Dal sito di YAHOO.Finanza, dell 8 marzo 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal sito di YAHOO.Finanza, dell 8 marzo 2011"

Transcript

1 Dal sito di YAHOO.Finanza, dell 8 marzo 2011 Banche: venerdì summit in Bankitalia su stress test ( MF - DJ ) Roma, 8 marzo Coinvolge 88 Banche Europee la nuova tornata di Stress Test ( 3 in meno della verifica fatta l'anno scorso ), che si concentrerà su due scenari: uno di base e uno di shock per il rischio sovrano. Sarebbero sempre cinque le Banche italiane: i rappresentanti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, B. Mps, Banco Popolare e UBS, secondo quanto risulta a Il Messaggero, sono stati convocati da Bankitalia per venerdì 11. E lo scopo dell'incontro sarebbe la definizione dei parametri per svolgere il nuovo " esame sotto sforzo " alle grandi Istituzioni europee. Questi parametri verranno identificati dalla BCE e illustrati dagli uomini della Vigilanza. Dalle carte ricevute dalle 88 Banche venerdì scorso e inviare dalla European Banking Authority ( EBA ) ci sarebbero poche indicazioni. L'esame verrà fatto sui bilanci consolidati del 2010 con proiezioni riferite al 2011 e 2012 e si concentrerà poi, non soltanto sui crediti e mercati, ma ora si vuole verificare la reazione degli Istituti agli shock dei rischi sovrani. Quindi sarà una prova di tenuta ancora più impegnativa dello scorso anno quando lo " stress " sul default dei titoli dei Paesi sovrani si riferiva a una svalutazione dell'ordine del 10 %. Stress test UE, filtrano le prime indiscrezioni ( Bluerating.it ) Roma, 8 marzo Secondo Stress Test europeo in arrivo e già fioriscono le indiscrezioni e le prime perplessità. Perché secondo la stampa tedesca la simulazione riguarderebbe 88 Banche Europee ( contro le 91 dell'anno passato ), con due soli scenari ( quello più catastrofico prevederebbe un calo del Pil di Eurolandia di mezzo punto quest'anno e dello 0,2 % l'anno venturo, oltre a una serie di rialzi dei tassi a breve termine e nuove difficoltà per il mercato immobiliare ). Le Banche italiane non cambierebbero e dunque sarebbero come già lo scorso anno Intesa Sanpaolo, UniCredit, Mps, Banco Popolare e UBI Banca. Crisi: Bankitalia, rafforzamento regole bilancio UE è passo obbligato ( MF - DJ ) Roma, 8 marzo " Il rafforzamento delle regole di bilancio europee è un passo obbligato. Come mostrano le tensioni perduranti sui mercati finanziari, i legami tra solidità dei conti pubblici e stabilità finanziaria sono stretti. A loro volta, il rientro dal debito e la stabilità finanziaria non potranno affermarsi se non saranno sostenute da politiche volte a innalzare permanentemente il tasso di crescita della produttività e dei redditi in tutti i Paesi dell'area e dell'unione ". E' questo uno dei passaggi dell'intervento che il Vice Direttore Generale della Banca d'italia Ignazio Visco ha svolto oggi a L'Aquila dal titolo "La governance economica europea: riforma e implicazioni". " In Europa la crisi finanziaria globale si è caratterizzata per le forti tensioni su alcuni debiti sovrani, che a loro volta hanno aggravato le difficoltà del sistema creditizio, e per un significativo contagio tra i diversi Paesi. Questi eventi riflettono l'integrazione economica e l'interdipendenza creata dall'unione monetaria, ma sono anche il sintomo di carenze nel disegno del governo economico dell'unione ", prosegue Visco. " La reazione delle Istituzioni europee si è articolata su diversi piani. Di fronte alle crisi greca e irlandese, sono stati definiti strumenti temporanei di sostegno finanziario;è stata riformata l'architettura della Vigilanza su intermediari e mercati in Europa, prevedendo la costituzione di apposite Autorità di sorveglianza ( su Banche, Assicurazioni e mercati finanziari ) al livello dell'unione, e di un'autorità specificamente volta a prevenire i rischi sistemici; con il semestre europeo si è rafforzato il coordinamento ex ante delle politiche economiche nazionali.

2 Al contempo - si legge nell'intervento della Banca d'italia - si è aperta una riflessione, ancora in corso, su come rendere più efficaci le regole di bilancio europee, prevenire l'insorgere di squilibri macroeconomici comportanti rischi per la stabilità finanziaria dell'area, disegnare un efficace meccanismo permanente di gestione delle crisi. Barclays: verso chiusura di 100 sportelli in Spagna ( Finanza.com ), 8 marzo Barclays starebbe pianificando la chiusura di oltre 100 filiali in Spagna, dove attualmente vanta un network di circa 590 sportelli. E quanto scrive oggi l edizione online di Expansion, secondo cui la Banca britannica taglierà circa 700 Dipendenti, ovvero il 17 % della sua forza lavoro nel Paese iberico. Queste misure, che secondo l Expansion saranno annunciate in settimana, rientrano nel più ampio programma di Barclays per contenere i costi e focalizzarsi su nuovi mercati. UE: Parlamento vota risoluzione per tassa su transazioni finanziarie ( Asca ) Roma, 8 marzo Una tassa sulle transazioni finanziarie che potrebbe far incassare all'ue circa 200 miliardi di euro l'anno e scoraggiare la speculazione. E' la risoluzione approvata oggi dal Parlamento Europeo che ha dato il via libera anche ad un altro provvedimento che prevede un pacchetto di misure per ridurre l'evasione e la frode fiscale, che attualmente '' costano all'europa '' circa 250 miliardi l'anno. In particolare, la prima risoluzione prevede l'introduzione della tassa sulle transazioni finanziarie su scala globale. Qualora però questo dovesse risultare troppo complicato, la nuova misura può essere applicata solo a livello comunitario. Inoltre, il Parlamento Europeo ha lanciato un monito nei confronti delle multinazionali, che dovrebbero '' evitare di trasferire i propri profitti nei Paesi con un regime fiscale più favorevole '' e pagare le tasse nei Paesi dove generano i profitti. Per questo, la risoluzione prevede che venga ritirata la licenza di operare alle Banche in connessione con i paradisi fiscali. A proporre le risoluzioni è stata la parlamentare socialista greca Anni Podimata. Crisi: Stress -Test più stringenti per Banche Europee ( Asca ) Roma, 8 marzo Gli Stress Test per le Banche europee, le cui procedure sono iniziate lo scorso 4 marzo, conterranno ipotesi più stringenti per valutare l'adeguatezza patrimoniale degli Istituti di credito e la loro capacità di assorbire shock economici e finanziari. Lo scrive il quotidiano tedesco Handelsblatt. La precedente tornata di test si era tenuta lo scorso anno, aveva interessato 91 Banche, 7 non avevano superato la prova di solvibilità e dunque necessitavano di rafforzare il patrimonio. Allora l'asticella della solvibilità era stata fissata sui Tier 1 ( capitale di primo livello ), che dopo gli shock non doveva scendere sotto il 6 % dell'attivo ponderato per il rischio. Secondo il quotidiano tedesco a questo nuovo round sono interessati 88 Gruppi bancari, un campione rappresentativo del 65 % del sistema bancario dell'unione Europea. Due gli scenari che le Banche dovranno fronteggiare: il primo fondato sulle previsioni sulla crescita economica e sull'inflazione formulate dalla Commissione Europea per il 2011 e 2012 ( scenario di base ). Il secondo scenario sarà invece caratterizzato da condizioni economiche sfavorevoli con una contrazione del Pil pari allo 0,5 % nel 2011 e dello 0,2 % nel Lo scenario avverso prevede un aumento di 75 punti dei rendimenti sui titoli di stato dei Paesi dell'eurozona, un evento che costringerà le Banche a svalutare i bond tenuti in portafoglio. Per i rendimenti dei titoli di Stato dei Paesi dell'unione Europea invece si prevede un aumento medio dei rendimenti pari a 66 punti. Previste tensioni anche sul mercato interbancario con un aumento del costo della raccolta pari a 125 punti base.

3 Infine, forte deprezzamento dei prezzi sul mercato immobiliare e calo del 15 % dei mercati azionari. Banche: Antitrust UE, al via Stress Test più duro per 2011 ( AGI ) Francoforte, 8 marzo L'Antitrust europeo ( EBA ) sta conducendo uno stress test più duro per 88 Banche europee quest'anno, basato sulla simulazione di una contrazione del Pil dello 0,5 % nel 2011 e dello 0,2 % nel Lo scenario avverso messo a punto dall'eba prevede anche un ribasso del 15 % del mercato azionario europeo e un aumento di 75 punti base dei rendimenti a lungo termine dei bond governativi europei, un aumento di 125 punti base dei tassi d'interesse sui prestiti interbancari e un forte calo del mercato immobiliare. Il Test prevede anche uno shock da domanda legato a un deprezzamento del 4 % del dollaro Usa. L'anno scorso le Banche esaminate sono state 91 e solo 7 sono risultate bocciate dal Test. Il Ministro degli Esteri UE assume esperti in banchetti ( Italia Oggi.online ), 8 marzo Cercasi esperti in pubbliche relazioni per trasformare l'immagine dell'eu Foreign Office. Requisito indispensabile: saper organizzare ricevimenti Vip con champagne e canapé. Si offrono 10 milioni di euro per quattro anni. Mentre la politica estera dell'unione europea latita, la titolare del dicastero, Lady Catherine Ashton, pensa ai cocktail. E sebbene possa già contare su due portavoce, un media advisor e due uffici stampa, a sua disposizione in Commissione e al Consiglio Europeo, è tutta indaffarata a creare un suo proprio team di comunicazione composto da una decina di persone. Tra i compiti dei nuovi consulenti in pubbliche relazioni, oltre alla preparazione di materiale promozionale e di cartelle stampa per i media, all'organizzazione di viaggi stampa e briefing, alla realizzazione della rassegna stampa su Lady Ashton e il suo team, c'è anche l'organizzazione di ricevimenti al top. La notizia non ha mancato di provocare polemiche in seno al Parlamento Europeo, proprio in un momento nel quale la crisi economica consiglierebbe una riduzione dei budget per settori non proprio strategici. E mentre l'eu Foreign Office, il cui budget annuale ammonta a 475 milioni di euro, sta per trasferirsi nel nuovo quartier generale di Bruxelles da 12 milioni l'anno, altre polemiche hanno investito l'«invisibile» Lady Ashton per i ritardi nell'affrontare la situazione nel Nord Africa e in Egitto. Banca Sud: Bassanini, CDP non è doppione ( Asca ) Roma, 8 marzo La Banca del Sud non è una sorta di fotocopia della Cassa Depositi e Prestiti. Lo ha affermato il Presidente della CDP, Franco Bassanini, rispondendo ad una domanda posta da Renato Cambursano (Idv) nel corso di una audizione in Commissione Bilancio alla Camera. Bassanini ha spiegato che '' la Cassa ha funzioni e regole diverse, non è sottoposta a Basilea 3, come non lo è la BEI. Siamo investitori lungo termine e la raccolta la fa il sistema postale, non noi ''. Rimarcando le ulteriori diversità Bassanini ha aggiunto che la CDP '' colloca i bond solo sul mercato degli investitori istituzionali e non sui mercati aperti. Da questo punto di vista non è un doppione e noi non siamo in alcun modo interpellati perchè non abbiamo nulla da dire sulla Banca del Sud ''. Crisi: CDP, 4,5 Mld a Pmi su plafond 8 Mld ma per ricerca solo 800 Mln ( Asca ) Roma, 8 marzo Tira il plafond della Cassa Depositi e Prestiti a favore delle pmi per sostenerne l'accesso al credito. Degli 8 miliardi messi a disposizione, secondo i dati di febbraio 2011 sono ben 4,5 miliardi quelli erogati di cui oltre 1,7 nei primi due mesi del Nel complesso risultano già contrattualizzati 7 miliardi. Lo ha reso noto l'amministratore Delegato della CDP, Giovanni Gorno Tempini, nell'audizione in Commissione Finanze alla Camera.

4 Gli 8 miliardi del plafond derivano dal risparmio postale e il canale di distribuzione è quello creditizio. Si stimano in oltre le Piccole e medie imprese che sono state finanziate. Diverso, invece, il risultato del fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca ( Fri ) che è stato costituito nel 2005 con una dotazione di 6 miliardi e con la finanziaria 2007 è stata incrementato di ulteriori 2 miliardi. Dal 2007 ad oggi, ha riferito Gorno Tempini, sono stati sottoscritti contratti per oltre 1,7 miliardi e quelli erogati sono 804 ( di cui 219 nel 2010 ). B.ca IFIS: dividendo in pagamento dal 12 maggio 2011 ( Trend.online ) di Alberto Susic Banca IFIS rende noto che la messa in pagamento del dividendo è prevista a partire dal giorno 12 maggio 2011, previo stacco della cedola n. 14, il 9 maggio Con riferimento alla proposta di dividendo, si ricorda che il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS, riunitosi in data 7 marzo 2011, ha deliberato di proporre all Assemblea dei soci l assegnazione di utili mediante: 1. la distribuzione di un dividendo unitario di 0,06 euro/azione in contanti a ciascuna azione ordinaria; 2. l attribuzione di azioni Banca IFIS ( c. d. script dividend ) interamente prelevate dalle azioni proprie in portafoglio. In particolare verrà proposta ai soci l attribuzione di 1 azione ordinaria ogni 37 azioni ordinarie possedute del valore nominale di 1,00 euro cadauna che, rapportata al prezzo ufficiale dell azione registrato lo scorso 4 marzo 2011, corrisponde ad uno script dividend di 0,14 euro a ciascuna azione ordinaria. Credito Artigiano: utile netto salito a 24,6 mln, dividendo a 0,0797 euro ( + 37 % ) ( Finanza.com ), 8 marzo Credito Artigiano ha registrato nel 2010 un utile netto di 24,6 milioni di euro, con una variazione positiva del 3 % rispetto all anno scorso. La raccolta globale invece si è attestata a milioni di euro, con una leggera flessione dell 1 % rispetto a dicembre Su questa base, è stata proposta la distribuzione di un dividendo pari a 0,0797 euro per azione, contro lo 0,058 euro di un anno fa ( + 37 % ). In questo scenario, il CdA ritiene, per il futuro, prefigurabile un andamento gestionale positivo, con risultati in crescita ed una dinamica reddituale in miglioramento. Unicredit: prende tempo per cessione Pioneer ( MF - DJ ) Roma, 8 marzo Per Unicredit restano ancora due nodi da sciogliere per definire il futuro destino di Pioneer Investments: i rischi collegati a gli investimenti nei fondi di Bernard Madoff e, soprattutto, gli accordi distributivi da siglare con il nuovo acquirente. Accordi da cui dipende, in buona parte, il valore da attribuire all'eventuale transazione per la cessione, totale o parziale, che vede in gara i francesi di Amundi ( Credit Agricole e Société Generale ), quella di Natixis e i britannici di Revolutions. In stand by resta l'ipotesi di aggregazione tutta italiana tra Pioneer ed Eurizon ( Intesa Sanpaolo ). La gara ufficiale per rilevare Pioneer, scrive Il Sole 24 ore, vive dunque una battuta d'arresto. La procedura di vendita, stando alle ultime indiscrezioni di fonti finanziarie citate dal giornale, è ferma in attesa che i vertici di Unicredit trasmettano ai potenziali compratori le informazioni sui due punti decisivi: il contratto di distribuzione e il nodo Madoff. Unicredit: analisti, utile 2010 a 1,2 Mln ( Ansa ) Milano, 8 marzo

5 Unicredit dovrebbe chiudere il 2010 con un utile intorno a 1,2 miliardi di euro ( 1,7 miliardi nel 2009 ), mentre il quarto trimestre si dovrebbe attestare a 215 milioni. Confermata, come per lo scorso anno, una cedola a 0,03 euro. E' la stima di 25 analisti italiani e internazionali pubblicata su sito del Gruppo in vista del CdA del 22 marzo. I ricavi complessivi sono visti a 26,2 miliardi, con margine di interesse a 16,3 miliardi. Unicredit portavoce, pronti a congelare i diritti di voto degli azionisti libici ( Reuters ) Milano, 8 marzo Secondo quanto riportato dall agenzia Reuters, un portavoce di Unicredit avrebbe dichiarato che se anche la LIA( Libyan Investment Authority ) venisse aggiunta la notizia alla lista dei soggetti sotto sanzione i diritti di voto degli azionisti libici in Unicredit verrebbero congelati. Fondi: solo la riforma fermerà la fuga ( MF - DJ ) Milano, 8 marzo La notizia della grande riforma fiscale è probabilmente giunta troppo tardi. Così anche a febbraio, scrive MF, è proseguita la fuga dai fondi di diritto italiano. Come emerge dai dati diffusi da Assogestioni la raccolta netta è stata negativa per 1,7 mld, un dato che porta il saldo da inizio anno in rosso di 5,4 mld. Ancora una volta il bilancio è pessimo per i prodotti di diritto italiano che hanno registrato uscite per 3 miliardi, mentre per i comparti di diritto estero la raccolta è stata positiva per 1,27 Mld. Per quanto riguarda le società di gestione, il Gruppo Intesa Sanpaolo ha registrato una raccolta netta positiva per 103 mln, 56,9 appannaggio di Eurizon Capital ( più 734 mln per i fondi di diritto lussemburghese e meno 696,8 mln per quelli di diritto italiano ). Bankitalia: Adusbef, raffica di rincari allo sportello ( Asca ) Roma, 8 marzo '' Ancora una volta il sistema bancario fa pagare alle famiglie i costi delle operazioni spregiudicate alle imprese e di allegri finanziamenti erogati,come dimostra l'aumento delle sofferenze bancarie arrivate al 30 %. Mutui e prestiti sono infatti più cari per le famiglie a gennaio, mentre gli interessi riconosciuti sui conti correnti si abbassano, con le Banche che introducono una commissione di 3 euro, una vera e propria tassa sugli anziani, per poter prelevare i propri soldi alla sportello ''. Lo dice l'adusbef in un comunicato, l'associazione dei consumatori di cui è Presidente Elio Lannutti, senatore dell'idv. '' Se i prestiti oltre un milione di euro per le società non finanziare riescono a ridursi dal 2,56% al 2,36%, mentre i tassi sul credito al consumo sono aumentati di quasi mezzo punto dall'8,33 % all'8,78 % ed i mutui aumentano ancor prima dei rialzi dei tassi di riferimento BCE, in previsione per il 7 aprile prossimo, vuol dire - dice l'adusbef - che la manovra del sistema bancario per far quadrare i conti, è addossata totalmente sulle spalle delle famiglie. La crisi sistemica che non è ancora finita trasferisce i suoi effetti sul fronte della raccolta, come dimostra la variazione negativa dei depositi bancari ( - 1,7 % ) e il tasso di crescita della raccolta obbligazionaria, che nonostante i tentativi di dissuasione agli sportelli, messi in atto contro il rinnovo delle scadenze dei Titoli di Stato per convincere i risparmiatori alla sostituzione con i bond bancari, rimane negativo di un - 1,6 % ''. Libia, venerdì in Gazzetta UE lista freeze, Italia pronta ( Reuters ), 8 marzo Gli Stati membri dell'unione Europea hanno dato il via libera oggi per aggiungere il Fondo libico Libyan Investment Authority ( LIA ), azionista in Italia di Unicredit e Finmeccanica, alla lista dei soggetti libici sottoposti a sanzione. Le misure restrittive, che comporteranno il congelamento degli investimento della LIA in tutti i Paesi UE, saranno pubblicate venerdì nella Gazzetta Ufficiale UE, diventando così operative. Lo riferiscono alcuni diplomatici. Una fonte italiana coinvolta nei preparativi per applicare le sanzioni precisa che " l'italia è pronta a rendere il provvedimento UE operativo senza ritardi ", ribadendo che " una volta pubblicata la lista delle società sottoposte a sanzioni nella Gazzetta Ufficiale UE, il provvedimento di applica automaticamente nel Paese ".

6 Semplicemente, una volta diramata la lista, ciascuna Autorità di Sorveglianza italiana invierà a società, Banche Assicurazioni le indicazioni su come comportarsi nei confronti dei soggetti sottoposti a sanzione. " Le società sottoposte a congelamento non potranno disporre dei beni e delle partecipazioni detenuti all'estero, non potranno ricevere ed effettuare pagamenti, incassare dividendi, disporre dei conti correnti ", precisa la fonte coinvolta nei preparativi per l'applicazione delle sanzioni in Italia. I diplomatici europei hanno detto oggi che i 27 Paesi UE hanno raggiunto un accordo per imporre sanzioni all'autorità libica di investimento da 70 miliardi di dollari e ad altre quattro organizzazioni. L'embargo riguarda già 26 soggetti libici, la maggior parte persone fisiche, tra cui Muammar Gheddafi e la sua famiglia. " Tra gli Enti sono compresi la Lia e le relative istituzioni finanziarie ", ha detto un diplomatico UE. La LIA è stata costituita nel 2006 con un capitale iniziale di 40 miliardi di dollari. L'Autorità ha avuto un'espansione con investimenti in una serie di asset europei, da club di calcio a società editoriali. BPER: + 20 % per il dividendo 2010 a 0,18 euro ( Finanza.com ) 8 marzo Il Gruppo Bancario Banca Popolare dell'emilia Romagna nell esercizio 2010 ha registrato un utile netto complessivo di 327,4 milioni, in decisa crescita rispetto ai 169,5 milioni. Il dato beneficia dei proventi straordinari derivanti dalla cessione della quota di controllo di Arca Vita ed Arca Assicurazioni ( 136 milioni ). Nel corso del 2010 il margine di intermediazione ha registrato un calo del 5,8 %, il margine di interesse è sceso del 3,8 % e le commissioni nette hanno messo a segno un + 8,2 %. + 5,2 % per l erogazione dei prestiti alla clientela, che si attesta a 47,8 miliardi. Il CdA ha deliberato di proporre la distribuzione di un dividendo di 0,18 euro, in crescita rispetto ai 0,15 euro del 2009 ( in pagamento venerdì 29 aprile 2011 ). Banco Popolare: chiusa con successo emissione a 5 anni da 1,25 Mld ( Asca ) Roma, 8 marzo Il Banco Popolare ha concluso con successo la quarta emissione di Obbligazioni Bancarie Garantite, nell'ambito del programma in essere dal febbraio L'emissione di milioni di euro, tasso fisso, con durata 5 anni destinata agli investitori istituzionali, è stata condotta da Banca Aletti & C., BNP Paribas SA, Goldman Sachs Group Inc., Royal Bank of Scotland PLC e UBS AG in qualità di Joint Lead Managers. L'operazione è stata prezzata al tasso mid swap incrementato di uno spread pari a 185 punti base. '' Grazie al significativo interesse riscontrato presso gli investitori - sottolinea Banco Popolare - in poche ore la domanda ha raggiunto un libro ordini pari ad oltre 1,5 miliardi di euro. Le allocazioni di maggiore rilievo hanno riguardato gli investitori del mercato domestico ( 29 % ) ed i Paesi europei, in particolare, Svizzera, Germania e Austria ( 19 % ), Gran Bretagna ( 18 % ), Francia ( 11 % ) e Paesi Nordici ( 11 % ). La tipologia degli investitori ha visto al primo posto i fund manager seguiti da Banche, Compagnie assicurative e Fondi pensione ''. Occupazione: Min. Lavoro, da rapporto UE si stringe forbice Uomo - Donna ( Asca ) Roma, 8 marzo La differenza tra il tasso di occupazione ( anni ) maschile e femminile passa dal 26,6 % al 24,1 % nel periodo E' quanto emerge - come fa notare il Ministero del Lavoro - dal Rapporto della Commissione Europea sul progresso di eguaglianza di genere nel 2010, nel quale si precisa che le distanze dall'indicatore maschile si riducono di due punti e mezzo percentuali. Nel rapporto viene poi sottolineato che tra le donne che hanno carichi familiari per figli piccoli o anziani non autosufficienti, il 17,7 % lavora part-time o rinuncia al lavoro ( inattive ) per mancanza di servizi di cura. Il dato nella UE 27 è pari al 27,9 %, in Francia è 15,1 % in Spagna 61 %. Il gender pay gap, cioè la differenza della retribuzione lorda oraria tra Lavoratori Dipendenti maschi e femmine è pari a 4,9 %, la più bassa d'europa. Lo stesso indicatore per la media UE 27 è 17,5 %, per la Germania 23,2 %, per l'uk 21,4 % e per la Francia 17,9 %.

7 Lo sbilanciamento di genere rispetto a specifiche qualifiche professionali - sottolinea ancora il Ministero guidato da Maurizio Sacconi analizzando il rapporto - è nella media italiana pari a 24.4 %, contro il 26 % della Francia e il 24.7 % del Regno Unito. Le aspettative di vita alla nascita per l'italia sono 84,22 anni per le donne e 78,71 anni per gli uomini. Quest'ultima rappresenta l'aspettativa di vita più elevata in Europa ( in EU rispettivamente 82,21 anni per le donne e 76,07 per gli uomini ). Per le donne, solamente Francia e Spagna hanno un'aspettativa di vita maggiore ( rispettivamente 85,03 e 84,94 anni ). Fisco: Equitalia apre tavoli istituzionali in Puglia e Basilicata ( Asca ) Roma, 8 marzo Equitalia aprirà a breve tavoli di confronto istituzionali per affrontare le questioni segnalate negli ultimi mesi dai rappresentati del comparto agricolo della Puglia e della Basilicata. Le difficoltà che stanno incontrando Lavoratori e imprese con debiti di carattere fiscale e contributivo, saranno al centro di incontri che Equitalia proporrà a Enti Locali, Agenzia delle Entrate, Inps e rappresentanti del settore al fine di analizzare congiuntamente la situazione del comparto agricolo e sensibilizzare gli organi competenti a individuare le possibili soluzioni. Equitalia ha sempre dimostrato attenzione e disponibilità al confronto sulle problematiche sollevate dagli agricoltori, incontrando a più riprese i rappresentanti del settore durante i presidi organizzati davanti alle sedi degli agenti della riscossione. I tavoli serviranno a ribadire i ruoli dei vari soggetti chiamati ad affrontare le problematiche del territorio, ciascuno nell'ambito delle proprie responsabilità. Crisi: famiglie senza liquidi, 11 mila imprese chiudono battenti ( Asca ) Roma, 8 marzo Per le famiglie denaro più caro. Lo ha rilevato l'indagine di Bankitalia. A gennaio, i tassi di interesse sui mutui per la casa sono saliti al 3,36 % dal 3,18 % di dicembre, mentre quelli per il credito al consumo sono aumentati all'8,78 % dall'8,33 %. All'attacco le Associazioni dei consumatori. Per l'adusbef il costo di mutui e prestiti al consumo aumenta '' ancor prima dei rialzi dei tassi di riferimento BCE, la manovra del sistema bancario per far quadrare i conti, è addossata totalmente sulle spalle delle famiglie ''. Però i tassi di mercato si muovono spesso indipendentemente dalle scelte della BCE. Un esempio su tutti sono i tassi Euribor, i parametri a cui sono indicizzati i mutui a tasso variabile. Da 22 mesi il costo ufficiale del denaro è fermo all'1 %, ma l'euribor a tre mesi ha iniziato a salire in ogni caso. Il 7 gennaio 2010 viaggiava allo 0,69 %, ben 31 punti base sotto il tasso delle BCE. Oggi si trova all 1,18 %, 18 punti base sopra l'1 % fissato da Francoforte. Nei fatti è salito di quasi mezzo punto ( 0,49 % ) in 14 mesi riflettendo la graduale normalizzazione delle condizioni di liquidità del mercato monetario. I mutui a tasso variabile sono una scommessa sul futuro andamento del costo del denaro, quindi su un parametro che sfugge totalmente al controllo del debitore. Certo il tasso variabile costa il 2,80 % mentre con il fisso si sale al 4,80 %, ma quest'ultimo ha il vantaggio di rappresentare un costo certo per tutta la durata del prestito, inoltre il valore reale del debito viene eroso, nel tempo, dall'inflazione. Al contrario il debito contratto con mutui a tasso variabile sale quando aumenta l'inflazione, in parole povere protegge il valore reale del debito, dunque il creditore. Forse ci si dovrebbe chiedere come mai le imprese, per i loro investimenti a lungo termine, preferiscano contrarre debiti a tasso fisso. Non si vive di soli prestiti, ma anche di risparmi. E qui il dato di Bankitalia sulla raccolta bancaria è poco incoraggiante. I deposti bancari della clientela, famiglie e imprese, hanno registrato una contrazione dell'1,7 %, potrebbe essere il segnale di una difficoltà a risparmiare.

8 Forse per questa ragione, le richieste di prestiti da parte delle famiglie sono aumentate del 5 %. '' I dati di Bankitalia confermano l'accelerazione della contrazione del risparmio netto delle famiglie italiane. E l'inevitabile conseguenza dell'elevata disoccupazione, dell'assenza di indennità di disoccupazione per il Lavoratori precari, dei tagli ai servizi pubblici, degli aumenti delle tariffe, degli effetti dell'inflazione sul potere d'acquisto '', ha dichiarato Stefano Fassina, responsabile Economia e Lavoro del Pd. Sono cresciuti del 4,2 % anche i prestiti alla imprese mentre i tassi di interesse, per i finanziamenti superiori a 1 milione di euro, sono scesi dal 2,56 % al 2,36 %. Potrebbe essere il segnale di una maggiore disponibilità delle Banche a finanziarie l'attività economica. Peraltro le imprese in bonis ma '' border line '', cioè con possibili difficoltà prospettiche dal lato della liquidità, stanno aderendo alla moratoria sui prestiti. Forse anche per questo motivo il tasso annuo di crescita delle sofferenze bancarie è rimasto inchiodato al 30 %. Importante però che si blocchi anche l'onda lunga dei fallimenti. Secondo il Cerved, nel 2010 ci sono state 11 mila imprese che hanno chiuso i battenti per bancarotta, mai così in alto da quando, tra il 2006 e il 2007, è stata riformata la disciplina sulla crisi di impresa. Dal sito di YAHOO.Finanza, del 9 marzo 2011 EBA difende validità nuovo ciclo di stress test per Banche UE ( Reuters ), 9 marzo La European Banking Authority ( EBA ) ha detto che i test di resistenza agli Stress per le Banche della UE saranno più severi di quelli che lo scorso anno non riuscirono a ripristinare un clima di fiducia degli investitori nel settore. " E' un fatto che lo scenario per il 2011 dell'esercizio di Stress per la UE sia duro e più severo di quello dello scorso anno ", ha detto il Presidente dell'eba Andrea Enria. " Bisogna guardare all'intero pacchetto di quello che c'è nei nuovi Stress Test, non pescare solo alcuni punti fuori dal contesto ", ha aggiunto Enria. Reuters ha ottenuto lo schema degli stress test di quest'anno che hanno lasciato scettici alcuni commentatori. Le Banche verranno sottoposte a stress di resistenza di fronte a una ipotesi di una caduta di quattro punti percentuali delle previsioni di crescita economica in due anni, rispetto alla caduta di tre punti del precedente scenario, ha detto l'eba. Inoltre la probabilità che lo scenario proposto quest'anno si concretizzi è concretamente inferiore rispetto allo scorso anno, in parte per l'attuale situazione economica e in parte per le previsioni più favorevoli. Ci saranno anche ipotesi più severe per evitare che le Banche possano aggirare i test spostando attività nei bilanci, ha aggiunto l'eba. " Per il 2011 l'eba fisserà un criterio più stringente per il capitale ", ha detto l'eba. Lo scorso anno sette delle 91 Banche sottoposte al test non hanno raggiunto la soglia del 6 % di Tier 1. B.ca MPS lancia covered bond da 1,25 mld di euro ( Trend.online ) di Alberto Susic Banca Monte dei Paschi di Siena ha perfezionato oggi con successo un'emissione di obbligazioni bancarie garantite destinate all'euromercato, la quinta effettuata sul programma da 10 miliardi di euro, annunciato a fine giugno 2010 ed interamente assistito da mutui residenziali del Gruppo Montepaschi. L'operazione, di ammontare pari a 1,25 miliardi di euro, ha una scadenza a 5 anni e mezzo con struttura a tasso fisso ed è destinata ad investitori istituzionali qualificati e ad intermediari finanziari. Il collocamento dell'operazione è stato curato da Banca IMI, LBBW, Mediobanca, Mps Capital Services, RBS e UBS in qualità di Joint Lead Managers and Book Runners. L'operazione prevede una cedola annuale del 4,875 % pari ad un rendimento del 4,882 %, equivalente al tasso mid-swap interpolato maggiorato di uno spread di 180 punti base. Grazie al significativo interesse riscontrato sul mercato, in poche ore la domanda raccolta ha raggiunto un libro ordini pari ad oltre 1,4 miliardi di euro.

9 L emissione è stata distribuita a 95 investitori istituzionali, residenti in prevalenza in Italia ( 34 % ), Germania e Austria ( 26 % ), Regno Unito ( 16 % ), Francia ( 14 % ), Scandinavia ( 6 % ), Spagna ( 2 % ), BeNeLux ( 1 % ), altri ( 1 % ), evidenziando un diffuso interesse da quasi tutti i Paesi dell Eurozona. La tipologia degli investitori ha visto le Banche primeggiare con il 63 % dell emissione seguiti dai fund manager ( 29 % ), Compagnie assicurative ( 5 % ), e fondi speculativi ( 3 % ). L'emissione rappresenta il quinto collocamento di OBG da parte di Banca Monte dei Paschi di Siena e conferma la capacità della Banca di emettere covered bond con size finali considerate benchmark di mercato. BCE: ripresa frenata da aggiustamento bilanci ( AGI ) Roma, 10 marzo La ripresa economica in atto potrebbe essere frenata dal risanamento dei conti pubblici in atto negli Stati membri. Lo evidenzia la BCE nel Bollettino di marzo. " Ci si attende che la ripresa dell'attività - si legge - sia in certa misura frenata dal processo di aggiustamento dei bilanci in diversi comparti ". Banche UE bocciate da Credit Suisse, preoccupano alcuni fattori macro ( Finanza.com ), 9 marzo Il settore finanziario d'europa viene bocciato da Credit Suisse. Il broker svizzero ha ridotto il rating sul comparto portandolo al gradino " benchmark " dal precedente " overweight ". Tra le ragioni, alcuni fattori macro, come il possibile rialzo dei tassi da parte della Banca Centrale Europea nelle prossime riunioni. Non solo. " C'è ancora molta incertezza a livello di regolazione e rischi legali ", spiegano gli analisti nella nota odierna. In questo scenario Credit Suisse salva gli Istituti russi, come Sberbank, e gli operatori indiretti più economici, come HSBC. Tra le Banche inglesi, gli analisti preferiscono quelle con una maggiore esposizione domestica, piuttosto che quelle con una presenza continentale, come Barclays. E nella prospettiva di un rialzo dei tassi, " le Banche italiane dovrebbero sovraperformare quelle spagnole ", concludono gli analisti. Grecia: tasso disoccupazione sale a livello del 14,8 % ( AGI ) Atene, 9 marzo Il tasso di disoccupazione in Grecia avanza a dicembre dal 13,9 % di novembre al livello record del 14,8 %. A dicembre del 2009 era al 10,2 %. Lo comunica l'ufficio nazionale di statistica. Il dato non è destagionalizzato. Moody's tagli rating a sei Banche greche ( Ansa ) Atene, 9 marzo Moody's ha tagliato il rating delle sei principali Banche greche dopo aver fatto lo stesso con il debito sovrano nei giorni scorsi. L'agenzia ha declassato da Ba 1 a Ba 3 la Banca Nazionale di Grecia, Eurobank, Alpha Bank e Piraeus Bank; e da Ba 2 a B 1l'Agricultural Bank of Greece e l'attica Bank. La prospettiva di questi Istituti è definita ' negativa ' da Moody's. Il Ministero delle Finanze aveva reagito con durezza al downgrading del debito sovrano da Ba1 a B1 definendolo ' ingiustificato '. Revisori: danni 2 Mld da mancati di attuativi nuova revisione legale ( Asca ) Roma, 9 marzo Sarebbero almeno 2 miliardi di euro i danni professionali, relativi ai mancati compensi dei revisori legali generati dalla mancata emanazione dei Decreti Attuativi del D. Lgs. 39/2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale

10 nell'aprile dello scorso anno, ed ancora privi dell'indispensabile passaggio procedurale per la piena applicazione delle innovative regole dell'attività libero - professionale dei revisori. Lo denunciano i vertici dell'istituto Nazionale Revisori Legali che definiscono '' inaccettabile '' l'impasse procedurale e chiedono al MEF, Ministero competente, una tempestiva soluzione per consentire ai liberi professionisti della categoria di poter esercitare le prerogative professionali previste dalla legge. '' A distanza di un anno dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del D. Lgs. 39/che delinea il nuovo quadro normativo della revisione legale precisa il Presidente dell'inrl Virgilio Baresi - la mancata emanazione dei decreti determina una ingiusta precarietà di oltre 70mila professionisti non iscritti ad alcun ordine professionale, che di fatto non possono esercitare le prerogative professionali ad essi assegnate. Nonostante la pregevole volontà manifestata concretamente dal referente del MEF in tale materia, dobbiamo purtroppo constatare la carenza oggettivo - organizzativa del Ministero che ad oggi non ha consentito di assicurare il legittimo epilogo a ben 17 Decreti da emanare ''. Deutsche Post: nel IV trim. profitti netti a 487 Mln di euro, sopra le attese ( Finanza.com ), 9 marzo Utili trimestrali migliori delle attese per Deutsche Post. Il Gruppo postale e provider di servizi logistici tedesco ha annunciato di avere terminato il quarto trimestre 2010 con profitti pari a 487 milioni di euro, un dato che si raffronta con la perdita per 283 milioni di un anno fa. Battute le attese ferme a 336,8 milioni. Indicazioni positive sono arrivate anche dal fatturato, salito del 12 % a 13,9 miliardi di euro. La Compagnia teutonica proporrà un aumento del dividendo a 65 centesimi per azione rispetto ai 60 centesimi dell'anno passato. P. A.: Aran, retribuzioni ,3 % ( Ansa ) Roma, 9 marzo Le retribuzioni contrattuali dei Dipendenti pubblici nel 2010 sono cresciute, nella media annua complessiva, dell'1,3 % sul 2009, meno del settore privato dove si è registrato un incremento del 2,4 %. Sono i dati contenuti nel rapporto semestrale dell'aran, l'agenzia per la rappresentanza negoziale delle P. A., riferiti al settore pubblico, ad esclusione dei dirigenti. Il tasso di inflazione medio lo scorso anno è stato pari al + 1,5 %. Il potere d'acquisto è stato difeso, ha detto Brunetta. Unicredit chiude sui massimi intraday. Gli analisti aggiornano le stime ( Trend.online ) di Alberto Susic Chiusura positiva per Unicredit che ha messo a segno la seconda migliore performance nel settore bancario. Il titolo ha terminato gli scambi con un progresso dell 1,22 % a 1,822 euro, dopo aver toccato un massimo a 1,824 euro, con quasi 390 milioni di azioni passate di mano a fine sessione. Quest oggi l istituto di Piazza Cordusio ha diffuso sul proprio sito un aggiornamento delle stime di consensus degli analisti, sulla base delle indicazioni raccolte da 25 broker italiani e internazionali. In vista dei conti che saranno diffusi il prossimo 23 marzo, gli analisti prevedono per il quarto trimestre un utile netto di 215 milioni di euro rispetto ai 371 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. Il margine di intermediazione è atteso a 6,456 miliardi di euro, in confronto ai 6,44 del 2009, mentre il risultato di gestione è visto a 2,547 miliardi, da confrontare con i 2,64 miliardi dello stesso periodo dell anno precedente. Con riferimento all intero 2010 si attende un utile netto di 1,219 miliardi di euro in calo rispetto agli 1,7 del 2009, mentre il margine di intermediazione dovrebbe calare da 27,57 a 26,25 miliardi. Atteso in flessione anche il risultato lordo di gestione che si dovrebbe attestare a 10,614 miliardi di euro in confronto ai 12,25 dell anno precedente. Libia: Governatore Banca Centrale è a Istambul ( Asca ) Roma, 9 marzo Il Governatore della Banca Centrale Libica Omar Bengdara si trova a Istambul.

11 E' quanto indica lo stesso banchiere in una mail al Financial Times. Su Bengdara c'è un mistero da quando sono esplose le rivolte in Libia e si tratta di un uomo chiave, colui che ha accesso ai Fondi Centrali del Paese. Negli ultimi giorni si erano accavallate diverse indiscrezioni sul Banchiere Centrale che è anche Vice Presidente di Unicredit. Secondo alcune fonti diplomatiche Bengdara sarebbe passato con gli oppositori di Gheddafi, altri hanno indicato che il banchiere sarebbe in Svizzera o a Londra. Nella mail al Financial Times, Bengdara afferma che sta svolgendo il suo lavoro e si è recato in un posto dove è più agevole svolgere gli impegni. Nella mail il Governatore della Banca Centrale afferma che il congelamento degli Asset libici da parte della comunità internazionale potrebbero portare a un disastro umanitario. Bnl: prestiti agevolati a famiglie e imprese Marche ( Asca ) Roma, 9 marzo BNL - Gruppo BNP PARIBAS ha attivato un piano di interventi per sostenere famiglie, imprese ed artigiani nelle aree delle Marche particolarmente colpite dalle alluvioni dei giorni scorsi. La Banca offre finanziamenti a condizioni agevolate e senza spese: per un importo fino a 100mila euro, ad esempio, il Tan è 4,95 % fino a 120 mesi per i privati e fino a 60 mesi per le imprese; con durate oltre i 60 mesi, il Tan per le aziende è pari a 5,95 %. Artigiancassa, la Banca dedicata agli artigiani e controllata da BNL - BNP Paribas, inoltre, ha messo a disposizione degli artigiani finanziamenti a condizioni dedicate, grazie a specifici Accordi con i Confidi artigiani. E' prevista, infine, la possibilità di richiedere la sospensione dei pagamenti delle intere rate o della sola quota capitale per i finanziamenti già esistenti. '' Questa iniziativa - ha dichiarato Fabio Gallia, Amministratore Delegato di BNL - conferma la volontà della Banca di dare una risposta immediata alle esigenze concrete che persone e imprese, colpite da eventi straordinari, si trovano a dover affrontare. BNL vuole essere vicina al territorio per agevolare un rapido ritorno alla normalità ''. Banca Carige avvia conto in Renminbi ( Trend,online ) di Stefano Masullo Nuove opportunità per la clientela di Banca Carige che opera con il Far East. L Istituto di credito genovese ha infatti aperto - tra le poche Banche in Italia - un conto in Renminbi ( RMB ), la valuta cinese. Ufficialmente operativo dal 2 marzo scorso, questo nuovo servizio di Banca Carige offre agli operatori dell import-export, che ad oggi utilizzano euro o dollari per i loro pagamenti, l opportunità di regolare le transazioni direttamente in valuta locale. Tale modalità di regolamento si è ormai affermata negli scambi con la Repubblica Popolare Cinese ed è ad oggi la maggiormente gradita sia dalle imprese locali che dall acquirente italiano, in quanto permette di ridurre il rischio di cambio e i costi di conversione valutaria. Il regolamento in Renminbi consente inoltre alle aziende italiane l opportunità di rinegoziare favorevolmente i termini di pagamento, ottenendo migliori condizioni. L apertura del conto in valuta cinese si inserisce nella tradizionale strategia di prossimità alle imprese, in particolare le medio - piccole, portata avanti da Banca Carige, e recentemente potenziata con l avvio di una nuova struttura aziendale ad esse dedicata, in grado di assistere le aziende e offrire loro una consulenza specializzata a 360 gradi, dalla telematica, all attività estera, ai sistemi di pagamento. In quest ottica, col nuovo servizio in Renminbi, Banca Carige offre un assistenza sempre più completa ai propri clienti imprese venendo incontro alle esigenze sempre più complesse che si presentano affrontando le sfide dell internazionalizzazione. Banche: Mister Prezzi, al via indagine su costi a clienti ( Asca ) Roma, 9 marzo

12 Faro del garante per la sorveglianza dei prezzi sui costi che '' molte Banche '' applicherebbero ai clienti per operazioni come il prelievo allo sportello. Nel corso di una audizione al Senato Roberto Sambuco ha sottolineato che '' non è condivisibile far pagare i consumatori per ritirare i propri soldi dal conto corrente. Viene così minato alla base il rapporto di fiducia nella relazione Banca - cliente ''. Per questo motivo, Mister Prezzi ha annunciato l'avvio di un'indagine su sistema dei costi che si aprirà il 15 marzo proprio con una audizione dell'abi, l'associazione Bancaria Italiana. L'indagine, ha precisato Sambuco, è stata decisa anche a seguito delle segnalazioni di '' disservizi, opacità, mancanza di trasparenza e chiarezza, moltiplicazione a volte incomprensibile delle voci di costo per i conti correnti, tutti elementi che andranno verificati ''. Ma il costo per il prelievo di contante allo sportello, ha avvertito Mister Prezzi, '' è una vicenda rilevante perchè rischia di generare disagi per alcune tipologie di consumatori - correntisti, con il rischio di colpire le fasce più fragili della popolazione ''. Banche: ABI a Mister Prezzi, Siamo trasparenti e in concorrenza ( Asca ) Roma, 9 marzo '' Apprendiamo da fonti di informazione delle intenzioni di 'Mister Prezzi' di introdurre nuovi vincoli all'operatività del sistema bancario, intervenendo sul sistema dei prezzi. Misure che ricordano tanto un passato di cui non si sente alcuna nostalgia. Le Banche italiane sono trasparenti e fra loro in concorrenza '', così l'abi replica alle dichiarazioni rese oggi da Roberto Sambuco in Senato. 150 Unità: Brunetta, da festa 17 marzo nessun onere a carico Stato ( Asca ) Roma, 9 marzo La festa nazionale del 17 marzo no comporta alcun nuovo onere a carico della finanza pubblica e rappresenta '' un sacrificio del tutto trascurabile, limitato all'anno 2011, e giustificato da una finalità che davvero si auspica condivisa ''. Lo ha detto il Ministro della Pubblica Amministrazione e dell'innovazione, Renato Brunetta, nel corso del Question Time alla Camera, rispondendo al deputato Aldo Di Biagio (FLI) che chiedeva precisazioni sulle implicazioni derivanti dal riconoscimento del giorno festivo del 17 marzo quale ricorrenza del 150 Anniversario della proclamazione dell'unità d'italia. '' La relazione tecnica del provvedimento - ha risposto Brunetta - è stata predisposta dalla Presidenza del Consiglio, che unitamente al Ministro della Difesa e al Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ha proposto il Decreto. In ogni caso, il provvedimento d'urgenza è stato approvato dal Governo nella sua collegialità. La relazione tecnica del provvedimento illustra puntualmente gli effetti giuridici del Decreto ed è stata pubblicata sul sito istituzionale del mio Ministero proprio al fine di assicurare piena conoscibilità al deliberato del Consiglio dei Ministri e di fugare eventuali incertezze in ordine alla sua applicazione. In particolare, la relazione tecnica ribadisce che il 17 marzo 2011 è considerato giorno festivo. Dal momento che, per una precisa scelta del Consiglio dei Ministri, dall'attuazione del provvedimento non possono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, il Decreto prevede che gli effetti economici e gli istituti giuridici e contrattuali connessi alla festività del 4 novembre siano imputati, per l'anno 2011, alla data del 17 marzo. Conseguentemente - ha continuato il Ministro - i Lavoratori non potranno disporre liberamente di tutte e quattro le giornate di astensione dal lavoro per festività soppresse, essendo previsto l'obbligo ex lege di utilizzare una delle quattro giornate in corrispondenza della Festa Nazionale del 17 marzo Si tratta di un sacrificio del tutto trascurabile, limitato all'anno 2011, e giustificato da una finalità che davvero si auspica condivisa ''. Casa: Istat, compravendite in calo 3,4 % ( Ansa ) Roma, 9 marzo In Italia il mercato immobiliare si raffredda: nel terzo trimestre 2010 le compravendite tornano in calo dopo la positiva performance della prima metà dell'anno, segnando un - 3,4 % rispetto al 2009, ferme a quota Lo rileva l'istat.

13 Sempre nel terzo trimestre del 2010, il numero totale dei mutui per l'acquisto di immobili è diminuito dell'1,9 % su base annua, sottolinea l'istat, secondo cui è una battuta di arresto della ripresa tendenziale proseguita fino al 2/o trimestre del Assonime: in Giunta riforma del Fisco. Ascoltati gruppi di lavoro ( Asca ) Roma, 9 marzo La Giunta di Assonime, presieduta da Luigi Abete, si è riunita questa mattina nella sede di Piazza Venezia. Lo comunica una nota dell'associazione. La Giunta ha ripreso la discussione sulle linee di riequilibrio dei carichi tributari, già avviata nel corso del Consiglio Direttivo dello scorso 20 gennaio. Il Presidente si è soffermato ad illustrare le proposte di Assonime e il loro inquadramento nell'attuale quadro economico-finanziario italiano. Il Presidente ha sottolineato come il contributo di Assonime abbia stimolato la riapertura del dibattito sulla fiscalità presso istituzioni e imprese. La Giunta ha quindi ascoltato i presidenti dei gruppi di lavoro istituiti da Assonime negli scorsi mesi, che hanno presentato e discusso i resoconti sui lavori svolti: - Innocenzo Cipolletta, coordinatore del gruppo sui servizi pubblici e sulla gestione delle società a partecipazione pubblica; - Alessandro Pansa,coordinatore del gruppo sul riordino del sistema dei controlli societari; - Maurizio Sella, coordinatore del gruppo sul funzionamento e l'applicazione delle procedure concorsuali; - Giuseppe Vita, coordinatore del gruppo sull'applicazione uniforme delle regole del mercato interno. La prossima riunione degli organi direttivi di Assonime è prevista per il 17 maggio, giorno in cui riunisce il Consiglio Direttivo dell'associazione. American Express acquisisce Loyalty Partner ( Trend.online ) di Stefano Masullo American Express ha annunciato il completamento dell acquisizione di Loyalty Partner, leader nei servizi di marketing e nota per il programma Loyalty attivo in Germania, Polonia e India. Con questa acquisizione, American Express svilupperà ulteriormente le relazioni con gli esercenti in alcuni mercati internazionali, aggiungerà oltre 34 milioni di clienti alla base clienti globale e potenzierà la propria offerta di servizi di loyalty marketing e rewarding. Il valore della transazione è stato di circa 425 milioni di euro ( 585 milioni di dollari ) in liquidità e 73 milioni di euro ( 100 milioni di dollari ) in partecipazioni per il management di Loyalty Partner, per un valore di 498 milioni di euro ( 685 milioni di dollari ). Loyalty Partner è ora una società controllata da American Express e sarà parte dell International Consumer and Small Business Service group, guidato da Douglas Buckminster in qualità di Presidente. Alexander Rittweger continuerà a ricoprire la carica di Chief Executive Officer di Loyalty Partner. Dal sito di YAHOO.Finanza, del 10 marzo 2011 Anatocismo, Adusbef: riforma Milleproroghe a vaglio Consulta ( Reuters ), 10 marzo L'anticipo della prescrizione nei procedimenti per anatocismo introdotta dal Governo nel Decreto Milleproroghe dovrà passare al vaglio della Corte Costituzionale. Lo riferisce l'adusbef in una nota annunciando che oggi c'è stata la prima ordinanza di remissione alla Consulta da parte di un giudice delle nuove e più restrittive norme. La riforma della prescrizione, scrive l'associazione dei consumatori, " è stata rimessa oggi con una ordinanza alla Corte Costituzionale, dal giudice del Tribunale ordinario di Benevento Andrea Loffredo ". Il Decreto Milleproroghe limita la possibilità per i correntisti di far causa alle Banche perché fa decorrere il termine di 10 anni per la prescrizione delle pendenze dalla data in cui si sono versati gli interessi anatocistici

14 e non dalla data di chiusura del conto corrente, come stabilito dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione. Il magistrato, secondo quanto scrive l'adusbef, ha motivato la sua scelta in quanto " sia la dottrina sia la giurisprudenza hanno sempre ritenuto che i contratti bancari di credito con esecuzione ripetuta di più prestazioni, sono contratti unitari, che danno luogo ad un unico rapporto giuridico, anche se articolato in una pluralità di atti esecutivi che la serie di versamenti, prelievi ed accreditamenti determina solo variazioni quantitative dell'unico originario rapporto. Per cui solo con il conto finale si stabiliscono definitivamente i crediti e i debiti delle parti fra di loro e se ne determina l'esigibilità ". Per tale motivo, secondo il magistrato, va valutata la normativa del Milleproproghe che anticipa il conteggio della prescrizione al momento della prima scrittura contabile: " Ne deriva l'irragionevolezza della norma impugnata, in quanto sotto forma malcelatamente interpretativa, di fatto innova e si scontra non solo con la disciplina normativa e la natura giuridica propria delle operazioni bancarie in conto corrente di cui agli artt c.c. ma anche con il principio generale affermato dall'art c. c. in tema di decorrenza della prescrizione ". Banche: SIA / SSB avvia sistema pagamenti Palestina ( AGI ) Milano, 10 marzo E' stata avviata la nuova infrastruttura tecnologica per i pagamenti interbancari in Palestina, realizzata dal Gruppo SIA / SSB attraverso la controllata Perago per la Palestine Monetary Authority. Positivi i risultati dei primi quattro mesi, con il sistema che - si legge in una nota - ha processato tutte le transazioni, per un controvalore complessivo di 14,4 miliardi di dollari, pari al 216 % del Pil palestinese. Si tratta - spiega SIA / SSB - della prima piattaforma a livello globale " in grado di gestire contemporaneamente le quattro diverse valute oggi legalmente riconosciute in Palestina ", vale a dire l'euro, il dollaro statunitense, lo shekel israeliano e il dinaro giordano. Libia, LIA, Banca Centrale, altre 3 in lista sanzioni UE ( Reuters ), 10 marzo L'Unione Europea ha formalmente esteso l'embargo contro la Libia a cinque organizzazione finanziarie e una persona fisica. Lo riferiscono diplomatici europei precisando che le restrizioni saranno efficaci da domani. Nessuno dei 27 Stati membri ha espresso obiezioni all'inserimento della LIA ( Libyan Investment Authority ), della Banca Centrale Libica, della Libyan Foreign Bank, del Libyan Housing and Infrastructure Board, del Libya Africa Investment Portfolio e di un ex alto funzionario. Le restrizioni saranno pubblicate nella Gazzetta Ufficiale Europea domani, giorno a partire dal quale diventeranno legge. La LIA è un Fondo sovrano con circa 70 miliardi di dollari investiti in attività europee, tra cui Unicredit e altre Banche, Finmeccanica e Pearson. Altri investitori libici sono presenti nel capitale di Juventus, Fiat, Triestina e Olcese. Le sanzioni implicano che le partecipazioni delle istituzioni inserite nella lista in attività con sede in Europa saranno congelate e non saranno autorizzate a ricevere dividendi o a cedere quote. Spagna: Banca Centrale, 12 Banche devono aumentare capitale di 15 Mld ( Asca ) Roma, 10 marzo La Banca di Spagna ha pubblicato la lista delle Banche che devono aumentare il capitale. Si tratta di 12 Gruppi bancari che complessivamente dovranno raccogliere 15,15 miliardi di capitali. La Banca Centrale sottolinea come alcuni Istituti di credito abbiano gia annunciato l'intenzione di ricapitalizzarsi. La lista dei bisognosi comprende le sussidiarie di due Gruppi stranieri: Barclays Espana e Deutsche Espana. Tra le Banche spagnole, 2 sono di rilevanza nazionale quali Bankinter e Bankpyme, poi ci sono 8 Casse di Risparmio. Ribadito, come già fissato dal Regio Decreto, che il livello minimo di Core Tier 1 è stabilito all'8 % per quei Gruppi o singoli Istituti che possono raccogliere capitali presso il pubblico. In gran parte si tratta di Gruppi quotati in Borsa o che hanno accesso al mercato retail dei capitali. Il Core Tier 1 minimo sale al 10 % per quei Gruppi che hanno meno del 20 % del capitale azionario o diritti di voto collocato presso terzi e la cui raccolta dipende per almeno il 20 % dal mercato all'ingrosso dei capitali.

15 Le Banche che devono ricapitalizzarsi dovranno adottare tutte le misure necessarie per adempiere a questi obblighi entro il 30 settembre BCE: Governi devono tagliare spesa, priorità sanità e pensioni ( Asca ) Roma, 10 marzo La BCE sollecita i Governi dell'area euro a risanare i conti pubblici e indica la necessità di predisporre programmi '' pluriennali ambiziosi '' che devono puntare sul '' ridimensionamento della spesa '' mettendo mano a sanità e pensioni. Le correzioni dovranno essere almeno dello 0,5 % del pil e per i Paesi con elevati debiti la correzione dovrà essere di almeno l'1 % l'anno. Dalla Banca Centrale Europea arriva un nuovo allarmato monito sullo stato di salute dei conti pubblici nell'area euro sottolineando che la '' sostenibilità delle finanze pubbliche di diversi Paesi è oggi messa in dubbio, in particolare dai mercati finanziari ''. Ciò riflette l'esistenza di ampi squilibri di bilancio, oltre che le implicazioni per i conti pubblici di altri rischi e in particolare di quelli per la stabilità del settore finanziario. La BCE sottolinea il rischio che si indebolisca l'impegno, preso dai Governi a maggio 2010 in presenza di forti pressioni sui mercati finanziari, a rispettare pienamente la lettera e lo spirito delle regole del Patto di stabilità. '' Nell'insieme, le politiche e i programmi attuali suscitano preoccupazione per una serie di motivi. In primo luogo, alcuni Paesi hanno perso l'occasione di avviare il riequilibrio dei conti già nel 2010 in presenza di un contesto macroeconomico più favorevole del previsto ''. In secondo luogo, occorrerà intensificare notevolmente l'azione di risanamento per assicurare l'osservanza delle raccomandazioni del Consiglio fino ad arrivare alla correzione dei disavanzi eccessivi. In terzo luogo, in questo periodo di grande incertezza, i Governi non hanno ancora dimostrato in modo convincente '' l'affidabilità del loro impegno a risanare i conti pubblici, che richiede un rigoroso rispetto dei termini e degli obiettivi fissati ''. Santander: l'amministratore Delegato Saenz sospeso per tre mesi ( Finanza.com ) 10 marzo L'Amministratore Delegato del Banco Santander, Alfredo Saenz, è stato sospeso dall'attività per tre mesi. La sentenza è stata pronunciata dalla Corte Suprema, dopo un lungo processo avviato per " denuncia calunniosa " quando era Presidente di Banesto. I fatti risalgono al 1994, poco dopo che il Santander aveva preso il controllo di Banesto. La saga legale però potrebbe non essere ancora finita. Saenz infatti intende presentare ricorso. Consumi: nel 2010 il piatto piange. Meno carne bovina, pesce e frutta ( Asca ) Roma, 10 marzo Nel 2010 gli italiani hanno tirato la cinghia. E' quanto emerge dai dati dell'ismea che rileva una flessione dei consumi alimentari pari a - 0,6 % rispetto all'anno precedente, accompagnata da una riduzione dei prezzi dei prezzi pari a - 0,5 %. Il piatto piange oramai sempre più orfano degli alimenti tradizionalmente considerati più pregiati. Scende la domanda per le carni bovine ( - 4,6 % rispetto al 2009 ), vini ( - 3,4 % ), prodotti ittici ( - 2,9 % ) e frutta ( - 1,8 % ). Sono aumentati nel 2010 gli acquisti di oli d'oliva ( + 3,7 % ), grazie soprattutto agli extravergini, derivati dei cereali ( nonostante la flessione di pane e pasta ). Positivo il bilancio per le carni suine ed i salumi ( + 0,6 % ). Andamento stazionario per latte e derivati, ortaggi e carni avicole ( bene il pollame, male il tacchino ). A livello territoriale la flessione ha riguardato tutte le aree geografiche ad eccezione del Nord Ovest ( + 0,4 % ). Più accentuato il calo degli acquisti nel Mezzogiorno ( - 1,3 % rispetto al 2009 ), mentre nelle Regioni del Centro Italia e del Nord Est si rilevano riduzioni rispettivamente dello 0,6 e dello 0,3 %.

16 Rinnovabili: Prestigiacomo, non ci piace classico atteggiamento Banche ( Asca ) Roma, 10 marzo '' Il solito classico atteggiamento delle Banche, che non ci piace ''. Così, il Ministro dell'ambiente, Stefania Prestigiacomo, a margine della presentazione dell'iniziativa '' Treno Verde '', ha commentato una lettera inviata dalle Banche Estere in Italia ( AIBE ) al Governo e nella quale si critica il Decreto Legislativo sulle Rinnovabili, ipotizzando anche il rischio di uno stop degli investimenti esteri nel nostro Paese su infrastrutture ed energia. '' Non c'è ragione - ha aggiunto il Ministro - per non avere fiducia in una legge dello Stato. La legge è stata sottoscritta dal Presidente della Repubblica e dà una prospettiva al settore fotovoltaico, ma con incentivi mirati per evitare le bolle speculative. Il principio è favorire chi utilizza l'energia rinnovabile, rispetto ai venditori. Non è vero che non ci saranno incentivi - ha poi detto la Prestigiacomo -, ma ci sarà un nuovo quadro di incentivi e gli investimenti andranno avanti. Credo che un intervento moralizzatore fosse necessario: vogliamo che il settore si sviluppi in maniera sana. A noi non interessano gli speculatori ''. Il Ministro ha poi confermato il vertice di martedì prossimo al Ministero per lo Sviluppo Economico per mettere a punto i Decreti ministeriali di attuazione del Decreto Legislativo sulle fonti rinnovabili, con l'obiettivo di '' chiudere in tempi rapidissimi, entro due settimane ''. Credito Bergamasco: utile netto 2010 a 97,8 Mln ( + 14,7 % ) ( Asca ) Roma, 10 marzo Credito Bergamasco chiude il 2010 con un utile netto a 97,8 milioni con un aumento del 14,7 % sull'esercizio precedente a fronte di un risultato di gestione in miglioramento a 276 milioni dai 228 milioni del Gli impieghi registrano una crescita del 10,6 % a 12,87 miliardi mentre la raccolta totale ammonta a 21,6 miliardi con una crescita dello 0,2 %. Sotto il profilo patrimoniale il Tier 1 si attesta al 13,75 % e il total capital ratio al 13,79 %. Fideuram: utile netto % a 212 Mln. Dividendo di 0,12 euro ( Asca ) Roma, 10 marzo Utile netto in crescita per Fideuram. La Banca del Gruppo Intesa SanPaolo ha chiuso il 2010 con un risultato netto consolidato di 211,6 milioni, in crescita del 18,6 % su base annua. Escludendo le componenti non ricorrenti, che consistono principalmente in un accantonamento straordinario di 18 milioni per la definizione di una controversia fiscale relativa agli esercizi 2005 e 2006, l'utile netto è risultato pari a 231,3 milioni, in aumento del 27 % rispetto all'esercizio Il CdA ha deliberato la distribuzione di un dividendo unitario di 0,120 euro, in crescita del 15,4 %, per un importo complessivo di 117,6 milioni. La raccolta netta totale si e' attestata a 1,9 miliardi, in flessione di 903 milioni rispetto al saldo dello scorso esercizio ( 2,8 miliardi ) che però aveva beneficiato dei capitali acquisiti con il rimpatrio delle attività finanziarie detenute all'estero grazie allo '' scudo fiscale ''. La raccolta netta di risparmio gestito è ammontata a 4,2 miliardi a fronte di 2,9 miliardi nel A fine dicembre 2010 il totale delle masse amministrate dal Gruppo Banca Fideuram è stato pari a 71,6 miliardi, in crescita di 3,8 miliardi ( + 5,6 % ) rispetto al 31 dicembre A tale risultato hanno contribuito in pari misura sia l'andamento della raccolta netta ( + 1,9 miliardi ) sia la performance dei patrimoni ( + 1,9 miliardi ). Alla stessa data, la componente di risparmio gestito, pari a 53,5 miliardi, costituiva il 74,7 % delle masse totali ( 69,4 % a fine 2009 ). Il margine di interesse è stato pari a 119,7 milioni, in diminuzione di 37,9 milioni ( - 24 % ) rispetto allo scorso anno, attribuibile in via principale alla riduzione dello spread tra il costo della raccolta e i tassi attivi sugli impieghi nonchè, in misura minore, alla contrazione dei volumi gestiti. Il Cost / Income ratio è risultato pari a 47,5 %, in netto miglioramento rispetto al 53,5 % registrato nel La Capogruppo ha fatto registrare un utile netto di 145,9 milioni ( 127,9 milioni nel 2009 ).

17 Azimut: utile 2010 in calo. In miglioramento ricavi e dividendo ( 25 centesimi ) ( Finanza.com ) Azimut ha chiuso l esercizio 2010 con un utile netto di 94,3 milioni di euro, in calo rispetto ai 118,2 milioni del In salita, invece, i ricavi consolidati a 358,4 milioni di euro da 347,4 milioni. Il CdA del Gruppo proporrà all Assemblea degli azionisti un dividendo di 25 centesimi per azione, in crescita rispetto ai precedenti 20 centesimi. Migliora decisamente la posizione finanziaria netta: 102,1 milioni di euro rispetto ai 21,9 milioni di fine Banca Generali, utile %, dividendo 0,55 euro ( Reuters ), 10 marzo Banca Generali ha chiuso il 2010 con un utile netto di 82,2 milioni, in crescita del 30 %. Il CdA, si legge in un comunicato della società del risparmio gestito, proporrà la distribuzione di un dividendo di 0,55 euro per azione, in aumento del 22 % rispetto all'anno precedente. Le masse totali sono cresciute del 6 %, a 23,6 miliardi. Il Tier 1 Capital è salito all'11 % dal 9,8 % del Il margine d'interesse è calato del 12 %, a 43,2 milioni, mentre le commissioni lorde sono aumentate del 17,3 %, attestandosi a quota 373,4 milioni, e quelle nette del 7,2 %, a 198 milioni. Il margine d'intermediazione è stato pari a 254,4 milioni ( - 0,2 % ). L'Ebitda è salito del 10 %, a 122,5 milioni, e il risultato operativo del 12,2 %, a 118,4 milioni. " L'inizio del 2011 è stato positivo ", recita la nota, " in quanto è proseguita la dinamica favorevole della raccolta evidenziata nel Nei primi due mesi del 2011, Banca Generali ha realizzato una raccolta netta pari a 251 milioni ( 106 milioni a gennaio e 145 milioni a febbraio ), di cui 342 milioni rappresentati da prodotti di risparmio gestito ( 145 milioni a gennaio, 197 milioni a febbraio ) ". Banca Generali dice di guardare con " ragionevole confidenza al proseguimento del 2011, pur in presenza di mercati finanziari che continuano a mostrare segnali di incertezza e volatilità ". Dopo una fiammata subito dopo la pubblicazione dei risultati, che ha portato il titolo a rinnovare il massimo dell'anno a quota 10,8 euro, Banca Generali ha ritracciato: attorno alle 13,55, sale dello 0,75 %, a 10,68 euro. Libia: Rampl ( Unicredit ), sempre in contatto con Bengdara, è in Turchia ( Asca ) Milano, 10marzo La crisi in Libia non interrompe i contatti tra i vertici di Unicredit e Farhat Omar Bengdara, Governatore della Banca Centrale di Tripoli titolare del 5 % del capitale dell'istituto di credito di Piazza Cordusio. A sottolinearlo è Dieter Rampl, Presidente di Unicredit, che ha fatto il punto della situazione lasciando il Comitato Nomine di Mediobanca. Rampl ha confermato che i contatti con Bengdara stanno proseguendo in questi giorni ( ' certamente '', è stata la sua risposta ) chiarendo anche che il Presidente della Banca Centrale Libica si trova al momento in Turchia: '' Sì, almeno l'ultima volta che l'ho sentito era lì ''. Da Rampl nessun commento invece sul dossier Premafin e sull'eventuale partecipazione di Unicredit all'aumento di capitale sulla Holding della famiglia Ligresti. Libia: Rampl ( Unicredit ), su congelamento quote seguiremo la legge ( Asca ) Milano, 10 marzo '' Seguiremo la legge, l'ue deve fare un passaggio e l'italia quello seguente ''. Questa la valutazione del Presidente di Unicredit, Dieter Rampl, sul congelamento delle partecipazioni libiche al vaglio dell'unione Europea.

18 '' Si sta decidendo - ha aggiunto il Presidente di Unicredit ( Istituto partecipato per circa il 7 % da capitali libici, ndr ) lasciando la riunione del Comitato Nomine di Mediobanca- e noi seguiremo esattamente ciò che sarà indicato. Non conosco ancora la decisione dell'unione Europea, aspettiamo e vediamo ''. Unicredit, Bengdara: non credo mia presenza sia problema ( Reuters ), 10 marzo Il Governatore della Banca Centrale di Tripoli e Vice Presidente di Unicredit, Farhat Omar Bengdara, rimasto irrintracciabile per diverso tempo con lo scoppio della rivolta in Libia e oggi all'estero, dice che non tornerà più a lavorare per la Banca Centrale e non crede che il suo ruolo in Piazza Cordusio costituisca un problema. In un'intervista al Corriere, Bengdara spiega di non sapere se sia ancora il Governatore della Libia o no. " Mi hanno detto che Abdel Zlitni ( attuale Ministro delle Finanze ) è stato nominato facente funzione. Non credo che tornerò mai a lavorare per la Banca Centrale della Libia ". Su Unicredit, in cui la Libia ha il 7,5 % che sarà presto congelato, Bengdara sottolinea che non gli è stato chiesto di dimettersi. " Non credo che la mia presenza nel Consiglio di Unicredit costituisca un problema per la Banca ". Sull'ipotesi di una dismissione degli investimenti libici in Italia, dall'istituto milanese a Eni e Finmeccanica, il Governatore commenta: " Decidere non tocca più a me. Comunque questo non è un buon momento per vendere, le quotazioni sono basse. E poi perché? Dopo aver smobilizzato le quote, anche il denaro liquido sarebbe bloccato. Non riusciremmo comunque a rimpatriarlo ". Libia: Germania congela conti bancari ( Ansa ) Berlino, 10 marzo Il Ministero dell'economia tedesco ha annunciato oggi di aver congelato i conti bancari in Germania della Banca Centrale e dell'authority per gli investimenti libiche. Nei giorni scorsi il Governo tedesco aveva congelato un conto bancario intestato a uno dei figli del leader libico Muammar Gheddafi. Statuto Imprese, ok Commissione a DdL, da lunedì in aula Camera ( Reuters ) 10 marzo La commissione Attività Produttive della Camera ha oggi licenziato il DdL sullo Statuto delle Imprese che da lunedì passa dunque all'esame dell'aula di Montecitorio. Si tratta di una legge quadro che ha il compito di coordinare i rapporti delle piccole - e piccolissime - imprese con le istituzioni e crea fra l'altro una Commissione Bicamerale per le Pmi. Il primo firmatario del Disegno di Legge e Vice Presidente della Commissione Attività Produttive Raffaello Vignali, del Pdl, sottolinea che " l'europa chiede agli Stati membri di avviare riforme per la crescita, pur nella doverosa tenuta dei conti pubblici; soprattutto chiede, per rilanciare lo sviluppo, di creare un contesto favorevole all'impresa e all'industria, in particolare alle Pmi. Questo è esattamente lo scopo dello Statuto ". Il Disegno di Legge, che ha raccolto in due anni di esame parlamentare apporti bipartisan, è composto da 18 articoli e, come si legge nel quarto comma del primo articolo, ha le seguenti finalità: " Lo Statuto delle Imprese e dell'imprenditore mira in particolare: "a ) al riconoscimento del contributo fondamentale delle imprese alla crescita dell'occupazione e alla prosperità economica;

19 " b ) a promuovere la costruzione di un quadro normativo, nonché di un contesto sociale e culturale volto a favorire lo sviluppo delle imprese anche di carattere familiare; "c ) a promuovere l'inclusione delle problematiche sociali e delle tematiche ambientali nello svolgimento delle attività delle imprese e nei loro rapporti con le parti sociali; "d ) a favorire l'avvio di nuove imprese, in particolare da parte dei giovani e delle donne; "e ) a valorizzare il potenziale di crescita, di produttività e di innovazione delle imprese, con particolare riferimento alle micro, piccole e medie imprese; "f ) a favorire la competitività del sistema produttivo nazionale nel contesto europeo ed internazionale; "g ) ad adeguare l'intervento pubblico e l'attività della pubblica amministrazione alle esigenze delle micro, piccole e medie imprese".

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari MAGGIO/GIUGNO 2015 NUMERO 40 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L I dagi e 5: le fa iglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città transazioni effettuate

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

TUTTI I DECRETI DI RENZI

TUTTI I DECRETI DI RENZI 067 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTI I DECRETI DI RENZI SULLE BANCHE POPOLARI E IL CONFLITTO DI INTERESSI 17 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il Governo

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%)

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA DELLE BANCHE EUROPEE 7 L attivo 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 15 I titoli in portafoglio 16 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività 20

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro di Loretta Napoleoni Tratto dal: Fatto Quotidiano Fonte e link: http://movimentobaseitalia.altervista.org/debito-pubblico-chilo-ha-fatto-se-lo-pagasse/

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015 FIRST CAPITAL: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 E AVVIA L EMISSIONE DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO FINO A EURO 10 MILIONI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Maggio 2015. Nota congiunturale sintetica

Maggio 2015. Nota congiunturale sintetica Maggio 2015 Nota congiunturale sintetica Eurozona Previsioni Nel primo trimestre del 2015, il Pil dell'eurozona è atteso in crescita a un ritmo dello 0,4%, che dovrebbe ripetersi anche nel secondo trimestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 1 Appendice B: Gruppo Banco Popolare Banco Popolare: la struttura del Gruppo al 30/09/2012 Holding e Divisioni Territoriali integrate Controllate bancarie nazionali**

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Presentazione 2 REPORT ANNUALE

Presentazione 2 REPORT ANNUALE Presentazione 2 REPORT ANNUALE Investitori istituzionali italiani: iscritti, risorse e gestori dei patrimoni previdenziali per l anno 2014 A cura del Centro Studi e Ricerche di Itinerari Previdenziali

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Atto Camera. Mozione 1-00787 presentata da ANTONIO BORGHESI testo di martedì 20 dicembre 2011, seduta n.563

Atto Camera. Mozione 1-00787 presentata da ANTONIO BORGHESI testo di martedì 20 dicembre 2011, seduta n.563 Atto Camera Mozione 1-00787 presentata da ANTONIO BORGHESI testo di martedì 20 dicembre 2011, seduta n.563 La Camera, premesso che: l'accordo sui requisiti minimi di capitale firmato a Basilea, meglio

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA:

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA: Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013

Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013 Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013 CONVENZIONE TRA Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma,

Dettagli

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI VOLUMI ATTIVITA' Volumi x 000 1.1 Consistenze (al lordo della cartolarizzazione) 1.2 Credito cartolarizzato credito in essere

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO DAL CDA IL PROGETTO DI BILANCIO 2005: IN FORTE CRESCITA TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI

COMUNICATO STAMPA APPROVATO DAL CDA IL PROGETTO DI BILANCIO 2005: IN FORTE CRESCITA TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI COMUNICATO STAMPA APPROVATO DAL CDA IL PROGETTO DI BILANCIO 2005: IN FORTE CRESCITA TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI RICAVI AGGREGATI: 3.507,2 MLN DI EURO, +29% (2.714 MLN NEL 2004) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations GRUPPO BIPIEMME 1 semestre 2012 29 agosto 2012 Investor Relations 1 Agenda 1 Executive summary Risultati consolidati del 1 semestre 2012 Allegati 2 Giugno 2012: aspetti principali (1/2) Ulteriore rafforzamento

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer:

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Comunicato stampa di Julius Baer Holding SA Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Redditività sostenuta dall aumento delle masse gestite eccellente andamento dell

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI

CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI 308 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI 28 gennaio 2013 a cura di Renato Brunetta CRONOLOGIA MPS 2 1990. Mps acquisita il controllo del Mediocredito Toscano

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli