IL RECUPERO DEI CREDITI NELLA PRATICA AZIENDALE. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RECUPERO DEI CREDITI NELLA PRATICA AZIENDALE. Sommario"

Transcript

1 IL RECUPERO DEI CREDITI NELLA PRATICA AZIENDALE Sommario 1. Introduzione 2. Il recupero stragiudiziale 3. Il titolo esecutivo 4. Il pignoramento mobiliare 5. Il pignoramento dei crediti 6. L'esecuzione forzata sugli immobili 7. Le procedure concorsuali 8. Il trattamento fiscale delle perdite su crediti 9. Conclusioni 1. Introduzione Il credito è uno degli strumenti cardine su cui si fonda l'economia contemporanea, sia sul piano macroeconomico che microeconomico.

2 Nel primo caso, che esula dagli ambiti del presente lavoro, il credito concerne essenzialmente i prestiti concessi fra gli Stati e gli interventi di finanziamento da parte di organismi finanziari sovranazionali (F.M.I., B.E.I., ecc.) a favore di singole nazioni o di settori economici transnazionali. Il secondo caso invece comprende una moltitudine di rapporti creditori rientranti nell'ambito del diritto privato che si instaurano e si estinguono ogni giorno, quali ad esempio: le vendite fra imprese con pagamento dilazionato, il finanziamento del credito al consumo, le vendite rateali e l'accensione di mutui ipotecari. Giova ricordare che nella concezione economica liberale classica lo strumento del credito è rivestito di una connotazione intrinsecamente negativa in quanto consente di vendere beni e servizi a chi, all'atto dell'acquisto, non è in grado di pagarli e pertanto non avrebbe alcun titolo per poterne fruire. L'ulteriore riflessione che l'acquirente presumibilmente potrà pagare il proprio acquisto in un futuro più o meno prossimo, con flussi di reddito che forse produrrà e forse non consumerà, fa aumentare, esercitando un poderoso effetto di leva, l'alea di rischio insita in ogni attività imprenditoriale, a discapito dell'interesse dell'imprenditore il quale invece ha l'obiettivo di massimizzare i profitti sottoponendosi al minor rischio possibile. Per contro la crescente concorrenza dei mercati e le pressanti istanze socio-economiche dell'economia di massa pongono le imprese nella necessità di accordare credito su larga scala pur di aumentare la clientela ed incrementare in misura sensibile le vendite. L'azienda quindi, dovendo necessariamente adattarsi alle condizioni imposte dal mercato, si presta alla concessione del credito pur nella consapevolezza del rischio di conseguire delle perdite di denaro. 2

3 Al fine di dimensionare tale rischio al livello ottimale l'imprenditore accorto pianifica un'efficace politica di concessione del credito analizzando i seguenti parametri di valutazione: 1) la situazione economica generale; 2) la situazione congiunturale del settore in cui opera; 3) la dinamica dei tassi di interesse; 4) le risorse economiche e finanziarie disponibili; 5) la situazione specifica di ogni singolo cliente. Formulando un'attenta strategia basata sulla selezione e sulla classificazione dei debitori in base alla presunta solvibilità è pertanto possibile determinare le dilazioni di pagamento da accordare a ciascun cliente, gli sconti per pagamenti pronta cassa e gli interessi impliciti sul credito concesso. Del resto l'esperienza maturata nel settore bancario in circa seicento anni di storia e progressivamente trasferita nel corso degli ultimi due secoli nel mondo delle imprese industriali, commerciali e di servizi, ha dimostrato inequivocabilmente che la prevenzione dell'inadempimento del debitore è l'obiettivo prioritario da perseguire per minimizzare il rischio del creditore e per contenere i costi. Purtroppo però talvolta si verifica che, anche dopo aver valutato attentamente in via preventiva l'affidabilità dei propri interlocutori in affari, questi si rivelano successivamente inadempienti rispetto agli impegni assunti. Essenzialmente le ragioni che determinano tali mancati pagamenti alle scadenze concordate possono essere ricondotte alle seguenti cinque categorie tipicizzate: a) il debitore contesta il prodotto o il servizio ricevuto; b) il debitore contesta il prezzo applicato; c) il debitore non accetta (o ha difficoltà ad utilizzare) il sistema di pagamento adottato; d) il debitore si trova in sopravvenute difficoltà finanziarie; e) il debitore tenta di procrastinare o di evitare il pagamento per conseguire propri vantaggi economico-finanziari.

4 Ciascuna di queste problematiche, che essendo profondamente diverse fra loro devono necessariamente essere affrontate in modo differenziato, può trasformare un credito ordinario in un credito in sofferenza. Il primo passo nella direzione di una soluzione di pagamento accettabile da ambo le parti può essere normalmente di natura tecnica (fattispecie a), commerciale (fattispecie b) o amministrativa (fattispecie c) ed in genere, se il problema viene affrontato con reciproca ragionevolezza, si perviene abbastanza rapidamente allo sblocco del credito incagliato. Nei casi più ostici invece, oltre che nelle fattispecie più gravi (d ed e), occorrerà agire prontamente e risolutamente per tentare di recuperare quanto dovuto, dopo aver valutato con cura quale sia la procedura di recupero più efficace e più conveniente da adottare. I quattro parametri che il creditore dovrà prendere in esame a tale scopo sono i seguenti: 1) l'ammontare del credito; 2) il costo del recupero; 3) il tempo necessario per il recupero; 4) la situazione finanziaria e patrimoniale del debitore. E' evidente che ogni credito in sofferenza ha delle proprie specificità ed alla luce di queste va trattato, tuttavia in linea generale si ritiene che i crediti di ammontare elevato vantati nei confronti di debitori con situazioni finanziarie e patrimoniali non eccessivamente compromesse giustifichino il ricorso anche a procedure di recupero lunghe e costose. Al contrario nel caso di crediti di importo modesto, ovvero trovandosi di fronte a debitori assolutamente privi di solvibilità e di coperture patrimoniali, può risultare più efficiente attivare delle procedure di recupero alquanto semplici e poco onerose, o addirittura rassegnarsi a subire la perdita del credito desistendo in partenza da ogni tentativo che ragionevolmente appaia senza speranze. 4

5 2. Il recupero stragiudiziale Le tecniche stragiudiziali di recupero, variamente articolate nelle loro diverse forme, costituiscono in genere il primo tentativo che l'impresa effettua per cercare di recuperare il credito in sofferenza senza doversi far carico di costi elevati. L'esperienza peraltro dimostra che tali tecniche, se tempestivamente ed opportunamente applicate, in genere sono in grado di risolvere la maggior parte dei casi di crediti di piccoli e medi importi incagliati in modo non patologico. La prima fase del recupero stragiudiziale, che di norma viene svolta internamente all'azienda creditrice avvalendosi di proprio personale amministrativo, è piuttosto semplice e poco onerosa: il creditore, presa visione del credito scaduto, dà inizio al recupero spedendo al cliente un estratto conto che evidenzi le partite aperte e facendolo seguire, a distanza di qualche giorno dalla data di presumibile ricevimento, da una chiamata telefonica di sollecito, cortese ma ferma. Se a questa non dovesse seguire il pagamento entro un ragionevole lasso temporale (10-15 giorni) si invierà una prima formale lettera di sollecito, di tono autorevole e con contenuti circostanziati, anch'essa seguita da una chiamata telefonica. Giunti a questo punto il debitore può assumere quattro diversi atteggiamenti: a) paga (immediatamente o ratealmente) quanto dovuto; b) adduce delle scuse nel tentativo di ridurre l'ammontare della somma dovuta o di procrastinare il pagamento; c) dichiara che non può o non vuole pagare; d) ignora i solleciti ricevuti e non dà alcuna risposta. Nel caso (a) il problema si è risolto in modo sostanzialmente indolore per ambo le parti.

6 Nel caso (b) occorre invece saper valutare con obiettività la fondatezza e la legittimità delle argomentazioni addotte dal debitore, riconoscendogli le sue eventuali ragioni (ad esempio la merce era in parte difettosa ed ha già provveduto a renderla) e privilegiando, ove ce ne sia la concreta possibilità, una soluzione transattiva della controversia in tempi rapidi. Nel caso in cui le scuse siano assolutamente pretestuose, oltre che nei casi (c) e (d), è fondamentale che il cliente sia portato a conoscenza che il mancato adempimento non resterà certamente privo di conseguenze a suo carico. A tale scopo si invia una seconda lettera di sollecito a mezzo raccomandata A.R. nella quale, con tono autorevole, si rendono note al debitore le ragioni (e gli eventuali titoli) che giustificano la sussistenza del credito, informandolo delle ulteriori iniziative che seguiranno (ad esempio: blocco delle consegne di merce, passaggio della pratica al legale, protesto dell'assegno insoluto, istanza di fallimento, ecc.) se non farà fronte alla propria obbligazione. Qualora, neppure dopo questa seconda lettera, il debitore si renda disponibile in tempi ragionevoli a concordare una soluzione accettabile da ambo le parti, occorre passare alla seconda fase del recupero stragiudiziale secondo la seguente gradazione di intervento: 1) tentare immediatamente di ottenere dal debitore dei titoli esecutivi (cambiali, assegni) o delle garanzie a suo favore rilasciate da terzi (fidejussioni, avalli) che agevoleranno il proseguimento dell'attività di recupero e ne abbrevieranno sensibilmente i tempi; 2) affidare la pratica ad un'agenzia specializzata nel recupero crediti; 3) affidare la pratica ad un legale. I tre interventi descritti non sono necessariamente alternativi tra loro ma piuttosto sinergici: si consideri infatti che, nel caso in cui il creditore riesca ad entrare in 6

7 possesso di titoli esecutivi o di valide garanzie del proprio credito, l'intervento di recupero stragiudiziale che verrà successivamente posto in essere dall'agenzia di recupero crediti o dal legale sarà indubbiamente caratterizzato da una maggiore incisività, sia sotto il profilo strettamente operativo che per la pressione psicologica che potrà legittimamente essere esercitata sul debitore al fine di convincerlo a pagare. Le agenzie di recupero crediti, che possono operare solo se munite di apposita licenza rilasciata dalla Questura, sono operatori economici (imprese individuali o società) deputati istituzionalmente al recupero dei crediti in forma stragiudiziale. Nell'ambito di tali competenze esse operano nell'interesse del creditore perseguendo la soluzione economicamente e tecnicamente più efficace ed efficiente volta a consentirgli il recupero (integrale o parziale) del proprio credito. L'esperienza italiana dell'ultimo decennio ha dimostrato che, in numerosi casi per i quali tutte le procedure aziendali interne esperite nella prima fase precedentemente descritta si sono rivelate infruttuose, il successivo intervento di un'agenzia di recupero crediti ha portato in tempi brevi all'incasso del credito. Tale risultato pare attribuibile ad alcuni fattori concomitanti: a) il debitore molto spesso non prova la benchè minima forma di soggezione psicologica nei confronti del creditore, che identifica semplicemente come uno dei tanti fornitori di cui avvalersi o meno e sul quale far gravare, ad interesse zero, le tensioni finanziarie della propria impresa. Quando l'interlocutore invece è un'agenzia di recupero crediti il debitore ha a che fare con persone e procedure ignote e prende immediatamente coscienza che ormai si è usciti dal normale ambito dei rapporti commerciali per

8 addentrarsi in un campo a lui ignoto e potenzialmente rischioso; b) la professionalità maturata dalle suddette agenzie contempla particolari tecniche di analisi finalizzate ad identificare i punti deboli sui quali attaccare psicologicamente il debitore (ad esempio minaccia di istanza di fallimento o minaccia di denuncia per truffa o appropriazione indebita, ripetute lettere di sollecito, telefonate, visite a domicilio, e sul posto di lavoro, ecc.) al fine di far sì che lo stesso maturi progressivamente la volontà di pagare il proprio debito per evitare seccature o problemi ben maggiori; c) l'intervento dell'agenzia comporta generalmente l'immediata comunicazione al debitore di una serie di oneri (interessi di mora, commissioni di recupero e spese) che vengono posti a suo carico e fanno lievitare sensibilmente l'ammontare del debito. Di fronte a tale prospettiva il debitore che non sia in mala fede si preoccuperà di saldare al più presto quanto dovuto al fine di limitare ogni ulteriore spesa. L'effettivo risultato conseguente alla suddetta tipologia di recupero non è ovviamente determinabile a priori. In linea generale le percentuali di recupero sono senz'altro più che apprezzabili, ma occorre evidenziare che vi possono essere specifici debitori (normalmente incalliti) che non subiscono affatto la pressione psicologica a cui si tenta di sottoporli e che sovente non dispongono neppure di alcun bene patrimoniale su cui agire per privarli legalmente della disponibilità dello stesso e convincerli al pagamento. In questi casi anche i più oculati tentativi di recupero possono rivelarsi infruttuosi. I costi del servizio di recupero crediti sono variabili da un'agenzia all'altra, talvolta persino nell'ambito della stessa agenzia in relazione al numero delle pratiche di recupero che vengono affidate da ciascun cliente. 8

9 In genere l'agenzia richiede una quota fissa per ciascuna pratica da L a L , che è dovuta indipendentemente dall'esito del recupero. Tale modesto compenso infatti copre le sole spese amministrative e postali relative al trattamento della pratica. Se, grazie all'intervento dell'agenzia, il credito viene incassato in tutto o in parte è inoltre dovuta una commissione percentuale compresa fra il 10% ed il 15% dell'importo recuperato. 3. Il titolo esecutivo Quando le procedure di recupero stragiudiziale del credito si rivelano infruttuose non resta che rivolgersi ad un legale per il recupero in via giudiziale. Per poter iniziare l'esecuzione forzata a carico di un debitore bisogna disporre di un titolo esecutivo. Sarebbe di scarso interesse dilungarsi in questa sede in un'analisi dei vari atti a cui la legge riconosce la qualità di titolo esecutivo: poichè trattiamo di recupero crediti basterà dire che normalmente l'esecuzione avviene sulla base di assegni, cambiali, decreti ingiuntivi del magistrato e, più raramente, sentenze. E' ovvio che i titoli appartenenti alle due prime categorie nascono spontaneamente, senza che venga espletata alcuna procedura giudiziale. Si dovrebbe quindi dire che, imponendo o concordando le modalità di pagamento, un'azienda dovrebbe privilegiare nei confronti dei debitori ritenuti a rischio il pagamento a mezzo assegni o cambiali, per trovarsi già, alle rispettive scadenze, un titolo da mettere ad esecuzione. Ma, come sappiamo, la cosa nella pratica è difficilmente realizzabile, e le cambiali (o gli eventuali assegni postdatati) in genere verranno rilasciati dal debitore solo

10 nell'ambito di una successiva rateizzazione dello scoperto, oppure dopo l'intervento fruttuoso dell'agenzia di recupero crediti. Il mezzo principe per ottenere un titolo esecutivo sarà quindi il decreto ingiuntivo, ottenibile ogni volta che del credito si fornisca prova scritta, tale essendo anche l'estratto notarile delle scritture contabili obbligatorie del creditore. I tempi per l'ottenimento del decreto ingiuntivo sono sensibilmente diversi da una sede giudiziaria all'altra e possono variare dai giorni fino ai giorni. Una volta ottenuto il decreto ingiuntivo l'art. 479 c.p.c. dispone che l'esecuzione forzata debba essere preceduta dalla notificazione alla controparte del titolo esecutivo e del precetto. Si tratta in concreto dell'estremo avvertimento al debitore che si è in procinto di esercitare l'azione esecutiva, consentendogli un'ultima possibilità di ottemperare spontaneamente alla propria obbligazione. A questo punto è importante sottolineare che il precetto conserva la sua efficacia solo per novanta giorni dalla data della notifica, pertanto se entro tale termine il debitore non ha pagato e neppure si è dato inizio all'esecuzione forzata diverrà necessario predisporre e notificare un nuovo atto di precetto. Che cosa significa, in buona sostanza, recuperare un credito in sede contenziosa? Significa costringere materialmente il debitore al pagamento o privandolo della disponibilità di beni mobili o immobili che egli possiede, o privandolo della disponibilità di crediti, e cioè esercitando, in sua vece, ma nell'interesse proprio, i crediti che il debitore vanta nei confronti di terzi. Tutto questo ovviamente avviene nel rispetto di precise norme di legge che, nel codice di procedura civile, sono inserite nel libro III sotto il titolo "Del processo di esecuzione". 10

11 Può apparire strano che, trattando di una attività svolta in un rigido schema normativo, si parli di costrizione materiale del debitore. In effetti la singolarità di questo linguaggio è solo apparente, poichè l'ufficiale giudiziario incaricato dell'esecuzione mobiliare, "quando è necessario aprire porte, ripostigli o recipienti, vincere la resistenza opposta dal debitore o da terzi, oppure allontanare persone che disturbano l'esecuzione, provvede secondo le circostanze, richiedendo, quanto occorre, l'assistenza della forza pubblica". Non solo, ma può ricercare le cose da pignorare addirittura sulla persona del debitore (art. 513 c.p.c.). Peraltro, l'esecuzione sugli immobili e sui crediti, anche se regolata da norme che hanno un tenore letterale meno colorito, si svolge senza alcuna necessità di collaborazione da parte del debitore, che si trova spogliato di quanto è stato sottoposto a pignoramento; salvi, ovviamente, i mezzi legali di opposizione che la legge gli riconosce. 4. Il pignoramento mobiliare Il fatto, come vedremo più avanti, che l'esecuzione sui crediti e quella sugli immobili abbiano, per una ragione o per l'altra, limitate possibilità di applicazione spiega come circa il 90% delle procedure esecutive sia costituito da pignoramenti mobiliari presso il debitore. Con tale atto si impone a determinati beni di proprietà del debitore un vincolo giuridico a favore del creditore e degli altri soggetti successivamente intervenuti. Questo vincolo nell'immediato non impedisce al debitore di disporre materialmente dei beni pignorati, entro determinati limiti, ma rende inefficaci gli atti con cui il debitore aliena le cose pignorate o comunque ne dispone giuridicamente. Successivamente al pignoramento il creditore chiederà la vendita forzata dei beni pignorati o la loro assegnazione.

12 La vendita forzata viene normalmente effettuata con incanto, mediante offerte successive in aumento, ma l'art. 503 c.p.c. consente anche altre modalità come la licitazione o la trattativa privata. Che si trovino beni suscettibili di esecuzione, sopratutto nelle aziende, è frequente: si pensi ad esempio agli automezzi, a computers e stampanti, arredamenti, macchinari, merci in magazzino. Tuttavia l'utilità pratica di tale procedura va purtroppo riducendosi, col trascorrere degli anni, per due ordini di motivi: a) Considerati i lunghi tempi delle procedure esecutive, i beni pignorati subiscono generalmente un sensibile deprezzamento fra l'inizio della procedura e la successiva vendita, mentre il debitore, potendo contare appunto sulla lentezza della procedura, non è psicologicamente stimolato ad una rapida sistemazione del sospeso. b) La diffusione del leasing, sopratutto per le attrezzature industriali a rapida obsolescenza, fa si che i beni di maggior valore, che si possono rinvenire presso le aziende siano spesso beni non assogettabili all'esecuzione, perchè proprietà di terzi. Concluderemo quindi osservando che in tanto la procedura esecutiva mobiliare avrà successo in quanto riuscirà a colpire beni indispensabili per l'attività dell'impresa debitrice: ciò porterà infatti il debitore ad estinguere il debito con relativa celerità, per evitare di arrivare alla vendita di quanto, vendita dalla quale peraltro in genere il creditore non si può ragionevolmente attendere grandi risultati trattandosi di beni usati o di merci spesso obsolete; beni comunque di difficile realizzo. 5. Il pignoramento dei crediti 12

13 Nell'ambito delle procedure giudiziali di recupero crediti ve ne è una che, pur essendo a livello potenziale estremamente efficace ed efficiente, nella pratica sta pressochè cadendo in disuso. Si tratta del pignoramento dei crediti, che rientra nel più ampio quadro dell'espropriazione presso terzi, il quale si svolge con una procedura molto rapida, e perciò relativamente poco dispendiosa, e che va senz'altro preferito quando si sia informati circa l'esistenza di crediti del debitore nei confronti di aziende di sicura solvibilità, o addirittura si presuma che, almeno saltuariamente, il conto corrente intrattenuto dal debitore con una o più banche presenti un saldo creditore. Queste importanti informazioni talvolta sono state precedentemente raccolte, nel corso della fase stragiudiziale del recupero crediti, direttamente dall'agenzia incaricata del recupero e trasmesse al creditore per essere utilmente impiegate nella fase giudiziale. In tali ipotesi, peraltro nella pratica piuttosto rare, la procedura può esaurirsi anche solo in un paio di mesi, poichè, su richiesta del creditore, il Pretore ordina al "terzo pignorato" (banca o debitore del debitore) di pagare direttamente al creditore che ha attivato l'azione giudiziale. Poichè per essi è, di regola, indifferente pagare ad un creditore piuttosto che ad un altro, il recupero è normalmente rapidissimo. Purtroppo questa forma di esecuzione, che appare estremamente efficace in linea teorica, nella pratica risulta inattuabile nella maggior parte dei casi, o perchè non si conoscono i clienti dei clienti, o perchè non si conoscono le banche con le quali i clienti operano, o, infine, e sopratutto, perchè chi costringe l'azienda creditrice ad una procedura esecutiva di recupero si trova stabilmente in una situazione debitoria nei confronti degli istituti di credito.

14 6. L'esecuzione forzata sugli immobili L'esecuzione forzata sugli immobili, anch'essa in linea teorica molto efficace, non trova frequente applicazione per altri motivi, che vanno ricercati da un lato nella frequente inesistenza di beni immobili di proprietà del debitore e, dall'altro, negli alti costi della procedura, che la rendono pressochè inavvicinabile quando di tratti di recuperare crediti medio-piccoli. Non va poi sottaciuto un altro concreto ostacolo al soddisfacimento del credito mediante l'esecuzione forzata immobiliare: raramente nella pratica si riesce a colpire un immobile libero da vincoli ipotecari. Poichè, come è noto, l'ipoteca privilegia quel creditore a favore del quale essa è iscritta, in molti casi pignorare un immobile, gravato da ipoteca, significa svolgere un'intera procedura esecutiva nell'interesse prevalente, se non addirittura esclusivo, del creditore ipotecario. La procedura in esame può quindi essere utilmente impiegata solo per crediti di importo elevato nei rarissimi casi in cui il debitore sia proprietario, e preferibilmente non in comproprietà con altri, di beni immobili aventi un valore capiente e liberi da ipoteche anteriori. 7. Le procedure concorsuali Si parla di procedure concorsuali per indicare quelle procedure giudiziarie che, in maniera più o meno immediata, sono rivolte a garantire il "concorso" dei creditori sul patrimonio del debitore, e cioè il soddisfacimento dei loro 14

15 diritti in misura paritetica, salve le legittime cause di prelazione previste dalla legge. Si tratta anche in questi casi, ora con una misura cautelare quale l'amministrazione controllata, ora con procedure liquidatorie quali il fallimento e il concordato preventivo, di aggredire il patrimonio del debitore, con la differenza che, mentre nelle procedure esecutive esaminate in precedenza, ogni creditore procede singolarmente con la propria esecuzione forzata individuale (e chi tardi arriva male alloggia!), nelle procedure concorsuali l'esecuzione è attuata da un organo pubblico, che è il curatore fallimentare o il commissario giudiziale, nell'interesse di tutti i creditori. Recuperare i crediti in sede concorsuale è, da un lato, più semplice e molto meno dispendioso, e, dall'altro, in termini di concreta probabilità, estremamente più arduo. In linea generale, il discorso non potrebbe che arrestarsi qui, girando attorno a frasi fatte, quali "dai fallimenti non si prende niente", e così via, ma un esame più serio richiede una distinzione fra i casi che si possono presentare nelle diverse procedure concorsuali. Amministrazione controllata L'Amministrazione controllata comporta il cosiddetto congelamento dei debiti dell'azienda che vi è sottoposta: i creditori cioè non possono iniziare o proseguire azioni esecutive sul patrimonio del debitore, e tanto meno può il debitore spontaneamente pagare. Questo divieto concerne però i crediti "per titolo o causa anteriore" alla procedura: conseguentemente, se l'azienda in amministrazione controllata assumerà nuovi debiti, come è normale che faccia dato che continua la propria attività di impresa, per quelli, una volta che siano scaduti, si potrà agire esecutivamente nonostante la pendenza della procedura. Una particolare attenzione dovrà tuttavia essere impiegata nella concessione del credito ad imprese in amministrazione controllata poichè se, da un lato, la presenza del commissario

16 fa presumere un'amministrazione seria ed oculata, dall'altro, spesso vengono poste in amministrazione controllata aziende già in stato di insolvenza, essendo nel concreto molto incerto il confine fra quest'ultimo e la temporanea difficoltà di adempiere. Se all'amministrazione controllata farà seguito il concordato preventivo o il fallimento, il divieto di azioni esecutive individuali diverrà generale ed anche per i debiti sorti durante la procedura non sarà possibile il recupero nelle forme che abbiamo visto; ma per questi crediti vi sarà un trattamento preferenziale, che ne assicurerà quasi sempre il soddisfacimento: saranno cioè pagati "in prededuzione", come le spese della procedura, il compenso del commissario o del curatore, ecc.. Concordato preventivo Il concordato preventivo ha al contrario, come il fallimento, "finalità liquidatorie e satisfattive": non mira, cioè, a riportare l'azienda fuori dalla temporanea mancanza di liquidità, ma piuttosto a liquidarla, soddisfacendo, in pari misura, come abbiamo visto, i creditori. Il recupero crediti nel concordato preventivo non costa, in genere, assolutamente nulla. Se il credito non è contestato, esso verrà pagato in sede di liquidazione. Si cade spesso in errore sulla percentuale concordataria, che la legge indica, per i crediti non privilegiati, nel 40%. Questa percentuale oggi in concreto non viene raggiunta quasi mai, e, ciònonostante, il concordato non si risolve. La ragione sta nel fatto che, con sempre maggior frequenza, viene proposto ed approvato il concordato "con cessione dei beni", cioè quel concordato con il quale il debitore offre tutti i propri beni, presumibilmente sufficienti a raggiungere il fatidico 40%. Valutare il complesso dei beni offerti dal debitore non è la cosa più agevole e, nel dubbio sulla reale entità del patrimonio, si tende a largheggiare nella valutazione. Si 16

17 arriva allora, in sede di liquidazione, a disporre di una somma spesso inferiore al 40% dei crediti. Questo tipo di concordato è oggi preferito, poichè è spesso impossibile offrire, in alternativa, "garanzie reali o personali di pagare il quaranta per cento dell'ammontare dei debiti". Spese praticamente nulle, quindi, a fronte della probabilità di riscuotere da pochi punti percentuali fino al 40% o, teoricamente, anche molto di più. Fallimento "Punctum dolens" di questa sintetica disamina dal recupero crediti in sede concorsuale è il fallimento, che, salvi casi eccezionali, non permette il recupero, nè integrale, nè al 40%, dei crediti chirografari, e che spesso non permette di conseguire ricavi di sorta. Le spese sono pressochè nulle se l'azienda creditrice si insinua al passivo tempestivamente, e cioè prima dell'udienza di verificazione dello stato passivo o prima che questo venga chiuso; hanno invece una certa entità, se ci si insinua tardivamente. La differenza, in termini di costi, va ricondotta a due cause: la prima consiste nel fatto che l'insinuazione tempestiva non richiede assistenza di legale, mentre questa, per la seconda, è indispensabile; la seconda consiste invece nel fatto che, per insinuarsi tardivamente al passivo del fallimento, occorre instaurare una vera e propria causa (magari destinata a concludersi subito, per adesione del curatore alla domanda) con spese vive che incidono notevolmente sui crediti di piccole dimensioni. Se dovessimo, quindi, limitarci a confrontare i costi di un'istanza tardiva di ammissione al passivo con il probabile ricavo, dovremmo concludere che è opportuno proporla solo per i crediti di grosse dimensioni, sui quali le spese legali finiscono per avere un'incidenza modesta.

18 8. Il trattamento fiscale delle perdite su crediti La normativa tributaria riguardante la deducibilità delle perdite su crediti è purtroppo molto restrittiva e talora risulta decisamente penalizzante per le imprese. La materia è regolamentata dall'art. 66, 3 comma, del DPR 917/86, il quale dispone che le perdite su crediti, per essere deducibili dal reddito, devono risultare da elementi certi e precisi; sono deducibili in ogni caso se il debitore è assoggettato a procedure concorsuali. Secondo l'amministrazione Finanziaria la perdita è fiscalmente riconosciuta solo quando abbia i caratteri dell'inevitabilità e risponda ad una scelta di convenienza oggettiva dell'imprenditore (Risoluzione Ministeriale 9/4/80 n. 9/557). Nel caso (piuttosto frequente nella pratica) di crediti inesigibili di modesto importo, le cui spese legali per attuare l'esecuzione forzata in danno del debitore sono rilevanti rispetto all'ammontare del credito in sofferenza e vi sono fondate ragioni per presumere un esito negativo dall'azione di recupero, il fisco ammette la deducibilità della perdita documentata dalle suesposte argomentazioni, ad esempio a mezzo lettera di un legale inviata al proprio cliente (Risoluzione Ministeriale 6/8/76 n. 9/124). Inoltre, ove sia posta in essere una cessione di credito ad un prezzo inferiore al valore contabile, la differenza fra il valore di effettivo realizzo ed il valore nominale è ammessa in deduzione nel solo caso della cessione pro-soluto, cioè con liberazione del cedente al momento del trasferimento (Risoluzione Ministeriale 13/3/82 n. 9/634). L'art. 71 del DPR 917/86 disciplina infine la deducibilità degli accantonamenti per rischi su crediti. Al comma 1 detta norma dispone che, per i soli crediti di natura commerciale non coperti da garanzia assicurativa, è consentito operare annualmente un accantonamento, fiscalmente 18

19 deducibile, nel limite dello 0,5% del valore nominale degli stessi. La deduzione peraltro non è più ammessa quando l'ammontare complessivo delle svalutazioni e degli accantonamenti imputati all'apposito fondo abbia raggiunto il 5% del valore nominale dei crediti commerciali risultanti in bilancio alla fine dell'esercizio. Al comma 2 viene stabilito che le perdite su crediti sono deducibili, a norma dell'art. 66, limitatamente all'ammontare che eccede l'importo complessivo delle svalutazioni e degli accantonamenti dedotti nei precedenti esercizi. Nel nostro ordinamento tributario non vi è quindi cumulabilità fra le perdite su crediti aventi natura certa, rilevate a secondo il disposto dell'art. 66, e quelle invece solamente presunte, per le quali sia stato forfettariamente operato un accantonamento generico a norma dell'art. 71, in quanto le prime sono deducibili limitatamente all'importo che eccede l'ammontare accantonato per le seconde. Per giunta, se in un esercizio l'importo accantonato con le modalità di cui all'art. 71 eccede l'ammontare del 5% dei crediti commerciali risultanti dal bilancio, l'eccedenza concorre a formare il reddito dell'esercizio. 9. Conclusioni Questa rapida panoramica sui molteplici aspetti del recupero crediti, sia in via stragiudiziale che in sede giudiziale, consente di epilogare alcuni sintetici spunti di riflessione: a) Nei rapporti commerciali la prevenzione è meglio della cura. Informarsi approfonditamente sull'affidabilità dei propri interlocutori in affari e tenere costantemente monitorata la loro situazione economico-finanziaria consente in genere di prevenire il sorgere di crediti in sofferenza. b) L'uso della ragionevolezza dà migliori risultati delle questioni

20 di principio. Ciò è vero in particolare per tutte quelle situazioni dove è possibile concordare con il debitore delle soluzioni di natura amministrativa, tecnica, commerciale o dei componimenti stragiudiziali delle vertenze che risultino ragionevolmente accettabili da entrambe le parti. c) Prima di arrendersi vale la pena di far provare degli esperti. Quando i tentativi esperiti si siano rivelati infruttuosi, e prima che la situazione del debitore si incancrenisca, si può provare ad affidare la pratica ad un'agenzia di recupero crediti specializzata. Grazie alle tecniche di convincimento e di pressione psicologica sul debitore messe a punto da questi esperti in molti casi il loro intervento si rivela risolutivo e comunque, anche nell'ipotesi peggiore, il costo da sostenere è decisamente modesto. d) Se il creditore è un soggetto a rischio meglio tutelarsi con un titolo esecutivo. Il possesso di assegni e cambiali, benchè ovviamente di per sè non possa garantire che il credito sia recuperabile, mette generalmente il debitore in una situazione psicologica di timore di essere protestato e consente nel contempo di velocizzare i tempi delle procedure esecutive e di limitarne i costi. e) Disponendo di informazioni precise è possibile scegliere la procedura migliore da intraprendere. Essere a conoscenza della reale situazione finanziaria del debitore, dei suoi eventuali crediti, della proprietà di immobili non ipotecati, della disponibilità di beni di agevole commercio, è di valido ausilio nella scelta della procedura esecutiva più opportuna da intraprendere per ottenere il massimo risultato in termini di costi/benefici. f) Quando la situazione del debitore non offre vie d'uscita può essere utile farlo fallire. Quando l'ammontare del credito o la pessima situazione patrimoniale del creditore non giustificano 20

Il recupero crediti nel franchising

Il recupero crediti nel franchising Il recupero crediti nel franchising I crediti insoluti rappresentano un grave problema per le imprese, soprattutto nell attuale periodo di crisi economica. Il settore del franchising non è certo immune

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale Risposte a quesiti DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA In occasione della chiusura dell esercizio, è sempre opportuno, procedere alla valutazione dei crediti verso clienti che presentano difficoltà

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

Perdite su crediti e UNICO 2013

Perdite su crediti e UNICO 2013 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ FISCALI E FOCUS FINALE SU MODELLI UNICO 2013 Perdite su crediti e UNICO 2013 Dott. Gianluca Cristofori 25 settembre 2013 - Sala Orlando - Corso Venezia,

Dettagli

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI iscritti a valore nominale da esporre in bilancio a valore di realizzo VALUTAZIONE CREDITI «I crediti devono essere valutati al loro valore di presumibile

Dettagli

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini.

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Andrea Davide Arnaldi Responsabile area legale di Credit Evolution Studio Legale Arnaldi, Caimmi & Associati Credit Evolution Credit Evolution Credit

Dettagli

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI 1 A R T. 2 6 D. P. R. 6 3 3 / 1 9 7 2 C O N D I Z I O N I T E R M I N I E M O N I T O R A G G I O W O R K S H O P GISI 8 O T T O B R E 2 0 1 4 Dott. Bellavite Pellegrini

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Novità in tema di perdite su crediti

Novità in tema di perdite su crediti Dott.ssa Cecilia Andreoli (Commissione Fiscalità Odcec Modena) Novità in tema di perdite su crediti Il decreto legge n. 83 del 22 giugno 2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 134 del 7 agosto

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti

Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti Perdite su crediti Le perdite su crediti, sia nazionali che esteri, sono deducibili solo se risultano da elementi certi e precisi. Sono in ogni caso deducibili quando

Dettagli

Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS

Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS 00 DALLA PREVENZIONE DEL RISCHIO DI INSOLVENZA AL RECUPERO EFFETTIVO DEL CREDITO In uno scenario economico così complesso e mutevole come quello attuale,

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

ALBERTO MARENGO PERDITE SU CREDITI: LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE

ALBERTO MARENGO PERDITE SU CREDITI: LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE ALBERTO MARENGO PERDITE SU CREDITI: LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le perdite su crediti - 3. Le perdite derivanti da elementi certi e precisi - 3.1. Perdite su crediti da valutazioni

Dettagli

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014 DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Premessa La deducibilità fiscale degli oneri derivanti dalla inesigibilità definitiva dei crediti è disciplinata,

Dettagli

BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA RILEVAZIONE DEI CREDITI NEL BILANCIO D'ESERCIZIO

BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA RILEVAZIONE DEI CREDITI NEL BILANCIO D'ESERCIZIO BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA RILEVAZIONE DEI CREDITI NEL BILANCIO D'ESERCIZIO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale I crediti vanno esposti in bilancio al valore di presunto realizzo ( art.2426 c.c.)

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

LA BANCA NEL SISTEMA DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI: ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI RECUPERO CREDITI

LA BANCA NEL SISTEMA DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI: ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI RECUPERO CREDITI LA BANCA NEL SISTEMA DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI: ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI RECUPERO CREDITI Roma, 27 gennaio 2006 dott. Dino Crivellari, Amministratore Delegato e Direttore Generale

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 40/2013 Oggetto: LA DISCIPLINA DELLE PERDITE SU CREDITI Con un ritardo poco comprensibile, dopo la chiusura dei bilanci e delle dichiarazioni, l Agenzia delle Entrate con la circolare n.26/e

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052 - B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052 - B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331. P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052 - B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.638299 DR. GAUDENZIO FRONTINI DOTTORE COMMERCIALISTA DR. MASSIMILIANO FRONTINI DOTTORE COMMERCIALISTA

Dettagli

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA:

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA: Firenze, 18-19 19 maggio 2012 La scuola per il Praticante Dottore Commercialista ed Esperto Contabile Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti

DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti Via Volturno n. 33-30173 VENEZIA/MESTRE Telefono e Fax 041/5349637 E-mail: info@associazionedifesaconsumatori.it www.associazionedifesaconsumatori.it DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti Debiti con Banche

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

La determenazione del fondo svalutazione crediti criteri e metodologie

La determenazione del fondo svalutazione crediti criteri e metodologie La determenazione del fondo svalutazione crediti criteri e metodologie di Marco G. Troiani - dottore commercialista e revisore legale dei conti Le valutazioni delle poste dell attivo e del passivo rappresentano

Dettagli

Svalutazione del credito e recupero dell'iva in caso di insolvenza della società debitrice di Zambon Paola, Rotondaro Walter

Svalutazione del credito e recupero dell'iva in caso di insolvenza della società debitrice di Zambon Paola, Rotondaro Walter Informatore de Il Sole 24 ORE 15 settembre 2008 n. 34 pag. 37 Svalutazione del credito e recupero dell'iva in caso di insolvenza della società debitrice di Zambon Paola, Rotondaro Walter Argomento - Si

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI

GLI ASPETTI TRIBUTARI GLI ASPETTI TRIBUTARI DELLA CESSIONE DEL CREDITO DEL PROFESSIONISTA di Paolo Dal Monico (Dottore Commercialista in Vicenza) SOMMARIO: I Premessa; II. I.V.A.; III. Lavoratore autonomo che ha già emesso

Dettagli

L ATTUAZIONE DI UNA PROCEDURA DI ESECUZIONE FORZATA

L ATTUAZIONE DI UNA PROCEDURA DI ESECUZIONE FORZATA Quale procedura deve intraprendere l istante per obbligare il debitore a saldare il suo debito? Sebbene ogni paese europeo assicuri all istante il diritto di costituirsi in giudizio, tale diritto risulterebbe

Dettagli

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI VIVA S.p.A. Via Romagna n 38 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel. 0423.495969 r.a. fax 0423.490774 www.vivaspa.it e-mail: info@vivaspa.it P.E.C. vivaspa@legalmail.it

Dettagli

decreto «sviluppo 2012»

decreto «sviluppo 2012» Decreto «Sviluppo 2012» DEDUCIBILITÀ delle PERDITE su CREDITI NOVITÀ della L. 134/2012 di Marco Vergani QUADRO NORMATIVO L art. 33, co. 5, D.L. 22.6.2012, n. 83, conv. con modif. dalla L. 7.8.2012, n.

Dettagli

Periodico informativo n. 26/2014. Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale

Periodico informativo n. 26/2014. Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale Periodico informativo n. 26/2014 Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che la Legge di stabilità 2014 è intervenuta

Dettagli

FACTORING DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE

FACTORING DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE FACTORING DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE Il factoring è un'operazione finanziaria con la quale un'impresa cede, dietro pagamento di un corrispettivo, dei crediti commerciali ad una società (factor) che

Dettagli

PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI

PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI INTRODUZIONE ASPETTI CIVILISTICI Ai sensi dell art. 2426 comma 1, punto 8) del cod. civile i crediti devono essere iscritti in bilancio in base al loro presumibile

Dettagli

Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI

Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI Rilievi introduttivi Oggetto dell'espropriazione presso terzi possono essere beni mobili o crediti appartenenti al debitore; i beni immobili di proprietà esclusiva

Dettagli

-MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi

-MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi -MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi -PREMESSA- Negli ultimi anni i giornali non hanno parlato d altro che di crisi economica. Questa crisi per le aziende, così come per i piccoli imprenditori

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI Come noto la crisi economica che da parecchi anni affligge il nostro paese ha costretto molti imprenditori a rinunciare all attività di recupero dei crediti, tenuto

Dettagli

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE Fallimento N. Giudice Delegato Dott. TRIBUNALE DI COSENZA Prima sezione civile Ufficio fallimenti PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE EX ART. 104-TER L.F. Illustrissimo Signor Giudice Delegato, il sottoscritto Curatore

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Con la Legge 9 agosto 2013 n. 80 (S.O. n. 63 alla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 194 del 20 agosto 2013) è stato convertito

Dettagli

il Comune di Firenze (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal

il Comune di Firenze (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal CONVENZIONE-TIPO PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI FIRENZE ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI. Con

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano IL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE Convegno Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano 1 Le esecuzioni immobiliari

Dettagli

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO di Stefano Inverardi (Responsabile Divisione Tutela Credito di SESVIL srl) E indubbio che la crisi economica ha avuto effetti anche e soprattutto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE CREDITI INSOLUTI/IN SOFFERENZA: AZIONE GIUDIZIALE- RECUPERO FISCALE. Studio Legale Santosuosso e Associati www.santosuosso.

OTTIMIZZAZIONE CREDITI INSOLUTI/IN SOFFERENZA: AZIONE GIUDIZIALE- RECUPERO FISCALE. Studio Legale Santosuosso e Associati www.santosuosso. OTTIMIZZAZIONE CREDITI INSOLUTI/IN SOFFERENZA: AZIONE GIUDIZIALE- RECUPERO FISCALE CREDITI INSOLUTI/ IN SOFFERENZA A) INATTIVITA LEGALE (RECUPERO «NEGOZIALE» > DILAZIONE) B) ATTIVITA DI RECUPERO LEGALE

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati L assiicuraziione dell Crediito Commerciialle Tecniica assiicuratiiva Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati Crediti Commerciali I crediti commerciali sono crediti

Dettagli

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Allegato A COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 9.4.2014 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI

Dettagli

Avvocati Scaburri - Salvioni

Avvocati Scaburri - Salvioni PRESENTAZIONE DEI SERVIZI OFFERTI DA L ALTROAVVOCATO L AltroAvvocato nasce per fornire alle imprese il SERVIZIO LEGALE AZIENDALE: Diretto e costante, al pari di un ufficio legale interno, per la gestione

Dettagli

CHIARIMENTI ALLA DISCIPLINA SULLA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Circolare 26/E 2013

CHIARIMENTI ALLA DISCIPLINA SULLA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Circolare 26/E 2013 Montesilvano, 9 dicembre 2013 CHIARIMENTI ALLA DISCIPLINA SULLA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Circolare 26/E 2013 Dr. Pasquale Di Giulio INQUADRAMENTO GENERALE DEL REGIME FISCALE DEI CREDITI PRE

Dettagli

rientro del denaro ottimizzando l'efficienza delle vostre risorse aziendali interne.

rientro del denaro ottimizzando l'efficienza delle vostre risorse aziendali interne. Il Servizio ALL in di Intercrediti offre, in affiancamento alle risorse aziendali, la gestione completa del cliente, dalla fase dell ordine fino ad arrivare all Azione Legale se necessaria. Servizio di

Dettagli

Cosa fare per l insolvenza di una fattura

Cosa fare per l insolvenza di una fattura COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro - Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it

Dettagli

DEDUCIBILITÀ DELLE PERDITE SU CREDITI

DEDUCIBILITÀ DELLE PERDITE SU CREDITI CONTABILITÀ E BILANCIO SCRITTURE CONTABILI video FISCO SOMMARIO del 18.09.2013 n. 0376-775130 www.ratiofad.it schema di sintesi perdite in assenza di procedure concorsuali perdite su crediti di modesta

Dettagli

PORTOGALLO. La tutela del credito ed il recupero del credito in Portogallo 1 LA TUTELA DEL CREDITO

PORTOGALLO. La tutela del credito ed il recupero del credito in Portogallo 1 LA TUTELA DEL CREDITO PORTOGALLO La tutela del credito ed il recupero del credito in Portogallo 1 LA TUTELA DEL CREDITO LA CONTRATTUALISTICA Nonostante possa essere vista come una burocrazia, la corretta contrattualistica rappresenta

Dettagli

Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali

Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali CENNI Agenda Premessa Il Fallimento Apertura del Fallimento Lo svolgimento della procedura Conclusione della procedura Il Patrimonio netto

Dettagli

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO di Antonello Fabbro (Tribunale di Treviso) Gli artt. 2758 comma 2 e 2772, co. 3, del codice civile prevedono il privilegio speciale,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino

LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino Considerazioni iniziali Le modifiche alla disciplina che regola la deducibilità delle perdite

Dettagli

LA DEDUZIONE FISCALE DELLE PERDITE SU CREDITI I

LA DEDUZIONE FISCALE DELLE PERDITE SU CREDITI I LA DEDUZIONE FISCALE DELLE PERDITE SU CREDITI I chiarimenti dell Agenzia delle entrate alla luce delle modifiche introdotte nel corso del 2012 dal decreto legge n. 83 del 22 giugno 2012 L Agenzia delle

Dettagli

I CREDITI: APPROFONDIMENTI

I CREDITI: APPROFONDIMENTI I CREDITI: APPROFONDIMENTI 1 2 1. I crediti: l esposizione in bilancio Per quanto riguarda i CREDITI, li ritroviamo in tutte e quattro le macroclassi dell Attivo Circolante. A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Tribunale di Bergamo, 22 ottobre 2015. Presidente Vitiello. Relatore Giovanna Golinelli. Contratti di garanzia

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI 1. la nota di precisazione del credito specifica l ammontare: a) dei crediti in prededuzione; b) dei crediti in privilegio; c) dei crediti

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

Principi di attestazione dei piani di risanamento

Principi di attestazione dei piani di risanamento ALLEGATO 1: PROCEDURE DI VERIFICA SU ALCUNE POSTE PATRIMONIALI DELLA BASE DATI CONTABILE. 1.1. Le attività di indagine da porre in essere in merito alle più comuni poste dell attivo. Crediti verso soci

Dettagli

CESSIONE RAMO DI AZIENDA

CESSIONE RAMO DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE RAMO DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE RAMO DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

di Fabio Venegoni, Advisor 1. Premessa

di Fabio Venegoni, Advisor 1. Premessa 28.3.2013 CONCORDATO IN CONTINUITÀ: ALCUNE RIFLESSIONI OPERATIVE (DALLA PARTE DELL ADVISOR) di Fabio Venegoni, Advisor Sommario: 1. Premessa - 2. Richiesta di pagamento dei crediti anteriori - 3. Trattamento

Dettagli

Perdite su crediti: principi contabili e profili tributari.

Perdite su crediti: principi contabili e profili tributari. Perdite su crediti: principi contabili e profili tributari. Bologna, 3 giugno 2015 a cura di Silvia Mezzetti (*) La relazione è svolta a titolo personale e non coinvolge la posizione dell Amministrazione

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER L'ACCENSIONE DEL "MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESE PER NUOVE ASSUNZIONI"

REQUISITI MINIMI PER L'ACCENSIONE DEL MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESE PER NUOVE ASSUNZIONI FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO "IMPRESE per NUOVE ASSUNZIONI" (per iniziative economiche e imprenditoriali che mirano a creare nuove opportunità di lavoro) INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO PRESTITO DELLA SPERANZA MICROCREDITO ALL IMPRESA

FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO PRESTITO DELLA SPERANZA MICROCREDITO ALL IMPRESA FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO PRESTITO DELLA SPERANZA MICROCREDITO ALL IMPRESA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale: 84038

Dettagli

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende:

Preliminarmente, l Assessore ritiene utile fornire alcune definizioni. Ai fini della presente deliberazione si intende: Oggetto: Integrazione alle direttive in materia di recupero dei crediti regionali contenute nella Delib.G.R. n. 28/33 del 24.6.2011. Definizione dei criteri, presupposti e procedure per la declaratoria

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO

MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO Riservato a Soci persone fisiche (alla data richiesta

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara VALUTAZIONE CIVILISTICA DEI CREDITI REQUISITI PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE (Approvato con delibera del Consiglio dell'unione n. 7 del 18/03/2016) INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... ART. 1 DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato

Dettagli

Corso di aggiornamento. Verona, 26 maggio 2016

Corso di aggiornamento. Verona, 26 maggio 2016 Corso di aggiornamento Aspetti legali del recupero dei crediti dei clienti e degli avvocati Verona, 26 maggio 2016 Obiettivi Il corso ha la finalità, in un momento ormai strutturale di crisi economica,

Dettagli

Fondo rotativo per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato alle imprese esportatrici: natura ed oggetto del privilegio

Fondo rotativo per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato alle imprese esportatrici: natura ed oggetto del privilegio Fondo rotativo per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato alle imprese esportatrici: natura ed oggetto del privilegio Tribunale di Rimini, 22 marzo 2016. Presidente Talia. Relatore Bernardi.

Dettagli

TRIBUNALE NAPOLI - SEZIONE DISTACCATA DI FRATTAMAGGIORE -

TRIBUNALE NAPOLI - SEZIONE DISTACCATA DI FRATTAMAGGIORE - n. 657/S/2007 R. G. A. C. TRIBUNALE NAPOLI - SEZIONE DISTACCATA DI FRATTAMAGGIORE - Ordinanza nella causa n. 657/S/2007 R. G. A. C. IL GIUDICE ISTRUTTORE Letta la domanda cautelare avanzata dal OMISSIS

Dettagli

GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento

GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento MEDIOCREDITO TRENTINO ALTO ADIGE S.p.A. Condizioni valide al 1 dicembre 2013 GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento INFORMAZIONI SULLA BANCA Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A. Albo Banche

Dettagli

[Giurisprudenza] Il Caso.it

[Giurisprudenza] Il Caso.it Finanziamenti prededucibili finalizzati ad un piano concordatario o ad un accordo di ristrutturazione dei debiti: distinzione e oggetto dell attestazione del professionista Tribunale di Bergamo, 26 giugno

Dettagli

9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli

9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli 9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli Novità in materia di riscossione Equitalia, ente nazionale per la riscossione dei tributi, richiede su comunicazione da parte dell Agenzia delle Entrate, le somme

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 1 agosto 2013

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 1 agosto 2013 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 agosto 2013 OGGETTO: Perdite su crediti - Articolo 101, comma 5 del TUIR modificato dall articolo 33, comma 5, del decreto legge 22 giugno 2012, n.

Dettagli

FALLIMENTO MAXWORK S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO. Collegio di Curatori: Dott. Augusto Tucci - Avv. Nicola Brambati - Dott.

FALLIMENTO MAXWORK S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO. Collegio di Curatori: Dott. Augusto Tucci - Avv. Nicola Brambati - Dott. Comunicazione a mezzo PEC (o Raccomandata R/R) Bergamo, 10 giugno 2015 AI CREDITORI LORO SEDI/RESIDENZE/DOMICILI Fallimento Maxwork Spa Agenzia per il Lavoro - R.G. n. 155/15 Sentenza n. 158/2015 emessa

Dettagli