c o m u n e d i l e c c e otto marzo 2012 dall'europa dall'italia dalla puglia notiziario n. 122 in questo numero editoriale: Siamo in crescita

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "c o m u n e d i l e c c e otto marzo 2012 dall'europa dall'italia dalla puglia notiziario n. 122 in questo numero editoriale: Siamo in crescita"

Transcript

1 c o m u n e d i l e c c e in questo numero editoriale: Siamo in crescita dall'europa notiziario n. 122 otto marzo 2012 Grecia Italia, terzo bando e Info Day a Bari Comuni - Commissione Coter a Lisbona, ancora un passo in avanti verso Europa 2020 LIFE +: imminente il lancio del bando 2012 Il turismo motore economico per la ripresa in Europa Programma Med: bando per proposte progettuali su innovazione ed energia Programma Med: bando per proposte progettuali su trasporti e accessibilità Fondi UE a gestione diretta: una panoramica dei nuovi programmi dall'italia Gu 55 del 6.3: procedura e schemi tipo programma triennale lavori pubblici Gu 54 del 5.3: riduzione obiettivi annuali EE.LL. soggetti a patto di stabilità Gu 52 del 2.3: disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie Gu 52 del 2.3: approvazione certificato relativo a contratti e mutui Gu 50 del 29.2: indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati Servizi: dal 2014 la Pa utilizza solo canali telematici Sbloccati i tributi addizionali locali da dl semplificazioni Sbloccati 425 mln per trasporto locale Patto di stabilità - Delrio: aiutare il paese a crescere con più coesione Dematerializzazione, lanciato il timbro digitale dalla puglia Burp 31 del 29.2: Piano regionale delle coste

2 dal comune Riparte Itinerario Rosa Approvato il progetto CreArt Le donne al cinema giurisprudenza CdS 730/2012: gli incarichi di assistenza legale sono di competenza dirigenziale CdS 1196/2012 su buste offerta tecnica ed economica CdS 1183/2012 su limiti tabellari gara CdS 1175/2012 su atti inquadramento dipendenti pubblici Tar Campania 390/2012 su accesso a documentazione amministrativa Tar Emilia Romagna 148/2012 su reinsediamento commissione concorso Tar Puglia 327/2012 su controversie relative ai provvedimenti sul fabbisogno del personale fuorisacco Novanta minuti più qualcosa

3 SIAMO IN CRESCITA Un chiarimento innanzi tutto: il titolo di questo editoriale purtroppo (o per fortuna) non ha nulla a che vedere con l'andamento dei mercati lo spread i titoli di stato il debito pubblico e la situazione dell'economia globale. Nel nostro piccolo però diventiamo un poco più grandi per cercare di offrire a voi colleghi e lettori un prodotto migliore, sebbene non ci siamo montati la testa, visto che questo è e resta un prodotto artigianale. A partire da questo numero il confezionamento del notiziario coinvolgerà tutto l'ufficio Europa. Siamo certi che sia questa la strada giusta per consentire a questo strumento di diventare più ricco e interessante, specialmente dopo il pensionamento del suo fondatore Pino Sparro. Inoltre, a partire da questo numero il notiziario uscirà il giovedì, per ora una volta alla settimana. Siamo convinti che per mantenere un rapporto di condivisione e familiarità tra tutti noi sia indispensabile un'aperta collaborazione, non solo per allargare gli orizzonti di ognuno di noi, per condividere informazioni, nuove idee ma anche per rendere il lavoro più proficuo e leggero. Quindi ribadiamo a tutti i colleghi che qualsiasi contributo da parte degli altri settori è come sempre ben accetto e anzi desiderato!

4 dall'europa Grecia Italia, terzo bando e Info Day a Bari Mercoledì 14 marzo 2012 a Bari, presso Villa Romanazzi Carducci, il Servizio Mediterraneo della Regione Puglia organizza l Info Day dedicato al Programma di Cooperazione Territoriale Europea CBC Grecia Italia Obiettivo: promuovere la partecipazione alla III Call per Project Proposals appena pubblicata e fornire informazioni dettagliate sulle procedure di implementazione dei progetti. L evento costituirà occasione di approfondimento e confronto aperto sulle tematiche del Programma, con particolare attenzione al nuovo bando e alle modalità di presentazione delle proposte progettuali che dovranno essere formulate secondo tre priorità di sviluppo: Rafforzare la competitività e l innovazione; Migliorare l accessibilità ai servizi e sviluppare reti sostenibili; Migliorare la qualità della vita, sostenere la protezione dell ambiente ed accrescere la coesione sociale e culturale dei territori coinvolti. Ad aprire i lavori dell Info Day saranno Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, e George Emmanuel, Autorità di Gestione del Programma Grecia Italia. Nella sessione pomeridiana, inoltre, focus sulle procedure di implementazione dei progetti. A breve sarà resa disponibile l agenda dettagliata dei lavori. Approfondimenti: - Terza Call for Project Proposals - Programma di Cooperazione Territoriale Europea CBC Grecia Italia europuglia Comuni - Commissione Coter a Lisbona, ancora un passo in avanti verso Europa 2020 Ancora un significativo passo avanti verso Europa I pareri approvati da parte della Commissione Coter sui nuovi regolamenti per l utilizzo dei Fondi Strutturali Europei, (FESR, Fondo di Coesione, Fondo Sociale Europeo) e sul regolamento generale del Quadro Strategico Comune (QSC), rafforzano le politiche di coesione europee che impegneranno 340 miliardi di euro di risorse nel periodo e confermano il loro ruolo centrale per gli obiettivi di Europa 2020 ed in particolare per gli obiettivi di sviluppo e di convergenza tra i territori dell Unione. Così il sindaco di Potenza, Vito Santarsiero, partecipando ai lavori della Commissione Coter del Comitato delle Regioni in corso a Lisbona, che si è espressa sui nuovi regolamenti per l utilizzo dei fondi europei. Nelle nuove politiche di coesione ha aggiunto Santarsiero - si guarda a strategie di sviluppo locale per costruire una Europa i cui territori siano in grado di sostenere la competitività dell economia globale. Importanti i nuovi principi come la Concentrazione Tematica e la previsione di Investimenti Territoriali Integrati (ITI) per l utilizzo omogeneo ed unitario di fondi provenienti da più assi di finanziamento europeo. La verifica di condizionalità ex ante dovrà inoltre portare gli Stati membri ad una maggiore attenzione verso le dotazioni infrastrutturali di partenza dei territori. Anche il partenariato istituzionale e sociale viene fortemente rivalutato. Centrale inoltre il ruolo delle aree urbane. La Carta di Lipsia ha continuato - aveva posto le politiche urbane al centro dell Agenda europea per dare alle amministrazioni cittadine il ruolo di promotori di una azione a tutto campo nei settori strategici dello sviluppo, e di recente sia Barroso che Hann, in più occasioni, hanno confermato il ruolo primario delle città. Il FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale), nel documento proposto, in effetti recupera tale ruolo con tre significative azioni, 5% di fondi minimi destinati alle aree urbane, piattaforma per lo sviluppo urbano con 300 città europee, 0,2% del fondo per studi e progetti pilota. Il parere negativo che ho espresso su tale regolamento ha detto Santarsiero - è solo per chiedere a maggio, in sede di approvazione nella Plenaria del

5 Comitato delle Regioni, ulteriori azioni a sostegno delle città secondo quanto già approvato in sede Anci. Forte anche l azione prevista con il Fondo Sociale Europeo (FSE), che impegna 85 miliardi di euro di risorse delle politiche di coesione, per fare di più a favore delle persone maggiormente svantaggiate e marginali, contro la povertà e per investire sul capitale umano. Con il Fondo Sociale Europeo oltre alla inclusione sociale saranno rafforzate anche le politiche nel settore della ricerca, aiuto a piccole e medie imprese (PMI) e di sostegno alla istruzione e apprendimento permanente. Un nuovo futuro grazie all Europa è possibile, bisogna crederci e allargare gli orizzonti, ci aspetta ora ha concluso il sindaco di Potenza - una stagione di grande impegno, programmazione e capacità d uso delle risorse. (com/fr) anci LIFE +: imminente il lancio del bando 2012 Descrizione LIFE+ è lo strumento finanziario unico dedicato al sostegno dei progetti comunitari in campo ambientale e all attuazione del VI programma comunitario per l ambiente. Il programma è articolato in tre componenti: Natura & Biodiversità, che finanzia progetti che contribuiscono all'attuazione delle Direttive Uccelli e Habitat e della Comunicazione "Arrestare la perdita di Biodiversità entro il 2010". Politica & Governance Ambientali, che finanzia progetti innovativi o dimostrativi relativi agli obbiettivi ambientali dell'ue. Informazione & Comunicazione, che finanzia campagne di divulgazione in merito alle questioni ambientali dell'ue e campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione degli incendi boschivi. Con un budget complessivo di 2.143,409 milioni di euro, LIFE+ finanzia progetti che devono riguardare le migliori pratiche o la dimostrazione in materia di protezione degli uccelli selvatici o degli habitat naturali, progetti innovativi o di dimostrazione attinenti ad obiettivi comunitari in materia di ambiente (compresi lo sviluppo o la diffusione di tecniche, know-how o tecnologie finalizzati alle migliori pratiche), campagne di sensibilizzazione e formazione specifica per gli agenti impegnati nella prevenzione degli incendi boschivi, o infine progetti finalizzati alla definizione e realizzazione dagli obiettivi comunitari connessi con il monitoraggio a lungo termine e su larga base delle foreste e delle interazioni ambientali. Per essere finanziabili i progetti devono inoltre rivestire un interesse comunitario (cioè contribuire allo sviluppo, all attuazione e all aggiornamento della politica e della legislazione comunitaria a favore dell ambiente) e devono essere coerenti e fattibili sotto il profilo tecnico e finanziario, presentando un soddisfacente rapporto costi-benefici. Per l'attuazione del programma la Commissione ogni anno pubblica un bando che tiene conto del programma strategico pluriennale e delle eventuali priorità strategiche nazionali, che le sono trasmesse dalle autorità nazionali di riferimento (per l'italia, il Ministero dell'ambiente). La pubblicazione del bando 2012 è imminente (attesa entro il 15 marzo prossimo) con scadenza indicativamente a giugno. Il budget disponibile per l'italia ammonterà a euro, un po' superiore a quello del 2011, mentre il budget complessivo del bando sarà di euro, che finanzieranno dai 200 ai 320 progetti: per la componente Natura e biodiversità e per le due componenti Politica e Governance ambientale e Informazione e comunicazione. Maria Grazia Gotti, europafacile Il turismo motore economico per la ripresa in Europa Eurobarometro ha rivelato che nel 2011 molti cittadini hanno scelto di rimanere in Europa per le proprie vacanze, mentre molti altri hanno detto che lo faranno nel 2012.

6 L'indagine Eurobarometro fornisce interessanti spunti di riflessione nelle preferenze dei viaggiatori europei: la maggior parte dei viaggiatori UE preferisce organizzare le proprie vacanze da soli: il 53% degli europei prenota le vacanze via internet; una buona parte dei viaggiatori fa affidamento su consigli di familiari e di amici: il "passaparola" è stato rilevante per il 52% dei viaggiatori europei; coloro che hanno viaggiato nel 2011 hanno preferito viaggiare con auto e moto (78%), molto più che nel 2010 per i pernottamenti hanno preferito alberghi o alloggi in affitto; oltre il 50% dei cittadini UE sarebbe tornato nello stesso posto per le sue caratteristiche naturali; nel 2011 la Spagna è stato il paese più visitato (11%), seguita dall'italia (9%), dalla Francia (8%),dalla Germania (5%), dall'austria (5%) e dalla Grecia (4%); nel 2012, nonostante la crisi, il 73% degli intervistati non rinuncerà alle proprie vacanze, anche se il 33% ha dovuto cambiare i propri piani originali. Mete preferite nel 2012 saranno la Spagna (10%), l'italia (7%), la Francia (6%), la Grecia (4%), l'austria, il Regno Unito e la Germania (3%). pore Programma Med: bando per proposte progettuali su innovazione ed energia L'obiettivo principale del presente invito è quello di individuare e potenziare le capacità di innovazione delle PMI del Mediterraneo e sostenere l'attuazione di soluzioni innovative per le energie rinnovabili e l'efficienza energetica nelle città del Mediterraneo. Questo bando riguarda il primo e secondo asse del programma operativo MED: ASSE 1 "Rafforzamento delle capacità di innovazione", ASSE 2: "Tutela dell'ambiente e promozione di uno sviluppo territoriale sostenibile" La ripartizione indicativa del FESR per il presente invito è di 15 milioni di euro; 8,6 M per l'asse 1 e 6,4 M per l'asse 2. I progetti non possono superare i 36 mesi e deve terminare entro il 30 Giugno La scadenza per la presentazione delle proposte progettuali è fissata per il 12/04/2012. Approfondimenti:http://www.programmemed.eu/en/download-area/targeted-call innovationenergy.html Programma Med: bando per proposte progettuali su trasporti e accessibilità Il Bando è rivolto alla presentazione di progetti nell'ambito dell'asse prioritario 3, obiettivo 3.1- rafforzamento delle attività portuali del Mediterraneo e il miglioramento dell'accessibilità dell'ue. L'obiettivo principale è quello di contribuire a migliorare il flusso di merci e passeggeri, l'attrattività dei porti e il collegamento tra il mare e l'entroterra nei sistemi di trasporto. La ripartizione indicativa del FESR per il presente invito è di 16,9 M di euro. La scadenza per la presentazione delle proposte progettuali è fissata per il 27/04/2012. Approfondimenti:http://www.programmemed.eu/en/download-area/targeted-call-on-priorityaxis-3-objective-31.html Fondi UE a gestione diretta: una panoramica dei nuovi programmi Negli ultimi mesi del 2011 la Commissione europea ha presentato le proposte legislative relative ai nuovi programmi di finanziamento UE che saranno operativi per il periodo La futura generazione di programmi - già annunciati nella proposta sul nuovo quadro finanziario pluriennale dell UE, presentata dalla Commissione lo scorso giugno (in particolare, documento

7 COM(2011)500/2) sarà caratterizzata da alcuni elementi di fondo: nel settennio sarà prioritario concentrarsi sulla realizzazione degli obiettivi della strategia Europa 2020, che diviene, secondo la Commissione, il filo conduttore della programmazione UE post Ciò significa che i nuovi programmi saranno orientati a questo obiettivo e che maggiori risorse saranno assegnate a quei settori che potranno rivestire un ruolo decisivo in tal senso (ad esempio istruzione, formazione, ricerca e innovazione). Si continuerà anche a puntare ad un migliore utilizzo delle risorse, non solo attraverso la semplificazione degli strumenti di finanziamento e la definizione di procedure più snelle ed efficienti, ma anche ponendo una maggiore attenzione sui risultati. dall'italia Gu 55 del 6.3: procedura e schemi tipo programma triennale lavori pubblici MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI-DECRETO del 11 novembre 2011 Procedura e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale, dei suoi aggiornamenti annuali e dell'elenco annuale dei lavori pubblici e per la redazione e la pubblicazione del programma annuale per l'acquisizione di beni e servizi ai sensi dell'articolo 128 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modificazioni e degli articoli 13 e 271 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n Gu 54 del 5.3: riduzione obiettivi annuali EE.LL. soggetti a patto di stabilità MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE-DECRETO del 24 febbraio 2012 Attuazione del comma 122, dell'articolo 1 della legge 13 dicembre 2010, n. 220, in materia di riduzione degli obiettivi annuali degli enti locali soggetti al patto di stabilità interno. Gu 52 del 2.3: disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie DECRETO-LEGGE del 2 marzo 2012, n. 16 Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento. Gu 52 del 2.3: approvazione certificato relativo a contratti e mutui MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO del 23 febbraio 2012 Approvazione del modello di certificato relativo ai mutui contratti nell'anno 2011 dai comuni, dalle province e dalle comunità montane, da ammettere al contributo erariale. Gu 50 del 29.2: indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA-COMUNICATO Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, relativi al mese di gennaio 2012, che si pubblicano ai sensi dell'art. 81 della legge 27 luglio 1978, n. 392 (Disciplina delle locazioni di immobili urbani), ed ai sensi dell'art. 54 della legge del 27 dicembre 1997, n. 449 (Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica).

8 Servizi: dal 2014 la Pa utilizza solo canali telematici A partire dal primo gennaio 2014 la pubblica amministrazione «allo scopo di incentivare e favorire il processo di informatizzazione e di potenziare ed estendere i servizi telematici» utilizzerà solo i canali e servizi telematici, compresa la posta elettronica, per i propri servizi. Lo prevede un emendamento al decreto legge semplificazioni, approvato dalle commissioni Affari costituzionali e Attività produttive della Camera. L'esame del testo parte oggi e il disco verde dell'aula di Montecitorio potrebbe arrivare a stretto giro. In particolare l'utilizzo dello strumento telematico da parte di Stato, regioni, ed enti locali, anche attraverso intermediari abilitati, è previsto per la presentazione di denunce, istanze e atti di garanzie fidejussorie, per l'esecuzione di versamenti, fiscali, contributivi, previdenziali, assistenziali e assicurativi, per la richiesta di attestazioni e certificazioni. Gli enti interessati dovranno pubblicare sul sito web istituzionale l'elenco dei provvedimenti adottati, termini e modalità di utilizzo dei servizi e dei canali telematici e della posta elettronica certificata. Con un Dpcm, sentita la Conferenza unificata, si dovranno stabilire le deroghe e le eventuali limitazioni al principio di esclusività. (rs) ancitel Sbloccati i tributi addizionali locali da dl semplificazioni Semplificazioni fiscali, lotta all'evasione, sblocco dei tributi locali, novità per la riscossione coattiva delle imposte e anche per i giochi. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 52 del , ed entra immediatamente in vigore, il decreto legge n. 16 del 2 marzo 2012 per la semplificazione fiscale approvato venerdì 24 febbraio dal Consiglio dei Ministri. Lo sblocco dei tributi addizionali locali trova spazio nell'ultima stesura del decreto sulle semplificazioni fiscali pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Le ultime novità segnano la cancellazione della tassa del 2% sui money trasfer, per timore di alimentare flussi illegali, semplificazioni per i birrai artigiani e la conferma del fatto che i negozi senza scontrini saranno inseriti nella lista selettiva per i controlli. Tra le norme più importanti quelle che riguardano la lotta all'evasione con la reintroduzione del registro per i clienti e fornitori che, assieme alle norme già adottate per la tracciabilità dei pagamenti (con la soglia a euro per l'uso del contante), rappresenta una forte forma di controllo per risalire agli evasori. Di rilievo anche le norme che consentono di adeguare le rate di coloro che sono incappati nella rete del fisco alle difficoltà provocate ora dalla crisi, consentendo maggiore elasticità nei pagamenti. Anche la confisca dei mezzi di produzioni prevede l'affidamento al proprietario che così potrà continuare a lavorare e quindi a pagare il suo debito con il Fisco. Il provvedimento avrà un piccolo costo in termini di deficit, 183 milioni nel 2012, e prevede 249 milioni di incassi dalla stretta sulle compensazioni Iva. Il governo, però, non quantifica i possibili incassi delle norme di lotta all'evasione: una scelta - spiega nella relazione tecnica prudenziale. - SBLOCCO TRIBUTI. Stop al congelamento delle aliquote e tariffe dei tributi regionali e locali a partire dal BOLLO PROPORZIONALE PER I DEPOSITI. I conti di deposito, bancari e postali, anche se rappresentati da certificati, sono assoggettati all'imposta di bollo proporzionale. - RIMBORSI IRAP. Sarà il direttore dell'agenzia a fissare i criteri per i rimborsi Irap. - ADDIO LOTTERIA SUPERMERCATO. Il nuovo gioco da sperimentare con i resti della spesa, mai attuato, è stato definitivamente cancellato. - NEGOZI SENZA SCONTRINO IN BLACK LIST: I negozianti che non rilasciano lo scontrino saranno inserite nelle liste selettive, dei contribuenti a rischio sottoposti a controlli periodici. - BIRRAI ARTIGIANI: Semplificazione burocratica in arrivo per i birrai artigiani. A differenza delle imprese industriali, che pagano le imposte in base al numero di confezioni (bottiglie o lattine), per i birrai che hanno una produzione annuale non superiore ai ettolitri l'accertamento del tributo viene fatto sulla quantità di birra inviata al confezionamento; cancellate così le norme sulla

9 rottura degli imballaggi. - CAPITALI SCUDATI. Proroga dal 16 febbraio al 16 maggio per l'imposta di bollo straordinaria per chi aveva aderito allo scudo, senza sanzioni per chi non avesse rispettato la prima scadenza. - CONTANTI/1. La soglia del contante a euro slitta dal 7 marzo al 1 maggio. E di conseguenza slitta l'obbligo, soprattutto per i pensionati, di dotarsi di conto corrente. - CONTANTI/2. Deroga al tetto del cash a euro per i turisti stranieri che debbono fare acquisti in Italia. - IMU SULLE CASE ALL'ESTERO. Non è dovuta se l'importo non supera i 200 euro. L'aliquota sarà dello 0,4% per gli italiani che lavorano all'estero. Vale anche in questo caso la detrazione di 200 euro se l'immobile è adibito a casa principale. - TASSA RIFIUTI. Il nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (Tares) è corrisposto sulla base del 80% della superficie catastale. - RATE FLESSIBILI. Potranno essere di importo crescente per aiutare i contribuenti in difficoltà a pagare i debiti fiscali a causa della crisi. - ELENCO CLIENTI-FORNITORI. Sostituirà lo 'spesometrò, che costringeva il contribuente a fare una comunicazione per ogni operazione Iva rilevante. - DOMICILIO FISCALE. Non sarà più richiesto negli atti presentati all'amministrazione finanziaria. - PIGNORAMENTI. Limite fissato a un decimo per stipendi fino a euro; la soglia sale a un settimo per gli assegni da a euro. - VIA MINI-DEBITI. Verranno cancellati quelli sotto i 30 euro. - PARTITE IVA. Quelle inattive saranno automaticamente cancellate dall'agenzia delle Entrate. (Piero Fabretti) ancitel Sbloccati 425 mln per trasporto locale Abbiamo deciso che per il nuovo patto sul Trasporto pubblico locale c'è da fare un lavoro serio, senza soluzioni a priori sulle risorse per capire il modo migliore per dare efficienza e qualità dei servizi ai cittadini. Lo ha affermato giovedì il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine dell'incontro con il ministro per gli Affari regionali Piero Gnudi dove è stato deciso lo sblocco di 425 milioni di euro per il Trasporto pubblico locale. Ci possono essere le condizioni per dare una risposta vera e per fare una programmazione, ha continuato. È stato un incontro positivo», ha concluso Errani riferendosi al via libera per le risorse. L'assessore al Bilancio e coordinatore della Commissione Affari finanziari della Conferenza delle Regioni Romano Colozzi, ha riferito che di questi 425 mln di euro, relativi al 2011, 108 mln di euro erano già stati accantonati per il servizio di Trenitalia ed ora sono stati sbloccati. Resi disponibili anche i restanti 317 mln di euro che l'esecutivo si era impegnato a erogare a Trenitalia in base al riparto regionale prestabilito. Il governo, inoltre, sbloccherà ulteriori 148 mln di euro, trasferendoli dall'edilizia sanitaria al trasporto pubblico locale. (cp) ancitel Patto di stabilità - Delrio: aiutare il paese a crescere con più coesione Il grido delle comunità locali non è per scassare i conti del Paese, ma per avere piu' coesione sociale, per aiutare il Paese a crescere'. A sottolinearlo è il presidente dell'anci, Graziano Delrio, intervenuto a Milano a un dibattito promosso dal Pd sul patto di stabilità interno, cui hanno partecipato tra gli il sindaco di Torino, Piero Fassino, quello di Milano, Giuliano Pisapia e il primo cittadino di Lodi, Lorenzo Guerini. Secondo Delrio le grandi aree urbane hanno bisogno di spendere i loro soldi ed è per questo che sulla deroga del patto di stabilità interno c'è un grido

10 delle comunità locali. Su questo punto, ha detto ancora il presidente dell'anci, c'è una volontà politica molto forte, che è la volontà del Paese come dimostrano le 40 mozioni e 200 ordini del giorno votati dal Parlamento per invitare il governo a modificare il patto di Stabilità interno. Di questo si parlerà martedì nella riunione già fissata con il governo. Le altre questioni aperte vanno dalla proposta di un calcolo diverso tra i soldi usati per la spesa corrente e quelli per gli investimenti, alla possibilità di accendere mutui, alla richiesta di cambiare almeno in parte l'imu. Quanto verrà raccolto con questa tassa, infatti, andrà metà allo Stato e metà ai Comuni, una proporzione che, secondo Fassino, dovrebbe essere cambiata lasciando agli enti locali almeno il 70%. Spero - ha aggiunto il sindaco di Milano - Giuliano Pisapia - che il governo ci ripensi e faccia autocritica su un provvedimento iniquo. Ed è per questo che il Comune di Milano sta valutando se aprire un contenzioso giudiziario sulla questione che considera incostituzionale. Una delle ipotesi potrebbe essere quella di non versare la quota dell'imu dovuta al governo ma trattenerla. Bisogna che il governo assuma un atteggiamento serio e leale nei nostri confronti - ha sottolineato il sindaco di Lodi, Lorenzo Guerini - la previsione è che nel 2012 l'attuale patto di stabilità porterà il 30% dei Comuni a non rispettarlo. Non possiamo continuare a vendere il patrimonio all'infinito". "Il patto di stabilità - ha sintetizzato il sindaco di Torino - mette in ginocchio le amministrazioni. (gp) anci Dematerializzazione, lanciato il timbro digitale Lanciata da Ancitel una nuova iniziativa destinata ai Comuni. Si tratta di Timbro digitale, un servizio infrastrutturale che permette di rilasciare documenti digitali con uno specifico contrassegno elettronico. E proprio il particolare contrassegno formato da codici a barre bidimensionali ed apposto sul documento che consente di attestarne l autenticità a chi lo riceve e che consente a dare piena validità legale a gran parte della documentazione digitale rilasciata dai Comuni ai cittadini. Il servizio si inserisce nel più ampio panorama delle iniziative consulenziali e tecnologiche messe a disposizione dei Comuni per supportarli nell adesione alle norme previste dal nuovo Codice dell Amministrazione Digitale e dal Piano e-government 2012, in materia di dematerializzazione. Timbro digitale arriva subito dopo il lancio dell altro servizio infrastrutturale Conservazione digitale, realizzato per dare ai Comuni un efficace strumento per la gestione del processo di conservazione sostitutiva dei documenti digitali, stabilito anch esso dal nuovo CAD. (mp) ancitel dalla puglia Burp 31 del 29.2: Piano regionale delle coste REGIONE PUGLIA SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO Piano regionale delle coste.

11 dal comune Riparte Itinerario Rosa Anche quest'anno, a cura del Settore Cultura, torna il classico appuntamento pensato al femminile: ecco il programma. Approvato il progetto CreArt CreArt (Network of Cities for Artistic Creation CreArt -Rete delle Città per la creazione artistica) è un progetto europeo di cooperazione culturale per la promozione della creatività artistica sviluppato nel corso degli ultimi 2 anni dal Comune di Valladolid, con cui la città di Lecce è gemellata. Il progetto parte a maggio, si conclude tra 5 anni e ha un budget complessivo di oltre 3 milioni di euro; per il comune di Lecce lavoreranno a CreArt il settore Cultura e l'ufficio Europa. CreArt è una rete di istituzioni pubbliche e private di 14 città e spazi urbani che rappresentano la diversità culturale europea: le città partecipanti sono diverse per quanto riguarda dimensioni, tradizione culturale, localizzazione geografica e profilo socio-economico. Oltre a Lecce e Valladolid, partecipano a CreArt partner provenienti da Inghilterra, Olanda, Polonia, Romania, Repubblica Ceca, Lituania, Austria e Norvegia. Le donne al cinema Per la festa della donna, tutte le dipendenti potranno assistere alla proiezione dell'ultimo film di Verdone Posti in piedi in paradiso (20,15. Multisala Massimo). giurisprudenza CdS 730/2012: gli incarichi di assistenza legale sono di competenza dirigenziale La sezione V del Consiglio di Stato ha prodotto l'importante e innovativa sentenza 730/2012 con cui chiarisce che il conferimento di incarichi di assistenza legale negli enti locali che hanno l'avvocatura non spetta al sindaco (o al presidente di Provincia). La sentenza chiarisce anche che i regolamenti di organizzazione di Comuni e Province non possono limitare l'autonomia dell'avvocatura. La sentenza infatti, afferma esplicitamente che "il rappresentante legale dell'ente manifesta la volontà di costituirsi in un eventuale giudizio, ma non può anche provvedere (né lui né la giunta) alla nomina del difensore, né interno, cosa che compete sicuramente al capo dell'ufficio legale, né esterno, vicenda che si articola, innanzitutto, in una dichiarazione che sussistono elementi per poter affidare la difesa tecnica all'esterno ad opera dell'ufficio legale e successiva nomina del difensore del libero foro, che compete necessariamente al capo dell'ufficio legale, trattandosi di un vero e proprio contratto di prestazione intellettuale, ricadente come tale nelle attività gestionali di competenza dei dirigenti dell'amministrazione". In questo modo la sentenza innova la giurisprudenza precedente, che invece sosteneva che era il rappresentante legale dell'ente (ossia il sindaco o il presidente di Provincia) a scegliere il legale, o

12 quanto meno a concorrere alla sua scelta. Questa innovazione obbliga la stragrande maggioranza degli enti locali a modificare regolamenti e abitudini. E ancora, la sentenza stabilisce i termini della "sottoposizione dell'ufficio legale alle direttive e agli ordini del direttore generale, il quale, se certamente può intervenire a coordinare gli uffici (tutti gli uffici, anche quello legale), non può indubbiamente interferire sull'organizzazione interna e sulle modalità di organizzazione del lavoro, innanzitutto perché si tratta di un'attività tecnica (in senso giuridico) e, poi, perché gli uffici legali degli enti pubblici devono godere di quella particolare autonomia di pensiero e di organizzazione che sola può consentire l'esplicazione corretta e proficua della loro attività". In questo modo viene riaffermata con forza l'autonomia degli uffici legali delle amministrazioni pubbliche locali. Questo significa che gli enti hanno un'indiscutibile discrezionalità, che però va esercitata "nel rispetto delle statuizioni esistenti e, in particolare, delle guarentigie attribuite a determinate categorie di soggetti operanti nell'ambito della pubblica amministrazione". E tra esse rientra anche l'avvocatura delle Pa, che non deve essere "sottoposta né a condizionamenti, né a valutazioni che possano in qualche modo svilirne il modo di essere". Arturo Bianco, ilsole24ore CdS 1196/2012 su buste offerta tecnica ed economica L'inserimento di documentazione afferente l'offerta economica all'interno della busta relativa all'offerta tecnica legittima l'esclusione da gara. Nel caso di specie l'offerente aveva inserito la dichiarazione concernente i tempi di esecuzione dei lavori oggetto di appalto nella busta contenente l offerta tecnica, in violazione puntuale prescrizione del bando di gara che invece ne aveva imposto la presentazione nell ambito dell offerta economica. Ad avviso dei giudici di prima cure ciò ha irrimediabilmente pregiudicato le esigenze di segretezza che presidiano lo svolgimento della procedura e, conseguentemente, la parità di trattamento tra i concorrenti. Tale orientamento risulta confermato dai giudici di Palazzo Spada in virtù del principio consolidato secondo il quale "la separazione tra le fasi di valutazione dell offerta tecnica e di quella economica, propria delle procedure di affidamento da aggiudicare con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, è finalizzato ad evitare che la commissione di gara sia influenzata nella valutazione dell offerta tecnica dalla conoscenza di elementi dell offerta economica". I giudici ritengono che ciò comporti un inevitabile perturbamento del processo valutativo che impone necessariamente, a tutela dei principi di parità di trattamento e trasparenza, l esclusione del concorrente dalla gara che abbia determinato tale sovrapposizione, anche in assenza di espresse comminatorie espulsive della legge di gara. ancitel CdS 1183/2012 su limiti tabellari gara il mancato rispetto dei limiti tabellari afferenti il costo del lavoro non determina l'automatica esclusione dalla gara pubblica; tuttavia, esso costituisce un pur importante indice di anomalia dell'offerta, che dovrà essere verificata mediante un giudizio complessivo di rimuneratività. ancitel CdS 1175/2012 su atti inquadramento dipendenti pubblici Gli atti di inquadramento dei pubblici dipendenti hanno carattere provvedimentale,sia quando implicano un apprezzamento delle mansioni svolte dall'interessato, sia quando si risolvono nel semplice confronto formale tra la precedente posizione e quella di nuova attribuzione. Ed infatti, si

13 tratta di atti autoritativi di inserimento del personale nell'organizzazione dei pubblici uffici, espressione del potere di supremazia speciale del datore di lavoro pubblico. Il Sole 24 Ore, Mass. Repertorio Lex24, Tar Campania 390/2012 su accesso a documentazione amministrativa Al fine di avere un interesse qualificato ed una legittimazione ad accedere alla documentazione amministrativa, è necessario trovarsi in una posizione differenziata ed avere una titolarità di posizione giuridicamente rilevante. Ciò non significa avere una titolarità di un diritto soggettivo o di un interesse legittimo, ossia posizioni giuridiche soggettive piene e fondate, ma una posizione giuridica soggettiva allo stato anche meramente potenziale. Ne consegue, data l'ampiezza delle situazioni giuridiche, ricollegabili al legittimo esercizio del diritto in questione, che deve ritenersi inibito all'amministrazione negare l'accesso, previa effettuazione di un preliminare vaglio di fondatezza della pretesa, eventualmente da azionarsi in giudizio, da parte di chi richiede di venire a conoscenza di atti o documenti amministrativi. Il Sole 24 Ore, Mass. Repertorio Lex24, Tar Emilia Romagna 148/2012 su reinsediamento commissione concorso Una volta annullata la procedura concorsuale il provvedimento di reinsediamento della commissione giudicatrice in identica composizione non può essere immediatamente impugnato. ancitel Tar Puglia 327/2012 su controversie relative ai provvedimenti sul fabbisogno del personale Le controversie riguardanti i provvedimenti riconducibili alla configurazione strutturale degli uffici - cd. atti di macro-organizzazione - devono ritenersi devolute alla giurisdizione amministrativa. La deliberazione di approvazione del fabbisogno del personale rientra, infatti, nella gamma di atti riconducibili alle linee fondamentali di organizzazione degli uffici, cioè degli atti di cd. macroorganizzazione ex art. 2, comma 1, del d.lgs. n. 165/2001, con la conseguenza che le relative controversie sono devolute alla giurisdizione generale di legittimità del giudice amministrativo, poiché in questo caso il giudizio investe il corretto esercizio del potere amministrativo. A sostegno di tale conclusione i giudici del Tribunale amministrativo di Lecce fanno rilevare che anche il Supremo Consesso Amministrativo ha sottolineato che, nel sistema del d.lgs. n. 165/2001 (con principio valevole anche per gli Enti locali in base all'art. 89 T.U.E.L.) risultano assegnati al dominio del diritto pubblico i procedimenti e gli atti generali, normativi e non, concernenti le linee fondamentali di organizzazione degli uffici, l'individuazione degli uffici di maggiore rilevanza ed i modi di conferimento della titolarità di essi e la determinazione delle piante organiche complessive (cfr. art. 2, comma 1, del d.lgs. n. 165 cit.), mentre ogni altra determinazione relativa agli uffici, unitamente alle misure inerenti la gestione dei rapporti di lavoro, è assunta dagli organi preposti alla gestione con la capacità ed i poteri del privato datore di lavoro (Consiglio di Stato, Sez. V, 15 ottobre 2009 n. 6327). Nella pronuncia in esame l amministrazione sosteneva che, rivendicando la ricorrente il suo diritto alla assunzione quale Specialista di Vigilanza (Cat. D posizione economica D1), la cognizione della controversia dovesse essere attribuita al giudice ordinario, in funzione di giudice del lavoro. Tuttavia, pur trovando questa posizione l'accordo dei giudici salentini, questi ultimi ritengono che il ricorso prestato contro la deliberazione con la quale la Giunta del Comune, in sede di approvazione del fabbisogno del personale, in relazione all intervenuto collocamento a riposo di n. 1 operatore di Polizia municipale, ha disposto l utilizzazione delle economie rivenienti dal predetto pensionamento per l assunzione di un altro operatore di Polizia municipale debba

14 essere attribuito la giurisdizione del giudice amministrativo. - ancitel fuorisacco Novanta minuti più qualcosa Oggi mettiamo da parte il consueto distacco per abbandonarci ad un momento di affettuosa orgogliosa e meritata celebrazione. Il nostro amico e collega Francesco Goffredo è stato premiato pochi giorni fa presso il Campidoglio per il suo racconto Novanta minuti più qualcosa, giungendo secondo nell'ambito di un concorso nazionale che ha visto competere centinaia di autori sul tema del calcio. A breve, il suo scritto verrà pubblicato (insieme ai pochi altri che sono arrivati alla selezione finale). Se pensate che si tratti solo di un racconto sul calcio siete fuori strada: c'è dentro la storia di una passione incredibile cominciata trent'anni fa, l'iniziazione di un ragazzo che diventa adulto confrontandosi e vincendo le sfide più difficili e le paure più intime: una storia di ricordi, viaggi, emozioni. Una storia di vita. Il racconto è troppo lungo per poter essere pubblicato integralmente, chi vuole leggerlo si rivolga direttamente a Francesco: non si aspetta di comparire sul notiziario, ma sarà certo contento di farsi leggere.

15 Non dice nulla, ma come sa spiegarlo! Elias Canetti ( ), scrittore e saggista bulgaro. accadde oggi nel 1702 Anna Stuart diviene regina di Inghilterra Scozia e Irlanda; nel 1817 nasce la Borsa di New York. a cura del Settore programmazione e gestione delle risorse comunitarie contatti / info

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO 2014-2019 STRATEGIA 5.8 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALL'ACQUISIZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

Informativa n. 4 /2013

Informativa n. 4 /2013 Informativa n. 4 /2013 Sommario Premessa Tobin tax: aggiornamento dell elenco dei Paesi per lo scambio di informazioni Deduzione Irap sul costo del lavoro: regole e chiarimenti Studi di settore 2012: correttivi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA Oggetto: Procedura di selezione per la costituzione di una short list per la fornitura di servizi di assistenza

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione D.L. 7 febbraio 2002, n. 7 (1). Misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale (2) (3) (4). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34. (2) Convertito in legge, con

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo metterla a conoscenza del fatto che se in passato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3. PROGETTO ASFODELO Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.2 Avviso pubblico per manifestazioni di interesse a partecipare al percorso di rafforzamento delle

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA (di seguito, denominate PARTI) VISTO Il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17

Dettagli

Servizio Presidenza, Cultura e scuola per la pace. Provveditorato Presidenza - Ufficio Presidio giuridico economico

Servizio Presidenza, Cultura e scuola per la pace. Provveditorato Presidenza - Ufficio Presidio giuridico economico Servizio Presidenza, Cultura e scuola per la pace. Provveditorato Presidenza - Ufficio Presidio giuridico economico DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE CON IMPEGNO DI SPESA Determinazione n 360 del 29/01/2013

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 Paola Giorgi, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie Evento di lancio Por Fesr 14/20 Macerata, 25/03/2015 Le novità del POR Marche FESR

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA SCHEMA DI AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO COMUNALE DI PROFESSIONISTI E SOCIETA DI PROGETTAZIONE EUROPEA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA SCHEMA DI AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO COMUNALE DI PROFESSIONISTI E SOCIETA DI PROGETTAZIONE EUROPEA COMUNE DI CIVITAVECCHIA SCHEMA DI AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO COMUNALE DI PROFESSIONISTI E SOCIETA DI PROGETTAZIONE EUROPEA IL DIRIGENTE DEI SERVIZI FINANZIARI ai sensi e per gli effetti

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano "R"ipoli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano Ripoli Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020 All interno di una «politica di coesione» (Politica di coesione 2014-2020)......mobilitare fino a 366,8 miliardi di euro

Dettagli

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ;

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ; DECRETO 29 dicembre 2009. Individuazione degli ufþ ci di livello dirigenziale non generale degli UfÞ ci scolastici regionali per la Sicilia. IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011)

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Panel di discussione - Roma, 26 luglio 2011 Sala della Maggioranza, Ministero dell economia e delle finanze Il percorso La

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Coordinamento Nazionale Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 Allegato B delibera 13 del 3.2.2016 PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 PREMESSO che il vigente quadro normativo in materia di organizzazione dell'ente locale, con particolare riferimento

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2009 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. (09A05855) IL PRESIDENTE

Dettagli

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 giugno 2014, n. 326 Misure urgenti per l'applicazione delle disposizioni contenute nel decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 finalizzate

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

NOTA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL SUL BONUS PER LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI

NOTA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL SUL BONUS PER LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI NOTA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL SUL BONUS PER LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI Il decreto legge 185 approvato dal Consiglio dei ministri Venerdì 28 Novembre u.s. contiene

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA Gli approfondimenti di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA di Gianluca Bertagna

Dettagli

COMUNE DI MAGNAGO (PROV.DI MILANO)

COMUNE DI MAGNAGO (PROV.DI MILANO) COMUNE DI MAGNAGO (PROV.DI MILANO) BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER SOLI TITOLI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA AI FINI DELL ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI PERSONALE DI CAT. C INSEGNANTE SCUOLA

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 8 approvata

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ANNO 2013... 2 Sentenza n. 264 del 13/11/2013...2 ANNO 2007...3 Sentenza n. 165 dell 11/05/2007...3 ANNO 2005...5 Sentenza n. 222 del 08/06/2005...5 ANNO 2013 Sentenza n. 264

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Decreto ministeriale 25 giugno 2012

Decreto ministeriale 25 giugno 2012 Decreto ministeriale 25 giugno 2012 (1) Modalità con le quali i crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti delle Regioni, degli Enti locali e degli Enti del Servizio Sanitario

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli Sostegno metodologico alle valutazioni di convenienza economico-finanziaria della spesa infrastrutturale delle Amministrazioni Centrali: avvio dell iniziativa Roma 29 ottobre 2013 Collocazione istituzionale

Dettagli

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 Avviso di mobilità volontaria esterna riservato a dipendenti di amministrazioni pubbliche di cui all art. 1 comma 2 del D.Lgs. 165/2001 e

Dettagli

Copia per l Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Adesioni

Copia per l Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Adesioni SCHEDA DI ADESIONE Copia per l Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Adesioni SCHEDA N. OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO OBBLIGATORIA TOTALITARIA ai sensi degli articoli 102, 106,

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli