Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:"

Transcript

1 LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE di Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati di Vicenza Introduzione La nuova azione revocatoria delle rimesse bancarie è disciplinata da due articoli della Legge Fallimentare, l art. 67 e l art. 70, così come modificati dal D.L. 14 marzo 2005 n. 35, dal D.Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5 e dal correttivo D.Lgs. 12 settembre 2007 n La nuova norma interessa le procedure dichiarate dal 17/03/2005. Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata: a) dal dimezzamento (da 1 anno a 6 mesi) del periodo sospetto (deve essere provata la conoscenza dello stato di insolvenza) (art. 67 co. 2 l.f.); b) dall esenzione da revocatoria per quelle rimesse che non abbiano ridotto in modo consistente e durevole l esposizione nei confronti della banca (art. 67 co. 3 l.f.); c) dalla previsione di un limite massimo all importo revocabile (inteso come sommatoria delle rimesse) determinato nel c.d. rientro, pari alla differenza tra massimo scoperto e saldo finale (art. 70 l.f.). Condizione necessaria per la revocabilità delle rimesse è quindi il verificarsi di un rientro nei 6 mesi anteriori la dichiarazione di fallimento. È appena il caso di sottolineare che, mentre la norma delimita il campo dell azione revocatoria in ottica negativa, quindi esentando da revocatoria le rimesse che non abbiano ridotto in modo consistente e durevole l esposizione debitoria, la presente analisi espone la materia in accezione positiva, ponendo l accento sulle rimesse revocabili. I principali punti tuttora controversi sono numerosi, e precisamente: a) le nozioni di consistenza e durevolezza, con riferimento alla riduzione dell esposizione debitoria; b) l applicazione congiunta degli artt. 67 e 70 l.f.; c) la rilevanza o meno del fido nella determinazione dei saldi a debito; La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

2 d) l applicazione dell art. 70 l.f.. a) Le nozioni di consistenza e durevolezza, con riferimento alla riduzione dell esposizione debitoria Circa l interpretazione dei concetti di riduzione consistente e durevole, sono già emerse alcune indicazioni giurisprudenziali; in particolare, si sono distinte tre sentenze del Tribunale di Milano, rispettivamente del 27/03/2008 (Giudice estensore dr Mauro Vitiello), del 25/05/2009 (dr Roberto Craveia) e del 21/07/2009 (ancora dr Mauro Vitiello). Dalla sentenza del 27/03/2008, la prima in ordine di tempo, si traggono le seguenti indicazioni: - «la consistenza del pagamento va individuata ricorrendo ad un parametro espresso in termini percentuali» che «può essere individuato nel 10% [ ] dell importo massimo revocabile, individuato dall art. 70 [ ] nella differenza tra la massima esposizione debitoria raggiunta dal fallito nel periodo c.d. sospetto e quella riscontrata al momento di apertura del concorso»; - la durevolezza si ha quando «il versamento [ ] non venga compensato da successivi prelevamenti (non necessariamente di importo corrispondente, ma anche superiore, o inferiore ma non tale da ridurre il ripianamento al di sotto dell individuata soglia di consistenza )», per un periodo (in termini di giorni) «dipendente dalla frequenza delle movimentazioni del conto». Per essere revocabili, le rimesse dovrebbero quindi essere maggiori del 10% del rientro, e rimanere tali (anche al netto di successivi addebiti) per un numero di giorni congruo rispetto alla movimentazione del conto (nel caso specifico, 10 giorni). Si tratta quindi di una quantificazione del tutto soggettiva. Questi concetti sono stati ribaditi dalla sentenza del 21 luglio 2009, la terza in ordine di tempo. Più specificamente, circa la durevolezza così è stata massimata tale sentenza: Il requisito della durevolezza della riduzione dell esposizione debitoria determinata dalla rimessa in conto corrente bancario consiste nell apprezzabile stabilità nel tempo dell effetto solutorio della rimessa stessa e tale effetto si realizza soltanto ove il versamento non sia seguito, per un La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

3 determinato lasso di tempo, la cui entità dipenderà dalla maggiore o minore intensità di movimentazione del singolo conto corrente, da prelievi in grado di ridurre il ripianamento al di sotto della soglia di consistenza. b) Coesistenza degli artt. 67 e 70 l.f., ovvero quale prevalga Sempre la sentenza del 27 marzo 2008 di Milano si è pronunciata in merito alla convivenza dei due articoli. Verificati i presupposti di revocabilità ex art.67 l.f., l art.70 l.f. viene applicato come tetto massimo. L importo revocabile si calcola andando quindi ad individuare le rimesse consistenti e durevoli (ex art.67 l.f.), e limitando poi l ammontare massimo al rientro (ex art.70 l.f.), di norma inferiore. Si segnala però che, con specifico riferimento ai fallimenti dichiarati tra il 17/03/2005 ed il 31/12/2007 la sentenza del 25/05/2009 (la seconda in ordine di tempo) esclude l applicabilità dell art. 70 l.f., come si illustrerà in seguito c) Rilevanza del fido nella determinazione dei saldi a debito Non è ancora pacifico se il fido debba essere considerato o meno nella determinazione degli importi revocabili. Tenuto conto di come è stata costruita la norma, il concetto di fido dovrebbe essere superato, ed è questa la tesi seguita dalla maggioranza degli interpreti. La già citata prima sentenza di Milano, come pure la terza, vi fanno invece riferimento; non così la seconda, del 25/05/2009. d) Come interpretare l art. 70 l.f. L art. 70 l.f. non fa alcun esplicito riferimento ai 6 mesi per la conoscenza dello stato di insolvenza; si potrebbe quindi ritenere non esistere alcun limite temporale, determinando il rientro su periodi anche superiori a 6 mesi. Si osservi come la specificazione che l art. 70 l.f. riguardi anche i rapporti di conto corrente sia stata introdotta soltanto con il D.Lgs. 169/07. Essendo la decorrenza di tale norma determinata, per legge, dall 1 gennaio 2008, e non trattandosi di norma interpretativa, si pone pertanto la questione se la disposizione sia applicabile anche per il periodo precedente (17 marzo dicembre 2007) oppure solo dall 1 gennaio La seconda sentenza del Tribunale di Milano fa propria quest ultima soluzione, per cui l art. 70 l.f. si applicherebbe solo a fallimenti dichiarati o con dichiarazione pendente dall 1 gennaio 2008 in poi. Le altre due sentenze, invece, lo ritengono comunque applicabili. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

4 CONTEGGI Da un punto di vista pratico-operativo, per determinare gli importi revocabili si devono effettuare i seguenti conteggi: - calcolare il rientro (massimo scoperto meno saldo all apertura della procedura) tenuto conto o meno dei sei mesi (se la conoscenza dello stato di insolvenza è anteriore, calcolo anche a quella data). Le fasi successive diventano praticamente superflue qualora si ritenga che l importo ex art. 70 l.f. costituisca il tetto massimo alle somme revocabili; - identificare le rimesse, applicando più criteri di riferimento, per attribuire la consistenza e la durevolezza; - calcolare il tutto con o senza fido. TABELLE di SINTESI Tabella 1 - LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE Applicabilità Procedure dichiarate dal 17 marzo 2005 Periodo sospetto 6 mesi Presupposto Conoscenza dello stato di insolvenza Revocabilità Rimesse che hanno ridotto l esposizione Caratteristiche riduzione Consistente e durevole Importo revocabile massimo Rientro Esenzioni - Pagamenti effettuati sulla base di un piano attestato; - Pagamenti per effetto di amministrazione controllata, concordato preventivo o accordo omologato ex art. Tabelle tratte in parte da Giuseppe Rebecca / Giuseppe Sperotti, La nuova revocatoria delle rimesse bancarie, Giuffre Editore, La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

5 Termini utilizzati 182 bis l.f. (piano di ristrutturazione) Art. 67 l.f. Esposizione debitoria Art. 70 l.f. Pretese Tabella 2 - LE PROBLEMATICHE DELLA NUOVA REVOCATORIA Riduzione consistente e durevole Riferimento della riduzione Coesistenza artt. 67 e 70 l.f. Prevalenza dell art. 67 o 70 l.f. Fido Saldo di riferimento Consecuzione di procedure Incostituzionalità Concetto da definire Si ritiene riferita al debito, non alle singole rimesse Alla fattispecie revocatoria delle rimesse sono applicabili i due articoli, i quali però presuppongono concetti diversi (la riduzione consistente e durevole è richiesta dall art. 67, non dall art. 70 l.f.). In questo caso sarebbe revocabile solo il rientro, se ed in quanto le riduzioni siano state consistenti. Teorie diverse sono già state avanzate su quale dei due articoli debba prevalere. Tesi maggioritaria, oggi: art. 70 l.f. con necessità di riduzioni consistenti. In definitiva si revoca il rientro. Art. 70 l.f. presumibilmente non applicabile dal 17/3/2005 al 31/12/2007. Per lo più è ritenuto ininfluente. È quindi revocabile anche il conto non scoperto, ovvero il rientro, anche se effettuato nei limiti dell affidamento Non è precisato come vada calcolato, se con la data contabile o la data disponibile. Tenuto conto dell evoluzione precedente, data disponibile. Validità della costruzione raggiunta dalla prassi. Effetti in ogni caso limitati. La data di riferimento dovrebbe essere quella della prima procedura, ma non è certo, tenuto conto delle nuove disposizioni Possibili eccezioni Tabella 3 - DECADENZA DELL AZIONE REVOCATORIA E APPLICABILITA SECONDO LE DIVERSE NORME SUCCEDUTESI REGOLE per l azione revocatoria Fallimenti dichiarati ante 16/7/ pendenti al 16/3/2005: vecchie regole per la revocatoria - dichiarati dal 17/3/2005: nuove regole per la revocatoria Fallimenti dichiarati dal 16/7/2006: nuove regole per la revocatoria DECADENZA dell azione revocatoria 5 anni dalla dichiarazione di fallimento 3 anni dalla data di fallimento e comunque 5 anni dall atto La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

6 Esaminiamo ora più analiticamente i vari punti già indicati, e precisamente: - la riduzione consistente ; - la riduzione durevole ; - il rientro; - la difficile coesistenza. La riduzione consistente La riduzione dell esposizione debitoria deve essere consistente (in caso contrario, l art. 67 l.f. esenta il pagamento da revocatoria). La norma non fornisce alcuna indicazione circa l ordine di grandezza da considerare. Si ritiene che la riduzione consistente possa essere valutata, ex post, alla luce dell andamento del saldo e dell operatività media del rapporto; come vedremo, le grandezze di riferimento potrebbero essere diverse. La norma si riferisce a riduzione consistente di debito per effetto di più rimesse, non di singole rimesse a sé stanti: quindi, nessun rilievo avrebbe il singolo movimento, dovendosi necessariamente far riferimento ad un insieme di rimesse, o meglio ancora al loro effetto complessivo. Le aggettivazioni sono in ogni caso riferite al debito, e non alle singole operazioni. Si espone subito una problematica pratica: se considerare le rimesse ritenute revocabili al lordo di eventuali somme addebitate, o al netto. Seguendo la tesi del lordo, se è consistente il rientro, allora l intera rimessa è revocabile, al di là di un suo eventuale parziale utilizzo (ossia a prescindere da eventuali addebiti in c/c immediatamente successivi). Ove si considerasse invece il netto, la rimessa sarebbe revocabile solo nel limite della quota non erosa da successivi utilizzi (addebiti). In entrambi i casi, comunque, se gli utilizzi (addebiti) sono tali da erodere quasi completamente l accredito (che quindi non è più consistente ), la rimessa non è revocabile. La riduzione può essere consistente con riferimento a uno di questi concetti: - importo assoluto, - importo rapportato al saldo debitore, - importo rapportato ai versamenti del periodo, - importo rapportato a tutte le operazioni del periodo, - importo rapportato al rientro, - importo rapportato al debito e alle operazioni medie, - importo percentuale su rapporto tra saldi medi e operazioni medie, - importo rapportato al debito e superiore a una determinata cifra fissa. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

7 Il concetto dell importo assoluto è la tesi ritenuta meno condivisibile; la consistenza potrebbe invece essere determinata in base ad una percentuale fissa rispetto al saldo debitore, iniziale o finale oppure massimo. In ogni caso è evidente la discrezionalità nella scelta, sia del valore percentuale sia del valore di riferimento. La consistenza può essere vista come derivato dall ordine di grandezza delle operazioni effettuate sul conto nel periodo interessato dalla revocatoria, ad esempio considerando l importo medio degli accrediti oppure di tutte le operazioni effettuate sul c/c. Il parametro importo rapportato al rientro per determinare la consistenza delle rimesse ha assunto una maggiore autorevolezza (anche a seguito della sentenza del Tribunale di Milano del 27 marzo 2008, la prima in ordine temporale). Ma il riferimento potrebbe anche essere collegato a due entità diverse: ad esempio saldo debitore medio e importo medio delle operazioni, oppure al rapporto tra saldi medi e operazioni medie. Un ulteriore metodo potrebbe consistere nell abbinare una cifra minima assoluta, magari determinata dopo aver valutato l andamento delle rimesse, con una cifra legata all andamento del conto ovvero il saldo medio. La riduzione durevole La riduzione dell esposizione debitoria deve essere anche durevole, oltre che consistente, requisito anch esso non esplicitato dalla norma. Si tratta di un concetto relativo; in ogni caso, ad essere durevole è la riduzione dell esposizione, non la singola rimessa. Potrebbe ritenersi che la durata della riduzione debba protrarsi fino alla chiusura del rapporto, ed allora durevole sarebbe sinonimo di definitivo ; conseguentemente l importo revocabile dovrebbe coincidere con il rientro stesso. Secondo altri durevole potrebbe risultare una riduzione dell esposizione debitoria protrattasi per qualche giorno, o per qualche settimana, anche se poi successive operazioni di addebito l abbiano riportata ai livelli precedenti. Anche per il concetto di durevole la pratica ha suggerito più riferimenti: - numero giorni assoluto, - durata rapportata alla tempistica usuale, - durata rapportata al numero di operazioni consistenti, - durata rapportata all esito del rientro. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

8 Si dovrà anche considerare che importanza dare all entità dell addebito, se cioè si intenda che la rimessa non debba essere seguita da nessun addebito, oppure se possa essere seguita da addebiti purchè di importo limitato (la cui entità massima è quindi da determinare). Aumentando il numero di giorni richiesto ai fini della durevolezza, aumenta potenzialmente il numero di addebiti che possono andare a ridurre gli accrediti. E evidente poi che gli ultimi accrediti, a ridosso della chiusura del conto (o del fallimento), restano ugualmente durevoli, poiché diventano definitivi. Altro criterio è la durata rapportata alla tempistica usuale; i giudici di Milano, nella citata sentenza del 27 marzo 2008, hanno ritenuto che fosse necessario far ricorso ad un criterio relativo e non assoluto, dipendente dalla valutazione della frequenza delle movimentazioni del conto; nel caso specifico la durevolezza è stata determinata in 10 giorni. La durevolezza andrebbe quindi analizzata in relazione al numero delle operazioni registrate in conto e alla loro frequenza, valutando caso per caso. I giudici milanesi hanno motivato esemplificando che qualche giorno di stabilità sarà sufficiente solo in presenza di un conto con rimesse e prelevamenti infragiornalieri. Si potrebbe anche ritenere che non tutte le operazioni debbano essere prese in considerazione per quantificare la durata media, ma solo quelle significative, ovvero gli accrediti consistenti; in tal caso, il calcolo si fa più complicato, poiché si devono prima individuare gli accrediti consistenti, e poi conteggiare i giorni liberi che li separano da un altro accredito o da un addebito che li riduce sotto tale soglia. Ci si chiede, poi, se sia corretto valutare la durata (diversa dalla durevolezza) di un accredito fino all accredito successivo, piuttosto che solo guardando agli addebiti che ne compromettono la consistenza (e quindi la durevolezza). Il rientro (art. 70 l.f.) E revocabile il cosiddetto rientro, e quindi l importo compreso fra massimo scoperto nell intero periodo e saldo finale del conto. L art. 70, comma 3, l.f. fa propria una tesi sulla revocabilità delle rimesse in conto corrente bancario già proposta in passato. Era stato anche stato ipotizzato che l art. 70 l.f. non riguardasse le rimesse bancarie; la modifica normativa introdotta dal D.Lgs. 169/2007 con l espressione aggiunta posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario ha comunque eliminato ogni possibile incertezza. Quanto ai fallimenti dichiarati precedentemente al 1/01/2008, ma ovviamente dal 17/3/2005, si deve prendere atto che la nuova norma non è interpretativa, essendone stabilita una specifica decorrenza successiva. In questo senso vedasi Cassazione 19231/2009. Conseguentemente l art. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

9 70 l.f. non sarebbe applicabile alle procedure dichiarate dal 17 marzo 2005 al 31 dicembre 2007, interpretazione presumibilmente non equa, ma alla lettera l unica possibile. Quindi, per procedure dichiarate nell intervallo temporale sopra indicato non si applicherebbe la limitazione dell art. 70 l.f.; tesi indubbiamente interessante, resistita e per la quale è stato sollevato un profilo di incostituzionalità per eccesso di delega, essendo il legislatore del decreto legislativo (correttivo) privo di potere d intervento specifico. Si tratta di una tesi fatta propria da Tribunale di Milano, sentenza del 25 maggio Artt. 67 e 70 l.f. La difficile convivenza La vera problematica della nuova revocatoria è essenzialmente data dalla difficile convivenza degli articoli 67 e 70 l.f.. Infatti non è chiaro se l articolo 70 l.f. sia applicabile solo come tetto massimo, dopo che si siano verificati i presupposti di revocabilità previsti dall articolo 67, oppure se prevalga in ogni caso l articolo 70. E ciò anche al di là dei diversi riferimenti temporali. Sono state avanzate tre differenti tesi: 1) sono applicabili tutti e due gli articoli (art. 67 e art. 70 l.f.). In questo caso la revocatoria ha il limite del rientro, ma solo se consistente e durevole; 2) è sempre applicabile l art. 70 l.f., che prevale. In questo caso si revoca sempre ed in ogni caso il rientro, senza alcun riferimento a riduzione di debiti consistenti e durevoli. Ma allora si dimostrerebbe del tutto inutile l art. 67; 3) è sempre applicabile l art. 67 l.f., che prevale. Ed allora l art. 70 l.f. sarebbe inutile, quantomeno nella fattispecie. La tesi prevalente è la preventiva applicazione dell art. 70 l.f., e poi dell art. 67 l.f.. Prima si determina il rientro, e poi si vanno a individuare, nell ambito dell importo determinato, le singole rimesse. E ovvio che così facendo risulterà sempre, o quasi sempre, un importo di rimesse superiori al rientro stesso. In questo caso, l art. 70 costituisce quindi una limitazione agli importi revocabili. Il diverso periodo di riferimento Per l esercizio dell azione revocatoria è richiesta la prova, da parte del curatore, della conoscenza dello stato di insolvenza da parte della banca; il periodo temporale massimo è di 6 mesi. Questo prevede l art. 67, comma 2 l.f.. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

10 L art. 70 l.f., invece, mentre non pone alcun riferimento temporale, fa esplicito riferimento al periodo per il quale è provata la conoscenza dello stato di insolvenza. Taluno interpreta questa diversa previsione con la possibilità che per l art. 70 non ci sia limitazione temporale alcuna. Con questa tesi sarebbe trovata una ragion d essere circa la coesistenza dei due articoli, il 67 e il 70 l.f.. Quest ultimo determina l ammontare massimo revocabile, senza limitazione temporale alla conoscenza dello stato di insolvenza; le singole rimesse revocabili saranno poi da determinare solo nei sei mesi precedenti. Il minore dei due importi sarà quanto revocabile. La rilevanza dell affidamento La previsione normativa è in negativo, nel senso che esenta da revocatoria certe rimesse, e l art. 67, comma 3 l.f. fa riferimento all esposizione debitoria. Sono concetti che mal si legano con il concetto di conto scoperto. Ove così fosse, quindi, tutta la costruzione giurisprudenziale di questi anni, sul punto, pare inutilizzabile. La norma parla di rimesse effettuate su conto corrente bancario, e non di pagamenti. Ciò rileva sotto due aspetti: a) qualsiasi annotazione a credito sul conto corrente può essere definita rimessa, e quindi non ci dovrebbero più essere i problemi di distinzione tra versamenti veri e propri e anticipi concessi dalla banca; b) il concetto di carattere solutorio non dovrebbe più avere importanza. L esposizione debitoria rappresenta comunque il saldo debitore del conto corrente, perdendosi così la distinzione tra saldo debitore e saldo scoperto. Ma potrebbe anche obiettarsi il contrario: l art. 67 comma 3, lett. b) l.f. si riferisce alla riduzione dell esposizione debitoria e quindi potrebbe anche sostenersi che, nei limiti dell affidamento, non c è esposizione debitoria e quindi nessun debito esigibile. L art. 70, comma 3 l.f., invece fa riferimento all ammontare massimo raggiunto dalle pretese del terzo (in definitiva ammontare massimo del debito), e anche questo concetto parrebbe staccarsi dalla distinzione tra saldo scoperto (ovvero fuori fido) e saldo passivo del conto corrente (nei limiti del fido). In ogni caso l interpretazione comune è per la non rilevanza degli affidamenti, ai fini della revocatoria; in senso contrario, però, Tribunale di Milano 27/3/2008 e 21/7/2009. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

11 Il saldo disponibile Potrebbe esserci incertezza sulla questione del saldo disponibile, cioè se i conteggi vadano comunque effettuati in base al saldo contabile o al saldo disponibile, riferimento questo ultimo ormai pacifico nella vecchia revocatoria. Osservato che il saldo disponibile è solitamente più scoperto del saldo contabile, poiché gli accrediti vengono in parte posticipati rispetto agli addebiti, il rientro così quantificato risulta in genere maggiore. Ma non c è ragione alcuna per cambiare l impostazione che, faticosamente, era stata raggiunta in molti anni. Taluno ha altresì ritenuto che tutta la questione del saldo disponibile non ha più valenza alcuna. Si ricorda anche la questione del saldo infragiornaliero, ovvero l ordine delle operazioni aventi la stessa data disponibile. L ordine delle operazioni può variare l ammontare del saldo disponibile, e quindi il calcolo del rientro revocabile. La Cassazione ha da tempo stabilito il principio, favorevole in ogni caso alle banche, dell anteposizione degli accrediti rispetto agli addebiti, e pressoché tutti si sono adeguati, eccetto talora la giurisprudenza del Tribunale di Milano che in qualche sentenza ha sostenuto come sia corretto seguire sempre e soltanto l ordine delle operazioni così come registrate in estratto conto. Anche questo concetto della anteposizione degli accrediti rispetto agli addebiti dovrebbe ritenersi applicabile nella nuova revocatoria, ancorché gli effetti siano sicuramente limitati, in quanto riferiti ad una sola data e non a una serie di date. Natura eventualmente interpretativa della nuova norma Per fallimenti anteriori al 17/3/2005 è stata sostenuta la tesi per cui le nuove disposizioni costituiscono norma di interpretazione autentica della norma precedente. Così non è stato però ritenuto, trattandosi di fattispecie differente [A Bologna 24/1/2007] e stante la necessaria univocità espressiva che il legislatore avrebbe dovuto impiegare, e non ha fatto [C /09 ed anche Tribunale di Catania 8/2/2007, Tribunale di Milano 9/5/2007, Tribunale di Trento 11/6/2007, Tribunale di Bergamo 23/14/2008]. Le prime sentenze Analizziamo le prime pronunce relative alla nuova revocatoria delle rimesse bancarie. La più rilevante è Tribunale di Milano 27 marzo 2008, seguita da altre due, sempre di Milano. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

12 Questi i punti salienti di questa prima sentenza: si riconferma la necessità che si tratti di conto scoperto (tesi non condivisa dai più); la consistenza del rientro è determinata dal 10% dell importo massimo revocabile; la durevolezza è determinata, trattandosi di un conto molto movimentato, in 10 giorni; l art. 70 l.f. costituisce il limite massimo revocabile. Abbiamo poi sempre Milano, 25/05/2009 i cui punti essenziali sono i seguenti. Tabella 5 - Sentenza del Tribunale di Milano n del 25 maggio 2009 Fido No. Saldo Disponibile. Ordine operazioni Da estratto conto. Operazioni consistenti Incidenza superiore a quella della rimessa media sul saldo medio post accredito. Operazioni durevoli Intervallo medio tra rimesse consistenti e utilizzo (anche ridotto) superiore all intervallo medio delle rimesse consistenti. Art. 70 L.F. Inapplicabile per fallimenti dichiarati ante 01/01/2008. Ultra petita Esclusa, in quanto nella citazione sono indicati i criteri, al di là degli importi (nel caso inferiori). Infine, sempre Milano, 21 luglio 2009 con giudice estensore sempre il Dott. Mauro Vitiello, che sostanzialmente conferma alla prima sentenza (27/3/2008). Fido Conto anticipi (o s.b.f.) Consistenza Si (anche se poi non se ne tiene conto). Non è più indicato se di c/c o anticipi su fatture o s.b.f. Considerato come un c/c ordinario, da sommare 10% del rientro ex art. 70 L.F. Art. 70 L.F. Applicabile anche a fallimenti dichiarati nel periodo 17/3/ /12/2007 Rimesse revocabili Al netto di addebiti (pare di capire, anche se si considera accrediti) Tribunale di Pescara 8 febbraio 2008 fissa questi principi: a) consistente, riferito al rientro; b) durevolezza (2 mesi), riferita al rientro, ancorchè come tendenza. Applicando l art. 70 ritenuto applicabile come limite massimo, dunque inteso come differenza tra il massimo scoperto del periodo e il saldo finale. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

13 Tribunale di Brescia 29 aprile 2008 ha trattato una fattispecie specifica di conto chiuso, ma estensivamente applicabile anche ai casi in cui il c/c non sia stato revocato, e tuttavia di fatto bloccato nella sua operatività (nessun addebito e/o nessun assegno addebitato). Si tratta del cosiddetto conto bloccato o congelato, il che equivale, a questi fini, al conto chiuso [In questo senso, vedasi già Tribunale Milano 9 luglio 2004]. La nuova revocatoria delle rimesse bancarie Studio Rebecca & Associati dicembre

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello di Giuseppe Rebecca Studio Rebecca & Associati Vicenza/Schio Finalmente pubblicata una nuova sentenza del giudice Mauro Vitiello,

Dettagli

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca La nuova revocatoria fallimentare Studio Rebecca & Associati di Vicenza Partner Synergia Consulting Group Convegno IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE: OPERATORI A CONFRONTO 17 febbraio 2006 Palazzo dei Congressi

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe Grillenzoni Rag. Silvana Lanzotti Dott. Gianluca Mastrantonio Dott. Gregorio

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA

LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA di Giuseppe Rebecca e Giuseppe Sperotti, dottori commercialisti Sommario: 1. L incompatibilità

Dettagli

Revocatorie Rimesse bancarie

Revocatorie Rimesse bancarie Revocatorie Rimesse bancarie 22 giugno 2004 Confronto su prassi giudiziaria e giurisprudenziale presso il Tribunle di Torre Annunziata Dott. Massimo Sequino Presupposto normativo Art. 67 comma 2 legge

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10

I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10 1 I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10 Guida all impostazione dei criteri in Conto Giusto Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti o possibili migliorie del software si prega

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 Delibera CdA del 01.08.2012 Aggiornamento del 22 Gennaio 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

PROSPETTO DI SINTESI, ESTRATTO CONTO, STAFFA E PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE

PROSPETTO DI SINTESI, ESTRATTO CONTO, STAFFA E PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE PROSPETTO DI SINTESI, ESTRATTO CONTO, STAFFA E PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE (informativa periodica della banca verso il cliente in un rapporto di c/c) E s e r c i t a z i o n e 2 maggio 2006 PROSPETTO DI

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio 2009, n. 99, intende formulare alcune osservazioni in

Dettagli

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Anatocismo Interessi ultralegali Commissione di massimo scoperto ARGOMENTI Usura bancaria Costituisce il criterio di calcolo degli interessi applicato dalle

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

Giugno 2013. Damiano Tommasini, Professore a contratto di diritto fallimentare nell Università di Padova Avvocato, Studio De Poli - Venezia

Giugno 2013. Damiano Tommasini, Professore a contratto di diritto fallimentare nell Università di Padova Avvocato, Studio De Poli - Venezia ISSN: 2279 9737 Rivista di Diritto Bancario Giugno 2013 Sulle incertezze applicative della «nuova» azione revocatoria fallimentare di rimesse in conto corrente bancario (nota a Tribunale di Udine 24 ottobre

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014. Estensore Vitiello. Revocatoria fallimentare -

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta. www.ifa-nordest.it

Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta. www.ifa-nordest.it Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta www.ifa-nordest.it Anatocismo Interessi ultralegali Commissioni di massimo scoperto Usura bancaria Di cosa si tratta? Anatocismo: Costituisce il criterio di

Dettagli

INFORMATIVA RELATIVA ALL ISTITUZIONE DELLA COMMISIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CD CIV) Ai sensi art.6 bis D.L.6.12.2011 n. 201 conv. L.

INFORMATIVA RELATIVA ALL ISTITUZIONE DELLA COMMISIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CD CIV) Ai sensi art.6 bis D.L.6.12.2011 n. 201 conv. L. INFORMATIVA RELATIVA ALL ISTITUZIONE DELLA COMMISIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CD CIV) Ai sensi art.6 bis D.L.6.12.2011 n. 201 conv. L.214/2011 L art. 6 Bis del Decreto Legge 6.12.2011 n. 201, convertito

Dettagli

COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA

COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 29 ottobre 2015 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. Scopo del documento... 3 1.2.

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

OGGETTO: Iva di cassa : Richiesta di chiarimenti sulle modalità di incasso/pagamento e sui termini in cui considerare esigibile/detraibile l imposta

OGGETTO: Iva di cassa : Richiesta di chiarimenti sulle modalità di incasso/pagamento e sui termini in cui considerare esigibile/detraibile l imposta Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale Via G. A.. Guattani, 13 00161 Roma Tel. 06/44188461 Fax. 06/44188465 E-Mail: polfis@cna.it Sede di Bruxelles B -

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO A) GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTICOLO 182-BIS DEL REGIO DECRETO DEL 1942 N.267 Generalità Una delle novità di maggior rilievo

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Revocatoria fallimentare e istituti di credito Minimaster Ordine commercialisti Bergamo novembre 2011 - Federico Clemente

Revocatoria fallimentare e istituti di credito Minimaster Ordine commercialisti Bergamo novembre 2011 - Federico Clemente Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo MINIMASTER DI DIRITTO FALLIMENTARE * * * Revocatoria fallimentare e istituti di credito Intervento del 28 novembre 2011 Federico Clemente

Dettagli

L attività del consulente tecnico

L attività del consulente tecnico II Giornata Il contenzioso con le banche: rilievi pratici e giurisprudenziali L attività del consulente tecnico 1) Il ruolo del consulente tecnico: differenza tra CTP e CTU del Tribunale. 2) CTP: stretta

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Da una prima lettura del testo il tecnico deduce che il conto corrente è stato ricondotto ad un finanziamento ad interesse semplice.

Da una prima lettura del testo il tecnico deduce che il conto corrente è stato ricondotto ad un finanziamento ad interesse semplice. Riflessioni sul documento di consultazione della Banca d Italia in merito all attuazione dell articolo 120, comma 2, del Testo unico bancario in materia di produzione degli interessi nelle operazioni poste

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

Decisione N. 2667 del 30 aprile 2014

Decisione N. 2667 del 30 aprile 2014 IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia Prof.

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C...

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C... Relazione finale 26 ottobre 2010 Cliente: Pippo S.r.l. Istituto bancario: Banca S.p.A. C/C n.4177739 2 SOMMARIO 1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE

PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE (Prof. Sido Bonfatti) 1. I profili problematici delle innovazioni apportate dalla riforma alla disciplina dell azione revocatoria fallimentare. Relativamente

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa Il Punto sull Iva Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa L articolo 2, co.36-duodocies del D.L. n.138/11 stabilisce che sono considerati non operativi gli enti e le società

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità Come noto, con la Legge 14 maggio 2005, n. 80 (la Legge 80/2005 ), è stato convertito il Decreto Legge 14 marzo 2005, n. 35, recante

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Alessandro Leproux. Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE Il contenzioso bancario alla luce delle recenti novità normative e della sentenza della Corte Costituzionale n. 78/2012 Il quesito per il C.T.U. RELATORE:

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI GROSSETO

ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI GROSSETO Grosseto, 16/04/2008 Alle Spett.li Aziende Associate Oggetto : Convenzione per servizio ASSOANATOCISMO Si comunica che l Associazione Industriali Grosseto, attraverso la sua società Giano Servizi S.r.l.,

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012

Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012 DOTT. FILIPPO MARIA FERRUTA 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso Venezia,

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA Milano, 27, 28 febbraio, 6, 7, 13, 14, 20, 27, 28 marzo, 17 aprile 2015 Obiettivi La Scuola dei Professionisti della crisi di impresa nasce con l obiettivo

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE di GIUSEPPE REBECCA Sommario: 1. Premessa 2. Il corrispettivo 3. Persona fisica cedente 4. Il presupposto impositivo 5. Cosa può fare l Agenzia? 6. La norma antielusione

Dettagli

N. 01/2013. 13 Aprile 2013

N. 01/2013. 13 Aprile 2013 N. 01/2013 13 Aprile 2013 Il bilancio condominiale Innanzitutto cerchiamo di intenderci sul concetto di bilancio condominiale, termine non proprio del condominio ma delle società. In maniera estremamente

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI VIVA S.p.A. Via Romagna n 38 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel. 0423.495969 r.a. fax 0423.490774 www.vivaspa.it e-mail: info@vivaspa.it P.E.C. vivaspa@legalmail.it

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO

IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO L ANATOCISMO È la produzione di interessi da interessi appositamente capitalizzati Nella gestione del conto corrente quando la Banca, liquidando le competenze trimestrali,

Dettagli

Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting.

Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting. Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting. Data l importanza del momento dell incasso/pagamento per determinare l esigibilità/detraibilità dell

Dettagli

Revocatorie di rimesse bancarie

Revocatorie di rimesse bancarie Convegno organizzato da Consiglio Superiore della Magistratura Formazione decentrata dei magistrati distretto di Brescia Ordine degli avvocati di Mantova Ordine dei dottori commercialisti di Mantova Collegio

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI iscritti a valore nominale da esporre in bilancio a valore di realizzo VALUTAZIONE CREDITI «I crediti devono essere valutati al loro valore di presumibile

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di. fallimento.

Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di. fallimento. Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di fallimento. La recente riforma della legge fallimentare ha valorizzato e reso più autonomo il ruolo del curatore, più libera

Dettagli

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate Oggetto: Dogane Depositi IVA Alla luce dell ultimo intervento normativo in materia di Depositi IVA (Art.

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Dott. Claudia Rossi Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli