Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO."

Transcript

1 Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Romeo Lucioni Il tema dell Essere permea la metafisica ed è il fondamento della filosofia anche se spesso questa sembra attratta e condizionata dalla malia del linguaggio (come dice Raymond Tallis) nel quale costruisce pseudo-problemi insoluti Interrogare l uomo su se stesso, sul senso di sé resta però il primo, il permanente e l infinito gioco delle parti nel quale pensatori, psicologi, psicoanalisti, antropologi, biologi, neurologi e finalmente cultori delle neuroscienze scoprono il valore dell interrogarsi per poter afferrar, intuitivamente o razionalmente o affettivamente, il senso dei fenomeni della mente, della coscienza, delle relazioni intime e sociali dell uomo tra gli uomini, dell essere-nelmondo. Accanto alla necessità scientifica, quando parliamo di essere-nel-mondo, si sviluppano una infinità di pensieri, intuizioni, fruizioni filosofiche ed anche di ingenue espressioni che ogni persona elabora sull onda delle proprie esperienze, dei propri vissuti più intimi e segreti. Essere-nel-mondo è, come dice Heidegger, una esperienza intramondana, ma anche e forse soprattutto, intrapsichica, proprio perché è nell immagine interiore che si sviluppa sinceramente ed anche nascostamente la ricchezza emotiva ed affettiva che lega ogni persona alle sue relazioni, alle sue partecipazioni. Per Heidegger questa intenzione si traduce in l Esser-ci è assorbito dal suo mondo. Chi è che nella quotidianità è l Esser-ci? La risposta sta nella considerazione che l in-essere è ontologicamente il senso della presenza nella quotidianità, nell esperienza concreta, tangibile e visibile della presenza come espressione esistenziale. La quotidianità dell Esser-ci é una regione fenomenica, proprio perché comincia nel momento stesso nel quale il mondo comincia ad essere percepito e l essere nel mondo diventa con-essere e con-esser-ci. In questo modo, il Sé può essere se stesso solo se visto e considerato nel suo essere nel mondo con la propria finalità relazionale: con e qui il con-esserci si organizza e si manifesta come se-stesso-quotidiano. Il Chi dell Esser-ci è l Ente che Io-stesso sempre sono e, quindi, quel Sé che si riconosce nel mondo fenomenico come Esser-ci, Essere-con, Essere-per. Il Chi, l Io-stesso, il Soggetto rappresentano le immagini riflesse nello specchio della quotidianità di uno stesso ed unico Sé. Il Sé si mantiene identico nel mostrare dei comportamenti o delle attitudini. Intendiamo questo come la realtà della molteplicità delle identificazioni dell Io, la variabilità della maschera che l Io utilizza per essere-nel-mondo rispettando le variabili del essere-con o essere-per, ma pur sempre un essere intuitivamente sempre se stesso che dà risposte multiple pur non perdendo la propria identità olistica che si traduce nell unificazione del senso di Sé o semplicemente il Sé.

2 Heidegger riferisce la molteplicità come dinamica conservatrice o salvifica che permette quella sostanzialità che libera dall essere semplice presenza, passivo riflesso del mondo, per creare quel essere nel mondo che è Esser-ci. Il senso dell essere risponde a quella indeterminatezza che permette la creazione ontologica dell Esser-ci, capace di esautorare quella semplice presenza che sarebbe un non-esser-ci, un Ente non conforme all Esser-ci e, quindi, un non-esistente. Per Heidegger, la semplice presenza nel mondo sarebbe quel modo di essere dell Ente non conforme con l Esser-ci. Un tema interessante prospettato da Heidegger è quello della datità dell Io, della sua storicità e, quindi, delle esperienze pratiche: della coscienza fattuale. Il dato, la coscienza fattuale la espressività fenomenica aprono alla fenomenologia formale della coscienza che, in termini più psicologici, fa riferimento alla percezione, alla rappresentazione e a quello che denominiamo relazione con il reale come possibilità adattiva nella relazione con il mondo (altre sono le rappresentazioni, le dinamiche sessuali, i rapporti con le figure di riferimento come padre e madre, ecc.). Affrontando queste tematiche, sembra abbia ragione Raimond Tallis quando dice che la filosofia ed in special modo la fenomenologia, costruiscono enormi castelli di concetti astrusi che risultano ben lontani dalla semplicità della esperienza immediata e dalla realtà del vivere quotidiano. Sul tema, Heidegger costruisce una serie di domande che portano anche al dubbio che l Esser-ci debba sempre essere un Sé-stesso che si traduce nella definizione l Io può essere compreso solo nel senso di una indicazione formale (presenza) che però non è vincolante, potendosi anche rivelare come l opposto di quanto dato a vedere. In questa logica però, il non-io non significa privazione di identità, ma solamente una trasformazione temporale e spaziale dell Io. Dal punto di vista neuroscientifico, questo rappresenta il modello funzionale della maschera o dell identificazione multipla che non è perdita di Sé in quanto è proprio il Sé che, nella sua capacità creativa, porta alla soggettivazione, all unificazione di tutte le esperienze identificatorie. Questo processo, che unisce tutti gli Io insieme ad i non-io, è una modalità esistenziale che, come problematica autentica dà valore, spessore e verità al Sé nel suo cammino nell ambito del suo Essere-nel-mondo : Esser-ci. Le domande: - è certo che l accesso all Esser-ci debba essere una riflessione puramente percettiva sul Io degli altri? - è forse l Esser-ci, nel più immediato rivolgersi a se stesso, che si dichiara Io sono questo e, quindi, non sono altro? - che vale il dubbio metafisico per il quale l Io scopre di poter non essere se stesso? - e se l analisi esistenziale scoprisse la trappola dell Esser-ci per creare una semplice auto-interpretazione? - Cosa diremmo se l analisi ontologica scoprisse che l Esser-ci resta fondamentalmente indeterminato? A prima vista sembrerebbe che l unica risposta si organizzi attorno ad una indicazione formale (datità), ma è proprio questa consequenzialità di dubbi che

3 dà senso al Io-non-Io, alla indeterminatezza della mancanza di egocità, alla perdita del Sé che si sta cercando. Il genuino essere se-stesso, l interpretazione positiva dell Esser-ci assumono un valore di perfezionamento ontico proprio nella determinatezza per la quale: - l Esser-ci è se stesso solo nella sua esistenza ; - non c è Io che non sia, innanzitutto, soggetto posto-in messo nel suo mondo ; - non c è Io isolato, solitario abitatore di un mondo privato degli altri ; - non c è esibizione fenomenica senza un determinato modo di essere dell Esser-ci e, quindi, dell Esser-ci nel mondo. Sembra di essere gettati nella prassi della psicodinamica e della psicologia dello sviluppo che, nell ambito della timologia, osservano come il senso di essere se stessi si fonda sulle iniziali conquiste intuitive del soggetto che si trasformano in: - senso di esistere; - di essere; - di essere se stesso e non un altro; - di poter funzionare nella percezione e nella relazione; - di funzionare come soggetto normale ; - di essere se stessi nello spazio e nel tempo come oggetto permanente ; - di vivere in verità perché riconosciuto dall Altro (la madre); - di percepire la verità della presenza dell altro (coscienza concreta), le dinamiche affettive (coscienza emotivo-affettiva), la consequenzialità della ragione (coscienza razionale); - senso del valore dell altro nelle dinamiche del Nome del Padre ; - di essere come opposizione all imposizione ( del Super-Io applicato) - di appartenenza come superamento delle dinamiche edipiche che annullano l indeterminatezza dell Io-non-Io, spostando la verità sul piano del soggetto, del Sé-creativo, dell immissione nelle dinamiche dell immaginario. - Heidegger continua a chiarire il tema puntualizzando che l essenza dell Esserci si fonda nella sua esistenza e nella esibizioni fenomenica di un determinato modo di essere dell Esserci. In questo ordine di idee, non dobbiamo di cercare un semplice fondamento ( o nocciolo autentico ) che sarebbe solo espressioni di una presenza, ma una esistenza che ha in sé il senso creativo del divenire. La sostanza dell Uomo non è lo spirito come sintesi di anima e corpo che diventa fenomenologia della presenza, ma con - l esistenza si apre alla considerazione di un con-esser-ci degli altri nel contesto di un con-esserequotidiano. Nella sua intenzione carica di genialità, Heidegger vede nella quotidianità le dinamiche dell opera utilizzabile, di quella economia della relazione che, come succede tra fornitore e fruitore, rispetta un fare su misura, una scelta dei materiali più idonei,.un mondo che è utilizzabile per gli altri anche se fatto, fin da principio,per me. Questa sottolineatura permette di vedere l Esser-ci non come semplice presenza, ma come mondo utilizzabile,capace di generare,quindi, quei famosi ponti d amore sui quali. succedono molte cose ( espressione tanto significativa per la terapia relazionale e timologica ).

4 La caratterizzazione dell incontro dà spessore al Esser-ci-con proprio perché gli altri diventano l essere-nel-mondo, vale a dire fra i quali si è anche. Questo esser-ci-con-essi nel anche esprime un intendersi esistenzialmente, superando il modello categoriale e cercando quella con-divisione che è anche un con-essere-con-gli-altri. Per Heidegger l essere-in-sé-intramondano degli altri è un con-esser-ci. La definizione presuppone una relazione che è prendere-cura per la quale, nell ambientalità mondana, l Esser-ci trova se-stesso innanzitutto in ciò che sta facendo in una dinamica di utilizzabile ed evitabile che dà senso e valore al prendersi cura. I ponti d amore, come spazialità esistenziale, creano spazio a quel incontrarsi al lavoro che è un con per, nella cui dimensione la non relazione con gli altri si trasforma successivamente in con gli altri. l Esser-ci è assimilabile al non-esser-ci e questo enunciato fenomenologico ha però in sé un senso ontologico-esistenziale proprio perché qualificante. Heidegger sottolinea questo aspetto riferendo come l Esser-ci-con potrebbe anche, in modo difettivo, prospettarsi come essere-solo, restando però come elemento di proposizione, di qualità oltre che di definizione per il proprio senso di essere-umano. Tutta la vocazione dell Esser-ci, aperta all altro nel essere-per, è un forte riferimento al senso della cura. In questo l Esser-ci non si colloca nell ambito del prendersi cura, ma in quello di aver-cura. L aver-cura ha in sé una profonda dimensione timologica proprio perché presuppone, prima di tutto, dare valore all altro e, in questo, si comprende meglio l aver cura del valore dell altro, aver cura delle sue potenzialità. Tale lettura considera l essenzialità di non restare indifferente di fronte al valore dell altro in una logica che la più innovativa psicologia dello sviluppo ha recentemente puntualizzato nelle dinamiche del Super-Io implicato che contrastano quelle del Super-Io-applicato nelle quali emerge una negativa forma auto-referenziale che viene anche definita come ideale del Super-Io. Heidegger chiarisce perfettamente questo quadro ontologico definendo i modi positivi dell aver-cura che si manifestano in: - sollevare l altro dalla cura sostituendosi, intromettendosi al suo gesto; - inserire l altro nella cura stessa che è appunto una forma di implicazione, ma anche del fare-con-per ; che equivale a aiutare l altro a divenire trasparente nella propria cura, rendendolo libero per essa. L Esser-ci nella cura diventa quindi un prendere cura assieme ed ancora essere-assieme che trae origine dal fare le stesse cose che ha implicito in sé il senso della sussidiarietà. Questo è per Heidegger un legame autentico, timologicamente significativo nelle dinamiche della implicazione ( per liquidare tutto ciò che è applicato), nel rispetto della libertà e del valore dell altro, che rimette l altro nella propria libertà e nel riconoscimento dei suoi valori. Da queste osservazioni, il quadro ontologico tracciato da Heidegger si prospetta come una vera e propria mondità, cioè come segnata dalle questioni fondanti del mondo nel quale l Esser-ci-è. La significatività, la familiarità, l utilizzabile, l appagante, ecc. diventano le caratteristiche che portano l Esser-ci, in quanto con-essere, nel suo fare-agire della cura un fondamento etico.

5 Anche l essere-ontico e non pura presenza si trasforma in fondamento in quanto verità e, proprio per questo, si delinea un aspetto fenomenologico del mondo che rispecchia un nucleo fondante-etico che risulta il vero punto di partenza per tutta la visione filosofica heideggeriana. Da tutto questo, il trascurarsi reciproco, la perdita di sussidiarietà, la simulazione, diventano solo aspetti transitori, quel non-esser-ci che il filosofo interpreta come momentanea eclisse o momento negativo della storia di un fenomeno originario che è l Esser-ci-con. L essere assieme ( con per) è ciò che sin dal principio e originariamente rende possibile e costituisce la relazione con gli altri ed anche la mondità. Questo fenomeno è chiamato empatia e rappresenta quel gettare un ponte ontologico che, come ponte d amore, costituisce non solo il fondamento del prendere-cura, ma anche il senso originario dell essere fra Esser-ci ed Esser-ci. DISCUSSIONE E CLONCLUSIONI Nella sua profonda e precisa lettura del Essere-nel-mondo come con-essere ed essere-se-stesso Heidegger traccia il fondamento di una mondità (senso originario del mondo) nella quale il soggetto-sé trova e attiva il suo proprio fondamento ontologico che è Esser-ci ed Essere-con. L originale concezione del fare nel mondo come senso dell Essere e dell Esserecura, stabilisce una visione etica del modo per la quale l Essere non può essere altro da Essere-con. Proprio per questo, si stabilisce un modo d essere che è l Essere-in-tono. È impossibile non essere-in-tonati per il fatto stesso di Essere-uomini come struttura ontologica dell affettività. Parliamo di tonalità affettiva che nell essere-con si traduce in una sorta di atmosfera nella quale l essere è immerso, cioè Esser-ci, un modo d essereinsieme, esistere con gli altri. L espressione originaria dell essere non è quella del confronto o della supremazia, ma quella della comunanza che è sentire l altro, far vivere quei sentimenti che sono ponti di incontro tra noi e gli altri. Nel sentire non c è un soggetto ed un oggetto, ma un esperienza, una relazione, una tonalità affettiva. La visione etica del mondo non assume per Heidegger una tonalità morale, proponendosi, al contrario, come un ideologismo mistico che vuole superare un mero soggettivismo proprio perché traccia le linee-guida di un Esser-ci che si traduce in un con ed un per, che diventano un fare, un agire la cura intesa come apertura attiva e propositiva del soggetto verso l altro: Esser-ci per un altro Esser-ci. Heidegger dunque, non si pone nella linea del misticismo di tipo orientale, ma in uno slancio mistico che richiede il fare che, proprio per uno slancio soggettivo verso l altro, verso il sociale trova la sua verità nel risultato, la sua beatificazione nel proposito e nel fine. Questo slancio mistico è implicito nell Esser-ci che è una costruzione ontologica del tutto particolare dal momento che trova il suo fondamento nel - ci, vale a dire nella dinamica del essere-nel-mondo. In tale logica, sarebbe il mondo a dettare il come ed il dove dell Esser-ci, ma anche del essere-con o del essere-per.

6 Lo stratagemma mistico sta proprio nel cambiare i punti di riferimento e legare l Esser-ci ad una capacità primaria dell Essere che, quindi, si autodisciplina e su auto-riferisce. Il -ci, il -con, il -per diventano solo strategie dell Essere per completarsi e per rendersi visibile nella quotidianità, superando anche il trabocchetto della pura presenza. L Essere è dunque essere-in-sé che si mostra nella prassi del ci, del con, del per ed anche della-cura. Da tutto questo, il pensiero dell Esserci diventa ancora una volta mistico proprio perché nella sua purezza ontologica primitiva e primaria assume anche quel mantello etico per il quale si carica di una dimensione affettiva positiva, carica di sentimenti buoni che, nell ambito della cura, attivano equità, sussidiarietà, ragionevolezza, ecc. Nello studio della psicologia dello sviluppo e della dinamica timologica del soggetto, il problema degli affetti positivi e negativi risulta fondamentale proprio perché deve risolvere il problema dell amore e dell odio nei confronti del Sé e degli Altri. Per Heidegger questo tema è superato nella definizione stessa del Esser-ci proprio perché è in questo -ci che si riflette una potenzialità primigenita di fare il bene, dal momento che fare il male sarebbe il segno di un non-esser-ci. La mistica sta proprio nel portare alla luce quel Esser-ci che è comprensione dell Essere in quanto tale, che però è tale proprio perché è immerso nella sua stessa essenza etica, prima che nell essenza del mondo. A questo proposito, ha ragione Alfredo Marini, quando dice che secondo Heidegger, l intera Seinsfrage è un problema talmente seppellito nell oblio che nessuno se lo pone più. Il senso dell Essere non può evitare l orizzonte trascendentale della domanda stessa e, proprio per questo, il senso dell Essere diventa la vera storia dell oblio della domanda. In questa visione filosofica, l uomo comprende tutte le cose dando un senso o comprendendo il senso del proprio Esser-ci. Resta il fatto però che l Esser-ci non è un dato, ma è sempre e solo una domanda, proprio perché l essere dell uomo sta nel fatto che gli importa del proprio essere : l uomo è colui che si chiede Chi, che cosa e come egli stesso sia.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Eccesso di una cosa buona

Eccesso di una cosa buona 1 Qualità autentiche Le qualità autentiche sono gli attributi che formano l essenza (il nucleo) di una persona; le persone sono impregnate da queste qualità, che pongono in una determinata luce tutte le

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Caso Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Cosa accade ICI verifica l esistenza dell epidemia: la

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

A proposito di sogni

A proposito di sogni A proposito di sogni Nel V libro delle Metamorfosi Apuleio descrive con ricchezza di particolari il meraviglioso palazzo divino, costruito in oro e pietre preziose, nel quale Psiche è magicamente trasportata

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Il sistema psico-mentale espressione dell auto-coscienza. Romeo Lucioni Leticia Lucioni

Il sistema psico-mentale espressione dell auto-coscienza. Romeo Lucioni Leticia Lucioni Il sistema psico-mentale espressione dell auto-coscienza. Romeo Lucioni Leticia Lucioni Il sistema psico-mentale fa riferimento alla attività che lega le risposte sensitivopercettive alle elaborazioni

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

CONFLITTUALITA E PROCESSI DI CRESCITA CONIUGALE E FAMILIARE. di Luigi Pati

CONFLITTUALITA E PROCESSI DI CRESCITA CONIUGALE E FAMILIARE. di Luigi Pati CONFLITTUALITA E PROCESSI DI CRESCITA CONIUGALE E FAMILIARE di Luigi Pati Due osservazioni sui rapporti coniugali nel tempo di oggi: a) Accentuazione del conflitto di coppia, che spesso si traduce in separazione

Dettagli

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Davide Papotti Università degli Studi di Parma Dipartimento ALEF - Antichistica Lingue Educazione Filosofia Quattro domande Il viaggio e la sua narrazione

Dettagli

Psicologia Sociale e di Comunità

Psicologia Sociale e di Comunità Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale a.a. 2014/2015 Psicologia Sociale e di Comunità Modulo di PSICOLOGIA SOCIALE E DEI GRUPPI Alessio Nencini alessio.nencini@univr.it 1 Sé e identità Individuo

Dettagli

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work Clementina Gily Emilia Mallardo Meravigliosa voce, www.ilmiolibro.it (da Feltrinelli) Coaching pedagogico I Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro L interazione sociale L ambiente

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti umani versus diritti culturali Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti culturali I diritti culturali, rappresentano il diritto di accesso alle risorse culturali appropriate, e in questo, designano

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia

Dall educazione alla pedagogia Giuseppe Bertagna Dall educazione alla pedagogia Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Bergamo, ottobre 2010 CAPITOLO QUINTO Il discorso pubblico della ragione e le sue tipologie pp.

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del Con il contributo della Con il patrocinio del Comune di Prepotto Club UNESCO di Udine Membro della Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco Associata alla Federazione Mondiale NUOVE OPPORTUNITÀ PER

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Dr. Augusto Gentili 20/09/2011 Dott. Augusto Gentili 1 Viviamo in una società di massa, globalizzata. Ci si aspetta

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014 Dott.ssa Francesca Alfonsi La donazione di organi da vivente permette di donare un rene e parte di fegato. Secondo la legge il donatore

Dettagli

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA 5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA Una tazza di caffè, the e qualche dolcetto renderanno il clima meno formale e più cordiale in qualsiasi situazione in cui un gruppo di persone si incontra. L atmosfera

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo Messina, 18 marzo 2010 Linguaggio criminale e sentire mafioso PROBLEMI SOCIALI E PROBLEMI PSICOLOGICI Gioacchino Lavanco Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo SOMMARIO: INTRODUZIONE

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE

LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE Il ruolo della musica nella costruzione di competenze Franca Da Re La definizione di COMPETENZA nel quadro europeo «combinazione di conoscenze, abilità e atteggiamenti

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli