L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003"

Transcript

1 Questo numero e' stato realizzato da: Servizio Statistica del Comune di Ferrara - Dirigente Lauretta Angelini Collaboratori: Stefania Agostini, Caterina Malucelli, Micaela Pora, Claudia Roversi, Michele Siviero L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003 L abitudine al fumo è riconosciuta quale uno dei più rilevanti fattori di rischio per la popolazione nell insorgenza di numerose patologie cronico degenerative e degli apparati respiratorio e vascolare. E importante monitorare il fenomeno e la sua evoluzione sia a livello nazionale che a livello locale per poter mettere in atto azioni di prevenzione. A tale scopo, riguardo il contesto italiano, è possibile ricavare informazioni dai dati rilevati dall Istat attraverso le indagini Multiscopo sulle famiglie; queste indagini coprono variegate aree tematiche e permettono di cogliere come vive la popolazione italiana e le sue abitudini. Si tratta di una rilevazione campionaria che raggiunge oltre famiglie, per un totale di più di individui, effettuata attraverso intervista diretta, utile strumento di programmazione delle politiche sociali nazionali. Analogamente, il Servizio Statistica del Comune di Ferrara svolge ogni tre anni l indagine campionaria sulle Condizioni di vita a Ferrara che, su un campione casuale di 1000 famiglie, rileva i diversi aspetti socio-economici della popolazione ferrarese. Anche questa indagine, con riferimento ad una realtà territorialmente limitata all ambito comunale, è finalizzata ad essere un supporto cognitivo nello svolgimento dei compiti dell Ente in particolare nel campo dei servizi socio sanitari e delle politiche di riequilibrio del wellfare. Domande sulle abitudini al fumo sono state introdotte, sia nel 1997, sia nel 2000, sia nell ultima indagine svolta nel dicembre 2003, consentendo così di monitorare nel tempo le modifiche dei comportamenti dei ferraresi nei confronti del fumo. Per analizzare un altro importante aspetto della salute della popolazione, nelle medesime indagini citate vengono rilevati anche il peso e l altezza degli intervistati. Questi due semplici dati permettono di calcolare l Indice di Massa Corporea, valore che, come vedremo, consente di classificare le persone in riferimento all obesità. L obesità è anch essa un aspetto della salute da tenere sotto controllo: negli ultimi anni si è osservato quanto il cambiamento degli stili di vita abbia determinato un incremento delle malattie da 1

2 benessere di carattere metabolico. Queste malattie, tra cui l obesità, sono sempre più diffuse, ma portano con sé pericolose complicanze per la salute (diabete e malattie cardiovascolari). L abitudine al fumo Prendendo in esame la popolazione intervistata con più di 14 anni (2.041 persone), l incidenza dei fumatori a Ferrara risulta pari al 23,3%, ciò significa che quasi un ferrarese su 4 fuma e nel nostro comune i fumatori si stimano essere In particolare i fumatori di sigarette rappresentano il 97,7% del totale dei fumatori, perché l 1,5% predilige i sigari e lo 0,8% la pipa. Rispetto alle indagini precedenti il numero di fumatori dichiarati è diminuito: era il 27,2% nel 1997 e il 26,5% nel Questi valori sono, però, superiori alla media nazionale rilevata in quegli anni (nel 1999, pari al 24,5%, 24,4% nel 2000 e 24,1% nel 2001), indicando tra i ferraresi una propensione maggiore al consumo di sigarette. Attualmente non si dispone di dati Istat più recenti riferiti all Italia, ma per effettuare ulteriori raffronti, si Persone di 15 anni e più per abitudine al fumo CHE COSA FUMANO N. % N. medio sigaret te Non fuma ,7 - Sigarette ,7 13 Sigari 7 0,3 Pipa 4 0,2 TOTALE ,0 13 Fonte: Servizio Statistica del Comune di Ferrara: Indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara - Anno 2003 osserva che in Emilia Romagna nel 2001 i fumatori erano il 26%. Poiché fumare è un comportamento legato ad una scelta individuale, è particolarmente importante analizzare le caratteristiche socio demografiche di chi fuma per cogliere differenze significative negli stili di vita. In primo luogo, riguardo al sesso del fumatore, appare subito evidente che l abitudine al fumo è più diffusa tra le persone di sesso maschile: fuma il 27,7% degli uomini ferraresi contro il 19,6% delle donne, ma, mentre negli ultimi tre anni l incidenza di fumatori tra i maschi è diminuita (era il 33,6% nel 1997), tra le femmine si osserva, dopo avere segnato un aumento nel 2000, una riduzione più contenuta (le fumatrici erano il 21,7% nel 1997) Percentuali di fumatori, non fumatori ed ex fumatori nel comune di Ferrara (nel 1997 ex fumatori non sono stati rilevati e sono compresi tra i non fumatori) 72,8 55,1 55,4 18,3 21,3 27,2 26,5 23, Non fumatori Ex fumatori Fumatori 2

3 Persone di 15 anni e più per abitudine al fumo e per sesso: comune di Ferrara anni 1997, 2000 e 2003 FUMATORI EX FUMATORI NON FUMATORI TOTALE SESSO N. medio N. % N. % N. % N. % sigarette FERRARA 1997 Maschi , , ,0 Femmine , , ,0 TOTALE , , ,0 FERRARA 2000 Maschi , , , ,0 Femmine , , , ,0 TOTALE , , , ,0 FERRARA 2003 Maschi , , , ,0 Femmine , , , ,0 TOTALE , , , ,0 Fonti: Servizio Statistca del Comune di Ferrara: Indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara Mediamente i maschi fumano 15 sigarette al giorno, le femmine 11; nell insieme, i fumatori ferraresi accendono una media di 13 sigarette al giorno. Di raffronto, in Italia l incidenza percentuale fra gli uomini è un po più elevata rispetto al nostro comune (31,6%), ma nettamente inferiore è il valore nazionale per quanto riguarda il sesso femminile, 17,1%. Si può concludere che l elevata incidenza di fumatori riscontrata a Ferrara è principalmente dovuta alla maggior propensione al fumo delle donne ferraresi. In relazione all età, l abitudine al fumo aumenta quando si entra nell età adulta, supera infatti la quota del 30% tra i 15 e i 44 anni e raggiunge il massimo nella fascia di età tra i 35 e 44 anni (fumano il 32,3% dei ferraresi di quell età e il 32,1% degli italiani), mentre scende nelle fasce successive. Per i giovani ferraresi tra i 15 e i 18 anni si registra un incidenza dell 8,5%, ma, certamente, il dato è sottostimato, in quanto all intervista hanno risposto il più delle volte i genitori, i quali non sempre sono informati delle abitudini al fumo dei propri figli. Dall analisi secondo il titolo di studio conseguito, si evidenzia che a Ferrara l incidenza di fumatori è maggiore tra coloro che hanno Percentuale di fumatori per classi di età in Italia e in Emilia Romagna nel e oltre Totale Emilia-Romagna maschi 26,6 43,1 37,7 32,2 26,7 15,9 30,5 femmine 26,9 26,1 29,2 26,8 26,4 8,2 21,8 totale 26,8 34,8 33,6 29,4 26,6 11,4 26,0 ITALIA maschi 27,1 38,7 38,3 37,1 29,1 17,3 31,6 femmine 15,9 20,8 25,7 22,4 16,1 5,7 17,1 totale 21,6 29,8 32,1 29,7 22,5 10,5 24,1 Fonte: ISTAT - Servizio "Struttura e dinamica sociale". 3

4 Percentuale di fumatori per sesso in Italia dal 1999 al 2001 Maschi Femmine TOTALE ITALIA 1999 Fumatori 32,4 17,1 24,5 N. medio sigarette Ex-fumatori 27,2 12,5 19,6 Non fumatori 37,4 67,7 53,1 ITALIA 2000 Fumatori 31,9 17,0 24,4 N. medio sigarette ITALIA 2001 Fumatori 31,6 17,1 24,1 Fonte: Istat, Indagine Multiscopo sulle famiglie Persone di 15 anni e più per abitudine al fumo, sesso e per classi di età: Italia anno FUMATORI ITALIA Maschi Femmine Totale ,1 15,9 21, ,7 20,8 29, ,3 25,7 32, ,1 22,4 29, ,1 16,1 22,5 65 e oltre 17,3 5,7 10,5 Totale 31,6 17,1 24,1 Fonte: ISTAT - Servizio "Struttura e dinamica sociale". conseguito la licenza media inferiore (30,1%) e al di sopra della media è anche tra chi ha un titolo di scuola media superiore (28,3%). Meno propensi al fumo sono i ferraresi con la sola licenza elementare o senza alcun titolo di studio (rispettivamente il 14,6% e il 3,6%) e i laureati (23%). Non si può negare che ciò sia dovuto in larga parte al fatto che il grado di istruzione è fortemente correlato all età e l incidenza al fumo, abbiamo visto prima, è molto superiore fra le persone di anni, che sono più istruite. Anche rispetto alla condizione lavorativa si osservano differenze nella propensione al fumo: fuma il 45,9% dei disoccupati e il 31,1% degli occupati, mentre tra coloro che sono alla ricerca della prima occupazione l incidenza è del 28,6%. Più contenuta è quella osservata tra gli studenti (15,2%), mentre solo il 16,8% delle casalinghe e il 14,4% dei ritirati dal lavoro sono fumatori. A spiegare tali differenze concorre ancora una volta l età: gli occupati e i disoccupati sono mediamente della fascia di età adulta, anni, che mostra la più elevata propensione al fumo; al giungere del pensionamento e quindi di un età più avanzata, presumibilmente per motivi di salute, la percentuale di fumatori diminuisce. Il consumo di sigarette giornaliero è piuttosto elevato, anche se inferiore a quanto si rileva a livello nazionale: il 55% dei fumatori ferraresi fuma fino a 10 sigarette al giorno, il 37% da 11 a 20 e il 8% supera il pacchetto; rispetto alle precedenti indagini, sembrano leggermente aumentati i fumatori meno accaniti, cioè quelli che fumano fino a 10 sigarette al giorno. A confronto, in Italia i fumatori che superano le 20 sigarette al giorno nel 2001 erano il 10%. I forti fumatori ferraresi ai quali un pacchetto non basta sono per il % 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% INCIDENZA DI FUMATORI PER ETA Comune di Ferrara - Anno >84 Non fumatori Ex fumatori Fumatori % 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Analfabeta o s/titolo INCIDENZA DI FUMATORI TITOLO DI STUDIO Comune di Ferrara - Anno 2003 Lic. Elementare Lic. Media inf. Dipl. Media sup. Laurea Non fumatori Ex fumatori Fumatori 4

5 Persone di 15 anni e più per abitudine al fumo e per titolo di studio: Ferrara anno 2003 FUMATORI EX FUMATORI NON FUMATORI TOTALE TITOLO DI STUDIO N. % N. medio sigarette N. % N. % N. % Analfabeta o s/tito 4 3, , , ,0 Lic. Elementare 75 14, , , ,0 Lic. Media inf , , , ,0 Dipl. Media sup , , , ,0 Laurea 61 23, , , ,0 non indicato 2 33,3-1 16,7 3 50, ,0 TOTALE , , , ,0 Fonte: Servizio Statistca del Comune di Ferrara: Indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara Persone di 15 anni e più per abitudine al fumo e per classi di età: Ferrara anno 2003 FUMATORI EX FUMATORI NON FUMATORI TOTALE CLASSI DI ETA' N. medio N. % sigarette N. % N. % N. % , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,0 > , , ,0 TOTALE , , , ,0 Fonti: Servizio Statistica del Comune di Ferrara: Indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara Persone di 15 anni e più per abitudine al fumo e per condizione professionale: Ferrara anno 2003 FUMATORI EX FUMATORI NON FUMATORI TOTALE CONDIZIONE PROF.LE N. % N. medio sigarette N. % N. % N. % Occupato , , , ,0 Disoccupato 17 45, , , ,0 In cerca di prima occu 4 28, ,1 9 64, ,0 Casalinga 25 16, , , ,0 Studente 21 15, , , ,0 Ritirato dal lavoro , , , ,0 Altra condizione 8 25, , , ,0 TOTALE , , , ,0 Fonte: Servizio Statistca del Comune di Ferrara: Indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara 79,4% di sesso maschile, occupati, ed hanno un età tra i 55 e i 64 anni. Tra coloro che non fumano è interessante riscontrare un aumento degli ex fumatori, cioè di coloro che in passato fumavano, ma hanno deciso di smettere: il 21,3% dei ferraresi è un ex fumatore, mentre lo era solo il 18,3% nel In Italia risulta che nel 1999 la quota di italiani che hanno smesso era del 19,6%. Differenze di genere si osservano anche tra chi aveva l abitudine a fumare in passato: la percentuale di ex fumatori è maggiore tra gli uomini (29,3% a Ferrara e 27,2% in Italia) rispetto alle donne (14,6% a Ferrara e 12,5% in Italia). Inoltre la decisione di smettere è più frequente nelle fasce di età più 5

6 Percentuale di persone di 15 anni e più per abitudine al fumo Maschi Femmine TOTALE Base campionaria intervistata: n Mai fumatori 55,7 44,3 66,3 Ex-fumatori 16,6 22,5 11,2 Fumatori correnti di sigarette 27,6 33,2 22,5 di cui: - meno di 15 sigarette/die 13,5 12,7 14, sigarette/die 11,2 15,4 7,3-25 sigarette o più/die 2,6 4,7 0,7 Fonte: DOXA Istituto per le ricerche statistiche e l analisi dell opinione pubblica: "IL FUMO IN ITALIA" (aprile 2003) elevate (a Ferrara 31% di ex fumatori tra i 75-84enni). Infatti, la decisione di smettere di fumare è frequente tra i ritirati dal lavoro (a Ferrara tra essi il 29,8% è un ex fumatore). Più consistente è la percentuale di queste persone tra coloro che hanno solo la licenza elementare (25,7%), generalmente di età più elevata, per l insorgere di problemi di salute. Si riportano alcuni dati rilevati dalla Doxa con indagini campionarie che confermano la tendenza di riduzione dell abitudine al fumo in Italia nel L obesità L obesità e la tendenza all obesità sono malattie che trovano origine nella maggior parte dei casi nell associazione tra fattori predisponenti ereditari ed errate abitudini di vita, in particolare una errata alimentazione associata ad una carenza di attività fisica. Dalle rilevazioni svolte dall Istat, emerge che un terzo della popolazione della regione Emilia Romagna, così come un terzo di quella italiana, sono in sovrappeso. Per queste valutazioni è stato utilizzato l Indice di massa corporea; esso è calcolato dal rapporto tra il peso di un individuo, espresso in Kg, ed il quadrato della sua statura, espressa in metri. Una persona è in sovrappeso quando il suo indice di massa corporea assume valori maggiori o uguali a 25 ma minori di 30. Una persona è obesa quando il suo indice di massa corporea assume valori maggiori o uguali a 30. Si calcola che le persone obese siano l 8,9% in Italia e il 9,9% in Emilia Romagna In modo analogo, dai dati rilevati con l Indagine triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara, si calcola che a Ferrara le persone in sovrappeso siano il 29,9% dei residenti. Questo dato è leggermente sottostimato, in quanto non tutti hanno voluto dichiarare il loro peso o la loro altezza, e questo è accaduto per ritrosia nel caso di INDICE DI MASSA CORPOREA = PESO (Kg) / (ALTEZZA m) 2 > Sovrappeso di 3 grado Grave obeso Sovrappeso di 2 grado Obeso Sovrappeso di 1 grado Sovrappeso 18,5-25 Normopeso Normale < 18,5 Sottopeso Magro 6

7 Persone di 15 anni e più in sovrappeso per sesso, classe di età. Comune di Ferrara (tassi per 100 persone) SESSO MASCHI Percentuale di intervistati Obesità I grado Obesità II grado Obesità III grado Sottopeso Normale TOTALE ,4 83,0 7,5 0,0 0,0 0,0 100, ,4 67,7 26,5 3,6 1,1 0,7 100, ,6 40,6 46,0 10,8 1,3 0,6 100,0 >64 1,3 38,7 45,4 13,0 1,3 0,4 100,0 TOTALE 1,2 51,2 37,4 8,5 1,1 0,6 100,0 SESSO FEMMINE Percentuale di intervistati Obesita I grado Obesita II grado Obesita III grado Sottopeso Normale TOTALE ,1 72,4 6,6 0,0 0,0 0,0 100, ,2 70,9 11,9 3,0 1,0 0,0 100, ,2 61,4 27,0 7,2 1,6 0,6 100,0 >64 4,5 48,7 34,1 8,6 3,9 0,3 100,0 TOTALE 7,5 60,8 23,4 5,9 2,0 0,3 100,0 TOTALE Percentuale di intervistati Preobesità Preobesità Preobesità Obesita I grado Obesita II grado Obesita III grado Sottopeso Normale TOTALE ,3 76,7 7,0 0,0 0,0 0,0 100, ,1 69,4 18,9 3,3 1,0 0,3 100, ,4 51,1 36,4 9,0 1,4 0,6 100,0 >64 3,1 44,5 38,8 10,4 2,8 0,3 100,0 TOTALE 4,6 56,4 29,9 7,1 1,6 0,4 100,0 Fonte: Servizio Statistica del Comune di Ferrara: Indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara - Anno 2003 alcune persone con problemi di peso. Gli obesi sono almeno il 9,1%. I dati rilevano una obesità differente nei due sessi. Maggiore è l incidenza dei sovrappeso tra gli uomini rispetto alle donne: tra i primi è in preobesità il 41,6% degli italiani, il 40,8% degli emiliani e il 37,4% dei ferraresi. Le donne in soprappeso sono invece il 25,8% in Italia, il 26,7% in regione e il 23,4% a Ferrara. Differenze un po meno forti si osservano al contrario tra il numero di uomini e di donne obese, pur rimanendo i primi le persone più soggette alla malattia. In Italia gli uomini obesi sono il 9,2% della popolazione, in Emilia Romagna il 10,7% e a Ferrara il 10,2%, mentre le donne obese sono l 8,7% in Italia, il 9,2% in regione e l 8,2% a Ferrara. La crescita di peso si manifesta al crescere dell età e il sovrappeso diventa un problema per oltre il 40% delle persone dai 45 in poi; a queste persone si sommano coloro che sono obese, il 13% delle persone di quell età. 7

8 Persone di 15 anni e più in sovrappeso per sesso, classe di età. Regione Emilia Romagna e Italia - Anni (tassi per 100 persone) Classi di età Tasso e oltre Totale standardizzato (a) Emilia-Romagna maschi 9,0 35,6 51,7 46,2 40,8 36,7 femmine 3,8 14,1 32,5 41,9 26,7 23,4 totale 6,4 25,1 42,0 43,7 33,5 29,9 ITALIA maschi 17,8 38,0 50,6 48,6 41,6 39,2 femmine 7,6 16,0 33,7 37,9 25,8 24,2 totale 12,8 27,1 42,0 42,3 33,4 31,4 (a) Tassi standardizzati utilizzando come popolazione di riferimento la popolazione italiana di 15 anni e più al censimento Fonte: ISTAT - Servizio "Struttura e dinamica sociale". Persone di 15 anni e più obese per sesso, classe di età, e regione - Anni (tassi per 100 persone) Classi di età Tasso e oltre Totale standardizzato (a) Emilia-Romagna maschi 1,1 8,6 14,6 12,4 10,7 9,5 femmine 2,3 6,1 11,5 12,4 9,2 8,3 totale 1,7 7,4 13,0 12,4 9,9 8,9 ITALIA maschi 1,7 6,6 13,8 11,3 9,2 8,4 femmine 1,6 4,1 12,8 13,4 8,7 8,1 totale 1,6 5,4 13,3 12,5 8,9 8,2 (a) Tassi standardizzati utilizzando come popolazione di riferimento la popolazione italiana di 15 anni e più al censimento Fonte: ISTAT - Servizio "Struttura e dinamica sociale". A livello di curiosità si calcola che gli uomini ferraresi, dai 15 anni in su, sono mediamente alti 175 cm e pesano in media 78 kg; le donne ferraresi sono 162,5 cm e 62 kg. Si osserva che, negli anni, le nuove generazioni sono mediamente più alte rispetto a quelle più anziane. Persone di 15 anni per peso medio, altezza media e indice medio di massa corporea, secondo il sesso e le classi di età. Comune di Ferrara SESSO MASCHI FEMMINE IMC PESO ALTEZ- ZA IMC PESO ALTEZ- ZA ,8 70,2 179,2 20,4 57,1 167, ,5 78,1 178,5 21,9 59,7 165, ,2 80,2 174,7 24,4 63,8 161,9 >64 26,2 76,6 170,9 25,3 64,5 159,8 TOTALE 25,4 78,0 175,2 23,6 62,3 162,6 Fonte: Servizio Statistica del Comune di Ferrara: Indagine campionaria triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara - Anno

U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA

U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : FATTORI DI RISCHIO PER LA SALUTE Dall Indagine triennale campionaria sulle condizioni di vita nel Comune di Ferrara nel 2006 Nel

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

31 Maggio 2013 n 8 STATISTICA - COMUNE DI FERRARA

31 Maggio 2013 n 8 STATISTICA - COMUNE DI FERRARA 31 Maggio 2013 n 8 STATISTICA - COMUNE DI FERRARA L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : FATTORI DI RISCHIO PER LA SALUTE Dall Indagine triennale campionaria sulle condizioni di vita nel Comune di Ferrara nel

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

31 maggio 2016 n 7 STATISTICA - COMUNE DI FERRARA

31 maggio 2016 n 7 STATISTICA - COMUNE DI FERRARA 31 maggio 2016 n 7 STATISTICA - COMUNE DI FERRARA L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : FATTORI DI RISCHIO PER LA SALUTE Dall Indagine triennale campionaria sulle condizioni di vita nel Comune di Ferrara nel

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali

Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali Laura Iannucci Lidia Gargiulo * Emanuela Bologna * Elena Demuru ** Diego Moretti * Valeria Qualiano ** Roberto Zoffoli ** *ISTAT ** Servizio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

La popolazione svizzera si considera in buona salute

La popolazione svizzera si considera in buona salute Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 12.09.2008, 9:15 14 Salute N. 0352-0809-10 Indagine sulla salute in Svizzera 2007 La popolazione svizzera

Dettagli

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni Comportamenti e rischi per la salute Aldo De Togni Le malattie croniche costituiscono la principale causa di disabilità e di morte comprendono le cardiopatie, l ictus, il cancro, il diabete e le malattie

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Quattro schede informative sulla Sorveglianza PASSI per i Medici di Medicina Generale Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Dicembre 2014 La sorveglianza PASSI e il programma Guadagnare Salute a cura

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Passi per Guadagnare Salute

Passi per Guadagnare Salute Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Passi per Guadagnare Salute Rapporto 2011/2012 Azienda ULSS n. 13 1 Rapporto a cura di: Damiano Dalla Costa, Silvia Milani (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Quattro schede informative sulla Sorveglianza PASSI per i Medici di Medicina Generale Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Marzo 2012 Il sistema di sorveglianza PASSI e il programma Guadagnare Salute

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PASSI 2009 I dati sul tabagismo in Valle d Aosta Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Che cos è PASSI? Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Sistema di sorveglianza della popolazione

Dettagli

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Regione Toscana 2011-2014 Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Coordinamento regionale PASSI Giorgio Garofalo, Franca Mazzoli, Rossella Cecconi Firenze, 24 Novembre 2015 PASSI in breve -

Dettagli

Grado di istruzione della popolazione faentina residente al Censimento 2001

Grado di istruzione della popolazione faentina residente al Censimento 2001 Grado di istruzione della popolazione faentina residente al Censimento 2001 Sintesi del rapporto Possiamo affermare di essere un popolo più istruito rispetto al 1991. Aumentano le persone in possesso del

Dettagli

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia A cura di: Nascetti Simona, Zenesini Corrado, Collina Natalina, Pandolfi Paolo Dopo alcuni anni dall attivazione del sistema di sorveglianza PASSI

Dettagli

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio 1 94 7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO 7.1 La mobilità per lavoro e studio Sempre più nelle società avanzate assumono un peso rilevante nel condizionare la qualità della vita dei cittadini una serie di

Dettagli

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 La situazione nutrizionale di una popolazione è un determinante importante

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione Sembrerà strano ma essere in sovrappeso non necessariamente significa avere grasso in eccesso; allo stesso modo essere normopeso non è sinonimo di

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

Effetti dell esercizio fisico sui cambiamenti degli Stili di Vita

Effetti dell esercizio fisico sui cambiamenti degli Stili di Vita Parma 20 maggio 2006 Centro Congressi - Auditorium Paganini Convegno Nutrizione, stili di vita, ristorazione scolastica: istituzioni a confronto per promuovere benessere Effetti dell esercizio fisico sui

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

Famiglia e Società 4

Famiglia e Società 4 4 FAMIGLIA E SOCIETA Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie. Le informazioni presentate, riferite

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Massimo O. Trinito, Sandro Baldissera, Valentina Minardi, Nancy Binkin per

Dettagli

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Benedetta Rosetti Biologo nutrizionista SIAN - ASUR ZT 13 Ascoli P. Promuovere gli stili di vita salutari,

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Gianluigi Ferrante Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Milano, Aprile 2009 Indagine effettuata per Fratelli dell Uomo Rev. 00 1/29 L obiettivo primario era OBIETTIVI Verificare opinioni e atteggiamenti degli italiani nei confronti

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Guadagnare salute nella Bassa Friulana

Guadagnare salute nella Bassa Friulana Sistema di sorveglianza Guadagnare salute nella Bassa Friulana REPORT ASS5 BASSA FRIULANA QUADRIENNIO 2010-2013 Parte generale e dati PASSI Italia tratti da: www.epicentro.iss.it www.epicentro.iss.it/passi

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Calabria I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.97 9.79 Superficie (km ) 9,.,7 Densità (ab. per km ) 77, 7, * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

L integrazione sociale delle persone con disabilità

L integrazione sociale delle persone con disabilità 4 luglio 2005 L integrazione sociale delle persone con disabilità Anno 2004 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Guadagnare salute in Emilia-Romagna: i risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Guadagnare salute in Emilia-Romagna: i risultati del sistema di monitoraggio PASSI Guadagnare Salute in Emilia-Romagna: dalla Sorveglianza alle Buone Pratiche Guadagnare salute in Emilia-Romagna: i risultati del sistema di monitoraggio PASSI Nicoletta Bertozzi Giuliano CarrozziDiego

Dettagli

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004)

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

L inserimento professionale dei dottori di ricerca

L inserimento professionale dei dottori di ricerca 14 dicembre 2010 L inserimento professionale dei dottori di ricerca Anno 2009-2010 Tra dicembre 2009 e febbraio 2010 l Istat ha svolto per la prima volta l indagine sull inserimento professionale dei dottori

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti )

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Esercizio 1 Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Qualitativo Sconnesso: Marca di Jeans preferita, Partito votato nelle ultime elezioni,

Dettagli

Comune di Modena Modena per il Cuore

Comune di Modena Modena per il Cuore Comune di Modena Modena per il Cuore Le malattie del sistema circolatorio: al primo posto tra le cause di morte Nella realtà modenese le malattie del sistema cardiocircolatorio sono un tema di salute prioritario:

Dettagli

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA Sono numerose le evidenze scientifiche in cui si dimostra che le persone che godono di una posizione sociale privilegiata, che hanno un titolo

Dettagli

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti CAPITOLO 1 Salute Un bene da salvaguardare per tutti La salute rappresenta un elemento centrale nella vita e una condizione indispensabile del benessere individuale e della prosperità delle popolazioni,

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. 05_08.doc 1 R.I. 08/05 Aprile 2005 Foto di copertina: Cantiere

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

PASSI A BASSANO ANNI

PASSI A BASSANO ANNI PASSI A BASSANO ANNI RAPPORTO PASSI PER GUADAGNARE SALUTE ANNI 2009-2012 Rapporto a cura di: Maria Caterina Bonotto (Dipartimento di Prevenzione AULSS 3 Bassano) Intervistatrici AULSS 3 Bassano del Grappa

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi 31 Maggio 2010 GIORNATA MONDIALE CONTRO IL TABACCO G.Klimt 4 Giugno 2010 16 GIORNATA DEL RESPIRO L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi e con la collaborazione

Dettagli

Calcola il tuo peso ideale

Calcola il tuo peso ideale Nutrirsi di salute Luglio-Agosto 2011 Calcola il tuo peso ideale E possibile conoscere il proprio peso ideale? Per calcolare il nostro peso corporeo teorico più comunemente conosciuto come peso ideale

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Indagine sulla salute in Svizzera 2012

Indagine sulla salute in Svizzera 2012 14 Salute 213-1203 Indagine sulla salute in Svizzera 2012 Panoramica Neuchâtel, 2013 Indice Introduzione 4 Stato generale di salute 6 Sovrappeso 8 Ipertensione e colesterolo 10 Diabete 12 Disturbi fisici

Dettagli