Assunzioni Essere o non essere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assunzioni 2015. Essere o non essere"

Transcript

1 Mensile on-line di informazione per gli Enti Locali Gen./Feb Anno 3 - N. 1 Dopo un po' di attesa, ecco le prime indicazioni della Funzione Pubblica sul tema del momento... Assunzioni Essere o non essere Sembra proprio "non essere". No utilizzo graduatorie. No mobilità. No nuovi concorsi. La Circolare 1/2015, spiegando le nuove norme della legge di stabilità, sembra porre fine alle speranze degli enti, che con il Dl 90/2014 avevano visto dopo anni allentati i rigidi vincoli assunzionali... Infatti la legge di stabilità prevede disposizioni stringenti che vogliono conciliare gli obiettivi di razionalizzazione della spesa e di non avere effetti traumatici di licenziamento per dipendenti pubblici provinciali. Per dare forza a queste disposizioni si dispone duramente che le assunzioni effettuate in violazione del presente comma sono nulle. E questa una sanzione che travolge l assunzione e fa maturare gravi responsabilità in capo ai soggetti che la hanno realizzata. Tra l'altro, le stesse disposizioni si applicano, sostanzialmente, anche alle assunzioni nelle amministrazioni statali. Tralasciando per ora le indicazioni dirette alla province e città metropolitane, la circolare tocca tutti i punti principali in dubbio per gli enti territoriali. La disciplina del comma 424 riguarda regioni (strutture di tutta l'amministrazione regionale, nonché enti da queste dipendenti) e tutti gli enti locali come definiti dal Tuel che devono destinare il budget delle assunzioni relativo agli anni 2015 e 2016 per ricollocare il personale delle province. Le regioni valutano se estendere l'obbligo anche agli enti del Servizio sanitario regionale in relazione al loro fabbisogno. Il budget che è vincolato dalla legge è quello riferito alle cessazioni 2014 e ENTI SOGGETTI AL PATTO. Il regime previsto dalla normativa vigente prevede per gli enti sottoposti al patto di stabilità (articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014) una percentuale di turn over pari al 60% per l'anno 2015 e dell'80% per l'anno La percentuale è fissata al 100% per gli enti sottoposti al patto la cui spesa di personale in rapporto a quella corrente è pari o inferiore al 25% (articolo 3, 5-quater, del d.l. 90/2014).

2 Quindi tale percentuale deve essere destinata in primis all'immissione nei ruoli dei vincitori di concorso collocati nelle proprie graduatorie vigenti o approvate al 1 gennaio Le risorse rimanenti, ovvero quelle derivanti dalle facoltà ad assumere al netto di quelle utilizzate per l'assunzione dei vincitori, devono essere destinate, sommate ai risparmi derivanti dalla restante percentuale di cessazioni (ovvero 40% per il 2015 e 20% per il 2016), ai processi di mobilità del personale soprannumerario degli enti di area vasta. In sostanza il legislatore vincola gli enti a destinare il 100% del turn over alla mobilità del personale degli enti di area vasta, salvaguardando l'assunzione dei vincitori esclusivamente a valere sulle facoltà ordinarie di assunzione. Sono altresì salvaguardate le esigenze di incremento di part-time nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 3, comma 101, della legge 244/2007, che considera la trasformazione in full time nuova assunzione e quindi con le nuove norme non consentita. Le assunzioni sono ovviamente consentite soltanto per gli enti che sono in regola con i vincoli del patto di stabilità interno e che in generale hanno sostenibilità finanziaria di bilancio. ENTI NON SOGGETTI AL PAT- TO Il vincolo descritto si applica anche agli enti non sottoposti al patto nel rispetto del regime delle assunzioni previsto: limite di spesa 2008 e cessazioni dell'anno precedente. Se l'osservatorio nazionale rileva che il bacino del personale da ricollocare è completamente assorbito, verranno eventualmente adottati appositi atti per ripristinare le ordinarie facoltà di assunzione alle amministrazioni interessate. Le spese per il personale assorbito in mobilità dalle provincie e città metropolitane non si calcolano al fine del rispetto del tetto di spesa di cui al comma 557 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e si ritiene anche di cui al comma 562. La possibilità di superamento della spesa di cui al comma 557 citato è consentita, al netto delle assunzioni fatte per i vincitori in applicazione del comma 424, per assorbire soltanto il personale in mobilità. Tale incremento va quantificato e si decurta gradualmente in coerenza con la disciplina prevista per il turn over. In sostanza rimane permanente nella misura in cui le facoltà ad assumere a tempo indeterminato lo consentono. Nelle more del completamento del procedimento di cui ai commi 424 AGLI ENTI LOCALI E

3 ALLE REGIONI è fatto divieto di effettuare assunzioni a tempo indeterminato a valere sui budget 2015 e Le assunzioni effettuate in violazione sono NULLE! Rimangono consentite le assunzioni, a valere sui budget degli anni precedenti, nonché quelle previste da norme speciali. Per quanto riguarda l'assunzione delle categorie protette resta fermo l'obbligo di copertura della quota di riserva. A tale obbligo si può adempiere anche attraverso l'acquisizione di personale in mobilità dagli enti di area vasta assunto in applicazione della normativa vigente in materia di categorie protette. Le procedure concorsuali avviate, anche se finanziate su una programmazione che prevedeva l'utilizzo dei budget 2015 e 2016, possono essere proseguite ove l'amministrazione possa vincolare risorse relative ad anni successivi. Lo stesso dicasi per le procedure di avviamento mediante collocamento. Non è consentito bandire nuovi concorsi a valere sui budget 2015 e 2016, né procedure di mobilità. Sono perciò legittimi soltanto nuovi concorsi a valere su budget assunzionale Le procedure di mobilità volontaria avviate prima del 1 gennaio 2015 possono essere concluse. Fintanto che non sarà implementata la piattaforma di incontro di domanda e offerta di mobilità presso il Dipartimento della funzione pubblica, è consentito alle amministrazioni pubbliche indire bandi di procedure di mobilità volontaria riservate esclusivamente al personale di ruolo degli enti di area vasta. Per il personale infungibile come il personale educativo e docente degli enti locali, l'eventuale assunzione anche di idonei, nel rispetto delle procedure di autorizzazione previsti dalla normativa vigente, non può superare la percentuale di turn over consentita secondo il regime ordinario. STABILIZZAZIONI La norma proroga al 31 dicembre 2018 il termine originariamente fissato al 31 dicembre 2016 per l'espletamento delle procedure previste dall'art. 4, commi 6 e 8 del D.L. n. 101 del 2013, che reintrodotto la possibilità di "stabilizzare" il personale precario della PA, si prevede altresì che si possa attingere, per le finalità indicate e nel rispetto delle percentuali massime previste per garantire l'adeguato accesso dall'esterno, alle risorse disponibili per le assunzioni per gli anni 2017 e In poche parole si potranno avviare tali percorsi solo dal Le graduatorie definite in esito alle previste procedure di reclutamento speciale transitorio sono utilizzabili per assunzioni fino al 31 dicembre I contratti di lavoro a tempo determinato sono prorogabili, nei limiti previsti dall'articolo 4, comma 9, del d.l. 101/2013 fino al 31 dicembre ROBERTO MASTROFINI

4 Il Codice etico di Logos PA Negli ultimi anni le pubbliche amministrazioni si sono aggiornate in tema di strumenti volti al contrasto della corruzione attraverso documenti quali il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione, il Piano Triennale di Trasparenza ed Integrità ed ultimi, in ordine di tempo, i codici di comportamento dei dipendenti pubblici. In particolare i codici di comportamento sono stati i documenti che più hanno impattato nella quotidianità dei singoli dipendenti, poiché per la loro natura sia strutturale - i codici sono composti da circa 15 articoli strutturati in modo chiaro e definito nei contenuti e nella individuazione dei destinatari- che contenutistico poiché disciplinano i comportamenti in servizio e non del dipendente pubblico. I codici di comportamento sono una realtà consolidata nel settore privatistico, e sono strumenti largamente accettati positivamente per la loro funzione preventiva. Analogamente ai codici di comportamento nel settore privatistico sono frequenti le sottoscrizioni di documenti quali i patti di legalità, protocolli di intesa ed accordi a vario titolo che le aziende che sottoscrivono al fine di sottolineare il loro impegno a favorire condotte improntate alla legalità ed al contrasto di condotte illegali e/o di violazione della concorrenza. Prendendo spunto da questi documenti, che si stanno pian piano diffondendo anche nelle pubbliche amministrazioni, la Fondazione Logos PA ha scelto di redigere un proprio codice etico di comportamento volto a promuovere, nei limiti delle proprie competenze, l integrità e la trasparenza della macchina amministrativa. Lavorando a stretto contatto con le PA, la Fondazione ha adottato un documento, firmato e sottoscritto da tutti coloro che gravitano nell orbita della struttura quali dipendenti, professionisti, associati e docenti, ma soprattutto da quelle pubbliche amministrazioni che entrate nel network LogosPA usufruiscono del supporto e dell attività di supporto offerte dalla struttura. Il codice, che può essere consultato e scaricato sul sito internet della Fondazione è la vision di quest anno della LogosPA, un punto cruciale per il cammino già intrapreso dalla Fondazione Logos PA in tema di promozione della legalità come ad esempio con la sottoscrizione della Carta di Pisa e che, come sottolinea il presidente Roberto Mastrofini in un recente intervento, è specchio di un agire più forte e consapevole: E necessario un nuovo inizio, sotto una Luce rinnovata, per rompere con gli schemi di un sistema complesso ( vischioso ) fatto di compromessi che ti fa perdere serenità, ottimismo, entusiasmo, energia, forza propulsiva che rischia di spegnere a poco a poco quella Luce che sta dentro noi che invece dovrebbe essere la nostra guida. CHIARA BURGIO

5 E partito il 1 gennaio 2015, dopo tre anni di sperimentazione, il nuovo sistema contabile armonizzato che obbliga gli enti locali non soltanto a rinnovare profondamente le metodologie fino ad ora utilizzate nella gestione delle proprie scritture contabili ma che soprattutto impone un vero e proprio cambio di mentalità contabile. Questo grande processo di riforma iniziato con il DLgs 118/2011 e conclusosi con il recente DLgs 126/2014 ha l obiettivo di rendere i bilanci delle amministrazioni pubbliche omogenei, confrontabili e aggregabili. Logos PA al fine di supportare gli enti locali in questo particolare e delicato processo di trasformazione ha ideato una proposta di assistenza web grazie alla quale gli addetti del settore, con il semplice accesso alla piattaforma E-learning sviluppata dalla nostra struttura, potranno usufruire di: - documentazione di studio ed approfondimento con particolare attenzione ai casi pratici - uno strumentario: ovvero un data base contenente schemi di atti, delibere e determine sull argomento e di estrema utilità, tra cui elenchiamo: Linee di indirizzo per accertamenti ed impegni Determinazione di accertamento e di impegno Delibera di riaccertamento straordinario Determinazione per la ridefinizione dell importo della cassa vincolata Regolamento di contabilità Delibera di programmazione dei fabbisogni Parere organo di Revisione sul Bilancio 2015 Delibera Piano fabbisogno personale File excell su simulazione FSC Tale documentazione verrà costantemente integrata in coerenza con gli aggiornamenti normativi/operativi che ne verranno e le relative scadenze. - quesiti online: un reale help desk che consente di avere risposte nell arco di 48 ore. L ente, inoltre, u- sufruirà dell opportunità di accedere all archivio dei quesiti online, ove poter reperire soluzioni a problematiche emerse nella redazione degli atti. - assistenza telefonica: un servizio pensato per fornire risposte concrete dai nostri consulenti nel minor tempo possibile. Il costo del servizio è di IVA Per maggiori informazioni scrivi a oppure chiama il numero

6 Legge di stabilità Il comando tra obbligo delle gestioni associate ed il congelamento delle assunzioni Con le recenti indicazioni della Circolare 1/2015 del Ministro Madia i responsabili degli uffici personale degli enti si trovano difronte a molteplici interrogativi sugli istituti ancora utilizzabili. In particolare i piccoli comuni peri quali l obbligatoria gestione associata delle funzioni fondamentali ha suscitato un rinnovato interesse verso due istituti: il comando ed il distacco (o utilizzo temporaneo secondo alcuni) del proprio dipendente presso altri enti. In base al comma 424 della Legge di Stabilità 2015, come interpretato dalla FP,agli enti locali è fatto divieto di - effettuare assunzioni a tempo indeterminato a valere sui budget 2015 e bandire nuovi concorsi a valere sui budget 2015 e 2016 (possono essere conclusi o avviati nuovi concorsi sl budget 2017) - avviare nuove procedure di mobilità. Le assunzioni effettuate in violazione sono nulle. Restano pertanto ammesse le assunzioni cd flessibili ai sensi dell art. 36 del dlgs 165/2001 (tempo determinato, lavoro interinale) e a parere di chi scrive anche il comando e il distacco, che quindi potranno essere utilizzati dei comuni nell ambito delle gestioni associate o della CUC, attraverso apposita convenzione (art. 14 CCNL e 30 del TUEL).

7 Per comprendere meglio, analizziamo sinteticamente l istituto. Il comando trova la sua disciplina originaria proprio nel pubblico impiego e precisamente nell art. 56 del T.U. n. 3 del 1957 che dispone: L'impiegato può esser comandato a prestare servizio presso altra amministrazione statale o presso enti pubblici Il comando è disposto, per tempo determinato e in via eccezionale, per riconosciute esigenze di servizio o quando sia richiesta una speciale competenza." Tuttavia, considerato che il DPR 3 del 1957 non è più applicabile ai dipendenti pubblici per l'istituto del comando ed anche del distacco, le fonti principali sono rappresentate dalla prassi e dalla giurisprudenza. Distacco e comando costituiscono quindi due istituti caratterizzati dalla loro temporaneità attraverso i quali la prestazione lavorativa è resa, non in favore del proprio datore di lavoro, ma dell ente utilizzatore, in cui il trattamento è quello applicato dal datore di lavoro titolare del rapporto, che ne rimane interamente responsabile. Secondo l ARAN, le differenze tra distacco e comando sono da ricercarsi nel diverso interesse all utilizzo della prestazione lavorativa (del datore nel caso del distacco e dell utilizzatore nel caso del comando) e nella conseguente diversa ripartizione degli oneri economici. Infatti, qualora il lavoratore venga assegnato ad altro ente in posizione di comando il datore di lavoro che ne utilizza le prestazioni: a) è tenuta a rimborsare all amministrazione di appartenenza del personale il trattamento fondamentale; b) è tenuta ad erogare direttamente al personale il trattamento economico accessorio. Ferma restando la possibilità per gli enti di regolare il rapporto in modo diverso in via convenzionale. In conclusione, se il comando o distacco sono caratterizzati dalla utilizzazione della prestazione lavorativa e dalla temporaneità della stessa, si comprende chiaramente come esso sia profondamente diverso (oltre che dal concetto di assunzione) anche dalla mobilità che si configura anche nella attuale disciplina come una cessione di contratto tra due amministrazioni e quindi risulti escluso dai divieti dei commi 424 e 425 della Legge di Stabilità ROBERTO MASTROFINI

8 SUPPORTO OPERATIVO RAZIONALIZZAZIONE E RIORGANIZZAZIONE DELLE SOCIETA' PARTECIPATE L approvazione della Legge di Stabilità per il 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n. 147), cambia completamente la filosofia sostanziale della politica economica dell Esecutivo nei confronti del fenomeno delle società partecipate dagli enti locali. Tra le maggiori novità : il calendario della razionalizzazione ed il Piano Cottarelli Enti locali, Camere di commercio, università, istituti di istruzione universitaria pubblici e autorità portuali dovranno avviare il processo dal 1 gennaio 2015 in modo da conseguire la riduzione delle società e delle partecipazioni societarie possedute entro il 31 dicembre La Legge di Stabilità indica il 31 marzo 2015 come termine ultimo entro cui governatori, presidenti delle province, sindaci e organi di vertice delle amministrazioni a cui fanno capo società partecipate dovranno approvare un piano operativo con dettagli su modalità e tempi di attuazione dello sfoltimento e risparmi previsti. L obiettivo principale che si intende raggiungere attraverso la realizzazione del nostro piano operativo è quello di arrivare a definire una metodologia gestionale basata sulle reali esigenze e caratteristiche specifiche delle Società del Comune. 1. Censi mento delle società partecipate e analisi della documentazione agli atti degli uffici: statuti, atti fondamentali, bilanci, convenzioni, contrattati di servizio, carte dei servizi, ecc. 2. Analisi delle attività esternalizzate o che si ritiene di esternalizzare (in accordo con le previsioni normative vigenti), anche in considerazione delle analisi economico aziendalistiche effettuate, al fine di definire gli strumenti giuridici ed economici idonei a garantire un efficace Governance; 3. Valutazione e ricognizione delle partecipate con l attribuzione alle stesse di una valenza strategica o non strategica ; 4. Responsabilità ex art CC dell Ente socio; 5. Valutazione sull opportunità del mantenimento della partecipazione strumentale basata sulla sua reale capacità di perseguire l'interesse pubblico; 6. Definizione ed individuazione del modello organizzativo più idoneo al fine di garantire all amministrazione il massimo potere di indirizzo e controllo sulla società e per poter effettivamente esercitare il controllo analogo alla luce dei nuovi sviluppi giurisprudenziali e normativi (patti parasociali; contratti; carta dei servizi; sistema informativi;struttura, anche esterna, addetta al controllo societario); 7. Redazione del piano di razionalizzazione e della relazione tecnica nei tempi e secondo le modalità previste dalla normativa e sopra descritte; 8. Redazione degli schemi degli atti deliberativi necessari. Per maggiori informazioni scrivi a oppure chiama il numero

9 Civic crowdfunding, un'innovativa opportunità per le Pubbliche Amministrazioni locali Nell'ambito dell'iniziativa economico-privata, lo strumento del crowdfunding (letteralmente: raccolta fondi) rappresenta un modo innovativo ed immediato per raccogliere finanziamenti per dare avvio a progetti imprenditoriali innovativi. Tuttavia, questa modalità di raccolta di risorse economiche dell'impresa può essere utilizzata dalla Pubblica Amministrazione con lo scopo di raccogliere fondi per la realizzazione di progetti, opere e servizi di pubblico interesse (quali, a mero titolo d'esempio, restauro di monumenti e aree pubbliche, la realizzazione di iniziative e/o eventi, lo sviluppo di servizi innovativi per il trasporto pubblico e il miglioramento della vita cittadina). Invero, le attuali norme in materia di bilanci pubblici e di contenimento della spesa rendono sempre più problematico per le Amministrazioni, soprattutto locali, mettere a disposizioni risorse per lo sviluppo di progetti ed opere rivolte alla collettiva. Pertanto, l'individuazione di forme di finanziamento alternative per le Pubbliche Amministrazioni rap- presenta un tema di stretta attualità in quanto - sempre più spesso - la capacità o meno di reperire risorse economiche si pone quale elemento dirimente per il successo dell'azione amministrativa e per garantire ai cittadini un miglioramento dei servizi e/o politiche di sviluppo innovative. In quest'ottica, il citato strumento del crowdfunding si pone come una delle opportunità in capo agli Enti Locali per finanziare progetti ed opere pubbliche ovvero proporre servizi innovativi alla cittadinanza, divenendo strumento locale e sociale di sviluppo umano e

10 civico. Infatti il crowdfunding applicato alle esigenze di una comunità di cittadini dovrà prevedere la massima partecipazione della stessa comunità ad un percorso comune di miglioramento degli spazi sociali e civili (fisici o virtuali). Il civic crowdfunding si pone come strumento di collaborazione e di partecipazione fra cittadini ed Amministrazione che, non riuscendo per carenze di natura finanziaria a dare una risposta ed una soluzione ad un problema, avvia un percorso virtuoso ed etico nel quale coinvolge la propria comunità mediante la condivisione di un progetto comune e la richiesta di risorse economiche mediante una campagna di raccolta fondi per la realizzazione degli obiettivi. Un esempio di tale partecipazione Amministrazione/cittadini è dato dalla campagna avviata dal Comune di Napoli per la ricostruzione della Città della Scienza all'indomani dell'incendio doloso che ha seriamente colpito la struttura. Tale campagna di crowdfunding ha permesso la raccolta di oltre un milione di Euro messi a disposizione da 2000 finanziatori per avviare i lavori di recupero degli edifici. Tale esempio rappresenta una best practice che può (e deve) essere seguita anche da altri Enti Locali mediante l'avvio di percorsi di partecipazione e condivisione progettuale con la loro comunità di riferimento i quali consentiranno, da un lato, la realizzazione di opere e/o di servizi, dall'altro, la maggiore responsabilizzazione delle Amministrazioni mediante la costante verifica dell'andamento degli stessi da parte dei cittadini quali effettivi protagonisti, artefici e destinatari delle opere e/o attività. FABIANO CROVETTI

11 Split Payment. Il nuovo meccanismo dell assolvimento dell IVA. Tutti gli aspetti punto per punto Una delle novità più importanti in materia di contrasto all evasione riguardo l Imposta sul Valore Aggiunto (IVA)all interno della Legge di Stabilità 2015 è il meccanismo del cosiddetto split payment. L art. 1, comma 629, della Legge n. 190/2014 ha inserito nel d.p.r. n. 633/1972 il nuovo articolo 17 termediante il quale si introduce un particolare meccanismo di assolvimento dell Iva per le operazioni effettuate nei confronti dello Stato o di enti pubblici. Dal 1 gennaio 2015, l imposta, regolarmente addebitata in fattura dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio non dovrà essere pagata dal cessionario o committente (ente pubblico) il quale dovrà effettuare il pagamento solo dell imponibile, mentre l Iva dovuta verrà trattenuta e versata poi dir ettam ente nelle cass e dell erario (ovvero prelevata direttamente da un conto corrente vincolato). Va ricordato che la nuova disciplina circoscrive l ambito applicativo alle operazioni, cessioni di beni e per le prestazioni di servizi, effettuate nei confronti: dello Stato; degli organi dello Stato ancorché dotati di personalità giuridica; degli enti pubblici territoriali e dei consorzi tra essi costituiti ai sensi dell'art. 31 del T.U.E.L.n. 267/2000; Delle CCIAA; degli istituti universitari; Delle ASL; degli enti ospedalieri; degli enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico; degli enti pubblici di assistenza e beneficenza e di quelli di previdenza.

12 L IVA, comunque, non esce dal calcolo della fattura, ma continua ad essere addebitata (salva l applicazione del reverse charge), proprio come si è sempre fatto sino ad oggi. La novità consiste solo nel fatto che la PA non pagherà più l imposta al fornitore o al prestatore, ma la verserà direttamente allo Stato secondo le modalità operative e i termini di versamento stabilite dall articolo 4 del Decreto del MEF che recita : 1) Il versamento dell IVA dovuta è effettuato dalle pubbliche amministrazioni entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui l imposta diviene esigibile, senza possibilità di compensazione e utilizzando un apposito codice tributo, con le seguenti modalità: A) per le pubbliche amministrazioni titolari di conti presso la Banca d Italia, tramite modello F24 Enti pubblici approvato con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 28 giugno 2013; B) per le pubbliche amministrazioni, diverse da quelle di cui alla lettera a), autorizzate a detenere un conto corrente presso una banca convenzionata con l Agenzia delle entrate ovvero presso Poste italiane, mediante versamento unificato di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241; C) per le pubbliche amministrazioni diverse dal quelle di cui alle lettere a) e b), direttamente all entrata del bilancio dello Stato con imputazione in un articolo di nuova istituzione del capitolo ) Le pubbliche amministrazioni possono, in ogni caso, effettuare, entro la scadenza indicata al comma 1 del presente articolo, distinti versamenti per l IVA dovuta così come segue: A) n ciascun giorno del mese, relativamente al complesso delle fatture per le quali l imposta è divenuta esigibile in tale giorno; B) relativamente a ciascuna fattura la cui imposta è divenuta esigibile. Si desume che l imposta risulta esigibile al momento del pagamento della fattura ovvero, su opzione dell Amministrazione acquirente, al momento della ricezione della fattura, mentre il versamento dell imposta potrà essere effettuato, sempre a scelta del-

13 della singola pubblica Amministrazione, alternativamente: utilizzando un distinto versamento dell Iva dovuta per ciascuna fattura la cui imposta è divenuta esigibile; in ciascun giorno del mese, con un distinto versamento dell Iva dovuta considerando tutte le fatture per le quali l imposta è divenuta esigibile in tale giorno; entro il giorno 16 di ciascun mese, con un versamento cumulativo dell Iva dovuta considerando tutte le fatture per le quali l imposta è divenuta esigibile nel mese precedente. Assumono importanza rilevante le deroghe previste in base alle quali il meccanismo dello split payment non trova applicazione, ovvero: nel caso in cui l ente pubblico sia debitore d imposta (in attesa di chiarimenti, si tratterebbe delle operazioni soggette a reverse charge ai sensi dell art. 17, comma 6 del d.p.r. n. 633/1972); per le prestazioni di servizi assoggettate a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito, quali ad esempio le prestazioni rese da professionisti o da agenti. Essenziale l aspetto legato all accesso privilegiato ai rimborsi nel caso di credito Iva determinato in conseguenza alle operazioni di cui all art. 17-ter: in virtù della nuova disciplina, infatti, i soggetti che operano prevalentemente nei confronti di enti pubblici potrebbero trovarsi in una posizione di costante credito Iva, poiché non più soggetti al versamento dell Iva sulle fatture emesse. Per limitare gli effetti negativi descritti, il legislatore ha previsto che tali soggetti possano chiedere il rimborso dell eccedenza detraibile con periodicità annuale o trimestrale ai sensi dell art. 30, comma 3 del d.p.r n. 633/1972. Inoltre, ai sensi dell art. 38-bis, comma 10 del d.p.r. n.

14 633/1972, tale rimborso sarà eseguito in via prioritaria; a tal fine si prevede che il MEF, con un decreto attuativo da emanare, dovrà individuare modalità e termini per ottenere il rimborso delle eccedenze detraibili, limitatamente al credito rimborsabile relativo alle operazioni di cui all art. 17-ter. Un altro aspetto controverso e di non poca importanza è quello relativo all efficacia della disposizione. Essa è subordinata al rilascio, ai sensi dell'art. 395 della Direttiva n. 2006/112/CE, della misura di deroga da parte del Consiglio dell'unione europea; tuttavia, come previsto dal comma 632 della Legge di Stabilità, nelle more del rilascio le norme sullo split payment trovano comunque applicazione per le operazioni per le quali l'imposta sul valore aggiunto è esigibile a partire dal 1º gennaio In caso di mancato rilascio delle misure di deroga si prevede che, in luogo dell applicazione dello split payment, con provvedimento del direttore dell'agenzia delle dogane e dei monopoli, da adottare entro il , sarà disposto l aumento dell'aliquota dell'accisa sulla benzina e sulla benzina con piombo, nonché l'aliquota dell'accisa sul gasolio usato come carburante. Come segnalato anche da Confindustria nella circolare di commento alla Legge di stabilità 2015 la scelta di rendere efficace la norma a decorrere dal 1 gennaio 2015, oltre a suscitare qualche dubbio sul piano della sua compatibilità con il diritto comunitario, potrebbe produrre complicazioni anche sotto il profilo operativo. Sempre secondo Confindustria,difatti, la decorrenza della disposizione non si riferisce al momento di effettuazione dell operazione ma a quello di esigibilità dell imposta, con la conseguenza che potrebbe riguardare operazioni effettuate anteriormente alla data del 1 gennaio 2015, ma la cui esigibilità si manifesta successivamente a tale data, per effetto del meccanismo di esigibilità differita dell imposta, che caratterizza tipicamente le operazioni effettuate

15 nei confronti della Pubblica Amministrazione, ai sensi dell art. 6, co. 5, secondo periodo del DPR n. 633/72. Perciò anche per le fatture emesse nel 2014 ed incassate nel 2015, soggette al regime Iva di esigibilità differita di cui all art. 6 comma 5 del d.p.r. n. 633/1972, troverebbe applicazione il nuovo meccanismo dello split payment, con la conseguenza, anche da un punto di vista contabile, che il mancato incasso dell Iva dovrà trovare riscontro anche da un punto di vista contabile con una scrittura di rettifica dell Iva a debito, anche se sospesa, contabilizzata nel momento di registrazione della fattura. L applicazione di tale metodica comporterà non pochi disguidi a livello contabile, in quanto la fattura deve essere emessa con Iva, ma l Iva non deve concorrere al debito della liquidazione. Nel comunicato stampa del MEF del 9 gennaio 2015, precorrendo il contenuto del decreto di attuazione, si precisa che il meccanismo dello split payment si applica alle operazioni fatturate a partire dal 1 gennaio 2015 per le quali l esigibilità dell imposta si verifichi successivamente alla stessa data. Ulteriormente si prevede che, riguardo tali operazioni, l IVA diventi esigibile al momento del pagamento della fattura ovvero al momento di ricezione della fattura. MASSIMILIANO CARPENTIERI Brevi note sul riaccertamento straordinario Da un paio di giorni è presente sul sito ARCONET della RGS una sezione specifica sul riaccertamento. Si ricorda che il riaccertamento straordinario dei residui, previsto dall art. 3 comma 7, del decreto legislativo n. 118 del 2011 e successive modifiche, è l attività diretta ad adeguare lo stock dei residui attivi e passivi al 1 gennaio 2015, per gli enti che non han

16 -no partecipato alla sperimentazione, alla configurazione del principio contabile generale della competenza finanziaria la così detta competenza finanziaria potenziata. Gli enti, per il rientro dall extra deficit potranno utilizzare entrate straordinarie per gli equilibri di parte corrente (disavanzo), come le entrate da alienazione di beni immobili disponibili (anche se bisognerà rigorosamente intendere realizzati i proventi accertati nel rispetto del principio applicato della contabilità finanziaria) e le quote di avanzo di amministrazione vincolato e destinato a investimenti generici. Il riaccertamento straordinario dei residui deve essere effettuato, con riferimento al 1 gennaio 2015, in una unica soluzione, e adottato con delibera di Giunta, previo parere dell organo di revisione, contestualmente alla approvazione del rendiconto La delibera dovrà essere quindi tempestivamente al Consiglio per la definizione delle deliberazioni conseguenti, con particolare attenzione all eventuale extra deficit (vedi il decreto del MEF e del Ministero dell Interno in corso di approvazione). Infatti le modalità di recupero del maggiore disavanzo determinato a seguito del riaccertamento straordinario chiesto dalla riforma saranno definite con un piano di recupero da approvare con delibera consiliare, da fare non oltre 45 giorni dalla data di approvazione della delibera di giunta concernente il riaccertamento straordinario, indicando l'importo minimo del recupero annuale da ripianare nei singoli esercizi, fino al completo recupero in non più di 30 esercizi a quote costanti. Le indicazioni su ARCONET ricordano che il riaccertamento straordinario dei residui è un unico atto deliberativo, obbligatorio e deve essere effettuato nel rigoroso rispetto delle modalità e della tempistica di cui al principio contabile applicato della contabilità finanziaria punto 9.3 (nella stessa giornata di approvazione del rendiconto 2014) e la stessa delibera provvede anche alle variazioni di bilancio se già approvato, o al bilancio provvisorio in corso di gestione, compresi gli stanziamenti di cassa del bilancio di previsione e l ammontare dei residui. Alla delibera di Giunta devono essere allegati i prospetti di cui agli allegati n. 5/1 e n. 5/2 riguardanti la determinazione del fondo pluriennale vincolato e del risultato di amministrazione all 1 gennaio Esempio n. 6 Relazione tra il bilancio di previsione, il riaccertamento straordinario dei residui e il fondo pluriennale vincolato Si riportano alcuni passaggi particolarmente significativi dell e- sempio 6 presente nel sito. Nel primo esercizio di adozione del principio della competenza finanziaria potenziata:

17 a. non è possibile iscrivere il fondo pluriennale vincolato in entrata del primo esercizio del bilancio del bilancio di previsione fino a quando non si provvede al riaccertamento straordinario dei residui, effettuato con riferimento alla data del 1 gennaio. b. E, invece, necessario iscrivere il fondo pluriennale vincolato nell entrata degli esercizi del bilancio di previsione successivi al primo, per un importo corrispondente agli stanziamenti di spesa relativi al fondo pluriennale vincolato degli esercizi precedenti. L importo del fondo pluriennale vincolato stanziato in spesa del primo esercizio del bilancio di previsione è pari all importo degli impegni che si prevede di assumere nell esercizio 2015 e imputare agli esercizi successivi, con copertura a valere di entrate che si prevede di accertare nell esercizio Se il bilancio di previsione è approvato prima del riaccertamento straordinario dei residui, nella colonna riguardante i residui del bilancio previsione armonizzato, è indicato l importo dei residui al 31 dicembre 2014 (trattasi di un dato previsionale se il bilancio di previsione è approvato prima del 31 dicembre 2014) come risultano definiti sulla base dei precedenti principi. La procedura del riaccertamento straordinario dei residui prevede la necessità di procedere anche ad una variazione di bilancio di previsione al fine di consentire: a) l assestamento dell importo dei residui attivi e passivi indicati nel bilancio armonizzato all importo risultante dal riaccertamento dei residui; b) l incremento degli stanziamenti di entrata e di spesa degli esercizi considerati nel bilancio di previsione, necessari per consentire le reimputazioni degli accertamenti e degli impegni individuate dalla delibera di riaccertamento dei residui, c) l iscrizione del fondo pluriennale vincolato tra le entrate del primo esercizio del bilancio di previsione; d) l incremento degli stanziamenti di spesa del primo esercizio del bilancio di previsione riguardanti il fondo pluriennale vincolato per tenere conto degli effetti della delibera di riaccertamento dei residui e, conseguentemente, l incremento del fondo pluriennale iscritto in entrata del secondo esercizio del bilancio riguardante il fondo pluriennale vincolato, l incremento delle voci di spesa del fondo pluriennale stanziato in spesa riguardanti il fondo pluriennale vincolato, l incremento del fondo pluriennale iscritto in entrata del terzo esercizio del bilancio riguardante il fondo pluriennale vincolato, e così via. Pertanto, la prima componente della delibera di riaccertamento straordinario dei residui è quella che individua i residui attivi e passivi da cancellare, indicandone gli esercizi in cui sono esigibili, ai fini della reimputazione. La secondo componente della delibera di riaccertamento straordinario dei residui dispone le variazioni degli stanziamenti di bilancio, necessari alle re imputazioni, determina l importo del fondo pluriennale vincolato di entrata dell esercizio 2015 (attraverso la compilazione dell allegato n.5) e incrementa gli stanziamenti di spesa e di entrata del fondo pluriennale vincolato 2015 e successivi. L importo del fondo pluriennale vincolato iscritto tra le entrate del 2015 del bilancio di previsione corrisponde alla differenza tra l ammontare complessivo dei residui passivi che sono stati cancellati e reimputati e l ammontare complessivo dei residui attivi che sono stati cancellati e reimputati, mentre tra le spese del primo e- sercizio del bilancio di previsione , si provvede ad integrare gli stanziamenti esistenti del fondo pluriennale vincolato, per gli importi corrispondenti alla differenza tra i residui passivi e attivi che sono stati reimputati agli esercizi successivi al In conclusione il riaccertamento straordinario (contestuale alla approvazione del rendiconto 2014) si può articolare nelle seguenti fasi: 1. Cancellazione residui attivi e passivi, cui non corrispondono obbligazioni perfezionate e scadute (liquidate e liquidabili al 1

18 2. Determinazione del FPV in entrata sul Bilancio 2015 (e successivi). 3. Rideterminazione del risultato di amministrazione al 1 gennaio Variazione Bilancio 2015 e del pluriennale autorizzatorio e del bilancio di previsione armonizzato con funzione conoscitiva; 5. Re imputazione delle entrate e spese cancellate al punto 1) a ciascuno degli esercizi in cui l obbligazione diventa esigibile; 6. Accantonamento di una quota del risultato di amministrazione al 1/1/2015, come rideterminato dopo il punto 2), al fondo crediti dubbia esigibilità; 7. Definizione entro 45 gg del piano di rientro dell eventuale maggiore disavanzo. ROBERTO MASTROFINI L articolo 9, comma 21, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, stabiliva il blocco per tre anni consecutivi degli incrementi stipendiali dei dipendenti pubblici sia per le progressioni di carriera(ex progressioni verticali), sia per le progressioni orizzontali. Blocco poi rinnovato ancora di un anno dal decretolegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n La legge di stabilità 2015 pone fine a questo meccanismo, almeno in parte, e sblocca la contrattazione decentrata, le risorse del trattamento accessorio e le progressioni economiche orizzontali, nel rispetto dei limiti complessivi in tema di spese del personale e della disponibilità di risorse parte stabile del fondo. Vengono prorogate fino al 31 dicembre 2015, infatti, solamente le disposizione recate dall articolo 9,comma 21, primo e secondo periodo del DL 78/2010, ovvero il blocco del rinnovo della contrattazione collettiva nazionale e l aumento dell indennità di vacanza contrattuale. In questo contesto, gli enti si trovano a dover riattivare le consuete procedure e verificare se e come procedere per effettuare nuove progressioni orizzontali nel LA SOLUZIONE DI LOGOS PA L'obiettivo che la nostra proposta di assistenza si pone è la progettazione, definizione ed erogazione di servizi di assistenza tecnica e formativa per la gestione di un mini concorso interno all ente finalizzato alla progressione professionale del personale già inserito. In tale ambito sono messe a punto procedure, metodologie e strumenti per la riqualificazione e implementazione delle competenze professionali interne all ente. Per maggiori informazioni scrivi a o contatta il numero

19 La proroga delle gestioni associate dei comuni. Ancora un occasione persa E notizia dell ultima ora dell approvazione, da parte della commissione Commissione parlamentare che sta preparando il testo del Milleproroghe che dovrà essere votato nei prossimi giorni in Aula, circa il rinvio e quindi la proroga della gestione associata delle c.d nove funzioni al 31 dicembre E pensare che il provvedimento aveva trovato le sue radici nel 2010 nel decreto legge 78 con l obiettivo del contenimento delle spese per l'esercizio delle funzioni fondamentali dei comuni. Cerchiamo di capire gli effetti e i risvolti. La norma che individua le funzioni fondamentali dei Comuni è l articolo 19 della legge 7 agosto 2012 n. 135di conversione del D.L. n. 95 del 6 luglio 2012 che apporta modifiche all articolo 14 del DL 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n L articolo sopracitato enuclea le Funzioni fondamentali dei comuni e le modalità di esercizio associato di funzioni e servizi comunali. Con queste previsioni vengono sancite le funzioni fondamentali che sono: a) organizzazione generale dell amministrazione, gestione finanziaria e contabile e controllo; b) organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito comunale, ivi compresi i servizi di trasporto pubblico comunale; c) catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente; d) la pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale nonché la partecipazione alla pianificazione territoriale di livello sovracomunale; e) attività, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi; f) l organizzazione e la gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e la riscossione dei relativi tributi; g) progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall articolo 118, quarto comma, della Costituzione; h) edilizia scolastica (per la parte non attribuita alla competenza delle province), organizzazione e gestione dei servizi scolastici; i) polizia municipale e polizia amministrativa locale; l) tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e compiti in materia di servizi anagrafici nonché in materia di servizi elettorali (e statistici vedi l bis), nell esercizio delle funzioni di competenza statale(per la quale non esiste obbligo di associazionismo); l bis) i servizi in materia statistica. Il quadro normativo va letto con riferimento alle novità introdotte dall art. 1 della legge 7 aprile 2014 n. 56 (legge Delrio), contenente Disposizioni sulle Città Metropolitane, sulle Province, sulle Unioni e Fusioni di Comuni e novità introdotte dall art. 1 della legge 7 aprile 2014 n. 56. L art. 1 della legge Delrio ha profondamente innovato la materia associativa nell ottica della maggiore semplificazione dei percorsi di gestione intercomunale di servizi e funzioni, secondo alcuni razionalizzando la materia, secondo altri rendendola più complicata. Cerchiamo di vedere i principali contenuti nell ottica del nostro articolo. Innanzitutto incide sulle Unioni di comuni che sono definite tali se costituiti da due o più Comuni per l esercizio associato di funzioni o servizi di loro competenza, abrogando il modello di Unione Speciale previsto dall art.

20 16 della legge 148/2011 per i piccoli Comuni fino a abitanti. Per tutti i Comuni fino a abitanti resta la facoltà di avvalersi della convenzione e/o dell Unione di Comuni per l esercizio in forma associata delle funzioni fondamentali secondo le modalità indicate dal TUEL 267/2000 per il quale viene novellato l articolo 32 esaltando il valore dello statuto per i riferimenti al Consiglio dell Unione, la rappresentanza delle minoranze, la figura del Presidente dell Unione e del segretario comunale. Si ribadisce il limite demografico minimo di abitanti per le Unioni di Comuni e le Convenzioni, stabilito in abitanti se trattasi di Comuni appartenenti o appartenuti a Comunità montane. La legge, poi, interviene in ordine al trattamento economico dei titolari delle cariche negli organi delle Unioni di, in materia di ineleggibilità, incandidabilità, incompatibilità e inconferibilità, sul ruolo del responsabile anticorruzione e di responsabile per la trasparenza, e del revisore unico. Riconosce, infine, un ruolo peculiare al Presidente dell Unione a cui possono essere attribuite le funzioni di polizia municipale e quelle di protezione civile Ebbene è vero ci si trova di fronte ad un quadro ordinamentale complesso, ad una articolazione territoriale variegata, ma di fronte a numerosi comuni italiani che a malapena raggiungono i 3000 o peggio i 1000 abitanti, allo spopolamento di questi luoghi costante e inarrestabile, all esigenza di offrire servizi adeguati ed efficienti, alla necessità di offrire una i- dentità al territorio, un ulteriore rinvio ci appare dannoso. E poi che dire circa il ruolo delle Regioni che non hanno ancora definito le proprie leggi regionali. Cosa occorre fare! Sfruttiamo i numerosi studi, indagini, analisi compiute sui nostro comuni per accompagnare fin d ora, abbiamo circa 10 mesi, gli enti al cambiamento. Partiamo dalla conoscenza dei diversi livelli di governo territoriale, comprendiamo quanti comuni si avvalgono delle Unioni e quanti delle convenzioni, per approntare un quadro di semplificazione istituzionale. Da qui prepariamoci con l adozione di strumenti normativi (statuto) e regolamentari aggiornati, definiamo i percorsi operativi per conseguire obiettivi di contenimento delle spese e razionalizzazione ed ottimizzazione delle funzioni. Prezioso sarà il confronto con altre realtà che sono già partite Una fase centrale sarà quella del rilevamento dei dati e le prime e l a b o r a z i o n i e c o n o m i c o - finanziarie avendo poi riguardo alle informazioni relative al personale, alle piante organiche e alle contrattazioni integrative. Costruire in questi dieci mesi scarsi un percorso che risulterà determinante circa la definizione delle migliori formule aggregative e interistituzionali e che potrà consentire, dato il lasso di tempo, di far maturare anche presso le comunità locali, spesso dimenticate, un processo di cambiamento proteso alla condivisione di strumenti e decisioni insieme ad altre comunità nell ottica di contenere le spese, migliorare i servizi e soprattutto rispondere al dettato normativo. Solo così saremo pronti realmente a nuove sfide evitando ancora di far apparire il nostro paese come quello delle deroghe e delle proroghe. Speriamo che questi mesi servano per essere pronti alla sfida che sappiamo essere, prima che economica o istituzionale, culturale. MASSIMO FIERAMONTI

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/85/2015/QMIG REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli