Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F"

Transcript

1 Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A

2 Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente si intende un dispositivo limitato alla sola CPU, che richiede memoria, clock e componenti/periferiche esterni (maggior complessità di progetto) Es. Intel x86 à Microcontrollore: normalmente si intende un sistema incluso in un unico package che comprende una CPU, memoria (RAM, ROM/Flash), periferiche digitali (registri I/O, timer, etc.) e analogiche (ADC, comparatori, etc.), oscillatori per generare il clock, etc. Es. Microchip PIC, Texas Instruments MSP430, etc. MCU = Micro-Controller Unit

3 Architettura di un Microcontrollore Una MCU PIC contiene: à datapath con ALU à decoder per POCHE istruzioni. à Oscillatori/PLL per la generazione del clock à Registri generali (RAM) à Registri con funzioni speciali (SFR) à Interrupt Controller à RAM per dati. à FLASH per codice. à Porte di I/O digitale. à Altre periferiche Timer interno AD Converter USART (seriale) SPI/I2C PWM EEPROM dati

4 Microcontrollori Microchip PIC18 Con pochissimi componenti esterni e poche righe di programma si può ottenere un SISTEMA COMPLETO FUNZIONANTE. Facilità di lavoro à Semplice montaggio su scheda à E tutto dentro (anche il clock!) à Non serve progettare una MotherBoard! Programmazione à Assembler con poche, semplici istruzioni à Disponibili compilatori C, basic, Una volta programmato VA! Limiti nelle prestazioni à c e quello che c è (RAM e frequenza limitate) à potenza di calcolo limitata

5 MCU Microchip Diverse famiglie di Microcontrollori à 8, 16, 32 bit Ogni famiglia è composta da numerosi componenti, distinti per: à Memoria dati à Memoria codice à Periferiche à Frequenza di clock à Consumi di potenza

6 Famiglia PIC18 Caratteristiche: à Architettura a 8 bit à Instruction word a 16 bit à Architettura di memoria Harvard Frequenza massima: à 32MHz 64MHz (Internal PLL x4) Memoria codice: à 4KB 128KB Costo: à 1.20$ $ Data EEPROM à 0B 1024B Numero di pin: à pin Tensione di lavoro: à 1.8V 5.5V

7 PIC18 Part numbering Es. condizioni di utilizzo tipo di package PIC18F I/PT memoria codice flash 1 = 18 pin 2 = 28 pin 4 = 40/44 pin 6 = 64 pin 8 = 80 pin 2 1 = 2K bytes 2 2 = 4K bytes 2 3 = 8K bytes 2 4 = 16K bytes 2 5 = 32K bytes 2 6 = 64K bytes 2 7 = 128K bytes

8 Architettura di memoria I PIC18 includono 3 tipi di memoria: à Memoria codice (max 128KB) programma dati permanenti (es. da ricopiare in RAM durante l esecuzione) à Memoria dati RAM (max 3968B) dati temporanei à Memoria E 2 PROM (max 1024B) Mem Flash Codice dati permanenti bus istruzioni CPU bus dati RAM dati periferiche EEPROM

9 Architettura Data-path Esecuzione controllata da un clock a 4 fasi non sovrapposte Struttura della pipeline: à à A regime viene completata un istruzione ogni 4 cicli di clock (eccetto branch). Latenza 8 cicli di clock. MIPS = f CK (MHz)/4

10 PIC18 Spazio di indirizzamento RAM dati vista come insieme di registri à (GPR, General Purpose Registers) Le periferiche sono accessibili attraverso registri di controllo à detti Special Function Register à mappati alle locazioni alte dello spazio di indirizzamento (quindi omogenei alla RAM) Indirizzamento à a 12 bit à A 8 bit + 4 bit per selezione banco

11 Programmazione C E il modo più semplice per programmare un microcontrollore I produttori forniscono Header files e Librerie per utilizzare il dispositivo à L header file definisce tutti i tipi e strutture dati necessarie alla programmazione, à Definisce costanti simboliche per accedere ai registri di controllo delle periferiche à Definisce costanti simboliche per i valori di configurazione dei registri di controllo Es. à /* Esempio programma C */ #include <p18f452.h> #include <adc.h> [ ]

12 Registri di controllo Solitamente l header file definisce nomi simbolici per i registri associandoli alla locazione di memoria corrispondente à es. #define PORTA (*((volatile unsigned char *) (0xF60))) à unsigned char: intero a 8 bit senza segno (0..255) à à à à volatile: keyword del linguaggio utilizzata per indicare al compilatore che la locazione di memoria può essere modificata anche da agenti esterni alla CPU (es. porta I/O in lettura da un pulsante esterno, o il valore di un timer, etc). Se non indicata il compilatore potrebbe fare caching sui registri interni e non rileggere dalla periferica il valore attuale. *: in C indica un puntatore, cioè un tipo di dato/variabile che contiene l indirizzo di una locazione di memoria (che contiene un intero senza segno a 8 bit in queto caso) (tipo di dato): in C indica l operazione di casting : cioè il valore o la variabile che seguono devono essere considerati dal compilatore come il tipo di dato entro parentesi. Es. 0xF60 da solo è un intero a 12 bit, ma con il casting (volatile unsigned char *) (0xF60) diventa un indirizzo di memoria a cui è contenuto un intero senza segno a 8 bit volatile. * in C indica anche l operatore di dereferenziazione. Deve essere seguito da un puntatore. Es. *p = 12; scrive il valore 12 nella locazione di memoria contenuta nella variabile p, definita magari come int *p; (puntatore a intero). Quindi: *( (volatile unsigned char *) (0xF60)) dereferenzia la locazione di memoria 0xF60 e quindi consente di leggere o scrivere a questo indirizzo, dove c è la porta di I/O A: à Es. *( (volatile unsigned char *) (0xF60)) = 12; // scrive 12 nel // registro PORTA variabile1 = *( (volatile unsigned char *) (0xF60)); //copia il valore // del registor PORTA in variabile1 #define simbolo espressione implementa una macro : cioè una sostituzione testuale nel listato della parola simbolo con espressione à Dunque per accedere alla locazione di memoria F60 dove c è la porta dati A basta usare il simbolo PORTA invece della espressione corrispondente; Es. PORTA = 0b ; //scrive 4 zeri e 4 uni nella porta di uscita A

13 Programmazione C Come deve essere impostato un programma per un microcontrollore? Deve essere gestito come un LOOP INFINITO à Es. Non c è uscita o ritorno dal programma: A chi dovrebbe ritornare il programma? E quando? à /* Esempio programma C */ #include <p18f452.h> #include <adc.h> void main(void) /* Inizializzazione dati e periferiche */ [ ] Ogni MCU ha il suo header file, poiché ha una diversa architettura interna! /* Loop principale */ while(1) [ ] Esistono header file anche per le periferiche più complesse

14 Esempio: Controllo di un semaforo pedonale Esempio di schematico Vdd PGC GND PGD VDD MCLR 5.6k Vdd 10k Vdd 10k 100nF 33pF 1k 1k 1k

15 Programmazione C Es. Controllo di un semaforo. à Supponiamo luci verde, gialla, rossa e pulsante collegate come in slide precedente #include <p18f452.h> #define VERDE PORTBbits.RB1 #define GIALLO PORTBbits.RB2 #define ROSSO PORTBbits.RB4 #define PULSANTE PORTBbits.RB5 extern void delay_ms(unsigned int millisec); void main(void) /* Inizializzazione *) TRISB = 0b ; // porta B tutta in output tranne //il bit 5 ROSSO = 0; GIALLO = 0; VERDE = 1; while(1) while (!PULSANTE) ; // il pulsante se premuto // manda a 1 il segnale // esterno ed esco dal loop GIALLO = 1; delay_ms(2000); VERDE = 0; GIALLO = 0; ROSSO = 1; delay_ms(30000); ROSSO = 0; VERDE = 1; Indica che l oggetto è definito in un altro modulo (già compilato) e che verrà agganciato nella fase di linking quando viene creato il file binario ( eseguibile )

16 PIC18 - Periferiche Porte I/O digitali: à Servono per Generare segnali digitali in uscita Leggere segnali digitali in ingresso à Registri di uscita (PORTx) collegati: al bus dati come periferiche (ogni reg. ha un suo indirizzo nello spazio di indirizzamento) ai pin del dispositivo in uscita à Registro di controllo (TRISx) Collegato al bus dati come periferica al suo spazio di indirizzamento à Registro di ingresso LAT o I/O pin

17 DATA BUS PIC18 - Periferiche Le porte di I/O sono raggruppate in registri a 8 bit, accessibili individualmente o in parallelo à PORTA, PORTB,, PORTE, etc. PORTB.RB0 PORTB.RB1 PORTB.RB7

18 Programmazione C Porte I/O Esempio: à /* 10MHz */ #include <p18f458.h> void MSDelay(unsigned int); void main(void) TRISB = 0x00; /* configura la porta B come 8 output */ while(1) /* loop infinito */ PORTB = 0b ; MSDelay(250); PORTB = 0b ; MSDelay(250); void MSDelay(unsigned int itime) unsigned int i; unsigned char j; for (i=0;i<itime;i++) for (j=0; j<165;j++); /* ritardo gestito contando le iterazioni comprese in 1 ms. */

19 PIC18 Convertitore A/D Periferica che converte grandezze analogiche (tensioni) in numeri binari

20 PIC18 Convertitore A/D Risoluzione: 10 bit 4-28 canali analogici Funzione di trasferimento Es. #define GODONE ADCON0bits.GO #define ADON ADCON0bits.ADON #define ADFM ADCON1bits.ADFM void ADC_Init(void) TRISA = 0b ; //1=input ADCON1 = 0b ; //1=digital //0=analog ADFM=1; //10 bit ADON=1; int ADC_Convert(void) GODONE=1; //faccio partire la //conversione e while(godone) //aspetto che //sia finita return (ADRESH<<8) ADRESL;

21 Scelta della frequenza di clock Diverse modalità 1. Quarzo esterno (quando è richiesta precisione o frequenza elevate) 2. Generatore di onda quadra esterno (es. quando lo stesso clock deve arrivare a più dispositivi) 3. Oscillatore con RC esterno (semplice ed economico ma non troppo preciso e stabile) 4. Oscillatore interno configurabile (non servono componenti esterni, ed è possibile solo un insieme limitato di frequenze)

22 Le interruzioni Un meccanismo molto potente nella programmazione dei microcontrollori è la gestione delle interruzioni (interrupt) à In risposta ad eventi esterni, il micro sospende l esecuzione del programma principale, esegue apposite routine di servizio, e poi ritorna all esecuzione principale à Es. Posso programmare una periferica Timer (contatori) per generare un interrupt ogni secondo. Il micro può ad es. avere un programma principale in cui legge dati continuamente da un sensore con l ADC e, ogni secondo grazie all interrupt, aggiornare un display con l indicazione dell ora.

23 Gestione delle interruzioni Al RESET il micro esegue l istruzione contenuta alla locazione 0000H (detta reset vector) Il RESET vector causa un salto all entry point main 0020H, il programma inizia ad essere eseguito Se durante l esecuzione si verifica un interrupt a bassa priorità il micro automaticamente salta all indirizzo 0018H ed esegue l istruzione ivi contenuta Un nuovo salto ci porta all indirizzo 0040H dove risiede la procedura di gestione degli interrupt Verificando i FLAG è possibile capire quale periferica ha fatto scattare l interruzione, per poi eseguire la routine corrispondente Terminata la routine di gestione il micro ritorna al punto del programma in cui era stato interrotto indirizzo 0000H 0008H 0018H 0020H 0040H memoria codice GOTO 0020H GOTO 0040H GOTO 0040H main: inizializzazioni; GIE=1; while (1) main loop; Check interrupt flag if TMRIF==1 Routine_Timer; if ADCIF==1; Routine_ADC; reset vector High priority int. vector Low priority int. vector main program start

24 Gestione delle interruzioni Esempio #include <p18c452.h> void main (void); void InterruptHandlerHigh (void); // Definisco l high priority interrupt vector #pragma code InterruptVectorHigh = 0x08 void InterruptVectorHigh (void) _asm goto InterruptHandlerHigh //jump to interrupt routine _endasm // Definisco la routine di servizio #pragma code #pragma interrupt InterruptHandlerHigh void InterruptHandlerHigh () if (INTCONbits.TMR0IF) //check for TMR0 overflow INTCONbits.TMR0IF = 0; //clear int.flag Flags.Bit.Timeout = 1; //indicate timeout LATBbits.LATB0 =!LATBbits.LATB0; //toggle LED on RB0 union struct unsigned Timeout:1; TMR0 timeout unsigned None:7; Bit; unsigned char Byte; Flags; // // Main routine //flag to indicate a Void main () // Inizializzazioni Flags.Byte = 0; INTCON = 0x20; //disable global and enable TMR0 interrupt INTCON2 = 0x84; //TMR0 high priority RCONbits.IPEN = 1; //enable priority levels TMR0H = 0; //clear timer TMR0L = 0; //clear timer T0CON = 0x82; //set up timer0 - prescaler 1:8 INTCONbits.GIEH = 1; //enable interrupts TRISB = 0; while (1) if (Flags.Bit.Timeout == 1) //timeout? Flags.Bit.Timeout = 0; //clear timeout indicor LATBbits.LATB7 = LATBbits.LATB0; //copy LED state from RB0 to RB7

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC 09-05-07 Introduzione ai microcontrollori PIC Daniele Beninato: Nicola Trivellin: beninato@dei.unipd.it trive1@tin.it Che cosa è un microcontrollore? Un microcontrollore è un sistema a microprocessore

Dettagli

Davide Gennaretti, Matteo Nicolini

Davide Gennaretti, Matteo Nicolini Seminario sui Microcontrollori Davide Gennaretti, Matteo Nicolini AA 2003-04 II Facoltà di Ingegneria Elettronica Cesena Cosa sono i microcontrollori? Piccoli computer concentrati in un chip Un Datapath

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI LUCIDI LEZIONI SISTEMI ELETTRONICI INDUSTRIALI www.dismi.unimo.it (People Associated Pavan ) www.microchip.com com (Datasheet PIC - DS30292) (Mid Range Family Manual DS33023) Università degli Studi di

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche:

I microcontrollori. In sostanza i pic hanno le seguenti caratteristiche: I microcontrollori Con il termine di microcontrollori si intende un sistema integrato simile ad un microprocessore ma contente su un unico chip oltre la CPU, anche la memoria RAM, memoria dati, memoria

Dettagli

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON Lezione 8 In questa puntata, ci dedicheremo all'impiego dei cosiddetti "interrupt", che tanto incutono temore ai più inesperti. Ma che cosa sono questi interrupt? Come abbiamo già visto, un programma non

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON...

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... A/D CON PIC 16F877 Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... 7 ESEMPIO 1... 7 ADCON1... 8 ADFM... 8 PGF3, PGF1 E PGF0... 9 ESEMPIO

Dettagli

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI 1 Microcontrollori? Molti prodotti utilizzati quotidianamente contengono più intelligenza di quanto ogni utente possa immaginare. Uno studio indica che ogni

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

MICROCONTROLLORE PIC16F84A

MICROCONTROLLORE PIC16F84A MICROCONTROLLORE PIC16F84A Il microcontrollore pic16f84a, a differenza di un computer normale e' dotato in un unico integrato di tutti gli elementi fondamentali di un computer, che sono la Cpu, unita'

Dettagli

Qualche informazione sul microcontrollore PIC

Qualche informazione sul microcontrollore PIC Qualche informazione sul microcontrollore PIC Il Web contiene un ampia quantità di informazioni sui microcontrollori e sulla famiglia PIC in particolare. Accanto ai siti dei produttori hardware e software

Dettagli

Che cos è la barriera luminosa?

Che cos è la barriera luminosa? BARRIERA LUMINOSA Che cos è la barriera luminosa? Pezzi da contare Diodo IR o Laser (emittente) Pezzi contati Direzione del nastro trasportatore FOTODIODO (ricevitore) Direzione del nastro trasportatore

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 18F2520

REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 18F2520 REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 8F252 Laboratorio di Strumentazione elettronica di misura 26 Toss Viviana Il programma realizzato permette di controllare la velocità di un motorino

Dettagli

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC-

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC- skills di Un micro FPGA che parte dall ABC Quando in molti progetti è necessario unire alla logica programmabile la funzionalità di un piccolo microprocessore le soluzioni semplici come il core ABC possono

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER Esempio di semplice lampeggiatore a LED 072805 Sistemi Elettronici Dicembre 2006 Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2006 1 OBBIETTIVI 1 Discutere delle metodologie di progetto e

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Categorie di sistemi Digitali

Categorie di sistemi Digitali Vivian Marco 3isc AS 2007/08 Categorie di sistemi Digitali A Logica cablata Il comportamento di questi sistemi è legato dalla loro struttura fisica. Se si desidera modificarne il comportamento è necessario

Dettagli

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF La tecnica DDS 32 Un generatore di toni DTMF standard con selezione a tastiera è presentato in quest articolo come applicazione della tecnica DDS (Direct Digital Synthesys), mediante un microprocessore.

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

I Microcontrollore PIC18FXX2. per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri computer. Essi,

I Microcontrollore PIC18FXX2. per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri computer. Essi, Descrizione dei microcontrollori I Microcontrollore PIC18FXX2 I microcontrollori sono dei dispositivi elettronici di piccole dimensioni che, per molti versi, possono essere assimilati a dei veri e propri

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Introduzione ai ai Microcontroller

Introduzione ai ai Microcontroller Corso di Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 26/04/2007 Introduzione ai ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti in tutto

Dettagli

Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma.

Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma. Linguaggio C Fondamenti. Struttura di un programma. 1 La storia del Linguaggio C La nascita del linguaggio C fu dovuta all esigenza di disporre di un Linguaggio ad alto livello adatto alla realizzazione

Dettagli

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software Progettazione e realizzazione di un trasmettitore infrarosso per ricevitori X-10 45 Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software 4.1 Introduzione Noto il protocollo Marmitek,

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876.

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. 111 Microcontrollori L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. In elettronica digitale il microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato

Dettagli

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC Capitolo 1 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC 1.1 Il BUS di espansione del PC 1.2 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC, con dispositivi non programmabili 1.3 Istruzioni per leggere

Dettagli

overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C POLITECNICO DI MILANO PROGRAMMAZIONE C PER MICROCONTROLLORI

overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C POLITECNICO DI MILANO PROGRAMMAZIONE C PER MICROCONTROLLORI PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C overview PROGETTAZIONE ELETTRONICA CON MICROCONTROLLORI E PROGRAMMAZIONE IN C 072805 Sistemi Elettronici 19 Dicembre 2006 Politecnico

Dettagli

Indirizzi e-mail a cui far pervenire osservazioni, critiche e suggerimenti atti a migliorare la guida. li.francesco@alice.it carmgigi@alice.

Indirizzi e-mail a cui far pervenire osservazioni, critiche e suggerimenti atti a migliorare la guida. li.francesco@alice.it carmgigi@alice. Indirizzi e-mail a cui far pervenire osservazioni, critiche e suggerimenti atti a migliorare la guida. li.francesco@alice.it carmgigi@alice.it GUIDA ALL USO E ALLA PROGRAMMAZIONE DI UN MICROCONTROLLORE

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Sistemi Elettronici integrati

Sistemi Elettronici integrati Università degli studi di Enna Facoltà di Ingegneria Telematica Laboratorio di Elettronica Sistemi Elettronici integrati salvatore.tirrito@unikore.it Motivazioni 2 Elettronica dilagante Crescita di esigenze

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione MPLAB - IDE Introduzione 1. Benvenuto in MPLAB 2. Creare un progetto 3. Creare un nuovo file assembler 4. Scrivere un programma 5. Toolbar icons 6. Simulatore MPSIM Introduzione MPLAB è un programma che

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

PROGRAMMA DI SISTEMI TERZA AET 2014/2015

PROGRAMMA DI SISTEMI TERZA AET 2014/2015 PROGRAMMA DI SISTEMI TERZA AET 2014/2015 Docente: Gamerra Giuseppe, Porta Giovanni Testo : manuali originali dello Z80, appunti in classe, dispense sulla intranet, simulatore OSHONSOFT A) Non sono state

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Corso di programmazione Arduino DI MALVEZZI DAVIDE

Corso di programmazione Arduino DI MALVEZZI DAVIDE Corso di programmazione Arduino DI MALVEZZI DAVIDE Argomenti Pin digitali e pin analogici Gestione di timer e bottoni Utilizzo della porta seriale Oggetto String Controllo di schermi LCD Utilizzo dell

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Architettura dei calcolatori Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

C:\ProgrammiC\Dino18\dino.c

C:\ProgrammiC\Dino18\dino.c 1 /* ////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// 2 ** File: Dino.c 3 */ 4 #define Ver "Dino 18 ver 2.51\r by Guiott" 5 /* Autore: Guido Ottaviani-->g.ottaviani@mediaprogetti.it

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4)

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4) Esercizio 1 (20%) Si assuma di avere una macchina con 10 registri ufficiali (da R0 a R9) e sufficienti registri segreti in grado di avviare 2 istruzioni per ciclo di clock. Tale macchina richiede 2 cicli

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Capitolo 3. Il microcontrollore PIC16F877: architettura e periferiche utilizzate

Capitolo 3. Il microcontrollore PIC16F877: architettura e periferiche utilizzate Capitolo 3 Il microcontrollore PIC16F877: architettura e periferiche utilizzate 40 3.1 Architettura Il microcontrollore PIC16F877 può presentare diversi tipi di contenitori: PDIP, PLCC, QFP. La scelta

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED ROUND ROBIN ROUND ROBIN CON INTERRUPT FUNCTION QUEUE SCHEDULING REAL TIME OPERATING SYSTEMS (RTOS) INTERRUPT PROGRAMMATI: TIMER INTRODUZIONE 2 In relazione

Dettagli

Il microcontrollore Microchip pic18f2420

Il microcontrollore Microchip pic18f2420 Il microcontrollore Microchip pic18f2420 Il testo non sostituisce in alcun modo il manuale del microcontrollore, DS39631E.pdf (412 pagine!!), a cui si fa riferimento. Il pic18f2420 fa parte di una famiglia

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Introduzione al PICmicro 16F877 PIC16F877

Introduzione al PICmicro 16F877 PIC16F877 Introduzione al PICmicro 16F877 I PICmicro (o più brevemente PIC) sono circuiti integrati prodotti dalla Microchip Technology Inc. che implementano microcontrollori (µc), cioè dei componenti che integrano

Dettagli

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 per microcontrollori PIC16F84 - PIC16F876 o MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 2 Il sistema MC-16 contiene: Scheda di sviluppo a microcontrollore con PIC16F84 e PIC16F876. Unità di programmazione

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

luciano trapa I MICROCONTROLLORI (µc o MCU o microcomputer single chip) ED IL PIC 16 F 877 A

luciano trapa I MICROCONTROLLORI (µc o MCU o microcomputer single chip) ED IL PIC 16 F 877 A 1 luciano trapa I MICROCONTROLLORI (µc o MCU o microcomputer single chip) ED IL PIC 16 F 877 A 2 MICROCONTROLLORE o MCU (Micro Controller Unit) o MICROCOMPUTER SINGLE CHIP 3 PREMESSA Dopo un prima parte

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

PIC E DISPLAY A 7 SEGMENTI CON

PIC E DISPLAY A 7 SEGMENTI CON Steve Blackbird (TardoFreak) PIC E DISPLAY A 7 SEGMENTI CON MULTIPLEXING 12 September 2010 Display a 7 segmenti I display a LED a 7 segmenti fecero apparizione più di 30 anni fa nelle prime calcolatrici

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

Corso Base Arduino ed Elettronica

Corso Base Arduino ed Elettronica Corso Base Arduino ed Elettronica Secondo incontro Saldatura e Relatore: Roberto Beligni rbeligni@altratecnoloiga.com L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo di Arduino (Chiamato IDE) facilita la

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job.

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job. Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 4 Cosa è un processo e come viene gestito dal SO 1 e job 2 Il blocco di controllo Sistemi operativi 3 Struttura di un file eseguibile 4 La schedulazione dei

Dettagli

Il microprocessore 8086

Il microprocessore 8086 1 Il microprocessore 8086 LA CPU 8086 Il microprocessore 8086 fa parte della famiglia 80xxx della INTEL. Il capostipite di questa famiglia è stato l 8080, un microprocessore ad 8 bit che ha riscosso un

Dettagli

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino)

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Un microcontrollore normalmente esegue le istruzioni nella sequenza definita in fase di programmazione (fig. 1). Comunque, il

Dettagli

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Indice: pag. Introduzione 2 Descrizione 3 Alimentazione 3 Sensori IR OMRON e adattamento del segnale 4 Fotodiodi IR, trattazione del segnale, comparazione e stadio

Dettagli

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI Circuito di Test Nello schema elettrico di figura A è rappresentato un circuito, realizzabile anche senza l ausilio di un circuito stampato, che consente di testare

Dettagli

Introduzione. Laboratorio di Calcolo Corso di Laurea in Fisica. Università degli Studi di Roma La Sapienza

Introduzione. Laboratorio di Calcolo Corso di Laurea in Fisica. Università degli Studi di Roma La Sapienza Introduzione Laboratorio di Calcolo Corso di Laurea in Fisica Università degli Studi di Roma La Sapienza WARNING Questo canale è solo per studenti di Fisica il cui cognome inizia con le lettere A-D Laboratorio

Dettagli

INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Processori per sistemi di controllo

INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Processori per sistemi di controllo INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Processori per sistemi di controllo Prof. Carlo Rossi DEIS - Università di Bologna Tel: 051 2093020 email: crossi@deis.unibo.it Classificazione Processori

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Hardware di un Computer

Hardware di un Computer Hardware di un Computer Monitor Mouse Tastiera Printer Disk CPU Graphics Adapter USB Controller Parallel Port Disk Controller BUS Memoria RAM Memoria ROM (BIOS) DMA CPU esegue istruzioni, effettua calcoli,

Dettagli

Il µcontrollore PIC 16F84

Il µcontrollore PIC 16F84 Il µcontrollore PIC 16F84 Microchip Tecnology D. Ch. 1 Il grande successo dei microcontrollori ha indotto tutte le grandi case costrutrici di semiconduttori come la Intel, la Philips Semiconductors, la

Dettagli