M O N T E F I B R E RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M O N T E F I B R E RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010"

Transcript

1 M O N T E F I B R E RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Società per Azioni Sede in Milano - Via Marco d'aviano, 2 Capitale Sociale ,27 i.v. Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n

2 SOMMARIO CARICHE SOCIALI RELAZIONE INTERMEDIA SULLA GESTIONE. Note introduttive. L'industria europea delle fibre chimiche nel primo semestre Andamento della gestione del Gruppo Montefibre. Operazioni con parti correlate. Governo societario e assetti proprietari di Montefibre S.p.A. BILANCIO SEMESTRALE ABBREVIATO. Prospetti contabili consolidati. Note informative Attestazione dell Amministratore delegato e del Dirigente preposto Relazione della Società di revisione 1

3 CARICHE SOCIALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (1) Presidente e Amministratore Delegato Emilio Boriolo (2) Consiglieri Roberto Bartocetti Giorgio Galeazzi Alessandro Nova (3) Sergio Orlandi Vittorio Orlandi (3) (4) COLLEGIO SINDACALE (5) Presidente Sindaci effettivi Sindaci supplenti Marcello Costadoni Marco Armarolli Luca Fabbro Guglielmo Foglia Angela Orsini RAPPRESENTANTE COMUNE DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO (6) Maurizio Baldoli SOCIETÀ DI REVISIONE (7) PricewaterhouseCoopers S.p.A. DELEGHE AGLI AMMINISTRATORI Al Presidente spetta la rappresentanza legale della Società, ai sensi dell art. 21 dello Statuto sociale; all Amministratore Delegato sono stati attribuiti tutti i poteri per la gestione operativa della Società. NOTE (1) Nominato dall Assemblea ordinaria del 29 giugno 2010 per un triennio, con scadenza alla data di approvazione del Bilancio d esercizio (2) Nominato Presidente e Amministratore Delegato dal Consiglio di Amministrazione del 29 giugno (3) Amministratori indipendenti, di cui Alessandro Nova nominato lead indipendent director dal Consiglio di Amministrazione del 29 giugno (4) Tratto dalla Lista presentata e votata dalla minoranza azionaria. (5) Nominato dall Assemblea ordinaria del 29 maggio 2009 per un triennio, con scadenza alla data di approvazione del Bilancio d esercizio (6) Nominato dall Assemblea speciale degli Azionisti di risparmio del 29 giugno 2010 per un triennio. (7) Incarico conferito dall Assemblea ordinaria del 30 giugno 2004 per un triennio e prorogato dall Assemblea ordinaria del 9 maggio 2007 per sei anni. 2

4 RELAZIONE INTERMEDIA SULLA GESTIONE NOTE INTRODUTTIVE Premessa Struttura organizzativa del Gruppo Montefibre L'INDUSTRIA EUROPEA DELLE FIBRE CHIMICHE NEL PRIMO SEMESTRE 2010 ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO MONTEFIBRE Premessa Conto economico consolidato (sintesi) Stato patrimoniale consolidato (sintesi) Rendiconto finanziario consolidato (sintesi) Analisi del conto economico Analisi della situazione patrimoniale e finanziaria Evoluzione prevedibile della gestione nel secondo semestre OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Operazioni di Montefibre S.p.A. e del Gruppo Montefibre con parti correlate Operazioni con parti correlate connesse alle attività svolte nel sito di Acerra GOVERNO SOCIETARIO E ASSETTI PROPRIETARI DI MONTEFIBRE S.p.A. 3

5 NOTE INTRODUTTIVE PREMESSA Come già detto nella Relazione sulla gestione che correda il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2009, Montefibre S.p.A. ha deliberato di procedere a una ristrutturazione della posizione debitoria, ricorrendo all istituto dell accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182-bis del R.D. 16 marzo 1942, n. 267, per poter dar seguito, col dovuto respiro, all importante progetto di dismissioni immobiliari finalizzato ad ottenere risorse finanziarie sufficienti al totale soddisfacimento delle posizioni debitorie. A tal fine, nella seduta del 17 marzo 2009 il Consiglio di amministrazione ha approvato un piano industriale per il triennio e un piano di ristrutturazione dei debiti. Il piano industriale ha previsto che, in seguito alla fermata delle produzioni a Porto Marghera, le attività di produzione e commercializzazione di fibre chimiche fossero concentrate nella controllata Montefibre Hispania S.A. e nella joint venture Jilin JiMont Acrylic Fiber Co. Ltd. che proseguono l operatività in regime di autosufficienza; si ricorda che Montefibre S.p.A. è, altresì, proprietaria del ramo d azienda fibra poliestere da materiali di riciclo con le linee produttive short spinning, in affitto a Fidion S.r.l.. Il piano di ristrutturazione dei debiti ha previsto un accordo con tutti gli istituti bancari e con i fornitori rappresentanti almeno l 80% dei debiti commerciali, volto al pagamento integrale dei debiti nel corso del periodo di esecuzione del piano, in cinque rate, in linea con gli incassi derivanti dalla dismissione di cespiti e tenendo conto degli impegni di spesa corrente di Montefibre. Dopo avere terminato la fase di approntamento della documentazione richiesta dal citato art. 182-bis l.f., in data 2 febbraio 2010 la Capogruppo ha provveduto a depositarla al Registro delle Imprese di Milano, ove è stata pubblicata il successivo 5 febbraio, e in pari data ha presentato il ricorso per chiedere l omologazione dell accordo al Tribunale di Milano. Tenuto anche conto che nei termini di legge non è stata proposta alcuna opposizione, in data 1 aprile 2010 il Tribunale ha proceduto in camera di consiglio all omologazione dell accordo con un motivato decreto, che è stato depositato in cancelleria il successivo 7 aprile e pubblicato nel Registro delle Imprese il 12 aprile. Infine, constatato che nei quindici giorni successivi il decreto non è stato reclamato alla Corte di Appello, con decorrenza dal 28 aprile 2010 l omologazione è divenuta definitiva. Per quanto concerne la principale dismissione prevista dal piano e cioè la vendita all Autorità Portuale di Venezia del compendio immobiliare ubicato nel sito industriale di Porto Marghera, in 4

6 data 20 marzo 2010 Montefibre ha sottoscritto con la controparte il contratto preliminare di compravendita, con efficacia subordinata all omologazione dell accordo di ristrutturazione dei debiti. Il preliminare è stato accompagnato da un deposito a garanzia di 15 milioni, mentre il saldo è stato ripartito in sei rate, di cui cinque bimestrali tra giugno 2010 e febbraio 2011 e l ultima a giugno In data 6 maggio 2010, quindi, è stato stipulato il contratto di compravendita con Venice Newport Container and Logistics S.p.A., soggetto designato dall Autorità Portuale di Venezia, al prezzo di 68,4 milioni che tiene conto degli oneri che dovranno essere sostenuti dall acquirente principalmente per gli interventi di bonifica ed è stato successivamente incassato il deposito a garanzia. Montefibre è fiduciosa di potere ottenere le risorse finanziarie derivanti dalle ulteriori dismissioni in tempi utili per soddisfare i creditori aderenti e, successivamente, per coprire il deficit di cassa emergente, anche alla luce della facoltà, concessa in qualunque momento a Montefibre dagli accordi sottoscritti con i creditori, di dilazionare il pagamento di ciascuna rata dei debiti commerciali e finanziari di sei mesi e quello dell ultima rata fino al 31 marzo Per una descrizione più estesa del piano di Montefibre S.p.A. e delle azioni in corso e previste, si rimanda alla Nota 1 contenuta nel Bilancio semestrale abbreviato. I dati economici, patrimoniali e finanziari al 30 giugno 2010 riflettono quindi i risultati delle attività operative svolte dalle società partecipate del Gruppo Montefibre, per gli aspetti industriali, oltre alle risultanze delle operazioni svolte dalla Capogruppo nell attuazione del proprio piano. 5

7 STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL GRUPPO MONTEFIBRE Il Gruppo Montefibre è costituito, oltre che dalla capogruppo Montefibre S.p.A., con direzione a Milano e con impianti per la produzione di alcuni tipi di fibre poliestere nello stabilimento di Acerra, dati in affitto a Fidion S.r.l., anche dalle seguenti società, controllate direttamente al 100%: - Montefibre Hispania S.A., con direzione a Barcellona e con uno stabilimento a Miranda de Ebro nel quale sono ubicati impianti di produzione di fibre acriliche e una centrale a ciclo combinato in cogenerazione di vapore; - Trasformazione Fibre S.r.l.; per consentire l operazione descritta nelle note di bilancio, in data 10 febbraio 2010 è stata deliberata la revoca della messa in liquidazione della società, che ha assunto come oggetto sociale l acquisto e la rivendita di impianti, apparecchiature e macchinari industriali. Tale revoca è divenuta esecutiva con effetto dal 19 febbraio 2010, con l iscrizione nel Registro delle Imprese di Milano del 9 marzo Il Gruppo Montefibre possiede anche partecipazioni nelle seguenti imprese collegate: - Jilin JiMont Acrylic Fiber Co. Ltd., partecipata al 50% in joint venture con Jilin Qifeng Chemical Fiber Co. Ltd. (Gruppo Jilin Chemical Fiber Group Co. Ltd.), con impianti per la produzione di fibre acriliche a Jilin City, nel nord est della Cina; - Fibras Europeas de Poliéster S.L., partecipata al 40% in joint venture con La Seda de Barcelona S.A. e Rodsacc S. de R.L. de C.V.; la controllata Fidion S.r.l. produce fibre poliestere ad Acerra con il ramo d azienda fibra poliestere da materiali di riciclo in affitto; la controllata Fibracat Europa S.L. è, invece, inattiva avendo cessato definitivamente le produzioni nel dicembre 2008; - West Dock S.r.l., partecipata al 50% in joint venture con Demont S.r.l.; la società, costituita per la progettazione e il coordinamento della riconversione di aree dello stabilimento di Porto Marghera da destinare ad attività logistiche, è ora dedicata alle attività di consulenza, sviluppo e servizi immobiliari rivolte al settore industriale e del terziario; - Astris Carbon S.r.l., partecipata al 50% in joint venture con Ribeauvillé Investments S.A., costituita con l intento di promuovere l investimento per la produzione del precursore della fibra di carbonio; la società è al momento inattiva. 6

8 L'INDUSTRIA EUROPEA DELLE FIBRE CHIMICHE NEL PRIMO SEMESTRE 2010 La situazione del mercato delle fibre acriliche nei primi mesi del 2010 mostra la prosecuzione ed il consolidamento del trend di ripresa iniziato nel secondo trimestre 2009 in Europa, che già era partito nel precedente trimestre in Cina e nel resto del Far East. Le consegne di fibra acrilica da parte di produttori europei e turchi in Europa Occidentale nel primo semestre 2010 sono infatti aumentate del 15% circa rispetto al corrispondente periodo del 2009, e di quasi il 19% nell area comprendente l intera Europa e la Turchia. I consumi in Europa Occidentale, dopo le drammatiche cadute degli anni precedenti, sembrano ormai stabilizzati su un livello trimestrale medio inferiore del 10-15% circa a quello che si aveva ancora nel Prendendo in considerazione anche l Europa Orientale e la Turchia il quadro appare ancora più confortante, dato che i consumi della zona comprendente tutta l Europa e la Turchia, dopo aver toccato un minimo nel primo trimestre 2009, sono nuovamente in crescita ed hanno sostanzialmente ripreso i valori trimestrali del Sempre trascurabili, poi, sono state le importazioni in Europa e Turchia da paesi extraeuropei (meno del 3% dei consumi complessivi, provenienti in gran parte dal Giappone, una delle tre aree geografiche, insieme ad Europa e Stati Uniti, in cui la produzione di fibre acriliche si è sviluppata). Le esportazioni nelle aree extraeuropee, per converso, hanno segnato una riduzione di quasi il 4% nel primo semestre rispetto all anno precedente, con un calo particolarmente rilevante in Cina (-32%), a conferma del fatto che in una situazione di mercato più equilibrata i produttori privilegiano le vendite nel mercato domestico, più remunerative rispetto alle esportazioni. Complessivamente, comunque, le consegne dei produttori europei e turchi nel mondo hanno mostrato un buon recupero (quasi il 9%) nei primi sei mesi del 2010 rispetto al corrispondente periodo del 2009, anche tenuto conto che quest ultimo aveva visto il minimo dei consumi degli ultimi anni. Le chiusure di impianti produttivi avvenute in diverse aree geografiche sembrano aver dato l avvio ad un riequilibrio strutturale tra domanda e offerta, consentendo un recupero di redditività di questo business. Un ultimo dato confortante è mostrato dal livello degli stocks dei produttori, rimasti a livelli contenuti. Quanto alla situazione di mercato delle fibre poliestere in Europa, che si era fortemente deteriorata nell ultimo scorcio del 2008 e per tutto il 2009 aveva risentito della debolezza dell economia, anch essa mostra sensibili sintomi di ripresa nel primo semestre 2010: i dati sulle consegne dei produttori europei e turchi in Europa Occidentale indicano, rispetto al primo semestre dell anno precedente, un incremento di circa il 12%, che diventa il 21% includendo anche l Europa Orientale e la Turchia. Le importazioni da fuori Europa hanno segnato, sulla base di dati relativi ai primi quattro mesi dell anno, un incremento inferiore 7

9 (+17% rispetto al 2009), riducendo quindi, sia pure di poco, la loro quota di mercato nell area comprendente Europa e Turchia, in linea con il recupero di competitività dell industria europea favorito anche dall evoluzione del cambio euro-dollaro. Anche per il poliestere, il livello dei consumi sta ritornando a valori trimestrali prossimi a quelli del

10 ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO MONTEFIBRE PREMESSA Il primo semestre 2010 si è chiuso per il Gruppo Montefibre con un utile di 32,4 milioni di euro, rispetto alla perdita di 18,8 milioni del primo semestre Di seguito sono presentati, in forma sintetica ed espressi in milioni di euro, il Conto economico, lo Stato patrimoniale e il Rendiconto finanziario consolidati del Gruppo Montefibre al 30 giugno 2010, confrontati con i dati al 30 giugno 2009 per il Conto economico e per il Rendiconto finanziario e con i dati al 31 dicembre 2009 per lo Stato patrimoniale. I prospetti contabili sintetici, analoghi a quelli riportati nella sezione relativa al bilancio consolidato della Relazione sulla gestione contenuta nella Relazione finanziaria annuale 2009, non sono oggetto di verifica da parte della Società di revisione e sono esposti per fornire una migliore comprensione dei risultati. In particolare: - il Conto economico sintetico esprime con un maggior grado di sintesi le voci esposte nel prospetto obbligatorio di Conto economico separato ed evidenzia il Margine operativo lordo, che rappresenta il risultato della gestione operativa prima degli ammortamenti e delle rettifiche di valore di attività non correnti; - lo Stato patrimoniale sintetico è uno schema che riclassifica le voci esposte nel prospetto obbligatorio della Situazione patrimoniale-finanziaria, aggregando i valori delle attività e delle passività in funzione degli aspetti in cui è convenzionalmente ripartita la gestione dell impresa: l investimento, l esercizio e il finanziamento. Il Capitale immobilizzato riporta le voci delle Attività non correnti, escluse le Altre attività e le Imposte differite attive. Il Capitale di esercizio netto riporta separatamente le tre componenti (Rimanenze, Crediti commerciali e Debiti commerciali) del capitale circolante netto generato dall attività caratteristica e, alla voce Crediti / debiti diversi, il saldo di tutte le altre Attività correnti e non correnti e Passività correnti e non correnti, ad eccezione delle voci di natura finanziaria e dei Benefici per dipendenti, evidenziati a parte. La seconda sezione dello schema illustra le modalità di copertura del capitale investito netto, con evidenza del Patrimonio netto (mezzi propri) e dell Indebitamento finanziario netto (mezzi di terzi); quest ultimo è più dettagliatamente analizzato nella nota al bilancio consolidato che commenta la posizione finanziaria netta; 9

11 - il Rendiconto finanziario sintetico esprime con un maggior grado di sintesi le voci esposte nel prospetto obbligatorio. Si precisa che l area di consolidamento non è variata rispetto all esercizio precedente. Si evidenzia che la perdita del primo semestre 2009 risulta essere inferiore di 1,6 milioni rispetto a quella riportata nella Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2009, in seguito alla correzione di un errore illustrato nelle note del bilancio semestrale abbreviato. 10

12 CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO (SINTESI) (in milioni di euro) Ricavi netti 99,4 81,2 Altri ricavi e proventi 1,2 1,7 Acquisti, prestazioni di servizi e costi diversi (89,9) (78,5) Lavoro e oneri relativi (10,8) (12,8) Proventi (oneri) da operazioni non ricorrenti 62,3 (5,5) MARGINE OPERATIVO LORDO 62,2 (13,9) Ammortamenti (3,9) (4,3) Rettifiche di valore (5,0) (5,8) RISULTATO OPERATIVO 53,3 (24,0) Proventi (oneri) finanziari netti (3,8) (0,7) Proventi (oneri) su partecipazioni 0,4 3,2 RISULTATO ANTE IMPOSTE 49,9 (21,5) Imposte (17,5) 2,7 UTILE (PERDITA) DEL PERIODO 32,4 (18,8) STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO (SINTESI) (in milioni di euro) Immobili, impianti e macchinari 46,1 49,6 Investimenti immobiliari 22,3 22,3 Attività immateriali 2,7 2,7 Partecipazioni 19,5 15,9 Altre attività non correnti 16,8 21,6 CAPITALE IMMOBILIZZATO 107,4 112,1 Immobili detenuti per la vendita 0,0 9,2 Rimanenze 17,0 15,6 Crediti commerciali 35,8 30,1 Debiti commerciali (57,7) (57,3) Crediti/debiti diversi 25,9 (2,7) Fondi per rischi e oneri (8,0) (15,4) CAPITALE DI ESERCIZIO NETTO 13,0 (20,5) FONDO BENEFICI AI DIPENDENTI (4,7) (5,3) CAPITALE INVESTITO NETTO 115,7 86,3 PATRIMONIO NETTO 78,1 42,5 Indebitamento finanziario netto a medio e lungo termine 5,9 6,4 - debiti finanziari 38,8 39,5 - attività finanziarie (0,0) (0,0) - disponibilità (7,1) (2,1) Indebitamento finanziario netto a breve termine 31,7 37,4 INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO 37,6 43,8 COPERTURE 115,7 86,3 11

13 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO (SINTESI) (in milioni di euro) Utile (perdita) del periodo 32,4 (18,8) Ammortamenti e altre rettifiche non monetarie (37,4) 9,2 Flusso di cassa del risultato corrente (autofinanziamento) (5,0) (9,6) Variazione del capitale circolante netto (10,2) 29,1 Liquidazioni del fondo benefici ai dipendenti (0,7) (0,1) Dividendi, imposte e interessi incassati (pagati) (0,8) (0,2) FLUSSO DI CASSA NETTO DA ATTIVITÀ DI ESERCIZIO (A) (16,7) 19,2 Investimenti - impianti e macchinari (0,7) (0,1) - partecipazioni (0,0) (0,0) Flusso di cassa degli investimenti (0,7) (0,1) Disinvestimenti - immobili detenuti per la vendita 23,6 0,0 - partecipazioni 0,0 0,0 Flusso di cassa dei disinvestimenti 23,6 0,0 FLUSSO DI CASSA NETTO DA ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO (B) 22,9 (0,1) Variazione di debiti finanziari correnti (0,7) (10,2) Variazione di debiti finanziari non correnti (0,5) (0,9) FLUSSO DI CASSA NETTO DA ATTIVITÀ DI FINANZIAMENTO (C) (1,2) (11,1) FLUSSO DI CASSA NETTO DELL ESERCIZIO (D = A + B + C) 5,0 8,0 DISPONIBILITÀ LIQUIDE INIZIALI 2,1 1,5 DISPONIBILITÀ LIQUIDE FINALI 7,1 9,5 12

14 ANALISI DEL CONTO ECONOMICO Rispetto al primo semestre del 2009 i ricavi netti mostrano un incremento complessivo del 22,4%, dovuto essenzialmente alla crescita in volumi e prezzi delle vendite di fibra acrilica da parte di Montefibre Hispania, mentre si sono sostanzialmente azzerate le vendite di fibra da parte della Capogruppo, a seguito dello svuotamento dei magazzini nel corso del 2009, dopo la fermata delle produzioni di Porto Marghera. Nel complesso i ricavi da vendite di fibra mostrano una variazione per volumi del -7,2% e del 46,8% per prezzi: la variante prezzi è al netto di un effetto negativo di mix, essendosi sostanzialmente azzerate le vendite delle specialità outdoor e Ricem, la cui produzione non è stata ancora trasferita da Porto Marghera allo stabilimento spagnolo di Miranda de Ebro. Gli incrementi di prezzo della fibra hanno compensato la crescita dei costi dell acrilonitrile, che rispetto alla media del primo semestre 2009 sono circa raddoppiati (va detto che i primi sei mesi dello scorso anno avevano visto il minimo nelle quotazioni di tale materia prima). I ricavi dalle vendite delle eccedenze di energia elettrica prodotta nella centrale di Miranda de Ebro sono diminuiti del 25% circa, sia per minori volumi (-13% circa) sia per minori prezzi (- 12%), legati questi ultimi ad un calo delle quotazioni del gas naturale e alla diminuzione del 17%, dalla fine del mese di aprile, della tariffa di vendita dell energia elettrica dall impianto di cogenerazione, essendo scaduti i 15 anni di esercizio della centrale. La tariffa potrà tornare al valore pieno solo a seguito di un significativo investimento sulla centrale, che è in fase di programmazione. Acquisti, prestazioni di servizi e costi diversi sono aumentati del 14,5% rispetto al corrispondente periodo del 2009, per effetto del già citato incremento dei costi della materia prima acrilonitrile, ben superiore alle riduzioni di costo legate alla fermata dello stabilimento di Porto Marghera. Il costo del lavoro, incluso l'accantonamento al fondo trattamento di fine rapporto, e con l'esclusione degli oneri relativi a incentivazioni per risoluzioni consensuali e mobilità, è diminuito del 15,6% rispetto al primo semestre del 2009, sia per effetto della fermata dello stabilimento di Porto Marghera, sia per riduzioni di organico nello stabilimento di Miranda de Ebro e nelle sedi di Milano e Barcellona. L'organico medio a ruolo è passato dalle 660 unità (di cui 498 operative) del primo semestre dell anno scorso alle 608 unità di quest anno (di cui 361 operative); la differenza fra organico a ruolo e personale operativo è essenzialmente data dal personale in cassa integrazione straordinaria (CIGS), mentre parte del personale operativo è stato per alcuni periodi del 2009 in cassa integrazione ordinaria (CIGO). 13

15 Il valore netto dei proventi (oneri) da operazioni non ricorrenti, positivo per 62,3 milioni, recepisce essenzialmente la plusvalenza realizzata nella cessione del compendio immobiliare di Porto Marghera, di cui si è discusso in precedenza. Oltre alle penali ed oneri legati a tale vendita, sono inclusi oneri per incentivazioni all esodo di personale per circa 0,6 milioni di euro e il provento, pari a circa 6,7 milioni, legato allo storno dell accantonamento per oneri di bonifica dell area di Porto Marghera, passati a carico dell acquirente. Il margine operativo lordo è risultato pertanto di 62,2 milioni, a fronte dei -13,9 del corrispondente periodo dello scorso anno. Gli ammortamenti e le rettifiche di valore ammontano a 3,9 e a 5,0 milioni di euro, rispettivamente, sostanzialmente in linea con lo scorso esercizio. Il risultato operativo è stato di 53,3 milioni di euro, rispetto ai 24,0 del corrispondente periodo dell anno scorso. La voce oneri/proventi finanziari, che include anche le differenze cambio, evidenzia un valore di -3,8 milioni, a fronte dei -0,7 dello scorso anno; il peggioramento è in gran parte dovuto al negativo apporto delle differenze cambio (-3,1 milioni), che nel primo semestre 2009 erano state sostanzialmente nulle. I proventi (oneri) su partecipazioni, pari a 0,4 milioni, recepiscono le quote di competenza degli utili di JiMont, posseduta al 50% e valutata col metodo del patrimonio netto. Tali utili risultano nettamente inferiori a quelli del corrispondente periodo del 2009 (la quota di competenza di Montefibre era di 4,8 milioni, dei quali peraltro 1,6 dovuti allo storno di accantonamenti dell esercizio precedente), a causa sia di un rallentamento del mercato cinese, che invece nel 2009 era stato particolarmente vivace, sia di una insufficiente disponibilità della materia prima acrilonitrile, che ha costretto a far marciare l impianto a potenzialità ridotta. E comunque confortante che anche in questa situazione non ottimale la società dia risultati positivi. Il risultato consolidato ante imposte si è pertanto attestato a 49,9 milioni di euro, rispetto ai 21,5 del 1 semestre Dopo uno stanziamento per imposte di -17,5 milioni il semestre chiude quindi con un utile di 32,4 milioni, a fronte della perdita di 18,8 milioni del primo semestre

16 ANALISI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA Al 30 giugno 2010 il capitale immobilizzato si è attestato a 107,4 milioni, in linea con il valore al 31 dicembre La voce immobili, impianti e macchinari è diminuita di 3,5 milioni in funzione degli ammortamenti (gli investimenti del periodo sono stati molto modesti). Il valore delle partecipazioni è aumentato di 3,6 milioni per effetto della quota di competenza dei risultati economici della Jilin JiMont, cui si è aggiunto un effetto di traduzione pari a 3,2 milioni per la rivalutazione del renminbi rispetto all euro. Le altre attività non correnti recepiscono principalmente i crediti consolidati verso NGP e SIMPE: questi ultimi sono stati rettificati di 5,0 milioni sulla base di nuove aggiornate informazioni circa la loro recuperabilità. Quanto al capitale di esercizio netto, la sua fortissima variazione in aumento è dovuta in gran parte alla vendita del compendio immobiliare di Porto Marghera: per effetto di tale vendita si è infatti azzerato l importo degli immobili detenuti per la vendita, ma si è iscritto nella voce debiti/crediti diversi il credito di circa 45 milioni nei confronti dell acquirente per le rate ancora da incassare, in parte compensato dallo storno, nella medesima voce, di imposte differite attive per circa 15 milioni, e si è stornato dai fondi per rischi ed oneri l importo accantonato per oneri di bonifica ora a carico dell acquirente. Vi è inoltre stato un significativo incremento del circolante commerciale (che peraltro è tuttora negativo per il congelamento parziale dei debiti commerciali interessati dall accordo di ristrutturazione dei debiti della Capogruppo) legato all aumento del fatturato rispetto agli ultimi mesi del La diminuzione del fondo benefici ai dipendenti è legata alle uscite di personale verificatesi nel semestre. Complessivamente il capitale investito netto, pari a 115,7 milioni, è aumentato di 29,4 milioni rispetto al 31/12/2009. Il patrimonio netto è cresciuto, per il positivo risultato del semestre e per il già citato effetto di traduzione sul patrimonio netto di JiMont. L indebitamento netto si è ridotto, portandosi a 37,6 milioni, rispetto ai 43,8 del 31/12/2009, ma soprattutto è decisamente migliorato il rapporto debt/equity, che è passato da poco più di 1 a meno di 0,5. Dal punto di vista finanziario, il primo semestre ha visto valori dell autofinanziamento ancora negativi (-5,0 milioni) seppure migliori di quelli del corrispondente periodo del 2009, derivante da un autofinanziamento positivo di Montefibre Hispania compensato dai costi tuttora presenti nella Capogruppo; peraltro nel corrente esercizio la variazione delle poste legate al circolante complessivo verificatasi nel semestre (in particolare per i 15

17 pagamenti dei creditori non aderenti e di una rata dei creditori aderenti all accordo di ristrutturazione dei debiti della Capogruppo, ma anche per l aumento del circolante commerciale di Montefibre Hispania, correlato all incremento dei prezzi della materia prima) ha ulteriormente penalizzato il flusso di cassa netto da attività di esercizio, che è stato di 16,7 milioni a fronte dei +19,2 del primo semestre dello scorso anno. L incasso delle prime due rate della vendita del compendio immobiliare di Porto Marghera ha portato ad un flusso netto da attività di investimento di 22,9 milioni. In linea con l avvio del piano di ristrutturazione del debito nella Capogruppo, la piccola riduzione dell indebitamento non corrente recepisce il pagamento regolare di rate di mutuo e di leasing da parte della sola Consociata spagnola; anche i debiti finanziari a breve si sono leggermente contratti, nonostante il negativo effetto cambio sull indebitamento in dollari della Capogruppo, oggetto del piano di ristrutturazione. Sono, invece, aumentate di 5,0 milioni le disponibilità liquide, passate da 2,1 a 7,1 milioni (di cui 3,8 in Montefibre S.p.A.). 16

18 EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE NEL SECONDO SEMESTRE Grazie alle fermate di impianti e alle riduzioni produttive verificatesi negli ultimi tempi, si è di recente assistito ad un graduale riequilibrio del mercato della fibra acrilica in Europa, che ha consentito forti recuperi di redditività da parte dei produttori. La crisi economico-finanziaria mondiale non ancora risolta e i recenti incrementi dei costi della materia prima (peraltro in fase di rientro) hanno negli ultimi mesi portato ad un rallentamento si spera temporaneo della domanda di fibra acrilica. Il prosieguo dell esercizio dovrebbe quindi vedere un risultato economico meno brillante, ancorché positivo, della Montefibre Hispania, ed un sostanziale break-even della joint venture cinese, a causa delle politiche di raffreddamento dell economia attualmente in corso in Cina, che hanno portato ad una significativa riduzione dei consumi di fibra in quel paese. In Italia proseguirà, in linea con il piano di ristrutturazione del debito precedentemente descritto, l attività di dismissione dei cespiti e di riduzione dei costi operativi residui. 17

19 OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OPERAZIONI DI MONTEFIBRE S.p.A. E DEL GRUPPO MONTEFIBRE CON PARTI CORRELATE I rapporti attivi di Montefibre S.p.A. con imprese controllate e collegate hanno riguardato principalmente l'attività di vendita su alcuni mercati della fibra prodotta da Montefibre Hispania S.A., sulla base di un contratto di agenzia, la vendita alla stessa società di materiali vari dello stabilimento di Porto Marghera e la prestazione dei servizi amministrativi per Trasformazione Fibre S.r.l.. I rapporti attivi con imprese controllanti e altre imprese sottoposte al loro controllo hanno riguardato la concessione in locazione a Orlandi S.p.A. di una porzione di immobile a Vercelli a uso deposito. I rapporti passivi di Montefibre S.p.A. con imprese controllate e collegate hanno riguardato principalmente prestazioni per progetti di sviluppo immobiliare svolte da West Dock S.r.l.. Montefibre S.p.A. intrattiene, inoltre, un rapporto finanziario regolato in conto corrente con Trasformazione Fibre S.r.l.. I rapporti con parti correlate relativi alle attività industriali svolte nel sito di Acerra sono descritti nel capitolo seguente. I rapporti con Amministratori e Sindaci si limitano ai compensi a loro corrisposti. I rapporti con parti correlate sono stati intrattenuti a condizioni analoghe a quelle praticate in normali operazioni di affari con terzi, determinando i prezzi sulla base del metodo del prezzo libero di mercato, rilevato con terzi di tipologia simile, e i margini e le provvigioni sulla base del metodo del prezzo di vendita, per i rapporti di distribuzione o di agenzia. Sul rapporto di conto corrente è stato applicato un tasso di interesse in linea con quelli del mercato monetario. Tutte le operazioni con parti correlate di natura non atipica o inusuale, come disciplinate e definite dal Regolamento Emittenti di CONSOB, rientrano nella normale attività di Montefibre S.p.A. e sono poste in essere sulla base di motivazioni analoghe a quelle delle operazioni con terzi. Per l'esposizione dei valori delle operazioni summenzionate avvenute nel semestre e dei relativi saldi alla fine del periodo si rimanda all'analisi contenuta nelle Note informative del Bilancio semestrale abbreviato. 18

20 OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CONNESSE ALLE ATTIVITÀ SVOLTE NEL SITO DI ACERRA I rapporti passivi di Montefibre S.p.A. con NGP S.p.A. hanno riguardato la fornitura di servizi generali di stabilimento. Inoltre, Montefibre S.p.A. ha un credito con NGP S.p.A. per il quale si è impegnata a chiedere la riscossione, compresa quella dei relativi interessi, solo dopo il rimborso alle banche creditrici dei debiti chirografari di SIMPE S.p.A. (società ora controllata da La Seda de Barcelona S.A. e che nell anno 2005 aveva ricevuto in conferimento da NGP S.p.A. un ramo d azienda comprendente, fra l altro, l intera esposizione debitoria di NGP S.p.A. con le banche creditrici) e l uscita dell Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa S.p.A. dal capitale di SIMPE S.p.A. e, comunque, non prima del Montefibre S.p.A. ha anche un credito con NGP Bio-Natura S.r.l., società controllata da NGP S.p.A. alla quale quest ultima ha conferito nell anno 2008 un ramo d azienda comprendente, tra l altro, una parte dell esposizione debitoria verso Montefibre S.p.A., per la quale NGP rimane responsabile in solido ai sensi dell articolo 2560 del Codice Civile; Montefibre S.p.A. non ha assunto alcun impegno di postergazione del credito con NGP Bio- Natura S.r.l.. I citati crediti sono regolati con interessi a un tasso allineato a quello dei sopra indicati debiti chirografari di SIMPE S.p.A.. I rapporti attivi di Montefibre S.p.A. con Fidion S.r.l. hanno riguardato principalmente l affitto del ramo d azienda per la produzione di fibra poliestere da materiali di recupero, la locazione degli immobili industriali nei quali opera la società, la concessione gratuita di marchi e brevetti e la fornitura di servizi specialistici di sede per attività amministrative, informatiche, commerciali e operative; i rapporti passivi di Montefibre S.p.A. con Fidion S.r.l. hanno riguardato la fornitura di servizi immobiliari e operativi di stabilimento. Montefibre S.p.A. e Fidion S.r.l. intrattengono, inoltre, un rapporto finanziario regolato in conto corrente. Montefibre S.p.A. ha un credito finanziario con Fibras Europeas de Poliéster S.L., erogato quale prestito soci nell anno 2008; un ulteriore credito deriva dalle cessioni a Fibras Europeas de Poliéster S.L. di quote del credito verso Fidion S.r.l.. Termini e condizioni economiche dei suddetti contratti sono in linea con gli standard di mercato; il canone di affitto del ramo d azienda è, invece, correlato al margine operativo lordo registrato dal business. Il credito finanziario con Fibras Europeas de Poliéster S.L. è regolato a tassi di mercato, mentre sul rapporto di conto corrente con Fidion S.r.l., peraltro di esiguo importo, è stato applicato un tasso di interesse uguale a zero come nei precedenti esercizi. 19

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli