REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)"

Transcript

1 REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1

2 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere adottati da tutti, nello svolgimento delle proprie mansioni, sull aviosuperficie E. Mattei di Pisticci Scalo (MT). La predisposizione del presente regolamento è stata curata dal: Antonio Dattolo ex CTA / AFISO Accesso alla struttura Per via terra: dall apposito cancello di ingresso posto all estremit{ sud-ovest dell area. Non è consentito l accesso dei veicoli alla pista né lo stazionamento dei medesimi sul piazzale in ghiaia lato pista e/o hangar. In volo: vige il rispetto della Normativa in materia di Navigazione Aerea. Dopo l atterraggio liberare portandosi sulla taxiway ad andatura moderata fino all area parcheggio. 2

3 1. GESTORE OPERATIVO Winfly S.r.l. Unipersonale Via Raffaele Siniscalchi, Fisciano (SA) Tel Fax AUTORITÀ AMMINISTRATIVA ENAC DA NAPOLI Aeroporto Napoli Capodichino Tel Fax E_mail 3. AUTORITÀ ATS ENAV BARI Aeroporto Bari Palese Tel Fax E_mail 4. OPERATIVITÀ ANNUALE Giorni di attività: da Martedì a Domenica Orario operativo voli: / (ora locale) 5. CARATTERISTICHE TECNICHE 3 Coordinate pista (WGS84): Altitudine: 50 m s.l.m N E

4 Distanza e direzione dalla città: 4,66 km Coordinate soglie (WGS84): N E N E 6. CARATTERISTICHE PISTA DI VOLO Lunghezza: 1199 m Larghezza: 30 m Orientamento RWY: 13/31 Pavimentazione: asfalto Resistenza: Dichiarazione del gestore 7. DISTANZE DICHIARATE TORA TODA LDA ASDA RWY 13 RWY RACCORDO Lunghezza: 120 m Larghezza: 18 m 9. STAZIONE EROGAZIONE CARBURANTI Autocisterne per servizio rifornimento benzina avio 100LL, JET A1, UL 91. 4

5 10. PARCHEGGIO AEROMOBILI Piazzola in asfalto di mq 11. HANGAR Servizio hangaraggio. Si ricorda che all interno degli hangar è vietato: Fumare e utilizzare fiamme libere; Lasciare apparecchiature elettriche sotto tensione incustodite; Stoccare e travasare carburante; Avviare motori in hangar; Uscire ed entrare in hangar a motore acceso. 12. SERVIZIO ANTINCENDIO E SOCCORSO 1) Il servizio antincendio sarà svolto secondo normativa vigente e sarà disponibile solo per il traffico preventivamente autorizzato. 2) Il servizio di ambulanza e pronto soccorso sarà svolto nel rispetto della normativa vigente. 13. SERVIZIO RADIO NOMINATIVO RADIO: AVIO ENRICO MATTEI Il personale addetto al servizio radio fornirà agli aeromobili in arrivo e in partenza: Pista preferenziale, Informazioni su aeromobili conosciuti, veicoli o persone su o nei pressi dell area di manovra o aeromobili operanti nelle vicinanze dell aviosuperficie, che potrebbero costruire un pericolo per l aeromobile interessato, Lavori di costruzione o di manutenzione su o nei pressi dell area di manovra Zone accidentate della pista o via di rullaggio, anche se segnalate, Presenza di altri pericoli temporanei compresi volatili sia al suolo che in volo. 5

6 14. L AVIOSUPERFICIE È APERTA AL TRAFFICO DI: Velivoli di aviazione generale di massa massima al decollo non superiore a kg e numero di posti non superiore a 9, Ultraleggeri VDS avanzati per il volo da diporto sportivo, Motoalianti, Attività turistica, Trasporto pubblico passeggeri con velivoli di massa massima al decollo non superiore a kg e numero di posti non superiore a 9, Velivoli adibiti al lavoro aereo, Aeroscolastica. 15. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE CON PREAVVISO DI 48 HR VIA FAX Dati relativi alla richiesta: Nominativo pilota, Tipo di aeromobile, Marche dell aeromobile, Peso massimo al decollo, Esercente (indirizzo completo - partita iva - codice fiscale), Scadenza assicurazione, Scadenza certificato navigabilità, Arrivo: arrivo da data ora stimata di volo natura del volo persone a bordo 6

7 Partenza: partenza da data ora stimata di partenza natura del volo persone a bordo NOTA: 1) L annullamento del volo richiesto o il ritardo superiore a 60 minuti rispetto all ora prevista di decollo deve essere immediatamente comunicato al gestore operativo. 2) Il pilota è responsabile del rispetto della normativa vigente in materia di traffico aereo. 3) LIMITAZIONI: l uso dell aviosuperficie da parte di aa/mm in arrivo e in partenza in è subordinato al rispetto delle zone: - VIETATE - REGOLAMENTATE - PERICOLOSE Indicate nelle pubblicazioni aeronautiche nazionali (AIP ITALIA ENR5 - PERICOLI ALLA NAVIGAZIONE). 4) Gli aeromobili in volo con destinazione Aviosuperficie E. Mattei hanno l obbligo di contattare Pisticci radio almeno da una distanza di 10 NM. 16. COMPITI DEL GESTORE OPERATIVO Il gestore operativo ha il compito di controllo e di gestione operativa per quanto riguarda: Infrastrutture - sedime aeroportuale, Servizio antincendio, Riscossioni per atterraggi, parcheggi. 7

8 17. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO ANTINCENDIO I veicoli adibiti all interno dell aviosuperficie (automezzi di soccorso - ambulanze) devono disporre dei seguenti requisiti: Tetto a scacchi bianco e rosso, Lampeggiante di colore giallo, Radio con frequenza locale. 18. NOMINATIVO RADIO Pisticci Radio Frequenza Radio VHF: MHz Classe di emissione: A3E Lingua usata (italiano/inglese). 19. CIRCUITI DI TRAFFICO A NORD EST DEL CAMPO Pista 13 circuito di traffico a sinistra, Pista 31 circuito di traffico a destra. 20. ATTIVITÀ AEREA CONSENTITA SULL AVIOSUPERFICIE L attivit{ aerea deve essere effettuata a contatto visivo con il suolo in condizioni meteorologiche NON inferiori a quelle minime prescritte dalle regole del volo a vista (VFR) nelle ore diurne. 21. DECOLLO E ATTERRAGGIO ELICOTTERI Sull aviosuperficie non è prevista specifica piazzola regolamentata, pertanto le manovre di atterraggio e di decollo degli elicotteri devono essere effettuate sulla pista preferenziale. 22. CARATTERISTICHE DI UNA SITUAZIONE DI EMERGENZA 8 A seguito di un messaggio di pericolo ricevuto (MAYDAY MAYDAY MAYDAY), l addetto alla radio deve acquisire tutte le informazioni necessarie a fornire l appropriata assistenza: Nominativo a/m, Tipo a/m,

9 NOTA: Natura dell emergenza, Intenzioni del pilota, Autonomia, Aeroporto di partenza e destinazione (se necessario), Colore dell aeromobile. A meno che questi dati non siano già stati forniti dall equipaggio di condotta o siano altrimenti noti. 23. STATO DI EMERGENZA Nella circostanza di uno stato di emergenza sorto ad un a/m mentre è in contatto con l operatore radio o mentre è successo un incidente in campo o nelle vicinanze, L OPERATORE ADDETTO ALLA RADIO DEVE IMMEDIATAMENTE INTRAPRENDERE LE AZIONI RIPORTATE NELLE TABELLE ALLEGATE. 9

10 RECAPITI VARI Commissariato Polizia di Stato Pisticci (MT) Via Negrelli, 1 Tel Fax Comando Carabinieri Pisticci (MT) Vicolo I Vespucci Tel Fax Guardia di Finanza Compagnia di Policoro (MT) Via Bologna, 2 Tel Fax Agenzia della Dogane Macchia (MT) Piazza Matteotti Giacomo, 18 Tel Fax Capitaneria di porto Taranto Ufficio locale marittimo di Policoro Via Monte Bianco, 14 Tel Fax Comando Vigili del Fuoco Matera Via Giuseppe Giglio, 3 Tel Fax Solo per emergenza 10

11 Ospedale civile Tinchi Pisticci Viale Ionio, 7 Tel Fax Ospedale di Matera Madonna delle Grazie Contrada Cattedra Ambulante Tel Solo per emergenza Pronto Soccorso Presidio Ospedaliero Matera Contrada Chiancalata Tel

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA Aviosuperficie OLIVOLA Gestore Anna ACCETTO AERO CLUB BENEVENTO Gen. Nicola COLLARILE REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA 1 COPIA N. Pubblicazione edita per gli utenti solo in formato digitale

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO di Carpi a cura dell Aeroclub Carpi Edizione: Revisione: Inizio Validità: 1 0 01-01-2013 Edizione 1 Inizio Validità 01/01/2013 Revisione 0 1 2 INDICE Capitolo 1 PREMESSA

Dettagli

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE REV. 0 PAG. 1/11 MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE INDICE 9.0 SCOPO... 3 9.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 9.2 RIFERIMENTI... 5 9.3 ACCESSO DELLE PEONE... 6 9.4 Generalità... 6

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL AVIOSUPERFICIE DI CAIOLO. Avio Valtellina S.p.A. è titolare di concessione in diritto di superficie di

REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL AVIOSUPERFICIE DI CAIOLO. Avio Valtellina S.p.A. è titolare di concessione in diritto di superficie di AVIO VALTELLINA S.p.A. REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL AVIOSUPERFICIE DI CAIOLO 1. PREMESSA: Avio Valtellina S.p.A. è titolare di concessione in diritto di superficie di un area sita in località Palù nel Comune

Dettagli

REGOLAMENTO. Stato di aggiornamento Edizione/Emendamento Data N pagine 1 01 maggio 2014 18

REGOLAMENTO. Stato di aggiornamento Edizione/Emendamento Data N pagine 1 01 maggio 2014 18 AVIOSUPERFICIE DEL SOLE-SABATO CERULLO VIA MAR IONIO SNC-PONTECAGNANO FAIANO(SALERNO) Tel.333 8990715 Tel/fax 089 2025271 Codice Fiscale CRLGNN55L03D527Z Partita IVA 05102660650 REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

AREA MOVIMENTO COORDINAMENTO OPERATIVO DI SCALO

AREA MOVIMENTO COORDINAMENTO OPERATIVO DI SCALO 14 novembre 2013 CAGLIARI AIRPORT 1 Relatore: Stefano Atzeri Post Holder Movimento Responsabile Coordinamento Operativo di Scalo In Sogaer dall aprile 1995; dal gennaio del 2000 a luglio del 2007 RIT al

Dettagli

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO E LENCO DI DISTRIBUZIONE pubblicato su internet all'indirizzo www.aviocastelnuovo.com Ultimo aggiornamento: 07/07/2014 INDICE Premessa... Pag. 3

Dettagli

via Intercomunale 12/B 54039 Ronchi (MS) A cura della Direzione Aeroportuale di Firenze - Pisa

via Intercomunale 12/B 54039 Ronchi (MS) A cura della Direzione Aeroportuale di Firenze - Pisa REGOLAMENTO DI SCALO Aeroporto di Massa-Cinquale Indirizzo e Base Operativa: c/o Aeroporto Massa-Cinquale via Intercomunale 12/B 54039 Ronchi (MS) Numero di telefono: 0585 309088 Numero del fax: 0585 309088

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA*

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA* REV. 0 PAG. 1/5 Sommario 1. SCOPO... 2 2. SOGGETTI COINVOLTI... 2 3. ATTIVAZIONE DELL EMERGENZA... 3 4. TEMPI DI ATTIVAZIONE SERVIZI... 4 5. MODALITA OPERATIVE... 4 6. FINE DELLE OPERAZIONI... 7 7. GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA*

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA* REV. 0 PAG. 1/5 Sommario 1. SCOPO... 2 2. SOGGETTI COINVOLTI... 2 3. ATTIVAZIONE DELL EMERGENZA... 3 4. TEMPI DI ATTIVAZIONE SERVIZI... 3 5. MODALITA OPERATIVE... 4 6. FINE DELLE OPERAZIONI... 7 7. GESTIONE

Dettagli

ENAC. Vigili del Fuoco. Guardia di Finanza. Elettricisti. Manutenzione

ENAC. Vigili del Fuoco. Guardia di Finanza. Elettricisti. Manutenzione Norme e procedure per l assistenza agli aeromobili in emergenza e per il soccorso ad aeromobili in caso di incidente Pag. 1 di 1 ALLEGATO 1 Nominativi radio (aggiornamento aprile 2016) ENTE ENAC ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL AVIOSUPERFICIE VALDERA 1. Premessa

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL AVIOSUPERFICIE VALDERA 1. Premessa REGOLAMENTO OPERATIVO DELL AVIOSUPERFICIE VALDERA 1. Premessa L aviosuperficie Valdera, sede dell Aero Club di Pisa Federico Citi, in seguito Aviosuperficie, è una struttura privata idonea al volo e disciplinata

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 8 - ELEMENTI DI LEGISLAZIONE AERONAUTICA 1 È consentito pilotare un apparecchio VDS facendo uso, da parte del pilota, di medicinali,

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL a cura della Direzione Aeroportuale di Aeroporto di Capannori - LIQL Edizione: 1.0 Revisione: Prima edizione Inizio Validità: 01.08.2014 1 INDICE 2 Capitolo

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli

MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI

MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI FIRENZE PALAZZO VECCHIO 6 NOVEMBRE 2014 OBIETTIVI E ASSUNTI DEL NUOVO MASTER PLAN IL NUOVO MASTER PLAN 2014-2029 Il Nuovo Master Plan si pone l obiettivo

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11. CAP. 2: Lo scenario normativo del trasporto aereo 43

CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11. CAP. 2: Lo scenario normativo del trasporto aereo 43 Prefazione INDICE CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11 1.1 Introduzione 11 1.2 Definizione di trasporto aereo 11 1.3 Definizione della convenienza all uso dell aereo 12 1.4 Il trasporto aereo nel

Dettagli

Ente Nazionale per l Aviazione Civile. Autorità aeronautica di Regolazione di Sorveglianza e di Controllo per l Aviazione Civile

Ente Nazionale per l Aviazione Civile. Autorità aeronautica di Regolazione di Sorveglianza e di Controllo per l Aviazione Civile Ente Nazionale per l Aviazione Civile Autorità aeronautica di Regolazione di Sorveglianza e di Controllo per l Aviazione Civile La certificazione aeroportuale La certificazione di un aeroporto e quella

Dettagli

Efficiency Race 2015 Pavullo nel Frignano

Efficiency Race 2015 Pavullo nel Frignano A. S. D. dei CLUB ITALIANI CO STRUTTORI DI AEROMOBILI AMATORIALI E STO RICI g i à A ss o c ia z i o n e Italiana Costruttori di A e r e i D i p l o m e d H o n n e u r FA I 19 9 3, 20 0 0 via Matteotti,

Dettagli

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 EMERGENZA DERIVANTE DA RISCHIO AEROPORTUALE SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI NOVARA Progetto per la messa a punto di procedure di intervento e l organizzazione

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI Edizione n 1 approvata con disposizione d urgenza del Direttore Generale n. 9/DG

Dettagli

VOLANDO IL TERRITORIO

VOLANDO IL TERRITORIO VOLANDO IL TERRITORIO I droni nella professione del Geometra e del Perito Agrario Acquisiamo le competenze e le abilità per utilizzare i droni. Brevetto da Pilota per l attività professionale PROGRAMMA

Dettagli

Ospedale di Bolzano e Base HEMS LE AREE DI ATTERRAGGIO NELLE OPERAZIONI HEMS LE AREE DI ATTERRAGGIO IN JAR-OPS 3 Le JAR OPS non sono di per sé vincolanti. Esse riportano dei Requisiti che possono o meno

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI INCIDENTI ED INCONVENIENTI

SEGNALAZIONE DEGLI INCIDENTI ED INCONVENIENTI REV. 0 PAG. 1/15 SEGNALAZIONE DEGLI INCIDENTI ED INCONVENIENTI Riferimento: Regolamento ENAC per la costruzione e l'esercizio degli aeroporti - Capitolo 2 6.6 (o) INDICE 11.0 SCOPO... 3 11.1 CAMPO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

QUESTIONARIO SITUAZIONE ENTE

QUESTIONARIO SITUAZIONE ENTE QUESTIONARIO TUAZIONE ENTE MINATIVO ENTE: DATA DI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA: INDIRIZZO ENTE Via nr. C.A.P. Località ( ) Tel. cell. Fax e-mail NR. SOCI VOLO LIBERO AEROMOBILI POSSEDUTI (Velivoli/elicotteri/Alianti/ULM

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO AERO CLUB D'ITALIA Prot. nr.: TO - S.V./ 00031917-30.11.2011 Roma, 10 gennaio 2012 CIRCOLARE NR: 44 / 2011 Ai PRESIDENTI AERO CLUB FEDERATI PRESIDENTI ASSOCIAZIONI AGGREGATE DIRETTORI DELLE SCUOLE DI VOLO

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87,

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, marche LN-RMG e A330, marche I-LIVN località aeroporto di Milano Malpensa, 22 settembre 2004 AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP Tipo dell aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Ente Nazionale dell'aviazione Civile AEROPORTO DI BRESSO PIANO DI RIASSETTO AEROPORTUALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ente Nazionale dell'aviazione Civile AEROPORTO DI BRESSO PIANO DI RIASSETTO AEROPORTUALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ente Nazionale dell'aviazione Civile AEROPORTO DI BRESSO PIANO DI RIASSETTO AEROPORTUALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE Premessa pag. 2 Inquadramento territoriale pag. 2 Aspetti operativi e utilizzo dell

Dettagli

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo I-RF-083 Traino Aliante Page 2 di 16 INTENTIONALLY BLANK Page 3 di 16 Sommario 1 Parte generale... 4 1.1 Tipi di traino... 4 1.2 Aeromobili trainatori... 4 1.3 Piloti trainatori... 4 1.4 Condizioni minime

Dettagli

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Convegno sulla applicazione del nuovo Regolamento di attuazione della Legge 106 del 25 Marzo 1985, concernente la disciplina del volo da diporto o sportivo Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Relatore:

Dettagli

ORDINANZA N.1 /2006. IL DIRIGENTE DELL ENAC, competente per la Direzione Aeroportuale di Milano Malpensa,

ORDINANZA N.1 /2006. IL DIRIGENTE DELL ENAC, competente per la Direzione Aeroportuale di Milano Malpensa, ORDINANZA N.1 /2006 Norme e Procedure per l assistenza agli aeromobili in emergenza e per il soccorso ad aeromobili in caso di incidente. Aeroporto di Milano MALPENSA IL DIRIGENTE DELL ENAC, competente

Dettagli

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale MANIFESTAZIONE AEREA AIR EXTREME 2010 Quando l energia prende il volo Venezia Lido 24, 25 e 26 settembre 2010 ORDINE DI MANIFESTAZIONE Tempi: tutti i tempi sono in ora locale Redatto dal Col Pil (ris)

Dettagli

Centro Studi Demetra

Centro Studi Demetra Centro Studi Demetra IX corso di Formazione Giuridico - Amministrativa Roma 15 dicembre 2014 FACOLTA Di ARCHITETTURA Dipartimento di Architettura e Progetto - DIAP Un modello di valutazione per lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO OPERATIVO DELLA SCUOLA VOLO DA DIPORTO O SPORTIVO CON APPARECCHI MUNITI DI MOTORE.

REGOLAMENTO TECNICO OPERATIVO DELLA SCUOLA VOLO DA DIPORTO O SPORTIVO CON APPARECCHI MUNITI DI MOTORE. REGOLAMENTO TECNICO OPERATIVO DELLA SCUOLA VOLO DA DIPORTO O SPORTIVO CON APPARECCHI MUNITI DI MOTORE. 1. RIFERIMENTI RIFERIMENTI : DPR n. 133, 9 luglio 2010 - Nuovo regolamento di attuazione della legge

Dettagli

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza SOGAER AEROPORTO di CAGLIARI - ELMAS Ing. Mario Orrù Direttore Infrastrutture

Dettagli

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE Affidamento aeroporti demaniali per l aviazione generale Ed. 1 pag. 2 di 15 STATO DI AGGIORNAMENTO Edizione/Emendamento Data Delibera

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Genova: -

Dettagli

AEROPORTO di MILANO LINATE

AEROPORTO di MILANO LINATE L ASSISTENZA AD AEROMOBILI IN EMERGENZA E PER IL SOCCORSO AD di L ASSISTENZA AD AEROMOBILI IN EMERGENZA E PER IL SOCCORSO AD Pagina 1 di 55 INDICE Indice Indice 2 Premessa 4 Riferimenti normativi 5 PARTE

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl L aeroporto di Bergamo Orio al Serio insiste sul territorio dei comuni di Orio al Serio, di Grassobbio e di Seriate, e si trova a pochi chilometri dal centro di Bergamo. Lo sviluppo programmato a partire

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre www.aeroportofrosinone.it AEROPORTO PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre Progetto Aeroporto Frosinone

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 199 del 09/05/2014 OGGETTO: Aeroporto di Fano E. Omiccioli. Atto d'indirizzo. L'anno duemilaquattordici, il

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO

AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO (istituita con decreto legislativo 25 febbraio 1999, n. 66) Via A. Benigni, 53-00156 Roma - Italia tel. +39 0682078219-0682078200, fax +39 068273672 RAPPORTO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA Il seguente regolamento interno per l attività di allenamento alla acrobazia in aliante fa riferimento al Regolamento Tecnico Attività Acrobatica Aliante edizione

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

CIRCOLARE A.F. Imposta erariale sugli aeromobili privati le novità contenute nella legge di conversione al DL 16/2012. N. 67 del 8 Maggio 2012

CIRCOLARE A.F. Imposta erariale sugli aeromobili privati le novità contenute nella legge di conversione al DL 16/2012. N. 67 del 8 Maggio 2012 CIRCOLARE A.F. N. 67 del 8 Maggio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Imposta erariale sugli aeromobili privati le novità contenute nella legge di conversione al DL 16/2012 Gentile cliente, con la presente

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile 1 Incidenti con perdita del velivolo (Jet di costruzione occidentale) per Milione di Tratte Giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DEGLI AEROPORTI Edizione 2 del 21 ottobre 2003 INDICE ELENCO PAGINE VALIDE INTRODUZIONE GLOSSARIO DEI TERMINI 1 Numero totale pagine Glossario: 5 CAPITOLO 1

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

AEROPORTI MOLI E TERMINAL

AEROPORTI MOLI E TERMINAL AEROPORTI MOLI E TERMINAL 86 A.A. 2015/16 Schema generale di un aeroporto 87 A.A. 2015/16 Caratteristiche generali degli aeroporti POSIZIONE GEOGRAFICA Gli aeroporti per condizioni di operatività e di

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

INDICE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE INDICE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 Scopo del manuale 1.2 Distribuzione del manuale 1.3 Procedura per l emissione, distribuzione e modifica del manuale 1.4 Prefazione del gestore 1.5 Glossario dei termini

Dettagli

Aeroporto di Catania Scheda Identificativa

Aeroporto di Catania Scheda Identificativa Aeroporto di Catania Scheda Identificativa Nome - Identificativo IATA/ICAO Aeroporto di Catania - CTA/LICC Località / Comune Catania Raggiungibilità ed accessibilità Distanza dal centro urbano [km] 4,5

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O.

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. Mobilità IL SINDACO Viste le proprie ordinanze n.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 176/08 Il capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Porto Santo

Dettagli

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella

Dettagli

PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA

PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA Il Piano di Rischio redatto dal Comune di Reggio Calabria è conforme ai requisiti di seguito riportati: 1) Tipologie di Rischio I rischi si articolano

Dettagli

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA SERVIZIO SPAZIO AEREO C CAPO Sezione Add.to & Stand.ne UFF.LE SV/ATM CAP AAras CSA-TA Angelo STICCO 15 STORMO C/SAR 415 Gr.STO Servizio CSA STRUTTURA C ARO TWR GCA 1 PUNTI di CONTATTO CAPO SERVIZIO C.S.A.

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

Corso teorico per il conseguimento della. Abilitazione alla guida in aree interne aeroportuali. Aeroporto G. B. Pastine Ciampino, edizione 2008

Corso teorico per il conseguimento della. Abilitazione alla guida in aree interne aeroportuali. Aeroporto G. B. Pastine Ciampino, edizione 2008 Corso teorico per il conseguimento della Abilitazione alla guida in aree interne aeroportuali Aeroporto G. B. Pastine Ciampino, edizione 2008 PREMESSA Con il D. Lgs. 96/05 e il D. Lgs. 151/06 il governo

Dettagli

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Progetto esecutivo N. di progetto: MI14/012 Progettazioni Codice: 5 ESE N. Elaborato rev. 2 D T G 0 1 0 4 3 1 REV. Data Oggetto Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Contratto quadro per lavori

Dettagli

Coperture assicurative

Coperture assicurative Coperture assicurative Ogni fornitore e/o sub concessionario (di seguito denominato soggetto ) deve stipulare un adeguata copertura assicurativa a garanzia di tutti i danni arrecati a persone e/o cose

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello 1 AERODROMO MACCHI M.C. 72 1931 Nota introduttiva.- Il presente Annesso contiene gli standard e le raccomandazioni pratiche

Dettagli

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Atene (Grecia) Chicago, Illinois (USA) Ricostruzione del volo fino al momento del disastro aereo Resoconto delle testimonianze Estratti dal verbale del Civil Aeronautics

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile.

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile. Ente Nazionale per l'aviazione Civile CIRCOLARE SERIE SECURITY Data 7/10/2004 SEC-01 Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile. 1. PREMESSA Alcuni approfondimenti,

Dettagli

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ENAC Prevede l obbligo della certificazione per tutti gli aeroporti ove viene svolta una attività di Trasporto Pubblico con velivoli con 10 posti o

Dettagli

Capitolato Tecnico d Appalto

Capitolato Tecnico d Appalto Capitolato Tecnico d Appalto Appalto per l affidamento del servizio di assistenza passeggeri a ridotta mobilità presso l Aeroporto di Pisa G.Galilei Art. 1 Oggetto del Capitolato Tecnico Il presente capitolato

Dettagli

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z)

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Exam 245211 Data: Aeromobile: Callsign: Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Cessna 172 SP EXM5211 Aeroporto di partenza: Firenze Peretola (LIRQ) Elevazione: Magvar: 142ft 2 Est Spazio aereo

Dettagli

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO MaintenanceStories 2013 Kilometro Rosso 13 Novembre 2013 I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO Ing. Felice Cottino Presidente dell Osservatorio sulle attività di Manutenzione degli Aeroporti INDICE Premessa

Dettagli

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A DUVRI

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A DUVRI Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A DUVRI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RIGUARDANTI L ATTIVITA DI ASSISTENZA PASSEGGERI A RIDOTTA MOBILITÀ

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle,5 t 1 PREMESSA Il presente documento integra il testo del Protocollo

Dettagli

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra A cura di P.I. Gianmario Gnecchi Vice-Responsabile Distaccamento Aeroportuale Vigili del Fuoco di Orio al Serio - 1997 - sicurezza

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle COMUNE CAMPI BISENIO Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle Ordinanza del Responsabile del Servizio Mobilità e Traffico n. 262/2005 IL

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO

1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO 1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO CARATTERISTICHE FISICHE DELL AEROPORTO L infrastruttura aeroportuale copre un sedime di 245 ettari ed è suddivisa nelle sue sottostrutture land side e air side così

Dettagli

SEZIONE 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE

SEZIONE 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Sez 1/pag.1 SEZIONE 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Nel territorio del Comune di Settimo Torinese è presente lo stabilimento della società TOTALGAZ ITALIA (ex Lampogas Piemontese), soggetto al d.lgs. 105/2015

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE Le infrastrutture degli aeroporti statali italiani destinati al traffico commerciale sono, per la massima parte, di proprietà demaniale

Dettagli