Project Sheets IBAC 2011 ITA-IBA P0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Sheets IBAC 2011 ITA-IBA001-110527-P0"

Transcript

1 Project Sheets IBAC 2011 ITA-IBA P0

2 ITA-IBA P1 Agenda Mobilità sostenibile ICT Turismo e marketing territoriale 1

3 ITA-IBA P2 Traffic Monitor and Prediction Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 1 Proponente: Stefano Bezzi Aggiornato al 23 Maggio 2011 Monitorare e predire i flussi di traffico, potenziali congestioni ed ingorghi sono importanti strumenti per supportare l Amministrazione a prendere le opportune azioni nella gestione della mobilità e nella pianificazione di breve periodo. Queste funzioni potrebbero essere disponibili anche per i cittadini permettendo di selezionare il miglior trasferimento multimodale (auto, parcheggio, autobus, car sharing) in relazione alle condizioni di congestione del traffico Per implementare strumenti di monitoraggio e predizione occorre una piattaforma con le seguenti funzioni: - Capacità di collezionare dati real time da tutte le infrastrutture ed analizzarli in tempo reale - Capacità di prevedere i flussi di traffico all interno della rete di mobilità di Roma sulla base dei dati istantanei e le serie storiche La conoscenza dei flussi di traffico e l evoluzione in un arco di 90 minuti guida i benefici ed in particolare consente di: - prendere le opportune azioni per rispondere in modo appropriato alle situazioni critiche - di selezionare da parte dei viaggiatori la migliori modalità di spostamento basata sulle reali condizioni del traffico ed ancora più importante sulla loro previsione - di ottimizzare l utilizzo delle infrastrutture riducendo i picchi ed in generale la congestione e l inquinamento Agenzia Mobilità Roma, ATAC, Taxi Coops, Ensurance Agencies, Costruttori Auto, Info Traffic providers (Autostrade) Definire le appropriate politiche per introdurre e sviluppare avvisi del traffico Definire un piano implementativo Definire una coerente struttura di trasporti Definire un business model Identificare l approccio per monitorare infrastrutture e flotte Lavorare con partener e stakeholders (i proprietari dei dati) Identificare un responsabile del servizio Analizzare i rischi finanziari connessi al lungo Pay Back Eseguire un approfondito studio per completare il business case con tutti gli stakeholders Identificare una road map (collect, analyze, forecast, inform) Implementare un pilota su un definito gruppo di quartieri Sviluppo completo 2

4 ITA-IBA P3 Smarter Mobility Maturity Model Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 2 Proponente: Stefano Bezzi Aggiornato al 23 Maggio 2011 Roma ha una situazione molto peculiare con numerosi vincoli territorio, storici ed economici. La mobilità è oggetto di numerosi progetti infrastrutturali e di politiche innovative ITT può migliorare notevolmente l efficacia dei progetti di mobilità. Il piano per gli investimenti tecnologici deve essere integrato con i progetti infrastrutturali e lo sviluppo delle politiche. In più deve essere coerente con le best practices adottate da altre città nel mondo. IBM ha una specifica metodologia per sviluppare un piano integrato per i trasporti urbani basato su benchmarks internazionali e gap analysis Assessorato, Agenzia Mobilità Roma, ATAC, Other agencies and Companies (Taxi Coops, Vehicle Sharing, Tourist operators, Major Events) Integrare Piano della Mobilità di Roma con l innovazione tecnologica per renderlo UN PIANO Definire le fasi Il principale fattore di beneficio è la definizione di piano coerente per l innovazione nella mobilità che permetta di ottenere I seguenti obiettivi: - Identificare chiaramente le politiche di mobilità - Controllare lo stato effettivo della mobilità in termini di sistemi, applicazioni funzioni e tools - Definire la gap analisi e disegnarla su una roadmap - Verificare la roadmap con le best practices - Evitare gli investimenti a pioggia Innovazione tecnologica deve essere inclusa come parte integrante delle modalità di trasporto Tutte le parti devono cooperare Una forte governance è un prerequisito Identificare l insieme di risorse che lavorerà al piano Allocare le risorse appropriate 3

5 ITA-IBA P4 Smarter Sharing Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 3 Proponente: Stefano Bezzi Aggiornato al 23 Maggio 2011 Il servizio di sharing di veicoli elettrici è un iniziativa chiave nel piano di sostenibilità di Roma Capitale La soluzione di Smarter Sharing Solution si basa sull idea di massimizzare il fattore di carico dell automobili il che implica avere le automobili sempre prenotate ed il più possibile in movimento Per ottenere questo obiettivo è necessario un sistema di parcheggi distribuito ed un avanzato sistema di prenotazione che abbai caratteristiche predittive basate sull analisi della domanda, la distribuzione ed il prezzo. Questo progetto è basato su un approccio per fasi e potrebbe partire dalla focalizzazione su specifici quartieri e gruppi di utenti( per esempio Eur, Tridente, ) I principali benefici sono in relazione con il fattore di carico delle automobili (load factor): - Riduzione di occupazione del suolo pubblico - Tempi di accesso al centro - Minore inquinamento - Più utenti di car sharing Il progetto richiede un investimento addizionale per il sistema di prenotazione che è compensato dalla riduzione dei veicoli che devono essere dedicati al car sharing Introducendo i veicoli elettrici in un quartiere (ad esempio l Eur)è possibile realizzare un importante Proof Of Concept degli effetti dell auto elettrica come elemento equilibratore delle Smart Grid ACEA, ENEL, Agenzia Mobilità Roma, ATAC, Eur Spa, Eurgena, IBM, OEM (costruttori di automobili) Definizione delle appropriate politiche per l introduzione e lo sviluppo del car sharing elettrico Modalità di individuazione e realizzazione di sistema diffuso di parcheggi attrezzati Selezione degli appropriati Quartieri Hub Trovare le appropriate motivazioni all utilizzo delle auto elettriche Possibilità di sovrapposzione con altre inziative di car sharing Necessità di gestire il cambiamento E richiesta una forte innovazione di processo Effettuare un approfondito studio di fattibilità per la costruzione di un analitico Business Case Identificare un percorso per fasi Implementare un pilota Estendere il pilota 4

6 ITA-IBA P5 E-mobility Italy Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 4 Proponente: Andrea Valcalda Aggiornato al 20 Maggio 2011 Test in tre città pilota (Pisa, Roma e Milano); 100 veicoli elettrici equipaggiati con batterie agli ioni di litio, 400 i punti di ricarica tra pubblici e privati 100 punti di ricarica pubblica e 35 Smart Elettric Drive a Roma Infrastrutture intelligenti sviluppate da Enel, basate sulla tecnologia del contatore elettronico; comunicazione tra veicolo e rete consentita Soluzioni tecniche capaci di supportare sia i veicoli elettrici esistenti, sia quelli di nuova generazione Rientra in progetti di ricerca finalizzati a valutare le performance in termini di abbattimento delle emissioni e di efficienza energetica. Il progetto e la città di Roma sono inclusi in "Green E-motion", finanziato congiuntamente dalla UE nell ambito del 70 Programma Quadro Uso di energia rinnovabile per la ricarica I costi per le infrastrutture installate per e-mobility Italy sono a carico di Enel I veicoli elettrici permettono di risparmiare il 40% di energia primaria rispetto ai veicoli ICE tradizionali (analisi WTW) Zero emissioni locali. Anche le emissioni di CO2 possono essere ridotte significativamente. Una macchina elettrica può emettere fino al 46% in meno di CO2 rispetto ad un veicolo con motore endotermico (analisi WTW) Con le energie rinnovabili, aumentano i benefici ambientali Il valore verde dell iniziativa può favorire la candidatura di Roma per ospitare le Olimpiadi 2020 Enel S.p.A. / Daimler Smart Roma Capitale - Dipartimento Mobilità e Trasporti Agenzia Roma servizi per la mobilità Roma Capitale Dipartimento Tutela Ambiente e del Verde (Green E- Motion) Lo svolgimento del progetto è in corso Promuovere la mobilità elettrica sia a livello locale che nazionale Favorire la consapevolezza dei cittadini circa la mobilità sostenibile Migliorare il progetto con estensioni ed incremento di iniziative nel campo della mobilità elettrica 5

7 ITA-IBA P6 Diamante a Roma Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 5 Il Diamante è un innovativa centrale fotovoltaica che sarà realizzata in Via Gramsci, nell area prospiciente la Facoltà di Architettura La sua caratteristica più innovativa è la possibilità di accumulare energia grazie alle batterie di ultimissima generazione, per fornire energia pulita anche durante la notte senza alcuna emissione di CO2 Il 14 Aprile 2011, è stato firmato il Protocollo d Intesa tra Enel S.p.A., Roma Capitale e l Università degli Studi di Roma La Sapienza Proponente: Andrea Valcalda Aggiornato al 20 Maggio 2011 Enel S.p.A. Enel Ingegneria e Innovazione S.p.A. Roma Capitale / Dipartimento Tutela Ambiente e del Verde. Università degli studi di Roma La Sapienza Facoltà di Architettura Valle Giulia In attesa della firma della Convenzione tecnica. Autorizzazioni tecniche ed amministrative richieste per la realizzazione Il progetto Diamante è stato finanziato interamente da Enel, e produrrà elettricità per l illuminazione pubblica, per le aree verdi e per la ricarica dei veicoli elettrici Il Diamante è una centrale cittadina, non connessa alla rete, capace di erogare energia che produce direttamente dal sole, 24 ore al giorno In Piazza Churchill verrà installata anche una colonnina per il car sharing elettrico; il Diamante potrà contribuire ad alimentare questa utenza Il suo design sintetizza l integrazione armonica tra l innovazione tecnologica e l ambiente cittadino o naturale Il Diamante alimenta la consapevolezza circa le energie rinnovabili tra i cittadini promuovendo attività di informazione permanente come ad esempio visite guidate e seminari Il progetto esecutivo è stato approvato La realizzazione inizierà successivamente al rilascio delle autorizzazioni necessarie 6

8 ITA-IBA P7 Migliorare i servizi di trasporto pubblico di Roma Capitale Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 6 L'obiettivo del progetto è migliorare i servizi di Trasporto Pubblico mediante l'applicazione di avanzate metodologie analitiche Tra le diverse applicazioni possiamo elencare le seguenti: - Analisi, vantaggi e risparmi per stabilire il numero corretto di corsie preferenziali da costruire - Ottimizzazione della frequenza dei servizi di autobus - Analisi di fumi e gas di scarico causati dai servizi di trasporto pubblici Il progetto si basa sulle esperienze fatte con alcuni comuni italiani Impatti/Benefici: - Miglioramento della velocità del trasporto pubblico - Riduzione delle emissioni CO2 e miglioramento della qualità dell aria - Riduzione dei costi (milioni di Euro sulla base di recenti business case) - Aumento della soddisfazione dei cittadini e dei turisti a proposito del trasporto pubblico - Riduzione dell uso di veicoli privati Investimenti: - L avvio del progetto dovrebbe coinvolgere un approccio Think big, start small con limitati investimenti iniziali Proponente: SAS Aggiornato al 9 Maggio 2011 SAS Venditori hardware System integrators Da definire con il dipartimento Trasporti Pubblici 7

9 ITA-IBA P8 Micormobilità urbana a Roma Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 7 Proponente: Renault Aggiornato al 21 Maggio 2011 Sviluppo della Micromobilità Urbana mediante una soluzione innovativa di trasporto alternativo, un trasporto pubblico individuale, flessibile e indipendente Un servizio di Micromobilità, sviluppato in coerenza con gli standard di car-sharing nazionali, e concepito su: - Stazioni di Micromobilità dislocati in punti centrali (ZTL) e in prossimità della principali stazioni ferroviarie e metro - Un concetto innovativo di veicolo urbano, che cambia la mobilità: Renault Twizy con 4 ruote e 2 posti in linea Renault Italia Renault casa madre Roma Capitale Modello Operativo Ruolo di Roma Mobilità Enel Acea ICS TRS - Modello d utilizzo flessibile: Possibilità di lasciare Twizy in una Stazione di Micromobilità diversa da quella di prelievo (un estensione del modello di car-sharing attuale) Mobilità per tutti in centro città flessibile e pratica, complementare al trasporto pubblico Mobilità ecologica (a zero emissioni) per ridurre l inquinamento prodotto da mezzi di trasporto Mobilità innovativa senza limiti per la ZTL, senza inquinamento, senza rumore, senza stress per parcheggio o traffico Budget e finanziamento del progetto Studio di fattibilità (aspetti operativi ed economici) Definizione del modello operativo 8

10 ITA-IBA P9 Progetto Fiumicino Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 8 Proponente: Ferrovie dello Stato Aggiornato al 9 Maggio 2011 Realizzazione di un nuovo collegamento diretto al nuovo terminal nord ( 4 5 km di collegamento sotterraneo) con innesto sulla linea Roma Pisa Realizzazione Sistema di mobilità interna (People Mover) tra il Terminal Nord e l esistente Terminal, a cura ADR Riqualificazione della stazione con aumento delle aree commerciali Realizzazione sistema informativo innovativo multidisciplinare con contenuti trasportistici (ferroviari, aerei, urbani) e di servizi utili ai viaggiatori turisti Informazione in tempo reale Espansione dell attuale aeroporto nell area a nord di esso (quarta pista) Incremento della capacità del sistema della mobilità in modo tale da soddisfare la domanda di trasporto futura Creazione di un sistema di trasporto passeggeri tipo intermodale Riduzione dei tempi di percorrenza e ottimizzazione delle distanze percorse dai viaggiatori all interno dell aeroporto Miglioramento del livello di servizio e dell immagine per i viaggiatori e turisti Maggiore attrattività del servizio ferroviario con incremento della clientela Regione Lazio Roma Capitale Aeroporti di Roma Ferrovie dello Stato Nuovo collegamento terminal nord e people mover: consolidamento della scelta progettuale Importo per riqualificazione, sistema informativo, interscambio (c.a. 6 mln ). Reperimento finanziamenti necessari alla realizzazione Capacità di coordinamento degli attori coinvolti Chiara definizione delle fasi operative 9

11 ITA-IBA P10 Progetto Tiburtina Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 9 Potenziamento ed accelerazionedel ruolo/funzione della stazione come centro di servizi (trasporto e altri) per le persone in stazione e per tutta la città Specializzazione delle linee per tipologia di traffico Implementazione delle strutture per l accessibilità, l interscambio modale, le aree commerciali, direzionali e ricettive Potenziamento del sistema informativo multidisciplinare Sviluppo sostenibilità energetica Effetti positivi sulla mobilità urbana, extraurbana nazionale ed internazionale, accompagnati da crescita del settore turistico Aumento dell offerta AV da/per Roma per il Nord e per il Sud Potenziamento del ruolo economico dell area romana Proponente: Ferrovie dello Stato Aggiornato al 19 Maggio 2011 Ferrovie dello Stato Roma Capitale ATAC e altre Società di Trasporto Partner Commerciali/Immobiliari Coordinamento tra le varie Società/Enti interessati Ridefinizione piano del trasporto urbano ed extraurbano Valorizzazione trasportistica della stazione Ritardi nel potenziamento della nuova viabilità Insufficiente disponibilità finanziaria per l investimento 10

12 ITA-IBA P11 Progetto Pigneto Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 10 Realizzazione di una fermata di interscambio tra le linee RFI e linee ATAC (Metro C, tram, etc) Tombamento del vallo del Pigneto Riqualificazione urbanistica dell area del quartiere Pigneto Proponente: Ferrovie dello Stato Aggiornato al 9 Maggio 2011 Roma Capitale ATAC Ferrovie dello Stato Stanziamento dei fondi previsti da parte di Roma Capitale (45 mln ) Possibilità di collegamento tra le direttrici ferroviarie dei Castelli, Cassino e Formia con il passante metropolitano, la nuova Metro C e la prevista Circolare Tranviaria Sud. Si prevede sarà il terzo nodo di scambio di Roma per la movimentazione passeggeri (previsione / pax/giorno) Riduzione degli spostamenti su mezzo privato Creazione di un sistema di trasporto passeggeri tipo intermodale Reperimento finanziamenti necessari alla realizzazione Attivazione di una prima fase dell intervento (fermata su linea locale ) entro il

13 ITA-IBA P12 Più treni, più intermodalità, più mobilità sostenibile per Roma Capitale Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 11 Proponente: Ferrovie dello Stato Aggiornato al 19 Maggio 2011 L integrazione modale nel sistema infrastrutturale di reti integrate e interconnesse, chiave per la sostenibilità nell area vasta di Roma Capitale Il potenziamento del nodo di Roma: - potenziamento infrastrutturale e tecnologico della rete (specializzazione delle linee per tipologia di traffico, stazioni porta per l interscambio, infomobilità) - potenziamento dell offerta e dei servizi (modello futuro di offerta ferroviaria regionale, accessibilità stazioni, parcheggi, sicurezza, nuovi sistemi di informazione per i frequentatori, progetti per la sicurezza) - nuova stazione di Roma Tiburtina, grande hub per l AV e l interscambio con altre modalità, centro servizi Effetti positivi sulla mobilità urbana, extraurbana, nazionale e internazionale, accompagnati da crescita del settore turistico Potenziamento centralità delle stazioni ferroviarie nel sistema multimodale dei trasporti Potenziamento del ruolo economico dell area romana Potenziamento e accelerazione ruolo/funzione della stazione Tiburtina come centro di servizi (trasporto e altri) per le persone in stazione e per tutta la città Gruppo Ferrovie dello Stato Ministero Infrastrutture e Trasporti Regione Lazio Provincia di Roma Roma Capitale ATAC e altre società di Trasporto Locale Approvazione contratto di programma e relativo finanziamento per gli interventi infrastrutturali Approvazione incremento servizi e aumento tariffario da parte della Regione Lazio, con la possibilità per Trenitalia di investire in nuovo materiale rotabile Consolidamento delle scelte progettuali Reperimento finanziamenti necessari alla realizzazione Coordinamento tra gli attori coinvolti Definizione delle fasi operative e rispetto dei tempi 12

14 ITA-IBA P13 Sviluppo di infrastrutture per la mobilità elettrica Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 12 Proponente: ACEA Aggiornato al 9 Maggio 2011 Realizzazione di una infrastruttura di ricarica: - Omogenea (per distribuzione e tipologia) - Interoperabile (multiclient e multivendor) - Coerente con la gestione della rete in ottica Smart Grid - Integrata, ove possibile, con sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili - Coerente con la diffusione dei veicoli elettrici - Sviluppo nel territorio di Roma Capitale di iniziative destinate all utilizzo diffuso dei veicoli elettrici (i.e. car sharing) Acea Enel Roma Capitale Federutility Eventuali ulteriori interlocutori pubblici e privati (i.e. Università, Centri di Ricerca, Car Manufacturer, Enti, aziende etc.) Dotare il proprio parco auto di veicoli elettrici Modelli di Business per le iniziative destinate all utilizzo diffuso dei veicoli elettrici Benefici ambientali: - Riduzione di emissioni di CO2 amplificate dall utilizzo, ove possibile, di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili - Assenza di emissioni locali di carattere acustico e inquinante Accesso non oneroso alla ZTL Potenziali impatti sulla qualità del servizio per prelievi non gestiti in ottica Smart Grid Sostenibilità economico/finanziaria delle iniziative destinate all utilizzo diffuso dei veicoli elettrici Coinvolgimento dei Tavoli tecnici per la convergenza delle soluzioni tecnologiche e modalità di utilizzo Localizzazione dei punti di ricarica pubblici e realizzazione dell infrastruttura Individuazione delle iniziative da sviluppare nel Territorio di Roma Capitale utili a facilitare un utilizzo diffuso dei veicoli elettrici 13

15 ITA-IBA P14 Potenziamento flotta elettrica Roma Capitale ed e-mobility rating Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 13 Proponente: Bain Aggiornato al 9 Maggio 2011 Estensione del livello di diffusione della mobilità elettrica nel territorio comunale, a partire dalla flotta veicoli di pertinenza di Roma Capitale (obiettivo 30% dei futuri rinnovi del parco) Introduzione di meccanismi di rating per il settore privato per incentivare l utilizzo di vetture elettriche Roma Capitale: Assessorato e Dipartimento Ambiente, Assessorato e Dipartimento Trasporti,... Partecipanti IBAC: Bain & Company, ACEA, Renault... Altri soggetti: altre aziende Roma Capitale, altre multinazionali interessate Riduzione emissioni CO2 nell area del centro storico Ottimizzazione rete di colonnine di alimentazione sul territorio cittadino (creazione di una rete strutturata in luogo delle attuali installazioni ad hoc ) Significativa riduzione costo dei consumi 14

16 ITA-IBA P15 Sviluppo filiera del biogas da rifiuti per il trasporto Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 14 Proponente: Bain Aggiornato al 9 Maggio 2011 Definizione di un progetto pilota per la realizzazione di biocarburanti da biogas, utilizzabili su autoveicoli dotati di impianti a metano Sperimentazione su una porzione della flotta di Roma Capitale già alimentata a metano Roma Capitale: Dipartimento Ambiente, Dipartimento Trasporti,... Partecipanti IBAC: Bain & Company,... Altri soggetti: AMA, ATAC, Centro Ricerca Biomasse Individuazione nuove fonti per favorire un maggiore sviluppo nell utilizzo di biocarburanti nella città di Roma Possibilità di integrare lo sviluppo della mobilità sostenibile con le tematiche di gestione dei rifiuti 15

17 ITA-IBA P16 Ottimizzazione Logistica di Distribuzione Merci in Centro Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 15 Proponente: Elsag Datamat Aggiornato al 12 Maggio 2011 Sistema Informativo e Logistico Urbano in grado di pianificare, schedulare e tracciare la consegna ed il ritiro delle merci al Centro della Città Interconnessione della Logistica del Roma Capitale con la rete degli Interporti nazionale UIRNET del Ministero dei Trasporti Dipartimento Mobilità e Trasporti Dipartimento Attività Economiche e Produttive Form. e Lavoro Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde - Protezione Civile Creazione di una piattaforma di City Logistics Otimizzazione dei percorsi e operazioni di carico e scarico in Centro Riduzione del Traffico Pesante extraurbano e commerciale a livello urbano Controllo e Tracciatura delle Merci Pericolose Organizzazione e pianificazione di operazioni logistiche diurne e notturne Interazione con differenti programmi Valutazione di interesse con gli stakeholders a livello infrastrutture e logistica (Autostrade, Ferrovie dello Stato..) 16

18 ITA-IBA P17 Car Pooling Sicuro per il GRA (Grande Raccordo Anulare) Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 16 Proponente: Elsag Datamat Aggiornato al 12 Maggio 2011 Sistema Informativo Globale per incentivare ed abilitare la condivisione di veicoli durante i percorsi casa-lavoro-ufficio, per equipaggi fissi o variabli istantaneamente on demand. Utilizzo integrato di diverse tecnologie (cellulari, GPS, sistemi di lettura targhe, tags RFID, chip card,..) per supportare i pendolari del traffico quotidiano (spesso unici in vettura) a risparmiare ed ottimizzare gli spostamenti condividendo l auto, con selezione ottimale e sicura degli equipaggi con orari-percorsi simili. Meccanismo di Fiducia e Sicurezza esplicita (membri di associazioni/aziende) ed implicita (consenso ad essere tracciati) Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute Dipartimento Mobilità e Trasporti, Dipartimento Risorse Umane Dipartimento Attività Economiche e Produttive Form. e Lavoro Dipartimento Politiche per la Riqualificazione delle Periferie Integrazione e Complementarietà del Car Pooling con altri meccanismi (sharing) Potenziale elevata riduzione traffico, senza investimenti strutturali Installazione / update di varchi Lettura Targhe nei nodi principali per analisi e costruzione base dati del Traffico Pendolare Matching Domanda-Offerta in tempo reale, in grado di accoppiare e suggerire le migliori combinazioni di equipaggi Infrastruttura mobile a chiave pubblica per alta sicurezza Voting/Rating System per garantire autonomamente la qualita e sicurezza sia del guidatore che dei trasportati Fidelity Chip Card per garanzia sicurezza e programma incentivi (commercio locale, benefit sociali, sconti sui costi di trasporto,..) Valutazione di problematiche della Privacy Valutazione di interesse con gli stakeholders a livello infrastrutture e logistica, trasporto pubblico locale ed autostradale (ATAC, Autostrade,..) 17

19 ITA-IBA P18 Carpooling integrato autostrade per l Italia: Roma Capitale Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 17 Proponente: Autostrade Aggiornato al 9 Maggio 2011 Obiettivo: favorire la diffusione del Carpooling nell area romana attraverso la promozione e l integrazione delle piattaforme Carpooling di ASPI e di Roma Capitale (quest ultima per i soli dipendenti delle aziende del Gruppo) Tre fasi di sviluppo: - Azioni co-marketing delle rispettive piattaforme ad oggi operative: autostradecarpooling.it e carpooling.roma.it - Integrazione dei data base al fine di dare la possibilità di accesso ai due portali con le stesse credenziali e aumentare le possibilità di ricerca e offerta passaggi - Integrazione tra il Carpooling e le altre forme di mobilità alternativa mediante agevolazioni sul bikesharing e carsharing a tutti gli utenti del Carpooling Autostrade Roma Capitale e viceversa Autostrade si proporrebbe come nuovo main partner tecnologico nello sviluppo e nella gestione del servizio Carpooling su Roma garantendo a Roma Capitale: - possibilità di saving sui costi della piattaforma carpooling - possibilità di avvalersi delle competenze e dell esperienza della prima grande azienda privata italiana promotrice di soluzioni di mobilità alernativa Benefici per i cittadini romani: - Minor traffico e inquinamento - Riduzione dei costi di trasporto e nuove possibilità di socializzare Il costo per lo sviluppo del progetto dipende dalla modalità tecnica di integrazione delle piattaforme web Roma Capitale Dipartimento Mobilità e Trasporti Agenzia Roma Servizi per la Mobilità Autostrade per l Italia Individuare Autostrade per l Italia come nuovo interlocutore per Roma Capitale e l Agenzia Roma Servizi per la Mobilità nello sviluppo di soluzioni di mobilità alternativa Il progetto di integrazione delle due piattaforme di carpooling determina l ampliamento della community dei carpoooler romani dando la possibilità di accesso anche a coloro che non sono dipendenti delle aziende Definizione delle azioni di co-marketing come da fase 1 Studio e definizione della modalità tecnica di integrazione delle piattaforme 18

20 ITA-IBA P19 Infomobilità integrata Tavolo di lavoro: Mobilità Sostenibile Numero Progetto: 18 Proponente: Autostrade Aggiornato al 9 Maggio 2011 Obiettivo: Il progetto si pone l obiettivo di migliorare i servizi di infomobilità al cittadino attraverso una integrazione delle strutture che gestiscono l informazione sul territorio. Il progetto si basa da una lato sulla necessità di dialogo tra le Centrali di gestione del traffico autostradale con le realtà locali e dall altro sulla condivisione dei servizi di diffusione dell informazione a livello nazionale Aree di sviluppo del progetto: - Definizioni delle rispettive centrali coinvolte (Luce Verde, ATAC, ASPI, Infoblu ) e delle piattaforme ad oggi operative. - Integrazione dei data base attraverso uno scambio dati operativo - Integrazione dei servizi di informazioni gestiti (Navigatori, Smartphone, Schermi di Viabilità a Fiumicino ) Roma Capitale Dipartimento Mobilità e Trasporti Agenzia Roma Servizi per la Mobilità Autostrade per l Italia Infoblu La condivisione e l integrazione dei servizi di diffusione necessità di un forte commitment da parte dell Amministrazione nel coinvolgere e coordinare diverse strutture attive sul territorio al fine di realizzare una vera ed efficace integrazione operativa Autostrade e Infoblu si propongono come nuovi partner di servizi informativi per un supporto alla gestione dell informazione locale ai fini di una diffusione nazionale Benefici per i cittadini romani: - Maggior informazioni all utente - Copertura informativa su media nazionali e internazionali - Nuovi servizi personalizzati ll costo per lo sviluppo del progetto si stima pari a xxx per la fase di analisi e condivisione di requisiti e pari a yyy per la fase di integrazione dei sistemi informativi Il progetto deve prevedere anche una componente di marketing e di comunicazione verso il cittadino per una maggiore e più capillare diffusione dei servizi di informazione Definizione del perimetro operativo partendo dalle rispettive best-practice Definizione di una roadmap per l integrazione informativa Strategie di Marketing e Comuncazione 19

21 ITA-IBA P20 Agenda Mobilità sostenibile ICT Turismo e marketing territoriale 20

22 ITA-IBA P21 City Operation Dashboard Tavolo di lavoro: ICT Numero Progetto: 1 Progetto Millenium agisce su differenti sistemi della città contemporaneamente:: Turismo, Mobilità, Energy, Sicurezza and Servizi Sociali Tutti questi sistemi sono fortemente interconnessi e richiedono un percorso di trasformazione che traguardi il medio/lungo periodo da un lato e comprenda delle quick wins nel breve. In questo contesto uno dei fattori Critici di Successo è la possibilità di misurare e gestire i processi giorno per giorno attraverso specifici KPIs a disposizione dei principali stakeholders interni ed esterni In questa area IBM ha sviluppato un City Operation Center che è già in uso in molte città nel mondo Gli investimenti riguardano il disegno e l implementazione di un sistema di Balances Scorecards e il set-up dell infrastruttura per la raccolta dei dati significativi I benefici sono strategici e operativi: - Ottimizzazione delle risorse - Tracking dei progressi - Allineamento strategico - Comunicazione ai cittadini Proponente: Augusto Coriglioni Aggiornato al 23 Maggio 2011 Roma Capitale, Millenium, IBAC Individuazione chiara degli stakeholders e degli sponsor Promuovere una cultura organizzativa per la gestione delle performance Raccolta informazioni per il sistema e I sensori Studio di fattibilità 21

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Osservatorio Internet of Things

Osservatorio Internet of Things Osservatorio Internet of Things Internet of Things, mercato e applicazioni: quali segnali dall Italia e dal mondo? Angela Tumino, angela.tumino@polimi.it Innovation Day, 25 Settembre 2014 L Internet of

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

UNA CITTA INTELLIGENTE per I SERVIZI AL CITTADINO

UNA CITTA INTELLIGENTE per I SERVIZI AL CITTADINO UNA CITTA INTELLIGENTE per I SERVIZI AL CITTADINO FGTecnopolo S.p.A ha costituito la società Itramas FGT una joint venture internazionale con la società malese ItraMA Technology (Kuala Lumpur, Malesia),

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli