Bjǫrnn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XXXI agosto MMXII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bjǫrnn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XXXI agosto MMXII"

Transcript

1 VǪLUSPÁ LA PROFEZIA DELLA VOLVA OPPURE LA PROFEZIA DELLA VEGGENTE TRADUZIONE A CURA DI BJǪRN HEINRÍKR VARGSSON ÆTT MÆNDVM SANGVINEM GAVDIVM VITÆ EST

2 PREFAZIONE Questa traduzione della Vǫluspá, primo libro del Codex Regius 2365, oppure Edda poetica, in formato digitale è di libera circolazione; poiché l autore l ha eseguita con l unico scopo di promulgare la stessa. Tuttavia, dato che è costata mesi di lavoro, l autore prega chiunque volesse condividerla, promulgarla, o in qualsiasi modo pubblicarla, di citarne il traduttore. Questa traduzione ha un italianizzazione completa dei nomi; scelta argua, e non certo facile da eseguire. Così Heimdallr è diventato Eimdallo, Baldr è diventato Baldero e così via. Dove presente, l italianizzazione è passata attraverso la latinizzazione (Baldr = Balderus = Baldero) piuttosto che dal norreno direttamente. Questa scelta è stata presa per svariati motivi: il primo è l integrazione dei personaggi mitologici nella cultura italiana; il secondo è che la pronuncia del norreno è alquanto complessa da comprendere in forma scritta, e dunque, qualsiasi guida scritta, non porterebbe comunque il lettore non parlante norreno a pronunciare perfettamente il nome letto; il terzo è per dare omogeneità allo scritto; e ce ne sono altri minori ancora. Di sicuro è una scelta criticata da molti: ma bisogna tener di conto che i nomi mella Vǫluspá non sono quelli originali, bensì una norrenizzazione dei nomi protonorreni (Óðinn da Wóðan e così via). Un altro motivo fondamentale per l italianizzazione è che in lingua originale i nomi sono coniugati in base al caso dativo, genitivo, accusativo, attivo e passivo; mentre in italiano un nome rimane sempre uguale, perciò risulterebbe strano per il lettore italiano leggere Heimdallu anziché Heimdallr e così via. Le kenningar, la sostituzione di un nome o luogo con una frase che lo descrive; sono pochissime e facilmente comprensibili, pertanto non ho ritenuto necessario corredarle di note. Altra questione riguarda invece gli epiteti: solo in due casi, ho tradotto letteralmente Valfǫðr in Padre di Tutti e Hlínar in Lina ; per tutti gli altri ho invece tradotto col nome generalmente usato per indicare il soggetto dell epiteto. Il metro della Vǫluspá è il fornyrðislag, il metro epico, il più comune della poesia nordica. Ogni strofa è composta da quattro versi pieni, ciascuno costituito a sua volta di due semiversi. Leggendo il poema in lingua originale si nota come suoni avvincente, seppur rimanendo poetico: il metro epico infatti usa ripetizioni costanti di iniziali o intere sillabe, parole forti, non concede pausa di lettura e soprattutto è semplice, diretto, (per l appunto con poche kenningar). Si tratta di un lungo monologo di una veggente, o meglio una volva, invocata da Odino affinché riveli per intero la sapienza nordica, i segreti delle cose primordiali e i destini del mondo. Non è per nulla un testo dalla facile comprensione: le varie scene non vengono narrate, bensì evocate, ricordate o descritte rapidamente e con pochi dettagli riguardanti al luogo e al tempo; ci sono più dettagli su tutto il resto. Le ripetizioni germaniche sono soventi; classica e celeberrima è la vituð ér enn eða hvat?, domanda che la veggente rivolge a sé stessa, come per incitarsi ad esprimere la sua conoscenza, dal significato approssimativo di cos altro tu sai?, Detto ciò, vi auguro una buona lettura, e ricordo che ogni copia inautorizzata, a diverso nome, specie se a fin di lucro, sarà perseguita penalmente per i diritti d autore. Vale, naturalmente, solo per la traduzione. Bjǫrnn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XXXI agosto MMXII

3 Hljóðs biðk allar helgar kindir, meiri ok minni mǫgu Heimdallar; vildu at, Valfǫðr, vel fyr teljak forn spjǫll fira, þaus fremst of man. Ek man jǫtna ár of borna, þás forðum mik fædda hǫfðu; níu mank heima, níu íviði, mjǫtvið mæran fyr mold neðan. Ár vas alda þars Ymir byggði vasa sandr né sær, né svalar unnir; jǫrð fansk æva né upphiminn; gap vas ginnunga, en gras hvergi. Áðr Bors synir bjǫðum of ypðu, þeir es Miðgarð mæran skópu; sól skein sunnan á salar steina; þá vas grund gróin grænum lauki. Sól varp sunnan, sinni mána, hendi enni hægri of himinjǫður; sól þat né vissi, hvar hon sali átti; stjǫrnur þat né vissu, hvar þær staði áttu; máni þat né vissi, hvat hann megins átti. Þá gengu regin ǫll á rǫkstóla, ginnheilǫg goð, ok gættusk of þat: Nótt ok niðjum nǫfn of gáfu, morgin hétu ok miðjan dag, undorn ok aptan, árum at telja. Hittusk æsir á Iðavelli, þeirs hǫrg ok hof hátimbruðu; afla lǫgðu, auð smíðuðu, tangir skópu ok tól gerðu. Teflðu í túni, teitir váru, vas þeim véttergis vant ór gulli, unz þríar kómu þursa meyjar, ámátkar mjǫk, ór Jǫtunheimum. Þá gengu regin ǫll á rǫkstóla, ginnheilǫg goð, ok gættusk of þat: hvárt skyldi dverga dróttir skepja ór Brimis blóði ok ór Bláins leggjum. Þar vas Móðsognir mæztr af orðinn dverga allra, en Durinn annarr; þeir manlíkun mǫrg of gerðu dverga í jǫrðu, sem Durinn sagði. Nýi ok Níði, Norðri, Suðri, Austri, Vestri, Alþjófr, Dvalinn, Chiedo ascolto a tutte le sacre stirpi, ai maggiori ed ai minori figli di Eimdallo; o Padre di Tutti, tu vuoi che io racconti tutte le storie dei viventi, tutte quelle che ricordo. Rammento i primi nati, i giganti, coloro che un tempo mi generarono; rammento Nove Mondi, nove sostegni, e l Albero Saggio che penetra nel suolo vergine. In principio v era solo il tempo ove dimorava Umiro; non v erano né la sabbia, né il mare, né le fredde onde; non si scorgeva né la terra né il cielo sopra di essa; non v era l erba; l abisso era spalancato. Finché i figli di Boro fecero emergere le terre, loro che crearono la vasta Terra di Mezzo; il Sole sorse da Sud sulle pareti di pietra; e così il suolo si ricoprì di verdi germogli. Da Sud il Sole, compagno della Luna, con forza, allungò l arto verso l estremità del cielo; egli non sapeva dov era il suo regno; le stelle non sapevano dov era la loro dimora; così come la Luna non sapeva qual era il suo potere. Allora tutti gli dèi andaro ai troni del giudizio, divinità santissime, e decisero questo: diedero nome alla notte e alle fasi lunari, e al mattino ed al mezzogiorno, al pomeriggio e alla sera, per contare gli anni. Gli Asi andarono in Idavalla, e quivi innalzarano altari e templi; accesero focolari, crearono ricchezze, fabbricarono tenaglie, progettarono utensili. Giocavano a scacchi nel cortile, ed erano ricchi, non sentivano per nulla la mancanza dell oro, fin quando giunsero tre fanciulle dei giganti, estremamente possenti, da Iotuneimo. Allora tutti gli dèi andaro ai troni del giudizio, divinità santissime, e decisero questo: chi di loro dovesse creare i nani dalle ossa di Blaino e dal sangue di Brimiro. Modsogniro era il più potente tra tutti i nani, e Durino era il secondo; molti dall aspetto umanoide furono creati tirandoli fuori dal terreno, come Durino diceva. Nui e Nidi, Nordi, Sudi, Ovesti, Esti, Altiovo, Dualino,

4 Bívǫrr, Bávǫrr, Bǫmburr, Nóri, Ánn ok Ánarr, Ái, Mjǫðvitnir. Veigr ok Gandálfr, Vindálfr, Þráinn, Þekkr ok Þorinn, Þrór, Vitr ok Litr, Nár ok Nýráðr, nú hefk dverga, Reginn ok Ráðsviðr, rétt um talða. Fili, Kili, Fundinn, Náli, Heptivili, Hannarr, Svíurr, Frár, Hornbori, Frægr ok Lóni, Aurvangr, Jari, Eikinskjaldi. Mál es dverga í Dvalins liði ljóna kindum til Lofars telja, þeir es sóttu frá salarsteini Aurvanga sjǫt til Jǫruvalla. Þar vas Draupnir ok Dólgþrasir, Hár, Haugspori, Hlévangr, Glói, Skirvir, Virvir, Skáfiðr, Ái, Álfr ok Yngvi, Eikinskjaldi, Fjalarr ok Frosti Finnr ok Ginnarr; þat mun æ uppi, meðan ǫld lifir, langniðja-tal til Lofars hafat. Unz þrír kómu ór því liði ǫflgir ok ástkir æsir at húsi, fundu á landi lítt megandi Ask ok Emblu ǫrlǫglausa. Ǫnd þau né áttu, óð þau né hǫfðu, lá né læti né litlu góða; ǫnd gaf Óðinn, óð gaf Hǿnir, lá gaf Lóðurr ok litu góða. Ask veit standa, heitir Yggdrasill hár baðmr, ausinn hvíta auri; þaðan koma dǫggvar þærs í dala falla; stendr æ of grænn Urðar brunni. Þaðan koma meyiar margs vitandi, þríar ór þeim sæ, es und þolli stendr; Urð hétu eina, aðra Verðandi, skáru á skíði, Skuld ena þriðju. Þær lǫg lǫgðu, þær líf kǫru, alda bǫrnum, ǫrlǫg seggja. Þat man hon folkvíg fyrst í haimi, es Gullveigu geirum studdu ok í hǫll Háars hána brendu, þrysvar brendu þrysvar borna, opt ósjaldan, þó hon enn lifir. Bivoro, Bavoro, Bomburo, Nori, Ani e Ana, Ai, Miodviniro. Veighi e Gandelfo, Vindelfo, Traino, Tecco e Torini, Troro, Vito e Lito, Noro e Nurodo, ordunque i nani, Regino e Rodsvido, ho qui doverosamente elencato. Fili, Chili, Fundino, Noli, Eptivili, Annaro, Sviuro, Frori, Ornbori, Frego e Luni, Aurvango, Iari, Echinschialdi. Ora invece elenco i nani della stirpe di Dualino, dai figli degli uomini fino a Lovaro, che vagarono per il suolo roccioso ove dimora Aurvango fino a Ioruvalla. V erano Draupniro e Dulgfrasiro, Ari, Augspori, Levango, Gloi, Schirviro, Virviro, Scafido, Ai, Alfio e Ungvi, Echinschialdi Fiala e Frosti, Finno e Gennaro; sarà rammentata a lungo, finché gli uomini vivranno, codesta lista degli antenati fino a Lovaro. E vennero tre di quella stirpe magnifica e potente, gli Asi, a casa, e trovarono a terra senza forze Aschi ed Emblo i senzadestino. Non respiravano, né avevano anima, né calore vitale, né gestualità, né colorito; Odino gli diede respiro, Uniro l anima, Loduro il calore vitale ed il colorito. So che v è un albero, chiamato Iugdrasilo dall alto tronco, adorno d argilla bianca; da lì origina la rugiada che va nelle valli; sempre verde ei s erge in Urdabruni. Da quel luogo provegono ragazze molto sagge, tre vengono dalle acque sotto gli alberi; la prima si chiama Urda, Verdanda la seconda, tagliano il cielo, Sculda la terza. Esse fan le leggi, il coro della vita, decidono il destino dei neonati. Ella ricorda lo scontro prima del mondo, quando Gulveiga fu ferita da lance e nella sala di Ari le dettero fuoco, la bruciarono tre volte e tre volte rinacque, e ancora tre volte, ma ella è ancora viva.

5 Heiði hétu, hvars til húsa kom, vǫlu velspáa, vitti hon ganda; seið, hvars kunni, seið hug leikinn; æ vas hon angan illar brúðar. Þá gengu regin ǫll á rǫkstóla, ginnheilǫg goð, ok gættusk of þat: hvárt skyldi æsir afráð gjalda, eða skyldi goð ǫll gildi eiga. Fleygði Óðinn ok í folk of skaut; þas vas enn folkvíg fyrst í heimi; brotinn vas borðveggr borgar ása, knáttu vanir vísgpá vǫllu sporna. Þá gengu regin ǫll á rǫkstóla, ginnheilǫg goð, ok gættusk of þat: hverr hefði lopt alt lævi blandit eða ætt jǫtuns Óðs mey gefna. Þórr einn þar vá þrunginn móði, hann sjaldan sitr, es slíkt of fregn; á gengusk eiðar, orð ok særi, mál ǫll meginlig, es á meðal fóru. Veit hon Heimdallar hljóð of folgit und heiðvǫnum helgum baðmi; á sér hon ausask aurgum forsi af veði Valfǫðrs. Vituð ér enn eða hvat? Ein sat hon úti, þás enn aldni kom Yggjungr ása ok í augu leit. «Hvers fregnið mik? Hví freistið mín? Alt veitk, Óðinn, hvar auga falt í enum mæra Mímis brunni» Drekkr mjǫð Mímir morgin hverjan af veði Valfǫðrs. Vituð ér enn eða hvat? Valði henni Herfǫðr hringa ok men; fékk spjǫll spaklig ok spáganda; sá vítt ok of vítt of verǫld hverja. Sá hon valkyrjur vítt of komnar, gǫrvar at ríða til Goðþjóðar. Skuld helt skildi, en Skǫgul ǫnnur, Gunnr, Hildr, Gǫndul ok Geirskǫgul; nú eru talðar nǫnnur Herjans, gǫrvar at ríða grund valkyrjur. Ek sá Baldri, blóðgum tívur, Óðins barni, ørlǫg folgin; stóð of vaxinn vǫllum hæri, mær ok mjǫk fagr mistilteinn. La chiamarono Splendente, in qualunque casa andasse, esperta volva, donava potere magico alle cose; incantò ovunque potesse, incantò i sensi; era sempre bramata dalle spose malvagie. Allora tutti gli dèi andaro ai troni del giudizio, divinità santissime, e decisero questo: se gli Asi avessero diritto ad un tributo oppure tutti gli dèi ne fossero degni. Odino levò la lancia e la scagliò nella mischia; codesta fu la prima battaglia nel mondo; infrante le mura di legno della città degli Asi, i Vani poterono prender parte al combattimento. Allora tutti gli dèi andaro ai troni del giudizio, divinità santissime, e decisero qusto: chi avesse portato loro sventura consegnando ai giganti la figlia di Oda. Soltanto Tore s alzò, profondamente irato, quando seppe di quanto accaduto; ruppe tutti i giuramenti, le parole ed i voti, ogni patto, che tra lui ed i giganti aveva stabilito. Ella sa che il suono celato di Eimdallo è sotto il ramo luminoso del Sacro Albero; da quello ella vede piovere acqua argillosa grazie al pegno di Odino. Cos altro sai? Sedeva sola, fuori, quando il vecchio giunse, Odino degli Asi, e la fissò negli occhi. «Cosa mi chiedi? Perché mi metti alla prova? Io so tutto, Odino, so dove tu ponesti l occhio nella leggendaria Fontana di Mimiro» Mimiro ogni mattino beve idromele grazie al pegno di Odino. Cos altro sai? Per ella Odino scelse collane ed anelli; discorsi di ricca saggezza e la sfera della profezia; ella vede e vede oltre, in ogni mondo. Ella vide loro, le valchirie, venire da lontano, pronte a cavalcare verso i goti. Sculda teneva lo scudo, la seguiva Scogula, Gunna, Ilda, Gondula e Gheirscogula; ora ho elencato tutte le ragazze di Eriani; pronte a cavalcare la terra, le valchirie. Vidi un tributo di sangue per Baldero, il celato destino per il figlio di Odino; nei campi cresceva da poco, esule ma forte, un ramoscello di vischio.

6 Varð af meiði, þeims mær sýndisk, harmflaug hættlig, Hǫðr nam skjóta. Baldrs bróðir vas of borinn snimma, sá nam Óðins sonr einnættr vega. Þó hann æva hendr né hǫfuð kembði, áðr á bál of bar Baldrs andskota. En Frigg of grét í Fensǫlum vá Valhallar. Vituð ér enn eða hvat? (Þá kná Vála vígbǫnd snúa heldr váru harðgǫr hǫpt ór þǫrmum.) Hapt sá hon liggja und Hveralundi lægjarns líki Loka áþekkjan; þar sitr Sygyn þeygi of sínum veri vel glýjuð. Vituð ér enn eða hvat? Á fellr austan of eitrdala sǫxum ok sverðum, Slíðr heitir sú. Stóð fyr norðan á Niðavǫllum salr ór golli Sindra ættar, en annarr stóð á Ókólni, bjórsalr jǫtuns, en sá Brimir heitir. Sal sá hon standa sólu fjarri Nástrǫndu á, norðr horfa dyrr; fellu eitrdropar inn of ljóra, sá 's undinn salr orma hryggjum. Sá hon þar vaða þunga strauma menn meinsvara ok morðvarga ok þanns annars glepr eyrarúnu. Þar sýgr Níðhǫggr nái framgengna; slítr vargr vera. Vituð ér enn eða hvat? Austr sat en aldna í Járnviði ok fæddi þar Fenris kindir; verðr af þeim ǫllum einna nǫkkurr tungls tjúgari í trolls hami. Fylliz fjǫrvi feigra manna, ryðr ragna sjǫt rauðum dreira; svart var þa sólskin of sumur eptir veðr ǫll válynd. Vituð ér enn eða hvat? Sat þar á haugi ok sló hǫrpu gýgjar hirðir, glaðr Eggþér; gól of hánum í gaglviði fagrrauðr hani, sás Fjalarr heitir. Gól of ásum Gullinkambi, sá vekr hǫlða at Herjafǫðrs, Da quel ramo, che mi parve esule, venne un terribile dardo, scagliato da Odo. Era il fratello, nato precocemente, di Baldero, con solo una notte, il figlio di Odino combatté. Non si lavò le mani né pettinò il capo, finché non uccise l uccisore Baldero. Ma Frigga pianse in Fensolo e nella Valalla. Cos altro sai? (E poterono legare Vali con i lacci, i lacci di budello vennero stressi molto.) Ella vede giacere sotto il bosco Veralundo un infausta figura che rammenta Lochi; ivi siede Siguna col suo sposo per nulla contenta. Cos altro sai? Da oriente scorre un fiume per gelide valli come spade e daghe, è chiamato Slido. Verso nord, nelle Nidavalli, vi è la corte d'oro della stirpe di Sindri, ma un altra si trova ad Ucolni, la sala della birra del gigante chiamato Brimiro. Ella vide una sala lontana dal Sole in Nastrondi, le cui porte eran rivolte a Nord; attraverso il foro nel tetto piove veleno, poiché la sala è formata da serpenti intrecciati. Ella vide guadare in quel posto dalle forti correnti uomini falsi ed assassini e seduttori di donne sposate. Ivi Nidogo succhia le anime dei morti ed un lupo divora i corpi. Cos altro sai? Ad oriente v è l anziana, in Iarnvidi, e là nutre la stirpe di Fenri; di tutti loro solo uno divorerà la Luna sotto forma di mostruoso lupo. Si nutre dell essenza degli uomini mortali, arrossa le case degli dèi col sangue; il nero coprirà la luce del Sole nelle estati dei tempi di tradimento. Cos altro sai? Ivi siede sul colle e suona l arpa la guardia della gigantessa, il felice Egtero; vicino ad egli canta nel boschetto un gallo rosso acceso, che è chiamato Fialaro. Tra gli Asi canta Gullincambi, desta i guerrieri nelle camere di Odino,

7 en annarr gól fyr jǫrð neðan sótrauðr hani at sǫlum Heljar. Geyr Garmr mjǫk fyr Gnipahelli, festr mun slitna, en freki rinna, fjǫlð veitk fræða, framm sék lengra of Ragnarǫk, rǫmm sigtíva. Bræðr munu berjask ok at bǫnum verðask, munu systrungar sifjum spilla, hart 's í heimi, hórdómr mikill, skeggǫld, skalmǫld, skildir klofnir, vindǫld, vargǫld, áðr verǫld steypisk mun engi maðr ǫðrum þyrma. Leika Míms synir, en mjǫtuðr kyndisk at enu gamla Gjallarhorni, hátt blæss Heimdallr, horn 's á lopti; mælir Óðinn við Mímis hǫfuð. Skelfr Yggdrasils askr standandi, ymr aldit tré, en jǫtunn losnar; hræðask allir á helvegum áðr Surtar þann sefi of gleypir. Hvat 's með ásum? Hvat 's með álfum? Gnýr allr Jǫtunheimr, æsir 'ro á þingi, stynja dvergar fyr steindurum, veggbergs vísir. Vituð ér enn eða hvat? Geyr Garmr mjǫk fyr Gnipahelli, festr mun slitna, en freki rinna, fjǫlð veitk fræða, framm sék lengra of Ragnarǫk, rǫmm sigtíva. Hrymr ekr austan, hefsk lind fyrir, snýsk Jǫrmungandr í jǫtunmóði; ormr knýr unnir, en ari hlakkar, slítr nái niðfǫlr; Naglfar losnar. Kjǫll ferr austan, koma munu Múspells um lǫg lyðir, en Loki styrir; fara fífls megir með freka allir, þeim er bróðir Býleipz í fǫr. Surtr ferr sunnan með sviga lævi, skínn af sverði sól valtíva; grjótbjǫrg gnata, en gífr rata, troða halir helveg, en himinn klofnar. Þá kømr Hlínar harmr annarr framm, es Óðinn ferr við ulf vega, en bani Belja bjartr at Surti; ma un altro canta giù, sottoterra, un gallo rosso scuro, nelle sale di Ela. Garmo latra feroce dinanzi Gnipaelli, le corde si spezzeranno ed il cane si libererà, ella conosce molte arti, la lontano scorge il Crepuscolo degli Dèi, frammenti della fine. I fratelli si scontreranno e si uccideranno, i cugini spezzeranno i legami di parentela, il mondo è crudo, il tradimento è grande, tempo d asce, tempo di spade, gli scudi dividono, tempo di venti, tempo di lupi, prima che il mondo finisca nessun uomo risparmierà chiunque altro. I figli di Mimiro si agitano, il fato si compie al suono dell antico Corno Tuonante, Eimdallo soffia con forza nel suo corno, Odino parla attraverso la testa di Mimiro. L eterno frassino Iugdrasilo trema, l antico albero scricchiola quando passa il gigante; sulla strada degli inferi tutti temono che la stirpe di Surto li divori. Cos è contro gli Asi? Cos è contro gli elfi? Tutto Iotuneimo risuona, gli dèi sono in assemblea, i nani gemono dinanzi le porte di roccia, esperti del scavare le rocce. Cos altro sai? Garmo latra feroce dinanzi Gnipaelli, le corde si spezzeranno ed il cane si libererà, ella conosce molte arti, la lontano scorge il Crepuscolo degli Dèi, frammenti della fine. Da oriente giunge Riumo, reggendo alto lo scudo, s avvolge Iormungando della furia dei giganti; il serpente infrange le onde, mentra l aquila grida, straziando i cadaveri; Naghelfara salpa. Da oriente giugne una chiglia, verranno da Muspello sul mare le genti, e Lochi tiene il timone; l esercito dei mostri avanza ed il Lupo ne è in testa, con loro avanza anche il fratello di Buleipso. Da settentrione giunge Surto con rami avvelenati, il Sole splende sulle spade dei guerrieri; le rocce si spaccano, le gigantesse si accasciano, i mortali vanno agli inferi, il cielo cade. Ecco giungere a Lina un altro dolore, poiché Odino combatte col lupo, l uccisione del luminoso Belia da parte di Surti;

8 þá mun Friggjar falla angan. Geyr Garmr mjǫk fyr Gnipahelli, festr mun slitna, en freki rinna. Þá kømr enn mikli mǫgr Sigfǫður, Víðarr vega at valdýri; lætr hann megi Hveðrungs mund of standa hjǫr til hjarta; þá 's hefnt fǫður. Þá kømr enn mæri mǫgr Hlǫðvinjar, gengr Óðins sonr ormi mæta. Drepr af móði Miðgarðs véurr; munu halir allir heimstǫð ryðja; gengr fet níu Fjǫrgynjar burr, neppr frá naðri, níðs ókvíðinn. Sól tér sortna, sigr fold í mar, hverfa af himni heiðar stjǫrnur; geisar eimi ok aldrnari; leikr hár hiti við himin sjalfan. Geyr Garmr mjǫk fyr Gnipahelli, festr mun slitna, en freki rinna, fjǫlð veitk fræða, framm sék lengra of Ragnarǫk, rǫmm sigtíva. Sér hon upp koma ǫðru sinni jǫrð ór ægi iðjagræna; falla forsar, flýgr ǫrn yfir, sás á fjalli fiska veiðir. Finnask æsir á Iðavelli ok of moldþinur mátkan dæma, (ok minnask þar á megindóma) ok á Fimbultýs fornar rúnar. Þar munu eptir undrsamligar gollnar tǫflur í grasi finnask, þærs í árdaga áttar hǫfðu. Munu ósánir akrar vaxa; bǫls mun alls batna mun Baldr koma; búa Hǫðr ok Baldr Hropts sigtoptir, vel valtívar. Vituð ér enn eða hvat? Þá kná Hǿnir hlautvið kjósa ok burir byggva bræðra tveggja vindheim víðan. Vituð ér enn eða hvat? Sal sér hon standa sólu fegra, golli þakðan, á Gimléi; þar skulu dyggvar dróttir byggva ok of aldrdaga ynðis njóta. allora Frigga perderà ogni gioia. Garmo latra feroce dinanzi Gnipaelli, le corde si spezzeranno ed il cane si libererà. Ecco giungere il figlio maggiore di Odino, Vidaro, a combattere quel necrofago; egli al figlio di Lochi conficca la spada fino al cuore; così suo padre è vendicato. Ecco giungere il famoso Figlio di Iorda, il figlio di Odino avanza contro il serpente. Con ira uccide il difensore della Terra di Mezzo; tutti gli uomini lasceranno il mondo; per nove passi indietreggia Tore, muore lontano dal serpe, non teme il disonore. Il Sole s oscura, la terra sprofonda nel mare, le stelle splendenti si spengono nel cielo; gheiserizza il vapore che alimenta la vita; la vampata giunge calda perfino nei cieli. Garmo latra feroce dinanzi Gnipaelli, le corde si spezzeranno ed il cane si libererà, ella conosce molte arti, la lontano scorge il Crepuscolo degli Dèi, frammenti della fine. Ella vede riaffiorare la terra dal mare, novamente verde; scrosciano le cascate, vola l aquila, colei che sui monti cattura i pesci. Si riuniscono gli Asi ad Idavalla e discutono della ricostruzione del mondo, (e rammentano quanto accaduto) e parlano delle antiche rune di Fimbultu. Ivi di nuovo le meravigliose scacchiere d oro troveranno nell erba, eran quelle che possedevano in principio. Cresceranno incoltivati i campi; ogni male sarà sanato e Baldero resusciterà; vivranno Odo e Baldero nelle rovine di Ropto, felici guerrieri. Cos altro sai? Allora Uniro il santo sceglierà, ed i figli dei due fratelli abiteranno l ampio mondo. Cos altro sai? Ella vede una cortina diradarsi dal Sole, ricoperta d oro, in Ghimlei; ivi abiteranno eserciti di eroi ed eternamente saranno felici.

9 (Þá kømr enn ríki at regindómi, ǫflugr ofan, sá 's ǫllu ræðr.) Þar kømr enn dimmi dreki fljúgandi, naðr fránn neðan frá Niðafjǫllum; berr sér í fjǫðrum flýgr vǫll yfir Níðhǫggr nái. Nú mun hon sǫkkvask. (Sicché viene il saggio al suo regno, il forte, che tutto dall alto comanda) E viene dalle tenebre il drago volante, il serpe lucente, dai monti Nidafiolli; vola sulla pianura, porta sul suo dorso Nidogo i morti. Ella ora si inabissa.

INDICE. Prefazione del traduttore... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 MITOLOGICA GOÐMÁLUGR ITOLOGICA G

INDICE. Prefazione del traduttore... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 MITOLOGICA GOÐMÁLUGR ITOLOGICA G INDICE Prefazione del traduttore...... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 EDDA MITOLOGICA GOÐMÁLUGR EDDA ITOLOGICA G 1 Vǫluspá La Profezia della Volva.... pag. 5 2 Hávamál Il Discorso

Dettagli

VIAGGIO IRREALE NELLA SCANDINAVIA VICHINGA

VIAGGIO IRREALE NELLA SCANDINAVIA VICHINGA Dario Giansanti Claudia Maschio Agenzia Senzatempo VIAGGIO IRREALE NELLA SCANDINAVIA VICHINGA * * * VÖLUSPÁ La Profezia della Veggente Ascolto comando sia piccole e grandi, Narrare mi chiedi, le storie

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Bjǫrn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XVI gennaio MMXIII

Bjǫrn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XVI gennaio MMXIII HYMISKVIÐA IL CANTO DI HYMIR OPPURE IL POEMA DI HYMIR TRADUZIONE A CURA DI BJǪRN HEINRÍKR VARGSSON ÆTT MÆNDVM SANGVINEM GAVDIVM VITÆ EST PREFAZIONE Questa traduzione dello Hymiskviða, settimo libro del

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

INDICE DEI TEMI. Domanda

INDICE DEI TEMI. Domanda INDICE DEI TEMI Domanda La chiave per comprendere il linguaggio dell Apocalisse 1 «Colui che è, che era e che viene» 2 «Il testimone fedele» e «il primogenito dei morti» 2 «Le sette chiese d Asia» 3 Perché

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso...

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso... Storico delle modifiche 1.1 aggiunta questa pagina di copertina Leggende di Andor La vendetta del negromante I episodio Trasformazioni inquietanti Versione 1.1 Questa leggenda richiede la versione base

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

1. Un altra partenza

1. Un altra partenza 1. Un altra partenza Da qualche tempo maturava nella mia mente l idea di un viaggio in Giappone che sarebbe anche stato un altro pellegrinaggio geopoetico: un omaggio alle cose giapponesi (cose preziose

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

E UN SEME O NON E UN SEME?

E UN SEME O NON E UN SEME? E UN SEME O NON E UN SEME? SCIENTIAM INQUIRENDO DISCERE Progetto di sperimentazione didattica dell IBSE- Inquiry Based Science Education Classi 3^ A - 3^ B Istituto Comprensivo A. Manzoni - Uboldo Scuola

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna Il mistero del Natale dimenticato Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna MILLE FIOCCHI BIANCHI Quell anno faceva tanto freddo e a Paesello ognuno se ne stava rintanato al calduccio nella sua casetta.

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

(Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre. Interpretazione metafisica/pragmatica del mito

(Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre. Interpretazione metafisica/pragmatica del mito (Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre La ricezione dei materiali nordici nelle letterature e nelle accademie europee dei secc. XVIII-XIX (dal Barocco

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Natale Ecco che giungono i giorni di festa e la gente a comprare i regali si affretta. Il Natale sta arrivando

Natale Ecco che giungono i giorni di festa e la gente a comprare i regali si affretta. Il Natale sta arrivando A Natale C è una strana sensazione che ti fa nascere un emozione di amicizia e unità e tanta felicità. Dentro gli occhi di un bambino si vede un mondo più carino, senza guerre e disuguaglianza un mondo

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Sofia Signorelli. Giorgio Giannone

Sofia Signorelli. Giorgio Giannone Sofia Signorelli Nei miei occhi Nei miei occhi sbocciano teneri tulipani gialli, si accendono piccole lampade come stelle gioiose che danzano tra le ciglia. Le mie palpebre si muovono su e giù a ritmo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROVE D INGRESSO PER LA CLASSE PRIMA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROVE D INGRESSO PER LA CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROVE D INGRESSO PER LA CLASSE PRIMA Le prove d ingresso della classe prima mireranno ad accertare i prerequisiti posseduti dagli alunni all ingresso della Scuola Primaria. Esse

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

S- magari si potrebbe dire la prima riga, la seconda riga UNITÀ DIDATTICA: TESTO POETICO. Obiettivi

S- magari si potrebbe dire la prima riga, la seconda riga UNITÀ DIDATTICA: TESTO POETICO. Obiettivi UNITÀ DIDATTICA: TESTO POETICO Obiettivi - Confrontare due testi poetici - Trovare le differenze e le somiglianze - Osservare le differenze e coglierne le caratteristiche. ATTIVITÀ L argomento presentato

Dettagli

Concerto di Natale 2014

Concerto di Natale 2014 La serata in musica, prima delle festività natalizie, è diventata ormai un appuntamento immancabile per tutti noi, studenti, genitori e insegnanti delle Scuola Secondaria di Primo grado dell Istituto di.

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo,

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, magari avrebbe trovato la risposta che cercava. E così

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Il ritorno di Valkur. Il ritorno di Valkur

Il ritorno di Valkur. Il ritorno di Valkur A1 Questa leggenda è scritta su 8 carte: A1, A2, A3, A4, B, E1, E2 e N. Dopo molte sconfitte, le creature erano più furiose che mai. Senza una guida non potevano vincere. Ma dalle montagne una sinistra

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

IL PIRATA BUCAGNACCIO

IL PIRATA BUCAGNACCIO SCUOLA DELL INFANZIA DI MELEDO ANIMAZIONE MUSICA-LETTURA BAMBINI-GENITORI IL PIRATA BUCAGNACCIO da Storie in un fiato di R.Piumini ENTRARE NEL CLIMA L insegnante consegna delle bacchettine con frange azzurre

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Ai docenti dell I.C. di Gonzaga All Albo

Ai docenti dell I.C. di Gonzaga All Albo Prot. n 232 / C 24 Gonzaga, lì 22 gennaio 2015 Ai docenti dell I.C. di Gonzaga All Albo Oggetto: giornata della Memoria. Il giorno 27 gennaio 2016, come ogni anno, ricorre l anniversario della Shoah. Si

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli