WEBZINE. Knowledge Community House IL RECRUITING PROTAGONISTA DI UN NUOVO FORMAT TV. Anno 1 numero 9 maggio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WEBZINE. Knowledge Community House IL RECRUITING PROTAGONISTA DI UN NUOVO FORMAT TV. Anno 1 numero 9 maggio 2010"

Transcript

1 Anno 1 numero 9 maggio 2010 Knowledge Community House WEBZINE IL RECRUITING PROTAGONISTA DI UN NUOVO FORMAT TV Nell éra del 2.0 anche il mondo del lavoro, e della selezione in particolare, si rinnova, diventando partecipazione, condivisione, informazione. A partire dal mese di gennaio 2011, HRC darà inizio ad un format televisivo inedito ed esclusivo che permetterà a otto aziende della Community di portare la fase finale dell attività di recruiting su La 7, all interno di un programma che andrà in onda in prime time. Un iniziativa che per la prima volta consentirà al pubblico da casa di seguire da vicino le dinamiche che animano il mercato del lavoro, entrando in contatto con i protagonisti dei processi di selezione. Il tutto nell ambito di una trasmissione che, in ogni puntata, avrà come protagonisti un azienda, tre candidati e un contratto a tempo indeterminato da firmare. Ma non solo. L obiettivo fondamentale del programma è quello di presentare una panoramica del mercato del lavoro, offrendo consigli di orientamento a chi è alla ricerca di un occupazione, in modo chiaro e trasparente. Ma soprattutto utile ed efficace. Un progetto che però non avrebbe senso senza la partecipazione attiva di coloro che in concreto animano quotidianamente il Lavoro, senza la Community, senza di voi. Giordano Fatali Ingaggiare e competere: rewarding e strategia aziendale L engagement tra leve tangibili e intangibili per lo sviluppo dell organizzazione In che modo le aziende acquisiscono vantaggio competitivo nell attuale configurazione dei mercati e degli scambi economici? Sicuramente uno degli aspetti riconosciuti come determinanti è quello del coinvolgimento di tutte le persone che vi operano e, in particolare, quelle con le professionalità più specifiche ed essenziali rispetto ai singoli core business. (continua a pag. 2 ) 5 maggio Roma Takeda KG Compensation&Benefit Rilanciare l occupazione, accompagnare l integrazione Nuove letture per gli strumenti normativi di relazione industriale nelle esperienze di integrazione strategica All interno dell attuale scenario occupazionale, segnato continuamente da tensioni e interrogativi, la giornata di Knowledge Management dedicata al gruppo di Relazioni Industriali e Sindacali di Roma ha saputo analizzare con efficacia lo stato attuale degli strumenti a disposizione delle aziende per agevolare i delicati passaggi delle riorganizzazioni aziendali. L uso, corretto dal punto di vista normativo ed efficace in termini di organizzazione, di politiche di flessibilità e di change management è senza dubbio una delle questioni cruciali su cui si interroga il mondo HR. (continua a pag. 2 ) 19 maggio Roma Alitalia KG Relazioni Industriali Qualità del servizio e reporting analitico Strumenti e metodologie per migliorare i processi di amministrazione Il 25 maggio si sono riuniti a Milano, presso la sede Intesa Sanpaolo di Via Montebello, Direttori Risorse Umane, responsabili Amministrazione del Personale e responsabili Report HR per discutere approcci metodologici in tema di reporting analitico del mondo HR, indicatori e Kpi per misurare la qualità del Si scrive Sicurezza, si pronuncia Cultura Buone pratiche e nuovi progetti per il safety management Il fatidico primo agosto è ormai alle porte ed ogni a- zienda al fine di adempiere agli obblighi prescritti dal D.Lgs 81/08 (e sue successive modifiche contenute nel D.Lgs 106/09) dovrà adeguare il documento della valutazione dei rischi integrandolo servizio di amministrazione erogato ed il controllo degli andamenti del costo del lavoro e degli organici. con la valutazione del rischio da stress lavoro correlato (SLC). (continua a pag. 3 ) 11 maggio Università Campus Bio-Medico di Roma Per visionare i materiali prodotti negli incontri: (continua a pag. 4 ) 25 maggio Milano Intesa San Paolo KG Amministrazione KG Report HR KG Sicurezza

2 NEWS dai Knowledge Group Ingaggiare e competere: rewarding e strategia aziendale L engagement tra leve tangibili e intangibili per lo sviluppo dell organizzazione In tale ottica il rewarding diventa l elemento principe su cui le direzioni risorse umane hanno la possibilità di far leva per orientare le persone verso la strategia dell azienda, verso gli obiettivi organizzativi. I Comp & Ben manager presenti all incontro organizzato da HRCommunity in Takeda Italia Farmaceutici hanno discusso su tale tematica, focalizzando l attenzione su come strutturare efficacemente i piani di rewarding. Concordi nell evidenziare l imprescindibile legame con la strategia aziendale, i relatori che si sono alternati hanno fornito il quadro di un sistema di rewarding integrato, costituito da riconoscimenti economici, fringe benefit e, soprattutto, leve intangibili. Mentre la compensation rappresenta essenzialmente il lato economico, il concetto di rewarding assume una connotazione più legata all elemento della motivazione. Motivazione e competenze sono infatti gli aspetti su cui, chi gestisce le risorse umane, può concentrarsi per aiutare l organizzazione a perseguire i risultati aziendali prefissati, non potendo agire sulla parte economica e tecnica. La motivazione, è ormai dimostrato, non è sostenuta quindi solo dai soldi ma anche dai piani di sviluppo e carriera, dai fringe benefit e dai fattori intangibili quali il clima, il benessere che le persone possono respirare sul posto di lavoro. Lo sottolinea sia il relatore di ADR, Fabrizio Mariotti, che mette in evidenza l importanza che va data, da una parte, al riconoscimento del valore e del merito e, dall altra, agli interventi sulla cultura, attraverso percorsi di valutazione ben strutturati, così da evitare un effetto boomerang dei riconoscimenti economici dati. Anche la testimonianza di Vittorio Santucci, HR manager in Micron, multinazionale americana, evidenzia una fortissima attenzione all aspetto della valutazione. Le valutazioni effettuate a tutti i livelli di organigramma e da parte dei vari attori aziendali consentono l assegnazione di riconoscimenti durante il corso dell anno, non solo in termini di incentivazione. Il riconoscimento di benefit spot personalizzati in base alla persona viene ad esempio assegnato per particolari performance. Utilizzare in maniera corretta la strumentazione e i fringe benefit può consentire il raggiungimento di grandi risultati con risparmio per l azienda e vantaggio economico per il dipendente. Concorda su questo anche David Trotti, consulente del lavoro con esperienza di Direzione Risorse Umane, che fornisce una panoramica completa dei recenti aggiornamenti normativi in merito ai fringe benefits, la cui rilevanza viene messa in luce dall attenzione posta di recente dal legislatore sulla loro disciplina. 5 maggio Roma Takeda Rilanciare l occupazione, accompagnare l integrazione Nuove letture per gli strumenti normativi di relazione industriale nelle esperienze di integrazione strategica KG Compensation & Benefit KG Relazioni Industriali Ha aperto i lavori del gruppo l ospite dell evento, il Direttore Risorse Umane di Alitalia, azienda con notevole esperienza in ambito relazioni industriali. Francesco Rotondi, partner dello studio legale LabLaw, ha proseguito i lavori fornendo alla platea una panoramica sulle novità in materia di somministrazione di lavoro e staff leasing, in particolare curando l approfondimento e il commento sulle novità normative che si sono configurate attraverso la finanziaria Le analisi condotte sul contratto di somministrazione, sulla re-introduzione dello staff leasing, dell appalto, della riduzione delle ipotesi di divieto all utilizzo della somministrazione e della somministrazione a-casuale, nonché le agevolazioni previste per le attività di intermediazione, somministrazione a tempo determinato e contratto a tempo determinato hanno evidenziato come ci si trovi in questo periodo a dover gestire una sorta di frattura fra il diritto scritto e il diritto vivente, inteso come le forme contrattuali che prendono forma ed efficacia nell esecuzione della prestazione; la valutazione effettiva, secondo il relatore, può avvenire infatti solo se la fattispecie va al vaglio di un giudice per capire se i contratti introdotti sono stati utilizzati bene o meno. Questa condizione implica un ripensamento sulla reale flessibilità dello strumento esistente nonché la necessità di utilizzare gli (strumenti esistenti in maniera più articolata) acquisendo la capacità di mixare più istituti in base alle reali esigenze aziendali e nel rispetto delle regole. La densa giornata ha ospitato anche la condivisione di due casi aziendali da parte di Coca-Cola HBC sull acquisizione, riorganizzazione e integrazione della Socib Spa (Coca-Cola Sud Italia) e da parte di Ericsson sull armonizzazione del CCNL con le norme di primo livello e gli accordi aziendali. Il primo dei due è stato presentato dall HR Integration Manager Socib, Pietro Colangelo, che ha presentato l azienda ai colleghi e condiviso con il gruppo tutti i passaggi del processo di riorganizzazione che ha caratterizzato Coca-Cola HBC e Socib tra il 2009 e il 2010, soffermandosi in particolare sullo stadio di integrazione del sito di Marcianise (CE). L intero progetto ha visto la declinazione in 3 step principali: Due Diligence (Discover and Learn), Shadowing (Plan) e Integration (Execution), a partire dall integrazione verticale che è stato il primo passo di cambiamento effettuato sul piano manageriale. Punto focale dell intero percorso di integrazione è stato l aspetto contrattuale e di armonizzazione, oltre naturalmente ai processi di change management affrontati, in particolare rispetto alle problematiche culturali intervenute. Il secondo caso aziendale affrontato nell incontro ha visto il Direttore Relazioni Industriali di Ericsson, Carlo La Bella relatore di un approfondito speech che ha raccontato la dialettica impostata con la parte sindacale per il cambio di CCNL operato. Molto complessa naturalmente è risultata l armonizzazione degli accordi aziendali e la comunicazione con i dipendenti. In particolare è stato delineato il percorso affrontato in termini di motivazioni al cambio di contratto, di passaggi formali attivati, e di azioni sindacali. Gestiti ben due articoli 28, l azienda ha comunque trovato risoluzioni efficaci per armonizzare la decorrenza e l importo dei minimi, gli aumenti periodici di anzianità, le ferie ed i permessi retribuiti, nonché gli inquadramenti. 19 maggio Roma Alitalia 2

3 NEWS dai Knowledge Group Si scrive Sicurezza, si pronuncia Cultura Buone pratiche e nuovi progetti per il safety management In questo senso, la giornata dell 11 maggio scorso, data in cui si è svolto il Knowledge Group specificamente dedicato al tema della sicurezza, è stata l occasione concreta per discutere insieme a tutte le aziende presenti proprio su questo argomento. Come? Attraverso un workshop curato dall esperto di SLC Flavio Pacelli, ed impreziosito dalla testimonianza di Alessandro Liberto, Responsabile Formazione e Sviluppo, Gestione del Personale di Acraf, Angelini Farmaceutici. Un intervento, questo, grazie al quale è stato possibile evidenziare quanto la sicurezza sul lavoro non sia solamente un obbligo di legge. La domanda a cui si è cercato di rispondere è: quanto il benessere all interno delle organizzazioni è correlato alla sicurezza dei lavoratori? Promuovere una migliore qualità della vita lavorativa non solo protegge dal rischio di infortuni, ma crea parimenti soddisfazione nei lavoratori, generando vantaggi per l azienda sia a livello produttivo sia in termini di sviluppo organizzativo. Il workshop ha quindi presentato un protocollo di valutazione dei rischi da stress lavorocorrelato orientato alla promozione del benessere organizzativo, validato su circa 20 aziende ed applicato con successo presso la sede del Centro Ricerche Acraf di Santa Palomba. In accordo con le indicazioni dell Ispesl (2008), il protocollo si avvale di metodologie quantitative e qualitative, valuta i fattori di rischio e di protezione connessi all organizzazione e al contenuto del lavoro ed indica le opportune azioni correttive e/o migliorative da realizzare. KG Sicurezza A seguire, Sbagliando S Impara (SSI), il leitmotiv del caso aziendale presentato da Acea Electrabel, curato da Paolo Paris RSPP dell azienda con l ausilio di Mauro Pellicci, ricercatore Ispesl che suona come un vecchio monito ma che in realtà è rappresentativo di un metodo innovativo di analisi delle cause di incidenti e infortuni - appunto il modello SSI, idoneo ai requisiti della norma OHSAS 18001:2007 Sbagliando S Impara rientra tra i modelli sistemici multifattoriali e multiassiali ad albero delle cause per l analisi e la descrizione degli eventi infortunistici, in cui il processo di ricostruzione della dinamica infortunistica segue un percorso tipicamente a ritroso, partendo quindi dal danno con i suoi aspetti qualitativi (sede e natura della lesione) e quantitativi (gravità), e procedendo nella ricerca di che cosa lo ha causato (lo scambio di energia ), per poi esaminare da dove arriva l energia che entra in gioco nell interpretazione dell infortunio, e quali sono i fattori che hanno determinato l evento (determinanti) o che hanno influito sulla gravità delle sue conseguenze (modulatori). A chiudere l intensa giornata, la presentazione di un progetto focalizzato sul DVR Documento di Valutazione dei Rischi - che potenzialmente coinvolge tutta la Knowledge Community sicurezza e non solo. L HRC Safety Lab, un progetto nato da idee e spunti emersi all interno di un incontro sulla sicurezza dello scorso anno e declinatosi anzitutto nello stilare linee guida e procedure atte a valutare i criteri per la redazione del DVR in base alla legislazione vigente, per poi scambiare, modificare ed integrare un documento base predisposto dal gruppo di lavoro composto dalle a- ziende del Knowledge Group Sicurezza. Il tutto in vista della creazione di sinergie attraverso un coinvolgimento diretto degli organi di vigilanza mirato a far parlare tutti la stessa lingua, quella cioè della Cultura della Sicurezza. Traguardo ambizioso, come qualcuno ha detto? Forse, ma sinora il verdetto dei fatti è stato tutt altro che negativo, segnando il corso di una nuova, entusiasmante sfida. 11 maggio Roma - Università Campus Bio-Medico 3

4 NEWS dai Knowledge Group Qualità del servizio e reporting analitico Strumenti e metodologie per migliorare i processi di amministrazione KG Amministrazione KG Report HR Ad aprire i lavori il gruppo Saras con l intervento di Giovanni Rombi, Responsabile Settore Retribuzioni e Costi del Personale. Nelle sue parole, il resoconto di come il valore aggiunto di un azienda dipenda oggi sempre più dalla qualità e dalle competenze del personale e come, dunque, le risorse umane rappresentino un investimento davvero considerevole. E pertanto indispensabile conoscerne le qualità, i risultati, i comportamenti e i costi affinché gli investimenti siano remunerati nel tempo e garantiscano un giusto ritorno. Compito della figura dell HR Business Partner è allora allineare il patrimonio di esperienze e competenze delle persone alle strategie di business e agli obiettivi aziendali. Tali premesse implicano una gestione più efficace delle informazioni. Gli elementi da tenere sotto controllo e le loro interazioni sono tali da richiedere il supporto di un sistema caratterizzato da una robusta infrastruttura informatica, con strumenti analitici specifici pensati per garantire centralità, oggettività ed univocità dell informazione, oltre a flessibilità e facilità di accesso. Saras ha condiviso con il gruppo di lavoro il percorso operativo che li ha portati a dotarsi di una soluzione di Business Intelligence realizzata in collaborazione con SIDI su piattaforma SAP (HR Analytics). L obiettivo: dotare gli utenti del personale di uno strumento facile da utilizzare, che non richiedesse conoscenze informatiche e rappresentasse un mezzo di diffusione dell informazione per il personale abilitato all interno dell azienda. Il focus: parallelamente strategico e analitico. Strategico per l esigenza di ottenere facilità d accesso ed informazioni sintetiche rappresentabili anche graficamente. Analitico per offrire contenuti e dettagli esaustivi anche attraverso report ex-novo. Tra i benefici ottenuti la riduzione dei tempi di realizzazione dei report, l aumento di autonomia degli HR Manager e dell efficienza nell accesso alle informazioni, la qualità delle informazioni gestite. A seguire, la preziosa testimonianza di Intesa Sanpaolo, che è stata articolata in due distinti momenti. Un primo intervento di tipo metodologico, presentato da Danilo Rimoldi, Responsabile Amministrazione del Personale, che ha analizzato indicatori e Kpi per misurare la qualità del servizio della struttura da lui coordinata. Il contesto operativo che caratterizza il servizio dell Amministrazione del Personale è fatto di novità normative ricorrenti, urgenze ed obiettivi stringenti in termini di produttività, costi, qualità, innovazione e soddisfazione dei dipendenti. Per tale ragione sono state avviate alcune azioni per affrontare il contesto nella direzione di una centralizzazione e standardizzazione delle attività, in linea con una strutturazione del servizio che porti nel tempo valore e benefici. Un Modello di Servizio strutturato è uno strumento coerente e indipendente per sostenere il centro servizi e il cliente attraverso una metodologia che definisca e controlli il servizio erogato. La governance del servizio favorisce, inoltre, la semplificazione dei processi e la coerenza con i processi aziendali di risk management. Strutturare un Modello di Servizio per l AdP (Amministrazione del Personale) significa creare una struttura di service management attraverso la formalizzazione di un modello che intenda descrivere la struttura organizzativa dell AdP con l obiettivo di consolidare e, ove necessario, aggiornare i canali di comunicazione formali ed operativi tra AdP ed i propri clienti, per assicurare un efficace ed efficiente gestione degli accordi contrattuali e di servizio. Il Centro Servizi dovrà includere la figura di un coordinatore della struttura che abbia la sensibilità di comprendere gli input del cliente e di distinguere anche le richieste ad hoc, diverse rispetto al modello formalizzato. L erogazione dei servizi deve includere un azione di monitoraggio con l obiettivo di perseguire un miglioramento continuo. Un sistema per la gestione dei processi è l elemento chiave per favorire nell unità di servizio la crescita di una cultura basata sul miglioramento continuo con impatti positivi sulla qualità del servizio, i costi di produzione e la rapidità di esecuzione. Naturalmente il primo passo è costituito dalla definizione delle aspettative dei clienti, interni ed esterni, affinché tutti gli obiettivi possano essere esplicitati e condivisi. A seguire una fase di misurazione di input ed output-chiave, per passare successivamente all analisi delle potenziali aree di rischio. Nel tempo il miglioramento del servizio porterà a stabilizzare le performance per una gestione ed un controllo della stessa maggiormente efficaci. A fronte della declinazione dei servizi oggetto della fornitura da parte di AdP è utile un modello di Reporting delle attività svolte e delle performance effettivamente ottenute in grado di dare evidenza della qualità del servizio erogato ed identificare possibili aree di miglioramento del servizio oltre che fornire informazioni di sintesi per una rappresentazione del servizio al Management. Cinzia Paleari, Responsabile Organici e Costo del Lavoro è stata relatrice della seconda parte dell intervento Intesa Sanpaolo, volto ad illustrare la mission e le attività di una struttura creata ad hoc per monitorare gli andamenti del costo del lavoro e degli organici. Partendo dalla necessità del contenimento delle variabili di costo per raggiungere i risultati di conto economico, si è costruita pian piano maggior sensibilità e coscienza verso le richieste del management. Oggi la struttura è in grado di riconoscere quali informazioni possono essere salienti in un dato momento storico dell azienda e persegue l obiettivo di dare maggiori elementi a chi deve definire e pianificare gli organici, sotto l aspetto qualitativo, quantitativo e di costo, collaborando con la funzione di Organizzazione, per quanto attiene l evoluzione di tutti gli eventi che generano recuperi e fabbisogni di personale. Al tempo stesso assicura modelli, strumenti e sistemi di reporting e di controllo gestionale del costo del lavoro di Gruppo. Alta direzione, Contabilità e Bilancio, Controllo di Gestione, Enti Esterni (Abi, Istat, ecc.) e Risorse Umane di Business Unit sono i principali clienti con cui si interfaccia la struttura, che conta le persone e soprattutto riesce a dire quanto le persone costano attraverso l analisi delle variabili economiche nei loro dettagli. 25 maggio Milano Intesa San Paolo 4

5 La voce della Community Océ, quando il business sposa il rispetto per l ambiente Tra le iniziative del Gruppo una settimana dedicata alla sostenibilità di Eliana Marchiò - Direttore Risorse Umane & Organizzazione Un business in grado di coniugare gli obiettivi di profitto con il pieno rispetto del pianeta. È questo il modello seguito da Ocè, leader nel mercato della stampa e della gestione documentale, con sede principale in Olanda. Presente in 90 Paesi, con una struttura di vendita diretta in più di 30 Paesi, è l unica multinazionale europea del settore che può vantare oltre 130 anni di storia. Océ crede che la sostenibilità rappresenti oggi un motore di innovazione fondamentale per le imprese e, sostenendo i propri clienti in un percorso di ottimizzazione dei costi e di crescita, aiuta le aziende ad innovarsi all insegna della sostenibilità, con riflessi positivi sul contenimento delle spese e sull ambiente. La strategia di Océ per l ambiente si focalizza su cinque aree fondamentali, stabilendo per ognuna di esse o- biettivi chiari e misurabili al fine di ridurre sistematicamente l'impatto ambientale. Tali obiettivi riguardano l uso dalla carta, con la riduzione delle stampe non necessarie; l energia, con la diminuzione dei consumi; il riciclo, con l aumento dell utilizzo di materiali riciclabili, lo sviluppo responsabile dei prodotti e la capacità di diventare un fornitore eccellente. Lo scorso 15 aprile Océ ha pubblicato, per il sesto anno consecutivo, il Sustainability Report 2009, un documento che fornisce un aggiornamento su tutte le novità, i programmi e le attività promosse a livello locale e globale volte a migliorare la conoscenza sui temi della sostenibilità e favorire l adozione di comportamenti ecocompatibili da parte di dipendenti e clienti. Per festeggiare questo importante momento aziendale Océ ha promosso per il La Direzione Risorse Umane e la Comunicazione hanno ricoperto un ruolo molto attivo nella diffusione delle iniziative finalizzate ad incoraggiare l adozione di comportamenti virtuosi secondo anno la Sustainability Week, che si è svolta in Italia e nel mondo dal 15 al 22 aprile. Questo importante appuntamento ha l obiettivo di sensibilizzare il management ed i colleghi di tutte le aziende Océ nel mondo sui temi della sostenibilità, affinché ci sia maggiore impegno nell implementazione di una strategia sostenibile; inoltre, stimola tutte le persone Océ a contribuire alla sostenibilità sia nel business che nel privato e aumenta l orgoglio di far parte di un azienda che crede seriamente nella sostenibilità e si comporta di conseguenza. La Direzione Risorse Umane e la Comunicazione hanno ricoperto un ruolo molto attivo nella diffusione delle iniziative finalizzate ad incoraggiare l adozione di comportamenti virtuosi che combinino lo sviluppo del business con il rispetto dell ambiente per la sensibilizzazione di tutti i dipendenti. Tra queste: la pubblicazione dell House Organ verde dedicato in esclusiva ai temi del Green; la promozione delle tematiche ambientali sulla Intranet italiana ed internazionale; diffusione delle tante informazioni sui prodotti, le iniziative e i risultati conseguiti; realizzazione di una presentazione istituzionale ed altro materiale informativo; piano di formazione per tutti i dipendenti che entrano in contatto con i clienti, per aiutarli a trattare questo tema con i clienti; diffusione di alcuni comunicati stampa con le informazioni legate ai risultati conseguiti da Océ, tra cui il Green IT Award; realizzazione di Green Promo Card da distribuire ai clienti e di poster da affiggere negli uffici e nella Show Room con semplici consigli per ridurre l impatto ambientale nella stampa e nel business; campagna a tutti i clienti per portarli a conoscenza della strategia Océ per la sostenibilità; menù verde nella mensa di Cernusco il 22 aprile 2010 con una pietanza a Km 0; concorso fotografico sui temi del Green per i colleghi Océ in Italia e nel mondo. Altre iniziative analoghe si sono svolte in tutto il mondo creando un momento comune per tutti i dipendenti Océ. Il concorso fotografico ha consentito a tutti di mostrare la propria sensibilità verso il Green unendo colleghi asiatici, con europei e americani in S. Bonfanti - Save the world un momento di riflessione unico che continua a far sentire la sua eco sul nostro blog interaziendale Yammer. Riteniamo fondamentale che le persone Océ siano in grado di comunicare ai clienti che adottare un approccio green-oriented non è soltanto un esigenza di mercato ma un opportunità per ridisegnare i propri processi in un ottica di efficienza e risparmio, migliorando la propria competitività, dando così maggior valore alla proposizione personale. 5

6 La voce della Community Il mercato del lavoro tra crisi e ripresa economica Un indagine Randstad analizza il nuovo scenario occupazionale italiano di Alessandra Rizzi HR Director Randstad Group Italia E stato presentato il 10 maggio a Milano Il Secondo Rapporto sul Mercato del Lavoro in Italia, realizzato da Randstad Italia, in collaborazione con Adapt e il Centro Studi Internazionali e Comparati Marco Biagi dell'università di Modena e Reggio Emilia. L indagine, condotta tra gennaio e febbraio 2010 su 637 aziende, non poteva prescindere dall esame delle conseguenze della crisi economica, approfondendo quali strumenti siano stati utilizzati dalle imprese per la gestione e salvaguardia del capitale umano. Per comprendere appieno l evoluzione del mercato del lavoro, Il Secondo Rapporto sul Mercato del Lavoro in Italia ha analizzato se le imprese, nonostante il difficile momento storico, abbiano effettuato nuove assunzioni prevedendo anche un aumento del proprio organico nell immediato futuro. Tutto questo per cercare di comprendere la fiducia delle stesse aziende nella possibilità di una ripresa economica. A completamento del modificato quadro dell organizzazione aziendale e del personale, l indagine si è infine interessata alle politiche di selezione e reclutamento delle imprese coinvolte nel campione, nell intento di portare alla luce i nuovi fabbisogni professionali e i necessari supporti per affrontare il periodo post crisi. La modalità contrattuale largamente predominante nelle imprese intervistate risulta essere quella a tempo indeterminato e full time A nostro parere, poiché la crisi economica ha modificato gli assetti e l organizzazione aziendale, nonché il mercato del lavoro, l atteggiamento delle imprese, nell ambito della gestione del proprio organico, in questo momento è ancora nettamente dominato dall incertezza. Tuttavia, dalle risposte delle aziende intervistate, si intravede qualche timido segnale di ripresa. E importante, quindi, che le aziende compiano delle scelte strategiche, tra cui una forte flessibilità a livello organizzativo e l investimento in programmi di formazione per il proprio Capitale Umano, avvalendosi della consulenza specializzata e della professionalità che le Agenzie per il Lavoro sono in grado di offrire loro. Dai risultati dell indagine Randstad emerge che la modalità contrattuale largamente predominante nelle imprese intervistate risulta essere quella a tempo indeterminato e full time, che coinvolge più dell 80% del personale. Solo il 7% è assunto con contratto di lavoro a termine, mentre si registra un 2% di personale somministrato e meno del 2% di contratti di collaborazione (occasionale, a progetto o coordinata e continuativa). Per quanto riguarda il reperimento del personale, oltre il 41% delle aziende intervistate ha dichiarato di avere effettuato assunzioni nel corso del 2009, anche se nella maggior parte dei casi (34% del totale) le assunzioni sono collegate alla necessità di sostituire altro personale. A questo proposito, il principale canale di reclutamento è rappresentato, per il 60% delle aziende, dalle Agenzie per il Lavoro. Indagando i profili professionali sui quali si concentra il fabbisogno dell impresa, le opzioni maggiormente scelte riguardano l ambito commerciale (37% delle imprese) e quello tecnico (35%). Meno rilevante è la richiesta per le altre divisioni dell impresa. Si segnala inoltre, anche in questo caso, una qualche incertezza delle imprese nell esprimere una posizione: il 17% infatti non sa indicare l ambito in cui necessiterà di personale. Infine, una riflessione sull atteggiamento delle persone in cerca di lavoro: il 73% delle imprese afferma che i candidati dovrebbero maggiormente investire (molto o abbastanza) in se stessi, suggerendo in particolare di formarsi per rispondere ai fabbisogni professionali delle imprese (scelta dal 73% delle imprese), accedere ad un istruzione o formazione integrativa (70%), essere disponibili ad una maggiore flessibilità (68%). Sei un HR Manager? Vuoi collaborare anche tu alla webzine HRC con un articolo? Contatta i coordinatori delle aree dei Knowledge Group: Tel

7 I PROSSIMI EVENTI INCONTRO TERRITORIALE RELAZIONI INDUSTRIALI Marcianise (CE), 22 Giugno KG Recruiting & Selezione Milano, 1 Luglio INCONTRI DI KNOWLEDGE MANAGEMENT HRC in Coca-Cola HBC Italia con il patrocinio di Confindustria Caserta Il prossimo incontro di HRCommunity dedicato ai processi di integrazione, si terrà presso lo stabilimento di Caserta di Coca-Cola HBC Italia con il patrocinio di Confindustria. Le case history dell azienda ospitante ed Equitalia Polis analizzeranno puntualmente gli aspetti più cruciali che la funzione HR si trova a gestire nei momenti di cambiamento e riorganizzazione aziendale: normativa, relazioni industriali e aspetti culturali di change management, legate al contesto costituito dal territorio di riferimento. Recruiting e Selezione nell Era del 2.0 Appuntamento milanese per il Knowledge Group Recruiting e Selezione che il prossimo 1 luglio radunerà presso la sede Fnac un nutrito uditorio di protagonisti della Community per discutere nuovi, interessanti casi aziendali. Dopo l introduzione a cura di HRC e Daria Grazzi, HR Director Fnac Italia, si partirà per l appunto con il caso JT International, intitolato "Dall employer branding al people development: attrarre e sviluppare i migliori talenti in JT, portato avanti grazie all intervento di Silvia Bettoschi, Recruitment, Training & Development Manager JTI, e Marianna Fabiani, Recruitment Associate JTI. Un caso, questo, dedicato alle strategie messe a punto dall azienda per potenziare l Employer Branding, ed alle evoluzioni da esse registrate tra il 2008 ed oggi. L intento è di creare maggior valore intorno al brand aziendale (a prescindere dai prodotti che ne costituiscono il business) in un ottica di recruiting e contemporaneamente retention delle risorse migliori. A seguire, il caso EMC Computer Systems Italia dal titolo Il valore aggiunto delle persone: l'employee Referral Programme in EMC, con un intervento a cura dell HR Director Nicola Pozzati e Nancy Falanga, Recruiting Consultant & University Relations EMC, che esporranno le tappe fondamentali del processo ideato dall azienda al fine di pervenire ad un reclutamento ottimale, accuratamente definito e sviluppato nell intento di attrarre ed inserire risorse capaci e qualificate. Dopo il coffee break, il caso Fnac Italia Il parallelo tra LinkedIn e i più diffusi strumenti online di ricerca di personale: confronto ed opportunità per i processi di recruiting, curato da Francesca Latini, Responsabile Selezione Formazione & Sviluppo Fnac Italia, e Daniela Russo, HR Coordinator Fnac Italia, che approfondiranno il complesso delle implicazioni sottese all utilizzo dei nuovi tools informatici in termini di recruiting. QUESTION TIME Le domande del mese Mi servirebbe sapere se è possibile avere degli esempi di tavole di rimpiazzo. Stiamo lavorando su un progetto di sviluppo e formazione e avrei bisogno di vedere come può essere impostato un file per raccogliere le indicazioni di posizioni di backup. Come HR Department, vogliamo mettere in campo delle attività finalizzate al coinvolgimento della forza vendita presente in Europa. Mi chiedevo quindi se all'interno di HRCommunity ci sono delle aziende che hanno fatto qualcosa in tal senso, come ad esempio delle giornate di formazione su temi specifici, oppure dei workshop a tema con dei consulenti. L'obiettivo è quello della focalizzazione al Business/Orientamento al risultato. Stiamo lanciando un progetto europeo legato all'implementazione di una Policy di Mobile Working, mi domandavo se altre aziende fossero già attive da questo punto di vista e se avessero voglia di condividere le attuali prassi in essere. Nella Community sono state formulate queste richieste. Rispondi e partecipa anche tu! INTERAZIONE DI QUALITÁ HRCommunity inaugura i Telepresence Meetings HRC inaugura un nuovo format nell ambito delle attività manageriali sviluppando una serie di incontri che coinvolgono Direttori Risorse Umane ed HR Manager in staff meeting aziendali, round table di alto profilo con speaker, esperti nazionali e internazionali e/o Direttori del Personale di altri Paesi, con l obiettivo di stimolare la condivisione di best practice e far vivere un esperienza professionale coinvolgente, attraverso la sperimentazione della Telepresence Cisco. Una nuova opportunità per il network HRC che riduce le distanze e promuove un stile professionale innovativo di condivisione di esperienze e di creazione di business opportunities. L incontro inaugurale si terrà nelle sedi Cisco Systems di Roma e Milano, il 14 luglio L incontro e- sclusivo verterà sulle leve e le politiche di retention attuate dalle aziende coinvolte nell incontro. Vuoi approfondire queste tematiche e conoscere i contenuti sviluppati negli incontri? Aderisci alle attività promosse dalla Knowledge Community House: Gruppi interaziendali, HRC Web Tv, Call Conference, Question & Answer con il Network HRC Contatta i coordinatori delle aree dei Knowledge Group Tel

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli