Le scienze applicate nella salvaguardia e nella riproduzione degli archivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le scienze applicate nella salvaguardia e nella riproduzione degli archivi"

Transcript

1 .. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI QUADERNI DELLA RASSEGNA DEGLI ARCHIVI DI ST ATO 56 CENTRO DI FOTORIPRODUZIONE LEGATORIA E RESTAURO DEGLI ARCHIVI DI STATO Le scienze appicate nea savaguardia e nea riproduzione degi archivi ROMA 1989

2 UFFICIO CENTRALE PER I BENI ARCHIVISTICI DIVISIONE STUDI E PUBBLICAZIONI Comitato per e pubbicazioni: Renato Grispo, presidente, Paoa Carucci, Arnado D'Addario, Antonio Dentoni Litta, Romuado Giuffrida, Lucio Lume, Giuseppe Pansini, Caudio Pavone, Luigi Prosdocimi, Leopodo Puncuh, Isabea Zanni Rosieo, Lucia Moro, segretaria. INDICE Cura redazionae: Bruna Angeoni Premessa de dott. Antonio Papa, direttore de Centro di fotoriproduztone egataria e restauro degi Archivi di Stato Pag. 7 ANTONIO PAPA, Una K Commissione pe restauro di antichi documenti ogori e guasti ( )» CECILIA PROSPERI, I restauro dei documenti di archivio GIANCARLO IMPAGLIAZZO, DANIELE RUGGIERO, MARIA TERESA TANASI, Una iniziativa in materia di conservazione per a savaguardia dei fu turi documenti DANIELE RUGGIERO, Gi inchiostri antichi per scrivere GIANCARLO IMPAGLIAZZO, MARIA TERESA TANASI, La pergamena: probemi e metodi reativi aa conservazione ORIETTA MANTOVANI, La carta: probemi e metodi reativi aa conservazione 71 MAURO BORTOLANI, LORENA BOTTI, 0RIETTA MANTOVANI, LUCIANO RESIDORI, La cromatografia di permeazione su ge ad ata prestazione ed atri saggi chimici e fisici per vautare a stabiità dea carta trattata con idrossido di cacio, carbonato di cacio e borace 83 GIUSEPPE ARRUZZOLO, DONATELLA MA TÈ, La prevenzione a degrado bioogico 0 MARIA GRAZIA ALTIBRANOI, MARIA CARLA SCLOCCHI, La microbioogia negi archivi 107 EUGENIO VECA, L 'entomofa una negi archivi 121 GIOVANNI MARINUCCI, / probema murino negi archivi Ministero per i beni cuturai e ambientai Ufficio centrae per i beni archivistici ISBN Vendita: Istituto Poigrafico e Zecca deo Stato - Libreria deo Stato Piazza Verdi 10, Roma Stampato daa tipografia Arti Grafiche Panetto & Petrei - Spoeto MAURO SCORRANO, La disinfezione e a disinfestazione LUCIANO RESIDORI, Le fotografie in bianco e nero LUCIANO RESIDORI, DANIELE RUGGIERO, FULVIO SANTUS, La microfimatura in bianco e nero dei documenti di archivio ANTONIO PAPA, La bibiografia de Centro di fotoriproduzione egataria e restauro degi Archivi di Stato ISTITUTI CITATI IN SIGLA

3 I Centro di fa tori produzione, egataria e restauro compie venticinque anni. Mote e idee suggerite per ricordare a data, non utima quea di un voume monografico, un manuae, per fornire ai coeghi più direttamente impegnati nea gestione dei beni archivistici utii nozioni fondamentai in materia di tutea e, a chi ha partecipato a'impresa, 'occasione per un esame di quanto sinora reaizzato neo specifico settore da'istituto con e sue articoate speciaizzazioni operanti ancora oggi in una sorta di imbo statutario. La creazione de Centro ne 1963 segnò, per gi Archivi di Stato, una tappa importante perché concreta risposta aa convinzione argamente diffusa, e da tempo, che i probemi egati aa conservazione e a recupero dei documenti di archivio dovessero perdere que tanto di empiricità e di occasionaità per affidarsi a sperimentate souzioni, certe e garantite. Un Istituto 1, quindi, con preminenti compiti di studio e di ricerca in que compesso di cautee, riguardi, precauzioni, provvidenze - oggi comunemente e brevemente tutea dei documenti d'archivio - che già nei primi anni di questo secoo fu definito, con avvertita consapevoezza, ''un ramo de servizio archivistico''. E accanto ao studio e aa ricerca, 'attività didattica e di addestramento in un rapporto moto opportuno di reciproca connessione e coegamento. Ma per anni a ricerca costituì un obiettivo, non una funzione, perché ne'atto di nascita (dpr ) i egisatore trascurò, nee annesse tabee, di fornire personae quaificato, essendo previsti in organico i soi operatori fotografi. Questo svantaggio iniziae fu superato nea seconda metà degi anni settanta quando, istituendosi i ministero per {Beni 1 Fino a 9 gennaio 1964 i Centro è stato diretto da Eio Caifano, da 10 gennaio a 30 novembre 1964 da Giroamo Arnadi e da aora fino a' aprie 1983 da Enrica Ormanni.

4 8 Antonio Papa Premessa 9 cuturai, acuni provvedimenti egisativi e amministrativi consentirono 'assunzione in servizio di tecnici e 'aestimento di un aboratorio di anaisi strutturato in un gabinetto di chimica e in uno di bioogia. Prevenire e curare sono difficii esercizi se non si conoscono a struttura, a proprietà, a natura dei supporti, a composizione dee mediazioni grafiche, e cause de oro degrado, 'efficacia dei prodotti terapeutici. Spesso i quadro patoogico è avanzato essendo gi agenti di degrado moto diffusamente presenti. I depositi di archivio non sono ambienti sterii perché i vaori termoigrometrici, e condizioni igieniche, 'aestimento ogistico, e strutture murarie non ottima/i, otre che una copiosa fonte aimentare disponibie, favoriscono a presenza di quei che Eugenio Casanova chiamò «parassiti degi archivi». Ma non tutti i germi sono infettanti, così come non tutti gi insetti sono infestanti. Donde a necessità di interventi di personae particoarmente quaificato che compia attenti sopra/uoghi, appropriati preievi, minute anaisi di aboratorio per indicare mirate metodoogie di interventi risanatori. Un esempio, insomma, atri ne potrei citare, di come oggi a gestione di un archivio veda accostarsi aa tradizionae, e sempre centrae, figura de'archivista atre professionaità, atre conoscenze tecniche e scientifiche. I aboratorio di anaisi ha indirizzato a sua attività per approfondire esigenze e conoscenze avendo sempre come punto di riferimento, come ambito ne quae esercitarsi, gi archivi, i depositi di archivio, i materiai di archivio: carta e pergamena, anzitutto, ma anche cera (dei sigii) e seta- penso a restauro di recente eseguito di una mappa serica di grande formato - peicoe e astre fotografiche, adesivi, coanti, ammorbidenti, inchiostri. A aboratorio di anaisi è dovuta anche, in questi utimi anni, a normaizzazione dea microfimatura in bianco e nero dei documenti di archivio, degi interventi di bonifica, deo scarico dei residui tossici, nocivi e speciai. L 'Istituto è, atresì, articoato in un primo servizio per o studio de'informatica appicata agi archivi e per a messa a punto di strumenti di automazione dee gestioni interne, contabii e de personae; in un secondo che coordina i aboratori di restauro, di cartotecnica, di egataria antica e moderna, di fotoriproduzione, di stampa; in un terzo servizio che organizza, ne settore dea didattica, corsi di vario iveo e di diversa durata per i personae tecnico degi Archivi di Stato. Infine un ufficio tecnico che ha compiti di consuenza ne settore de'ediizia archivistica con a redazione dee perizie e dei progetti e 'approvazione dei prezzi dei preventivi e dee fatture. La bibiografia de Centro, titoi su argomenti strettamente attinenti ae ricerche ed ae sperimentazioni eseguite da archivisti, esperti e tecnici in servizio, cui bisogna aggiungere quei pubbicati in questo voume, è un importante indice di quanto reaizzato: i primo porta a data de/1972, gi utimi sono datati a partire da1985. Moti sono scritti a più mani perché 'attività interdiscipinare de'istituto richiede avori e sperimentazioni di gruppo, incontri di diverse professionaità e conoscenze. Gi argomenti più ricorrenti: i microfim, i materiae fotografico, 'informatica, i restauro. Eppure in un quadro ne compesso moto soddisfacente non mancano probemi- ad esempio 'indeterminatezza e a genericità dee competenze - a cui souzione i egisatore de/1963 affidò ad un futuro regoamento che non ha mai visto a uce. Restano irriso/ti i probemi egati aa indiscussa competenza «territoriamente non imitata» de'istituto cui non corrispondono, però, gi effettivi poteri di autonoma iniziativa e i iveo di funzione dirigenziae riconosciuti e garantiti agi atri istituti «centrai» de ministero per i Beni cuturai. Restano irriso/ti i probemi egati a'organico che oggi su poco meno di cento dipendenti in servizio conta sessanta tra archivisti, esperti, addetti di aboratorio, operatori, proporzione che andrebbe corretta a vantaggio di queste utime quaifiche professionai tecniche. Resta da regoare 'attività didattica de'istituto perché 'addestramento de personae addetto a restauro e ad atri servizi tecnici, quai i microfim, è un probema non risoto. L 'andare

5 IO Antonio Papa Premessa 11 a bottega costituisce ancora oggi un indispensabie'tirocinio; ma non c'è maestria senza capacità di autonomamente e consapevomente vautare e programmare, perizie che si acquisiscono attraverso atri e più articoati itinerari formativi. Restano ancora non bene definiti gi stessi compiti istituzionai se non atro perché indefiniti e indefinibii erano, venticinque anni fa, acuni settori che, dopo, sono prepotentemente entrati nea gestione dei beni archivistici. Primo fra tutti 'informatica, i cui primi, cauti, passi furono mossi in Istituto a'inizio degi anni settanta. Si trattava, aora, più che di attrezzarsi e di acquisire confidenze con tecnoogie e essici sconosciuti ai profii professionai degi archivisti, di resistere aa tentazione di affidare a'informatica appicata agi archivi traguardi non sempre coincidenti con 'archivistica e i avoro di archivio. Oggi sembra unanimemente accota a proposizione secondo a quae 'utiizzazione dee tecniche informatiche negi istituti archivistici debba mirare aa predisposizione di strumenti di corredo che faciitino 'accesso dei ricercatori ai documenti trattati. E ancora, i restauro soo in parte eseguito presso i Centro e i aboratori annessi a quindici Archivi di Stato (Miano, Trento, Venezia, Boogna, Lucca, Firenze, Arezzo, Ancona, Perugia, Pescara, Rieti, Campobasso, Napoi, Bari, Paermo) ma per a gran parte affidato a aboratori privati nei cui confronti 'Istituto esercita funzioni di aggiornamento tecnico, di indirizzo, di controo dee avorazioni. Oggi si restaura più che ne 1963 e non è detto che questo sia un fatto positivo perché a confronto si trascura, a vote, a prevenzione. Gi impianti antincendio e antifurto, moto diffusi negi Archivi di Stato, sono misure dovute a difesa da danni fortunatamente rari, mentre quotidiani e ripetuti sono i danni ai documenti causati da condizioni termoigrometriche non ottima/i. Non esiste, per quanto è dato sapere, nei nostri centotrentacinque istituti- tra Archivi e Sezioni- un deposito attrezzato che garantisca ai documenti condizioni ambientai e termoigrometriche ideai, sicché tra prevenzione e recupero - i due poi dea tutea- è preminente 'attenzione per i secondo, no- nostante sia ben evidente i fatto che i probemi egati ad una conservazione che preservi da degrado fisico, chimico e/o bioogico debbano avere prioritaria souzione. «Perciò, a copa vuoe essere ascritto i disinteressamento che parecchi degi archivisti, ancora oggi, affettano per tutto ciò che riguardi a costruzione materiae de'archivio... [perché] 'ambiente ne quae devono conservarsi gi atti, ne quae devonsi ricercare, ordinare e consutare contribuisce sommamente a tutte e operazioni de'archivistica...»(e. Casanova, Archivistica, 1928). I Centro tagia, ne 1988, i traguardo dei venticinque anni presentando un positivo biancio, ameno per quanto riguarda e voci endogene. Restano i probemi istituzionai e strutturai - qui sotanto eencati- perché è moto avvertita 'esigenza di norme regoamentari che consentano un effettivo esercizio dei compiti statutari de ANTONIO PAPA

6 Antonio Papa Una «Commissione pe restauro di antichi documenti ogori e guasti ( )» Presso 'Archivio centrae deo Stato è conservato un fascicoo (Ministero de'interno, ufficio centrae Archivi di Stato, , b. 149, fase. 97, s. fase. 2, " restauro di documenti >>) che raccogie gi atti e, in particoare, i verbai dee riunioni di una commissione che tra i 1909 e i 1910 esaminò a questione reativa a restauro dei documenti di archivio. Ho potuto iberamente consutare 'inedito fascicoo - segnaatomi daa cortesia di Mario Missori - grazie aa amichevoe disponibiità de sovrintendente Mario Serio. La documentazione presenta motivi di grande interesse perché - per quanto mi è dato sapere - fu quea a prima vota che gi Archivi di Stato esaminarono, con 'aiuto di eminenti scienziati, que compesso di provvidenze da adottare per a savaguardia dei documenti di archivio oggi comunemente e brevemente detto tutea. E tutto questo supponendo che 'intera materia - definita già aora " un ramo de servizio archivistico» - fosse preiminare ad ogni intervento di vaorizzazione. Con una conseguenza: a cura e a gestione degi archivi non più dominio escusivo degi archivisti perché atre professionaità, atre conoscenze, più specificatamente tecniche e scientifiche, erano chiamate, per a oro parte, a dare un contributo di souzioni coaudate e garantite. Ne restauro, ad esempio, cosciente sensibiità e artigianae manuaità dovevano essere sorrette e confortate daa chimica, daa fisica, daa bioogia, insomma dae scienze naturai che avrebbero dovuto suggerire prodotti efficaci, stabii, duraturi e reversibii. Non che tutto questo fosse a que tempo consapevomente ben acquisito, restando ben radicate perpessità e cautee non prive, e o vedremo presto, di negative conseguenze. Questi i fatti, così come i ho ricostruiti, di una vicenda che, nata

7 14 Antonio Papa Una "'Commissione pe restauro ( )» 15 aora, si è concusa ne 1963 con 'istituzione de Centro di fotoriproduzione egatoria e restauro degi Archivi di Stato. 24 ugio 1908 i direttore de'archivio di Stato di Pisa propose a Ministero de'interno, direzione generae de'amministrazione civie, divisione seconda, sezione seconda (a que tempo ufficio centrae per gi Archivi di Stato) i restauro dei registri dee «provvisioni e consigi degi anziani de popoo» danneggiati da'umidità. I restauro avrebbe dovuto essere eseguito da ta Pier Ignazio Vottero, archivista dea Rea Casa, che, ne dare assicurazioni circa a «sincerità» dee sostanze adoperate, aveva chiesto una retribuzione di dieci centesimi a carta per un ammontare di ire quattrocentocinquanta. I Vottero era atresì disposto a rendere pubbico i suo metodo di restauro a fronte di un compenso una tantum di ire mie accompagnato daa concessione di un attestato di benemerenza. La richiesta de'archivio di Stato di Pisa offrì 'occasione a Ministero, incerto su da farsi, per chiedere, con circoare spedita i 22 ottobre successivo, ai direttori degi Archivi di Stato notizie su eventuai restauri in corso o eseguiti ne passato: «Risuta a questo Ministero che presso diversi Archivi si addiviene tavota aa riparazione di documenti, di eccezionae importanza, che per ingiuria de tempo, o per atre cause, trovansi in quache modo gravemente danneggiati. Consta atresì che diversi sarebbero i metodi a'uopo seguiti, e che sono di soito empiricamente attuati, senza che abbiasi seria garanzia dea oro innocuità, entro un periodo di tempo più o meno breve, nei riguardi appunto dei documenti sottoposti a dette operazioni. Grave è a responsabiità che potrebbe ricadere su questo Ministero ove accadesse che, per 'accennata causa, i patrimonio storico documentae dea Nazione avesse ad essere in quache modo compromesso. Mentre per tanto si rivogono aa S. V. speciai raccomandazioni perché, ove in caso di assouta necessità si debba procedere a restauro di quache importante documento, vi si provveda con e maggiori possibii cautee, si prega anche d'inviare con a maggiore soecitudine a questo Ufficio una precisa, esauriente reazione sui criteri e sui metodi a riguardo seguiti in codesto Archivio, tanto ne passato che sotto a di Lei direzione formuando tutte quee proposte che i risutati dea scienza e dea sua esperienza personae Le suggerissero opportune per essere prese in considerazione». I direttori degi Archivi di Stato di Massa, Paermo, Pisa e Torino risposero che nei oro istituti non erano mai stati eseguiti restauri di documenti. I direttori degi Archivi di Stato di Firenze e Lucca proposero 'isti- tuzione di una «officina» di restauro centrae, mentre queo di Venezia suggerì di aestire aboratori in ogni Archivio, quanto meno nei più importanti. I direttori degi Archivi di Stato di Boogna, Brescia, Cagiari, Genova, Mantova, Miano, Modena, Napoi, Parma, Reggio Emiia, Roma e Siena diedero risposte e più varie e e più diverse confermando, però, che a pratica de restauro, affidata a personae di buona voontà, era aquanto diffusa, ma che i metodi erano appicati empiricamente e che i prodotti erano usati forse con quache superficiaità. L'ufficio centrae, «attesa a gravità e a deicatezza dea materia», sottopose 'intera questione a'esame dea giunta de consigio degi archivi nea seduta de 25 marzo 1909 presenti Pasquae Viari, presidente, Paoo Bosei, Cesare Savarezza, Aberto Pironti e Quintiio Antoisei, segretario. La giunta rinunciò ad esprimere i suo parere su una questione che presupponeva conoscenze tecniche approfondite e suggerì a Ministero 'istituzione di una commissione di quaificati esperti «ao scopo di studiare i migiori sistemi pe restauro di antichi documenti,,. La commissione risutò formata da padre Francesco Ehre, prefetto dea Bibioteca Apostoica Vaticana, Ignazio Giorgi, direttore dea bibioteca Casanatense di Roma, Iciio Guareschi, ordinario di chimica farmaceutica dea regia università di Torino, Luigi Schiaparei, ordinario di paeografia e dipomatica presso i regio istituto di studi superiori di Firenze. Manca agi atti i decreto ministeriae di nomina, una sua copia o una minuta. Le ricerche in atre serie di archivio hanno dato esito negativo. Probabimente un provvedimento formae non fu mai redatto. Padre Ehre - invitato da direttore generae dee antichità e bee arti de Ministero per 'istruzione pubbica, Corrado Ricci - si riservò dt accettare 'incarico dovendo essere preventivamente autorizzato da cardinae segretario di stato. La superiore autorizzazione fu concessa a condizione che 'incarico avvenisse «nea stessa maniera nea quae accettò 'invito anaogo dopo 'incendio dea bibioteca di Torino, cioè s-enza nomina ufficiae e e sue conseguenze, in forma pienamente amicae e privata». Superato in quache modo 'inciampo dipomatico - forse accettando a condizione posta da prefetto dea Bibioteca Apostoica Vaticana - a commissione, presente padre Ehre, avviò di gran ena i suoi

8 16 Antonio Papa Una Commissione pe restauro ( )» 17 avori. Tenne e prime sei riunioni nee ore antimeridiane e pomeridiane dei giorni 20, 21 e 22 giugno 1909 presso a bibioteca Casanatense di Roma. Otre i restauro, primo tema a'ordine de giorno, a discussione si aargò presto aa " patoogia, dei documenti di archivio, ae cause, cioè, fisiche, chimiche e bioogiche de degrado, a suo manifestarsi, ai suoi effetti, in atri termini aa conservazione nei depositi. I commissari invitarono, perciò, 'ufficio centrae ad avviare una seconda indagine suo stato dei ocai, dee suppeettii, dee scaffaature e, più in generae, sui sistemi di conservazione dei documenti. I commissari invitarono, atresì, 'ufficio centrae ad emanare tassative disposizioni per imitare, da un ato, gi interventi di restauro " aa stretta necessità, e per proibire, da'atro, e " incoature e ingommature dee carte, otre che ogni tentativo di " ravvivamento, degi inchiostri. I tutto in una unga reazione datata 22 giugno 1909 e conservata agi atti. Nea seconda tornata di avori (nove riunioni tra i 6 gennaio e i 9 giugno 1910) a commissione mise definitivamente a punto una serie di «proposizioni» in materia di restauro di documenti cartacei corrosi dagi inchiostri o danneggiati da'umidità e di pergamene conservate arrotoate o piegate dove appare a odevoe premura ne suggerire prodotti, adesivi e coanti, che offrissero garanzie da futuri attacchi di natura bioogica. La commissione propose anche che nei programmi dee scuoe di paeografia e dipomatica fossero inserite materie scientifiche quai a chimica e a storia naturae e che i metodi, prodotti e procedimenti fossero preventivamente esaminati e sperimentamente appicati presso un aboratorio centrae, approvati da esperti quaificati e resi pubbici. A proposito de aboratorio centrae di restauro, da aestire presso 'Archivio di Stato di Roma, i commissari, in un progetto di regoamento redatto in sei articoi, previdero compiti (di studio e di addestramento), pianta organica (un archivista con funzioni di direttore, un " consuente chimico», due " maestri» operatori, due apprendisti), struttura (una sezione per i restauro, un'atra per e anaisi chimiche), una commissione vigiante di cinque membri (due esperti, due direttori di Archivi di Stato, un quinto sceto tra i componenti de consigio per gi archivi). I progetto fu prontamente esaminato e, sia pure con quache riserva, approvato da'ufficio centrae. I verbae dea quattordicesima riu- nione (9 giugno 1910) registra 'intervento di Gaetano Criveaci, capo dea sezione Archivi di Stato. I Criveaci assicurò a commissione dea piena disponibiità de'amministrazione e dea fattibiità de progetto indicando anche in ta Antonio Taffetani 'operaio che avrebbe potuto essere assegnato a aboratorio e ne funzionario di seconda categoria Mario Cingoani, aureato in chimica, i «consuente chimico " Non, però, chiariva Criveaci, " un competo aboratorio di restauri» perché «è opportuno che si cominci con modesti e pratici intenti, asciando a tempo e a'esperienza di fare germogiare e fruttificare i seme secondo a sua forza vitae e secondo e effettive favorevoi condizioni de'ambiente " Una riserva, questa, che avrebbe avuto presto negative conseguenze. Ancora una riunione dea commissione, a quindicesima ae ore 16 deo stesso giorno 9 giugno, per approvare i testo di una reazione concusiva a'onorevoe signor ministro. Assunto 'autorevoe parere dea commissione, i governo ne successivo mese di dicembre, ne'ambito di un disegno di egge su ruoo organico de personae degi Archivi di Stato, chiese ed ottenne da paramento (egge n. 232 de 20 marzo 1911, art. 10) a " facotà, di istituire un aboratorio di restauro presso 'Archivio centrae de Regno. Fin qui a vicenda, ben documentata agi atti, si sviuppò secondo tempi e modi propri di una corretta e corrente procedura. I fatti successivi, invece, presentano mote zone d'ombra che ao stato - 'intera serie archivistica è in corso di riordinamento presso 'Archivio centrae deo Stato - non è possibie chiarire de tutto. Quache tempo dopo fu emanato i regoamento per gi Archivi di Stato (r.d. 2 ottobre 191 1, n. 1163) che in sei articoi (artt ) detta norma per i funzionamento de aboratorio di restauro " istituito in forza de'art. 10 dea egge 20 marzo 1911, n. 232 " Una impropria attribuzione vista a ettera de'articoo richiamato ( «È data facotà a Governo de Re di provvedere a'istituzione di un aboratorio di restauro...») che avrebbe piuttosto richiesto un formae provvedimento di esecuzione. Di più, i sei articoi de regoamento trascurano de tutto Lsuggerimenti più quaificanti de progetto Ehre. Non sono chiaramente indicati i compiti di studio e di addestramento; non si fa cenno a'archivista responsabie né a consuente chimico né aa commissione vigiante di cinque membri; non è regoamentata a struttura interna e non è disegnata a pianta organica.

9 18 Antonio Papa n aboratorio fu aestito, ma con «mezzi tecnici modesti " come testimonia Armando Lodo ini in due suoi scritti 1. Lodo ini para di scarse disponibiità di biancio perché gi organi centrai evitarono «a poco a poco d'occuparsene, provocando prima una «unga fase di raccogimento, poi un «ungo sonno fatae,, infine una «crisi ", sino a quando «i aboratorio decadde co sorgere (ne 1938) de'istituto di patoogia de ibro " Forse gravarono non poco anche risentimenti personai e disagi professionai perché Mario Cingoani, i chimico addetto sin da'inizio a aboratorio, si dimise ben presto «disgustato» - cito ancora Lodoini - «da nessun prestigio conferitogi dopo tanto nobie avoro e forse in cuor suo indignato che i merito non fosse ragione di successo e di giusti riconoscimenti». Non privo di significato appare, infine, i fatto che Eugenio Casanova direttore de'archivio di Stato di Roma da 1916 a 1933, pur così at;ento ne'annotare ne suo manuae ogni notizia, a più minuta, sugi archivi di ogni tempo, dentro e fuori i confini nazionai, taccia su aboratorio di restauro di Roma. Forse poco convinti, e 'ufficio centrae e gi archivisti, de'utiità di una simie struttura, che pure a commissione Ehre, anticipando i tempi, aveva disegnato con scrupoosa competenza, i aboratorio fu fatto operare tra difficotà ed indifferenza: i nuovo ordinamento degi archivi de regno approvato con egge 22 dicembre 1939, n. 2006, ignora i aboratorio. Quando ne 1963 fu, finamente, istituito i Centro di fotoriproduzione, egatoria e restauro degi Archivi di Stato, i progetto Ehre fu soo parziamente riesumato. I compiti di studio e di addestramento furono con chiarezza indicati, ma a parte più strettamente tecnico-scientifica fu trascurata. La tabea de personae annessa a dpr 1409/63 prevedeva una soa quaifica tecnica, gi operatori fotografi. I Centro nacque, e per anni operò, senza aureati in materie scientifiche, senza tecnici o addetti di aboratorio, senza restauratori e egatori. È de 1977 (10 febbraio) un decreto a firma de ministro per i beni cuturai pro tempore, Mario Pedini, che consentì di comare quei vuoti e di assumere, grazie aa successiva egge 285/77, personae tecnicq-scientifico secondo e indicazioni dea commissione Ehre. A. LODOL!NI, Origine e attività de/ aboratorio di restauro presso t'archivio centrate deo Stato, in Misceanea di scritti vari in memoria di Afonso Gatto, Firenze 1956, pp ; Io., I cinquantenario de regoamento 2 ottobre 1911, n per gi Archivi di Stato, Roma 1961, pp (Quaderni dea Rassegna degi Archivi di Stato, 9). Ceciia Prosperi I restauro dei documenti di archivio Negi archivi i più diffusi supporti scrittori sono a carta e a pergamena, ma non è raro i caso di supporti in stoffa, egno, metai, cera. La natura di tai supporti è soggetta a gravi deterioramenti perché subisce i danni de tempo, i danni di una non idonea conservazione e quei di natura meccanica. Esempi di interventi di restauri empirici, operati ne passato più o meno recente, non mancano. Lavori eseguiti artigianamente e privi di ogni fondamento scientifico che spesso hanno causato ai documenti danni più rievanti di quei che si prefiggevano di sanare. La coscienza di un restauro che tenesse, per esempio, in debito conto a materia oggetto di un intervento di savaguardia, i materiai da usare, i procedimenti e e metodoogie da adottare, si è fatta strada moto entamente. La stessa istituzione de Centro di fotoriproduzione egatoria e restauro degi Archivi di Stato, cui affidare o studio e a sperimentazione di questa particoarissima materia, risae a Acuni principi generai sono ormai comunemente accettati sia ne campo de restauro dei beni archivistici e ibrari sia in queo più generae dei beni cuturai; fermi restando però questi principi, è da sottoineare i fatto che, comunque, esistono differenze di metodi, prodotti e tecnoogie che distinguono ogni intervento. La decisione riguardo a materiae da sottoporre a restauro va presa, da parte di un istituto archivistico, con mota cautea ne'ambito di una accurata programmazione degi interventi su serie archivistiche che oggettivamente necessitano di avori di ripristino. Acuni documenti presentano oggettive priorità, per esempio i documenti di grande formato in quanto richiedono maggiori cautee sia per a conservazione che per a consutazione, perché presentano probemi egati a precedenti interventi di ripristino; i documenti particoarmente fragii per varie cause di degrado quai muffe, microrganismi o acidità

10 20 Ceciia Prosperi I restauro dei documenti di archivio 21 de supporto o dee mediazioni; i documenti egati a cui egatura non sia più funzionae; e pergamene irrigidite o adese a vari supporti. Ne campo de restauro dei beni archivistici va detto che ogni pezzo è comunque un caso patoogico a sé, per e caratteristiche intrinseche dea materia scrittoria che varia da uogo a uogo, da epoca ad epoca, per a disomogeneità dee mediazioni grafiche, otre che per i formato e per i condizionamento. Ne'ambito di una medesima serie archivistica è possibie riscontrare diversità e deo stato di conservazione e dee mediazioni grafiche, o di atri eementi tai da necessitare di metodoogie di intervento tutt'atro che generai. Per tutta questa serie di motivi a sceta dei trattamenti da eseguire va fatta caso per caso; qui si possono soo deineare i principi fondamentai aa base di ogni intervento. L'originaità non deve mai essere modificata e 'intervento di ripristino deve mirare a fermare o, se non è possibie, a raentare determinati processi degenerativi e a ristabiire 'integrià, non soo esteriore, ma " strutturae» de documento. Sia per e fibre dea carta che per e ceue dea pergamena si deve intervenire per rafforzare, se indeboite, o per restituire oro 'easticità perduta otre che per ridare forma ed estetica. Ogni eemento originae va savaguardato e recuperato; quaora ciò non sia possibie, come per esempio ne caso di una egatura non più funzionae, a si può sostituire con una nuova. Ne'opera di rifacimento di detta egatura si terrà comunque conto degi eementi originai innestandoi sua nuova coperta, mentre per a sceta dei prodotti si seguiranno criteri di funzionaità e durabiità. I restauro va sempre imitato ao stretto indispensabie. Per quanto concerne, per esempio, i risarcimento ed i rinforzo de materiae membranaceo si interviene soo quando a conservazione futura sia compromessa da acerazioni profonde, da erosione di insetti o degradazioni dovute a microrganismi, o quando a struttura de documento sia indeboita tanto da renderne probematica a consutazione. La natura e 'intervento debbono essere sempre evidenti. Quaora, ad esempio, i documento abbia bisogno di un intervento di ripristino, i materiae da usare deve essere compatibie con 'originae senza contraffazioni di coore, per evitare i rischio di fasificazioni che comprometterebbero 'originaità de documento. Non è ammessa acuna riproduzione imitativa degi eementi mancanti siano essi puramente decorativi o contenutistici. Gi inchiostri e tutte e mediazioni grafiche, che spesso hanno natura diversa, vanno anaizzati, individuati e saggiati per accertarne i grado di soubiità e 'eventuae reazione ai trattamenti cui verranno sottoposti durante e successive fasi di avorazione. I procedimenti adottati per i restauro devono essere sempre reversibii per assicurare a possibiità di smontaggio e di interventi futuri. I prodotti debbono rispondere a criteri di efficacia, reversibiità e stabiità chimico-fisiche e bioogiche. Ribadendo ciò che già è stato detto su'impossibiità di parare di restauro in un unico discorso generae, va comunque detto che 'iter de restauro prevede dee operazioni tipiche per ciascun pezzo, operazioni che di vota in vota subiscono aggiustamenti nei prodotti e nei procedimenti. Prima di ogni intervento i documento viene accuratamente numerato e schedato. Soitamente i dati vengono annotati su di una scheda, già predisposta, che prevede una parte strettamente archivistica, un'atra inerente ao stato di conservazione, ae metodoogie da usare, e un'utima, da compiarsi a restauro utimato, sui prodotti e sue operazioni eseguite. Si effettua anche una documentazione fotografica deo stato di conservazione de pezzo, documentazione che verrà ripetuta a avoro utimato. In caso di interventi particoari si effettua anche una riproduzione fotografica dee fasi di avorazione a scopo didattico e di documentazione. Ogni intervento è preceduto da una serie di tests o prove non distruttive tendenti ad accertare sia i grado di acidità de supporto o dee mediazioni grafiche sia a soubiità di queste utime ae souzioni o a prodotti che verranno poi utiizzati. Le operazioni di puizia si articoano in due fasi: puizia a secco, tendente ad asportare povere o grumi di fango o tracce di coanti, e puizia ad umido con avaggi per immersioni o per tamponamento, utiizzando acqua deionizzata o demineraizzata, souzioni o soventi adeguati. Ai avaggi segue o spianamento sotto peso o sotto pressa e o stiramento, su appositi teai, per pergamene contratte e deformate.

11 22 Ceciia Prosperi I fissaggio di circoscritte mediazioni grafiche soubii soitamente è eseguito con Paraoid B 72 e a tenuta di frammenti, ne caso di documenti acerati e in pezzi, si effettua con 'appicazione temporanea di un veo precedentemente coato con Prima AC 33; protezione questa da rimuovere aa fine dei trattamenti ad umido. L 'asciugamento avviene sempre a temperatura ambiente. Per risarcimento comunemente si intende que'insieme di operazioni di rattoppo dee acune, con carta giapponese, sutura dei tagi e dee acerazioni. Per i risarcimento de materiae membranaceo e metodoogie usate prevedono 'utiizzazione di pergamena attuae per e egature e carta giapponese per i fogi manoscritti. Tae sceta è stata dettata da una maggiore garanzia di stabiità che fornisce a carta giapponese a confronto di pergamene attuai, non corrispondenti per spessore o grana o animae usato a quee originai, creando così, ne tempo, pericoose trazioni. Spesso un supporto cartaceo particoarmente indeboito necessita di un rinforzo, che può essere eseguito o mediante ricoatura con meticeuosa o mediante veatura ad umido con carta giapponese su verso. Tae veatura sarà a cado con veo precoato con Paraoid B 72 in presenza di mediazioni grafiche soubii. È raro, ma non inconsueto, i caso di una doppia veatura su verso e su recto in presenza di documenti estremamente fragii e acerati. Atrettanto raro è i caso di veatura di fogi membranacei. A competamento di questa nota su restauro de materiae d'archivio seguiranno acuni esempi di interventi sperimentai portati a termine presso i Centro, documentati daa reativa scheda di avoro. La prima (cfr. scheda n. ) si riferisce a restauro di una mappa appartenente a'archivio de Comune di Asti 1. I Centro, pur dando priorità a documenti appartenenti agi Archivi di Stato, opera restauri anche su materiae di proprietà di archivi non statai ma soggetti aa vigianza dee Sovrintendenze archivistiche, qua- I restauro dei documenti di archivio 23 ora questi documenti si presentino particoarmente interessanti per o studio, a ricerca e a sperimentazione di nuove metodoogie d'intervento. La pecuiarità de supporto, si tratta infatti di stampa su seta, e e notevoi dimensioni hanno soecitato 'interesse su questo documento. Dapprima i aboratorio di anaisi ha condotto una ricerca per individuare 'adesivo più idoneo da utiizzare e che non fosse soggetto a'attacco di microrganismi. Tutte e operazioni di restauro sono state precedute da prove simuate su campioni, che permettessero di accertare 'idoneità dei prodotti usati e di fornire agi operatori a manuaità necessaria a trattare un supporto per oro inconsueto. La seconda (cfr. scheda n. 2) si riferisce ad un registro membranacee appartenente a'archivio di Stato di Verona che, per o stato di conservazione generae, in particoare dei piatti in egno dea egatura, presentava particoari difficotà. I piatti in egno, gravemente danneggiati da'azione di insetti, sono stati sottoposti, dopo 'anaisi ao stereomicroscopio de gabinetto bioogico, ad un trattamento disinfestante e curativo a scopo preventivo. La terza ed utima (cfr. scheda n. 3) riguarda una serie di documenti membranacei ex coperte di atti notarii de'archivio di Stato di Enna. Un tipo di recupero questo che i Centro ha effettuato su varie serie appartenenti a diversi Archivi. Come in tutti i casi anaoghi, e pergamene presentavano un evidente sbiadimento dee facce esterne dee coperte e fori di cucitura, otre che acerazioni e acune. APPENDICE SCHEDA DI RESTAURO n. 1 I restauro dee mappe de'archivio storico de Comune di Asti è stato iustrato in occasione de convegno Cartografia e istituzioni in età moderna, tenuto a La Spezia i 7 novembre 1986, vedi MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI, Cartografia e istituzioni in età moderna. Atti de convegno, Genova, Imperia, Abenga, Savona, La Spezia, 3-8 novembre 1986, t. II, Roma 1987, pp PARTE PRIMA: Segnature archivistiche Istituto di conservazione: Archivio storico de Comune di Asti Intitoazione: " Carta de a rivera de Genova con sus verdaderos confines y caminos»

12 24 Ceciia Prosperi I restauro dei documenti di archivio 25 Estremi cronoogici: anno 1685 Supporto: una mappa in seta Dimensioni (in cm.): atezza 90, arghezza 200 PARTE SECONDA: stato di conservazione Supporto: In origine quattro sezioni di cm. 90 x 50 incoate per sovrapposizioni dei margini più unghi, i tutto adeso su tea, con bordo di seta cucito ungo i margini. Supporto moto sporco, acunoso, sfiacciato. Evidenti segni di fori da chiodi ungo i bordi dimostrano che in origine i tutto era su tavoa Mediazioni grafiche: stabii, a stampa PARTE TERZA: Operazioni di restauro Scucitura de bordo: con bisturi e forbici SCHEDA DI RESTAURO n. 2 PARTE PRIMA: Segnature archivistiche Istituto di conservazione: Archivio di Stato di Verona Intitoazione: Matricoa dei Notai registro n. 6 Estremi cronoogici: anni Supporto: membranaceo Dimensioni (in cm.): atezza 37,5, arghezza 26,5, dorso 6 Numero dee carte: 141 cc. numerate da a 141 Prove di soubiità: con acqua Distacco dea tea: a secco e soo dove necessario ad umido Separazioni dee sezioni: a secco e soo dove necessario ad umido Puitura a secco: con penneo morbido e bisturi Lavaggio: per ogni singoa sezione, condizionata tra vei sintetici, due immersioni in acqua tiepida: quindici minuti a prima, dieci minuti a seconda Spianamento e messa in squadro di trama e ordito: sezioni bagnate su vetro con ausiio di riga e squadra Asciugamento: a temperatura ambiente su vetro e sotto peso con interposti fogi di carta fitro Riordinamento fii: sui bordo dee acune con penneo bagnato Veatura: a tamburo su vetro sabbiato con veo giapponese 502 e adesivo tyose MHP 300, 20 gr./itro Ricomposizione dee sezioni: con tyose MHP 300, 40 gr./itro ungo i bordi originariamente adesi Appicazione bordo: con stoffa in seta pura cucita con fio di seta Foderatura: con bisso di ino precedentemente avato e asciugato, adesivo tyose MHP 300, 40 gr./itro Montaggio: su teaio a doppia croce di pino stagionato- spessore cm. 7 x 2,8, atezza cm. 100, arghezza cm rivestito con tea di popeine di cotone, avata e asciugata, di coore più scuro de bisso utiizzato per a foderatura. I tutto rifinito su verso de teaio con carta giapponese 524, adesivo tyose MHP 300, 40 gr./itro con cinque per cento vinavi 59 Condizionamento: in cornice egno noce, cristao semidoppio con distanziatori. Restauratori: L. Cristofanei, S. Di Franco, C. Pedone. PARTE SECONDA: stato di conservazione Supporto: fogi mancanti, atri con tagi e piegature, sporchi e macchiati; dorso con cospicui residui di adesivo Mediazioni grafiche: di diversa natura, inchiostri sbiaditi, miniature, capiettera miniati Legatura: piatti in egno rivestiti in pee aumata, 8 borchie, tracce di 2 ganci di chiusura, nervi di cucitura inseriti nei piatti, dorso rinforzato in cartone, capitei in pee aumata PARTE TERZA: Operazioni di restauro Scucitura: con bisturi a secco Puizia: spoveratura a secco con penneo Lavaggio e ammorbidimento temporaneo: per tamponamento con souzione idroacoica (30-70%) Smacchiatura, spianamento e asciugatura dei bordi: con etere etiico e trieina sotto peso tra carte siiconate e cartoni, successivamente tra carte fitro e cartoni sotto eggera pressione. I fogi miniati tra carte siiconate, gommapiuma e cartone Restauro: su 25 fogi braghette su bordo interno con doppia carta giapponese n. 517, adesivo tyose MH 300 p. (4%. acqua); su 24 fogi sadature tagi con peicoa pergamena adesivo tyose MH 300 p. 4%. acqua e vinavi 59 a 5%; su 9 fogi risarcimenti con doppia carta giapponese 517 adesivo tyose (4%. acqua).

13 26 Ceciia Prosperi I restauro dei documenti di archivio 27 PARTE QUARTA: operazioni di egatura Smontaggio egatura originae: distacco dea coperta in pee aumata dai piatti, smontaggio borchie e chiodi e fermagi di cucitura. Rifacimento dea egatura: a) Cucitura: su 5 nervi di pee aumata con fio di cotone; rifacimento dei capitei su un'anima di pee aumata arrotoata, con fio di coore neutro. b) Rifacimento dei fermagi e borchie mancanti: in ottone; sadatura di rinforzo dei chiodi. c) Puizia dea coperta originae: con souzione idroacoica per tamponamento. d) Recupero coperta originae: innestata su nuova pee aumata; rinforzo de dorso con carta ingress adesa sua pee di copertura. e) Trattamento piatti ignei : penneature ed iniezioni nei fori di pentacoro fenato di sodi o. f) Inserimento de voume, cucito, nea coperta, pee adesa sui piatti e rimboccata con tyose MH 300 p. a 4% e vinavi 59 a 10%. g) Montaggio dei fermagi di chiusura borchie e chiodi: adesi sui piatti con tyose MH 300 p. a 4% e vinavi 59 a 10%. Asciugatura e spianamento: sotto peso tra carte fitro e/o carte siiconate e cartoni Restauro: con doppia carta giapponese di adeguato spessore, adesivo tyose MH 300p (4%). Sadature con peicoa di pergamena e adesivo tyose MH 300p e vinavi 59 (5%), stucca tura con carta giapponese e adesivo tyose MH 300p e vinavi 59 (5%). Restauratori: P. Circi, L. Nuccetei, C. Pedone, G. Rava. Restauratori: M. Brigazzi, E. Ceccoi, P. Circi, C. Pedone, G. Rava. SCHEDA DI RESTAURO n. 3 PAR TE PRIMA: Segnature archivistiche Istituto di conservazione: Archivio di Stato di Enna Archivio: Archivio notarie di Catanissetta Estremi cronoogici : secc. XVI-XIX Supporto: membranaceo Dimensioni: varie Numero dei fogi: 117 PAR TE SEC ONDA: stato di conservazione Supporto: sporco, sbiadimento dee facce esterne, etichette adese, acerazioni ungo i bordi di piegatura, strappi Mediazioni grafiche: di diversa natura, inchiostri sbiaditi, capiettera miniati PAR TE TERZA: Puizia: spoveratura a secco con penneo Distacco, avaggio, ammorbidimento temporaneo: per tamponamento con souzione idroacoica (30-70%)

14 Giancaro Impagiazzo, Daniee Ruggiero, Maria Teresa Tanasi Una iniziativa in materia di conservazione per a savaguardia dei futuri documenti * Creare in un ambiente idonee condizioni di temperatura, umidità, iuminazione, protezione daa povere etc., rappresenta uno stato necessario ma non sufficiėnte per garantire a conservazione dei documenti. Infatti, pur se 'ambiente ricopre un ruoo fondamentae nei processi degradativi dei supporti scrittori, non si può non tener conto dea quaità dei vari componenti i supporti stessi. A conferma di quanto detto basta 'evidenza che carte moto antiche sono ancora oggi in buono stato, mentre carte fabbricate a partire daa fine de XVII secoo si presentano deboi, fragii e tavota in uno stato tae da non permetterne a manipoazione pur se conservate nee stesse condizioni ambientai. Non basta quindi che i documenti siano conservati adeguatamente, ma occorre anche che siano redatti su supporti idonei a durare ne tempo. Ne corso dei secoi i più dee vote sono state principamente considerazioni di pratica utiità, otre che economiche, ad affermare 'uso dei vari supporti scrittori e perfino a determinarne a quaità, in particoare dea carta che rappresenta i materiae più diffuso negi archivi e nee bibioteche. Fino aa metà de XVII secoo a carta fu fabbricata a mano; 'ata quaità di queste antiche carte risutava da un'attenta avorazione artigianae, da'uso di fibre idonee (straccio di cotone, ino, canapa e oro miscee) e, in quache caso, da contenuto in carbonato di cacio derivante daa cace utiizzata per a fermentazione degi stracci e/o dae acque dure utiizzate per 'impasto fibroso. La crescente richiesta di carta portò aa introduzione di maccinari più sofisticati, a'uso di nuovi tipi di fibre e a'aggiunta di vari additivi. Si ringrazia in modo particoare i dott. G. Poes de ministero de 'Industria, de Commercio e de'a rtigianato, sperimentatore presso a Stazione sperimentae per a ceuosa, carta e fibre tessii vegetai ed artificiai di Miano, per i vaidissimo contributo fo rnito nea fo rmuazione dea tabea.

15 30 Impagiazzo, Ruggiero, Tanasi Per a savaguardia dei futuri documenti 31 A causa dee scarse conoscenze tecniche gi effetti a ungo termine di queste innovazioni non erano a tempo noti: a momento dea produzione a carta sembrava idonea ad essere conservata, ma ne corso de tempo a sua integrità si è mostrata compromessa. Se si ripercorrono e tappe evoutive dea fabbricazione dea carta si potrà vautare 'infuenza, purtroppo in generae negativa, che ciascuna innovazione ha avuto sua stabiità e durabiità 1 È attorno aa metà de XVII secoo che a quaità dea carta cominciò a scadere a causa de'impiego de'aume di rocca a fine di migiorare a coatura eseguita con geatina. L'aume, infatti, ha per azione de'acqua a tendenza a dare prodotti acidi che rimangono a'interno dea struttura fibrosa dea carta e favoriscono a demoizione idroitica dea ceuosa, suo costituente primario. Evento concomitante fu 'invenzione di una nuova macchina per a raffinazione ad opera di un ignoto cartaio oandese (da cui i nome «raffinatrice oandese») che sostituì a pia a magi o muino a pestei. Con 'introduzione di questa macchina si abbreviarono i tempi di raffinazione ma si produsse carta di quaità più scadente a causa di una azione meccanica moto energica, che comportava una più drastica azione di tagio dee fibre e una sfibriazione sempre minore rispetto aa azione più banda dea pia a magi. Ne 1807 venne introdotta a coatura aa coofonia, che fornì un uteriore vantaggio economico sia per i basso costo di questa resina sia per i fatto che a coatura non era più un processo a sé stante ma diveniva una fase de processo di avorazione, a cosiddetta «coatura in impasto " Tae coatura richiese però un quantitativo di aume maggiore rispetto a queo necessario per a coatura aa geatina, compromettendo maggiormente a quaità dea carta, accrescendone, come si è visto, 'a- 1 Co termine stabiità si intende a capacità dea carta di mantenere inaterate ne tempo e sue proprietà chimico-fisiche, posto che sia conservata in condizioni ambientai idonee e senza essere utiizzata. Questa caratteristica egata a sempice trascorrere de tempo non va confusa con a durabiità che è definita come a capacità di resistere ae normai soecitazioni nee condizioni di utiizzo. Per esempio a carta moneta deve essere durevoe, ma a stabiità non è di soito un probema; a carta usata per stampe artistiche dovrebbe essere stabie, ma a durabiità non è un probema poiché e stampe di soito vengono montate e incorniciate; a carta per registri deve essere stabie e durevoe poiché essa contiene registrazioni che devono essere conservate a ungo ed è soggetta a considerevoi azioni di usura meccanica. cidità. Nea seconda metà de XIX secoo quando 'aume di rocca fu sostituito da sofato di auminio, noto come «aume dei cartai», a quaità dea carta peggiorò uteriormente a causa dea presenza di acido soforico ibero che esso conteneva 2. Ne 1774 venne scoperto i coro. Le sue proprietà sbiancanti furono ben presto sfruttate dai cartai che poterono impiegare anche stracci coorati e ottenere carte più bianche e apparentemente più pregiate. I coro nasconde però due insidie: una egata aa possibiità che i suoi residui diano uogo ne tempo a prodotti acidi, 'atra connessa aa sua azione ossidativa che conduce aa degradazione dea ceuosa. L'invenzione dea macchina continua, avvenuta nei primi anni de'ottocento, trasformò i processo di fabbricazione consentendo produzioni più eevate e a creazione di una vera e propria industria. La carenza di materia prima spinse a cercare nuove fonti di approvvigionamento: si utiizzò a pagia e i egno; a pasta meccanica fu i primo prodotto da egno impiegato nea fabbricazione dea carta. I egno umido veniva sfibrato contro una moa ruotante in pietra; e fibre spezzate, isoate, unite a fascetti, non soo risutavano non uniformi in termini di unghezza e diametro, ma contenevano anche, otre aa ceuosa, ignina ed emiceuosa, sostanze incrostanti instabii che inducono a degradazione dea carta. Queste fibre, non purificate e poco raffinate, a momento dea formazione de fogio potevano stabiire soo parziamente tra oro quei egami che conferiscono aa carta e proprietà di resistenza meccanica. Successivamente a messa a punto di processi di purificazione dea ceuosa portò a'impiego dee paste chimiche e semichimiche. Questi processi consentirono di isoare e fibre più o meno totamente dae sostanze incrostanti, ma a causa di trattamenti con reattivi energici ad ata temperatura si potevano ottenere prodotti già parziamente degradati specie se i processo non era ben controato. I passaggio da una produzione artigianae ad una produzione industriae, se da un ato ha consentito una maggiore disponibiità di carta a più basso costo, da'atro ha portato ad un decadimento dee sue quaità con conseguenze assai gravi per a conservazione dei documenti. 2 L'aume di rocca è un prodotto naturae minerae costituito da un sofato doppio di auminio e potassio; ' aume dei cartai è invece un sottoprodotto dea avorazione dea bauxite per ottenere 'auminio. La bauxite viene trattata con acido soforico per cui i sofato di auminio derivante è impuro per a presenza di acido ibero.

16 32 Impagia=o, Ruggiero, Tanasi Per a savaguardia dei futuri documenti 33 I fattori che portano aa degradazione dea carta sono oggi ben conosciuti e si dispone inotre di metodi d'indagine moto sofisticati: si hanno perciò tutti gi strumenti per poter intervenire sua quaità de prodotto. Adottando carte che soddisfino i requisiti di stabiità e di durabiità ovviamente associati a idonee condizioni di conservazione, si potrano evitare in futuro quei costosi e tavota compicati interventi di restauro che spesso si sono resi necessari per savare e testimonianze de passato. Ne'intento di incoraggiare 'utiizzo di carta stabie e durevoe, è necessario precisare e specifiche tecniche e i metodi di anaisi per assicurare che in futuro i documenti siano redatti su carta a unga vita. Questa esigenza è già stata avvertita da tempo in atri paesi ed è stata tradotta in norme che fissano i requisiti per carte a unga conservazione. Negi Stati Uniti d'america, ad esempio, già ne 1974 è stata emanata una norma ASTM3 che precisa e specifiche per carte destinate ad essere usate per registri e documenti. La successiva norma ANSI 4 de 1984 fa riferimento aa stabiità e durabiità di carte destinate aa stampa di materiae ibrario. Queste norme hanno tenuto conto dei risutati dea ricerca iniziata da W. ). Barro w ne 195 7, sotto 'egida de Counci o n Library Resources e dea Library of Congress, e competata dopo a sua morte dai membri de W. J. Barro w Research Laboratory, sito a Richmond, nea Virginia 5. Anaoghe norme sono state precisate anche in Finandia e in Svezia. Per quanto riguarda 'Itaia, i regio decreto 13 gennaio 1910 n. 46, reativo aa «unificazione dei tipi di carta in uso presso e Amministrazioni deo Stato " cassifica a carta in base a'uso cui è destinata. Per ciascuna casse sono precisati due requisiti, uno per a materia di cui è composta a carta e 'atro per a resistenza di quest'utima. Gi standards più eevati, e da punto di vista dea materia prima e da punto di vista dea resistenza, sono riservati aa " carta per eggi e decreti ed in generae per documenti, registri, dispacci di maggiore importanza da con- 3 ASTM, Specijication for Band and Ledger Papers for Permanent Records, norma D 3290, 974. ANSI, Permanence of Paper jo r Printed Library Materias, norma Z 39.48, W. ]. BARROW, Deterioration of Book Stock: Causes and Remedies, Richmond 1959; BARROW RESEARCH LABORATORY, Specificationsjor Permanent/Durabe Book Papers, in «The American Archivist», vo. 38, n. 3, juy 1975, pp servarsi otre dieci anni», che deve essere costituita unicamente da straccio (ino, canapa, cotone) ed avere una unghezza media di rottura compresa tra 5800 e 6000 m. Questa normativa è da considerarsi ormai superata sia perché prevede 'uso deo straccio, oggi non più utiizzato 6, sia perché non tiene conto di tutti gi atri fattori che, otre a natura de'impasto fibroso, possono degradare a carta, primo fra tutti 'acidità, da quasiasi fonte derivi. Un successivo e unico impegno in materia di conservazione, anche se non direttamente riguardante a carta come supporto per i documenti, è i decreto ministeriae de 2 agosto 1983 su'«approvazione dea normativa in materia di cartoni destinati a restauro ed aa conservazione de materiae soggetto a tutea " dove vengono fissate e caratteristiche chimico-fisiche, e toeranze e i reativi metodi di prova dei cartoni da usare negi interventi di conservazione e restauro. A contrario, a egge 5 giugno 1985 n. 283 su'«utiizzazione, ne'ambito dee amministrazioni pubbiche, di prodotti cartari con standards quaitativi minimi in reazione a'uso cui devono venire destinati» rappresenta una minaccia per a savaguardia dei futuri documenti, poiché non esiste una normativa per carte destinate aa conservazione. La egge vorrebbe rispondere a due esigenze fondamentai: provocare una notevoe riduzione dea spesa pubbica e favorire un maggiore impiego di materie prime nazionai. Questo scopo viene perseguito evitando che e amministrazioni deo Stato, gi enti pubbici territoriai e gi enti che in via ordinaria ricevono contributi da parte deo Stato facciano uso di carte con standards quaitativi superfui per 'impiego cui sono destinati. Viene promossa quindi 'utiizzazione di fibre di recupero, di paste ad ata resa e di paste di pagia. Escuse da provvedimento naturament sono tutte e carte particoari, ad esempio e carte vaori, e carte e gi articoi cartacei e cartotecnici per tabacchi avorati, e carte e i cartoni destinati a venire in contatto con gi aimenti, cioè tutte quee carte per e quai o standard quaitativo è garanzia e condizione per 'utiizzabiità de prodotto stesso. La normativa, quando ancora era ao stato di disegno di egge go- 6 Lo straccio oggi non è più in uso per motivi economici e tecnici egati a'ato costo dea raccota ed aa eterogeneità dee fibre tessii che rende difficotosa a cernita e a separazione dee fibre vegetai da quee artificiai e sintetiche.

17 34 Jmpagiazzo, Ruggiero, Ta nasi Per a savaguardia dei futuri documenti 35 vernativo, aveva subito un attento esame da parte de aboratorio chimico di ricerca de Centro di fotoriproduzione egatoria e restauro degi Archivi di Stato, a quae era stata sottoposta per un parere di merito da parte de'ufficio centrae per i beni archivistici 7. I Centro aveva rievato che carte fabbricate con fibre di recupero, paste ad ata resa e paste di pagia non sono idonee per documenti destinati a durare ne tempo. La egge prevedeva una deega a governo per 'emanazione di un regoamento di esecuzione, con i quae si dovevano determinare i criteri per a cassificazione dee carte e degi atri manufatti cartari e stabiire e caratteristiche dee singoe categorie. Neo stesso tempo i governo doveva approvare un capitoato-tipo per a fornitura di prodotti cartari ao Stato e agi atri enti. A ta fine si è costituito presso i ministero de'industria, de Commercio e de'artigianato un gruppo di avoro, de quae hanno fatto parte acuni tecnici de aboratorio chimico de Centro di fotoriproduzione egataria e restauro, per a definizione dee specifiche tecniche per i vari tipi di carta 8. Tra questi è stato inserito un tipo di carta per conservazione che per sempicità è stata denominata «durevoe,, ma che, ovviamente, deve soddisfare i requisiti sia di durabiità che di stabiità. Sono stati previsti due tipi denominati «durevoe A,, e «durevoe B,, a designare, rispettivamente, carte per a documentazione destinata ad essere conservata in teoria iimitatamente e per a documentazione destinata ad essere conservata per ameno cento anni. Nea formuazione dee specifiche tecniche si è tenuto conto, otre che dea composizione de'impasto fibroso, anche di quea degi atri componenti aggiunti ne processo di fabbricazione e dei vaori dei parametri indicativi dea stabiità e durabiità dea carta (vedi tabea 1). Sono state contempate carte a diversa grammatura così da coprire i possibii usi: mentre per i tipo A i gruppo di avoro ha proposto di utiizzare un impasto costituito da fibre di cotone con a presenza ammessa di fibre di canapa, ino e ramié, per i tipo B un impasto costituito da fibre di pasta chimica bianchita di primo impiego di conifera non in- feriore a 7 5%. Per i tipo A è stato sceto i cotone per 'eevato contenuto in afa-ceuosa così da utiizzare un prodotto di partenza più puro e, comunque, in entrambi i casi è necessario che ciascuna materia fibrosa impiegata abbia un grado di poimerizzazione medio 9 non inferiore a 1000 per garantire una certa integrità dee catene ceuosiche. Per e materie coanti sono state escuse coofonia, amido e geatina perché attentano aa stabiità chimica e bioogica de fogio di carta. Le materie di carica devono contenere soo carbonato di cacio e caoino perché entrambe sostanze inerti nei confronti dea ceuosa; in più i carbonato di cacio garantisce una riserva acaina che protegge a carta da eventuai insorgenze di acidità. Le caratteristiche meccaniche significative per una vautazione dea stabiità e dea durabiità dea carta sono a resistenza ae doppie pieghe e a resistenza aa acerazione; e due proprietà simuano rispettivamente o stress di un fogio quando viene piegato avanti e indietro e o stress di acerazione ne momento in cui viene sfogiato. Un parametro chimico di controo considerato è i ph, che rappresenta una misura de'acidità i cui effetti deeteri sua ceuosa sono già stati messi in evidenza. L'intervao di vaori sceti è 7,5-8,5, vaori cioè che si trovano ne campo dea acainità, e ciò dà sufficienti garanzie ai fini di una unga conservazione. I parametri ottici considerati sono stati 'opacità su fondo carta e i fattore di rifettanza diffusa ne bu (grado di bianco). L'opacità deve avere un vaore tae da garantire che a ettura de fogio non sia disturbata daa visione deo scritto esistente su fogio sottostante; per i fattore di rifettanza diffusa ne bu è stato fissato un imite minimo piuttosto basso, da momento che si richiede 'assenza di sbiancanti fuorescenti e di nuanzanti, perché potrebbero dare ne tempo effetti deeteri sua carta. Le atre grandezze prese in esame sono in reazione aa scrivibiità e aa stampabiità de fogio di carta (ruvidità, assorbimento d'acqua, coa tura). Per prevdere a vita utie di un tipo di carta, cioè per vautare se 7 I parere è stato inviato a medesimo Ufficio centrae con nota 1640/X.4 (3) de 17 maggio Aa definizione de capitoato hanno partecipato inotre 'Istituto poigrafico e zecca deo Stato, i Provveditorato generae deo Stato, a Stazione sperimentae per a ceuosa, carta e fibre tessii vegetai ed artificiai di Miano, I'Assocarta, a SIVA s.p.a. 9 Si definisce " grado di poimerizzazione» i numero dee vote in cui 'unità monomerica si ripete nea catena poimerica ed è in reazione aa unghezza dea catena stessa. Poiché e catene ceuosiche dea carta presentano unghezze diverse si considera un grado di poimerizzazione medio.

18 CARA TTERJSTICHE Carta durevoe tipo A Unità di misura (Per a documentazione destinata ad essere conservata in teoria iimitatamente) Carta durevoe: tipo B (Per a documentazione destinata ad esrc: conservata r ameno 00 anni) UJ 0\ Impasto fibroso.... Grado di poimerizzazione (") Grammatura (g/m') Resistenza aa acerazione (indice di acerazione in direzione ongitudinae a senso di macchina) Resistenza ae doppie pieghe ta quae - media minima dee due direzioni (mn m'/g) (og,, N ) Fibre di cotone e/o inters IOO%; è ammessa a presenza di fibre di canapa, ino, ramiè Ciascuna materia prima fibrosa impiegata dovrà avere un grado di poimerizzazione ,0 per 80 g/m': 2,18 per 95 g/m': 2,40 per 120 g/m': 2,54 per 160 g/m': ( * *) per 200 g/m': ( * *) Fibre di pasta chimica b.ta di primo impiego di conifera in quantità non inferiore a 75%; è ammessa a presenza fino ad un massimo de 25% di pasta chimica b.ta di primo impiego di atifogia e/o fibre annuai Ciascuna materia prima fibrosa impiegata dovrà avere un grado di po imerizzazione ,0 per 80 g/m':,95 per 95 g/m': 2,24 per 120 g/m': 2,39 per 160 g/m': ( " *) per 200 g/m': ( * *) '6 - ;; - i;! ;:s " Resistenza ae doppie pieghe dopo invecchiamento acceerato a 105 C per 72h (media minima dee due direzioni - perdita ammessa) (og,, N ),;;; 0,16,;;; 0,16 Fattore di rifettanza diffusa ne bu (grado di bianco) ta quae (%) 75; non è ammesso 'impiego di sbiancanti fuorescenti o di nuanzanti ( * *) 75; non è ammesso 'impiego di sbiancanti fuorescenti o di nuanzanti ( * *) Fattore di rifettanza diffusa ne bu (grado di bianco) dopo invecchiamento acceerato a 05 C per 72h - perdita ammessa (%) In vaore assouto: non superiore a 5 In vaore assouto: non superiore a 5 Opacità su fondo carta _.... (%) Ruvidità Bendtsen.... ph (metodo di estrazione a freddo).... Materie coanti.... Assorbimento acqua (Cobb,., ).... Coatura metodo tratti inchiostro Peikan 400 a tannogaato di ferro.... Materie di carica Finitura (m!min) (g/m') (mm) (%) Liscio di macchina, uniforme sui due ati de fogio tra 7,5 e 8,5 Non è ammessa a presenza di coofonia, di amido e di geatina,;;; 25 tratti incrociati devono risutare senza sbavature Sono ammessi soo i caoino ed i carbonato di cacio. Percentuae massima ammessa 10%, con un minimo de 3% di carbonato di cacio È facotativa a fiigrana e deve essere richiesta espressamente ( * *) iscio di macchina, uniforme sui due ati de fogio tra 7,5 e 8,5 Non è ammessa a presenza di coofonia, di amido e di geatina,;;; 25 tratti incrociati devono risutare senza sbavature Sono ammessi soo i caoino ed i carbonato di cacio. Percentuae massima ammessa 10%, con un minimo de 3% di carbonato di cacio È facotativa a fiigrana e deve essere richiesta espressamente ( ) ( ) Poiché questa caratteristica non può essere determinata su prodouo finito a cartiera dovd conservare a documentazione che assicuri i vaore di questo parametro. C ) ammessa una fuorescenza che dà uogo ad una differenza non superiore a 2,5 unità, in vaore assouto, tra e misure effcnuate con apparecchio Ercpho, ampada ao xcno, senza c con fitro FL 40. ( ) Può essere riportato in tutto o in parre: ) a ragione sociae o i marchio registrato dea cartiera; 2 ) 'anno di fabbricazione; 3) i simboi: (durevoe) e A o 8. rispcujva mente per i tipi dicarta A o 8 ; 4) o stemma dea Repubbica itaiana, se richiesto espressamente. Le diciture devono essere eggibii, i simboi, i marchi e 'eventuae: stemma identificabii senza difficotà. L'atezza de carattere non deve essere superiore a 12 mm. Da specificare se 'eventuae fiigrana deve essere fabbricata ad umido o a secco. C ) I vaori di resistenza ae doppie pieghe saranno indicati di vota in vota in funzione de'uso finae dea carta.!s' \;" ;; '?... ;: '... ;: <I ;:s :: Tabea - Specifiche tecniche di due tipi di carta destinata aa conservazione. UJ --1

19 38 mpagiazzo, Ruggiero, Tanasi Per a savaguardia dei futuri documenti 39 esso è idoneo per documenti destinati aa conservazione, è chiaramente impossibie aspettare i responso de tempo. Numerosi studi sono stati compiuti sugi effetti de'invecchiamento naturae; a oro conoscenza ha permesso di simuari tramite prove di invecchiamento acceerato nee quai a carta viene sottoposta per un certo tempo a temperatura eevata: a norma ISO 1 0, adottata come test di controo di acuni parametri per e carte durevoi, precisa una temperatura di 105 o c per 72 ore. L'effetto prodotto da questo trattamento equivae approssimativamente ad un invecchiamento naturae di 25 anni. La caratteristica meccanica da controare dopo 'invecchiamento è a resistenza ae doppie pieghe, in quanto è a proprietà più sensibie a'invecchiamento co caore, a contrario dea resistenza aa acerazione. Anche se a norma TAPPI 11 stabiisce una perdita di resistenza ae doppie pieghe de 25% dopo 'invecchiamento, si è ritenuto di poter accettare una perdita da 30% perché si parte da vaori iniziai sufficientemente eevati. Come parametro ottico di controo degi effetti de'invecchiamento si è sceto i grado di bianco a cui diminuzione è sintomo di una degradazione dea carta; si è ammesso che dopo invecchiamento ae citate condizioni tae parametro non scenda a di sotto de vaore 70% anche a garanzia de fatto che rimanga un sufficiente contrasto tra scritto e fondo de fogio. La tabea (vedi tabea ) reativa ae carte durevoi è stata formuata sua base di un'indagine bibiografica circa i risutati di studi condotti da vari ricercatori integrata da acune esperienze condotte da aboratorio chimico de Centro. Pur se e specifiche tecniche sono da ritenersi idonee a garantire una unga durata aa carta, è auspicabie in ogni caso che studi uteriori e più approfonditi possano essere portati a termine, sia per poter precisare i probemi rimasti ancora aperti, quai ad esempio gi effetti di un invecchiamento in ambiente umido e 'infuenza di impurezze (ad esempio metai che possono cataizzare e reazioni degradative dea carta), sia per poter ottimizzare i vaori dei parametri proposti. È importante inotre che si instauri una sempre più stretta coaborazione tra conservatori e tecnici perché, non è superfuo ribadiro, per tuteare i patrimonio cuturae non basta poter disporre di materiai di buona quaità, ma occorre anche che essi vengano adeguatamente conservati. Con a pubbicazione (G.U. 5 maggio 1987 n. 102) de decreto interministeriae di deega n. 172 de 9 marzo 1987, che segna un primo importante passo nea risouzione preventiva dei probemi egati aa conservazione dei documenti, è stata premiata 'opera di sensibiizzazione condotta nei riguardi di acuni membri de gruppo di avoro che, per motivi diversi, perseguivano una appicazione riduttiva dea egge 5 giugno 1985 n. 283; gi uni aegando motivi di risparmio dea spesa pubbica, gi atri, appartenenti a mondo dea produzione, soevando timori derivanti daa riconversione industriae conseguente aa adozione di carte destinate aa conservazione. Ai primi è stato risposto che obiettivi di risparmio immediato raggiunti con detrimento degi standards quaitativi di produzione avrebbero rimandato ad un tempo nemmeno troppo ontano i probema dea spesa per gi interventi di restauro che sarebbero stati più sicuri che probabii, in quanto documenti redatti su carte quai quee previste da una appicazione restrittiva dea citata egge vanno incontro ad un rapido processo di degradazione. La spesa necessaria per i ripristino di questi supporti sarebbe certamente eevata considerato i iveo quantitativo prevedibie dea documentazione che vi verrebbe redatta e gi ati costi che, come è noto, sono connessi con 'attività di restauro. Le obiezioni opposte ai timori degi industriai sono impicite nee considerazioni appena fatte: una diffusione dea carta per conservazione dovrebbe giustificare e remunerare gi incrementi di investimento necessari ad una sua produzione di massa. A tutti questi argomenti non si aggiungerà a considerazione primaria secondo a quae a conservazione dei documenti, in quanto testimonianza storica, dovrebbe essere reativamente indipendente da eccessive e non troppo ungimiranti vautazioni economicistiche. IO ISO, Paper and Board - Acceerated Ageing - Part /. Dry Heat Treatment, norma 5630/1, TAPPI, Effect of Heating on Foding Endurance (Reative Stabiity of Paper), norma T 453 su, BIBLIOGRAFIA W. J. BARROW, Tbe Manufacture and Testing of Durabe Book Papers, Richmond, R. W. Church, 1960.

20 40 Impagiazzo, Ruggiero, Tanasi F. GALLO, Ricerche sperimentai sua resistenza agi agenti bioogici dei materiai impiegati ne restauro dei ibri, in «Boettino de'istituto centrae per a patoogia de ibro, XX (1964), pp F. GALLO, Ricerche sperimentai sua resistenza agi agenti bioogici di materiai impiegati ne restauro dei ibri. VI. Saggi su coanti puri o addizionati di fungicidi, in «Boettino de'istituto centrae per a patoogia de ibro, XXVIII (1969), pp Daniee Ruggiero Gi inchiostri antichi per scrivere E. GRANDIS, Encicopedia dea stampa. Aggiornamento N. 14. Prove sua carta, Torino, Società editrice internazionae, BARROW RESEARCH LABORATORY, Perrnanence/Durabiity oj the Book, VII, Richmond, W. J. Barro w Research Laboratory, G. CALABR6, La carta. Storia e vicissitudini attraverso i secoi, in Boettino de'istituto centrae per a patoogia de ibro, XXXVI (1980), pp M. G. BLANK - D. M. PLYATE - E. M. LOTSMANOVA, The Forecasting of the Longevity of Faper, Comparison oj Methods, Ottawa 1981 (!COM Committee for Conservation 6th Trienna Meeting). D. H. DUMAS, Recent Progress in Akaine Sizing, in Proceedings of the Technica Association oj the Pup and Paper ndustry. Paperrnakers Conjerence, Atanta, TAPPI, 1981, pp E. R. BAKER, Stime Contro in Akaine Paper Machine Systerns Chorine Dioxide, in Proceedings of the Technica Association of the Pup and Paper Industry. Paperrnakers Conference, Atanta, TAPPI, 1981, pp R. W. HAGEMEYER - L. J. WELCH, Natura Cacium Carbonate jor Akaine Paper, in Proceedings of the Technica Association of the Pup and Paper Industry. Paperrnakers Conjerence, Atanta, TAPPI, 1981, pp D. P. PAISTE, Considerations for Akaine Paperrnaking, in Proceedings oj the Technica Association oj the Pup and Paper /ndustry. Paperrnakers Conjerence, Atanta, TAP PI, 1981, pp R. E. Mc COMB -]. C. WILLIAMS, The Vaue of Akaine Papers for Recycing, in Proceedings of the Technica Association of the Pup and Paper Industry. Paperrnakers Conference, Atanta, TAPPI, 1981, pp G. B. KELLY - N. WEBERG, Specifications and Methods oj Test for Akaine Papers, in Proceedings of the Technica Association of the Pup and Paper Industry. Paperrnakers Conjerence, Atanta, TAPPI, 1981, pp L. C. TANG - M. A. TROYER, Adding Stabiity to Akaine Papers, in Proceedings oj the Technica Association of the Pup and Paper Industry. Paperrnakers Conference, Atanta, TAPPI, 1981, pp A. C. SCLAWY - ]. C. WILLIAMS, The Demand jor Akaine, Perrnanent, Paper, in Proceedings of the Technica Association ojthe Pup and Paper Industry. Paperrnakers Conjerence, Atanta, TAPPI, 1981, pp Gi inchiostri sono dei preparati generamente iquidi che permettono di tracciare sua carta o atro supporto idoneo dei segni diversi da fondo. Data a grande eterogeneità dea oro composizione e a motepicità degi usi a cui sono destinati non è facie darne una cassificazione soddisfacente. Possiamo tuttavia distingueri in due categorie fondamentai: inchiostri per scrivere, che comprendono gi inchiostri neri, coorati, metaici, soidi, simpatici ed atri ancora. Gi inchiostri neri sono a oro vota suddivisi in inchiostri a nerofumo, ferro-gaotannici, di aizarina, a egno di campeggio, a base di cooranti artificiai; inchiostri da stampa, che comprendono gi inchiostri per macchine da scrivere, per timbri, per marcare, itografici e tipografici. Ne presente articoo ci occuperemo soamente degi inchiostri neri per scrivere a nerofumo e ferro-gaotannici, poiché sono i più diffusi negi archivi e nee bibioteche e, quindi, i più interessanti ai fini dea conservazione e de restauro. Si iniziò a scrivere incidendo pietre, tavoette di argia, tavoette di cera, corteccia d'abero. La nascita di nuovi supporti quai i papiro, a pergamena e, poi, a carta rese necessario quache materiae per scrivere su di essi con canne _e pennei. E non fu difficie ottenere miscee nere o coorate per questo proposito in paesi come 'Arabia o 'Egitto, dove a tecnica di tintura dei tessuti era già abbastanza sviuppata. Iniziamente (III sec. a. C.) e per un periodo di otre 200 anni, 'inchiostro era una sempice mistura di carbone di egna poverizzato o di fuiggine con acqua, tavota con aggiunta di gomma o oio di ino. Man mano i metodo di preparazione de'inchiostro divenne sempre più compesso.

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

TUTTO CIO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE E NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE SUI DANNI A TAPPETI!!!

TUTTO CIO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE E NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE SUI DANNI A TAPPETI!!! TUTTO CIO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE E NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE SUI DANNI A TAPPETI!!! LIBERA CHIACCHIERATA CON UN CONSULENTE DEL SOTTOSCRITTO, ESPERTO CONOSCITORE DI TAPPETI. Durante l attività

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

I miceti: da saprofiti a patogeni

I miceti: da saprofiti a patogeni I trattamento dee micosi di più frequente riscontro in Medicina Generae Perché occuparsi di micosi superficiai? } Le micosi superficiai (che coinvogono cute e mucose) rappresentano un capitoo rievante

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE cataogo generae genera cataogue SPAZZATRICI PROFESSIONALI E URBANE PROFESSIONAL AND URBAN POWER SWEEPERS Operatore a terra Wak behind modes SM Spazzatrice manuae a spinta Manua pushing sweeper con a soa

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Lo sfondo: tra continuità, discontinuità interventi parziali, assenza di un disegno complessivo di

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli