Antiriciclaggio. Restituzione dei fondi in caso di impossibilità di adeguata verifica della clientela

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antiriciclaggio. Restituzione dei fondi in caso di impossibilità di adeguata verifica della clientela"

Transcript

1 Restituzione dei fondi in caso di impossibilità di adeguata verifica della clientela di Lucia Starola Gli enti e i professionisti destinatari della normativa antiriciclaggio hanno l obbligo di restituire ai clienti i fondi, gli strumenti e le altre disponibilità finanziarie di spettanza, qualora non sia possibile rispettare gli obblighi di adeguata verifica relativamente a rapporti continuativi già in essere, operazioni e prestazioni professionali in corso di realizzazione. Il Ministero dell economia e delle finanze, con circolare 30 luglio 2013, ha fornito alcune precisazioni sull ambito applicativo della disposizione e sulle modalità operative idonee a darvi attuazione, illustrando l interlocuzione preliminare con il cliente, la comunicazione allo stesso per definitiva impossibilità di adeguata verifica, le caratteristiche del conto corrente di destinazione e le informazioni relative alle operazioni di restituzione, mentre l Unità di informazione finanziaria, con provvedimento 6 agosto 2013, ha individuato il contenuto delle informazioni relative alle operazioni di restituzione effettuate, che devono essere acquisite e conservate a disposizione della UIF stessa. Il Ministero dell economia e delle finanze (1) ha fornito precisazioni sull ambito applicativo del comma 1-bis dell art. 23 (Obbligo di astensione) del D.Lgs. 21 novembre 2007, n. 231, e sulle modalità operative idonee a provvedere all obbligo di restituzione dei fondi, qualora non sia stato possibile rispettare gli obblighi di adeguata verifica relativamente a rapporti continuativi già in essere. Correlativamente l Unità di informazione finanziaria, con Provv. 6 agosto 2013, ha individuato il contenuto delle informazioni relative alle operazioni di restituzione effettuate, che devono essere acquisite e conservate a disposizione della UIF stessa. Normativa primaria Le disposizioni regolamentari traggono origine dal comma 1-bis dell art. 23 del D.Lgs. n. 231/2007 (2), relativo all obbligo per gli enti e i professionisti destinatari della normativa di restituire ai clienti i fondi, gli strumenti e le altre disponibilità finanziarie di spettanza, qualora non sia possibile rispettare gli obblighi di adeguata verifica relativamente a rapporti continuativi già in essere, operazioni e prestazioni professionali in corso di realizzazione. La norma prevede che il relativo importo venga «liquidato» tramite bonifico su conto corrente bancario indicato dal cliente e che il trasferimento dei fondi sia accompagnato da un messaggio, nel quale si indica alla controparte bancaria che le somme sono restituite al cliente per l impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica della clientela previsti dall art. 18 del D.Lgs. n. 231/2007. L adeguata verifica costituisce l adempimento primario richiesto dalla disciplina antiriciclag- Lucia Starola - Starola - Cantino Battaglia - Sandri - Dottori Commercialisti Associati (1) Circolare Dipartimento del Tesoro, Direzione V, sentito il Comitato di sicurezza finanziaria e con la condivisione della Banca d Italia, dell UIF e della Guardia di finanza, 30 luglio 2013, prot /DT, in Banca Dati BIG Suite, IPSOA. (2) Comma inserito per effetto di quanto disposto dall art. 18 del D.Lgs. 19 settembre 2012, n

2 LA DISPOSIZIONE PRIMARIA gio, presupposto fondamentale per gli ulteriori obblighi di registrazione e di eventuale segnalazione di operazioni sospette. Come indicato dall art. 18 del D.Lgs. n. 231/2007, l adeguata verifica consiste nelle seguenti attività: a) identificare il cliente e verificarne l identità; b) identificare l eventuale titolare effettivo e verificarne l identità; c) ottenere informazioni sullo scopo e sulla natura prevista del rapporto continuativo o della prestazione professionale; d) svolgere un controllo costante nel corso del rapporto o della prestazione professionale. L adeguata verifica costituisce dunque un adempimento composto, ad esecuzione continuata, nel quale agli obblighi iniziali si aggiunge il monitoraggio nel tempo dell operatività del cliente, con frequenza determinata dal livello di rischio attribuito al cliente stesso. L art. 23 del D.Lgs. n. 231/2007 detta l obbligo di astensione in caso di impossibilità di rispetto degli obblighi di adeguata verifica per mancata conoscenza di uno o più degli elementi suddetti (dati identificativi, scopo e natura), sia che ciò avvenga nel momento iniziale (con conseguente divieto di instaurare il rapporto), che per eventi sopravvenuti nel corso del rapporto continuativo o della prestazione professionale (con conseguente obbligo di interrompere il rapporto). L impossibilità di adeguata verifica determina in capo all intermediario o al professionista, oltre all obbligo di astensione, anche quello di valutare se effettuare una segnalazione di operazione sospetta. Si tratta di momenti consequenziali e necessari, nei quali si inserisce il nuovo obbligo di restituire al cliente i fondi, gli strumenti o le altre disponibilità finanziarie di spettanza. Leggiamo, infatti, nella relazione governativa al Restituzione dei fondi Il comma 1-bis dell art. 23 del D.Lgs. n. 231/2007, relativo all obbligo per gli enti e i professionisti destinatari della normativa antiriciclaggio di restituire ai clienti i fondi, gli strumenti e le altre disponibilità finanziarie di spettanza, qualora non sia possibile rispettare gli obblighi di adeguata verifica relativamente a rapporti continuativi già in essere, operazioni e prestazioni professionali in corso di realizzazione, prevede che il relativo importo deve essere «liquidato» tramite bonifico su conto corrente bancario indicato dal cliente e il trasferimento dei fondi accompagnato da un messaggio, nel quale si indica alla controparte bancaria che le somme sono restituite al cliente per l impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica della clientela. D.Lgs. n. 169/2012, che la modifica all art. 23 del D.Lgs. n. 231/2007 è rivolta a stabilire obblighi in capo ai soggetti destinatari della normativa antiriciclaggio, nel caso in cui gli stessi decidano di porre fine al rapporto continuativo o alla prestazione professionale in essere ai sensi dell art. 23, comma 1. La norma in esame tende ovviamente a indurre i clienti a fornire tutte le informazioni necessarie, pena la cessazione del rapporto. In proposito l art. 21 del D.Lgs. n. 231/2007 prevede l obbligo per il cliente di fornire sotto la propria responsabilità tutte le informazioni necessarie e aggiornate per consentire di adempiere gli obblighi di adeguata verifica. A significare quanto sia incisivo e determinante l obbligo a carico del cliente, si richiamano le specifiche sanzioni penali (3) previste a carico dell esecutore dell operazione che omette di indicare le generalità del soggetto per conto del quale esegue l operazione ovvero non fornisce informazioni sullo scopo e sulla natura prevista del rapporto continuativo o della prestazione professionale. Le indicazioni del comma 1-bis sono indirizzate principalmente agli intermediari finanziari, ma sono applicabili anche al professionista che Nota: (3) Art. 55 (Sanzioni penali), commi 2 e 3, del D.Lgs. n. 231/2007: «Salvo che il fatto costituisca più grave reato, l esecutore dell operazione che omette di indicare le generalità del soggetto per conto del quale eventualmente esegue l operazione o le indica false è punito con la reclusione da sei mesi a un anno e con la multa da 500 a euro. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, l esecutore dell operazione che non fornisce informazioni sullo scopo e sulla natura prevista dal rapporto continuativo o dalla prestazione professionale o le fornisce false è punito con l arresto da sei mesi a tre anni e con l ammenda da a euro». 2926

3 avesse la disponibilità di fondi di clienti. A puro titolo esemplificativo si può ipotizzare: fondi ricevuti per effettuare pagamenti di imposte o tributi ovvero contributi previdenziali ed assistenziali in nome e per conto del cliente; fondi ricevuti per provvedere al pagamento di diritti e bolli dovuti in relazione a pratiche di iscrizione nel registro imprese per conto del cliente; fondi ricevuti per effettuare operazioni immobiliari o mobiliari (aziende, quote, ecc.) in nome proprio e per conto del cliente, con rilascio di procura ad operare in nome del cliente stesso ed obbligo di resa del conto; fondi ricevuti per fare offerte di acquisizione che, per motivi di riservatezza, possano partire dal professionista, che si presenta, in questa prima fase, in nome e per conto di persona da nominare; LA PRASSI AMMINISTRATIVA Ipotesi in cui è necessario restituire i fondi La circolare del MEF 30 luglio 2013 afferma che la restituzione dei fondi è necessaria nelle ipotesi di: operazioni occasionali e prestazioni professionali in corso di realizzazione; rapporti nuovi, non ancora perfezionati, per i quali si sono ricevuti fondi «scoprendo successivamente l impossibilità di completare l adeguata verifica»; rapporti già instaurati, al primo contatto utile, fatta salva la valutazione del rischio presente, nel caso in cui si accerti di non essere in grado di rispettare gli obblighi di adeguata verifica. In pratica le ipotesi di riferimento sono: se per una qualsiasi ragione non è stata originariamente effettuata «adeguatamente» la verifica iniziale del cliente e di ciò ci si rende conto successivamente e se la verifica all origine è stata «adeguata», ma si sono modificate alcune situazioni (ad esempio operazioni straordinarie societarie, cambiamento del titolare effettivo, trasferimenti di sede). fondi ricevuti a titolo fiduciario nell ambito di contratti di particolare complessità, ovvero a titolo di caparra, da devolvere ad una delle parti al verificarsi di una particolare condizione sospensiva (in questo caso la restituzione sarebbe di particolare delicatezza e gravità, per la responsabilità nei confronti dell altra parte inconsapevole). L entrata in vigore del comma 1-bis, inizialmente prevista per il 17 ottobre 2012, venne sospesa dal Ministero dell economia in attesa dell emanazione di apposite istruzioni (4). Apparvero infatti subito evidenti i profili problematici connessi alla concreta attuazione di tale previsione normativa. Tra i tanti ancora attuali: come si deve comportare la banca alla quale viene effettuato il bonifico con relativo messaggio? Se la nuova banca riceve i fondi su un conto già aperto, avrà a sua volta eseguito gli adempimenti per l adeguata verifica, nel qual caso non sarebbe possibile avvalersi della procedura di adeguata verifica con esecuzione da parte di terzi, come previsto negli artt. da 29 a 34 del D.Lgs. n. 231/2007? La norma di fatto rende inoperativo il diritto al prelievo dei fondi presso la banca, previsto dall art. 49, comma 1, del D.Lgs. n. 231/2007? Se così non è, il vero riciclatore non sarà indotto a prelevare, nel corso del non breve periodo che intercorre tra l interlocuzione preliminare da parte dell intermediario, l invio della comunicazione scritta e il successivo termine di 60 giorni dal quale si realizza un vero blocco dei fondi? Prima dell emanazione della circolare in commento, la previsione è stata richiamata nella sezione IX della parte seconda del provvedimento di Banca d Italia 3 aprile 2013 (5), che ha dettato le disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela da parte degli intermediari finanziari. Ciò significa che, al di là dei dubbi e delle perplessità operative, le istituzioni hanno ben chiaro l intento che all obbligo normativo sia data concreta esecuzione. Chiarimenti del Ministero Come sopra accennato, l applicazione della norma, in vigore dal 17 ottobre 2012 e sospesa, prima ancora che entrasse in vigore, per effetto della circolare del Ministero dell economia e (4) Circolare ABI 17 ottobre 2012, prot. ULG/ (5) In Banca Dati BIG Suite, IPSOA. 2927

4 delle finanze 30 luglio 2013 in commento, è da questa data immediatamente cogente. In proposito la circolare fornisce un interpretazione sistematica della norma, correlandola al disposto dell art. 22 del D.Lgs. n. 231/2007 (6). Quest ultima disposizione, riferendosi ai rapporti in essere al momento dell entrata in vigore del D.Lgs. n. 231/2007, prevede per tali rapporti, per i quali all atto dell instaurazione del rapporto in vigenza della precedente normativa era stato unicamente «identificato il cliente», fosse necessario applicare gli obblighi di adeguata verifica al primo «contatto utile» con il cliente e in base al profilo di rischio della clientela per effetto delle informazioni disponibili. Ora la circolare, richiamando tale disposizione, di fatto indica che l applicazione della procedura di cui all art. 23, comma 1-bis, è graduata nel tempo in base ai medesimi criteri. Ne consegue la necessità di procedere alla restituzione dei fondi in occasione di: a) operazioni occasionali e IL PROVVEDIMENTO UIF Informazioni da acquisire e conservare a disposizione dell UIF La circolare del MEF prescrive che il destinatario degli obblighi antiriciclaggio deve acquisire e conservare le informazioni relative alle operazioni di restituzione effettuate, con evidenza delle controparti e dei rapporti di destinazione. In proposito il provvedimento UIF 6 agosto 2013 ha individuato il contenuto delle informazioni che devono essere acquisite e conservate a disposizione dell UIF: la data, l importo e la tipologia dell operazione di restituzione; i dati identificativi del cliente, degli eventuali cointestatari, del soggetto esecutore (se presente), dei titolari effettivi, ove l astensione non sia determinata dall impossibilità di identificare e verificare l identità del titolare effettivo; gli estremi del rapporto o dei rapporti in favore dei quali è effettuata l operazione di restituzione, con l indicazione dell intermediario finanziario presso il quale sono aperti e l eventuale indicazione del Paese di destinazione delle disponibilità finanziarie; ove noti, i dati identificativi dei cointestatari del rapporto in favore del quale il cliente ha chiesto di effettuare l operazione di restituzione. prestazioni professionali in corso di realizzazione; b) rapporti nuovi, non ancora perfezionati, per i quali si sono ricevuti fondi «scoprendo successivamente l impossibilità di completare l adeguata verifica»; c) rapporti già instaurati, al primo contatto utile, fatta salva la valutazione del rischio presente, nel caso in cui si accerti di non essere in grado di rispettare gli obblighi di adeguata verifica. In pratica le ipotesi di riferimento sono: a) per una qualsiasi ragione non è stata originariamente effettuata «adeguatamente» la verifica iniziale del cliente e di ciò ci si rende conto successivamente (7); b) la verifica all origine è stata «adeguata», ma si sono modificate alcune situazioni (ad esempio operazioni straordinarie societarie, cambiamento del titolare effettivo, trasferimenti di sede). In merito all ambito applicativo, la circolare ministeriale precisa che la procedura di restituzione può trovare applicazione unicamente con riferimento ai rapporti che presentino saldi attivi. Per i rapporti che presentano saldi passivi è presumibile esista la possibilità di intraprendere comunque l interlocuzione con il cliente, di far presente il proprio obbligo di astensione, di bloccare operazioni di addebito automatico. La circolare fornisce precisazioni dettagliate sulle modalità di applicazione della procedura di restituzione, indicando una serie di step operativi, dei quali occorre mantenere evidenza: indicare al cliente, fin dalla prima fase di contatto, le conseguenze derivanti dall impossibilità di completare l adeguata verifica; (6) Art. 22 (Modalità) del D.Lgs. n. 231/2007: «gli obblighi di adeguata verifica della clientela si attuano nei confronti di tutti i nuovi clienti, Per la clientela già acquisita i suddetti obblighi si applicano al primo contatto utile, fatta salva la valutazione del rischio presente». (7) È il caso previsto alle lett. d) dell art. 15, e) dell art. 16, d) dell art. 17, nei quali si prevede l obbligo di adeguata verifica «quando vi sono dubbi sulla veridicità e nell adeguatezza dei dati precedentemente ottenuti». 2928

5 contattare il cliente per accertare la possibilità di completare l adeguata verifica entro un ragionevole termine ovvero prendere atto del rifiuto. Contemporaneamente evidenziare al cliente gli obblighi che allo stesso fanno capo (art. 21 del D.Lgs. n. 231/2007) e ribadire le conseguenze del mancato completamento dell adeguata verifica; inviare al cliente una comunicazione scritta di impossibilità di completare l adeguata verifica informandolo: 1) del proprio obbligo di astensione e dell esigenza di ottenere entro 60 giorni le coordinate di un conto su cui effettuare la restituzione delle disponibilità. Se il rapporto è cointestato, il conto di destinazione deve essere individuato di comune accordo dai cointestatari ovvero individuati conti distinti, specificando le modalità di ripartizione delle disponibilità finanziarie; 2) della limitazione dell utilizzo del rapporto unicamente per le obbligazioni assunte dal cliente o per gli addebiti/accrediti automatici disposti in via continuativa prima dell invio della comunicazione; 3) che decorso il termine di 60 giorni non sarà più possibile effettuare alcuna operazione e di tale circostanza verrà data comunicazione ai terzi in relazione agli addebiti/accrediti automatici; 4) che i moduli di assegni in suo possesso devono essere restituiti, il pagamento di assegni tratti in data successiva alla comunicazione sarà rifiutato (8) e saranno segnalati alla sezione centrale dell archivio degli assegni bancari e postali i dati relativi ai moduli di assegni eventualmente non restituiti; 5) che, ricevuta l indicazione del conto, sarà disposta la restituzione di fondi, strumenti, disponibilità finanziaria e liquidità e il rapporto si intenderà chiuso. La circolare continua precisando le caratteristiche del conto corrente di destinazione: deve essere intestato e/o cointestato al cliente nei cui confronti si dispone la restituzione; per gli strumenti finanziari di spettanza del cliente dovrà essere indicato un conto titoli intestato/cointestato su cui trasferire i predetti strumenti; il conto corrente e/o il conto titoli devono essere aperti presso un intermediario nazionale comunitario o soggetto al regime del Paese proprio dei Paesi terzi equivalente. Se a conclusione dell intera procedura non si ottiene l indicazione delle coordinate bancarie su cui effettuare il bonifico di restituzione le disponibilità sono versate su un conto infruttifero. Informazioni da acquisire e conservare La circolare ministeriale conclude prescrivendo che il destinatario degli obblighi antiriciclaggio deve acquisire e conservare le informazioni relative alle operazioni di restituzione effettuate, con evidenza delle controparti e dei rapporti di destinazione. In proposito il provvedimento UIF 6 agosto 2013 ha individuato il contenuto delle informazioni che devono essere acquisite e conservate a disposizione dell Unità di informazione finanziaria, UIF (9). Le informazioni richieste sono: la data, l importo e la tipologia dell operazione di restituzione; i dati identificativi: a) del cliente; b) degli eventuali cointestatari; c) se presente, del soggetto esecutore; d) dei titolari effettivi, ove l astensione non sia determinata dall impossibilità di identificare e verificare l identità del titolare effettivo; gli estremi del rapporto o dei rapporti in favore dei quali è effettuata l operazione di restituzione, con l indicazione dell intermediario finanziario presso il quale sono aperti e l eventuale indicazione del Paese di destinazione delle disponibilità finanziarie; ove noti, i dati identificativi dei cointestatari del rapporto in favore del quale il cliente ha chiesto di effettuare l operazione di restituzione. L UIF si riserva di fornire indicazioni in merito alle modalità di trasmissione, anche in via periodica o sistematica. Come accennato, il comma 1 dell art. 23 del D.Lgs. n. 231/2007 prevede che i destinatari (8) La richiesta di pagamento assegni per importi singoli considerevoli rispetto all entità del conto, tratti in data immediatamente precedente, forse può costituire ulteriore indice di sospetto. (9) L Unità di informazione finanziaria è il soggetto che può acquisire tali informazioni ai sensi dell art. 6, comma 6, lett. c), del D.Lgs. n. 231/

6 della normativa, nel caso in cui sia impossibile rispettare gli obblighi di adeguata verifica, «valutano se effettuare una segnalazione all UIF». L indicazione rimane valida anche quando venga effettuata la restituzione dei fondi e la circolare ministeriale precisa l obbligo di «valutare, secondo i criteri e le regole ordinariamente utilizzati, l opportunità di effettuare una segnalazione» «solo laddove sussistano gli elementi di cui all art. 41 del D.Lgs. n. 231/2007, per cui l invio della segnalazione dipende dall esito del processo valutativo». Pare quasi che la circolare intenda chiarire che, in quanto l obbligo di segnalazione deriva da una valutazione soggettiva della situazione complessiva, non sussiste obbligo di segnalazione se l impossibilità di adeguata verifica non è accompagnata da altri elementi, talché la stessa costituisce un indice di anomalia, che suscita il sospetto, ma che nell ambito di una valutazione complessiva può non essere sufficiente a sospettare che siano in corso o che siano state compiute o tentate operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. Non può infatti esistere automatismo tra anomalia e sospetto. Considerazioni conclusive La disposizione di cui si tratta, del tutto estranea alla direttiva 2005/60/CE ed alla proposta di IV direttiva (10), risente del contesto socioeconomico del momento in cui è stata emanata. Si tratta di un periodo storico nel quale l emersione di fenomeni di corruzione era (ed in parte è tuttora) fatto quasi quotidiano e la norma è stata inserita in un decreto legislativo che modifica il titolo V del Testo Unico bancario in merito alla disciplina dei soggetti operanti nel settore finanziario. È chiaro che la tracciabilità IL PROBLEMA APERTO Effetti della comunicazione a terzi Non si deve sottovalutare l effetto dirompente che può avere la comunicazione a terzi interessati che non saranno eseguite operazioni di addebito o accredito automatico a valere sul rapporto intestato al cliente o il rifiuto di pagamento di eventuali assegni tratti sul conto ovvero il messaggio che indica alla controparte bancaria che le somme sono restituite al cliente per l impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica. Questo tipo di «comunicazioni», che derivano dalla sussistenza di una fattispecie molto delicata, nella quale la norma conclude con l indicazione di «valutare se effettuare una segnalazione di operazione sospetta», pare confliggere con il «divieto di comunicazione» all interessato o «a terzi» sancito dall art. 46 del D.Lgs. n. 231/2007. delle movimentazioni bancarie è uno degli strumenti che, permettendo di individuare alcune fasi di quella che potrebbe essere un operazione di riciclaggio, aiuta a risalire ai fondi che sono il frutto della corruzione. Tuttavia, nonostante i chiarimenti forniti dal Ministero dell economia e delle finanze e dall UIF, come talvolta accade, una norma ideata per il raggiungimento di un fine condivisibile, come quello di prevenire un fenomeno diffuso nell economia globale, distorsivo della concorrenza e odioso a livello etico, rischia di confliggere con i diritti dei destinatari della normativa, creando effetti pesanti e non voluti. Non si deve infatti sottovalutare l effetto dirompente che può avere la comunicazione a terzi interessati che non saranno eseguite operazioni di addebito o accredito automatico a valere sul rapporto intestato al cliente o il rifiuto di pagamento di eventuali assegni tratti sul conto ovvero il messaggio che indica alla controparte bancaria che le somme sono restituite al cliente per l impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica. Questo tipo di «comunicazioni», che derivano dalla sussistenza di una fattispecie molto delicata, nella quale la norma conclude con l indicazione di «valutare se effettuare una segnalazione di operazione sospetta», pare confliggere con il «divieto di comunicazione» al- Nota: (10) L art. 12 della Proposta di IV direttiva prevede che gli Stati membri possono consentire l apertura di un conto bancario purché vigano garanzie atte ad assicurare che né il cliente né altri per suo conto effettuino operazioni prima della piena conformità con le disposizioni di accertamento dell identità del cliente o del titolare effettivo e quindi la previsione di cui si tratta sarà in futuro applicabile solo nel caso di mutamento successivo della situazione del cliente. 2930

7 l interessato o «a terzi» sancito dall art. 46 del D.Lgs. n. 231/2007. È vero che la segnalazione di operazione sospetta non deriva in modo automatico dall impossibilità di adeguata verifica, bensì da un approfondito esame di merito su persone cose, ipotesi e condotte valutate nel loro complesso. Ma è altrettanto vero che le comunicazioni sopra esemplificate implicitamente contengono il messaggio che «potrebbe» essere stata fatta o essere in corso una segnalazione. Ancor più forte è il vulnus che questa serie di comportamenti obbligatori crea sul diritto alla riservatezza del segnalante, delineato dall art. 45 del D.Lgs. n. 231/2007. La circolare ministeriale si prende cura di ribadire che né l intermediario destinatario del bonifico né il cliente dovranno perciò stesso ritenere che sia stata inviata una segnalazione, ma nessuno può impedire agli stessi di avere la «ragionevole certezza» che oltre al trasferimento dei fondi sia stata fatta anche la segnalazione! È logico infatti pensare che, nel corso del lungo iter che precede il trasferimento dei fondi, il processo valutativo per decidere se effettuare la segnalazione venga svolto con particolare cura. Senza dimenticare che tra gli indicatori di anomalia che servono a suscitare il sospetto ne ritroviamo alcuni assolutamente in linea con il caso di cui si tratta (11). È vero che la ricorrenza di elementi descritti negli indicatori non è sufficiente per la segnalazione, ma il «sospetto» in questi casi non appare irrilevante. Ed infine appare di rilievo la circostanza che l omessa segnalazione di operazione sospetta è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria dall 1 al 40% dell importo dell operazione non segnalata: sarebbe veramente eclatante per una banca, dopo aver restituito i fondi al cliente, aver deciso di non segnalare e successivamente essere colpita da tale sanzione! A livello di possibile responsabilità della banca, occorre inoltre tenere presente che, tra gli strumenti finanziari, potrebbero esservene taluni che non possono essere «trasferiti» ma devono essere liquidati, con possibilità di realizzo di minusvalori rispetto ai valori investiti. È il caso di strumenti che sono collocati dall intermediario ma che non sono negoziati sul mercato: ad esempio un prodotto di risparmio gestito (fondo comune o SICAV) della SGR della banca. Può verificarsi che la banca indicata dal cliente non abbia stipulato convenzione con la SGR e quindi il trasferimento dello strumento finanziario non sia fisicamente possibile. Analogo potrebbe essere il caso di polizze di ramo vita. Sarà interessante verificare la frequenza dell applicazione della disposizione nel corso del tempo e le sue conseguenze a livello di raggiungimento dell obiettivo o di creazione di ulteriori problemi. Nota: (11) In via esemplificativa, nel D.M. 16 aprile 2010 del Ministero della giustizia, che indica gli indici di anomalia per i professionisti e revisori si legge: «Il cliente fornisce informazioni palesemente inesatte o incomplete ovvero false riguardo: la propria identità e quella dell eventuale titolare effettivo; lo scopo e la natura della prestazione richiesta; l attività esercitata ovvero la situazione finanziaria, economica e/o patrimoniale propria e/o dell eventuale gruppo di appartenenza; il potere di rappresentanza, l identità dei delegati alla firma, la struttura di proprietà o di controllo». «Il cliente dimostra di non avere adeguata conoscenza della natura, dell oggetto o dello scopo della prestazione professionale richiesta, suscitando il dubbio che egli possa occultare di agire con finalità illecite per conto di un terzo». 2931

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA Vista la legge 25 gennaio 2006, n. 29, recante disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli