DISTRETTO DI. OGGETTO: Domanda di Autorizzazione Sanitaria ai sensi dell art. 2 della legge 30/04/1962 n 283. Il/la sottoscritto/a. Residente in.(.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRETTO DI. OGGETTO: Domanda di Autorizzazione Sanitaria ai sensi dell art. 2 della legge 30/04/1962 n 283. Il/la sottoscritto/a. Residente in.(."

Transcript

1 mod. AS30A Marca da Bollo AL DIRETTORE GENERALE DELL AZIENDA SANITARIA DELLA PROVINCIA DI LECCO Corso Carlo Alberto LECCO - DISTRETTO DI. OGGETTO: Domanda di Autorizzazione Sanitaria ai sensi dell art. 2 della legge 30/04/1962 n 283. Il/la sottoscritto/a. Nato/a a ( ) il. Residente in.(.) Via/piazza.. n Codice fiscale.. Nella sua qualità di (1) Della ditta/ente (2) Con sede legale in (3)..(.) Via/piazza..n. Partita I.V.A. n. Recapito telefonico.. A norma di quanto disposto dall art. 2 della Legge 30/04/1962 n 283, dagli articoli 25 e seguenti del relativo regolamento di esecuzione D.P.R. 26/03/1980 n 327, dal vigente Regolamento Comunale di Igiene, nonché (4).. COMUNICA DI INTRAPRENDERE L ATTIVITA DI: (5) deposito confezionamento preparazione produzione О con somministrazione О con annessa vendita Dei seguenti prodotti o sostanze alimentari: (6).. nel/la: (5) stabilimento industriale laboratorio artigianale laboratorio annesso ad esercizio di vendita/somministrazione centro cottura circolo privato agriturismo tipo: esercizio pubblico di A B C D refezione: mensa e aziendale scolastica di comunità (7) per: deposito distribuzione all ingrosso (7) distribuzione al dettaglio.. (specificare) altro nei locali ubicati nel Comune di.(...) via/piazza.n... con denominazione commerciale (insegna):.. l attività avranno carattere (5) STAGIONALE PERMAMENTE l esercizio rimarrà chiuso, per chiusura settimanale, il giorno (8) Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

2 E CHIEDE, PERTANTO, IL RILASCIO DELLA RELATIVA AUTORIZZAZIONE SANITARIA. ALLO SCOPO DICHIARA Di aver preso visione della nota informativa sulle modalità di rilascio della AUT. SAN. di aver presentato tutti gli allegati previsti e ogni ulteriore specifica tecnica ritenuta necessaria alle attività per le quali viene inoltrata la presente domanda. Di aver presentato gli allegati minimi, così come definiti nella nota informativa, per la procedibilità, impegnandosi a completare tutta la documentazione prevista in occasione del sopralluogo ispettivo. I locali, la struttura e le attrezzature sono già predisposti. I locali, la struttura e le attrezzature devono essere completati e sarà cura del richiedente comunicare l avvenuto approntamento con comunicazione scritta (anche a mezzo fax) dando contestuale garanzia della consegna in sede di sopralluogo degli eventuali allegati risultanti carenti in fase di presentazione della domanda ( si ricorda che il procedimento amministrativo, ai sensi della L. 241 del 07/08/1990 avrà inizio dalla data di ricevimento della predetta comunicazione). CHIEDE, cortesemente che tutte le comunicazioni vengano trasmesse al seguente indirizzo: Comune..( ) C.A.P.. Via/piazza.. n civico. ALLEGA LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE: (5) A. Pianta planimetrica e sezione quotata dei locali, in triplice copia, in scala 1:100 o 200 salvo diverse indicazioni, con precisazione del calcolo dei rapporti aeroilluminanti, della destinazione d uso dei locali e della disposizione spaziale dei principali impianti e attrezzature, eventualmente integrate dall estratto mappa, firmate sotto la propria responsabilità, dal titolare o legale rappresentante. A/1. Copia del certificato di agibilità/licenza d uso dei locali o documentazione equipollente ritenuta idonea, che attesti la destinazione d uso dei locali. A/2. Attestazione di avvenuto pagamento alla tesoreria dell Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Lecco, sul Conto Corrente Postale N della somma dovuta per le prestazioni a favore di terzi (sopralluogo per l autorizzazione Sanitaria), a norma del tariffario vigente ed approvato, ai sensi della Deliberazione Aziendale vigente. B. relazione descrittiva dei locali, degli impianti, delle attrezzature e dei sistemi adottati per assicurare la salubrità e la conservazione delle sostanze alimentari comprensiva di: (7) Indicazione del numero dipendenti o addetti, distinti per sesso; Descrizione della modalità di approvvigionamento idrico (se la struttura non risulta allacciata all acquedotto pubblico, allegare copia del certificato di potabilità di data non anteriore a 3 mesi, rilasciato da un laboratorio pubblico e una relazione tecnica descrittiva e lo schema dell impianto di approvvigionamento); Denuncia di eventuali impianti di trattamento (ad es. addolcitori, potabilizzatori a raggi UV, ecc.) e relazione tecnica descrittiva dell impianto di trattamento; Descrizione delle modalità di smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi ivi compresi eventuali oli di frittura ed eventuali modalità di trattamento delle acque reflue. B/1. Dichiarazione complementare in materia di igiene e sanità pubblica attestante: La rispondenza di macchinari e attrezzature alle norme vigenti in materia antinfortunistica; L uso esclusivo, l integrità, il corretto posizionamento e la conformità delle canne fumarie e/o di esalazione, in particolare per quanto riguarda il convogliamento e lo scarico dei fumi e dei vapori oltre il tetto dell edificio; Gli adempimenti inerenti l adeguamento della struttura alle norme vigenti in merito a: - prevenzione incendi e isolamento acustico rispetto a spazi abitativi confinanti; - utilizzo per il lavoro di locali interrati, seminterrati e/o di altezza non regolamentare; - raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi, compresi eventuali oli di frittura; - modalità di convogliamento, eventuale trattamento e smaltimento delle acque reflue. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

3 C/1. Dichiarazione di conformità degli impianti elettrici rilasciata dagli esecutori delle opere o da tecnici abilitati ai sensi della Legge 05/03/1990 n 46, se realizzati e/o sottoposti a interventi di manutenzione o modifica successivamente al 13/03/1990, corredata della copia del Certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico professionali, ovvero : C/2. Dichiarazione, rilasciata da tecnici abilitati che abbiano verificato l impianto, da cui risulti che l impianto elettrico è stato realizzato e costruito a regola d arte, a norma di legge 01/03/1968 n 186, prima del 13/03/1990, e non più modificato successivamente a tale data, corredata della copia del Certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico professionali. D/1. Dichiarazione di conformità rilasciata dagli esecutori delle opere o da tecnici abilitati in merito alla rispondenza alla normativa vigente circa l esecuzione, nel rispetto dei requisiti previsti dal Regolamento Comunale d Igiene, degli impianti tecnologici di riscaldamento (impianti a gas), condizionamento e idro-sanitario, corredata della copia del Certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico professionali, ovvero: D/2. Dichiarazione analoga a quella di cui al precedente punto C/2; E. Copia del certificato di iscrizione al Registro delle imprese della C.C.I.A.A., recante la dicitura Nulla osta ai fini dell articolo 10 della legge 31/05/1965 n 575 e successive modificazioni. La presente comunicazione è emessa dalla C.C.I.A.A. utilizzando il collegamento telematico con il sistema informativo utilizzato dalla Prefettura di Roma o autocertificazione. F. Estremi di deposito ed esemplari dei marchi depositati identificativi dell impresa (ove previsti). I locali, la struttura e le attrezzature sono già stati predisposti (5) SI NO Essi saranno presumibilmente predisposti a partire dal. (8) In ogni caso, il sottoscritto darà comunicazione scritta dell ultimazione dei lavori, e prende atto che il procedimento amministrativo di cui alla Legge 07/08/1990 n 241 avrà inizio dalla data di ricevimento della predetta comunicazione. (8) o Dichiara ai sensi dell art. 10 della Legge sulla privacy (L. 675/96) di acconsentire al trattamento dei propri dati personali ai soli fini strettamente necessari per le attività sanitarie correlate all oggetto della presentazione Cognome... Nome. Data Firma leggibile. o IN FEDE DATA:... (firma per esteso e leggibile) Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

4 RELAZIONE DESCRITTIVA DEI LOCALI AI FINI DELL AUTORIZZAZIONE SANITARIA ALLEGATO B PER L ATTIVITA DI... SITO IN VIA.. N... IMPRESA.. RAGIONE SOCIALE TITOLARE O LEGALE RAPPRESENTANTE N. Previsto di addetti (compreso il titolare e i famigliari), di cui n.. collaboratori famigliari DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA LOCALI DI PREPARAZIONE (N Superficie complessiva mq..) LABORATORIO DI PRODUZIONE Superficie mq. altezza mt. (minimo mt. 2,70) LOCALE DI CONFEZIONAMENTO Superficie mq. altezza mt. (minimo mt. 2,70) CUCINA Superficie mq. altezza mt. (minimo mt. 2,70) VANO PREPARAZIONE PANINI Superficie mq. (solo per i bar) Pavimenti lavabili e disinfettabili SI NO tipo.. Pareti lavabili e disinfettabili SI NO fino all altezza di mt. (minimo mt. 2) Dispositivi anti insetti e roditori SI NO tipo... Punto di erogazione di acqua SI NO Con rubinetteria a comando non manuale SI NO Punto di cottura o riscaldo dei cibi SI NO con di cappa di aspirazione SI NO Convogliata in canna fumaria SI NO LOCALE/I DEPOSITO (N. Superficie complessiva mq...) per: ALIMENTI SFUSI Pavimenti lavabili e disinfettabili SI NO Pareti lavabili e disinfettabili SI NO Dispositivi anti insetti e roditori SI NO ALIMENTI CONFEZIONATI Pavimenti lavabili e disinfettabili SI NO Pareti lavabili e disinfettabili SI NO Dispositivi anti insetti e roditori SI NO ALIMENTI REFRIGERATI contenuti in n celle frigorifere tenute alla temperatura di:. C/. C/ C BEVANDE (in bottiglia, lattina, ecc.) SI NO PRODOTTI PER LA PULIZIA contenuti in locale/vano/armadietto separato SI NO N SALE DI SOMMINISTRAZIONE Superficie totale mq... altezza mt. Numero di posti a sedere (compreso il bar) N PERTINENZE ESTERNE Superficie totale mq. n... posti a sedere N LOCALI DI VENDITA Superficie totale mq.... altezza mt. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

5 ISTRUZIONI E NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLA PRESENTE DOMANDA (1) Indicare la qualifica del richiedente: titolare, responsabile, legale rappresentante, amministratore unico, amministratore, socio accomandatario, presidente (pro tempore), sindaco (pro tempore), ecc. (2) Ditta ai sensi dell art del Codice Civile: indicare, con precisione, il nome e la ragione sociale dell impresa: ditta individuale, società per azioni (S.p.A.), società in nome collettivo (S.N.C.), società in accomandita semplice (S.A.S.), società in accomandita per azioni (S.A.p.A.), società cooperativa, associazione di persone, Ente Morale di diritto pubblico, Ente Morale di diritto privato, Amministrazione Comunale di, ecc. (3) Indicare la sede legale della ditta, sia che risulti uguale sia che risulti diversa dalla residenza del legale rappresentante e/o dall ubicazione dei locali di lavorazione. (4) Specificare, se del caso, eventualmente, altre leggi o regolamenti di riferimento (ad es.: DD. MM. 185/91, art. 6/8/10 D.P.R: 19/03/1956 n 303, Legge 07/08/1990 n 241, ecc.). (5) Barrare la/le casella/e corrispondente/i. (6) A) Precisare, se del caso, modalità di produzione, preparazione e/o confezionamento di sostanze alimentari, più specifiche, quali, ad esempio il confezionamento sottovuoto o in atmosfera modificata, il surgelamento, la precottura, il rinvenimento di prodotti precotti, o quelle elencate alla successiva lettera d). b) Indicare, per categorie di generi merceologici, le sostanze alimentari che si intendono produrre, preparare, confezionare e/o tenere in deposito; ad esempio: aceto ed agri alimenti surgelati o congelati bevande alcoliche, liquori e simili bevande analcoliche birra sidro vino budini, creme e simili caffè, cacao, cioccolato camomilla, thè e simili caramelle e generi di confetteria cereali, farine e derivati condimenti, margarine, e simili confetture e/o marmellate di frutta conserve vegetali (UHT, ecc.) funghi e tartufi gelati, frullati succhi di frutta e simili generi gastronomici diversi olio d oliva e/o di semi pane e prodotti secchi da forno pasta alimentare, cuscus e farinacei pasticceria secca e/o fresca pizze, focacce e simili prodotti lattiero caseari prodotti liofilizzati o disidratati prodotti ortofrutticoli (frutta e verdura) spezie, erbe aromatiche zucchero ecc. c) Per i prodotti di gastronomia/rosticceria indicare le principali tipologie utilizzando, eventualmente, i codici o le denominazioni delle tipologie indicate alla sottostante lettera d). d) Per i pubblici esercizi e le mense indicare con precisine le produzioni o preparazioni che si intendono effettuare, eventualmente, utilizzando una o più fra i seguenti codici: Cod. 1 Preparazione di generi di caffetteria (caffè, thè, ecc.) Cod. 2 Preparazione di succhi di frutta (spremute), frullati, ecc. Cod. 3 Preparazione estemporanea di panini, toast e simili, anche caldi. Cod. 4 Semplice cottura di brioche e simili da impasti crudi, semicotti, surgelati o conservati alle basse temperature. Cod. 5 Preparazione (anche non estemporanea) di panini, toast e simili (tramezzini, focacce, pizzette, tartine, ecc.). Cod. 6 Preparazione di ingredienti per la farcitura di panini (ad es. cottura di alimenti al vapore, alla griglia o alla piastra) e/o patatine fritte. Cod. 7 Preparazione per la somministrazione (rinvenimento o riscaldamento e/o completamento di cottura) di alimenti precucinati provenienti da laboratori autorizzati. Cod. 8 Produzione specializzata di determinati generi gastronomici (spaghetti, risotti, pizze, focacce, pizzette, tartine, ecc.). Cod. 9 Produzione di generi gastronomici diversi (prime colazioni, primi piatti, secondi piatti, o pasti completi), esclusa la produzione di pasta fresca, pasta fresca con ripieno e/o pasticceria fresca. Cod. 10 Produzione di generi gastronomici diversi (prime colazioni, primi piatti, secondi piatti, o pasti completi), compresa la produzione di pasta fresca, pasta fresca con ripieno e/o pasticceria fresca. Cod. 11 Congelamento di materie prime e semilavorati, prodotti intermedi, destinati alla produzione di piatti gastronomici (complementare ad una delle voci sopra indicate). (7) I depositi sono esonerati dall obbligo di produrre la documentazione di cui alla lettera C) (limitatamente alla descrizione dell impianto di approvvigionamento idrico) e alla lettera D). (8) Per gli esercizi pubblici il giorno di chiusura dovrà essere comunicato non appena noto. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA A) Nel rispetto di quanto descritto dal Decreto Legislativo 26/ n 155, la seguente documentazione integrativa e, in particolare, quella ai punti da 1) a 4), deve essere predisposta non appena iniziata l attività e deve essere tenuta a disposizione dell autorità competente per la vigilanza. 1) descrizione delle aree di deposito e immagazzinaggio momentaneo e definitivo, 2) diagramma di flusso delle sequenze operative, 3) descrizione dei protocolli di sanificazione, 4) il protocollo HACCP adottato, 5) elenco degli additivi chimici e dei coadiuvanti tecnologici da impiegarsi, 6) descrizione delle procedure di controllo di qualità, 7) indicazione del numero presumibile degli addetti per reparto/linea produttiva. B) Per le mense, indicare il numero massimo di pasti prodotti e/o somministrati. NOTA BENE: Il rilascio dell autorizzazione sanitaria è subordinato alla presentazione di quanto segue: - UNA marca da bollo del valore vigente per l originale dell autorizzazione. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

6 SERVIZI IGIENICI E SPOGLIATOI (1) N.. SERVIZI IGIENICI, DI CUI: N.. ad uso pubblico Di questi uno è fruibile da disabili SI NO N ad uso esclusivo del personale addetto N.. LOCALI SPOGLIATOIO locale/i separato/i SI NO Utilizzo dell antibagno (minimo mq. 3) SI NO Dotato di aerazione diretta dall esterno SI NO Con n... Armadietti individuali a doppio scomparto Con n... docce APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Da acquedotto pubblico SI NO da pozzo o sorgente privata SI NO Eventuali trattamenti (2) SI NO quali. Serbatoio di raccolta privato SI NO capacità lt.. Costruito in... Condutture costituite con materiali idonei (specificare) Rete di distribuzione idrica doppia per acqua potabile e acqua con caratteristiche diverse (3) SI NO RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI E DEGLI SCARICHI LIQUIDI Rifiuti solidi urbani raccolti in contenitori chiudibili e di facile pulizia e disinfezione NO SI Rifiuti solidi (residui alimentari) rapidamente allontanati dai locali di lavorazione/deposito SI NO Smaltimento definitivo tramite Scarico delle acque reflue senza rischi di contaminazione per i prodotti alimentari NO SI DESCRIZIONE DELL ATTIVITA 1. individuazioni principali cicli produttivi e elenco apparecchiature Descrizione dei sistemi scelti per assicurare la salubrità e la conservazione delle sostanze alimentari:.. Mod. PS rev. 1 del

7 3. descrizione dei sistemi scelti per garantire l igiene della struttura, la pulizia e sanificazione delle attrezzature e degli utensili: Ai fini della comunicazione di inizio di attività domanda di autorizzazione sanitaria inerente l attività di cui in premessa, il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa, CONFERMA E SOTTOSCRIVE la descrizione dei locali e delle attrezzature sopra riportata e dichiara quanto segue: che ha già predisposto / che sta predisponendo (4) un programma di autocontrollo dell attività, ai sensi del decreto Legislativo 26/05/1997 nà 155, basato sul sistema HACCP, comprensivo di un programma dettagliato di pulizia e disinfezione di locali ed attrezzature; che i locali, gli impianti e le attrezzature sono stati realizzati e allestiti nel rispetto delle vigenti norme di igiene ed in particolare dell art. 28 del D.P.R. 26/03/1980 n 327, del titolo IV del Regolamento Comunale di Igiene e dell Allegato del Decreto Legislativo 26/05/1997 n 155, in quanto applicabili. (5). Data, Firma del dichiarante NOTE PER LA COMPILAZIONE DEL PRESENTE MODELLO ALLEGATO B 1. Requisiti previsti per i servizi igienici dal Regolamento comunale di Igiene: altezza minima mt. 2,40, aerazione naturale o ventilazione forzata, antibagno dotato di porta a ritorno automatico, impermeabilizzazione delle pareti fino all altezza di mt. 2, dispositivi di erogazione dell acqua a comando non manuale con esclusione del comando a gomito, distributore automatico di sapone, asciugamani a perdere. Nelle nuove attività, almeno un servizio igienico per il pubblico deve essere fruibile dai soggetti portatori di handicap fisico, ovvero conforme al disposto del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 236/89. Per alcune lavorazioni, è prevista almeno una doccia. 2. Se Sì, allegare relazione tecnica descrittiva e/o schema dell impianto di trattamento, come indicato al punto B/2 della domanda di autorizzazione. 3. Se Sì, allegare pianta planimetrica con evidenziazione delle rete idriche di distribuzione dell acqua potabile e dell acqua non potabile. 4. Cancellare il caso che non interessa. Se il piano di autocontrollo è già predisposto ed è attuato, la documentazione relativa, compresa quella inerente l affido dell incarico di responsabile, deve essere tenuta a disposizione dell autorità competente per la vigilanza. In caso contrario, il Piano HACCP dovrà essere predisposto e attuato nel più breve tempo possibile. Si ricorda che l autocontrollo (art. 3 D. Lgs. 155/97) è volto a garantire la sicurezza igienica degli alimenti e si avvale del sistema HACCP, che prevede l analisi dei potenziali pericoli per gli alimenti, l individuazione e il monitoraggio dei punti di controllo critici e l adozione di misure preordinate e standardizzate per tenere sotto controllo i punti critici individuati e, quindi, garantire l igiene dei prodotti manipolati. 5. Dichiarazione ai sensi dell art. 19 comma 1 della legge 07/08/1990 n 241, modificato dall art. 2 comma 10 della legge 24/12/1993 n 537. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

8 DICHIARAZIONI COMPLEMENTARI IN MATERIA DI IGIENE E SANITA PUBBLICA ALLEGATO B/1 PER L ATTIVITA DI... SITO IN VIA.. N... IMPRESA RAGIONE SOCIALE.. TITOLARE O LEGALE RAPPRESENTANTE A corredo della comunicazione di inizio di attività/domanda di autorizzazione sanitaria inerente l attività di cui sopra, il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa dichiara quanto segue: Che ha dato corso agli adempimenti previsti in materia di Prevenzione Incendi; Che ha predisposto il fonoisolamento dei locali rispetto ad eventuali locali adiacenti o confinanti adibiti ad uso abitativo, come previsto dagli articoli da a del vigente Regolamento Comunale di Igiene, e che, in ogni caso, provvederà agli adeguamenti prescritti nel caso questi si rendano necessari; Che tutti i macchinari, gli impianti e le attrezzature sono rispondenti alle norme vigenti in materia di prevenzione degli infortuni antinfortunistica; Che è previsto/ non è previsto (*) l utilizzo per il lavoro (produzione e/o preparazione e/o confezionamento), con permanenza di persone, di locali interrati o seminterrati sono/non sono (*) convenientemente isolati dal terrapieno e dal suolo circostante e/o sottostante con idonee intercapedini e/o idonei vespai; Che l attività non prevede l utilizzo di canne fumarie e/o di esalazione, o in caso contrario, che le canne fumarie e/o di esalazione sono ad uso esclusivo dell attività, integre, correttamente posizionate e conforme alle vigenti normative tecniche e sanitarie (in parti,colare al disposto degli articoli da a del vigente Regolamento Comunale di Igiene), in particolare per quanto riguarda il convogliamento e lo scarico dei fumi e dei vapori oltre il tetto dell edificio e l ubicazione dei terminali tale da non creare nocumento o molestia ai vicini; Che le modalità di raccolta, convogliamento e scarico delle acque reflue sono conformi alle vigenti leggi e normative in materia (Legge 19/ n 119, deliberazione del Comitato dei Ministri per la Tutela delle Acque dall inquinamento del 04/02/1977, Legge regionale 27/05/1985 n 62, ecc.). ALTRE EVENTUALI NOTIZIE UTILI:. Data,. Firma del Dichiarante.. (*) Cancellare il caso che non interessa. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Piazzale San Lorenzo Giustiniani 11/D 30174 Zelarino Venezia tel. 041 2607135 8486-8465 fax 041 2607145 REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Disposizioni generali

Disposizioni generali IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLE BEVANDE CAPITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Ambiti e organi di vigilanza I Servizi o Unità Operative di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione e Igiene degli Alimenti

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 maggio 2014, n. G06917 "Deliberazione della Giunta Regionale del 14 gennaio 2011 n. 3". Procedura

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott.

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott. LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE, NELL AMBITO DELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE, DELLA NORMATIVA COMUNITARIA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Protocollo n. MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE AL COMUNE DI SALA CONSILINA Servizio Commercio e Attività Produttive Dati del richiedente: Il/La sottoscritto/a cittadinanza SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CITTÀ DI PALERMO AREA SERVIZI ALLE IMPRESE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - SPORTELLO UNICO REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 1 SOMMARIO Parte I. le forme del commercio su aree pubbliche e relative

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli