[I POTERI ESECUTIVI DEL FISCO ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[I POTERI ESECUTIVI DEL FISCO ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE]"

Transcript

1 2013 Polo Giuridico Economico Politico, ex Facoltà Scienze Politiche, Amministrazione Organizzazione Diritto Tributario Corona Pietro [I POTERI ESECUTIVI DEL FISCO ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE] [Digitare qui il sunto del documento. Di norma è una breve sintesi del contenuto del documento. [Digitare qui il sunto del documento. Di norma è una breve sintesi del contenuto del documento.]

2 Bibliografia Testi: I poteri esecutivi del fisco, Rosanna Acierno, Gruppo Editoriale Simone Siti Web: Camera V Commissione Bilancio Gruppo Equitalia Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 2

3 Accertamento e Riscossione All Agenzia delle entrate è stato affidato un ruolo centrale nel coordinamento del servizio di accertamento e riscossione, anche attraverso l ottimizzazione delle risorse e la collaborazione con altri enti. Agenti della riscossione Per quanto riguarda gli agenti della riscossione, durante la legislatura precedente è stata più volte modificata la disciplina della remunerazione della loro attività (società Equitalia Spa e partecipate). In particolare, è prevista la futura sostituzione dell attuale sistema di remunerazione (che avviene mediante aggio, ossia corrispondendo all agente della riscossione una percentuale dell ammontare riscosso) con un criterio basato invece sul rimborso dei costi fissi risultanti dal bilancio certificato (secondo quanto previsto articolo 10 del D.L. 201 del 2011). Il sistema entrerà in vigore a partire dall'emanazione della disciplina attuativa. In attesa dell'entrata in vigore di detta riforma, il decreto-legge n. 95 del 2012 ha previsto (articolo 5, comma 1) una riduzione dell'aggio di un punto percentuale sui ruoli emessi dal 1 gennaio Accanto a tale previsione, è stata prevista un ulteriore ed eventuale riduzione dell aggio, correlata alla presenza di maggiori risorse - rispetto a quanto considerato nei saldi tendenziali di finanza pubblica - tratte anche dal processo di ottimizzazione ed efficientamento nella riscossione dei tributi e di riduzione dei costi di funzionamento del gruppo Equitalia S.p.A., e che potrà arrivare fino a ulteriori quattro punti percentuali. Riscossione delle entrate comunali e intervento degli enti territoriali Per quanto riguarda l'attività di riscossione delle entrate locali, il D. L. 70 del 2011 (articolo 7, comma 2, lettere gg-ter) e seguenti) ha disposto che Equitalia e le società partecipate cessino di effettuare le attività di accertamento, liquidazione e riscossione delle entrate dei comuni e delle società da essi partecipate. I soggetti successivamente designati dai comuni per l'esercizio di tali funzioni (con procedure ad evidenza pubblica) potranno agire mediante ingiunzione fiscale e mediante le ordinarie disposizioni in materia di accertamento delle imposte erariali, ove compatibili. I termini di operatività del nuovo sistema di accertamento e riscossione delle entrate comunali è stato da ultimo fissato (dal D.L. n. 174 del 2012) al 30 giugno In applicazione del principio di sussidiarietà e al fine di rafforzare gli strumenti della lotta all evasione fiscale, il legislatore ha complessivamente previsto un maggior coinvolgimento degli Enti territoriali nell attività di accertamento e riscossione. Per quanto concerne i comuni, l articolo 1, comma 1 del D.L. 203/2005 disponeva in origine l attribuzione a tali enti di una quota pari al 30 per cento delle maggiori somme riscosse con il concorso dei medesimi; tale ammontare è stato poi elevato da disposizioni successive e, da ultimo, dall articolo 1, comma 12-bis, del D.L. 138 del 2011 che ha assegnato ai comuni, per gli anni 2012, 2013 e 2014, l intero maggior gettito ottenuto a seguito dell intervento svolto dall ente stesso nell attività di accertamento, anche se si tratta di somme riscosse a titolo non definitivo e fermo restando il successivo recupero delle stesse ove rimborsate ai contribuenti a qualunque titolo. Controlli e poteri dell'amministrazione; lotta all'evasione fiscale. Il legislatore fiscale negli ultimi hanno ha apportato numerose modifiche alla disciplina in materia di poteri di controllo e indagine da parte degli organi dell'amministrazione finanziaria, al fine di rendere più efficiente l azione del fisco nella lotta all evasione. Tra i principali interventi si segnala anzitutto la revisione del redditometro, ovvero dello strumento di accertamento sintetico del reddito che consente all amministrazione finanziaria Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 3

4 una determinazione indiretta del reddito complessivo del contribuente, basata sulla capacità di spesa del medesimo. L'articolo 22 del D.L. n. 78/2010 ha autorizzato l Amministrazione finanziaria a determinare sinteticamente il reddito complessivo del contribuente anche sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d'imposta. Viene fatta salva la prova che il relativo finanziamento sia avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d'imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile. Pertanto l'onere di fornire la prova contraria è a carico del contribuente, ma vi è una presunzione generale in base alla quale tutto ciò che è stato speso nel periodo d'imposta si presume sostenuto con redditi posseduti nel periodo medesimo. Condizione per tale determinazione sintetica del reddito complessivo è uno scostamento tra il reddito complessivo accertabile e quello dichiarato di almeno un quinto (20 per cento). Il D.M. del 24 dicembre 2012 ha attuato la disciplina del redditometro mediante l individuazione degli elementi indicativi di capacità contributiva sulla base dei quali può essere fondata la determinazione sintetica del reddito. Significative novità ai fini della riscossione sono state introdotte con il cd. istituto dell accertamento esecutivo (articolo 29 del D. L. n. 78 del 2010): gli accertamenti per imposte sui redditi, IVA e IRAP emessi a partire dal 1 ottobre 2011 contengono anche l intimazione al pagamento degli importi in essi indicati entro il termine per la presentazione del ricorso. Tali atti sono dunque prontamente esecutivi; pertanto, l agente della riscossione, sulla base del titolo esecutivo così formato e senza la preventiva notifica della cartella di pagamento, può procedere ad espropriazione forzata con i poteri, le facoltà e le modalità previste dalle disposizioni che disciplinano la riscossione a mezzo ruolo. Tuttavia, il decreto "sviluppo" (D.L. 70/2011) ha attenuato il principio così posto del "solve et repete", disponendo la sospensione dell esecuzione forzata eventualmente conseguente ai predetti atti per centottanta giorni, decorrenti dall affidamento in carico agli agenti della riscossione. Nel solco del rafforzamento del ruolo dell Amministrazione finanziaria in sede di accertamento, si ricordano le disposizioni in materia di indagini finanziarie che hanno consentito (articolo 23 del D.L. 98 del 2011) agli uffici di acquisire informazioni anche da società ed enti di assicurazione, relativamente alle attività di natura finanziaria. Il medesimo provvedimento ha inoltre introdotto una serie di disposizioni in materia di studi di settore dirette, tra l altro, a modificare il contenuto degli atti di accertamento nel caso di congruità alle risultanze degli studi di settore e ad innalzare del 50 per cento la misura delle sanzioni per l'ipotesi di omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti. Anche il D.L. 201 del 2011 è intervenuto sulla materia dei poteri di accertamento dell'amministrazione finanziaria: in particolare (articolo 10) è stata novellata la disciplina relativa ai limiti dell attività di accertamento dell Amministrazione finanziaria nei confronti dei soggetti congrui agli studi di settore, purché questi adempiano a specifici obblighi di comunicazione e trasparenza nei confronti del fisco. Il citato provvedimento, sempre nell'ottica di rafforzare i poteri del fisco, ha poi introdotto la fattispecie penale di esibizione o trasmissione di atti o documenti falsi in occasione di richieste formulate dall Amministrazione finanziaria nell esercizio dei poteri di accertamento. Si segnala in particolare l onere, posto dal citato D.L. 201 del 2011 (articolo 11) in capo agli operatori finanziari, di comunicare periodicamente all anagrafe tributaria tutte le movimentazioni relative ai rapporti finanziari intrattenuti con i contribuenti. La decorrenza di tale onere era prevista in origine dal 1 gennaio L'Autorità Garante per la protezione dei dati personali con provvedimento del 15 novembre 2012, ha espresso parere favorevole sullo schema di provvedimento del Direttore dell'agenzia delle entrate che stabilisce le modalità con le quali gli operatori finanziari dovranno trasmettere all'agenzia, a fini di controllo fiscale, le informazioni contabili relative ai conti correnti e ai rapporti finanziari per la cosiddetta "comunicazione integrativa annuale". Tali informazioni, obbligatoriamente trasmesse all Anagrafe tributaria da parte degli operatori finanziari, sono utilizzabili anche per semplificare gli adempimenti dei cittadini sulla compilazione della dichiarazione sostitutiva unica valida ai fini ISEE, nonché in sede di controllo sulla veridicità dei dati dichiarati nella medesima dichiarazione. Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 4

5 L'attenzione del legislatore si è rivolta anche al fronte della tracciabilità dei pagamenti sia riducendo (articolo 12 del D.L. 201 del 2011) a 1000 euro la soglia massima per l utilizzo del contante e dei titoli al portatore, sia prevedendo (articolo 2, comma 5 del D.L. 138/2011 ) che sia sospeso dall iscrizione all albo o all ordine il professionista cui siano state contestate reiterate violazioni dell obbligo di emettere il documento certificativo dei corrispettivi. Si ricordano inoltre le disposizioni antielusive volte a colpire (articolo 2, commi da 36- terdecies a 36-duodevicies del D.L. 138/2011) l uso di beni intestati fittiziamente a società, ivi compresa l indeducibilità dei costi relativi ai beni concessi ai soci o ai familiari per un corrispettivo annuo inferiore al valore di mercato. E stata novellata (articolo 2, comma 36- vicies semel) inasprendola, la disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e IVA, con l intento generale di eliminare disposizioni di favore o abbassare la soglia di imposta evasa a partire dalla quale scatta l'applicazione delle sanzioni penali. L articolo 8 del D.L. 16 del 2012 contiene ulteriori misure di contrasto all evasione fiscale: si segnala la nuova disciplina dei cd. "costi da reato", ai sensi della quale le ipotesi di indeducibilità sono circoscritte a costi e spese direttamente utilizzati per il compimento di fatti, atti o attività qualificabili come delitto non colposo. E inoltre ottimizzato il procedimento relativo alla chiusura delle partire IVA inattive mentre, in tema di accertamenti esecutivi, si introducono specifici obblighi informativi a carico dell agente della riscossione nei confronti dei contribuenti. Interventi per favorire la tax compliance Nel solco degli interventi volti a semplificare i rapporti tra fisco e contribuente e favorire l adesione spontanea all obbligazione tributaria, si ricorda in primo luogo che è stata progressivamente estesa l operatività dell accertamento con adesione (D.L. n. 112/2008, D.L. n. 185/2008). Parallelamente, sono stati inaspriti i controlli in tema di indebito uso di crediti in compensazione (articolo 27 del D.L. n. 185/2008 e articolo 7 del D.L. n. 5/2009) e sono stati posti limiti più stringenti per accedere a tale beneficio (D.L. n. 16 del 2012). In materia di compensazione di crediti vantati nei confronti della P.A. con le somme iscritte a ruolo, si segnala l'ampliamento del novero dei crediti compensabili e lo snellimento della relativa procedura, ad opera dell'articolo 13-bis del D.L. 52/2012 e delle relative disposizioni attuative Numerose disposizioni oggi incentivano il contribuente a rateizzare i debiti tributari (anche tramite l eliminazione, per quanto possibile, dell'obbligo di prestare idonea garanzia per accedere al beneficio). Da ultimo, l'articolo 1 del D.L. n. 16 del 2012 consente di ottenere un piano di ammortamento a rata crescente fin dalla prima richiesta di dilazione. La possibilità di rateizzare i debiti si applica anche nei confronti degli enti previdenziali, salvo che nei casi di ottemperanza ad obblighi derivanti da sanzioni comunitarie. In materia di riscossione, il D.L. n. 16 del 2012 ha modificato, differenziandoli, i limiti di pignorabilità delle somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro; in tema di procedure di espropriazione immobiliare, è stata fissata la soglia di euro quale unico limite al di sotto del quale non è possibile avviare l esecuzione. Il medesimo provvedimento ha innalzato a 30 euro il limite al di sotto del quale non si effettua riscossione dei crediti tributari. Per favorire la tax compliance dei soggetti a maggior rischio di evasione, l'articolo 10 del D.L. 201 del 2011 ha introdotto norme volte, complessivamente, a promuovere la trasparenza e l'emersione di base imponibile. Sono infatti (articolo 10, commi da 1 a 8) riconosciuti benefici fiscali nei confronti di artisti, professionisti, persone fisiche e società di persone esercenti attività imprenditoriali, a condizione che essi adempiano a una serie di obblighi di trasparenza. Occorre infine segnalare, in questa sede, che il legislatore ha ritenuto opportuno disporre ( articolo 2, comma 36 del D.L. n. 138/2011, modificato dall articolo 1, comma 299 della legge di stabilità 2013) la destinazione delle maggiori entrate derivanti dall'attività di contrasto all'evasione - al netto di quelle necessarie al mantenimento del pareggio di bilancio ed alla riduzione del debito ad un apposito Fondo per la riduzione strutturale della Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 5

6 pressione fiscale, al fine di ridurre gli oneri fiscali e contributivi gravanti sulle famiglie e sulle imprese. La legge di stabilità 2013 ha poi precisato che al predetto fondo affluiscono anche le risorse derivanti dalla riduzione delle spese fiscali (cd. tax expenditures). Si prevede quindi la presentazione da parte del Ministro dell economia e delle finanze, in allegato alla Nota di aggiornamento al DEF, di un Rapporto annuale contenente i risultati conseguiti in materia di contrasto all evasione fiscale, indicando le strategie relative alla predetta finalità, aggiornandole e confrontando i risultati con gli obiettivi prefissati. Approfondimento: La riscossione dei tributi in Italia I presupposti della disciplina della riscossione coattiva delle somme dovute per obbligazioni tributarie hanno subito profondi mutamenti a seguito dell entrata in vigore delle norme recate, in materia di accertamento esecutivo, dall articolo 29 del D.L. 78/2010 e successivamente modificate. Per alcune tipologie di atti emessi a partire dal 1 ottobre 2011 in relazione alle imposte sui redditi, all IVA e all IRAP, relativi a periodi d imposta in corso alla data del 31 dicembre 2007, la riscossione coattiva opera dunque in modo diverso dalle forme ordinarie: l efficacia esecutiva è anticipata all avviso di accertamento, quindi viene meno la funzione del ruolo e della cartella di pagamento, con concentrazione della riscossione nella fase di accertamento Le norme generali sulla riscossione dei tributi. Il sistema della riscossione nell ordinamento italiano assume connotazioni diverse a seconda dei settori in cui opera, obbedendo in ogni caso al principio di tipicità, secondo il quale la riscossione si svolge nelle forme stabilite dalla legge. Imposte dirette Per quanto riguarda le imposte sul reddito, la riscossione avviene nelle seguenti forme: ritenuta diretta, consistente nell obbligo della Pubblica Amministrazione che corrisponde determinate somme (emolumenti, stipendi, ma anche vincite e premi) di trattenere una parte di esse e riversarla all amministrazione finanziaria; versamento diretto, in cui il contribuente dichiara ed assolve il debito tributario. Si tratta della principale modalità di riscossione delle imposte sul reddito, e trova applicazione per il versamento delle ritenute dei sostituti d imposta, degli acconti e dei saldi delle imposte sul reddito e per i versamenti Irap. Il versamento è effettuato alla Tesoreria mediante delega ad una banca convenzionata o alle Poste Italiane (articoli 17 e 19 del D.Lgs. 241/1997); riscossione mediante ruolo, che trova oggi applicazione ordinaria per alcuni tributi (ad esempio, imposte sui redditi soggetti a tassazione separata) ed è lo strumento principale per riscuotere le somme liquidate in sede di controlli formali delle dichiarazioni e, soprattutto, le somme dovute per imposte, interessi e sanzioni sulla base di avvisi di accertamento ufficiosi. Imposte indirette e altre imposte L esazione dell IVA dovuta sulla base delle dichiarazioni periodiche avviene mediante versamento diretto mediante delega; in mancanza di adempimento spontaneo del contribuente, l Ufficio forma il ruolo. Per quanto attiene all imposta di registro (articoli 41 e segg. del DPR 131/1986), l imposta riscossa in via principale (ovvero quella dovuta al momento della registrazione dell atto) è versata per via telematica prima della richiesta di registrazione, se gli atti sono registrati per tale via; altrimenti, è liquidata dall ufficio e il contribuente effettua il versamento al concessionario mediante delega bancaria o conto corrente postale (modello F23). Analoghe modalità sono previste per l imposta suppletiva (ulteriore imposta dovuta successivamente alla registrazione, per errori o omissioni dell ufficio) e l imposta complementare (dovuta successivamente alla registrazione, in tutti gli altri casi). L imposta di bollo è assolta (articolo 3 del DPR 642/1972) mediante versamento diretto al concessionario che rilascia, con modalità telematiche, un apposito contrassegno (recante indicazione del giorno e dell ora di emissione); ovvero è pagabile in modo virtuale, previsto per alcune categorie di atti. Il pagamento cd. virtuale avviene previa autorizzazione Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 6

7 dell Agenzia delle Entrate. Il versamento diretto è previsto anche per l esazione dei diritti doganali (articolo 2 D.L. 237/1997), presso il concessionario o tramite banche e uffici postali. I diritti doganali possono essere assolti con pagamenti periodici da parte dei soggetti che effettuano operazioni doganali con carattere di continuità. Riscossione: i soggetti istituzionali Il gruppo Equitalia Equitalia e la società per azioni a totale capitale pubblico in cui il 51% detenuto dall'agenzia delle entrate e il restante 49% dall'inps incaricata dell'esercizio dell'attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi. E stata creata con l'obiettivo di contribuire a realizzare una maggiore equità fiscale, dando impulso all'efficacia della riscossione attraverso la riduzione dei costi a carico dello Stato e la semplificazione del rapporto con il contribuente Equitalia è un gruppo composto dalla holding equitalia S.p.A. che controlla Equitalia e giustizia Equitalia servizi e 13 agenti della riscossione presenti sul territorio nazionale. Equitalia servizi equità servizi di supporta gli agenti della riscossione sia come fornitore di soluzione tecnologica sia servizi innovativi ad alto contenuto in cui punti di forza sono progressiva eliminazione delle lavorazioni cartacce e conseguente riduzione dei costi, perfezionamento della qualità e della quantità delle informazioni trattate potenziamento dell'efficacia del processo di formazione dei ruoli,standardizzazione delle procedure e degli strumenti utilizzati. Equitalia giustizia invece si occupa della riscossione delle spese di giustizia delle pene pecuniarie conseguenti e provvedimenti giudiziari passati in giudicato o diventati definitivi dal 1 gennaio Gli agenti si occupano degli aspetti operativi della riscossione sono presenti su tutto il territorio nazionale, organizzati su base regionale con competenze provinciali.tuttavia l assetto societario del gruppo Equitalia è mutato in base al riordino approvato nel novembra 2010, modificando da 13 a 3 agenti della riscossione: Equitalia Nord,Equitalia centro, Equitalia Sud. Il servizio Equitalia del Nord è una delle tre società nate dal progetto di riordino del gruppo Italia approvato a novembre del 2010.A seguito del riassetto sono dunque 7 le regioni servite da Equitalia Nord, 38 le provincie, quasi 3000 le persone addette oltre 23 milioni gli abitanti residenti nel territorio di competenza. Equitalia centro è la seconda società nata dal progetto dal riordino del Gruppo Equitalia approvato a Novembre 2010,complessivamente il termine delle operaziono societarie sono dunque 6 le regione,servite da Equitalia centro,33 le provincie,quasi 2000 le persone addette,oltre 13 milioni e mezzo di abitanti residenti nel territorio di competenza. Equitalia sud è la terza società nata dal progetto di riorganizzazione, 6 le regioni servita,25 le provincie, 3000 dipendenti,20 milioni gli abitanti residenti nel territorio di competenza. La remunerazione degli agenti della riscossione La remunerazione del servizio di riscossione ha subito, nell ultimo biennio, numerose modifiche nel quantum e nella disciplina sostanziale. L articolo 10, ai commi da 13-quatera 13-septies del D. L. n. 201 del 2011 ha previsto la riforma del sistema della remunerazione degli agenti della riscossione. Tuttavia, sino all entrata in vigore dei provvedimenti attuativi della nuova disciplina (ai sensi del comma 13-sexies), resta ferma l antecedente disciplina in materia di remunerazione degli agenti della riscossione, recata dall articolo 17 del D.Lgs. 112/1999 nella sua antecedente formulazione. Si rammenta tuttavia che, sui ruoli emessi dal 1 gennaio 2013, ai sensi dell articolo 5 del D.L. 95 del 2012 agli agenti della riscossione spetta un aggio pari all otto per cento delle somme iscritte a ruolo riscosse e dei relativi interessi di mora, a carico del debitore - in tutto o in parte, secondo la tempestività del pagamento. La remunerazione del servizio della riscossione ante D.L. 201/2011 Più in dettaglio, agli agenti della riscossione attualmente spetta: una remunerazione per l attività da essi svolta Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 7

8 mediante un compenso detto aggio(come già ricordato, dal 1 gennaio 2013 pari all otto per cento delle somme iscritte a ruolo riscosse e dei relativi interessi di mora), a carico del debitore in tutto o in parte,secondo la tempestività del pagamento; più il rimborso delle spese sostenute per le procedure esecutive poste in essere In particolare, il contribuente che ha ricevuto la cartella di pagamento emessa in base al ruolo deve versare le somme ivi annotate entro 60 giorni dalla notifica (articolo 25, comma 2 del D.P.R. 602/1973), cui si aggiunge parte dell aggio, ovvero il 4,65 per cento delle somme iscritte a ruolo ( articolo 17, comma 1 del D.Lgs. 112 del 1999); la restante parte dell'aggio è a carico dell'ente creditore. Nel caso di pagamento successivo ai 60 giorni, l aggio è integralmente a carico del debitore. L'agente della riscossione (articolo 17, comma 4) trattiene l'aggio all'atto del riversamento all'ente impositore delle somme riscosse. La percentuale a carico del debitore nel caso di pagamento entro 60 giorni può essere rideterminata con decreto non regolamentare del Ministro dell'economia e delle finanze, nel limite di due punti percentuali di differenza rispetto alle misure stabilite, tenuto conto del carico dei ruoli affidati, dell'andamento delle riscossioni e dei costi del sistema. Nel caso di iscrizione a ruolo non derivante da inadempimento (prevista, ad esempio, per i redditi sottoposti a tassazione separata) l'aggio è a carico dell'ente creditore, se il pagamento avviene entro il sessantesimo giorno dalla data di notifica della cartella. In caso contrario è a carico del debitore. Limitatamente alla riscossione spontanea a mezzo ruolo, l'aggio spetta agli agenti della riscossione nella percentuale stabilita dal decreto del 4 agosto 2000 del Ministro delle finanze. Inoltre (articolo 17, comma 6) all agente della riscossione spetta il rimborso delle spese relative alle procedure esecutive, sulla base di una tabella approvata con decreto del Ministero delle finanze, con il quale sono altresì stabilite le modalità di erogazione del rimborso stesso. Tale rimborso è a carico dell'ente creditore, se il ruolo viene annullato per effetto di provvedimenti di sgravio o in caso di inesigibilità. Negli altri casi è a carico del debitore. Il rimborso delle spese relative alle procedure esecutive maturate nel corso di ciascun anno solare e richiesto entro il 30 marzo dell'anno successivo, è erogato entro il 30 giugno dello stesso anno. In caso di mancata erogazione, l'agente della riscossione è autorizzato a compensare il relativo importo con le somme da riversare. Il diniego, a titolo definitivo, del discarico della quota per il cui recupero sono state svolte le procedure che determinano il rimborso, obbliga l'agente della riscossione a restituire all'ente, entro il decimo giorno successivo alla richiesta, l'importo anticipato, maggiorato degli interessi legali. L'importo dei rimborsi spese riscossi dopo l'erogazione o la compensazione, maggiorato degli interessi legali, è riversato entro il 30 novembre di ciascun anno. In caso di emanazione (articolo 17, comma 7-bis) di un provvedimento dell'ente creditore che riconosce, in tutto o in parte, non dovute le somme iscritte a ruolo, all'agente della riscossione spetta comunque un compenso per l'attività di esecuzione di tale provvedimento; la misura e le modalità di erogazione del compenso sono stabilite con il decreto ministeriale che fissa le misure del rimborso delle spese per le procedure esecutive; sulle somme riscosse e riconosciute indebite non spetta tuttavia l'aggio. Il richiamato articolo 10 del D. L. n. 201 del 2011 ha in primo luogo (comma 13-quater, lettera a)), disposto la sostituzione dell illustrato sistema di remunerazione con l attribuzione agli agenti della riscossione di un rimborso dei costi fissi risultanti dal bilancio certificato. La previsione del rimborso è finalizzata ad assicurare il funzionamento del servizio nazionale della riscossione, a presidiare la funzione di deterrenza e contrasto all evasione e il progressivo innalzamento del tasso di adesione spontanea agli obblighi tributari. Tale rimborso è da calcolarsi annualmente in misura percentuale delle somme iscritte a ruolo riscosse e dei relativi interessi di mora, con decreto non regolamentare del ministero dell economia e delle finanze, tenuto conto dei seguenti, specifici parametri: carichi annui affidati; andamento delle riscossioni coattive; processo di ottimizzazione, efficientamento e riduzione dei costi del gruppo Equitalia S.p.A. Il predetto decreto dovrà in ogni caso garantire al contribuente oneri inferiori a quelli esistenti alla data del 6 dicembre In sostanza, il sistema di remunerazione con aggio è sostituito dal predetto rimborso percentuale, alla cui determinazione si deve procedere in base ad elementi connessi ad elementi di fatto come l andamento della riscossione, ma anche in rapporto a indicatori di produttività ed efficienza dell agente unico della riscossione. Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 8

9 Il rimborso è posto a carico del debitore nella misura del cinquantuno per cento, nel caso di pagamento tempestivo (entro sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento): La parte rimanente rimane a carico dell ente creditore. Per pagamenti tardivi (successivi ai sessanta giorni dalla notifica) il rimborso è interamente a carico del contribuente. Viene novellata la disciplina (comma 13-quater, lettera c)) in materia di rimborsi spettanti all agente della riscossione in rapporto alle procedure esecutive. In particolare, per effetto delle modifiche, continuerà ad essere attribuito all agente un rimborso per le spese sostenute; ma questo, anziché essere riferito in via generica alle spese relative alle procedure esecutive, riguarderà gli specifici oneri connessi allo svolgimento delle singole procedure. Rimane ferma l attribuzione delle spese per i rimborsi in capo all ente creditore, ove il ruolo sia annullato (per sgravio o inesigibilità) e, negli altri casi, in capo al debitore. In luogo dell effettuazione dei rimborsi secondo quanto stabilito da una apposita tabella, per effetto delle norme in esame (comma 6.1 dell articolo 17) si attribuisce ad un decreto non regolamentare la determinazione: delle tipologie di spese rimborsabili; della misura del rimborso, che deve essere determinata anche proporzionalmente al carico affidato e progressivamente rispetto al numero di procedure attivate a carico del debitore; delle modalità di erogazione del rimborso. Inoltre (comma 13-quater, lettere d) ed e)): si prevede che il suddetto rimborso non spetti sulle somme riconosciute indebite. Viene dunque eliminata la prescrizione che richiede un provvedimento di sgravio (provvedimento dell'ente creditore che riconosca, in tutto o in parte, non dovute le somme iscritte a ruolo) e che teneva fermo il diritto al rimborso delle spese anche in tale ipotesi; si pongono le spese di notifica della cartella di pagamento a carico dell ente creditore anche nel caso di annullamento del ruolo. Il decreto (comma 13-quinquies) che calcola annualmente il rimborso spettante agli agenti della riscossione nonché quello in materia di rimborso spese devono essere emanati entro il 31 dicembre 2013; come già anticipato, sino all entrata in vigore di tali provvedimenti attuativi (comma 13-sexies), resta ferma la disciplina vigente in materia di remunerazione degli agenti della riscossione. Dopo l entrata in vigore di detta riforma, il decreto-legge n. 95 del 2012 che ha previsto (articolo 5, comma 1) una riduzione dell'aggio di un punto percentuale sui ruoli emessi dal 1 gennaio 2013 (che dunque passa dal nove all otto per cento a decorrere dalla predetta data). Accanto a tale previsione, si dispone un ulteriore, eventuale riduzione dell aggio, che potrà essere alimentata dalle eventuali maggiori risorse rispetto a quanto considerato nei saldi tendenziali di finanza pubblica - correlate anche al processo di ottimizzazione ed efficientamento nella riscossione dei tributi e di riduzione dei costi di funzionamento del gruppo Equitalia S.p.A -, fino a un massimo di ulteriori quattro punti percentuali. L'esecuzione coattiva Per esecuzione coattiva si intende l'azione di recupero forzoso di un credito della Pubblica Amministrazione (in questo caso, di natura tributaria); se a seguito della notifica della cartella e degli altri avvisi il cittadino non paga spontaneamente, né interviene un provvedimento di sospensione o annullamento da parte dell ente creditore, l Agente della riscossione (Adr) deve obbligatoriamente recuperare le somme iscritte a ruolo attivando le procedure di riscossione disciplinate dalla legge. In linea di principio, l iscrizione a ruolo delle somme dovute dal contribuente (a titolo di imposta ed eventualmente di interessi e sanzioni) per legge ha valore di titolo esecutivo ( articolo 49, comma 1 del DPR 602/1973), ancorché questi principi siano stati profondamente innovati dalla disciplina dell accertamento cd. esecutivo. Il contribuente che ha ricevuto la cartella di pagamento emessa in base al ruolo deve Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 9

10 versare le somme ivi annotate entro 60 giorni dalla notifica (articolo 25, comma 2 del DPR 602/1973), cui si aggiunge metà dell aggio, ovvero della remunerazione spettante all agente della riscossione (articolo 17, comma 1 del D.Lgs. 112 del 1999 nella sua antecedente formulazione). Decorso inutilmente tale termine, sulle somme iscritte a ruolo si applicano gli interessi di mora (articolo 30 del DPR 602/1973) e l aggio è dovuto integralmente. - Secondo le regole generali (articolo 50 del DPR 602/1973), il concessionario procede ad espropriazione forzata quando è inutilmente decorso il termine di sessanta giorni dalla notificazione della cartella di pagamento. L agente della riscossione ha inoltre la facoltà di promuovere azioni cautelari e conservative, nonché ogni altra azione prevista dalle norme ordinarie a tutela del creditore. Sono fatte salve le ipotesi in cui il contribuente richiede la dilazione del pagamento, nonché la disciplina della sospensione dello stesso. Le diverse tipologie de ruoli I ruoli si distinguono in : definitivi,provvisori,straordinari,ordinari.in ogni ruolo sono iscritte le somme dovute dai contribuenti che hanno il domicilio fiscale in comuni compresi nell ambito cui ruolo si riferisce. Ai fini della riscossione coattiva dei tributi la sottoiscrizione del ruolo acquista particolare rilievo in quanto è con essa che il ruolo diviene un titolo esecutivo. La cartella di pagamento la cartella di pagamento e un atto impositivo emesso dall'agente della riscossione territorialmente competente è redatto in conformità al modello approvato con il relativo provvedimento direttoriale,a seguito dell'iscrizione a ruolo operata dall ente impositore.a tal proposito l'iscrizione a ruolo delle somme ad opera dell'impositore avviene sulla base di controlli automatici o formali della dichiarazione di avvisi di accertamento non esecutivi e mediante la consegna del ruolo all'agente della riscossione e la successiva notifica della cartella di pagamento da parte dello stesso agente. La cartella di pagamento dei suoi contenuti articolo 25 del d.p.r. 602 /73 l'obbligo risultante dal ruolo entro 60 giorni dalla notificazione, indicazione che decorsi i citati 60 giorni si proceda all'esecuzione forzata, la data in cui il ruolo è stato esecutivo al fine ai fini di conoscere l'esatta decorrenza dei tassi di interesse stabiliti. Inoltre rappresentando un atto impositivo a tutti gli effetti, previsti dallo statuto dei diritti del contribuenti: dunque un'adeguata motivazione, l'ufficio presso il quale è possibile ottenere informazioni in merito all'atto notificato, il responsabile del procedimento, l'organo o l'autorità amministrativa presso i quali è possibile promuovere un riesame dell'atto, le modalità e termini per proporre ricorso, in riferimento all'eventuale precedente avviso di accertamento mancanza la motivazione della pretesa fiscale. Le somme da versare in caso di pagamento entro 60 giorni Come già innanzi precisato la cartella è un titolo della riscossione delle somme iscritte a ruolo dall ente impositore relativi interessi agli agi e alle spese di esecuzione.pertanto in caso di pagamento entro 60 giorni occorrerà versare le maggiori imposte dovute alle relative sanzioni,gli agi di riscossione del 4,65% delle somme iscritte a ruolo per caso,le somme da versare in caso di pagamento oltre 60 giorni. Le maggiori imposte dovute con le relative sanzioni,gl interessi da Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 10

11 ritardata iscrizione a ruolo,le sanzione da omesso versamento ove applicabili,le spese di notifica,gli agi di riscossione al 9% delle somme iscritte a ruolo gli interessi di mora più le spese di esecuzione. La riscossione mediante la cartella di pagamento La cartella di pagamento contiene tra l'altro l'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal ruolo entro 60 giorni dalla notificazione pertanto decorso il predetto termine di 60giorni dalla notifica l agente della riscossione potrà: iscrivere ipoteca,procedere al fermo dei beni mobili registrati,procedere col pignoramento mobiliare o presso terzi,procedere ad espropriazione immobiliare se il credito supera gli euro,qualora le somme siano di importo almeno pari a euro beneficiare alla procedura del blocco del pagamento. I vizi della cartella In particolare le principali cause che possono comportare la nullità della cartella di pagamento riguardano generalmente : il vizio di notifica, mancato rispetto dei termini di decadenza,vizio di motivazione, il mancato rispetto della normativa in tema di riscossione frazionata e l illecita iscrizione delle somme nei ruoli straordinari,la non conformità al ruolo. I vizi di notifica La cartella di pagamento deve essere notificata in conformità di quanto disposto dall'articolo 60 del d.p.r. 6/73 ossia in modo simile a quanto già previsto per gli avvisi di accertamento. Per tanto la notifica della cartella può avvenire: presso il domicilio fiscale, presso il domiciliata rio eventualmente indicato per mezzo del servizio postale nelle mani del contribuente. Tuttavia la sanatoria non si verifica qualora la notificazione sia inesistente poiché in tal caso l atto è sempre nullo. Il mancato rispetto dei termini di decadenza La cartella di pagamento deve essere notificata nel rispetto dei termini previsti appena di decadenza. Nella cartella di pagamento deve inoltre essere notificata entro i termini decadenziali anche nel caso dei tributi indicati per i tributi locali dell'esecutivo deve essere notificato a pena di decadenza entro il 31 dicembre del terzo anno successivo. L'omessa notifica dell'avviso di accertamento La cartella deve'essere preceduta dalla rituale notifica dell'avviso di accertamento. La prova dell avvenuta notifica deve essere fornita mediante l esibizione della relata di notifica o dell'avviso di ricevimento, nelle notifica a mezzo posta. In ogni caso, in base a quanto previsto l agente della riscossione deve conservare per cinque anni una copia della cartella di pagamento,essendo obbligato a esibire i suddetti documenti su richiesta del contribuente. Il vizio di motivazione L art.7 comma 1 della L. 212/2000,prevede che tutti gli atti tributari debbano essere adeguatamente motivati. In ogni caso, a tal riguardo, occorre comunque distinguere l ipotesi in cui l iscrizione a ruolo derivi da un precedente accertamento dal caso in cui derivi da liquidazione automatica o da controllo formale. In particolare in questa ipotesi, la cartella non può essere considerata un atto impositivo in senso proprio, in quanto si limita a riscuotere le somme avanzate tramite l accertamento. Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 11

12 La mancata indicazione del responsabile del procedimento Ai sensi dello statuto del contribuente, gli atti tributari devono tassativamente indicare, tra l altro, l'ufficio presso il quale è possibile ottenere informazioni complete in merito all'atto notificato o comunicato e il responsabile del procedimento. A seguito dell'ordinanza della Corte Costituzionale 377/2007, parte della giurisprudenza di merito ha dichiarato la nullità delle carte prive dell indicazione del responsabile del procedimento. La mancata sottoscrizione La corte di Cassazione, con la sentenza n del 10 settembre 2007, si è espressa in senso opposto, stabilendo che la cartella deve essere redatta secondo il modello approvato con decreto del Ministero delle Finanze,che non prevede la sottoscrizione dell esattore, essendo sufficiente la sua intestazione per verificarne la provenienza, nonché l indicazione, oltre che della somma da pagare, della casuale tramite apposito numero di codice. L inesistenza del fondato pericolo per la riscossione e l utilizzo illecito del ruolo straordinario L iscrizione di una somma nei ruoli straordinari,è illegittima laddove non sussista il fondato pericolo per la riscossione. In tal caso, dunque, è nulla la conseguente cartella di pagamento con cui si richiede la riscossione immediata delle intere somme, a prescindere dall impugnazione dell atto di accertamento. L illiceità della nuova notifica della cartella di pagamento a seguito di autotutela Attraverso il potere di autotutela sostitutiva, l ente che ha emanato l atto può sanare i vizi formali degli atti impositivi quali, ad esempio, il difetto di sottoiscrizione, l omessa indicazione dell aliquota o il vizio di notifica, ma non vizi sostanziali, quali ad esempio la determinazione dell imponibile. In particolare, in caso di vizi formali, l agente della riscossione può annullare la precedente cartella di pagamento viziata e notificarne una nuova. Pertanto, laddove si riavviasse l illiceità del potere di autotutela e soprattutto, il mancato annullamento preliminare della cartella viziata, è possibile eccepire la nullità anche della nuova cartella. La mancata conformità al ruolo Un altro vizio che determina la nullità della cartella di pagamento riguarda la circostanza che le somme in essa richieste non siano conformi al ruolo. Così è da ritenersi nulla ove le somme richieste non siano conformi al ruolo. Inoltre, secondo quanto previsto dall art. 12, comma 4 del d.p.r. 602/73 il ruolo acquista efficacia esecutiva mediante la sottoiscrizione. L annullamento dell avviso di accertamento L annullamento dell avviso di accertamento comporta l illegittimità dell iscrizione a ruolo. Una volta che l atto di accertamento è stato dichiarato illegittimo, l agente della riscossione è, quindi, tenuto a bloccare subito ogni azione esecutiva o cautelare posta in essere. Le omissioni o li inesattezze relative alle indicazioni contenute nelle cartella di pagamento La cartella di pagamento deve contenere le indicazioni elencate dall art. 7 della L. 212/2000, con particolare riferimento all autorità cui ricorrere. In linea di principio, tali omissioni non comportano, di per sé, la nullità dell atto, anche se potrebbe giustificarne la rimessione in termini. Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 12

13 4 L esecutività degli avvisi di accertamento In base alle modifiche apportate dal decreto legge 78/2010, con riferimento agli avvisi di accertamento emessi dall'agenzia delle entrate a decorrere dal 1 ottobre 2011, non vi è più necessità, per l'agente della riscossione, di notificare la cartella di pagamento posto che l'accertamento riporta l'intimazione a adempiere al versamento delle somme ivi indicate entro il termine per la proposizione del ricorso. Gli avvisi di accertamento esecutivi Il decreto-legge 78/2010, infatti, riformando il sistema di riscossione delle somme richieste mediante avvisi di accertamento ai fini delle imposte sui redditi e relative addizionali, IVA e IRAP,ha attribuito efficacia esecutiva ai suddetti atti. Il contribuente deve versare le somme senza la necessità di attendere la cartella di pagamento. Viene, in particolare previsto,all'articolo 29 del decreto-legge 78/2010,in deroga alle disposizioni sull'iscrizione a ruolo,che gli accertamenti sulle imposte sui redditi e Iva: diventano esecutivi decorso il termine per l impugnazione dell aatto ; devono contenere l intimazione ad adempiere entro il termine per la proposizione del ricorso. Non è, quindi,più necessaria la notifica della cartella di pagamento ai fini del versamento delle somme. Inoltre secondo la normativa l'accertamento deve contenere l'avvertimento che decorsi 30 giorni dal termine ultimo per la presentazione del ricorso, la riscossione delle somme richieste sarà affidata ad Equitalia ; in caso di fondato pericolo per la riscossione, in coerenza con quanto avviene nel ruolo straordinario, le somme potranno essere affidate ad Equitalia prima dei predetti 30 giorni; l'atto successivo dell'avviso di accertamento sarà costituito dal pignoramento, che dovrà essere notificato, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l accertamento è divenuto definitivo; a seguito dell'affidamento del credito ad Equitalia invierà a mezzo raccomandata, vi sarà la possibilità, per il contribuente, di chiedere la dilazione delle somme dovute. L'entrata in vigore del nuovo sistema L'articolo 29 del decreto-legge 78/2010 ha previsto che le nuove modalità di riscossione delle somme richieste mediante avviso di accertamento dovessero applicarsi a partire dagli avvisi notificati dal 1 luglio Successivamente il decreto-legge 98/2011 ha procrastinato l'entrata in vigore del nuovo sistema, prevedendone l'applicabilità a partire dagli avvisi di accertamento notificati dal 1 ottobre Disciplina applicabile agli avvisi di accertamento notificati post 1 ottobre 2011 Il decreto-legge 78/2010 prevede che l'avviso accertamento diventa esecutivo decorso il termine di presentazione del ricorso dalla notifica dell'atto. Il predetto termine di presentazione del ricorso è ovviamente un termine mobile,che può essere di 60 giorni in caso di mancata impugnazione dell'atto, o di 150 giorni in caso di presentazione di istanza di accertamento con adesione o di 196 giorni in caso di accertamento con adesione e di pausa estiva dei termini processuali (1 agosto - 15 settembre). In ogni caso, l avviso di accertamento esecutivo e quello non esecutivo devono contenere il dispositivo e la motivazione e includere, sotto pena di nullità : l'indicazione dell'imponibile degli imponibili accertati ; indicazione delle aliquote applicate delle imposte liquidate; presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che lo hanno determinato, tuttavia, a seguito delle modifiche apportate all'avviso di accertamento esecutivo e il contestuale provvedimento di irrogazione delle sanzioni; deve contenere anche l'intimazione a adempiere, entro il termine di presentazione del ricorso all'obbligo di versamento delle somme di richieste mediante Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 13

14 l'accertamento stesso; deve recare l indicazione degli importi da pagare a titolo provvisorio in caso di proposizione del ricorso; deve espressamente riportare l'avvertimento che, decorsi 30 giorni dal termine ultimo per il pagamento, la riscossione delle somme richieste in deroga alle disposizioni in materia di iscrizione a ruolo, sarà affidata ad Equitalia, ai fini dell'esecuzione forzata. L'agente della riscossione non dovrà,quindi notificare alcuna cartella di pagamento, ma potrà procedere sulla base del solo accertamento. Infine l'articolo 29 del decreto-legge 78/2010 statuisce che : il credito sarà affidato ad Equitalia con modalità determinate con il provvedimento del direttore dell'agenzia delle entrate; all atto dell'affidamento in presenza di nuovi elementi, il competente ufficio dell'agenzia delle entrate fornirà tutti gli elementi utili all'efficacia della riscossione; sulla base del titolo esecutivo( che è costituito dall'avviso di accertamento) l'agente della riscossione, senza la preventiva notifica della cartella, procederà con l'espropriazione forzata ; l espropriazione, in ogni caso dovrà essere avviata, a pena di decadenza,entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l'accertamento divenuto definitivo. Inoltre, sempre l'articolo 29 prevede che nell'ipotesi di proposizione del ricorso, rimangono ferme le disposizioni sulla riscossione frazionata,salvo il caso di fondato pericolo per l'esito della riscossione.quindi in coerenza con il sistema vigente,è possibile osservare ciò che contribuente non presenti ricorso, occorrerà versare le somme entro 60 giorni dalla notifica dell'accertamento. Qualora invece il contribuente presenti ricorso, occorrerà il versamento: di 1/3 degli importi dovuti a titolo d'imposta e interessi; dei restanti due terzi, dopo la sentenza di primo grado sfavorevole al contribuente; del residuo dopo la sentenza di secondo grado sfavorevole al contribuente. Per quanto concerne invece le sanzioni sempre nel caso di proposizione del ricorso, ai sensi del combinato disposto degli artt. 19 del d.lgs. 472/97 e 68 del d.lgs.546/92 : sino alla sentenza di primo grado, non occorrerà versare alcun importo ;dopo la sentenza della corte tributaria provinciale,che rigetta ricorso occorrerà versare le somme nella misura dei due terzi; dopo la sentenza della C.T.R. sfavorevole al contribuente, sarà necessario versare il residuo. Rimane ferma, inoltre, la possibilità di presentare l'istanza di adesione al fine di sospendere il termine per la presentazione del ricorso.ovviamente in tal caso anche il termine per il versamento delle somme deve ritenersi sospeso per effetto dell'istanza di adesione. Il nuovo sistema lascia inalterata la disciplina sulla riscossione in pendenza di giudizio, anche,quindi con riferimento all'obbligo per l'ufficio, se il ricorso viene accolto, il tributo corrisposto in eccedenza rispetto a quanto statuito della sentenza della commissione tributaria provinciale, con i relativi interessi previsti dalle leggi fiscali,deve essere rimborsato d'ufficio entro 90 giorni dalla notificazione della sentenza. Il contenuto dei nuovi avvisi di accertamento esecutivi I modelli dei nuovi avvisi di accertamento esecutivi contengono non solo l'intimazione di pagamento di quanto richiesto, ma anche nuove indicazioni sulla definizione a rate dall'accertamento,che non richiede più alcuna garanzia, e dettagli sulla presentazione del ricorso anche ai fini dell'assolvimento del contribuente unificato. Si tratta di un accertamento esecutivo e non di un atto cui segue l'iscrizione a ruolo, si comprende nel secondo foglio del nuovo provvedimento,dove, dopo la comunicazione dell'imposta rettificata, viene evidenziato che: l'atto ha valore di intimazione ad adempiere entro il termine per presentare ricorso; dopo tale periodo diventa esecutivo; trascorsi ulteriori 30 giorni la riscossione delle somme richieste è affidata all'agente della riscossione anche per l'esecuzione forzata, senza preventiva notifica della cartella. Nella prima avvertenza, come per il passato, si illustrano le modalità di definizione dell'accertamento, ma la novità è che la rateazione,anche quando supera ,viene concessa senza garanzia. Vi è, poi un'ampia descrizione sulla presentazione del ricorso e sulle notizie che, obbligatoriamente,esso deve contenere tenendo conto delle modifiche legislative, Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 14

15 nonché del pagamento di un terzo delle maggiori imposte pretese. Da notare che tutte le avvertenze relative alle fasi comportamento un omesso totale o parziale, si ricorda che, trascorsi ulteriori 30 giorni, le somme vengono affidate all agente delle riscossione che incasserà un aggio del 9%.In caso di ritardato pagamento, tale aggio si calcola anche sugli ulteriori interessi giornalieri e su quelli di mora.da evidenziare, ancora, che detto aggio compete all'agente della riscossione per il solo fatto che l'agenzia gli ha affidato le somme da incassare,anche se non porrà in essere alcuna attività, come nel caso, ad esempio,di pagamento spontaneo,ma in ritardo da parte del contribuente. Gli atti successivi all'avviso di accertamento esecutivo Dopo la notifica dell'avviso di accertamento, le pretese dovranno essere portate a conoscenza del contribuente a mezzo di un provvedimento da notificare anche mediante raccomandata con avviso di ricevimento. Ciò avviene in tutti i casi in cui siano stati rideterminati gli importi dovuti in base agli avvisi di accertamento ai fini delle imposte sui redditi e dell'iva,quindi, tra l'altro: in caso di mancato pagamento, anche solo di una delle rate successive alla prima dovuta a seguito di accertamento con adesione; in caso di pagamento del tributo in pendenza del processo; in caso di esecuzione delle sanzioni amministrative. Il versamento delle somme, deve avvenire entro 60 giorni dal ricevimento della raccomandata. Sospensione dell efficacia dell atto Il carattere esecutivo, e il conseguente venir meno all'iscrizione a ruolo della cartella di pagamento,comportano la possibilità, per il contribuente, di chiedere la sospensione dell'atto sia in via giudiziaria che in via amministrativa. L'istanza di sospensiva in caso di accertamento esecutivo Il ricorrente, ai sensi dell'articolo 47 del decreto legislativo 546/92, potrà chiedere alla commissione tributaria la sospensione dell'atto impugnato unitamente al ricorso introduttivo, dal momento che, per effetto del nuovo sistema, potrà di certo sussistere il danno grave e irreparabile. La sospensione dell'atto presuppone la dimostrazione, ad opera del contribuente, della illegittimità della pretesa e del danno grave e irreparabile. In presenza dell'accoglimento del ricorso, è d'obbligo, per Equitalia, procedere all'immediato blocco della riscossione. La domanda di sospensione deve essere presentata, in carta libera, alla Direzione provinciale che ha emesso l'atto. La sospensiva urgente per evitare le eventuali azioni cautelari Come innanzi precisato, la presentazione dell'istanza sospensiva,sia giudiziale che amministrativa,non ferma eventuali azioni cautelari intraprese dall'agente della riscossione decorsi 91 giorni dalla notifica dell'avviso di accertamento ovvero 181 in caso di presentazione di istanza di accertamento con adesione. Al riguardo, infatti, la predetta norma prevede che il Presidente, in caso di eccezionale urgenza può motivatamente disporre, con lo stesso decreto con cui fissa la trattazione dell'istanza di sospensione,la provvisoria sospensione dell'esecuzione fino alla pronuncia del collegio. I requisiti per richiederla sono gli stessi, è necessario motivare l'urgenza del perché si richiede tale provvedimento.alla luce dei nuovi accertamenti esecutivi, potrebbe essere utile rilevare che eventuali azioni intraprese potrebbero, ad esempio bloccare l'accesso al credito per l'azienda, bloccare gli incassi di fatture attive emesse pubblici enti, e così via.in realtà,questa norma finora è stata poco applicata dalle commissioni tributarie,poiché, salvo modifiche normative Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 15

16 o chiarimenti di prassi al riguardo, potrebbe risultare l'unico metodo per fermare ogni azione possibile, in attesa dell'accoglimento dell'istanza di sospensione. La sospensione da parte di Equitalia In base alla direttiva di Equitalia del 6 maggio 2010, è possibile chiedere direttamente a la s Equitalia la sospensione della riscossione quando il contribuente ha già pagato le somme indicate in cartella prima della formazione del ruolo, indipendentemente se l'agente della riscossione ha ricevuto la comunicazione dell'ente o la notifica giudiziaria. E sufficiente consegnare allo sportello della gente della riscossione il modello di autodichiarazione compilato, allegando i provvedimenti ottenuti dall'ente e dall'autorità giudiziaria oppure le ricevute di pagamento.la sospensione della riscossione per situazioni eccezionali Oltre alla sospensione ex articolo 39 del d.p.r. n.602/73, l'ordinamento contempla un ulteriore istituto,disciplinato dall'articolo 19- bis dello stesso decreto. In base a tale disposizione,se si verificano situazioni eccezionali, a carattere generale o relative ad un area significativa del territorio, la riscossione può essere sospesa per non più di 12 mesi, con decreto del Ministro dell'economia e delle Finanze. Il diniego di sospensione Secondo i giudici, il provvedimento di sospensione e'espressione del potere amministrativo di autotutela, e mira ad evitare una riscossione che sia sostanzialmente ingiusta o inopportuna, per la esistenza di fatti o circostanze che sono oggetto di esclusiva valutazione, tipicamente discrezionale, dell'amministrazione. Il fondato pericolo per la riscossione Nei casi di fondato pericolo per la riscossione, decorsi 60 giorni dalla notifica dell'accertamento, l'esazione delle somme, compresi gli interessi e le sanzioni, potrà avvenire immediatamente e per l intero, anche prima del termine di 30 giorni dalla scadenza del termine per il versamento e a prescindere dal ricorso. Sono considerate situazioni idonee ad integrare il fondo pericolo per la riscossione: il fallimento del contribuente; l'assoggettamento a concordato preventivo; in ogni caso l'affidamento anticipato della riscossione ad Equitalia sarà legato, come avviene per i ruoli straordinari alle vicende del credito. Di conseguenza, l esazione non potrà proseguire: in caso di concessione della sospensiva; in caso di annullamento dell'atto, anche con sentenza non passata in giudicato. Le possibili reazioni dell Agente della riscossione in caso di mancato pagamento Qualora il contribuente non versi quanto richiesto mediante la cartella di pagamento o l'avviso di accertamento esecutivo e non abbia ottenuto la sospensione, l'agente della riscossione potrà avvalersi di una o più degli strumenti previsti dalla legge per consentire il recupero coattivo del importi richiesti. Quindi entro 60 giorni dalla notificazione, con l'avvertimento che,in mancanza,si procederà all'esecuzione forzata.pertanto,decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella, l agente della riscossione può, a propria discrezione : iscrivere ipoteca sui beni del debitore e dei coobbligati in solido;procedere al fermo dei beni mobili registrati;avvalersi del pignoramento Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 16

17 mobiliare sia del pignoramento presso terzi;procedere ad espropriazione immobiliare,se il credito supera gli euro ;qualora le somme siano di importo almeno pari a , beneficiare della procedura di blocco del pagamento da parte della Pubbliche Amministrazioni. In particolare l agente della riscossione gode di ampi poteri al fine di tutelare il credito erariale, ad esempio in caso di notifica della cartella di pagamento decorsi 60 giorni, Equitalia può disporre delle seguenti misure cautelari: iscrivere ipoteca; disporre il fermo dei beni mobili registrati; esercitare ogni azione cautelare e conservativa prevista per la tutela del credito. Qualora, poi i provvedimenti non dovessero sortire alcun effetto, l agente della riscossione procederà una con l'adozione di misure esecutive ossia provvedimenti di esecuzione forzata al fine di recuperare il credito, quali: il pignoramento immobiliare; il pignoramento mobiliare; il pignoramento dei crediti presso terzi. Oltre ai provvedimenti a tutela del credito,la legge contempla in campo ad Equitalia specifici poteri strumentali alla ricerca dei beni del debitore da sottoporre ad esecuzione: la facoltà di accedere ai dati dell'archivio finanziario presso l'anagrafe tributaria; la possibilità di accesso ai dati posseduti dagli uffici pubblici in merito ai beni intestati;alcune potestà attribuite agli uffici finanziari,ad esempio,in caso di debiti superiori a , la possibilità di richiesta a terzi soggetti al fine di individuare beni presso terzi da pignorare; collaborazione con la Guardia di Finanza e l agenzia delle Entrate. L'avviso di intimazione viene inviato decorso un anno dalla notifica della cartella di pagamento qualora il debito non sia stato ancora pagato. Dalla data di notifica dell'avviso, il contribuente ha cinque giorni di tempo per effettuare il versamento di quanto dovuto, dopodiché l a gente della riscossione potrà attivare le procedure esecutive non ancora intraprese. La diffida viene inviata prima di procedere all'iscrizione dell'ipoteca. Con la diffida si ricorda il contribuente che, qualora non sia metta in regola con i parametri, l agente della riscossione dovrà procedere all'iscrizione dell'ipoteca su un bene immobile di sua proprietà. Infine, per i debiti fino al 2000 l'applicazione di misure cautelari ed esecutive sono precedute dall'invio per posta ordinaria di due solleciti di pagamento, di cui il secondo a distanza di almeno sei mesi dal primo.il d.l. 16/2012 ha stabilito,con decorrenza 2 marzo 2012, un'unica soglia di sotto la quale Equitalia non può iscrivere ipoteca, né effettuare l'espropriazione immobiliare. E stata prevista inoltre, l autonoma iscrizione di ipoteca,che pertanto, non dev essere, necessariamente,preordinata alla esecuzione. Prima di iscrivere ipoteca l agente della riscossione notifica al proprietario dell'immobile una comunicazione preventiva contenente l'avviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute entro 30 giorni, si procederà all'iscrizione dell'ipoteca. Le possibili scelte del contribuente dopo la notifica della cartella di pagamento Una volta notificata la cartella di pagamento, il contribuente può decidere di pagare e dunque, di effettuare il versamento richiesto in un'unica soluzione, oppure richiedere la dilazione delle somme iscritte a ruolo ed impugnare l'eventuale diniego di dilazione, o ancora, in alternativa può decidere di non procedere con il pagamento,e dunque,di richiedere lo sgravio attraverso l'istanza di autotutela,o ancora presentare ricorso avverso la cartella di pagamento e richiedere la sospensione amministrativa e giudiziaria della riscossione. Il pagamento Se il soggetto che ha ricevuto una cartella di pagamento, intende pagare,ha la possibilità di farlo entro 60 giorni dalla notifica della cartella tramite i bollettini RAV oppure decorsi i 60 giorni, con l aggravio,in questo caso degli aggi della riscossione nella misura del 9%. Le somme da versare Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 17

18 In caso di pagamento entro 60 giorni dalla notifica della cartella, il contribuente dovrà versare le maggiori imposte iscritte a ruolo, nonché le relative sanzioni e interessi delle spese di notifica della stessa cartella. In tal caso gli aggi della riscossione sono dovuti nella misura del 4,65%. In caso di pagamento oltre i 60 giorni dalla notifica della cartella,saranno dovuti gli interessi di mora,oltre agli aggi della riscossione per intero pari al 9%. Il versamento delle somme tramite i bollettini (RAV) entro 60 giorni La cartella di pagamento contiene uno o più bollettini di versamento precompilati (RAV) con l'indicazione dell'importo da versare,che possono essere utilizzati esclusivamente se il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notifica della cartella. I pagamenti con i bollettini RAV possono essere effettuati presso gli sportelli dell agente della riscossione oppure, in alternativa, con l'aggiunta della commissione presso: qualsiasi sportello bancario; gli uffici postali; i tabaccai. Il versamento delle somme dovute tramite il mod. F35 dopo il 60 giorni Nell'ipotesi in cui il contribuente intenda versare gli importi decorsi 60 giorni dalla data di notifica della cartella di pagamento,il pagamento può avvenire presso:gli sportelli dell agente della riscossione; agli uffici postali, utilizzando apposito bollettino di conto corrente postale modello F35. I pagamenti parziali In base a quanto stabilito dall art. 31 del d.p.r. 602/73, l agente della riscossione è obbligato ad accettare pagamenti anche parziali.tuttavia in questo caso il contribuente è debitore di rate scadute, il pagamento parziale non può essere imputato alle rate non scadute se non per l'eventuale eccedenza sull'ammontare delle prime,compresa l'indennità di mora, i diritti e le spese a favore dell agente. Infine, per i debiti già scaduti, l imputazione è fatta con preferenza alle imposte o quote d'imposta meno garantite e fra imposte o quote d'imposta ugualmente garantite con precedenza a quella più remota. Il pagamento dall estero I destinatari delle cartelle di pagamento che si trovano all'estero possono versare le somme tramite bonifico bancario intestato all'agente della riscossione, precisando: la banca di riferimento; il codice IBAN; il numero della cartella di pagamento; il codice fiscale. La compensazione volontaria dei crediti d'imposta In base a quanto previsto dagli articoli 28 bis e 28 ter del d.p.r. 602/73, è possibile effettuare il pagamento della cartella anche mediante:cessioni di beni culturali, compensazione volontaria dei crediti d'imposta. In particolare per quanto concerne la compensazione volontaria dei crediti d'imposta, è possibile compensare le somme che il contribuente ha chiesto a rimborso con quelle che risultano iscritte a ruolo.l Agenzia segnala la situazione,in via telematica,all agente della riscossione che ha in carico il ruolo,mettendo a sua disposizione le somme da rimborsare. A tal punto, l'agente notifica al contribuente una proposta di compensazione tra crediti d'imposta e debito iscritto a ruolo. Il contribuente ha a disposizione, per comunicare all'accettazione o il rifiuto della proposta, un termine di 60 giorni, durante il quale l'azione di recupero è sospesa. Laddove, invece il contribuente non risponda entro il termine o rifiuti la proposta,cessano gli effetti della sospensione. Con il provvedimento del 29 luglio del 2008, l'agenzia delle Entrate,ha precisato che sono escluse dalla compensazione le partite di ruolo: oggetto di sgravio, di sospensione o di rateazione; per le quali sono stati eseguiti versamenti;relative a soggetti deceduti. In ogni caso Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 18

19 l'agenzia delle Entrate prima di erogare rimborsi imposte sui redditi, trasmettere ad Equitalia un elenco contenente le generalità dei beneficiari di tali rimborsi, al fine di verificare se questi risultano iscritti in ruoli formati dall'agenzia stessa, ad altre Agenzie fiscali e da enti previdenziali convenzionati, in caso affermativo,se sia già stata notificata una cartella di pagamento. Entro 12 giorni dal ricevimento dell'elenco, Equitalia esegue la verifica e restituisce l elenco stesso all'agenzia delle Entrate. Per i soggetti che risultano iscritte a ruolo, Equitalia comunica:il totale delle somme iscritte a ruolo a carico di ciascun beneficiario non riscosse alla data del riscontro; la distinzione tra partite di ruolo notificate ancora da riscuotere e partite di ruolo non notificate; l'ammontare degli interessi di mora relativi alle predette somme; gli agenti della riscossione che hanno in carico i ruoli; la data di notifica della cartella di pagamento. Entro cinque giorni lavorativi dalla ricezione delle della risposta del contribuente o dal termine degli 80 giorni dalla notifica della cartella, Equitalia comunica all'agenzia delle Entrate l'esito delle proposte di compensazione: in ogni caso di esito negativo, le somme che e l'agenzia aveva accreditato restano nella contabilità speciale ai fini dello svolgimento dell'attività di riscossione coattiva; in caso di esito positivo, totale o parziale, entro il limite dell'importo oggetto di compensazione, Equitalia versa a proprio favore le somme per i quali il contribuente risulta debitore,rilasciando quietanza al contribuente stesso e comunicando all'agenzia delle Entrate gli estremi del versamento,o la parte della somma da rimborsare eccedente l'importo oggetto di compensazione viene erogata dall'agenzia delle Entrate direttamente beneficiario del rimborso. Equitalia, revoca 80 giorni dopo la notifica della proposta la sospensione delle azioni di recupero,ha la possibilità di pignorare direttamente le somme messe a disposizione dall'agenzia delle Entrate,trattandosi in sostanza di pignoramento presso terzi. In tal caso, Equitalia dovrà notificare l'ordine di pagamento sia all Agenzia delle Entrate, sia al contribuente. La richiesta di dilazione Qualora il contribuente decida o sia comunque costretto a dover iniziare a pagare il proprio debito, ha la possibilità in presenza di una obiettiva situazione di temporanea difficoltà, all agente della riscossione un istanza di dilazione delle somme fino ad un massimo di 72 rate mensili, senza la necessità del rilascio di alcuna garanzia a favore dell ente creditore. Sugli importi si applicano in ogni caso, gli interessi da dilazione come previsto dall art, 21 del d.p.r. 602/73, nella misura del 4,5% annuo. La dilazione viene concessa dall agente della riscossione mediante provvedimento amministrativo senza limiti di importo e senza il rilascio di alcuna garanzia, a condizione però che il contribuente dimostri di trovarsi in una obbiettiva situazione di temporanea difficoltà. L'istanza di rateazione Un'apposita istanza da consegnare, in carta semplice, senza applicazione di alcuna imposta di bollo,direttamente allo sportello di Equitalia o a mezzoservizio postale, con l'indicazione del domicilio eletto e dei documenti necessari per l'ottenimento della rateazione,quali la temporanea situazione di obiettiva difficoltà. Ovviamente,con riferimento ai documenti da allegare,essi variano a seconda che l importo iscritto a ruolo e per cui si richiede la rateazione sia o meno superiore a euro e se il soggetto richiedente sia una persona fisica ovvero una società. E necessario che il contribuente autorizzi Equitalia,ai sensi al trattamento dei dati personali. In mancanza Equitalia non procederà all'esame della richiesta di dilazione. Gli effetti della presentazione dell'istanza Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 19

20 La presentazione della domanda di rateazione non determina la revoca delle misure cautelari precedentemente adottate; tuttavia in caso di richiesta della dilazione,non si potrà più procedere ad iscrizione ipotecaria, fatta salva quella iscritta prima della richiesta di rateazione. Infatti il debitore che propone istanza di dilazione. Da parte di Equitalia non è più considerato soggetto inadempiente. La decadenza dall agevolazione Il contribuente decade automaticamente dal beneficio della rateizzazione qualora ometta di versare due rate consecutive. L intero iscritto a ruolo e non ancora versato sarà automaticamente e immediatamente riscuotibile in un'unica soluzione e non potrà essere più rateizzato. Il provvedimento di accoglimento In caso di accettazione dell istanza,il provvedimento di accoglimento conterrà il piano di ammortamento del debito con indicazione della scadenza della prima e delle successive rate, l'importo complessivo da versare e quello delle singole rate, con la distinta indicazione di interessi di mora, aggi della riscossione, e spese di esecuzione. Il provvedimento di rigetto Laddove non venisse accolta la richiesta di dilazione, prima della formazione prima della formata adozione di un provvedimento di rigetto, l Agente di riscossione ha l'obbligo di comunicare i motivi. Equitalia emetterà u provvedimento di diniego dell istanza che potrà essere comunque impugnato entro 60 giorni. L impugnazione del diniego Secondo un ormai consolidato orientamento giurisprudenziale, l eventuale diniego della rateizzazione è un atto impugnabile dinanzi alla giustizia tributaria. Di diverso avviso sembra, invece Equitalia che nell impartire istruzioni aglia agenti della riscossione di tutto il territorio nazionale, in una propria direttiva sostiene che la concessione della dilazione di pagamento dipende dal potere discrezionale a fronte del quale il contribuente vanta un mero interesse legittimo tutelabile da giudice amministrativo. Le possibili richieste di dilazioni e la valutazione dei diversi indici Presupposto fondamentale per il rilascio della dilazione è che il contribuente si trovi in uno stato di temporanea difficoltà finanziaria, ad esempio, si verifichi una carenza temporanea di liquidità finanziaria ovvero uno stato di crisi aziendale dovuto a crisi economiche di settore o a scadenza di obbligazioni pecuniarie o ancora a processi di riorganizzazione aziendale. Occorre comunque precisare che per istanze di rateazione di debiti fino a euro non si fa alcun riferimento ad appositi indici e dunque alla distinzione tra persone fisiche e società. Infatti l istante dovrà semplicemente motivare il presupposto della obiettiva situazione di temporanea difficoltà nell istanza di rateazione. Gli indici per le persone fisiche e ditte individuali in contabilità semplificata Per importi superiori a euro in capo a persone fisiche e ditte individuali in contabilità semplificata, le istanze sono esaminate da Equitalia prendendo in considerazione :l ISEE (indicatore della situazione economica del debitore), rilasciato dai Comuni, centri di assistenza fiscale e dall INPS ; l entità del debito, al netto degli eventuali sgravi e pagamenti parziali, senza Fisco e Poteri Esecutivi Pagina 20

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Giugno 2011 LA RISCOSSIONE COATTIVA Le modalità dell esercizio dell attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 PRINCIPALI NOVITÀ E MODIFICHE 1. AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI 2. INDAGINI BANCARIE 3. POTERI ATTRIBUITI AI COMUNI 4. MODIFICHE

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

L ESECUZIONE ESATTORIALE

L ESECUZIONE ESATTORIALE L ESECUZIONE ESATTORIALE CONVEGNO DEL 22 OTTOBRE 2010 PORDENONE Fabio Gallio - Avvocato e Dottore Commercialista in Padova e-mail: fgallio@terrineassociati.com Federico Terrin - Avvocato Tributarista in

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

CIRCOLARE n. 11/2015 1

CIRCOLARE n. 11/2015 1 CIRCOLARE n. 11/2015 1 Milano, 11 novembre 2015 Oggetto: Riforma della riscossione - Novità del D.Lgs. 24.9.2015 n. 150 Premessa Con il DLgs. 24.9.2015 n. 159, pubblicato sul S.O. n. 55 alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE .. CIRCOLARE SETTIMANALE settembre 2011 N 2 Tutte le informazioni sono tratte, previa critica rielaborazione, dalla normativa vigente primaria (leggi, decreti, direttive) e secondaria (circolari ministeriali

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

Le novità in materia fiscale per l anno 2011

Le novità in materia fiscale per l anno 2011 Le novità in materia fiscale per l anno 2011 Servizio Politiche Fiscali e Previdenziali UIL Con l inizio del 2011 entrano in vigore per i contribuenti diverse misure in materia fiscale. Di seguito riassumiamo

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con delibera del C.C. n. 14 del 30/03/2007 INDICE FINALITA Articolo 1 DISCIPLINA

Dettagli

La riscossione delle entrate locali e le relative modalità di gestione

La riscossione delle entrate locali e le relative modalità di gestione La riscossione delle entrate locali e le relative modalità di gestione La riscossione dei comuni dopo i decreti attuativi 3 e 10 dicembre 2015 Cristina Carpenedo 1 DOVE SIAMO ü Alla vigilia della legge

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 18 dicembre 1997, numeri 471, 472, 473, in materia di sanzioni amministrative tributarie. (N.D.R.: Le disposizioni

Dettagli

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici Liquidazione della dichiarazione c.d. controlli automatici Art. 36 bis del D.P.R. 600/73 Co. 1. Avvalendosi di procedure automatizzate, l'amministrazione finanziaria procede, entro l'inizio del periodo

Dettagli

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA Gli aggiornamenti più recenti rateizzazione delle cartelle di pagamento compensazione tra somme iscritte a ruolo e crediti d imposta o crediti verso

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 16 Novembre 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 28/2015: Riforma

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria N. 16 del 24/07/2014 INDICE GENERALE Disciplina generale IUC (Imposta Unica

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

Circolare N.130 del 6 ottobre 2011. 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi

Circolare N.130 del 6 ottobre 2011. 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi Circolare N.130 del 6 ottobre 2011 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi 1 ottobre 2011: al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi Gentile cliente, con la presente,

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net I PROCEDIMENTI DERIVANTI DALL ISCRIZIONE A RUOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE AMBIENTALI Un contributo a cura di Marco Rubegni Parco Regionale della Maremma E vietato il plagio e la copiatura integrale

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 Disposizioni in materia di accertamento esecutivo e modifiche alla disciplina

Dettagli

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA Gli aggiornamenti più recenti termini per la notifica delle cartelle di pagamento pagamento a rate del debito compensazione tra somme iscritte a ruolo

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO a cura Cosimo Turrisi L autotutela tributaria è un procedimento amministrativo di secondo grado che consente, in ossequio ai principi di cui

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 Circolare 30 del 24 novembre 2015 Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 INDICE 1 Premessa... 2 2 Difesa dell agente della riscossione... 2 3 Difesa delle agenzie fiscali...

Dettagli

Studio Le Pera - Commercialisti Associati

Studio Le Pera - Commercialisti Associati Studio Le Pera - Commercialisti Associati Circolare n. 4 del 08 settembre 2010 LA MANOVRA CORRETTIVA ESTIVA 2010 Con il decreto legge 31 maggio 2010 n. 78, convertito dalla legge 30 luglio 2010 n. 122

Dettagli

- l art. 4 fissa la decorrenza dell efficacia delle disposizioni correttive e integrative.

- l art. 4 fissa la decorrenza dell efficacia delle disposizioni correttive e integrative. - l art. 1 contiene le modifiche al D.Lgs. n. 471/1997, relativo alle sanzioni amministrative in materia di imposte dirette e sul valore aggiunto, nonché alla riscossione dei tributi, come integrato dal

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Condizioni per il libero utilizzo dei crediti (art. 31 del Decreto Legge 78/2010) (D.M. 10 febbraio 2011) (RisMin. n. 18, del 21 febbraio 2011)

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 51 del 29/07/2014, in vigore

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 8 del 10/04/2014 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. N. 27036 Approvazione del nuovo modello di cartella di pagamento e dei fogli Avvertenze relativi ai ruoli dell Agenzia delle entrate, ai sensi dell art. 25 del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015

Roma, 14 aprile 2015 CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 14 aprile 2015 OGGETTO: Chiarimenti in materia di imposta di bollo assolta in modo virtuale ai sensi degli articoli 15 e 15-bis del decreto

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DEFIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI (approvato con atto deliberativo del C.C. n. 08 del 01/04/2004) SCHEMA DI REGOLAMENTO PROPOSTO DALL ASSERRORE

Dettagli

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Approda in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 156 del 24 settembre 2015, che dà attuazione alla delega fiscale in materia di revisione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) Delibera C.C. 29/2014 Delibera C.C. 06/2015 INDICE CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 CAPITOLO 3 CAPITOLO 4 Disciplina generale della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE DELIBERA C.C. N. 89 DEL 21.11.2000 DELIBERA C.C. N. 15 DEL 30.03.2010 DELIBERA C.C. N. 22 DEL 14.04.2014 Regolamento per la disciplina generale delle

Dettagli

A CURA DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

A CURA DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOLARE N. 22/IR DEL 7 MARZO 2011 LA CONCENTRAZIONE DELLA RISCOSSIONE NELL ACCERTAMENTO AI FINI DELLE IMPOSTE SUI REDDITI E DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. L ambito di applicazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 39 del 13 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Nuova veste grafica per l avviso di intimazione ad adempiere al pagamento dei debiti tributari Gentile cliente, con

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3 - Regolamentazione e disciplina delle entrate Art.

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento generale delle entrate comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 25.01.1999 Modificato con deliberazioni del Consiglio Comunale

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Le misure per i controlli e per le definizioni delle controversie fiscali. Ravvedimento

Le misure per i controlli e per le definizioni delle controversie fiscali. Ravvedimento Milano, 20 febbraio 2009 Le misure per i controlli e per le definizioni delle controversie fiscali Ravvedimento Utilizzo indebito dei crediti tributari e le modalità di accesso alle agevolazioni ACCERTAMENTO

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni:

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni: Presupposti e modalità operative della mediazione tributaria Se l'istanza è improponibile, i 30 giorni per costituirsi in giudizio decorrono dalla presentazione del "ricorso con istanza", ossia dalla sua

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LE COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITA': DISCIPLINA E POSSIBILI SOLUZIONI A FAVORE DEL CONTRIBUENTE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Le comunicazioni derivanti dai controlli automatici e dai controlli

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1646 25 NOVEMBRE 2010 NUOVO MODELLO DI CARTELLA DI PAGAMENTO E TUTELA DEL CONTRIBUENTE

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1646 25 NOVEMBRE 2010 NUOVO MODELLO DI CARTELLA DI PAGAMENTO E TUTELA DEL CONTRIBUENTE CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1646 25 NOVEMBRE 2010 NUOVO MODELLO DI CARTELLA DI PAGAMENTO E TUTELA DEL CONTRIBUENTE Le novità di Roberto Cattivelli La presente circolare monografica fornisce una panoramica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Allegato alla delibera di C.C. n. 25 del 29.07.2014 Comune di Casalserugo Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Approvato con atto di C.C. n.25 del

Dettagli

Il contenzioso fiscale

Il contenzioso fiscale Il contenzioso fiscale 1. I servizi del Caf Nel caso di ricevimento di cartelle di pagamento che contestano il mancato pagamento, parziale o totale, di imposte o tasse, anche riferite a tributi locali,

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI SCHEMA

RIFERIMENTI NORMATIVI SCHEMA TEMA N. 27 Il candidato esamini le caratteristiche salienti del sistema di riscossione operando i necessari distinguo tra versamento spontaneo e riscossione coattiva RIFERIMENTI NORMATIVI D.P.R. 29-9-1973,

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO

COMUNE DI CASTELVETRANO COMUNE DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI Settore Ragioneria, Finanze e Tributi REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte.

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA TELEFONO:

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI OMESSI VERSAMENTI, DELLE IMPOSTE INDIRETTE E DEI RUOLI PREGRESSI

DEFINIZIONE DEGLI OMESSI VERSAMENTI, DELLE IMPOSTE INDIRETTE E DEI RUOLI PREGRESSI anno V - n180 - DEFINIZIONE DEGLI OMESSI VERSAMENTI, DELLE IMPOSTE INDIRETTE E DEI RUOLI PREGRESSI 1 PREMESSA; 2 DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI; 3 DEFINIZIONE AGEVOLATA PER IMPOSTE DI REGISTRO,

Dettagli

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Regionale delle Marche LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 1 LA NORMA La mediazione ( Il reclamo e la mediazione ) è stata inserita nel

Dettagli

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi...

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi... CIRCOLARE N. 49/E Roma, 01 ottobre 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Esecuzione dei rimborsi dovuti per effetto di sentenze nei giudizi tributari INDICE 1. Premessa...2 2. Rimborsi

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ACQUAPENDENTE (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 18

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena)

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 20/03/2014 Modificato

Dettagli

INDICE. Capo I Definizione agevolata dei rapporti tributari locali non definiti

INDICE. Capo I Definizione agevolata dei rapporti tributari locali non definiti COMUNE DI POLLA Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI LOCALI (I.C.I T.A.R.S.U) INDICE Ambito di applicazione Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Capo I Definizione

Dettagli

Indirizzo. Indicazione eventuale qualità di coobbligato

Indirizzo. Indicazione eventuale qualità di coobbligato CARTELLA DI PAGAMENTO N. 000 0000 00000000 00 000 Emessa dadenominazione Agente Agente della riscossione - prov. di denominazione Provincia Indirizzo Cap Comune su incarico di: denominazione Ente Creditore

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI. Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI POGGIBONSI. Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ANNO 2014 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Soggetto attivo Art. 3 Presupposto impositivo

Dettagli

ESECUZIONE DEI RIMBORSI IVA

ESECUZIONE DEI RIMBORSI IVA SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 9 19 gennaio 2015 4/FS/om IVA Rimborsi Modifiche - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 32/E del 30 dicembre 2014 Sintesi L Agenzia delle Entrate fornisce importanti

Dettagli

Varese, 3 novembre 2015 CIRCOLARE N. 5/2015

Varese, 3 novembre 2015 CIRCOLARE N. 5/2015 R E G G I O R I E A S S O C I A T I Via Cavour n. 8 200 - Varese Varese, 3 novembre 205 CIRCOLARE N. 5/205 Con la presente circolare segnaliamo le principali novità introdotte in materia di riscossione

Dettagli

Associazione Consumatori Utenti. in collaborazione con: Newsletter CREDITO. dicembre 2012 RECUPERO DEL CREDITO CARTELLE DI PAGAMENTO

Associazione Consumatori Utenti. in collaborazione con: Newsletter CREDITO. dicembre 2012 RECUPERO DEL CREDITO CARTELLE DI PAGAMENTO in collaborazione con: Newsletter CREDITO dicembre 2012 RECUPERO DEL CREDITO CARTELLE DI PAGAMENTO A cura di : Avv. Elena Bisio 1 PREMESSA In periodo di difficoltà economiche e scarsa liquidità generalizzata,

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI In collaborazione con: STUDIO AMBROSI & PARTNERS CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: LE MANOVRE ESTIVE 22 Ottobre 2011 Cagliari RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi PROVINCIA

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA INTRODUZIONE 4 1.L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO ISTITUTO 5 1.1 La tipologia di atto impugnato 5 1.2 L Agenzia delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI, NONCHE NORME PER L ANNULLAMENTO DEGLI ATTI IN VIA DI AUTOTUTELA TITOLO I AMBITO

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Emersione dei capitali nazionali ed esteri Premessa Il contribuente che ha omesso la segnalazione nel quadro RW di Unico, ai fini del monitoraggio fiscale, di attività finanziarie o patrimoniali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNE DI SAN STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 9-bis Art. 10 Art. 11 Art. 12

Dettagli

La nuova cartella di pagamento. Introduzione

La nuova cartella di pagamento. Introduzione Introduzione A partire dal 1 ottobre 2010 i ruoli consegnati agli Agenti della Riscossione saranno emessi utilizzando il nuovo modello di cartella di pagamento, approvato con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Avv. Nunzio Dario Latrofa. L accertamento esecutivo

Avv. Nunzio Dario Latrofa. L accertamento esecutivo Avv. Nunzio Dario Latrofa L accertamento esecutivo Milano, 14 marzo 2013 Sala convegni Milano Conference 1 L ACCERTAMENTO ESECUTIVO L avviso di accertamento esecutivo è stato introdotto con l art. 29 del

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 0784/63823 0784/63246 P.IVA 00162960918 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del.2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI -TASI-

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI -TASI- COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio nell Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI -TASI- Anno 2014 Approvato con deliberazione del CC n. 26 del 20/05/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione C.C. n. 56 del 30/11/1998 Modificato con

Dettagli

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE NONANTOLA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 47 del 20/05/2014 1 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli