DISTRETTO DI. OGGETTO: Domanda di Autorizzazione Sanitaria ai sensi dell art. 2 della legge 30/04/1962 n 283. Il/la sottoscritto/a. Residente in.(.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRETTO DI. OGGETTO: Domanda di Autorizzazione Sanitaria ai sensi dell art. 2 della legge 30/04/1962 n 283. Il/la sottoscritto/a. Residente in.(."

Transcript

1 mod. AS30A Marca da Bollo AL DIRETTORE GENERALE DELL AZIENDA SANITARIA DELLA PROVINCIA DI LECCO Corso Carlo Alberto LECCO - DISTRETTO DI. OGGETTO: Domanda di Autorizzazione Sanitaria ai sensi dell art. 2 della legge 30/04/1962 n 283. Il/la sottoscritto/a. Nato/a a ( ) il. Residente in.(.) Via/piazza.. n Codice fiscale.. Nella sua qualità di (1) Della ditta/ente (2) Con sede legale in (3)..(.) Via/piazza..n. Partita I.V.A. n. Recapito telefonico.. A norma di quanto disposto dall art. 2 della Legge 30/04/1962 n 283, dagli articoli 25 e seguenti del relativo regolamento di esecuzione D.P.R. 26/03/1980 n 327, dal vigente Regolamento Comunale di Igiene, nonché (4).. COMUNICA DI INTRAPRENDERE L ATTIVITA DI: (5) deposito confezionamento preparazione produzione О con somministrazione О con annessa vendita Dei seguenti prodotti o sostanze alimentari: (6).. nel/la: (5) stabilimento industriale laboratorio artigianale laboratorio annesso ad esercizio di vendita/somministrazione centro cottura circolo privato agriturismo tipo: esercizio pubblico di A B C D refezione: mensa e aziendale scolastica di comunità (7) per: deposito distribuzione all ingrosso (7) distribuzione al dettaglio.. (specificare) altro nei locali ubicati nel Comune di.(...) via/piazza.n... con denominazione commerciale (insegna):.. l attività avranno carattere (5) STAGIONALE PERMAMENTE l esercizio rimarrà chiuso, per chiusura settimanale, il giorno (8) Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

2 E CHIEDE, PERTANTO, IL RILASCIO DELLA RELATIVA AUTORIZZAZIONE SANITARIA. ALLO SCOPO DICHIARA Di aver preso visione della nota informativa sulle modalità di rilascio della AUT. SAN. di aver presentato tutti gli allegati previsti e ogni ulteriore specifica tecnica ritenuta necessaria alle attività per le quali viene inoltrata la presente domanda. Di aver presentato gli allegati minimi, così come definiti nella nota informativa, per la procedibilità, impegnandosi a completare tutta la documentazione prevista in occasione del sopralluogo ispettivo. I locali, la struttura e le attrezzature sono già predisposti. I locali, la struttura e le attrezzature devono essere completati e sarà cura del richiedente comunicare l avvenuto approntamento con comunicazione scritta (anche a mezzo fax) dando contestuale garanzia della consegna in sede di sopralluogo degli eventuali allegati risultanti carenti in fase di presentazione della domanda ( si ricorda che il procedimento amministrativo, ai sensi della L. 241 del 07/08/1990 avrà inizio dalla data di ricevimento della predetta comunicazione). CHIEDE, cortesemente che tutte le comunicazioni vengano trasmesse al seguente indirizzo: Comune..( ) C.A.P.. Via/piazza.. n civico. ALLEGA LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE: (5) A. Pianta planimetrica e sezione quotata dei locali, in triplice copia, in scala 1:100 o 200 salvo diverse indicazioni, con precisazione del calcolo dei rapporti aeroilluminanti, della destinazione d uso dei locali e della disposizione spaziale dei principali impianti e attrezzature, eventualmente integrate dall estratto mappa, firmate sotto la propria responsabilità, dal titolare o legale rappresentante. A/1. Copia del certificato di agibilità/licenza d uso dei locali o documentazione equipollente ritenuta idonea, che attesti la destinazione d uso dei locali. A/2. Attestazione di avvenuto pagamento alla tesoreria dell Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Lecco, sul Conto Corrente Postale N della somma dovuta per le prestazioni a favore di terzi (sopralluogo per l autorizzazione Sanitaria), a norma del tariffario vigente ed approvato, ai sensi della Deliberazione Aziendale vigente. B. relazione descrittiva dei locali, degli impianti, delle attrezzature e dei sistemi adottati per assicurare la salubrità e la conservazione delle sostanze alimentari comprensiva di: (7) Indicazione del numero dipendenti o addetti, distinti per sesso; Descrizione della modalità di approvvigionamento idrico (se la struttura non risulta allacciata all acquedotto pubblico, allegare copia del certificato di potabilità di data non anteriore a 3 mesi, rilasciato da un laboratorio pubblico e una relazione tecnica descrittiva e lo schema dell impianto di approvvigionamento); Denuncia di eventuali impianti di trattamento (ad es. addolcitori, potabilizzatori a raggi UV, ecc.) e relazione tecnica descrittiva dell impianto di trattamento; Descrizione delle modalità di smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi ivi compresi eventuali oli di frittura ed eventuali modalità di trattamento delle acque reflue. B/1. Dichiarazione complementare in materia di igiene e sanità pubblica attestante: La rispondenza di macchinari e attrezzature alle norme vigenti in materia antinfortunistica; L uso esclusivo, l integrità, il corretto posizionamento e la conformità delle canne fumarie e/o di esalazione, in particolare per quanto riguarda il convogliamento e lo scarico dei fumi e dei vapori oltre il tetto dell edificio; Gli adempimenti inerenti l adeguamento della struttura alle norme vigenti in merito a: - prevenzione incendi e isolamento acustico rispetto a spazi abitativi confinanti; - utilizzo per il lavoro di locali interrati, seminterrati e/o di altezza non regolamentare; - raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi, compresi eventuali oli di frittura; - modalità di convogliamento, eventuale trattamento e smaltimento delle acque reflue. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

3 C/1. Dichiarazione di conformità degli impianti elettrici rilasciata dagli esecutori delle opere o da tecnici abilitati ai sensi della Legge 05/03/1990 n 46, se realizzati e/o sottoposti a interventi di manutenzione o modifica successivamente al 13/03/1990, corredata della copia del Certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico professionali, ovvero : C/2. Dichiarazione, rilasciata da tecnici abilitati che abbiano verificato l impianto, da cui risulti che l impianto elettrico è stato realizzato e costruito a regola d arte, a norma di legge 01/03/1968 n 186, prima del 13/03/1990, e non più modificato successivamente a tale data, corredata della copia del Certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico professionali. D/1. Dichiarazione di conformità rilasciata dagli esecutori delle opere o da tecnici abilitati in merito alla rispondenza alla normativa vigente circa l esecuzione, nel rispetto dei requisiti previsti dal Regolamento Comunale d Igiene, degli impianti tecnologici di riscaldamento (impianti a gas), condizionamento e idro-sanitario, corredata della copia del Certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico professionali, ovvero: D/2. Dichiarazione analoga a quella di cui al precedente punto C/2; E. Copia del certificato di iscrizione al Registro delle imprese della C.C.I.A.A., recante la dicitura Nulla osta ai fini dell articolo 10 della legge 31/05/1965 n 575 e successive modificazioni. La presente comunicazione è emessa dalla C.C.I.A.A. utilizzando il collegamento telematico con il sistema informativo utilizzato dalla Prefettura di Roma o autocertificazione. F. Estremi di deposito ed esemplari dei marchi depositati identificativi dell impresa (ove previsti). I locali, la struttura e le attrezzature sono già stati predisposti (5) SI NO Essi saranno presumibilmente predisposti a partire dal. (8) In ogni caso, il sottoscritto darà comunicazione scritta dell ultimazione dei lavori, e prende atto che il procedimento amministrativo di cui alla Legge 07/08/1990 n 241 avrà inizio dalla data di ricevimento della predetta comunicazione. (8) o Dichiara ai sensi dell art. 10 della Legge sulla privacy (L. 675/96) di acconsentire al trattamento dei propri dati personali ai soli fini strettamente necessari per le attività sanitarie correlate all oggetto della presentazione Cognome... Nome. Data Firma leggibile. o IN FEDE DATA:... (firma per esteso e leggibile) Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

4 RELAZIONE DESCRITTIVA DEI LOCALI AI FINI DELL AUTORIZZAZIONE SANITARIA ALLEGATO B PER L ATTIVITA DI... SITO IN VIA.. N... IMPRESA.. RAGIONE SOCIALE TITOLARE O LEGALE RAPPRESENTANTE N. Previsto di addetti (compreso il titolare e i famigliari), di cui n.. collaboratori famigliari DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA LOCALI DI PREPARAZIONE (N Superficie complessiva mq..) LABORATORIO DI PRODUZIONE Superficie mq. altezza mt. (minimo mt. 2,70) LOCALE DI CONFEZIONAMENTO Superficie mq. altezza mt. (minimo mt. 2,70) CUCINA Superficie mq. altezza mt. (minimo mt. 2,70) VANO PREPARAZIONE PANINI Superficie mq. (solo per i bar) Pavimenti lavabili e disinfettabili SI NO tipo.. Pareti lavabili e disinfettabili SI NO fino all altezza di mt. (minimo mt. 2) Dispositivi anti insetti e roditori SI NO tipo... Punto di erogazione di acqua SI NO Con rubinetteria a comando non manuale SI NO Punto di cottura o riscaldo dei cibi SI NO con di cappa di aspirazione SI NO Convogliata in canna fumaria SI NO LOCALE/I DEPOSITO (N. Superficie complessiva mq...) per: ALIMENTI SFUSI Pavimenti lavabili e disinfettabili SI NO Pareti lavabili e disinfettabili SI NO Dispositivi anti insetti e roditori SI NO ALIMENTI CONFEZIONATI Pavimenti lavabili e disinfettabili SI NO Pareti lavabili e disinfettabili SI NO Dispositivi anti insetti e roditori SI NO ALIMENTI REFRIGERATI contenuti in n celle frigorifere tenute alla temperatura di:. C/. C/ C BEVANDE (in bottiglia, lattina, ecc.) SI NO PRODOTTI PER LA PULIZIA contenuti in locale/vano/armadietto separato SI NO N SALE DI SOMMINISTRAZIONE Superficie totale mq... altezza mt. Numero di posti a sedere (compreso il bar) N PERTINENZE ESTERNE Superficie totale mq. n... posti a sedere N LOCALI DI VENDITA Superficie totale mq.... altezza mt. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

5 ISTRUZIONI E NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLA PRESENTE DOMANDA (1) Indicare la qualifica del richiedente: titolare, responsabile, legale rappresentante, amministratore unico, amministratore, socio accomandatario, presidente (pro tempore), sindaco (pro tempore), ecc. (2) Ditta ai sensi dell art del Codice Civile: indicare, con precisione, il nome e la ragione sociale dell impresa: ditta individuale, società per azioni (S.p.A.), società in nome collettivo (S.N.C.), società in accomandita semplice (S.A.S.), società in accomandita per azioni (S.A.p.A.), società cooperativa, associazione di persone, Ente Morale di diritto pubblico, Ente Morale di diritto privato, Amministrazione Comunale di, ecc. (3) Indicare la sede legale della ditta, sia che risulti uguale sia che risulti diversa dalla residenza del legale rappresentante e/o dall ubicazione dei locali di lavorazione. (4) Specificare, se del caso, eventualmente, altre leggi o regolamenti di riferimento (ad es.: DD. MM. 185/91, art. 6/8/10 D.P.R: 19/03/1956 n 303, Legge 07/08/1990 n 241, ecc.). (5) Barrare la/le casella/e corrispondente/i. (6) A) Precisare, se del caso, modalità di produzione, preparazione e/o confezionamento di sostanze alimentari, più specifiche, quali, ad esempio il confezionamento sottovuoto o in atmosfera modificata, il surgelamento, la precottura, il rinvenimento di prodotti precotti, o quelle elencate alla successiva lettera d). b) Indicare, per categorie di generi merceologici, le sostanze alimentari che si intendono produrre, preparare, confezionare e/o tenere in deposito; ad esempio: aceto ed agri alimenti surgelati o congelati bevande alcoliche, liquori e simili bevande analcoliche birra sidro vino budini, creme e simili caffè, cacao, cioccolato camomilla, thè e simili caramelle e generi di confetteria cereali, farine e derivati condimenti, margarine, e simili confetture e/o marmellate di frutta conserve vegetali (UHT, ecc.) funghi e tartufi gelati, frullati succhi di frutta e simili generi gastronomici diversi olio d oliva e/o di semi pane e prodotti secchi da forno pasta alimentare, cuscus e farinacei pasticceria secca e/o fresca pizze, focacce e simili prodotti lattiero caseari prodotti liofilizzati o disidratati prodotti ortofrutticoli (frutta e verdura) spezie, erbe aromatiche zucchero ecc. c) Per i prodotti di gastronomia/rosticceria indicare le principali tipologie utilizzando, eventualmente, i codici o le denominazioni delle tipologie indicate alla sottostante lettera d). d) Per i pubblici esercizi e le mense indicare con precisine le produzioni o preparazioni che si intendono effettuare, eventualmente, utilizzando una o più fra i seguenti codici: Cod. 1 Preparazione di generi di caffetteria (caffè, thè, ecc.) Cod. 2 Preparazione di succhi di frutta (spremute), frullati, ecc. Cod. 3 Preparazione estemporanea di panini, toast e simili, anche caldi. Cod. 4 Semplice cottura di brioche e simili da impasti crudi, semicotti, surgelati o conservati alle basse temperature. Cod. 5 Preparazione (anche non estemporanea) di panini, toast e simili (tramezzini, focacce, pizzette, tartine, ecc.). Cod. 6 Preparazione di ingredienti per la farcitura di panini (ad es. cottura di alimenti al vapore, alla griglia o alla piastra) e/o patatine fritte. Cod. 7 Preparazione per la somministrazione (rinvenimento o riscaldamento e/o completamento di cottura) di alimenti precucinati provenienti da laboratori autorizzati. Cod. 8 Produzione specializzata di determinati generi gastronomici (spaghetti, risotti, pizze, focacce, pizzette, tartine, ecc.). Cod. 9 Produzione di generi gastronomici diversi (prime colazioni, primi piatti, secondi piatti, o pasti completi), esclusa la produzione di pasta fresca, pasta fresca con ripieno e/o pasticceria fresca. Cod. 10 Produzione di generi gastronomici diversi (prime colazioni, primi piatti, secondi piatti, o pasti completi), compresa la produzione di pasta fresca, pasta fresca con ripieno e/o pasticceria fresca. Cod. 11 Congelamento di materie prime e semilavorati, prodotti intermedi, destinati alla produzione di piatti gastronomici (complementare ad una delle voci sopra indicate). (7) I depositi sono esonerati dall obbligo di produrre la documentazione di cui alla lettera C) (limitatamente alla descrizione dell impianto di approvvigionamento idrico) e alla lettera D). (8) Per gli esercizi pubblici il giorno di chiusura dovrà essere comunicato non appena noto. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA A) Nel rispetto di quanto descritto dal Decreto Legislativo 26/ n 155, la seguente documentazione integrativa e, in particolare, quella ai punti da 1) a 4), deve essere predisposta non appena iniziata l attività e deve essere tenuta a disposizione dell autorità competente per la vigilanza. 1) descrizione delle aree di deposito e immagazzinaggio momentaneo e definitivo, 2) diagramma di flusso delle sequenze operative, 3) descrizione dei protocolli di sanificazione, 4) il protocollo HACCP adottato, 5) elenco degli additivi chimici e dei coadiuvanti tecnologici da impiegarsi, 6) descrizione delle procedure di controllo di qualità, 7) indicazione del numero presumibile degli addetti per reparto/linea produttiva. B) Per le mense, indicare il numero massimo di pasti prodotti e/o somministrati. NOTA BENE: Il rilascio dell autorizzazione sanitaria è subordinato alla presentazione di quanto segue: - UNA marca da bollo del valore vigente per l originale dell autorizzazione. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

6 SERVIZI IGIENICI E SPOGLIATOI (1) N.. SERVIZI IGIENICI, DI CUI: N.. ad uso pubblico Di questi uno è fruibile da disabili SI NO N ad uso esclusivo del personale addetto N.. LOCALI SPOGLIATOIO locale/i separato/i SI NO Utilizzo dell antibagno (minimo mq. 3) SI NO Dotato di aerazione diretta dall esterno SI NO Con n... Armadietti individuali a doppio scomparto Con n... docce APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Da acquedotto pubblico SI NO da pozzo o sorgente privata SI NO Eventuali trattamenti (2) SI NO quali. Serbatoio di raccolta privato SI NO capacità lt.. Costruito in... Condutture costituite con materiali idonei (specificare) Rete di distribuzione idrica doppia per acqua potabile e acqua con caratteristiche diverse (3) SI NO RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI E DEGLI SCARICHI LIQUIDI Rifiuti solidi urbani raccolti in contenitori chiudibili e di facile pulizia e disinfezione NO SI Rifiuti solidi (residui alimentari) rapidamente allontanati dai locali di lavorazione/deposito SI NO Smaltimento definitivo tramite Scarico delle acque reflue senza rischi di contaminazione per i prodotti alimentari NO SI DESCRIZIONE DELL ATTIVITA 1. individuazioni principali cicli produttivi e elenco apparecchiature Descrizione dei sistemi scelti per assicurare la salubrità e la conservazione delle sostanze alimentari:.. Mod. PS rev. 1 del

7 3. descrizione dei sistemi scelti per garantire l igiene della struttura, la pulizia e sanificazione delle attrezzature e degli utensili: Ai fini della comunicazione di inizio di attività domanda di autorizzazione sanitaria inerente l attività di cui in premessa, il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa, CONFERMA E SOTTOSCRIVE la descrizione dei locali e delle attrezzature sopra riportata e dichiara quanto segue: che ha già predisposto / che sta predisponendo (4) un programma di autocontrollo dell attività, ai sensi del decreto Legislativo 26/05/1997 nà 155, basato sul sistema HACCP, comprensivo di un programma dettagliato di pulizia e disinfezione di locali ed attrezzature; che i locali, gli impianti e le attrezzature sono stati realizzati e allestiti nel rispetto delle vigenti norme di igiene ed in particolare dell art. 28 del D.P.R. 26/03/1980 n 327, del titolo IV del Regolamento Comunale di Igiene e dell Allegato del Decreto Legislativo 26/05/1997 n 155, in quanto applicabili. (5). Data, Firma del dichiarante NOTE PER LA COMPILAZIONE DEL PRESENTE MODELLO ALLEGATO B 1. Requisiti previsti per i servizi igienici dal Regolamento comunale di Igiene: altezza minima mt. 2,40, aerazione naturale o ventilazione forzata, antibagno dotato di porta a ritorno automatico, impermeabilizzazione delle pareti fino all altezza di mt. 2, dispositivi di erogazione dell acqua a comando non manuale con esclusione del comando a gomito, distributore automatico di sapone, asciugamani a perdere. Nelle nuove attività, almeno un servizio igienico per il pubblico deve essere fruibile dai soggetti portatori di handicap fisico, ovvero conforme al disposto del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 236/89. Per alcune lavorazioni, è prevista almeno una doccia. 2. Se Sì, allegare relazione tecnica descrittiva e/o schema dell impianto di trattamento, come indicato al punto B/2 della domanda di autorizzazione. 3. Se Sì, allegare pianta planimetrica con evidenziazione delle rete idriche di distribuzione dell acqua potabile e dell acqua non potabile. 4. Cancellare il caso che non interessa. Se il piano di autocontrollo è già predisposto ed è attuato, la documentazione relativa, compresa quella inerente l affido dell incarico di responsabile, deve essere tenuta a disposizione dell autorità competente per la vigilanza. In caso contrario, il Piano HACCP dovrà essere predisposto e attuato nel più breve tempo possibile. Si ricorda che l autocontrollo (art. 3 D. Lgs. 155/97) è volto a garantire la sicurezza igienica degli alimenti e si avvale del sistema HACCP, che prevede l analisi dei potenziali pericoli per gli alimenti, l individuazione e il monitoraggio dei punti di controllo critici e l adozione di misure preordinate e standardizzate per tenere sotto controllo i punti critici individuati e, quindi, garantire l igiene dei prodotti manipolati. 5. Dichiarazione ai sensi dell art. 19 comma 1 della legge 07/08/1990 n 241, modificato dall art. 2 comma 10 della legge 24/12/1993 n 537. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

8 DICHIARAZIONI COMPLEMENTARI IN MATERIA DI IGIENE E SANITA PUBBLICA ALLEGATO B/1 PER L ATTIVITA DI... SITO IN VIA.. N... IMPRESA RAGIONE SOCIALE.. TITOLARE O LEGALE RAPPRESENTANTE A corredo della comunicazione di inizio di attività/domanda di autorizzazione sanitaria inerente l attività di cui sopra, il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa dichiara quanto segue: Che ha dato corso agli adempimenti previsti in materia di Prevenzione Incendi; Che ha predisposto il fonoisolamento dei locali rispetto ad eventuali locali adiacenti o confinanti adibiti ad uso abitativo, come previsto dagli articoli da a del vigente Regolamento Comunale di Igiene, e che, in ogni caso, provvederà agli adeguamenti prescritti nel caso questi si rendano necessari; Che tutti i macchinari, gli impianti e le attrezzature sono rispondenti alle norme vigenti in materia di prevenzione degli infortuni antinfortunistica; Che è previsto/ non è previsto (*) l utilizzo per il lavoro (produzione e/o preparazione e/o confezionamento), con permanenza di persone, di locali interrati o seminterrati sono/non sono (*) convenientemente isolati dal terrapieno e dal suolo circostante e/o sottostante con idonee intercapedini e/o idonei vespai; Che l attività non prevede l utilizzo di canne fumarie e/o di esalazione, o in caso contrario, che le canne fumarie e/o di esalazione sono ad uso esclusivo dell attività, integre, correttamente posizionate e conforme alle vigenti normative tecniche e sanitarie (in parti,colare al disposto degli articoli da a del vigente Regolamento Comunale di Igiene), in particolare per quanto riguarda il convogliamento e lo scarico dei fumi e dei vapori oltre il tetto dell edificio e l ubicazione dei terminali tale da non creare nocumento o molestia ai vicini; Che le modalità di raccolta, convogliamento e scarico delle acque reflue sono conformi alle vigenti leggi e normative in materia (Legge 19/ n 119, deliberazione del Comitato dei Ministri per la Tutela delle Acque dall inquinamento del 04/02/1977, Legge regionale 27/05/1985 n 62, ecc.). ALTRE EVENTUALI NOTIZIE UTILI:. Data,. Firma del Dichiarante.. (*) Cancellare il caso che non interessa. Mod. PS rev. 1 del 21/05/2001

OGGETTO: Domanda di autorizzazione sanitaria ai sensi dell art. 2 Legge 283/62

OGGETTO: Domanda di autorizzazione sanitaria ai sensi dell art. 2 Legge 283/62 Al Direttore Generale dell A.S.L. della Provincia di Sede di Marca da bollo OGGETTO: Domanda di autorizzazione sanitaria ai sensi dell art. 2 Legge 283/62 Il sottoscritto nato a: prov. ( ) il ( gg/mm/aa

Dettagli

RICHIESTA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER BAR E RISTORANTE (Igiene Pubblica)

RICHIESTA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER BAR E RISTORANTE (Igiene Pubblica) Marca da bollo Al Signor SINDACO DEL COMUNE di RICHIESTA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER BAR E RISTORANTE (Igiene Pubblica) Il sottoscritto Cognome Nome Codice fiscale Data di nascita Cittadinanza

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

Nuova attività Modifica attività

Nuova attività Modifica attività Sportello per l Esercizio delle Attività Produttive del Comune di Genova Via di Francia 1-16149 Genova seap@comune.genova.it ANAGRAFICA Rettifica ragione sociale Subentro (igiene) Nuova attività Modifica

Dettagli

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO:

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO: Schema di Relazione tecnica. DIA SANITARIA per STABILIMENTO O LABORATORIO DI PRODUZIONE, PREPARAZIONE E CONFEZIONAMENTO OD ESERCIZIO COMMERCIALE, NONCHE DEPOSITO DI SOSTANZE ALIMENTARI Lettera a) del quadro

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ASL OLBIA (S.I.A.N.) SERVIZIO IGIENE E ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE (S.I.A.O.A.)

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione A cura dei Medici di Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL di Carbonia: Gian Mauro Vinci, Gabriella Carta, Cesare Gradoli, Gabriella Pitzalis,. Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli

Dettagli

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2)

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2) Denuncia di inizio attività ai fini della registrazione ai sensi dell art. 6 del Regolamento CE n. 852/2004 e dell art. 10 della Delibera del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 40/R del 01/ agosto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN DICHIARA

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN DICHIARA RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN Il titolare/leg. Rappresentante della Ditta con sede operativa Comune di: Via n. tel. CONSAPEVOLE CHE, ai sensi

Dettagli

ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA

ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008)

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008) Pag. 1 di 7 Al Sig. Direttore UOC Veterinaria Area B (Igiene degli Alimenti di Origine Animale) Az.ULSS n.12 Dipartimento di Prevenzione P.le San Lorenzo Giustiniani, 11/d 30174 Zelarino Venezia (VE) Modello

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

ALLEGATO E: LABORATORIO DI PANIFICAZIONE

ALLEGATO E: LABORATORIO DI PANIFICAZIONE ALLEGATO E: LABORATORIO DI PANIFICAZIONE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO di PANIFICAZIONE PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge Regionale n 8 del 02.04.2007,

Dettagli

Ristorazione collettiva ed assistenziale

Ristorazione collettiva ed assistenziale Ristorazione collettiva ed assistenziale DEFINIZIONE Sono considerate attività di ristorazione collettiva la preparazione e/o la somministrazione di pasti in: Mense di Ospedali e Case di Cura; Case di

Dettagli

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Spazio per apporre il timbro di protocollo ASL TO3 All ASL TO3 Data Prot. ASL TO3 Servizio/S.C.... Oggetto: Notifica di inizio o variazione di attività ai

Dettagli

AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.1 CAMPANIA - CALORE IRPINO MODULISTICA

AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.1 CAMPANIA - CALORE IRPINO MODULISTICA AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.1 CAMPANIA - CALORE IRPINO MODULISTICA ISTANZA DI ASSIMILAZIONE ALLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE ATTRAVERSO DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA, AI SENSI DELL ART. 3,

Dettagli

ALLEGATO N: STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE

ALLEGATO N: STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE ALLEGATO N: STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge Regionale n 8 del 02.04.2007, in Lombardia,

Dettagli

SCIA- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ. NOTIFICA REGISTRAZIONE SANITARIA (ai sensi del Regolamento CE n.

SCIA- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ. NOTIFICA REGISTRAZIONE SANITARIA (ai sensi del Regolamento CE n. Al DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL DI PROSINONE S.S. Ispezione degli alimenti di o.a. Distretto per il tramite del COMUNE di SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (SUAP) NUOVA ATTIVITÀ SCIA-

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Legge n. 174/2005 D.Lgs. n. 59/2010

Dettagli

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90)

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Pagina 1 di 6 ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Al Comune di Fossano Ufficio Commercio 12045 FOSSANO Ai sensi della L. 17.08.2005 n 174

Dettagli

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDA U.S.L. 12 Viareggio Dipartimento di Prevenzione Gruppo di Lavoro Nuovi Insediamenti Produttivi MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) QUADRO A Il Modulo

Dettagli

UOC SIAN Dipartimento di Prevenzione ASL Roma D

UOC SIAN Dipartimento di Prevenzione ASL Roma D UOC SIAN Dipartimento di Prevenzione ASL Roma D Codice Attività TABELLA CODICI ATECO 2007 Descrizione 11110 COLTIVAZIONE DI CEREALI (ESCLUSO IL RISO) 11120 COLTIVAZIONE DI SEMI OLEOSI 11130 COLTIVAZIONE

Dettagli

A U T O C E R T I F I C A Z I O N E

A U T O C E R T I F I C A Z I O N E PRATICA SUAP N AUTOCERTIFICAZIONE 2 - ASUR A U T O C E R T I F I C A Z I O N E ATTESTANTE LA CONFORMITÀ DEL PROGETTO ALLE PRESCRIZIONI PREVISTE DALLE NORME VIGENTI ai sensi dell'art. 6 D.P.R. 447/98 e

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO Marca da bollo 14,62 Al Comune di Crema Il/La sottoscritt nat_ a il prov. cittadinanza residente a via n. C.F. tel. fax

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

Requisiti strutturali nella ristorazione

Requisiti strutturali nella ristorazione LEZIONE 59 Requisiti strutturali nella ristorazione REQUISITI MINIMI STRUTTURALI DEI LOCALI La divisione degli ambienti nella ristorazione Requisiti di accessibilità Tutela della salute per i non fumatori

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE PER LA CONFORMITA ALLE NORME IGIENICO SANITARIE

AUTOCERTIFICAZIONE PER LA CONFORMITA ALLE NORME IGIENICO SANITARIE C I T T À D I B R A Sportello Unico per l Edilizia Piazza Caduti per la Libertà, 14 12042 - Bra e mail urbanistica@comune.bra.cn.it P.E.C. comunebra@postecert.it AUTOCERTIFICAZIONE PER LA CONFORMITA ALLE

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune di Ai sensi del d.lgs. n.59/2010

Dettagli

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE Marca da bollo.14,62 Spett. Comune di Usmate Velate Ufficio Commercio Domanda per il rilascio dell Autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande ai sensi della L.R. n. 6/2010 art. 61 e segg.

Dettagli

Allo Sportello Unico Attività Produttive. Comune di

Allo Sportello Unico Attività Produttive. Comune di Allo Sportello Unico Attività Produttive Comune di PROT. N DEL SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LABORATORIO DI PANIFICAZIONE (Ai sensi dell art. 19 della L.241/90 e successive modifiche

Dettagli

IGIENE EDILIZIA SCHEDA SANITARIA

IGIENE EDILIZIA SCHEDA SANITARIA MOD. SCHEDA SANITARIA AGG.TO NOV. 2013 IGIENE EDILIZIA SCHEDA SANITARIA RICHIEDENTE INDIRIZZO (Via Frazione Comune) n. tel. LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO Via, Frazione, Comune, Sezione foglio mappale

Dettagli

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, 25 88100 Catanzaro!""#$% &#'%"(#")#$*(#")$"*(#")$+!,-#'%"(#")$# Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA

Dettagli

Provincia di Caserta DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER MANIFESTAZIONEOCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO E/O TRATTENIMENTO

Provincia di Caserta DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER MANIFESTAZIONEOCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO E/O TRATTENIMENTO VÉÅâÇx w ftç cü ávé Provincia di Caserta Bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER MANIFESTAZIONEOCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO E/O TRATTENIMENTO Il/La sottoscritto/a Cognome Nome C.F. data di nascita Luogo

Dettagli

MOD SAN 01 versione del 21/01/2009

MOD SAN 01 versione del 21/01/2009 COORDINAMENTO PROVINCIALE SUAP GROSSETO D.I.A. AD EFFICACIA IMMEDIATA REGISTRAZIONE STABILIMENTI SETTORE ALIMENTARE NON ASSOGGETTATI A REG. (CE) 853/04 (art. 12, comma 1, D.P.G.R. n 40/R del 1.8.2006)

Dettagli

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t.

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t. TABELLA Legenda inf. = inferiore l = litri m = metri lineari mc = metri cubi min. = minimo mq = metri quadrati p.l. = posto letto/posti letto p.p.s. = pasti per servizio p.t. = posto tavola/posti tavola

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1) Data sopralluogo: ora 2) R.S.A. Casa di Riposo Residenza Polifunzionale 3) Denominazione: 4) Ragione Sociale: 5) Comune indirizzo n civico piano su cui è collocata la casa

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

Denominazione: con sede legale nel Comune di Provincia Via/Piazza n. C.A.P. C.F. P. IVA (se diversa da C.F.)

Denominazione: con sede legale nel Comune di Provincia Via/Piazza n. C.A.P. C.F. P. IVA (se diversa da C.F.) Prot. n. Al Comune di Trieste Area Educazione, Università, Ricerca, Cultura e Sport P.O. - Sistema integrato pubblico-privato. Controllo e Accreditamento. Centri Estivi Data di presentazione:. SEGNALAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A.

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle domestiche, acque reflue assimilate alle domestiche, acque reflue di dilavamento, acque di prima

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

AREA IGIENICO SANITARIA 40 ORE:

AREA IGIENICO SANITARIA 40 ORE: Programma del corso abilitante all esercizio di somministrazione di alimenti e bevande ed esercizio dell attività commerciale nel settore alimentare (EX REC) 130 ore AREA IGIENICO SANITARIA 40 ORE: Quadro

Dettagli

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE CAPO I - ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, DELLE PROFESSIONI SANITARIE AUSILIARIE Art. 189

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione alimentare Sequenza di processo Progettazione,

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE TEMPORANEA PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE TEMPORANEA PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Applicare marca da bollo N.B. Allegare attestazione di avvenuto pagamento dei diritti di cui al tariffario SUAP AL COMUNE DI PALERMO Settore Servizi alle Imprese Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE AGI COMUNE DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE MODULO DI RICHIESTA AGIBILITÀ PROTOCOLLO GENERALE Marca da Bollo 16,00 NUMERO PROTOCOLLO AGIBILITÀ ANNO 201 AL SINDACO DEL COMUNE DI GUSPINI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE (Deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del 20.03.2006)

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE (Deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del 20.03.2006) REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE (Deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del 20.03.2006) TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

D.I.A. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PALESTRA

D.I.A. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PALESTRA timbro protocollo responsabile del procedimento data ricezione prot. gen. n. del prot. SUAP n parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune data modulistica: PALESTRE Mod. PAL1 - versione del 16/06/2009

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2 COMUNE di Ufficio DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2 Il/la sottoscritto/a di cittadinanza nato/a il a Provincia di CF. residente a C.A.P. in via/piazza n. In qualità di:

Dettagli

IGIENE DEGLI ALIMENTI

IGIENE DEGLI ALIMENTI SERVIZIO AZIENDA SICURA IGIENE DEGLI ALIMENTI Assiste ed informa il Responsabile sui temi dell Igiene degli Alimenti (Adempimenti previsti dalle disposizioni normative vigenti) Realizza il Manuale Aziendale

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE)

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Prot. N... Rich. N. /.. O.d.L. N... RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Il sottoscritto (1)

Dettagli

per conoscenza al Comune di GRADO

per conoscenza al Comune di GRADO spazio per l Ufficio All Azienda per i Servizi Sanitari n. 2 Isontina Dipartimento di Prevenzione Via Mazzini n. 7-34170 Gorizia per conoscenza al Comune di GRADO Oggetto: notifica di Nuova Impresa Alimentare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

RICHIESTA DI NULLA OSTA

RICHIESTA DI NULLA OSTA RICHIESTA DI NULLA OSTA Marca da bollo 14,62 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Gadesco Pieve Delmona Il/la sottoscritto/a - visto il D.P.R. 445/2000 C H I E D E il rilascio del nulla osta comunale

Dettagli

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-2 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme (L.R. n 3/2008, art. 1, comma 21) CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE URBANISTICA

Dettagli

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali.

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Spett.le Comune di OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Il sottoscritto (Cognome e Nome) (Codice Fiscale) Nato a (Comune o Stato Estero)

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

Struttura laboratorio e punto vendita

Struttura laboratorio e punto vendita Struttura laboratorio e punto vendita Cosa facciamo Progetto ristorazione Laboratorio centrale per carne pesce verdure e contorni Laboratorio in grado di preparare e conservare semilavorati che possono

Dettagli

Allegato C. Modello domanda autorizzazione strutture di cui all allegato A (rif. L.R. 11/2007)

Allegato C. Modello domanda autorizzazione strutture di cui all allegato A (rif. L.R. 11/2007) Bollo da 14,62 Allegato C. Modello domanda autorizzazione strutture di cui all allegato A (rif. L.R. 11/2007) All Istituzione Sociale Baianese Vallo di Lauro Ambito Territoriale A5 Sportello: Ufficio di

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sezione 1

RELAZIONE TECNICA sezione 1 RELAZIONE TECNICA sezione 1 Identificazione dello stabilimento (esercizio) Ragione sociale Sede operativa CAP via/piazza Numero addetti previsti Tipologia di attività Lavorazioni particolari Macelleria:

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

COMUNE DI MANTA P O L I Z I A A M M I N I S T R A T I V A SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ALLO S.U.A.P. DEL COMUNE DI MANTA SEGNALA

COMUNE DI MANTA P O L I Z I A A M M I N I S T R A T I V A SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ALLO S.U.A.P. DEL COMUNE DI MANTA SEGNALA CODICE PRATICA riservato allo SUAP ALLO S.U.A.P. DEL COMUNE DI MANTA AGENZIA DI AFFARI PER IL DISBRIGO DI PRATICHE AMMINISTRATIVE IN MATERIA FUNERARIA S.C.I.A. DI VARIAZIONE (Art. 115, R.D. 15 giugno 1931,

Dettagli

CHIEDE Il rilascio dell autorizzazione di cui alla L.R. 20/1999 per il funzionamento del presidio sanitario sito a Pietra Ligure in Via :

CHIEDE Il rilascio dell autorizzazione di cui alla L.R. 20/1999 per il funzionamento del presidio sanitario sito a Pietra Ligure in Via : Marca da bollo 14,62 Al Signor Sindaco P.zza Martiri della Libertà 30 17027 PIETRA LIGURE Il sottoscritto... nato a.... Provincia di il.. residente in....... Provincia di in Via....... C.A.P. in qualità

Dettagli

NOTIFICA TRASMESSA PER IL TRAMITE DEL SINDACO DEL. COMUNE DI (dove ha sede legale l impresa)

NOTIFICA TRASMESSA PER IL TRAMITE DEL SINDACO DEL. COMUNE DI (dove ha sede legale l impresa) NOTIFICA TRASMESSA PER IL TRAMITE DEL SINDACO DEL COMUNE DI (dove ha sede legale l impresa) SI TRASMETTE AL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA U.S.L. N. 106 DI TERAMO LA NOTIFICA DI MODIFICA SIGNIFICATIVA

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona RICHIESTA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001) Pratica Edilizia N. 20 COMUNE DI ORDONA Provincia di Foggia protocollo AREA TECNICA Marca da bollo da 14,62

Dettagli

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i.

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i. AL COMUNE DI RIVALTA di TORINO Settore Politiche del Territorio Servizio Edilizia Privata Protocollo generale Marca da Bollo. 14,62 Via Balma n. 5 10040 Rivalta (TO) Spazio riservato al servizio protocollo

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

Negozi mobili, Banchi mobili (temporanei), Cucine mobili etc.

Negozi mobili, Banchi mobili (temporanei), Cucine mobili etc. MODELLO DI RELAZIONE TECNICA DA ALLEGAR A Negozi mobili, Banchi mobili (temporanei), Cucine mobili etc. Riferimenti normativi: art. 6 Regolamento (CE) n.852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REGISTRAZIONE 852/04 REGIONE PIEMONTE. Di seguito è riportata la documentazione per la registrazione al Regolamento 852/04.

REGISTRAZIONE 852/04 REGIONE PIEMONTE. Di seguito è riportata la documentazione per la registrazione al Regolamento 852/04. REGISTRAZIONE 852/04 REGIONE PIEMONTE Di seguito è riportata la documentazione per la registrazione al Regolamento 852/04. Ulteriori specifiche sono disponibili al seguente indirizzo: http://www.regione.piemonte.it/sanita/sanpub/vigilanza/legislaz.htm

Dettagli

ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO

ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _ D. Lgs. 59/2010, L. 241/1990...l... sottoscritt...:

Dettagli