IL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA ATTIVITÀ DAL 2001 AL Indice. 1. Introduzione pag Breve cronologia pag. 4 STRUTTURA E PERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA ATTIVITÀ DAL 2001 AL 2007. Indice. 1. Introduzione pag. 2 2. Breve cronologia pag. 4 STRUTTURA E PERSONALE"

Transcript

1 IL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA ATTIVITÀ DAL 2001 AL 2007 Indice 1. Introduzione pag Breve cronologia pag. 4 STRUTTURA E PERSONALE 3. Aree di ricerca pag Personale docente pag Personale tecnico amministrativo pag Grandi attrezzature scientifiche pag Laboratori pag Biblioteca pag. 80 ATTIVITÀ 9. Convegni e scuole pag Seminari dipartimentali pag Trend finanziamenti pag Dottorato di ricerca pag Scuola di Dottorato pag ECDL pag Acceleratore di Ricerca Informatica Applicata (ARIA) pag Spin off pag Conclusione pag

2 1. Introduzione Il Dipartimento di Informatica (DI) è stato costituito il 1 Luglio 2001, con 21 docenti e 3 persone come supporto tecnico-amministrativo, quindi con un numero di afferenze di poco superiore al minimo consentito per costituire un dipartimento. Nel 1999 era stato istituito anche il corso di Dottorato di Ricerca in Informatica e quindi il Dipartimento poteva già contare sulla presenza di ulteriori dieci studenti di dottorato; inoltre era presente un certo numero di personale a contratto che svolgeva ricerca nell ambito di progetti di ricerca. La maggior parte dei docenti afferivano in precedenza al Dipartimento Scientifico e Tecnologico, che era l unico dipartimento esistente e nel quale convergevano oltre agli informatici, anche i colleghi matematici, fisici e tutto il personale competente nelle discipline di carattere biotecnologico. La componente informatica pura era composta nella maggior parte da ricercatori i quali conducevano l attività di ricerca sia all interno della sede sia in collaborazione con varie altre sedi sparse per il territorio nazionale ed europeo. Nel 1998, quando arrivai a Verona, la struttura era praticamente quella appena descritta, in pratica un dipartimento nel quale afferivano docenti di diversa estrazione e background culturale e che di fatto rifletteva l intera facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Era chiaro che da lì a breve il gruppo di docenti informatici, di concerto coi colleghi matematici e fisici ai quali si sentivano culturalmente più vicini, sentì l esigenza di creare una propria area di discussione, una struttura più omogenea nella quale poter trattare e sviluppare le proprie attività in un contesto culturale più affine ed un luogo fisico comune. Al sottoscritto è stata data la fiducia per guidare il neonato dipartimento e l incarico ha richiesto un certo sforzo per portarlo a livelli tali da potersi confrontare con gli altri dipartimenti dello stesso settore. Nei 6 anni relativi ai 2 mandati in cui sono stato direttore, con il supporto, l aiuto e la pazienza di tutti i colleghi, il dipartimento è cresciuto ed ha elaborato e sviluppato alcune iniziative e procedure di buona governance che lo hanno fatto conoscere a livello nazionale ed internazionale. Nel prosieguo di questo documento saranno dettagliate le diverse principali iniziative del dipartimento, ma val la pena citare fin dall inizio quelli che sono stati e sono gli aspetti più caratterizzanti e degni di nota. Fin dai suoi albori, il dipartimento si è segnalato come particolarmente attivo a livello progettuale. Sia a livello nazionale che a livello europeo, sono stati acquisiti diversi progetti PRIN e FIRB, e soprattutto progetti di ricerca in ambito comunitario di tipo STREP, su svariate aree di ricerca specifiche (sistemi cognitivi e multimediali, sistemi embedded, robotica, etc.). Anche il livello scientifico il dipartimento ha evidenziato una ricerca di qualità su tutte le aree di ricerca coinvolte, incluse quelle matematica e fisica. Tra queste, si segnalano in particolare quelle relative all informatica teorica (metodi formali, analisi e verifica di programmi, linguaggi, etc.), all elaborazione di immagini, visione e pattern recognition, ai sistemi hardware, all elaborazione del suono ed interazione uomo-macchina, alle basi di dati e sistemi informativi, all intelligenza artificiale. 2

3 Come già detto il programma di dottorato di ricerca era già partito nei 2 anni precedenti l istituzione del dipartimento. A supporto di questo, sono stati istituiti 2 progetti di internazionalizzazione (bando nazionale Interlink): uno relativo all informatica teorica e uno relativo alla visione computazionale e riconoscimento. È stato istituito un appuntamento seminariale settimanale che ha visto la gradita presenza di numerosi colleghi italiani e stranieri; inoltre, sono stati organizzate numerose scuole a livello di dottorato su temi specifici, oltre all organizzazione di alcuni convegni in cui i docenti del dipartimento erano coinvolti in posizioni di rilievo. È stata organizzata e finanziata l iniziativa denominata Lectio Magistralis mediante l invito di scienziati di livello mondiale a svolgere attività seminariali all interno del dipartimento ed a trascorrere alcuni giorni con i ricercatori. Tra i primi invitati abbiamo avuto il privilegio di accogliere il prof. Tomaso Poggio del MIT di Boston, e il prof. Anil K. Jain della Michigan State University. Dal punto di vista didattico, il dipartimento ha dato supporto a 2 corsi di laurea di I livello e 2 di II livello (magistrale) con percorsi differenziati: uno relativo all informatica classica e l altro su tematiche di tipo multimediale e sistemi intelligenti. Oltre a ciò, è stato istituito un master di I livello sulla progettazione di infrastrutture di rete. A livello locale è interessante segnalare che, benché le aree informatiche, matematiche e fisiche fossero presenti a Verona sia a livello didattico che scientifico fin dal 1992, ancora all alba del nuovo secolo la percezione della presenza di queste discipline nel territorio era abbastanza scarna, ed era molto probabile trovare rappresentanti del modo imprenditoriale ed istituzionale che non fossero a conoscenza di tali competenze sotto casa. Oggi possiamo dire che il dipartimento di informatica in tutte le sue diverse sfaccettature è conosciuto e radicato nel territorio ed è coinvolto in diverse iniziative a carattere cittadino, provinciale e regionale (associazioni industriali, distretti tecnologici, parco scientifico, etc.). Sono state organizzate iniziative per coinvolgere le aziende su progetti di ricerca sia mediante attività progettuale classica ( conto terzi ), sia mediante iniziative di carattere innovativo. Il dipartimento ha ospitato e gestito il Centro di Competenza per Sistemi Dedicati, il primo centro di competenza dell Università di Verona in collaborazione col Parco Scientifico e Tecnologico di Verona. Inoltre, ha progettato e gestito il cosiddetto Acceleratore di Ricerca Informatica Applicata, avente lo scopo di favorire la presenza delle aziende all interno del dipartimento mediante il coinvolgimento di ricercatori universitari e delle aziende in spazi fisici messi a disposizione dal dipartimento. In pochi anni, il dipartimento di informatica è così diventato uno dei dipartimenti con un livello qualitativo tra i più elevati all interno dell ateneo scaligero, qualità che è stata valutata sulla base di misure di tipo scientifico, didattico e progettuale, anche rapportata con un numero di docenti minore rispetto ad altri e sicuramente con una storia più breve. Nel corso degli anni, le diverse aree di ricerca sono cresciute e si sono popolate grazie ad una ponderata politica di acquisizione che ha altresì accresciuto il numero di competenze presenti originariamente nel dipartimento. Tutte le iniziative e discussioni di carattere gestionale e di sviluppo del dipartimento sono state improntate su una politica meritocratica che ha cercato di sostenere le aree più attive, anche mediante meccanismi di co-finanziamento delle risorse, senza peraltro dimenticare quelle aree che per ragioni intrinseche erano meno dinamiche. 3

4 Chiaramente, può sempre essere obiettato che molto di più o di diverso poteva essere sviluppato, ovvero le iniziative intraprese potevano essere trattate in maniera diversa, tuttavia molto è stato fatto data la varietà di situazioni in cui il dipartimento si è trovato negli anni. In conclusione, vorrei evidenziare come in circa 6 anni il dipartimento abbia raggiunto un livello qualitativo confrontabile con i maggiori dipartimenti nazionali, e possa quindi confrontarsi con tutti i dipartimenti al mondo sulla base di parametri riconosciuti in ambito scientifico del settore internazionale. Non sarà sicuramente l unico caso in Italia né tantomeno in Europa e nel mondo, ma mi preme segnalare come questo risultato sia stato raggiungibile in un Paese la cui considerazione verso l Accademia appare oggi essere ai minimi storici sia dal punto di vista mediatico che di effettive risorse concesse, nel pieno di una riforma universitaria di cui raccoglieremo i risultati solo fra diversi anni e che solo a quel tempo potremmo valutare con vera cognizione. Forse, con tutti problemi che l Università italiana manifesta e che non possiamo far finta di non vedere, non tutto quello costruito finora è da scartare. Colgo infine l occasione di ringraziare pubblicamente tutti i colleghi del dipartimento e dell ateneo veronese che hanno permesso questo sviluppo, i quali non hanno lesinato energie per accrescere il prestigio dell istituzione che ho avuto il privilegio e l onore di rappresentare per 2 mandati. A tutti va il mio sincero e non retorico grazie, nella speranza si possa mantenere e continuare il percorso di qualità sotto la guida dei miei successori a cui vanno i miei migliori auguri di buon lavoro. Vittorio Murino Direttore del Dipartimento di Informatica dal 2001 al Aprile

5 2. Breve cronologia Il Dipartimento di Informatica (DI) è stato istituito con Decreto Rettorale n dell 8 maggio 2001, e attivato ufficialmente l 1 luglio 2001, dopo aver ottenuto i pareri del Consiglio del Corso di Laurea in Informatica nella seduta del 16 gennaio 2001, del Consiglio de Dipartimento Scientifico e Tecnologico nella seduta del 22 febbraio 2001, della Commissione Permanente per la Ricerca dell Ateneo di Verona, del Senato Accademico in composizione allargata nella seduta del 19 aprile 2001, e infine del Consiglio di Amministrazione nella seduta del 27 aprile Il DI è attualmente (Maggio 2009) formato da circa 60 persone tra docenti e personale tecnico-amministrativo, nonché da circa 60 persone tra dottorandi, assegnisti di ricerca e personale a contratto. La maggior parte dei docenti afferivano in precedenza al Dipartimento Scientifico e Tecnologico insieme al personale competente nelle discipline a carattere biotecnologico. Il DI gestisce direttamente gli edifici ubicati in Borgo Roma presso la Strada le Grazie n. 15 e denominati Ca Vignal 2 e Piramide. 5

6 3. Aree di ricerca In questa sezione si descrivono le varie aree di ricerca nelle quali i docenti e ricercatori del Dipartimento di Informatica sono impegnati nello svolgimento delle proprie attività di ricerca 3.1 Architetture e sistemi: Gli odierni dispositivi embedded si basano su una stretta relazione tra la progettazione di parti hardware e software. Nel caso, sempre più diffuso, di dispositivi che interagiscono tra loro mediante una rete trasmissiva, anche la progettazione dei protocolli di comunicazione deve essere effettuata tenendo conto dei sistemi hardware e software coinvolti. La progettazione combinata hardware/software/network risulta possibile solamente mediante sofisticati strumenti di progetto il cui sviluppo rappresenta il cuore di questa area di ricerca. I principali filoni di ricerca seguiti sono: - modellazione e progetto di sistemi embedded di rete - verifica di sistemi embedded, - gestione dell energia nei sistemi embedded. (A. Acquaviva, F. Fummi, G. Pravadelli, D. Quaglia, T. Villa) 6

7 3.2 Basi di dati e sistemi informativi L'area delle basi di dati e dei sistemi informativi considera tutti gli aspetti teorici, tecnologici e metodologici relativi alla gestione delle informazioni all'interno di organizzazioni complesse. In particolare, l'attività di ricerca si concentra sui seguenti argomenti: - Sistemi informativi su web: sono studiati sia aspetti teorici, quali quelli legati alla modellazione ed interrogazione di dati semistrutturati temporali e multimediali, sia aspetti tecnologici, quali quelli inerenti l'uso di XML per la rappresentazione di informazioni semistrutturate. Sono in generale studiati sistemi per l'accesso via web a siti caratterizzati da grosse moli di dati. - Sistemi informativi temporali: sono considerate le basi di dati temporali, siano esse relazionali, orientate agli oggetti o per dati semistrutturati. Argomento specifico di ricerca è la modellazione di granularità e indeterminatezza con logiche a più valori e logiche temporali. I sistemi di workflow temporali sono un ulteriore campo di indagine, con riferimento sia alla modellazione concettuale che alla definizione di architetture per sistemi di workflow. - Sistemi informativi sanitari: sono oggetto di studio i sistemi per la gestione di cartelle cliniche, con particolare attenzione ai dati multimediali (ECG, TAC, MR, angiografie), e i sistemi per la visualizzazione di dati clinici. - Sistemi informativi geografici: sono di specifico interesse i modelli per la rappresentazione incompleta di informazioni geografiche a diversi gradi di risoluzione e dettaglio, i sistemi per l aggiornamento di basi di dati geografiche guidato dai vincoli di integrità, l'ottimizzazione di interrogazioni spaziali, le metodologie di progettazione della base di dati spaziali di un sistema informativo territoriale. (A. Belussi, C. Combi, B. Oliboni, R. Posenato) 7

8 3.3 Fisica sperimentale di base e applicata con Luce di Sincrotrone e con tecniche dispettroscopia vibrazionale IR e Raman I Fisici del Dipartimento hanno svolto la loro attività di ricerca presso laboratori di Luce di Sincrotrone (LdS) nazionali (INFN-Frascati) ed internazionali (ESRF-Grenoble) nel campo della spettroscopia EXAFS, delle applicazioni biomediche della LdS e dello sviluppo di linee e sistemi ottici per LdS, e presso il laboratorio di microspettroscopia e imaging vibrazionale recentemente avviato presso il Dipartimento. Le attività di ricerca con Luce di Sincrotrone hanno riguardato in particolare: studi di struttura e dinamica locale in AgI, in vetri borati binari e ternari drogati con AgI, e in vetri borati e gel di silice drogati con terre rare, in collaborazione con l'università e con il Centro CNR-ITC di Trento, e con il gruppo del Prof. M. Bettinelli dell'università di Verona; studi degli effetti biologici della banda B dell Ultravioletto, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica dell'università di Milano, lo sviluppo presso il laboratorio DAF NE-Luce dei Laboratori INFN di Frascati delle tre linee di LdS nella regione dei raggi X molli, dell UV e dell IR, in collaborazione con il gruppo DAF NE-Luce. Per quanto riguarda il laboratorio di microspettroscopia e imaging vibrazionale, esso comprende una linea dedicata alla spettroscopia FTIR e una linea di spettroscopia Raman. Le principali linee di ricerca riguardano: 1) l'ambito biotecnologico; 2) l'ambito biologico e medico; 3) l'ambito della scienza e tecnologia dei materiali nanostrutturati. 4) l'ambito della diagnostica fisica per i beni artistici e culturali Parte dell'attività di ricerca comprende anche l 'implementazione e lo sviluppo di tecniche di analisi statitistica multivariata non supervisionate (PCA, HCA) e supervisionate. 1) Le attività di ricerca avviate in ambito biotecnologico, svolte in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Tecnologie e Mercati della Vite e del Vino e con il Dipartimento Scientifico e Tecnologico riguardano l'applicazione della microspettroscopia FTIR a: - studi del processo autolitico in lieviti per la produzione enologica - studi del metabolismo di parete in piante e in cellule vegetali. 2) Le attività di ricerca in ambito biomedico, in collaborazione con il Dipartimento di Patologia e con il Dipartimento di Scienze Morfologiche e Biomediche, riguardano l'applicazione della microspettroscopia FTIR e Raman a: - studi di tessuti tumorali da biopsie umane e da modelli animali - studi di tessuti adiposi. 3) Le attività di ricerca nell'ambito della scienza e tecnologia dei materiali compositi nanostrutturati in collaborazione il Dipartimento Scientifico e Tecnologico riguardano lo studio di leghe binarie in strutture a doppio strato per applicazioni nel settore delle celle solari, e di ossidi di metalli di transizione e terre rare drogati con ioni lantanidi impiegati nello sviluppo di una nuova classe di scintillatori per la rivelazione di radiazione elettromagnetica. 4) Per quanto riguarda le applicazioni ai beni artistici e culturali, è stata avviata una collaborazione con il Dipartimento di Discipline Storiche Artistiche, Archeologiche e Geografiche con particolare riguardo a studi di degrado della carta e analisi di opere su carta. (G. Mariotto, F. Monti) 8

9 3.4 Intelligenza artificiale e Robotica L'intelligenza artificiale studia l'automazione delle facoltà che si associano all'idea di intelligenza, includendo il ragionamento, la rappresentazione della conoscenza, l'apprendimento e la percezione.l'automazione del ragionamento lavora alla definizione, progetto e implementazione di forme di ragionamento meccanico, principalmente ma non esclusivamente deduttive, quali la dimostrazione automatica di teoremi e la costruzione automatica di modelli. I metodi del ragionamento automatico contribuiscono ai fondamenti della computazione simbolica (programmazione dichiarativa, risoluzione di vincoli, basi di dati deduttive, sistemi di calcolo simbolico) ed hanno applicazioni nella verifica e sintesi di software e hardware e in matematica La robotica studia il collegamento intelligente tra percezione ed azione e sviluppa metodi per l'interazione di un robot dotato di attuatori e sensori con l'ambiente che lo circonda, per eseguire delle operazioni specifiche. La robotica è una scienza interdisciplinare che richiede competenze in numerose discipline. Quelle affrontate nel laboratorio di robotica sono: i controlli automatici per comandare il movimento del robot lungo traiettorie prestabilite; la pianificazione per calcolare la sequenza delle azioni del robot e le traiettorie nell'ambiente che lo circonda; e la teleoperazione per permettere ad un operatore di interagire tramite il robot con un ambiente remoto. Le applicazioni della robotica e delle sue tecnologie vanno dalla chirurgia assistita alla logistica, dalla ispezione degli ambienti alla protezione civile, dall'esplorazione dello spazio a quella degli oceani. Le aree specifiche di ricerca del laboratorio di robotica sono la teleoperazione chirurgica, la manipolazione mobile e la domotica. La prima area applica i principi di teleoperazione, realtà virtuale, interfacce aptiche di operatore,e algoritmi di controllo alla realizzazione di sistemi robotici per la chirurgia. La seconda area invece, si occupa della pianificazione e del controllo dei robot mobili che possono essere attrezzati con un manipolatore antropomorfo. La domotica si occupa dello studio di dispositivi per il supporto di persone disabili e/o anziani in un ambiente domestico. Trasversale alle aree è lo sviluppo di algoritmi per la fusione sensoriale e la comprensione della situazione ambientale, per fare in modo che il robot possa reagire in modo adeguato agli stimoli esterni. (M.P. Bonacina, M. Cristani, P. Fiorini) 9

10 3.5 LINGUAGGI LOGICA E METODI FORMALI Studio e sviluppo di metodologie formali (basate su modelli matematici precisi) per l'analisi, l'ottimizzazione, la certificazione, la robustezza e la sicurezza di sistemi software complessi. Scopo della ricerca è di ottenere strumenti automatici di analisi e verifica di programmi basati su una formalizzazione precisa (matematica) dei modelli e della semantica dei linguaggi di programmazione e dei sistemi di calcolo. (A. Di Pierro, R. Giacobazzi, A. Masini, I. Mastroeni, M. Merro, R. Segala, U. Solitro, F. Spoto, L. Viganò) 10

11 3.6 Matematica Logica, Fondamenti della Matematica, Didattica della Matematica: logica lineare; logica pragmatica (G. Bellin, R. Ferro). Problemi fondazionali legati ad aspetti didattici (R. Ferro, E. Gregorio). Algebra: equivalenze e dualità indotte da moduli tilting e cotilting; estensione delle teorie tilting e cotilting a categorie abeliane; rappresentazione di algebre finito e infinito dimensionali (E. Gregorio, F. Mantese). Moduli di lunghezza infinita, congetture omologiche, localizzazioni in categorie derivate (L. Angeleri). Geometria: estensioni della teoria dell'indice a spazi di lacci; geometria differenziale in dimensione infinita e topologia di varietà che emergono nella teoria quantistica dei campi (spazi di lacci e di applicazioni, Grassmanniane). Metodi geometrici e topologici in idrodinamica e invarianti di allacciamenti (links). Meccanica quantistica geometrica, quantizzazione geometrica e stati coerenti; monodromia classica e quantistica. Tecniche della geometria differenziale non commutativa (M. Spera). Analisi Matematica: analisi qualitativa di soluzioni di equazioni differenziali alle derivate parziali (per esempio, equazione di Ginzburg Landau, equazione e sistemi di equazioni di Schrödinger non lineari, equazione e sistemi di equazioni di Gross Pitaevskii) che emergono dalla fisica delle particelle e dalla fisica dei condensati (modelli di transizione di fase nella superconduttività, superfluidità, condensazione di Bose Einstein), e i loro legami con problemi geometrici, quali evoluzione di curve e superfici secondo la curvatura, e con tecniche numeriche, quali l'approssimazione di soluzioni ground state (S. Baldo, G. Orlandi, M. Squassina). Risultati di esistenza, non esistenza, molteplicità e concentrazione per problemi ellittici quasi lineari; sistemi parabolici di competizione-diffusione; sistemi di phase-fields con memoria; piatti termo-elastici (M. Squassina). Inversione globale di funzioni differenziabili. Congettura Jacobiana di Keller. Stabilità alla Liapunov per equazioni differenziali ordinarie (G. Zampieri). Probabilità: omogeneizzazione stocastica di sistemi fuori dell'equilibrio; diffusioni singolari; dinamiche derivanti da principi variazionali stocastici; algoritmi stocastici di apprendimento e modelli stocastici in biologia e finanza (L. M. Morato, P. Siri). Fisica Matematica: dinamica anolonoma. Moti di crociera. Stabilità alla Liapunov di sistemi meccanici. Integrabilità di sistemi Hamiltoniani (G. Zampieri). Analisi Numerica: interpolazione e iperinterpolazione multivariata: studio di punti di interpolazione quasi ottimali sia per l'interpolazione polinomiale classica che con funzioni radiali; software numerico efficiente; applicazione all'interpolazione di dati scattered, compressione di superfici, analisi di immagini (M. Caliari, S. De Marchi). Elementi finiti con enfasi all'adattività; software didattico per i metodi numerici (A. Pica). Approssimazione di funzioni di matrici per la soluzione di grandi sistemi di equazioni alle derivate ordinarie; soluzione di equazioni di Schrödinger non lineari con metodi spettrali (M. Caliari). 11

12 3.7 Modelli di calcolo Il gruppo "Modelli di Calcolo Naturale" (MNC), è nato nel 2002 presso il Dipartimento di Informatica dell'università di Verona, e svolge ricerca su temi di "Natural Computing", rivolgendosi ad entrambi gli aspetti di computazione biologica e di biologia computazionale. Infatti, da un lato si studiano tipi di calcoli in cui i sistemi biologici fungono da sostrato per elaborazioni di dati, secondo criteri non convenzionali, dall'altro si studiano modelli algoritmici di fenomeni naturali. In particolare, le ricerche attuali sono incentrate sui processi biomolecolari del "DNA Computing" e sull'applicazione del "Membrane Computing" allo studio di dinamiche cellulari. Nel campo del "DNA Computing" sono stati definiti metodi algoritmici di estrazione e ricombinazione del DNA, che estendono noti protocolli biotecnologici, ma in una prospettiva computazionale basata su doppie stringhe. Tali metodi sono stati validati con esperimenti in laboratori biotecnologici dell'ateneo veronese, ma con una supervisione ed analisi dei dati condotta all'interno del gruppo. Nel campo del "Membrane Computing" è stata introdotta una classe di sistemi (MP sistemi, ovvero P sistemi Metabolici) basata sui P sistemi, a loro volta introdotti alla fine degli anni novanta nell'area dei linguaggi formali e ispirati alla struttura della cellula. La specializzazione metabolica dei P sistemi si è rivelata molto utile nell'analisi di svariate dinamiche biologiche (cicli mitotici, oscillatori biochimici, dinamiche di popolazioni). Per questi sistemi è stata elaborata una teoria in cui concetti tipici della teoria dei linguaggi formali sono stati integrati con concetti di teoria dei sistemi. Quindi, sono stati elaborati vari metodi di ricostruzione dei meccanismi di regolazione dinamica, a partire da opportune serie temporali di dati osservati. In entrambi i filoni di ricerca (del DNA e Membrane Computing) si innestano problematiche piùspecifiche di Bioinformatica, ed in particolare di Biologia sintetica, una disciplina emergente in cui la sintesi computazionale e biotecnologica di meccanismi vitali assume un ruolo cruciale nell'indagine scientifica delle logiche sottostanti ai pricipi di organizzazione biologica. Negli ambiti di ricerca delineati il gruppo ha prodotto, negli ultimi anni, circa cinquanta pubblicazioni su riviste internazionali, serie scientifiche internazionali e atti di convegni internazionali. Inoltre, sono stati sviluppati vari pacchetti software per MP sistemi (Psim, Mpsim, MetaPlab, tutti "public domain") che consentono di analizzare e sperimentare, in silico, un'ampia classe di dinamiche biomolecolari (il software e i relativi riferimenti bibliografici sono reperibili nei siti: mplab.sci.univr.it, amarena.sci.univr.it/centro-biomedico-computazionale). Il gruppo è diretto dal Prof. Vincenzo Manca (anche presidente del CL in Bioinformatica, presso la Facoltà di Scienze) e, oltre a lui, include un ricercatore universitario (Dott.ssa Giuditta Franco), un post-doc (attualmente in UK), quattro dottorandi e tre studenti di tesi in Informatica e Bioinformatica. Il gruppo collabora intensamente con ricercatori della Facoltà di Scienze Naturali e della Facoltà di Medicina, ed afferisce al Centro interdipartimentale di ateneo di Biomedicina Computazionale (CBMC). Fa parte del consorzio accademico "European Molecular Computing Consortium" (EMCC), mantenendo stretti contatti con diverse istituzioni scientifiche nazionali ed internazionali. Negli ultimi quattro anni ha partecipato ad un progetto Firb ed ad un progetto Prin (curando la coordinazione nazionale di tali progetti). (G. Franco, V. Manca, F. Fontana) 12

13 3.8 Visione artificiale, elaborazione di immagini e suoni Il gruppo di Visione, Elaborazione delle Immagini e Suoni (VIPS) del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Verona è attivo nella ricerca di base e applicata per le discipline di Visione Computazionale e Riconoscimento, Elaborazione di Immagini, Interazione Uomo-Macchina, Modellazione del Suono e Interfacce Uditive e multimodali. Attualmente, il gruppo è composto da più di 20 persone, di cui 7 docenti, 9 studenti di dottorato e vari collaboratori, sia postdoc che junior. L esperienza e le competenze acquisite vengono impiegate per lo sviluppo di applicazioni all interno di una consolidata collaborazione con la Commissione Europea, agenzie di ricerca nazionali e internazionali, industrie ed istituzioni. La ricerca in VIPS è condotta da gruppi di lavoro che interagiscono costantemente e si confrontano in incontri periodici volti alla diffusione delle competenze acquisite e alla discussione delle problematiche comuni, in un processo di continua crescita professionale. Infine, i prodotti della ricerca sono pubblicati in riviste di spicco e diffusi nelle più prestigiose conferenze internazionali, contribuendo allo stato dell arte e dando luogo a fruttuose collaborazioni di ricerca. La ricerca La ricerca svolta nel gruppo VIPS copre un ampia gamma di tematiche: Analisi di immagini: filtraggio e segmentazione, estrazione di caratteristiche, riconoscimento di oggetti, ricostruzione di scene, analisi e fusione di dati multisensoriali, modellazione della percezione visiva finalizzata alla rappresentazione e interpretazione di immagini Visione Computazionale: stereopsi, mosaici di immagini, sintesi di immagini, autocalibrazione, modellazione tridimensionale, acquisizione di modelli. Pattern Recognition: classificazione e clustering di immagini, videosequenze e di pattern in generale (con enfasi su dati bio-informatici/bio-medici, come ad esempio frammenti di DNA o SNP-sequenze e immagini MRI aumentate da parametri fisiologici), uso di metodi come reti neurali, modelli grafici generativi (ad esempio catene di Markov a stati nascosti, abbondantemente sfruttati in applicazioni di sorveglianza automatizzata) e Support Vector Machine, tracking e segmentazione di oggetti in moto. Modellazione del Suono e Interfacce Uditive: tecniche di sintesi di suoni ecologici e musicali basate su modelli fisici; design e analisi di ambienti acustici virtuali; presentazione in modalità audio (sonificazione) di dati. Le applicazioni Le competenze del personale del gruppo VIPS sono applicabili a numerosi settori industriali e utilizzabili in diversi contesti. Alcuni esempi: Ispezione automatica di prodotti e processi industriali per il controllo di qualità. Sistemi di visione in robotica, navigazione e guida di veicoli autonomi. Realtà aumentata/virtuale di ausilio al telecontrollo di veicoli in ambienti ostili (sottomarino o spaziale). Interazione uomo-macchina attraverso riconoscimento di gesti. 13

14 Sistemi di sorveglianza automatizzata multimodale per il monitoraggio di aree interne ed esterne, riconoscimento di comportamenti anomali, rilevamento di situazioni caratteristiche (per es. incendi, incidenti, ecc.). Sistemi di social signalling, atti ad individuare automaticamente classi di comportamenti (p.e., estroverso/introverso) all interno di interazioni sociali. Controlli biometrici di sicurezza, quali il riconoscimento di volti, impronte, timbro vocale. Sistemi di ricerca basati sul contenuto (multimodale) di database di immagini/videosequenze. Applicazioni biomedicali: ricostruzione 3D di organi di ecografia: MRI, raggi X, etc., segmentazione di immagini MRI. Integrazione di modelli percettivi nel contesto dell analisi di immagini mediche, investigazione e modellizzazione della categorizzazione del colore. Bioinformatica: analisi e modellazione di proteine e di stringhe di DNA, studi di associazione. Ricostruzione di immagini: formulazione di metodi di regolarizzazione per la deconvoluzione di immagini e applicazioni in problemi biomedici e astronomici. (M. Bicego, U. Castellani, M. Cristani, F. Fontana, M.Piana, A. Fusiello, A. Giachetti, G. Menegaz, V. Murino) 14

15 4. PERSONALE DOCENTE Al momento dell attivazione del dipartimento di Informatica hanno richiesto opzione di afferenza ventidue Docenti tra Professori Ordinari, Professori Associati e Ricercatori già afferenti al Dipartimento Scientifico e Tecnologico (DST). Successivamente l organico si è arricchito di nuovi docenti appartenenti ad aree di ricerca attinenti all informatica. 15

16 DOTT. ANDREA ACQUAVIVA Andrea Acquaviva diventa dottore di ricerca in ingegneria elettronica ed informatica presso l Università di Bologna nel 2003 e sempre lo stesso anno riceve la carica di ricercatore presso il dipartimento di informatica all Università di Urbino. Afferisce al Dipartimento di informatica dell Università di Verona da dicembre 2006 a ottobre Dal novembre 2008 afferisce al Dipartimento di Automatica ed Informatica del Politecnico di Torino. Dal 2005 è anche ricercatore visitatore presso Ecole Politechnique Federale de Lausanne (EPFL). È stato coinvolto in diversi progetti di ricerca industriale con Hewlett Packard e Freescale Semiconductor (UK) ed è coinvolto in diversi progetti europei riguardanti software e architetture per piattaforme multicore e sistemi distribuiti a basso consumo di potenza. L area di ricerca del Prof. Acquaviva si concentra principalmente su: calcolo parallelo per sistemi distribuiti embedded quali piattaforme multicore e reti di sensori; simulazione ed analisi di dati biologici su architetture parallele. Le ricerche di Andrea Acquaviva (tra il 2001 e il 2008) hanno portato alla pubblicazione di più di 50 articoli in riviste e conferenze internazionali e 6 capitoli di libro. Non presente da novembre Area di ricerca: Architetture e sistemi Insegnamenti: Teoria dell informazione Pubblicazioni: S. Carta, A. Alimonda, A. Acquaviva, A. Pisano, L. Benini (2007). A Control Theoretic Approach to Energy Efficient Pipelined Computation in MPSoCs. ACM Transactons on embedded computing systems, pp Vol.6. E. Lattanzi, E. Regini, A. Bogliolo, A. Acquaviva (2007). Energetic Sustainability of Routing Algorithms for Energy-Harvesting Wireless Sensor Networks Computer communications, pp Vol.30. A. Acquaviva, E. Lattanzi, A. Bogliolo (2006). Power Aware Network Swapping for Wireless Palmtop PCs. IEEE Transactions on mobile computing, pp Vol.4. A. Acquaviva, L. Benini, B. Riccò (2001). Software-controlled processor speed setting for low-power streaming multimedia. IEEE Transactions on Computer-Aided design of integrated circuits and systems, pp Vol

17 PROF. ALBERTO BELUSSI Nato a Brescia il 10 Aprile 1965, Alberto Belussi consegue nel febbraio 1992 la laurea in Ingegneria Elettronica presso il Politecnico di Milano. Nel 1993 inizia il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Informatica e Automatica presso lo stesso ateneo e nel 1994/95 svolge un periodo di ricerca all estero presso il Dipartimento di Computer Science (Univeristy of Maryland - USA). Nel novembre 1996 consegue il titolo di dottore di ricerca in Ingegneria Informatica e Automatica. Nel marzo 1998 prende servizio come ricercatore presso la Facoltà di Scienze MM. FF. e NN. dell'università di Verona. Afferisce al nascente Dipartimento di Informatica nel Nel gennaio 2004 diventa professore associato presso il medesimo dipartimento. Dal 1992 Alberto Belussi svolge la propria attività di ricerca nell'area delle Basi di Dati spaziali e dei Sistemi Informativi Territoriali, e in particolare si occupa di metodologie di progettazione di basi di dati spaziali, di modelli per la rappresentazione dell informazione geografica multi-accuratezza, di metodologie per l integrazione di basi di dati spaziali eterogenee e di strumenti per il supporto all interoperabilità tra sistemi che gestiscono dati spaziali. Area di ricerca: Basi di dati e sistemi informativi Insegnamenti: Basi di dati e web Sistemi informativi geografici Pubblicazioni: A. BELUSSI, B. CATANIA AND P. PODESTÀ, Towards Topological Consistency and Similarity of Multiresolution Geographical Maps, Atti di "Proceedings of the 13th annual ACM international workshop on Geographic information systems", Bremen, Germany, November 04-05, 2005, A. BELUSSI, M. NEGRI AND G. PELAGATTI, Modelling Spatial Whole-Part Relationships using an ISO-TC211 conformant approach, «Information and Software Technology», vol. 48, 2006, pp FEDERICO AVANZINI, DAVIDE ROCCHESSO, ALBERTO BELUSSI, ALESSANDRO DAL PALÙ, AND AGOSTINO DOVIER, Designing an Urban-Scale Auditory Alert System, «IEEE Computer», vol. 37, n. 9, 2004, pp A. BELUSSI, E. BERTINO, B. CATANIA, Using Spatial Data Access Structures for Filtering Nearest Neighbor Queries, «Data & Knowledge Engineering», vol. 40, 2002, pp

18 DOTT. GIANLUIGI BELLIN Consegue la laurea in filosofia nel 1976 presso l università degli Studi di Padova e nel 1990 riceve il titolo di Dottore di ricerca in filosofia presso la Stanford University, USA. È stato studente visitatore iscritto in un programma di PhD in Filosofia all Università di Stockholm, Svezia, Nel 1968 consegue il Diploma in Piano presso il Conservatorio di Musica C. Pollini, Padova. Dall Aprile 1998 è ricercatore in Logica Matematica MAT01 presso Università degli Studi di Verona, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, afferisce al Dipartimento di informatica dall attivazione Area di ricerca: Modelli di calcolo Insegnamenti: Deduzione Automatica Pubblicazioni: G. BELLIN, C. BIASI (2004). Towards a logic for pragmatics. Assertions and conjectures. Journal of Logic and Computation, pp Vol. 14 G.BELLIN, M. HYLAND, E. ROBINSON, C. URBAN (2006). Categorical Proof Theory of Classical Propositional Calculus. Theoretical Computer Science, pp Vol. 364 G. BELLIN (2003). Chùs Construction: A Proof-theoretic Approach. Logic for Concurrency and Synchronisation. Kluwer Academic Publishers, Dordrecht: pp G. BELLIN, K. RANALTER (2003). A Kripke-style semantics for the intuitionistic logic of pragmatics ILP. Journal of Logic and Computation, pp Vol

19 MARIA PAOLA BONACINA Maria Paola Bonacina ha una laurea in Scienze dell'informazione e un Dottorato di Ricerca in Informatica dall'universita` degli Studi di Milano e un PhD in Computer Science dalla State University of New York at Stony Brook. Dopo essere stata prima Assistant Professor e poi Associate Professor presso il Department of Computer Science della University of Iowa, dove ricevette tra l'altro un "Dean Scholar Award", è Professoressa Ordinaria di Informatica presso il Dipartimento di Informatica dell'universita` degli Studi di Verona dall'ottobre La sua area di ricerca è il ragionamento automatico con più di 60 pubblicazioni. Le sue ricerche sono state finanziate dalla National Science Foundation, incluso il prestigioso "CAREER award", e dal Ministero per la Ricerca e l'università. Tra i numerosi impegni internazionali, e` stata eletta due volte "Trustee" della International Conference on Automated Deduction. È stata Presidente del Corso di Laurea in Informatica ed e` Direttrice della Scuola di Dottorato di Scienze Ingegneria Medicina. Area di ricerca: Intelligenza artificiale e robotica Insegnamenti: Deduzione automatica Linguaggi di programmazione Intelligenza artificiale Pubblicazioni: MARIA PAOLA BONACINA. Towards a unified model of search in theorem proving: subgoal reduction strategies. Journal of Symbolic Computation, 39(2): , February MARIA PAOLA BONACINA AND NACHUM DERSHOWITZ. Abstract canonical inference. ACM Transactions on Computational Logic, 8(1): , January ALESSANDRO ARMANDO, MARIA PAOLA BONACINA, SILVIO RANISE AND STEPHAN SCHULZ. New results on rewrite-based satisfiability procedures.acm Transactions on Computational Logic, to appear, 49 pages. MARIA PAOLA BONACINA AND MNACHO ECHENIM. On variable-inactivity and polynomial satisfiability procedures. Journal of Logic and Computation, in press, 20 pages, published electronically as advance access on August 21, 2007 (doi: /logcom/exm055). 19

20 PROF EMILIO BURATTINI Assistente presso l Università dell Aquila fino al 1971 è, poi, diventato ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso i Laboratori Nazionali di Frascati dove ha iniziato ricerche pionieristiche nel campo della Luce di Sincrotrone applicata alla Scienza dei Materiali e alla Biomedicina. Particolare menzione meritano i lavori nel campo della Mammografia ad alta risoluzione ed elevato contrasto con luce di sincrotrone monocromatica condotti a Frascati, presso Laboratori dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. L attività didattica, svolta dal 1972 al 1979 presso la Facoltà di Scienze dell Università Federico II di Napoli, quale incaricato stabilizzato, è proseguita nel 1991, come Professore Ordinario di Fisica Medica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Verona. Chiamato nel 1993 a far parte del Comitato Tecnico Ordinatore, della nuova Facoltà di Scienze, allora in corso di istituzione, ne divenne Presidente nel 1994 ed in tale veste, il primo novembre dello stesso anno, dichiarò conclusi i lavori del Comitato e diede inizio all attività didattica. Ha ricoperto la carica di Preside della Facoltà, ormai ben consolidata, dal 2003 al Dal 1996 in poi ha fatto parte di vari Comitati tecnici Scientifici presiedendo, dal 2000 al 2006, quello della Veneto Innovazione. Le sue ricerche, testimoniate da una produzione scientifica di oltre 200 lavori, sono proseguite, fino alla fine degli anni 90, nel campo delle applicazioni della luce di sincrotrone, conducendo ricerche non solo a Frascati, ma anche in Europa, negli Stati Uniti ed in Russia. Negli ultimi anni si è occupato di Microspettroscopia IR applicata alla Biologia e alla Medicina ed ha collaborato alla nascita di un Laboratorio di Interferometria IR presso il Dipartimento. di Informatica. Non presente da novembre 2007 Area di Ricerca: Fisica di base e applicata con Luce di Sincrotrone Insegnamenti: Fisica Pubblicazioni: M. CESTELLI GUIDI, M. PICCININI, A. MARCELLI, A NUCARA, P. CALVANI, E. BURATTINI (2005). Performance of SINBAD, the IR source at DAFNE. Journal of the Optical Society of America A, pp Vol.22. G. CINQUE, G. BELLISOLA, M. COLOMBATTI, E. BURATTINI. (2006). X-ray Absorption Near Edge Spectroscopy of sulfur in biomolecules: two examples from Glutathione and Insulin. Acta Physica Polonica, pp Vol E.BURATTINI, F. MALVEZZI CAMPEGGI, M. CHILOSI, C. CONTI, P. FERRARIS, F. MONTI, S. SABBATINI, G. TOSI, A. ZAM (2007). FPA micro spectral imaging of non-hodgkin lymphomas. Journal of molecular spectroscopy, pp Vol M. PICCININI, M. CESTELLI GUIDI, A. MARCELLI, P. CALVANI, E. BURATTINI, A. NUCARA, P. POSTORINO, A. SACCHETTI, E. ARCANGELETTI, E. SHEREGII, J. POLIT, A. KISIEL (2005). Far-infrared synchrotron radiation spectroscopy of solids in normal and extreme conditions. Physica Status Solidi C, pp.236- Vol.2. 20

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Breve Introduzione Questo è un documento di lavoro per la composizione delle schede SUA-RD 2011, 2012 e 2013. In questa prima sezione vengono rapidamente ricapitolate

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Web of Science. Institute for Scientific Information

Web of Science. Institute for Scientific Information Web of Science Institute for Scientific Information Web of Knowledge è la piattaforma che che permette di raggiungere le prestigiose banche dati prodotte dall'institute of Scientific Information (ISI).

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli