Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO."

Transcript

1 Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Romeo Lucioni Il tema dell Essere permea la metafisica ed è il fondamento della filosofia anche se spesso questa sembra attratta e condizionata dalla malia del linguaggio (come dice Raymond Tallis) nel quale costruisce pseudo-problemi insoluti Interrogare l uomo su se stesso, sul senso di sé resta però il primo, il permanente e l infinito gioco delle parti nel quale pensatori, psicologi, psicoanalisti, antropologi, biologi, neurologi e finalmente cultori delle neuroscienze scoprono il valore dell interrogarsi per poter afferrar, intuitivamente o razionalmente o affettivamente, il senso dei fenomeni della mente, della coscienza, delle relazioni intime e sociali dell uomo tra gli uomini, dell essere-nelmondo. Accanto alla necessità scientifica, quando parliamo di essere-nel-mondo, si sviluppano una infinità di pensieri, intuizioni, fruizioni filosofiche ed anche di ingenue espressioni che ogni persona elabora sull onda delle proprie esperienze, dei propri vissuti più intimi e segreti. Essere-nel-mondo è, come dice Heidegger, una esperienza intramondana, ma anche e forse soprattutto, intrapsichica, proprio perché è nell immagine interiore che si sviluppa sinceramente ed anche nascostamente la ricchezza emotiva ed affettiva che lega ogni persona alle sue relazioni, alle sue partecipazioni. Per Heidegger questa intenzione si traduce in l Esser-ci è assorbito dal suo mondo. Chi è che nella quotidianità è l Esser-ci? La risposta sta nella considerazione che l in-essere è ontologicamente il senso della presenza nella quotidianità, nell esperienza concreta, tangibile e visibile della presenza come espressione esistenziale. La quotidianità dell Esser-ci é una regione fenomenica, proprio perché comincia nel momento stesso nel quale il mondo comincia ad essere percepito e l essere nel mondo diventa con-essere e con-esser-ci. In questo modo, il Sé può essere se stesso solo se visto e considerato nel suo essere nel mondo con la propria finalità relazionale: con e qui il con-esserci si organizza e si manifesta come se-stesso-quotidiano. Il Chi dell Esser-ci è l Ente che Io-stesso sempre sono e, quindi, quel Sé che si riconosce nel mondo fenomenico come Esser-ci, Essere-con, Essere-per. Il Chi, l Io-stesso, il Soggetto rappresentano le immagini riflesse nello specchio della quotidianità di uno stesso ed unico Sé. Il Sé si mantiene identico nel mostrare dei comportamenti o delle attitudini. Intendiamo questo come la realtà della molteplicità delle identificazioni dell Io, la variabilità della maschera che l Io utilizza per essere-nel-mondo rispettando le variabili del essere-con o essere-per, ma pur sempre un essere intuitivamente sempre se stesso che dà risposte multiple pur non perdendo la propria identità olistica che si traduce nell unificazione del senso di Sé o semplicemente il Sé.

2 Heidegger riferisce la molteplicità come dinamica conservatrice o salvifica che permette quella sostanzialità che libera dall essere semplice presenza, passivo riflesso del mondo, per creare quel essere nel mondo che è Esser-ci. Il senso dell essere risponde a quella indeterminatezza che permette la creazione ontologica dell Esser-ci, capace di esautorare quella semplice presenza che sarebbe un non-esser-ci, un Ente non conforme all Esser-ci e, quindi, un non-esistente. Per Heidegger, la semplice presenza nel mondo sarebbe quel modo di essere dell Ente non conforme con l Esser-ci. Un tema interessante prospettato da Heidegger è quello della datità dell Io, della sua storicità e, quindi, delle esperienze pratiche: della coscienza fattuale. Il dato, la coscienza fattuale la espressività fenomenica aprono alla fenomenologia formale della coscienza che, in termini più psicologici, fa riferimento alla percezione, alla rappresentazione e a quello che denominiamo relazione con il reale come possibilità adattiva nella relazione con il mondo (altre sono le rappresentazioni, le dinamiche sessuali, i rapporti con le figure di riferimento come padre e madre, ecc.). Affrontando queste tematiche, sembra abbia ragione Raimond Tallis quando dice che la filosofia ed in special modo la fenomenologia, costruiscono enormi castelli di concetti astrusi che risultano ben lontani dalla semplicità della esperienza immediata e dalla realtà del vivere quotidiano. Sul tema, Heidegger costruisce una serie di domande che portano anche al dubbio che l Esser-ci debba sempre essere un Sé-stesso che si traduce nella definizione l Io può essere compreso solo nel senso di una indicazione formale (presenza) che però non è vincolante, potendosi anche rivelare come l opposto di quanto dato a vedere. In questa logica però, il non-io non significa privazione di identità, ma solamente una trasformazione temporale e spaziale dell Io. Dal punto di vista neuroscientifico, questo rappresenta il modello funzionale della maschera o dell identificazione multipla che non è perdita di Sé in quanto è proprio il Sé che, nella sua capacità creativa, porta alla soggettivazione, all unificazione di tutte le esperienze identificatorie. Questo processo, che unisce tutti gli Io insieme ad i non-io, è una modalità esistenziale che, come problematica autentica dà valore, spessore e verità al Sé nel suo cammino nell ambito del suo Essere-nel-mondo : Esser-ci. Le domande: - è certo che l accesso all Esser-ci debba essere una riflessione puramente percettiva sul Io degli altri? - è forse l Esser-ci, nel più immediato rivolgersi a se stesso, che si dichiara Io sono questo e, quindi, non sono altro? - che vale il dubbio metafisico per il quale l Io scopre di poter non essere se stesso? - e se l analisi esistenziale scoprisse la trappola dell Esser-ci per creare una semplice auto-interpretazione? - Cosa diremmo se l analisi ontologica scoprisse che l Esser-ci resta fondamentalmente indeterminato? A prima vista sembrerebbe che l unica risposta si organizzi attorno ad una indicazione formale (datità), ma è proprio questa consequenzialità di dubbi che

3 dà senso al Io-non-Io, alla indeterminatezza della mancanza di egocità, alla perdita del Sé che si sta cercando. Il genuino essere se-stesso, l interpretazione positiva dell Esser-ci assumono un valore di perfezionamento ontico proprio nella determinatezza per la quale: - l Esser-ci è se stesso solo nella sua esistenza ; - non c è Io che non sia, innanzitutto, soggetto posto-in messo nel suo mondo ; - non c è Io isolato, solitario abitatore di un mondo privato degli altri ; - non c è esibizione fenomenica senza un determinato modo di essere dell Esser-ci e, quindi, dell Esser-ci nel mondo. Sembra di essere gettati nella prassi della psicodinamica e della psicologia dello sviluppo che, nell ambito della timologia, osservano come il senso di essere se stessi si fonda sulle iniziali conquiste intuitive del soggetto che si trasformano in: - senso di esistere; - di essere; - di essere se stesso e non un altro; - di poter funzionare nella percezione e nella relazione; - di funzionare come soggetto normale ; - di essere se stessi nello spazio e nel tempo come oggetto permanente ; - di vivere in verità perché riconosciuto dall Altro (la madre); - di percepire la verità della presenza dell altro (coscienza concreta), le dinamiche affettive (coscienza emotivo-affettiva), la consequenzialità della ragione (coscienza razionale); - senso del valore dell altro nelle dinamiche del Nome del Padre ; - di essere come opposizione all imposizione ( del Super-Io applicato) - di appartenenza come superamento delle dinamiche edipiche che annullano l indeterminatezza dell Io-non-Io, spostando la verità sul piano del soggetto, del Sé-creativo, dell immissione nelle dinamiche dell immaginario. - Heidegger continua a chiarire il tema puntualizzando che l essenza dell Esserci si fonda nella sua esistenza e nella esibizioni fenomenica di un determinato modo di essere dell Esserci. In questo ordine di idee, non dobbiamo di cercare un semplice fondamento ( o nocciolo autentico ) che sarebbe solo espressioni di una presenza, ma una esistenza che ha in sé il senso creativo del divenire. La sostanza dell Uomo non è lo spirito come sintesi di anima e corpo che diventa fenomenologia della presenza, ma con - l esistenza si apre alla considerazione di un con-esser-ci degli altri nel contesto di un con-esserequotidiano. Nella sua intenzione carica di genialità, Heidegger vede nella quotidianità le dinamiche dell opera utilizzabile, di quella economia della relazione che, come succede tra fornitore e fruitore, rispetta un fare su misura, una scelta dei materiali più idonei,.un mondo che è utilizzabile per gli altri anche se fatto, fin da principio,per me. Questa sottolineatura permette di vedere l Esser-ci non come semplice presenza, ma come mondo utilizzabile,capace di generare,quindi, quei famosi ponti d amore sui quali. succedono molte cose ( espressione tanto significativa per la terapia relazionale e timologica ).

4 La caratterizzazione dell incontro dà spessore al Esser-ci-con proprio perché gli altri diventano l essere-nel-mondo, vale a dire fra i quali si è anche. Questo esser-ci-con-essi nel anche esprime un intendersi esistenzialmente, superando il modello categoriale e cercando quella con-divisione che è anche un con-essere-con-gli-altri. Per Heidegger l essere-in-sé-intramondano degli altri è un con-esser-ci. La definizione presuppone una relazione che è prendere-cura per la quale, nell ambientalità mondana, l Esser-ci trova se-stesso innanzitutto in ciò che sta facendo in una dinamica di utilizzabile ed evitabile che dà senso e valore al prendersi cura. I ponti d amore, come spazialità esistenziale, creano spazio a quel incontrarsi al lavoro che è un con per, nella cui dimensione la non relazione con gli altri si trasforma successivamente in con gli altri. l Esser-ci è assimilabile al non-esser-ci e questo enunciato fenomenologico ha però in sé un senso ontologico-esistenziale proprio perché qualificante. Heidegger sottolinea questo aspetto riferendo come l Esser-ci-con potrebbe anche, in modo difettivo, prospettarsi come essere-solo, restando però come elemento di proposizione, di qualità oltre che di definizione per il proprio senso di essere-umano. Tutta la vocazione dell Esser-ci, aperta all altro nel essere-per, è un forte riferimento al senso della cura. In questo l Esser-ci non si colloca nell ambito del prendersi cura, ma in quello di aver-cura. L aver-cura ha in sé una profonda dimensione timologica proprio perché presuppone, prima di tutto, dare valore all altro e, in questo, si comprende meglio l aver cura del valore dell altro, aver cura delle sue potenzialità. Tale lettura considera l essenzialità di non restare indifferente di fronte al valore dell altro in una logica che la più innovativa psicologia dello sviluppo ha recentemente puntualizzato nelle dinamiche del Super-Io implicato che contrastano quelle del Super-Io-applicato nelle quali emerge una negativa forma auto-referenziale che viene anche definita come ideale del Super-Io. Heidegger chiarisce perfettamente questo quadro ontologico definendo i modi positivi dell aver-cura che si manifestano in: - sollevare l altro dalla cura sostituendosi, intromettendosi al suo gesto; - inserire l altro nella cura stessa che è appunto una forma di implicazione, ma anche del fare-con-per ; che equivale a aiutare l altro a divenire trasparente nella propria cura, rendendolo libero per essa. L Esser-ci nella cura diventa quindi un prendere cura assieme ed ancora essere-assieme che trae origine dal fare le stesse cose che ha implicito in sé il senso della sussidiarietà. Questo è per Heidegger un legame autentico, timologicamente significativo nelle dinamiche della implicazione ( per liquidare tutto ciò che è applicato), nel rispetto della libertà e del valore dell altro, che rimette l altro nella propria libertà e nel riconoscimento dei suoi valori. Da queste osservazioni, il quadro ontologico tracciato da Heidegger si prospetta come una vera e propria mondità, cioè come segnata dalle questioni fondanti del mondo nel quale l Esser-ci-è. La significatività, la familiarità, l utilizzabile, l appagante, ecc. diventano le caratteristiche che portano l Esser-ci, in quanto con-essere, nel suo fare-agire della cura un fondamento etico.

5 Anche l essere-ontico e non pura presenza si trasforma in fondamento in quanto verità e, proprio per questo, si delinea un aspetto fenomenologico del mondo che rispecchia un nucleo fondante-etico che risulta il vero punto di partenza per tutta la visione filosofica heideggeriana. Da tutto questo, il trascurarsi reciproco, la perdita di sussidiarietà, la simulazione, diventano solo aspetti transitori, quel non-esser-ci che il filosofo interpreta come momentanea eclisse o momento negativo della storia di un fenomeno originario che è l Esser-ci-con. L essere assieme ( con per) è ciò che sin dal principio e originariamente rende possibile e costituisce la relazione con gli altri ed anche la mondità. Questo fenomeno è chiamato empatia e rappresenta quel gettare un ponte ontologico che, come ponte d amore, costituisce non solo il fondamento del prendere-cura, ma anche il senso originario dell essere fra Esser-ci ed Esser-ci. DISCUSSIONE E CLONCLUSIONI Nella sua profonda e precisa lettura del Essere-nel-mondo come con-essere ed essere-se-stesso Heidegger traccia il fondamento di una mondità (senso originario del mondo) nella quale il soggetto-sé trova e attiva il suo proprio fondamento ontologico che è Esser-ci ed Essere-con. L originale concezione del fare nel mondo come senso dell Essere e dell Esserecura, stabilisce una visione etica del modo per la quale l Essere non può essere altro da Essere-con. Proprio per questo, si stabilisce un modo d essere che è l Essere-in-tono. È impossibile non essere-in-tonati per il fatto stesso di Essere-uomini come struttura ontologica dell affettività. Parliamo di tonalità affettiva che nell essere-con si traduce in una sorta di atmosfera nella quale l essere è immerso, cioè Esser-ci, un modo d essereinsieme, esistere con gli altri. L espressione originaria dell essere non è quella del confronto o della supremazia, ma quella della comunanza che è sentire l altro, far vivere quei sentimenti che sono ponti di incontro tra noi e gli altri. Nel sentire non c è un soggetto ed un oggetto, ma un esperienza, una relazione, una tonalità affettiva. La visione etica del mondo non assume per Heidegger una tonalità morale, proponendosi, al contrario, come un ideologismo mistico che vuole superare un mero soggettivismo proprio perché traccia le linee-guida di un Esser-ci che si traduce in un con ed un per, che diventano un fare, un agire la cura intesa come apertura attiva e propositiva del soggetto verso l altro: Esser-ci per un altro Esser-ci. Heidegger dunque, non si pone nella linea del misticismo di tipo orientale, ma in uno slancio mistico che richiede il fare che, proprio per uno slancio soggettivo verso l altro, verso il sociale trova la sua verità nel risultato, la sua beatificazione nel proposito e nel fine. Questo slancio mistico è implicito nell Esser-ci che è una costruzione ontologica del tutto particolare dal momento che trova il suo fondamento nel - ci, vale a dire nella dinamica del essere-nel-mondo. In tale logica, sarebbe il mondo a dettare il come ed il dove dell Esser-ci, ma anche del essere-con o del essere-per.

6 Lo stratagemma mistico sta proprio nel cambiare i punti di riferimento e legare l Esser-ci ad una capacità primaria dell Essere che, quindi, si autodisciplina e su auto-riferisce. Il -ci, il -con, il -per diventano solo strategie dell Essere per completarsi e per rendersi visibile nella quotidianità, superando anche il trabocchetto della pura presenza. L Essere è dunque essere-in-sé che si mostra nella prassi del ci, del con, del per ed anche della-cura. Da tutto questo, il pensiero dell Esserci diventa ancora una volta mistico proprio perché nella sua purezza ontologica primitiva e primaria assume anche quel mantello etico per il quale si carica di una dimensione affettiva positiva, carica di sentimenti buoni che, nell ambito della cura, attivano equità, sussidiarietà, ragionevolezza, ecc. Nello studio della psicologia dello sviluppo e della dinamica timologica del soggetto, il problema degli affetti positivi e negativi risulta fondamentale proprio perché deve risolvere il problema dell amore e dell odio nei confronti del Sé e degli Altri. Per Heidegger questo tema è superato nella definizione stessa del Esser-ci proprio perché è in questo -ci che si riflette una potenzialità primigenita di fare il bene, dal momento che fare il male sarebbe il segno di un non-esser-ci. La mistica sta proprio nel portare alla luce quel Esser-ci che è comprensione dell Essere in quanto tale, che però è tale proprio perché è immerso nella sua stessa essenza etica, prima che nell essenza del mondo. A questo proposito, ha ragione Alfredo Marini, quando dice che secondo Heidegger, l intera Seinsfrage è un problema talmente seppellito nell oblio che nessuno se lo pone più. Il senso dell Essere non può evitare l orizzonte trascendentale della domanda stessa e, proprio per questo, il senso dell Essere diventa la vera storia dell oblio della domanda. In questa visione filosofica, l uomo comprende tutte le cose dando un senso o comprendendo il senso del proprio Esser-ci. Resta il fatto però che l Esser-ci non è un dato, ma è sempre e solo una domanda, proprio perché l essere dell uomo sta nel fatto che gli importa del proprio essere : l uomo è colui che si chiede Chi, che cosa e come egli stesso sia.

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Il sistema psico-mentale espressione dell auto-coscienza. Romeo Lucioni Leticia Lucioni

Il sistema psico-mentale espressione dell auto-coscienza. Romeo Lucioni Leticia Lucioni Il sistema psico-mentale espressione dell auto-coscienza. Romeo Lucioni Leticia Lucioni Il sistema psico-mentale fa riferimento alla attività che lega le risposte sensitivopercettive alle elaborazioni

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner *

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Tredimensioni 5(2008) 105-110 «Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Carlo Bresciani E ssendo un libro scritto

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

L intervento di De Bartolomeis

L intervento di De Bartolomeis APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE SUL PROGETTO DI ATTIVITA ARTISTICA Gli appunti fino ad ora letti e discussi risalgono ad una visione dell attività artistica essenzialmente di stampo arnhemiano. Le letture

Dettagli

Le dinamiche del senso dell autostima e dell auto-realizzazione.

Le dinamiche del senso dell autostima e dell auto-realizzazione. Le dinamiche del senso dell autostima e dell auto-realizzazione. Romeo Lucioni Proponendo una nuova teoria sulla realtà umana (che scalzava la supremazia razional-ideologica dell illuminismo) la psicoanalisi

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DEL CONSULENTE FAMILIARE

LA FIGURA PROFESSIONALE DEL CONSULENTE FAMILIARE LA FIGURA PROFESSIONALE DEL CONSULENTE FAMILIARE di Rita Roberto PRESIDENTE A.I.C.C.e.F. E l uomo della relazione e dell ascolto, che armonizza le relazioni umane. Aiuta la persona a prendere coscienza

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare.

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare. Prefazione In quest ultimo ventennio l interesse della psicologia per temi che riguardano la coppia è andato sempre più crescendo. È un argomento che ha sempre appassionato gli studiosi del settore e credo

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Un nuovo modo di Amare: Il Tantra

Un nuovo modo di Amare: Il Tantra SESSO Un nuovo modo di Amare: Il Tantra La mente si espande, lo spirito si eleva, i sensi si accendono, ma cosa significa vivere tantrico? Dott. Roberto Cavaliere Psicologo e Psicoterapeuta Tantra è quel

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Corso di Alta Formazione

Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione Dottrina Sociale della Chiesa e Costituzione Italiana: laici e cattolici a servizio del Paese reale MODULO 3 ETICA E POLITICA: DIRITTI, VALORI, CULTURA ED EDUCAZIONE IN TERRA DI

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La ricerca empirica in educazione

La ricerca empirica in educazione La ricerca empirica in educazione Alberto Fornasari Docente di Pedagogia Sperimentale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Il ricercatore ha il compito di trovare relazioni

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 LEZIONE MEDIAZIONE CULTURALE ED EDUCAZIONE SOCIALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 2 di 8 1 Profilo professionale

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro Luigi Casa Monica Vincenzi Finalmente Beatrice Un viaggio nella Divina Commedia Prefazione di Alberto Bermolen e Maria Grazia Dal Porto Introduzione

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Lo sguardo fenomenologico e la distanza che "fa" relazione

Lo sguardo fenomenologico e la distanza che fa relazione Lo sguardo fenomenologico e la distanza che "fa" relazione Francesca Cantaro Psicoterapeuta direttore del Giardino dei Pensieri, Milano "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

1. FARE YOGA 2. NUOVE INTERPRETAZIONI

1. FARE YOGA 2. NUOVE INTERPRETAZIONI 1. FARE YOGA are yoga significa rifuggire e condizionarsi nella pratica del corpo e dell intima saggezza espressa, dalle necessità storiche, dallo sforzo di protezione di se. Come concetto acquisito ed

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Diventare ciò che si è

Diventare ciò che si è Calogero Caltagirone Diventare ciò che si è La prospettiva etica come principio di umanizzazione ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Centro Antiviolenza Catia Doriana Bellini nel comune di Perugia per donne sole o con eventuali figli minori, vittime di violenza o di stalking,

Centro Antiviolenza Catia Doriana Bellini nel comune di Perugia per donne sole o con eventuali figli minori, vittime di violenza o di stalking, Presentazione Apertura centro antiviolenza Catia Doriana Bellini di Perugia Perugia, Palazzo dei Priori - Sala dei Notari Giovedì 6 marzo 2014 ore 17.30 Intervento introduttivo Lorena Pesaresi Assessore

Dettagli

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice LINGUISTICA Sensibilità al significato (semantica), all ordine (sintassi), ai suoni, ai ritmi e alle inflessioni delle parole (fonologia); sensibilità alle

Dettagli

Corso di Psicologia della disabilità e dell integrazione

Corso di Psicologia della disabilità e dell integrazione Corso di Psicologia della disabilità e dell integrazione a.a 2014-2015 lezione del 10 novembre 2014 Dott.ssa Barbara Ferrari È facile imparare ciò che non si sa. Il difficile è imparare ciò che si sa.!

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti umani versus diritti culturali Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti culturali I diritti culturali, rappresentano il diritto di accesso alle risorse culturali appropriate, e in questo, designano

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

CORSO DI PEDAGOGIA E PSICOLOGIA APPLICATA

CORSO DI PEDAGOGIA E PSICOLOGIA APPLICATA F.I.S.E. FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI Corso Formazione 1 Livello Reining CORSO DI PEDAGOGIA E PSICOLOGIA APPLICATA I PARTE Dott.ssa Francesca Morosini Psicologa PROGRAMMA 1. Cenni di Pedagogia 2.

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Dr. Augusto Gentili 20/09/2011 Dott. Augusto Gentili 1 Viviamo in una società di massa, globalizzata. Ci si aspetta

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

La questione della memoria

La questione della memoria La questione della memoria Romeo Lucioni I processi psico-mentali che fanno riferimento alla memorizzazione sono sicuramente molto complessi ed anche di difficile decifrazione. Anche se la memoria viene

Dettagli

News n 37. Dicembre 2010. Ecco i risultati della Prima Convention dell Accademia della Cura

News n 37. Dicembre 2010. Ecco i risultati della Prima Convention dell Accademia della Cura News n 37 Dicembre 2010 Oltre 120 presenze Ecco i risultati della Prima Convention dell Accademia della Cura Forte interesse e grande condivisione dei diversi momenti Presentazione del libro La leggerezza

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Fare geometria come e perchè

Fare geometria come e perchè Fare geometria come e perchè La matematica non è una materia, è un metodo. Non è uno scaffale del sapere, quello che contiene formule, costruzioni mentali, astrazioni, che sembrano nascere le une dalle

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli