Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato"

Transcript

1 Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni, alle caratteristiche socio-anagrafiche degli assistiti ed al tipo di trattamento socio-sanitario cui questi risultano sottoposti. Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Nuovi utenti Utenti già in carico o rientrati Totale utenti Di cui stranieri Tipologia utenza Ser.T. - Anni n. utenti nuovi utenti utenti già in carico o rientrati totale utenti Il numero dei soggetti in trattamento al Servizio per le Tossicodipendenze (Ser.T.) di Prato nel corso del 2004 risulta leggermente inferiore rispetto all anno 1 I dati presi in considerazione non rendono conto della componente sommersa del fenomeno. Secondo stime indirette effettuate dall Osservatorio, i soggetti consumatori problematici di droga nella provincia sono circa

2 precedente, passando da 593 utenti a 583. Diminuisce infatti sia il numero dei nuovi utenti (che passa da 48 a 44), che il numero dei soggetti già in carico o rientrati (da 545 a 539). Nel medio periodo ( ) si registra invece un incremento del numero degli utenti presi in carico dal servizio pari al 9,2%. Distribuzione utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato per sesso Maschi Femmine Totale utenti Rapporto M/F totale utenti 8,1 8,0 7,0 Rapporto M/F nuovi utenti 13,4 11,0 6,3 Distribuzione utenza Ser.T. per sesso - Anni n. utenti maschi femmine totale La tossicodipendenza si conferma fenomeno soprattutto maschile: nel 2004, su 583 utenti, gli uomini sono 510, le donne 73. Rispetto al 2003, si rileva però una diminuzione degli utenti maschi (-17 unità) ed un incremento della componente femminile (+7 unità), dovuta soprattutto ai nuovi utenti (su 44, 6 sono donne). Il rapporto maschi/femmine passa così da 8,0 a 7,0, tornando sui livelli del 1999 (6,9). Nel 1992 il rapporto maschi/femmine si attestava a 4,4. 118

3 Distribuzione utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato per classi di età N. utenti < 15 anni / / 0 N. utenti anni N. utenti anni N. utenti anni N. utenti anni N. utenti anni N. utenti > 39 anni Totale utenti Età media utenti presi in carico 33,9 34,6 35,2 Età media nuovi utenti presi in carico 26,1 27,8 28,5 Distribuzione utenza Ser.T. per classi di età - Anni n. utenti < >39 Si innalza l età media degli utenti presi in carico dal Ser.T.: da 34,6 anni nel 2003 a 35,2 nel Nel medio periodo ( ) l età media è passata da 31,7 anni a 34,2 anni, con un raddoppio della percentuale di età al di sopra dei 39 anni (da 7,7% a 17,8%) ed un dimezzamento della percentuale di età al di sotto dei 25 anni (da 14,2% a 6,2%). Questi dati sembrano confermare il fenomeno della cronicizzazione della dipendenza. E in crescita anche l età media dei nuovi utenti presi in carico: da 27,8 anni nel 2003 si passa infatti a 28,5 nel La distribuzione per fasce di età dei nuovi utenti non varia rispetto al 2003: il numero di nuovi utenti risulta maggiore nelle fasce di età anni (25,0%) e anni (18,2%). L età media dei nuovi utenti di sesso femminile risulta più bassa (23,3 anni) rispetto a quella dei nuovi utenti di sesso maschile (29,4). 119

4 Distribuzione utenti presi in carico dal Ser.T. per titolo di studio Licenza elementare Licenza media inferiore Diploma superiore Totale utenti Distribuzione utenza Ser.T. per titolo di studio - Anni n. utenti licenza elementare licenza media diploma superiore Guardando al titolo di studio, nel 2004 l utenza appare mediamente più istruita rispetto a cinque anni prima: infatti, se nel 1999 il numero di soggetti presi in carico in possesso di diploma superiore era pari al 4,8%, nel 2004 è pari al 10,6%. La grande maggioranza della coorte resta comunque rappresentata da soggetti in possesso di licenza media inferiore (496 su 583). Distribuzione utenti del Ser.T. per condizione professionale Disoccupato/ Occupato saltuariamente Occupato stabilmente Studente Altro Totale utenti

5 500 Distribuzione utenza Ser.T. per condizione professionale - Anni n. utenti disoccupato/occupato saltuariamente occupato stabilmente studente Si consolida la quota di utenti in carico al Ser.T. con un occupazione stabile. Dai 213 utenti (su 593) del 2003, si passa infatti ai 216 (su 583) del Nel medio periodo ( ), la percentuale di occupati stabilmente passa dal 19,9% al 37,0%. La maggioranza della coorte resta comunque rappresentata da soggetti disoccupati o occupati solo saltuariamente (339 su 583). Droghe primarie e secondarie Distribuzione utenti del Ser.T. per droga primaria Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy e analoghi Totale utenti Il quadro sintetico della distribuzione dei soggetti in carico per droga primaria intendendo per droga primaria la sostanza stupefacente per la quale è stato richiesto l intervento del servizio, e per droghe secondarie quelle sostanze solitamente utilizzate come alternativa abituale alla primaria mostra come il 79,9% dei casi di dipendenza dipenda dall eroina (contro l 88,4% del 1999). 121

6 Distribuzione utenza Ser.T. per droga primaria: eroina Anni valori percentuali Distribuzione utenza Ser.T. per droga primaria: cocaina, cannabinoidi, ecstasy e analoghi - Anni valori percentuali cocaina cannabinoidi ecstasy e analoghi L utenza conosciuta (utenti già in carico e rientrati) si caratterizza come un gruppo cronicizzato di eroinomani (o policonsumatori), fortemente esposto alle recidive; d altra parte, quando si passa ad analizzare la distribuzione per droga primaria dei nuovi soggetti in carico, l incidenza dell eroina diminuisce sensibilmente (il 18% nel 2004, contro il 27% nel 2003 ed il 33% nel 2002), mentre cresce in maniera significativa il consumo di cocaina (46% nel 2004, contro il 33% del 2003 ed il 17% del 2002). Nel 1997 gli eroinomani costituivano il 65% del totale dei nuovi utenti. 122

7 Distribuzione nuovi utenti del Ser.T. per droga primaria Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy e analoghi Totale nuovi utenti valori percentuali Distribuzione nuova utenza Ser.T. per droga primaria: eroina, cocaina, cannabinoidi, ecstasy e analoghi - Anni eroina cocaina cannabinoidi ecstasy e analoghi Negli ultimi anni si assiste ad una costante diminuzione del numero di utenti in carico al Ser.T. che fanno uso di droghe per via endovenosa. Dai 473 utenti del 2002 (81,0% del totale) si passa infatti ai 377 del 2004 (64,7%). Modalità d'uso delle droghe illegali negli utenti presi in carico Utenti presi in carico Utenti che fanno uso di droghe per via endovenosa % di utilizzatori di droghe per via endovenosa sul totale ,0% 71,8% 64,7% 123

8 90 Utenti che fanno uso di droghe per via endovenosa - Anni valori percentuali Tra le droghe secondarie al primo posto vi sono i cannabinoidi (35%), seguiti da benzodiazepine (28%), cocaina (27%) e alcool (17%). Distribuzione utenti del Ser.T. per droga secondaria Amfetamine Cocaina Cannabinoidi Ecstasy e analoghi Allucinogeni Barbiturici Benzodiazepine Alcool

9 Strutture socio-riabilitative e modalità di accesso Cresce il numero degli utenti presi in carico da strutture socio-riabilitative: nel 2004 sono il 16,3% (95 su 583, di cui 72 maschi e 23 femmine), contro il 15,9% del 2003 ed il 14,0% del Nel 1999 era solo l 11,0%. Utenti inseriti in strutture socio-riabilitative per sesso Maschi Femmine Totale % sul totale degli utenti in carico 14,0% 15,9% 16,3% Il lavoro degli operatori appare sempre più proiettato verso strutture esterne al Ser.T.: carcere e come detto strutture socio-riabilitative. Quanto ai trattamenti intervenuti, l utenza va sempre più polarizzandosi tra chi segue trattamenti mediolunghi con farmaci sostitutivi e chi risulta invece sottoposto a trattamenti esclusivamente psico-sociali e/o riabilitativi. In particolare, l uso del metadone a lungo termine pare concentrato tra gli utenti del servizio territoriale, mentre gli interventi di sostegno psicologico e sociale sembrano invece essere la prerogativa dei tossicodipendenti detenuti o inseriti in strutture socio-riabilitative. Utenti distribuiti per luogo (Ser.T., strutture socio-riabilitative e carcere) e tipo di trattamento - Anno 2004 Ser.T. Strutture socio-riab. Carcere Solo psico-sociale e/o riabilitativo Metadone a breve termine (<30 giorni) Metadone a lungo termine (>6 mesi) Naltrezone Clonidina Altri farmaci non sostitutivi Analizzando le modalità di accesso al Ser.T. da parte dei nuovi utenti, l accesso indotto (prefettura, carcere, servizi sociali) prevale rispetto all accesso volontario (57,8% contro 43,2%). 125

10 100 Nuovi utenti per modalità di accesso - Anni valori percentuali Accesso volontario Accesso indotto Nuovi utenti: modalità di accesso Accesso volontario Prefettura Alternativa al carcere Altro (servizi sociali ) Totale nuovi utenti Periodo di latenza L età media in cui i nuovi utenti del Ser.T. iniziano a fare uso di droghe è di 21,3 anni, mentre l età media del primo contatto con il servizio è di 28,5 anni, con un periodo di latenza pari quindi a 7,2 anni. Percorso d uso delle droghe illegali nei nuovi utenti Ser.T. Età media inizio uso droghe illegali 19,0 17,6 21,3 Età media 1 contatto con il servizio 26,1 27,8 28,5 Periodo di latenza (anni) 7,1 10,2 7,2 126

11 30 Percorso d'uso delle droghe illegali nei nuovi utenti - Anni anni Età media inizio uso droghe illegali Età media 1 contatto con il servizio L età media in cui i nuovi utenti iniziano invece a fare uso di eroina è di 21,7 anni; l età media della prima richiesta di trattamento è di 28,5 anni, con un periodo di latenza che è anche in questo caso pari a 7,2 anni. Percorso d uso dell eroina nei nuovi utenti Ser.T. Età media inizio uso eroina 23,6 22,5 21,7 Età media 1ª richiesta di trattamento 29,5 29,5 28,9 Periodo di latenza (anni) 5,9 7,0 7,2 127

12 Percorso d'uso dell'eroina nei nuovi utenti - Anni anni Età media inizio uso eroina Età media 1ª richiesta di trattamento Alcool Il Ser.T. di Prato svolge anche rilevazioni di flusso relativamente alle alcooldipendenze. Nel medio periodo si rileva una forte riduzione del flusso di utenti (82 nel 1999, 59 nel 2009) ed una tendenza al riequilibrio tra i sessi (il rapporto tra maschi e femmine passa infatti da 2,9 a 2,3) ed una sostanziale stabilità dell età media (44,4 anni; i minori di 30 anni rappresentano l 8,5% del totale, gli over 60 il 10,2%). Tipologia utenti Ser.T. alcooldipendenti Nuovi utenti Utenti già in carico o rientrati Totale utenti Fonte: Ser.T. di Prato Utenti Ser.T. alcooldipendenti per sesso Maschi Femmine Totale utenti Rapporto M/F totale utenti 1,9 2,3 2,3 Rapporto M/F nuovi utenti 1,4 4,0 1,7 Fonte: Ser.T. di Prato 128

13 Utenti Ser.T. alcooldipendenti per classi di età N. utenti < 19 anni N. utenti anni N. utenti anni N. utenti anni N. utenti anni N. utenti > 60 anni Totale utenti Età media utenti presi in carico 46,4 44,6 44,4 Età media nuovi utenti presi in carico 46,4 45,4 45,2 Fonte: Ser.T. di Prato L utenza è mediamente sempre più istruita. Rispetto al 1999, nel 2004 diminuiscono infatti i soggetti con la licenza elementare o senza titolo di studio (da 43% a 34%), mentre aumentano quelli in possesso di diploma superiore e/o laurea (da 17% a 30%). Il 48% degli utenti alcooldipendenti presi in carico dal Ser.T. nel 2004 è occupato stabilmente; il 31% è invece disoccupato o occupato solo saltuariamente. Utenti Ser.T. alcooldipendenti per titolo di studio Licenza elementare Licenza media inferiore Diploma superiore Laurea Totale utenti Fonte: Ser.T. di Prato Utenti Ser.T. alcooldipendenti per condizione professionale Occupato stabilmente Disoccupato/ Occupato saltuariamente Pensionato Pensionato Casalinga Altro Totale utenti Fonte: Ser.T. di Prato 129

14 Il vino è la bevanda prevalente per il 55% degli utenti alcooldipendenti in carico al Ser.T. (era il 64% nel 1999). Il 24% fa invece abuso di birra, il 19% di liquori o superalcolici ed il 2% di aperitivi, amari e digestivi. Utenti Ser.T. alcooldipendenti per bevanda alcolica prevalente Superalcolici Aperitivi, amari, digestivi Vini Birra Totale utenti Fonte: Ser.T. di Prato Utenti Ser.T. alcooldipendenti: trattamenti effettuati Trattamento medico/farmacologico ambulatoriale Trattamento psicoterapeutico Counselling all'utente e alla famiglia Inserimento in gruppi di auto/mutuo aiuto Trattamento socio-riabilitativo Inserimento in comunita' Ricovero ospedaliero Fonte: Ser.T. di Prato Per quanto concerne la tipologia di trattamento, crescono gli inserimenti in gruppi di auto-aiuto (sul territorio i gruppi di aiuto-aiuto esistenti sono 13) ed i trattamenti socio-riabilitativi. Le principali tipologie di trattamento permangono quella medico-farmacologica ed il counselling (all utente ed alla famiglia). Utenti Ser.T. alcooldipendenti: enti e associazioni privato sociale 130 Gruppi di auto-aiuto A.C.A.T. (Associazione Club Alcolisti in Trattamento) A.A. (Anonima Alcolisti) Altro Cooperative sociali per l'inserimento lavorativo Fonte: Ser.T. di Prato 1 1 1

15 Conseguenze sociali alcool Presentiamo di seguito alcune stime di fonte Azienda Usl 4 di Prato relative alle dipendenze da alcool nel territorio pratese ed alle conseguenze sociali dell abuso da alcool. I pratesi bevitori a rischio (più di 60 grammi di alcool al giorno per i maschi, più di 40 grammi per le femmine) sono circa Tra questi, i forti bevitori sono stimati in unità, di cui almeno sono alcooldipendenti. Stime su dipendenze da alcool nel territorio pratese totale Bevono a rischio (M = >60 grammi, F = > 40 grammi) Bevono troppo (M + F = > 60 grammi) Alcooldipendenti Fonte: ASL 4 di Prato (anno 2002) I decessi per malattie alcool-correlate sono ogni anno un centinaio, il 5% del totale dei decessi. I ricoveri alcool-correlati sono invece stimati in 4.000, su complessivi. Conseguenze dell abuso di alcool Decessi/ anno per malattie alcool-correlate (su totale ASL per tutte le cause circa 2.000) Ricoveri/ alcool-correlati (totale ASL per tutte le cause circa ) Fonte: ASL 4 di Prato (anno 2002) totale Fumo Riportiamo quindi alcune stime sul numero di fumatori nella nostra provincia. I pratesi che fumano sono circa Di questi, il 36% è classificabile come fumatore accanito (più di 20 sigarette al giorno). Non si hanno informazioni precise sul fumo nei giovani pratesi; il trend regionale segnala però un preoccupante aumento di fumatori tra le donne giovani. Tra le conseguenze sanitarie più gravi del fumo di tabacco si contano circa 250 decessi/anno nella provincia di Prato, di cui quasi 200 dovuti a tumori, e circa 300 nuovi casi di diagnosi di tumore. 131

16 Stime fumatori e altre dipendenze nel territorio pratese totale Fumatori Fumatori accaniti (> di 20 sigarette al giorno) Consumatori hashish - marijuana Consumatori cocaina ed ecstasy Consumatori e tossicodipendenti da eroina 800 Sovrappeso Obesi Fonte: Azienda USL 4 di Prato (anno 2002) Sempre secondo le stime dell Azienda USL 4, nella nostra provincia vi sono circa persone che fumano hashish e marijuana, consumatori di cocaina ed ecstasy ed 800 soggetti tossicodipendenti da eroina. Infine, si ipotizza che le persone sovrappeso nella provincia siano circa (quasi un terzo degli abitanti), e che gli obesi siano oltre Proprio l obesità è una delle principali problematiche sanitarie giovanili, e che richiede adeguate politiche mirate all educazione alimentaria e motoria, a partire soprattutto nelle scuole. Se è vero che nel territorio pratese ben l 81% 2 dei ragazzi pratica uno sport, va d altra parte registrata la possibile diminuzione da due ad un ora settimanale di educazione fisica nelle superiori, proposta nello schema di decreto legislativo sulla riforma della scuola superiore. 2 Secondo una recente indagine condotta dall associazione Trofeo Città di Prato ben l 81% dei ragazzi delle scuole medie pratica attività fisica e sportiva (lo sport preferito è il calcio, seguito dal nuoto; le femmine praticano anche ginnastica, pallavolo e ballo). Il 67,5% dei residenti nella provincia di Prato pratica un attività sportiva o motoria; d altro canto si registra un 32,5% della popolazione con uno stile di vita sedentario (contro una media italiana del 41%). 132

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età Tab.5.14: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Nuovi utenti 72 48 44 51 106 133 Proporzione di maschi (nuovi utenti) 93% 92% 86% 78% 84%

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

Abitudine al fumo negli adulti (18-74 anni) di Prato 2002

Abitudine al fumo negli adulti (18-74 anni) di Prato 2002 5. GLI STILI DI VITA Barbara Bianconi, A. Cristina Epifani e Francesco Profili 5.1 Fumo Il fumo di tabacco è uno dei fattori di rischio più conosciuti ed è responsabile di numerose patologie, sia di tipo

Dettagli

8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni

8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni 8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni 8.1 Premessa Si è appena concluso il quadriennio che ha visto

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

DIPARTI T ME M NT N O

DIPARTI T ME M NT N O Direzione Sociale DIPARTIMENTO DIPENDENZE Report dell Osservatorio DIPARTIMENTO DIPENDENZE Sintesi. Anno 2013 INDICE 1. ANALISI DEI TREND 2011-2013 2. ANALISI SUDDIVISA PER TIPOLOGIA DI UTENZA (Tossicodipendenti;

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze 8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze Dipendenze - dati 2004 Nome Indicatore Zancan Indicatori SDS Valore Note Persone 14 anni che consumano oltre 1/2 litro di vino al giorno per 1000 persone Utenti

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 1 Tavolo Tecnico Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze Gruppo di lavoro per la stesura del Rapporto Regione Basilicata Rocco Libutti

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

Tab.5.15: Distribuzione utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età

Tab.5.15: Distribuzione utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età Tab.5.14: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Nuovi utenti 48 44 51 106 133 274 Proporzione di maschi (nuovi utenti) 92% 86% 78% 84% 90% 92% Proporzione di maschi (totale utenti) 89% 87%

Dettagli

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze 2.1.3. DIPENDENZE La rete dei Servizi per le tossicodipendenze L assistenza ai tossicodipendenti nella inizia a strutturarsi nel 1985 per effetto dalla L.R. 70/84, a seguito dei Decreti Ministeriali del

Dettagli

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Azienda USL di Ferrara Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Gabriella Antolini Biostatistica Ferrara, 13 Marzo

Dettagli

SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11

SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11 Anche quest anno abbiamo il piacere di presentarvi il rapporto Annuale 204 sul fenomeno delle dipendenze patologiche nella provincia di Lodi e sulla sua evoluzione. Noi crediamo che le attività di reporting

Dettagli

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT SCHEDE MINISTERIALI 1) SER.01 Dati anagrafici dei servizi pubblici per le tossicodipendenze Sezione C. Numero strutture carcerarie e

Dettagli

Popolazione residente di 6 anni e più per grado di istruzione. Licenza di scuola media inferiore/ Avviam.to profess. Licenza di scuola elementare

Popolazione residente di 6 anni e più per grado di istruzione. Licenza di scuola media inferiore/ Avviam.to profess. Licenza di scuola elementare 3. IL SISTEMA CULTURALE 3.1 Istruzione I dati raccolti nel 2001 dall Istat in occasione del Censimento generale della popolazione ci permettono di avere un quadro completo della formazione scolastica delle

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE DIREZIONE SOCIALE Dipartimento Dipendenze USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE Per poter effettuare un analisi delle caratteristiche che assume, nel tempo, il fenomeno dell uso di sostanze, non ci si può limitare

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i

Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i 13. Droga, fumo e alcol Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i consumatori e i modi stessi del consumo. Così ecco che l utilizzo di ecstasy

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna 2008 Regione Autonoma della Sardegna Realizzazione a cura dell Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale via Roma

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

RAPPORTO 2006-2007. Consumi e dipendenza da sostanze nella provincia di Ferrara. Ferrara 17 giugno 2008

RAPPORTO 2006-2007. Consumi e dipendenza da sostanze nella provincia di Ferrara. Ferrara 17 giugno 2008 GIORNATA MONDIALE CONTRO LA DROGA RAPPORTO 2006-2007 2007 Consumi e dipendenza da sostanze nella provincia di Ferrara Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Dipendenze Patologiche Ferrara 17 giugno 2008

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

ALCOL: il consumo in Italia

ALCOL: il consumo in Italia ALCOL: il consumo in Italia 1 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo di Direzione: Ricercatrice: Riccardo C. Gatti Riccardo C. Gatti Corrado Celata Susanna Bonora Osservatorio Regionale per le Dipendenze

Dettagli

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003 Questo numero e' stato realizzato da: Servizio Statistica del Comune di Ferrara - Dirigente Lauretta Angelini Collaboratori: Stefania Agostini, Caterina Malucelli, Micaela Pora, Claudia Roversi, Michele

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2010

RAPPORTO ANNUALE 2010 QUADERNI DELL OSSERVATORIO N 10 RAPPORTO ANNUALE 2010 Lodi, Settembre 2011 Indice Cap. 1 Il consumo di sostanze e di alcol in Italia e in Lombardia Cap. 2 Utenti tossicodipendenti afferenti al Ser.T. dell

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

6. I consumi eccedentari 22

6. I consumi eccedentari 22 Gli italiani e l alcool Consumi, Tendenze e Atteggiamenti in Italia Sesta Indagine Doxa - Osservatorio Permanente Giovani e alcool Gennaio 2011 1 Indice Pag. 1. Premessa 3 2. Consumatori e non consumatori

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure Allegati Tabella dei dati relativi alle Figure Indice delle Tabelle PARTE PRIMA: DIMENSIONE DEL FENOMENO I.1. CONSUMO DI DROGA Tabella I.1.1:Consumo di eroina nella popolazione generale 15-64 anni. Anni

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE SOCIALI E PREVIDEZIALI Indice Introduzione

Dettagli

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI ANNO 2010 EUROPA ITALIA ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI Bere a rischio pari al 15% della polazione ovvero a 55 milioni di persone compresi i Binge drinkers, 23 milioni

Dettagli

CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI

CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI III.2.1. Programmi e qualità dei trattamenti attivati dalle Regioni III.2.2. Trattamenti erogati dai Servizi per le Tossicodipendenze III.2.3. Soggetti tossicodipendenti

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE IN PIEMONTE

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE IN PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA' Direzione PROGRAMMAZIONE SANITARIA Settore Programmazione Sanitaria FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE IN PIEMONTE Informazioni derivate da: schede ministeriali 1991-2006 ISTAT Ministero

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA. RELAZIONE 2010 SINTESI

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA. RELAZIONE 2010 SINTESI RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA. RELAZIONE 2010 SINTESI SINTESI DELLA RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Ser.T. A.S.L. TO 4 Settimo Torinese Istituti Superiori 8 Marzo Galileo Ferraris Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Questionario Maschio Femmina Età. 1) Nel tuo gruppo di amici quali sono i criteri per

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

A cura di Alice Berti, Fabio Voller

A cura di Alice Berti, Fabio Voller USO,, ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ILLEGALI E CONSEGUENZE SANITARIE IN TOSCANA A cura di Alice Berti, Fabio Voller Aggiornamento dicembre 2012 1 I consumi delle sostanze psicotrope Dal contesto mondiale

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

PREVO.TEL. Provincia di: Città: Fuori città:

PREVO.TEL. Provincia di: Città: Fuori città: PREVO.TEL Buongiorno/buonasera, sono il dott./la dott.ssa. e sto conducendo un indagine per conto dell Azienda Sanitaria Locale di Milano, su un tema di interesse sociale. Posso rivolgerle una breve intervista

Dettagli

Aprile 2014, Mese della Prevenzione Alcologica: le iniziative dell ASL di Brescia

Aprile 2014, Mese della Prevenzione Alcologica: le iniziative dell ASL di Brescia DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO Valentina Di Mario INTRODUZIONE L uso di bevande alcoliche è da lungo tempo considerato un fattore di rischio per la salute pubblica. Il significato

Dettagli

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Dipartimento ASSI DIPARTIMENTO DIPENDENZE Accordo di programma fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Lombardia, per la realizzazione di attività coordinate e finalizzate alla progettazione,

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

A cura di: Osservatorio Forlì: via Orto del Fuoco, 10 - Forlì Responsabile: Samantha Sanchini, e-mail: s.sanchini@ausl.fo.it, tel. 0543.

A cura di: Osservatorio Forlì: via Orto del Fuoco, 10 - Forlì Responsabile: Samantha Sanchini, e-mail: s.sanchini@ausl.fo.it, tel. 0543. A cura di: Osservatorio Cesena via Brunelli, 540 - Cesena Responsabile: Paolo Ugolini e-mail: pugolini@ausl-cesena.emr.it, tel. 0547.631536 Alessandro Mariani D Altri Monica Teodorani Osservatorio Forlì:

Dettagli

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I soggetti contatti dai servizi di prima necessità del comune di Bologna dal 2000 al 2004: Caratteristiche, contatti e percorsi attraverso i servizi A

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

Le dipendenze nel territorio della ASL 10 Firenze: Bollettino anno 2004 e andamento nel periodo 1996-2004

Le dipendenze nel territorio della ASL 10 Firenze: Bollettino anno 2004 e andamento nel periodo 1996-2004 Regione Toscana Azienda Sanitaria Firenze Dipartimento delle Dipendenze Osservatorio Socio-Epidemiologico per le Tossicodipendenze e l Alcolismo Le dipendenze nel territorio della ASL 10 Firenze: Bollettino

Dettagli

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2.1 Uso di droga nella popolazione generale 2.2 Uso di droga nei giovani scolarizzati 2.3 Uso di droga in gruppi specifici 2.3.1 Segnalazioni alle Prefetture per detenzione

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997.

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997. Attività fisica Il Piano Sanitario Nazionale propone di perseguire l obiettivo di aumentare in media del 10% la prevalenza di individui (giovani ed adulti) che praticano regolarmente (almeno una volta

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali

Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali Laura Iannucci Lidia Gargiulo * Emanuela Bologna * Elena Demuru ** Diego Moretti * Valeria Qualiano ** Roberto Zoffoli ** *ISTAT ** Servizio

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA una riflessione complessiva dell'impatto degli interventi In Italia sono le singole Regioni e provincie autonome

Dettagli

Dottor Intaschi Guido Responsabile U.F. SERT ASL 12 di Viareggio Auditorium Ospedale Versilia 27 ottobre 2009

Dottor Intaschi Guido Responsabile U.F. SERT ASL 12 di Viareggio Auditorium Ospedale Versilia 27 ottobre 2009 REGIONE TOSCANA-SST - RLS in Toscana SEMINARIO FORMATIVO su USO di ALCOOL e di SOSTANZE STUPEFACENTI nei luoghi di lavoro.il ruolo del RLS. Effetti di alcool e sostanze stupefacenti sulle funzioni cognitive

Dettagli

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio D EP Lazio Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale - Regione Lazio Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio SISTEMA SANITARIO REGIONALE ASL ROMA E Relazione

Dettagli

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO III.3.1. Interventi delle Forze dell Ordine III.3.1.1 Detenzione per uso personale di sostanze illecite III.3.1.2 Deferiti alle Autorità Giudiziarie

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA 13 gennaio 2015 Hotel Cà Sagredo Venezia LIONS CLUB VENEZIA HOST GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA PANI ALESSANDRO Dir. Dipartimento Dipendenze Ulss 12 Veneziana DIPARTIMENTO

Dettagli

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Lausanne, März 2015 Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Riassunto dettagliato del rapport di ricerca no 75 Simon Marmet Aurélie Archimi Béat Windlin

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli

Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli Risultati di un indagine svolta nel 2005 dal Dipartimento delle Dipendenze Come già nel 1999 e nel 2002, nel 2005 il Dipartimento

Dettagli

/1 2 2. Sistema Integrato Multicentrico di Indicatori. Rapporto 2005 Provincia di Pescara. Ministero della Solidarietà Sociale

/1 2 2. Sistema Integrato Multicentrico di Indicatori. Rapporto 2005 Provincia di Pescara. Ministero della Solidarietà Sociale Ministero della Solidarietà Sociale 5 45 45 4 4 4 4 22 22 2 2 /1 2 2 /26 20 20 00/0 21 21 100/0 15 15 Sistema Integrato Multicentrico di Indicatori 99/1 10 10 Rapporto 2005 Provincia di Pescara 75/26 16

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

PIANO INTEGRATO LOCALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE - ANNO 2011

PIANO INTEGRATO LOCALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE - ANNO 2011 PIANO INTEGRATO LOCALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ASL DI MANTOVA ANNO 2011 GENNAIO 2011 PIANO INTEGRATO LOCALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE - ANNO 2011 PARTE PRIMA: I COMPORTAMENTI

Dettagli

I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe

I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe Alice Berti Fabio Voller Convegno Il fenomeno delle dipendenze da sostanze in Toscana: consumi e conseguenze, rete dei

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

RELAZIONE SUL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN VALLECAMONICA

RELAZIONE SUL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN VALLECAMONICA RELAZIONE SUL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN VALLECAMONICA Periodico n.9/gennaio 29 OSSERVATORIO DELLE DIPENDENZE ASL VALLECAMONICA SEBINO A cura di Maura Richini Marina Salada Luigia Cotti Laura Gatti 1

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

Keystone LaPresse. 5. Stili di vita

Keystone LaPresse. 5. Stili di vita Keystone LaPresse 5. Stili di vita Stili di vita 5.1. Nutrizione I consumi alimentari sono in diminuzione in Italia. L introito energetico medio pro-capite nel periodo 1994-96 è stato di circa 2.162 kcal/giorno

Dettagli

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze nel corso dell anno 2009. Si è dunque

Dettagli