I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: 1. 1. GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato"

Transcript

1 Parte Quarta I titoli di credito Capitolo Primo Lineamenti generali dei titoli di credito Sommario: 1. Generalità Titoli impropri, di legittimazione e atipici Eccezioni opponibili dal debitore (art. 1993) Ammortamento dei titoli di credito. 1. Generalità Il codice non definisce i titoli di credito, ma detta soltanto regole generali (artt e ss.) e ne rinvia la disciplina specifica alle leggi speciali che regolano la cambiale, gli assegni etc. Trattasi, comunque, di un documento nel quale è incorporata la promessa unilaterale di effettuare una prestazione in favore di chi presenterà il titolo al debitore. Tale documento ha le seguenti caratteristiche: rappresenta, di regola, un diritto di credito ad una prestazione pecuniaria ma può incorporare anche un diritto di credito alla consegna di merci o perfino un diritto reale di garanzia quale il «pegno» risultante, appunto, dalla cd. nota di pegno; attua con la massima speditezza il trasferimento dello stesso, in quanto trasferendo il documento si attribuisce ad altri il diritto in esso incorporato; nella sua materialità è una «res» e specificamente un bene mobile al quale si applica la regola del «possesso vale titolo» di cui all art. 1153, sostanzialmente riprodotto, per i titoli di credito, nell articolo 1994; il diritto che si acquista con il titolo di credito è originario ed autonomo, ed è determinato dal tenore letterale del titolo. Quanto esposto chiarisce i seguenti caratteri dei titoli di credito: letteralità, ossia, a tutela del debitore, il diritto è quello che risulta dal tenore letterale del titolo; autonomia, il diritto acquistato non è lo stesso ceduto dal precedente creditore, ma è un diritto «originario» sorto, cioè, «ex novo». L autonomia tutela il creditore in quanto non possono a lui essere eccepite dal debitore cartolare le eccezioni che questi avrebbe potuto opporre al precedente possessore. Dei titoli di credito possono farsi differenti classificazioni.

2 308 Libro Secondo: Diritto commerciale - Parte Quarta: I titoli dicredito In base al rapporto fondamentale (e cioè, al rapporto sottostante che ha portato alla creazione del titolo), si distingue tra: a) titolo causale: nel quale, insieme alla promessa di eseguire una prestazione a cui correlativamente corrisponde il diritto di credito del destinatario della stessa, è pure indicato il rapporto sottostante, alla cui sorte viene legato l adempimento del titolo anche di fronte ai terzi (ad esempio le azioni societarie); b) titolo astratto: in cui, invece, il rapporto fondamentale, cioè quello sottostante, non è enunciato ed è, perciò, irrilevante nei confronti dei terzi possessori in buona fede del titolo. Costoro avranno diritto alla prestazione anche se il rapporto fondamentale non sussiste più, ovvero è viziato (ad esempio cambiale e assegno circolare). All astrattezza è connessa però la letteralità del titolo. I titoli di credito si distinguono anche in base al loro regime di circolazione: a) titoli nominativi: intestati ad una determinata persona. Il trasferimento avviene mediante l annotazione del nome dell acquirente sul titolo e nel registro dell emittente o con il rilascio di un nuovo titolo intestato al nuovo titolare; b) titoli all ordine: intestati anch essi ad un titolare; l intestazione, però, risulta unicamente dal titolo, e l emittente non è tenuto a registrarla. Il trasferimento avviene mediante consegna del titolo accompagnato da girata («girata» è, appunto, l ordine di pagare ad una determinata persona: «e, per me, pagate a» rivolto dal creditore al debitore). La girata non può essere parziale, né sottoposta a condizione; c) titoli al portatore: non intestati ad alcun titolare. Per il trasferimento è sufficiente la semplice consegna del titolo. In relazione al contenuto dei diritti enunciati nel titolo, si distinguono: titoli di pagamento: che danno diritto ad una determinata prestazione di carattere pecuniario (esempio: cambiale, assegno); titoli rappresentativi: che attribuiscono un diritto diverso dal diritto ad una prestazione pecuniaria, come ad esempio la pretesa alla consegna di una merce, e possono attribuire anche un diritto reale (come ad esempio la nota di pegno); tali sono la fede di deposito, la polizza di carico etc.; titoli di partecipazione: che assegnano al possessore uno «status giuridico» con i relativi diritti (esempio: azioni di società con cui viene attribuito lo stato di socio con i relativi diritti di partecipazione alle assemblee, di voto etc.). In relazione alla natura dell emittente, si distinguono: titoli di credito pubblici: sono quelli emessi da un ente pubblico a ciò legittimato (esempio i cd. «buoni del tesoro»); titoli di credito privati: sono tutti gli altri. In relazione al modo in cui sono creati ed emessi, si distinguono: titoli individuali: sono creati di volta in volta in relazione ad ogni singola operazione; titoli di massa: sono creati con un unica operazione, diretta a porre in essere più titoli del medesimo contenuto (esempio: azioni sociali, obbligazioni sociali). 2. Titoli impropri, di legittimazione e atipici Alcune figure giuridiche, pur se indicate comunemente come «titoli», debbono essere tenute distinte dai titoli di credito in quanto sono prive dei caratteri propri di quest ultimi. Tali sono: a) i cd. titoli impropri, che consentono solo il trasferimento di un diritto senza l osservanza delle normali forme della cessione, ma non attribuiscono al cessionario alcun diritto letterale ed autonomo (es.: polizza di assicurazione); b) i cd. titoli (o documenti) di legittimazione, che servono solo ad identificare l avente diritto ad una determinata prestazione (es.: biglietti ferroviari, teatrali, cinematografici,

3 Capitolo Primo: Lineamenti generali dei titoli di credito 309 marche di guardaroba etc.), ma non sono titoli circolanti. Essi sono predisposti unicamente allo scopo di facilitare l esecuzione del contratto, approntando un mezzo di prova di particolare efficacia per l individuazione della persona del creditore; c) i titoli atipici sono quelli non previsti da alcuna disposizione normativa ma emergenti dalla pratica commerciale. Il codice ne esclude la libertà di emissione nel solo caso di titoli al portatore aventi per oggetto l obbligazione di pagare una somma di denaro (art. 2004); nessun divieto pone, invece, per i titoli all ordine e nominativi. Tra i titoli atipici vengono comunemente ricompresi: a) i warrants: speciali buoni di sottoscrizione che danno diritto al detentore di acquistare, ad un prezzo prefissato ed entro un lasso di tempo stabilito, un certo numero di azioni (cd. azioni di compendio); b) i certificati di partecipazione ad un fondo comune di investimento mobiliare; c) i certificati di depositi d oro; d) i certificati rappresentativi di quote di associazione in partecipazione. 3. Eccezioni opponibili dal debitore (art. 1993) La conseguenza principale dei caratteri della letteralità ed autonomia dei titoli di credito è la non opponibilità, al possessore del titolo, delle eccezioni derivanti dai rapporti intercorrenti con i precedenti portatori. Sono opponibili solo: Eccezioni reali ed assolute (opponibili a tut ti i possessori) di forma fondate sul contesto letterale del titolo falsità della firma difetti di capacità o di rappresentanza del sottoscrittore al momento dell emissione mancanza delle condizioni necessarie all esercizio dell azione (es.: prescrizione) Eccezioni personali Nozione: sono le eccezioni fondate su rapporti diversi da quello cartolare, pertanto opponibili solo ad un determinato possessore Tipi difetto di titolarità (ad esempio titolo sottratto) tutte le eccezioni derivanti dal rapporto fondamentale compensazione con un altro credito Intrasmissibilità: si trasmettono solo nel caso che il nuovo possessore, nell acquistare il titolo abbia agito intenzionalmente a danno del debitore (art. 1993) Nozione: sono le eccezioni fondate sui rapporti personali con i precedenti possessori, a meno che non si provi che il possessore attuale abbia acquistato il titolo per danneggiare intenzionalmente il debitore 4. Ammortamento dei titoli di credito Lo stretto legame esistente tra il diritto cartolare e il documento in cui esso è incorporato avrebbe certamente prodotto gravi conseguenze nell ipotesi di perdita involontaria del documento (per distruzione, furto o smarrimento): in particolare, l impossibilità di ottenere la prestazione del debitore, dato che questa è subordinata alla presentazione del titolo.

4 310 Libro Secondo: Diritto commerciale - Parte Quarta: I titoli dicredito Per ovviare a ciò il legislatore ha predisposto un apposito procedimento cd. di ammortamento (artt , 2027), finalizzato a reintegrare la legittimità dell ex-possessore del titolo ovvero a sancire la nullità del titolo sottratto o disperso. L ammortamento è ammesso solo per i titoli all ordine e nominativi e consta di due fasi: una fase necessaria: su ricorso del titolare spossessato, il presidente del Tribunale, dopo sommario accertamento, può stabilire con decreto, da notificare al debitore e pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale, l ammortamento del titolo. Con ciò il titolo di legittimazione perde efficacia ed il debitore non sarà liberato se paga al presentatore dello stesso; una fase eventuale: la legittimazione del ricorrente è reintegrata decorsi trenta giorni dalla pubblicazione del decreto di ammortamento. Se in questo periodo intervengono opposizioni da parte del detentore del titolo, verrà istruito un ordinario giudizio di cognizione volto ad accertare l effettiva titolarità del diritto cartolare; in mancanza di opposizioni, il decreto di ammortamento va in giudicato, cioè diviene definitivo, consentendosi al ricorrente di esercitare i suoi diritti sul debitore. Il proprietario spossessato di un titolo al portatore, non essendo per tali titoli azionabile il procedimento di ammortamento, potrà soltanto notificare il fatto, fornendone la prova, al debitore: tuttavia la sua legittimazione ad ottenere la prestazione sarà reintegrabile solo trascorso il termine di prescrizione del titolo (art. 2006).

5 Capitolo Secondo I singoli titoli di credito Sommario: 1. La cambiale (R.D , n. 1669) Categorie di obbligati La girata L avallo. Le cambiali garantite Azioni cambiarie Assegno bancario (R.D n. 1736) La circolazione dell assegno L assegno circolare. 1. La cambiale (R.D , n. 1669) La «cambiale» è «un titolo all ordine, formale ed astratto, che attribuisce al possessore legittimo il diritto incondizionato di pretendere il pagamento di una somma determinata alla scadenza indicata». In base alla definizione data si evince che la cambiale: è titolo all ordine: pertanto, requisito naturale di essa è la possibilità di circolare mediante girata (la trasferibilità mediante girata, però, può essere esclusa dalla clausola «non all ordine» in virtù della quale la circolazione del titolo avviene con la forma e gli effetti della cessione ordinaria di credito); è titolo formale: infatti, la forma nella cambiale è un elemento essenziale per l esistenza del titolo stesso; è titolo completo: deve contenere in sé tutti i requisiti richiesti sul «foglietto cambiario». Essi non possono, cioè, essere desunti da altri documenti; è titolo astratto: infatti, nella cambiale manca qualsiasi menzione del rapporto fondamentale sottostante al suo rilascio o alla sua girata; è titolo esecutivo: il creditore può iniziare direttamente la procedura esecutiva sui beni del debitore, prescindendo da una preventiva sentenza del giudice che riconosce la fondatezza della pretesa creditoria e condanni il debitore ad eseguirla, a condizione che siano state osservate le disposizioni di carattere fiscale prescritte dalla legge. Il D.M ha stabilito che, a partire dal 5 dicembre 2009, vi sia soltanto il foglietto per cambiali privo, al momento dell acquisto, del valore del bollo e sul quale dovrà essere apposto il contrassegno telematico rilasciato dagli intermediari convenzionati con l Agenzia delle entrate. Alla nozione di cambiale sono riconducibili due figure particolari: A) La tratta o cambiale in senso stretto Contiene l ordine che una persona (traente) dà ad un altra (trattario) di pagare ad un terzo (prenditore) una somma di danaro.

6 312 Libro Secondo: Diritto commerciale - Parte Quarta: I titoli dicredito Esempio: Napoli, 21 luglio Pagate per questa cambiale, il 21 gennaio 2012, euro duecentocinquanta/00 al signor Tizio (prenditore) Caio (traente) al sig. Mevio (trattario) Per il pagamento la tratta deve essere presentata per l accettazione al trattario, che può rifiutarla: in tal caso il portatore ha azione di regresso nei confronti del traente. B) Il vaglia cambiario o pagherò cambiario È il principale strumento di credito e contiene la promessa incondizionata, fatta da una persona (emittente), di pagare una somma di danaro ad una determinata scadenza. Esempio: Napoli, 30 novembre Pagherò il primo febbraio 2012 per questa mia cambiale euro duecentocinquanta/00 al signor Tizio (prenditore) Caio (emittente) C) Requisiti della cambiale La cambiale deve contenere: la denominazione di cambiale, l ordine incondizionato o la promessa incondizionata di pagare una somma determinata, il nome del trattario (nella cambiale tratta), il nome del primo prenditore, la data di emissione e la sottoscrizione dell emittente o del traente. Tali requisiti devono però sussistere nel momento in cui la cambiale è presentata per il pagamento. Prima di tale momento, pertanto, la cambiale può circolare priva di un accordo circa il suo riempimento (si parla in tal caso di cambiale incompleta) ovvero corredata da un accordo separato circa le modalità per un riempimento successivo di essa (cambiale in bianco). Se mancano i requisiti della cambiale al momento della presentazione per il pagamento, il documento non vale più come cambiale ma come semplice attestazione di credito. D) La cambiale finanziaria Introdotta dalla L , n. 43, è un particolare titolo di credito all ordine, equiparabile alle cambiali ordinarie: deve però contenere la denominazione di cambiale finanziaria. Si tratta di titoli di credito emessi in serie, aventi una scadenza non inferiore a 3 mesi e non superiore a 12 mesi dalla data di emissione; sono girabili solo con la clausola «senza garanzia». Le cambiali finanziarie sono dirette alla raccolta di risparmio tra il pubblico: le imprese che necessitano di un finanziamento a breve termine possono reperire i fondi senza ricorrere all indebitamento bancario, mediante la sottoscrizione di una serie di cambiali finanziarie, con le quali si impegnano incondizionatamente a pagare, alla scadenza stabilita, la somma indicata nel titolo. Si distinguono dalle polizze di credito commerciale che non sono titoli di credito.

7 Capitolo Secondo: I singoli titoli di credito Categorie di obbligati Gli obbligati al pagamento della cambiale si distinguono in due categorie: obbligati principali, quali l emittente nel pagherò e l accettante nella tratta; obbligati in via di regresso (ossia nel caso di rifiuto dell obbligato principale), quali il traente ed i giranti. Le varie obbligazioni cambiarie sono autonome: la incapacità di uno degli obbligati, la falsità di una firma, l invalidità in genere di una di tali obbligazioni non hanno alcuna influenza sulle obbligazioni degli altri firmatari, che restano valide. Se, invece, è l obbligazione del traente o dell emittente ad essere nulla per vizio di forma o di contenuto (es.: promessa di pagamento sottoscritta con il solo cognome o sottoposta a condizione), tale nullità (proprio perchè inficia la dichiarazione dell autore del titolo) travolge anche le dichiarazioni cambiarie degli altri obbligati (di per sé regolari). 3. La girata È un negozio giuridico (unilaterale ed astratto) con il quale viene trasferita la cambiale. La girata ha infatti la funzione di trasferire la legittimazione all esercizio del diritto cambiario: il presentatore del titolo è legittimato ad ottenere la prestazione dal debitore sulla base di una serie continua di girate (ogni girante deve corrispondere al giratario della girata precedente). La trasferibilità della cambiale mediante girata è elemento naturale, non essenziale ad essa; tuttavia solo il traente o l emittente possono, con la clausola «non all ordine», escluderne la girabilità: in tal caso il titolo sarà trasferibile mediante un ordinaria cessione del credito. La girata ha anche una funzione di garanzia: il girante è obbligato di regresso verso il giratario ed i successivi prenditori e risponde del mancato pagamento o della mancata accettazione. La girata non può essere condizionata: la condizione si ha per non apposta. Caratteri La girata parziale è nulla. Tipi Piena: con formula completa, per esempio «per me pagate a». In bianco: viene apposta la sola firma. Girata per procura o per incasso. Girata in garanzia. Chi possiede la cambiale deve verificare la continuità delle girate, non l autenticità. Se l acquisto avviene «a non domino», il possesso di buona fede vale ad attribuire la titolarità del diritto. 4. L avallo. Le cambiali garantite L avallo è una garanzia cambiaria tipica: consiste in una firma di garanzia posta sul titolo da un soggetto (avallante) a favore di un obbligato cambiario (avallato).

8 314 Libro Secondo: Diritto commerciale - Parte Quarta: I titoli dicredito Se la firma è apposta sul retro della cambiale, la funzione di garanzia dovrà risultare dalle parole «per avallo» o equivalenti. L avallo può essere dato per uno qualsiasi degli obbligati (trattario accettante, emittente, traente, girante etc.): la persona dell avallato dovrà, però, essere specificata poiché, in caso contrario, l avallo s intende offerto a favore del traente o dell emittente. L istituto presenta le seguenti caratteristiche: l avallante garantisce il pagamento (anche parziale) della somma da parte dell avallato; la responsabilità dell avallante è solidale; l obbligazione dell avallante è la medesima dell avallato: l avallante occuperà la posizione che l avallato deteneva nella gerarchia degli obbligati cambiari; tuttavia l obbligazione assunta dall avallante è autonoma; il pagamento dell avallante libera l avallato e i successivi prenditori del titolo. Il credito cambiario può essere, inoltre, sorretto da ulteriori garanzie (cd. extracambiarie); in particolare: ipoteca (cd. cambiale ipotecaria): a garanzia della cambiale, si costituisce un ipoteca iscritta nel registro dei beni immobili e annotata nel testo del titolo. Successivamente la garanzia circolerà, senza necessità di ulteriori annotazioni, con la cambiale stessa: la garanzia ipotecaria, sorta in favore dell attuale possessore del titolo, si trasmette anche a quelli successivi; cessione della provvista: con apposita clausola scritta, il traente cede, a garanzia del pagamento del credito cambiario, il credito derivante da fornitura di merci vantato verso il trattario. In caso di mancata accettazione, il portatore del titolo potrà agire contro il trattario sulla base del credito di provvista; privilegio agrario (cd. cambiale agraria): la banca mutuante e prima prenditrice della cambiale ha privilegio sul raccolto (dell annata di scadenza del prestito) del mutuatario che ha emesso il titolo. 5. Azioni cambiarie Caratteri generali: il portatore della cambiale al quale il pagamento è stato rifiutato può: iniziare l esecuzione avvalendosi della cambiale quale titolo esecutivo promuovere un ordinario giudizio di cognizione avvalersi del procedimento ingiuntivo Azione cambiaria: comunque proposta, può essere: diretta, contro gli obbligati principali che sono l accettante nella cambiale tratta, l emittente nel vaglia cambiario e i loro avallanti (prescrizione 3 anni dalla scadenza) di regresso, contro gli obbligati di regresso, che sono traente e girante nella cambiale tratta, i giranti nel vaglia cambiario e i loro avallanti, purché il titolo sia andato in protesto (prescrizione 1 anno dal protesto) Il protesto è l atto pubblico redatto da un pubblico ufficiale (notaio, ufficiale giudiziario) che attesta l avvenuta presentazione del titolo ed il conseguente rifiuto di accettazione (da parte del trattario, per la sola cambialetratta) o di pagamento. Il protesto non è necessario se la cambiale contiene la clausola «senza spese», «senza protesto».

9 Capitolo Secondo: I singoli titoli di credito 315 Oltre alle azioni cambiarie, spettano al possessore del titolo anche azioni extra-cambiarie. Esse sono: Azione derivante dal rapporto fonda mentale (Azione causale) Questa azione permane nonostante l emissione o trasmissione della cambiale (salvo che si provi che vi fu novazione) È legata al rapporto fondamentale sottostante L esercizio è subordinato al protesto, cioè al mancato buon fine della cambiale Sussiste l onere, a carico del portatore, di restituire la cambiale e di depositarla in cancelleria (onde evitare rischi di duplicazione del pagamento) Azione di arricchimento Come azione sussidiaria, quando il danneggiato non può più esperire le azioni cambiarie o l azione causale, è possibile l azione di ingiusitificato arricchimento (art. 2041), la quale impedisce che il portatore resti danneggiato dalle decadenze e dalle prescrizioni cambiarie 6. Assegno bancario (R.D n. 1736) L assegno bancario è un titolo di credito che ha la struttura formale della cambiale-tratta, ma svolge una funzione economica diversa: non è, infatti, uno strumento di credito come la cambiale, ma costituisce uno strumento di pagamento a servizio di chi ha fondi disponibili presso una banca. Esso contiene l ordine incondizionato, rivolto dal traente ad una banca (in virtù di un preesistente contratto che contenga la cd. «convenzione di emettere assegni») di pagare una somma determinata. Pertanto, da un punto di vista economico, l assegno bancario è strettamente legato al deposito bancario o ad una disponibilità (cd. «fido» o «castelletto bancario») che il traente ha presso la banca trattaria. La normativa applicabile all assegno bancario coincide in massima parte con la disciplina propria della cambiale-tratta, salvo alcune differenze che si ricollegano alla diversa funzione dei due titoli. L esercizio dei diritti incorporati nel titolo è subordinato alla necessaria presentazione dell assegno al trattario per richiederne il pagamento. Nell ipotesi di rifiuto opposto dal trattario, il portatore ha diritto di ottenere il pagamento da tutti i firmatari dell assegno (traente, giranti, avallanti), congiuntamente o individualmente, senza essere tenuto ad osservare l ordine nel quale essi si obbligarono. Lo stesso diritto spetta all obbligato che abbia eseguito il pagamento dell assegno, nei confronti dei firmatari che lo precedono. Gli anzidetti diritti possono esercitarsi attraverso o il procedimento esecutivo, o il procedimento ordinario di cognizione o, infine, attraverso il procedimento di ingiunzione. Il D.L , n. 70 (cd. decreto sviluppo), conv. in L , n. 106 ha introdotto l assegno bancario o circolare elettronico, demandando ad un apposito decreto ministeriale e ad un successivo regolamento della Banca d Italia la definizione delle regole per il suo utilizzo. Attraverso una modifica della Legge Assegni, infatti, è stato stabilito che l assegno bancario può essere presentato al pagamento in forma sia cartacea sia elettronica. Il decreto, inoltre, stabilisce che, rispettando precise regole da emanarsi a cura del Ministro dell Economia e delle Finanze, le copie informatiche di assegni cartacei potranno sostituire ad ogni ef-

10 316 Libro Secondo: Diritto commerciale - Parte Quarta: I titoli dicredito fetto di legge gli originali da cui sono tratte se la loro conformità all originale sarà assicurata dalla banca negoziatrice mediante l utilizzo della propria firma digitale. Tali disposizioni riguardano anche la validità degli atti di constatazione del mancato pagamento (protesto e constatazione equivalente), in quanto è stata introdotta anche per tali atti la possibilità che siano eseguiti in forma elettronica. 7. La circolazione dell assegno L assegno bancario può essere emesso «all ordine» o «al portatore» e, per la circolazione di tali titoli, trovano applicazione i principi già enunciati per i titoli di credito in generale e per - la cambiale: assegno all ordine: il trasferimento si attua mediante girata cui deve accompagnarsi la consegna del titolo (traditio); assegno al portatore: il trasferimento si attua mediante la semplice consegna del titolo. L assegno è sempre pagabile a vista ed ogni disposizione contraria si ha per non apposta; la legge, tuttavia, stabilisce termini massimi per la presentazione, decorrenti dalla data di emissione: 8 giorni, se coincidono il comune di emissione e quello di pagamento; 15 giorni, se si tratta di comuni diversi. Alla scadenza di tali termini non consegue l automatico e necessario rifiuto a pagare della banca trattaria, ma solo la possibilità che l ordine di pagamento venga legittimamente revocato dal traente. Per diminuire il pericolo che l assegno bancario, soggetto a furti o smarrimenti, sia pagato ad un portatore di mala fede o da lui negoziato, la legge predispone particolari cautele limitative della circolazione e della legittimazione, che rendono difficile a chi lo sottrae o al ritrovatore occasionale l utilizzazione della somma cambiaria: clausola «non all ordine». L assegno bancario emesso con tale clausola, o con altra equivalente, può essere ceduto soltanto con le forme e con gli effetti della cessione ordinaria; clausola «non trasferibile». Tale clausola blocca la circolazione del titolo sia nelle forme cambiarie che in quelle del diritto comune: rende, cioè, l assegno non solo non girabile, ma anche non cedibile. L assegno non-trasferibile può essere pagato solo al prenditore (o all immediato giratario, se la clausola è apposta da un girante), che non può girare il titolo se non per l incasso ad un banchiere (quest ultimo non può ulteriormente girarlo: infatti, le girate apposte nonostante il divieto si hanno per non scritte). Pertanto, se l assegno viene rubato o smarrito, il ladro o il ritrovatore non possono esigere la somma né trasferire il credito. Il D.L. 112/2008, conv. in L. 133/2008 ha vietato il trasferimento in denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore dell operazione sia complessivamente pari o superiore a euro (soglia abbassata a euro dal D.L. 78/2010, conv. in L. 122/2010). Il D.Lgs. 151/2009 (cd. correttivo antiriciclaggio) ha stabilito che il divieto di trasferimento di operazioni in contanti opera anche quando viene effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia dei euro, che appaiono artificiosamente frazionati. Da ultimo, il D.L , n. 138 (cd. manovra bis) conv. in L , n. 148 ha introdotto ulteriori misure restrittive che limitano l uso del contante e dei titoli al portatore. La soglia del trasferimento in contante, infatti, è stata riabbassata dai euro ai euro. Gli assegni bancari postali e circolari di importo superiore ai euro dovranno essere emessi con la clausola di intrasferibilità e il nome e la ragione sociale del beneficiario;

11 Capitolo Secondo: I singoli titoli di credito 317 assegno sbarrato. Il traente o il portatore possono sbarrare l assegno apponendovi sulla facciata anteriore due sbarre parallele per tutta la lunghezza trasversale dell assegno, senza alcuna indicazione o con la parola «banchiere» (sbarramento generale), oppure con l indicazione del nome di un banchiere fra le sbarre (sbarramento speciale). La clausola di sbarramento limita la circolazione del titolo nella sola fase finale, poiché l ultimo giratario deve essere necessariamente un banchiere, oppure un cliente del banchiere trattario: quest ultimo, cioè, può pagare l assegno soltanto ad un suo cliente o ad un altro banchiere; assegno da accreditare. Tale assegno non può essere pagato in contanti, ma chi intende incassare l importo può solo versarlo alla banca trattaria se ne è cliente affinché venga accreditato sul proprio conto, o aprire un conto presso la stessa banca trattaria, se essa acconsente. La clausola «da accreditare» è apponibile sulla facciata anteriore del titolo dal traente o da un successivo girante; assegno turistico (traveller s cheque). Il pagamento di tale assegno è subordinato alla esistenza sul titolo di una doppia firma conforme del prenditore, il quale deve ripetere la firma all atto della presentazione. Questa procedura mette al sicuro il prenditore da eventuali smarrimenti, in quanto l illegittimo possessore, per incassare l assegno, dovrebbe riuscire ad apporre sul titolo (al momento della presentazione) una firma identica a quella già apposta dal prenditore. 8. L assegno circolare L assegno circolare è «un titolo di credito all ordine, contenente una promessa diretta di pagamento e dotato di particolari requisiti di forma, emesso da un istituto bancario a ciò preposto dall autorità competente, per somme che siano disponibili presso di esso al momento dell emissione, e pagabile a vista presso tutti i recapiti comunque indicati dall emittente». L assegno circolare, quindi, è simile per struttura al pagherò cambiario a vista ma si differenzia nettamente da questo sotto il profilo della funzione. La funzione dell assegno circolare è, infatti, quella di consentire la effettuazione di pagamenti senza il rischio dello spostamento materiale della moneta, alla quale l assegno circolare si equipara poiché incorpora un credito di sicura esigibilità. Differenze L assegno circolare presenta i seguenti elementi di differenziazione dall assegno bancario: non può essere emesso al portatore; comporta un obbligazione cartolare diretta e principale della banca emittente; è subordinato alla sussistenza o alla creazione di adeguati fondi disponibili: in genere il prenditore verserà l importo in contanti contestualmente al rilascio dell assegno; è pagabile in tutti i recapiti (filiale, agenzia etc.) della banca emittente; può essere emesso solo da banche a ciò autorizzate, previo deposito di una cauzione (corrispondente ad una percentuale del valore degli assegni emessi) presso la Banca d Italia. Ad esso si applica, quasi conformemente, la disciplina del vaglia cambiario; disposizioni particolari risultano le seguenti: l assegno circolare deve essere presentato per l incasso entro 30 giorni, pena la decadenza dall azione di regresso contro il girante; l azione contro l emittente si prescrive entro 3 anni dall emissione.

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE IX I TITOLI DI CREDITO PROF. VALENTINA SCOGNAMIGLIO Indice 1 I titoli di credito in generale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c.

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. 1 TITOLI DI CREDITO Norme primarie di riferimento: artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. [La disciplina unitaria del codice nasce dalla convinzione dell esistenza di una funzione economica caratteristica dei titoli

Dettagli

D. Promesse unilaterali e titoli di credito.

D. Promesse unilaterali e titoli di credito. D. Promesse unilaterali e titoli di credito. a. Promesse unilaterali. 150. Tipicità o atipicità delle promesse unilaterali. La disciplina degli atti e dei fatti diversi dal contratto comprende: le promesse

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE.

LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE. I TITOLI DI CREDITO IN GENERALE (PARTE SECONDA) PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE. -------------------------------------------------- 3 2 I TITOLI

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE E AVALLO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L'ACCETTAZIONE

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO I TITOLI DI CREDITO IN GENERALE (PARTE PRIMA) PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 PREMESSA ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta ALLEGATO TARIFFA (PARTE I) Articolo della tariffa Indicazione degli atti soggetti ad imposta 1. 1. Atti rogati, ricevuti o autenticati da notai o da altri pubblici ufficiali e certificati, estratti di

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Il Protesto della cambiale e dell'assegno avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata / Partial or total reproduction

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art.

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. 1 Alle disposizioni contenute nel codice di commercio concernenti

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA novembre 2007, n.231 circa il TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARI O POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 6 dicembre 2011 è vietato il trasferimento

Dettagli

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Indivisibilità = necessaria unità e non frazionabilità dei diritti inerenti all azione effetti sul rapporto tra i comproprietari e la società (per i rapporti

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI AZIONI CAMBIARIE E AZIONI EXTRACAMBIARIE PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE AZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONDIZIONI CONTRATTUALI CONDIZIONI CONTRATTUALI Contratto di capitalizzazione a premio unico e premi integrativi, con rivalutazione annuale del capitale assicurato (tariffa n 357) PARTE I - OGGETTO DEL CONTRATTO Articolo 1 -

Dettagli

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI 1 Scelta multipla Indica con una crocetta la risposta esatta. a) È u strumento di pagamento a iniziativa del venditore: 1. il rilascio di un asseg bancario

Dettagli

TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito]

TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito] TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito] Il titolo di credito costituisce uno strumento predisposto dal legislatore

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante: il nuovo modello di adesione

Deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante: il nuovo modello di adesione Deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante: il nuovo modello di adesione di Filippo Gagliardi LA NOVITA` I commercianti al minuto e le agenzie di viaggio che intendono avvalersi, in deroga

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Alleanza Assicurazioni S.p.A. appartenente al Gruppo Generali Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Condizioni Contrattuali Regolamento Gestione interna separata

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

Approfondimenti. La trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

Approfondimenti. La trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Oltreconfine 2 O N S E Approfondimenti Percorso F Lezione 1 I contratti bancari La trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Data la disparità economica che, normalmente, sussiste tra la banca

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono E-mail Qualifica

Nome e Cognome Indirizzo Telefono E-mail Qualifica FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C. Via Bitetto n. 2, - 70020 Cassano delle Murge (Ba) Tel. 0803467511

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1).

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Nuove agevolazioni per la riscossione dei titoli di spesa dello Stato (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 marzo 1962, n.

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA 1 CAMBIALE Contenuto Pagherò cambiario Cambiale tratta Scadenza Garanzie e pagamento Contenuto ASSEGNO Assegno bancario Assegno circolare Garanzie

Dettagli

Assegni. e altri titoli di credito IMPRESA I31. Renato Votta

Assegni. e altri titoli di credito IMPRESA I31. Renato Votta I31 Estratto distribuito da Biblet IMPRESA STRUMENTI E TECNICHE FINANZIARIE Renato Votta Assegni e altri titoli di credito Nuove norme relative all utilizzo di contante, assegni e titoli al portatore (D.Lgs.

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

Tratta e vaglia cambiario 1.

Tratta e vaglia cambiario 1. Tratta e vaglia cambiario 23 Tratta e vaglia cambiario 1. SOMMARIO 1. Tratta e vaglia cambiario: i requisiti essenziali. 2. Astrattezza e causa. 3. Falsità della firma e falsità della cambiale. 4. Le alterazioni

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

REGOLAMENTO DI PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

REGOLAMENTO DI PRESTITO OBBLIGAZIONARIO REGOLAMENTO DI PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Società "Terremerse Soc. Coop. Art. 1 - Importo e tagli Il prestito obbligazionario " Terremerse Soc. Coop 2013/2016 - Tasso 4,00 % è emesso dalla Società" Terremerse

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli

Circolare n. 21. del 2 luglio 2013. Imposta di bollo - Aumento degli importi INDICE

Circolare n. 21. del 2 luglio 2013. Imposta di bollo - Aumento degli importi INDICE Circolare n. 21 del 2 luglio 2013 Imposta di bollo - Aumento degli importi fissi INDICE 1 Premessa...2 2 Decorrenza degli aumenti...2 3 Ammontare dei nuovi importi...2 4 Ambito di applicazione dei nuovi

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio Periodico informativo n. 100/2012 Le novità antiriciclaggio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che è entrato in vigore lo scorso

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia La compravendita di beni immobili in Italia Scheda A Normativa di diritto civile 1. La vendita 2. La vendita immobiliare 3. La forma del contratto 4. La conclusione del contratto 5. Il preliminare di vendita

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

Modulo 1: Introduzione alla Banca

Modulo 1: Introduzione alla Banca Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI

BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI MILANO - DOTT. A. GIUFFRE EDITORE - 1999 INDICE Premessa XIII Capitolo I CONSIDERAZIONI GENERALI SUI TITOLI DI CREDITO 1. La disciplina dei titoli

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento)

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI Articolo 1 Registro dei Testamenti Biologici 1. Il Comune di Mezzolombardo istituisce il Registro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore.

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore. DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2013-34.368.294

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 05.04.2012 Incassi superiori a 1000 euro: gli adempimenti per gli operatori Oltre alla comunicazione all AE, sono previsti altri adempimenti

Dettagli

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

MODULO DI SOTTOSCRIZIONE: Unica Soluzione - Pac. Luogo. GENERALITà PARTECIPANTI

MODULO DI SOTTOSCRIZIONE: Unica Soluzione - Pac. Luogo. GENERALITà PARTECIPANTI DENOMINAZIONE DEL FONDO MODULO DI SOTTOSCRIZIONE: Unica Soluzione - Pac Spett. EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. Piazzetta Giordano Dell Amore, 3 20121 Milano Codice Fondo: (indicare il nome del Fondo sottoscritto)

Dettagli

dott. Enrico ZANETTI

dott. Enrico ZANETTI TRASFERIMENTI DI QUOTE DI SRL PROCEDURA CON FIRMA DIGITALE dott. Enrico ZANETTI Diretta 27 ottobre 2008 PROFILI INTRODUTTIVI CO. 1-BIS DELL ART. 36 DEL DL 112/2008 L ATTO DI TRASFERIMENTO DI CUI AL SECONDO

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

CARTE DI CREDITO CORPORATE

CARTE DI CREDITO CORPORATE CARTE DI CREDITO CORPORATE FOGLIO INFORMATIVO Ai sensi del Provvedimento della Banca d Italia del 15 febbraio 2010 e successivi aggiornamenti di recepimento della Direttiva sui servizi di pagamento e delle

Dettagli