Revocatoria fallimentare e istituti di credito Minimaster Ordine commercialisti Bergamo novembre Federico Clemente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Revocatoria fallimentare e istituti di credito Minimaster Ordine commercialisti Bergamo novembre 2011 - Federico Clemente"

Transcript

1 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo MINIMASTER DI DIRITTO FALLIMENTARE * * * Revocatoria fallimentare e istituti di credito Intervento del 28 novembre 2011 Federico Clemente 1

2 2

3 REVOCATORIA FALLIMENTARE E ISTITUTI DI CREDITO L innovativa riforma dell istituto della revocatoria fallimentare, introdotta dal D.L. 35/2005, le modifiche apportate con il D. Lgs. 169/2007, l ampio dibattito dottrinale sviluppatosi e le prime pronunce giurisprudenziali concernenti il nuovo impianto normativo offrono l occasione per una panoramica delle problematiche e delle possibili soluzioni percorribili in tema di revocatorie, in sede di fallimento, agli istituti di credito. Si richiamano le due modifiche normative introdotte sul tema nell impianto normativo della legge fallimentare, ossia: - il terzo comma dell art. 67 l.f., a norma del quale non sono soggetti all azione revocatoria b) le rimesse effettuate su un conto corrente bancario, purchè non abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca ; - il terzo comma dell art. 70 l.f., a norma del quale qualora la revoca abbia ad oggetto atti estintivi di posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario, il terzo deve restituire una somma pari alla differenza tra l ammontare massimo raggiunto dalle sue pretese, nel periodo per il quale è provata la conoscenza dello stato d insolvenza, e l ammontare residuo delle stesse, alla data in cui si è aperto il concorso. Le innovazioni qui richiamate vanno a modificare radicalmente il precedente quadro normativo e, soprattutto, il quadro applicativo che ne era scaturito. Giova rammentare che l approccio alle revocatorie al sistema bancario, prima dei richiamati interventi normativi, era saldamente radicato su un profilo interpretativo, vale a dire che erano ritenute revocabili tutte le rimesse pervenute nel periodo sospetto su un conto corrente scoperto (ossia passivo oltre il fido, ove concesso), nei limiti in cui tali rimesse avessero ricondotto l esposizione del conto alla soglia di disponibilità per il correntista. Lo scoperto del conto, inoltre, secondo l orientamento giurisprudenziale disponibile. da ultimo radicato, veniva determinato sulla base del saldo 3

4 Si ritiene opportuno ripercorrere le differenti problematiche giuridiche e tecniche che caratterizzano il tema, in raccordo con le possibili interpretazioni e applicazioni conseguenti alla nuova normativa. Il conto corrente Contratto principe nei rapporti tra banca e cliente (non vi è pressoché nessun cliente di banca che non sia titolare di un rapporto di conto corrente), è peraltro dal punto di vista civilistico è un tipo di rapporto che trova la sua collocazione e configurazione di base (artt ). Il conto corrente, in base all art cod.civ., viene definito il contratto col quale le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche rimesse, considerandoli inesigibili e indisponibili fino alla chiusura del conto. La definizione è al di fuori del corpo riservato ai contratti bancari, laddove vi è solo una sezione dedicata alle operazioni bancarie regolate in conto corrente (artt ). L impostazione codicistica ha dato corso a molteplici, diversificate interpretazioni in relazione alla definizione ed alla natura del contratto. Lo sviluppo dottrinale si basa, nell evoluzione più recente, su alcuni punti fermi. Si muove dall assunto secondo cui il codice civile non prevede il conto corrente bancario 1 per statuire che il conto corrente bancario non è riconducibile al conto corrente ordinario. Conseguentemente, è esclusa la tipicità legale del contratto e la possibilità di ottenere una definizione giuridica dello stesso. E stato quindi ritenuto che il conto corrente bancario sia un contratto autonomo, di tipo normativo, derivato dalla unione di prestazioni proprie di altri contratti, intorno ad una prestazione principale di mandato 2. In direzione non sostanzialmente dissimile è stato affermato 3 che il conto corrente bancario sia un contratto innominato o misto, caratterizzato dal contratto bancario diretto a creare la disponibilità presso la banca a favore del cliente (es. apertura di 1 Liace, I contratti bancari, Padova, 2002, pag. 120; Ceccherini-Genghini, I contratti bancari nel codice civile, Milano, 2003, pag. 597; Silvetti, La banca: l impresa e i contratti, Padova, 2001, pag. 477 e 479; sul tema anche, Tarzia, Il contratto di conto corrente bancario, Milano, 2001, pag. 70; Cavalli, Conto corrente bancario, in Enciclopedia Giuridica Treccani, Roma, 1989 pag. 1; Ferri, Conto corrente di corrispondenza, Enc. Dir., Milano, 1961, pag. 666; Caltabiano, Il conto corrente bancario, Padova,1967, pag. 89; Salanitro, Il conto corrente bancario, in Digesto, Discipline privatistiche, Torino, 1989, p.8 2 Molle, I contratti bancari, in Trattato dir. civ. econom., Milano, 1983, pag. 413; Fiorentino, Le operazioni bancarie, Napoli, 1964, pag. 221; Spinelli-Gentile, Diritto bancario, Padova, 1984, pag. 236; in giurisprudenza, Cass., 10 febbraio 1982 n. 815, in Banca, borsa, tit. cred., 1982, II, pag Pellegrino, Contratti bancari e procedure concorsuali, Padova, 2000, pag. 150; in forma di eventualità, Cavalli, Conto corrente, cit., pag. 2 4

5 credito o deposito bancario) e dall obbligo della banca di eseguire gli incarichi ricevuti dal cliente. Secondo un ulteriore corrente di pensiero, non si verte nell ambito di un contratto unico a causa mista, ma si è innanzi ad una pluralità di contratti collegati sul piano funzionale, ma strutturalmente autonomi 4. Le pur autorevolissime posizioni dottrinali sopra richiamate non convincono, ad avviso di chi scrive, nell escludere necessariamente una configurazione del conto corrente bancario più lineare, e immediatamente riconducibile alle disposizioni civilistiche del conto corrente ordinario, con le ulteriori specificazioni normative in termini di operazioni bancarie regolate in conto corrente. Si considerino infatti le seguenti circostanze: - il conto corrente ordinario, come accennato, costituisce una forma di regolamentazione tra le parti delle reciproche spettanze, derivanti da atti di diversificata natura; - su tale conto quindi si annotano gli effetti, in termini di dare ed avere, di altri contratti tra le parti, contratti ben distinti dal contratto di conto corrente, e che non perdono la loro identità e la loro regolamentazione specifica per il solo fatto della annotazione del loro risvolto economico sul conto corrente (come confermato dall art cod. civ.) 5 ; - il saldo del conto corrente è esigibile alla scadenza stabilita. Su questa schematica struttura, si innestano (ma non in via antitetica) le specifiche norme relative (come chiaramente indicato dall art cod. civ.) alle operazioni regolate in conto corrente. Tali norme, che per l appunto riguardano operazioni derivanti da differenti contratti intervenuti tra cliente e banca (quali, per menzione dello stesso art cod. civ., il deposito o l apertura di credito), non sostituiscono le norme sul conto corrente ordinario, ma anzi presuppongono la sussistenza di un contratto di conto corrente. Tale contratto, in quanto di supporto alla regolamentazione di operazioni bancarie, viene ad assumere alcune specifiche (ulteriori) connotazioni di legge, ossia in particolare: 4 Ferri, conto corrente cit., pag cfr. Cass., 26 ottobre 1968 n. 3572, in Banca, borsa e tit. credito, 1969, II, 1, con commento di Molle, Nota minima sul diritto della banca alla restituzione delle somme anticipate nel conto corrente bancario 5

6 - il correntista può disporre in qualsiasi momento delle somme a suo credito, salva l osservanza del termine eventualmente pattuito. Il che costituisce uno sviluppo di quanto contenuto nell art cod. civ., secondo cui il saldo del conto è esigibile alla scadenza stabilita, e può perfino portare ad una equivalenza (laddove la scadenza ex art.1823 sia prevista in spazi temporali ridotti, pari al termine di cui all art cod. civ.) 6 ; - la banca risponde secondo le regole del mandato per l esecuzione di incarichi ricevuti dal correntista. Come è stato lucidamente evidenziato in dottrina 7, il mandato è solo eventuale, in quanto il correntista può limitarsi a dare corso a depositi e prelevamenti eseguiti per cassa. Il conto corrente bancario, in conclusione, può essere definito come un contratto di conto corrente ordinario nel quale, salvo patto contrario, il saldo a credito del correntista è a disposizione di quest ultimo in qualsiasi momento 8. A conforto della tesi sviluppata, si consideri che la dottrina, nel giustificare l estinzione automatica del conto corrente bancario in caso di fallimento, si rapporta al fatto che esso non è più in grado di perseguire il proprio scopo, ossia quello di liquidare per saldo ed a termine, anziché di volta in volta, i rapporti di credito e debito intercorrenti tra le parti (scopo tipico del conto corrente ordinario ex art cod. civ.) 9. 6 non così per Cass., 14 dicembre 1971, n. 3638, in Foro it., 1972, I, pag. 326, secondo cui il conto corrente di corrispondenza si distingue dal contratto di conto corrente perché quest ultimo è caratterizzato dalla libertà e dalla reciprocità delle rimesse nonché dalla indisponibilità ed inesigibilità del saldo fino alla chiusura del conto, mentre nel primo, che ha per oggetto una prestazione della banca, a favore del cliente, di un servizio sostanzialmente corrispondente ad un servizio di cassa, il saldo è disponibile in ogni momento 7 Tarzia, Il contratto di conto corrente bancario, Milano, 1990, pag. 162; Fiorentino, Conto corrente, cit., pag da registrare, per completezza, la posizione di Morelli, Materiali per una configurazione del conto corrente bancario come contratto legalmente tipico, in Giust. Civ., 1998, II, pag. 139, secondo cui il conto corrente bancario costituisce un contratto legale tipico, essendo le tre componenti essenziali del contratto - rapporto di provvista, attività gestoria, regolamento contabile - prefigurate e disciplinate negli art e 1856 del codice civile. 9 Bonsignori, Il fallimento, in Trattato di diritto civile e commerciale, Padova, 1986, pag. 419; Ragusa Maggiore, Effetti del fallimento sui rapporti giuridici preesistenti, in Le procedure concorsuali, Torino, 1997, pag. 295; Mazzocca, Manuale di diritto fallimentare, Napoli, Si richiama anche, in giurisprudenza, Cass, 11 ottobre 1971, n. 2840, in Foro it., 1972, I, pag. 1321, secondo cui nel contratto di conto corrente bancario, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1823, 1827, 1831, 2697 del codice civile, la banca non può esigere il pagamento di singole voci del suo avere senza prima aver proceduto alla chiusura del conto e dimostrato l esistenza di un saldo attivo a suo favore. La Suprema Corte, quindi, ritiene applicabili le norme basilari del conto corrente ordinario (ancorché non richiamate dall art cod. civ.) al conto corrente tra banca e cliente 6

7 Le rimesse Precisato quanto precede, il primo aspetto su cui cade l accento è l introduzione del concetto di rimessa nell ambito della revocatoria bancaria. Sotto un profilo strettamente concettuale, l impostazione può apparire come una stortura, posto che la revocatoria, per quanto di specifico interesse, viene ad operare nel caso di pagamenti. Il termine rimessa va ricondotto all art cod. civ., laddove si enuncia che il conto corrente è il contratto col quale le parti si obbligano ad annotare in conto i crediti derivanti da reciproche rimesse. La rimessa, quindi, viene a costituire l atto dal quale sorge il credito di ciascuna delle parti da annotare in conto corrente. Come precisato in dottrina 10, la rimessa è tecnicamente un atto neutro, perché rappresenta l accreditamento di una somma su un conto. Diviene revocabile quando costituisce un atto solutorio, cioè quando rappresenta un pagamento. A prescindere dalle pur comprensibili censure dottrinali circa l uso di un termine, rimesse, che non conosce una definizione normativa, proprio in questa direzione pare muoversi l orientamento del legislatore, ossia: - la volontà di porre un freno allo sviluppo giurisprudenziale ante riforma, secondo cui le rimesse disposte dal correntista sul conto corrente, ossia tutti gli accreditamenti, potevano venire in considerazione quali pagamenti di un debito (con l artificioso calmieramento costituito dalla distinzione tra conto scoperto e conto passivo, ossia negativo nei limiti dell apertura di credito in conto corrente); - l intenzione di prendere in considerazione le rimesse nella loro accezione di pagamento, quando gli accrediti sul conto valgano a ridurre l esposizione della banca. Confortano l assunto interpretativo i lavori della Commissione ministeriale per la riforma delle procedure concorsuali, dalla quale era stato approvato un testo che, senza specifico riferimento alle rimesse, in un primo momento esentava da revocatoria i pagamenti compiuti nell ambito di rapporti contrattuali continuativi per i 10 Arato, La revocatoria delle rimesse bancarie nel nuovo art. 67 l. fall., in Il Fallimento, 2006,

8 quali siano provati la corretta esecuzione e il regolare andamento, così da portare il regolare andamento del contratto quale discrimen per la revocabilità o meno delle rimesse 11. Di fatto, mentre l andamento regolare del conto non lascia ipotizzare estremi per ipotesi di revocatoria, le rimesse assumono veste di pagamento, con valenza solutoria, quando escono dall operatività ordinaria consentendo alla banca un riposizionamento della propria esposizione ad un livello inferiore 12. La soluzione prospettata si riavvicina alle prime, risalenti interpretazioni dottrinali 13 e giurisprudenziali 14 della normativa ante riforma, che riconducevano la revocabilità delle rimesse alla sola ipotesi di quelle pervenute dopo la chiusura del conto, in stretta aderenza alla qualificazione normativa del contratto di conto corrente. Di fatto, anche, è una soluzione che si avvicina alla tesi per cui il sostanziale congelamento del rapporto di conto, anche in assenza di una sua cessazione formale o di una revoca espressa del fido, conduce alla revocabilità degli accrediti 15 (revocabilità che ora viene allargata alle rimesse che, pur in presenza di un conto con una residua vitalità, abbiano ridotto l esposizione in modo consistente e durevole). 11 Guglielmucci, La nuova normativa sulla revocatoria delle rimesse in conto corrente, in Il Diritto fallimentare, 2005, I, Terranova, La nuova disciplina delle revocatorie fallimentari, in Il Diritto fallimentare, 2006, I, 260, secondo cui il legislatore ha dovuto chiarire, una volta per tutte, che le rimesse non sono pagamenti. Per altro verso, però, è sembrato doveroso impedire che le banche possano approfittare della predetta immunità... ; Trib. Udine, 24 febbraio 2011, in Il fallimento, 2011, 688, secondo cui è la riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca a conferire natura solutoria alle rimesse 13 Legnetti, Note sulle rimesse in conto corrente bancario e sull art. 67, comma 2, legge fall., in Banca, Borsa, tit. cred., 1973, I, 88; Tacchini, Apertura di credito in conto corrente e attività cognitiva nell ammissione del saldo al passivo del fallimento, in Mon. Trib., 1974, 270, secondo cui il versamento sul conto corrente da parte dell accreditato non comporta l inversione della disponibilità del denaro, tipica del pagamento, in quanto il correntista continua a disporre della liquidità versata sul conto corrente e non subisce una diminuzione patrimoniale. 14 App. Venezia, 10 giugno 1969, in Banca, Borsa, tit. cred., 1970, II, 428; Trib. Napoli, 16 febbraio 1966, in Foro It., Rep. 1966, voce Banca, n. 40; Cassazione, 12 gennaio 1971, n. 38, in Foro It., 1971, I, 378, secondo cui la banca, quando accredita ad un suo correntista la somma pervenutale dal debitore di costui, diviene debitrice del correntista accreditato e, inserendo il debito nel conto corrente, si opera una compensazione legale ex art c.c. con il saldo a debito del correntista; analogamente, Cassazione, 15 dicembre1970, n. 2685, in Foro It., 1971, I, 2886, secondo cui le operazioni attive e passive di un conto corrente di corrispondenza non sono equiparabili a compensazioni convenzionali suscettibili di revocatoria. 15 Cassazione n. 3657/1984; Cassazione n /2007 8

9 Conto scoperto e conto passivo Come è noto la giurisprudenza, nell impostazione ante riforma (fondata sulla revocabilità di tutte le rimesse solutorie nel periodo sospetto), aveva introdotto una distinzione tra conto scoperto e conto passivo, fissando come segnalato i seguenti concetti: a. sono revocabili tutte le rimesse su conto corrente scoperto, e quindi che abbiano ridotto l esposizione del correntista; b. il conto corrente è da considerarsi scoperto quando la banca ne abbia consentito il passivo oltre i limiti del fido, e per la sola quota di passivo extra fido, ovvero quando il conto passivo non sia assistito da alcun affidamento (e quindi lo scoperto è pari al saldo negativo). Il tutto, con la conseguenza che gli accrediti su conto corrente in presenza di affidamento sono revocabili nella misura in cui abbiano ridotto il passivo nei limiti del fido 16. Ci si pone la questione se la distinzione tra conto passivo e conto scoperto abbia ancora ragione di sussistere. La dottrina maggioritaria, con cui si concorda, ritiene che venga meno l importanza della eventuale apertura di credito e quindi la distinzione tra conto passivo e scoperto: quello che conta ora è solo l individuazione delle rimesse che hanno ridotto in modo consistente e durevole l esposizione debitoria del correntista 17. D altro canto, se la nuova disciplina (come poc anzi affermato) che dichiara la regola generale della irrevocabilità delle rimesse si concentra su quelle sole che abbiano concretamente contribuito a ridurre l esposizione del correntista assumendo per tale via la qualifica di pagamento, viene a perdere di significato la soglia dell affidamento. Tra le prime posizioni giurisprudenziali permane contrasto. 16 Cfr. Cass. 18 ottobre 1982, n. 5413, in Il fallimento, 1982, 1249 ss. 17 Cfr. Arato, La revocatoria,cit., 856; analogamente Silvestrini, La nuova disciplina della revocatoria delle rimesse su conto corrente bancario, in Il Fallimento, 2005, 847, secondo cui la oggettiva funzione solutoria o ripristinatoria può essere accertata soltanto ex post, con la conseguenza di revocare non soltanto gli accrediti che abbiano comportato un rientro dagli sconfinamenti, ma anche le rimesse che, seppur avvenute entro i limiti dell apertura di credito, non siano state più seguite da successivi prelievi ;Guglielmucci, La nuova normativa sulla revocatoria delle rimesse in conto corrente, in Il diritto fallimentare, 2005, I, 805 ss. 9

10 Un orientamento volge in questa direzione, attestando che la pregressa impostazione, poggiata sulla distinzione tra conto passivo e scoperto, era coerente con lo sforzo di dover necessariamente inquadrare ex ante per poter parlare di rimessa solutoria e quindi revocabile ogni singola rimessa a credito nelle esposizioni di conto corrente bancario nello schema del pagamento, visto che il legislatore ante riforma non riconosceva espressamente la revocabilità delle rimesse bancarie... 18, attestando altresì che la riforma prevede la revocabilità di tutte quelle rimesse che, invece di essere utilizzate per espletare il servizio di intermediazione del pagamento, vengono utilizzate per ripianare rapporti tra correntista e banca. Altre posizioni 19 rinnovano, invero senza particolari motivazioni, l impostazione per cui rivestono natura solutoria soltanto le rimesse intervenute a conto corrente scoperto 20, ossia passivo oltre il fido. Saldo contabile e saldo disponibile Tra le elaborazioni interpretative retaggio della precedente normativa, vi è quella della individuazione dello scoperto di conto tra le possibili alternative del saldo contabile, del saldo per valuta e del saldo disponibile. Dopo una serie di oscillazioni la giurisprudenza, in ciò confortata dalla dottrina, si è orientata per la scelta del saldo disponibile 21 al fine di determinare l esposizione giornaliera del conto corrente. La nuova normativa, ad avviso di chi scrive, non comporta alcuna variazione sul punto cosicché, correttamente, si dovrà continuare a vagliare l andamento del rapporto in base al saldo disponibile Trib. Udine, 24 febbraio 2011, cit. 19 Trib. Milano, 25 maggio 2009, in Il fallimento, 2010, 602; Trib. Milano, 21 luglio 2009, in Il diritto fallimentare, 2010, II, 2 20 Trib. Milano, 21 luglio 2009, cit., il quale d altra parte applica anche alle rimesse confluite sul conto anticipi, con impostazione non condivisibile, l affidamento di cassa concesso sul conto ordinario 21 Cfr. Cassazione, 22 marzo 1994, n Cfr. Rebecca, La nuova revocatoria delle rimesse in conto corrente, profili tecnico contabili, in Il Diritto fallimentare, 2006, I, 1223; Guglielmucci, La nuova normativa.., cit, 808; contra, Trib. Milano, 25 maggio 2009, cit. 10

11 Rapporto tra l art. 67, comma 3, lett. b) e l art. 70, comma 3, l.f. Estremamente complessa è la determinazione del rapporto tra l art. 67, comma 3, lett. b) e l art. 70, comma 3, della legge fallimentare. L art. 67, infatti, come si è avuto modo di esaminare fissa la regola base della esclusione delle rimesse effettuate su conto corrente bancario, fatta esclusione per quelle che abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca. L art. 70, invece, attesta che quando la revoca abbia ad oggetto atti estintivi di posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario. il terzo deve restituire una somma pari alla differenza tra l ammontare massimo raggiunto dalle sue pretese, nel periodo per il quale è provata la conoscenza dello stato di insolvenza, e l ammontare residuo delle stesse, alla data in cui si è aperto il concorso. Si rimanda all esempio numerico in allegato. La dottrina ha sviluppato diversificate ipotesi interpretative; le principali, pur con diverse sfumature, possono così essere sintetizzate: a) la differenza di importi fissata dall art. 70 l.f. coincide con la riduzione ex art. 67, terzo comma, lett. b). A sostegno di tale assunto è stato osservato che l art. 70 non dice che il terzo deve al massimo restituire la differenza ivi prevista, ma che tale differenza costituisce quanto deve essere restituito, cosicché l art. 70 assume valenza di interpretazione autentica dell art. 67 in tema di rimesse, nel senso che i versamenti seguiti da successivi prelievi non costituiscono rimesse revocabili perché non hanno ridotto in maniera durevole l esposizione debitoria del fallimento 23. Inoltre, è stato sostenuto come sia da escludersi un principio di specialità tra le due norme (art. 70, norma generale, art. 67 norma speciale), in virtù della mancanza di diversità di disciplina tra le due norme, da intendersi come completamento l una dell altra, cosicché la riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria di cui fa parola l art. 67, terzo comma, lett. b), legge fallimentare coincide in tutto e per tutto con la differenza tra l ammontare massimo 23 Arato, La revocatoria delle, cit., in Il fallimento, 2006,

12 delle pretese della banca verso il fallito nel periodo in cui è provata la conoscenza dello stato di insolvenza e il residuo delle stesse al momento in cui si è aperto il concorso 24. Le rimesse, dunque, secondo questa linea interpretativa non vanno considerate in modo atomistico, ma come importo unico, coincidente con la somma algebrica ex art b) l art. 67 impone in primo luogo di individuare le rimesse revocabili (ossia quelle che abbiano ridotto in modo consistente e durevole il debito del correntista), la cui sommatoria non può in ogni caso superare il limite di cui all art. 70 l.f. 26. La seconda impostazione pare più convincente. Argomentando per una lettura unitaria degli artt. 67 e 70 in tema di rimesse, infatti, perderebbe di significato la specificazione per cui le rimesse, per essere revocabili, devono aver ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione debitoria. A nulla, infatti, nell impostazione indicata servirebbe tale specificazione, mentre l esegesi interpretativa porta in primo luogo a cercare di dare sempre un senso alla norma. Inoltre, l impostazione in esame includerebbe nella possibilità di revoca, ad esempio, l ipotesi di un conto corrente che abbia avuto nel periodo un andamento del tutto regolare, con rimesse e prelievi di modesto importo e in linea con l operatività storica del rapporto, ma che abbia comunque conosciuto una riduzione dello scoperto, per effetto in ipotesi di una progressiva lieve differenza tra le rimesse e i prelievi, ovvero più semplicemente per una riduzione della attività d impresa del correntista. L ipotesi tracciata costituirebbe, ad avviso di chi scrive, una violazione dello spirito e delle finalità della norma, che invece evidentemente vuole mandare 24 Farina, Alla ricerca delle rimesse revocabili: spunti critici per una riflessione sul nuovo art. 67, terzo comma, lett. b), l. fall.; 25 Castiello D Antonio, La revocatoria fallimentare delle rimesse in conto corrente e degli atti estintivi dei rapporti continuativi e reiterati in Il Diritto fallimentare, 2006, I, 645; Farina, Alla ricerca delle rimesse revocabili: spunti critici per una riflessione sul nuovo art. 67, terzo comma, lett. b), l. fall., cit., Patti, L esenzione da revocatoria delle rimesse bancarie, in Il Fallimento, 2006, 238; Fortunato, La natura dell azione revocatoria nella nuova legge fallimentare, in La riforma della legge fallimentare, Milano, 2005, 7; Tarzia ; Trib. Milano, 27 marzo 2008, in Il fallimento, 2008, 1213 ss. 12

13 esenti da revocatoria i terzi che abbiano proseguito i rapporti con l imprenditore secondo parametri di ordinaria operatività. Inoltre, si osserva che la collocazione della disposizione limitativa (differenza tra massimo scoperto e credito residuo alla data di fallimento), posta nell art. 70, rubricato Effetti della revocazione, non sia frutto di casualità o di errore, ma possa condurre ad una interpretazione che ponga la differenza contabile enunciata quale limite (massimo) dell importo da restituire, per effetto della revocazione 27. In definitiva, una lettura che salvaguardi la significatività di entrambe le prescrizioni in commento (art. 67 e art. 70) può essere la seguente: - devono essere colpite le sole, singole rimesse che abbiano ridotto in modo consistente e durevole il passivo del correntista, in quanto le stesse costituiscono espressione della volontà dell istituto di credito di rientrare, ancorché a svantaggio degli altri creditori, per effetto della percepibile insolvenza del debitore; - in ogni caso, l entità di tali rimesse non può superare la somma algebrica di cui all art. 70, terzo comma, poiché la lesione della par condicio creditorum (o, se si preferisce, il vantaggio conseguito dall istituto) non può essere superiore a tale importo. Si è osservato 28 che, ove l importo azionato in revoca fosse inferiore al limite di cui all art. 70, si determinerebbe ingiustificata disparità di trattamento rispetto agli altri creditori che hanno intrattenuto rapporti continuativi o reiterati. Tuttavia, non va dimenticato che per primo l art. 67 fissa una regola di esclusione, annunciando il principio per cui le rimesse di norma non sono revocabili. Esclusione che potrebbe trovare motivo proprio nella considerazione di fondo, per cui il conto corrente non evidenzia di volta in volta un saldo netto a favore di una delle due parti, ma costituisce un conto di annotazione delle movimentazioni tra le parti, in attesa in una loro regolamentazione, rinviata alla chiusura del rapporto. 27 Cfr, sul tema, Appello Firenze, 28 gennaio 2004, in Foro italiano, 2004,I, 1, 2845; Trib. Bolzano, 14 gennaio 2003, in Il Fallimento, 2003, Arato, I primi orientamenti sulla revocatoria delle rimesse bancarie dopo la riforma della legge fallimentare, il Il fallimento, 2008,

14 Si tratta pertanto di una fattispecie ben diversa da quella di altri rapporti reiterati o continuati, in cui non si tratta di rimesse, ma sempre e comunque di pagamenti 29, senza l esclusione di principio di cui all art. 67. Non va altresì dimenticato che l art. 70, comma 3, in un primo momento non comprendeva apertis verbis i rapporti di conto corrente bancario, cosicché era stata avanzata l ipotesi che a questi ultimi si applicasse solo l art. 67, comma 3. La successiva modifica, introdotta con il D.Lgs 169/2007, non può comportare una abrogazione implicita dell art. 67, comma 3, lett. b), né si ritiene che possa valere come interpretazione autentica, ma costituisce un chiaro intento di potenziare ulteriormente il raggio di azione dell esenzione per le rimesse previste dall art. 67. Riduzione consistente e durevole Come si è potuto analizzare, per una corrente di pensiero (a quanto consta, predominante) le rimesse che riducono in modo consistente e durevole l esposizione debitoria dell imprenditore e di cui all art. 67 l. f. sono da considerare in modo unitario, quale equivalenza con la differenza di cui all art. 70 l.f.. In tale ipotesi, quindi, le singole rimesse non devono essere analizzate. Volendo invece conservare un significato autonomo all art. 67 l.f., necessita analizzare quando le rimesse, singolarmente considerate, abbiano comportato una riduzione consistente e durevole. Indubbiamente, la terminologia utilizzata dal legislatore è indeterminata, si espone a molteplici possibili interpretazioni e lascia integralmente al cammino giurisprudenziale l onere di trovare una applicazione pratica. Molteplici sono le proposte dottrinali, tra cui si annoverano le seguenti: - la consistenza va paramentata all esposizione debitoria al momento della rimessa, mentre la riduzione durevole deve essere persistente e stabile 30 ; 29 mentre, come già sviluppato, la intenzione del legislatore nel caso di specie appare quella di parificare le rimesse ai pagamenti solo quando hanno ridotto l esposizione debitoria. 30 Silvestrini, La nuova disciplina dell art. 67 delle legge fallimentare, in Il diritto fallimentare, 2006, I, 873; Tarzia, relazione al Convegno Diritto Fallimentare: un primo passo verso la riforma Milano, 8 aprile

15 - la consistenza va considerata come sopra, mentre la riduzione è durevole quando è definitiva, nel senso che la riduzione deve protrarsi fino all epilogo del rapporto di conto corrente 31 ; - la consistenza va valutata in base al risultato solutorio finale 32 ; - la consistenza e la durevolezza vanno valutate in relazione al regolare andamento del rapporto, cosicché quando c è un abituale riutilizzo delle somme accreditate e si evidenziano riduzioni di modesta misura, non vi possono essere rimesse revocabili 33 ; - la durevolezza va determinata in base alla tempistica usuale delle operazioni effettuate su quel conto corrente; - la durevolezza va parametrata all intenzione delle parti 34 ; - la durevolezza è data dalla misura di un quarto del termine di sei mesi, ossia 45 giorni 35. Ad avviso di chi scrive, pare cogliere nel segno quella corrente di pensiero secondo cui occorre avere riguardo all andamento del conto in una fase di ordinaria gestione, o comunque nella fase precedente agli ultimi sei mesi prima della dichiarazione di fallimento o il minore o maggiore termine a partire dal quale è provata la conoscenza dello stato di insolvenza da parte dell istituto di credito. Si ipotizza a tale fine di operare una media di periodo (es. i sei mesi antecedenti il periodo sospetto) della entità delle rimesse (per ricavare una media, cui parametrare successivamente la consistenza 36 ) e della frequenza dei prelievi (per determinare una durata media, cui parametrare la durevolezza). 31 Castello D Antonio, La revocatoria, cit, 613; L autore muove dall assunto, condivisibile in linea di principio, che il versamento effettuato dal correntista su conto scoperto non configura, in linea di diritto, pagamento di debito esigibile, ne cessitandosi a tale fine che il rapporto di conto corrente si sia sciolto, o comunque che il conto sia bloccato, cioè non più operativo 32 Cavalli, Considerazioni sulla revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario dopo la riforma dell art. 67 l. fall., in Banca, Borsa, titoli di credito, 2006, I, Guglielmucci, La nuova normativa, cit, Galletti, Le nuove esecuzioni della revocatoria fallimentare, in Giurisprudenza commerciale, 2007, I, Rago, Manuale della revocatoria fallimentare, Milano, 2006, ancorché in modo opinabile, per cui potrebbe essere considerata una consistente rimessa pari alla media trovata, al suo doppio, alla sua metà 15

16 A ciò, si aggiunge una nota di riflessione in ordine alla consistenza. L ipotesi che propone una percentuale sconta la difficoltà di determinare sia l entità della percentuale, sia l importo cui applicare la percentuale. Si ritiene, al contrario, che la qualificazione della consistenza non debba essere approcciata esclusivamente con criteri relativi, ma che in prima battuta possa essere applicato un criterio assoluto, secondo cui la consistenza delle rimesse può essere fissata di per sé, a prescindere dai valori del passivo, dalle rimesse precedenti, dal carattere anomalo 37. In questa ipotesi, la media fra l entità complessiva delle rimesse e il loro numero in un periodo di tempo precedente potrà essere utilizzato quale criterio sussidiario, per determinare eventuali paramenti di consistenza inferiori rispetto a quelli assoluti che, quindi, verrebbero a costituire il limite sopra il quale le rimesse sono sempre consistenti. A parametro della consistenza assoluta potranno essere presi costi di riferimento validi universalmente, quale ad esempio il costo del personale. Si consideri in quest ottica che una rimessa tra e euro copre di norma il costo mensile di un dipendente della stessa ditta fallita (o di altri creditori del fallito). Ne deriva che una rimessa di tale importo, nell ottica di una redistribuzione delle somme a tutti i creditori, ben potrebbe essere qualificata come consistente. Non va, infatti, guardato al solo rapporto banca-correntista pari fallito, ma alla generalità dei creditori. Diversamente, l importanza di un creditore in termini di esposizione o di rientro si porrebbe quale titolo per incrementare a suo favore la soglia di esenzione, con inique ripercussioni sugli altri (più modesti) creditori. Per tale via si potrebbero altresì tacitare le eccezioni di incostituzionalità della norma, per la evidente disparità di trattamento con gli altri soggetti passibili di revocatoria. I primi interventi giurisprudenziali A fronte di un dibattito dottrinale così articolato, cominciano a pervenire le prime posizioni della giurisprudenza. 37 non si ravvisa infatti una necessaria correlazione tra la consistenza e l esposizione del conto. 16

17 In primo luogo, si desidera vagliare la sentenza emessa dal Tribunale di Milano in data 20 marzo , la quale esprime alcuni decisi orientamenti: - le rimesse devono essere analizzate singolarmente, devono avere avuto natura solutoria, devono aver ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione debitoria del fallito ex art. 67 l.f.; - l art. 70 l. f. interviene a fissare una ulteriore limitazione, autonoma rispetto a quella dell art. 67 l. f.: L art. 70 l.f., quindi, pone un limite agli obblighi restitutori della banca, che non interferisce con i requisiti necessari, a monte, affinché vi sia la revocabilità delle rimesse in conto corrente effettuate dal fallito. Quanto alla consistenza, è stato escluso che ci si possa riferire ad un criterio quantitativo assoluto. Il tribunale ha quindi fissato una percentuale, del 10%, da applicare alla differenza tra la massima esposizione debitoria raggiunta dal fallito nel periodo sospetto e quella riscontrata al momento di apertura del concorso, laddove il periodo sospetto pare essere individuato in quello di sei mesi ex art. 67, c. 2, l. f. (o inferiore, se la conoscenza dell insolvenza è provata in un termine più ridotto 39 ). In altri termini, fatta pari a 200 la differenza di cui all art. 70 l. f., saranno consistenti le rimesse non inferiori a 20 (ossia 200 x 10%). La posizione ha il pregio di essere chiara, e di non dare luogo alla continua variabilità delle rimesse da qualificarsi come consistenti. Ci si permette peraltro richiamare le motivazioni che hanno indotto il collegio ad affidarsi ad un criterio percentuale anziché assoluto, motivazioni che poggiano sulla considerazioni per cui l inefficacia di un atto pregiudizievole per la massa dei creditori va necessariamente fatto dipendere dalla sua idoneità a ledere l interesse tutelato, il che si verificherà in tutti quei casi in cui la lesione della par condicio creditorum potrà essere ritenuta apprezzabile e non trascurabile. Il principio, dunque, rimanda (correttamente) agli interessi della massa, ed alla idoneità di un atto a ledere la par condicio creditorum. 38 in Il fallimento, 2008, Si richiama Farina, Alla ricerca, cit., 235, secondo cui il massimo scoperto può essere individuato anche in un periodo antecedente quello di sei mesi dalla dichiarazione di fallimento. 17

18 Tuttavia, a fronte di tale principio, il parametro percentuale non viene applicato in raccordo al passivo fallimentare, ma alla specifica situazione del convenuto in revoca. L applicazione, inoltre, contiene un elemento distorsivo, in quanto come già rilevato maggiore è il rientro di cui ha beneficiato il convenuto, maggiore è la soglia di esenzione delle singole rimesse revocabili. In realtà, proprio il rinvio agli interessi della massa induce a confermare la posizione enunciata nel paragrafo che precede, ossia che la consistenza delle rimesse debba essere esaminata secondo criteri assoluti. In subordine, pare comunque più equo il riferimento percentuale alla media delle rimesse del periodo ante revocatoria, per evitare che l ampiezza dell esposizione della banca o del rientro nel periodo sospetto possano mandare indenni da revoca, in quanto non consistenti, rimesse di importo superiore alla media dell andamento del conto. Con riguardo al concetto di durevolezza, il collegio ha escluso che lo stesso vada equiparato a quello di definitività ( tale tesi non è fondata su alcuni indici normativi e non vi è dubbio che, se tale fosse stato l intento del legislatore, l esplicitazione della regola sarebbe stata doverosa ), oppure in direzione opposta all ipotesi delle rimesse bilanciate ( dalla previsione del requisito della durevolezza deve derivare, necessariamente, pena l inutilità della sua introduzione, che ci sia un quid pluris rispetto all assenza del bilanciamento delle operazione sul conto corrente ). La durevolezza, quindi, esprime il concetto di stabilità e si risolve nel ritenere che soltanto il versamento (con effetto riduttivo consistente) che non venga compensato da successivi prelevamenti (non necessariamente di importo corrispondente, ma anche superiore, o inferiore ma non tale da ridurre il ripianamento al di sotto dell individuata soglia di <<consistenza>>, sia caratterizzato dalla durevole riduzione. Il periodo successivo, poi, va parametrato alla movimentazione che caratterizza il conto (intensa od occasionale). Lo stesso Tribunale di Milano, con sentenza del 25 maggio , si è occupato di una vicenda antecedente il D. Lgs. 169/2007, attestando in primo luogo che il criterio 40 in Il fallimento, 2010, cit. 18

19 di quantificazione dell obbligazione derivante dall azione revocatoria fallimentare, di cui all art. 70 l.f. prima del D. Lgs. 169/2007, non si applica alle rimesse di conto corrente bancario. Data questa limitazione, il Collegio ha asserito che ai fini dell individuazione delle rimesse che abbiano ridotto l esposizione debitoria verso la banca in modo consistente, bisogna individuare: l importo medio delle rimesse affluite sul conto nel periodo sospetto; il saldo medio del conto a seguito di ciascuna rimessa; la misura percentuale della riduzione conseguente ad ogni rimessa (rapportando l importo medio delle rimesse all importo medio del saldo dopo ciascuna rimessa). Le rimesse che abbiano ridotto in maniera consistente l esposizione diventano quelle che hanno avuto una incidenza percentuale sul saldo del conto da esse determinato (e non su quello medio) superiore alla media. Quanto alla durevolezza, è stata determinata la durata media della permanenza delle rimesse in conto corrente (ossia assenza di utilizzi dopo la rimessa); la riduzione è stata qualificata come durevole se uguale o superiore a tale durata media. L impostazione è stata oggetto di critiche dottrinali 41, specie con riguardo all esame della consistenza della rimessa avuto riguardo al saldo del conto successivo alla stessa 42, alle modalità di calcolo della rimessa media e del saldo medio, alla durevolezza 43. L organo giudicante ha altresì attestato che, nella disciplina di cui al D. Lgs. 35/2005, non ha più alcuna rilevanza la sussistenza di eventuali affidamenti. La sentenza del Tribunale di Milano del 21 luglio , il cui giudice estensore è il medesimo della sentenza del 27 marzo 2008, muove da una fattispecie in cui la società fallita era titolare di due conti correnti, un conto ordinario e un conto anticipi, ed analizza distintamente per entrambi le riduzioni tra massimo saldo passivo nei sei mesi (periodo sospetto) e saldo al momento del fallimento. 41 Rebecca e Sperotti, in Il diritto fallimentare, 2010, II, Gli autori sostengono che la consistenza va riferita al debito che la rimessa va a ridurre, non al debito già ridotto dall accredito 43 che, quantificata solo sulle rimesse consistenti, porta a richiedere una prolungata assenza di utilizzi 44 in Il diritto fallimentare, 2010, II, 2 e ss. 19

20 Innanzitutto, pur trattandosi di fallimento antecedente il 1 genaio 2008, il Tribunale ritiene applicabile la limitazione dell art. 70. Lo stesso ritiene altresì che conservi rilevanza la sussistenza del fido di cassa 45. In tema di consistenza, l Organo giudicante ritiene che la stessa debba sussistere per le rimesse che, nel periodo, siano superiori al 10% dell importo massimo revocabile, così come determinato dall art. 70 l.f.. Ciò peraltro comporta che, più l istituto è rientrato nel periodo, più si incrementa l importo al di sotto del quale le rimesse divengono irrevocabili, in quanto non consistenti. Quanto alla durevolezza, viene espresso un principio generale, di per sé condivisibile, per cui la stessa indica l apprezzabile stabilità nel tempo dell effetto solutorio della rimessa, che si realizza soltanto se il relativo versamento non è seguito per un lasso di tempo variamente quantificabile in pochi giorni o in un periodo più lungo a seconda della maggiore o minore intensità di movimentazione del singolo conto corrente da prelievi in grado di ridurre il ripianamento al di sotto della succitata soglia di consistenza. A questo punto la sentenza valuta il rapporto in modo unitario, e quindi somma il massimo scoperto e il saldo all apertura del fallimento del conto ordinario e del conto anticipi, e valuta: - la consistenza della rimessa sul conto anticipi in percentuale sul massimo rientro complessivo; - l importo revocabile sulla base del massimo rientro complessivo. L impostazione unitaria non convince. Nel rimandare alle ulteriori considerazioni che seguono, si osserva fin d ora che ciascuna tipologia di rapporto (c/ordinario e c/anticipi) può avere una consistenza ed una durevolezza differenti, dovute alla diversa natura e finalità dei rapporti, cosicchè le stesse non possono essere considerate come unicum. Si segnala altresì all attenzione degli interpreti una recente sentenza del Tribunale di Udine in data 25/01/ , per alcune interpretazioni decisamente innovative e foriere di sviluppi. 45 Non è peraltro chiara la applicazione del fido di cassa. Dal tenore letterale della sentenza parrebbe che tale fido vada a selezionare le rimesse di importo ad esso superiore, non le rimesse che riducono lo scoperto superiore al fido. Parrebbe altresì che il fido di cassa venga applicato anche al conto anticipi, con ciò contravvenendo al costante insegnamento giurisprudenziale 46 in Il fallimento, 2011,

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello di Giuseppe Rebecca Studio Rebecca & Associati Vicenza/Schio Finalmente pubblicata una nuova sentenza del giudice Mauro Vitiello,

Dettagli

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata: LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE di Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati di Vicenza Introduzione La nuova azione revocatoria delle rimesse bancarie è disciplinata da due articoli della

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on REVOCATORIA FALLIMENTARE DELLE RIMESSE IN CONTO CORRENTE E CESSIONE DEL CREDITO Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

Revocatorie Rimesse bancarie

Revocatorie Rimesse bancarie Revocatorie Rimesse bancarie 22 giugno 2004 Confronto su prassi giudiziaria e giurisprudenziale presso il Tribunle di Torre Annunziata Dott. Massimo Sequino Presupposto normativo Art. 67 comma 2 legge

Dettagli

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014. Estensore Vitiello. Revocatoria fallimentare -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe Grillenzoni Rag. Silvana Lanzotti Dott. Gianluca Mastrantonio Dott. Gregorio

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca La nuova revocatoria fallimentare Studio Rebecca & Associati di Vicenza Partner Synergia Consulting Group Convegno IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE: OPERATORI A CONFRONTO 17 febbraio 2006 Palazzo dei Congressi

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE

PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE (Prof. Sido Bonfatti) 1. I profili problematici delle innovazioni apportate dalla riforma alla disciplina dell azione revocatoria fallimentare. Relativamente

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. Sezione II civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio, composto dai signori magistrati:

TRIBUNALE DI UDINE. Sezione II civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio, composto dai signori magistrati: TRIBUNALE DI UDINE Sezione II civile Il Tribunale, riunito in camera di consiglio, composto dai signori magistrati: Dott. Alessandra Bottan Dott. Gianfranco Pellizzoni Dott. Francesco Venier Presidente

Dettagli

LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA

LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA di Giuseppe Rebecca e Giuseppe Sperotti, dottori commercialisti Sommario: 1. L incompatibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano

OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano Diritto e processo.com Non è chiaro quale sia il momento dal quale il correntista

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali Settembre

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

REVOCATORIA FALLIMENTARE DEI PAGAMENTI DEL TERZO E DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (Avv. Pietro Gobio Casali Mantova E-mail: avvgobiocasali@libero.

REVOCATORIA FALLIMENTARE DEI PAGAMENTI DEL TERZO E DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (Avv. Pietro Gobio Casali Mantova E-mail: avvgobiocasali@libero. REVOCATORIA FALLIMENTARE DEI PAGAMENTI DEL TERZO E DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (Avv. Pietro Gobio Casali Mantova E-mail: avvgobiocasali@libero.it) SOMMARIO: 1) Revocabilità dei pagamenti eseguiti dal terzo;

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

Giugno 2013. Damiano Tommasini, Professore a contratto di diritto fallimentare nell Università di Padova Avvocato, Studio De Poli - Venezia

Giugno 2013. Damiano Tommasini, Professore a contratto di diritto fallimentare nell Università di Padova Avvocato, Studio De Poli - Venezia ISSN: 2279 9737 Rivista di Diritto Bancario Giugno 2013 Sulle incertezze applicative della «nuova» azione revocatoria fallimentare di rimesse in conto corrente bancario (nota a Tribunale di Udine 24 ottobre

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito IVA Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito di Salvatore Servidio Con risoluzione n. 74/E del 19 aprile 2007, l Agenzia delle Entrate si è occupata di un istanza di interpello presentata

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 CORSI DI RIALLINEAMENTO ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 Sommario Compilazione estratto conto e staffa Sbilancio delle competenze Tutor: Dott.ssa Lixi Marta 1 2 Conto corrente Il conto corrente è il contratto

Dettagli

Contenzioso Bancario

Contenzioso Bancario Contenzioso Bancario Convegno GAM 26 novembre 2014 Dott.ssa Barbara Cardia studiobarbaracardia@gmail.com Corso Stati Uniti 53, Torino Anatocismo nei rapporti bancari Anatocismo: produzione di interessi

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Focus di pratica professionale di Massimo Buongiorno Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Il presente lavoro si propone di evidenziare gli aspetti di maggiore criticità

Dettagli

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento Inserire testo Inserire testo Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento La risoluzione per inadempimento e l annullamento del Concordato dopo l omologa A cura dell Avv. Simona Cardillo LA RISOLUZIONE

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio 2013

Osservatorio Enti Locali Luglio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

operazioni per saldi valuta si addiviene ad uno scardinamento della configurazione del conto, ordinato per data operazione, che all epoca in cui era

operazioni per saldi valuta si addiviene ad uno scardinamento della configurazione del conto, ordinato per data operazione, che all epoca in cui era Criticità computistiche nell utilizzo delle rimesse solutorie e ripristinatorie nelle c.t.u. sui c/c di Luca Cosentino, dottore commercialista in Pescara Il presente intervento promana dall istanza di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO VALORE IMPRESA ANTICIPI INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È L'ANTICIPO FATTURE E SALVO BUON FINE

FOGLIO INFORMATIVO VALORE IMPRESA ANTICIPI INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È L'ANTICIPO FATTURE E SALVO BUON FINE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale Risposte a quesiti DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA In occasione della chiusura dell esercizio, è sempre opportuno, procedere alla valutazione dei crediti verso clienti che presentano difficoltà

Dettagli

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A.

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. di MICHELA MANCINI e TOMMASO STANGHELLINI SOMMARIO: 1. La fattispecie all esame

Dettagli

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Tribunale di Bergamo, 22 ottobre 2015. Presidente Vitiello. Relatore Giovanna Golinelli. Contratti di garanzia

Dettagli

I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10

I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10 1 I CRITERI DI RICALCOLO EX CASS. SU N. 24418/10 Guida all impostazione dei criteri in Conto Giusto Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti o possibili migliorie del software si prega

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010 Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 5 del 25 Marzo 2010 OGGETTO: OBBLIGO DI RITENUTA SULLE SOMME OGGETTO DI PIGNORAMENTO PREMESSA L articolo 15, coma 2 del decreto Legge 1 luglio

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/2002

CIRCOLARE N. 12/2002 CIRCOLARE N. 12/2002 PROT. n 96362 ENTE EMITTENTE: Direzione dell Agenzia. OGGETTO: Art. 15 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 601 - Corretta individuazione del presupposto oggettivo - Esame di ulteriori

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

Conferimenti e finanziamenti dei soci

Conferimenti e finanziamenti dei soci Conferimenti e finanziamenti dei soci di Cinzia De Stefanis - Carmine Cicala Aspetti generali Per quanto non previsto dall art. 2463-bis c.c., sussiste uno specifico rimando alle norme generali in tema

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO di Antonello Fabbro (Tribunale di Treviso) Gli artt. 2758 comma 2 e 2772, co. 3, del codice civile prevedono il privilegio speciale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente PROT. n. 49267 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 9/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, Portabilità del mutuo;

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE NON CONSUMATORE

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE NON CONSUMATORE FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE NON CONSUMATORE Redatto ai sensi del decreto n. 385 del 01/09/1993 e del provvedimento recante le disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni

Dettagli

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A.

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A. COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI ARENA DELIBERA L AUMENTO DI CAPITALE RISERVATO A SOLAGRITAL FINO AD EURO 45 MILIONI IN 36 MESI Roma, 20 aprile 2010. Si informa che in data odierna il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Possesso e usucapione dell azienda

Possesso e usucapione dell azienda 14. Cassazione Civile, Sezioni Unite, 5 marzo 2014, n. 5087 Possesso e usucapione dell azienda Articoli dei quali si consiglia la lettura prima dell approfondimento giurisprudenziale: Artt. 816 cod. civ.

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RUSSO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RUSSO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CONTE (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato da Associazione

Dettagli

FID: APER. CREDITO C/C TF CCD Apertura di credito ordinario in conto corrente a tasso fisso destinata a consumatori.

FID: APER. CREDITO C/C TF CCD Apertura di credito ordinario in conto corrente a tasso fisso destinata a consumatori. 1/7 Apertura di credito ordinario in conto corrente a tasso fisso destinata a consumatori. INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL FERMANO CREDITO COOPERATIVO VIALE TRENTO, 72 63900 FERMO (FM) Tel.: 0734/223429

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

COMMENTI ESAME 2012 - PARERE DI DIRITTO CIVILE. Parere n.1

COMMENTI ESAME 2012 - PARERE DI DIRITTO CIVILE. Parere n.1 COMMENTI ESAME 2012 - PARERE DI DIRITTO CIVILE Parere n.1 Caio, cliente da anni della banca X riferisce di aver versato alla stessa, dopo la chiusura di alcuni rapporti di conto corrente con essa intrattenuti

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione ex art. 2549, cod.civ., è

Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione ex art. 2549, cod.civ., è l Correttivo. Dal 626 al 106, cambia la relazione datore/dipendente Nel nuovo D.Lgs. n. 81/2008 associato in partecipazione equiparato al lavoratore Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it OPINIONI CONTRASTANTI: IL VALORE DELL AZIENDA RISPETTO

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario FATTO

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario FATTO IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Vincenzo Meli Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

SOMMARIO. 8. Àmbito oggettivo: prospettiva teleologica del secondo comma nel-

SOMMARIO. 8. Àmbito oggettivo: prospettiva teleologica del secondo comma nel- SOMMARIO capitolo primo IL CONFLITTO TRA SOCI FINANZIATORI E TERZI CREDITORI SOCIALI E L ART. 2467 C.C. 1. Premessa. 12 2. La sottocapitalizzazione: tipologie e cause. I finanziamenti dei soci come causa

Dettagli

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Nell ambito della disciplina

Dettagli

IL FONDO PATRIMONIALE

IL FONDO PATRIMONIALE IL FONDO PATRIMONIALE La ricerca risponde a vari quesiti relativi all istituto di cui alla sezione II, titolo VI, libro I del codice civile (artt. 167-176 c.c.), modificato dalla riforma del diritto di

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Credito Cooperativo Euganea di Ospedaletto Euganeo s.c.a.r.l. In amministrazione straordinaria Via Roma Ovest, 31-35045 Ospedaletto Euganeo PD Tel.:

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - prof. avv. Enrico Quadri... Presidente - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia - prof. avv. Giuseppe Conte... membro designato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo agli AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE (APERTURE DI CREDITO)

FOGLIO INFORMATIVO relativo agli AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE (APERTURE DI CREDITO) FOGLIO INFORMATIVO relativo agli AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE (APERTURE DI CREDITO) Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di Monopoli s.c. Sede legale : Via Lepanto n.1/c ang. P.zza D

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Oggetto: IVA PER CASSA: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI

Oggetto: IVA PER CASSA: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: IVA PER CASSA: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI Conseguenze del superamento della soglia di volume d affari Con l entrata in vigore del decreto attuativo, a decorrere

Dettagli

[Giurisprudenza] Il Caso.it

[Giurisprudenza] Il Caso.it Finanziamenti prededucibili finalizzati ad un piano concordatario o ad un accordo di ristrutturazione dei debiti: distinzione e oggetto dell attestazione del professionista Tribunale di Bergamo, 26 giugno

Dettagli