ANNO XXII N 5 giugno PEDALARE!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO XXII N 5 giugno 2012 WWW.CAESIUS.IT PEDALARE!"

Transcript

1 ANNO XXII N 5 giugno PEDALARE!

2 2 EDITORIALE Pedaliamo insieme... sostenendo le scelte per la città! Nei giorni scorsi il Consiglio comunale ha votato il bilancio di previsione del Qualche cittadino ha subito osservato: Ma siamo alla fine di giugno!. E come dargli torto, ma le sempre più complesse misure, con continue proroghe e modifiche durante la fase di applicazione delle norme, costringono i Comuni a ritardare l'approvazione della previsione di spesa, gestendo la città alla giornata. Una situazione non più sostenibile. Per questo il Consiglio, nel corso di una seduta durata poco più di due ore, ha approvato tutte le delibere che sono parte integrante del documento di pianificazione economicofinanziaria dell'ente. Nel prossimo numero del periodico comunale illustreremo i contenuti delle scelte, ma vi posso già anticipare che verranno mantenuti tutti i principali servizi offerti, garantendone anche il livello di qualità. PERIODICO A CURA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CESANO BOSCONE Reg. Tribunale di Milano n. 96 del 23 febbraio 1990 Domanda iscr. RNS del 22 maggio 2001 Editore: Comune di Cesano B. via Pogliani, 3 Direttore responsabile: Vincenzo D Avanzo Consulente di direzione: Claudio Trementozzi Segreteria di redazione: Claudia Boschini Redazione: Aurelio Agnusdei, Andrea Bucci, Salvatore Esposito, Riccardo Nicolosi Collaboratori: R.Sandi, R.Benucci, A.Rotolo Foto: Mario Manili Stampa: La Tipografia sas via Bramante 5,Buccinasco Il controllo della spesa Naturalmente la penalizzazione alla quale siamo stati costretti, e che è stata anche oggetto di una lettera inviata alcune settimane fa ai presidenti della Repubblica e del Consiglio, ci ha costretto a fare scelte che incidono anche sull'imposta comunale unica, l'imu. Anche se in questo caso i partiti di maggioranza hanno deciso di attuare politiche di salvaguardia sia per chi possiede la prima casa, sia per una serie di categorie di persone che si trovano in situazioni particolari, come gli anziani ricoverati in case di cura o cittadini che, per un certo periodo di tempo, lavorano all'estero. Per ora abbiamo applicato l'aliquota minima al 4,5 per mille e quella massima al 10,6 per mille (di cui il 3,8 andrà direttamente nelle casse dello Stato), quindi meno di quanto il Comune ha incassato di Ici nel C'è però ancora molta confusione sul gettito e quindi si potrà decidere fino a settembre se, fermo restando l'equilibrio di bilancio, sarà possibile ridurre le aliquote o investire in manutenzioni di strade e strutture pubbliche le eventuali maggiori entrate. Una scelta politica questa, che dovrà essere condivisa, convinta e partecipata. Nella stessa seduta, ho anticipato che sosterrò l'idea di avviare un progetto specifico, portato avanti dalla Commissione economica, per proseguire il percorso della revisione della spesa dell'ente, già in atto dal 2005, che negli ultimi tre anni ha portato a una riduzione di circa dieci milioni di euro. Altro intervento che ritengo ugualmente strategico è l'istituzione di una commissione specifica che lavori sulla riorganizzazione dell'ente, che dovrà necessariamente decollare entro la fine di questo mandato (giugno 2014). Attualmente a livello nazionale si sta incidendo sulla riduzione della spesa pubblica, per evitare di cadere nel baratro, ma poco sulla crescita, sullo sviluppo, sul futuro, sulle nuove generazioni. E ciò preoccupa, perché il nostro futuro non può continuare a essere di povertà. Gli ultimi obiettivi raggiunti Occorre quindi guardare con fiducia al domani, e investire in progettualità, soprattutto quando otteniamo alcuni significativi risultati di fronte alla giustizia amministrativa, che ci ha dato ragione bocciando il ricorso della Cesano sport management, promotore responsabile della realizzazione della piscina, e riconoscendoci un indennizzo. Anche se, al momento, pende un ricorso al Consiglio di stato. C'è poi la struttura di via Kennedy per completare la quale servirebbe poco più di un mese. I lavori sono stati ripresi, dopo altre peripezie e l opera sarà presto conclusa. È stata aperta la struttura di via Trento, rivolta in particolare ai giovani, che inaugureremo ufficialmente in settembre. A giorni ci doteremo dello strumento del Piano di governo del territorio e potremo pensare alla riqualificazione e valorizzazione delle nostre aree, in particolare quelle del quartiere Tessera, alle vie Don Sturzo e De Nicola. Su quest'ultima, l'auspicio è che la Regione Lombardia faccia uno sforzo ulteriore per realizzare presto la metropolitana leggera come previsto dal progetto originario. Il vostro sindaco Vincenzo D'Avanzo

3 I PRIMO PIANO 3 Piscina: il Tar dà ragione al Comune Il Tribunale amministrativo boccia la richiesta di annullamento dell'atto di risoluzione del contratto che la Cesano sport management aveva presentato contro l'ente Il Comune rientrerà in possesso della piscina. Una vittoria sotto tutti i punti di vista: tecnico, politico, giuridico. Il Tribunale amministrativo regionale, infatti, ha dato ragione all'amministrazione condannando la società ricorrente a un risarcimento danni di 1 milione e 137mila euro, a euro di penali, a euro per spese di lite e a euro da versare al perito (CTU - Consulente tecnico d'ufficio) oltre agli oneri fiscali. Il sindaco ha lasciato di stucco l'intero Consiglio comunale, riunitosi a metà giugno nella Sala delle carrozze, quando ha dato la comunicazione del successo ottenuto in una vicenda che da anni tiene banco nel dibattito tra le forze politiche cesanesi. Uno spiraglio di luce in un momento di tempesta. Sta per chiudersi così un capitolo importante nella lunga vertenza che ha visto contrapposti il Comune e la società promotrice di un project financing che avrebbe dovuto portare alla realizzazione della piscina comunale in via per Cascina Nuova. La sentenza è immediatamente esecutiva e sarà l'ufficio legale incaricato dalla Giunta a garantire l'attuazione delle decisioni del Tar. Una volta conclusi tutti gli aspetti legali e giuridici del procedimento precisa il sindaco D'Avanzo potremo rientrare in possesso della nostra proprietà e individuare una soluzione che ci permetta di riprendere i lavori al più presto. Nel giugno di due anni fa, il sindaco aveva inviato alla società promotrice del project financing una diffida ad adempiere, contestando una serie di addebiti. Una decisione alla quale si è arrivati dopo una lunghissima trattativa, suggerita dai legali del Comune, in una vicenda molto intricata, nella quale c'era di mezzo anche un'operazione finanziaria, della quale l'amministrazione era stata tenuta all'oscuro, con un derivato (swap) che a metà del 2010 segnava un saldo negativo superiore a euro. Il nostro obiettivo era ed è sottolinea il sindaco D'Avanzo consegnare la piscina ai cittadini. Per questo avevamo cercato un percorso di conciliazione, coinvolgendo l'intero Consiglio comunale, che aveva votato un ordine del giorno con il quale impegnava la Giunta a perseguire ogni azione utile ad acquisire quote della società di progetto. Pensavamo di poterne acquisire il 70% con poco più di trecentomila euro e di far proseguire i lavori alle tre aziende che avevano il restante 30%. Quando poi abbiamo scoperto l'esistenza di uno swap precisa il primo cittadino abbiamo bloccato tutto e avviato le procedure per arrivare alla risoluzione del contratto. Una scelta che non è stata accolta con favore dalla Cesano sport management, che ha presentato ricorso al Tar, il quale però le ha dato torto. Tutti gli incartamenti sono stati trasmessi dal Tribunale stesso alla procura della Corte dei Conti. Un atto dovuto conclude il sindaco che confermerà ulteriormente la correttezza, la linearità e la massima trasparenza, nell'interesse pubblico, che la mia Amministrazione ha perseguito.

4

5 SICUREZZA 5 Attività della Polizia locale nel 2011 Decoro urbano, mobilità e parcheggi: sono i due macro ambiti di intervento della Polizia locale, oltre alle attività di polizia stradale. Pubblichiamo il resoconto di quanto svolto nel 2011 Anche per il 2011, la Polizia locale ha rispettato nelle sue attività gli standard di efficienza dei servizi definiti nei documenti di programmazione, garantendo un adeguato livello di presidio del territorio sia attraverso servizi di pattuglia che di vigilanza del centro cittadino; per tutta la durata del calendario scolastico, inoltre, sono stati svolti quotidianamente i servizi di viabilità per tutelare l incolumità degli studenti in corrispondenza delle scuole; è stato promosso con risultati positivi il corso di educazione stradale nelle scuole materne, elementari e medie; sono stati effettuati oltre accertamenti contravvenzionali alle norme del Codice della strada. Grazie agli incisivi controlli di polizia stradale, è stato possibile contenere gli indici dei 200 sinistri nell anno: al 31 dicembre sono stati rilevati sul territorio comunale 157 incidenti stradali (16 in meno rispetto al dato del 2010), di cui 45 con lesioni alle persone (21 in meno rispetto all anno precedente). Gli obiettivi strategici del settore di Polizia locale si collocano in due macro ambiti di intervento: decoro urbano mobilità e parcheggi. DECORO URBANO: NUCLEO DI CONTROLLO DEL TERRITORIO L ambito del decoro urbano, che ha come obiettivo il superamento dei fenomeni di disordine fisico (cattiva manutenzione, vandalizzazione e mancanza di decoro degli spazi e dell arredo urbano, scarsa illuminazione ecc.), è stato presidiato attraverso l istituzione dell unità operativa Nucleo controllo territorio, che ha il compito di attuare azioni volte a combattere incuria, degrado, scarsa pulizia e altre situazioni che compromettono il decoro urbano. Il monitoraggio e il controllo svolto dal Nucleo ha prodotto 459 servizi di pattuglia, di cui 145 al quartiere Tessera, 69 al quartiere Giardino, 92 al Pasubio e 151 in centro. LE ANOMALIE RISCONTRATE Sono complessivamente 459 e possono dividersi per tipologia: anomalie stradali (buche, marciapiedi, cordoli ) arredo urbano (cestini portarifiuti, scritte ) igiene ambientale (discariche, abbandono di masserizie, raccolta differenziata) illuminazione pubblica rete stradale segnaletica stradale verde pubblico (rami pericolosi, potatura piante) parchi pubblici. In 381 casi, si è riusciti a intervenire per correggere le anomalie, mentre 17 segnalazioni sono ancora in attesa, con una capacità di risposta dell Ente (95% di interventi risolutivi) in linea con i parametri di efficienza indicati nei documenti di programmazione. LA COLLABORAZIONE CON ANPANA La salvaguardia ambientale è uno dei cardini per garantire la sostenibilità del vivere cittadino: per questo, è stato avviato un progetto in collaborazione con ANPANA, un associazione di guardie ecozoofile volontarie il cui obiettivo è valorizzare e difendere l ambiente, in particolare le zone protette e di significativo pregio naturalistico, nonché sviluppare l educazione ambientale e la protezione civile. La collaborazione con l Anpana si è rivelata molto proficua: durante i controlli svolti prevalentemente nei parchi cittadini, sono state elevate 82 contravvenzioni. LA MOBILITÀ E I PARCHEGGI Il Piano urbano del traffico, approvato nel 2009, ha accolto gli obiettivi del Piano di Mandato e li ha tradotti in progetti la cui esecuzione però, nonostante la ferma l intenzione dell Amministrazione di dare piena attuazione ai contenuti del Piano del Traffico, ha subìto un forte condizionamento per i ben noti vincoli di bilancio, che hanno indotto la struttura a dilatare i tempi di pianificazione e di esecuzione delle opere. La riqualificazione del tessuto urbano è stata avviata con l intervento sul tratto stradale di via Gramsci, al Tessera, dove si sono anche ampliate le aree destinate alla sosta, restituendo ai cittadini del quartiere circa 80 posti auto. Il prossimo intervento previsto dal Piano urbano del traffico riguarderà il centro, passando dal quartiere Giardino. L obiettivo è mitigare l impatto derivante dal traffico veicolare, attraverso l istituzione di isole ambientali (zone 30, ZTL, zone a traffico residenziale, isole pedonali). Per la mobilità, nel 2011 sono stati portati a termine: il nuovo schema di circolazione di via San Carlo (con l istituzione del senso unico di via Trieste per favorire lo scorrimento del traffico) e la riqualificazione della rotatoria posta tra le vie Isonzo/Italia.

6 S 6 SCUOLA Tutte le iniziative del Progetto scuola Si è appena concluso l anno scolastico: facciamo il punto sulle attività proposte dall Amministrazione comunale per le materne, le elementari e le medie all interno del progetto scuola EDUCAZIONE STRADALE La Polizia locale ha svolto, nel corso dell anno scolastico, una serie di lezioni rivolte ai bimbi delle scuole dell infanzia, delle primarie e delle secondarie di primo grado. PROTEZIONE CIVILE Tutte le classi quinte delle primarie cesanesi sono state coinvolte in un percorso teorico e pratico organizzato dal nucleo comunale della Protezione civile. Al termine, sono state organizzate due esercitazioni, una nella scuola Matteotti di via Kennedy e l altra alla Monaca di via Vespucci.

7 SCUOLA 7 RUGBY Sperimentato per la prima volta quest anno, trentuno classi delle primarie e delle medie hanno aderito al progetto proposto dall associazione Cesano rugby. EDUCAZIONE AMBIENTALE Numerose le iniziative promosse nell ambito del ramo di educazione ambientale del Progetto scuola, coordinato direttamente dalla direzione Ambiente e territorio del Comune insieme all assessorato alla Pubblica istruzione. Organizzate iniziative di animazione e laboratori al Parco Natura, nell Oasi dei nuovi nati e al parco Pertini. Suggestiva la serata proposta in FestAmbiente denominata Di fuoco in fuoco... di luce in luce. MOSTRA DEL LIBRO In collaborazione con il gruppo Libraccio, è stata proposta la prima edizione di Libro al parco all interno del Pertini. GIARDINI NEL TEMPO Alcune classi prime e seconde dei due circoli didattici sono state coinvolte in un percorso sulle piante: la semina, la crescita, i profumi delle erbe aromatiche; inoltre, i bambini hanno formato la giuria che ha votato l esposizione più bella della mostra mercato Giardini nel tempo. SCUOLA IN PIAZZA Per la prima volta, alla fine dell anno scolastico numerose classi hanno esposto e presentato i loro lavori al parco Pertini. INFOENERGIA In collaborazione con lo sportello Infoenergia, alcuni alunni delle quarte e quinte hanno partecipato a un progetto sul risparmio energetico. CON L ANPI La storia della Seconda guerra mondiale è entrata in classe grazie alla collaborazione dell Anpi, che ha riflettuto con gli studenti della secondaria di primo grado sulla Giornata della memoria.

8 8 AMBIENTE Nel differenziare i rifiuti, hai dubbi su dove gettare il foglio usato di alluminio o la vaschetta di polistirolo del formaggio? Dallo smartphone o con il pc, puoi usare un apposita applicazione che con un click ti dice dove conferire la tipologia di rifiuto di cui sei incerto. Cesano Boscone è il primo comune a sperimentarla. È stata programmata dal giovane Francesco Cucari, al quale abbiamo rivolto qualche domanda. Quando nasce l'iniziativa e come la tecnologia, spesso "inquinante", può essere un aiuto per l'ambiente? L iniziativa del Dizionario dei rifiuti nasce per rispondere a una mia esigenza personale. Circa un anno fa nel mio paese, Rotondella (in provincia di Matera), è stata avviata la raccolta differenziata porta a porta. Come altri cittadini, ho dovuto cambiare le mie abitudini nel gettare i rifiuti e, soprattutto, mi sono trovato di fronte tanti cassonetti colorati. Ho quindi voluto un po per gioco unire la mia passione per la tecnologia a questa esigenza pratica ed è così che è nata l applicazione. Penso che tecnologia e sostenibilità ambientale camminino di pari passo. La rete, il web e le applicazioni sono una grande risorsa: occorre usarli consapevolmente, così da portare vantaggi a tutti. Quali sono gli aspetti pratici che si sono rivelati efficaci e su che cosa invece ritieni occorra ancora lavorare per garantire la massima funzionalità dell'applicazione? L aspetto più efficace è la sua semplicità: il fatto di essere un motore di ricerca è un attributo che rende l applicazione utilizzabile da tutti. Altro punto di forza è la geolocalizzazione dell'utente. Un cittadino può U Problemi nel riciclo? C è il dizionario dei rifiuti Un applicazione per smartphone e per pc aiuta a capire dove vanno conferiti i vari tipi di rifiuto da riciclare. Abbiamo intervistato il suo ideatore Francesco Cucari, per capirne il funzionamento Interventi sui lampioni effettuare una ricerca specifica e ottenere informazioni dettagliate sulla raccolta, in riferimento al proprio Comune (se questo ha aderito all'iniziativa Comune differente ), dato che in Italia manca ancora una legislazione unica per tutto il territorio. Il Dizionario dei rifiuti ha ancora ampi margini di miglioramento, ai quali in parte sto già lavorando per offrire un servizio il più utile possibile. Sicuramente un aspetto importante è tenere i vocaboli del database sempre aggiornati. Sintetizzando in quattro passaggi l'utilizzo del "Dizionario", che cosa deve fare un cittadino di Cesano Boscone per poter utilizzare la nuova applicazione? Per la versione web, basta cliccare il banner dizionario dei rifiuti sul sito del Comune per effettuare direttamente le ricerche. Oppure: scaricare l'app dal Market Android e installarla avviare l'app e cliccare su Geolocalizzati selezionare Lombardia, quindi Cesano Boscone ricercare il termine e fare la differenza!. Per garantire una sempre migliore illuminazione stradale, l Amministrazione comunale, in accordo con Enel Sole, sta procedendo a mettere a norma 200 vecchi lampioni pubblici, sostituendo le poco efficienti lampade al mercurio con lampade ai vapori di sodio. A oggi, i lavori hanno interessato: via dei Pioppi, via dei Salici, via delle Ginestre, via B. Croce (lato Orme), via Trieste, via Kolbe, via Trento, via delle Magnolie e via Rossini. Si prevede la completa sostituzione dei corpi illuminanti entro la fine dell estate. L intervento va ad aggiungersi a quello dello scorso anno, che permise la messa in opera di circa 200 lampioni a LED. Come si rottamano televisori e monitor di pc Da luglio, televisori e monitor potranno essere portati alla piattaforma ecologica di via Vespucci esclusivamente di mercoledì (se non è un giorno festivo) dalle ore 8 alle 14.30, con orario continuato. Chi non potesse recarsi alla piattaforma negli orari indicati può prenotare il ritiro gratuito a domicilio telefonando al numero verde , attivo dalle ore 9 alle 12 nei giorni feriali.

9 A VOLONTARIATO 9 In autunno arrivano i folletti della spesa Da ottobre, alcuni utenti del centro diurno psichiatrico "Il Camaleonte" saranno impegnati in un progetto sperimentale di spesa a domicilio a favore di chi ha difficoltà motorie Difficoltà a uscire per fare acquisti a causa dell età o per problemi motori? Dal prossimo autunno, un aiuto arriverà da i Folletti della spesa della Fondazione Istituto Sacra Famiglia, il progetto sperimentale promosso dal centro diurno psichiatrico Il Camaleonte in collaborazione con la parrocchia San Giovanni Battista e il patrocinio dell Amministrazione comunale. Gli ospiti del centro, con l aiuto dell educatore coach Rocco Mastrolonardo e dell operatrice con funzioni educative Enmy Perez, saranno lieti di portare il loro aiuto ogni martedì dalle ore 9.30 alle 12; dopo aver raccolto i dati e gli ordini della spesa, si recheranno insieme nel più vicino centro commerciale, acquisteranno e infine consegneranno a casa la merce. Per ulteriori informazioni: tel Il nome del centro diurno psichiatrico Il Camaleonte spiega il direttore, medico psichiatra Emanuela Cafiso indica metaforicamente la funzione fondamentale che intende svolgere il servizio, cioè quella di accompagnare chi vive la condizione della diversità, in un progressivo mescolamento nella normalità della vita sociale, fino a confondersi con essa. Quanti sono gli utenti del centro diurno psichiatrico che faranno parte del gruppo? Sperimentalmente, una decina di utenti del centro "Il Camaleonte" sarà impegnata da ottobre in un servizio di spesa a domicilio per anziani o persone non autosufficienti, a titolo di volontariato. Qual è il principale beneficio per gli utenti? Mettere a servizio degli altri il proprio tempo, sperimentando nella gratuità relazioni di aiuto, restituisce un senso positivo all esistenza di chiunque. In particolare, nelle persone precipitate nella cronicità della malattia psichica, il volontariato riattiva il tempo diventato sempre uguale, dove non succede nulla, e recupera la motivazione a rimettere in gioco una vita diventata vuota di senso. Che difficoltà riescono a vincere gli utenti impegnandosi nel volontariato? Fare il volontario per il malato psichico significa riattivare relazioni, uscire dall'isolamento, recuperare valori morali e creatività che contrastino i vissuti spesso presenti di angoscia, ansia e inutilità del vivere.

10 COMUNE DI CESANO BOSCONE SPORTELLI RISPARMIA TEMPO SCEGLI L ORARIO GIUSTO! Le prossime scadenze SCUOLA pagamenti di refezione, nido, pre/post: entro i primi 10 giorni di tutti i mesi presentazione della richiesta di riduzione del pagamento dei servizi scolastici: sabato 14 luglio (con documentazione completa, non fotocopiabile agli sportelli) consegna dei voucher per la dote scuola: da martedì 31 luglio TIA venerdì 13 luglio lunedì 1 ottobre venerdì 30 novembre. Dezanzarizzazione notturna Avviato in questi giorni il programma di prevenzione per limitare lo sviluppo delle zanzare, finalizzato a ridurre il grado di molestia che queste arrecano sviluppandosi e riproducendosi in raccolte d acqua stagnante. Il Comune interviene sulle aree di proprietà pubblica (pozzetti stradali, verde pubblico, canali e rogge scoperte, rete fognaria, canali coperti, ecc.) con interventi notturni di dezanzarizzazione delle aree a verde e degli edifici comunali. I prossimi interventi saranno nei seguenti giorni: 11 e 25 luglio, 1 e 30 agosto. Le date sono suscettibili di variazioni a causa delle condizioni meteo. Tutte le informazioni ai cittadini verranno messe sul sito e sui pannelli luminosi presenti sul territorio. È possibile chiamare anche il numero verde: Sono previsti anche periodici monitoraggi sulla presenza di larve e sui livelli di infestazione, misurando la presenza di esemplari adulti. Particolare attenzione è dedicata al problema della zanzara tigre per cui sono previsti: monitoraggi tramite ovitrappole, analisi della presenza di larve e monitoraggio della presenza di esemplari adulti. I risultati verranno pubblicati sul sito Internet comunale. Il Comune interviene mensilmente anche con la disinfestazione contro gli scarafaggi in tutte le scuole e gli edifici comunali e nelle vie segnalate dai cittadini. Iscrizione ai servizi scolastici Si ricorda alle famiglie che è necessario rispettare la scadenza di metà luglio per consegnare al servizio Pubblica istruzione, tramite gli sportelli comunali: il modello Isee per la riduzione della retta della ristorazione scolastica (e del prescuola e giochi serali) redditi 2011 la richiesta di iscrizione ai servizi di pre scuola e giochi serali Se non vengono consegnati i documenti: le riduzioni partiranno dal mese successivo alla presentazione dell Isee (ossia da ottobre in poi) nel caso non si raggiungesse il minimo per l attivazione della sezione di pre scuola o giochi serali, la sezione non partirà oppure lo farà in ritardo, ad avvenuto raggiungimento di 15 iscrizioni.

11 Il calendario di luglio SABATO 7 LUGLIO dalle ore 19, centro storico, via Roma, via Libertà Notte bianca concerti, cultura, sport, balli, shopping, artisti di strada, artigianato e sapori, degustazioni DOMENICA 8 tutto il giorno, centro storico mercato agricolo CE sano, orti e colori vendita diretta dal produttore al consumatore e degustazione di prodotti del Parco agricolo sud Milano, con la presenza anche degli hobbisti MARTEDÌ 10 ore 20.30, sala Ilaria Alpi, via Turati 6 Incontro mensile di meditazione a cura del Circolo donne Sibilla Aleramo Pallacanestro Cesano Boscone In serie C regionale Si è da poco conclusa l ottima stagione sportiva della Pallacanestro Cesano Boscone che a Varedo, campo neutro, ha conquistato con una gara secca l accesso al campionato di serie C regionale dell anno prossimo. È stata un annata positiva in tutti i sensi e - a detta di molti - una delle più belle sorprese della serie D, avendo disputato un girone di ritorno straordinario con 13 vittorie e solamente 2 sconfitte. La vittoria più importante, però, è stata quella ottenuta in semifinale con la favorita Segrate. Un grazie ai coach Maurizio Contardi e Davide Matto al dirigente Germano Prataviera e alla squadra composta da: Guido Brusferro, Federico Casciano, Alessio Cimini, Alexandre Joao Kisonga, Fabio Migliavacca, Andrea Pedrazzini, Claudio Pobbiati, Lorenzo Prataviera, Massimiliano Reda, Pietro Regina, Federico Rota e Yosvany Zulueta Delgado. Acrogym cesanese ai campionati regionali NOTIZIE 11 L associazione sportiva E.CO Educazione Corporea è presente da 31 anni sul territorio cesanese. Da 2 anni, i colori di Cesano sono rappresentati dalla squadra agonistica di acrogym (disciplina della ginnastica artistica acrobatica a coppie, trii e quartetti con varie categorie, a seconda della difficoltà ed età delle atlete). La squadra partecipa ai campionati regionali e nazionale UISP: nella prima gara regionale, che si è tenuta in provincia di Lodi, le atlete hanno dimostrato una grande crescita tecnica e hanno conseguito 7 podi: 1 posto Melissa Castellani e Irene Paravati cat. C di coppia 1 posto Claudia Migliore e Andrea Fabiano III cat. Coppia 1 posto Claudia Migliore, Laura Dalla Costa e Andrea Fabiano III cat. Trio 1 posto Chiara Cremascoli e Gaia Cuccu II cat. Coppia 1 posto Germana Iannuzzi, Giulia Didoni e Beatrice Cioffi cat. Mini prima trio 2 posto Giulia Didoni e Beatrice Cioffi cat. Mini prima Coppia 3 posto Chiara Ferrario - Sara Dalla Costa - Chiara Cremascoli - Gaia Cuccu quartetto punti 9. L allenatrice Cristina Buono è stata un ottima atleta di questo sport e ora è un insegnante di grande capacità, che sta portando la squadra a risultati eccellenti. Lo scorso anno, è stata nominata Sportivo dell anno per i suoi meriti. Soggiorno a Porto Cesareo Domenica 10 giugno, si è concluso il primo soggiorno estivo marino del centro anziani Spighe d oro a Porto Cesareo. Il tempo è stato abbastanza clemente e ha quindi permesso ai 56 partecipanti di fare il bagno e di prendere la tintarella. Nei mesi di luglio, agosto e settembre, proseguiranno gli altri soggiorni marini e montani. S.O.S. ambrosia Il sindaco ha firmato un ordinanza per prevenire e combattere la diffusione dell'ambrosia, causa di allergia, che colpisce un'elevata percentuale di popolazione sul territorio. I proprietari di aree verdi hanno l'obbligo di verificare l'eventuale presenza e provvedere alla rimozione della stessa, eseguendo due sfalci nel periodo antecedente la fioritura (fine luglio e fine agosto). Tutti i cittadini sono invitati a segnalarne la diffusione in zone pubbliche, contattando l'ufficio Ecologia del Comune al n /545.

12

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso "Donare, molto più di un semplice dare"

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso Donare, molto più di un semplice dare Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione Ufficio

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli