Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO."

Transcript

1 Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Romeo Lucioni Il tema dell Essere permea la metafisica ed è il fondamento della filosofia anche se spesso questa sembra attratta e condizionata dalla malia del linguaggio (come dice Raymond Tallis) nel quale costruisce pseudo-problemi insoluti Interrogare l uomo su se stesso, sul senso di sé resta però il primo, il permanente e l infinito gioco delle parti nel quale pensatori, psicologi, psicoanalisti, antropologi, biologi, neurologi e finalmente cultori delle neuroscienze scoprono il valore dell interrogarsi per poter afferrar, intuitivamente o razionalmente o affettivamente, il senso dei fenomeni della mente, della coscienza, delle relazioni intime e sociali dell uomo tra gli uomini, dell essere-nelmondo. Accanto alla necessità scientifica, quando parliamo di essere-nel-mondo, si sviluppano una infinità di pensieri, intuizioni, fruizioni filosofiche ed anche di ingenue espressioni che ogni persona elabora sull onda delle proprie esperienze, dei propri vissuti più intimi e segreti. Essere-nel-mondo è, come dice Heidegger, una esperienza intramondana, ma anche e forse soprattutto, intrapsichica, proprio perché è nell immagine interiore che si sviluppa sinceramente ed anche nascostamente la ricchezza emotiva ed affettiva che lega ogni persona alle sue relazioni, alle sue partecipazioni. Per Heidegger questa intenzione si traduce in l Esser-ci è assorbito dal suo mondo. Chi è che nella quotidianità è l Esser-ci? La risposta sta nella considerazione che l in-essere è ontologicamente il senso della presenza nella quotidianità, nell esperienza concreta, tangibile e visibile della presenza come espressione esistenziale. La quotidianità dell Esser-ci é una regione fenomenica, proprio perché comincia nel momento stesso nel quale il mondo comincia ad essere percepito e l essere nel mondo diventa con-essere e con-esser-ci. In questo modo, il Sé può essere se stesso solo se visto e considerato nel suo essere nel mondo con la propria finalità relazionale: con e qui il con-esserci si organizza e si manifesta come se-stesso-quotidiano. Il Chi dell Esser-ci è l Ente che Io-stesso sempre sono e, quindi, quel Sé che si riconosce nel mondo fenomenico come Esser-ci, Essere-con, Essere-per. Il Chi, l Io-stesso, il Soggetto rappresentano le immagini riflesse nello specchio della quotidianità di uno stesso ed unico Sé. Il Sé si mantiene identico nel mostrare dei comportamenti o delle attitudini. Intendiamo questo come la realtà della molteplicità delle identificazioni dell Io, la variabilità della maschera che l Io utilizza per essere-nel-mondo rispettando le variabili del essere-con o essere-per, ma pur sempre un essere intuitivamente sempre se stesso che dà risposte multiple pur non perdendo la propria identità olistica che si traduce nell unificazione del senso di Sé o semplicemente il Sé.

2 Heidegger riferisce la molteplicità come dinamica conservatrice o salvifica che permette quella sostanzialità che libera dall essere semplice presenza, passivo riflesso del mondo, per creare quel essere nel mondo che è Esser-ci. Il senso dell essere risponde a quella indeterminatezza che permette la creazione ontologica dell Esser-ci, capace di esautorare quella semplice presenza che sarebbe un non-esser-ci, un Ente non conforme all Esser-ci e, quindi, un non-esistente. Per Heidegger, la semplice presenza nel mondo sarebbe quel modo di essere dell Ente non conforme con l Esser-ci. Un tema interessante prospettato da Heidegger è quello della datità dell Io, della sua storicità e, quindi, delle esperienze pratiche: della coscienza fattuale. Il dato, la coscienza fattuale la espressività fenomenica aprono alla fenomenologia formale della coscienza che, in termini più psicologici, fa riferimento alla percezione, alla rappresentazione e a quello che denominiamo relazione con il reale come possibilità adattiva nella relazione con il mondo (altre sono le rappresentazioni, le dinamiche sessuali, i rapporti con le figure di riferimento come padre e madre, ecc.). Affrontando queste tematiche, sembra abbia ragione Raimond Tallis quando dice che la filosofia ed in special modo la fenomenologia, costruiscono enormi castelli di concetti astrusi che risultano ben lontani dalla semplicità della esperienza immediata e dalla realtà del vivere quotidiano. Sul tema, Heidegger costruisce una serie di domande che portano anche al dubbio che l Esser-ci debba sempre essere un Sé-stesso che si traduce nella definizione l Io può essere compreso solo nel senso di una indicazione formale (presenza) che però non è vincolante, potendosi anche rivelare come l opposto di quanto dato a vedere. In questa logica però, il non-io non significa privazione di identità, ma solamente una trasformazione temporale e spaziale dell Io. Dal punto di vista neuroscientifico, questo rappresenta il modello funzionale della maschera o dell identificazione multipla che non è perdita di Sé in quanto è proprio il Sé che, nella sua capacità creativa, porta alla soggettivazione, all unificazione di tutte le esperienze identificatorie. Questo processo, che unisce tutti gli Io insieme ad i non-io, è una modalità esistenziale che, come problematica autentica dà valore, spessore e verità al Sé nel suo cammino nell ambito del suo Essere-nel-mondo : Esser-ci. Le domande: - è certo che l accesso all Esser-ci debba essere una riflessione puramente percettiva sul Io degli altri? - è forse l Esser-ci, nel più immediato rivolgersi a se stesso, che si dichiara Io sono questo e, quindi, non sono altro? - che vale il dubbio metafisico per il quale l Io scopre di poter non essere se stesso? - e se l analisi esistenziale scoprisse la trappola dell Esser-ci per creare una semplice auto-interpretazione? - Cosa diremmo se l analisi ontologica scoprisse che l Esser-ci resta fondamentalmente indeterminato? A prima vista sembrerebbe che l unica risposta si organizzi attorno ad una indicazione formale (datità), ma è proprio questa consequenzialità di dubbi che

3 dà senso al Io-non-Io, alla indeterminatezza della mancanza di egocità, alla perdita del Sé che si sta cercando. Il genuino essere se-stesso, l interpretazione positiva dell Esser-ci assumono un valore di perfezionamento ontico proprio nella determinatezza per la quale: - l Esser-ci è se stesso solo nella sua esistenza ; - non c è Io che non sia, innanzitutto, soggetto posto-in messo nel suo mondo ; - non c è Io isolato, solitario abitatore di un mondo privato degli altri ; - non c è esibizione fenomenica senza un determinato modo di essere dell Esser-ci e, quindi, dell Esser-ci nel mondo. Sembra di essere gettati nella prassi della psicodinamica e della psicologia dello sviluppo che, nell ambito della timologia, osservano come il senso di essere se stessi si fonda sulle iniziali conquiste intuitive del soggetto che si trasformano in: - senso di esistere; - di essere; - di essere se stesso e non un altro; - di poter funzionare nella percezione e nella relazione; - di funzionare come soggetto normale ; - di essere se stessi nello spazio e nel tempo come oggetto permanente ; - di vivere in verità perché riconosciuto dall Altro (la madre); - di percepire la verità della presenza dell altro (coscienza concreta), le dinamiche affettive (coscienza emotivo-affettiva), la consequenzialità della ragione (coscienza razionale); - senso del valore dell altro nelle dinamiche del Nome del Padre ; - di essere come opposizione all imposizione ( del Super-Io applicato) - di appartenenza come superamento delle dinamiche edipiche che annullano l indeterminatezza dell Io-non-Io, spostando la verità sul piano del soggetto, del Sé-creativo, dell immissione nelle dinamiche dell immaginario. - Heidegger continua a chiarire il tema puntualizzando che l essenza dell Esserci si fonda nella sua esistenza e nella esibizioni fenomenica di un determinato modo di essere dell Esserci. In questo ordine di idee, non dobbiamo di cercare un semplice fondamento ( o nocciolo autentico ) che sarebbe solo espressioni di una presenza, ma una esistenza che ha in sé il senso creativo del divenire. La sostanza dell Uomo non è lo spirito come sintesi di anima e corpo che diventa fenomenologia della presenza, ma con - l esistenza si apre alla considerazione di un con-esser-ci degli altri nel contesto di un con-esserequotidiano. Nella sua intenzione carica di genialità, Heidegger vede nella quotidianità le dinamiche dell opera utilizzabile, di quella economia della relazione che, come succede tra fornitore e fruitore, rispetta un fare su misura, una scelta dei materiali più idonei,.un mondo che è utilizzabile per gli altri anche se fatto, fin da principio,per me. Questa sottolineatura permette di vedere l Esser-ci non come semplice presenza, ma come mondo utilizzabile,capace di generare,quindi, quei famosi ponti d amore sui quali. succedono molte cose ( espressione tanto significativa per la terapia relazionale e timologica ).

4 La caratterizzazione dell incontro dà spessore al Esser-ci-con proprio perché gli altri diventano l essere-nel-mondo, vale a dire fra i quali si è anche. Questo esser-ci-con-essi nel anche esprime un intendersi esistenzialmente, superando il modello categoriale e cercando quella con-divisione che è anche un con-essere-con-gli-altri. Per Heidegger l essere-in-sé-intramondano degli altri è un con-esser-ci. La definizione presuppone una relazione che è prendere-cura per la quale, nell ambientalità mondana, l Esser-ci trova se-stesso innanzitutto in ciò che sta facendo in una dinamica di utilizzabile ed evitabile che dà senso e valore al prendersi cura. I ponti d amore, come spazialità esistenziale, creano spazio a quel incontrarsi al lavoro che è un con per, nella cui dimensione la non relazione con gli altri si trasforma successivamente in con gli altri. l Esser-ci è assimilabile al non-esser-ci e questo enunciato fenomenologico ha però in sé un senso ontologico-esistenziale proprio perché qualificante. Heidegger sottolinea questo aspetto riferendo come l Esser-ci-con potrebbe anche, in modo difettivo, prospettarsi come essere-solo, restando però come elemento di proposizione, di qualità oltre che di definizione per il proprio senso di essere-umano. Tutta la vocazione dell Esser-ci, aperta all altro nel essere-per, è un forte riferimento al senso della cura. In questo l Esser-ci non si colloca nell ambito del prendersi cura, ma in quello di aver-cura. L aver-cura ha in sé una profonda dimensione timologica proprio perché presuppone, prima di tutto, dare valore all altro e, in questo, si comprende meglio l aver cura del valore dell altro, aver cura delle sue potenzialità. Tale lettura considera l essenzialità di non restare indifferente di fronte al valore dell altro in una logica che la più innovativa psicologia dello sviluppo ha recentemente puntualizzato nelle dinamiche del Super-Io implicato che contrastano quelle del Super-Io-applicato nelle quali emerge una negativa forma auto-referenziale che viene anche definita come ideale del Super-Io. Heidegger chiarisce perfettamente questo quadro ontologico definendo i modi positivi dell aver-cura che si manifestano in: - sollevare l altro dalla cura sostituendosi, intromettendosi al suo gesto; - inserire l altro nella cura stessa che è appunto una forma di implicazione, ma anche del fare-con-per ; che equivale a aiutare l altro a divenire trasparente nella propria cura, rendendolo libero per essa. L Esser-ci nella cura diventa quindi un prendere cura assieme ed ancora essere-assieme che trae origine dal fare le stesse cose che ha implicito in sé il senso della sussidiarietà. Questo è per Heidegger un legame autentico, timologicamente significativo nelle dinamiche della implicazione ( per liquidare tutto ciò che è applicato), nel rispetto della libertà e del valore dell altro, che rimette l altro nella propria libertà e nel riconoscimento dei suoi valori. Da queste osservazioni, il quadro ontologico tracciato da Heidegger si prospetta come una vera e propria mondità, cioè come segnata dalle questioni fondanti del mondo nel quale l Esser-ci-è. La significatività, la familiarità, l utilizzabile, l appagante, ecc. diventano le caratteristiche che portano l Esser-ci, in quanto con-essere, nel suo fare-agire della cura un fondamento etico.

5 Anche l essere-ontico e non pura presenza si trasforma in fondamento in quanto verità e, proprio per questo, si delinea un aspetto fenomenologico del mondo che rispecchia un nucleo fondante-etico che risulta il vero punto di partenza per tutta la visione filosofica heideggeriana. Da tutto questo, il trascurarsi reciproco, la perdita di sussidiarietà, la simulazione, diventano solo aspetti transitori, quel non-esser-ci che il filosofo interpreta come momentanea eclisse o momento negativo della storia di un fenomeno originario che è l Esser-ci-con. L essere assieme ( con per) è ciò che sin dal principio e originariamente rende possibile e costituisce la relazione con gli altri ed anche la mondità. Questo fenomeno è chiamato empatia e rappresenta quel gettare un ponte ontologico che, come ponte d amore, costituisce non solo il fondamento del prendere-cura, ma anche il senso originario dell essere fra Esser-ci ed Esser-ci. DISCUSSIONE E CLONCLUSIONI Nella sua profonda e precisa lettura del Essere-nel-mondo come con-essere ed essere-se-stesso Heidegger traccia il fondamento di una mondità (senso originario del mondo) nella quale il soggetto-sé trova e attiva il suo proprio fondamento ontologico che è Esser-ci ed Essere-con. L originale concezione del fare nel mondo come senso dell Essere e dell Esserecura, stabilisce una visione etica del modo per la quale l Essere non può essere altro da Essere-con. Proprio per questo, si stabilisce un modo d essere che è l Essere-in-tono. È impossibile non essere-in-tonati per il fatto stesso di Essere-uomini come struttura ontologica dell affettività. Parliamo di tonalità affettiva che nell essere-con si traduce in una sorta di atmosfera nella quale l essere è immerso, cioè Esser-ci, un modo d essereinsieme, esistere con gli altri. L espressione originaria dell essere non è quella del confronto o della supremazia, ma quella della comunanza che è sentire l altro, far vivere quei sentimenti che sono ponti di incontro tra noi e gli altri. Nel sentire non c è un soggetto ed un oggetto, ma un esperienza, una relazione, una tonalità affettiva. La visione etica del mondo non assume per Heidegger una tonalità morale, proponendosi, al contrario, come un ideologismo mistico che vuole superare un mero soggettivismo proprio perché traccia le linee-guida di un Esser-ci che si traduce in un con ed un per, che diventano un fare, un agire la cura intesa come apertura attiva e propositiva del soggetto verso l altro: Esser-ci per un altro Esser-ci. Heidegger dunque, non si pone nella linea del misticismo di tipo orientale, ma in uno slancio mistico che richiede il fare che, proprio per uno slancio soggettivo verso l altro, verso il sociale trova la sua verità nel risultato, la sua beatificazione nel proposito e nel fine. Questo slancio mistico è implicito nell Esser-ci che è una costruzione ontologica del tutto particolare dal momento che trova il suo fondamento nel - ci, vale a dire nella dinamica del essere-nel-mondo. In tale logica, sarebbe il mondo a dettare il come ed il dove dell Esser-ci, ma anche del essere-con o del essere-per.

6 Lo stratagemma mistico sta proprio nel cambiare i punti di riferimento e legare l Esser-ci ad una capacità primaria dell Essere che, quindi, si autodisciplina e su auto-riferisce. Il -ci, il -con, il -per diventano solo strategie dell Essere per completarsi e per rendersi visibile nella quotidianità, superando anche il trabocchetto della pura presenza. L Essere è dunque essere-in-sé che si mostra nella prassi del ci, del con, del per ed anche della-cura. Da tutto questo, il pensiero dell Esserci diventa ancora una volta mistico proprio perché nella sua purezza ontologica primitiva e primaria assume anche quel mantello etico per il quale si carica di una dimensione affettiva positiva, carica di sentimenti buoni che, nell ambito della cura, attivano equità, sussidiarietà, ragionevolezza, ecc. Nello studio della psicologia dello sviluppo e della dinamica timologica del soggetto, il problema degli affetti positivi e negativi risulta fondamentale proprio perché deve risolvere il problema dell amore e dell odio nei confronti del Sé e degli Altri. Per Heidegger questo tema è superato nella definizione stessa del Esser-ci proprio perché è in questo -ci che si riflette una potenzialità primigenita di fare il bene, dal momento che fare il male sarebbe il segno di un non-esser-ci. La mistica sta proprio nel portare alla luce quel Esser-ci che è comprensione dell Essere in quanto tale, che però è tale proprio perché è immerso nella sua stessa essenza etica, prima che nell essenza del mondo. A questo proposito, ha ragione Alfredo Marini, quando dice che secondo Heidegger, l intera Seinsfrage è un problema talmente seppellito nell oblio che nessuno se lo pone più. Il senso dell Essere non può evitare l orizzonte trascendentale della domanda stessa e, proprio per questo, il senso dell Essere diventa la vera storia dell oblio della domanda. In questa visione filosofica, l uomo comprende tutte le cose dando un senso o comprendendo il senso del proprio Esser-ci. Resta il fatto però che l Esser-ci non è un dato, ma è sempre e solo una domanda, proprio perché l essere dell uomo sta nel fatto che gli importa del proprio essere : l uomo è colui che si chiede Chi, che cosa e come egli stesso sia.

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato Martin Heidegger Nella celebre Lettera sull'umanismo del 1947 Heidegger in polemica con Sartre nega la propria appartenenza all'esistenzialismo. rivoluzione interpretativa: da filosofo dell'esistenza a

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

L esserci dell altro in Essere e Tempo L alterità nell analitica esistenziale di Martin Heidegger

L esserci dell altro in Essere e Tempo L alterità nell analitica esistenziale di Martin Heidegger 2005 Istituto di Filosofia Arturo Massolo Università di Urbino Isonomia L esserci dell altro in Essere e Tempo L alterità nell analitica esistenziale di Martin Heidegger Alessandro Marini Università degli

Dettagli

Giacomo Pisani IL GERGO DELLA GENUINITÀ IN HEIDEGGER

Giacomo Pisani IL GERGO DELLA GENUINITÀ IN HEIDEGGER Giacomo Pisani IL GERGO DELLA GENUINITÀ IN HEIDEGGER Il testo è pubblicato da www.filosofia.it, rivista on-line registrata; codice internazionale issn 1722-9782. Il copyright degli articoli è libero. Unica

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER

ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER Tesi di Laurea di: Calogero Turco Relatore: Ch.mo Prof.Pietro Palumbo ANNO

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Sessualità e genitalità: normalità ed espressioni deviate.

Sessualità e genitalità: normalità ed espressioni deviate. Sessualità e genitalità: normalità ed espressioni deviate. Romeo Lucioni Di fronte alle esperienze di violenza e di criminalità nei confronti della donna, che sembrano essere aumentate considerevolmente

Dettagli

Luca Vanzago. Io/Altro

Luca Vanzago. Io/Altro 1 Luca Vanzago Io/Altro Alterità. Le questioni relative all esperienza che il soggetto ha di altri soggetti sono molteplici e insieme interrelate. Un conto è infatti descrivere in che modo ogni individuo

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La teoria dell esperienza nella fenomenologia di E. Husserl.

La teoria dell esperienza nella fenomenologia di E. Husserl. La teoria dell esperienza nella fenomenologia di E. Husserl. Cenni introduttivi La fenomenologia husserliana rappresenta uno dei capisaldi della filosofia del Novecento e agisce come stimolo sullo sviluppo

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO Le finalità della scuola oggi possono riassumersi nella funzione formativa e orientativa della scuola, non solo nel campo più direttamente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dare buoni consigli non basta: formare la coscienza

Dare buoni consigli non basta: formare la coscienza Dare buoni consigli non basta: formare la coscienza Ivo Seghedoni * Formarsi senza imparare a vivere «Formazione» è un termine polisemico, una nozione dal significato non univoco nella nostra tradizione

Dettagli

TEMA 8: LA MORTE UMANA. Tema 8/1: La morte. Martin Heidegger, Essere e tempo. Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53. Longanesi, Milano 1976, 316-324

TEMA 8: LA MORTE UMANA. Tema 8/1: La morte. Martin Heidegger, Essere e tempo. Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53. Longanesi, Milano 1976, 316-324 TEMA 8: LA MORTE UMANA Tema 8/1: La morte Martin Heidegger, Essere e tempo Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53 Longanesi, Milano 1976, 316-324 ESSERE E TEMPO di MARTIN HEIDEGGER TRADUZIONE DI PIETRO CHIODI CO-NDOTTA

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

1.1. Le origini della filosofia heideggeriana: tra vita e pensiero

1.1. Le origini della filosofia heideggeriana: tra vita e pensiero Capitolo I Genesi e struttura di Essere e tempo Basta un giorno, basta un perché, e tutto comincia in questa noia toccata dallo stupore. L importante è cominciare. A. Camus 1.1. Le origini della filosofia

Dettagli

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell Jan Patočka, Cristianesimo e mondo naturale e altri saggi, introduzione e traduzione di Riccardo Paparusso, postfazione di Giancarlo Baffo, Roma, Lithos, 2011, pp. 172 di Caterina Di Fazio Il volume curato

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO APPROSSIMAZIONI DIDATTICHE ALLA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO DI HEGEL Liceo Scientifico Statale Gaspare Aselli Cremona Anno scolastico 2010/2011 Classe 5H Storia e Filosofia Insegnante: Prof. Marco Paolo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Piattaforma di business-intelligence e processi di sviluppo psico-affettivo.

Piattaforma di business-intelligence e processi di sviluppo psico-affettivo. Piattaforma di business-intelligence e processi di sviluppo psico-affettivo. Romeo Lucioni Il nodo della e-business è una condizione che investe tutte le attività economicoproduttive e che presto passerà

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

Essere in quanto Dialogo ovvero le conseguenze etiche dell interpretazione *

Essere in quanto Dialogo ovvero le conseguenze etiche dell interpretazione * Hans-Herbert Kögler Essere in quanto Dialogo ovvero le conseguenze etiche dell interpretazione * trad. italiana di Andrea Lugoboni A Verità e metodo di Hans-Georg Gadamer è giustamente riconosciuto di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista di Paolo Vanin Settembre 1999 Versione provvisoria Sommario Sommario... II RIPENSARE UN FALLIMENTO FILOSOFICO... 1 Il problema del senso

Dettagli

Passo N 1 dell argomento.!

Passo N 1 dell argomento.! Un diagramma Venn per aiutarvi a trarre le vostre proprie conclusioni Passo N 1 dell argomento. Nel diagramma Venn qui sotto, il cerchio contrassegnato denota l insieme di tutte le cose che in qualsiasi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DALL ANTROPOCENTRISMO

DALL ANTROPOCENTRISMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Biennale in Scienze Filosofiche DALL ANTROPOCENTRISMO ALL ECOCENTRISMO Tesi di Laurea di: Matteo Andreozzi Matricola n. 735597

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli