MECCANICA DEGLI AZIONAMENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECCANICA DEGLI AZIONAMENTI"

Transcript

1 MECCANICA DEGLI AZIONAMENTI resentazione5: Rotismi * * presentazione tratta dalle dispense dell ing. M. Carricato Ingranaggio: insieme di ruote dentate che ingranano tra loro (i.e. coniugate). Rotismo: meccanismo in cui la trasmissione del moto avviene mediante ruote dentate. Rotismi ordinari: tutte le ruote girano intorno ad assi fissi. Rotismi epicicloidali: alcune ruote girano intorno ad assi mobili. Rotismo ordinario ad ingranaggio: out rapporto di trasmissione = = = i in out rendimento di moto diretto η = = in out rendimento di moto retrogrado ˆ η = = in in mancanza di informazioni precise ˆ η η

2 Rotismi ordinari Rotismi ordinari ad ingranaggio: per ingranaggi cilindrici e conici: per ingranaggi vite/ruota elicoidale: z = 8, ˆ.98 z 8 η η n p =, z 5 η.4.9 d η s..7

3 Rotismi ordinari Rotismi ordinari con nruote e kingranaggi: rapporto di trasmissione: = = = = = out n 4 n n k i in n n solitamente:, < < < k k 4 = = = = z z z z = = = 4

4 Rotismi ordinari ruote oziose: nell esempio in figura, la ruota 4 è oziosa, nel senso che non dà contributo al valore assoluto del rapporto di trasmissione; tuttavia, modifica il verso di rotazione della ruota 5 rispetto alla ruota = = = 4 = = = = z z z z = = = 4 z z4 z5 z z5 z

5 Rotismi ordinari rendimenti di moto diretto e retrogrado: limiti della formula ηˆ = /η: η n = = ˆ ˆ ˆ ˆk η η η, η = = η η η k n Moto diretto: η = η = η η = η η = η j rid j 4 Moto retrogrado: ˆ η ˆ =, η = η η j ( η j ) ˆ η = ˆ η ˆ η = r id ˆ ηrid = = ηrid η j j 4 ˆ η rid η j ˆ η rid 4

6 Rotismi ordinari momenti esterni nel moto diretto: momenti esterni nel moto retrogrado: M M = n n n n n η = = = η M M M n = ˆ η M M = = = = n nm n M n M = M n ˆ η M n M 4 4 M 4

7 Cambi ordinari Il cambio è un riduttore a rapporto di trasmissione selezionabile. I cambi ad azionamento manuale sono costituiti, tipicamente, da rotismi ordinari. Gli alberi di un cambio ordinario sono generalmente allineati lungo due assi, detti primario e secondario. Il primario è coassiale con l'albero conduttore; il secondario è parallelo a questo, ma non necessariamente coincide con l'asse dell'albero condotto. Le ruote di tutti gli ingranaggi del cambio sono, generalmente, sempre in presa. Nella configurazione folle( =), una ruota di ciascun ingranaggio è folle sul proprio albero. In ogni altra configurazione, una ruota precedentemente folle è resa solidale al proprio albero (di norma mediante un innesto sincronizzatore), trasmettendo così il movimento. Nelle autovetture, tipicamente: Numero di marce: 5 6 +R (retromarcia, R ha segno opposto a j ). Rapporto di trasmissione massimo: / max =. Rapporto di trasmissione minimo: / min =4 6.

8 Cambi ordinari Cambio con secondario di rinvio : asse primario IN asse secondario OUT R z 7 =, R z8 5 z6 z4 =, z.96 z =, η.98 z η z =, η.98 η.98 NB: Considerando per ogni ingranaggio η j.98. III II ( ) R ( ) I ( R ) ( )

9 Cambi ordinari Cambio con secondario a contralbero : asse secondario 7 asse primario IN III ( ) OUT R z z η 7 =, R z z8 5 z z6 z z4.94 z z =, η.96 z z =, η.96 =, η. II ( ) I ( ) R ( R ) NB: Considerando per ogni ingranaggio η j.98.

10 CAMBIO MANUALE A 6 MARCE (Lancia) con secondario di rinvio CAMBIO : asse primario; : asse secondario; I, II, III, IV, V, VI: ingranaggi delle rispettive marce; SI, SIII, SV: sincronizzatori; CC: cuscinetti supporto alberi, a rulli conici; RM: ingranaggi di retromarcia; RF: reggispinta comando frizione.

11 Cambi ordinari Cambi semi-automatici (o semi-manuali o robotizzati): La trasmissione ad ingranaggi è uguale a quella dei cambi ad azionamento manuale. Il cambio delle marce richiede il disinnesto della frizione e, dunque, l interruzione della trasmissione di coppia alle ruote motrici. Il cambio delle marce ed il disinnesto della frizione sono realizzati mediante azionamenti elettrici, oleodinamici o pneumatici, comandati elettronicamente. Il controllo del conducente è realizzato mediante levette o pulsanti ± sullo sterzo. Sono impiegati in camion, autobus, vetture sportive, vetture da competizione.

12 Cambi ordinari Cambi a doppia frizione (semi-automatici o automatici): È costituito da cambi robotizzati in parallelo, ossia: frizioni e alberi primari coassiali, uno per le marce pari ed uno per le marce dispari; o alberi secondari. La marcia successiva (di solito quella più alta) è sempre preselezionata. Il cambio marcia avviene disinserendo una frizione e contemporaneamente inserendo l altra. VERSIONE CON UNICO SECONDARIO: M: motore; A: trasmissione primaria; B: doppia frizione; C: albero primario marce pari; D: albero primario marce dispari; E: albero di uscita. A B C D E Vantaggi del cambio a doppia frizione: il tempo di cambiata è brevissimo (sino a 8msec), dipendendo solo dal tempo di commutazione della frizione (in un verso di cambiata, generalmente dal rapporto più basso a quello più alto); non vi è interruzione di trasmissione di potenza alle ruote motrici.

13 Rotismi e Cambi ordinari Bibliografia E. Funaioli, A. Maggiore, U. Meneghetti, Lezioni di Meccanica Applicata alle Macchine - Seconda arte: Elementi di Meccanica degli Azionamenti, atron, Bologna, 9. A. Morelli, rogetto dell autoveicolo, Celid, Torino, 999 Bosch GmbH, Automotive Handbook, Wiley, Chichester,

14 Rotismi epicicloidali Rotismo epicicloidale o planetario: alcune ruote, dette satelliti, hanno il proprio asse mobile, in quanto sono accoppiate rotoidalmentead un membro rotante attorno ad un asse fisso, detto portasatelliti; le ruote aventi asse fisso sono dette solari. Vantaggi: rapporti di trasmissione bassi (anche molto bassi) ; elevate potenze trasmissibili con ingombri e masse ridotti (soprattutto, se s impiegano più satelliti in parallelo). Svantaggi: bassi rendimenti in corrispondenza di rapporti di trasmissione piccoli.

15 Rotismi epicicloidali Formula di Willis: il rapporto di trasmissione del rotismo epicicloidale può calcolarsi mediante il rapporto di trasmissione del rotismo ordinario corrispondente (detto rapporto di trasmissione caratteristico). = = = = ( z,, z ) n n n n n = =, n + ( ) = n = =, n = =

16 Rotismi epicicloidali Rapporti di trasmissione di rotismi epicicloidali a gdl: n n n n =, = ; =, =, n = = ; ; =, =. NB: Nelle configurazioni n / e / è possibile realizzare valori di molto bassi in corrispondenza di =. n

17 Rotismi epicicloidali Rendimento dei rotismi a gdl: il rendimento ηdel rotismo epicicloidale può calcolarsi sulla base del rendimento η del rotismo ordinario corrispondente (detto rendimentocaratteristico). (- η) = (- η ) potenza dissipata m m. η. =. η. =.8 η.8 η

18 Rotismi epicicloidali. η. = n. η. = n.8 η.8 η

19 Rotismi epicicloidali rincipio di funzionamento: Metodo di Willis: = = = = = = + = + Rotismo epicicloidale Rotismo ordinario = = z + z z = = =? = = = z z

20 Rotismi epicicloidali Rotismo epicicloidale classico : Rotismo epicicloidale Rotismo ordinario = = = z Metodo di Willis z + z = = = z z = z z z z

21 Rotismi epicicloidali Rotismo epicicloidale classico. Vincolo d ingranamento: se le ruote sono normali, cioè il loro profilo è non corretto: m = m = m r = mz, r = mz, r = mz r + r = r mz + mz = mz z + z = z m è il modulo delle ruote r j è il raggio della circonferenza primitvadella j-esima ruota z j è il numero di denti della j-esima ruota

22 Rotismi epicicloidali Satelliti multipli in parallelo: ripartizione della potenza trasmessa su più ingranamenti; bilanciamento delle azioni inerziali (durante il moto di regime): forze d inerzia su un corpo rigido jnel moto piano: F, F = mgɺɺ, M = J ɺ j j, G z, G nel moto di regime del rotismo: F, G G O F, ɺ = ɺ = ɺ = M = M = M = i, G, G i, G G G O Gɺɺ = Gɺɺ = F = F = Gɺɺ = Oɺɺ G O = G O ( ) ( ) ɺɺ ( ) i i i F = m G = m G O i i i N s i= ( ) m G O = i

23 Rotismi epicicloidali. Ulteriore vincolo d ingranamento per N s >: II p θ θ I Una ruota rotante intorno ad un asse fisso offre, in configurazioni successive, due immagini identiche di se stessa solo se ruota di una quantità θ pari ad un numero intero di passi angolari p θ : π θ = kpθ = k k N z ( )

24 Rotismi epicicloidali. Ulteriore vincolo d ingranamento per N s >: θ N s =4 a. Si ruoti il portasatelliti di un angolo pari a θ p =π/n s. b. er ingranare correttamente con la corona (fissa), il satellite deve presentare, nella nuova configurazione, la stessa immagine offerta in precedenza dal satellite. 4 c. ertanto, per ingranare correttamente con il satellite nella nuova configurazione, la ruota solare deve offrire la medesima immagine di se stessa. d. Dunque: π π z θ = θ = k θ = N z θ kn S ( k N ) S e. ertanto: θ z = = + = θ z + z z z kn S

25 Rotismi epicicloidali Vantaggi: < compattezza (la ruota interna è fissa e fa corpo con il telaio); elevato rapporto potenza trasmessa / massa rotismo (satelliti multipli); buon rendimento.

26 Rotismi epicicloidali Rotismo a bassissimo rapporto di riduzione: z = z 4 = z z = z + z = z z z z = = = = 4 4 z z4 z ( ) 4 4 = = = = η 4 p z ( ) = 5 Es: z = 5, η =.96 η = =. η

27 Rotismi epicicloidali Rotismi composti: si ottengono disponendo sullo stesso asse due o più rotismi semplici, e collegando rigidamente due membri di ciascun rotismo con altrettanti membri del rotismo successivo; possono ottenersi rapporti di riduzione molto spinti (a scapito del rendimento); sono alla base dei cambi epicicloidali. ' ' ' ' '

28 Rotismi epicicloidali Rapporto di trasmissione: ' ' ' ' ) ) z = =, = = z z = =, =, = z = + = + ( ) ( ) ) = = + ( ) = ( ) ( ) + = =

29 Rotismi epicicloidali Rotismi epicicloidali a gdl: nessuna ruota è fissa; sono differenziali, se posseggono movente (tipicamente, il portasatellite) e cedenti (tipicamente, le ruote e n); sono combinatori, se posseggono moventi (tipicamente, le ruote e n) e cedente (tipicamente, il portasatellite).

30 Rotismi epicicloidali Rotismi differenziali: possono essere a ruote cilindriche o coniche; sono impiegati nelle costruzioni automobilistiche (nella versione a ruote coniche) per trasmettere il movimento dall albero d uscita del cambio alle ruote motrici. V e V i R c b b Ω c i e O c

31 Rotismi epicicloidali Rapporto di trasmissione: 4 = = = = z z = + + = z =z = i, = e = = k + k + = k = + k marcia in rettilineo (k =): = = ; marcia in curva (k >): < <.

32 Rotismi epicicloidali Cambio a 6 marce (Lancia) con DIFFERENZIALE integrato: : pignone; : pignone; CD: corona dentata; D: scatola del differenziale; AR, AL: semialberi delle ruote destra e sinistra, con relativi solari SO; SA: satelliti.

33 CAMBIO MANUALE A 6 MARCE (Lancia) con secondario di rinvio CAMBIO : asse primario; : asse secondario; I, II, III, IV, V, VI: ingranaggi delle rispettive marce; SI, SIII, SV: sincronizzatori; CC: cuscinetti supporto alberi, a rulli conici; RM: ingranaggi di retromarcia; RF: reggispinta comando frizione. DIFFERENZIALE : pignone; CD: corona dentata; D: scatola del differenziale; AR, AL: semialberi delle ruote destra e sinistra, con relativi solari SO; SA: satelliti.

34 Rotismi epicicloidali Momenti esterni nel moto ideale: Ipotesi: le coppie M, M n e M sono le uniche azioni esterne che compiono lavoro sul rotismo (si trascurano le dissipazioni e le azioni d inerzia, qualora presenti). equazione dei lavori virtuali: M M M δθ + nδθn + δθ = formula di Willis: δθ δθ = = δθ = δθ + δθ sostituendo la formula di Willis nell equazione dei lavori virtuali: ( ) n n n δθ δθ ( M M ) [ M M M ] δθ δθ + n + n n + = e dunque, essendo gli spostamenti virtuali arbitrari: M = M M = M ( ) n n M n + M = M + M n + M =

35 Rotismi epicicloidali Le formule precedenti possono riscriversi come: M + M n = M + M n = M + ( ) M n = M + M n + M = M ( ) M = oiché due spostamenti tra δθ, δθ n e δθ possono essere arbitrari (i tre spostamenti virtuali devono rispettare unicamente la formula di Willis), le formule precedenti valgono anche qualora uno spostamento sia identicamente nullo, ossia il rotismo abbia gdl. Qualora il membro jsia fisso (δθ j =), M j è la coppia che occorre applicare dall esterno al telaio affinché questo sia in equilibrio. NB: Se M n =(o M =), allora M =M n =M =.

36 Cambi epicicloidali Il cambi epicicloidali sono normalmente impiegati per realizzare cambi automatici: F a F b F c Cambio automatico GM-Buick: Ω e I a I b Ω u Vincoli rigidi:,, Marce: marciai: F a +F b marciaii: I a +F b marciaiii: F a +I b marciaiv: I a +I b marciar: F a +F c

37 Cambi epicicloidali Rapporti di trasmissione caratteristici dei singoli rotismi: z 7 z = 4, z = 8, z = 78, = = = ; z z z = = = 64, z 6, z 96, = = = ; z z 6 z = = = 4, z, z 68, = = =. z 7 F a F b F c I b Ω e I a Ω u

38 Cambi epicicloidali Freno F a =: Ωe =, = Ω = = = Ω e e Freno F b =: Ωu =, =, = Ωu = = Ω u = Ω u F a F b F c I b Ω e I a Ω u

39 Cambi epicicloidali Freno F c =: Ωu = = = Ω = = Ω =,, u u Ω u = = Ω = = Ω = Ω Innesto I a = :, ( ) e e e = F a F b F c I b Ω e I a Ω u

40 Cambi epicicloidali = =, = Innesto I b = : ( ) ( ) =, = Ω Ω =, u u F a F b F c I b Ω e I a Ω u

41 Cambi epicicloidali marcia I F a +F b : marcia II I a +F b : = Ωe, Ω u = Ω u = Ωe I= =.6 5 = Ωe, Ω u = Ω u = Ωe II = =.4 5 F a F b F c I b Ω e I a Ω u

42 Cambi epicicloidali marcia III F a +I b : = Ω Ω = Ω = Ω = = e, u u e III.65 marcia IV (presa diretta) I a +I b : = Ω, Ω = Ω = Ω = e u u e IV F a F b F c I b Ω e I a Ω u

43 Cambi epicicloidali marcia R F a +F c : Ω =, = Ω u e Ωu ( ) = = Ω u = Ω u ( ) Ω = Ω Ω u u e Ω u = Ωe R = =. 5 Nelle autovetture, tipicamente: Numero di marce: 4 8 +R (retromarcia, R <). Rapporto di trasmissione massimo: / max =. Rapporto di trasmissione minimo: / min =.5 7.

44 Cambi epicicloidali IN A F b B C F a I a OUT

45 Cambi epicicloidali Cambi (completamente) automatici: La trasmissione ad ingranaggi è realizzata, tipicamente, mediante un cambio epicicloidale: L ingombro è modesto. Il cambio delle marce avviene senza interrompere la trasmissione di coppia alle ruote motrici: La frizione è (tipicamente) sostituita da un convertitore di coppia oleodinamico. La marcia è variata comandando opportunamente gruppi di freni e frizioni (ad azionamento oleodinamico) i quali agiscono sui membri dei rotismi epicicloidali. Il cambio delle marce è governato automaticamente in funzione di: posizione dell acceleratore (segnale S acc ) e velocità del veicolo (segnale S vel ): i. Marcia stazionaria ( equilibrio ): S acc =S vel ; ii. Acceleratore invariato, strada in salita (vel. ): S vel <S acc si passa alla marcia inferiore; iii. Acceleratore invariato, strada in piano (vel. ): S vel >SS acc si passa alla marcia superiore. condizioni operative del motore e del veicolo; pulsante stile di guida (sportivo, comfort, ecc.). Sono impiegati quando l interruzione della trasmissione di potenza motrice è: associata a significative riduzioni del comfort di marcia (autovetture con accelerazioni importanti); inaccettabile per ragioni di controllo della guida (fuoristrada).

46 Rotismi e Cambi epicicloidali Bibliografia E. Funaioli, A. Maggiore, U. Meneghetti, Lezioni di Meccanica Applicata alle Macchine - rima arte: Fondamenti di Meccanica Applicata alle Macchine, atron, Bologna, 5. E. Funaioli, A. Maggiore, U. Meneghetti, Lezioni di Meccanica Applicata alle Macchine - Seconda arte: Elementi di Meccanica degli Azionamenti, atron, Bologna, 9. G. Ruggieri, Rotismi Epicicloidali, McGraw-Hill, Milano,

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Trasmissione del moto Prof. S. Pascuzzi 1 Trasmissione del moto ELEMENTO CONDUTTORE impartisce il moto mediante

Dettagli

Ingranaggio conduttore. per IV velocità Cuscinetto a. a rullini per. ingranaggio. per IV velocità. conduttore per IV velocità Anello.

Ingranaggio conduttore. per IV velocità Cuscinetto a. a rullini per. ingranaggio. per IV velocità. conduttore per IV velocità Anello. Nelle figure.0,.,.2 e. sono riportate le viste dell esploso degli alberi primario e secondario, la sezione in pianta e la vista prospettica del cambio a cinque marce della prima versione dell autovettura

Dettagli

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l

Dettagli

ROTISMI EPICICLOIDALI

ROTISMI EPICICLOIDALI 1 ROTISMI EPICICLOIDALI Rotismi ordinari: Rotismi epicicloidali 1 : sono quei rotismi nei quali gli assi delle ruote impegnate nella catena cinematica sono fissi nello spazio. sono quei rotismi che comprendono

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Ruote dentate

Università degli Studi della Calabria. Ruote dentate Trasmissione di moto rotatorio mediante ruote di frizione (ad assi paralleli od anche sghembi) Accoppiamento ruota/dentiera Coppia di ruote dentate fra loro ingrananti: la distanza fra i denti lungo la

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 La trasmissione del moto pag. 2 1.1 I motori 2 1.2 Trasmissione del moto mediante i

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico.

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. Trasmissione meccanica rof. apuzzimati Mario - ITIS Magistri umacini - omo TASMISSIONE MEANIA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. apita molto spesso che il carico meccanico

Dettagli

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA. Ing. Antonino Bonanno IMAMOTER-C.N.R.

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA. Ing. Antonino Bonanno IMAMOTER-C.N.R. Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA in collaborazione con ASCOMAC / CANTIERMACCHINE FEDERUNACOMA / COMAMOTER Milano 10 Luglio 2012 Ing.

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

Ruote Dentate. Ing. Alessandro Carandina A.A. 2014/2015. Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica

Ruote Dentate. Ing. Alessandro Carandina A.A. 2014/2015. Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Ruote Dentate Ing. Alessandro Carandina A.A. 2014/2015 Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Introduzione TRASMISSIONE DEL MOTO DA UN ASSE AD UN ALTRO 2 CINGHIA SINCRONA Assi paralleli Alberi

Dettagli

Dimensionamento di massima di un sistema di propulsione ibrida per una microvettura

Dimensionamento di massima di un sistema di propulsione ibrida per una microvettura U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i B o l o g n a FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Laboratorio CAD Dimensionamento di massima di un sistema di propulsione ibrida per

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Di conseguenza si potrebbe utilizzare un cambio a doppia frizione a sei marce che porterebbe ai seguenti risultati:

Di conseguenza si potrebbe utilizzare un cambio a doppia frizione a sei marce che porterebbe ai seguenti risultati: Cambi per macchine movimento terra ad alta velocità tipo Grader o veicoli forestali o pale militari ve ne sono già e sono cambi di tipo Power-Shift (cambio marcia senza interruzione di potenza) a 6 o 8

Dettagli

LA TRATTRICE AGRICOLA

LA TRATTRICE AGRICOLA LA TRATTRICE AGRICOLA TIPOLOGIE DI TRATTRICI STRUTTURA DELLE TRATTRICI MODERNE PARTICOLARI TIPI DI TRATTRICE PRINCIPALI PARTI DELLA TRATTRICE TIPOLOGIE DI TRATTRICI La trattrice agricola viene definita

Dettagli

RUOTE DENTATE ELICOIDALI AD ASSI PARALLELI

RUOTE DENTATE ELICOIDALI AD ASSI PARALLELI RUOTE DENTATE ELICOIDALI AD ASSI PARALLELI Non interessa qui trattare del taglio delle ruote dentate elicoidali, basti ricordare che le superfici dei denti sono delle superfici coniugate a evolvente come

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

paralleli diritta cilindriche interno vite senza fine-ruota elicoidale

paralleli diritta cilindriche interno vite senza fine-ruota elicoidale Scheda riassuntiva 3 capitoli 5-6-8 Ingranaggi Generalità L ingranaggio è un meccanismo composto da due ruote dentate, una delle quali trasmette il moto all altra attraverso la dentatura. Caratteristiche:

Dettagli

Trasmissione di potenza

Trasmissione di potenza Trasmissione di potenza Differenziale Aperto Perno con i due satelliti in estremità Ruota conica planetaria Disegno di Macchine: materiale di supporto alle Questo assieme è un differenziale di tipo aperto.

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra:

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra: 1. Esercizio Calcolare il potenziale elettrico nel punto A sull asse di simmetria della distribuzione di cariche in figura. Quanto lavoro bisogna spendere per portare una carica da 2 µc dall infinito al

Dettagli

FLUSSO DI ENERGIA E TRASMISSIONE DELLE FORZE

FLUSSO DI ENERGIA E TRASMISSIONE DELLE FORZE 6-1 Bilancio energetico 6 FLUSSO DI ENERGIA E TRASMISSIONE DELLE FORZE L'interazione far le parti di un sistema meccanico è caratterizzata da scambi di energia fra le stesse; l'energia scambiata nell'unità

Dettagli

ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO

ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO vittorio.scialla@strumentiperleaziende.com Attuatore per traiettorie non lineari dotato di

Dettagli

TRASMISSIONE. Prof. Paolo Biondi Dip. GEMINI

TRASMISSIONE. Prof. Paolo Biondi Dip. GEMINI TRASMISSIONE Prof. Paolo Biondi Dip. GEMINI Trasmissione Per trasmissione si intende l'insieme degli organi che trasmettono la potenza del motore ai punti di utilizzazione, in particolare per gli autoveicoli

Dettagli

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40 RI 83 315/2001-01 Rev.2 Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere Sistema di azionamento MHS 40 L'

Dettagli

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Si consideri un convoglio ferroviario per la trazione leggera costituito da un unità di trazione, la quale è formata

Dettagli

RUOTE DENTATE Perdite e rendimento

RUOTE DENTATE Perdite e rendimento Dipartimento di Ingegneria eccanica, Nucleare e della Produzione UOTE DENTATE Perdite e rendimento Prof. Ing. Enrico ANFEDI Integrazione degli argomenti trattati al Cap. 5 del testo di Juvinall e arshek:

Dettagli

Meccanica applicata alle macchine. Laurea Triennale in Ingegneria Industriale. Livello e corso di studio ING-IND/13

Meccanica applicata alle macchine. Laurea Triennale in Ingegneria Industriale. Livello e corso di studio ING-IND/13 Insegnamento Livello e corso di studio Settore scientifico disciplinare (SSD) Meccanica applicata alle macchine Laurea Triennale in Ingegneria Industriale ING-IND/13 Anno di corso 2 Numero totale di crediti

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Avviamento dei motori a combustione interna

Avviamento dei motori a combustione interna Avviamento dei motori a combustione interna Generalità...1 Avviamento dei motori a combustione interna...2 Caratteristiche dei motori di avviamento...3 Meccanismi di ingranamento automatico...5 Ingranamento

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI TECNICA E GESTIONE DEI SISTEMI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA MECCANICA Tesi: ANALISI TEORICA E SPERIMENTALE DEL RENDIMENTO DI RIDUTTORI

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Il Torque Converter Intro. Il Torque Converter Funzionamento (base)

Il Torque Converter Intro. Il Torque Converter Funzionamento (base) Il Intro Tutte le vetture con cambio manuale dispongono di una frizione interposta tra motore e trasmissione che ha la funzione di creare o interrompere il collegamento meccanico tra questi due dispositivi,

Dettagli

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE.

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. Tutti i lati positivi della motorizzazione elettrica e solo i vantaggi di quella tradizionale. IL MEGLIO IN CIRCOLAZIONE. Minori consumi, più rispetto per l

Dettagli

2. Giovedì 5/03/2015, 11 13. ore: 2(4) Spazi vettoriali euclidei. Vettori nello spazio fisico: Prodotto scalare e prodotto

2. Giovedì 5/03/2015, 11 13. ore: 2(4) Spazi vettoriali euclidei. Vettori nello spazio fisico: Prodotto scalare e prodotto Registro delle lezioni di MECCANICA 1 Corso di Laurea in Matematica 8 CFU - A.A. 2014/2015 docente: Francesco Demontis ultimo aggiornamento: 21 maggio 2015 1. Lunedì 2/03/2015, 11 13. ore: 2(2) Presentazione

Dettagli

Efficienza nelle nuove trasmissioni automobilistiche

Efficienza nelle nuove trasmissioni automobilistiche Efficienza nelle nuove trasmissioni automobilistiche Parma, 26 marzo 2010 MOTOPROPULSORE TRASVERSALE La trasmissione permette il trasferimento di potenza alle ruote modificando la coppia e la velocità

Dettagli

Esame di Stato - II sessione 2005 Ingegneria Meccanica - Vecchio Ordinamento Tema di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine

Esame di Stato - II sessione 2005 Ingegneria Meccanica - Vecchio Ordinamento Tema di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine Esame di Stato - II sessione 2005 Ingegneria Meccanica - Vecchio Ordinamento Tema di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine TEMA 3 In Figura 1 è riportato lo schema di un paranco a mano costituito

Dettagli

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Saranno forniti i criteri per la scelta dei servomotori e dei principali componenti meccanici di un azionamento di avanzamento. dimensionamento stazionario

Dettagli

ROBOT CARTESIANI. Abbiamo 9 modelli di robot cartesiani che possono essere forniti in 3 tipologie diverse:

ROBOT CARTESIANI. Abbiamo 9 modelli di robot cartesiani che possono essere forniti in 3 tipologie diverse: ROBOT ROBOT CARTESIANI Apiel realizza un ampia gamma di robot cartesiani da 2 a 6 assi per la movimentazione di oggetti con massa variabile da 2Kg fino a 100Kg con aree operative che arrivano a 20 metri

Dettagli

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Quesito 1 Un punto materiale di massa 5 kg si muove di moto circolare uniforme con velocità tangenziale 1 m/s. Quanto

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

LA TRSMISSIONE E TRASFORMAZIONE DEL MOVIMENTO

LA TRSMISSIONE E TRASFORMAZIONE DEL MOVIMENTO LA TRSMISSIONE E TRASFORMAZIONE DEL MOVIMENTO Classi seconde - Febbraio 2016 IL MOVIMENTO (MOTO) ROTATORIO (CIRCOLARE) CONTINUO ALTERNATIVO TRASLATORIO (RETTILINEO) CONTINUO ALTERNATIVO LA TRASMISSIONE

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Corso di Meccanica Applicata alle Macchine 2 (SV) A.A. 2004/2005 - cap. 1 - pag. 1 1.1 - GENERALITÀ

Corso di Meccanica Applicata alle Macchine 2 (SV) A.A. 2004/2005 - cap. 1 - pag. 1 1.1 - GENERALITÀ Cap. 1 - MECCANISMI 1.1 Generalità 1.2 Ruote di frizione 1.3 Ruote dentate ed ingranaggi 1.4 Ruote e flessibili: cinghie, funi e catene 1.5 Variatori di velocità 1.6 Giunti 1.7 Innesti 1.8 Freni 1.9 Sistemi

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

Elementi di macchine 9 Elementi di macchine Generalità La costruzione di una macchina si basa anche sull utilizzo di componenti commerciali normalizzati; tali componenti possono essere impiegati come reperiti

Dettagli

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE COSTRUZIONI GEOMETRICHE Anno Accademico 2014-2015 Le Costruzioni Geometriche Nello studio del disegno tecnico, inteso come linguaggio grafico comune fra i tecnici per la progettazione

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Dinamica di un autovettura

Dinamica di un autovettura Dinamica di un autovettura Di una autovettura sportiva sono noti i seguenti dati: massa in ordine di marcia M = 13kg carico trasportato m = 15 kg passo p = 236mm ripartizione del peso sull asse anteriore

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^)

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) Il problema del rumore generato dalle trasmissioni è diventato sempre più pressante negli ultimi anni, anche a causa della maggiore esigenza di combattere l inquinamento

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 7 Componentistica di base: alberi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 7 Componentistica di base: alberi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 7 Componentistica di base: alberi Introduzione ai componenti di macchine I componenti meccanici

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Corso di Robotica 1 Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Prof. Alessandro De Luca Robotica 1 1 Robot come sistema programma di lavoro comandi Robot azioni ambiente di lavoro organi meccanici

Dettagli

Cap. 1 - STRUTTURA DELLE MACCHINE

Cap. 1 - STRUTTURA DELLE MACCHINE Cap. 1 - STRUTTURA DELLE MACCHINE 1.1 Oggetto dello studio 1.2 La macchina come sistema 1.3 Studio delle macchine 1.4 Coppie cinematiche 1.5 Catene cinematiche e meccanismi Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

Dinamica di un impianto ascensore

Dinamica di un impianto ascensore Dinamica di un impianto ascensore rev. 1.2 L ascensore rappresentato schematicamente in figura è azionato da un motore elettrico tramite un riduttore ed una puleggia sulla quale si avvolge la fune di sollevamento.

Dettagli

Usato EVERGREEN PLUS CUNEO AUTO 2 SRL. Per autoveicoli Usati con Assistenza Stradale e Mobilita`

Usato EVERGREEN PLUS CUNEO AUTO 2 SRL. Per autoveicoli Usati con Assistenza Stradale e Mobilita` Usato EVERGREEN PLUS CUNEO AUTO 2 SRL Per autoveicoli Usati con Assistenza Stradale e Mobilita` gestionepostvendita mapfre.com MAPFRE è in grado di offrire la più completa e competitiva gamma di servizi

Dettagli

CINEMATICA DEI MECCANISMI DEFINIZIONI

CINEMATICA DEI MECCANISMI DEFINIZIONI CINEMATICA APPLICATA Indice Cinematica del punto materiale Definizioni Tipologie di moto Strumenti matematici Applicazioni Cinematica del corpo rigido Definizioni Centro di istantanea rotazione Formula

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

MotionLine hp. Caratteristiche generali

MotionLine hp. Caratteristiche generali Caratteristiche generali La linea MotionLlne HP è stata realizzata per coprire le applicazioni in cui è richiesta protezione della parti meccaniche interne da polvere o altri corpi estranei. E realizzata

Dettagli

Costruzione di macchine

Costruzione di macchine Giovanni Nerli, è stato ordinario di Progettazione meccanica e Costruzione di macchine presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Firenze dal 1976 al 2008. Ha svolto, oltre all attività didattica,

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI Il pallettizzatore cartesiano aperto è un robot cartesiano serie CC a 3/4 assi con un asse a terra che può arrivare a 10 metri di corsa, per pallettizzare fino a 7 posti

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 Anno Scolastico 009/010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 TRASMISSIONE DEL MOTO CON - RUOTE DI FRIZIONE - RUOTE DENTATE - CINGHIE PIATTE E TRAPEZIOIDALI Prof. Matteo Intermite

Dettagli

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2012-2013 INTRODUZIONE Docente Francesco Benzi Università di Pavia e-mail: fbenzi@unipv.it Dispense in collaborazione

Dettagli

MACCHINE MOTRICI COSA TRATTEREMO

MACCHINE MOTRICI COSA TRATTEREMO LE MACCHINE MOTRICI MACCHINE MOTRICI COSA TRATTEREMO TRATTRICI: FUNZIONI E TIPOLOGIE DISPOSITIVI DI ACCOPPIAMENTO ORGANI DI PROPULSIONE BILANCIO DINAMICO CRITERI TECNICI, OPERATIVI ED ECONOMICI SUDDIVISIONE

Dettagli

(Prof. D. Pessina) PRESA DI POTENZA

(Prof. D. Pessina) PRESA DI POTENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ISTITUTO DI INGEGNERIA AGRARIA I - 20133 MILANO - VIA G. CELORIA, 2 DISPENSE DEL CORSO DI MECCANICA AGRARIA (Prof. D. Pessina) PRESA DI POTENZA a.a. 2001/2002 La presa di potenza

Dettagli

Usando il pendolo reversibile di Kater

Usando il pendolo reversibile di Kater Usando il pendolo reversibile di Kater Scopo dell esperienza è la misurazione dell accelerazione di gravità g attraverso il periodo di oscillazione di un pendolo reversibile L accelerazione di gravità

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Esercizi aggiuntivi capitolo 13

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l angolo di pressione è di 20. Realizzare

Dettagli

Nastri trasportatori GUF-P MINI

Nastri trasportatori GUF-P MINI Nastri trasportatori GUF-P MINI Profilo per struttura del trasportatore mk 2075 mk 2100 mk 2150 Grazie al loro design compatto, i trasportatori GUF-P sono ideali per le applicazioni di dispositivi come,

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino Italia www.offroad.iveco.com. Publication L080708 Febbraio 2008

Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino Italia www.offroad.iveco.com. Publication L080708 Febbraio 2008 Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino Italia www.offroad.iveco.com Publication L080708 Febbraio 2008 I dati riportati sono indicativi e non vincolanti. Iveco si riserva la facoltà di effettuare modifiche

Dettagli

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER TECHNICALINFO Il gruppo motore LEITNER Il gruppo motore LEITNER Compatto, flessibile, affidabile Il presupposto per un utilizzo in sicurezza di un impianto a fune è sicuramente un gruppo argano affidabile

Dettagli

Il software KISSsys associa l analisi

Il software KISSsys associa l analisi Ingranaggi in 3D Potenzialità, caratteristiche e applicazioni di KISSsys, un software destinato alla progettazione di trasmissioni a ingranaggi. In particolare, si presentano esperienze e prestazioni analizzando

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

Benchmark. cambi automatici

Benchmark. cambi automatici Voith Turbo DIWA.3 Con DIWA.3 della Voith scegliete il Benchmark per i cambi automatici di alta tecnologia Cambio Voith DIWA Economicità e comfort attraverso una tecnica convincente Una buona idea è sempre

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

ELEVATORI PER NASTRI

ELEVATORI PER NASTRI NASTRI TRASPORTATORI ELEVATORI PER NASTRI ELEVATORE CONTINUO A RIPIANI Per le esigenze di trasporto in verticale realizziamo elevatori verticali a piano fisso. Queste apparecchiature svolgono sia la funzione

Dettagli

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013 Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 203-204, 9 Novembre 203 Esercizio I. m m 2 α α Due corpi, di massa m = kg ed m 2 =.5 kg, sono poggiati su un cuneo di massa M m 2 e sono connessi mediante una carrucola

Dettagli

La Doppia Frizione a Secco

La Doppia Frizione a Secco La Doppia Frizione a Secco Tecnologia/utensili speciali Audi, Seat, Škoda, Volkswagen, cambio 0AM a marce Renault, cambio DC a marce Le informazioni contenute in questa brochure rivestono puro scopo informativo

Dettagli

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Cuscinetto Rotore Cuscinetto Statore Laboratorio di Elettronica 2 Motore passo passo: Statore ( #8 bobine contrapposte a due a due:

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Le macchine Dal punto di vista statico, una macchina è un dispositivo che consente di equilibrare una forza (resistente)

Dettagli

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino Lunedì 20 dicembre 2010 Docente del corso: prof. V. Maiorino Se la Terra si spostasse all improvviso su un orbita dieci volte più lontana dal Sole rispetto all attuale, di quanto dovrebbe variare la massa

Dettagli

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2 N.1 Un cilindro di raggio R = 10 cm e massa M = 5 kg è posto su un piano orizzontale scabro (fig.1). In corrispondenza del centro del cilindro è scavata una sottilissima fenditura in modo tale da ridurre

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli