Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:"

Transcript

1 LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE di Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati di Vicenza Introduzione La nuova azione revocatoria delle rimesse bancarie è disciplinata da due articoli della Legge Fallimentare, l art. 67 e l art. 70, così come modificati dal D.L. 14 marzo 2005 n. 35, dal D.Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5 e dal correttivo D.Lgs. 12 settembre 2007 n La nuova norma interessa le procedure dichiarate dal 17/03/2005. Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata: a) dal dimezzamento (da 1 anno a 6 mesi) del periodo sospetto (deve essere provata la conoscenza dello stato di insolvenza) (art. 67 co. 2 l.f.); b) dall esenzione da revocatoria per quelle rimesse che non abbiano ridotto in modo consistente e durevole l esposizione nei confronti della banca (art. 67 co. 3 l.f.); c) dalla previsione di un limite massimo all importo revocabile (inteso come sommatoria delle rimesse) determinato nel c.d. rientro, pari alla differenza tra massimo scoperto e saldo finale (art. 70 l.f.). Condizione necessaria per la revocabilità delle rimesse è quindi il verificarsi di un rientro nei 6 mesi anteriori la dichiarazione di fallimento. È appena il caso di sottolineare che, mentre la norma delimita il campo dell azione revocatoria in ottica negativa, quindi esentando da revocatoria le rimesse che non abbiano ridotto in modo consistente e durevole l esposizione debitoria, la presente analisi espone la materia in accezione positiva, ponendo l accento sulle rimesse revocabili. I principali punti tuttora controversi sono numerosi, e precisamente: a) le nozioni di consistenza e durevolezza, con riferimento alla riduzione dell esposizione debitoria; b) l applicazione congiunta degli artt. 67 e 70 l.f.; c) la rilevanza o meno del fido nella determinazione dei saldi a debito; La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

2 d) l applicazione dell art. 70 l.f.. a) Le nozioni di consistenza e durevolezza, con riferimento alla riduzione dell esposizione debitoria Circa l interpretazione dei concetti di riduzione consistente e durevole, sono già emerse alcune indicazioni giurisprudenziali; in particolare, si sono distinte tre sentenze del Tribunale di Milano, rispettivamente del 27/03/2008 (Giudice estensore dr Mauro Vitiello), del 25/05/2009 (dr Roberto Craveia) e del 21/07/2009 (ancora dr Mauro Vitiello). Dalla sentenza del 27/03/2008, la prima in ordine di tempo, si traggono le seguenti indicazioni: - «la consistenza del pagamento va individuata ricorrendo ad un parametro espresso in termini percentuali» che «può essere individuato nel 10% [ ] dell importo massimo revocabile, individuato dall art. 70 [ ] nella differenza tra la massima esposizione debitoria raggiunta dal fallito nel periodo c.d. sospetto e quella riscontrata al momento di apertura del concorso»; - la durevolezza si ha quando «il versamento [ ] non venga compensato da successivi prelevamenti (non necessariamente di importo corrispondente, ma anche superiore, o inferiore ma non tale da ridurre il ripianamento al di sotto dell individuata soglia di consistenza )», per un periodo (in termini di giorni) «dipendente dalla frequenza delle movimentazioni del conto». Per essere revocabili, le rimesse dovrebbero quindi essere maggiori del 10% del rientro, e rimanere tali (anche al netto di successivi addebiti) per un numero di giorni congruo rispetto alla movimentazione del conto (nel caso specifico, 10 giorni). Si tratta quindi di una quantificazione del tutto soggettiva. Questi concetti sono stati ribaditi dalla sentenza del 21 luglio 2009, la terza in ordine di tempo. Più specificamente, circa la durevolezza così è stata massimata tale sentenza: Il requisito della durevolezza della riduzione dell esposizione debitoria determinata dalla rimessa in conto corrente bancario consiste nell apprezzabile stabilità nel tempo dell effetto solutorio della rimessa stessa e tale effetto si realizza soltanto ove il versamento non sia seguito, per un La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

3 determinato lasso di tempo, la cui entità dipenderà dalla maggiore o minore intensità di movimentazione del singolo conto corrente, da prelievi in grado di ridurre il ripianamento al di sotto della soglia di consistenza. b) Coesistenza degli artt. 67 e 70 l.f., ovvero quale prevalga Sempre la sentenza del 27 marzo 2008 di Milano si è pronunciata in merito alla convivenza dei due articoli. Verificati i presupposti di revocabilità ex art.67 l.f., l art.70 l.f. viene applicato come tetto massimo. L importo revocabile si calcola andando quindi ad individuare le rimesse consistenti e durevoli (ex art.67 l.f.), e limitando poi l ammontare massimo al rientro (ex art.70 l.f.), di norma inferiore. Si segnala però che, con specifico riferimento ai fallimenti dichiarati tra il 17/03/2005 ed il 31/12/2007 la sentenza del 25/05/2009 (la seconda in ordine di tempo) esclude l applicabilità dell art. 70 l.f., come si illustrerà in seguito c) Rilevanza del fido nella determinazione dei saldi a debito Non è ancora pacifico se il fido debba essere considerato o meno nella determinazione degli importi revocabili. Tenuto conto di come è stata costruita la norma, il concetto di fido dovrebbe essere superato, ed è questa la tesi seguita dalla maggioranza degli interpreti. La già citata prima sentenza di Milano, come pure la terza, vi fanno invece riferimento; non così la seconda, del 25/05/2009. d) Come interpretare l art. 70 l.f. L art. 70 l.f. non fa alcun esplicito riferimento ai 6 mesi per la conoscenza dello stato di insolvenza; si potrebbe quindi ritenere non esistere alcun limite temporale, determinando il rientro su periodi anche superiori a 6 mesi. Si osservi come la specificazione che l art. 70 l.f. riguardi anche i rapporti di conto corrente sia stata introdotta soltanto con il D.Lgs. 169/07. Essendo la decorrenza di tale norma determinata, per legge, dall 1 gennaio 2008, e non trattandosi di norma interpretativa, si pone pertanto la questione se la disposizione sia applicabile anche per il periodo precedente (17 marzo dicembre 2007) oppure solo dall 1 gennaio La seconda sentenza del Tribunale di Milano fa propria quest ultima soluzione, per cui l art. 70 l.f. si applicherebbe solo a fallimenti dichiarati o con dichiarazione pendente dall 1 gennaio 2008 in poi. Le altre due sentenze, invece, lo ritengono comunque applicabili. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

4 CONTEGGI Da un punto di vista pratico-operativo, per determinare gli importi revocabili si devono effettuare i seguenti conteggi: - calcolare il rientro (massimo scoperto meno saldo all apertura della procedura) tenuto conto o meno dei sei mesi (se la conoscenza dello stato di insolvenza è anteriore, calcolo anche a quella data). Le fasi successive diventano praticamente superflue qualora si ritenga che l importo ex art. 70 l.f. costituisca il tetto massimo alle somme revocabili; - identificare le rimesse, applicando più criteri di riferimento, per attribuire la consistenza e la durevolezza; - calcolare il tutto con o senza fido. TABELLE di SINTESI Tabella 1 - LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE Applicabilità Procedure dichiarate dal 17 marzo 2005 Periodo sospetto 6 mesi Presupposto Conoscenza dello stato di insolvenza Revocabilità Rimesse che hanno ridotto l esposizione Caratteristiche riduzione Consistente e durevole Importo revocabile massimo Rientro Esenzioni - Pagamenti effettuati sulla base di un piano attestato; - Pagamenti per effetto di amministrazione controllata, concordato preventivo o accordo omologato ex art. Tabelle tratte in parte da Giuseppe Rebecca / Giuseppe Sperotti, La nuova revocatoria delle rimesse bancarie, Giuffre Editore, La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

5 Termini utilizzati 182 bis l.f. (piano di ristrutturazione) Art. 67 l.f. Esposizione debitoria Art. 70 l.f. Pretese Tabella 2 - LE PROBLEMATICHE DELLA NUOVA REVOCATORIA Riduzione consistente e durevole Riferimento della riduzione Coesistenza artt. 67 e 70 l.f. Prevalenza dell art. 67 o 70 l.f. Fido Saldo di riferimento Consecuzione di procedure Incostituzionalità Concetto da definire Si ritiene riferita al debito, non alle singole rimesse Alla fattispecie revocatoria delle rimesse sono applicabili i due articoli, i quali però presuppongono concetti diversi (la riduzione consistente e durevole è richiesta dall art. 67, non dall art. 70 l.f.). In questo caso sarebbe revocabile solo il rientro, se ed in quanto le riduzioni siano state consistenti. Teorie diverse sono già state avanzate su quale dei due articoli debba prevalere. Tesi maggioritaria, oggi: art. 70 l.f. con necessità di riduzioni consistenti. In definitiva si revoca il rientro. Art. 70 l.f. presumibilmente non applicabile dal 17/3/2005 al 31/12/2007. Per lo più è ritenuto ininfluente. È quindi revocabile anche il conto non scoperto, ovvero il rientro, anche se effettuato nei limiti dell affidamento Non è precisato come vada calcolato, se con la data contabile o la data disponibile. Tenuto conto dell evoluzione precedente, data disponibile. Validità della costruzione raggiunta dalla prassi. Effetti in ogni caso limitati. La data di riferimento dovrebbe essere quella della prima procedura, ma non è certo, tenuto conto delle nuove disposizioni Possibili eccezioni Tabella 3 - DECADENZA DELL AZIONE REVOCATORIA E APPLICABILITA SECONDO LE DIVERSE NORME SUCCEDUTESI REGOLE per l azione revocatoria Fallimenti dichiarati ante 16/7/ pendenti al 16/3/2005: vecchie regole per la revocatoria - dichiarati dal 17/3/2005: nuove regole per la revocatoria Fallimenti dichiarati dal 16/7/2006: nuove regole per la revocatoria DECADENZA dell azione revocatoria 5 anni dalla dichiarazione di fallimento 3 anni dalla data di fallimento e comunque 5 anni dall atto La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

6 Esaminiamo ora più analiticamente i vari punti già indicati, e precisamente: - la riduzione consistente ; - la riduzione durevole ; - il rientro; - la difficile coesistenza. La riduzione consistente La riduzione dell esposizione debitoria deve essere consistente (in caso contrario, l art. 67 l.f. esenta il pagamento da revocatoria). La norma non fornisce alcuna indicazione circa l ordine di grandezza da considerare. Si ritiene che la riduzione consistente possa essere valutata, ex post, alla luce dell andamento del saldo e dell operatività media del rapporto; come vedremo, le grandezze di riferimento potrebbero essere diverse. La norma si riferisce a riduzione consistente di debito per effetto di più rimesse, non di singole rimesse a sé stanti: quindi, nessun rilievo avrebbe il singolo movimento, dovendosi necessariamente far riferimento ad un insieme di rimesse, o meglio ancora al loro effetto complessivo. Le aggettivazioni sono in ogni caso riferite al debito, e non alle singole operazioni. Si espone subito una problematica pratica: se considerare le rimesse ritenute revocabili al lordo di eventuali somme addebitate, o al netto. Seguendo la tesi del lordo, se è consistente il rientro, allora l intera rimessa è revocabile, al di là di un suo eventuale parziale utilizzo (ossia a prescindere da eventuali addebiti in c/c immediatamente successivi). Ove si considerasse invece il netto, la rimessa sarebbe revocabile solo nel limite della quota non erosa da successivi utilizzi (addebiti). In entrambi i casi, comunque, se gli utilizzi (addebiti) sono tali da erodere quasi completamente l accredito (che quindi non è più consistente ), la rimessa non è revocabile. La riduzione può essere consistente con riferimento a uno di questi concetti: - importo assoluto, - importo rapportato al saldo debitore, - importo rapportato ai versamenti del periodo, - importo rapportato a tutte le operazioni del periodo, - importo rapportato al rientro, - importo rapportato al debito e alle operazioni medie, - importo percentuale su rapporto tra saldi medi e operazioni medie, - importo rapportato al debito e superiore a una determinata cifra fissa. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

7 Il concetto dell importo assoluto è la tesi ritenuta meno condivisibile; la consistenza potrebbe invece essere determinata in base ad una percentuale fissa rispetto al saldo debitore, iniziale o finale oppure massimo. In ogni caso è evidente la discrezionalità nella scelta, sia del valore percentuale sia del valore di riferimento. La consistenza può essere vista come derivato dall ordine di grandezza delle operazioni effettuate sul conto nel periodo interessato dalla revocatoria, ad esempio considerando l importo medio degli accrediti oppure di tutte le operazioni effettuate sul c/c. Il parametro importo rapportato al rientro per determinare la consistenza delle rimesse ha assunto una maggiore autorevolezza (anche a seguito della sentenza del Tribunale di Milano del 27 marzo 2008, la prima in ordine temporale). Ma il riferimento potrebbe anche essere collegato a due entità diverse: ad esempio saldo debitore medio e importo medio delle operazioni, oppure al rapporto tra saldi medi e operazioni medie. Un ulteriore metodo potrebbe consistere nell abbinare una cifra minima assoluta, magari determinata dopo aver valutato l andamento delle rimesse, con una cifra legata all andamento del conto ovvero il saldo medio. La riduzione durevole La riduzione dell esposizione debitoria deve essere anche durevole, oltre che consistente, requisito anch esso non esplicitato dalla norma. Si tratta di un concetto relativo; in ogni caso, ad essere durevole è la riduzione dell esposizione, non la singola rimessa. Potrebbe ritenersi che la durata della riduzione debba protrarsi fino alla chiusura del rapporto, ed allora durevole sarebbe sinonimo di definitivo ; conseguentemente l importo revocabile dovrebbe coincidere con il rientro stesso. Secondo altri durevole potrebbe risultare una riduzione dell esposizione debitoria protrattasi per qualche giorno, o per qualche settimana, anche se poi successive operazioni di addebito l abbiano riportata ai livelli precedenti. Anche per il concetto di durevole la pratica ha suggerito più riferimenti: - numero giorni assoluto, - durata rapportata alla tempistica usuale, - durata rapportata al numero di operazioni consistenti, - durata rapportata all esito del rientro. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

8 Si dovrà anche considerare che importanza dare all entità dell addebito, se cioè si intenda che la rimessa non debba essere seguita da nessun addebito, oppure se possa essere seguita da addebiti purchè di importo limitato (la cui entità massima è quindi da determinare). Aumentando il numero di giorni richiesto ai fini della durevolezza, aumenta potenzialmente il numero di addebiti che possono andare a ridurre gli accrediti. E evidente poi che gli ultimi accrediti, a ridosso della chiusura del conto (o del fallimento), restano ugualmente durevoli, poiché diventano definitivi. Altro criterio è la durata rapportata alla tempistica usuale; i giudici di Milano, nella citata sentenza del 27 marzo 2008, hanno ritenuto che fosse necessario far ricorso ad un criterio relativo e non assoluto, dipendente dalla valutazione della frequenza delle movimentazioni del conto; nel caso specifico la durevolezza è stata determinata in 10 giorni. La durevolezza andrebbe quindi analizzata in relazione al numero delle operazioni registrate in conto e alla loro frequenza, valutando caso per caso. I giudici milanesi hanno motivato esemplificando che qualche giorno di stabilità sarà sufficiente solo in presenza di un conto con rimesse e prelevamenti infragiornalieri. Si potrebbe anche ritenere che non tutte le operazioni debbano essere prese in considerazione per quantificare la durata media, ma solo quelle significative, ovvero gli accrediti consistenti; in tal caso, il calcolo si fa più complicato, poiché si devono prima individuare gli accrediti consistenti, e poi conteggiare i giorni liberi che li separano da un altro accredito o da un addebito che li riduce sotto tale soglia. Ci si chiede, poi, se sia corretto valutare la durata (diversa dalla durevolezza) di un accredito fino all accredito successivo, piuttosto che solo guardando agli addebiti che ne compromettono la consistenza (e quindi la durevolezza). Il rientro (art. 70 l.f.) E revocabile il cosiddetto rientro, e quindi l importo compreso fra massimo scoperto nell intero periodo e saldo finale del conto. L art. 70, comma 3, l.f. fa propria una tesi sulla revocabilità delle rimesse in conto corrente bancario già proposta in passato. Era stato anche stato ipotizzato che l art. 70 l.f. non riguardasse le rimesse bancarie; la modifica normativa introdotta dal D.Lgs. 169/2007 con l espressione aggiunta posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario ha comunque eliminato ogni possibile incertezza. Quanto ai fallimenti dichiarati precedentemente al 1/01/2008, ma ovviamente dal 17/3/2005, si deve prendere atto che la nuova norma non è interpretativa, essendone stabilita una specifica decorrenza successiva. In questo senso vedasi Cassazione 19231/2009. Conseguentemente l art. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

9 70 l.f. non sarebbe applicabile alle procedure dichiarate dal 17 marzo 2005 al 31 dicembre 2007, interpretazione presumibilmente non equa, ma alla lettera l unica possibile. Quindi, per procedure dichiarate nell intervallo temporale sopra indicato non si applicherebbe la limitazione dell art. 70 l.f.; tesi indubbiamente interessante, resistita e per la quale è stato sollevato un profilo di incostituzionalità per eccesso di delega, essendo il legislatore del decreto legislativo (correttivo) privo di potere d intervento specifico. Si tratta di una tesi fatta propria da Tribunale di Milano, sentenza del 25 maggio Artt. 67 e 70 l.f. La difficile convivenza La vera problematica della nuova revocatoria è essenzialmente data dalla difficile convivenza degli articoli 67 e 70 l.f.. Infatti non è chiaro se l articolo 70 l.f. sia applicabile solo come tetto massimo, dopo che si siano verificati i presupposti di revocabilità previsti dall articolo 67, oppure se prevalga in ogni caso l articolo 70. E ciò anche al di là dei diversi riferimenti temporali. Sono state avanzate tre differenti tesi: 1) sono applicabili tutti e due gli articoli (art. 67 e art. 70 l.f.). In questo caso la revocatoria ha il limite del rientro, ma solo se consistente e durevole; 2) è sempre applicabile l art. 70 l.f., che prevale. In questo caso si revoca sempre ed in ogni caso il rientro, senza alcun riferimento a riduzione di debiti consistenti e durevoli. Ma allora si dimostrerebbe del tutto inutile l art. 67; 3) è sempre applicabile l art. 67 l.f., che prevale. Ed allora l art. 70 l.f. sarebbe inutile, quantomeno nella fattispecie. La tesi prevalente è la preventiva applicazione dell art. 70 l.f., e poi dell art. 67 l.f.. Prima si determina il rientro, e poi si vanno a individuare, nell ambito dell importo determinato, le singole rimesse. E ovvio che così facendo risulterà sempre, o quasi sempre, un importo di rimesse superiori al rientro stesso. In questo caso, l art. 70 costituisce quindi una limitazione agli importi revocabili. Il diverso periodo di riferimento Per l esercizio dell azione revocatoria è richiesta la prova, da parte del curatore, della conoscenza dello stato di insolvenza da parte della banca; il periodo temporale massimo è di 6 mesi. Questo prevede l art. 67, comma 2 l.f.. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

10 L art. 70 l.f., invece, mentre non pone alcun riferimento temporale, fa esplicito riferimento al periodo per il quale è provata la conoscenza dello stato di insolvenza. Taluno interpreta questa diversa previsione con la possibilità che per l art. 70 non ci sia limitazione temporale alcuna. Con questa tesi sarebbe trovata una ragion d essere circa la coesistenza dei due articoli, il 67 e il 70 l.f.. Quest ultimo determina l ammontare massimo revocabile, senza limitazione temporale alla conoscenza dello stato di insolvenza; le singole rimesse revocabili saranno poi da determinare solo nei sei mesi precedenti. Il minore dei due importi sarà quanto revocabile. La rilevanza dell affidamento La previsione normativa è in negativo, nel senso che esenta da revocatoria certe rimesse, e l art. 67, comma 3 l.f. fa riferimento all esposizione debitoria. Sono concetti che mal si legano con il concetto di conto scoperto. Ove così fosse, quindi, tutta la costruzione giurisprudenziale di questi anni, sul punto, pare inutilizzabile. La norma parla di rimesse effettuate su conto corrente bancario, e non di pagamenti. Ciò rileva sotto due aspetti: a) qualsiasi annotazione a credito sul conto corrente può essere definita rimessa, e quindi non ci dovrebbero più essere i problemi di distinzione tra versamenti veri e propri e anticipi concessi dalla banca; b) il concetto di carattere solutorio non dovrebbe più avere importanza. L esposizione debitoria rappresenta comunque il saldo debitore del conto corrente, perdendosi così la distinzione tra saldo debitore e saldo scoperto. Ma potrebbe anche obiettarsi il contrario: l art. 67 comma 3, lett. b) l.f. si riferisce alla riduzione dell esposizione debitoria e quindi potrebbe anche sostenersi che, nei limiti dell affidamento, non c è esposizione debitoria e quindi nessun debito esigibile. L art. 70, comma 3 l.f., invece fa riferimento all ammontare massimo raggiunto dalle pretese del terzo (in definitiva ammontare massimo del debito), e anche questo concetto parrebbe staccarsi dalla distinzione tra saldo scoperto (ovvero fuori fido) e saldo passivo del conto corrente (nei limiti del fido). In ogni caso l interpretazione comune è per la non rilevanza degli affidamenti, ai fini della revocatoria; in senso contrario, però, Tribunale di Milano 27/3/2008 e 21/7/2009. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

11 Il saldo disponibile Potrebbe esserci incertezza sulla questione del saldo disponibile, cioè se i conteggi vadano comunque effettuati in base al saldo contabile o al saldo disponibile, riferimento questo ultimo ormai pacifico nella vecchia revocatoria. Osservato che il saldo disponibile è solitamente più scoperto del saldo contabile, poiché gli accrediti vengono in parte posticipati rispetto agli addebiti, il rientro così quantificato risulta in genere maggiore. Ma non c è ragione alcuna per cambiare l impostazione che, faticosamente, era stata raggiunta in molti anni. Taluno ha altresì ritenuto che tutta la questione del saldo disponibile non ha più valenza alcuna. Si ricorda anche la questione del saldo infragiornaliero, ovvero l ordine delle operazioni aventi la stessa data disponibile. L ordine delle operazioni può variare l ammontare del saldo disponibile, e quindi il calcolo del rientro revocabile. La Cassazione ha da tempo stabilito il principio, favorevole in ogni caso alle banche, dell anteposizione degli accrediti rispetto agli addebiti, e pressoché tutti si sono adeguati, eccetto talora la giurisprudenza del Tribunale di Milano che in qualche sentenza ha sostenuto come sia corretto seguire sempre e soltanto l ordine delle operazioni così come registrate in estratto conto. Anche questo concetto della anteposizione degli accrediti rispetto agli addebiti dovrebbe ritenersi applicabile nella nuova revocatoria, ancorché gli effetti siano sicuramente limitati, in quanto riferiti ad una sola data e non a una serie di date. Natura eventualmente interpretativa della nuova norma Per fallimenti anteriori al 17/3/2005 è stata sostenuta la tesi per cui le nuove disposizioni costituiscono norma di interpretazione autentica della norma precedente. Così non è stato però ritenuto, trattandosi di fattispecie differente [A Bologna 24/1/2007] e stante la necessaria univocità espressiva che il legislatore avrebbe dovuto impiegare, e non ha fatto [C /09 ed anche Tribunale di Catania 8/2/2007, Tribunale di Milano 9/5/2007, Tribunale di Trento 11/6/2007, Tribunale di Bergamo 23/14/2008]. Le prime sentenze Analizziamo le prime pronunce relative alla nuova revocatoria delle rimesse bancarie. La più rilevante è Tribunale di Milano 27 marzo 2008, seguita da altre due, sempre di Milano. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

12 Questi i punti salienti di questa prima sentenza: si riconferma la necessità che si tratti di conto scoperto (tesi non condivisa dai più); la consistenza del rientro è determinata dal 10% dell importo massimo revocabile; la durevolezza è determinata, trattandosi di un conto molto movimentato, in 10 giorni; l art. 70 l.f. costituisce il limite massimo revocabile. Abbiamo poi sempre Milano, 25/05/2009 i cui punti essenziali sono i seguenti. Tabella 5 - Sentenza del Tribunale di Milano n del 25 maggio 2009 Fido No. Saldo Disponibile. Ordine operazioni Da estratto conto. Operazioni consistenti Incidenza superiore a quella della rimessa media sul saldo medio post accredito. Operazioni durevoli Intervallo medio tra rimesse consistenti e utilizzo (anche ridotto) superiore all intervallo medio delle rimesse consistenti. Art. 70 L.F. Inapplicabile per fallimenti dichiarati ante 01/01/2008. Ultra petita Esclusa, in quanto nella citazione sono indicati i criteri, al di là degli importi (nel caso inferiori). Infine, sempre Milano, 21 luglio 2009 con giudice estensore sempre il Dott. Mauro Vitiello, che sostanzialmente conferma alla prima sentenza (27/3/2008). Fido Conto anticipi (o s.b.f.) Consistenza Si (anche se poi non se ne tiene conto). Non è più indicato se di c/c o anticipi su fatture o s.b.f. Considerato come un c/c ordinario, da sommare 10% del rientro ex art. 70 L.F. Art. 70 L.F. Applicabile anche a fallimenti dichiarati nel periodo 17/3/ /12/2007 Rimesse revocabili Al netto di addebiti (pare di capire, anche se si considera accrediti) Tribunale di Pescara 8 febbraio 2008 fissa questi principi: a) consistente, riferito al rientro; b) durevolezza (2 mesi), riferita al rientro, ancorchè come tendenza. Applicando l art. 70 ritenuto applicabile come limite massimo, dunque inteso come differenza tra il massimo scoperto del periodo e il saldo finale. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

13 Tribunale di Brescia 29 aprile 2008 ha trattato una fattispecie specifica di conto chiuso, ma estensivamente applicabile anche ai casi in cui il c/c non sia stato revocato, e tuttavia di fatto bloccato nella sua operatività (nessun addebito e/o nessun assegno addebitato). Si tratta del cosiddetto conto bloccato o congelato, il che equivale, a questi fini, al conto chiuso [In questo senso, vedasi già Tribunale Milano 9 luglio 2004]. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI 3 L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI (Prof. Sido Bonfatti) Parte Prima 1. Premessa. Effetti diretti ed indiretti della disciplina dell azione revocatoria fallimentare sul soddisfacimento

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE

CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE SOMMARIO: 1. Premessa. 2. La domanda, il piano e la proposta nell art. 161, sesto comma, l.f.. 3. Gli effetti.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

La riforma delle Procedure concorsuali

La riforma delle Procedure concorsuali 2 La riforma delle Procedure concorsuali iuaderni di formazione Collana di incontri e studi a cura della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo dell Emilia Romagna GIORNATA DI STUDIO - BOLOGNA,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014.

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014. CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA PRONTUARIO ADEMPIMENTI PUBBLICITARI IN MATERIA DI PROCEDURE CONCORSUALI Settima Edizione Gennaio 2014 CONTATTI LE CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario giugno 2003 I PATRIMONI ED I FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Riferimenti normativi e ambito di applicazione. 3. I tempi di pagamento della prededuzione: i poteri

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli