Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.ildirittoamministrativo.it"

Transcript

1 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 dicembre 2014 A cura di LUCIA SIPALA Applicazione extra-territoriale della Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo J. c. Paesi Bassi, Corte Europea dei Diritti dell Uomo, 20 Novembre 2014 Questa sentenza della Grande Camera va ad aggiungersi alla già copiosa giurisprudenza della Corte in materia di applicazione extraterritoriale della Convenzione nell ipotesi in cui vengano condotte operazioni militari sul territorio di uno stato terzo da parte di uno stato aderente alla Convenzione. La Grande Camera si trova qui a decidere su due elementi di particolare interesse: l ammissibilità della contestazione dell applicapilità extraterritoriale della Convenzione e la determinazione di un margine di flessibilità, riconosciuto allo stato parte della Convenzione, nell adempimento degli obblighi posti a tutela dei diritti umani qualora si trovino ad operare in condizioni difficili e straordinarie, che possono scaturire da un conflitto armato o da un occupazione. I fatti hanno luogo in un villaggio Iracheno il 21 aprile 2004, quando veniva aperto il fuoco contro un auto che aveva non ottemperato all alt dato da uno dei soldati del Corpo di Difesa Civile Iracheno, da parte di un commando Olandese che si trovava sul posto per indagare su una precedente sparatoria allo stesso posto di blocco. Il conducente dell auto veniva ucciso dai diversi colpi sparati da un luogotenente olandese, nei confronti del quale veniva conseguentemente aperta un inchiesta al fine di accertarne la responsabilità penale. A conclusione dell inchiesta, il pubblico ministero chiedeva l archiviazione in quanto l indagine aveva dimostrato che il fuoco era stato esploso sia dalle forze armate irachene che da quelle olandesi, e che il militare olandese sospettato dell uccisione aveva agito in legittima difesa. Il ricorrente, padre della vittima, presentava ricorso dinanzi la Corte Europea dei Diritti dell Uomo. La Grande Camera, prima di entrare nel merito del ricorso, ha dovuto affrontare la questione di giurisdizione, sollevata dai Paesi Bassi. Secondo questi ultimi, infatti, la 1

2 propria responsabilità doveva essere esclusa in considerazione del fatto che le potenze occupanti fossero soltanto Stati Uniti e Regno Unito, ed essendo le truppe olandesi solo forze di ausilio per il mantenimento della pace, non avevano quindi il controllo del territorio fuori giurisdizione europea. Tale tesi è stata respinta dalla Corte, la quale invece ha confermato il proprio orietamento giurisprudenziale secondo il quale il fatto di eseguire un ordine proveniente da un paese straniero non è sufficiente a escludere che lo stato debba rispondere dell adempimento degli obbighi convenzionali (par.146). Una volta affermata l applicazione della Convenzione, la Corte ha poi accertato la violazione del diritto alla vita sancito dall articolo 2: essa ha riconosciuto infatti l esistenza di omissioni durante le indagini, soprattutto per il fatto che le autorità competenti si erano limitate a verificare che il presunto autore dell illecito avesse agito in legittima difesa, senza aver però valutato se l uso della forza fosse stato sproporzionato. La corte ha così condannato i Paesi Bassi al risarcimento del danno morale subiti dal ricorrente, padre della vittima. Trattamenti inumani e degradanti V. c. Belgio, Corte Europea dei Diritti dell Uomo, 25 Novembre 2014 Questa sentenza della Corte in materia di condizioni di trattamento nelle carceri presenta numerose analogie con la sentenza Torreggiani, inflitta all Italia nel 2013, ed infatti richiamata in tutti i passaggi chiave. In quell occasione, la Corte aveva rilevato che le condizioni che affliggevano le carceri italiane, ed in particolare la condizione di sovrappopolazione, costituivano una violazione strutturale e sistemica dell articolo 3 della Convenzione. Nel caso in esame, ricorrente è un cittadino romeno ristretto nelle carceri belghe. Prima ad Anversa e poi a Markerplas, il ricorrente era stato costretto a dormire su un materasso posto a contatto diretto col suolo e a condividere con altri due detenuti una cella priva di acqua corrente e servizi igienici di 8 m². La Corte ha accolto la parte del ricorso relativa alla violazione dell articolo 3 sotto il profilo delle condizioni materiali di detenzione. Il ricorrente, infatti, non solo era stato ristretto per diverse settimane in uno spazio individuale inferiore ai parametri raccomandati dal CPT per le celle collettive (fissati in 4 m²), ma era stato pure costretto a dormire per diverse settimane 2

3 su un materasso posto a diretto contatto col pavimento, aggravando così l insufficienza dello spazio personale a disposizione dello stesso. La Corte ha rilevato inoltre che le condizioni descritte risultavano ulteriormente peggiorate dal fatto che il ricorrente non avesse potuto disporre dell accesso ai servizi igienici conformemente alle raccomandazioni del CPT e che, inoltre, fosse stato sempre esposto al fumo passivo degli altri compagni di cella. Il profilo di maggior interesse di questa pronuncia riguarda le misure generali raccomandate alle stato convenuto per ovviare alla violazione strutturale dell articolo 3. La Corte, infatti, riafferma la propria costante giurisprudenza secondo cui dall articolo 46 della CEDU, interpretato alla luce dell articolo 1 CEDU, discende l obbligo a carico dello stato soccombente di mettere in opera le misure individuali, relative alla posizione del singolo ricorrente, e generali, relative alla generalità di coloro che si trovino in situazioni analoghe, necessarie a porre rimedio alla violazione. Come avvenuto per la sentenza Torreggiani, lo snodo essenziale dell argomentazione della Corte è costituito dall esame dei rimedi giurisdizionali interni: il tema del rapporto tra provvedimenti che incidono sul piano individuale e le condizioni materiali di detenzione offerte dal sistema carcerario nel suo complesso emerge nel caso di specie anche in punto di ricevibilità del ricorso. Nel caso di specie, infatti, lo stato soccombente aveva eccepito l irricevibilità del ricorso ai sensi dell articolo 35, par.1 della CEDU, adducendo il mancato esaurimento delle vie di ricorso interne. La Corte, respingendo l eccezione del Governo belga, ricorda che nella valutazione dell effettività dei rimedi interni aventi ad oggetto le cattive condizioni detentive, la questione fondamentale è stabilire se la persona interessata possa ottenere dai giudici una riparazione diretta ed appropriata, e non semplicemente una tutela indiretta dei diritti sanciti dall articolo 3 della Convenzione. Da ciò deriva che le azioni esclusivamente risarcitorie sono insufficienti perchè non consentono ai detenuti di ottenere un miglioramento materiale delle condizioni, proprio perchè sono prive di effetto preventivo. In questo senso, la Corte ha ristretto il parametro dell effettività dei ricorsi interni e ha invece valutato l effettività degli stessi. Per queste ragioni, la Corte ha condannato il Belgio al risarcimento al ricorrente del danno non patrimoniale sofferto e ingiunto al Belgio di introdurre provvedimenti diretti a incidere sulle cause del sovraffollamento carcerario e di introdurre ricorsi in grado di riparare alle violazioni in atto. Unione Europea e Diritti dell Uomo 3

4 Parere della Corte di Giustizia dell Unione Europea sull adesione dell Unione Europea alla Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo, Parere 2/13 del 18 dicembre 2014 Con il parere 2/13 del 18 dicembre 2014, la Corte di Giustizia dell Unione Europea si è pronunciata negativamente sulla compatibilità del Progetto riveduto di accordo dell adesione dell Unione Europea alla Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo. A seguito dell entrata in vigore del Trattato di Lisbona, l articolo 6 del Trattato UE prevede, infatti, che i diritti fondamentali garantiti dalla CEDU e risultanti dalle tradizioni costituzionali comuni agli stati membri, fanno parte del diritto dell unione in quanto principi generali e prevede inoltre che l Unione aderisca alla CEDU. Tuttavia, il protocollo 8 del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea, relativi all articolo 6, paragrafo due del Trattato sull Unione Europea sull adesione dell Unione alla Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo, dispone che l accordo relativo all adesione deve garantire che siano preservate le caratteristiche specifiche dell Unione e del diritto dell Unione. Nell aprile 2013 i negoziati tra la Commissione e le Alte Parti contraenti della CEDU si sono concretizzati su un accordo sui progetti di strumenti di adesione e nel luglio 2013 la Commissione si è rivolta alla Corte di Giustizia al fine di ottenerne il parere in merito alla compatibilità, in linea con quanto stabilito dall articolo 218 del Trattato sul funzionamento dell Unione. Riguardo a tale progetto, la Corte ha identificato diversi profili di incompatibilità con il diritto primario dell Unione. Innanzitutto ha rilevato che l approccio adottato nel progetto di accordo, consistente nell equiparare l Unione ad uno stato e e nel riservale un ruolo del tutto del tutto identico a quello di qualsiasi parte contraente contravviene proprio alla natura intrinseca dell Unione: [t]ale approccio non tiene conto del fatto che gli Stati membri hanno accettato che i loro reciproci rapporti, sulle materie oggetto del trasferimento di competenze all Unione, fossero disciplinati dal diritto di quest ultima, con esclusione di qualsiasi altro diritto. Imponendo di considerare l Unione e gli Stati membri come Parti contraenti non soltanto nei loro rapporti con le Parti che non sono Stati membri dell Unione, ma anche nei loro reciproci rapporti, la CEDU esigerebbe da ciascuno Stato membro la verifica del rispetto dei diritti fondamentali da parte degli altri Stati membri, ancorché il diritto dell Unione imponga la fiducia reciproca 4

5 tra tali Stati membri. Date tali circostanze, l adesione può compromettere l equilibrio sul quale l Unione si fonda, nonché l autonomia del diritto dell Unione. La Corte ha sottolineato quindi che l adesione deve tenere in considerazione le caratteristiche particolari dell Unione medesima, che è, infatti, imposto dalle condizioni che gli stessi trattati hanno stabilito per l adesione. Inoltre, il progetto di accordo lascia aperta la possibilità che l Unione o gli stati membri sottopongano alla Corte Europea dei Diritti dell Uomo una richiesta avente ad oggetto una possibile violazione della Convenzione da parte di uno Stato membro o dell Unione correlata con il diritto dell Unione, come previsto dall aticolo 1 del protocollo n. 16 della CEDU, secondo il quale le più alte giurisdizioni di un Alta Parte contraente, [...], possono presentare alla Corte delle richieste di pareri consultivi su questioni di principio relative all interpretazione o all applicazione dei diritti e delle libertà definiti dalla Convenzione o dai suoi protocolli. Ciò parrebbe contravvenire con quanto stabilito dal Trattato sul funzionamento dell Unione, che stabilisce che gli Stati membri si impegnano a non sottoporre una controversia sull interpretazione e l applicazione dei Trattati a un modo di composizione diverso da quelli previsti da questi ultimi. La Corte ha poi rilevato che il meccanismo del convenuto aggiunto, secondo il quale una Parte contraente possa diventarlo o accettando un invito rivoltole dalla Corte EDU o a seguito di una richiesta della stessa. In questa seconda ipotesi, gli Stati membri devono dimostrare che i presupposti per tale richiesta sono soddisfatti. La Corte EDU si troverebbe così a valutare le norme del diritto dell Unione che disciplinano sia la ripartizione delle competenze tra l Unione e gli Stati membri che i criteri di imputazione degli atti o delle omissioni di questi ultimi e ciò pregiudicherebbe la ripartizione delle competenze tra l Unione ei suoi stati membri. Ancora più importante, nell ipotesi in cui la Corte di Giustizia si sia già pronunciata su una questione di diritto identica a quella oggetto del procedimento dinanzi alla Corte EDU, la CGE afferma che questa può essere risolta solo dall istituzione competente dell Unione. Infine, nell ipotesi di cui sopra, si rischierebbe di attribuire ad un giudice esterno, la Corte EDU, la competenza a pronunciarsi sulla violazione dei diritti in ambito PESC/PESD, materia su cui la Corte di Giustizia dell Unione Europea non ha giurisdizione. Alla luce di questi problemi rilevati, la Corte ha concluso quindi, che il progetto di accordo sull adesione dell Unione Europea alla CEDU non è compatibile con le disposizioni del Diritto dell Unione. 5

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa

Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa Mohamed M'Bodj c. État belge C-542/13, 18 dicembre 2014 La sentenza trae origine dalla

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 A cura di LUCIA SIPALA H. c. Regno Unito, Corte Europea dei Diritti dell' Uomo, 16 Settembre 2014 Questa

Dettagli

! dott. Daniele Chinni!

! dott. Daniele Chinni! 1 Master Diritto penitenziario e Costituzione venerdì 7 febbraio 2014 case law L incidenza delle regole penitenziarie europee nella giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell Uomo: i casi Sulejmanovic

Dettagli

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi 1. Il rango della CEDU nell ordinamento interno. Il tema dei rapporti tra CEDU e ordinamento interno e dunque, del rango della

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO: DOMANDE E RISPOSTE CANCEERIA DEA CORTE COS È A CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO? a Corte europea dei Diritti dell Uomo è un tribunale internazionale con sede a Strasburgo.

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

Richiesta trasformazione TFS in TFR per fondo pensione

Richiesta trasformazione TFS in TFR per fondo pensione Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 335 7262435-335 7262863 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it T.A.R. PER LA REGIONE LAZIO SEZIONE TERZA Sentenza

Dettagli

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU Una breve premessa Le nozioni di accusa penale e materia penale (leading case: Engel ed altri c. Paesi Bassi): autonomia delle garanzie convenzionali

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Causa Scoppola c. Italia Seconda Sezione sentenza 10 giugno 2008 (ricorso n. 50550/06)

Causa Scoppola c. Italia Seconda Sezione sentenza 10 giugno 2008 (ricorso n. 50550/06) Causa Scoppola c. Italia Seconda Sezione sentenza 10 giugno 2008 (ricorso n. 50550/06) (constata la violazione dell art. 3 CEDU, relativo alla proibizione della tortura, in relazione al mantenimento prolungato

Dettagli

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie;

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1993 - sentenza Brasserie du Pecheur: 1) le condizioni fissate per il risarcimento del danno a

Dettagli

(traduzione non ufficiale del comunicato stampa a cura della dott. Maria Luisa Schiavone)

(traduzione non ufficiale del comunicato stampa a cura della dott. Maria Luisa Schiavone) Corte Europea dei Diritti dell Uomo (Strasburgo) Caso AKKUM ed altri contro Turchia. Sentenza del 24 marzo 2005. Ricorso n 21894/93. Violazione dell articolo 38 paragrafo 1 a della Convenzione europea

Dettagli

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano L ESPERIENZA ITALIANA 1 Angela Della Bella Università degli Studi di Milano ANDAMENTO POPOLAZIONE CARCERARIA 1991-2014 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000 20.000 10.000 0.000 2 Fonte: Dipartimento

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 95/46/CE

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE DECISIONE DI RICEVIBILITÁ Ricorso n 25551/05 presentato da Vladimir Petrovich KOROLEV contro la Russia La Corte europea dei diritti

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA N. R.G. 2015/435 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 Il Giudice del Lavoro dott. Mariarosa Pipponzi, a scioglimento

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 298 23.10.2014 Locazioni commerciali: canoni non percepiti Con la risoluzione del contratto di locazione, cessa l assoggettamento a imposta sui

Dettagli

SECONDA SEZIONE. CAUSA GATTI E NALBONE c. ITALIA. (Ricorso n o 41264/02) SENTENZA STRASBURGO. 25 settembre 2012

SECONDA SEZIONE. CAUSA GATTI E NALBONE c. ITALIA. (Ricorso n o 41264/02) SENTENZA STRASBURGO. 25 settembre 2012 Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale del Contenzioso e dei Diritti Umani Ufficio II Corte Suprema di Cassazione Centro Elettronico di Documentazione Redazione

Dettagli

SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI

SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI Con il patrocinio di SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI L esigenza di offrire alla classe forense e agli operatori del settore un occasione di approfondimento sui temi legati alla

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

Il sistema regionale europeo di protezione dei diritti umani: il Consiglio d Europa (I)

Il sistema regionale europeo di protezione dei diritti umani: il Consiglio d Europa (I) Il sistema regionale europeo di protezione dei diritti umani: il Consiglio d Europa (I) lezioni del 21 e del 26 ottobre 2015 Considerazioni introduttive Nell ambito europeo per lungo tempo hanno convissuto

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n.

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. 19200 ) La lesione di un interesse legittimo, al pari di quella di

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE INTRODUZIONE 1. Oggetto e scopo dell indagine.......................... 1 2. Cenni sulle origini del principio aut dedere aut

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DEI MAGISTRATI

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DEI MAGISTRATI Dossier n. 71 Ufficio Documentazione e Studi 25 febbraio 2015 LA RESPONSABILITÀ CIVILE DEI MAGISTRATI Il Parlamento ha approvato la proposta di legge che modificare la c.d. Legge Vassalli 1, la quale (approvata

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Nell ambito di un giudizio svoltosi in Belgio, Tizio ottiene l annullamento di un titolo di credito emesso in favore di Caio, suo

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale:

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Anche se di proprietà esclusiva risponde il condominio in persona dell amministratore L art. 1126 cod. civ. Lastrici solari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali. Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014

Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali. Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014 Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014 NORME INTERNAZIONALI Divieto nel godimento degli altri diritti sanciti Autonomo Obblighi

Dettagli

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE LE INFORMATIVE PREFETTIZIE Il Consiglio di Stato con la pronuncia n. 444/2012 si è espresso sull appello, avverso una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, sede di Napoli, presentato

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna N. 00030/2011 REG.PROV.COLL. N. 00004/2004 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma

Dettagli

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*)

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) «Articolo 34, paragrafi 1 e 2, del regolamento di procedura Pregiudizio alla corretta amministrazione

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011 61987J0186 SENTENZA DELLA CORTE DEL 2 FEBBRAIO 1989. - IAN WILLIAM COWAN CONTRO TRESOR PUBLIC. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL TRIBUNAL DE GRANDE INSTANCE DI PARIGI. - TURISTI IN QUANTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

L UE e il controllo esterno della protezione dei diritti e delle libertà fondamentali in Europa. La barriera elevata dalla Corte di Giustizia.

L UE e il controllo esterno della protezione dei diritti e delle libertà fondamentali in Europa. La barriera elevata dalla Corte di Giustizia. L UE e il controllo esterno della protezione dei diritti e delle libertà fondamentali in Europa. La barriera elevata dalla Corte di Giustizia. 1. I diritti umani nell area europea. Il controllo esterno

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. ALBI Le pagelle della formazione Il sole24ore pag 6 del 08/02/2016

RASSEGNA STAMPA. ALBI Le pagelle della formazione Il sole24ore pag 6 del 08/02/2016 lunedì 8 febbraio 2016 RASSEGNA STAMPA ALBI Le pagelle della formazione Il sole24ore pag 6 del 08/02/2016 PROFESSIONI Corte dei Conti all angolo Italia Oggi pag. 34 del 06/02/2016 ORDINI Scuole gestite

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA N. 10269/2012 REG.PROV.COLL. N. 08214/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL FINANZGERICHT HAMBURG. - INCOMPETENZA DEI GIUDICI NAZIONALI A

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*) «Trasporti aerei Regolamento (CE) n. 261/2004 Articolo 7 Compensazione dei passeggeri in caso di cancellazione o di ritardo di più di tre ore di

Dettagli

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni Premessa...XIX Parte Prima Profili sostanziali Sezione Prima Inquadramento generale Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni 1. Considerazioni preliminari.... 5 2. La nozione

Dettagli

SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT

SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT Università degli Studi di Pavia Diritto, Scienza e Nuove Tecnologie A.A. 2012/2013 SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT Dott.ssa Chiara Boscarato chiara.boscarato@unipv.it La stampa e

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO TERZA SEZIONE DECISIONE SULLA RICEVIBILITÀ Del ricorso n o 36659/04 presentato da Adrian Mihai IONESCU contro la Romania La Corte europea dei diritti

Dettagli

RIPARAZIONE PER VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI E ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

RIPARAZIONE PER VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI E ORDINAMENTO INTERNAZIONALE RIPARAZIONE PER VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI E ORDINAMENTO INTERNAZIONALE INDICE Abbreviazioni... p. XIII INTRODUZIONE LE MODIFICHE ALL ORDINAMENTO GIURIDICO INTERNAZIONALE E IL RUOLO DELL INDIVIDUO 1.

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO SECONDA SEZIONE. CAUSA ZUCCALÀ c. ITALIA. (Ricorso n. 72746/01) DEFINITIVA 19/04/2010

CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO SECONDA SEZIONE. CAUSA ZUCCALÀ c. ITALIA. (Ricorso n. 72746/01) DEFINITIVA 19/04/2010 CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO SECONDA SEZIONE CAUSA ZUCCALÀ c. ITALIA (Ricorso n. 72746/01) SENTENZA STRASBURGO 19 gennaio 2010 DEFINITIVA 19/04/2010 Questa sentenza diverrà definitiva alle condizioni

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Isolde Quadranti Università degli Studi di Verona Centro di documentazione europea Diritto all informazione

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

L attore ha prenotato un volo previsto per il 20 dicembre 2005 da Shanghai (Cina) a Barcellona (Spagna).

L attore ha prenotato un volo previsto per il 20 dicembre 2005 da Shanghai (Cina) a Barcellona (Spagna). Corte di Giustizia UE: trasporto aereo, cancellazione del volo, termine per proporre ricorso e responsabilità dei vettori per perdita dei bagagli Nota a Corte di Giustizia dell Unione Europea, Sentenza

Dettagli