CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori"

Transcript

1 Sesta catechesi post-battesimale dei padrini Obiettivi CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori Chi accoglie questo bambino nel mio nome, dice Gesù, accoglie me (Luca 9,48) L incontro -possibilmente unitario- di tutti i padrini e le madrine dei bambini battezzati, sino a circa sei anni, dovrebbe avere una cadenza annuale. Ha lo scopo di aiutare i padrini: - a fare una verifica dell accompagnamento del loro figlioccio/a, - ad approfondire la loro missione e responsabilità formativa, - a trovare motivazioni e modalità concrete per svolgere con gioia il loro ruolo. L articolazione di questa scheda è analoga a quella dei genitori. Sono proposti molteplici suggerimenti. Al sacerdote e all animatore della pastorale post battesimale è lasciato, ogni anno, il compito di individuare insieme al gruppo dei catechisti quali contenuti e attività privilegiare. 1. Per iniziare (15 minuti) L incontro, dopo che i padrini si sono presentati, potrebbe essere avviato in diversi modi. Si può scegliere uno tra quelli proposti. a. Un regalo mancato. I padrini e le madrine sono invitati a rispondere alla domanda: Durante quest anno avevo pensato per il mio figlioccio a un regalo speciale che, però, non ho fatto. Quale?. Lasciato qualche minuto per la riflessione personale, si raccolgono e si scrivono le risposte di ognuno su un cartellone. Senza alcun commento verbale, l animatore può sottolineare, con colori diversi, i tipi di regalo: materiali, educativi spirituali. Non sarà difficile comprendere la sensibilità dei padrini! b. La lettera del figlioccio. Si può distribuire e leggere la lettera virtuale del figlioccio al padrino, riportata nel dépliant della fase precedete, Caro padrino, cara madrina ( I. B 4). Ogni padrino è invitato a evidenziare con due diversi colori le tre frasi della lettera che ritiene di avere attuato e le tre frasi distanti dal suo modo di agire verso il figlioccio. In seguito ciascuno è invitato a leggere ad alta voce le due serie di frasi. c. Una strada in salita. Ci si può limitare a porre una domanda: Quali difficoltà indicare due principali- hai incontrato quest anno a fare il padrino o la madrina?. Le risposte possono essere espresse verbalmente o anche riportate su un cartellone. d. Esperienza gratificante. La domanda rivolta ai padrini e alle madrine potrebbe essere formulata in questo modo: Quest anno negli incontri o contatti con il mio figlioccio ho sperimentato una piacevole e imprevista sensazione. Che cosa mi ha stupito?. Le risposte possono essere riportate su un tabellone. Osservando l elenco delle risposte, senza commento, ogni padrino intravede la singolare ricchezza di cui i bambini sono silenziosi testimoni. 2. In ascolto (15 minuti) Si possono scegliere una o due delle citazioni riportate nella scheda. Dopo la loro lettura, è opportuno un breve commento per richiamare il contenuto centrale. Collaboratore dei genitori 1

2 Dal Rito del battesimo dei bambini: Secondo la primitiva tradizione della Chiesa, per ammettere un adulto al battesimo si richiede un padrino, scelto in seno alla comunità cristiana. Egli aiuterà il battezzando e dopo il battesimo lo sosterrà perché perseveri nella fede e nella vita cristiana. Anche nel battesimo dei bambini si richiede il padrino: egli amplia, in senso spirituale, la famiglia del battezzando e rappresenta la Chiesa nel suo compito di madre. Collaborerà con i genitori perché il bambino giunga alla professione della fede e la esprima nella realtà della vita (n.8). Si può sottolineare: Il padrino - rappresenta la Chiesa ed esprime la sua maternità, - entra a far parte della famiglia del battezzando che viene allargata spiritualmente, - collabora con i genitori nella crescita della fede del figlioccio. Padre spirituale Verso il 390 Giovanni Crisostomo, nel delineare la funzione dei padrini, ricorda che essi si rendono garanti, dinanzi alla comunità, del cammino spirituale di coloro che hanno accompagnato nella preparazione al battesimo. Precisa: Coloro che garantiscono delle cose spirituali e della virtù [dei battezzandi], devono mostrare molta vigilanza esortando, consigliando, correggendo e rivelando affetto paterno Una grave condanna incomberà su di loro se sono stati negligenti. È consuetudine chiamare costoro padri spirituali, affinché imparino quale affetto [per i loro figli spirituali] devono mostrare con le loro stesse azioni nell insegnamento delle cose spirituali (Catechesi VI, 15-16). Il Crisostomo si riferisce a padrini di adulti. A maggior ragione la loro funzione si applica ai padrini dei bambini. Nel testo si afferma che i padrini sono padri spirituali: - per l affetto paterno manifestato ai figli spirituali, - per l insegnamento delle cose spirituali, con implicito riferimento alla Scrittura, alla preghiera ai segni e riti liturgici. - per una vigilanza fatta di esortazioni, consigli, correzioni. Maestro ed educatore Dionigi, scrittore cristiano vissuto in Siria e in Palestina, all inizio del VI secolo ha lasciato la più antica testimonianza sul ruolo del padrino di bambini battezzati in tenera età. Scrive: I genitori [dopo il battesimo] metteranno il bambino in mano a un uomo battezzato e buon maestro di cose sante. Il bambino resterà sotto la sua condotta come sotto un padre divino. [Il padrino] incaricato dichiara di voler educare il bambino nella vita santa e si farà garante della sua salvezza. [Nell atto della rinuncia e della professione di fede] il padrino non dice: «Io faccio le rinunzie e le sacre professioni a nome del bambino», ma: «Il bambino rinunzia e promette». In altri termini: «Io mi impegno a persuadere il bambino, una volta che arriverà alla sacra intelligenza a opera delle mie istruzioni, a rinunziare totalmente alle cose contrarie e a professare e mettere in pratica le sante promesse». Non c è nulla di strano, a mio parere, se il bimbo viene educato secondo un istruzione divina, avendo avuto un maestro e un padrino santo, che gli inculca l abito delle cose divine e lo conserva immune dalle cose contrarie (Gerarchia ecclesiastica, VII, 3). Si può notare: - I genitori -senza rinunziare alla loro responsabilità- affidano il figlio a un padrino che è una persona battezzata, santa, cioè di provata vita cristiana, e buon maestro nelle cose sante, vale a dire in ciò che riguarda la vita religioso-spirituale. - Il padrino è presentato con una triplice funzione. È maestro: ha il compito di istruire il bambino nel campo religioso. È educatore nella vita santa: persuade il bambino a rinunziare a ciò che è contrario alla vita cristiana, a mettere in pratica ciò che si professa nella fede, ad acquisire l abito, cioè un modo stabile, di pensare e vivere da credente. È garante della sua salvezza: si adopera nel modo migliore per promuovere, garantire la crescita spirituale del bambino. - Il padrino, secondo l Autore, nel battesimo non si sostituisce al bambino. Impresta la voce e la sua fede. Si tratta di un atto carico di responsabilità. A chi gli obietta che è una cosa ridicola che altri facciano le rinunzie e le sacre professioni al posto dei bambini, Dionigi risponde che il padrino non fa la rinunzia a nome del bambino, ma che si impegna a prendersi cura di lui, a educarlo nella fede in modo che un giorno egli possa assumere la responsabilità del battesimo. 2

3 Accompagnatore del bambino Dal Catechismo dei vescovi, Lasciate che i bambini vengano a me: La tradizione della Chiesa di dare al battezzando un padrino e una madrina manifesta la premura di tutta la comunità ecclesiale per la futura crescita umana e cristiana di ogni battezzato. Al padrino e alla madrina è chiesto di accompagnare il bambino nella vita di fede con la loro testimonianza di vita cristiana, con la loro preghiera e con le parole. Il loro compito è ancora più delicato quando i genitori, pur chiedendo il battesimo dei loro figli, si trovano in grave disagio spirituale (n. 74). In sintesi si afferma che il padrino e la madrina: - sono un espressione concreta della premura materna della comunità cristiana, - si impegnano a sostenere i figliocci nella crescita della fede, - accompagnano i loro figliocci attraverso la testimonianza, la preghiera, le parole. Dal commento dell una o dell altra citazione emergono alcuni chiari impegni e responsabilità del padrino. Sarebbe opportuno continuare la discussione -tutti insieme o a piccoli gruppi- ponendo l interrogativo: Quando sei stato richiesto di fare il padrino o la madrina, sapevi della responsabilità che ti assumevi? Chi ti ha informato del tuo compito di padrino?. 3. Momento di riflessione (25 minuti) È utile offrire un quadro sintetico sulla missione e ruolo del padrino. Si lascia all animatore dell incontro decidere quali aspetti privilegiare. a. Padrino si diventa! Ognuno svolge la missione di padrino a suo modo. Sono in gioco molti fattori: la sensibilità umana e religiosa di ciascuno, il tipo di occupazione, la distanza geografica. lo spazio concesso dai genitori. I modi di svolgere il ruolo di padrino sono molteplici. Nessuno, però, è nato padrino. Impara se si interroga, cerca, prova, chiede consiglio. b. Paternità e maternità spirituale. Chi è scelto come padrino o madrina con il battesimo diventa padre o madre spirituale. Si tratta non di un legame di sangue, ma di una particolare parentela nella fede, contratta con il battesimo del figlioccio e fondata su una grazia speciale. La paternità spirituale impegna il padrino a dare il suo aiuto anzitutto alla crescita nella fede e nella vita cristiana del figlioccio. Al centro del servizio del padrino è la generazione spirituale. c. Testimone della maternità della Chiesa. Il padrino manifesta ed esprime, con una sua modalità particolare, la missione della Chiesa che è madre ed educatrice dei suoi figli. Insieme ai genitori, primi educatori nella fede, il padrino è chiamato per il legame unico e speciale con il figlioccio a prendersi cura della sua crescita spirituale. La sua missione è un vero ministero o servizio ecclesiale. È uno dei ministeri laicali più antichi. Ciò che fa grande la dignità e responsabilità del padrino è il suo operare a nome della Chiesa. Di qui il necessario legame del padrino con la comunità ecclesiale, ma anche la richiesta da parte della Chiesa di specifici requisiti, così pure l impegno della comunità cristiana a sostenere la missione del padrino. d. Collaboratore dei genitori. La responsabilità primaria dell educazione compete ai genitori. Il ruolo del padrino è sostenere, incoraggiare, consigliare l agire di papà e mamma nella formazione umana e spirituale del figlio. Per questo è giusto riconoscere ai genitori una concreta responsabilità nel proporre il nome del padrino, perché stimato, ritenuto idoneo alla sua missione, considerato un valido alleato nell educazione. Le modalità di un alleanza educativa non sono scritte. Devono essere cercate, discusse, provate. e. Maestro e educatore. È la duplice missione del padrino verso il figlioccio. Essa sarà svolta in sintonia con i genitori. Si sa che ogni formazione si fonda su una relazione personale. Man mano che il bambino cresce, il legame fra padrino e figlioccio deve trovare forme e modi appropriati. 3

4 f. Esperienza arricchente. Svolta con serietà e dedizione la missione del padrino è un fattivo sostegno per i genitori, un prezioso aiuto al figlioccio, un silenzioso servizio che fa crescere la comunità ecclesiale. Nello stesso tempo un serio accompagnamento del figlioccio è un evento di grazia e di crescita per il padrino, invitato a ripensare al proprio battesimo, arricchito dalla presenza silenziosa e disarmante del bambino, sollecitato a vivere secondo i valori essenziali del vangelo, dei quali è testimone ogni bambino. g. Avventura possibile. Oggi la figura del padrino in molti casi è indebolita, talvolta strumentalizzata, persino stravolta. Chi cerca di capire il suo ruolo di padrino è assalito da dubbi, difficoltà senso d inadeguatezza. Colui che si interroga è già sulla buona strada. Consapevole della sua impegnativa e delicata missione, il padrino sa che è sostenuto da una grazia particolare del Signore, ha il diritto di ricevere aiuto dalla comunità cristiana, scopre che alcune porte si aprono con la preghiera. I sette tratti richiamati, anche se non sono esaustivi, offrono un ampia visione della missione del padrino. Per riprenderli e approfondirli, si suggeriscono alcune vie: - invitare un padrino a esporre la sua esperienza: come sta attuando il suo ruolo, il suo legame con i genitori e con il figlioccio, che cosa lo sostiene nella sua missione fatti e momenti arricchenti; - formare piccoli gruppi e consegnare a ciascun gruppo uno dei setti tratti con l invito a interrogarsi sul suo significato e possibili applicazioni; - scrivere su un cartellone o su un foglio, da consegnare ad ognuno, l elenco dei sette tratti che caratterizzano la missione del padrino. La richiesta è esprimere un proprio parere sulla loro applicabilità: attuabile, difficile da realizzare, impossibile da attuare. 4. Un tempo per interrogarsi (15 minuti) È opportuno passare al momento più applicativo: Quali iniziative o interventi mettere in campo per dare concretezza al nostro servizio di padrino?. Le scelte sono personali. Può essere utile elencare alcune iniziative già sperimentate: - prevedere opportuni incontri con i genitori del figlioccio per una scambio di pareri sull educazione, in particolare sulla formazione al senso religioso; - avere contatti personali con il figlioccio, sempre più frequenti con la sua crescita; - interessarsi con una certa regolarità della salute della vita del figlioccio; - prendere parte ad alcune celebrazioni dove sono coinvolti i genitori e i bambini - ricordarsi non solo del compleanno, ma anche dell onomastico e dell anniversario del battesimo del figlioccio; - farsi presente, oltre che con il telefono, anche con uno scritto personale, una lettera diretta al figlioccio. Già dopo i due anni essa può essere letta dai genitori; - dare spazio, con una certa continuità, alla preghiera per il figlioccio, ecc. L elenco di queste iniziative può essere consegnato ad ogni padrino e madrina, invitando ognuno a fare scelte concrete. Un ulteriore aiuto può essere il dépliant per i padrini ( II. B 6). 5. Una sosta per pregare (5 minuti) Si consiglia di terminare l incontro con un breve momento di preghiera, che può essere articolato in modi diversi. - Si potrebbe dare spazio a preghiere spontanee per il proprio figlioccio. - Se si ritiene opportuno, la preghiera potrebbe diventare una richiesta di perdono per le proprie carenze nello svolgere il compito di padrino. 4

5 - Non sarebbe male riprendere alcune parti del Rito del battesimo dei bambini: la rinuncia a Satana e la professione di fede, ma anche la preghiera dei fedeli, come pure le invocazioni dei santi. - Può essere utile valorizzare la preghiera del padrino riportata nel dépliant, Caro padrino, cara madrina ( I. B 4), o preghiere analoghe. Si può concludere la preghiera con la lettura e la consegna delle beatitudini del padrino. Beatitudini dei padrini e delle madrine BEATI voi se, guardando con stupore il vostro figlioccio, riconoscete il valore delle cose piccole e semplici. BEATI voi quando, inchinati sul vostro figlioccio, imparate a distinguere un ciottolo da una montagna. BEATI voi se, contagiati dal suo sorriso, sarete nella vita dispensatori di gioia. BEATI voi che vi lasciate afferrare dalle sue piccole mani protese e siete disponibili a stringere tante mani silenziose e stanche. BEATI voi che, accarezzando il vostro figlioccio, riconoscete il volto del Signore. BEATI voi quando, meravigliati della sua sorprendente crescita, vi ricordate di essere cristiani in cammino. BEATI voi che pensate al vostro figlioccio e pregate prima di pensare. BEATI voi che camminate con il vostro figlioccio con una mano aperta nel dare e l altra aperta nel ricevere. 6. Momento conviviale Annotazioni. Occorrono tempi lunghi per aiutare fedeli e genitori a valorizzare il ruolo e la missione dei padrini. Al parroco, al coordinatore della pastorale pre e post battesimale, al gruppo dei catechisti accompagnatori il compito di promuovere una paziente opera di sensibilizzazione, di trovare una possibile forma di collegamento con i padrini, di invitare i padrini al loro annuale incontro formativo. Ogni inizio non può essere abbandonato per la scarsa adesione! 5

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori

Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori Annotazioni preliminari Questo è il primo incontro di preparazione dei genitori al battesimo del figlio.

Dettagli

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO SS. Protaso e Gervaso - Seveso 0362.501623 B.V. Immacolata Baruccana 0362.574486 San Carlo Altopiano 0362.553522 San Pietro martire 0362.70978 www.parrocchieseveso.it

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE INIZIA ALLA FEDE

LA FAMIGLIA CHE INIZIA ALLA FEDE CONVEGNO CATECHISTICO DIOCESANO 2013 LA FAMIGLIA CHE INIZIA ALLA FEDE Centro della Comunità Giovanni Paolo II Via Spagnoletti Zeuli (accanto all ex Ospedale de Nicastri) Lucera, 2 ottobre 2013 h. 16.00

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale. Piazza Duomo 1-81100 Caserta. Tel.Fax 0823/322493. Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta.

Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale. Piazza Duomo 1-81100 Caserta. Tel.Fax 0823/322493. Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta. Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale Piazza Duomo 1-81100 Caserta Tel.Fax 0823/322493 Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta.org Pastorale Familiare Sito web. : www.famigliadifamiglie.it e-mail

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo 1.1. Diocesi di Lugano Direttive per il ministero pastorale 1.1. Il Battesimo 8 Il Battesimo 1.1.0. Norme generali sul Battesimo Sommario I. Preparazione al Battesimo II. Ministro del Battesimo III. Luogo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

PICCOLA CATECHESI SUL BATTESIMO PRESENTAZIONE PER GENITORI

PICCOLA CATECHESI SUL BATTESIMO PRESENTAZIONE PER GENITORI PICCOLA CATECHESI SUL BATTESIMO PRESENTAZIONE PER GENITORI PERCHE FACCIAMO IL BATTESIMO? 1. Obbedienti al comando di Gesù: Andate, fate discepole tutte le genti battezzandole nel nome del Padre e del Figlio

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono:

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono: Sacramento del Il Battesimo è la purificazione dal peccato originale e il dono della Nuova Vita, come amati e prediletti Figli di Dio, appartenenti alla famiglia della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo.

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO SPUNTI DI RIFLESSIONE SULLO STATO DELL ARTE CIRCA IL PROGETTO CATECHISTICO-EDUCATIVO DIOCESANO PREMESSE 1. L attuale anno pastorale 2015-2016 dovrà essere dedicato, dal punto di vista che ci riguarda,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA PROGETTAZIONE FORMATIVA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA CON GESU A SCUOLA DI FELICITA Insegnanti: Sonia Colarullo scuola

Dettagli

DIOCESI DI CUNEO E DI FOSSANO. L ALBERO DOVE I PICCOLI TROVANO IL NIDO Pastorale pre e post battesimale SUSSIDIO PER LA SPERIMENTAZIONE

DIOCESI DI CUNEO E DI FOSSANO. L ALBERO DOVE I PICCOLI TROVANO IL NIDO Pastorale pre e post battesimale SUSSIDIO PER LA SPERIMENTAZIONE DIOCESI DI CUNEO E DI FOSSANO L ALBERO DOVE I PICCOLI TROVANO IL NIDO Pastorale pre e post battesimale SUSSIDIO PER LA SPERIMENTAZIONE Presentazione UN NIDO TRA I RAMI La cima di quell albero, alto e robusto,

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Da qualche anno si tiene un unico percorso per entrambe le parrocchie. Si svolge unna volta l'anno (indicativamente da ottobre a febbraio). Il percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA. 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima.

INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA. 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima. INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima. Per comprendere bene che cosa sia il sacramento della Cresima e la

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

ALLE RADICI DELLA VITA DI FEDE

ALLE RADICI DELLA VITA DI FEDE Prima catechesi post-battesimale dei genitori Obiettivi ALLE RADICI DELLA VITA DI FEDE Nella famiglia cristiana i figli, fin dalla tenera età, devono imparare a percepire il senso di Dio e a venerarlo

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti.

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti. PRESENTAZIONE Dalla relazione svolta dal card. Carlo M. Martini a Camaldoli, luglio 2002, al convegno Cristianesimo e democrazia nel futuro dell Europa. La Bibbia divenga il libro del futuro dell Europa

Dettagli