PASSO PASSO INSIEME ALLA PSICOLOGA IL PUNTO DEL DIRETTORE. Francesca Fenzo. Leonilde Grigoletto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PASSO PASSO INSIEME ALLA PSICOLOGA IL PUNTO DEL DIRETTORE. Francesca Fenzo. Leonilde Grigoletto"

Transcript

1 19 Marzo 2006 N 3 Direttore editoriale: Leonilde Grigoletto Proprietà: ASSOCIAZIONE VICENTINA MALATTIA DI PARKINSON - Via Mercato Nuovo, VICENZA Tel Autorizzazione del Tribunale di Vicenza: 8 Maggio 2003 n 1049 stampa in proprio Di rettore responsabile: Piero Erle IL PUNTO DEL DIRETTORE Leonilde Grigoletto Siamo già alla quarta edizione, di numero in numero, di quartino in quartino, di ottavo in dodicesimo e forse in sedicesimo! E le iniziative da portare avanti sono tante e tanti i nuovi amici che, al richiamo di un simpatico tam tam, sono pronti ad affiancarci e a far prosperare la nostra Associazione. Li conosciamo meglio nel riquadro a pag.6, a loro dedicato.nelle pagine di questo numero troveranno posto iniziative vecchie e nuove: - la partecipazione alla StraVicenza che vedrà atleti, amici, simpatizzanti e gli ospiti di Udine macinare i chilometri previsti dai percorsi con addosso la maglia della nostra Associazione recante il logo e il motto "Corri che ti passa", in coerenza con la teoria sposata dal Presidente che lo sport è una valida terapia contro la malattia. - il programma degli incontri con la logopedista. - il "passo passo" insieme alla nostra psicologa e alla sua nuova proposta. - una relazione-aggiornamento sui problemio del Parkinson del dott.luigi Bartolomei. - la presentazione di un importante ed innovativo progetto denominato "Volere è Potere", ideato e promosso direttamente dalla nostra Associazione in collaborazione con: La Casa di Cura "Villa Margherita"; l' U.L.SS n 6 di Vicenza e l'associazione Parkinson di Udine. - lo spazio dedicato alla creatività, che già si fregia delle pagine di Virgilio e Bruno, delle poesie di Didi, si arricchirà ulteriormente delle cronache di Antonietta, sull'ultimo dell'anno a Medjugorie, di Annaemilia, sulla Maratonina di Udine, di Leonilde che incontra e intervista Virgilio Scapin.Non vogliamo dimenticare i ringraziamenti di rito: LIONS VICENZA PALLADIO, PANA- THLON, ATOS sono i nostri magnifici sponsor. La corsa e la festa del 19 marzo, il progetto "Volere è Potere" saranno realizzati grazie alla loro generosità e ai contributi di persone ed Enti vicini e sensibili ai nostri bisogni. E infine? Una sorpresa che sta decollando!un Coro, un coro vero con tanto di Maestro, il "famoso" Girolamo Pozzato e di voci, quelle di tutti coloro, malati, famigliari e amici che, cantando, vogliono liberare endorfine, emozioni, voglia di vivere, di stare assieme in amicizia e in allegria, fedeli al motto il quale non può che essere "Canta che ti passa". PASSO PASSO INSIEME ALLA PSICOLOGA Francesca Fenzo L'anno sociale è iniziato a novembre all'insegna della novità (la logopedia) e della tradizione (il Thai Chi, l'organizzazione di feste ed eventi, il Quartino). L'attività che invece non è ripartita a causa della mancanza di un numero sufficiente di persone interessate è il sostegno psicologico di gruppo. Ovviamnete io e gli altri membri del Direttivo ci siamo interrogati sui motivi che possono aver indotto una così scarsa affluenza. Sicuramente ci sono motivi di ordine pratico: la partecipazione alla prima riunione di presentazione delle attività è stata molto scarsa e chi usufruisce della logopedia avrebbe avuto difficoltà organizzative per la concomitanza degli orari e per la necessità di far fronte ad impegni frequenti. Le nostre riflessioni sono però anche andate oltre, stimolate dal confronto reciproco. Il sostegno psicologico è unanimemente giudicato importante, necessario per affrontare il difficile percorso della malattia, propria o della persona cara. Tutti ammettono di aver sperimentato paura, tristezza, rabbia a causa della difficile prova che il destino riserva a chi si ammala e, quasi tutti, ammettono che il confronto con persone che vivono la stessa situazione o con esperti del settore è importante e può essere d'aiuto. Capita però che alla proposta concreta "partecipa agli incontri con la psicologa!" la risposta sia "non sono mica matto! Cosa ci vado a fare dallo strizzacervelli?". Il luogo comune "dallo psicologo ci vanno i matti" è molto radicato e porta le persone a considerare l'esperienza della psicoterapia o il sostegno psicologico come qualcosa di assolutamente distante dalla propria vita o dalla propria esperienza: se ne può riconoscere l'utilità ma resta qualcosa che riguarda altri, che riguarda quelli che da soli non ce la fanno. Ecco quindi il mito da sfatare e l'idea, spesso dannosa, che rende difficile alle persone aprirsi a esperienze nuove e considerare altri punti di vista: devo farcela da solo, chiedere aiuto è da deboli e mostrarsi deboli è pericoloso. Chi si trova a dover affrontare una malattia, specie se cronica e ingravescente e disabilitante come la malattia di Parkinson, dopo i primi momenti di sconforto e paura, si "rimbocca le maniche" e cerca di portare avanti la propria vita nonostante la malattia e con la malattia. (continua a pag.12)

2 pag.2 IL PARKINSON NON E' SOLO DISTURBO MOTORIO LUIGI BARTOLOMEI, ROBERTO L ERARIO, AMBULATORIO PER I DISTURBI DEL MOVIMENTO NEUROLOGIA - OSPEDALE CIVILE SAN BORTOLO - VICENZA Nei testi di neurologia il capitolo sui disturbi del movimento si apre con la descrizione della malattia di Parkinson, che risulta essere la più frequente di queste malattie. La malattia di Parkinson viene di fatto diagnosticata dal neurologo in pazienti che presentino almeno due dei tre sintomi cardinali quali bradicinesia (lentezza nel movimento), rigidità e tremore. E' quindi indubbio che i malati abbiano difficoltà motorie, ma non solo. Addirittura vi sono alcuni malati che presentano sintomi psichiatrici, di tipo ansioso/depressivo, anni prima della manifestazione motoria. E' poi molto frequente che chi è affetto da malattia di Parkinson accusi tendenza alla stitichezza tanto da usare lassativi; per non parlare del sonno! Quanti pazienti si lamentano di non dormire bene per continui risvegli o di trovare difficoltà all'addormentamento. E ancora, quanti partner di pazienti riferiscono che durante la notte lo vedono gesticolare, talora in modo così violento da arrivare a colpirli violentemente in faccia o sul corpo. Non è cattiveria, si tratta di uno specifico disturbo del sonno chiamato "disturbo comportamentale del sonno REM" (movimenti rapidi degli occhi). E il dolore? Che dire del dolore; alcuni pazienti, anche nostri soci, soffrono di un dolore diffuso, aspecifico, che resiste a tutte le terapie. Insomma, "sta benedetta malattia" è più diffusa di quanto si credeva e non coinvolge soltanto i movimenti volontari ma anche la psiche, il sistema vegetativo (ipotensione ortostatica, disturbi vescicali e sessuali) ecc. ecc. Pur essendo molto frequenti, i disturbi non motori della malattia di Parkinson sono ancora sottovalutati dai medici, generalmente molto coinvolti a controllare il tremore o la bradicinesia; ecco quindi che per studiare meglio questi disturbi è iniziato uno studio che si chiama PRIAMO che non si riferisce al famoso re di Troia, eroe dell'eneide e dell'iliade, ma è invece l'acronimo di PaRkInson And non Motor symptoms. Questo studio coinvolgerà 1800 pazienti in 70 centri di tutta Italia. Lo studio durerà tre anni. Noi abbiamo aderito con entuiasmo con la speranza che i risultati ci aiuteranno ad inquadrare sempre meglio i nostri pazienti permettendoci di proporre le cure più adatte per le diverse forme cliniche. Ma noi non ci siamo fermati a questo studio ed abbiamo richiesto, nei mesi scorsi, e finalmente ottenuto dalla direzione medica del nostro ospedale, un ambulatorio speciale denominato "ambulatorio protetto", per cui se i nostri pazienti hanno necessità di una visita specialistica non neurologica (pneumologica, gastroenterologica, urologica, psichiatrica ecc.) potranno ottenerla avendo delle vie preferenziali e in questo modo accorciando le liste d'attesa. Quando venite a farvi visitare, quindi, non dimenticate di raccontarci tutti vostri problemi, non solo quelli motori. ECCO UNA BUONA OCCASIONE PER AIUTARE L ASSOCIAZIONE VICENTINA MALATTIA DI PARKINSON COME? DESTINANDOLE IL 5 PER MILLE DELLE IMPOSTE SUL REDDITO CHE COMUNQUE DEVI PAGARE COME SI FA? NELLA TUA DENUNCIA DEI REDDITI (730 oppure UNICO oppure CUD) FIRMA SULL APPOSITA CASELLA SOSTEGNO DEL VOLONTARIATO... E SOTTOSCRIVI ILCODICE FISCALE DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE PER ULTERIORI INFORMAZIONI TELEFONA ALLA NOSTRA SEGRETERIA (O ) (Martedì e Giovedì dalle 10 alle 12)

3 pag.3 GLOSSARIO Quanti termini difficili ma scientifici usano i medici e specialisti per descrivere i sintomi riguardanti la malattia di Parkinson! E' meglio conoscerli, capirne il significato e famigliarizzare con essi per non temerli. Ecco i più comuni: ACINESIA Difficoltà nell'esecuzione automatica dei movimenti elementari come il camminare o il girarsi nel letto. DISCINESIA Movimenti anomali, involontari, di solito associati ad alti livelli di farmaci antiparkinson. BRADICINESIA Lentezza dei movimenti, uno dei sintomi principali della malattia di Parkinson. DISTONIA Anomalo atteggiamnto di alcuni gruppi muscolari; contrattura, crampo muscolare. DISFAGIA Difficoltà a deglutire MICROGRAFIA Modificazione della calligrafia, scrivere in caratteri molto piccoli. RIGIDITA' Indurimento o aumento del tono muscolare durante il movimento di uno o più arti. TREMORE Oscillazione ritmica involontaria, più o meno regolare, di una pate del corpo. Il tremore può essere fisiologico o patologico. Quello fisiologico è sempre presente, anche durante le fasi del sonno, ed è molto leggero, tanto che spesso è impercettibile. Quello patologico colpisce preferenzialmente alcuni gruppi muscolari. Generalmente interessa le mani, a volte gli arti inferiori e i piedi, raramente la lingua, la mandibola e le labbra. E' presente solo durante la veglia. Diminuisce sensibilmente durante il movimento per poi ricomparire non appena l'arto tende a riassumere la posizione di riposo. FESTINAZIO Difficoltà che il malato trova ad iniziare il movimento. Il malato tende a marciare sul posto, per poi ripartire con il tronco piegato in avanti. IPONIMIA Il volto manca di espressività. SCIALORREA La saliva si accumula nella bocca perchè gli atti della deglutizione sono ridotti. FREEZING (CONGELAMENTO) Durante la marcia, blocco improvviso del movimento. ALLUCINAZIONI Percezione di qualcosa che non è reale; possono essere visive, uditive o tattili. COREA Movimento involontario danzante, di solito legato nella malattia di Parkinson, ad un eccesso di terapia. FENOMENO ON-OFF Oscillazione, di solito brusca, a volte imprevedibile, dello stato motorio del paziente. IPOTENSIONE ORTOSTATICA Brusca riduzione della pressione arteriosa al passaggio dalla posizione supina a quella seduta o in piedi. NEUROTRASMETTITORE Messaggero chimico; la dopamina è un neurotrasmettitore.

4 pag.4 ESTRATTO DAL LIBRO DI VIRGILIO E BRUNO Capitolo 5 UNO SU MILLE NUMERO 1 "UNO SU MILLE" è il titolo di una canzone di Gianni Morandi che sentii per la prima volta nel periodo nero della lotta contro il Parkinson. Erano momenti duri, di scoramento, di disperazione. La canzone iniziava: se sei in terra non strisciare mai, se ti diranno - sei finito, non ci credere, devi contare solo su di te; uno su mille ce la fa... Fu come se l'avesse cantata per me. Ne feci subito il mio inno di battaglia. Mi comprai il CD e lo tenni in automobile sempre pronto ad essere ascoltato. L'ho ascoltato mille volte, tutte le volte che ho sentito il bisogno di una sferzata di fiducia ed ancora oggi mi ritrovo a canticchiarla per farmi coraggio. Fu così che con l'aiuto indispensabile delle medicine ma anche con l'apporto importante della volontà e della determinazione, riuscii a vivere qualche anno di vita normale. Ma poichè per un parkinsoniano un giorno di vita normale è un giorno sottratto al morbo, possiamo dire che quelli furono anni migliori, anni di soddisfazione. Nel frattempo avevo cercato di organizzare il futuro. Avevo acquistato una macchina per fare ginnastica in casa. Mi ero dotato di un computer potente per restare in contatto col mondo. Cogliendo l'occasione di alcuni lavori di ristrutturazione che dovetti fare a casa, feci installare un ascensore. Ormai mi ero fatto una mia idea del Parkinson e pensavo che, essendo di fatto una carenza di comunicazione tra cervello ed arti, si potesse combatterlo anche col ragionamento, con la concentrazione e con la preparazione fisica. Certamente, in alcuni casi, si poteva imbrogliarlo. Una dimostrazione è il trucco che avevo già escogitato nel passato con mio padre, anch'egli parkinsoniano in tarda età. Anche lui, come tutti i malati, nei momenti di crisi si bloccava e puntava i piedi e sembrava nell'assoluta impossibilità di camminare o si muoveva con piccolissimi, rapidi ed incerti passi, rischiando di cadere in avanti. Allora gli dicevo: - Dai un calcio al pallone! - Lui istintivamente spingeva in avanti il piede e riusciva a compiere quel movimento che gli era sembrato impedito e, un calcio dopo l'altro, camminava con sicurezza. Era riuscito ad inviare un messaggio criptato che, eludendo la censura del morbo, aveva raggiunto l'obiettivo. Cosciente che il futuro era legato anche al modo di affrontarlo, mi imposi di procedere per obiettivi successivi, attraverso una serie di scommesse che non mi permettessero di lasciarmi andare ma mi stimolassero a tener duro. Nel 1995 avevo rinunciato alla Marcialonga ma mi ero iscritto all' edizione successiva con sette mesi di anticipo. Con me si era iscritta anche mia moglie. Per lei era la prima volta, per me era la ventiduesima. Penso sia immaginabile e comprensibile la commozione che mi prese quando, dopo esserci persi lungo il percorso, ci ritrovammo verso la fine e, dopo una corsa di settanta chilometri sugli sci, tagliammo insieme il traguardo di Cavalese stringendoci con forza la mano. Un anno prima ero ormai convinto che non avrei più fatto una Marcialonga. Avevo vinto anche questa scommessa. Oggi la malattia incombe e, da qualche mese, sono tornato nelle condizioni di allora: non riesco più a fare lo skating, il passo pattinato che rende più agevole e veloce lo sci di fondo. Quest'inverno sono tornato dal maestro per imparare qualche trucco in più, ma non c'è stato niente da fare. Per la seconda volta, dopo sei anni, ho dovuto rinunciare alla Marcialonga. Ma la scommessa è già pronta: l'anno prossimo mi allenerò col passo classico, il vecchio passo alternato che, essendo un movimento più semplice, dovrebbe essere meno problematico. In tal modo conto di riuscire a percorrere i 70 chilometri in maniera decorosa. La sfida continua. NUMERO 2 A volte, sul far della notte non mi infilo il pigiama, vesto una nera tuta da combattimento. Avvolto in quei panni bituminosi che mi dovrebbero rendere invisibile, sono pronto a duellare, a difendermi e ad offendere. Il Parkinson approfitta dell'oscurità per colpirmi vigliaccamente, per farmi cadere. Nel cuore delle tenebre la vigilanza rallenta e allora il lugubre morbo, con i suoi occhi cisposi, la sua pancia prominente dalla quale pendono liane muschiate, mi tende i più subdoli agguati. In guerra qualsiasi cosa è consentita per colpire il nemico. Ho trasformato una sedia in un mezzo blindato che manovro con grande destrezza e abilità nella terra di nessuno, tra la mia camera e il vatercloso. Questo territorio è solcato da avvallamenti, trincee e postazioni che io avverto attraverso le gambe della mia sedia blindata. Il nemico avveduto sposta questi impedimenti ogni notte cosicchè io devo tagliare quelle tenebre insidiose con la lama degli occhi che si devono adattare a queste nuove circostanze. Il pavimento nasconde un infernale apparato bellico che si avvale di trucchi, trappole, paludi, campi minati. Anche una semplice innocente ruga può trasformarsi in un'insidia mortale; l'ha segnata il mio Parkinson (ognuno di noi ha il suo morbo personale che astutamente si istruisce dei nostri vizi e delle nostre virtù per sbilanciarci). Quando sono in prossimità di questo canyon, di questa valle maledetta che potrebbe ostacolare la mia andata, con una leggera pressione della mano riesco a far avanzare le prime due gambe della sedia, sorvolando quasi il trincerone. Nel mezzo di questo cammin, tutti i trucchi sono leciti, ma ormai ho le mani e i polsi talmente allenati che riesco a superare con grande bravura e limpidezza quegli ostacoli che il Parkinson ha sepolto come fossero tante mine. Questo campo accidentato mi costringe ad un andamento saltellante. Lui vuole la mia caduta, un rovinoso tonfo a terra, e come un enorme magnete cerca di attirarmi verso le profondità. Allora con un colpo di reni correggo la mia andatura, sferro il più bel calcio al pallone che io abbia mai tirato e mi rimetto in corsa. All'improvviso, un'imprecazione taglia il buio della stanza, io mi avvio vittorioso ad entrare nel vatercloso dove festevoli scrosciano le mie acque interiori. Una lattescente luce notturna illumina l'arrivo di questa mia corsa. Sento l'odore del Parkinson che affonda le sue unghie letali sul terreno che io devo percorrere per guadagnarmi la camera. Il morbo maledetto mi saltella intorno aprendo nuove cappezagne per convogliarmi verso i dirupi e i burroni. Stringo forte, con mano sicura il mio strano irripetibile carro. Bruno, con la sua Marcialonga è più fortunato di me. Lui stringe con un atto di squisito profondo amore la mano delicata di sua moglie. Maledetto Parkinson non ci avrai mai, nè di giorno nè di notte. Siamo pronti a trasformare tutte le sedie delle nostre case in carriarmati, autoblinde, cingolati e mezzi anfibi.

5 pag.5 VOLERE E POTERE Studio con un approccio integrato al trattamento del paziente affetto da Morbo di Parkinson PREMESSA (di Bruno Cappelletti) Superato lo sconforto dovuto al primo impatto col Parkinson (il momento in cui mi fu diagnosticata la malattia) che, come succede a tutti, fu piuttosto doloroso, le mie abitudini professonali di ingegnere e di dirigente industriale mi spinsero ad affrontare la situazione razionalmente. Mi prefissai l'obiettivo: MANTENERE, IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE, UNA NORMALE QUALITÀ DELLA VITA. Cominciai ad analizzare quello che mi stava accadendo. Ogni sintomo doveva essere affrontato e valutato come un "caso a- ziendale" e, come tale, doveva avere una soluzione. In questo modo, durante i quattordici anni che ho vissuto in compagnia del Parkinson, ho continuato ad osservare con attenzione i modi di manifestarsi dei diversi fenomeni che caratterizzano la malattia. Ne è emersa la constatazione che le condizioni del malato sono estremamente variabili, spesso in maniera apparentemente imprevedibile. A lungo termine la tendenza è un peggioramento ma, nel breve, le condizioni subiscono variazioni positive o negative in una successione che talvolta non sembra avere alcuna logica. Nel tempo, inoltre, alcuni fenomeni addirittura spariscono mentre se ne manifestano di nuovi. Già ai primi anni di malattia scoprii che il mio corpo reagiva a stimoli particolari in maniera inaspettata come non avevo mai sentito raccontare da nessuno. Ne è un esempio il benessere che mi arrecano gli sport di fatica. Già alla prima maratona, portata a termine nel tempo di 4 ore e 33 minuti, mi resi conto che per circa 24 ore il mio organismo "si era dimenticato" di essere ammalato di Parkinson. E' da notare che la maratona a cui mi riferisco è quella di New York, che oltre ad essere una corsa di 42 km e 195 metri, riesce a dare a tutti i partecipanti forti emozioni e insolite sensazioni che le altre maratone non danno. Un altro esempio è la constatazione che, in alcune località, la malattia si fa sentire meno. Ciò accade, soprattutto, in luoghi di villeggiatura tranquilli, lontani dalle tensioni che la vita normale ci scarica addosso. Sono numerosi gli esempi, che potrei illustrare, di fattori che portano in qualche modo ad un miglioramento dello stato del malato. Tutto ciò mi lasciava un po' dubbioso e, benchè qualche medico sembrasse aver colto il senso delle mie argomentazioni, temevo di non essere capito. Nel tempo, interrogando altri ammalati, mi resi conto che non ero il solo ad avere certe sensazioni ma altri le avevano provate. Incoraggiato da ciò, incominciai a confrontarmi con altri ancora. Ma la scintilla che mi diede il coraggio di far partire un progetto di studio e ricerca così impegnativo fu l'incontro casuale con Nevio, persona eccezionale, che aveva affrontato la malattia esattamente nel mio stesso modo ed era giunto alle medesime conclusioni. Era la "prova del nove" di cui avevo bisogno. Pur non essendo stati insieme così a lungo e vivendo in due città diverse, quella che mi lega a Nevio è ormai una profonda amicizia (ci capiamo al volo come vecchi compagni di scuola). E fu così che decidemmo di partire assieme per questa avventura. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI Le variabili che incidono sull'andamento della malattia di Parkinson non sono esclusivamente di natura neurologica ma sembrano esistere altre variabili la cui definizione può portare un utile contributo per mettere a punto approcci efficaci come supporto alle terapie farmacologiche attualmente usate in modi esclusivo. L'uso soltanto dei farmaci, a lungo termine tende a rendere passive le persone e porta alla necessità di aumentare costantemente la quantità di L-dopa assunta. Nei soggetti più anziani, soprattutto se con scarsi interessi, questa passività porta rapidamente ad uno stato depressivo e di rassegnazione che aumenta la gravità sintomatologica della malattia. Attualmente, i dati epidemiologici indicano un aumento importante del numero di casi in soggetti giovani, ancge sotto i 30 anni, con un rapidissimo aggravamento dei sintomi. Ancora di più, quindi, è importante individuare forme di trattamento che coadiuvino la cura farmacologica e sostengano la qualità di vita dei soggetti con Parkinson, pur senza alimentare false speranze. Proprio dal confronto dell'esperienza personale di alcune persone affette da Parkinson è maturata l'idea di creare un gruppo di studio allo scopo di attuare un progetto di ricerca mirante alla verifica delle seguenti ipotesi: 1. L'esercizio fisico in genere ed alcuni sport in particolare (esercizi con il sacco da pugile, running, Tai Chi, marcia, stretching, bicicletta, attrezzi da palestra...), eseguiti in modo sistematico, migliorano le capacità motorie del malato, iberano la mente da stati confusionali e rallentano l'avanzare della malattia; 2. usando la concentrazione e la volontà si possono superare diverse situazioni di crisi (blocco motorio, rigidità) e aumentare il controllo dei movimenti quindi, attraverso il training al controllo cognitivo dei movimenti, si può ridurrel'aggravarsi dei sintomi motorii; 3. lo stile di personalità, l'impegno lavorativo, l'investimento nelle relazioni sociali sono variabili significative che incido nell'approccio alla malattia e alla cura; 4. la qualità degli stati emotivi della persona modifica la percezione della malattia. Uno stato emotivo descritto come felicità, gioia, benessere psicologico si collega ad una quasi totale assenza di percezione di rigidità e di lentezza, ad esempio dopo un rapporto sessuale o dopo una attività fisica praticata con connotazione emotiva di assertività o di rabbia orientata. Una condizione di stanchezza, tristezza, sconforto o comunque uno stato d'animo riconducibile al pessimismo, si collegano ad una rigidità marcata, a percezione di formicolii, a mancanza di sensibilità. (segue a pag.6)

6 pag.6 (continua da pag.5) OBIETTIVO FINALE Definire il metodo di determinazione del percorso terapeutico non tradizionale, personalizzato sul singolo malato, in integrazione della cura farmacologica che comprenda sia gli aspetti motori sia quelli psicologici tenendo conto delle abitudini e delle attitudini fisico/sportive e della dimensione emotiva e cognitiva del paziente. FASI DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO GLOBALE (il programma di attuazione sarà messo a punto dal gruppo di lavoro nominato dalla CSAVP) Considerata la complessità della materia si è ritenuto necessario scorporare il progetto globale in più progetti indipendenti che già di per sè rappresentano novità interessanti nello studio e nel trattamento della malattia di Parkinson. I primi progetti non possono essere che raccolta ed elaborazione dati che dovranno essere collegati in un secondo tempo: 1. verifica dell'influenza dell'attività fisica del paziente sulla capacità di produrre levodopa; 2. verifica dell'effetto generato da alcuni sport, in particolare sul progredire della malattia e sulle senzazioni del paziente; 3. verifica dell'effetto generato dall'opposizione ragionata alla malattia sul suo progredire, sulle sensazioni del malato e sulla qualità di vita; 4. verifica dell'incidenza dello stile di vita, della personalità, dell'impegno lavorativo o sociale sull' approccio alla malattia ed alla cura, sulle sensazioni del malato e sulla sua qualità di vita. I NUOVI ARRIVATI Fabio Taberni E addetto al suto internet di prossima apertura, collabora alla redazione, alla stampa e in segreteria. Piero Sonda Affianca il presidente in tutti i progetti in cantiere. Affianca pure come uomo volante il servizio trasporto atleti. Silvia Sesso La nostra giovane logopedista. Si occupa di prevenzione e del recupero dei nostri amici. Ampelio Pillan Presiede all organizzazione della nostra partecipazione alla StraVicenza.Collabora al progetto Volere è Potere Girolamo Pozzato E il maestro del nostro Coro Ampelio Fabio Piero Girolamo

7 pag.7 19 MARZO 2006: ALLA STRAVICENZA CONTRO IL PARKINSON Corri che ti passa Qualcuno si chiederà cosa ci facciano dei malati di Parkinson alla StraVicenza, ad una manifestazione sportiva che sembra più adatta ad atleti che a dei malati. Ritengo sia interessante raccontare com'è nata quest'idea, all'apparenza un po' stravagante. Il punto di partenza è sicuramente la mia grande passione per lo sport. Non sono mai stato un campione, ma ho praticato diverse discipline privilegiando gli sport di fatica come la corsa, il ciclismo, lo sci di fondo ed il nuoto. Invecchiando, poi, ero arrivato alla convinzione che nessuno avrebbe potuto definirsi uno sportivo vero, fin tanto che non avesse portato a termine almeno una maratona. Poi, intorno ai cinquant'anni, stavo per programmare una corsa dalla distanza classica di 42 km e 195 metri quando la diagnosi della malattia di Parkinson, dolorosa quanto inaspettata, sembrò bloccare tutte le mie velleità. In realtà, dopo il primo momento di scoramento, capii che con la giusta terapia, per qualche tempo, avrei potuto mantenere una vita normale e praticare qualsiasi sport. La malattia, anzichè frenarmi, mi spinse a realizzare al più presto il sogno di partecipare ad una maratona. Da allora ne ho fatto oltre una decina (Venezia, New York, Berlino, Milano). Fin dalla prima mi accorsi che, durante e dopo la pratica di una corsa così faticosa, le mie sensazioni di ammalato si modificavano. Dopo qualche chilometro, il movimento diventava più sciolto e la corsa si faceva più leggera. L'effetto benefico fu ancora più evidente alla Maratona di New York. Grazie anche al coinvolgimento emotivo che giungeva dalle migliaia di partecipanti e dal calore del pubblico che sembrava essere venuto tutto per me, per 24 ore mi dimenticai di essere ammalato. Convinto del beneficio che si poteva ricavare dalla corsa, mi sentii in dovere di portare questa mia esperienza agli altri malati. Cominciai a ripetere, in ogni occasione, quello che poi è diventato uno dei motti della nostra associazione: "IL PARKINSON SI PUO' COMBATTERE" e continuai a raccontare a tutti, medici e malati, la mia teoria sul potere terapeutico dello sport. Sullo slancio di questa convinzione, che non volevo tenere solo per me, è nata l'amicizia e la collaborazione con Virgilio Scapin. Scrivemmo insieme una serie di testimonianze di vita come malati di Parkinson che furono pubblicate sul Giornale di Vicenza. Ricordo che allora ciò suscitò molto clamore, tanto che decidemmo di raccogliere gli articoli in un libro: "Due Parkinson non sempre paralleli", che fu edito da "Lampi di Stampa". A seguito di quelle pubblicazioni, un gruppo di parkinsoniani, che, in città, si riuniva periodicamente, mi invitò ad uno dei loro incontri. Subito decidemmo di fondare l' ASSOCIAZIONE VICENTINA MALATTIA DI PARKINSON con l'obiettivo di migliorare, con tutti i mezzi, la qualità di vita dei malati di Parkinson e dei loro famigliari. Abbiamo adottato tutti il mio slogan "Il Parkinson si può combattere" e insieme stiamo lavorando in diversi modi. Organizziamo incontri di diverso tipo, manifestazoni, corsi, abbiamo un giornalino e promuoviamo anche la ricerca. Merita una segnalazione il progetto "VOLERE E' POTERE" che vuole, tra le altre cose, verificare scientificamente la mia teoria dello sport come terapia. Tutto ciò è reso possibile grazie al contributo di diversi sponsor che sono la sola nostra fonte economica oltre il ricavato dal tesseramento. Tra tutti è d'obbligo ricordare il "Lions Club International Vicenza Palladio" ed il "Panathlon Club di Vicenza", nostri sponsor proprio nella partecipazione alla StraVicenza. Il Lions è lo sponsor che ci ha già aiutati in altre diverse iniziative. Seguendo la mia idea fissa del potere terapeutico del movimento fisico e dello sport, organizzammo un corso di TAI CHI e subito, sotto la guida esperta del Maestro Pierluigi Nicolazzo, potemmo verificare direttamente i benefici che dà ad un malato di Parkinson quella disciplina orientale che coniuga l'esercizio fisico con quello mentale. Eravamo ormai tutti convinti che con la volontà e con l'allenamento si potevano ottenere risultati interessanti nella lotta alla malattia.l'idea di una partecipazione in massa ad una corsa è nata lo scorso anno quando, in occasione della ormai tradizionale giornata sociale del baccalà, invitammo a Vicenza gli amici della "Corale Gioconda" dei parkinsoniani di Udine, di cui avevo conosciuto casualmente il presidente. ( Segue a Pag. 8)

8 pag.8 ( continua da pag.7) Essi accettarono l'invito. E quando vennero a trovarci passammo una bella giornata in allegria, con scambio di doni e con l'esibizione del coro degli udinesi, composto esclusivamente da malati di Parkinson. Tra i due gruppi, di Udine e di Vicenza, nacque una simpatica amicizia. Promettemmo di recarci ad Udine per ricambiare la visita e decidemmo di farlo in occasione della Maratonina di Udine, alla quale avrebbero partecipato anche i nostri ospiti. Corremmo in una trentina e fu una giornata fantastica. Per me fu addirittura commovente. Ero riuscito a portare ad Udine un manipolo di ammalati di Parkinson a correre felici insieme a tutti gli altri. Una cosa da non credere. L'esperienza fu così bella per tutti che, convinti sempre più del potere terapeutico dello sport, decidemmo di ripetere l'esperienza a Vicenza, invitando ancora una volta gli amici di Udine. Ma per farla completa dovevamo individuare una corsa podistica adatta al nostro scopo. La scelta è stata facile. La "StraVicenza", con i diversi percorsi attraverso le vie cittadine, si presta ad ogni tipo di partecipante. E così, tra i numerosi e più agguerriti partecipanti alla corsa, domenica 19 marzo, ci sarà anche un gruppo di 100 tra udinesi e vicentini che vestiranno una maglietta con la scritta "CORRI CHE TI PASSA". Bruno Cappelletti INNO da una poesia di Vito Facchini La mia mano scorre veloce più veloce e sicura come l'ala di un gabbiano sopra un bianco prato di carta tracciando solchi neri dai netti chiari contorni. Tracciando solchi neri dai netti chiari contorni. E' solo un sogno, un grande sogno vedo il fratello e lo prendo per mano e camminando noi due insieme su quel sentiero della speranza. E' solo un sogno, un grande sogno vedo il fratello e lo prendo per mano e camminando noi due insieme su quel sentiero della speranza. Le mie gambe si sono svegliate non più arbusti piantati sulla roccia non immobili tra mille tempeste non legate dal tempo che fugge ma corrono sciolte e veloci su un campo tutto fiorito. ma corrono sciolte e veloci su un campo tutto fiorito. E' solo un sogno, un grande sogno vedo il fratello e lo prendo per mano e camminando noi due insieme su quel sentiero della speranza. E' solo un sogno, un grande sogno vedo il fratello e lo prendo per mano e camminando noi due insieme su quel sentiero della speranza.

9 INCONTRO CON VIRGILIO SCAPIN: UN MALATO SANO Non ha bisogno di presentazioni Virgilio Scapin, scrittore della nostra terra, felice interprete della cultura veneta e in particolare di Vicenza, che l'ha visto libraio, attore, animatore di cultura, Accademico Olimpico e priore della "Venerabile confraternita del bacalà". Noto anche ai nostri lettori per essere ogni volta ospite nei numeri del Quartino con le pagine tratte da "Due Parkinson non sempre paralleli", scritte a quattro mani con il nostro presidente Bruno Cappelletti, non si è fatto certo pregare a concedere, con affetto e partecipazione, un'intervista sui temi della memoria, sui valori della volontà, dell'amicizia e sul messaggio di coraggio che la sua ricca esperienza e profonda umanità sono in grado di offrire agli amici, parkinsoniani e non, della nostra Associazione. pag.9 Virgilio Scapin, scrittore della memoria. Quanto aiutano a sostenere questo tuo presente i ricordi di un passato particolarmente ricco d'incontri, frequentazioni, scrittura? E' impossibile - risponde Virgilio - vivere senza memorie. Oggi, grazie anche alla malattia, sto vivendo la mia seconda vita e la memoria, paradossalmente, ne risulta accresciuta. Mi sento ancor più stimolato dal mio vissuto, quasi che il mio patrimonio di esperienze dovesse essere ancora più valorizzato. Posseggo un' isola del tesoro i cui contenuti straordinari costituiscono lo scrigno a cui attingere per lavorare ancora. Bisogna guardare avanti per dare senso al progetto vita. La volontà energica e mirata che ti ha consentito di trasferire nelle pagine della tua narrativa la tua sensibilità di artista, ti sorregge per attivare e indirizzare le tue risorse a vivere con pienezza anni più difficili? Il concetto di volontà mi emoziona; senza emozioni si vegeta; la scrittura mi emoziona e mi dà energia per combattere questo mio stato e per saper vivere nonostante esso e grazie ad esso. Mi sento come un vulcano e rifuggo dagli ospedali perchè là non potrei scrivere. Che cosa rappresenta l'amicizia oggi? La gratitudine intellettuale e morale che gli amici dimostrano al maestro, quanto affianca e stimola la tua arte, la tua vita? L'amicizia non è un sentimento statico, ma un valore in continua evoluzione che la malattia stessa accelera e accresce. L'amicizia è passata in questi anni attraverso la malattia che ha agito come una sorta di "tamiso". Rimangono i vecchi amici, ma quelli di adesso hanno come superato la prova: quella di avermi accettato. Posso dire che la malattia, in questo senso, è stata un aiuto che conferisce un valore aggiunto ai sentimenti. I semplici, a volte, sanno convivere con una sorta di fatalismo e di accettazione le prove della vita. Quale messaggio trasmette una persona come Virgilio che vive l'evento malattia con consapevolezza diversa? Un malato non deve mai abbandonare il campo, ma contrastare la malattia nel modo giusto: accettarla senza prevaricarla, assecondarla e lasciarla andare controllandola. Ognuno, semplice od evoluto che sia, può manovrare il proprio cavallo. Il morso e gli speroni non servono per contrastarlo ma per guidarlo con forza e delicatezza. Purtroppo, per chi si rassegna è doloroso: come avere un nervo scoperto. Siamo "condannati a lottare", magari anche per gli altri: non dobbiamo rinunciare, ma saper guardare anche dentro la nebbia.

10 pag.10 lettere al Quartino Dalle nostre inviate speciali: Anna Emilia: ovvero la nostra donna volante e Antonietta la lettera che venne dal freddo Udine, 25 settembre 2005 Non avevo idea di che cosa significasse partecipare ad una maratonina, tanto meno ad una così particolare quale quella di Udine perché l'evento sportivo era rivolto anche a persone "speciali" come i nostri malati di Parkinson. Questa manifestazione è stata possibile grazie all'associazione Udinese Malattia di Parkinson e al suo invito ad Udine domenica 25 settembre La risposta di malati, famigliari ed amici vicentini è stata positiva e di grande partecipazione. Domenica mattina, in una giornata resa splendente dal sole e dai primi riflessi dorati dell'autunno, il pulmann, partito da Vicenza all'alba, arriva ad Udine, con il folto gruppo di malati, famigliari ed amici. Il ritrovo è per tutti nello splendido e grande parco "Primo Maggio" dove ci sono partenza e arrivo della gara e un grande tendone per il ristoro, allestito dagli immancabili alpini, sempre premurosi nell'offrire sopressa, pan biscotto e vin bon a chi non è preoccupato di appesantirsi in attesa della partenza. I nostri atleti agonisti, tra cui il nostro Presidente, sua moglie Annalydia, il dott. Nordera e altri sono stati i primi a correre la maratonina di 21 km, poi via via alcuni malati e amici hanno percorso i 7 km della StraUdine ed infine i coraggiosissimi, i meno allenati che hano portato a termine il percorso da 1km e mezzo. Era davvero emozionante vederli andare con ritmo ed andatura diversi da quelli degli atleti "veri", ma che vittoria per loro e per chi ha reso possibile tutto ciò! Ed è proprio vero che l'unione fa la forza: stare assieme vedersi, parlarsi, confrontare esperienze e situazioni aiuta tutti. I meno fortunati si sentono incoraggiati, stimolati; gli altri, più fortunati, hanno l'opportunità di offrire un piccolo aiuto, un prezioso servizio che ripaga largamente e allinea tutti nello sforzo gioioso della gara. Anna Emilia Medjugorie, 31 dicembre 2005 Con la volontà si può. Verso la metà di dicembre, un gruppetto di nostri amici propose, per festeggiare il Capodanno, di aderire ad una iniziativa che prevedeva un pellegrinaggio a Medjugorie, la località della Bosnia Erzegovina dove da 25 anni avvengono le apparizioni della Madonna. Abbiamo subito aderito, diversamente da altre persone, sempre a noi vicine e in ottima salute che, dopo un primo sì, avevano iniziato a coltivare dei dubbi:" il viaggio è troppo lungo, stancante, sarà troppo freddo". e ad accampare difficoltà e paure paralizzanti. Mentre si avvicinava il giorno della partenza, anche a Mario era sorto qualche dubbio al pensiero delle complicazioni che avremmo potuto incontrare, ma io cercavo sempre di rispondere con ottimismo. Alla fine siamo partiti e strada facendo abbiamo incontrato la neve che ha fatto rallentare molto il nostro viaggio ma che ci ha ripagato ampiamente offrendoci un paesaggio inconsueto. Eravamo tutti estasiati nel vedere quei boschi con gli alberi imbiancati, come capita raramente anche da noi nelle notti di nebbia e gelo: ci sembrava di essere al Polo Nord, stupendo! Siamo arrivati dopo dodici lunghe ore di viaggio, non troppo stanchi. L'indomani abbiamo cominciato a partecipare pienamente al programma fitto d'impegni, incontri con i veggenti e con le varie comunità, di cerimonie e di scarpinate sul monte dell'apparizione. Vi lascio immaginare quante emozioni hanno scatenato il sentire, il vedere, il toccare con mano una realtà fatta di persone serene, attente ai bisogni altrui e soprattutto gioiose, pur nella semplicità del loro vivere quotidiano così impastato di fede, speranza, amore. In quei cinque giorni abbiamo respirato tutto questo che è rimasto in noi come un'esperienza indelebile, grazie anche alla presenza dei nostri cari amici, solidali con noi in ogni momento. Tutto questo però si è potuto realizzare perchè non ci siamo abbandonati alle difficoltà, alla paura, ma ci siamo ancorati, invece, alla consapevolezza che noi non siamo la malattia; essa è dentro la nostra vita, ce la portiamo con noi senza che ci possa fermare, perchè non lo vogliamo. Non accettiamo che ci ostacoli e, con la volontà, "si può". Antonietta Se condividi i nostri obiettivi e se ti piace quello che stiamo facendo, aiutaci. L'aiuto può essere dato promuovendo il tesseramento di simpatizzanti (chiunque può diventare socio sostenitore versando una quota di iscrizione libera) o semplicemente facendo un'offerta. I VERSAMENTI SI POSSONO FARE DIRETTAMENTE ALL'ASSOCIAZIONE IN SEDE (Martedì e Giovedì dalle ore 10 alle 12) O SUL CONTO CORRENTE NUMERO ABI CAB BANCA DEL CENTROVENETO CREDITO COOPERATIVO - FILIALE 13 - PIAZZA MATTEOTTI VICENZA

11 L' angolo di Poesia di Didi pag.11 Un messaggio di speranza e di fede ci arriva anche dai versi di Didi: la felicità è una scoperta quotidiana, quella delle piccole grandi cose. Felicità Quotidiana Felicità è gioire di un fiore di una nuvola orlata di argento di una notte magica, arcana anche senza stelle né luna di un mare in tempesta, del sorriso di chi ci sta accanto e ci fa dono di qualcosa di sé Felicità è sentire, lenta, la pioggia cadere o guardare sbioccolare la neve. E' un tramonto, un mattino un volo di tenere tortore. Felicità è un libro che ti fa compagnia un quadro, una musica, una poesia. E' saper cogliere dentro e fuori di sè tutto il bene che c'è e la bellezza e l' incanto. Felicità è il conforto di un amico sincero la consapevolezza di avere qualcuno da amare e che t'ama. E' infatti l' amore, nel senso più lato che a persone e cose hai donato. E' fede che si sa rinnovare, speranza che, se anche oggi non c'è, il sole domani verrà. Buongiorno a tutti!!! Sono Silvia e sto seguendo, in qualità di logopedista, un gruppo di voi volonterosi che, sfidando il freddo e la neve, si riunisce il sabato mattina presso la parrocchia della vostra sede. Insieme cerchiamo di capire e mettere in pratica una serie di trucchi e accorgimenti che ci permettano di parlare con voce un po' più "alta" o deglutire senza l'incubo che tutto vada di traverso... Ho compiuto una breve ricerca su Internet ed ho scoperto che siete proprio fortunati; in effetti, non ci sono tante associazioni in Italia che promuovono lo svolgimento di tali incontri. A dire la verità è difficile trovare anche qualche articolo che dia la giusta importanza a questo tipo di problematiche. La ricerca, per fortuna, è sempre attiva sia in ambito farmacologico che chirurgico, ma la malattia di Parkinson rimane una malattia cronica e progressivamente fortemente invalidante. Ecco perchè è importante tenere gli occhi aperti verso tutti i programmi di prevenzione e contenimento delle disabilità. Il logopedista, nell'ambito di questa complessa patologia, ha il compito di migliorare, nel limite delle possibilità esistenti, la capacità di respirazione, di fonazione (produrre voce), di articolazione del linguaggio e di deglutizione. Spesso neppure i malati di Parkinson sono a conoscenza del fatto che, con il progredire della malattia, in alta percentuale possono comparire difficoltà linguistico -comunicative. I disturbi del linguaggio sono caratterizzati da una respirazione alterata, una articolazione (pronuncia) imprecisa, una voce flebile, un' intonazione monotona ed una velocità di eloquio variabile. La causa sta nella compromissione del sistema extrapiramidale che altera la coordinazione dei muscoli, anche quelli deputati alla produzione della parola. La sola terapia farmacologica può migliorare queste difficoltà (ecco perchè è importante tenere informato il proprio neurologo anche di tali aspetti), ma da sola può fare poco se la personanon viene educata con uno specifico trattamento riabilitativo. Una volta apprese le specifiche strategie per far fronte consapevolmente ai disturbi dell'eloquio, è necessaria una certa costanza anche a casa nel continuare ad allenarsi. Vorrei però incitarvi a quella che si può chiamare "prevenzione", in quanto è molto più semplice agire e risolvere le difficoltà che compaiono nelle fasi iniziali. A tale scopo abbiamo pensato di svolgere degli incontri anche con persone che non avvertono tutti quei disturbi sopra elencati, ma che hanno ben pensato che forse "il lupo è meno cattivo quando già lo si conosce". Già essere consapevoli di come potrebbe progredire la malattia e che ci sono delle strategie per impedire peggioramenti repentini, vi rende più forti. L'esperienza è stata molto positiva (anche pensando ai disagi del maltempo e alle difficoltà motorie che le persone possono avere), a tal punto che alcuni partecipanti del gruppo di prevenzione hanno proposto di proseguire per altri cinque incontri. In generale, nella prima metà degli appuntamenti, abbiamo preso visione di alcuni manuali e audiocassette esistenti per la riabiloitazione del linguaggio e abbiamo imparato a svolgere insieme gli esercizi proposti. Lo scopo era quello di rendere le persone autonome, in quanto, il solo svolgimento di un'ora alla settimana per un periodo ristretto di tempo, non porta a risultati visibili, mentre è l'allenamento costante e giornaliero che dà benefici. E' come se il malato di Parkinson si dovesse considerare perennemente in terapia. La seconda parte sarà dedicata alla comunicazione, al fine di generalizzare le tecniche apprese. La cosa che comunque per me ha avuto più valore, è stato rivedere persone che avevo perso di vista e conoscerne altre che, al di là della patologia, hanno un mondo di cose da dirmi a da insegnarmi. Vorrei augurarvi di presentarvi agli altri non solo come portatori di una malattia ma di far valere la persona e le idee che sono in voi. Con affetto, Silvia

12 pag.12 PASSO PASSO INSIEME ALLA PSICOLOGA (segue dalla prima pagina) Ciò accade sia se la malattia ci riguarda in prima persona, sia se colpisce un nostro famigliare. Il cammino è duro e richiede sforzi sacrifici e dolore. Per affrontare il dolore ci si crea una corazza protettiva e per affrontare i problemi si cercano soluzioni in cui spesso ci si immerge così profondamente da non riuscire a considerare che esistono altri modi e altre strade. Queste corazze assumono le forme più diverse: dall'efficentismo che non ammete concessioni alla stanchezza o ai sintomi, alla "depressione" con resa assoluta alla crudeltà di un destino immodificabile, all'indifferenza e negazione dei problemi. Esistono infinite sfumature e spesso si oscilla da uno stato all'altro trasportati dalle difficoltà. Le corazze consentono di andare avanti attutendo il dolore ma purtroppo finiscono per isolarci dagli altri che a loro volta si allontanano. Si crea così un equilibrio, costruito con fatica e impegno, che si basa sulla consapevolezza delle proprie capacità e sulla convinzione che per andare avanti conviene puntare sulle proprie forze. Questo aspetto è molto comune ma, a mio parere, più evidente fra i famigliari che fra i malati: il ruolo di chi accudisce un malato presuppone forza e capacità "per due", per sè e per chi accudiamo. E' necessario "essere una roccia", dimostrare alla persona che amiamo, già in difficoltà per la malattia, che noi ci siamo, che siamo forti, che su di noi può contare. Questa necessità di mostrare forza ed efficienza porta a negare la paura, la debolezza e la necessità di aiuto che invece fanno semplicemente parte della vita di chiunque in quanto essere umano. Ammettere, con se stessi e con gli altri, di sentirsi tristi, spaventati, arrabbiati, in difficoltà di fronte alla vita viene spesso vissuto, più o meno consapevolmente, come qualcosa che può incrinare o rompere l'equilibrio faticosamente raggiunto che si basa sulla convinzione che si è forti e non si ha bisogno di nessuno, men che meno del dottore dei matti. Questa visione, comprensibile e frutto della necessità di far fronte a situazioni impegnative, spinge ad evitare le occasioni di confronto e messa in discussione del proprio modo di affrontare le necessità e le difficoltà che la vita ci pone. Ecco quindi il rifiuto o la perplessità ad affrontare un percorso di sostegno psicologico di gruppo: da un lato i luoghi comuni che lo vogliono destinato solo ai matti, dall'altro la paura di turbare quegli equilibri faticosamente raggiunti e frutto di tante lotte. Occorre quindi ridefinire cos'è il sostegno psicologico (sia esso di gruppo o individuale): è un'occasione di crescita e miglioramento personale, utile specialmente in momenti di sofferenza, che consente di distaccarsi dal proprio punto di vista provando ad assumere quello di un professionista (lo psicologo) e quello di altre persone che vivono situazioni simili (gli altri membri del gruppo). Non è una soluzione ai problemi, nè una resa alla propria debolezza: è un lavoro che si fa su se stessi per imparare a stare meglio e a gestire le difficoltà condividendo con altri la propria esperienza, valutando proposte alternative per riuscire a diventare più consapevoli dei nostri limiti e delle nostre risorse. E' uno strumento che ciascuno è libero di utilizzare a seconda delle proprie necessità e che ognuno può migliorare con il suo contributo. Tutte queste riflessioni ci spingono a continuare a proporre l'attività di sostegno psicologico partendo da un incontro "pilota" dedicato ai famigliari che si è tenuto il 7 marzo con un piccolo gruppo di soci, dal titolo "STARE VICINO A UN MALATO: riflessioni sulla ridefinizione dei ruoli e dell'identità". Il nostro scopo (e speriamo di esserci riusciti!) è quello di suscitare interesse per l'attività di sostegno psicologico riproponendola in una chiave leggermente diversa. La nostra speranza è di poter svolgere altri incontri su questo o altri temi entrando in contatto con più persone possibile: confidiamo nei lettori del Quartino e in tutti gli amici dell'associazione per avere nuove idee e proposte per il futuro. A presto! Prime prove del Coro Udinesi Udinesi e vicentini e vicentini insieme insieme dopo dopo la maratona la Maratona IL QUARTINO E STAMPATO CON IL PATROCINIO DEL LYONS CLUB INTERNATIONAL VICENZ PALLADIO

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Questo libro è un appassionata dichiarazione di amore per la vita.

Questo libro è un appassionata dichiarazione di amore per la vita. Sopravvivere a se stessi. libertà dal cancro. Commento di Uberto Fontana Questo libro è un appassionata dichiarazione di amore per la vita. All apertura del libro è citato un proverbio cinese se vuoi tracciare

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento Cos è L ambulatorio dedicato ai pazienti affetti da malattia di Parkinson e disordini del

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt, Terapeuta EMDR "Se desiderate compiere

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE Illusione reale Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Daniele Tuzi Tutti i diritti riservati Dedicato a coloro che sanno come camminare nell Inferno di questi giorni

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Anna La Prova Ansia e Panico Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Indice Introduzione 3 Che cos è l ansia 8 Cosa sono le emozioni 24 Gestire l ansia in 3 passi: la tecnica 3AF 39 Come

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli