TITOLO DEL PROGETTO: TRA CULTO E CULTURA_GARANZIA GIOVANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO DEL PROGETTO: TRA CULTO E CULTURA_GARANZIA GIOVANI"

Transcript

1 PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA TITOLO DEL PROGETTO: TRA CULTO E CULTURA_GARANZIA GIOVANI Veduta di Ragusa Ibla 1

2 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Fondazione San Giovanni Battista La Fondazione San Giovanni Battista, in linea con i propri scopi statutari, fin dagli anni 90 ha svolto attività finalizzate all assistenza, accoglienza e promozione delle persone che per vari motivi si trovano in situazione di difficoltà. Tali attività sono gestite direttamente dalla Fondazione o in convenzione con Enti pubblici, Cooperative Sociali o Associazioni di volontariato. Nell ambito della Valorizzazione del Patrimonio artistico e culturale, si annovera l intervento della Fondazione finalizzato al recupero e al restauro dell Antico convento dei frati cappuccini di Ragusa Ibla. In questo convento, restituito alla comunità in tutto il suo splendore, nel 2008 grazie al contributo della Fondazione per il Sud è stato avviato il progetto "Centro di enogastronomia del Mediterraneo. Realizzazione di un Centro di valorizzazione della cultura enogastronomica". L Antico Convento è così diventato sede di corsi di alta formazione per cuochi e pasticceri, di un hotel essenziale e molto elegante, di un ristorante che mira al recupero dei gusti tradizionali e all innovazione enogastronomica. 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: REGIONALE 2 CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: TRA CULTO E CULTURA_GARANZIA GIOVANI 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Patrimonio artistico e culturale Area d intervento: Valorizzazione storie e culture locali Codice: D03 2

3 6) Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: Situata nell estrema punta meridionale della Sicilia, la provincia di Ragusa è la più piccola della regione, di cui occupa poco più della sedicesima parte (5.91%). Affacciato sul mare Mediterraneo, il territorio ragusano assume la forma di un triangolo, che ha per vertice a nord il Monte Lauro, la vetta più alta dei Monti Iblei, e per base il tratto costiero compreso tra la foce del fiume Acate (a circa dieci chilometri a sud della città di Gela) e il pantano Longarini che segna il confine con la provincia di Siracusa. Luogo fra i più suggestivi dell intera regione, la provincia iblea è stata spesso definita l altra Sicilia, volendo con ciò sottolineare uno spirito e un modo di vivere e convivere lontano dai tipici stereotipi siciliani. Al contempo, però, questi luoghi sembrano concentrare ed esaltare le espressioni più autentiche dello spirito, della cultura e del paesaggio isolani: dalle campagne assolate con i loro caratteristici muri a secco e i maestri alberi di carrubo che circondano bagli e masserie, alle spiagge dorate della zona costiera; dai monumenti barocchi dichiarati dall UNESCO patrimonio dell umanità, alle testimonianze archeologiche delle antiche civiltà che abitarono queste contrade; dalle produzioni tipiche dell agricoltura e dell artigianato locali alle specialità gastronomiche. Questo splendido scenario naturale ed architettonico ha costituito, negli anni, il luogo ideale di ambientazione di produzioni cinematografiche e televisive: Il Gattopardo di Luchino Visconti, L uomo delle stelle di Giuseppe Tornatore e, soprattutto, la serie TV Il Commissario Montalbano, il cui enorme successo ha amplificato la fama turistica di queste località sino alla creazione di veri e propri itinerari turistici attraverso i cosiddetti luoghi di Montalbano. L area iblea ha conosciuto negli ultimi anni una felice congiuntura turistica che si è giovata con tutta probabilità degli eventi che hanno colpito le altre mete del Mediterraneo come la Tunisia, l Egitto e la Turchia, da sempre concorrenti della Sicilia come mete di vacanze e segnate da una instabilità politica che ha dirottato sulla Regione Sicilia in generale e sulla Provincia di Ragusa in particolare un buon numero di turisti. Se già l Ufficio Statistico della Provincia Regionale di Ragusa mostrava nel 2012 un incremento di arrivi e di presenze, dovuto soprattutto agli stranieri e alle tipologie di alloggio extra alberghiere (v. grafico), il 2013, secondo i dati di Federalberghi, ha reso Ragusa la vera punta di diamante della Sicilia per quanto riguarda l incremento turistico. Rispetto all'anno scorso, fra Ragusa e provincia, i dati mostrano un incremento del 65%, con una fortissima presenza soprattutto di stranieri. A giocare un ruolo determinante è la capacità della zona di soddisfare le esigenze di tutti i tipi di turisti coniugando il mare e le spiagge con le bellezze artistiche e culturali e le specialità enogastronomiche. "Fondamentale per lo sviluppo turistico della Sicilia orientale - sottolinea il vicepresidente regionale di Federalberghi - è stata l'apertura dell'aeroporto di Comiso che in un anno di operatività ha fatto registrare 180mila passeggeri con previsioni, per il 2014, di circa 300mila passeggeri". 3

4 "Gli sforzi fatti dalle società di gestione degli aeroporti dell'isola hanno dato i loro frutti - spiega Farruggio - Il nuovo scalo di Comiso, il potenziamento delle tratte low cost su Palermo e Catania così come i collegamenti più efficienti con Roma hanno reso la Sicilia più facilmente raggiungibile e l'hanno anche aperta a un flusso diverso di turisti". L aeroporto che nell ottobre 2013 (a 4 mesi dalla sua apertura) vedeva un transito di circa passeggeri al mese, già nel marzo del 2014 aveva superato i passeggeri, accrescendo la sua offerta di tratte sia italiane che estere Beni culturali ed economia Riportiamo di seguito i risultati della ricerca dell Istituto Guglielmo Tagliacarne, centro di ricerca del sistema camerale, dal titolo Il sistema economico integrato dei beni culturali della provincia di Ragusa, che mira ad individuare il peso delle attività connesse con la valorizzazione dei beni culturali sull economia provinciale, rispetto alle potenzialità di sviluppo turistico della stessa. Tale studio, del 2010, individua cinque macrosettori costituenti l area denominata cultura base, ed in base a questa suddivisione effettua le misurazioni. I settori sono: Beni e attività culturali; Industria culturale (editoria, audiovisivi, multimediale); Enogastronomia e produzioni tipiche; Produzioni di natura industriale e artigiana; Architettura ed edilizia di riqualificazione. La ripartizione tra comparti vede la concentrazione potenziale più consistente nell architettura ed edilizia di riqualificazione (55,4% per il valore aggiunto, 53,2% per 4

5 l occupazione), seguita dall enogastronomia e produzioni tipiche (21,2% nel primo caso e 22,5% nel secondo), dall industria culturale (9,4% e 8,7%), dai beni e le attività culturali (7,1% e 7%) e, ultimi in termini di concentrazione, dalle produzioni di natura industriale e artigianale (6,9% e 8,6%). Il nucleo classico di questo complesso di attività economiche, rappresentato da beni culturali e industria culturale, costituisce il 16,5 % del totale, al di sotto sia della media regionale che nazionale. Visto in termini dinamici, nella provincia di Ragusa il sistema economico della cultura base presenta una crescita nel periodo osservato mediamente superiore al totale dell economia, sia in termini di valore aggiunto (+6,0% contro +5,5% in media annua), sia di occupazione (+3,8% contro +2,9%). Si nota come tra i settori di quella che viene definita cultura base, i due settori relativi ai beni ed attività culturali e all enogastronomia e produzioni tipiche si collocano ben al di sotto del trend positivo del reddito e dell occupazione prodotti per il totale delle attività economiche. Dal punto di vista territoriale la provincia di Ragusa rappresenta per il settore della cultura base il 7,1% del reddito prodotto in Sicilia e il 7,0% di occupati. D altra parte, la provincia di Ragusa è la terza provincia in termini di quota di reddito prodotto dalle attività culturali in questione (12,1% sul totale economia), mentre rispetto agli occupati, nel confronto con le altre provincie scende al settimo posto. 5

6 Oltre ai cinque settori più strettamente connessi alla cultura, si è ritenuto opportuno inserire nella quantificazione delle attività economiche legate al patrimonio culturale due ulteriori settori: le attività immobiliari e gli alberghi e ristorazione. 6

7 In conclusione, la stima per il 2006 del complesso della filiera della cultura della provincia di Ragusa si attesta su un valore aggiunto pari a circa 750 milioni di euro (15,2% del totale delle attività economiche) e una occupazione di circa 18 mila unità (16,0% del totale complessivo). Rispetto alla precedente classificazione, definita cultura base, con l aggiunta di queste due attività, il valore aggiunto presenta un aumento del 3,1% di quota sul totale e del 2,3% per l occupazione. Tale incremento è supportato principalmente dalla quota di produzione derivante dagli alberghi e dalla ristorazione che offrono una consistente e sempre maggiore offerta ricettiva come vedremo più avanti. Il nucleo classico delle attività culturali, rappresentato da beni culturali e industria culturale, subisce una diminuzione (13,1% del totale). Più di recente Le stime sulle performance del settore della cultura per gli anni più recenti nella provincia di Ragusa indicano un tendenziale rallentamento. Nel biennio l intera filiera della cultura è cresciuta ad un ritmo medio annuo del 4,5% vedendo diminuire il proprio numero di occupati ad un tasso medio annuo del 1,8%. In valori assoluti, la riduzione dell occupazione tra il 2006 ed il 2008 è corrisposta a circa 650 unità. Il settore della cultura base ha visto aumentare il proprio livello di valore aggiunto ad un ritmo medio annuo del 3,0% al quale ha fatto fronte, però, una contrazione del 2,9% riguardo all occupazione. Dai dati si evince chiaramente una dinamicità della provincia di Ragusa sul sistema economico della cultura base, che presenta una crescita nel periodo osservato mediamente superiore al totale dell economia, ma che rimane ancora distante dal potenziale che potrebbe raggiungere sia sotto il profilo economico che occupazionale. 7

8 L UNESCO Nel giugno del 2002, avviene il riconoscimento dell''unesco dell'area del Val di Noto nella World Heritage List (Lista del patrimonio dell'umanità). Il sito nel suo complesso è stato denominato, come da tabella sottostante, "Le città tardo barocche del Val di Noto (sud-est-della Sicilia)". (fonte: e Quaderno del Turismo della Regione Sicilia) La descrizione del sito e la giustificazione del suo inserimento nella lista del Patrimonio mondiale dell umanità sono inserite nel documento Unesco N 1024rev, che recita: 8

9 "Le otto città del sud-est della Sicilia: Caltagirone, Militello in Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli furono ricostruite dopo il 1693, nello stesso luogo o vicino alle città esistenti al tempo del terremoto di quell'anno. Esse rappresentano una considerabile impresa collettiva, portata con successo ad un alto livello di architettura e compimento artistico. Custodite all'interno del tardo Barocco, esse descrivono pure particolari innovazioni nella progettazione urbanistica e nella costruzione di città". I criteri adottati dall'unesco per l'iscrizione del Val di Noto nel Patrimonio dell'umanità sono i seguenti 4 (su 6 criteri): - Criterio 1: Questo gruppo di città del sud-est della Sicilia fornisce una notevole testimonianza del genio esuberante dell'arte e dell'architettura del tardo Barocco. - Cristerio 2: Le città del Val di Noto rappresentano l'apice e la fioritura finale dell'arte Barocca in Europa. - Criterio 3: L'eccezionale qualità dell'arte e dell'architettura del tardo Barocco del Val di Noto la posizionano in una omogeneità geografica e cronologica, così come la sua ricchezza è il risultato del terremoto, in questa zona, del Criterio 4: Le otto città del sud-est della Sicilia che hanno presentato questa richiesta sono l'esempio di sistemazione urbanistica in questa zona permanentemente a rischio di terremoti ed eruzioni da parte dell'etna". In tale contesto, la Diocesi di Ragusa è impegnata fin dal 1996 nella conservazione e promozione del proprio patrimonio storico-artistico e monumentale. A quella data risale infatti la istituzione dell Ufficio diocesano per i beni culturali con il compito specifico di promuovere la salvaguardia, la valorizzazione e la fruizione dei beni culturali di interesse religioso appartenenti ad enti ed istituzioni ecclesiastiche. Nella convinzione che fosse prima di tutto necessaria la ricognizione del patrimonio culturale, all interno del progetto nazionale promosso dalla Chiesa italiana, è stato avviato il progetto di inventariazione informatizzata dei beni culturali storico-artistici di pertinenza ecclesiastica dell intero territorio diocesano. Dopo l inserimento del centro storico di Ragusa nella lista del patrimonio dell umanità da parte dell UNESCO, con la segnalazione di 18 monumenti di cui undici di pertinenza ecclesiastica: si è reso necessario un maggiore impegno per garantire la fruibilità del patrimonio culturale garantendo l apertura degli edifici monumentali e l accoglienza dei visitatori. La diocesi ha così promosso un itinerario di visita dei monumenti di interesse religioso garantendo l apertura dei monumenti nei giorni festivi e durante la stagione estiva, facendo stampare apposito materiale informativo e di supporto alla visita, costituendo un associazione culturale per la promozione del patrimonio artistico. La Diocesi ha anche realizzato un importante opera di restauro degli edifici monumentali, usufruendo di risorse proprie o attingendo, tramite la Soprintendenza per i beni culturali, ai fondi messi a disposizione dalla Regione Sicilia e, per quanto riguarda il comune di Ragusa, ai fondi della legge speciale 61/81 per il recupero edilizio del centro storico di Ragusa che all art. 7 lettera c prevede interventi di consolidamento e restauro conservativo di chiese, chiostri, oratori, conventi adibiti o da adibire al culto e/o a centri di servizi pubblici o di uso pubblico sociali e culturali. A fronte di questo investimento e della crescita esponenziale dei dati sulla presenza dei turisti che accedono ai diversi monumenti si registra una carenza di guide ed 9

10 accompagnatori turistici nel territorio della provincia di Ragusa, come rappresentato dalla tabella di seguito riportata: (fonte: e Quaderno del Turismo della Regione Sicilia) LE SEDI DI ATTUAZIONE Di seguito descriviamo le sedi accreditate all interno delle quali agirà il progetto: CHIESA ANIME SANTE DEL PURGATORIO, RAGUSA IBLA Costruita nel 1658 dal sacerdote Giovanni Mazza. E una delle pochissime chiese che è resistita al terremoto del 1639, infatti nel 1699 era già aperta al culto. Nel 1703 si decise di ampliarla rendendo quella che era l antica chiesa la navata sinistra che conserva tutt ora l altare più antico. L interno è a tre navate divise da due ordini di colonne corinzie in pietra pece. La chiesa ospita molti splendidi altari e dipinti: quello dell altare maggiore, la tela più grande a Ragusa, di Francesco Manno (1794) raffigurante le anime del purgatorio; la Madonna del Rosario del fratello Antonio Manno (1775) nella navata di destra e, nella navata di sinistra, la Sacra famiglia di Tommaso Pollace del Nel primo quarto del secolo XVIII venne costruito il campanile, che e' separato dalla chiesa e poggia su un tratto delle mura bizantine del castello di Ragusa. Non risultando piu' adatta alle esigenze del popoloso quartiere, in quanto di piccole dimensioni e dotata di due sole navate, dopo l'acquisizione di alcuni spazi adiacenti, nel 1740 si diede inizio alla costruzione di una nuova chiesa, con un impianto di tipo basilicale, a tre navate concluse da due cappelle e da un ampio presbiterio absidato. Nel 1757, venne terminata la facciata, ma i lavori continuarono fino al 1787, quando venne terminata la zona presbiteriale e la chiesa fu aperta al culto. Il prospetto, posto su una ripida scalinata domina la piazza detta "degli 10

11 Archi", in ricordo delle arcate dell'antico acquedotto che l'attraversavano fino al 1693, ed e' costituito da due ordini coronati da un timpano. Il primo ordine e' diviso in tre parti da un capitello corinzio. Nel partito centrale si apre il portone d'ingresso, decorato con intagli a motivi vegetali, che porta nel coronamento le sculture raffiguranti le Anime Purganti; nei partiti laterali si aprono le altre due porte simili a quelle della seicentesca chiesa di S. Maria dei Miracoli, che sorge a poca distanza. L'interno e' diviso in tre navate da dieci colonne in pietra pece con capitello corinzi, realizzate nel 1741 sul modello di quelle della chiesa di San Giovanni. In fondo alle navate laterali si aprono le cappelle del SS Sacramento e del SS Crocifisso, il cui altare caratterizzato da belle colonne tortili e dalle statue di San Giovanni Evangelista e dell'addolorata, era forse l'altare maggiore dell'antica chiesa. In fondo alla navata centrale, sopraelevato di due gradini, si trova il presbiterio che e' chiuso da un abside semicircolare in cui si trova l'altare maggiore in marmi policromi, della fine del secolo XVIII, ed il grande quadro dei Santi e delle Anime Purganti, dipinto da Francesco Manno tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo. Caratteristiche sono le sculture del cornicione delle navate laterali, in cui sono raffigurati dei teschi con le insegne di re, papi, cardinali e vescovi, che simboleggiano la caducita' delle ricchezze e dei poteri umani. La Chiesa delle Anime del Purgatorio è l Ente giuridico della Chiesa dell Idria e della Chiesa di San Rocco. CHIESA S. MARIA DELLE STELLE COMISO La chiesa Madre di Santa Maria delle Stelle fu edificata tra la fine del XIV e l inizio del secolo XV e venne ricostruita in forme monumentali nella prima metà del XVII secolo. Danneggiata dal terremoto del 1693 fu restaurata e consacrata nel La grande cupola, di stile neogotico e che presenta all esterno un fregio in pietra riccamente intagliato, fu costruita nel 1894, su progetto dell architetto G. Galeotto. L'interno è diviso in tre navate da due file di pilastri che sorreggono grandi arcate ogivali sormontate da decorazioni, opera di stuccatori palermitani della seconda metà del XVIII secolo. Il tetto della navata centrale ospita cinque dipinti a olio realizzati dal pittore messinese Antonio Alberti detto il Barbalonga che vi ha raffigurato episodi dell'antico Testamento. Tra le altre opere risalta il dipinto in fondo all abside che raffigura la "Natività della Vergine", opera del pittore romano Carlo Maratta e altri dipinti di scuola siciliana. Particolari le sculture lignee settecentesche, tra cui spicca la statua dell Addolorata. La chiesa conserva inoltre un pregevole presepe napoletano del 700. DESTINATARI E BENEFICIARI DEL PROGETTO Destinatari diretti del progetto sono i soggetti ed i beni pubblici/collettivi su cui l intervento va ad incidere in maniera esplicita e mirata. In particolare: - I visitatori ( nel periodo giugno ottobre 2011) che potranno usufruire dell accompagnamento dei giovani alla visita dei siti, oltre che della visita autonoma grazie alle targhette informative che saranno realizzate ed affisse nelle sedi. - I soggetti con svantaggio sociale e le classi scolastiche che visiteranno le sedi, vivendo una relazione nuova con i posti e la cultura d appartenenza. Beneficiari favoriti indirettamente dall impatto del progetto sono: 11

12 - Tutto l indotto economico legato al settore turistico e culturale; - La popolazione che conoscerà più da vicino la storia e cultura locali. 12

13 BISOGNI FRUIZIONE TURISTICA, RELIGIOSA E CULTURALE Secondo i dati dell ufficio turistico curato dalla Pro Loco, nel periodo giugno ottobre 2011 sono stati circa 17 mila i turisti giunti a visitare la provincia. Anche guardando ai dati dell ufficio statistica della Provincia di Ragusa, è possibile notare come l andamento delle strutture ricettive sia stato in costante e sostenuta crescita fino al Tale sviluppo, relativamente recente nel territorio, comporta una responsabilità forte per quanti possono facilitare o meno una piacevole e fruttuosa fruizione delle opere da parte dei visitatori. La Diocesi, in tal senso, cura la conservazione delle chiese e dei beni mobili in esse contenute, giocando un ruolo importante nell esperienza culturale che tanto i visitatori quanto gli abitanti del territorio possono vivere. Stando all osservazione del flusso turistico effettuata dai giovani in servizio civile nel 2010 (Progetto Tra culto e cultura ), si è potuto osservare come il flusso sia sostenuto nel periodo dell anno che va da aprile ad ottobre. In tale periodo i turisti e visitatori arrivano a visitare le chiese durante tutto l arco della giornata. Tuttavia, molte volte, trovano le chiese chiuse, oppure non hanno la possibilità di essere accolti e accompagnati nella visita del sito. Indicatori: - Assenza di personale formato e qualificato ad offrire servizi di informazione; - Scarsa pubblicizzazione delle strutture fruibili e degli orari di apertura; - Attuale apertura delle chiese max 4 ore al giorno; assenza di un servizio di accoglienza dedicato ai turisti; - Molti abitanti non conoscono le opere artistiche del proprio territorio, con particolare riferimento a persone con svantaggio sociale; assenza di iniziative volte ad accrescere la cultura circa il territorio d appartenenza. 13

14 DESCRIZIONE DELLA RETE INFORMALE CON CUI SI COLLABORA PER REALIZZARE IL PROGETTO E DEL RELATIVO RUOLO ALL INTERNO DELLO SPECIFICO PROGETTO Per la realizzazione del progetto, le sedi si relazionano giornalmente, in maniera strutturata o informale, con una rete di enti che collaborano alla realizzazione del progetto: - Diocesi di Ragusa ed in particolare con l Ufficio Beni Culturali per: o l implementazione del sistema di inventariazione e catalogazione del patrimonio artistico-culturale ecclesiastico; o la formazione specifica dei volontari; o il supporto alla realizzazione di percorsi turistico culturale nell ambito dei diversi siti presenti nei Comuni del territorio; o la condivisione ed organizzazione di mostre, seminari, conferenze sui temi proposti dalle finalità del progetto; - Sovrintendenza ai Beni Culturali di Ragusa: o inserimento della biblioteca nel circuito della rete Biblioteche on-line ; o supporto per la realizzazione di guide illustrative per itinerari e percorsi turistico culturale; - Associazione EKKLESIA ONLUS: o partecipazione alla programmazione di iniziative tese alla tutela, alla promozione e alla valorizzazione dei beni d interesse artistico e storico ed in particolare di quelli previsti nel suindicato progetto; o realizzazione di incontri, conferenze, seminari, mostre, esposizioni tese allo sviluppo culturale ed alla conoscenza e valorizzazione del patrimonio di ordine artistico e storico nonché librario; o sinergica collaborazione per la realizzazione di opuscoli e materiale che permetta la realizzazione di percorsi turistico culturali. - Associazione Culturale Occhio Aperto : o partecipazione alla programmazione di uscite ed attività esterne, per la valorizzazione del territorio e la scoperta di luoghi ed eventi di interesse artistico e culturale; o realizzazione di incontri dedicati alla lettura di ordine artistico, culturale e storico - condivisa rispetto alle sedi inserite in progetto; - Comuni di Ragusa, Comiso: collaboreranno nella realizzazione di eventi tesi alla valorizzazione dei territori sedi di attuazione del progetto nonché alla promozione delle attività attraverso i loro servizi di informazione rivolta ai turisti. 14

15 DOMANDA E OFFERTA DI SERVIZI ANALOGHI A QUELLI OFFERTI DAL SEGUENTE PROGETTO La domanda di servizi è quantificabile calcolando il numero di visitatori che annualmente raggiungono le città in oggetto e che aspirano a visitare le sede di progetto: considerando i dati, visitatori sono stati in provincia nel solo periodo marzo giugno 2014, per cui si stima che almeno persone nell anno visiteranno i beni artistici del territorio. L offerta di servizi analoghi a quelli del progetto è dato unicamente da un protocollo d intesa tra Ufficio Beni Culturali della Diocesi e Comune di Ragusa, che dal 1 giugno al 31 ottobre 2014 permetterà l apertura al pubblico con possibilità di accompagnamento alla visita e di pieghevoli informativi per le seguenti chiese, tutte ubicate a Ragusa: Cattedrale San Giovanni (aperta dalle 10 alle 19), la Badia (dalle 10 alle 13 dalle 16 alle 19), San Rocco (dalle 10 alle 13), Purgatorio (dalle 10 alle 19), San Filippo Neri (che sarà fruibile su prenotazione), Itria (dalle 10 alle 13 dalle 15 alle 19), San Giorgio (dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 19), San Giuseppe (dalle 9 alle 12, dalle 15 alle 19), San Giacomo (dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 21), Santa Lucia (dalle 10 alle 13, dalle 15 alle 19) e La Maddalena (dalle 10 alle 13, dalle 16 alle 19). Per le restanti chiese non c è alcuna offerta di servizi analoghi. 15

16 7) Obiettivi del progetto: PREMESSA La Fondazione San Giovanni Battista, ispirandosi ai principi sanciti dalla legge 64/2001 e in linea con il decreto sulle linee guida per un sistema regionale del Servizio Civile in Sicilia, promuove una proposta di servizio civile che veda il giovane al centro della progettazione e dell attuazione del servizio civile, e consideri primaria la valenza formativa dello stesso. Questo vale maggiormente nel contesto siciliano, dove i giovani sperimentano una grandissima difficoltà a accedere agli strumenti dell autonomia individuale (lavoro, istruzione efficace, formazione continua), ad una piena cittadinanza (accesso alle sedi decisionali nelle istituzioni) : il Servizio civile deve rappresentare un momento privilegiato di passaggio verso l età adulta; un esperienza di cittadinanza, di protagonismo, di solidarietà. La Fondazione San Giovanni Battista si impegna dal 2007 a valorizzare il Servizio Civile Nazionale nel territorio della provincia di Ragusa, attraverso la cura di tutte le fasi in cui si stabilisce il contatto con i giovani, in quanto il coinvolgimento dei volontari è obiettivo prioritario, da perseguire fin dalle prime fasi della nascita del progetto. In quest ottica, la Fondazione San Giovanni Battista darà particolare impulso alla formazione, intesa come imparare facendo, ma anche come formazione generale, specifica e permanente, per permettere ai giovani l elaborazione, la riflessione, la scoperta di sé, degli altri compagni di viaggio, e del territorio di appartenenza; per stimolare l impegno nella vita civile e a concorrere con modalità nonviolente alla costruzione della pace. OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO I. MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA FRUIZIONE DEI SITI DI RILEVANZA CULTURALE DA PARTE DEI VISITATORI (TURISTI, PELLEGRINI, CITTADINI). OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO AREA DI INTERVENTO: Valorizzazione storie e culture locali SEDI: CHIESA ANIME SANTE DEL PURGATORIO (cod. id ) CHIESA S.MARIA DELLE STELLE (cod. id ) Obiettivo generale: MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA FRUIZIONE DEI SITI DA PARTE DEI VISITATORI E STUDIOSI. Bisogni - Assenza di personale formato e qualificato ad offrire servizi di informazione - Mancata pubblicizzazione delle strutture fruibili e degli orari di apertura OBIETTIVI SPECIFICI (situazione di arrivo) 1. Accrescere la qualità della fruizione da parte di turisti/pellegrini/visitatori: - N visitatori accolti e accompagnati nella conoscenza delle sedi 16

17 - Attuale apertura delle chiese max 4 ore al giorno; assenza di un servizio di accoglienza dedicato ai turisti; - Si stima che il 90% delle realtà rivolte a persone con svantaggio sociale non abbiano fatto esperienza di conoscenza del patrimonio artistico e culturale della diocesi. - Assenza di iniziative volte ad accrescere la cultura circa il territorio d appartenenza. Inoltre, in conformità con le linee guida regionali il progetto si propone di: 2. Implementare quantitativamente il numero di visitatori, con attenzione alla valenza educativa della visita alle sedi: - Implemento del tempo di apertura ai visitatori, con connessi servizi di accoglienza e supporto alla conoscenza. - N. 50 realtà ospitanti soggetti svantaggiati coinvolte nella visita alle sedi; - N. 40 classi scolastiche accompagnate alla conoscenza dei beni artistici locali, dopo apposita sensibilizzazione nelle scuole Obiettivo specifico Favorire la crescita personale dei giovani e la loro maturazione, nella dimensione prevalente del saper essere. Favorire la crescita professionale dei giovani e la loro maturazione, nella dimensione prevalente del sapere e del saper fare. Favorire la partecipazione al progetto di giovani con minori opportunità. Indicatore di risultato Valutazione della formazione generale e specifica e degli incontri previsti dalla scheda allegata; Monitoraggio interattivo. Bilancio di esperienza. N 10 giovani con minori opportunità che parteciperanno alla selezione e 2 minori con minori opportunità che parteciperanno al progetto; punteggio aggiuntivo assegnato nella valutazione del colloquio. Per perseguire l obiettivo di favorire la partecipazione di giovani con minori opportunità, la Fondazione attribuirà a questi giovani un punteggio aggiuntivo in sede di valutazione del colloquio (fino a 5 punti iin più), come meglio specificato alla voce 18 del progetto. In linea con il programma Garanzia Giovani, si perseguirà la qualificazione professionale di giovani fuori sia da processi educativi e di apprendimento che dal mercato del lavoro. Le competenze da questi acquisiti verranno rilevate tramite bilancio d esperienza e certificate dall Istituto Paideia (vd voce 28 del formulario). Di tali criteri aggiuntivi saranno informati i giovani in fase di promozione e pubblicizzazione del bando, tramite le modalità di comunicazione indicate alla voce 17 del progetto. 17

18 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi AREA DI INTERVENTO: Valorizzazione storie e culture locali SEDI: CHIESA ANIME SANTE DEL PURGATORIO (cod. id ) CHIESA S. MARIA DELLE STELLE (cod. id ) Obiettivo specifico: Accrescere la qualità della fruizione da parte di turisti/pellegrini/visitatori Attività 3.1 Come risultato della formazione iniziale, e dietro Realizzazione materiale affiancamento dei responsabili, si realizzerà materiale informativo informativo, consigliato e pubblicizzato tramite strutture ricettive ed alberghiere (info-point, b&b, ristoranti, agenzie di viaggi, pro-loco, ecc). Azione generale 3: accoglienza visitatori Attività 3.2 Pubblicizzazione attività del progetto Tramite i canali diocesani di informazione - la radio e l Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali si pubblicizzeranno le attività del progetto: itinerario chiese e biblioteca, orari d apertura delle sedi, possibilità di contattare l Ufficio beni culturali della Diocesi per effettuare visite lungo il percorso stesso, con l accompagnamento alla visita da parte dei volontari presenti nelle sedi. In particolare, i volontari parteciperanno a programmi e dirette radiofoniche e testimonieranno l esperienza nelle sue varie fasi tramite siti e giornale. Attività 3.3 rilevazioni sul flusso turistico L accoglienza dei visitatori diventa anche occasione per effettuare rilevazioni sul flusso turistico nelle sedi, tramite poche domande che permettono la collocazione del visitatore nella sua esperienza ragusana. Obiettivo specifico 4: Implementare quantitativamente il numero di visitatori, con attenzione alla valenza educativa della visita alle sedi 18

19 AZIONE GENERALE 4: L ARTE CHE EDUCA Attività 4.1 accoglienza dei visitatori Attività 4.2 soggetti svantaggiati Attività 4.3 scuole L apertura del tempo di apertura delle chiese ai visitatori permette un aumento del numero degli stessi. I giovani, adeguatamente formati, accoglieranno i visitatori e ne rileveranno le aspettative. Laddove il visitatore gradirà il supporto del giovane, i ragazzi accompagneranno i destinatari nella visita e risponderanno a domande, curiosità sulla sede. I giovani informeranno i visitatori sulle altre sedi del progetto, sugli itinerari consigliati, anche attraverso la fornitura di un depliant informativo realizzato dal progetto Tra culto e cultura nell anno I giovani provvederanno all aggiornamento e al miglioramento del depliant. Coinvolgimento di strutture e servizi residenziali o diurni rivolti a soggetti svantaggiati per la visita delle sedi e il coinvolgimento dei destinatari con metodologie coinvolgenti (illustrazioni tramite filmati, tracce audio per i non vedenti ecc.). I giovani contatteranno le realtà (centri educativi e ricreativi, case di riposo, case famiglia per disabili psichici ecc.) La sensibilizzazione alla conoscenza di storie e culture locali, attraverso la conoscenza dei beni ecclesiastici, avverrà nelle scuole durante le ore di religione, in almeno n. 40 classi scolastiche. Le classi aderenti verranno accompagnate alla conoscenza dei beni artistici locali, attraverso il supporto del servizio civile. I giovani, infatti, aspetteranno gli studenti e li coinvolgeranno nella presentazione delle opere. In conformità con le linee guida regionali il progetto si propone di: Obiettivo specifico a: Favorire la crescita personale dei giovani e la loro maturazione. ACCOMPAGNAMENTO FORMATIVO MESE La finalità di sostenere i giovani nella crescita personale si persegue nel gruppo e con il gruppo, luogo in cui i volontari sperimenteranno la valorizzazione di sé ed il rafforzamento delle risorse personali, attraverso l accompagnamento formativo ed il sostegno all elaborazione dell esperienza. A tal fine si prevedono le seguenti attività: - un incontro trimestrale di 1 o 2 giornate con i volontari in servizio con la Fondazione ed altri enti del territorio; - testimonianza dell esperienza presso scuole, parrocchie, realtà sensibili. I volontari della Fondazione San Giovanni Battista prenderanno parte ad 19

20 BILANCIO D ESPERIENZA E CERTIFICAZIONE DI COMPETENZE. 12 MESE almeno 2 momenti di incontro con i volontari in servizio presso la Caritas Diocesana di Ragusa, il Comune di Vittoria, la Confcooperative/Consorzio La Città Solidale di Ragusa. Gli incontri saranno l occasione per confrontare impressioni, vissuti ed esperienze di ragazzi che sperimentano l impegno di servizio civile presso enti diversi, in progetti diversi, spesso a contatto con tipologie di utenza differenti e con organizzazioni dalle caratteristiche non uniformi. Come già avvenuto, si prevede la partecipazione dei giovani alla giornata della memoria delle stragi di Capaci e Palermo (23 Maggio). In linea con il programma Garanzia Giovani, si perseguirà la qualificazione professionale di giovani fuori sia da processi educativi e di apprendimento che dal mercato del lavoro. Le competenze da questi acquisiti verranno rilevate tramite bilancio d esperienza e certificate dall Istituto Paideia (vd voce 28 del formulario). Obiettivo specifico b: Favorire la partecipazione al progetto di giovani con minori opportunità e a rischio di esclusione sociale PUBBLICIZZAZIONE DEL PROGETTO Durata del bando di selezione INTEGRAZIONE VOLONTARI primi 40 giorni DEI Le modalità di pubblicizzazione del bando di servizio civile e della proposta della Fondazione San Giovanni Battista sono fondamentali per far sì che anche giovani con minori opportunità partecipino alla selezione, con la consapevolezza che questo ente (rispetto ad altri) può favorire la loro partecipazione al progetto, nelle modalità indicate alla voce 18. La Fondazione si preoccuperà di informare i giovani di questo criterio aggiuntivo di selezione attraverso le modalità descritte alla voce 17, attraverso gli incontri informativi di pre-selezione previsti alla voce 18, oltreché scegliendo luoghi strategici per l affissione e distribuzione di materiale informativo. L inserimento dei volontari in Servizio Civile Nazionale sarà accompagnato dall ente, attraverso un percorso di tutorship personalizzata che punta ad assistere i volontari nel primo periodo di formazione intensiva, osservazione delle dinamiche esistenti nelle sedi e di intensa elaborazione del vissuto con i formatori e gli olp. In questa fase, apparentemente poco produttiva, viene chiesto ai volontari di osservare ed apprendere, senza assumere responsabilità dirette. In realtà, l attuazione di questa fase di accoglienza e integrazione, rappresenta un pre-requisito essenziale alla piena integrazione e partecipazione di tutti i volontari nelle realtà in cui operano, con particolare attenzione ai giovani con minori opportunità e a rischio di esclusione sociale. 20

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Soc. Coop. Istituto Ulisse per lo sviluppo della cultura al lavoro ISVIL 2) Codice

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 SCHEDA PROGETTO SEDE OPERATIVA ROMA (RM) CENTRO DON ORIONE MONTE MARIO CODICE SEDE 98090 SETTORE ASSISTENZA 06 DISABILI [ TITOLO PROGETTO Riabitare il mondo Ente

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli