tale servizio a listino della gara multi fornitore) Ministero delle infrastrutture e trasporti. L organizzazione del Ministero è fortemente distribuita, con oltre 500 sedi (le MCTC e le Capitanerie di Porto) attivando 16 linee presso le sedi periferiche e 4 presso le sedi centrali. In molte sedi, collocate nelle isole, non solo vi è carenza di banda ma anche di rame e quindi si stanno studiando collegamenti di tipo satellitare. Inoltre in molte località la BGA non è garantita. A livello VoIP: già esiste -a livello sperimentale- una rete VoIP tra le 12 Direzioni marittime; le tre sedi di Roma sono collegate in anello in fibra; la sede di via Nomentana e la sede di Palermo sono collegate, sperimentalmente, in IP Trunk Ministero del lavoro e della previdenza sociale (aggiornato al 31 dicembre 2009) Da circa 3 anni l Amministrazione sta passando al VoIP. La prima sede è stata quella di Milano poi le sedi romane di Via Flavia e Via Fornovo, tutte con servizi SPC. Attualmente sono migrate circa 70 sedi periferiche (su 109). Anche il Ministero presenta un organizzazione separata per la fonia e per l IT. Oggi però le spese VoIP sono a carico della direzione ICT, anche se i benefici economici sono goduti dalla Direzione del Personale che continua a gestire le sedi. L Amministrazione ha evidenziato che i benefici ottenuti sono stati essenzialmente quelli legati all organizzazione (adeguamento delle LAN, nomadicità e rintracciamento delle persone). Pag. 15

18 Ministero dell interno Il Ministero con l attivazione del 112 NUE presso la Questura di Salerno, ha collegato, con questa tecnologia, la Questura e i due commissariati di Battipaglia e Cava de Tirreni Ministero dell'istruzione dell'università e della ricerca Il Ministero ha installato centralini full IP a Bologna, Firenze, viale Trastevere e al CED di Monte Porzio e sta operando con Fastweb per introdurre il VoIP nelle 18 sedi regionali e nelle 100 sedi provinciali. Il rilevamento dei dati sulla fonia ha presentato una grossa difficoltà organizzativa, poiché è stato necessario interfacciare 20 diversi centri di costo (uno per le ICT e 19 regionali). Per le scuole, i costi della fonia sono normalmente erogati dagli enti locali proprietari dell immobile (comuni e province). L Amministrazione ha provveduto a raccogliere i dati delle scuole. I dati finali sono stati ottenuti per estrapolazione sul campione di scuole pervenute (oltre il 50% del totale) Ministero delle politiche agricole e forestali L Amministrazione sta procedendo alla attivazione dei servizi VoIP SPC per tutte le sedi periferiche. Il piano prevede la installazione di postazioni per il Ministero e ben per il CFS. Il problema più grande per lo sviluppo del VoIP è la mancanza di banda adeguata nelle sedi disagiate. Attualmente è in corso l adeguamento delle reti LAN alle mutate esigenze. A livello centrale, il Ministero prevede, a causa delle elevate spese di manutenzione ( euro l anno) di dismettere gradualmente i PABX del Ministero, creando contemporaneamente VPN per il VoIP Ministero della salute L Amministrazione ha realizzato un dominio VoIP (autonomamente) connettendo le tre sedi romane con un call manager CISCO. Presso le sedi centrali sono stati attivati 1700 telefoni VoIP Presidenza del Consiglio dei Ministri (aggiornato al 31 dicembre 2009) L Amministrazione ha già provveduto ad unificare le competenze ICT con quelle telefoniche. Nelle sedi romane sia le sei centrali (già predisposte per interfacciare il VoIP) sia i utenti sono connessi in fibra ottica ad un unico GNR (e quindi con un costo telefonico nullo). L Amministrazione ha chiesto a Fastweb un piano per migrare tale architettura a VoIP. Attualmente è in corso nelle piccole sedi la migrazione a IP PABX (anche se connesse tramite linee proprietarie). Pag. 16

19 Non sono valutabili al momento benefici inerenti l introduzione del Voip se non quelli legati al risparmio sull acquisto di nuove centrali. Dei linee/canali attivi: 750 canali si riferiscono a 25 flussi ISDN a 2Mb; il traffico intersede è garantito da 630 canali di 21 flussi in fibra ottica di proprietà della Presidenza del Consiglio dei Ministri e da 360 canali di 12 CDN (canali digitali) a 2Mb; 146 sono linee urbane. Dei derivati, sono digitali, sono analogici, 80 appartengono a un sistema telefonico specializzato. I PABX delle principali sedi sono stati installati nel 2002 e derivano dalla fornitura utilizzata per il G8 di Genova nel Nel , sono stati installati ulteriori PABX nelle sedi secondarie Corte dei conti La Corte non ha un unico fornitore per la fonia. Attualmente è in corso la migrazione, graduale, a Fastweb. Il progetto prevede che la migrazione al VoIP di tutte le sedi, dovrebbe essere completata entro la fine del Consiglio di Stato L Amministrazione ha in corso una sperimentazione riguardante i referenti dei TAR Scuola superiore della pubblica amministrazione La Scuola: ha la banda larga nella sede centrale; ha collegamenti ad 1 MB con le sei sedi periferiche; ha avviato una sperimentazione riguardante il collegamento tra le centrali telefoniche di Bologna e di Roma; utilizza i sistemi di videoconferenza attivando 10 servizi Agenzia delle dogane (aggiornato al 31 dicembre 2009) L Agenzia migrerà al VoIP acquisendo le apparecchiature, tramite SOGEI, dalla convenzione CONSIP lotto 2 (apparati SELTATEL). Dopo aver perfezionato il Piano 2010, l Agenzia inoltrerà l ordine per le prime otto sedi pilota (circa 400 telefoni IP). Nel corso dell anno si prevede di installare circa 2500 telefoni IP. Pag. 17

20 La Direzione Regionale per la Toscana ha già realizzato un progetto per il collegamento in IP trunk delle sedi (circa 525 postazioni ) Agenzia delle entrate (aggiornato al 31 dicembre 2009) L Agenzia ha unificato le responsabilità della rete ICT con la telefonia. Per le Agenzie si sta procedendo, a valle di uno studio di fattibilità effettuato assieme a Sogei, a: connettere via IP Trunk le centrali; all installazione dei servizi ToIP di CONSIP; all acquisto di centrali IP. È in corso, inoltre, la centralizzazione sia dell uscita su PSTN a livello provinciale (con notevoli risparmi sui canoni di linea) sia delle chiamate fisso-mobile su GSM box (con risparmi ancora maggiori). I benefici, finora riscontrati con l introduzione del VoIP, sono essenzialmente legati alla semplificazione gestionale (unica gestione telefoni e PC, nomadicità degli interni, unica rete con unico punto per postazione, altro). L Agenzia, parimenti, sottolinea alcune difficoltà legate alla disponibilità di banda e alla qualità delle connessioni nell utilizzo contemporaneo del VoIP e dei sistemi di videoconferenza. La società Fastweb, infatti, offre i collegamenti utilizzando i canali a 2 Mbit di Telecom Italia (tecnologia superata) rendendo, di conseguenza, la banda effettiva inferiore a quella nominale e il QOS (Quality Of Service) non adeguato. Nella rilevazione non sono stati considerati i Call center per i contribuenti, che sono già migrati alla tecnologia VoIP. I costi di traffico dei call center afferiscono alle chiamate entranti (numero ad addebito ripartito) ACI (aggiornato al 31 dicembre 2009) L Ente ha completato l'attivazione nelle rimanenti 85 sedi provinciali del PRA, che si aggiungono alle 21 sedi già attivate nel Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) I dati si riferiscono alla sola telefonia dell'unità organizzativa centrale. L Istituto non è in grado di aggregare i dati delle 110 unità organizzative periferiche, in quanto queste strutture hanno un autonomia sia finanziaria sia nella scelta tecnologica. La rilevazione, pertanto, ha interessato solo le due sedi di Roma, piuttosto vicine e interconnesse in fibra ottica. Queste sedi, comunque, utilizzano solo telefoni VoIP e telefoni tradizionali collegati in IP Trunk CRI L Ente ha installato un centralino nella sede centrale e uno nella sede di via Ostiense, per un totale di 160 postazioni di lavoro. Pag. 18

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione ALLEGATO 1 Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione SOMMARIO 1 PRODOTTI E SERVIZI PRESENTI IN CONVENZIONE...3 1.1 SERVIZI TEMPORANEI DI RETE E COPERTURE AD HOC...3 1.1.1 Servizi di copertura temporanei...

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

La comunicazione digitale al servizio della Spending Review

La comunicazione digitale al servizio della Spending Review La comunicazione digitale al servizio Libro Bianco Febbraio 2013 In collaborazione con Indice 1. Executive Summary... 3 2. Obiettivo: spendere meno e meglio... 5 3. La PA italiana: alcuni numeri significativi,

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA Articolo 1 (Definizioni) Articolo 2 (Piano di numerazione per servizi) Articolo 3 (Assegnazione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli