È la RFK International House of Human Rights. Già arrivati i primi ospiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "È la RFK International House of Human Rights. Già arrivati i primi ospiti"

Transcript

1 È la RFK International House of Human Rights. Già arrivati i primi ospiti Diritti umani. A Firenze la prima casa per gli attivisti digitali Straordinario recupero dell ex carcere delle Murate, adesso luogo di speranza e dialogo Firenze 17 maggio 2013 Inaugurato oggi a Firenze il primo luogo dove gli attivisti digitali di tutto il mondo possono incontrarsi personalmente, scambiare competenze e confrontare esperienze: è la RFK International House of Human Rights. L International House è ospitata nella struttura de Le Murate, l ex carcere recuperato di recente dal Comune di Firenze e trasformato da un luogo di reclusione e sofferenza in uno spazio di apertura, speranza e cambiamento. L edificio ospita gli uffici del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights Europe, l unica sede fuori dagli USA del Centro istituita per onorare la memoria del Senatore e presieduta dalla figlia, Kerry Kennedy e per promuovere i diritti umani globali. La struttura è dotata di dodici camere della RFK International House of Human Rights, due sale per incontri e esposizioni, oltre alle stanze dello staff. Ed è proprio in questi spazi che verranno accolti e ospitati gruppi di digital activist, attivisti che si sono distinti per il loro ruolo nella difesa dei diritti umani soprattutto attraverso l utilizzo dei nuovi strumenti digitali, offrendo le più aggiornate conoscenze e i più avanzati strumenti disponibili per migliorarne le capacità operative nonché la sicurezza e protezione. Obiettivo del progetto, che rientra nelle attività del "RFK Training Institute", è la realizzazione di un luogo internazionale di incontro, formazione e ricerca sull'utilizzo di social media e IT per la promozione dei diritti umani, organizzando non solo workshop e attività di formazione ma anche eventi e meeting tra organizzazioni attive nell'ambito IT e dei diritti umani in tutto il mondo. Proprio in questi giorni sette digital activist provenienti da: Birmania, Filippine, Messico, Pakistan, Sri Lanka, e Zimbabwe, hanno avuto la possibilità di confrontarsi con alcuni dei più autorevoli esperti di nuove tecnologie applicate alla difesa dei diritti umani al mondo, arrivati a Firenze in rappresentanza di realtà di primo piano come Tactical Technology Collective (TTC); Global Voices Online (GVO), OneWorld Digital Security Exchange (ODSE); Witness.org; Electronic Freedom Frontier (EFF), e Human Rights Watch (HRW). Siamo fermamente convinti spiega Kerry Kennedy, Presidente del RFK Center che attraverso il confronto diretto tra i protagonisti sia possibile promuovere in ogni angolo del mondo la cultura della promozione dei diritti umani. E bello pensare che uno degli attori della movimento per i diritti umani del Pakistan e un attivista sudamericano possano scambiarsi consigli, condividere esperienze e diventare ancora più efficaci e sicuri.

2 Digital Activist - Biografie Andrea Arzaba, Messico È una giornalista freelance e blogger specializzata in tematiche di giustizia sociale. È fondatrice di un blog, The SunFlower Post, dove giovani di tutto il mondo discutono sul tema della discriminazione di genere nelle loro comunità. È inoltre blogger di Global Voices Online e Future Challange, per i quali affronta tematiche correlate al rispetto dei diritti umani in Messico, allo sviluppo, ai diritti delle popolazioni locali, al giornalismo e all ambiente. Le è stato conferito due volte il premio dell European Journalism Centre per i suoi post. È stata inoltre selezionata come rappresentante messicana al Peace Camp organizzato da People to People nel In qualità di giornalista ha inoltre collaborato per le riviste Traveller di National Geographic, Animal Politico ed è stata corrispondente per diverse testate in occasione dei summit United Nations Climate Change COP16, COP17 e RIO+20. Nighat Dad, Pakistan È avvocato e guida l organizzazione Digital Rights Foundation. La sua attività è incentrata sulla libertà di utilizzo di internet in Pakistan. Il principale obiettivo è rendere l accesso a internet libero ed uguale per tutti in tutto il Paese, al fine di colmare il digital divide e promuovere il concetto che l accesso ad internet dovrebbe essere riconosciuto come un diritto dell individuo. Yatanar Htun, Myanmar Si è laureata in Informatica presso la Mandalay Computer University di Myanmar. Ha preso parte a molti eventi legati alla promozione delle ICT (International Computer Technology) tra i quali il BarCamp Yangon che è stato descritto da Wikipedia come il più importante BarCamp del mondo, BarCamp Mandalay, BarCamp Pyay, BarCamp X, AppExpo. È inoltre co-fondatrice del Mido (Myanmar ICT for Development Organization), un organizzazione della società civile, istituita nel 2012, la cui attività è incentrata sul ICT4D, Internet Freedom e Internet Policy. Da allora Mido ha realizzato più di 30 fra training, seminari e workshop sull importanza delle ICT per lo sviluppo delle comunità, in particolare quelle delle aree periferiche. Mido è stata inoltre partner di molte organizzazioni locali attive come gruppi di ricerca nel campo di ICT per lo sviluppo. Mido è connesso con molte organizzazioni internazionali che collaborano nel campo di ICT4D, Internet Freedom e Internet Policy. È coordinatrice del programma del Myanmar Internet Freedom Forum Project che si terrà l 1 e il 2 giugno 2013 a Myanmar. Nilantha Ilangamuwa, Sri Lanka Nilantha Ilangamuwa è membro del ALRC (Asian Legal Resource Centre). Prima di entrare a far parte del dipartimento di comunicazione dell organizzazione ha maturato un esperienza decennale nel campo del giornalismo. È redattore del giornale online Sri Lanka Guardian (www.srilankaguardian.org), una testata online no profit che tratta di società, politica e problemi etnici, rappresentando una fonte di notizie quotidiane sulla situazione socio-politica locale. Gli articoli sono stati usati anche da altri blog e siti web. Tuttavia l accesso locale allo Sri Lanka

3 Guardian è stato bloccato dal governo come forma di censura. Durante la sua esperienza decennale di giornalista Nilantha ha lavorato come corrispondente per il Sunday Standard, come redattore di notizie estere per il Mawimba, come redattore per Divaina e per Siwdesa. I suoi articoli sono stati pubblicati da varie testate e siti web di tutto il mondo. Ha conseguito un diploma di laurea in Comunicazione, Sociologia e Scienze Politiche alla Università di Kalania a Colombo nel Lo scorso anno ha sviluppato l idea di un magazine per parlare della tortura. Jaymie Ann Reyes, Filippine È avvocato e lavora in una ONG che promuove e difende i diritti umani perseguendo un tipo alternativo di attività legale basata sul potenziamento delle persone sotto rappresentate e marginalizzate nelle Filippine come donne, bambini, popolazione indigena e detenuti. Jayime lavora soprattutto a livello paralegale, spiegando le leggi che tutelano i diritti fondamentali della minoranze. Inoltre è membro di un gruppo di lavoro per la monitorizzazione dei diritti umani all interno dell ASEAN (Association of Southeast Asian Nations), un gruppo che opera per lo sviluppo e l avanzamento di un controllo regionale nel sud est asiatico promuovendo un dialogo tra i diversi governi, le organizzazioni della società civile e altri stakeholders come la Asian Intergovernmental Commission on Human Rights e i vari Ministri degli Esteri.

4 RFK Center for Justice and Human Rights RFK International House - Le Murate - Firenze Scheda 1. RFK International House La RFK International House è una struttura residenziale unica e altamente simbolica nell'ex carcere de Le Murate di Firenze. Ispirata agli ideali di Robert F. Kennedy ha l'obiettivo di permettere ad attivisti dei diritti umani provenienti da tutto il mondo di scambiare esperienze, dialogare e ricaricarsi. Completamente attrezzata per una formazione efficace è il luogo ideale per contribuire al rafforzamento dei diritti umani nel mondo. 2. RFK Center for Justice and Human Rights La missione del RFK Center for Justice and Human Rights è di realizzare il sogno di Robert F. Kennedy di un mondo più giusto e pacifico attraverso l'empowerment degli individui e lavorando attraverso alleanze e organizzazioni allo scopo di generare il cambiamento e migliorare i diritti umani globalmente. 3. RFK Training Institute Lo scopo del RFK Training Institute è di rafforzare culture e pratiche di diritti umani in tutto il mondo fornendo formazione e istruzione e di alta qualità per accrescere la conoscenza operativa e le abilità di individui e organizzazioni. È ispirato all'idea di Robert F. Kennedy che ogni persona può fare la differenza e si trova nell'ex carcere di Firenze Le Murate. 4. Luogo La RFK International House si trova nel complesso de Le Murate nel centro di Firenze (dieci minuti a piedi da Piazza della Signoria). L'edificio de Le Murate ha una lunga storia ed è servito a un'ampia varietà di scopi. Costruito nel 1424 ha ospitato le monache benedettine che conducevano una vita religiosa claustrale ed erano chiamate murate per via delle loro strette celle, da qui il nome della struttura. Nel 1845 Le Murate fu trasformato nella prigione di Firenze. Negli anni '40, il complesso de Le Murate fu usato come centro di raccolta delle persone destinate a essere deportate nei campi di concentramento. Nel 1985 il carcere fu spostato nei nuovi edifici alla periferia di Firenze. Alla fine degli anni '90 l'architetto Renzo Piano ha iniziato a lavorare a un progetto per trasformare Le Murate in uno spazio culturale e ricreativo che ospitasse ONG, Start Up ad alta tecnologia, case popolari, negozi, ristoranti, bar, spazi aperti e sale conferenze completamente attrezzate per i cittadini di Firenze. 5. Partnership con la città di Firenze La città di Firenze e il RFK Center hanno siglato una partnership per sviluppare programmi, progetti e attività che sfrutteranno tutto il potenziale della struttura con l'obiettivo di far avanzare i diritti umani nel mondo. La partnership mira anche a utilizzare la vasta esperienza di Firenze e della Toscana nella promozione dei diritti dell'uomo; il Granducato di Toscana fu il primo Stato ad abolire la pena di morte. Un elemento chiave dell'accordo è che attraverso il progetto degli attivisti digitali il RFK Training Institute ospiterà e formerà attivisti dei diritti umani che nella loro attività fanno un uso esteso dei social media. 6. La struttura dell'rfk International House La RFK International House ha una superficie di circa 1500 metri quadri distribuita su tre piani e che si compone di sei parti principali. a. Area residenziale Dodici appartamenti di circa metri quadri con bagno individuale, aria condizionata e wi-fi. Undici possono essere occupati da due persone. Uno è adattato per i diversamente abili. Cucina completamente attrezzata con tavole e sedie. Stanza comune di circa 35 metri quadri.

5 b. Biblioteca Sezione sui diritti umani. Sezione su RFK. c. RFK Europe Offices Dodici postazioni lavorative. Una sala riunione di 20 metri quadri. d. Spazi per incontri e esposizioni Spazio Sala delle Colonne per incontri e esposizioni (145 metri quadri / max 100 persone). Spazio Sala B per incontri (75 metri quadri / max 25 persone). Entrambe le stanze sono attrezzate con audio, video, proiettore e wifi. e. Spazio esterno Corte interna per eventi culturali (160 metri quadri). Terrazza coperta per eventi culturali (60 metri quadri). Entrambi gli spazi sono attrezzati con audio e video. f. Dialogue Café Si tratta dell'unica location italiana del primo network mondiale di videoconferenza progettato per la società civile che usa la tecnologia Cisco TelePresence, l'ultimo grido per quanto riguarda la tecnologia di videoconferenza. 7. La struttura de Le Murate Oltre agli spazi del RFK International House, nel complesso de Le Murate si trovano altre strutture gestite da altre organizzazioni che possono essere utilizzate da RFK Europe per le sue attività. a. Spazi per incontri / esposizioni Sala Vetrate per incontri (170 metri quadri / max 150 persone) (Spazi Urbani Contemporanei SUC). Sala Colonne pianterreno (120 metri quadri / max 80 persone) (Spazi Urbani Contemporanei SUC). Sala Colonne primo piano (120 metri quadri / max 50 persone) (Spazi Urbani Contemporanei SUC). Sala Vetrate Madonna della Neve (60 metri quadri) (Quartiere 1 Firenze). Sala conferenze Madonna della Neve (80 metri quadri / max 25 persone) (Parco Urbano dell'innovazione). Tutte le sale sono attrezzate con audio, video, proiettore e wifi. b. Spazi esterni Piazza delle Murate Piazza Madonna della Neve c. Ristoro Caffè Letterario Pizzeria Le Carceri 8. Utilizzo La RFK International House è a disposizione dei suoi associati, principalmente attivisti per i diritti umani. La struttura è anche a disposizione dei partner di RFK Europe (così come di altre associazioni che hanno base a Firenze) a fronte di un costo nominale che servirà a coprire le spese. Per quanto riguarda le altre strutture de Le Murate si applicano altri di criteri e costi. 9. Contatti per informazioni Web:

6 Il Senatore Robert F. Kennedy disse: Ogni qual volta un uomo si batte per un ideale o opera per migliorare la condizione degli altri o lotta contro l ingiustizia, invia un minuscolo impulso di speranza e tutti questi impulsi provenienti da milioni di centri di energia e intersecandosi gli uni agli altri possono dar vita ad una corrente capace di travolgere i più possenti muri dell oppressione dell ostilità. Robert F. Kennedy, Sud Africa 1966 In seguito alla morte di Robert F. Kennedy nel Giugno 1968, la famiglia e gli amici decisero di creare un memoriale in suo nome per portarne avanti l eredità morale, promuovendo l'intero spettro dei diritti umani all'interno degli Stati Uniti e in tutto il mondo. Oggi il Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights è un organizzazione no-profit che lavora per realizzare il sogno di un mondo pacifico. Ciò viene fatto attraverso programmi nazionali e internazionali che aiutano le persone svantaggiate e gli oppressi, nonché attraverso progetti di educazione ai diritti umani all interno delle scuole con lo scopo di sensibilizzare le future generazioni di uomini e donne, padri e madri, politici, lavoratori ad affrontare i problemi più difficili che la nostra società ci pone davanti. Nel 2003, grazie al successo del lavoro effettuato, Kerry Kennedy decise di lanciare il suo progetto educativo Speak truth to Power: Coraggio Senza Confini (STTP) anche in Italia. Nel 2005, grazie al grande interesse mostrato da parte delle istituzioni e del pubblico nasce L (RFK Europe), la branch Europea del RFK Center for Justice and Human Rights (RFK Center) di Washington D.C. L organizzazione, presieduta da Maria Lina Marcucci, ha stabilito la propria sede in Italia nel 2005 con lo stesso obiettivo di mantenere viva l eredità culturale del Senatore Robert Kennedy nel campo della difesa dei diritti umani e dei diritti civili sensibilizzando l opinione pubblica, e in particolare gli studenti, sulle storie e le attività dei difensori dei diritti umani: persone comuni che di fronte a ingiustizie e abusi - hanno scelto di difendere i diritti umani e non fermarsi davanti ai soprusi e le violenze. Nel 2011, anno in cui si è celebrato il 50 Anniversario della nomina di Robert Kennedy a Ministro della Giustizia, è stato creato il Robert F. Kennedy Human Rights Training Institute, un luogo sia fisico che ideale dove accogliere i difensori dei diritti umani, in modo che possano formare direttamente, insieme ai docenti, i nuovi operatori ed i nuovi comunicatori di pace. Il Comune di Firenze ha deciso di collaborare alla realizzazione di questo progetto concedendo al RFK Center l utilizzo del prestigioso spazio de LE MURATE, un luogo significativo per la destinazione avuta nei secoli e per l ambizioso obiettivo a cui l Amministrazione Comunale l ha voluto destinare: da vecchio carcere cittadino ormai abbandonato, a luogo di vita e cultura a disposizione della cittadinanza.

7 RFK Training Institute - Le Murate, Florence Empowerment Laboratory First Group: May 2013 Program A. Empowerment Lab The Empowerment Lab is a residence program aiming at bringing together global human rights activists who extensively use social media in their activities at the RFK International House. During their stay, they will: Engage in peer-to-peer exchanges and training in order to increase their knowledge of and skills with social media and digital technology; Revisit their tactics and strategies and improve their capacities (e.g. advocacy, development, etc.), engaging in workshops led by professional trainers, NGO operators and senior activists. In addition, if interested, they will be given the opportunity to: Connect to the international community, local Italian communities, policymakers and grant-makers; Put their experience at disposal of other human rights activists through presentations, discussions and content production to be distributed online. B. First Seminar The RFK Training Institute organizes the First Session of the Empowerment Lab, a Pilot Session, from 12 until 19 May There will be 11 participants, 7 selected from the large number of applicants and 4 members of the RFK Partners for Human Rights (PHR) program. The program runs from Monday 13 till Saturday 18 May included. On Friday 17 May the RFK International House will be official opened. That day there will be no sessions. There will be Planning Workshop on Human Rights & Social Media. C. Sessions The following sessions are included in the preliminary program. The definitive program will be made, among other things, on the basis of the knowledge, skills and preferences of the participants and the availability of the trainers/experts/facilitators. During this session participants will walk through a facilitated self study of their situation vis-a-vis advocacy, information, and digital technologies. Based on this, participants will determine the extent and direction of subsequent sessions with regard to internet and digital media security. 1. How internet works and principles of privacy and anonymity This session will lay the conceptual foundation for the subsequent sessions via practical examples, demonstrations and exercises and roleplays to describe basic functionalities of internet. 2. Communicating on the internet This session lays out the principles at play when information moves to and from you to its destination, understanding how to communicate safely using the internet: understanding the choices in communications, extending communication to chats and instant messaging, voice and video communications and the risks and rewards understanding how to keep Internet browsing more private (HTTPS, Browser selection and hygiene) 3. Treating your information as an asset This session entails a discussion about how to safeguard your information's integrity, from physical control, to hygiene of your devices and includes hand-on walkthroughs on specific software to help. Specifics include: Protecting information from physical threats Protecting computer from malware and hackers (anti-virus, software updates) Creating and maintaining secure passwords (tool walkthrough - KeePass) Encrypting and hiding sensitive information (tool walkthrough TrueCrypt) Safeguarding against information loss 4. Social media and your information This session will be a discussion on the risks and rewards of sharing your information via social media, including understanding Social media's capture, collection and dissemination of intentional as well as unintentional information. Understanding geo-location and other metadata such as user and browser data Social Media as a surveillance tool Precautions and protections

8 5. Surveillance, privacy and anonymity This is a session devoted to understanding basics of blocking and data surveillance, and what can be done to help overcome some of these challenges. It will help distinguish the differences in: Reaching blocked content Reaching blocked content privately Reaching blocked content anonymously A review of Proxy, VPN, and other concepts will be followed by example walk throughs of corresponding software such as Psiphon-3, Tor, and others 6. The use of TOR: How to secure browsing and break censorship This session aims at describing how to best use the software TOR to secure contacts and communications, break through Internet filtering systems and avoid prosecution. 7. Mobile activism: Smartphones and cellphones security This session will cover the best practices, security issues and common threats on the use of mobile phones and smartphones for Digital Activism throughout the world. The objective of the class is to understand and learn how to safely use SMS and mobile connections as a powerful tool to coordinate and organize human rights campaigns. 8. Strategic thinking: Matching project design to organizational goals This session will focus on project design of online media. The course's objective is to help participants to articulate and plan media projects and strategies that best suit their needs, and to better express the outcomes and effects of their work. We will consider the interests and long-term goals of activists, and discuss theories of change, relevance of examples and models to specific use cases. We will also discuss and whether and how to adopt and focus best practices from successful projects to local contexts. We will discuss incentive structures for participation in media projects - from network models to volunteer communities, to staffing considerations. The class will include be an exercise in planning, by which each participant will develop a planning process for their own work, from theory of change to objectives, from project planning to implementation, to understanding of short-term and long-term effects. 9. Communications strategies and online citizen journalism and storytelling This session will focus on creating and supporting citizen media communities, with an emphasis on creating content that serves the interests of a given community towards a given end. The objective of the class is to help participants to understand the range of options available in online storytelling and strategic communications, and to choose the approach most relevant to their needs. We will discuss technology platform choices, audience, content management choices, social media options, and how to create different kinds of online storytelling to achieve specific ends - from social media and microblogs, to a range of blogging platforms, to mapping, to the use of video and image. The class will include a brief overview of theory, technology choice, and storytelling examples. We will then run exercises designed to help participants to understand which options, strategic communications strategies, and storytelling or information frameworks make sense for their specific needs. The class will conclude with suggestions for further research and learning. 10. Crisis simulation and contingency planning The workshop will comprise a simulation of a security crisis. Activists will be divided into three groups and confronted with real-life security scenarios. They will be encouraged to work collaboratively to solve the problem, drawing from their own experience, using their available resources. The crisis simulation will be followed by a de-brief based on each group s perceived priorities. At the end of the workshop, there will be a brief presentation in two parts. The first part will deal with surveillance risk assessment, providing the fundamental knowledge and necessary tools to identify the threats and adversaries, evaluate the risks of surveillance and take appropriate steps to guard against it and protect valuable assets. The second part will introduce the notion of crisis management, or the process that helps activists and civil society organizations in the event of an impending crisis, to identify potential threats, build an effective response that safeguards the organization s resilience, the interests of stakeholders and restores operational capabilities. 11. Securing common activities online This is a sequel to the previous workshop where we will be identifying the most common uses, activities, and behaviors online, the threats associated with them and the most common security responses to those threats. The workshop will be divided into two parts. The first part will allow three or more groups of participants to focus on one set of online activity (for example: 1) Mobile technology, 2) person-to-person communication and 3) teamwork online), enumerate the most frequent uses related to each activity and identify the threats associated with each use drawing from participants experience. The second part will focus on providing the information and tools necessary to evaluate the threats and take appropriate steps to defend against them. It will also provide basic technical information on defensive technology, such as encryption, securing web browsers, systems etc. 12. Campaigning for public awareness In this session, we will speak about some basics of setting up a successful public awareness campaign, focused on changing people s behavior. The session will be based on our experience with public health-style campaigns to improve digital security and make online and mobile communication safer. Participants will learn about different ways to reach an audience, and of effective ways of creating a message for this audience. We will be looking at different public awareness campaigns, and critically review their strengths and weaknesses. This session is intended to encourage participants to find ways to change the behavior of people in their environment, about topics participants care about. 13. Introduction to video for change This session will provide an overview of how video is being successfully and creatively used as a tool for human rights advocacy. We will review case studies, best practices and focus on some of the new, creative online uses of video for change.

9 14. Human rights documentation spotlight: Video for evidence What makes a video trustworthy? What helps ensure it can be used as evidence? This session will cover the best practices for before, during and after filming for video as evidence. 15. Video interviews and testimony This session will feature the best practices for safely, effectively, and ethically conducting human rights video interviews for documentation, testimony, and advocacy. Expect hands-on exercises, so please bring your video-enabled mobile phones or cameras! 16. Strategy: Meeting desirable ends with available means As organizations have a limited amount of resources, one important issue is, of course, the use of those resources and the strategic decisions of how to create a great impact with the available means. In these sessions we will also discuss strategic thinking within the organization and how to use available human rights tools to achieve the organizational goals. 17. Tackling Fundraising for Human Rights: practical knowledge and skills This 6-hour workshop will aim to achieve the following: Provide practical knowledge about fundraising for human rights targets, tools, skills Offer space for participants to exchange experience Strengthen existing fundraising skills for human rights projects. The workshop will combine presentations of practical information about fundraising with international and bilateral donor organizations and sessions of small groups work on preparing brief fundraising plans and practicing fundraising skills later on. Information will be coming from both applicants side and donor side and participants will be encouraged to share and apply their experience during the practical exercises. At the end of the workshop, participants will: - Understand the donor strategies and frameworks for funding human rights - Be able to propose a fundraising plan - Be ready to conduct a fundraising meeting with a donor. 18. Outreach: Working with the press What the media publishes influences the configuration of the political agenda and therefore the policy agenda; it also shapes public attitudes towards topics and events. As Bernard Cohen wrote in 1963, The press may not be successful much of the time in telling people what to think, but it is stunningly successful in telling its readers what to think about. Organizations, groups and individuals who want to influence the political and the policy agendas to, for example, strengthen human rights policies need to start by getting the attention of the media. The challenge is how to make reporters, editors, columnists, directors, anchors, and producers interested in human rights issues, in an environment where so many groups and organizations are also competing to get their issues into the media agenda, and where reporters are given little time for research, learning and investigating. In this part of the workshop, we will study mechanisms to influence reporters, editors, directors, and columnists in choosing topics to cover and to write about, in order to help build a media agenda with human rights issues at its core. D. Trainers/Experts/Facilitators The trainers/experts/facilitators include the following. Mariana Berbec (Open Society Foundations, OSF) Mariana Berbec Rostas is a human rights lawyer and the program manager for human rights and non-discrimination at the Human Rights Initiative of the Open Society Foundations. She works on advancing human rights and transparency issues in Central and Eastern Europe. She also manages work on strategic litigation, equality and non-discrimination, and capacity building for civil society sector. Mariana has been with the Foundations since Before joining the Human Rights Initiative, she managed work on legal capacity development and legal empowerment at the Open Society Justice Initiative, with responsibilities for developing and implementing clinical legal education and human rights education initiatives globally. She participated in setting up human rights and legal education programs in Africa, Southeast Asia, and the Middle East, including legal skills, project management, and fundraising skills. In and , Mariana was involved as legal skills and human rights trainer in pilot programs on community-based paralegals in Romania and Moldova (legal empowerment of the poor field). Mariana holds a LL.M. in Comparative Constitutional Law with Human Rights specialization from the Central European University (Budapest, Hungary). Emma Daly (HRW) Emma Daly is the Communications Director at Human Rights Watch, overseeing all media communication coming from the organization, a position she has held since July Prior to that, she worked as Press Director after joining HRW in November Before joining Human Rights Watch, Daly spent 18 years as a journalist, mostly as a foreign correspondent, working for the New York Times, the Independent, Newsweek, the Observer and Reuters, among others. She has contributed to several books including "Secrets of the Press - the Penguin Book of Journalism" and "Crimes of War: What the Public Should Know." A native of the UK, Daly graduated from the University of East Anglia with a BA in Philosophy and Literature. Andrea Galindo (RFK Center for Justice & Human Rights) Andrea Galindo is a Lawyer, working as an International Human Rights Consultant who has taught Human Rights courses in a number of countries. She works as a consultant for the Robert F Kennedy Center for Justice & Human Rights. She developed and coordinates the annual training course on the Inter-American and the International Human Rights Protection Systems, co-organized by the Inter-American Commission on Human Rights (IACHR), American University Washington College of Law, Texas University and the Inter-American Institute for Human Rights (IIDH). She is currently developing a manual for Indigenous Women on the Inter-American HR System for the London-based Forest People Program. She has an LLM from American University were she focused on International Human Rights law. She is a professor of Human Rights and International Law at the University of Buenos Aires where she received her law degree.

10 Chris Michael (Witness) Chris Michael is a trainer, video producer and human rights advocate who leads the partnership and training work at WITNESS. In addition to designing and leading video for change workshops, Chris focuses on creating and expanding WITNESS' training methodology and materials in order to support human rights advocates and groups to safely and effectively use video to create change, such as toolkit.witness.org. Samir Nassar (Tactical Technology Collective, TTC) Samir Nassar is a third generation Palestinian refugee who was born in Germany, raised in a small town near Bethlehem, and studied in the USA. With fifteen years of experience working with Free Software communities, Samir provides organizations with the tools they need to protect their information and employees through training staff, mapping threats, and developing solutions. Samir is fluent in Arabic, English, and German. Ali Ravi (Tactical Technology Collective, TTC) Ali Ravi works at the Tactical Technology Collective, an international NGO working to enable the effective use of information for positive social change. He directs the Privacy and Expression Programme, which focuses on increasing awareness, engagement, and agency of advocates to use digital technologies more safely and strategically. Mr. Ravi's prior work experience includes several years in the corporate consulting world and the European telecom industry, as well as over 10 years in the NGO sector as Technology Strategist and implementer of digital technologies for smaller NGOs. He has also worked as a program designer and technology educator/trainer for individuals involved in rights advocacy. Mr. Ravi holds advanced degrees in Electrical Engineering and Robotics. María Isabel Rivero (Inter-American Commission on Human Rights, IACHR) María Isabel Rivero is a Uruguayan journalist and has been the director of the Inter-American Commission of Human Rights Press and Outreach Office since July As such, she is in charge of designing and implementing the Commission's external communications strategy, including media relations, online image, and key outreach programs, as well as training of journalists. She started working at the Commission in 2006, after winning an open competition for the post of Press Coordinator at the Office of the Special Rapporteur for Freedom of Expression. She studied social communications at UCUDAL, a University in Uruguay, and has a Master's Degree in Latin American Studies with concentration on Government from the Edmund A. Walsh School of Foreign Service at Georgetown University, USA. Before joining the Commission, she worked as a journalist for 15 years. She was international correspondent for United Press International (UPI) and later for the German Press Agency (DPA) in Santiago (Chile), Asunción (Paraguay), Montevideo (Uruguay), and Washington, D.C. (United States). She has also worked in radio stations, TV networks, newspapers and magazines, and she taught journalism in UTU, a college in Uruguay. She has published thousands of articles that have been published in a great variety of media outlets. Ivan Segal (Global Voices Online, GV) Ivan Sigal is the Executive Director of Global Voices (www.globalvoicesonline.org), a non-profit online global citizens media initiative with expertise in supporting developing world initiatives of citizen media. He writes and speaks about media, conflict, networked societies, development, and humanitarian disasters. He designs and creates media projects around the world, with a focus on networked communities.. He spent over ten years working in media development in the former Soviet Union and Asia, as Regional Director for Asia, Central Asia, and Afghanistan for Internews Network. He was also a Senior Fellow at the U.S. Institute of Peace, where his research topic was digital media and conflict. He is also a co-founder of screenprojects.org, a visual storytelling startup, and a photographer, lecturer, and the author of White Road, published by Steidl in Ivan has lived and worked in over 70 countries, including long periods in Eastern Europe, the former Soviet Union and Asia. Jillian C. York (Electronic Frontier Foundation, EFF) Jillian York is Director for International Freedom of Expression at the Electronic Frontier Foundation. Her work focuses on free expression, with an focus toward the Arab world, and as such she has written for a variety of publications, including Al Jazeera, The Atlantic, The Guardian, Foreign Policy, and CNN. Jillian contributed chapters to the upcoming volumes Beyond Wikileaks: Implications for the Future of Communication, Journalism, and Society (Palgrave Macmillian; March 2013) and State Power 2.0: Authoritarian Entrenchment and Political Engagement Worldwide (Ashgate Publishing; expected November 2013). She serves on the Board of Directors of Global Voices Online, and on the Advisory Boards of R-Shief, OnlineCensorship.org, Radio Free Asia sopen Technology Fund and Internews Global Internet Policy Project. E. Cooperation The RFK International House aims at creating an international hub of meeting, research and training among the different NGOS and groups who work on the relationship between human rights and social media around the world. The RFK Training Institute is cooperating with a number of leading organizations in order to organize the Empowerment Lab. These organizations include (in alphabetical order): Electronic Frontier Foundation (EFF), Ford Foundation; Global Partners & Associates (GPA); Global Voices Online (GV); Human Rights Watch (HRW); OneWorld Digital Security Exchange (ODSE or Odyssey), Open Society Foundations (OSF); and Witness.

11 Apre a Firenze il primo Dialogue Cafè italiano: entra nel network globale di sale di videoconferenza pubbliche destinate alla società civile, sponsorizzato da Cisco. Nella nuova sede della RFK International House che si inaugura oggi nasce il primo spazio del nostro paese di questa iniziativa non profit dedicata al dialogo, alla condivisione di esperienze e alla realizzazione di progetti internazionali in area sociale, educativa, culturale Firenze, 17 maggio 2013 Apre oggi a Firenze, in occasione della inaugurazione della nuova sede della RFK International House, sede del RFK Center for Justice and Human Rights, il primo Dialogue Cafè italiano. Il Dialogue Café si trova in un area della sede, presso l Ex Carcere delle Murate. Dialogue Cafè è il primo network di sale per video conferenza pubbliche destinato esclusivamente alla società civile. Nasce da una iniziativa globale non profit, sponsorizzata in tutto il mondo da Cisco Systems, che ha lo scopo di permettere di condividere esperienze, incontrarsi, lavorare insieme su progetti di area sociale, educativa, culturale. Si rivolge a fondazioni, associazioni, ONG, gruppi di comunità, università e scuole, imprese sociali, agenzie e enti del settore pubblico. I Dialogue Cafè sono spazi fisici che si trovano nel centro delle città, offrono accesso a tecnologie di videoconferenza che permettono di incontrarsi e organizzare attività abbattendo le barriere geografiche, attraverso una tecnologia la TelePresence di Cisco Systems che permette di comunicare come se si fosse faccia a faccia, con audio e video in altissima definizione: costruiscono un ponte fra realtà locali di tutto il mondo, migliorano la comprensione fra diverse culture e società, promuovono lo sviluppo. Dando la disponibilità ad ospitare il primo Dialogue Cafè italiano, Firenze si conferma città aperta al mondo, all interrelazione e alla socializzazione tra persone e culture. La sede della RFK Foundation, che opera per difendere e diffondere democrazia e diritti umani in tutto il mondo, è un luogo quanto mai adeguato per mettere a disposizione questa possibilità. Dialogue Cafè si basa su un idea radicale, ma semplice: le persone hanno molto in comune, e se ne hanno l opportunità esploreranno ciò che le unisce e da questo potranno nascere occasioni di collaborazione e nuove idee per affrontare le tematiche più difficili per il mondo di oggi. Si tratta di dare alle persone e alle comunità capacità per superare ciò che divide ed in questo la tecnologia può offrire un aiuto importante, moltiplicando l impatto di ogni iniziativa commenta Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia. E una visione che Cisco porta avanti da sempre in quanto cittadino responsabile dei luoghi del mondo in cui opera: e siamo particolarmente orgogliosi che oggi Firenze abbia scelto di aggiungersi a questa rete, offrendo questa opportunità alle organizzazioni e ai cittadini del nostro paese La rete mondiale dei Dialogue Cafè lega città quali Rio de Janeiro, Parigi, Varsavia, Londra, Northampton, Cleveland, Amsterdam, Ramallah, Melbourne e ora anche Firenze. Prossimamente ne apriranno a Beirut, Lilla, San Paolo del Brasile, Belgrado. Dalle prime aperture di sedi del network, nel 2011, sono avvenuti decine di eventi, incontri, collaborazioni in tutto il mondo: maggiori informazioni sono disponibili qui Cisco Cisco (NASDAQ: CSCO) è il leader mondiale del settore IT che aiuta le aziende a cogliere le incredibili opportunità offerte dal futuro, connettendo ciò che prima non era connesso. Per ulteriori informazioni visita il sito #

12 Ufficio Stampa Cisco Systems Giulia Quaglieri Tel: Prima Pagina Comunicazione Vilma Bosticco, Caterina Ferrara Tel: 02/

13 Comunicato Stampa Bosch sostiene la Fondazione Kennedy Bosch partner tecnologico dell International House di Firenze Maggio 2013 Firenze, 17 maggio 2013 Bosch mette al servizio del nuovo centro RFK International House of Human Rights del RFK Center a Firenze la propria esperienza e competenza nel campo della tecnologia, fornendo sistemi conference audio/video, elettrodomestici a basso consumo energetico e biciclette a pedalata assistita dotate del sistema Bosch. Bosch ha deciso di sostenere il RFK Center poiché anch essa forte promotrice dell educazione e della sensibilizzazione dei più giovani verso comportamenti e temi di rilevanza sociale. I diritti delle persone, la salvaguardia dell ambiente e la pluralità culturale rientrano infatti, da sempre, all interno dei valori aziendali Bosch. La multinazionale tedesca capitalizza le proprie competenze su scala mondiale per realizzare soluzioni innovative e di generale utilità nei quattro settori di business in cui opera: Tecnologia Automotive, Energia e Tecnologie costruttive, Tecnologia industriale e Beni di consumo. Nel 2012, l azienda ha investito oltre 4,8 miliardi di euro in Ricerca e Sviluppo, registrando circa brevetti in tutto il mondo. Inoltre, l autonomia imprenditoriale e l indipendenza finanziaria consentono di agire con ampi orizzonti temporali. Nello spirito del suo Fondatore, Bosch assume particolari responsabilità verso la società e l ambiente in ogni espressione imprenditoriale. Il fondatore dell azienda, Robert Bosch, con la sua lungimiranza politica, il suo coraggio civile e le sue iniziative per il bene della collettività, ha determinato i principi per il lavoro compiuto dalla Fondazione che porta il suo nome. La Fondazione è impegnata in vari campi, che vanno dalla scienza al sistema sanitario, dal dialogo tra i popoli alla formazione, dalla società alla cultura. In particolare, la Fondazione si concentra sul miglioramento del sistema educativo, sull integrazione culturale, sul processo d integrazione europea e sull impatto del mutamento demografico. La promozione della comprensione tra i popoli è un progetto a lungo termine volto, in particolar modo, a contrastare i pregiudizi e a cambiare gli atteggiamenti discriminatori. Contatti per la Stampa: Tel Robert Bosch Spa Via M.A. Colonna Milano Tel Fax Communication, External & Media Relations

14 Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Nel 2012, grazie ai circa collaboratori ha registrato un fatturato di 52,5 miliardi di euro. Dal 2013 le attività del Gruppo sono state suddivise in quattro settori di business: Tecnologia Automotive, Energia e Tecnologie costruttive, Tecnologia industriale e Beni di consumo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 360 tra consociate e filiali in 50 Paesi, 150 se si includono i partner commerciali. Le attività internazionali di sviluppo, di produzione e di vendita sono alla base della continua crescita. Nel 2012 Bosch ha investito oltre 4,8 miliardi di euro in Ricerca e Sviluppo, registrando circa brevetti in tutto il mondo. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. L'azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch ( ) come "Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica". La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l'indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all'azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garantire il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 92% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprenditoriali dell'azienda. I diritti di voto e le partecipazioni restanti spettano alla famiglia Bosch e alla Robert Bosch GmbH. Ulteriori informazioni sul sito Page 2 of 2

15 OFFICINA PROFUMO FARMACEUTICA DI SANTA MARIA NOVELLA L Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella lega le sue origini ai frati domenicani che nel 1221 iniziano la costruzione del loro convento alle porte di Firenze. Una data importante è il 1612, l anno della fondazione ufficiale, quando il Granduca di Toscana vuole che sia aperta al pubblico come Fonderia di Sua Altezza Reale. I frati iniziano così ufficialmente la loro attività commerciale vendendo direttamente i loro prodotti curativi ed effimeri. La massima espressione dell effimero è il profumo, del quale una delle più importanti testimonial è Caterina de Medici. Sembra infatti che i frati domenicani abbiano creato per lei, Regina di Francia, un acqua profumata che in suo onore prende il nome di Acqua della Regina. Oggi le Acque di Colonia e le numerose altre preparazioni della Antica Farmacia sono racchiuse, come gioielli in uno scrigno, nelle Sale di Via della Scala: la ottocentesca sala di vendita, la sala Verde arredata in stile Direttorio ed arricchita dai seicenteschi vasi da farmacia di Montelupo e la sala dell Antica Spezieria con il suo arredo del XVII secolo. Nella inimitabile cornice dei Vecchi Laboratori, invece, dove per secoli ci sono state le lavorazioni, è stato allestito un piccolo museo, per ridare luce e vita alle macchine usate un tempo, agli antichi strumenti, ai preziosi vetri, ai tanti caldi oggetti di rame e di bronzo dei quali l officina è stata gelosa ed attenta custode nelle travagliate vicende dei secoli. I locali divenuti museo, ma tutt oggi adibiti alla vendita, ed i laboratori di produzione di via Reginaldo Giuliani sono organizzati con percorsi visitabili dal pubblico previo appuntamento. Oggi proiettata nel futuro, l Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, commercializza i suoi prodotti non solo a Firenze, ma nelle principali città italiane. Esistono negozi monomarca anche in Francia, Spagna, Belgio, Inghilterra. Varcando l Oceano negli Stati Uniti ed in Estremo Oriente in Giappone, Taiwan, Corea, Thailandia, Hong Kong e Sudafrica.

16 Comunicato stampa Marcello Reboani Ladies for Human Rights a cura di Melissa Proietti 10 maggio 28 giugno 2013 Le Murate, Firenze Anteprima 9 maggio 2013 ore Inaugurazione Istituzionale 17 maggio ore Giovedì 9 maggio 2013, presso i nuovi spazi espositivi dell Associazione Robert F. Kennedy Foundation of Europe Onlus (RFK Center/Europe), verrà presentata al pubblico l'anteprima di Ladies for Human Rights, personale di Marcello Reboani. L'evento, prodotto dall'archivio Marcello Reboani, è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze e del Festival d'europa Ladies for Human Rights, nato da un'idea della curatrice della mostra, Melissa Proietti, ha come scopo la diffusione e la promozione dell operato del RFK Center/Europe attraverso l'arte. L esposizione è allestita all'interno del prestigioso complesso architettonico delle Murate, recentemente restaurato secondo le linee guida individuate da Renzo Piano, dal gennaio 2011 sede del RFKCenter/Europe. Il percorso espositivo si articola come una rassegna di diciotto ritratti di donne che nel XX secolo si sono impegnate nella lotta a favore dei diritti umani, tra cui Annie Lennox, Leimah Gbowee, Aung San Suu Kyi e Rania di Giordania. Melissa Proietti nel suo testo in catalogo spiega : Per la realizzazione dei ritratti delle Ladies, Reboani utilizza per la prima volta tessuti e pellami recuperati, dando ancora prova dell'inarrestabile ricerca formale che caratterizza il suo linguaggio. Durante la ricerca dei materiali, raccontando del nostro progetto a donne africane, indiane e pakistane, ho ricevuto, oltre ad incoraggiamenti, sorrisi e dimostrazioni d'entusiasmo, anche scampoli in regalo che oggi posso considerare come loro personale contributo a questa importante iniziativa. Virginia De Simoni aggiunge che: Con costanza ed umiltà Reboani si affida alla tecnica, alla capacità del faber, ad una perizia innata e non acquisita, per fermare le immagini su tavola in un istante che pare eterno, ma soprattutto per metterle alla portata di tutti. La friubilità immediata dai suoi lavori diventa allora un importante vantaggio dal quale non si può prescindere: lui stesso ama ripetere che l'arte deve essere al servizio della società, in netta opposizione a gran parte dei precetti wharoliani. [ ] Marcello è un artista coraggioso e ha messo la sua poetica al servizio della nobile causa: partecipa a manifestazione di fund raising e beneficenza e proprio durante il periodo d'esposizione di Ladies fr Human Rights sarà testimonial della campagna di sensibilizzazione STOP AIDS promossa da Anlaids. In occasione dell evento è stato realizzato un catalogo con con il generoso contributo di amici e di prestigiose firme del giornalismo italiano come Marialina Marcucci, Adriana Mulassano, Melisa Garzonio, Alberta Marzotto, Massimiliano Montefusco, Giovanna Nuvoletti, Francesca Molteni, Virginia De Simoni. Questo progetto è sostenuto da Person Films, Muse Project, MLC Comunicazione, Sermoneta Gloves, Regina d'italia Miele Biologico, Pellicano Hotels e Omnia Relations, tutte realtà imprenditoriali al femminile. Media Partners: RDS Radio Dimensione Suono e Artribune e Cortina TOPIc

17 Scheda Info Mostra Curatela Ladies for Human Rights Opere di Marcello Reboani Melissa Proietti Inaugurazione Giovedì 9 Maggio 2013 Apertura al pubblico 10 maggio 28 giugno 2013 Sede Associazione Robert F.Kennedy Foundation of Europe, Onlus Via Ghibellina 12/A Orari lunedì - venerdì / Ingresso gratuito Info Tel: Fax: Links Enti patrocinanti Organizzazione Con il contributo tecnico di Comune di Firenze Associazione Robert F.Kennedy Foundation of Europe Onlus Festival d'europa Archivio Marcello Reboani Melissa Proietti Person Films, Muse Project, MLC Comunicazione, Sermoneta Gloves, Regina d'italia Miele Biologico, Pellicano Hotels, Omnia Relations, RDS Radio Dimensione Suono, Artribune, Cortina TOPIc La Rivista Intelligente, Studio Luv, Plus Group S.r.l., Boop.it. Ufficio Stampa MLC COMUNICAZIONE Maria Letizia Cassata Emilia Orlando T/F M /

18

19 RFK Partners for Human Rights Bionotes Laureates Magodonga Mahlangu, Zimbabwe Magodonga Mahlangu e Women of Zimbabwe Arise (WOZA) sono in prima linea nella lotta per la pace e i diritti umani in Zimbabwe. La signora Mahlangu, coraggiosa e instancabile attivista in favore della democrazia e dei diritti delle donne, è leader delle azioni civiche e di advocacy organizzate da WOZA. Lei e WOZA hanno coordinato oltre 100 manifestazioni pubbliche nonviolente e intervistato quasi persone sulle loro speranze per un nuovo Zimbabwe. Nonostante sia stata arrestata più di 30 volte affrontando ripetutamente la brutalità della polizia, la signora Mahlangu resta ferma nel suo impegno per garantire un futuro più luminoso al suo paese. WOZA è un movimento popolare formato da oltre zimbabwani, costituito nel 2003 come movimento civico femminile per fornire alle donne la possibilità di parlare, con una sola voce, sulle questioni che riguardano la loro vita; potenziare la leadership della comunità femminile al fine di trovare soluzioni all'attuale crisi politica ed economica; incoraggiare le donne a difendere i propri diritti e libertà; portare avanti azioni di advocacy su materie legate alle donne e alle loro famiglie. Oltre membri di WOZA sono stati vittime di custodie cautelari da parte della polizia e molti sono costretti a sopportare brutali pestaggi a causa di riunioni pacifiche e per il solo fatto di alzare la voce in difesa dei propri diritti e libertà fondamentali. Frank Mugisha, Uganda Frank Mugisha, giovane e brillante avvocato a sostegno dei diritti delle minoranze sessuali in Uganda, ha ricevuto nel 2011 il Robert F. Kennedy Human Rights Award. Mugisha è direttore esecutivo della Sexual Minorities Uganda (SMUG), un'organizzazione leader del movimento di lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali (LGBTI). In Uganda le organizzazioni LGBTI operano in un clima pericolosamente ostile, e Mugisha è uno dei pochi attivisti LGBTI apertamente gay. Come portavoce del movimento, amplifica le istanze di uno dei gruppi più vulnerabili del paese. Attualmente l'80 per cento degli ugandesi sostiene il disegno di legge contro l'omosessualità che renderebbe le attività omosessuali punibili con l'ergastolo, e, in alcuni casi, con la morte. Nel gennaio 2011 un collega del signor Mugisha, David Kato - ex ufficiale di advocacy e rappresentante legale di SMUG - è stato assassinato. Si ritiene che Kato sia stato preso di mira per il suo ruolo nel movimento LGBTI ugandese. Frank Mugisha ha iniziato attività di advocacy per i diritti LGBTI nel 2004, ancora studente universitario, organizzando inoltre campagne di sensibilizzazione su HIV/AIDS. Ha guidato il gruppo di sostegno "Icebreakers Uganda", che fornisce risorse e supporto a coloro che sono apertamente gay o stanno uscendo allo scoperto. Preso di mira dalla polizia, è stato fatto uscire dal paese per cercare la sicurezza in esilio, e una volta calmatesi le acque, è tornato in Uganda per riprendere il suo lavoro. A causa della sua azione di

20 advocacy per la comunità LGBTI, Frank Mugisha ha perso il lavoro e gli amici ed è stato allontanato dalla famiglia. SMUG è stata fondata nel 2004 come unione di organizzazioni per i diritti dei LGBTI al fine di unificare e rafforzare le minoranze sessuali in Uganda. L'obiettivo di SMUG è quello di affermare l'uguaglianza per tutti, accrescere la visibilità dei LGBTI attraverso i media e la letteratura, formare gli attivisti tramite corsi sulla leadership e sull'imprenditoria sociale. L'organizzazione combatte inoltre contro l'hiv/aids nelle comunità LGBTI e denuncia la violenze perpetrate sulla base dell'orientamento sessuale. Membri dello staff delle organizzazioni dei Laureates Maria Luisa Aguilar Rodriguez, Messico Maria Luisa Aguilar Rodriguez collabora, dal novembre 2010, all'interno dell' Unità Internazionale del Centro "Tlachinollan" per i Diritti Umani. Negli ultimi 19 anni Tlachinollan è stata operativa nello stato meridionale di Guerrero, in Messico, accompagnando i popoli indigeni Nauas, Na Savi, Me'phaa, Ñomndaa e i meticci nelle loro rivendicazioni di giustizia e rispetto dei diritti umani. Nel 2010, Abel Barrera, direttore del Tlachinollan è stato premiato con il Human Rights Award del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights. Gaoudi Med Fadel, Sahara Occidentale Gaoudi Med Fadel è nato il 15 aprile 1957 nel deserto del Sahara Occidentale. Quando aveva 7 anni la sua famiglia si è trasferita nel sud del Marocco, dove è stato inviato nella sola scuola media presente nella piccola città di Tantan. Dopo la scuola media e la scuola superiore nella città di Marrakech/Marocco, ha preso il diploma nel giugno 1977 per poi andare a studiare lingua e letteratura inglese all'università Med V di Rabat/Marocco. Era al suo primo anno di Università quando è stato rapito dalla polizia segreta marocchina il 19 novembre Ha trascorso sei mesi in una prigione segreta chiamata Derb Mouly Chrif a Casablanca/Marocco. Durante questo periodo la sua famiglia non ha avuto alcuna notizia. Faceva parte di un gruppo di 25 Sahrawi, in maggioranza studenti. Dopo i 6 mesi passati nel carcere segreto è stato mandato con i suoi compagni alla prigione ufficiale nella città di Meknes, dove ha trascorso tre anni prima di essere condannato a 5 anni da un tribunale marocchino nella città di Settat. È stato rilasciato il 18 novembre Da allora ha lottato per proteggere i diritti del suo popolo e per promuovere la cultura dei diritti umani nel suo Paese. Per raggiungere questo obiettivo continua a battersi con i compagni di prigionia all'interno di un'associazione, CODESA, di cui è Vice Segretario Generale. E' stato arrestato per la seconda volta nel giugno 2005 a Casablanca/Marocco e trasferito poi a Laayoune/Sahara Occidentale, dove è stato liberato dopo 5 giorni.

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos L Autore Lino Fornaro, Security Consultant Amministratore

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Claudio Cecchi Lezioni di Ecoomia del Turismo Roma, 26 novembre 2012 Dall agire al governo delle azioni nella sostenibilità I soggetti che agiscono Individui

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli